la-guerra-dei-centanni

annuncio pubblicitario
La guerra dei Cent’anni: la più sanguinosa e lunga battaglia del Medioevo.
Nel secondo decennio del secolo xiv l’egemonia dei re di Francia sul loro Regno è nuovamente
minacciata dagli inglesi. Nel 1328 con la morte di Carlo IV, senza eredi, si estingue la dinastia dei
capetingi. Per la successione si scontrano il re d’Inghilterra Edoardo III (1327-1377) che rec1ama il
trono in quanto marito di una sorella del defunto re e Filippo VI di Valois (1328-350), cugino del
re, unico possibile successore in via maschile (in Francia vige la legge salica che esclude le
femmine dalla successione al trono). Ne deriva un conflitto militare che oppone per un secolo gli
eserciti delle due nazioni. La guerra si svolge con fasi alterne: tra il 1337 e il 1360 gli inglesi,
vincitori a Crecy (1346) e a Poitiers (1356), allargano il loro dominio a gran parte della Francia
occidentale (pace di Brétigny, 1360); tra il 1360 e il 1380, sotto la guida di Carlo V, i francesi
recuperano gran parte dei territori perduti; sconfitti dagli inglesi ad Azincourt (1415) essi stipulano
la pace di Troyes (1420) che sancisce il predominio inglese in Aquitania e in tutta la Francia
settentrionale. E nel 1429 che inizia la riscossa francese: grazie alla guida di Govanna d’Arco,
Carlo VII compie vittorioso la “cavalcata sacra” che lo porta da Chinon a Reims, dove è incoronato
re; di qui prosegue per Parigi e sconfigge ripetutamente gli inglesi cotringendoli a lasciare il
continente, dove conservano la sola Calais (1453).
La Francia con il sovrano Carlo il Saggio, era riuscita a recuperare il territorio perduto, tranne
Calais, concludendo nel 1375, con gli avversari l'armistizio di Bruges.
Nel 1453 finiva così la Guerra dei Cent'anni, senza un regolare trattato di pace. Militarmente, la
guerra vide la nascita di nuove armi e nuove tattiche, le quali segnarono l'abbandono degli eserciti
organizzati su base feudale e incentrati sulla forza d'urto della cavalleria pesante. Sui campi
dell'Europa Occidentale videro la luce eserciti professionali, per la prima volta dai tempi
dell'Impero Romano, rivalutando il ruolo della gleba.
La guerra ha una straordinaria importanza storica, per vari motivi: nonostante si trattasse soprattutto
di un conflitto dinastico, esso fu la causa prima della nascita delle nazioni inglese e francese, e delle
rivalità tra i due popoli. Il motivo occasionale della guerra fu certo di carattere dinastico-feudale.
Infatti, nel 1328, alla morte del re Carlo IV, scoppiò in Francia una crisi dinastica: si contendevano
il trono Edoardo III, re d’Inghilterra, legato per parte di madre alla dinastia dei Capetingi, e Filippo
di Valois, appartenente ad un ramo collaterale della stirpe; fu quest’ultimo a prevalere, ma Edoardo
tentò di sopraffarlo, determinando lo scoppio del conflitto.
Il problema consisteva, in effetti, nel sussistere del feudalesimo: il re d’Inghilterra, infatti,
possedeva vastissimi feudi nei territori francesi ed era, a un tempo, sovrano inglese e vassallo del re
di Francia, anche se non rispettava i suoi doveri feudali; l’Inghilterra controllava territori che,
formalmente, cioè dal punto di vista geografico, erano francesi. Il controllo era, peraltro, di
carattere economico; tale era anche, fondamentalmente, la base della Guerra dei Cent’anni. Infatti,
la fiorente industria tessile delle Fiandre dipendeva dai rapporti economici con l’Inghilterra,
produttrice ed esportatrice di lana grezza; quando Filippo di Valois tentò d’impadronirsi delle
Fiandre, l'attuale Belgio, Edoardo III d’Inghilterra vietò ai produttori inglesi l’esportazione delle
loro lane, mettendo in crisi le industrie e suscitando il malcontento della popolazione nei confronti
del re di Francia.
Le posizioni degli storici.
Come afferma lo storico Kaser, la guerra dei Cent’anni, sorta come gara di avidità dinastiche, si
trasformò sempre più in guerra di popoli, svegliando a nord e a sud della Manica il sentimento
nazionale.
Il problema del feudalesimo va, infatti, al di là della questione puramente dinastica e coinvolge tutta
la Francia, non solo la famiglia reale: di diverso avviso lo storico Seignobos, che sostiene che la
Guerra dei Cent’anni fosse stata condotta tra due famiglie reali piuttosto che tra due nazioni che si
opposero l’una all’altra per affermare la loro stessa identità. Va notato tuttavia, che fosse stato
Edoardo a prevalere, sarebbe stata la fine non solo per il potere della dinastia francese, ma anche
per l’identità nazionale della Francia, recisa in germoglio con l’inglobamento nei domini inglesi.
Tale identità si fondava sul principio di territorialità, che prevedeva che un sovrano regnasse su
un territorio caratterizzato da confini ben precisi e abitato da un popolo che avesse comuni radici
storiche, culturali e linguistiche. Questo principio sta alla base del concetto di Stato nazionale
moderno; infatti, mentre lo Stato è un’entità politica, la nazione è un’entità storico-culturale.
Se la Guerra dei Cent’anni fu una lotta contro il feudalesimo, allora è possibile affermare che fu uno
scontro tra nazioni. Seignobos sostiene, però, che, più che di un sentimento nazionale, occorra
parlare di patriottismo locale; a sua volta, Giovanna d’Arco sarebbe stata legata a Carlo VII non
perché egli fosse re della nazione francese, ma in quanto era capo del partito degli Armagnac, cui
lei apparteneva. I limiti di questa interpretazione risiedono nel fatto che, sebbene Giovanna d’Arco
fosse stata legata – cosa innegabile – al partito del re, non mancò, da parte sua, un notevole
impegno nel sostenere la causa di tutta la Francia, tanto che continuò a combattere contro gli Inglesi
anche dopo che venne meno la sua intesa col re, che la privò di molte truppe.
Per quanto riguarda la questione patriottica, Michelet sottolinea l’importanza dello spirito
nazionale, che coinvolgeva tutto il popolo con un senso di appartenenza alla stessa comunità e che,
come sostiene anche Kaser, trovò la sua personificazione in Giovanna d’Arco: “Fino a quel
momento, era stata una riunione di province, un vasto caotico agglomerato di feudi, un grande
Paese, una vaga espressione geografica. Ma, da quel giorno, per la forza di un cuore, diviene una
patria”. Infatti, Giovanna d’Arco seppe rinfocolare l’amor patrio di tutti i Francesi – non di pochi
gruppetti a livello locale – e spingerli al contrattacco e alla riconquista, a tal punto che costoro
combatterono con successo contro gli Inglesi anche dopo che questi ultimi cercarono di creare
scompiglio tra i loro avversari, condannando al rogo la “pulzella d’Orléans” con l’accusa di
stregoneria.
In effetti, sia il concetto politico di Stato che quello storico-culturale di nazione emersero in nuce
con la Guerra dei Cent’anni, ma si svilupparono e si affermarono davvero solo al termine del
conflitto. Infatti, nella storia della Francia, la formazione dello Stato ha contribuito in modo
decisivo a cementare di fatto l’identità nazionale.
Per quanto riguarda l’evoluzione dello Stato in sé, è certo che l’entità statale trovò la sua più remota
origine nella Guerra dei Cent’anni, ma solo grazie al re prese forma definitivamente uno Stato
nazionale moderno: lo storico Perroy sottolinea la gradualità di questo processo. In virtù del suo
potere assoluto, il re rilanciò la lotta contro i feudatari, eliminando così l’ultimo residuo di
feudalesimo, stavolta interno, e non esterno alla Francia; inoltre, come afferma lo storico
Chédeville, fu il sovrano ad istituzionalizzare la burocrazia, il sistema fiscale, le corti di giustizia ed
un esercito permanente, cioè i caratteri fondamentali dello Stato moderno per definizione.
In definitiva, la Guerra dei Cent’anni, conflitto economico e politico ad un tempo, fu la radice
prima dello Stato e della nazione francesi, che si fusero di fatto in un’unica realtà solo più tardi, con
l’intervento della figura monarchica.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

123

2 Carte

creare flashcard