scarica il documento - formato pdf - 168 Kb

annuncio pubblicitario
Sanità
Malattie
4.6
di Ernesto Faravelli
INFLUENZA
L’influenza è un'affezione virale altamente infettiva che determina tosse,
difficoltà respiratorie ed estrema prostrazione.
EZIOLOGIA
L'agente eziologico è un otomixovirus di cui si riconoscono tre sierotipi (A, B, C,).
I virus isolati dal suino, in Europa, appartengono al sierotipo A e sottotipi.
RESISTENZA DEL VIRUS
Al di fuori dell'organismo dell'animale il virus si conserva meglio nei periodi freddi.
L’influenza, quindi si manifesta con maggior frequenza nella stagione autunnoinvernale che in quella estiva.
CONTAGIO
L’infezione avviene per via respiratoria ed i primi sintomi si manifestano dopo 24-48
ore dal contagio.
La trasmissione avviene da suino infetto a suino sano per contatto, ma è pensabile
una diffusione del virus anche attraverso vettori passivi, dato che la malattia
insorge d'improvviso in allevamenti in cui per settimane non sono stati introdotti altri
animali.
1
Dopo la guarigione, i suini continuano ad eliminare il virus per circa tre mesi e ciò
determina una continuità nel contagio che può perdurare anche nella stagione
calda.
SINTOMI E DECORSO DELLA MALATTIA
L’influenza si manifesta con diversi gradi di intensità a seconda dell'età degli
animali e del momento produttivo.
In particolare:
ª i lattoni e suinetti svezzati non si ammalano oppure presentano una
sintomatologia molto lieve caratterizzata da
occasionali e deboli colpi di tosse.
ª le femmine non ancora fecondate e quelle in gravidanza, manifestano in
genere sintomi di modesta entità con inappetenza,
difficoltà respiratorie e colpi di tosse occasionali.
ª le scrofe a fine gravidanza e quelle che hanno appena partorito
presentano gravi disturbi dello stato generale Spesso
manifestano:
9 ipertermia,
9 gravi difficoltà respiratorie,
9 tosse violenta e secca,
9 scolo nasale, ecc.
È frequente l'insorgenza di turbe riproduttive rappresentate da aborti (5-20°%),
infertilità (0-30%) e dalla nascita di suinetti piccoli e/o poco vitali.
ª suini all'ingrasso si ammalano, praticamente tutti, in breve tempo. Gli
animali si ammassano e restando sdraiati con
atteggiamenti di forte prostrazione.
Tutti i soggetti colpiti presentano febbre elevata (anche
41°C) inappetenza, prostrazione, difficoltà respiratorie
e accessi di tosse.
La semplice infezione da virus influenzale
si risolve completamente
nel giro di 6-7 giorni.
La mortalità è bassa
ed il danno principale è spesso rappresentato
da ritardi della crescita
e scarso incremento ponderale
nel periodo di ingrasso.
2
È comunque frequente che il quadro clinico dell'influenza sia complicato da
infezioni da germi di irruzione secondaria (stafilococchi, pasteurelle e pyogenes,
ecc.) con conseguente aumento della mortalità.
DIAGNOSI
Si può sospettare la presenza dell’influenza in un allevamento in base al quadro
clinico.
La conferma della diagnosi è su bordinata all’isolamento del virus con analisi di
laboratorio.
PREVENZIONE
La profilassi può essere effettuata con un certo successo utilizzando vaccini
inattivati.
È opportuno comunque limitare il più possibile il movimento di animali e persone
per evitare l'introduzione del virus nell'allevamento.
TERAPIA
Non è possibile una terapia vera e propria.
Normalmente si interviene somministrando antipiretici (per abbattere la febbre) e
antibiotici per impedire irruzioni secondarie.
Allo scopo, è importante effettuare il trattamento di massa aggiungendo i farmaci
nell'acqua di abbeverata; la somministrazione di mangimi medicati potrebbe avere
minor successo in quanto la malattia comporta inappetenza.
3
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

creare flashcard