Fichte I discorsi alla nazione tedesca I discorsi di fichte, che sono

annuncio pubblicitario
Fichte
I discorsi alla nazione tedesca
I discorsi di fichte, che sono nel 1807, sono una presa di coscienza della situazione storica a lui
contemporanea che tentano di sviluppare negli uomini il sentimento patriottico (fichte crede nella
rinascita nazionale tedesca contro l’umiliazione francese attuata da napoleone).
I discorsi di fichte verranno riadattati poi successivamente durante il ventesimo secolo dal nazismo.
Il pensiero politico
Il pensiero politico di fichte ha un evoluzione interna che parte da una concezione di uno stato
giusnaturalista, cosmopolitista di origine illuministica per poi arrivare ad una concezione totalmente
opposta, quella che troviamo poi nei discorsi, cioè di uno stato che prevede statalismo,
nazionalismo e organicismo. Questa evoluzione avviene attraverso 3 fasi:
1) il pensiero politico dei primi anni lo troviamo nelle sue prime opere (dottrina della scienza,
rivendicazione della liberta), dove il punto fondamentale è il concetto di giusnaturalismo, cioe
secondo fichte lo stato politico nasce da un contratto libero stipulato dagli uomini che decidono di
unirsi per tutelarsi, e all’interno di questa dottrina fichte considera lo stato come uno strumento per
la creazione di una società perfetta, cioè lo stato è una forma di passaggio per arrivare alla piena
attuazione della legge morale, cioè quando gli uomini non hanno piu bisogno dello stato per
tutelarsi; ma in realtà questa forma di perfezione morale l’uomo non la raggiungerà mai altrimenti
diverrebbe dio. Quindi lo stato è una forma di convivenza necessaria che ha come fine la perfezione
morale
2) le dottrine politiche della seconda fase vengono raccolte nell’opera “la fondazione del diritto
naturale”. In quest’opera fichte abbandona il giusnaturalismo e si inizia a delineare l’idea di uno
stato visto come un unità organica dove il singolo uomo è solo una sua parte. In questa nuova
prospettiva per fichte lo stato non sarà piu un semplice aggregato di individui, ma c’è un totale
spostamento dall’individuo allo stato.
3) il pensiero politico di fichte della terza fase è raccolto nell’opera “lo stato commerciale” dove la
concezione statalista e organicista, accennati nella seconda fase, vengono ulteriormente rafforzati.
Infatti in questa terza fase lo stato non solo ha una funzione giuridica e civile, ma ha anche una
funzione economica. La svolta di questa terza fase è dovuta a motivi politici e teoretici. Il motivo
politico fondamentale è il problema dei confini territoriali, nel senso che uno stato organicista e
statalista, nel periodo politico fichtiano (di instabilità internazionali), serviva ad assicurare i limiti
territoriali. Il motivo teoretico consiste nel fatto che la filosofia fichtiana era arrivata ad un punto
tale che non vedeva piu la scissione tra io e non io ma una riconciliazione io-non io, cioè una
riconciliazione tra la natura e l’assoluto.
Il centro dei discorsi
I discorsi sono l’ultima parte della riflessione politica di fichte. In quest’opera il punto di partenza
del filosofo è superare l’egoismo nel quale è caduta la nazione tedesca a causa dell’occupazione
dello straniero (quella francese). Per realizzare il superamento dell’egoismo, egli non si appella a
mezzi militari ma spirituali. Cioè vuole ottenere una rinascita interiore degli animi e cio è possibile
con una nuova educazione nazionale che permette di formare lo spirito patriottico negli individui.
L’educazione nazionale di cui parla fichte nei discorsi consiste in un educazione pubblica basata sul
lavoro e che ha come scopo quella di formare la morale dei cittadini (questo tipo di educazione si fa
al pedagogista Pestalozzi). Quest’educazione deve creare una nuova generazione libera da ogni
egoismo e dovrebbe essere impartita in collegi pubblici. Il patriottismo insegnato in questi collegi
porta l’uomo ad uscire dall’individualismo e a far nascere in lui il sentimento comunitario che
garantiscono all’uomo una forma di eternità, nel senso che l’esistenza del singolo uomo si conserva
anche dopo la sua morte come sentimento, come valore, come ideali. Nei discorsi fichte parla
spesso di una superiorità del popolo tedesco ma questa superiorità non assume mai la forma del
razzismo nazista del ventesimo secolo in quanto, secondo il filosofo, la superiorità dei tedeschi è
esclusivamente una superiorità culturale e spirituale che si fonda sulla lingua e non sul sangue;
proprio il linguaggio sta alla base dei discorsi fichtiani. Infatti fichte fonda il concetto di popolo e di
nazione sulla comunanza linguistica e sostiene che la distinzione tra i tedeschi e gli altri popoli sta
nella differenza di lingua, in quanto il popolo tedesco parla una lingua viva, mentre i popoli neo
latini parlano una lingua morta. Quella dei tedeschi è una lingua naturale che è l’espressione propria
della nazionalità. Mentre nelle società a “lingua morta” la cultura non è altro che un elemento che
caratterizza il ricco e il povero, e quindi che non fa latro che distinguere maggiormente queste due
classi sociali, le società a lingua viva permettono di favorire anzi lo sviluppo della cultura e della
differenza sociale, in quanto non è l’uomo a servirsi della cultura ma viceversa.
Le caratteristiche e i metodi nelle opere fichtiane
Due sono gli stili fondamentali degli scritti di ficht. Il primo è quello scientifico, il secondo è quello
popolare. I due si distinguono sia per forma che per contenuto:
Contenuto: quelli scientifici delineano i fondamenti del sistema, quelli pubblici si occupano di
spiegare come la filosofia possa applicarsi ai temi di attualità.
Forma: quelli scientifici utilizzano un linguaggio specialistico, un rigore formale, quelli pubblici
invece hanno una forma linguistica meno specialistica, meno astratta ma piu espressiva. Col
trascorrere degli anni fichte pubblicherà opere che saranno sempre piu vicine al secondo tipo di
scritte, infatti “i discorsi” sono vicini allo stile popolare. Infatti “i discorsi” sono delineati da un
linguaggio che non è specialistico ma si serve di poche parole chiavi, il linguaggio è concreto,
figurale e la comunicazione si serve di tutte le tecniche per tenere vivo il contatto tra chi parla e chi
ascolta e la comunicazione non è mai neutrale e oggettiva ma cerca sempre di coinvolgere il
pubblico. Nei “discorsi” viene fuori il filosofo, fichte, tipico filosofo romantico che cerca di dare
voce al sentimento del pubblico; non è piu quindi il filosofo illuminista che in nome della ragione
affermava spesso verità contrarie al pubblico. Il pubblico dei “discorsi” non è un pubblico
specificamente filosofica ma un pubblico vario che comprende sia i giovani che gli anziani,
accomunati dalla stessa coscienza nazionale.
I fondamenti dell’intera dottrina della scienza (1794)
In quest’opera fichte si propone di fornire una giustificazione razionale della scienza: per fare ciò
sono necessari dei fondamenti, cioe dei principi primi che fanno della filosofia una scienza e
attraverso i quali si può arrivare ai principi delle altre scienze. Fichte cioe sente il bisogno, come
tutti i filosofi successivi a kant, di ricostruire in maniera sistematica il sapere. I principi principali di
cui fichte si serve per fare ciò sono tre:
1) l’io pone se stesso assolutamente (tesi). L’io è la ragione pura e questo primo principio
esprime la spontaneita della ragione nel senso che, fondamento principale della ragione è la
liberta cioè il porre se stessa assolutamente, affermarsi come ragione in maniera
consapevole
2) l’io assoluto oppone a se stesso un non-io assoluto (antitesi). Il secondo principio indica la
finitezza della ragione umana, nel senso che la ragione (il soggetto) deve scontrarsi con una
realtà esterna che è assoluta come la ragione. Come la ragione è assoluta e spontanea, anche
il rapporto tra la ragione e la realtà esterna (cioè il non-io) è altrettanto assoluta e spontanea:
cioè l’io nel momento in cui pone (afferma, rende presente) se stesso pone anche il non-io.
3) nell’io assoluto l’io divisibile si oppone al non-io divisibile (sintesi). La sintesi cerca di
creare un accordo tra i primi due principi: del primo principio conserva l’assolutezza e la
spontaneità della ragione, del secondo invece conserva la limitatezza, la finitezza. Il terzo
principio, a differenza dei primi due, non è piu una condizione trascendentale (nel senso che
non è piu astrazione filosofica) ma cerca di descrivere l’io (o detta anche coscienza o
ragione) nella sua concretezza.
questi tre principi vengono chiamati da fichte tesi, antitesi, e sintesi
fichte nell’analisi di questi tre principi si serve di due facolta: intuizione e immaginazione. La
prima, l’intuizione, tende ad evidenziare la capacità che ha la ragione di percepire
immediatamente se stessa, cosa che era stata tralasciata dalla filosofia precedente che si limitava
solo a fare un autoesame della ragione. La seconda facoltà analizzata da fichte è
l’immaginazione, definita da lui come la capacita’ della ragione di considerare se stessa in piena
libera in maniera problematica, libera da ogni dottrina prestablita.
Tutta la dottrina fichtiana descritta fino ad ora ha un carattere ipotetico, probabile, mai
definitivo. Infatti i suoi tre principi vengono da lui stesso definiti “Ipotesi”. In questo fichte
sembrerebbe avvicinarsi alla esigenza kantiana anti-metafisica.
La relazione tra i tre principi non è di tipo sillogistico ma dialettico, nel senso che la relazione
non è astratta e concettuale ma è reale; la dialettica fichtiana è allo stesso tempo sia libero
pensiero che azione reale, nel senso che è l’affermarsi del pensiero nella vita, nell’esperienza
reale. Il terzo principio, la sintesi, ci permette di considerare in modo diverso sia l’io che il nonio nel senso che nel terzo principio sia l’io che il non io vengono considerati divisibili, limitati,
finiti. La limitazione la possiamo considerare da due aspetti:
1) “l’io pone il non-io”. Questa affermazione indica che il non io è limitato dall’io
2) “l’io pone se stesso come limitato dal non-io”. Questa affermazione indica che l’io è limitato
dal non-io
nel terzo principio la limitazione della ragione (dell’io) diventa positiva nel senso che grazie alla
limitazione del non-io, l’io diventa indipendente rispetto al mondo, cioè smette di essere passivo per
diventare sempre piu consapevole della propria superiorità, indipendente nei confronti della natura.
L’io è sempre piu libero nel senso che attraverso lo scontro con il non-io, fa un percorso evolutivo
per arrivare alla massima libertà, ed è per questo che per fichte la conoscenza e la morale non sono
indipendenti (come lo erano per kant) ma sono visti come diversi gradi per la maturazione e
l’affermazione della ragione umana.
Nell’opera “fondamenti dell’intera dottrina della scienza” fichte mostra come la coscienza
faccia un percorso in evoluzione nel senso che si parte da un io passivo nei confronti del non-io
per arrivare ad un io che ha massima liberta (questo percorso della coscienza, fichte lo definisce
storia pragmatica della coscienza).
La conoscenza
Alla base del concetto di conoscenza per fichte vi è lo sforzo, o tensione, che consiste
nell’attivita che muove l’io all’infinito, attivita che è in stretto legame con l’urto (l’urto è
l’opposizione io non-io) in quanto senza lo sforzo non vi sarebbe l’urto, e viceversa. Lo sforzo,
quale attivita dell’io assoluto, è definita anche tensione, tensione però che non ha uno scopo ne
un fine. Da questo si deduce che per fichte la conoscenza non è pura contemplazione ma è
liberazione della ragione dalle cose sensibili nel senso che la coscienza non deve pensare il
mondo, la realtà esterna e le cose esterni come un limite ma anzi è qualcosa dove la coscienza si
può realizzare (in pratica le cose si devono vedere positivamente): realizzazione che non è mai
finita, infatti secondo fichte l’uomo non potrà mai fare esperienza dell’assoluto in quanto questo
non è un fine raggiungibile ma è solo un obbiettivo al quale ci si può avvicinare senza mai
raggiungerlo. L’analisi della conoscenza, fatta precedentemente, ci fa capire come la ragione
umana è libera però è nello stesso tempo condizionata dal mondo esterno, se non ci fosse il
mondo esterno nel quale realizzarsi la ragione risulterebbe essere solo astratta, invece nel
mondo la ragione trova la sua concretezza.
Il titanismo
Secondo fichte l’uomo è la chiave di volta dell’intero universo, nel senso che lo sforzo che fa
l’uomo nel cercare la propria identita e nel riconoscersi come diverso dagli altri e dalle cose, è
alla base di tutta la realtà.
La filosofia
Secondo fichte la filosofia è un sapere che sta oltre il sapere comune (sapere è un sapere
realistico e oggettivistico, è quello tipico del sapere quotidiano), per fare filosofia quindi è
necessario un passaggio dalla coscienza comune alla coscienza filosofica. La filosofia per
eccellenza è l’idealismo in quanto questo non si limita ad estendere il sapere della coscienza
comune ma esamina tutte le condizioni e tutte le possibilita. Invece, la filosofia realista utilizza
gli stessi metodi di indagine del sapere ordinario. L’idealismo considera che la filosofia nasce
dalla liberta ed è un attività spontanea e in quanto tale non è un sapere universale
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard