LA TIMIDEZZA - Diego De Luca, psicologo psicoterapeuta a

annuncio pubblicitario
LA TIMIDEZZA
Il termine timidezza in generale viene utilizzato per indicare tutte quelle forme di imbarazzo che si
possono avvertire in presenza degli altri. A tutt’oggi non esiste una definizione univoca e scientifica
di tale parola; in modo più specifico però si parla di timidezza quando si presenta una tendenza
spiccata a mantenersi in ombra e ad evitare di prendere l’iniziativa in qualsiasi tipo di
situazione sociale e relazionale, si tratta di un impaccio nelle interazioni, nonostante ci sia il
desiderio relativo di affrontare certe relazioni.
Anche se non si tratta di una malattia, la timidezza è un disturbo che può creare un disagio notevole
che nei casi più gravi può portare a delle complicazioni psicologiche, quali la depressione, tendenza
all’isolamento sociale, mancanza di progettualità e di crescita individuale.
Come si manifesta la timidezza
Le manifestazioni fisiologiche che caratterizzano il timido: disturbi della secrezione (traspirazione,
soprattutto delle estremità, mancanza di saliva; deglutizione anormale); dilatazione dei vasi
periferici: il rossore al viso; costrizione dei vasi periferici: il pallore del volto; disturbi della parola e
della respirazione: contrazioni del torace, corde vocali rigide che implicano parola strozzata, respiro
corto, balbuzie, respirazione aritmica, cambiamento di voce che talvolta è molto bassa ed
incomprensibile; rigidezza muscolare: incapacità di coordinare volontariamente i movimenti,
esitazione, movimenti involontari, facilità ad inciampare, a rompere oggetti, mancanza di equilibrio;
tremolio alle dita; contrazioni cardiache: sensazioni che il cuore stia per cedere; spossamento,
sudore, stato di passività una volta terminata la crisi di timidezza.
TIPI DI TIMIDEZZA

Timidezza d’azione: è la paura di disturbare l’altro. I timidi di azione non vorrebbero
contraddire gli altri per nessun motivo; non vorrebbero mai trovarsi a dover prendere
un’iniziativa che potrebbe metterli a rischio di tradire un disaccordo da parte loro. A proprio
agio in pubblico, non si oppongono mai. Rifiutano le discussioni, evitano di porre domande
precise durante le conversazioni. La paura del conflitto riflette il timore di essere poco
stimati.

Timidezza di prestazione: è l’impressione ossessiva e paralizzante che gli altri siano lì per
giudicarci. L’esposizione di fronte ad un gruppo di persone, la lettura di un testo in pubblico
sono situazioni che mettono alla prova. Questa forma di timidezza inizia a manifestarsi sui
banchi di scuola, con la paura di fare domande in classe.

Timidezza della rivelazione di sé: in questo caso la paura riguarda il territorio del
personale. I timidi della “rivelazione di sé” sono a proprio agio con le conversazioni
quotidiane, ma si bloccano quando si sfiora la loro vita personale. Li si conosce da anni, e ci
si rende conto tutto d’un tratto di non sapere nulla di loro.
CAUSE DELLA TIMIDEZZA
Sembra dimostrato che i fattori ereditari esercitino un ruolo primario nello stabilire gli aspetti
strutturali della personalità; l’ambiente poi gioca un ruolo altrettanto fondamentale nel cristallizzare
certe predisposizioni biologiche. Molti bambini, nati timidi, possono dunque riuscire a superare i
loro problemi d’inibizione, mentre altri possono rimanere timidi per tutta la vita, a causa delle
influenze subite dall’ambiente.
Modelli psicologici
Le radici psicologiche della timidezza sono sicuramente da ricercarsi nell’ambiente familiare e nelle
prime relazioni con le figure genitoriali. Una famiglia blindata, poco numerosa e con pochi contatti
sociali, dove anche i genitori hanno atteggiamenti timidi e riservati verso gli altri, dove si parla
poco, non ci si scambiano manifestazioni d’affetto, non si esprimono le emozioni, se il dovere conta
sempre e comunque più del piacere, questo permetterà alla timidezza di trovare maggiore spazio nel
comportamento del bambino. E’ abbastanza normale che il bambino sviluppi comportamenti
caratterizzati dall’inibizione, con uno stile di vita molto riservato, assenza di iniziative, scarsa
propensione al rischio e alla competizione. Dalla famiglia di origine possono venire, oltre che
modelli di comportamento inadeguati, anche atteggiamenti educativi sbagliati, come l’essere molto
critici nei confronti dei figli: questo atteggiamento rende i figli timorosi di esprimersi, per la paura
di sbagliare, di essere osservati, di essere giudicati dagli altri e criticati. Quindi alla base ci possono
essere eccessive ansie, critiche, rimproveri o anche il troppo amore, cioè una forma di iperprotezione che non permette di relazionarsi con il mondo.
La timidezza ha come elemento principale l’inibizione, una forma di irrigidimento comportamentale
che portano come conseguenza l’evitamento; alla base di questo atteggiamento è presente una bassa
autostima da ricostruire al più presto per contrastare la paura di essere sempre giudicato
negativamente.
Come si supera la timidezza
Una volta scoperta l’origine e la causa che rende timidi si può lavorare per vincere la timidezza e
riscoprirsi più sicuri di sé. In primis bisogna riconoscere di essere timidi ed insicuri senza
nascondersi dietro l’evidenza, anche perché la diagnosi non è di un male incurabile, ma di qualcosa
di cui, accertandone l’esistenza, si è già fatto il primo passo per la cura. Occorre aumentare
l’autostima, aumentare le capacità comunicative e superare la paura di sbagliare e dell’ignoto.
Sarà necessario strutturare un percorso di superamento graduale delle timidezze partendo da quelle
più alla portata della persona per poi giungere a quelle più difficili.
La costanza è la chiave per vincere la timidezza e non abbiate timore di affrontare la vita e i
rapporti interpersonali, pensate che “ la timidezza è la voce di una ricchezza interiore da accogliere
e sfruttare”.
Dott. Diego De Luca
Psicologo, psicoterapeuta
Pablo Neruda: la timidezza
Appena seppi, solamente, che esistevo e che avrei potuto essere, continuare, ebbi paura di ciò, della vita.
Desiderai che non mi vedessero Che non si conoscesse la mia presenza.
Divenni magro, pallido, assente, non volli parlare perché non potessero riconoscere la mia voce non volli vedere
perché non mi vedessero. Camminando, mi strinsi contro il muro come un’ombra che scivola via.
Mi sarei vestito di tegole rosse, di fumo Per restare li ma invisibile Essere presente in tutto, ma lungi
conservare la mia identità oscura legata al ritmo della primavera
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard