MUSICA E PUBBLICITA` Solo una parte limitata della nostra

annuncio pubblicitario
MUSICA E PUBBLICITA’
Solo una parte limitata della nostra esperienza sonora è composta da ascolti musicali
«volontari», cioè da musica che decidiamo di ascoltare; la gran parte dei suoni che
quotidianamente sentiamo ci trova infatti distratti, concentrati principalmente su altre
attività. Sono soprattutto i moderni mass-med/a, radio e televisione, i principali canali di
trasmissione di questo continuo «bombardamento» di suoni. Gran parte di questa musica
radiotelevisiva è contenuta nei messaggi pubblicitari che accompagnano, interrompendoli,
i programmi trasmessi.
Il linguaggio della pubblicità utilizza, anche se con fini e modalità diverse, quella stessa
collaborazione tra codici (verbale, visivo, sonoro) che si può incontrare nel linguaggio
cinematografico; anche nei messaggi pubblicitari radiotelevisivi la musica svolge
un’importante funzione che va analizzata e compresa.
Lo scopo della pubblicità è ovviamente quello di vendere il prodotto pubblicizzato;
diversamente dal passato, però, il moderno discorso pubblicitario non si concentra tanto
sul prodotto (le sue caratteristiche, la sua qualità, ecc.), quanto su chi potrebbe
acquistarlo.
Gli spot radiotelevisivi non informano sul prodotto, ma si propongono di colpire
l’immaginazione, attirare l’attenzione e condizionare la memoria del videoascoltatore
distratto. Ed è proprio per la sua capacità di sollecitare, attirare, anche indirettamente,
l’attenzione, che la componente sonora sta sempre più aumentando la sua importanza nel
linguaggio della pubblicità.
Un uso particolare e caratteristico dei suoni nel linguaggio pubblicitario è rappresentato
dal jingle, il motivetto orecchiabile che caratterizza e identifica un determinato prodotto.
Il jingle è costruito musicalmente in modo da entrare prepotentemente nella mente del
videoascoltatore con l’obiettivo di determinare una stabile associazione mentale tra un
certo prodotto e una breve melodia. Attraverso i suoni, dunque, l’immagine e il nome del
prodotto si fissano nella memoria ottenendo così quel risultato che lo spot si propone. Per
ottenere questo risultato il jngle deve rispondere ad alcune caratteristiche musicali:
• una melodia breve e accattivante, facile da ricordare, ma allo stesso tempo
«avvincente», non banale;
•
•
una sonorità complessiva vicina ai gusti musicali del target (bersaglio) scelto
(tecnicamente si indica così il pubblico che si intende raggiungere con la campagna
pubblicitaria);
un andamento musicale adeguato all’immagine che si vuol dare del prodotto
Interessante notare poi come alcuni spot utilizzino brani di musica classica.
Questa scelta è certamente finalizzata a fare in modo che l’immaginazione del
videoascoltatore attribuisca al prodotto pubblicizzato quell’immagine di serietà, qualità e
classe che viene normalmente assegnata all’esperienza musicale “colta”: anche una
mozzarella, se accompagnata dalla musica di Vivaldi, può diventare un pasto da re.
Terminologia :
-Brief: è il documento che raccoglie tutte le informazioni sul prodotto da reclamizzare che vengono
trasmesse all'agenzia di pubblicità direttamente dall'azienda;
-Concept: è l'idea progettuale alla base di una pubblicità; comprende sia la comunicazione visiva
sia quella testuale;
-Gadget: è l'oggetto distribuito insieme con il prodotto pubblicizzato a scopo promozionale;
-Header: è l’intestazione di un manifesto, che funge da introduzione per tutti i contenuti grafici e
da premessa per lo slogan conclusivo;
-Jingle: in una pubblicità radiofonica o televisiva, è lo stacco musicale che si accompagna allo
slogan; viene creato appositamente per l’occasione, e non va confuso con la colonna sonora vera e
propria;
-Logo (abbreviazione di 'Logotipo'): è l'immagine - o il marchio - attraverso cui un'azienda è
riconoscibile a colpo d'occhio su qualsiasi supporto pubblicitario visivo;
-Promo: è l’abbreviazione di ‘promotional’, cioè ‘promozionale’; indica il valore esclusivamente
pubblicitario di un prodotto, di uno spot o di una particolare iniziativa;
-Slogan: è il messaggio portante di una pubblicità, il motto, cioè lo strumento di persuasione più
diretto per raggiungere il pubblico;
-Target: è la fascia di consumatori alla quale è indirizzato il prodotto
-Spot: è una pubblicità dinamica costituita da testi, musica e – nel caso della televisione - anche da
immagini in movimento;
-Testimonial: è il personaggio pubblico (dall’immagine convincente) che viene esibito in una
campagna pubblicitaria come garanzia di qualità del prodotto.
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

creare flashcard