caricato da Utente7080

CAMPIONI CLINICI PDF

annuncio pubblicitario
CAMPIONI CLINICI
Campione biologico = parte o determinata quantità di sostanza che viene
saggiata per isolamento o identificazione di germi patogeni.
Ci sono diverse fasi di raccolta:
- Raccolta e conservazione:
o La raccolta ve eseguita in modo adeguato con sede di prelievo
disinfettata e utilizzo di materiale perfettamente sterile;
o Eseguire il prelievo prima di iniziare una terapia antibiotica o
interromperla nelle 48h precedenti all’esame;
o Evitare l’inquinamento di agenti microbici estranei;
o Evitare l’alterazione del campione nel tempo.
I campioni possono essere raccolti tramite tampone sterile, agoaspirazione, biopsia, intubazione, sputo.
- Manipolazione: una volta raccolto, il campione va etichettato e
manipolato con particolare attenzione, verificando che i dati
dell’etichetta corrispondano a quelli della richiesta da compilare in
ogni sua parte;
- Trasporto: se in tempi brevi può avvenire a temperatura ambiente,
altrimenti utilizzare terreni di trasporto;
- Trattamento: il trattamento avviene attraverso:
o Esame macroscopico: fornisce indizi sulla natura e qualità del
campione, l’odore l’aspetto e eventuale presenza di materiali
estranei;
o Esame microscopico: può avvenire a fresco o a colorazione
I campioni biologici sono di diverso tipo e vanno raccolti in maniera
diversa.
FECI:
- Esame batteriologico (coprocultura): bisogna raccogliere una piccola
quantità di materiale fecale da inserire in contenitori sterili e inviato
al laboratorio rapidamente
- Esame parassitologico: occorre la sospensione della terapia da 20gg,
in caso di ricerca di vermi è consigliabile somministrare un purgante
salino.
Urine:
La raccolta deve essere effettuata al mattino, avendo prima effettuato
un’attenta pulizia dei genitali. La raccolta si esegue o:
- Mitto intermedio
- Cateterismo vescicale
- Puntura sovrapubica
Liquor:
la raccolta del liquor è estremamente delicata e va effettuata con materiale
sterile mantenendo l’asepsi dell’area. Deve essere inviato immediatamente
al laboratorio in precedenza avvisato.
Sangue:
Per eseguire un’emocoltura occorre che il prelievo venga fatto in un’area
disinfettata ed è di tipo venoso. Deve essere effettuato possibilmente
durante il picco febbrile.
Essudato faringeo:
Prima del prelievo occorre evitare gargarismi o applicazione di sostanze
antibatteriche. La raccolta avviene attraverso un tampone strisciato sulla
mucosa faringea facendo attenzione a non toccare la lingua e la saliva del
pz.
Espettorato:
Occorre saliva molto ricca di microrganismi e viene effettuato tramite
raccolta di materiale fatto uscire attraverso colpi di tosse.
Essudato uretro-vaginale:
Va eseguito mediante anse, tamponi, cannule o perette. Si deposita su un
vetrino una goccia del materiale prelevato. Va inviato in maniera rapida.
Scarica