Clicca per leggere l`articolo

annuncio pubblicitario
Chi conosce la vicenda specifica del Nazareno sa che la gesuologia è componente irrinunciabile
della cristologia perché il vero Gesù della storia coincide con il vero Cristo della fede. Questa
acquisizione non ha una natura esclusivamente metodologica ed epistemologica, ma ha anche una
natura rivelativa ed ermeneutica, nel senso che è la stessa auto-comunicazione personale del Dio
tiranno in Gesù di Nazareth che porta dalla storia alla fede e dalla fede alla storia, passata e futura.
Ebbene, una proposta, un po’ originale, di “ripensare il Cristo” è offerta da Pietro magno il quale,
attraverso un serrato rapporto tra la ragione e la fede, dimostra che pure la filosofia aperta alla
trascendenza ha un posto rilevante nell’indagine della plausibilità ragionevole delle dinamiche
soprannaturali della vita di Gesù di Nazareth. Lontano da ogni seduzione neofideistica e
neorazionalista, l’A., grazie anche alle sue non comuni competenze in campo filologico e
antichistico, dispiega questa sua nuova opera in sette capitoli che toccano i tratti salienti
dell’esistenza teandrica del Risorto: esistenza che viene focalizzata attorno al mistero pasquale e
alle sue implicazioni antropologiche e teologiche. La consequenzialità dell’effetto storico del
cristianesimo rispetto alla sua causa (che è il Cristo) giustifica, per l’A., l’esistenza di un nuovo
pensiero umano, capace, nella fede, di pensare come pensa Dio. (T. Turi)
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard