Intervento di Francesco Saverio Mennini

annuncio pubblicitario
"Impatto economico e sociale e superamento di un
approccio per compartimenti stagni della spesa pubblica”
Costi Indiretti e Loro Importanza in Italia
Prof. FS Mennini
CEIS, Economic Evaluation and HTA (EEHTA), Facoltà di Economia
Università degli studi di Roma «Tor Vergata»
ISPOR Italy Chapter, Rome
Kingston University, London, UK
1
Salute e Benessere
Economia
Produzione e Consumo
“Health is important for the wellbeing of
individuals and society, but a healthy
population is also a prerequisite for economic
1
productivity and prosperity” [ ].
Salute
Assistenza Sanitaria
Tecnologie Sanitarie
1
[ ] Together for Health: A Strategic Approach for the EU 2008-2013, Brussels, 23.10.2007, COM(2007),
http://ec.europa.eu/health-eu/doc/whitepaper_en.pdf (accessed 8 October 2011)
I Costi Sociali delle Malattie
Muscoloscheletriche
3
Fit for Work Italia
• Spesa Sanitaria
• Spesa Sociale
• Spesa Previdenziale
Tutte le categorie lavorative inscritte all’INPS hanno diritto, dopo
cinque anni di contribuzione effettiva, a poter usufruire del beneficio
economico di assegno ordinario di invalidità o della pensione di
inabilità.
I criteri normativi con i quali stabilire la valutazione medico-legale e quindi la
concessione amministrativa dell’assegno ordinario di invalidità o la pensione di
inabilità sono, per tutti, quelli dettati dalla Legge n.222/84 : legge a TUTELA DELLA
INVALIDITA’ IN AMBITO INPS.
Con Legge n. 132 del 3 agosto 2009 art.20 il legislatore ha introdotto importanti
innovazioni nel riconoscimento della invalidità civile, sordità cecità handicap a
decorrere dal 1 gennaio 2010 assegnando all’ Istituto la gestione ammnistrativa,
accertativa e definitoria della invalidità civile
Il numero di lavoratori iscritti alle gestioni dell’Inps sono il 75%
circa dei lavoratori italiani - privati ed autonomi 18,9 milioni al
31/12/2012 su una popolazione in Italia di60,9 milioni
(Censimento ISTAT 2013) .
Dal 1996 l’Istituto ha iniziato ad assicurare un’altra vasta
categoria lavorativa, i cosiddetti parasubordinati e i lavoratori
previsti dalla Legge Biagi.
Dal 2011 i dipendenti INPDAP e ENPALS.
Ciò permette di creare un vero e proprio osservatorio
epidemiologico nazionale delle invalidità. Saranno dati a
disposizione di tutti e su cui il governo potrà basarsi per
elaborare piani di studio, risanamento del welfare economico e
la tutela del lavoro.
Prestazioni erogate dall’INPS
(prevalenza)
Assegno di invalidità - prestazioni erogate nel 2001-2012. Valori assoluti.
M. DEL SISTEMA CIRCOLATORIO
318.563
NEOPLASIE
316.706
M. DELLE OSSA E DEGLI ORGANI DI LOCOMOZIONE
165.609
TURBE MENTALI, PSICONEVROSI
125.164
M. DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE
116.026
M. DELLE GHIA. ENDO., DEL META.
69.795
M. DELL'APPARATO DIGERENTE
50.144
M. DELL'APPARATO RESPIRATORIO
34.153
ALTRI TIPI DI MALATTIA
28.682
ACCIDENTI, AVVELENAMENTI, TRAUMATISMI
28.584
M. DELL'APPARATO GENITO-URINARIO
26.680
M. INFETTIVE E PARASSITARIE
21.669
M. DEGLI ORGANI DEI SENSI
21.500
M. DEL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO
20.631
MALFORMAZIONI CONGENITE
7.140
M. DEL SANGUE
5.762
M. DELLA PELLE
5.640
M. ALLERGICHE
2.482
TBC
2.388
NESSUNA PATOLOGIA
4
0
50.000
100.000
150.000
200.000
250.000
300.000
350.000
Indennità di accompagnamento- prestazioni erogate nel 2001-2012. Valori
percentuali sul totale erogate.
NEOPLASIE
48,4%
M. DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE
17,1%
TURBE MENTALI, PSICONEVROSI
6,0%
M. DEL SISTEMA CIRCOLATORIO
5,2%
ACCIDENTI, AVVELENAMENTI, TRAUMATISMI
3,5%
M. DELL'APPARATO DIGERENTE
3,3%
M. DEL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO
3,3%
M. DELLE OSSA E DEGLI ORGANI DI LOCOMOZIONE
2,8%
M. DELLE GHIA. ENDO., DEL META.
2,2%
M. DEGLI ORGANI DEI SENSI
1,9%
M. DELL'APPARATO RESPIRATORIO
1,6%
M. DELL'APPARATO GENITO-URINARIO
1,5%
M. INFETTIVE E PARASSITARIE
1,2%
ALTRI TIPI DI MALATTIA
0,7%
TBC
0,6%
MALFORMAZIONI CONGENITE
0,4%
M. DELLA PELLE
0,2%
M. DEL SANGUE
0,1%
M. ALLERGICHE
0,0%
NESSUNA PATOLOGIA
0,0%
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
Totale prestazioni erogate per gruppi di patologie dal 2001 al 2012.
Valori Percentuali.
NEOPLASIE
25,3%
M. DEL SISTEMA CIRCOLATORIO
20,8%
TURBE MENTALI, PSICONEVROSI
11,3%
M. OSSA E ORGANI LOCOM.
10,7%
M. DEL SISTEMA NERV. CENTR.
9,2%
M. GHIANDOLE ENDOCR., METABOL.
4,7%
M. DELL'APPARATO DIGERENTE
3,6%
M. DELL'APPARATO RESPIRAT.
2,3%
ACCIDENTI, AVVELENAM., TRAUMATISMI
2,1%
M. APPARATO GENITO-URINARIO
1,9%
ALTRI TIPI DI MALATTIA
1,8%
M. DEL SISTEMA NERV. PERIF.
1,6%
M. INFETTIVE
1,6%
M. DEGLI ORGANI DEI SENSI
1,5%
MALFORMAZIONI CONGENITE
0,5%
M. SANGUE E DEL SIST. IMM.
0,4%
M. DELLA PELLE
0,4%
TBC
0,2%
M. ALLERGICHE
0,2%
0%
5%
10%
15%
20%
25%
30%
Assegno di invalidità - prestazioni erogate nel 2001-2012. Valori assoluti.
M. DEL SISTEMA CIRCOLATORIO
318.563
NEOPLASIE
316.706
M. DELLE OSSA E DEGLI ORGANI DI LOCOMOZIONE
165.609
TURBE MENTALI, PSICONEVROSI
125.164
M. DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE
116.026
M. DELLE GHIA. ENDO., DEL META.
69.795
M. DELL'APPARATO DIGERENTE
50.144
M. DELL'APPARATO RESPIRATORIO
34.153
ALTRI TIPI DI MALATTIA
28.682
ACCIDENTI, AVVELENAMENTI, TRAUMATISMI
28.584
M. DELL'APPARATO GENITO-URINARIO
26.680
M. INFETTIVE E PARASSITARIE
21.669
M. DEGLI ORGANI DEI SENSI
21.500
M. DEL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO
20.631
MALFORMAZIONI CONGENITE
7.140
M. DEL SANGUE
5.762
M. DELLA PELLE
5.640
M. ALLERGICHE
2.482
TBC
2.388
NESSUNA PATOLOGIA
4
0
50.000
100.000
150.000
200.000
250.000
300.000
350.000
Assegni di invalidità:
Dalla prima parte dell’analisi dei dati emerge come negli ultimi dieci
anni circa il 10% del totale delle nuove prestazioni
erogate dall’INPS è riconducibile a domande accolte per
assegni di invalidità per le patologie muscolo-scheletriche.
Ancora più significativi i dati relativi alla valorizzazione economica di
queste prestazioni: dai € 94 milioni spesi nel 2009, l’onere
economico a carico dell’INPS è cresciuto di circa il 10%,
raggiungendo i € 104 milioni nel 2012.
Fonte: elaborazione CEIS EEHTA su dati INPS
Si evidenzia un tracciato esponenziale, elemento di
ulteriore aggravio per la sostenibilità del sistema e
la relativa gestione della patologia.
Un sistema che non garantisce un accesso precoce
alle cure, dissipa le risorse della collettività e anni di
qualità della vita dei pazienti.
Popolazione in età lavorativa:
si evidenzia una prevalenza molto accentuata della categoria di
persone in età lavorativa (21-60) con un valore medio pari a 10.421
prestazioni erogate tra il 2001 ed il 2012, corrispondente al 75% del
totale degli assegni medi erogati.
Costi Indiretti
valorizzazione della Perdita di Produttività.
Principali risultati:
-numero totale di giornate perse di lavoro pari a 22.500.000 (in linea con
quanto evidenziato dallo studio dell’Osservatorio Sanità e Salute)
-perdita di produttività di € 2.842.440.517.
All’interno delle patologie considerate, l’Artrite Reumatoide risulta
essere quella caratterizzata dal maggior numero di giornate perse di
lavoro (9.066.503) e dal conseguente maggior impatto in termini di
perdita di produttività (€ 1.145.377.593).
Andamento della spesa totale per pensioni di inabilità e assegni di invalidità
per malattie delle ossa e degli organi di locomozione dal 2009 al 2012.
€ 108.000.000
€ 106.000.000
€ 104.000.000
€ 102.000.000
€ 100.000.000
€ 98.000.000
€ 96.000.000
€ 94.000.000
€ 92.000.000
€ 90.000.000
2009
2010
2011
2012
Andamento della spesa totale per pensioni di inabilità e assegni di invalidità
per tre patologie muscolo-scheletriche e totale delle tre patologie dal 2009 al
2012.
€ 14.000.000
€ 12.000.000
€ 10.000.000
€ 8.000.000
Artrite reumatoide
Spondilite anchilosante
Artrite psoriasica
€ 6.000.000
Subtotale
€ 4.000.000
€ 2.000.000
€0
2009
2010
2011
2012
rimangono escluse dal conteggio le spese afferenti al settore
assistenziale (es. pensioni e indennità riferibili all’invalidità civile) e
le spese temporanee (trattamenti di malattia) solo recentemente
telematizzate e ancora soggette a problemi di codifica nosologica,
nonché i costi di competenza INAIL e tutti quei costi, a carico delle
imprese, relativi alle assenze per malattia ma anche e soprattutto
le perdite di produttività riconducibili al fenomeno del
presenteismo.
……..cosa fare
- Stima della perdita di produttività (accordo CEIS EEHTA ed INPS)
- Spesa Sanitaria e Spesa Previdenziale
- Inserire codice patologia nei certificati di malattia
- Telematizzazione flusso procedurale INPS (accertamenti e
tracciabilità)
- Fit for Work EU
Early Intervention Clinic
Esperienza Spagnola

Cos’è: È un programma di cura innovativo caratterizzato da una rapida diagnosi e
valutazione da parte degli specialisti;

Obiettivo: Valutare se un programma di intervento, integrato con il servizio
sanitario, potrebbe ridurre l’impatto di una recente insorgenza di disabilità causata
da malattia muscolo-scheletrica correlata a temporary work disability;

Risultati: Riduzione sia dell’assenza di malattia sia della perdita permanente del
lavoro relativamente alla Malattie Muscolo Scheletriche dal 39% al 50%.
Dimostrando di recuperare quasi 11€ per 1 € investito nel programma;

Metodo: Attraverso la rilevazione di due outcomes primari: 1) giorni di temporary
work disability; 2) numero di pazienti con permanent work disability in due anni;

Valutazioni economiche e gradimento del paziente;
Early Intervention Clinic
Benefici per il paziente
 Riduzione dei tempi di diagnosi;
 miglioramento dei risultati del trattamento e del recupero dei
pazienti;
 incrementa le possibilità dei pazienti alla partecipazione al
mercato del lavoro;
 permette di ottenere risparmi importanti per il sistema
sanitario e di tutela sociale;
La maggior parte dei pazienti sono tornati al lavoro entro i primi 2 mesi
Disabilità più breve nel gruppo di intervento
vs. gruppo di controllo in tutti i distretti
Il programma ha avuto un effetto positivo anche sulla
disabilità permanente da lavoro
I costi diretti e indiretti sono significativamente più bassi nel
gruppo di intervento, con risparmi che vanno dal 58% al 88%
a seconda del tipo di costo e di distretto
Analisi di fattibilità
Return to Work Clinic (RtWC), in collegamento con la MMG
espressamente finalizzato alla riduzione del numero di giornate
lavorative perse e al controllo dell’invalidatà lavorativa.
Sviluppare un modello di
 Fase 1: disegnare un Percorso per pazienti lavoratori con disabilità reumatica
temporanea entro 2 gg dalla visita dal MMG, con presa in carico globale da parte del
centro reumatologico dotato di Return to Work Clinic (RtWC);
 Fase 2: implementazione di un progetto pilota, (valutare se un studio caso-controllo)
per la valutazione degli outcomes clinici, economici e sociali;
 Fase 3: proposta di incentivi per le strutture in funzione della capacità di mantenere
la capacità lavorativa dei pazienti
Discussion on ...
Contestualizzare e rendere reale l’idea di Return to Work Clinic:
1)
2)
3)
4)
5)
Valutare lo stato dell’arte della realtà dell’assistenza territoriale ed
ospedaliera vs. implementazione di Return to Work Clinic;
Valutare lo stato dell’arte della realtà reumatologica e dei MMG;
Obbligo codice nosologico indicato da parte dei MMG;
Valutare dati già disponibili nei database dell’INPS/INAIL per confrontare
storico delle malattie reumatiche vs approccio RtWC;
....
Francesco Saverio Mennini
[email protected]
_______________________________________
Prof. Francesco Saverio Mennini
Research Director
CEIS – Economic Evaluation and HTA (EEHTA)
Faculty of Economics and Faculty of Science -University of Rome "Tor Vergata”
President – ISPOR Italy Chapter, Rome
Faculty of Statistics, University of Rome La Sapienza
Kingston University, London, UK
Via Columbia 2
00198 Rome - Italy
tel: +39 06 72595642
pers. ph.: +39 333 4991647
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

biologia

5 Carte patty28

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard