Scuola: Brunetta, non ci sono 200mila

annuncio pubblicitario
Scuola: Brunetta, non ci sono 200mila
precari, risultato assenteismo
Frascati (Roma), 8 set. - (Adnkronos) - "Non sono 200mila, non sono precari ed e' troppo
comodo leggere i titoli dei giornali e su quelli imbastire un discorso". Lo afferma il ministro
della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, da Frascati nell'ambito della 'Summer
School 2010' organizzata dalla fondazione Magna Charta. "Abbiamo un corpo insegnante
forse tra i piu' pletorici generosi dei paesi industrializzati -afferma il ministro- le
performance della scuola non sono le migliori, il livello di apprendimento dei nostri scolari
non e' paragonabile a quello degli altri paesi. Il sistema costa tanto e rende poco. Non e'
neanche vero che gli insegnanti sono pagati poco, perche' in altri paesi guadagnano di piu'
perche' lavorano di piu'".
Precari e stipendi docenti: dichiarazioni
Brunetta fantasiose e offensive
Replica del coordinatore nazionale al titolare della Funzione pubblica
mercoledì 8 settembre 2010
"Prima di dare i numeri del lotto, il ministro Brunetta farebbe bene a
informarsi: i precari della scuola ai quali l´anno scorso è stata assegnata una
cattedra per tutto l´anno scolastico sono 130mila".
È quanto afferma il coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti,Rino Di
Meglio, replicando alle dichiarazioni del titolare della Funzione pubblica che oggi a Frascati
ha partecipato al "Summer School 2010" promosso dalla fondazione Magna Charta.
"Se in Italia i concorsi non sono stati banditi - aggiunge il coordinatore nazionale - la
responsabilità è dei governi di vario colore politico che si sono succeduti per 15
anni".
Di Meglio, inoltre, definisce "del tutto fantasiose e offensive" le parole di Brunetta in
merito alle retribuzioni dei docenti:
"I dati Ocse parlano chiaro: i docenti italiani sono pagati meno anche dopo
aver raggiunto l´anzianità di servizio. Un maestro di scuola elementare che
inizia con 26 mila dollari non supererà i 38 mila (media Ocse 48 mila), un
professore di scuola media parte da 28mila per arrivare a un massimo di
42mila (51mila Ocse), mentre un docente di liceo a fine carriera arriva a
44mila (55mila Ocse). E anche sul fronte degli investimenti - ricorda Di Meglio l´Italia è agli ultimi posti, con una spesa pari ad appena il 4,5% del Pil, contro
una media europea del 5,7%. Dietro di noi, tra i paesi industrializzati, c´è
soltanto la Slovacchia. Persino il Brasile, con il 5,2% e l´Estonia con il 5%,
spendono di più. E non crediamo affatto che i nostri docenti siano i peggiori in
Europa".
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

creare flashcard