TESTAMENTO BIOLOGICO, Riflessioni di dieci giuristi

annuncio pubblicitario
Fondazione Umberto Veronesi
TESTAMENTO BIOLOGICO, Riflessioni di dieci giuristi
Il Sole 24 Ore
Il tema della morte è molto impopolare per chiunque lo tratti. Può essere lacerante per la
sensibilità di molti perché è difficile accettare che si spenga la vita che amiamo più di ogni
cosa e che rappresenta il nostro bene supremo. Nonostante ciò, non c’è argomento che
ci riguardi tutti indistintamente più da vicino e per questo motivo è necessario affrontarlo.
Il professor Veronesi fornisce la sua visione della morte: è la norma della vita, la naturale
conclusione di ogni processo vitale, una fase del grande disegno biologico a cui
apparteniamo. E per questo pensa che anche il morire faccia parte di un corpus
fondamentale di diritti individuali: diritto di formarsi o non formarsi una famiglia, diritto alle
cure mediche, diritto alla giustizia uguale per tutti, diritto all’istruzione, al lavoro, alla
procreazione responsabile e all’esercizio di voto. E, se come dice Luca Goldoni, noi
vogliamo avere il diritto di andarcene appena viene il buio “decidendolo ora, quando la
luce è ancora accesa”, l’unico modo è esprimere pubblicamente questo desiderio. Questo
è il principio fondante della “volontà anticipata”, chiamata anche “biocard”, “testamento
biologico”, “carta di autodeterminazione” e nei Paesi anglosassoni, con la definizione più
forte, living will. In Italia il testamento biologico non ha valore giuridico come espressione
di volontà ed è preso in considerazione solo attraverso un passaggio che è anche
deontologico, vale a dire se i medici curanti ravvisano nelle terapie che dovrebbero
essere praticate il carattere di “cure inappropriate”, in quanto il malato non può
clinicamente guarire. Viene introdotto quindi un criterio discrezionale - la decisione di
sospendere le cure può cambiare da medico a medico – e quindi si avverte l’esigenza di
una legge che tuteli l’inalienabile diritto del malato a decidere come morire. Il testamento
biologico è volto a colmare, sia pure in modo parziale, la frattura che la sopravvenuta
incapacità dell’individuo determina nel rapporto con il sanitario e sancisce la progressiva
valorizzazione del consenso informato. La prefazione del professor Veronesi e le
riflessioni di dieci grandi giuristi sottolineano l’importanza dell’autonomia decisionale del
paziente, confermando come nel testamento biologico la vera posta in gioco non sia la
legalizzazione dell’eutanasia e come sia fondamentale il rispetto della vita umana come
bene indisponibile.
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard