Giovanni Sartori - Il Paese degli Struzzi

annuncio pubblicitario
GIOVANNI
SARTORI
IL PAESE
DEGLI
STRUZZI
CLIMA, AMBIENTE,
SOVRAPPOPOLAZIONf
E
Edizioni
Ambiente
Giovanni Sartori
IL P A E S E D E G L I S T R U Z Z I
CLIMA, A M B I E N T E , S O V R A P P O P O L A Z I O N E
REALIZZAZIONE EDITORIALE
Edizioni Ambiente srl
www.edizioniambiente.it
C O O R D I N A M E N T O REDAZIONALE
Paola Franchini
PROGETTO GRAFICO: G r a f C o 3 M i l a n o
IMPAGINAZIONE: Roberto Gurdo
© 2011, Edizioni Ambiente
via Natale Battaglia 10, 2 0 1 2 7 Milano
tel. 0 2 . 4 5 4 8 7 2 7 7 , fax 0 2 . 4 5 4 8 7 3 3 3
ISBN
978-88-96238-98-1
Finito di stampare nel mese di marzo 2011
presso Grafiche del Liri - Isola del Liri (FR)
Stampato in Italia - Printed in Italy
Questo libro è stampato su carta riciclata 100%
I SITI DI EDIZIONI A M B I E N T E
www.edizioniambiente.it
www.nextville.it
www.reteambiente.it
www.verdenero.it
SOMMARIO
PREFAZIONE
SANTA F I N I M O L A . IL M I O SOGNO DI FERRAGOSTO
7
11
POLITICA D E M O G R A F I C A E LIBERTÀ DI DISSENTIRE
15
LA V E R G O G N A DEGLI INCENDI
19
S I A M O INCOSCIENTI E S I A M O IN TROPPI
25
L'ALTRA FACCIA DELLA CRESCITA.
31
LA MALATTIA È LA SOVRAPPOPOLAZIONE
LA TECNOLOGIA CI PUÒ SALVARE?
35
IL T E X A N O TOSSICO CHE A F F O N D A KYOTO
39
RIFLESSIONI SULLA F A M E E SUI POPOLI DI SEATTLE
43
LA FAO CI I N G A N N A
47
U N A CORSA INSENSATA E P E R D E N T E
51
LA CRESCITA D E M O G R A F I C A NON SI F E R M A DA SOLA
55
L'ACOUA M A N C A COME SI SAPEVA
59
IL R I S C A L D A M E N T O DELLA TERRA SCONVOLGE IL C L I M A
63
TUTTI A J O H A N N E S B U R G T R A N N E IL B U O N S E N S O
67
S M E T T I A M O L A DI V E N D E R E P A N Z A N E
71
IL P R O B L E M A È LA B O M B A D E M O G R A F I C A
75
I CATTIVI ALIBI DELLO S V I L U P P I S M O
83
LA TESTA SOTTO LA S A B B I A
89
HOMO STUPIDUS STUPIDUS
93
IL N E M I C O NON È IL CONTADINO RICCO
97
I N Q U I N A M E N T O DA I G N O R A N Z A
IOI
CRICHTON, KYOTO E I LIETOPENSANTI
105
IL M E R C A T O NON CI SALVERÀ
109
L'ENERGIA DIMENTICATA
113
P I Ù E N E R G I A E PIÙ COERENZA
117
L ' I N T E L L I G E N Z A CRESCE O DECRESCE?
121
EFFETTO SERRA E CONTEGGI FAO
125
I GLOBALISTI S O N N A M B U L I
129
U N O S V I L U P P O NON S O S T E N I B I L E
133
I N C E N D I : R I M E D I ESTREMI PER MALI ESTREMI
139
CRISI ENERGETICA. L ' I M P R E P A R A Z I O N E AL POTERE
143
DEMOCRAZIA AL VERDE
147
IL MERCATO NON SALVERÀ LA TERRA
153
LA COPERTA È CORTA
159
A M B I E N T A L I S M O SENZA POLITICA
163
M A L T H U S E IL CLUB DI ROMA
167
VERDI FASULLI, GOVERNO SORDO
171
EVVIVA NOI CREPI IL MONDO
175
COSÌ NON POSSIAMO DURARE
179
IL POZZO SENZA FONDO
183
LA SALUTE D E L L ' A M B I E N T E .
187
I CONFRONTI SBAGLIATI CON IL PASSATO
SALUTE D E L L ' A M B I E N T E : DIBATTITO
191
LA CONFERENZA DI C O P E N A G H E N SUL C L I M A
195
H I M A L A Y A BENE IL RESTO MALE
199
ECONOMIA CARTACEA E I LIMITI ALLO S V I L U P P O
203
LA CRESCITA DEMOGRAFICA NON FA B E N E A L L ' E C O N O M I A
207
LA POLITICA DELLO STRUZZO È LA PEGGIORE
211
APPENDICE
NON CRESCETE. NON MOLTIPLICATEVI
L ' I N F L U E N Z A DELLA CHIESA
217
VITA, VITA U M A N A E A N I M A
223
LA VITA U M A N A SECONDO RAGIONE
231
C'È VITA E VITA
235
Q U A N D O ARRIVA L ' A N I M A
241
L ' E M B R I O N E E LA PERSONA
249
LA PERSONA CHE NON C'È
253
VITA ARTIFICIALE E LIBERTÀ DI SCELTA
261
LA C H I E S A E IL DIRITTO DI MORIRE
265
FONTI
269
PREFAZIONE
Questo volume raccoglie scritti sparsi, e perciò stesso più o meno persi, dell'ultimo decennio. Pertanto
sono molto lieto della proposta delle Edizioni Ambiente di riproporli raccolti in volume. Che non
accoglie nessuno scritto invecchiato per la semplicissima ragione che sul tema del collasso ecologico
del nostro pianeta e sul come fronteggiarlo siamo
ancora non dico a zero, a niente, ma a quasi zero,
a quasi niente.
Una prima raccolta del 2003 dei miei scritti in argomento si intitolava La Terra scoppia. Questo volume era a due mani, mio e di Gianni Mazzoleni.
Che tengo qui a ringraziare per la preziosa collaborazione. In quel volume scrivevo nella Prefazione
così: "La Terra è malata? Sì, ma non è grave. Siamo in troppi? Per carità, c'è posto per tutti. Manca
l'acqua? Sì, ma provvederemo. E la fame? La fame
c'è, ma solo perché il cibo è mal distribuito. L'inquinamento atmosferico? N o n esageriamo, l'aria
sporca è solo aria sporca e ci abitueremo. E il clima?
Del clima non sappiamo nemmeno se stia davvero
cambiando. Insomma, niente paura".
Negli ultimi dieci anni un po' di paura è venuta.
Ma non tanta, non abbastanza. Non siamo animali
lungimiranti e le notizie sgradevoli ci danno fastidio
e le rimuoviamo. Tuttavia l'evidenza è incalzante.
Quando il petrolio venne scoperto negli Stati Uniti stava a poche decine di metri di profondità. Oggi siamo costretti a cercarlo in mare a tremila e più
metri di profondità. E tutti avvertono che il clima
è impazzito e che non è più come era, diciamo, sino a cinquanta anni fa.
Il fatto è che la Terra è un piccolo pianeta le cui
risorse sono finite (non infinite) sul quale siamo,
quasi di colpo, diventati troppi: al momento circa
7 miliardi, ma ancora in crescita, forse addirittura
fino a 9 miliardi. Questa esplosione demografica è
insensata e suicida. Eppure non viene ostacolata. La
vita è sacra, si dice. Ma quale vita è sacra? Anche
quella delle zanzare e dei pidocchi? Evidentemente,
no. Anzi, li ammazziamo volentieri e senza peccato. In questo libro raccolgo in Appendice tutti gli
scritti nei quali discuto la differenza tra "qualsiasi"
vita (di miliardi di esseri viventi e piante che nascono e muoiono senza rendersene conto) e, appunto,
la "vita umana". San Tommaso e tutta la teologia
cattolica hanno sempre fermato questa differenza:
la Chiesa cattolica di oggi, degli ultimi due pontefici, l'ha cancellata. Peccato. Perché se vogliamo
PREFAZIONE |
sopravvivere come genere umano dobbiamo assolutamente fermare la nostra crescita demografica.
Beninteso, dobbiamo anche fare molte altre cose. Che non facciamo, italiani per primi. La politica ecologica dei nostri governi — tutti, sinistra e
destra — è stata e a tutt'oggi resta, la politica dello
struzzo. Come dice il titolo di questo libro. I nostri
governanti, da sempre, si rifiutano di vedere e di affrontare il problema. E così lo aggravano.
Giovanni Sartori
9
SANTA FINIMOLA.
IL MIO SOGNO DI FERRAGOSTO
Siamo troppi. Lo sappiamo dalle statistiche. Tra
non molto saremo, sul nostro modestissimo pianeta, sei miliardi. Quando nascevo, se ricordo bene,
eravamo sui due miliardi. Per sopravvivere stiamo
sempre più distruggendo la natura che ci consente
di vivere. Abbattiamo foreste, desertifichiamo terre fertili, sciupiamo l'aria, inquiniamo fiumi, laghi
e mari, e l'acqua dolce già non basta. Queste sono
cose che sappiamo in astratto, appunto dalle statistiche. Ma l'agosto è, quantomeno per gli italiani,
il mese nel quale ci accorgiamo in concreto, toccandolo con mano, di essere troppi. Le autostrade si
ingorgano, dei treni è meglio non parlare, e gli aeroporti, Fiumicino in testa, sono bolge dantesche.
E per scalare, e anche morire, sul Monte Bianco si
fa la coda. Quando poi il grosso dei "troppi" arriva alla meta più agognata, al mare, allora i troppi
davvero si contano. Sulle spiagge roventi gli ombrelloni fanno a gomitate e, non potendo invadere
la strada retrostante, entrano quasi in acqua. E anche il mare, quando non infetta, brulica. Se ti provi a nuotare in bello stile picchi subito nella ciccia
circostante; e se cerchi scampo al largo rischi di essere affettato dalle eliche che ti ronzano attorno e
addosso. Il bagno di folla, e anche di folla in bagno, davvero ci piace? Visto che i nostri bagnanti ferragostani non sono comandati, visto che non
sono obbligati a "spiaggifìcarsi", forse ai nostri ferragostani il bagno di folla - stare tutti appiccicati,
sudati, unti, insabbiati — forse piace davvero. Ma
forse no. Perché i forzati delle vacanze all'italiana
un po' "forzati" sono.
Andarsene per Ferragosto per noi è un dovere. Chi
resta in città, a casa, disonora il casato: è un poveraccio che porta scritto in fronte di essere un morto di fame. Insomma, schiuma della terra. Comunque, anche se ci piace essere troppi, il fatto resta che
davvero troppi siamo. Il biblico "Crescete e moltiplicatevi" è un'esortazione di altri tempi che andava bene sin quando sulle carte geografiche si scriveva hic sunt leones, qui stanno i leoni. Va ancora
bene? Per Papa Wojtyla, sì; ma per le persone sensate non può andar bene. Il cupio multiplicandi è
oramai una folle voluttà di autodistruzione, un cupio mortis.
A che serve e a chi serve la nostra dissennata corsa
alla moltiplicazione incessante? In Africa serve a far
crescere il numero dei morti per denutrizione o in
eccidi tribali; in America Latina e molte altre parti
SANTA FINIMOLA. IL M I O S O G N O DI FERRAGOSTO |
povere del mondo per cancellare la crescita economica con una ancor maggiore crescita di bocche da
sfamare. Non sono mai stato in Cina (il solo paese
intelligente che cerca davvero di limitare le nascite); ma sono stato in India, e il formicaio umano di
esseri scheletrici che ho visto nel Gange e dintorni
mi ha terrorizzato. Perché crescere? Perché moltiplicarsi? Per mal vivere e, alla fine, mal morire in
un pianeta brucato sino all'ultimo cespuglio da miliardi e miliardi di uomini-capra?
Torniamo al Ferragosto. La Chiesa ha ritenuto di
solennizzare il mezzo-mese sacro degli italiani facendone una festa della Madonna. Ma, dico la verità, non vedo il nesso. L'Assunzione della Madonna può essere celebrata in qualsiasi giorno dell'anno
(tanto non si sa). E sprecare il Ferragosto a questo
modo mi sembra proprio peccato. Volendone fare una festa religiosa io la dedicherei — pensando ai
"troppi" — a San Troppone, o ancor meglio a San
Popoloso (inventato), un santo che immagino seduto, sempre più grosso e grasso, su una Terra sempre più piccola. E volendone fare una festa utile,
una festa benefica, proporrei che venga chiamata la
Festa di Finimola. Finimola era il nome, nelle famiglie contadine toscane del passato, appioppato,
mi pare, alla settima femmina; un nome che stava
appunto per dire "ora basta" (finimola è il dialettale di finiamola, di facciamola finita). Gran saggezza dei contadini antichi. E sarebbe gran saggezza nostra se oggi dedicassimo il Ferragosto a Fini-
13
mola chiamandola affettuosamente Santa Finimola.
Perché no? I santi assegnati al 15 agosto sono tutti
di poca fama: San Alipio, San Altfredo, San Arduino, Santa Limbania, San Neapulo, San Tarcisio.
Una Santa Finimola in più non stonerebbe affatto.
Anche io, in vacanza, ho un sogno: di poter tornare
al mare nell'anno di grazia 2100 trovandolo pulito
e visibile (dalla spiaggia dove siedo). Le probabilità che quel mare sia proprio io a vederlo sono infinitamente basse; ma anche le probabilità che quel
sogno si avveri per i miei pronipoti tanto buone al
momento non sono. A meno che non intervenga,
si diceva, Santa Finimola.
15 agosto 1997
POLITICA DEMOGRAFICA
E LIBERTÀ DI DISSENTIRE
A quanto mi risulta, il grosso dei lettori dell'articolo di giovedì "Il mio sogno di Ferragosto" ha capito
che il mio voleva essere un divertissement e si sono
divertiti. Nel mondo siamo troppi, e Ferragosto è
il giorno che più si presta, mi è sembrato, per ricordarlo. Ma alcuni lettori si sono risentiti. Scherzando, ho scherzato anche con il fuoco. E così l'indomani mi sono arrivati quasi tre metri di fax.
Nuccio Fava - felpatissimo direttore delle tribune
elettorali della televisione - mi ritiene colpito dal
sole e protesta con, per lui, inusitato vigore: "E forse sensato proporre di sostituire la festa dell'Assunta
con quella di Santa Finimola?". Rispondo: se quella
proposta non fosse giocosa e fosse invece da prendere sul serio, allora no, allora non sarebbe sensata. Comunque, l'Assunzione non è, per la Chiesa,
una festa ma soltanto una solennità; e la Madonna viene celebrata a vario titolo, sette volte all'an-
no. In tanta abbondanza speravo che un po' di levitas mi fosse consentita.
Il signor Massimo Caneva, esperto di programmi
internazionali di aiuti umanitari, si meraviglia che il
Corriere permetta "banali superficialità" come l'affermazione che il "desiderio di avere figli sia una
folle volontà di autodistruzione". Ma lei confonde, signor Caneva, tra l'umano desiderio di aver figli (che condivido visto che ne ho) e una irresponsabile media di sei-sette figli per donna che i genitori non possono mantenere e che il pianeta Terra
non può più sostenere. Per lei, chi raccomanda il
controllo delle nascite sostiene una "cultura della
morte e dell'egoismo". Ma quando saremo 15 miliardi (quanti ne vuole, signor Caneva?) questa accusa si ritorcerà su di lei. Mai sentito parlare della eterogenesi dei fini? A mia volta io non ho mai
sentito parlare del fatto (da lei riferito) che in Cina il secondo figlio "viene ucciso per legge". Davvero? Il signor Ruggero Sangalli è anche lui irato
con me, ma fa un rilievo giusto quando scrive che
"dove il mondo oggi si popola, la Bibbia ha sempre contato poco". Difatti la Chiesa non combatte
la sua battaglia nei paesi cattolici, ma cercando di
bloccare le politiche di contenimento demografico
studiate e proposte dalle Nazioni Unite.
Curiosamente nessuno dei miei assaltatori dà mostra di sapere che le preoccupazioni espresse nel mio
articolo ricalcano senza nessuna originalità le preoccupazioni espresse da tre congressi mondiali sulla
popolazione (nel 1974 a Bucarest, nel 1984 a Città del Messico e nel 1994 al Cairo). Ai primi due
la Chiesa disse no; al congresso Onu del Cairo si
inserì invece, abilmente, nella trattativa e accettò il
documento sulla contraccezione sottoscritto, se ricordo bene, da 182 paesi. Documento che ha però
sottoscritto con riserve, e che Papa Giovanni Paolo
II non dà mostra di ricordare. Il dottor Giuseppe
Failla, medico radiologo, raccomanda al Corriere di
non andare in edicola a Ferragosto se non ha niente di meglio (di me) da pubblicare. Quel che ci separa, dottor Failla, è che io riconosco uno scherzo
quando lo vedo. Il suo scherzo mi ha divertito. Peccato che lei sia così serio. Il professor Luca Sorrentino di Varese è forse il più irato di tutti. Mi accusa di "indigeste panzane malthusiane", mi dà dello
stupido e conclude dottamente che "talvolta dormitili Homerus, ma qui il nostro vate delirai". Insomma, al professor Sorrentino ho davvero sciupato il
Ferragosto, il che mi dispiace. E siccome mi chiede dove sta scritto che "la crescita è una minaccia
per il progresso economico e civile" cercherò di fare ammenda inviandogli (non appena tornato nella sede nella quale "maturo" i miei "fichi secchi",
e cioè a New York) titolo e indirizzo di un mensile specializzato nel quale le cose che dico "stanno
scritte" e anche ben documentate.
Debbo sorvolare su altre lettere che esprimono analoghe scontentezze. E siccome tutti i miei critici mi
vogliono serio e non (come sono stato il 15 agosto)
in vena giocosa, ecco per loro una domanda seria.
Mi spieghino, per favore, come sanno conciliare un
pianeta finito con una moltiplicazione demografica
infinita. Hic Rhodus, hic salta. Il nodo è questo. E
ora una postilla sull'attacco a valanga che mi arriva tre giorni dopo, il 18 agosto, da II Giornale con
un pezzo a firma di Renato Farina, che si intitola:
"Bossi dopo Sartori: la nuova moda, offendere il
Papa". Il titolo già promette male. Che cosa c'entro io con Bossi, o viceversa Bossi con me? E poi,
basta così poco per istituire una moda?
Infine, dissentire è offendere? Oppure è proibito
dissentire? Anche le Nazioni Unite, come ho già ricordato, dissentono dalla politica demografica perseguita dal Papa. Anche l'Onu, allora, emette "ruttini" e tratta il Papa come se fosse "scemo" e "fesso", e cioè come, a detta del mio elegante e ficcante
contraddittore, l'avrei trattato io? Non entro nel
merito. Ma una precisazione è dovuta. Farina si
chiede: "Questo è il vertice della cultura laica italiana? E questo che pensa del Papa e del cattolicesimo il Corriere della Seraì". No, niente paura. Non
so a quale caserma Farina sia abituato, ma il Corriere non lo è. Al Corriere ho piena libertà di scrivere
quel che penso e poi di firmare quel che scrivo. E
se una cosa è scritta e firmata da me, è con me che
uno se la deve prendere. Ma non facendomi dire
cose che non ho assolutamente detto.
19 agosto 1997
LA VERGOGNA DEGLI INCENDI
È una vergogna. L'Italia brucia ogni anno di più,
e ogni anno la lasciamo tranquillamente bruciare.
Ogni anno, d'estate, la risibile e vergognosa sceneggiata è la stessa. Si versa qualche doverosa lacrima,
si denunzia l'incuria di ignoti responsabili che non
vengono mai individuati, si dichiara che occorre assolutamente fare qualcosa: ma poi l'estate passa, gli
incendi vengono spenti dalle piogge, e tutto ricade nel letargo. Tra qualche anno si scoprirà che in
percentuale l'estensione della terra bruciata è diminuita. Tante grazie, ci sarà sempre meno da bruciare. Ma per ora è un crescendo. Quest'anno nel solo mese di luglio sono andati in fumo 68.000 ettari di boschi e macchie soltanto in Sicilia, Calabria
e Sardegna. Nei giorni scorsi la Liguria è stata addirittura tagliata in due dagli incendi, girando in
Toscana ho visto fumo e roghi un po' dappertutto, e ho letto con trepidazione di fiamme anche vicino a Positano.
Per stanare il governo quest'anno abbiamo dovuto
aspettare una interrogazione parlamentare dell'onorevole Bonaventura Lamacchia in data 8 luglio (con
fuochi già copiosi e dilaganti) alla quale il Presidente del Consiglio ha risposto che l'origine dolosa di
gran parte degli incendi era indubbia e che occorrevano pene più severe contro i piromani. Certo: occorrono pene più severe. Quanto severe? Nessuno
si spericola. Precisare le pene in un paese di avanzatissima sensibilità buonistica è sempre rischioso.
E la verità è che nessuno sa bene quali siano. A naso dovrebbero valere le pene previste dall'articolo
424 del codice penale (tutti sono invitati a ridere:
da sei mesi a un massimo di due anni!). E vero che
girovagando nella selva oscura di altri articoli ci imbattiamo in pene massime di sette e di cinque anni, variamente riducibili. Ma non risulta che i nostri
magistrati mandino mai nessuno in galera. I pochissimi piro-delinquenti colti sul fatto vengono lestamente rilasciati e rimandati al lavoro di incendiare.
Si capisce che il problema non è solo di punizione degli incendiari ma anche di spengimento degli
incendi. Ma anche a quest'ultimo effetto la situazione è indecorosa e avvilente. All'inizio della stagione degli incendi la Protezione civile disponeva
di otto Canadair, i preziosissimi aerei antincendio.
Di questi otto aerei tre erano in avaria perché durante l'inverno non si era provveduto alla loro normale manutenzione. Di chi la colpa? Come sempre,
di tutti e di nessuno. E ad oggi tutti i responsabi-
li restano al loro posto. I Canadair sono aerei costosi, e anche per questo sono da utilizzare al massimo. Invece no. Per ogni aereo esistono solo due
equipaggi (invece di tre) vincolati a sei ore massimo di volo. Per di più stiamo perdendo (per fare
una pidocchiosa economia) i pochi piloti addestrati che abbiamo.
E questa è solo là punta dell'iceberg. Perché tutto il
settore della prevenzione idrogeologica è sgangherato, mal coordinato e mal funzionante. A quando
una commissione di inchiesta, e poi una autorità
con effettivi poteri di coordinamento e decisione?
In passato l'alibi della colpevole inerzia dei governi era che non duravano abbastanza e che cadevano annualmente con lo stesso ritmo (annuale) degli incendi. Ma lei, Presidente Pròdi, è in carica da
27 mesi e quindi ha lasciato già passare senza vederle
tre stagioni di devastazione. Perché la sua già tardiva promessa di luglio di aumentare le pene è restata lettera morta? Ci vuole davvero tanto a ritoccare un articolo del codice? E parte dei soldi che sta
per buttare al vento per soddisfare Bertinotti perché non li impiega — così dando davvero lavoro e
occupazione - per rinforzare la Forestale, i vigili del
fuoco e organizzare sul serio la difesa del territorio?
E perché non ha già fatto la prima e più ovvia cosa da fare: istituire (come per esempio in Grecia)
una taglia sugli incendiari? Due ore di volo di un
Canadair costano 40 milioni. Sarebbe più intelligente darli a chi segnala i piromani e li fa catturare.
E i Verdi? Questa partita non dovrebbe essere la
loro? Sì, dovrebbe. Ma sugli incendi i nostri Verdi
non si sono mai scaldati. Difendono a spada tratta
l'ambiente contro il raddoppio dell'autostrada del
Sole tra Firenze e Bologna, ma a fronte dell'ambiente che brucia la loro spada non si è mai vista. Sono
soltanto dieci giorni che un Verde, l'onorevole Pecoraro Scanio, si è finalmente mosso con due proposte di legge: una che prevede la delega al governo per la revisione del codice penale in materia dei
"delitti contro l'incolumità pubblica" e l'altra che
propone l'istituzione presso il ministero del Tesoro di un "fondo nazionale per la difesa dei boschi".
Quest'ultima è una proposta che mette il dito su
una ulteriore piaga, e cioè sul fatto che nemmeno
le Regioni fanno il loro dovere.
Dichiara Scanio: "Gli incendi di questi giorni hanno messo in evidenza tutti i limiti delle Regioni. Un
autentico disastro. In Italia le Regioni sono sempre
più enti burocratici di spesa incapaci di controllare il proprio territorio. Nella maggior parte dei casi cercano di sfruttare le calamità per avere soldi".
La teoria del federalismo salvatutto è servita. E il
principio sul quale si basa la proposta Scanio è di
punire chi non attua un buon controllo del territorio detraendo per ogni ettaro bruciato 10 milioni (da
versare sul fondo del Tesoro) dai trasferimenti che
lo Stato destina alle Regioni. L'idea è bellina e sarà subissata, immagino, dalla indignazione dei regionalisti. Lo ridico: è tutto davvero una vergogna.
Possibile che gli italiani odino la natura, che ne vogliano la distruzione? A me, quando vedo boschi
e macchie di vegetazione secolare che bruciano, a
me piange il cuore. Possibile che io sia il solo? Forse ha ragione Giorgio Bocca quando scrive che "i
boschi bruciano, i piromani si moltiplicano perché
l'umanità tra cui vivono non è più degna di rispetto". Ma anche se così fosse, l'irresponsabile negligenza dei nostri governanti deve essere denunziata
con forza. Presidente Prodi, lei ha già gestito, nulla
facendo, tre estati di fuoco, l'una peggiore dell'altra. La prego, ci risparmi la quarta.
15 agosto 1998
SIAMO INCOSCIENTI E SIAMO IN TROPPI
Questa volta il ventesimo secolo si chiude davvero,
e con il primo gennaio 2001 comincia davvero il
ventunesimo secolo. Ma facciamo bene a festeggiare il giro del millennio due volte. Perché se la follia umana non troverà una pillola che la possa curare, e se questa pillola non sarà vietata dai folli che
ci vogliono in incessante moltiplicazione, il "regno
dell'uomo" arriverà a malapena al 2100. Tra un secolo, di questo passo, il pianeta Terra sarà mezzo
morto e gli esseri umani anche.
Chi vuol esser lieto lo sia subito. Perché la certezza del domani è incerta (lo è sempre) per ciascuno
di noi, ma è invece certa per la specie, per l'Homo
sapiens. A meno, dicevo, che non venga sollecitamente scoperta una pillola anti-follia.
Tutti sanno, anche se fanno gli struzzi, che il pianeta
Terra è finito, e che perciò non può sostenere una popolazione a crescita infinita. E la "non sostenibilità"
del nostro cosiddetto sviluppo è ormai sicurissima.
L'unico punto non sicuro della catastrofe ecologica in corso è quello del buco nell'ozono, che ci potrebbe "bruciare" lasciando penetrare i raggi ultravioletti. Questo buco ha raggiunto una estensione
pari a tre volte quella degli Stati Uniti. Ed è importante non solo di per sé, ma anche perché costituisce ad oggi l'unico pericolo che siamo stati in grado di fronteggiare. L'ozono viene distrutto dai gas
usati per la refrigerazione e come propellenti nelle bombole. Non era difficile proibirli, e dopo tredici anni gli effetti di questa proibizione (che risale
al 1987) sembra che si stiano facendo sentire. Però
la persistenza dei gas in questione nella stratosfera
è stata prevista male (si è rivelata maggiore del previsto), e quindi non è sicuro che tra mezzo secolo
il buco nell'ozono non ci sarà più. Comunque, su
questo fronte ci possiamo aspettare un miglioramento. Ma su tutti gli altri ci possiamo solo aspettare peggioramenti.
Cominciamo dall'effetto serra, e cioè dal riscaldamento della Terra provocato dall'anidride carbonica,
dai carburanti e dal carbone. Qui non siamo a nulla.
La Conferenza dell'Aia di questo novembre (2000)
non ha nemmeno ratificato la modesta riduzione
entro dieci anni delle emissioni nocive concordata
nel '97 a Kyoto. Così l'anidride carbonica aumenta sempre più a dispetto del fatto che i suoi effetti
sul cambiamento del clima siano sempre più evidenti e devastanti. Tra questi effetti c'è la crescita
del livello dei mari man mano che i ghiacci polari
S I A M O INCOSCIENTI E S I A M O IN TROPPI |
dell'Antartide si liquefano; ma soprattutto e nell'immediato c'è una diversa piovosità, che da un lato
provoca disastrose inondazioni e dall'altro crea vaste zone di siccità.
Il fatto è che l'acqua è sempre più insufficiente. Già
oggi più di cinque milioni di persone muoiono ogni
anno, nelle zone di alta povertà, perché bevono acqua contaminata. Già oggi oltre un quinto della popolazione mondiale soffre la scarsità di acqua potabile. Nel 2025 si prevede che 2 miliardi di individui non disporranno di acqua bevibile. Si capisce,
possiamo togliere l'acqua all'agricoltura e sfruttarla meglio. Ma non è così che la spostiamo da dove
c'è a dove non c'è. Ed è risibile ritenere che potremo rimediare desalinizzando i mari.
C'è poi la desertificazione o comunque l'erosione
del top soil, della copertura vegetale e organica che
fertilizza il suolo (un accumulo di 2 centimetri che
richiede mille anni). Ad oggi circa 2 miliardi di ettari di terra arabile e da pascolo - un'estensione pari a
quella di Stati Uniti più Messico - risultano degradati. Il che mette a rischio l'alimentazione di circa
un miliardo di bocche da sfamare. E si calcola che
se la desertificazione e degradazione del suolo continueranno al ritmo attuale, tra cinquant'anni l'Africa perderà metà della sua terra coltivata mentre
la sua popolazione salirà (se i più sopravvivessero)
a due miliardi di persone.
C'è infine la distruzione delle foreste. Gli alberi non
solo ossigenano l'aria assorbendo l'anidride carbo-
27
nica, ma salvano anche il top soil frenando lo scorrere delle acque piovane, e per di più aumentano
le riserve di acqua di falda consentendo l'infiltrazione delle piogge nel sottosuolo. Eppure la deforestazione continua alla grande. Abbiamo già perduto i quattro quinti delle foreste che esistevano
prima che l'uomo si dedicasse alla loro distruzione. E quasi metà dell'ultimo quinto è a rischio: che
16 milioni di ettari di bosco (due volte l'Australia)
vengono tagliati ogni anno; una devastazione che
non è certo compensata dalla riforestazione. Anche perché gli alberi tagliati per produrre carta sono ripiantabili; ma non lo sono gli alberi che sono
eliminati (al 60 per cento) da chi cerca nuova terra da coltivare per sfamarsi.
Tutto questo perché? Perché succede? I deserti che
crescono, e i pesci, gli animali, gli alberi, la terra
coltivabile e l'acqua che decrescono, tutto questo
immane insieme di disastri non è certo causato dal
biossido di carbonio, vulgo, dall'anidride carbonica che c'era fino a cinquant'anni fa (che è benefica
e necessaria), ma dal suo sproporzionato aumento;
un aumento a sua volta causato, in ultima analisi,
dalla sovrappopolazione, da una esplosione demografica che ancora nessuno ferma.
Nel 1500 eravamo ancora 500 milioni in tutto; all'inizio del '900 eravamo 1 miliardo e 600 milioni;
oggi siamo 6 miliardi. In un solo secolo la popolazione del mondo si è più che triplicata. L'Unicef denunzia il dramma di 30.000 bambini che muoiono
S I A M O INCOSCIENTI E S I A M O IN TROPPI
ogni giorno di malattie curabili. Non fa dramma,
invece, che ogni giorno la popolazione del mondo
cresca di più di 230.000 persone; il che fa circa 7
milioni al mese, e 84 milioni all'anno. Ogni anno
nascono così più di due Spagne. Di questo passo
nel 2015 saremo già cresciuti di un ulteriore miliardo; e nel 2050 saremo, si prevede, 9-10 miliardi.
Siamo impazziti? Sì, chi asseconda un siffatto formicaio umano deve essere impazzito. Si risponde
che il calo delle nascite nei popoli sottosviluppati
avverrà "naturalmente" (quando? Quando saremo
15 miliardi?) con lo sviluppo economico. Ma assolutamente no. Anche perché l'aumento incontrollato delle nascite è, circolarmente, causa ed effetto di
povertà e di sottosviluppo. E poi, attenzione, quando saremo, in ipotesi, il doppio di oggi (12 miliardi), la Terra vivibile sarà, in ipotesi, la metà di oggi. Non so se il ventesimo secolo sia stato lungo o
corto. Ma temo di sapere che se il giro del millennio non ci farà lestamente aprire gli occhi, il ventunesimo secolo sarà un secolo corto.
31 dicembre 2000
29
L'ALTRA FACCIA DELLA CRESCITA.
LA MALATTIA È LA SOVRAPPOPOLAZIONE
Come mi aspettavo e speravo, il mio fondo di fine
millennio sulla esplosione demografica ("Siamo incoscienti e siamo in troppi", Corriere, 31 dicembre
2000) ha fatto rumore. Lo speravo non solo perché il tema davvero merita "rumore", ma perché le
critiche intelligenti (specie quella di Giorgio Ruffolo su Repubblica) mi danno modo di completare
il mio discorso, così come le critiche sballate (tra le
quali quella di Massimo Fini sul Tempo) mi aiutano a rafforzarlo.
L'obiezione che mi aspettavo è che una spiegazione
monocausale (che fa capo a una sola causa) è sempre
semplicistica e che non è mai esauriente. La causa
primaria, originante, di tutti i mali che oggi affliggono i terrestri e affaticano il pianeta Terra, è davvero
la crescita esponenziale della popolazione? Questa
era e resta la mia tesi. Ma ora la debbo qualificare.
Me lo impongono e consentono i miei critici. So bene che nessun evento può essere ricondotto a una
sola causa. Ma è lecito organizzare la multicausalità
(l'esistenza di molte cause) in un ordine di priorità.
Il che vuol dire che nel mio argomento la sovrappopolazione è causa "primaria" anche se non è in
alcun modo causa esclusiva. Ci mancherebbe altro.
E preciso subito che la più importante causa concomitante è indubbiamente la tecnologia, lo sviluppo
tecnologico. Infatti è la tecnologia che ci consente di
vivere e di sopravvivere in modo innaturale, e cioè
oltrepassando i limiti imposti dalle risorse naturali.
Sino a due secoli fa l'economia si limitava a gestire
i prodotti consentiti dal sole, dall'acqua e dalla fertilità originaria del suolo. Oggi l'economia si fonda
essenzialmente sulla chimica e sulla trasformazione
di risorse naturali in energia: elettricità, carbone, petrolio. E se l'elettricità prodotta dalle centrali ad acqua produce energia pulita, il carbone e il petrolio
producono invece energia inquinante. Dal che si ricava che l'inquinamento tecnologico è una variabile indipendente, un fattore a se stante.
SI, ma anche no. Perché l'entità dell'inquinamento
è pur sempre collegata alla numerosità della popolazione. Massimo Fini rileva che "non sono i cinque
miliardi di uomini del Terzo mondo a provocare
l'inquinamento e tutti i disastri indicati da Sartori, ma il miliardo che vive nei paesi industrializzati. Basti pensare che gli Stati Uniti, che hanno il 4
per cento della popolazione mondiale, producono
il 25 per cento della emissione di gas serra". E così. Ma vediamo meglio.
L'ALTRA FACCIA DELLA CRESCITA. LA MALATTIA £ LA S O V R A P P O P O L A Z I O N E |
Gli Stati Uniti, con una popolazione di circa 280
milioni, emettono annualmente circa 5,5 milioni di tonnellate di anidride carbonica, il che fa più
di 20 tonnellate a persona. L'Unione europea ne
emette circa 3,3 milioni, il che fa 8,5 tonnellate a
persona. Pertanto Stati Uniti ed Europa occidentale producono insieme quasi 9 milioni di tonnellate di inquinamento atmosferico. Il che non toglie
che il resto del mondo ne produca quasi 10 milioni. Dunque anche i poco inquinanti inquinano per
più della metà del totale. Mettiamo che la popolazione mondiale fosse ancora al livello del 1930 di
2 miliardi di viventi. Ne risulterebbe, pareggiando
la tecnologia, che le emissioni di anidride carbonica sarebbero oggi 6-7 milioni di tonnellate invece
di 19 milioni. E dunque la crescita della popolazione c'entra.
Fini confonde due problemi diversi: 1) la diseguale
distribuzione delle colpe, con (2) la colpa di tutti di
essere troppi. Se nel 2020 la Cina arriverà a 1.400
milioni di abitanti, l'inquinamento crescerà di parecchio anche in Cina; e se nel 2020 il continente
indiano arrivasse a 2 miliardi di abitanti, anche lì la
crescita dell'inquinamento sarebbe catastrofica. Per
converso, se la popolazione degli Stati Uniti fosse restata quella che era nel 1930 (123 milioni) l'inquinamento prodotto dagli americani risulterebbe più
che dimezzato rispetto a quello di oggi.
Queste precisazioni mi portano a concordare con
quanto precisa Ruffolo, e cioè che "crescita e tee-
33
nica concorrono, con la popolazione, a provocare
l'insostenibilità dello sviluppo". La differenza tra la
mia tesi e la sua è che io cerco di stabilire una gerarchia di cause, mentre l'argomento di Ruffolo è
equi-causale, equipara "popolazione, più affluenza
(crescita di beni materiali), più tecnologia". Questa differenza non è importante di per sé; ma si riflette, e quindi diventa importante, in tema di rimedi. Per bloccare l'esplosione demografica basta
una pillola (e il favorirne, invece che ostacolarne, la
utilizzazione). Non saprei invece come persuadere
i popoli affluenti a fare marcia indietro e a rinunziare alla loro affluenza. Tantopiù che gli affluenti
vivono in democrazie nelle quali hanno voce in capitolo, e quindi in paesi nei quali chi predica eguale povertà, o comunque rinunzie di benessere, perde le elezioni.
Il povero Fini (mi consenta di commiserarlo, visto
che lui dà di "pazzo" a me) sostiene che occorre "fermare il cosiddetto sviluppo, il cosiddetto benessere". Al povero Fini sfugge che per questa impresa ci
vorrebbe uno Stalin. E quando scopre che "il cibo
di oggi non va dove ce n'è bisogno ma dove ci sono
i quattrini per comprarlo", dovrebbe anche scoprire come si fa a produrre cibo senza costo da regalare a chi non lo può pagare. Perché non prova lui?
14 gennaio 2001
LA TECNOLOGIA CI PUÒ SALVARE?
Il disastro del petrolio che inquina le Galapagos ci
colpisce; il disastro del pianeta Terra no. Ci colpiscono le cose (piccole) che possiamo concretamente
vedere in immagini; ma senza cose visibili e per cose troppo grandi (un insieme di milioni di Galapagos) gli occhi della mente si socchiudono e il pensare serio viene sostituito dal lieto pensare. E così
a me capita di essere rifiutato come "apocalittico".
La fine del mondo, mi assicurano i lietopensanti,
non ci sarà. Certo, non ci sarà se apriremo gli occhi e ci daremo da fare. Ma una "cattiva fine" ci
sarà se daremo retta a chi sa soltanto toccare ferro.
Nostradamus è oscurissimo; ma una delle possibili
decifrazioni delle sue profezie è che il mondo finirà quando la Pasqua cade il 25 di aprile. Dal 1566,
l'anno della morte di Nostradamus, questa coincidenza è già avvenuta quattro volte. La prossima sarà nel 2038. E se in passato non c'era alcun motivo
di sospettare che il mondo fosse in pericolo, per il
2038 quel sospetto è fondatissimo. Lo dico anche
io che l'astrologo deve crepare. Ma per farlo crepare lo dobbiamo ascoltare.
Bisogna sempre sperare e mai disperare. Disperare è
sbagliato perché induce alla rassegnazione, all'inerzia. Ma è altrettanto sbagliato sperare nel miracolo
e, in attesa, fare fìnta di nulla e così non fare nulla. Occorre invece sperare nello sperabile. E qui mi
chiedo in quale misura si può sperare che la tecnologia ci possa salvare. In precedenza ne ho sottolineato le colpe: inquinamento ed effetto serra. L'altra faccia della medaglia è che la tecnologia scopre
anche le medicine che la curano, e quindi che i progressi della tecnologia ne possono curare i danni.
La grande speranza è di costruire una economia
energetica "pulita" che ricava l'energia dall'idrogeno. Ma l'idrogeno deve essere prodotto (esattamente come l'elettricità), e i due metodi conosciuti per
produrlo non risolvono il problema. Il primo modo è l'estrazione dell'idrogeno dal metano. Qui l'inconveniente è che questa trasformazione ha come
sottoprodotto l'anidride carbonica. Inoltre anche il
metano andrà a finire. Il secondo modo è l'estrazione dell'idrogeno dall'acqua per elettrolisi.
Senonché questo procedimento richiede grandi
quantitativi di energia elettrica che oggi è in gran
parte "sporca", e cioè generata da centrali nucleari o da idrocarburi e carbone. Pertanto siamo al
cospetto di un circolo vizioso. Il metodo risolutivo sarebbe, allora, di produrre energia da reazioni
LA TECNOLOGIA CI PUÒ SALVARE? |
di fusione nucleare (una sorta di bomba all'idrogeno controllata). Ma questo è un metodo di incerta
fattibilità. Occorre perseverare. Ma raccontarci che
otterremo sufficiente elettricità dal sole, dai venti e
dalle maree è raccontarci una favola.
Intanto, e in attesa (lunga, almeno un quarto di secolo) di idrogeno in quantità bastevole, è urgentissimo ridurre le emissioni di gas inquinanti e riscaldanti. L'accordo di Kyoto ne prevedeva entro dieci
anni una riduzione del 5,2 per cento. La metà del
necessario per restare all'effetto serra che già abbiamo. E all'Aia i responsabili dell'ambiente non sono
nemmeno riusciti a ratificare il Protocollo di Kyoto. Più irresponsabili di così si muore (appunto).
Intendiamoci. Ai fini del controllo della emissione
dei gas nocivi la tecnologia sarebbe già adeguata. Ma
i costi di questa tecnologia possono essere sopportati — volendo - solo dai paesi affluenti. India, Cina,
Russia (e contorni) vanno a ciminiera libera e non
filtrano nulla. Una stima credibile di un comitato
delle Nazioni Unite è che già nel 2025 (tra appena venticinque anni!) il maggior sviluppo dei paesi
sottosviluppati porterà a moltiplicare per quattro le
attuali emissioni di anidride carbonica. Con tanti
saluti alla tesi che se l'Occidente riducesse i propri
iperconsumi tutto andrebbe a posto.
No. Anche perché l'aumento dei gas inquinanti
è ormai modesto, o comunque in decelerazione,
in Europa, mentre è in accelerazione crescente nel
mondo sottosviluppato o di popolazione crescente.
37
Noi predichiamo lo sviluppo; ma tanto più sviluppo, tanto più inquinamento. Finché non ammetteremo che il maggior sviluppo deve essere neutralizzato da una minore popolazione.
Allora la tecnologia ci può salvare? Sì; ma ci può
anche finire di ammazzare. E ci ammazzerà di certo se accettiamo la formula che il problema non è
lo sviluppo ma il sottosviluppo. A popolazione crescente, sviluppar il sottosviluppo può soltanto produrre un collasso da ipersviluppo.
26gennaio
2001
IL TEXANO TOSSICO
CHE AFFONDA KYOTO
Se ci deve essere un ordine internazionale, oltre che
un ordine civile, pacta sunt servartela, i patti si debbono rispettare. Invece uno dei primi atti del Presidente Bush junior è stato di dichiarare che gli Stati
Uniti si dissociano dagli accordi di Kyoto sulla riduzione dell'inquinamento atmosferico e che, per
lui, "Kyoto è morto". Intendiamoci: tecnicamente
questa non è una violazione di un trattato.
Sul Protocollo di Kyoto esisteva soltanto una firma apposta da Al Gore quando era vice-presidente di Clinton. Una firma contestualmente inficiata
nel 1997 (lo stesso anno) da uno schiacciante voto contrario di 95 a zero del Senato di Washington. Ma quel voto negante era di quattro anni fa,
e nel frattempo l'allarme climatico è esploso. Inoltre, quando un presidente americano davvero vuole qualcosa, si sa che dispone di mille modi per ottenerla. Ma se è proprio il presidente che non vuole, allora un no è no.
Come mai Bush il giovane affonda Kyoto? Per due
motivi. Il primo è l'egoismo nazionale. Il suo dovere prioritario - dichiara - è di tutelare l'economia
e l'interesse degli americani. Domanda: questo interesse è davvero tutelato da un isolazionismo anti-ecologico? Ovviamente no. Ovviamente il clima
non conosce frontiere, ovviamente il surriscaldamento della Terra danneggia tutti, americani inclusi. L'argomento che gli americani devono badare a
se stessi e basta, non è solo squallido; è anche miope. A meno che Bush non pensi di costruire uno
scudo spaziale anche contro i venti e l'inquinamento atmosferico, il male degli altri sarà anche il male degli americani. Pertanto il suo primo argomento serve soltanto a lui per prendere e perdere tempo. Ma abbiamo tempo da perdere?
Qui interviene la linea di difesa sussidiaria del texano tossico: dobbiamo prendere tempo perché ancora non c'è nulla di sicuro. La dottrina dell'egoismo
nazionale si affida così al puntello dello scienziato
che non è mai "certo", che conosce solo probabilità e mai certezze. Ma questo è nascondersi dietro
un dito. Anche se i nostri dati sono imprecisi e per
molti rispetti incerti, anche cosi disponiamo (per altri rispetti) di "quasi-certezze" che è lecito chiamare
certezze. Per esempio, è certo che l'anidride carbonica è in vistoso aumento. È altresì certo che esistono gas riscaldanti. Qui l'incertezza è solo questa: se
il riscaldamento della Terra non derivi anche da altre cause, da cause cosmiche. Ma questa è davvero
IL T E X A N O TOSSICO CHE A F F O N D A K Y O T O |
una ipotesi incertissima. Sappiamo che in lontanissimi passati la Terra si è surgelata, per poi tornare
a scaldarsi. Ma non sappiamo perché. E dunque le
certezze che abbiamo non possono essere cancellate da una incertezza non spiegata.
Pertanto l'argomento del "non siamo del tutto sicuri" non può in alcun modo giustificare il nulla-fare
ecologico di Bush e degli interessi affaristici e consumistici che lui protegge. In verità non abbiamo
scelta. Anche se finissimo per scoprire che la normalizzazione dell'anidride carbonica nell'atmosfera
non basta a normalizzare il clima della Terra, anche
così il non tentare è negligenza suicida. Se ripulire
l'aria è un costo, è un costo che dobbiamo affrontare. E poi il costo della pulizia ecologica è davvero così terribile, è davvero insopportabile? Secondo il nostro ministro dell'Ambiente Altero Matteoli
la pulizia ambientale ci costerebbe 110.000 miliardi di lire: sarebbe una cifra devastante per l'economia? Via. Sarebbe soltanto due-tre volte, il patrimonio di Berlusconi. E dobbiamo anche mettere in
conto, sull'altro versante, i danni economici causati
dai disastri naturali imputabili al cambiamento del
clima. Questi disastri sono aumentati, negli ultimi
dieci anni, di almeno cinque volte, con danni stimati, al minimo, in 50 miliardi di dollari.
Per contentare il texano tossico o, meglio, per sottrargli alleati (Giappone, Canadà, Australia e Nuova Zelanda) gli europei sono stati costretti (Bonn,
luglio 2001) a ridurre la riduzione entro il 2012
41
delle emissioni inquinanti previste dal Protocollo di Kyoto dal 5,2 per cento all'1,8 per cento. Il
5,2 per cento (rispetto alle emissioni del 1990) era
già insufficientissimo. Scendere all'1,8 per cento è
scendere a un livello risibile. Era necessario cercare
di salvare il salvabile. Il che non toglie che il "danno Bush" sia terrificante. Bush ci spiega che lui
non può e non vuole danneggiare gli interessi dei
suoi concittadini. Come se invece a Blair, Chirac,
Schroeder e agli altri leader europei questo supposto danneggiamento faccia piacere. No, combattere
la macchina infernale del consumismo non è facile per nessuno. La differenza è che i leader europei
sono ancora, in qualche misura, leader responsabili, mentre il giovane Bush è un esemplare avanzato
di leader irresponsabile.
Il Presidente degli Stati Uniti si atteggia a padrone
del mondo. Forse lo è. A tanta maggiore ragione il
mondo non lo può perdonare. Vergogna.
9 agosto 2001
RIFLESSIONI SULLA FAME
E SUI POPOLI DI SEATTLE
Salvo contrordini, ai primi di novembre (2001) si
dovrebbe riunire a Roma il vertice Fao (Food and
Agriculture Organization). L'argomento all'ordine
del giorno è la fame nel mondo. Però l'argomento
che più preoccupa il nostro governo è se i popoli
di Seattle — i Seattlisti — scenderanno in piazza anche a Roma, o se a Roma saranno più buoni che a
Genova. Chissà.
Intanto riflettiamo sulla fame. Una condanna antica che non riusciamo a cancellare. Come Veltroni quasi più di ogni altro non si stanca di ripetere,
nelle aree povere del mondo muoiono ogni giorno
30.000 bambini. Il che fa, arrotondando, 11 milioni all'anno. Però Veltroni non ricorda mai l'altra faccia della medaglia, e cioè che ogni anno la
popolazione del nostro piccolo pianeta aumenta di
70-80 milioni di persone. Il che fa un miliardo in
più entro il 2015. Ora, Veltroni ha tutto il diritto di tacere su un problema e su cifre che la Chiesa
non gradisce. Ma il fatto è che sul problema della
sovrappopolazione il silenzio è assordante a tutto
campo. Zitti tutti. Ivi inclusi, e questa è la sorpresa, gli antitutto di Seattle. Tutto da bloccare, ma
la popolazione no?
Riprendiamo il filo dalla fame. Perché c'è, e perché
perdura (a dispetto della Fao)? Per i procreazionisti che vogliono sempre più bambini, la colpa non
è della crescita delle bocche da sfamare ma è della
distribuzione, che è poi una distribuzione che riflette la malvagità dei popoli benestanti. Il loro argomento è che la Terra potrebbe sfamare fino a 10
miliardi di uomini-formica, ma che chi ha cibo in
eccesso non lo cede a chi ne difetta. Chi ragiona così forse pensa che il cibo cresca da solo sugli alberi,
e che alla sua distribuzione provveda senza spesa il
vento. La realtà è, invece, che l'agricoltore lavora e
che il cibo che produce costa. Se lo cedesse gratis
morirebbe di fame anche lui. Dunque, il cibo da
distribuire ai poveri va pagato. Chi lo paga? Per pagarlo in quantità bastevole occorrerebbe che le tasse di chi le paga (non siamo in tanti, e siamo quasi tutti in Europa, Nordamerica, Giappone e poco
più) venissero raddoppiate. E chissà se basterebbe.
Tornando ai popoli di Seattle, notavo che i nostri bravi giovanotti si oppongono a valanga a tutto, ma non (è quasi l'unica eccezione) alla crescita
demografica. Eppure non ha nessun senso opporsi ai cibi transgenici (ai cosiddetti Ogm) se non ci
si oppone al tempo stesso all'eccesso di popolazio-
RIFLESSIONI SULLA F A M E E SUI POPOLI DI SEATTLE |
ne. Perché la realtà delle cose è che senza i "cibi di
Frankenstein" (soia, pomodoro, mais, grano, riso
geneticamente modificati) il Terzo mondo è sempre più destinato a morire di fame.
Una osservazione analoga vale per la povertà. Da
un secolo a questa parte l'America Latina è stata
impoverita, e cioè il reddito individuale è diminuito, soprattutto perché la crescita della popolazione ha superato la crescita dell'economia. Come si
fa, allora, a chiedere meno povertà senza chiedere
al tempo stesso meno popolazione? Appunto, non
si fa, si fa male.
Notavo che il problema della esplosione demografica — che poi sta anche alla base della incombente catastrofe ecologica - è soffocato da un silenzio
assordante, da una congiura del silenzio. I popoli di Seattle sono sicuramente rumorosi. Se rumoreggiassero contro la follia suicida di una corsa verso i 9, persino i 10 miliardi di viventi, darebbero
mostra di capire quel che fanno e servirebbero una
buona causa.
15 agosto 2001
45
LA FAO CI INGANNA
Da domani a mercoledì la Fao — Food and Agriculture Organization — celebrerà a Roma i suoi fasti,
e cioè il suo vertice biennale (previsto per un anno
fa ma rinviato, dopo i fattacci di Genova, a luogo o
momento più tranquillo). L'evento Fao è stato preceduto ieri dalla marcia "Terra e Dignità" (io avrei
proposto "terra e scarsità", ma nessuno mi dà mai
retta) dei no-global e fiancheggiatori. Poi il 12-13
seguiranno azioni dimostrative (speriamo soltanto
dimostrative) contro i marchi multinazionali. Ma
restiamo alla Fao.
Il bilancio annuo della Fao è di poco più di 1.200
milioni di dollari, metà dei quali pagano le spese dell'organizzazione e dei suoi 3.500 impiegati e
funzionari. Per gli aiuti diretti agli affamati restano
così 600 milioni. Briciole. Ma briciole miracolose,
perché la Fao dichiara che il suo intervento riduce
il numero degli affamati di 6 milioni l'anno (rispetto a un totale di 800 milioni). È vero? È proprio
così? Non lo so, e sospetto che nessuno lo sappia.
Quando insegnavo queste cose insegnavo che una
ricerca diventa credibile solo se è replicabile, e cioè
se può essere rifatta con gli stessi criteri da altri ricercatori. Ma per la Fao questo controllo non c'è.
Quali sono i criteri per separare chi soffre la fame
da chi no? E ci possiamo fidare delle statistiche del
grosso dei paesi del Terzo mondo? Manipolando
quei criteri io saprei includere o escludere dal novero degli affamati anche un miliardo di persone.
Ed è certo che molte delle suddette statistiche non
sono attendibili. Sia come sia, come è che la Fao
arriva al suo totale (di presunti sfamati) di 6 milioni? Il computer della Fao è forse l'unico che lo sa.
E il punto è che un valore assoluto (6 milioni) non
corredato da percentuali e da universi di riferimento è un dato insufficiente per definizione.
La Fao prevede che i terrestri aumentino dai 6 miliardi di oggi a 7 miliardi nel 2015, per poi salire a
8 miliardi nel 2030. Questi incrementi demografici sono colossali, e senza ombra di dubbio andranno a disastrare sempre più, e in accelerazione esponenziale, il "sistema Terra".
Eppure tutte queste variabili (e variazioni) non disturbano le proiezioni della Fao. L'anno scorso il
suo Presidente, il senegalese Diouf, dichiarava in
una intervista al Corriere (6 settembre) che anche se
"non cambierà nulla (nei finanziamenti) il numero delle persone che soffrono la fame sarà comunque dimezzato nel 2030". Che strana aritmetica.
LA FAO CI I N C A N N A |
Nel 2030 saremo (proprio per la Fao) 2 miliardi
in più di oggi. E siccome questa dissennata crescita avverrà soprattutto in Africa, è plausibile che i
moribondi di fame di oggi (800 milioni) saliranno
complessivamente a 2 miliardi e passa. Leva i 128
milioni sfamati a colpi di 6 all'anno dalla Fao, siamo pur sempre al cospetto di un vertiginoso incremento. Altro che dimezzamento!
La semplice verità è che la fame (e ancor prima la
sete) sta vincendo, e che vincerà sempre più, perché
ci rifiutiamo di ammettere che la soluzione non è
di aumentare il cibo ma di diminuire le nascite, e
cioè le bocche da sfamare. La Fao, la Chiesa, e altri ancora, si ostinano a credere che 6-8 miliardi di
persone costituiscano uno sviluppo "sostenibile".
Invece costituiscono uno sviluppo perverso e "insostenibile". Oramai più mangianti si traducono
automaticamente in più affamati. E in un ecosistema in collasso che non li può sostenere i bambini
che muoiono li ha sulla coscienza chi li fa nascere.
9 giugno 2002
49
UNA CORSA INSENSATA E PERDENTE
Una proiezione delle Nazioni Unite di dieci anni
fa indicava che un tasso di prolificità costante (ai livelli del 1992) avrebbe teoricamente prodotto una
popolazione terrestre, nel 2150, di 694 miliardi di
persone (vedi J. E. Cohen, Quante persone possono
vivere sulla terra? p. 29). Sì, non scherzo: quasi settecento miliardi di uomini-formica (il conto è presto fatto: una crescita di 130 volte nell'arco di 160
anni). Ovviamente questa proiezione non è una previsione. Una proiezione è soltanto una estrapolazione; e in questo caso non ha nessun valore predittivo. Perché un tasso di prolificità costante ci porterebbe a 22 miliardi già nel 2050; e quindi già allora
la partita potrebbe essere chiusa con Terra e terrestri insieme al cimitero.
Tra i 6 miliardi di oggi e i 22 sopra ipotizzati a quale livello la Chiesa vorrà ammettere che siamo in
troppi e che occorre intervenire? È diffìcile rispondere perché se la contraccezione è peccato, allora è
peccato sempre, a prescindere da quanti siamo. Sarebbe peccato anche se fossimo 700 miliardi. Però
la Chiesa distingue tra peccati capitali e peccati veniali, peccati sorvolabili. La contraccezione è diventata un peccato capitale (non parlo con proprietà
teologica, beninteso) con l'enciclica Humanae vitae
di Papa Paolo VI del 1968. Questa enciclica nacque dal nulla, fu una sorpresa. L'Humanae vitae era
stata preceduta da tre anni di lavoro di una commissione vaticana nominata dal Papa la quale aveva
concluso che il divieto di contraccezione non poteva essere ricavato né dalle Sacre Scritture né dalla tradizione, teologia e legge naturale della Chiesa. Questa "apertura" spaventò la Curia, e l'allora
potentissimo cardinale Ottaviani convinse il Papa
a disattendere le raccomandazioni dei suoi esperti. Ma se è bastato un cardinale Ottaviani per incastrare la Chiesa in una morta gora, forse un nuovo Papa può bastare a disincagliarla. Gli atti della
commissione sul controllo delle nascite degli anni
'60 (il cui segretario fu un domenicano svizzero, padre Henri de Riedmatten) sono sempre riesumabili. Giacciono negli archivi vaticani.
Nel frattempo la Chiesa di Papa Wojtyla ha trovato un sostegno, o meglio una via di uscita, nella tesi che la crescita demografica troverà un suo naturale punto di equilibrio e di arresto con l'educazione e lo sviluppo. Il noto e bravo missionario Piero
Gheddo mi controbatte così: "La Chiesa dice: aiutiamo i poveri a svilupparsi e diminuirà anche la
U N A CORSA INSENSATA E PERDENTE |
loro crescita demografica. L'educazione unita allo sviluppo è il solo metodo che funziona" (Corriere del 20 giugno). Purtroppo no. Padre Gheddo si
dimentica di precisare che i demografi prevedono
che l'arresto "naturale" della crescita avverrà quando saremo 10-12 miliardi. E allora sarebbe tardi (a
prescindere dal fatto che questo arresto "naturale"
non è mai del tutto naturale).
Già oggi, a livello di 6 miliardi, siamo al limite di
rottura degli equilibri ecologici. L'avvelenamento
dell'aria è pericolosamente crescente anche a popolazione costante. Figurarsi quando entreranno in
campo 1 miliardo e 500 milioni di cinesi "sviluppati" che sostituiscono la bicicletta con l'automobile.
Presto la Cina inquinerà e surriscalderà l'atmosfera
più degli Stati Uniti. A un altro estremo prendiamo la Nigeria, il più popoloso Stato africano (largamente popolato, al 40 per cento, da cristiani) che
nel 1950 aveva 33 milioni di abitanti, e che ne avrà,
si prevede, 250 milioni nel 2050. A quel momento i nigeriani saranno più ricchi e istruiti? No. Con
ogni probabilità saranno più poveri e sottosviluppati che mai: il caso di uno sviluppo che è soltanto
perverso, soltanto a somma negativa.
Il dilemma è cornuto. Se lo sviluppo virtuoso (di
padre Gheddo) riesce, allora il mondo umano distruggerà il mondo naturale: l'inquinamento diventa insostenibile, il clima ne viene sconvolto, la desertificazione avanza, l'acqua non basta. E se, invece,
lo sviluppo virtuoso non riesce, allora resta solo un
53
crescendo di prolificità che equivale a un crescendo
di morti di fame. Nel qual caso, scrive Paolo Sylos
Labini nel suo Sottosviluppo, "prevenire la nascita
di... milioni di esseri umani destinati a soffrire nei
modi più gravi è un atto di carità laica". E in entrambe le ipotesi siamo al cospetto di uno sviluppo
non-sostenibile, di una corsa insensata e perdente.
25 giugno 2002
LA CRESCITA DEMOGRAFICA
NON SI FERMA DA SOLA
Tempo fa ricordavo scherzosamente su queste colonne la profezia di Nostradamus che il mondo finirà quando Pasqua cadrà un 25 aprile. La prossima
volta avverrà nel 2038. Ora il Wwf (World Wildlife
Fund), che è la più autorevole organizzazione ambientalista, lancia un nuovo drammatico allarme: di
questo passo al pianeta Terra e ai suoi abitanti restano cinquant'anni di vita. Davvero bravo il nostro
Nostradamus: forse lui lo sapeva da cinque secoli.
La diagnosi è irrefutabile: la Terra è troppo sfruttata, troppo "consumata". Dal che si dovrebbe ricavare che la colpa primaria è dei troppi consumatori, del fatto che siamo in troppi a consumare. Ma
il Wwf questo non lo dice. Dice invece che il collasso in corso è dovuto, in primo luogo, agli stili
di vita dissennati dei paesi più ricchi, al fatto che
il "peso sull'ambiente" dei consumatori occidentali è di quattro volte maggiore di quello di tutti gli
altri. Però attenzione: questa disparità di danno è
di oggi, e cioè si applica a 6 miliardi di viventi. Ma
nel 2050 il Wwf prevede che saremo 9 miliardi; e
questo incremento sarà quasi tutto extra-occidentale. Pertanto a quel momento i macro-consumatori "spreconi" saranno ancora soltanto 1 miliardo, mentre i micro-consumatori (che consumano
meno, ma pur sempre consumano) saranno diventati 8 miliardi. A quel momento, allora, il collasso ambientale non sarà più colpa degli occidentali
ma della prolificità.
Con questo non difendo lo spreco, e tantomeno difendo la politica ecologico-demografica del Presidente Bush (che ritengo vergognosa). Però ci dobbiamo chiarire le idee. La crescita e il surplus di
ricchezza dei paesi ricchi sono oggi legati al loro
consumismo. Gli Stati Uniti tremano ogni qual
volta la consumer confidence, la fiducia del consumatore, si incrina. E la parola d'ordine dello sviluppo economico è di stimolare i consumi. Male?
Sì, forse malissimo.
Ma la macchina gira così. E se la fermiamo denunciando il consumismo, anche la crescita economica
rallenterà. I paesi ricchi si troveranno a essere meno
ricchi. Con tanti saluti, in tal caso, agli aiuti ai paesi
poveri. I paesi ricchi non sono governati da despoti illuminati; sono democrazie il cui demos chiede
benefìci per sé. Pertanto al detto, the economy, stupidi dobbiamo affiancare il detto, this is democracy,
stupidi (questa è democrazia, stupidone). E dunque
il discorso dei ricchi che pagano i poveri e la loro
LA CRESCITA D E M O G R A F I C A N O N SI F E R M A DA SOLA |
moltiplicazione non quadra. Impostato così, il problema è insolubile e ci scappa sempre più di mano.
"Dobbiamo inventare una soluzione... Abbiamo
dalla nostra la scienza e la tecnologia" scrive (ieri)
Edoardo Boncinelli, anche lui (come tantissimi altri) bravissimo nell'auspicare soluzioni "di fantasia"
che non sa trovare. Eppure la soluzione c'è. Come
qualsiasi persona di normale e libera intelligenza (libera da paraocchi ideologici o religiosi) capisce benissimo, il nostro problema è di esplosione demografica; dal che consegue che per sopravvivere come genere umano la dobbiamo bloccare.
Ma la dobbiamo bloccare subito e intervenendo attivamente, oppure dobbiamo aspettare che si fermi
da sola? La Chiesa di Papa Wojtyla ci raccomanda di aspettare la fine "naturale" di questa crescita.
In materia il Papa non è protetto (per la dottrina
stessa della Chiesa) da infallibilità. Pertanto non
c'è offesa nel ritenere — come ritengo — che il Papa
sbaglia e si sbaglia.
A parte il fatto che non possiamo aspettare che la
crescita arrivi, prima di stabilizzarsi, ai previsti 1012 miliardi di viventi, il punto è che la stabilizzazione demografica non è mai "naturale". E vero
che esiste una indubbia correlazione tra educazione e indipendenza delle donne da un lato, e diminuzione dei loro bambini dall'altro. Ma perché?
Una correlazione non stabilisce nessun rapporto
di causa-effetto. Esiste anche una fortissima correlazione tra l'arrivo delle rondini e l'arrivo della pri-
57
mavera, il che non significa che le rondini "causano" la primavera.
Citando Amartya Sen, Paolo Mieli (Corriere del 28
giugno 2002) scrive che "sono l'educazione, la democrazia e la modernità che sconfìggono la natalità selvaggia... Non altro". Come non altro? A dirla
così sembrerebbe che l'educazione e la modernità
riducano la fertilità. In realtà le donne modernizzate sono tanto fertili, volendo, quanto le donne premoderne. Il punto è, allora, che una donna istruita
sa usare i contraccettivi meglio di una donna analfabeta. Ma sempre i contraccettivi deve usare. Se
non li usa anche la sua può essere natalità selvaggia,
anche lei può generare venti figli. Pertanto l'argomento che a un certo punto dello sviluppo la moltiplicazione dei bambini si fermerà da sola è falso.
Il calo delle nascite che avviene nei paesi sviluppati non è spiegato da cause naturali, ma dalle pratiche contraccettive che la Chiesa condanna come
"innaturali". La crescita degli umani non è mai fermata dalla natura.
11 luglio 2002
L'ACQUA MANCA COME SI SAPEVA
In parecchie regioni del Sud, ma specialmente in Sicilia, manca l'acqua. E, specialmente in Sicilia, una
situazione gravissima, drammatica. Di chi la colpa?
Di un malgoverno scandalosamente infiltrato dalla mafia? Oppure della siccità? E, terza domanda,
la crisi dell'acqua si poteva prevedere?
Cominciando dall'ultima domanda la risposta è: sì,
questa crisi si poteva prevedere e la previsione era
certa, certissima. L'incertezza era solo sul quando,
su quando sarebbe avvenuta la congiunzione tra
l'imprevidenza del malgoverno e una bassa piovosità. Dal che deriva la domanda cruciale: se la previsione era certa, perché è stata ignorata?
Scaricare la colpa sulla siccità è risibile e vergognoso. A Palermo non si sa che le siccità capitano? Una
arsura analoga era già capitata 70 anni fa. E a Palermo si dovrebbe anche sapere che una eguale siccità
avrebbe prodotto, oggi, effetti enormemente aggravati dall'aumento della popolazione (che in Sicilia
c'è stato) e dalla correlativa crescita del suolo agricolo a irrigazione intensiva. Comunque sia, era sicuro, sicurissimo, che la crisi dell'acqua sarebbe arrivata. Eppure nessuno si è mosso, né in Sicilia né
altrove, per allacciare gli invasi e per riparare una
rete idrica ridotta a un colabrodo che perde quasi
metà dell'acqua che dovrebbe trasportare.
Lasciando la Sicilia e allargando il discorso, il fatto è che l'acqua è sempre più insufficiente in molte
aree del mondo. Una scarsità aggravata dall'impoverimento irreversibile delle falde acquifere sotterranee. In Italia il problema è ancora, in larga misura, di distribuzione. Altrove è proprio di mancanza: l'acqua proprio non basta. Si calcola che per i
6 miliardi di viventi ai quali siamo arrivati occorrerebbe già un 20 per cento di acqua in più. Molti
dei grandi fiumi asiatici sono allo stremo. Il Gange e lo Yangtse rischiano di non arrivare più al mare (come è già successo con il fiume Colorado negli Stati Uniti). In Cina le falde acquifere del Nord
si sono abbassate, in trent'anni, di 37 metri, e dal
1990 scendono di 1,5 metri all'anno. Il mare interno di Arai, dell'Asia centrale, ha già perduto metà
della sua estensione. Il lago Ciad era una volta il sesto più grande lago del mondo, ora ha perso quasi
il 90 per cento della sua superficie e sta agonizzando. E si tratta di un lago che disseta 22 milioni di
persone e che è fondamentale per il Ciad, il Camerún, la Nigeria, il Niger.
Eppure il collegamento tra l'acqua che manca e la
L'ACQUA M A N C A C O M E SI S A P E V A
popolazione che cresce viene, al solito, sottaciuto.
Il problema dell'acqua è trattato dagli organismi internazionali — Onu in testa — come un problema di
distribuzione. L'acqua basterebbe se fosse ben distribuita. Poveri noi. In Italia l'acquedotto pugliese
è tutto sforacchiato, perde un 40 per cento dell'acqua che trasporta. In Sicilia l'acqua viene rubata nel
corso del suo cammino. E si tratta di poche centinaia di chilometri. Vorrei davvero vedere cosa succederebbe ai migliaia di chilometri di acquedotti
da installare in Africa e affidati a una manutenzione, immagino, tribale. Chi ci racconta che il problema della crisi idrica si risolve trasportando l'acqua a giro per il mondo non è una persona seria.
L'unico discorso serio è di risparmiare l'acqua destinata all'agricoltura. Perché circa il 70 per cento
dell'acqua dolce di cui la Terra dispone va in irrigazione. A questo riguardo il miracolo è Israele, che
ha inventato per gli agrumi la irrigazione a goccia.
Ma l'alta tecnologia idrica presuppone una società
altamente scolarizzata. Gli assetati delle zone aride
del mondo sono, invece, analfabeti. Per loro si può
pensare, tutt'al più, a sostituire i prodotti agricoli
affamati di acqua con piante che crescono nel deserto, per esempio il cactus e specialmente il fico
d'India. Il guaio è che il fico d'India fruttifica per
poco più di un mese. Gli israeliani stanno cercando di farlo fruttificare tutto l'anno con una fertilizzazione forzata e attentamente dosata. Il che torna
a dire che quel che riesce agli israeliani non riusci-
6L
rebbe, probabilmente, a chi li vorrebbe copiare. In
ogni caso, soprawiveremo "cactifìcandoci"? E molto dubbio. E poi che brutto avvenire!
Tornando all'acqua, oggi (si è detto sopra) ce ne
manca già un 20 per cento. Il World Water Symposium stima che se nel 2050 saremo 8 miliardi - come si prevede — questo aumento demografico comporterebbe un aumento del 17 per cento dell'uso
dell'acqua. Il che significa, tirando le somme, che
tra poco più di venti anni due terzi della popolazione mondiale sentirà il morso, in un modo o nell'altro, della crisi idrica. Di fronte a questi dati, come
si fa a sostenere che il problema è soltanto un problema di spreco e cattiva distribuzione?
18 luglio 2002
IL RISCALDAMENTO DELLA TERRA
SCONVOLGE IL CLIMA
Abbiamo avuto, quest'anno, più caldo del solito? Le
misurazioni dicono di sì. Così come ci dicono che
il clima è sempre più instabile ed esagerato. Più caldo, più freddo, più temporali devastanti, più alluvioni. In Italia l'agosto è stato, finora, selvaggio; e
prima giugno è stato eccezionalmente torrido e luglio eccezionalmente piovoso. Non accadeva da 200
anni. Il che vuol dire che non accadeva da quando
caldo e piogge vengono misurati.
Ci dobbiamo allarmare? Sicuramente sì. Non siamo al cospetto di bizzarrìe climatiche che ci sono
sempre state. Siamo invece al cospetto di una tendenza costante di riscaldamento della Terra. La migliore spia di questo trend sono i ghiacciai, che evidenziano il più grande disgelo dalla fine delle glaciazioni. Lo spessore e la superfìcie della calotta
polare artica (Polo Nord) si stanno paurosamente
riducendo. Nel secolo scorso i ghiacciai del Monte
Kenya hanno perso il 92 per cento del loro volu-
me, quelli del Kilimangiaro il 73, e i nostri ghiacciai alpini il 50. E la domanda cruciale è se questo
riscaldamento sia imputabile a cause umane (l'effetto serra dell'inquinamento atmosferico) oppure
a cause naturali.
I sostenitori delle cause naturali fanno presente che
la Terra è già passata molte volte da periodi di surriscaldamento a periodi di raffreddamento. Senza retrocedere di centinaia di milioni di anni, circa
10.000 anni fa la Tasmania era unita all'Australia
e l'Inghilterra era attaccata all'Europa. Poi lo scioglimento dei ghiacci alzò il livello dei mari, creò
la Manica e trasformò la Tasmania in un'isola. In
tempi più vicini, il nostro Medioevo fu particolarmente caldo tra il 1100 e il 1400 (allora i Vichinghi coltivavano in Groenlandia), mentre il periodo
1450-1850 fu di raffreddamento. Dunque il clima
può cambiare da sé. Ma non sappiamo perché. E
se non sappiamo perché, come si fa a sostenere che
anche il riscaldamento del nostro tempo è dovuto
a ragioni cosmiche? Questa è pura congettura. Una
congettura che non è sostenuta da nessuna prova.
Difatti una preponderante maggioranza della comunità scientifica ritiene che ci stiamo scaldando per colpa nostra. Chi ne dubita - ripeto - lo fa
con l'argomento che è già successo in passato: il che
non prova nulla.
E lecito dubitare, invece, della precisione delle previsioni. Quali saranno la grandezza e la velocità del
riscaldamento, e quindi l'entità delle conseguen-
IL RISCALDAMENTO DELLA TERRA SCONVOLGE IL CLIMA |
ze che andrà a produrre? I modelli di simulazione con i quali cerchiamo di prevedere le variazioni del clima sono molto complessi. Giustamente le
loro previsioni sono a ventaglio: variano (nelle stime dell'International Panel on Climate Change,
sponsorizzato dall'Onu) da un aumento, in questo
secolo, tra l'I,4 e i 5,8 gradi centigradi. Ed è inutile dibattere su quale previsione risulterà azzeccata.
Siccome non lo sapremo mai in tempo utile, qui
vale una logica prudenziale per la quale il non fare
nulla per bloccare il nostro gassarsi e moltiplicarsi
è sicuramente stupido.
Se il riscaldamento fosse naturale, allora saremmo
fritti, perché un mondo "naturalmente", e perciò
irresistibilmente sconvolto da un clima che può
addirittura cancellare i monsoni e che ci dà troppa
acqua oppure zero acqua non potrà certo sostenere i 9-10 miliardi di viventi che Bush, il Vaticano
e altri irresponsabili ci stanno regalando. Ma se il
riscaldamento fosse umano, prodotto da noi e dai
troppi esseri umani, allora se interveniamo con risolutezza ci possiamo ancora salvare.
15 agosto 2002
65
TUTTI A JOHANNESBURG TRANNE
IL BUONSENSO
Oggi i sessantamila di Johannesburg si riuniscono
per salvare la Terra. Li seguono cinquemila giornalisti (basteranno?). E quindi nei prossimi nove
giorni saremo tutti rintronati da valanghe di messaggi che ci lasceranno, temo, più confusi che mai.
I sessantamila concedono che la Terra sia ammalata. Fanno anche fìnta di sapere perché. Ma non è
vero. Non lo sanno; o se lo sanno non lo vogliono
dire. Ai sempliciotti come me sembra ovvio che la
Terra è ammalata, in primissimo luogo, perché è
troppo piccola per una popolazione troppo grande
(e in continua demenziale crescita). Ma per i sessantamila sofisticatissimi cervelli di Johannesburg
questa è una diagnosi troppo semplice. E per di più
una diagnosi sacrilega. Tantovero che nel loro dire la parola "popolazione" ed espressioni come "sovraccarico demografico" sono rigorosamente bandite. Leggere per credere.
Colin Powell, il segretario di Stato americano, di-
tirambeggia così: "Gli Stati Uniti sono impegnati a costruire un mondo nel quale i bambini possano crescere al riparo dalla fame, dalle malattie e
dall'analfabetismo... un mondo di speranze che si
avverano per tutti i figli di Dio". E diffìcile esibire una retorica più vuota e più sfrontata. Sfrontata
perché Powell parla in nome e per conto di un presidente che nemmeno ratifica gli accordi di Kyoto
su una modestissima riduzione dell'inquinamento
atmosferico.
Nitin Desai, il vice del segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, che capeggia il summit di
Johannesburg, dichiara che "abbiamo ancora molto da fare per proteggere gli oceani, fermare l'avanzata dei deserti, portare acqua potabile...". Ancora molto da fare? Che faccia tosta! La verità è che
abbiamo tutto da fare, visto che nei dieci anni trascorsi tra Johannesburg e il precedente summit di
Rio de Janeiro del 1992 tutti i suddetti problemi
si sono ingigantiti.
La Banca mondiale prevede per il 2030 un mondo
di sterminate bidonvilles malsane, assetate, oscurate dall'inquinamento, irrespirabili, dove si affolleranno 6 miliardi di persone, più un altro miliardo
e mezzo di affamati nelle campagne (su un totale
complessivo di 9 miliardi). Quale il rimedio? Al solito, la favola miracolistica di cambiare "modelli di
sviluppo e produzione". Dulcis in jundo, il nostro
ministro dell'Ambiente Altero Matteoli è ottimista
perché "c'è una maggiore consapevolezza che fame,
TUTTI A J O H A N N E S B U R G T R A N N E IL B U O N S E N S O |
povertà e ambiente sono correlati". Correlati con
cosa? Con la sovrappopolazione? Non sia mai detto.
Non sia mai detto nemmeno per il guru più guru di
tutti, il premio Nobel indiano Amartya Sen. Tempo fa esaltava l'India come uno straordinario successo di crescita simultanea di popolazione e produzione agricola. Ora sull'India tace, forse perché
gli hanno spiegato che la sua madrepatria sta esaurendo, con uno sfruttamento selvaggio, le sue falde acquifere e che rischia una immane catastrofe
idrica. Imperterrito, il Nostro rilancia. Non solo
"non si può guarire il pianeta Terra senza risolvere
il problema di fondo di fame e povertà". Aggiunge anche che non basta definire lo sviluppo "puramente in termini di soddisfacimento dei bisogni".
No, occorre anche adottare "la prospettiva più vasta
dell'incremento della libertà umana". Come si fa a
non applaudire? Finito l'applauso, viene in mente
che agli esordi della Rivoluzione francese Marat si
chiedeva: "A che serve la libertà politica a chi non
ha il pane?". Già, illustre professor Sen, a che serve?
Inutile continuare a citare. Il coro è sempre lo stesso ed è un coro che recita un ingannevole libro dei
sogni. Io non mi auguro - come leggo in un titolo
del Foglio — che il carrozzone di Johannesburg fallisca. Il dramma è che nasce morto. Il toro va preso per le corna, mentre la grande armata dei sessantamila lo tira per la coda. Come ha ben ribadito
l'altro giorno (Corriere del 20 agosto) Alberto Ronchey, se non si parte dalla premessa che "ogni svi-
69
luppo sostenibile presuppone l'urgenza di affrontare
la prospettiva dell'inflazione umana", e che "la questione primaria e pregiudiziale per la salute futura
del pianeta è la demografia", allora tutto il nostro
fare si trasforma in malfare. Perché il vangelo dello sviluppo a oltranza può solo aggiungere ai danni ecologici prodotti dal mondo industriale avanzato, gli ancor più smisurati danni ambientali prodotti da un mondo preindustriale sovrappopolato
che si sviluppa bruciando foreste (Indonesia) e carbone (Cina). Altro che Homo sapiens sapiens. A Johannesburg si celebrano, semmai, i fasti dell'Homo
stupidus stupidus.
26 agosto 2002
SMETTIAMOLA DI VENDERE PANZANE
Il fiasco del summit di Johannesburg — già lo scrivevo il 26 agosto — era sicuro, era scontato. Ma anche
un fiasco può servire se insegna qualcosa. E Johannesburg insegna che i mega-baracconi, i macro-carnevali, devono finire. Oramai fanno molto più male
che bene. In difesa di Johannesburg si è scritto che
ha avuto il merito di sensibilizzare l'opinione pubblica mondiale sulla "emergenza Terra". Davvero?
A me sembra, piuttosto, che Johannesburg abbia
funzionato da oppiaceo, da tranquillante. Se tante
eccelse menti convengono che i problemi possono
essere rinviati a soluzioni a venire di dieci, venti o
anche cinquanta anni, il messaggio è che l'emergenza Terra è prematura e che per ora tutto può continuare come prima.
Il solo successo concreto del summit è stato di aver
risuscitato, a dispetto del Presidente Bush, l'accordo
di Kyoto del 1997 sull'inquinamento atmosferico.
Ma questo successo ha soltanto un valore simboli-
co. Kyoto impone una riduzione del 5,2 per cento dei gas serra entro il 2012. In realtà questa riduzione è solo il rallentamento di una crescita. Ci
occorre molto, molto di più. Nel suo L'ambientalista scettico il danese Bjorn Lomborg (uno statistico) sostiene molte tesi pierinesche. Ma ha ragione
sul punto che le riduzioni di Kyoto non risolvono
niente e che l'inquinamento che più occorre combattere proviene dalle polveri sottili del carbone.
Intanto l'inquinamento è già gravissimo. Nelle scorse settimane ci è stato rivelato che da circa sei anni
una enorme nube marrone sovrasta i cieli dell'Asia
(India, Cina e dintorni), che cresce, e che già danneggia l'agricoltura e altera pericolosamente il clima. Ma anche noi, in Europa e in Italia, abbiamo
la nostra nuvola, il nostro smog. Uno smog che ci
avvelena sempre di più. Le centraline di rilevazione delle varie città italiane hanno segnalato livelli
di allarme tutta l'estate, mentre le automobili villeggiavano altrove. Il rimedio? Il rimedio è stato di
non dirlo. E ora che le automobili e i motorini rientrano alla base, il ministro dell'Ambiente Matteoli ci fa sapere che le domeniche a piedi non servono a niente. Nemmeno servono a niente, a quanto pare, i temporali che dovrebbero pulire l'aria e i
venti che dovrebbero disperdere i veleni che respiriamo in città.
E allora, ministro Matteoli? A prescindere dalla crescente scarsità di bel tempo, noi respiriamo male e
di questo passo i nostri figli vivranno (ed eventual-
SMETTIAMOLA DI V E N O E R E P A N Z A N E |
mente moriranno) respirando aria irrespirabile. Lasei stare le risibili promesse di Johannesburg, e ci
dica subito, ora, che cosa si deve fare in Italia per
la salvaguardia dei nostri polmoni. A Johannesburg
Berlusconi ha promesso che aumenterà il contributo italiano al Terzo mondo istituendo una detassazione. Lasci stare, Presidente. Non butti via soldi. Li investa, piuttosto, nella respirabilità dell'aria
delle nostre città.
In attesa rivediamo il problema. Per le persone di
normale buonsenso il problema è che la Terra è
malata di sovraconsumo: noi stiamo consumando
molto più di quanto la natura può dare. Pertanto
a livello globale il dilemma è questo: o riduciamo
drasticamente i consumi, oppure riduciamo altrettanto drasticamente i consumatori. Johannesburg
è l'ennesima conferma del fatto che la via alla riduzione dei consumi non è percorribile. Resterebbe,
allora, l'altra via. Ma la via del controllo delle nascite fu bloccata alla conferenza sulla popolazione de
Il Cairo del 1994 da una strana alleanza tra Chiesa, Cina e femministe (ed è oggi bloccata dal molto devoto Presidente Bush). Come ne usciamo? La
risposta è che ci salverà la tecnologia, e cioè che la
tecnologia può curare i mali che produce.
Vero o falso? In astratto può essere vero. Cioè è vero che la tecnologia può moltiplicare le risorse (anche se non all'infinito). Ma in pratica la tesi degli
"sviluppisti" che chiedono la salvezza alla tecnologia è falsa, falsissima. L'uomo può colonizzare la
73
Luna? Sì, tecnologicamente è possibile ma praticamente è insensato. La tecnologia può trasformare l'acqua salata in acqua potabile? Sì, ma a un costo proibitivo. E così via. Se ci salveremo non sarà
con la tecnologia ma con un ritorno all'intelligenza. Anche se per ora, scrivevo, sta vincendo YHomo stupidus stupidus.
8 settembre 2002
IL PROBLEMA È LA BOMBA DEMOGRAFICA
Il 2002 è andato male per chi racconta che tutto va
bene. Quest'anno il maltempo, l'aumento del tempo cattivo, è stato di tutta evidenza. Così tutti cominciano ad avvertire che il clima sta cambiando,
e che sta cambiando rovinosamente. I "tranquillisti" ci tranquillizzano ricordandoci che il clima è
sempre stato variabile, a volte buono, a volte no.
È vero; ma il peggioramento del clima è ormai costante, è ormai un trend. Nubifragi, inondazioni e
siccità non sono certo novità; ma e nuova la loro frequenza, la loro accelerazione.
Negli ultimi dieci anni il numero di eventi meteorologici estremi è balzato da 360 a più di 700 (il
calcolo è della Organizzazione mondiale di meteorologia dell'Onu). Del pari, i grandi eventi alluvionali del mondo sono stati sei negli anni '50, 18
negli anni '80, 26 negli anni '90 (calcoli della Geoscienze di Monaco). Inoltre piogge e siccità si spostano. In Italia la forbice tra piogge disastrose e sic-
cità è crescente: il che mette a rischio una metà della nostra agricoltura.
Questi i fatti. Sono contestabili? Ormai sempre meno. Ma come si spiegano? Su questo fronte i tranquillisti si trasformano in fatalisti. Ammesso, come
ormai ammettono, che il clima sta peggiorando, la
loro spiegazione è che il trend riscaldante dipende
da cicli cosmici. Ma se è vero che la Terra si è sempre scaldata e poi raffreddata, è anche vero che non
abbiamo mai scoperto perché. E se le cause cosmiche sono soltanto una congettura per il passato, allo stesso titolo lo sono per il presente. Anzi, per il
presente questa congettura è davvero poco credibile.
Perché nel passato i cicli di glaciazione e di riscaldamento sono stati lentissimi, mentre il nostro cambiamento climatico è veloce. Dal che consegue che
deve essere attribuito a un fattore nuovo. Di questo fattore - il cosiddetto effetto serra - sappiamo
ormai parecchio. E sappiamo con certezza che questo effetto serra - con tutti i malanni che ne derivano — è prodotto dall'uomo.
Siamo noi i responsabili dello sfascio del nostro pianeta. Ma "noi" chi? Noi come? Per via dell'eccesso di popolazione? Per colpa di un eccesso di consumismo? O perché la tecnologia che ci salva è anche una tecnologia che ci distrugge?
Il discorso comincia con Malthus, che alla fine del
Settecento enunciò nel suo celebre Saggio sulla popolazione tre principi. Primo, che la crescita della
popolazione era frenata dal fatto che i poveri mo-
rivano di fame (morivano davvero, non figurativamente). Secondo, che altrimenti la popolazione si
sarebbe raddoppiata ogni 20-25 anni, il che comportava una crescita in progressione geometrica (1,
2,4, 8, 16...). Terzo, che l'agricoltura, e cioè il cibo,
non poteva crescere allo stesso ritmo ma soltanto
in progressione aritmetica (1, 2, 3, 4 ...). Pertanto,
il buon abate Malthus raccomandava il controllo
e la limitazione delle nascite: la dottrina che viene
appunto detta malthusiana.
Le previsioni di Malthus erano sbagliate? In parte
sì, ma in parte no. Ai suoi tempi la Terra era abitata da 1 miliardo di persone. Due secoli dopo siamo arrivati a 6 miliardi. L'aumento non sarà stato in progressione geometrica, ma poco ci manca;
e poi nemmeno Malthus prevedeva che lo sarebbe stato, visto che metteva in conto un crescendo
di poveri che morivano di fame. La previsione sbagliata era quella sul cibo. Malthus scriveva agli albori della rivoluzione industriale, e la rivoluzione
tecnologica che avrebbe moltiplicato a dismisura
la resa dell'agricoltura non era nemmeno alle viste.
A questo effetto la sua contabilità non poteva non
essere sbagliata.
Questa considerazione sposta il discorso dalla demografia alla tecnologia, e allo sviluppo fondato
sulla tecnologia. La tecnologia è il miracolo che ci
tiene vivi in 6 miliardi, e che forse ci consentirà di
diventare - quanto meno sulla carta — 10 miliardi tra una cinquantina d'anni. Ma la tecnologia è
un miracolo costoso, un miracolo gravido di effetti
collaterali nocivi. Il fatto è che il nostro habitat sta
diventando sempre più inabitabile, e che la tecnologia ci ha già fatto imboccare il tunnel dello sviluppo "non sostenibile". Non sostenibile nel senso
che la natura non è più in grado di provvedere a se
stessa, di rigenerarsi e di auto ripararsi. Non è solo
che noi stiamo consumando risorse finite (petrolio
e carbone) che finiranno presto; è anche che stiamo pericolosamente inquinando l'aria e l'acqua e
pericolosamente disturbando gli equilibri climatici.
Il che ci riporta alla domanda: per colpa di chi o di
che cosa? Sì, lo abbiamo appena detto: per colpa
della tecnologia. Ma questa è soltanto una risposta
interlocutoria. Perché la tecnologia è uno strumento i cui effetti dipendono da come viene adoperato. Adoperato, appunto, dall'uomo. E così torniamo alla sovrappopolazione, al problema di Malthus.
Con questa differenza: che nel Settecento la popolazione poneva soltanto un problema di cibo, mentre oggi pone anche, in più, un problema di eccesso di consumo, di un "consumo cospicuo" (come
diceva Veblen) che si traduce sia in uno spreco di
risorse, sia in un fattore di inquinamento.
I rimedi, le cose da fermare o comunque da frenare,
sono essenzialmente tre: la crescita della popolazione, il consumismo inquinante, la tecnologia inquinante. Contro la tecnologia inquinante il combattimento è, ed è stato, del tutto perdente. Gli accordi
di Kyoto del 1997 sull'inquinamento che produce
IL P R O B L E M A È LA B O M B A D E M O G R A F I C A |
i gas serra attendono ancora le ultime ratifiche, sono stati rinnegati dagli Stati Uniti, e comunque richiedono entro il 2012 una riduzione risibile (inizialmente del 5,2, ora dell'1,8 per cento) che equivale soltanto a un modestissimo rallentamento di
un inquinamento galoppante. Kyoto è importante
solo come caso emblematico. In termini di costibenefìci economici, "pulire" le emissioni nocive è
un costo sproporzionato al benefìcio.
Il problema è da impostare, invece, in termini di costi-benefìci ecologici, di salute della T erra e anche
dei nostri polmoni. Ma da questo orecchio i politici e gli affari non ci sentono. E così l'àmara conclusione è che il nostro suicidio tecnologico, nel senso
sopra precisato, non è fermabile.
Veniamo al consumismo. Qui il discorso è che i popoli ricchi consumano troppo, e che tutto andrebbe
a posto se consumassero meno. Ma se è vero che gli
Stati Uniti consumano e sprecano in modo sproporzionato, se guardiamo ai totali invece che all'inquinamento prò capite, già oggi il mondo occidentale
da un lato, e il resto del mondo dall'altro, inquinano l'atmosfera a metà. E lo sviluppo dei paesi sottosviluppati, che è uno sviluppo fondato su energia
"sporca" (carbone, petrolio, più le foreste bruciate
in Indonesia per ricavarne pochi anni di suolo agricolo), comporta che i grandi inquinatori dei prossimi decenni saranno la Cina, l'India, l'Indonesia e
tutti i paesi (Africa inclusa) ad alta prolificità.
Pertanto, non è vero che il problema sarebbe risol-
79
to se i paesi sviluppati consumassero e quindi inquinassero meno. Il problema ormai è posto, con
accelerazione drammatica, dalla popolazione crescente dei paesi poveri o "in sviluppo". Il fatto che
gli Stati Uniti, con meno del 5 per cento della popolazione mondiale, emettano più del 25 per cento
dei gas serra, irrita anche me. Il che non toglie che
in questi termini il problema sia mal posto.
Resta, allora, soltanto la soluzione di fermare la
crescita demografica. A questo effetto la tecnologia è benefica, la tecnologia aiuta: contraccettivi,
pillole del giorno dopo, pillole abortive, costano
pochissimo e la loro utilizzazione richiede soltanto un addestramento minimo. Ed è la soluzione
che davvero risolve. Se fossimo ancora 2 miliardi — quanti eravamo appena 70 anni fa, quando
gli anziani di oggi erano già nati — potremmo inquinare senza danno, e tutti i problemi che ci assillano in 6 miliardi (in rapida marcia verso i 10)
sarebbero tutti di facile soluzione, proprio nuova
tecnologia aiutante.
Eppure di questa soluzione quasi non si parla. L'argomento è tabù. La Chiesa cattolica si oppone, e
la sua opposizione riesce a bloccare tutti. Soltanto la Chiesa cattolica? Sì. Perché il Cristianesimo
protestante - che pur si richiama agli stessi testi sacri e allo stesso Dio — consente la contraccezione.
Così come la consentono tutte le religioni orientali, e anche l'Islam. Di recente l'Iran — il più teocratico di tutti gli Stati musulmani — si è fortemente
impegnato, con successo, in una campagna di riduzione della natalità (che è scesa da 6,5 a 2,1 figli per donna).
La domanda allora diventa: possibile che la Chiesa
di Roma conti per tutti? SI, è possibile perché dispone di voti strategici negli Stati Uniti e nell'Onu.
E se le Nazioni Unite rifiutano persino di ammettere che esista un problema di esplosione demografica, quella esplosione non può essere fermata. Tanto vero che la popolazione mondiale sta aumentando di 70-80 milioni di persone all'anno. Ogni anno
nascono, per così dire, due Spagne in più. E folle,
è follia. E folle anche perché l'accanimento "procreazionista" del Vaticano è recente, recentissimo.
L'enciclica Humanae vitae di Paolo VI è del 1968,
allora cadde praticamente nel nulla, e non costituisce un pronunciamento infallibile (non è coperto
dalla dottrina della infallibilità del Papa). Pertanto la crociata pro-nascite della Chiesa di Roma è
tutta opera di Papa Wojtyla. Certo è che il divieto
di pratiche contraccettive non trova nessun sostegno nelle Sacre Scritture, nella tradizione, teologia
e legge naturale del cattolicesimo. E poi, come si fa
a condannare non solo l'interruzione di una gravidanza ma, alla stessa stregua, anche la sua prevenzione? La Chiesa non si può opporre ai contraccettivi con l'argomento che usa contro l'aborto, e
cioè che si tratta di assassinio. Assassinio di che cosa? Del nulla, visto che la prevenzione impedisce
la fecondazione.
L'argomento — lo so bene — è delicato. Ma se la natalità non viene fermata (è la mia tesi di fondo nel
libro La Terra scoppia: sovrappopolazione e sviluppo) la Terra davvero scoppierà. Alla fine del 2002
l'uomo europeo è allarmato soprattutto dal clima,
e per ora si accorge del fatto che in città respira male, respira veleno. Ma la nuvola asiatica, la nuvola marrone di altri veleni riscaldanti, è in arrivo sul
Mediterraneo; e quindi tra poco respireremo male anche al mare. E tempo di cominciare a capire,
allora, che è il nostro habitat che è minacciato dai
troppi abitanti, e che esiste un punto di non ritorno ecologico oltre il quale l'uomo distrugge le proprie condizioni di vita.
1 gennaio 2003
I CATTIVI ALIBI DELLO SVILUPPISMO
La crescita, lo sviluppo, l'aumento incessante di tutto, sono le parole d'ordine del nostro tempo. Dietro queste parole d'ordine si nascondono colossali
interessi economici. Chi vuole frenare, chi chiede
uno sviluppo sostenibile, danneggia i soldi, danneggia i profitti. Orrore, anatema e dunque chi si pone
il problema della sostenibilità deve essere boicottato e denunziato come un apocalittico, un catastrofìsta, un uccello di malaugurio che sinora si è sempre sbagliato e che quindi continuerà a sbagliare.
Questa linea di attacco, o di contrattacco, è ottimamente riassunta (e sostenuta) da Elena Comelli sul
Corriere del 15 luglio 2002. I titoli e sottotitoli del
suo pezzo già dicono tutto. Eccoli: "Bufale sempreverdi: risorse esaurite, fame globale, bioestinzione:
scenario credibile ma falso". Sotto: "Da Malthus al
Club di Roma di Peccei: due secoli di previsioni nerissime: sbagliate". Lasciamo stare il povero Malthus.
E cominciamo da Paul Ehrlich, il cui libro The Po-
pulation Bomb del 1968 è stato il primo importante
segnale di allarme del nostro tempo sulla sovrappopolazione. Ehrlich prevedeva la morte per fame di
un quarto della popolazione mondiale entro 1 '83.
La scadenza era sbagliata; ma la previsione sui morti di fame in arrivo era sbagliata? No. E soprattutto non era sbagliata l'equazione sulla quale Ehrlich
fondava il suo argomento, e cioè che l'impatto ambientale dell'uomo è pari al prodotto di tre fattori:
1) il numero delle persone, 2) moltiplicato per il loro reddito prò capite (quanto possono consumare),
3) il livello di tecnologia. Il che resta esattissimo.
Del pari, quale è stato lo sbaglio nelle previsioni del
Club di Roma di Peccei? Nel rapporto aggiornato
da Donella Meadows si sosteneva, inter alia, che
le riserve di petrolio si sarebbero esaurite, che il cibo sarebbe mancato e che l'aria e l'acqua diventavano sempre più inquinate. Sul petrolio la Comelli ribatte trionfalmente così: che oggi "le riserve conosciute sono molto più abbondanti di allora". E
con ciò? Questo argomento non dimostra che le riserve di petrolio non finiranno; dimostra solo che
dureranno più del previsto. Le ultime stime sono
che tra venti-trent'anni la metà di tutte le riserve
conosciute e ancora scopribili di petrolio saranno
state consumate. Da quel momento la crescita del
prezzo del petrolio sarà inesorabile, dal che consegue che diventerà sempre più conveniente utilizzare il carbone, e quindi consegue un forte peggioramento dell'inquinamento.
I CATTIVI ALIBI DELLO S V I L U P P I S M O |
Sul cibo la Comelli è ancora più trionfante: non solo la prevista carenza di cibo non si è avverata, ma
"il cibo sta diventando più abbondante". Sì; ma
non dove occorre, né durerà. Nell'ultimo rapporto che ho letto di Lester Brown (State of the World
1999) trovo che "anche se l'India ha fatto straordinari progressi nella produzione del grano, questa
crescita è largamente annullata dalla crescita della
popolazione, che lascia quasi due terzi dei bambini sottonutriti". In merito all'altro grande caso, la
Cina, Lester Brown cita la previsione che nel 2025
i cinesi rischiano di dover importare 175 milioni
di tonnellate di grano. Un quantitativo che supera
largamente le disponibilità mondiali. Eppoi, al solito, manca l'acqua (un punto sul quale la Comelli è maestosamente silenziosa). Nota Lester Brown:
"La Cina e l'India dipendono già per più della metà del loro cibo da terreni irrigati". Per l'acqua di
cui dispongono sono già troppo irrigate. E il grano
non cresce nel deserto. Per non parlare del riso, il
cibo che richiede più acqua di tutti.
Proprio non ci siamo, allora. La previsione temporale è una cosa, la previsione di tendenza tutt'altra cosa. Sbagliare una scadenza non è sbagliare un
trend. Nel nostro caso le scadenze sono state allontanate dalla tecnologia; ma così la tecnologia sta solo aggravando, rinviandola, la resa dei conti. In secondo luogo, è un errore isolare le variabili. Dopo
averle differenziate occorre correlarle, occorre vederle in interazione. Se il cibo ci fosse ma l'acqua
8$
no, il disastro sussisterebbe in ogni modo. Gli uomini non possono mangiare senza bere. Se petrolio
e carbone non finiscono subito, nelle more ci inquinano più che mai. Gli alibi alla Comelli sono risibili nella loro logica e micidiali nei loro effetti pratici. Il loro messaggio è di andare avanti così senza darsi pensiero di nulla. E un messaggio esiziale.
Cattivi alibi a parte, c'è poi l'argomento della scienza che non è mai abbastanza "certa", che non sa mai
abbastanza. Ora, è vero che non disponiamo di una
spiegazione esauriente e sicura degli sconvolgimenti
meteorologici in corso. Ma lo scienziato che si trincera dietro a un suo non-sapere non può poi sapere se la colpa di quel che succede è dei venti solari.
È davvero cattiva logica ricavare dal non sapere asserzioni che sottintendono sapere.
In generale l'argomento è che la scienza conosce soltanto probabilità. Il sole sorgerà domani? Per la teoria della scienza, non si deve mai rispondere: sì, è
sicuro. Si può soltanto rispondere che le probabilità
sono altissime. Alla stessa stregua conosco scienziati che rifiutano di riconoscere un calvo se non possono contare esattamente quanti capelli gli restano
in testa. Esagerano? Forse sì. E chiedo loro di consentirmi l'imprecisione di riconoscere un calvo a
vista. Che il dibattito sulla Terra "a rischio" sia afflitto da mille imprecisioni, non toglie che, all'ingrosso, quel rischio ci sia.
In ultima analisi la verità è, come ha scritto Guido
Ceronetti su La Stampa, che "pochi hanno voglia
I CATTIVI ALIBI DELLO S V I L U P P I S M O |
di vivere ad occhi aperti: siamo dentro a una oceanica moltitudine di struzzi". Pertanto non occorre
che gli alibi in prò di un incessante tutto-sviluppare (inclusa la popolazione) valgano qualcosa. Anche se non valgono nulla, gli sviluppisti li rivolgono a struzzi che desiderano solo di essere bambagiati e tranquillizzati.
gennaio 2003
87
LA TESTA SOTTO LA SABBIA
N o n ho ancora capito bene se il genere umano deriva dallo struzzo, oppure se finirà struzzifìcato, facendo lo struzzo. Darwin, sul punto, non mi sa illuminare. Ma ormai propendo per la seconda tesi:
finiremo tutti male, tutti con la testa sotto la sabbia.
Proprio perché ai problemi di sopravvivenza della
Terra, e sulla Terra, non vogliamo proprio pensare. Ogni tanto ci viene imposto nelle grandi città
di andare a piedi; e in quel giorno forse ci ricordiamo che respiriamo un'aria sempre più avvelenata;
ma il giorno dopo riprendiamo lietamente la macchina, forniamo il nostro doveroso contributo alla
gassificazione, e ce ne dimentichiamo.
Ogni tanto ci accorgiamo che piove troppo (alluvioni), o che piove troppo poco (siccità). Così a
Milano sta piovendo troppo poco, mentre l'estate
scorsa Palermo ha dovuto affrontare una gravissima
crisi idrica. Ma poi piove giusto e ci rimettiamo tutti tranquilli. Chiedo perdono agli struzzi, ma oggi
sul problema dell'acqua li devo proprio disturbare.
Perché sappiamo che per una settimana è riunito a
Kyoto il Forum mondiale dell'acqua. Il fatto è di
tutta evidenza: il mondo è sempre più pieno di assetati. Dice Gorbaciov: l'acqua è un bene raro per
un miliardo di persone. Altri dicono un miliardo e
mezzo. E una previsione moderata (ce ne sono di
peggiori) teme che tra venticinque anni la carenza idrica affliggerà 3 miliardi di persone. Dunque,
manca l'acqua. Perché?
Non sia mai detto che è perché siamo troppi, perché
"il mondo scoppia" (è un mio titolo) di sovrappopolazione. No; è perché siamo malvagi. Non è che
l'acqua manca; è, piuttosto, che non viene equamente distribuita. Nadine Gordimer, premio Nobel per la letteratura, scrive che il Forum di Kyoto
"tenterà di far sì che l'uso delle risorse idriche non
privilegi le piscine dei ricchi lasciando al secco i rubinetti dei poveri". Speriamo che i 10.000 delegati
di Kyoto (basteranno?) siano meno sprovveduti della brava Gordimer (brava come scrittrice, non certo come acquologa). Ma la statistica che imposta i
loro lavori è, purtroppo, distorcente: che "1' 11 per
cento della popolazione, quella che controlla l'84
per cento della ricchezza prodotta, consuma l'88
per cento dell'acqua". Insomma, l'acqua c'è, ma se
la pappano i ricchi. Che sciocchezza.
Il grosso dell'acqua dolce del mondo sta nell'Antartide, poi in Groenlandia, Alaska e Islanda. Che
cosa ne facciamo? La trasportiamo in Africa, in In-
LA TESTA SOTTO LA SABBIA
dia e in Cina? Come? Se un islandese ha venti volte più acqua di un italiano, non è una ingiustizia; è
semplicemente perché l'acqua viene distribuita dalla
natura e dalle piogge così. Il discorso serio sull'acqua è quello di Lester Brown, Presidente dell'Earth
Policy Institute, pubblicato sabato sul Corriere. Dal
quale trascrivo questa conclusione: che l'opzione di
rendere più efficiente l'irrigazione per l'agricoltura e
di pompare più acqua dalle falde acquifere non risolve i problemi e anzi (nel caso del prosciugamento delle falde acquifere) li aggrava; e quindi che la
sola opzione praticabile è di "stabilizzare la popolazione". Se più di due milioni di persone muoiono
ogni anno di sete o di acqua cattiva, è perché dove non c'è acqua non ci dovrebbero essere persone.
Signori struzzi, svegliatevi. E non date retta alle
frottole che ci vengono regolarmente dispensate
dai carrozzoni dell'Onu. Come questa: che per risolvere il problema dell'acqua di 9 miliardi di persone basterebbe "investire da 50 a 100 miliardi di
dollari". Pfui.
17 marzo 2003
91
HOMO STUPIDUS STUPIDUS
Quest'anno è stato caldissimo? Non c'è dubbio: sì.
Fa troppo caldo sin da maggio e l'estate è stata torrida. L'esperto conferma: la Terra non è mai stata
così calda da 500 milioni di anni. Capito? Da 500
milioni di anni. Non c'è da scherzare.
Sarà così, e anche peggio, negli anni che verranno? Temo di sì. Beninteso, è impossibile prevedere se l'anno prossimo sarà caratterizzato da alluvioni o da siccità. Ma è sicuro che il clima è diventato
estremizzato. Così come è sicura la linea di tendenza: che il riscaldamento della Terra è crescente e che
sta raggiungendo livelli pericolosi. Per Martin Rees,
un autorevole esperto di cosmologia e astrofìsica,
c'è solo una probabilità su due che la razza umana
arrivi al prossimo secolo. Rees ricorda che il nostro
pianeta è già incorso in cinque cicli di estinzione,
la più celebre delle quali, 65 milioni di anni fa, fece
sparire i dinosauri. E ora, conclude, Y Homo sapiens
sta approntando una sesta estinzione: la propria.
Secondo il paleontologo Michael Benton, la temperatura della Terra sarebbe solo a sei gradi dal livello
nel quale le forme di vita che conosciamo (ivi inclusa la nostra) non potranno sopravvivere. Perché
proprio sei gradi non so. Ma è chiaro che il clima
è già sbilanciato e che, quando un sistema di equilibri si squilibra, scattano dinamiche ingovernabili
e imprevedibili. Nessuno aveva previsto la subitanea impennata di calore di quest'anno. Tutti prevedevano un crescendo più lento. Ma perciò il segnale di allarme è serio.
La domanda ora è: che cosa possiamo fare per bloccare una catastrofe ecologica? Ma prima dobbiamo
eliminare le risposte irresponsabili di chi sostiene
che non occorre fare nulla perché "tutto è normale", perché il clima della Terra è sempre stato ciclico, oppure che non possiamo fare nulla perché i cicli di riscaldamento e di raffreddamento sono prodotti da cause naturali.
Entrambe queste risposte sono ormai abbondantemente confutate. I cicli naturali sono sempre stati
a decorso lento, mentre noi stiamo subendo sconvolgimenti rapidissimi. Quanto alle cause naturali,
la National Academy of Science degli Stati Uniti è
perentoria: "Ogni suggerimento che il riscaldamento degli ultimi vent'anni sia prodotto da cause naturali, e specialmente da un crescente irradiamento
del sole..., è semplicemente non sostenibile".
Allora, è sicuro che la causa primaria dello stravolgimento del clima siamo noi. Sul come rimediare
H O M O STUPIDUS STUPIDUS
globalmente (il problema è senza dubbio globale) ho
scritto un libro che non saprei riassumere in poche
righe. Qui importa sollecitare una presa di coscienza
del problema e segnalare alcune cose che sono subitissimamente da fare. Cinque anni fa, proprio per
Ferragosto, scrivevo un pezzo intitolato "La vergogna degli incendi". La vergogna è oggi più vergognosa che mai. Gli incendi sono quasi tutti dolosi. Ma non riesco a ricordare quanti fuochisti siano mai stati condannati ai 15-20 anni previsti dalla
legge. Eppure, gli incendiari (e i loro mandanti) sono tra i criminali più rovinosi e spregevoli di tutti.
C'è poi il problema incalzante dell'acqua, che andrà
sempre più a mancare. In Sicilia gli invasi non sono
allacciati e al Sud gli acquedotti perdono per strada
metà dell'acqua. Ma il governo punta su opere faraoniche (il ponte sullo Stretto di Messina) e non si
cura di dissetare persone e terre. Intanto, al Nord si
stanno liquefacendo i ghiacciai che alimentano d'estate i fiumi. C'è qualcuno che propone qualcosa?
No: ci limitiamo a pregare per la pioggia. Altro che
Homo sapiens sapiens; siamo al cospetto dell 'Homo
stupidus stupidus.
17 agosto 2003
95
IL NEMICO NON È IL CONTADINO RICCO
Il vertice di Cancun della Wto (World Trade Organization) è clamorosamente fallito. I new global
e altri contestatori hanno gridato "vittoria", mentre la Wto grida al disastro. Non capisco la vittoria,
ma nemmeno il disastro. O meglio, il disastro non
è tanto nel nulla di fatto di Cancun, quanto nelle
teste disastrosamente arretrate dei signori che "signoreggiano" i vertici sui destini del mondo.
Prendo il caso cruciale, quello dell'agricoltura e specialmente del grano. Sull'agricoltura il punto dolente è che Stati Uniti ed Europa la sussidiano robustamente. Questi sussidi hanno sinora portato
a una sovraproduzione che viene poi smaltita nel
Terzo mondo a prezzi stracciati (dumping). Ma se
l'accusa è che così affamiamo i loro poveri, allora
questa accusa è inesatta. In realtà, a questo modo i
poveri ricevono cibo sottocosto. In realtà, i contribuenti dei paesi ricchi pagano una tassa (complessivamente di circa 300 miliardi di euro) che aiuta
gli affamati del Terzo mondo a sfamarsi.
L'accusa corretta è che il nostro dumping strangola
i contadini (i contadini, non i consumatori) dei paesi poveri. Questo è vero. Pertanto il dumping deve
essere impedito (e ci sono almeno due modi di impedirlo). Ma se la richiesta dei paesi poveri è di eliminare i sussidi, allora questa richiesta è non solo
improponibile ma anche stupida. È improponibile
perché l'Occidente è governato da democrazie che
hanno il difetto di dover sottostare ai voti degli interessi agricoli. Ma soprattutto è stupida, è una richiesta da incoscienti.
Dove vivono i signori di Cancun? Non sanno che
esiste un effetto serra che riscalda il nostro pianeta, e che ne sta estremizzando il clima con effetti
disastrosi anche e proprio sull'agricoltura? In Italia
si prevede che la siccità di questa estate diminuirà
i raccolti del 25 per cento, e in Ucraina addirittura
del 75 per cento. Tutta l'Europa è, dove più dove
meno, in queste condizioni. E si tratta di un trend
negativo costante. Sono già tre-quattro anni che la
produzione mondiale di cereali è in calo. Peggio ancora, all'India e alla Cina mancherà presto l'acqua
per irrigare. Altro che esportare! Dovranno disperatamente cercare prodotti alimentari che rischiano di non trovare.
In nuce il problema è questo. Eliminare i sussidi significa, in Occidente, uccidere la propria agricoltura. Pertanto per aiutare l'agricoltura dei poveri, Europa e Usa dovrebbero affossare la loro. Perché? Un suicidio è sempre difficile da giustificare.
IL N E M I C O N O N Ì IL C O N T A D I N O RICCO |
E non può essere giustificato se si tratta di un suicidio esiziale per tutti. Perché l'agricoltura sussidiata
dell'Occidente è la sola riserva alimentare (per tutti) in grado di resistere, forse, alle devastazioni climatiche. Ringraziamo che ci sia.
E bene che a Cancun non si sia concluso nulla? Sì,
date le premesse di cui sopra. Però sarebbe male precipitare in un globalismo selvaggio e senza regole di
scambio. E dunque dobbiamo tornare a negoziare. Ma su premesse nuove e abbandonando la autoflagellazione colpevolista nei confronti del Terzo
mondo che oggi inebria il colto e l'inclita.
I paesi ricchi sono tali per virtù e merito proprio,
non perché hanno rapinato i paesi poveri. Questi ultimi sono poveri perché malgovernati e perché sovrappopolati. In secondo luogo, è sbagliato
e ingiusto sputacchiare sulle cosiddette lobby degli
agricoltori e su un protezionismo agricolo dichiarato addirittura una "vergogna planetaria". I contadini non sono una lobby esattamente come non
lo sono gli operai. Infine, eliminare i nostri contadini è abbandonare la campagna al dissesto idrologico. Il contadino "salva la terra".
20 settembre 2003
99
INQUINAMENTO DA IGNORANZA
Il fumo di sigaretta fa male ai polmoni? Certo che
fa male. Ma è proprio sicuro che faccia male? Novanta specialisti di malattie polmonari su cento risponderanno di sì (mia stima), ma dieci risponderanno che la scienza deve sempre dubitare e quindi
che loro non sono sicuri. D'altronde c'è anche chi
sostiene che il fumo fa bene. Prenda e porti a casa,
ministro Sirchia. Del pari, è proprio sicuro che le
nostre città siano sempre più avvelenate da polveri
sottili e quindi da uno smog urbano che ci fa respirare male? I soliti novanta risponderanno di sì; ma i
soliti dieci risponderanno che proprio non si sa, visto che le misurazioni sono lacunose e insufficienti.
Il che è vero; ma non toglie che quando annuso l'aria di Città del Messico o di Pechino o di Calcutta,
io annuso un'aria che puzza, che puzza senza ombra di dubbio, che puzza anche se sono infreddato.
L'ambientalista scettico (un certo Lomborg) ci fa sapere che però l'aria di Londra è migliorata. Sì, cer-
to; proibito il carbone, a Londra si respira molto
meglio. Ma Lomborg sorvola sul fatto che in mille e mille città di tutto il mondo (in Italia primeggiano Roma, Milano e Napoli) la "gassificazione"
è sempre più frequente. Come che sia, dal fumo ci
possiamo salvare smettendo di fumare e dall'avvelenamento urbano scappando in campagna. Resta
però il problema dello sfascio ecologico del pianeta
Terra. E dalla Terra, se butta male, non possiamo
scappare. Ma è vero che butta male? E cioè è vero
che l'inquinamento crescente dell'atmosfera da anidride carbonica e altri svariati gas produce un effetto serra che riscalda la Terra e che di conseguenza
modifica il clima, le piogge, le siccità e quant'altro?
Oppure questo scenario è soltanto uno spauracchio
agitato da allarmisti pagati da sinistri interessi?
Secondo quasi tutti i competenti è molto verosimile.
E questa volta la stima non è mia; è di Donald Kennedy, direttore dell'autorevole rivista Science, che
scrive così: "Il 90 per cento della comunità scientifica è convinta della gravità della situazione ambientale".
La scienza è raramente unanime; ed è bene che non
lo sia. Però è unanime nel sostenere che la Terra
non è quadrata ed è sicuro che l'acqua è un composto di idrogeno e di ossigeno. E in ogni caso la
scienza è governata dal consensus scholarum, che varia nel tempo e che può anche essere sbagliato. Ma
la scienza che sbaglia può soltanto essere corretta
e modificata dal processo e dal metodo scientifico.
I N Q U I N A M E N T O DA I G N O R A N Z A |
In un mondo serio di persone responsabili dovrebbe essere così. E dovrebbe essere così soprattutto
quando è in gioco il destino della Terra e, con esso, il nostro destino.
Ma il nostro è diventato un mondo nel quale imperversano i fattucchieri, i ciarlatani e i furbacchioni. Secondo Martin Rees, una autorità internazionale di cosmologia, il nostro secolo potrebbe essere
"finale" nel senso che esiste una probabilità su due
che tra cento anni la razza umana faccia la fine dei
dinosauri. Colpa del sole? No.
Secondo la National Academy of Sciences degli
Stati Uniti l'ipotesi che il riscaldamento degli ultimi vent'anni dipenda da cause naturali "è semplicemente insostenibile". Dunque colpa dell'uomo.
Ma secondo Rocco Buttiglione (l'altro giorno in
tv) queste sono tutte "bugie della tribù ecologista".
Come lo sa? Lo sa perché Buttiglione ha già letto
Crichton. E chi è Crichton? E un romanziere di
thriller, di fantascienza pseudo documentata. Negli
Usa non c'è gruppo di scienziati di rilievo che non
lo abbia già duramente condannato. Ma lui vende
decine di milioni di copie, e poi lo sostiene Murdoch e da noi il filosofo del Papa. Grazie per l'aiuto a farci finire tutti male.
16gennaio 2005
103
CRICHTON, KYOTO E I LIETOPENSANTI
Da parecchi anni il giro dell'agosto è per me il giorno del rendiconto ecologico. Come sta la salute della Terra? Come andiamo con l'ambiente, con l'inquinamento atmosferico, con il clima, con l'esaurimento delle risorse? Va da sé che su tutto il fronte
andiamo peggio. Va da sé perché non vogliamo né
vedere né affrontare la realtà.
Si, finalmente il Protocollo di Kyoto è diventato operativo. Applaudo perché qualcosa è sempre
meglio che nulla. Ma i rimedi di Kyoto sono largamente insufficienti. Eppure il texano tossico, il
Presidente Bush, non solo continua a rifiutarli, ma
si ingegna anche a sabotarli accordandosi con India, Cina e una manciata di altri paesi su una cosiddetta "soluzione alternativa" (lo sviluppo di alte tecnologie pulite) che però non viene seriamente
finanziata e che comunque non sarebbe alternativa
ma complementare.
Un'altra buona notizia è che la comunità scientifica è sempre più convinta e concorde nel denunziare la gravità della situazione e che, correlativamente, le voci dei lietopensanti che ci raccontano
che tutto va bene sono sempre più fioche e sempre più contraddette da valanghe di dati, da valanghe di smentite. Però, però. Tre anni fa i lietopensanti sono stati rassicurati dalle balordaggini di un
certo Lomborg (sconfessato dai suoi stessi colleghi
della "Commissione danese sulla disonestà scientifica"); e quest'anno fa già furore il romanzo Stato di paura di Crichton, la cui tesi è che il riscaldamento globale è l'invenzione di scienziati e giornalisti al servizio di interessi politici ed economici
il cui proposito è di preservare "i vantaggi politici
dell'Occidente e favorire il moderno imperialismo
nei confronti dei paesi in via di sviluppo". Questa
è soltanto una tesi dogmatico-marxista rispolverata negli anni '70. Ma se un logoro vetero-marxismo
viene rimesso a nuovo da un autore di thriller che
sa vendere milioni di copie, allora "l'imbroglio anti-ecologico" riprende fiato.
Il guaio è che sul drammatico problema della "Terra che scoppia" (di sovrappopolazione) e che si autodistrugge, i media, gli strumenti di informazione di massa, non mobilitano l'opinione e non si
impegnano più di tanto. Forse perché sono frenati da una colossale rete di interessi economici tutta
progettata e proiettata nell'assurdo perseguimento
di uno sviluppo illimitato, di una crescita infinita.
CRICHTON, KYOTO E I LIETOPENSANTI
Comunque sia, il fatto dell'anno è che su questo
cieco "sviluppismo" sta cadendo addosso una bella tegola. In questi giorni il costo del petrolio greggio si è avvicinato ai 70 dollari, e quindi al record
massimo di un quarto di secolo fa di 80 dollari
(costo ragguagliato a oggi) che produsse allora una
grave crisi di stagflazione. Cosa succede? Il petrolio sta diventando scarso? Per il grande (ciarlatano)
Lomborg non sarebbe possibile: lui ci assicura riserve per 5-000 anni. Ma anche i petrolieri ci rassicurano: abbiamo riserve per 50 anni (due zeri meno di Lomborg) e la stretta è colpa degli impianti
di raffinazione.
Ma a parte il fatto che 50 anni sono pochissimi,
questa tranquillizzazione è un inganno. Nei prossimi venti anni la popolazione sarà ancora in aumento (quest'anno, saremo ancora 70-75 milioni
in più), e si prevede che il fabbisogno energetico
mondiale - con lo sviluppo dell'India e della Cina - crescerà del 50 per cento. Per questo rispetto siamo già allo stremo. Il campanello d'allarme è
squillato dal 1980. E noi cosa abbiamo fatto e stiamo facendo? Ancora niente. Leggiamo e arricchiamo Crichton. Bravi, bravi.
17 agosto 2005
107
IL MERCATO NON CI SALVERÀ
Il terribile uragano che ha distrutto New Orleans
ha anche colpito le piattaforme di estrazione del
petrolio del Golfo del Messico facendone schizzare il prezzo a 70 dollari. Ma era già arrivato a 6567, dai 25-30 dollari degli anni scorsi.
E sotto Ferragosto ricordavo che il campanello di
allarme sui costi e sulla scarsità del greggio risale a
25 anni fa (se non addirittura al 1973) e che da allora non si è fatto nulla, quasi nulla, per rimediare. Perché? Siamo soltanto stupidi e miopi? N o n si
sbaglia mai a rispondere che lo siamo.
Ma questa miopia e il nostro non-fare sono giustificati da un alibi: il mercato. È il mercato — ci viene spiegato da mattina a sera — che con i suoi automatismi provvede a tutto. Guai a far intervenire
la nostra "mano visibile". Dobbiamo invece lasciar
fare alla "mano invisibile", appunto San Mercato
(oppure, per i laici, a Sua Maestà il Mercato).
Qualche mese fa VEconomist dava larga evidenza e
credito a un saggio di due americani che si intitola "Morte dell'ambientalismo", la cui tesi è che un
ambientalismo antiquato (nei suoi concetti e metodi) va rilanciato, appunto, dal mercato e dall'ottimismo. Sì, anche dall'ottimismo. "Pensate — scrivono — se Martin Luther King invece di dire "ho
un sogno" avesse detto "ho un incubo". Pensa e ripensa, io non ci arrivo. Anche io (da ambientalista)
ho il sogno di salvare l'ambiente; e ce l'ho proprio
perché sono assillato dall'incubo di vederlo distrutto. Il sogno non sostituisce l'incubo; lo presuppone.
Sciocchezzaio ottimistico a parte, il punto è quanto possa fare, in questa partita, il mercato. Sia chiaro: la concorrenza di mercato è uno strumento insostituibile per la determinazione dei costi e dei
prezzi. Senza mercato (vedi la pianificazione sovietica) un sistema economico diventa anti-economico. Ciò detto, Sua Maestà il Mercato non è un meccanismo salvatutto. Il caso del petrolio è esemplare.
Oggi come oggi il petrolio fornisce il 70 per cento dell'energia usata nei trasporti. Domanda: benzina e diesel derivati dal petrolio sono sostituibili?
La risposta è: in non piccola misura, sì. Sono sostituibili con l'etanolo ed equivalenti ricavati da piante zuccherine (anche barbabietola, girasole, mais);
prodotti che hanno l'ulteriore pregio di essere "puliti". Però a tutt'oggi il solo paese che produce olio
combustibile e benzina da vegetali è il Brasile. Altrove niente. Niente perché il mercato decreta co-
IL MERCATO N O N CI SALVERÀ
sì, perché ai prezzi di ieri il petrolio costava meno.
Ma ai prezzi di oggi, e peggio ancora, di domani?
A questo effetto San Mercato ci lascia pericolosamente a terra.
II guaio è che il mercato "vede corto", che non ha
progettualità. Il che lo rende inidoneo, e controproducente, nel fronteggiare il futuro. Il mercato
ha anche altri limiti. Ma, restando al tema, l'idea
di affidare le nostre speranze - il "sogno" degli scemotti che citavo - un'analisi (di mercato) di costibenefìci è davvero peregrina. Perché il mercato non
calcola e non sa calcolare il danno ecologico. Se abbatto alberi, il mercato contabilizza soltanto il costo di tagliarli, non il danno prodotto dall'abbattimento delle foreste. Se surriscaldiamo l'atmosfera, il mercato registra, tutto giulivo, solo un boom
di condizionatori d'aria. Per questo rispetto, Dio
ci liberi da San Mercato. Il nostro pianeta non sarà salvato "a costi di mercato"; dovrà essere salvato
costi quel che costi.
3 settembre 2005
111
L'ENERGIA DIMENTICATA
L'ondata di freddo polare, o meglio siberiano, ha
fatto scoprire al grosso pubblico che ci scaldiamo a
miracolo. E in precedenza le canicole estive ci hanno fatto scoprire che non abbiamo sufficiente energia elettrica per raffreddare le nostre case. Ogni volta è lo stellone che ci deve salvare. Il guaio è che,
passate le emergenze, il buon "popolo bue" se ne
scorda; ma se ne scorda anche perché nessuno gli
spiega che cosa si possa e debba fare per rimediare.
Per il Potere (tutto quanto, ad oggi senza gran differenza tra destra e sinistra) questi sono problemi da
oscurare. Anche perché il Potere si illude — non sapendone niente — che se ne andranno come vengono. Poveretti. E anche, di conseguenza, poveri noi.
Cominciamo dai dati e dal metano. Noi lo importiamo dall'Algeria, dalla Libia e dalla Russia. Dalla Russia soltanto per un quinto del nostro fabbisogno. Eppure basta un calo di consegna del 3 per
cento (ma con punte anche del 13 per cento) per
metterci in crisi. In questo momento le scorte operative sono ridotte da 8 a 1,5 miliardi di metri cubi,
e la riserva strategica residua di 5 miliardi di metri
cubi ci può bastare, leggo, soltanto per 15 giorni.
Lo sapevate? Il "popolo bue" certo no. Ma probabilmente nemmeno Berlusconi. A lui premono solo cose sbandierabili come il ponte di Messina. Se
poi ci mancherà il metano la colpa non sarà della
sua imprevidenza ma della Russia. E poi lui potrà
rimediare con una telefonata all'amico Putin.
Passiamo all'elettricità. Avendo rinunziato al nucleare siamo costretti a comprare a caro prezzo (e con
grave danno del nostro sistema industriale) l'energia elettrica dalla Francia, che poi la produce (ironicamente) con centrali nucleari. E anche su questo
fronte i nostri margini di tenuta sono risicatissimi.
Se manca il metano e accendiamo le stufe elettriche
rischiamo un blackout da sovraccarico. Così come lo
rischiamo, in estate, se le nostre centrali idroelettriche sono messe in difficoltà dalla siccità o se accendiamo troppo, per il troppo caldo, i condizionatori.
Resta il petrolio, l'oro nero. Noi lo riceviamo in
larga misura dal Medio Oriente, un'area altamente inaffidabile; e per di più comincia a costare più
dell'oro giallo. Dai 20-25 dollari al barile siamo lestamente saltati a 60-70, e qualcuno prevede che si
arriverà a 100. In ogni caso il petrolio è scarso e lo
diventerà sempre più. Le stime sono che nei prossimi 25 anni il fabbisogno energetico mondiale crescerà del 60 per cento. Fornito da cosa? Se dal car-
L'ENERGIA DIMENTICATA |
bone, ne può risultare un inquinamento letale. Se
dal petrolio, non ce n'è abbastanza.
Come s'intende siamo al cospetto di urgentissimi
problemi di vera e propria sopravvivenza. Eppure
il più durevole e "maggiorato " governo della nostra storia non ha alzato nemmeno un dito per affrontarli. Il governo Berlusconi ha soltanto sottoscritto gli accordi di Kyoto, e da allora li ha violati. Ma nemmeno Prodi dà mostra di interessarsene
davvero. Mesi fa (il 3 settembre) ricordavo che benzina e gasolio derivati dal petrolio sono sostituibili o comunque integrabili con l'etanolo e altri biocarburanti ricavati da piante zuccherine facilmente
coltivabili. La tecnologia per la produzione di bioenergia è perfettamente a punto (il Brasile la sviluppa da 80 anni), il prodotto è "pulito" (non produce anidride carbonica), e così si salverebbe anche
l'agricoltura europea.
Allora, perché non ci siamo ancora mossi? È tardi
per chiederlo a Berlusconi. Ma a Prodi siamo ancora in tempo a chiedere quale sarà il suo progetto energetico. Dico sarà perché dal patto di governo dell'Unione presentato oggi a Roma al teatro
Eliseo risulta che il pensatoio prodiano all'energia
non ha pensato a fondo. Pensato sul serio, intendo.
11 febbraio 2006
115
PIÙ ENERGIA E PIÙ COERENZA
I due interventi - per i quali ringrazio — del ministro
delle Attività produttive Claudio Scajola, e dell'estensore "energetico" del programma prodiano, Giuseppe Vatinno, pubblicati ieri sul Corriere in risposta al mio pezzo su "L'energia dimenticata" (di sabato 11), si cancellano un po' l'uno con l'altro. Ma
sottolineano anche — involontariamente — quanto il
problema sia stato sottovalutato in passato e resterà sottovalutato, si direbbe, in futuro. Vatinno mi
assicura che il programma energetico dell'Unione
è stato "pensato a fondo" per tre anni più sei mesi. Non ne dubito, ma non si nota. Intanto, in un
programmone di ben 281 pagine, la parte del programma energetico è in tutto di pagine 4, dico 4. Il
meno che si possa dire è, allora, che il tema dell'energia non è per Prodi e il suo pensatoio un cavallo di battaglia. Mentre lo poteva essere, visto che a
tutti gli italiani interessa molto, moltissimo, di avere l'elettricità, riscaldamento e benzina.
La seconda osservazione è che la parola "etanolo"
nemmeno compare nel vostro testo. Per voi questa
entità — che potrebbe ridurre il nostro fabbisogno
di petrolio del 25 per cento — nemmeno esiste. Nel
testo dell'Unione trovo invece la parola "biomassa". Ma siccome non è pensabile che questa fonte
d'energia possa sostituire l'etanolo, la conclusione è
che proprio non ci siamo. Vatinno mi fa anche torto
quando scrive che il mio è "il solito attacco al programma energetico dell'Unione". No, è il primo.
Quando a settembre entrai nell'argomento etanolo
non potevo menzionare un programma che non c'era. Speravo, è vero, che qualcuno mi leggesse e trovasse l'idea, anche elettoralmente, una buona idea.
Figurarsi. Dimenticavo che i pensatoi devono pensare e non hanno tempo di leggere. Tantovero che
Vatinno mi insegna, con benevola sufficienza, che
lo sviluppo economico "dicesi sviluppo sostenibile". Sì, lo so, come risulta da un volumetto SartoriMazzoleni che si intitola La Terra scoppia: sovrappopolazione e sviluppo. Ma che questo scritto gli sia
sfuggito è male solo per me. E male anche per lui,
però, che gli sia anche sfuggito che al dipartimento di Chimica dell'Università di Ferrara - addirittura a due passi — esiste un professor Giorgio Mantovani che di bioetanolo sa moltissimo.
Passo al ministro Scajola che ha senza dubbio ragione sul punto che il "partito del no" non è trasversale ma sta a sinistra. Per Scajola sta tutto a sinistra;
io mi permetterei di correggerlo dicendo che sta so-
prattutto a sinistra. Sugli impianti eolici ho anch'io
i miei dubbi (e condivido quanto ha scritto in proposito Carlo Ripa di Meana, Presidente di "Italia
Nostra" sul Corriere dell'altro giorno). Ma il caso
eclatante e non scusabile è quello di Nichi Vendola
che blocca addirittura il terminale di rigassifìcazione del metano liquido (congelato) in quel di Brindisi. E una vergogna che non ha nessuna giustificazione ecologica.
Il caso Marrazzo è diverso. Perché Marrazzo ha anche sottoscritto un protocollo di intesa tra Regione
Lazio e Coldiretti per la coltivazione di 100.000 ettari a girasole per produrre, entro il 2008, 100.000
tonnellate di biodiesel. Dopodiché, e purtroppo,
ha cancellato con la mano sinistra il benfatto della sua mano destra, bloccando la riconversione a
carbone della centrale elettrica di Civitavecchia. Il
carbone non piace neanche a me. Però c'è carbone e carbone, sporco e pulito (abbastanza pulito).
I trinariciuti che si tingono (abusivamente) di verde bocciano sempre senza distinguere. Ma noi siamo allo stremo. E qui la sinistra non è affatto unanime nel suo no.
Avendo concesso a Scajola che il suo punto forte
è forte, resta vero, mi sembra, che il bilancio complessivo dei cinque anni del governo Berlusconi è
negativo. Abbiamo un solo «gassificatore del metano che risale agli anni '60. Gli altri due "approvati"
(oltre Brindisi) vanno a rilento, nessuno li spinge.
Nel contempo le emissioni di gas serra non sono
diminuite, come richiesto dal Protocollo di Kyoto, ma aumentate del 13 per cento. E Berlusconi
sul fronte delle bioenergie rinnovabili ha ignorato
i girasoli e ha solo "avviato" il quasi nulla.
Certo dobbiamo chiedere al centrosinistra come
intende riscaldare le nostre case e alimentare le nostre aziende. Ma al contempo dobbiamo constatare
che sul punto il consuntivo del centrodestra è stato fallimentare. L'aria che respiriamo è sempre più
sporca e pericolosa per il clima; e ieri siamo arrivati a dover intaccare addirittura le riserve strategiche
di metano. Riserve calcolate per garantire punte di
un consumo annuale di 60 miliardi di metri cubi,
mentre nel 2005 siamo già arrivati a 84 miliardi. E
questa è una irresponsabile negligenza dei cinque
anni berlusconiani. Non di altri.
15 febbraio 2006
L'INTELLIGENZA CRESCE O DECRESCE?
Leggo che uno studio di una Università americana
scopre che noi — noi genere umano — stiamo diventando non solo più longevi, più alti, più belli, ma
anche più intelligenti. Questa proprio non me l'aspettavo. H o sempre considerato Aristotele intellettualmente imbattibile, anche se vecchio di più di
duemila anni. Confucio, ancora molto più antico,
resta forse il più saggio di tutti i saggi. Quando il
Medioevo tornò a scoprire gli antichi li vide come
giganti i cui successori erano al paragone dei nani;
e nel chiedersi come loro, i nani, potevano essere
"all'altezza" escogitarono il rimedio di arrampicarsi
sulle spalle, o anche sopra la testa, dei giganti. Soluzione ingegnosa che però non ci è più di aiuto, visto che la rivoluzione giovanile, o giovanilista, del
'68 ha cancellato i giganti e interrotto la trasmissione culturale tra il passato e il presente.
Tornando al punto, la questione dipende da come
l'intelligenza viene definita; e per l'appunto il con-
cetto di intelligenza sfugge quasi più di ogni altro
al nostro intelligere. Se ne possono dare diecine e
diecine di definizioni (nonché centinaia di misure). Nulla di male, perciò, se in questo mare magno propongo questa mia definizione: una persona
è intelligente (potenzialmente, in nucé) se sa riconoscere e apprezzare l'intelligenza di un altro. Se no,
è stupida. Carlo Maria Cipolla in un suo delizioso
divertissement stabilisce che lo stupido è chi fa non
soltanto il male degli altri ma, senza volerlo, anche
il male proprio. Parallelamente direi così: lo stupido non individua il non-stupido, e quindi non ha
motivo di ascoltare nessuno né di dar retta a nessuno. Essendo stupido sa già tutto da sé; e semmai
l'intelligente è lui.
Dunque basta cambiare definizione per cambiare il
discorso che ne discende. E certo la mia definizione
già mette di per sé in serio dubbio la tesi della "intelligenza crescente". Ma la tesi contraria dell'intelligenza decrescente" è anche sostenuta da forti prove. La prima è nel mio argomento su\YHomo videns
che soppianta l'Homo sapiens sapiens confinandolo al piccolo mondo delle cose visibili, rendendolo incapace di astrazione, e anche ormai di capacità
di concentrazione. (I nostri ragazzi non sanno stare
attenti per più di 15 minuti e sfuggono al loro taedium vitae con un incessante divagare e svagarsi.)
C'è poi, in secondo luogo, il gravissimo problema
di come il pianeta Terra possa sostenere più di sei
miliardi di viventi (ancora in forte crescita) senza
L'INTELLIGENZA CRESCE O DECRESCE? |
collassare. Questo collasso è evidenziato dal fatto
che respiriamo aria sempre più avvelenata, che la
Terra è sempre più scaldata (assieme ai mari) dai
gas serra che immettiamo nell'atmosfera, che il clima sta pericolosamente cambiando, che l'acqua è
sempre più scarsa (così come lo sono le risorse energetiche), e così via. Eppure i più - ancora moltissimi — di questa imminente catastrofe ecologica se ne
infischiano. Se ne infischiano perché non ascoltano e non danno credito agli scienziati e agli esperti
che in grandissima maggioranza denunziano questa situazione. Il che equivale a dire, per la mia definizione, che siamo stupidi, e anzi più stupidi che
mai vista l'enormità del problema.
Oggi, Ferragosto, è il grande giorno di festa-vacanza nel quale fuggiamo la città, cerchiamo il mare,
la montagna, la campagna. Il mezzo dell'agosto è
un momento di ritorno alla natura. Ma se davvero
amiamo la natura, allora lo dobbiamo dimostrare
con il proponimento di esserne amico e non nemico, con il proponimento di salvarla. Tra l'altro, salvare madre natura — la Terra - è salvare noi stessi.
Oppure siamo tanto stupidi da scoprire che siamo
morti solo quando lo siamo già?
15 agosto 2006
123
EFFETTO SERRA E CONTEGGI FAO
Qualche sassolino dalle scarpe ogni tanto ce lo dobbiamo levare, sennò il male ai piedi diventa insopportabile. L'occasione me la dà il summit mondiale di Nairobi sul clima, organizzato dall'Onu con
tanto di seimila delegati. Qualcuno forse ricorderà che ho sollevato il problema del riscaldamento
della Terra e delle sue catastrofiche conseguenze
sul clima cinque anni e qualcosina fa, e che per anni sono restato una Cassandra pressoché solitaria.
I più (parecchi) mi sono saltati addosso sul punto
che mancava la prova, che non era dimostrato che
quel riscaldamento fosse da addebitare all'effetto
serra dell'anidride carbonica.
Un illustre tributarista dell'Università di Pavia, il
professor Gerelli, mi ha così demolito: "È oramai
provato che le previsioni catastrofiche sono articolo
di fede, non di ragione". Siccome non mi era mai capitato di essere accusato di fideismo, ci restai di sasso.
Per altri il problema era posto dai paesi ricchi che in-
quinavano di più. Noto con soddisfazione che il primo gruppo di critici alla Gerelli è diventato sempre
più smilzo e silenzioso. Noto con eguale soddisfazione che anche al secondo argomento sta mancando il
terreno sotto i piedi. Scriveva Massimo Fini: "Non
sono i 5 miliardi di uomini del Terzo mondo a provocare i disastri e l'inquinamento indicati da Sartori, ma il miliardo che vive nei paesi industrializzati".
Ma la diseguale distribuzione delle colpe non toglie
che il totale sia in costante, esiziale aumento. E poi
Cina e India stanno già per sorpassare, come inquinatori, i peccatori del passato. Difatti a Nairobi delle due suddette sciocchezze non si parla più. La diagnosi, e anche la prognosi, è come dicevo.
Eppure la terapia non si muove, per quanto sia urgentissima. Il summit di Nairobi si è concluso con
un rinvio al 2007 per il "Kyoto plus" (tagli crescenti alle emissioni di gas serra per il 2013-2020, con
l'obiettivo ultimo di arrivare dal 5 al 50 per cento
nel 2050), e un rinvio al 2008 per affrontare il nodo cruciale: se i tagli possono e debbono essere vincolanti. Un grossissimo nodo perché gli Stati Uniti sono ancora schierati per tagli volontari, e Cina
e India rifiutano qualsiasi disciplina. Il segretario
generale dell'Onu Kofi Annan dichiara che il problema è "la spaventosa mancanza di leadership".
Certo. Ma lo sono ancor più la spaventosa cecità o
ipocrisia che ci vietano di riconoscere che la causa
ultima, la causa di fondo, del disastro ecologico è
la sovrappopolazione.
EFFETTO SERRA E C O N T E C C I FAO |
Passo al secondo sassolino. Poco tempo fa è stato presentato il rapporto Fao (l'organizzazione per
cibo e agricoltura dell'Onu che siede a Roma) nel
quale l'inossidabile direttore generale, il senegalese
Diouf, ci fa sapere che stiamo perdendo la guerra
alla fame. Vero. Ma era vero anche nel 2002, quando il rapporto Diouf prometteva di ridurre - fermo restando il suo bilancio — gli affamati del mondo di 6 milioni l'anno rispetto a un totale di 800
milioni. Scrivevo allora che i dati Fao erano sicuramente sbagliati o falsi, e che la previsione che nel
2030 (quando proprio per la Fao saremo, prevedibilmente, due miliardi in più di oggi) quel totale "sarà dimezzato", costituiva una "strana aritmetica". Passano solo quattro anni e Diouf ci comunica che i sottonutriti sono diventati 854 milioni.
Dunque non 6 milioni in meno, ma 6 milioni in
più l'anno. Allora, quando contestavo le statistiche
della Fao, nessuno mi rispose. Ora viene fuori che
Diouf sbaglia tra sottrazione e addizione, tra il segno meno e il segno più. Liberarmi di questo sassolino non dà soddisfazione nemmeno a me. Ma
se costringesse la Fao a rendere controllabili i suoi
fantasiosi conteggi sarebbe già un passo avanti.
22 novembre 2006
127
I GLOBALISTI SONNAMBULI
C'era una volta l'uomo universale che sapeva di tutto. Poi le cose da sapere sono diventate troppe, e
man mano l'uomo universale è stato sostituito dal-.
10 specialista. Però per qualche secolo lo specialista è restato curioso, si guardava intorno, era "aperto". Invece oggi gli specialisti sono "chiusi": sanno sempre di più su sempre meno e meno. Oramai
ciascuno si inscatola, si chiude in una scatola senza finestre. E questa chiusura si applica anche agli
"importanti" in generale: banchieri, imprenditori,
amministratori di multinazionali. Il mondo economico-finanziario è diventato globale; ma i globalisti che lo viaggiano sono anch'essi debitamente inscatolati, e lo viaggiano come sonnambuli.
Ci raccontano che tra dieci-venti anni la Cina sarà
11 massimo potere mondiale, con l'India al secondo
posto, e intanto si buttano sulla Cina e dislocano i
servizi in India. E fin qui vedono bene, a corto periodo, perché lo sviluppo della Cina, specialmente
della Cina, è straordinario. Ma è sostenibile? Può
durare? E qui i sonnambuli non ci vedono più. Si
inscatolano nei loro calcolini numerici, e così ignorano tutto il resto, che è di gran lunga il più. Alla
metà di questo secolo i cinesi dovrebbero essere 1,5
miliardi, e lo stesso gli indiani. Ma questi 3 miliardi (ai quali possiamo aggiungere, con ulteriori 1,5
miliardi, gli africani) come li nutriamo? E una domanda che non scuote i sonnambuli. Per loro la risposta è ovvia: coltiveremo di più.
Ma come facciamo se già oggi l'acqua sta venendo
a mancare? In Cina il fiume Giallo è allo stremo,
in India il Gange è un liquame che arriva a malapena al mare. Ovunque l'agricoltura è sempre più
irrigata da acqua di falda, e le falde scendono paurosamente di anno in anno. Le statistiche dell'Onu
ci dicono che ogni 20 secondi un bambino muore
ucciso da acqua inquinata, e che più di un miliardo di persone non hanno accesso all'acqua potabile. Oggi. Ma tra poche decine di anni potrebbe essere che ogni secondo muoiono 200 bambini, e che
altrettanti adulti muoiono sterminati dalle carestie.
Dunque, già oggi consumiamo molta più acqua di
quanta ne riceviamo dal cielo, dalle piogge.
Questo è un dato certissimo. Aggiungi il cambiamento del clima dovuto al riscaldamento della Terra. Non entro nelle tante, drammatiche conseguenze dello sconvolgimento climatico in corso. Tra
queste, il fatto che non pioverà più (a sufficienza)
dove piove adesso, e quindi dove fiorisce l'agricol-
tura, e che invece pioverà dove non serve, dove non
fiorisce un bel nulla. Nell'area mediterranea il nostro Sud rischia la desertificazione e il nostro Nord
è esposto a prolungata siccità. Esempi a parte, siamo esposti ovunque a siccità devastanti, che ovviamente sono molto più disastrose e letali nei paesi
ad alta densità di popolazione agricola (appunto,
Cina e India).
Il pianeta Terra rischia una terribile crisi idrica e
alimentare, ma di tutto questo il nostro sonnambulo globale non sa e non vuole sapere nulla. Venerdì scorso, a Parigi, 500 qualificati climatologi hanno concluso il loro lavoro di sintesi dei dati raccolti da 2.500 esperti, asserendo che al 95 per cento il
disastro climatico è opera dell'uomo.
I sonnambuli finora se la sono cavata dicendo che
i cambiamenti climatici ci sono sempre stati, e che
noi non ci possiamo fare niente. Invece no, invece
è falso. Questa volta, e per la prima volta, tutte le
colpe sono nostre. Niente più balle. I sonnambuli
si devono svegliare. E la Cina non sarà l'Eldorado.
7 febbraio 2007
UNO SVILUPPO NON SOSTENIBILE
La Terra è ammalata, il clima è impazzito, le risorse si assottigliano. Pian piano (troppo piano) se ne
stanno accorgendo un po' tutti. Ma la gente non
vuole sapere; vuole sperare. E così la gente "rimuove" le cattive notizie. Chi ne dà notizia è un catastrofico, un apocalittico, e magari anche un uccello
di malaugurio. Ma se una cattiva notizia è vera, allora è vera. Ed è purtroppo vero - la scienza è pressoché unanime nel certificarlo — che siamo al cospetto di una catastrofe ecologica che andrà a rendere invivibile anche la vita dell'uomo. Comincio
dalla notizia più sconfortante: che i più indifferenti al loro stesso destino sono i giovani. Gli spregiati
anziani si battono, in definitiva, per le generazioni
future (al momento della resa dei conti loro, gli anziani del Duemila, non ci saranno più). Ma i giovani se ne sbattono, non gliene frega niente.
Il documentario americano di Al Gore, Una verità scomoda, sul riscaldamento globale è stato visto
da molta gente; ma, a quanto pare, da un pubblico tutto al di sopra dei 40 anni, nessuno, o quasi,
sotto. Il cosiddetto popolo di Seattle gira il mondo
diffondendo sciocchezze sul capitalismo e sulla globalizzazione, senza capire che la loro causa dovrebbe essere di salvare la Terra e, con essa, se stessi. Però anche tra i quarantenni in su l'istinto è di "struzzeggiare". Anche se l'evidenza scientifica sul collasso
ecologico è ormai schiacciante, per il grosso pubblico ogni pretesto è buono per non crederci. Il dibattito si svolge su tre fronti: 1) la fallibilità delle previsioni, 2) l'incertezza sulle cause, e quindi sulle "colpe", 3) l'efficacia dei rimedi. Se queste tre indagini
vengono pasticciate, allora "l'ambientalista scettico" ha buon gioco nel far confusione. Ma se vengono separate, allora si vede subito che bara al gioco.
1. Nelle previsioni bisogna distinguere tra prevedere un trend, una linea di tendenza, e prevedere una
scadenza. Le previsioni sbagliate sono quasi sempre le seconde. Il che non vuol dire che siano sbagliate per eccesso di pessimismo. Al momento risultano semmai sbagliate per ottimismo. Per esempio, la Terra si sta scaldando più rapidamente del
previsto. E lo stesso vale per l'esaurimento del petrolio, che potrebbe avvenire anzitempo. Invece la
previsione di un trend è raramente sbagliata. Perché in questo caso non anticipiamo il "quando" di
un evento, ma che avverrà. E il punto è che lo sbaglio cronologico (di date) non scredita la credibilità di un andamento.
U N O SVILUPPO N O N SOSTENIBILE |
2. In materia di spiegazione causale, l'ambientalista scettico ci racconta che le oscillazioni climatiche ci sono sempre state, e quindi che sono causate da fattori naturali e astronomici che sfuggono al
nostro controllo. Se così fosse, saremmo impotenti. Ma per fortuna non è così. Nell'ultimo milione
di anni i cicli glaciali sulla Terra si sono ripetuti per
durate medie di 100.000 anni; e la più recente "piccola era glaciale" copre un periodo di circa 500 anni con un massimo di raffreddamento tra il 1645 e
il 1750. E questi richiami fanno già intravedere radicali differenze tra quei passati e il nostro presente. Il nostro cambiamento è velocissimo e cumulativo, il che induce a sospettare uno sviluppo lineare "senza ritorno ", e cioè senza ciclicità.
A conferma basta la logica, l'argomento che i fattori scatenanti dell'inquinamento dell'atmosfera e anche del suolo non esistevano in passato. L'inquinamento industriale, l'inquinamento da automobili,
l'inquinamento da produzione di energia, e così via,
sono una novità assoluta. Inoltre il problema non
è soltanto un inquinamento riscaldante, ma anche
un rapido esaurimento delle risorse, ivi incluse le
risorse rinnovabili. Il nostro è ormai uno "sviluppo insostenibile ", tale perché l'uomo consuma le
risorse rinnovabili della Terra — specialmente l'acqua e il cibo — a un ritmo che già supera del 20 per
cento la capacità che ha la Terra di rigenerarle. Un
ritmo che ha tutte le minacciose sembianze di una
crescita esponenziale (come nella sequenza aritme-
135
tica 1, 2, 4, 8, 16...). Dunque che la nostra catastrofe ecologica sia causata da fattori cosmici non è
soltanto smentito da tutta la scienza seria e dai milioni di dati che ha raccolto, ma risulta anche una
tesi del tutto implausibile a lume di logica.
3. Veniamo ai rimedi. Ovviamente i rimedi dipendono dalle cause, e cioè dalla malattia che li richiede. Altrettanto ovviamente molti rimedi non rimediano: sono sbagliati o comunque insufficienti.
L'aspirina non cura la polmonite. L'acqua è un rimedio per la sete ma non per la fame. In gergo tecnico le cause sono chiamate variabili indipendenti,
che possono essere tantissime (multicausalità). Inoltre una variabile indipendente può risultare dipendente da una variabile che la precede. Ma niente
paura. Il groviglio viene semplificato se ci chiediamo: qual è la variabile primaria che sta a monte di
tutte le altre? E cioè la variabile che più e meglio fa
variare tutte le altre? A mio avviso è la variabile demografica, la "bomba demografica", e cioè l'esplosione della popolazione. In un solo secolo la popolazione si è più che triplicata. Sono passate diecimila generazioni per farci arrivare a 2 miliardi di
essere umani. Oggi siamo 6 miliardi e mezzo; e tra
50 anni potremmo essere 9 miliardi. Follia. Si risponde che ci salverà la tecnologia. Forse. Ma forse no. Perché un effetto collaterale della tecnologia
è di aggravare il danno.
L'uomo dell'età tecnologica ha, rispetto ai suoi antenati, un potere cento volte superiore (dico a ca-
U N O SVILUPPO N O N SOSTENIBILE
so) di danneggiare il suo habitat. Oggi ogni persona in più dei paesi sviluppati o in rapido sviluppo
(Cina inclusa) inquina ed esaurisce le risorse naturali (mettiamo) 50 volte di più di un uomo di cinquecento anni fa. Comunque, ammettiamo — ottimisticamente - che la tecnologia ci possa salvare.
Ma questa speranza è sottoposta a una condizione
tassativa: fermare, e anzi fare retromarcia, sulla crescita della popolazione. Volendo, è l'intervento più
facile e indolore: basta promuovere con risolutezza
l'uso dei contraccettivi. Già, volendo. Senonché la
Chiesa cattolica (non le altre religioni) non vuole, il
piissimo Presidente Bush non vuole, e i demografi
(assieme a molti economisti) vogliono sempre più
bambini per alimentare le pensioni. Si può essere
più irresponsabili e dissennati di così?
Non volere i contraccettivi equivale a condannare,
nei prossimi decenni, due miliardi di persone a morire di sete, e un altro miliardo a morire di fame. Anche se queste sono stime all'ingrosso, sono stime attendibili. A fronte delle quali non ci dovrebbero essere tabù (religiosi o emotivi) che tengano. Invece
tengono. Ci siamo fregiati del titolo di Homo sapiens
sapiens. Ma un'umanità che non sa salvare se stessa
da se stessa merita semmai il titolo di Homo stupidus
stupidus. A proposito: buon Ferragosto. Oggi siate
lieti e spensierati. Se poi vi interessa il futuro, allora mi potete ancora leggere e "male dire" domani.
15 agosto 2007
137
INCENDI: RIMEDI ESTREMI
PER MALI ESTREMI
I boschi continuano a bruciare, e io pure (di rabbia). Da ultimo è stata incendiata anche Ponza, una
splendida piccola isola difendibilissima (volendo).
In Grecia il governo si è mobilitato. Ma Prodi ha
lietamente vacanzato, e tornato a Palazzo Chigi si
concentra sulla sopravvivenza del suo potere. Tanto
è questione di poco: i fuochi saranno spenti dall'autunno, e così tanti saluti fino all'estate dell'anno
prossimo. E una presa in giro che dura almeno da
una trentina d'anni. Tanto gli italiani sono un popolo di pecoroni (stavo per dire di pecorai) che protesta poco e dimentica subito.
I governi tremerebbero se la nostra televisione detta di "servizio pubblico" mandasse in onda documentari e inchieste che denunziano l'incuria e l'irresponsabilità della classe politica. Saxa Rubra se
ne guarda bene. Ha più paura delle vendette del
Palazzo e delle spudorate querele di Totò Cuffaro
che del fuoco. Per la tv pubblica la colpa degli in-
cendi è degli incendiari. Punto e basta. Alla stessa stregua la colpa dei furti è dei ladri. Ovvio. Ma
esiste anche e soprattutto la colpa di chi non predispone i mezzi per combattere gli incendi e catturare gli incendiari.
Nel mio precedente articolo in argomento di sabato scorso, ho sottolineato il lassismo e il formalismo
della magistratura e promesso un seguito (questo)
sui colpevoli più colpevoli di tutti: i nostri politici.
Nel frattempo Vittorio Grevi mi ha garbatamente
tirato le orecchie, lunedi scorso, con un intervento
nel quale sostiene che le leggi ci sono e che sarebbero sufficienti. Grevi è un bravissimo giurista e lo
prendo sulla parola. Ma in tal caso sono le colpe
della magistratura che diventano più gravi che mai.
Perché il fatto resta che se le leggi ci sono, i puniti
non ci sono: neanche uno.
Un primo punto, come ho già scritto, è la "flagranza di reato". Per gli incendi boschivi una nuova
legge dovrebbe precisare che l'arresto è obbligatorio (non discrezionale) quando una persona viene
colta in possesso di ordigni incendiari. In mitigazione si potrebbe stabilire che la custodia carceraria dell'indiziato è obbligatoria nel periodo giugnosettembre di ogni anno, dopodiché il giudice può
consentire gli arresti domiciliari (beninteso soltanto
fino al giugno dell'anno successivo, se a quel momento non ci sarà ancora una sentenza definitiva).
Il problema è che i nostri magistrati tengono poco conto della pericolosità di un indiziato. Un in-
INCENDI: RIMEDI ESTREMI PER MALI ESTREMI |
cendiario che viene regolarmente rilasciato è pericolosissimo perché torna a incendiare il giorno dopo (vedi i numerosi recidivi) convinto, purtroppo
a ragione, che se la caverà. Se invece i 2.746 indiziati degli ultimi sette anni fossero restati tutti in
carcere o agli arresti domiciliari, sono convinto che
i fuochisti comincerebbero a mancare. Mi sbaglierò, ma proviamo.
Un secondo punto verte sul business, sugli interessi
(specialmente mafiosi) che sono in gioco. La legge
proibisce che la destinazione dei suoli incendiati sia
cambiata per 15 anni, e perciò impone ai Comuni
di censirli con mappe catastali; ma tre Comuni su
quattro non lo fanno. E il governo sinora ha fatto
finta di nulla (si è svegliato solo ad agosto). Ancora
un punto. Anni fa proponevo una taglia sugli incendiari. Naturalmente (mi capita sempre) la proposta
è caduta in un profondissimo silenzio. Ora la Grecia istituisce una taglia da 100.000 a un milione di
euro. Se le taglie non funzionano, allora non ci costano nulla; altrimenti ci costerebbero infinitamente
meno dei 500 e più milioni di euro della spesa annuale in conto incendiari. Ma farlo capire al comprendonio di chi ci governa sembra difficilissimo.
1 settembre 2007
141
CRISI ENERGETICA.
L'IMPREPARAZIONE AL POTERE
Riusciremo a svernare senza trovarci al freddo? Lo
sa solo San Fortunino. E poi, d'estate, l'elettricità
basterà per i condizionatori? Dipenderà da Santa
Fortunella. Intanto il petrolio è arrivato a costare
100 dollari al barile. Anche se questa è una punta
speculativa, la realtà è che il petrolio sta diventando scarso. Si sapeva? Certo che si sapeva. Salvo che
in Italia. Emperocché noi arriviamo alla crisi energetica più impreparati e indifesi di tutti. La colpa è
ovviamente di chi ci ha governato. Ma è anche di
un sistema di informazione che si appiattisce sotto
il potere e che ne copre i colossali buchi di inazione.
Da anni vado in tv per discutere del clima, delle risorse, e dello "sviluppo non sostenibile" che ci mette tutti in pericolo. E tutte le volte mi imbatto in
chi mi controbatte dicendo "tutte balle". Tra questi il più popolare è un certo Bjorn Lomborg, danese, che per esempio scrive che "c'è petrolio sufficiente per coprire il fabbisogno energetico totale
dei prossimi 5 mila anni". Va da sé che il personaggio è screditatissimo. Ma alla tv piace: vivacizza lo
spettacolo. Davvero un buon servizio pubblico (reso al pubblico).
Ma procediamo con ordine. Il problema energetico
si apre, in Italia, con il referendum del 1987 che ci
proclamava paese non-nucleare. La decisione non
aveva molto senso, visto che la Francia pullula di
centrali nucleari a un paio di ore (di vento) da noi,
e che l'elettricità che ci manca la dobbiamo comprare, più cara, dal nucleare altrui. Comunque sia,
se ti privi del nucleare lo devi sostituire con qualcosa. Elementare. Invece, e al solito, niente. In Italia si chiudono le vecchie prigioni, ma non si aprono nuove prigioni, aumenta la spazzatura ma non
aumentano gli inceneritori; le nostre infrastrutture (strade, ferrovie) sono ferme da decenni. Quanto alla politica energetica, non è proprio esistita. I
rigassifìcatori del metano sono tutti, o quasi, bloccati da gran tempo; la riconversione a carbone "pulito" della centrale di Montalto non trova mai fine;
e la produzione dell'etanolo, della benzina da piante vegetali, è sempre stata scoraggiata. E così siamo
ridotti a sperare che il clima sia clemente, e che ci
sia petrolio a sufficienza anche per noi.
Purtroppo i dati sono nerissimi. Prevedono, primo, che entro 20 anni 3 miliardi e mezzo di cinesi
e di indiani (troppi?) raddoppieranno il loro consumo di energia; secondo, che nello stesso periodo in Cindia (è il felice conio di Federico Rampi-
CRISI ENERGETICA. L ' I M P R E P A R A Z I O N E AL POTERE |
ni) i consumi di petrolio, gas e carbone cresceranno di oltre il 50 per cento; terzo, che le emissioni
carboniche esploderanno, al contempo, di quasi il
60 per cento (con tanti saluti, tra l'altro, alla salute
dei nostri polmoni). Sono dati al cospetto dei quali
non c'è rimedio eolico o solare che possa rimediare (checché ne dica il ministro Pecoraro Scanio). Il
mio consiglio? Prodi, che è di origini dossettiane,
a fine mandato si potrebbe ritirare in convento per
meglio pregare San Fortunino e Santa Fortunella.
Quanto a Berlusconi, che è uomo ingegnosissimo,
dovrebbe andare in Cina con Lomborg consigliere. Chissà, forse il miracolo di inventare energia a
gogò, a lui potrà riuscire.
17 novembre 2007
145
DEMOCRAZIA AL VERDE
Torno ai programmi elettorali. Scrivevo che oramai
si riducono a essere strumenti acchiappa-voti. Servono per vincere. Il che non implica che servano
per ben governare. Può darsi; ma può anche darsi che costringano a governare malissimo. In parte perché promettono quel che non dovrebbero, e
in parte perché occultano i veri problemi, i problemi che sono davvero da affrontare. Questi problemi, scrivevo, costituiscono la parte sommersa delle campagne elettorali. Vediamo di farla emergere.
Una prima partita sulla quale troppo si sorvola è
quella del nostro debito pubblico. Sì, sappiamo
che c'è; ma poi si svicola. Eppure batte ogni record: oscilla intorno al 105 per cento del Pil (prodotto interno lordo), e cioè della ricchezza prodotta dal paese in un anno; il che comporta un carico di interessi di 70 miliardi di euro. Ora, anche
un bambino (ma non i sindacati e nemmeno la sinistra-sinistra) arriva a capire che trovarsi ogni an-
no con 70 miliardi bloccati è un'intollerabile palla al piede. Questo debito era superato, in passato,
dal Belgio, che però è riuscito a dimezzarlo. A noi
non riesce. Perché? E un segreto di Pulcinella, debitamente oscurato da tutti.
Una seconda partita dolente, anzi dolentissima, è
quella della mafia (nella quale ricomprendo camorra e 'ndrangheta). Vedi caso, nessun programma si
impegna in una "guerra alla mafia". Eppure la mafia è la più grossa azienda del paese, con un fatturato nell'ordine di 90 miliardi all'anno, tutti esentasse, tutti in nero. Ma né Tremonti né Visco né
nessuno hanno mai davvero cercato soldi nel colossale patrimonio mafioso. Perché? E un altro segreto di Pulcinella. E che il voto malavitoso condiziona e inquina la politica e le elezioni di metà del
paese. Nel 2001 Berlusconi vinse in Sicilia 61 collegi su 61. E comune opinione che quel trionfo fu
dovuto anche ai voti controllati dalla mafia. E ora
il Cavaliere ritenta il colpo rilanciando il ponte di
Messina, che sarebbe inevitabilmente una colossale pacchia per l'onorata società. Come insegna l'autostrada Salerno-Reggio Calabria, fatturata metro
per metro dalle cosche.
Aggiungo che questo lassismo, e ancor più la collusione tra politica e mafia, sono particolarmente vergognosi perché impiombano l'economia del Sud e
di riflesso tutta l'economia italiana. Il Sud non riesce a decollare, economicamente, anche perché
strangolato dal "pizzo" e da un gigantesco parassi-
ta che oramai è arrivato al Lazio. Come scrive Giorgio Bocca, la malavita sta "sconfìggendo lo Stato in
metà dello Stato". Eppure i partiti (paghi di qualche fortunato arresto) non fiatano e anzi candidano personaggi in altissimo odore di sospetto.
Una terza grossa partita è quella delle infrastrutture. Sono tante. Qui ho in mente strade e ferrovie,
che sono infrastrutture disattese da decenni. Giuseppe Turani stima che la rete ferroviaria da rifare costerebbe 30-40 miliardi, e che "per diventare
(in materia di viabilità) un paese moderno in media con gli altri paesi europei dovremmo spendere nell'arco di una ventina d'anni almeno un altro
Pil al completo".
Basta e avanza così? Purtroppo no. Perché tra le
partite ad alto costo c'è anche la partita ecologica e
dell'incombente disastro climatico. In materia i nostri Verdi fanno ridere o fanno danno. Per loro il
problema principale è di bloccare strade, ferrovie e
fabbricati "brutti", nonché il grosso degli impianti
per l'energia elettrica e la rigassificazione del metano. Il brutto non piace nemmeno a me. Ma è irresponsabile raccontarci che il fabbisogno energetico
(in vertiginosa crescita) sarà fronteggiato dal sole e
dal vento. Nel contempo si limitano a piangere, soltanto l'estate, quando i nostri boschi bruciano; e il
ministro Pecoraro Scanio si è distinto nel bloccare
a Napoli i termovalorizzatori perché il suo collegio
elettorale è, appunto, Napoli. Abbiamo sottoscritto
gli accordi di Kyoto, dopodiché le nostre emissioni
di gas serra (il vero problema) hanno superato del
13 per cento il limite che abbiamo accettato. La verità è che sia Berlusconi che Prodi del riscaldamento
della Terra si sono strafregati, e nemmeno Veltroni si stravolge più di tanto. Quanti Pil verrà a costare, quando i nodi verranno al pettine (sarà presto), questa cecità? Nessuno lo sa né lo vuol sapere.
Infine c'è il costo del federalismo promesso a Bossi da Berlusconi. Nei programmi è un costo non
contemplato, come se spezzettare il paese in parecchie Sicilie aggiuntive non comportasse un esiziale aggravio di sprechi clientelari e di ogni sorta di
disfunzioni. Pertanto quando si osserva che i programmi del Pd e del Pdl si equivalgono, si dimentica che se Berlusconi vincerà dovrà pagare a Bossi
il salatissimo prezzo del suo sostegno. Ripeto, nessuno lo nota ma su questa partita Berlusconi, e soltanto lui, ci costerà molto caro. Cerchiamo di fare
il punto a oggi. Siamo una democrazia troppo indebitata? Sicuramente sì. Siamo anche una "democrazia in deficit", per dire che le uscite superano regolarmente le entrate? Per ora è ancora così; e dubito sulla redenzione prevista per il 2012.
La cosa certa è, invece, che siamo una "democrazia al verde", senza un sòldo in tasca, e che ha raschiato il fondo del barile (ci resta soltanto la risorsa, poco saggia, di continuare a vendere il patrimonio dello Stato). Si risponde che siamo pur sempre
una "democrazia in crescita" in termini di Pil. Ma
questa crescita è modestissima. Eppoi il Pil a que-
sto effetto non è un buon indicatore. Il dato significativo è che oggi, secondo i dati Ocse, il potere
di acquisto dei nostri lavoratori è del 18 per cento
circa inferiore a quello dei paesi dell'euro. E siccome ci mancano i soldi per rimediare, il mio sospetto è che noi siamo una "democrazia in decrescita"
e cioè caduta nel vortice di uno sviluppo non sostenibile che distribuisce più di quel che produce.
13 marzo 2008
IL MERCATO NON SALVERÀ LA TERRA
Qual è il rapporto tra democrazia e sviluppo economico? Nel secondo dopoguerra ha trionfato la
dottrina economicistica che sostiene che per trasformare i regimi autocratici in democrazie occorre una crescita di benessere, e che il benessere porta automaticamente con sé la democrazia. Insomma, la democrazia dipende dai soldi e nasce con i
soldi. E proprio così? Direi di no.
Cominciamo con il rapporto tra democrazia e mercato. E ormai assodato che una democrazia senza
sistema di mercato è poco vitale. Ma non è vero il
contrario. Un'economia di mercato può esistere e
fiorire senza democrazia, o precedendo la democrazia: vedi Singapore, Taiwan, Corea del Sud, Cina.
Altro quesito: se la democrazia produca benessere.
Sì, ma anche no. L'America Latina è stata impoverita anche dalla democrazia, perché la democrazia induce o può indurre a consumare più di quello
che si produce o si guadagna. E le "democrazie in
deficit" sono state e continuano a essere frequenti.
Guardiamo allora all'aspetto nuovo del problema, al
rapporto tra democrazia e sviluppo. Finora si è argomentato, per un verso, che il benessere promuove la democrazia e, dall'altro, che il denaro la corrompe e la compra. Ma finora il rapporto tra Stato
e mercato vedeva uno Stato che variamente regolava e interferiva nel mercato. Ma recentemente, con
la globalizzazione, si è creato lo "sviluppismo", una
dinamica, un vortice che nessuno (neanche gli Stati) riesce a disciplinare né a frenare, uno svilupparsi a ogni costo, il più presto possibile, alla maggiore velocità possibile. È bene che sia così?
Sarebbe un bene se vivessimo in un pianeta sottopopolato e, diciamo, dieci volte più grande del nostro con risorse praticamente integre. Il guaio è che
il nostro è un pianetino disperatamente sovrappopolato, nel quale la crescita non può essere illimitata, e che da qualche decennio è entrato nel vortice di uno "sviluppo non sostenibile", tale perché
consuma più risorse di quante ne produca, e che attinge a risorse in via di esaurimento. Ma di questo
sviluppo non sostenibile il grosso degli economisti
non si vuole nemmeno accorgere. Il loro mantra è
che a tutti i problemi dello sviluppo infinito e della
crescita a gogò prowederà il mercato, quando sarà
tempo di provvedere.
Ma no, proprio no. Dicevo dello sviluppo non sostenibile, e che questo problema non è affrontato
e tanto meno risolto dai meccanismi di mercato.
IL MERCATO N O N SALVERÀ LA TERRA
Intanto, mercato e sistema economico non coincidono. Il mercato non contabilizza tantissime cose,
per esempio i "bèni collettivi", quei beni che nessuno paga e che sono pagati, di regola, dalle tasse.
Gli esempi classici sono la polizia, la sicurezza, le
strade. Se chiedo l'intervento della polizia, non è
che poi ricevo il conto da pagare. Né pago per l'illuminazione stradale. Ma ci sono casi più complicati. Prendiamo gli alberi, una foresta. Sono beni collettivi? Nella misura in cui forniscono il servizio di
pulire l'aria, di fornire legno e di proteggere la fertilità del suolo, direi di si. Ma non per il mercato.
Chi abbatte alberi mette in conto soltanto il costo
del loro abbattimento. Il costo della distruzione di
una foresta va in cavalleria. Lo stesso vale per l'acqua. Quella di superficie che è canalizzata viene di
solito fatta pagare, ma l'acqua freatica, l'acqua di
falda, no; chi la estrae paga soltanto il costo dell'estrazione. Va bene finché il consumo dell'acqua di
falda viene pareggiato dalla sua sostituzione naturale. Ma altrimenti il consumo in eccesso produce
un danno collettivo che non viene pagato né contabilizzato. Poi ci sono le cosiddette externalities,
gli "effetti esterni". Chi inquina l'acqua o avvelena
l'aria con "gas serra" produce danni che il danneggiarne non paga e che il mercato non registra. Eppure si tratta di danni colossali, con costi di ripristino e di riparazione — che sicuramente si renderanno necessari - altrettanto colossali.
Il succo del discorso è che gli economisti si sono
155
chiusi nel recinto del mercato, e che non avvertono che la crescita e la prosperità economica sono ormai crescite in deficit, pagate, in proporzioni
sempre crescenti, da un collasso ecologico su scala planetaria. Un ulteriore limite del mercato è che
è lento, che è miope. Non anticipa i tempi, ma al
contrario prevede e calcola solo a brevissimo raggio. Quando si dice markets do not clear, si sottintende che i mercati non sbrogliano i problemi in
tempo, che affrontano i nuovi problemi quando è
troppo tardi. Tra pochi decenni il petrolio diventerà insufficiente. Che cosa dice l'economista? Dice: va bene, quando il petrolio diventerà scarso, il
prezzo salirà e renderà competitivi prodotti sostitutivi, per esempio metanolo e biodiesel ricavati da
piante zuccherine. Tante grazie! Dal momento in
cui il petrolio arriverà, mettiamo, a 150-200 dollari al barile a quando lo potremo sostituire con i
biocombustibili passeranno 4-5 anni. Dovremo far
crescere le piante, costruire le fabbriche, organizzare una rete di distribuzione, adattare le automobili. Che cosa faremo nel frattempo? Nell'affìdarsi
ai "miracoli" del mercato gli economisti ignorano
anche che i biocombustibili non basteranno, anche
perché le coltivazioni, diciamo, "petrolifere" si sviluppano a danno dell'agricoltura che produce grano e che ci sfama. Non c'è abbastanza territorio per
produrre contemporaneamente piante per la benzina e prodotti alimentari. Siamo saturi, eppure gli
economisti non se ne accorgono.
IL MERCATO N O N SALVERÀ LA TERRA |
Un altro esempio. Non mi sono ancora imbattuto in un economista che affronti davvero il problema della scarsità già grave e sicuramente crescente
dell'acqua. Secondo le regole di mercato, per rimediare occorre che l'acqua venga a costare quanto la
desalinizzazione del mare. Ma l'agricoltura non potrà mai affrontare questo enorme costo di estrazione
e anche di distribuzione. Senza contare che ci manca l'energia (altro problema!) per mettere in moto
questo processo. E cosi la vita stessa di un miliardo
e anche più di persone si troverà, in tempi abbastanza brevi, in pericolo. È uno scenario terrificante.
Il punto è che il mercato arriva tardi e male per fronteggiare i drammatici cambiamenti in corso, mentre dall'altro lato li accelera e li aggrava, innescando sempre più uno "sviluppismo cieco" destinato
all'implosione. La Terra è già popolata da sei miliardi e mezzo di persone, e il loro numero è ancora in crescita. Per gli economisti e per i demografi la sovrappopolazione è un problema extraeconomico, che non li riguarda. Addirittura molti di loro
sostengono che bisogna essere prolifici perché occorre una forza lavoro crescente, altrimenti l'economia ristagna o diventa diffìcile pagare le pensioni.
Ma questo è un vortice senza fine. Lo sarà ancora
di più quando saremo 9-10 miliardi. Nel frattempo una crescita demografica fuori controllo ci sta
inesorabilmente portando al disastro climatico e al
collasso idrico. Senza che quasi nessuno (inclusi gli
economisti) se ne avveda.
157
Il paradosso è che il sistema economico di mercato
ha per circa duecento anni promosso la liberaldemocrazia, mentre ora la minaccia con un'accelerazione fuori controllo, la cui implosione può travolgere
anche la democrazia che aveva allevato. Un cataclisma climatico e ambientale può affossare, assieme a
tutto il resto, anche la città libera. Perché lo sviluppo non sostenibile è anche uno sviluppo inaccettabile, che impone un ritorno a quel passato di carestie e di povertà che ci eravamo lasciati alle spalle.
26 marzo 2008
LA COPERTA È CORTA
D'un tratto abbiamo scoperto che nel mondo c'è
molta gente che muore di fame. Eppure si sapeva
da tempo. Sei anni fa contestavo i dati Fao (Food
and Agricultural Organization delle Nazioni Unite)
la cui previsione era che nel 2030 il numero delle
persone che soffrono la fame sarebbe stato dimezzato e scrivevo così: "La semplice verità è che la fame sta vincendo perché ci rifiutiamo di ammettere
che la soluzione non è di aumentare il cibo ma di
diminuire le nascite, e cioè le bocche da sfamare.
La Fao, la Chiesa e altri ancora si ostinano a credere che 6-8 miliardi di persone consentano uno sviluppo ancora sostenibile. No. Più mangianti si traducono oggi in più affamati. I 30 mila bambini che
muoiono di fame ogni giorno li ha sulla coscienza chi li fa nascere" (Corriere del 9 giugno 2002).
Da allora provo ogni tanto a ricordare che alla origine di tutti i nostri mali, ivi incluso il disastro ecologico, sta l'esplosione demografica. Agli inizi del
secolo scorso eravamo 1.500 milioni; oggi siamo
6.500 milioni (tuttora in crescita di 60 milioni l'anno). Ma è un predicare al vento. Sul punto si è creato un blocco mentale. L'argomento è tabù, è religiosamente scorrettissimo e proprio non se ne deve parlare. E così continuiamo a essere impegnati
in una rincorsa inevitabilmente perdente, insensata e anche suicida. Tornando agli affamati, sei anni fa erano stimati in 800 milioni; oggi si può prevedere che arriveranno a 2 miliardi e passa.
Sono stime che sottintendono una vera e propria
"strage " in corso, che non ha fatto notizia finché
avveniva in ordine sparso. È quando una carestia
arriva nelle città che diventa visibile e minacciosa.
Ed è nelle città del mondo in via di sviluppo (come si diceva) che oggi manca il grano, manca il riso, manca il mais. Perché? Di colpo si scopre che
la colpa è dei biocarburanti che sottraggono terreno agricolo alle coltivazioni alimentari. In verità il
Brasile va quasi tutto a biocarburanti e in trent'anni nessun premio Nobel (in economia sono tantissimi) ha avvertito il pericolo. Ma ora che l'America
si è messa a incentivare l'etanolo, ecco il colpevole:
la politica energetica di Washington e la speculazione che si concentra a Chicago. Sulla speculazione (che c'è) mi limito a osservare che presuppone
che un bene diventi ràro. Sull'acqua di mare non
ci sarà mai speculazione.
Quindi la speculazione non è all'origine del problema. Il problema è che le risorse petrolifere sono
LA COPERTA È CORTA |
in diminuzione e soprattutto sempre più a rischio.
Se l'America restasse a secco sarebbe una catastrofe (anche per tutto l'Occidente) rispetto alla quale
la crisi del 1929 sarebbe una inezia. La situazione
è, allora, che per 6-7 miliardi di persone la coperta è corta. Per rimediare, tutti cercano di tirarla a
sé. E così per turare una falla ne apriamo un'altra.
Quando la coperta è sempre più corta, l'unica soluzione è di ridurre il numero di chi ne deve essere
coperto e protetto. In attesa ogni egoismo è sacro,
e cioè il diritto di sopravvivere è eguale per tutti.
Pertanto trovo insensato e irresponsabile dichiarare che alienare i terreni dalla produzione agricola
"è un crimine contro l'umanità" (così le Nazioni
Unite per bocca di Jean Ziegler, riecheggiato con
mia sorpresa anche da Tremonti). Per un problema terribilmente serio, occorre essere seri.
6 maggio 2008
L6L
AMBIENTALISMO SENZA POLITICA
Il problema ecologico, che è poi un problema di
sopravvivenza del genere umano, ci sta esplodendo in mano senza che quasi nessuno — specialmente in Italia — ne avverta non solo la gravità, ma l'esistenza. A scuola l'ecologia è materia ignota che non
s'insegna; in televisione compare poco e soprattutto
male, perché i "telecapi" vogliono che l'audience sia
svagata e mai allarmata; e nei giornali il problema è
sottoposto, a scanso di grane, alla par condicio: una
voce prò, anche se parla per 100.000 esperti, e una
voce contro, anche se ne rappresenta soltanto 100.
Non parliamo poi dei nostri politici. Sinora abbiamo avuto Ministri dell'Ambiente indegni di essere
ricordati, e che si intendevano di ecologia quanto
io m'intendo di fisica nucleare.
Un'altra considerazione generale è che sin dalla preistoria e sino a pochi decenni fa, l'uomo presuppone
che la natura ci sia, si adatta all'ambiente che trova, e ricava da questo "dato" come vivere e soprav-
vivere. D'un tratto, e appena da due secoli, questa
ottica si rovescia, non è più la natura che accoglie
l'uomo, ma è l'uomo che "fa" la natura, che la trasforma e consuma senza rimedio (esaurendola). In
sostanza oggi è l'uomo che avvelena l'aria, che distrugge gli equilibri climatici, che riscalda la Terra,
e che prepara il proprio suicidio.
Fino a poco tempo fa parecchi studiosi dubitavano
che il clima sia cambiato dall'uomo, e hanno attribuito questo cambiamento a fattori astronomici.
Ma il numero dei dubbiosi è ormai ridottissimo. E
il fatto che si impone a tutti è che l'anidride carbonica la produciamo noi, la producono le nostre industrie, le nostre automobili, e il sempre crescente
fabbisogno energetico. Se fossimo ancora un miliardo, e se vivessimo ancora in società pre-industriali,
il problema ecologico non esisterebbe. Esiste perché in un secolo ci siamo moltiplicati per sei, siamo diventati 6 miliardi e mezzo, e perché il nostro
mondo è tutto prodotto e sostenuto da un'energia
che dobbiamo ricavare depauperando la natura.
Scusate queste premesse, che sono forse fuori proporzione. Ma il problema ecologico può essere abbordato sia partendo dal piccolo come dal grande.
Il mio percorso parte dall'ecosistema nel suo complesso e cerca di mettere assieme le molteplici ottiche specialistiche che lo compongono, ma che allo stesso tempo lo dividono. Il che non toglie che
io mi sia anche occupato e preoccupato di problemi concreti e parziali, specialmente quello del ter-
A M B I E N T A L I S M O SENZA POLITICA |
ritorio. Il giardino, per me, appartiene al territorio
agricolo costruito dall'uomo, specialmente nell'habitat collinare, e all'insieme di coltivazioni e alberi, di campi, di boschi e di case coloniche. Un insieme il cui valore è il bello, la bellezza; un valore
che riscalda e allieta la nostra vita forse più di ogni
altro. E in questo caso il bello è anche la difesa del
territorio. I boschi lasciati bruciare, la terra coltivata che viene abbandonata alle sterpaglie, non ci feriscono solo come una offesa alla qualità della vita,
ma anche come una minaccia per la nostra sopravvivenza alimentare.
I terzomondismi che raccomandano da anni all'Unione europea di non sussidiare più la nostra agricoltura non sanno nulla di ecologia, e quindi non
sanno che l'acqua sta mancando (l'agricoltura ne assorbe il 70/80 per cento), e che ci aspettano (specialmente in Africa, India e Cina) sempre più drammatiche carestie. Se li avessimo ascoltati, anche gli
europei dovrebbero già oggi importare il grano (per
il quale non ci sono più riserve). Per fortuna — non
certo per lungimiranza - non li abbiamo ascoltati. Questo giardino è bellissimo. E il suo monito,
o messaggio, è che dobbiamo tornare a promuovere un territorio che è, in uno, bellezza e strumento di vita.
29 maggio 2008
MALTHUS E IL CLUB DI ROMA
La grande carnevalata della Fao si è chiusa il 6 giugno (dopo avere intasato Roma per tre giorni) con
la risibile e irresponsabile promessa di vincere la fame nel mondo entro il 2050. Speriamo che prima
venga chiusa la Fao. Perché i discorsi seri si fanno
altrove: tra poco, il 16 e 17 giugno, al convegno indetto dalla fondazione Aurelio Peccei per celebrare
il 40° anniversario del Club di Roma. Siccome risulta che moltissimi italiani non sanno nemmeno
che cosa festeggiano il 2 giugno, ricorderò che Peccei fu il primo "profeta" della impossibilità di una
crescita illimitata del pianeta Terra, così come due
secoli fa il bravo abate Malthus fu il primo a intravedere la "bomba demografica".
Oggi Malthus viene molto irriso da chi non lo ha
letto. Eppure in principio aveva ragione. Calcolò che mentre la popolazione poteva crescere in
progressione geometrica (1, 2, 4, 8), la produzione agricola può solo crescere in progressione arit-
metica (1, 2, 3, 4). Ma Malthus non riteneva che
questa crescita geometrica della popolazione sarebbe mai avvenuta: lo impediva, appunto, la fame.
D'altra parte il suo Saggio sulla popolazione usciva
nel 1798, prima della rivoluzione industriale. Ed
è l'agricoltura meccanizzata, che Malthus non poteva prevedere, che ha rinviato di due secoli la resa dei conti. Ma ora ci siamo.
La preoccupazione di Peccei e del Club di Roma
fu diversa: segnalava l'imminente venir meno delle
risorse naturali, e segnatamente del petrolio. Si capisce, consumiamo troppo perché siamo in troppi.
Ma nel 1972, quando uscì il primo rapporto, I limiti dello sviluppo, la popolazione mondiale era di
3 miliardi e 850 milioni. Vi rendete conto? In meno di quaranta anni si è quasi raddoppiata. Così
oggi la preoccupazione primaria diventa quella del
riscaldamento della Terra e dell'impazzimento del
clima. Riscaldamento perché? Anche se è vero che
la Terra ha sempre avuto cicli di glaciazione seguiti da riscaldamenti, una stragrande maggioranza di
esperti ritiene che nessun ciclo astronomico possa
spiegare la velocità, intensità e frequenza delle nostre variazioni climatiche; e dunque ritiene che il
disastro ecologico che ci aspetta sia causato dall'uomo e dal sovraffollamento del nostro pianeta.
Non occorre una intelligenza straordinaria per capire che tutti i suddetti fattori - popolazione, esaurimento delle materie prime (e dell'acqua), sconquasso del clima - afferiscono al problema della fa-
MALTHUS E I I CLUB DI R O M A |
me. Ma gli intelligentoni delle Nazioni Unite, della
Fao, e anche dei media, preferiscono scoprire, invece, che la colpa è dei biocarburanti che tolgono terreno alla agricoltura alimentare. Ma se senza mangiare si muore, anche senza petrolio si muore. L'agricoltura è meccanizzata, e cioè va a nafta; e così
i pescherecci e le navi che trasportano il cibo. Alla fin fine nel nostro mondo tutto richiede energia
largamente generata dal petrolio. Scrivevo poco fa
che oramai viviamo su una coperta troppo corta che
se tirata da una parte lascia scoperta un'altra parte.
Con questo giochino non si risolve nulla e si aggravano i problemi.
16giugno 2008
169
VERDI FASULLI, GOVERNO SORDO
Verde è il colore emblematico della natura. Emperrocché chi si dichiara "verde" si dovrebbe occupare
della natura. Ma i Verdi italiani sono anch'essi all'italiana. Sono una costola mal riuscita del '68 e sono restati alla "piccola natura" di quaranta anni fa.
Da allora la natura è diventata "grande" e ricomprende tutto l'ambiente nel quale viviamo e tutte
le risorse che ci danno da vivere. La differenza tra la
natura in piccolo e la natura in grande è tanta che
per designare la seconda usiamo la parola ecologia
(e la nozione di ecosistema).
Ma i nostri Verdi all'ecologia non sono mai arrivati. Non sono nemmeno mai arrivati a combattere
efficacemente gli incendi dolosi dei nostri boschi. Il
governo Berlusconi ha soppresso il ministero della
Sanità e salvato il ministero dell'Ambiente. Chissà
perché. Ma certo non perché il gran capo dia importanza all'ecologia. Come si ricava dal fatto che
all'Ambiente ha insediato la leggiadra onorevole
Prestigiacomo, che sinora non ha battuto colpo e
che ha fatto notizia solo perché il suo è l'unico dicastero che sfida Brunetta e non riduce l'assenteismo. Il timore è, allora, che anche dal governo in
carica di ecologia sentiremo parlare poco e fare ancora meno. Eppure la domanda che oramai si pone in tutto l'Occidente è: come va la salute della
Terra? Domanda alla quale quasi tutti (salvo i silenziosissimi italiani) rispondono: maluccio, e anzi ancor peggio del previsto.
Finora nelle previsioni dell'Ipcc (Intergovernmental panel on climate change), una delle fonti più
autorevoli sul cambiamento climatico, prevaleva,
per così dire, l'ottimismo: da oggi al 2100 un aumento di temperatura di 2 gradi. Ma le ultime rilevazioni indicano un'accelerazione crescente nello
scioglimento dei ghiacci del Polo Nord che lascia
prevedere un riscaldamento, davvero catastrofico,
che potrebbe arrivare a 6 gradi. La gente fa spallucce. Pensano che se avremo più caldo i nostri figli e
nipoti lo combatteranno con l'aria condizionata e
soprawiveranno lo stesso. Sbagliato. Se nel 2100
fossimo 9 miliardi (come sembra che il Vaticano e
chi raccomanda "più figli" si augurino), in tal caso mancherebbe l'energia per raffreddarsi. E poi il
punto non è questo. E che per il pianeta Terra già 4
gradi in più farebbero crescere il livello dei mari di
5 metri (addio Venezia), creerebbero enormi zone
desertifícate nelle fasce che sono oggi di clima temperato (Italia inclusa), falcerebbero la vita animale
VERDI FASULLI, G O V E R N O SORDO
e vegetale (e addio anche alla foresta Amazzonica).
È esatto parlare di catastrofe? Per un'anima sensibile, sì. Eppure i nostri governanti - tutti - dormono della grossa. Se la cavano - irresponsabilmente con il vile argomento che l'ecologia non interessa.
Certo, anche l'acqua non interessa finché c'è; anche l'aria non interessa finché è respirabile; e anche
le carestie non interessano finché non ci ammazzano. Rispetto agli accordi di Kyoto eravamo tenuti a ridurre le nostre emissioni di gas serra del 6,5
per cento; invece le abbiamo aumentate del 13 per
cento. Che fare? Svegliarsi. Per una volta i cittadini siano migliori dei loro governi.
15 agosto 2008
173
EVVIVA NOI CREPI IL MONDO
Sono arrivate le vacche magre (magrissime) ed è
purtroppo tempo di "tagli", di tagli al borsellino e
alle spese. I tagli nessuno li vuole (quantomeno per
sé). Ma siccome sono inevitabili, avrei giurato che
i primi sarebbero stati a carico dell'ecologia. Vedete come è facile essere profeti? E stato proprio così.
Sulla salute del pianeta Terra noi facciamo da sempre gli struzzi. L'Italia ha sottoscritto a suo tempo
gli accordi di Kyoto che ci imponevano di ridurre le emissioni di CO2 - tra il 1990 e il 2012 - del
6,5 per cento. Noi invece le emissioni di gas serra
le abbiamo tranquillamente aumentate accumulando così un debito di circa 1,5 miliardi.
Dunque, fin qui niente tagli, o meglio, siamo morosi e ci proponiamo di non pagare. Dopodiché
abbiamo annunciato che l'accordo europeo per il
2012-2020 che abbiamo testé firmato in gennaio
(che prevede una riduzione delle emissioni del 20
per cento) non ci sta più bene. Ipse dixit (Berlusco-
ni): "Non possiamo, in un momento di crisi, caricarci il costo di qualcosa di irragionevole". Irragionevole? Intendiamoci: sin dall'inizio abbiamo tutti
detto che le riduzioni di Kyoto erano insufficienti, insufficientissime. Ma bisognava pur cominciare, soprattutto a sensibilizzare l'opinione pubblica.
Resta l'obiezione seria che senza Usa, Cina e India
(che hanno rifiutato gli accordi di Kyoto) non si
arriva a risolvere nulla. Vero. Ma gli Stati Uniti si
sono già ravveduti, e a dispetto del "texano tossico" (il Presidente Bush) fanno già più e meglio di
noi. Quanto a India e Cina, saranno i primi a essere drammaticamente puniti per il loro "sacro egoismo" (visto che sono i paesi di gran lunga più fragili e più esposti al collasso climatico). Il discorso
è, allora, che siamo arrivati a essere più di 6 miliardi e mezzo di abitanti su un pianetino che oramai
è come una casa pericolante, in imminente pericolo di crollo. Per le singole abitazioni di solito intervengono i pompieri che le fanno sgomberare. Ma il
pianeta Terra non può essere salvato così. Non abbiamo a disposizione un pianetone contiguo dove
ci possiamo trasferire.
Se c'è dunque una priorità assoluta, inderogabile, e
non differibile è questa. Lo sottolinea con allarme
quasi tutto il sapere scientifico. Ma la nostra ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo ha ricevuto i suoi ordini e va all'assalto. L'accordo postKyoto sulla futura politica ecologica europea non è
più accettabile. Chiediamo la dilazione di un anno
EVVIVA NOI CREPI 11. M O N D O
(per quanti anni?), la diminuzione del nostro onere (che la nostra ministro ha artificiosamente esagerato), e un ricalcolo dei costi-benefici (perché ora
e non quando abbiamo firmato?). Insomma, siamo
alle solite. Siamo sleali, infidi, e facciamo i furbacchioni. Allora, la nostra prima decapitazione sarà
sui costi che ci dovrebbero consentire - si spera di sopravvivere come genere umano.
Eppure il nostro paese è tuttora sovraccarico di
"grasso" parassitario. Intanto alleva e lascia prosperare una mafia che è davvero una micidiale sanguisuga. Inoltre abbiamo una pubblica amministrazione elefantiaca, e una scuola (mi dispiace ammetterlo) con troppi insegnanti. Anche sull'Università
chi è senza peccato scagli la prima pietra. Sì, mancano i soldi per la ricerca: ma intanto abbiamo moltiplicato docenti di materie ridicole e anche una
miriade di piccole università cartacee e scadenti. E
che dire, infine, degli sperperi clientelari di moltissime amministrazioni locali? Presidente Berlusconi, di "grasso" in giro ce n'è tantissimo. Ma è più
comodo non scontentare nessuno a danno del futuro dei ragazzi di oggi.
29 ottobre 2008
177
COSÌ NON POSSIAMO DURARE
La Terra come sta? Di recente abbiamo avuto tanti terribili dispiaceri — dal terremoto all'Aquila alla depressione economica globale — che lo stato di
salute del nostro pianetino (che diventa tanto più
piccolerquanto più i suoi abitanti diventano numerosi) è lutato quasi dimenticato. Il 22 aprile è stata celebrata, nel mondo, la "giornata della Terra".
Da noi questa celebrazione è passata quasi inosservata. L'importante notizia resta che, dopo le sciagurate presidenze Bush, gli Stati Uniti di Obama si
stanno rapidamente sensibilizzando anche al problema ecologico. E un po'anche la nostra Confìndustria (Marcegaglia dixit). Me è proprio vero che
il surriscaldamento del nostro pianetino sia opera
dell'uomo, che sia colpa nostra? Il sempre più sparuto plotone di scienziati che lo nega pur sempre
ammette che le emissioni inquinanti dell'uomo contribuiscono, nell'ordine di almeno un 25 per cento, all'effetto serra e quindi alla alterazione del eli-
ma. Anche se così fosse (e per i più così non è) in
ogni caso non vedo perché non ci si debba impegnare a oltranza nel combattere la catastrofe climatica che ci minaccia.
Ciò premesso, il problema non è solo il clima. E
anche che manca, e mancherà sempre più, l'acqua
potabile, o comunque l'acqua per l'agricoltura. Dal
che consegue che nelle zone povere e sovrappopolate mancherà il cibo, e quindi che in Africa, India e
anche in Cina incombe la minaccia di terribili carestie. Non basta. Un ulteriore problema è che per
sopravvivere in tanti, in troppi, abbiamo sempre più
bisogno di energia, mentre le nostre riserve di energia (a cominciare dal petrolio) sono in via di esaurimento; e non ci sarà, temo, vento o sole che bastino per soddisfare la fame di energia dei sette miliardi di esseri umani ai quali presto arriveremo, per
non parlare dei 9 miliardi stimati da infauste previsioni. Tutti i suddetti problemi non esisterebbero
se fossimo ancora i 3 miliardi di quando io nascevo. Il che equivale a dire che la popolazione della
Terra non deve crescere ma diminuire. Elementare,
mi sembra. Ma per la Chiesa l'argomento è tabù.
Anche il grosso degli economisti ha sinora puntato
su uno "sviluppismo" (arricchismo?) infinito, come se noi vivessimo in uno spazio illimitato provvisto di risorse inesauribili. Il guaio è che da gran
tempo gli economisti leggono solo se stessi e che si
sono chiusi anche loro nella propria nicchia specialistica. Così come i giuristi evadono dai problemi
cosi N O N
POSSIAMO D U R A R E |
della realtà dichiarandoli extra-giuridici, alla stessa stregua gli economisti eliminano i problemi che
non sanno o non vogliono affrontare sotto la voce externalities, di effetti esterni che non li riguardano. Vedi caso, tra queste externalities c'è l'inquinamento dell'atmosfera e dell'acqua, la deforestazione selvaggia che desertifica il suolo e, insomma,
tutti i problemi posti dal tracollo ecologico. Eppure è di tutta evidenza che il danno ambientale già
prodotto è enorme e che comporterà costi enormi
di riparazione e di ripristino. Ammesso che non sia
già troppo tardi. Dio non voglia.
E vero che al momento l'emissione dei gas inquinanti sta calando; ma è perché siamo in una recessione che chiude industrie. E un male che ne scaccia un altro non è la soluzione del problema. La
soluzione è di capire che l'avvenire dello sviluppo
industriale è la sua riconversione in un'economia
"verde" di risparmio energetico.
24 aprile 2009
L8L
IL POZZO SENZA FONDO
Per chi non lo sapesse, il pozzo di San Patrizio è
un pozzo senza fondo, e quindi un pozzo che non
si riempie mai. Finora risultava che la Terra fosse
un pianeta tondo e racchiuso in sé stesso. Ma per i
"popolazionisti" e per chi si occupa di migrazioni
di massa è, si direbbe, un pozzo di San Patrizio. Siamo più di 7 miliardi? Nessun problema, il pozzo li
ingurgita tutti. Sarebbe lo stesso se fossimo 77 miliardi: prowederebbe sempre San Patrizio. Un Santo del VI secolo che la Chiesa dovrebbe rivalutare.
Ma procediamo con ordine. Di recente Alberto
Ronchey ricordava su queste colonne che un secolo fa gli africani erano 170 milioni, mentre oggi si
ritiene che siano 930 milioni. La sola Nigeria potrebbe arrivare, nel 2050, a 260 milioni di abitanti;
e le Nazioni Unite stimano che paesi come l'Etiopia, il Congo e il Sudan, già stremati da ricorrenti carestie, rischiano di raddoppiare, entro il 2050,
la loro popolazione. E mentre la popolazione ere-
sce a dismisura, le risorse alimentari del continente
africano sono state malamente dilapidate dall'erosione del suolo e dalla desertificazione. Questi sono, all'ingrosso, i numeri della "pressione dell'Africa" richiamata da Ronchey, che è la pressione a
noi più vicina e quindi più minacciosa. Una pressione che si ascrive alla categoria degli "eco-profughi", e correlativamente degli "eco-rifugiati". Che
fare? Come accoglierli?
Finora si è parlato di diritto di asilo. Ora si comincia a parlare di "profughi ambientali". La prima categoria è impropria e difficile da accertare, mentre
la seconda è davvero troppo larga, troppo onnicapiente: presuppone che il mondo sia quel pozzo di
San Patrizio che non è. Il diritto di asilo è stato, nei
millenni, una protezione, una immunità religiosa
dalla "vendetta del sangue" (i parenti di un ucciso,
o simili) per chi si rifugiava in un luogo sacro. Questo asilo trova la sua massima espansione nell'Europa medievale, per poi venir meno. E il punto è che
l'asilo non è mai stato riconosciuto come "diritto"
di intere comunità e tanto meno per motivi politici.
Pertanto il diritto di asilo concepito come titolo di
entrata in un paese per i rifugiati politici è una recente invenzione. E andiamo ancora peggio con la
nozione di "vittime ecologiche". Questa categoria è
davvero smisurata e sconfitta dai numeri. Gli ecoprofughi sono già centinaia di milioni; e basterebbe che il dissesto del clima spostasse i monsoni per
ridurre alla fame mezzo miliardo di indiani. Il ri-
IL POZZO SENZA F O N D O |
medio certo non può essere di accogliere tutti e di
un Occidente che si prende carico dei diritti di asilo e dei profughi ambientali. Per l'Africa un'idea sarebbe di "rinverdirla", di renderla di nuovo fertile
e vivibile. Un po' tardi, visto che l'agricoltura è già
per metà perduta, che i laghi si prosciugano e che
la desertificazione è irreversibile.
Per carità, l'Africa va aiutata. Ma tutto è inutile se e
finché non apriremo gli occhi alla realtà, al fatto che
l'Africa (e non soltanto l'Africa) muore di sovrappopolazione, e che la crescita demografica (ovunque avvenga) va risolutamente affrontata e fermata.
15 giugno 2009
185
LA SALUTE DELL'AMBIENTE.
I CONFRONTI SBAGLIATI CON IL PASSATO
Passa un Ferragosto, passa l'altro, torno sempre al
tema dell'ambiente e del clima. Chi la dura la vince, dice il proverbio. Speriamo che sia vero.
Che tempo fa? Che tempo farà? È quel che ogni
giorno vien spiegato e previsto dai meteorologi.
Qual è il clima, e cosa succede del clima, è invece
una domanda del tutto diversa che verte, nel lungo periodo, sulle condizioni di siccità, calore, inquinamento e vivibilità del nostro pianeta. Eppure
moltissime persone confondono le due cose. L'anno scorso — dicono - ha piovuto poco e ha fatto
molto caldo; ma quest'anno ha piovuto molto e siamo stati bene. Dunque — concludono - quelle dei
climatologi sono balle. E se la pensa così anche un
bravo giornalista come Pietro Calabrese, mi tocca
di rispiegare tutto daccapo.
L'indicatore più ovvio del riscaldamento climatico
è che i ghiacciai si stanno sciogliendo, con una velocità imprevista, dappertutto: in Asia, Africa, Eu-
ropa, sulle Ande, ai Poli. Abbiamo poi misure precise della quantità crescente di anidride carbonica e
di altri gas serra nell'atmosfera. Pertanto la disputa
non è più sul riscaldamento del clima terrestre - il
fatto è indubbio - ma sulle sue cause.
Chi dubita che la causa prima, primaria, "siamo
noi", ricorda che i cicli di riscaldamento e di raffreddamento della Terra sono sempre avvenuti, e
quindi che possono soltanto dipendere da cause
astronomiche. Sì, ma nel ciclo che stiamo vivendo
sono entrate due nuove variabili: la società industriale, che è fortemente inquinante, e un gigantesco "salto" in popolazione. E l'entrata in gioco di
questi due nuovi fattori inficia le analogie con il
passato. Tanto vero che la stragrande maggioranza
degli studiosi ritiene che il riscaldamento in corso
non appartiene alla naturale variabilità del clima.
Beninteso la scienza non è mai unanime. C'è ancora chi nega, per esempio, che il virus dell'Hiv sia la
causa dell'Aids. Inoltre, e soprattutto, il problema
del clima e dell'ambiente è davvero un macro-problema, tanto grande e complesso da non consentirci di stabilire chi sia un competente e chi no, chi
abbia davvero voce in capitolo e chi no. Ma non
c'è dubbio che la scienza nel suo complesso punti
il dito su un malfare e strafare dell'uomo, su cause
"antropiche". Ciò posto, a che punto siamo?
La buona notizia è che ci siamo liberati del "texano tossico", del nefasto ex Presidente Bush, e che
il suo successore Obama ha già fatto approvare dal
LA SALUTE DELL'AMBIENTE. I CONFRONTI SBAGLIATI CON IL PASSATO |
Congresso una severa legge anti-inquinamento che
prevede una riduzione dei gas serra dell'83 per cento entro il 2050. E l'America è un paese che quando si mobilita, si mobilita sul serio. Anche l'Unione europea si è convinta, e propone la formula del
20-20-20 (meno 20 per cento di emissioni di anidride carbonica, più 20 per cento di efficienza energetica, più 20 per cento da fonti di energia rinnovabili). Ma Berlusconi è come Bush, Berlusconi non
ci sta. Combatte persino le esigue (e insuffìcientissime) riduzioni imposte dal Protocollo di Kyoto; e
a dicembre ha brutalmente dichiarato a Bruxelles:
"Trovo assurdo parlare di emissioni quando è in atto una crisi". Sì, ma no. Perché una catastrofe ecologica sarebbe mille volte più grave della crisi in atto.
15 agosto 2009
SALUTE DELL'AMBIENTE: DIBATTITO
Quando il simpatico Mauro della Porta Raffo mi
punzecchia con la sua erudizione e pignoleria (Corriere della Sera di ieri) di solito imparo qualcosa.
Questa volta presenta un breve elenco di recenti
periodi di freddo e di caldo della Terra, per poi asserire in tutta semplicità che siccome ci sono sempre stati, sarebbero "naturali". E siccome ignora
bellamente le mie obiezioni a questa tesi, io non
ho nulla da controbattere. Mi limito a segnalargli
che la sua tesi è anche smentita dalla National Accademy of Science, che è il massimo consesso scientifico del mondo.
Invece di scrivere a me, perché non prova a scrivere
a Washington? Invece chi mi attacca a valanga e da
zoticone (sul Giornale di lunedì scorso) è un certo
Franco Battaglia che insegna a quanto pare Chimica ambientale. Il predetto esordisce così: "Ogni Ferragosto il 'Corsera' pubblica ogni anno sempre lo
stesso articolo". La ripetizione letterale dell'artico-
lo dell'anno prima, oppure il mio tornare sul tema
dell'ecologia? La prima asserzione sarebbe spudoratamente falsa, mentre la seconda è soltanto stupidotta. Sarebbe come criticare un economista perché scrive sempre di economia, o un costituzionalista perché scrive sempre di costituzione.
Ciò premesso, tutto l'editoriale di Battaglia è infarcito da inesattezze e da distorsioni. Come dicevo, il nostro è un chimico; ma al servizio di Berlusconi, che non solo lo ospita sul suo (pardon, del
fratello) quotidiano, ma che addirittura "presenta"
un libretto del 2007 del suo chimico. Sarebbe come se io chiedessi una presentazione a Bob Dylan
o a uno dei Beatles. Ma ognuno si fa raccomandare da chi trova.
Non posso chiosare tutte le bellurie del Battaglia.
Scelgo due perle. Il nostro mi insegna che la legge ecologica fatta approvare da Obama (sulla quale
mi sono limitato a riferire) richiede ogni anno, per
42 anni, una riduzione delle emissioni inquinanti
del 4,2 per cento. Ma perché mai? La riduzione in
questione sicuramente non sarà mai lineare, e cioè
la stessa ogni anno. E se un chimico non sa neanche questo mi chiedo che cosa sappia.
Seconda perla, che è sulla mia osservazione che la
scienza non è mai "unanime". Secondo Battaglia
direi così per "pararmi dall'accusa che vi sono fior
di scienziati che contraddicono le bizzarrie che lei
(sarei io) propina ogni Ferragosto". Dopodiché il
nostro passa trionfalmente a spiegare che "la scien-
SALUTE DELL'AMBIENTE: DIBATTITO |
za non è mai democratica, e non ha importanza alcuna quale sia il numero di scienziati che dicono
una cosa". Ora, che la scienza non sia e non debba
essere sottoposta al voto di un demos è ovvio. Ma
non è ovvio che debba essere giudicata dal solo voto di un chimico di piccola o nessuna fama.
A torto o a ragione, la scienza procede sulla base del
consensus scholarum, del consenso che riceve dalla
professione. "Nella scienza contano i fatti" asserisce il Battaglia con banale tracotanza. Certo. Ma
non i fatti dichiarati tali da Lei. Come climatologo
io posso soltanto essere un divulgatore che riferisce
su una letteratura che ha studiato. Ma ho sempre
insegnato metodologia della scienza. Ne so molto
più di lei, professor Battaglia. Mi creda.
19 agosto 2009
193
LA CONFERENZA DI COPENAGHEN
SUL CLIMA
Dicono i medici che il paziente ha la polmonite. Rispondono i congiunti: anche se è vero non abbiamo soldi per curarlo e nemmeno siamo d'accordo
sulla terapia. Allora lo lasciamo morire? Risposta:
forse se la caverà, intanto speriamo. Il paziente in
questione è la Terra, e i congiunti al suo capezzale
sono i cosiddetti "grandi" della Terra, che si riuniscono a Copenaghen da lunedì 7 dicembre per un
vertice sul clima che suscitava molte speranze e che
invece già nasce mezzo morto. Finalmente gli Stati Uniti hanno un Presidente consapevole dell'incombente collasso ambientale; ma Obama è andato in Cina, e la Cina lo blocca. Subito dopo l'India torna a farci sapere che non è per niente pronta
a comportarsi bene. Figurarsi tutti gli altri paesi a
"sviluppo ritardato". Se l'India deve ancora crescere (prima di preoccuparsi di altre inezie come il destino dei monsoni), figurarsi loro.
Perché non riusciamo a sfondare? È perché siamo
impiombati, oltre che da vischiosissimi interessi costituiti, da un mare di pretesti senza capo né coda.
Per dirne una, la tesi che i paesi sottosviluppati devono essere risarciti per quel passato durante il quale gli "sviluppati" li hanno inquinati. Ma quando
mai? Come si fa a sostenere che una persona è responsabile di avere trasmesso l'Aids prima che fosse scoperto? Alla stessa stregua, quando la società
industriale fece proliferare le ciminiere alimentate a carbone nessuno sapeva che quelle ciminiere
avrebbero minacciato il clima. Nel 1968 Paul Ehrlich denunziava l'esplosione demografica (a ragione), ma nemmeno lui sapeva della bomba ecologica. E lo stesso vale, a metà degli anni '70, per Aurelio Peccei e il Club di Roma, che concentrò la
sua attenzione sulla limitazione delle risorse, non
su un collasso ecologico che la scienza non aveva
ancora captato.
Dunque, nessuno può essere ritenuto responsabile di un evento non voluto e non previsto. Eppure
assistiamo allo spettacolo di un Occidente piagnone che si sente "colpevole"e promette risarcimenti
non dovuti pagati con soldi che, tra l'altro, non ha.
Ma passiamo al punto cruciale: la contabilità, come
si conta che cosa. Oggi i paesi che inquinano di più
sono, nell'ordine, Cina, Stati Uniti, India. Ma Cina e India obiettano, a loro difesa, che chi sporca
e spreca di più sono, prò capite, individuo per individuo, gli americani. Vero. Ma irrilevante. L'in-
LA C O N F E R E N Z A DI C O P E N A C H E N SUL CLIMA
quinamento è globale, aleggia su tutto il pianeta
nel suo insieme. Pertanto quel che conta è il totale, soltanto il totale, delle emissioni inquinanti. La
Cina (e l'India seguirà presto) fa più danno inquinante di tutti perché i cinesi sono un miliardo e trecento milioni. Che poi, singolarmente presi, siano
più frugali degli americani, non sposta il problema
di un millimetro. E il fatto resta che se negli ultimi 50 anni le emissioni di CO2 dei paesi ricchi sono raddoppiate, quelle dell'India sono decuplicate.
Ma non è più tempo di recriminare e di mercanteggiare. Chi arriva a Copenaghen con questi intenti vuole il male di tutti e anche il male proprio.
6 dicembre 2009
197
HIMALAYA BENE IL RESTO MALE
Himalaya bene, il resto male. L'ultima novità ecologica è che i ghiacciai dell'Himalaya non si sciolgono più, che questa previsione dell'Ipcc (l'organizzazione che studia per l'Onu l'effetto serra) è stata
sbagliata di grosso. E molti gongolano. Per l'India
gongolo anch'io, perché senza l'acqua dei ghiacciai
che alimentano i suoi maggiori fiumi centinaia di
milioni di persone rischierebbero di morire di fame e di sete. Ma se anch'io sono lieto per l'India,
è esageratissimo ricavare da questo episodio che la
scienza "non sa", che vanta un sapere che non possiede, e anche che cerca di imbrogliare. Che esistano ricercatori che falsano i dati per fare carriera è
noto a tutti. Ma di regola le frodi scientifiche sono facili da scoprire perché le scienze sono tali in
quanto consentono la replicabilità delle ricerche. Il
Signor Tizio ci dica come ha fatto, e il signor Caio farà la riprova. Torniamo all'Himalaya. Qual è
stato l'errore?
E stato, in linea di principio, di attribuire una data, una scadenza temporale, a un trend, a un andamento di fondo. Essendo un po' del mestiere, io
evito sempre di citare date e scadenze; registro soltanto linee di tendenza. Alcune delle quali sono, in
ecologia, certe, anche certissime. Per esempio è certissimo che respiriamo aria sempre più inquinata.
E meno certo, invece, se il surriscaldamento della
Terra sia lineare e quali siano i fattori che lo possano rallentare. Dico rallentare perché se l'Himalaya tiene, l'Artico è tuttora in rapido scioglimento. E anche certissimo che le risorse naturali, a cominciare dal petrolio, finiranno. Quando? Non si
sa, non è sicuro. Ma è sicuro che la tecnologia le
potrebbe rimpiazzare per i 2 miliardi di viventi di
quando io nascevo, ma non certo per i 9 miliardi di
formiche umane previste dai demografi per la metà di questo secolo.
Senza contare che lo "sviluppismo " frenetico predicato dagli economisti ci prevede anche tutti egualmente benestanti in tutto il mondo. Mettiamo allora che la Cina, diventata opulenta come noi, consumi (è un calcolo che è stato fatto) trenta volte più
di oggi. In tal caso il conteggio demografico sarebbe da moltiplicare per la quantità di consumo prò
capite. Fantascienza? A questo punto sì. Anche perché a quel punto saremo, o saremmo, tutti estinti.
Fantasticherie economiche a parte, il punto serio, e
anche certissimo, sul quale tutti sorvolano è la scarsità dell'acqua. Che già manca endemicamente in
Africa (specialmente all'Est), ma anche altrove. Come si sa, circa il 70-80 per cento dell'acqua dolce è
assorbito dall'agricoltura; un assorbimento che può
essere ridotto adottando colture che richiedono meno acqua. Anche così il problema resta drammatico perché da tempo consumiamo in eccesso acqua
di falda che non si ricostituisce.
8 marzo 2010
ECONOMIA CARTACEA
E I LIMITI ALLO SVILUPPO
L'ultima stima di qualche anno fa che ho sott'occhio contabilizza il Pil, il Prodotto interno lordo,
del mondo in 54 trilioni di dollari, mentre gli attivi finanziari globali risultano quattro volte tanto, di
addirittura 240 trilioni di dollari. Oggi, con i derivati e altre furbate del genere, questa sproporzione è
ancora cresciuta di chissà quanto. E questa sproporzione non solo è di per sé malsana ma modifica la
nozione stessa di sistema economico, di economia.
Semplificando al massimo, da un lato abbiamo una
economia produttiva che produce beni, che crea
"cose", e i servizi richiesti da questo produrre, e
dall'altro lato abbiamo una economia finanziaria
essenzialmente cartacea fondata su vorticose compravendite di pezzi di carta. Questa economia cartacea non è da condannare perché tale, e nessuno
nega che debba esistere. Il problema è la sproporzione; una sproporzione che trasforma l'economia
finanziaria in un gigantesco parassita speculativo
la cui mira è soltanto di "fare soldi", di arricchirsi
presto e molto, a volte nello spazio di un secondo.
Gli economisti "classici" facevano capo alla economia produttiva; oggi i giovani sono passati in massa all'economia finanziaria. E lì, hanno capito, che
si fanno i soldi, ed è in quel contesto che l'economia come disciplina che dovrebbe prevedere, e perciò stesso prevenire e bloccare gli errori, si trasforma
in una miriade dispersa di economisti "complici"
che partecipano anch'essi alla pacchia. È chiaro che
in futuro tutta la materia dell'economia finanziaria
dovrà essere rigorosamente regolata e controllata.
Ma anche l'economia produttiva si deve riorientare e deve cominciare a includere nei propri conti le
cosiddette esternalità.
Per esempio, chi inquina l'aria, l'acqua, il suolo, deve pagare. Vale a dire, tutto il sistema di incentivi
va modificato. La dissennata esplosione demografica degli ultimi decenni mette a nudo che la Terra
è troppo piccola per una popolazione che è troppo grande. Ma anche su questa sproporzione gli
economisti non hanno battuto ciglio. Anzi, per loro stiamo andando di bene in meglio, perché tanti
più bambini tanti più consumatori e tanti più soldi. Il loro "far finta di non ricevere", di non vedere, è così clamoroso da indurre Mario Pirani a chiedersi (su Repubblica) se gli economisti abitino sulla
Terra o sulla Luna. Io direi su una Luna che è due
volte più grande della Terra.
Ma qui cedo la parola a Serge Latouche, professo-
E C O N O M I A CARTACEA E I LIMITI ALLO SVILUPPO
re alla Università di Parigi, economista eretico ma
anche lungimirante. Latouche ha calcolato che lo
spazio "bioproduttivo" (utile, utilizzabile) del pianeta Terra è di 12 miliardi di ettari. Divisa per la
popolazione mondiale attuale questa superfìcie assegna 1,8 ettari a persona. Invece lo spazio bioproduttivo attualmente consumato prò capite è già, in
media, di 2,2 ettari. E questa media nasconde disparità enormi. Se tutti vivessero come i francesi ci
vorrebbero tre pianeti; e se tutti vivessero come gli
americani ce ne vorrebbero sei. La morale di questa
storia è che già da troppo tempo siamo infognati in
uno sviluppo non-sostenibile, e che dobbiamo perciò fare marcia indietro. Latouche la chiama "decrescita serena". Serena o no, il punto è che la crescita continua, infinita, non è obbligatoria. Oramai
è soltanto suicida.
25 giugno 2010
20$
LA CRESCITA DEMOGRAFICA
NON FA BENE ALL'ECONOMIA
Tra le persone pensanti — coloro che vedono al di là
del proprio naso e riflettono sui malanni del pianeta Terra — i più sono convinti che siamo sovrappopolati e che l'uomo stia consumando più di quanto il nostro pianeta consenta. Ma i pensanti tacciono, o meglio non hanno voce, non hanno modo di
farsi sentire. L'argomento della sovrappopolazione
è tabù. E chi lo solleva nei paesi cattolici perde voti. Perché la Chiesa di Roma si è impegnata in una
difesa della vita, della vita già dell'embrione, che di
fatto produce una crescita demografica dissennata.
Anche la maggioranza dei demografi, è vero, avversa la limitazione delle nascite. Ma questo è un po'
una deformazione professionale: tanti più bambini e tanto più la loro disciplina diventa importante.
E anche vero che molti economisti temono il calo
demografico perché in tal caso le nuove generazioni dovranno pagare di più per la pensione e la cura degli anziani. Quest'ultima è una preoccupazio-
ne fondata che però aggrava il problema senza risolverlo, e anzi rendendolo sempre più intrattabile.
Ripeto: la tesi è esatta, ma non è lungimirante; anzi, è davvero corto-veggente.
Ma ecco una nuova pensata. Il Corriere ha pubblicato in anteprima nei giorni scorsi un testo del professor Ettore Gotti Tedeschi che verrà poi presentato
a Rimini alla riunione di Comunione e Liberazione
il 27 agosto. Il predetto viene presentato come un
economista; ma la sua qualifica di gran lunga più
importante è di essere Presidente dello Ior, Istituto per le opere di religione, che è poi, tanto per capirsi, la potentissima banca della Santa Sede. Pertanto immagino che il professor Gotti Tedeschi sia
un bravo banchiere. Ma se parla da economista allora non mi pare bravo. Perché la sua tesi è che il
calo demografico sia il fattore principale della crisi
economica dell'Occidente, dal che ricava che se riprendiamo a fare più figli l'economia ripartirà. Ma
perché? Quali sono le pezze di appoggio di questa
azzardatissima tesi? Il professor Gotti Tedeschi se la
prende, come è ormai di rito, con Malthus, al quale fa dire che "cercò di fare della crescita della popolazione una scienza spiegando matematicamente che la crescita della popolazione avrebbe esaurito le risorse disponibili". Non è proprio così, e chi
cita Malthus lo dovrebbe leggere meglio e nel contesto di più di due secoli fa. Ma gli strali dell'argomento del Nostro sono i neo-malthusiani del nostro tempo che avrebbero decretato che "prima del
LA CRESCITA D E M O G R A F I C A N O N FA B E N E A L L ' E C O N O M I A |
2000 diecine, centinaia di milioni di persone sarebbero morte di fame soprattutto in Asia e in India... Invece ciò non è successo nei predetti paesi, che grazie alla popolazione sono diventati benestanti". Ma perché non citare, allora, l'America
Latina, il cui decollo economico è stato fortemente rallentato e "mangiato" dalla eccessiva crescita
demografica, e ancor più perché non citare l'Africa, dove l'aumento incontrollato della popolazione si rivela sempre più disastroso, laddove la Cina
si è impegnata in una drastica politica di controllo
delle nascite, e anche l'India cerca di rallentare la
crescita della sua popolazione?
Esempi a parte, il punto è che non esiste nessuna
prova, nemmeno di correlazione, tra crescita demografica e crescita economica. Il professor Gotti Tedeschi ha ragione, invece, quando lamenta la crisi
della famiglia. Ma la famiglia "nucleare" che sostituisce la grande famiglia patriarcale crea un universo di anziani soli, tristi e abbandonati a sé stessi, che diventano per ciò stesso un costo che ricade
sulla finanza pubblica: un costo, non un fattore di
crescita economica.
9 agosto 2010
209
LA POLITICA DELLO STRUZZO
È LA PEGGIORE
Estate rovente o piogge torrenziali, siccità o diluvi
un po' dappertutto. In Italia il caldo è stato soffocante per gran parte di giugno e di luglio. Ed è stato aggravato, nelle grandi città, dall'ozono troposferico, che ha impoverito l'ossigenazione dell'aria
che respiriamo. Ma l'estate è stata torrida in tutta
Europa, negli Stati Uniti, Cina, Russia. Soprattutto, e per la prima volta, in Russia, colpita da un'ondata di calore mai raggiunta nei 130 anni di registrazioni ufficiali. Gli incendi spontanei dei boschi
che lambiscono anche Mosca non hanno precedenti. Altrove, invece, abbiamo avuto alluvioni devastanti, inedite soprattutto in Pakistan.
Allora, è proprio vero che il clima sta cambiando?
Io credo di sì; ma di per sé il gran caldo così come
i grandi freddi non costituiscono prova sufficiente di niente. Anche se una frequenza crescente di
oscillazioni climatiche estreme rafforza i nostri sospetti. Ma molti governi, Italia in testa, non fanno
nulla per creare un'opinione "verde" né per affrontare seriamente il problema del collasso ecologico.
La crisi economica è e resta grave, ma il problema
della crescente invivibilità del nostro pianeta è molto, molto più grave. Eppure da noi è fiorita soltanto
l'industria dell'eolico, dei mulini a vento. Ed è fiorita quasi soltanto perché fonte di tangenti e di intrallazzi. Perché l'energia prodotta dal vento è largamente un imbroglio, visto che la nostra penisola
non ha abbastanza vento per giustificarla.
Anni fa il portavoce per eccellenza, di fatto, degli
interessi petroliferi e di gran parte della grande industria è stato il danese Bjorn Lomborg, che con il
suo molto reclamizzato libro L'ambientalista scettico negava la stessa esistenza del problema ecologico
e anche la crescente scarsità delle risorse energetiche e dell'acqua. Ma Lomborg ora dichiara che "il
riscaldamento globale esiste, è provocato dall'uomo, e che l'uomo deve fare qualcosa per porvi rimedio". Bene. Alla buon'ora. Lomborg soggiunge, però, che "la tattica consistente nell'incutere timore, per quanto abbia buone intenzioni, non è la
soluzione giusta". D'accordo. Ma quale è la soluzione giusta?
Gli scienziati che oggi studiano il clima, la rarefazione delle risorse naturali e, in ultima analisi, il
problema della nostra sopravvivenza, sono migliaia. S'intende che possono sbagliare. Ma la scienza
procede provando e riprovando. E noi già disponiamo di un enorme patrimonio di dati e di conoscen-
LA POLITICA DELLO STRUZZO È LA P E C C I O R E |
ze che però vengono bellamente ignorate dai più.
Il fatto è che gli esseri umani non si muovono "a
freddo" guidati dalle ragioni della ragione. Gli umani si attivano "a caldo", se hanno paura o se mossi da passioni (ivi incluse la passione per il potere
e per il denaro). E così la scienza ricorre, per farsi
ascoltare, a proiezioni con date ravvicinate di scadenza. Ma noi siamo in grado di prevedere un percorso, dei trends, non il "quando". Dunque predire
scadenze è sbagliato; ma non farlo rende la predizione inefficace. Come uscire da questo circolo vizioso? Non lo so. Ma so che la politica dello struzzo dei nostri governanti è la politica peggiore.
15 agosto 2010
213
APPENDICE
NON CRESCETE.
NON MOLTIPLICATEVI
L'INFLUENZA DELLA CHIESA
La Chiesa di Roma è responsabile delle troppe nascite? I suoi difensori lo negano adducendo la prova
che l'esplosione demografica è avvenuta soprattutto in aree non cattoliche. Al che si può aggiungere
che in materia sessuale i cattolici obbediscono sempre meno, specie in Europa, alle ingiunzioni ecclesiastiche. L'Europa oramai non si moltiplica. Questi dati di fatto sono innegabili. Ma chi "colpevolizza" la Chiesa vede un altro aspetto del problema,
e cioè ne vede il potere bloccante. Un potere bloccante che si riconduce al fatto che il Papa controlla
voti — a livello mondiale — che sono voti strategici.
Tanto per cominciare, controlla voti decisivi negli
Stati Uniti. Tantovero che il primo provvedimento del Presidente Bush appena insediato alla Casa
Bianca è stato di ripristinare la cosiddetta globalgag
rule, e cioè di bloccare la educazione contraccettiva
nel mondo (che dipende per il suo finanziamento
quasi esclusivamente da soldi Usa). Ha anche bloc-
cato, aggiungo, il piccolo ma importante finanziamento stanziato dal Congresso americano a favore
del fondo delle Nazioni Unite per la popolazione
(Unfpa) una organizzazione che ha operato molto
efficacemente negli ultimi venti anni nei paesi in
via di sviluppo. Cosi facendo Bush pagava il suo debito all'elettorato cattolico che gli aveva consentito di vincere le elezioni. Come volevasi dimostrare.
Del pari la Chiesa è riuscita a paralizzare le Nazioni
Unite. Alla conferenza sulla popolazione del Cairo
del 1994 Papa Wojtyla ha scatenato tutte le sue artiglierie, si è alleato con il mondo islamico (in precedenza il Vaticano si era anche alleato con Mao)
ed è riuscito a bloccare tutte le proposte di controllo delle nascite. Da allora le Nazioni Unite sono mute, ammutolite dal veto dei paesi cattolici o
comunque condizionati dal voto cattolico. Come
si è visto di recente al vertice della Fao di Roma del
giugno 2002, dove nessuno ha osato dire che la fame sarebbe più facile da ridurre se il numero dei
mangianti venisse ridotto. E come si vedrà di nuovo (è una previsione scontata) a fine agosto al mega-summit di Johannesburg.
Le immagini dei bambini sottonutriti si sprecano. Ma nessuno ricorda le donne che muoiono per
aborti clandestini, e cioè perché il divieto religioso le costringe a ricorrere a rozze "mammane" (soltanto in Brasile la World Health Organization stima che ne muoiano mezzo milione all'anno). Poi
c'è l'Aids. L'Africa "nera" ne è appestata. E in Afri-
ca la Chiesa conta, i missionari contano. Ma hanno
le mani legate: la Chiesa di Roma combatte l'Aids
raccomandando la castità. Figurarsi. Papa Wojtyla
si è rivolto ai malati di Aids nel 1981 così: "Dio vi
ama tutti senza distinzioni... ama anche coloro che
soffrono di Aids". Da allora non ha detto niente di
più. Scrive Corrado Augias su Repubblica che oggi
i malati di Aids nel mondo sono 40 milioni (con
altri 15 milioni in arrivo entro il 2010), e che soltanto in Africa gli infetti sono 28 milioni. E commenta: "Davanti alle dimensioni del massacro ostacolare o impedire l'uso di massa dei preservativi... a
me pare francamente delittuoso. Altro termine non
trovo". Nemmeno io.
L'enciclica Humanae Vitae di Papa Paolo VI è del
1968. Allora la popolazione del mondo era di 3 miliardi e mezzo. Oggi, appena trentacinque anni dopo, è di 6 miliardi, che diventeranno 7 miliardi tra
poco più di 10 anni. Di fronte a questo allucinante crescendo la Cina, l'India e da ultimo il grosso
degli Stati islamici hanno aperto gli occhi e si sono
impegnati nel controllo e nella riduzione delle nascite. Con il successo, davvero non piccolo, dimostrato dai dati di Massimo Livi Bacci.
Lo cito (da Repubblica del 5 giugno 2002). "Nella
società islamica ancora verso il 1970 il controllo delle nascite era praticamente sconosciuto... il numero
medio dei figli per donna era tra 6 e 7. Trent'anni più tardi il quadro è estremamente variegato...
In Indonesia il tragitto verso la bassa natalità è sta-
to pressoché completato (2,06 figli per donna nel
2001)... Turchia e Egitto si avvicinano, rispettivamente con 2,3 e 3 figli per donna... In Iran il primo programma di pianificazione familiare fu cancellato dalla Rivoluzione khomeinista. Ma nel 1989
il governo invertì la rotta... Il cambiamento è stato
sorprendente e la fecondità media delle donne iraniane, che era ancora attorno ai 6,5 figli alla metà
degli anni '80 è sceso velocemente a 2,1 nel 2001."
Anche nei paesi del Magreb il calo è stato rapido e
importante: l'indice di fecondità delle donne tunisine è oggi di 2, e di quelle marocchine e algerine
è sceso, si stima, a 2,5 o meno. Invece il Pakistan
resta altamente prolifico, e "il Bangladesh, uno dei
paesi più poveri del mondo è a metà del guado".
Aggiungi che è falso (anche se è una falsità largamente ripetuta) che le politiche contraccettive siano fallite in Cina e in India. In India la riduzione delle nascite è ancora insufficiente: tuttavia (cito dal libro di Antonio Golini su La popolazione del
pianeta) in India il risultato di "un diffuso e accettato controllo delle nascite" è stato che "il numero medio dei figli per donna è sceso dal valore di
6,0 nel 1950-55 a 3,1 nel 1995-2000". E in Cina
la fecondità "è stimata per il 1995-2000 in 1,8 figli
per donna". Lasciati a moltiplicarsi secondo natura i cinesi sarebbero oggi 200 milioni in più. Si potrà protestare sulla crudeltà delle norme sulla procreazione imposte in Cina dal 1971 in poi. Ma in
precedenza, a cavallo degli anni '50-60, tra i 15 e i
30 milioni di cinesi erano morti di fame e di epidemie. E più crudele imporre l'aborto o lasciar fare alle carestie?
Tornando ai paesi nei quali la religione influisce o
può influire sulla politica demografica, oggi come
oggi l'Islam ha largamente aperto gli occhi, e le vistose eccezioni del Pakistan e del Bangladesh non
sono basate su divieti religiosi. Nel 2000 chi si rifiuta ancora di vedere e di provvedere è soltanto la
Chiesa di Papa Wojtyla (non il Cristianesimo protestante). Con una voce in capitolo diretta o indiretta (non solo in sede Onu ma anche su un molteplice volontariato) che inficia l'argomento che il
Vaticano conta soltanto nelle zone cattoliche. Se la
Chiesa non può fermare il Pakistan, potrebbe però fermare la crescita demografica della Nigeria (attualmente del 3,1), del Congo (che è in maggioranza cristiano), e dell'Etiopia (di religione prevalentemente cristiano-copta) che oggi conta tanti abitanti
quanti l'Italia, ma che è in lizza tra cinquant'anni
per averne 110 milioni. E lo stesso vale per le Filippine in Asia e per gran parte dell'America Latina.
Si crede ancora che i maggiori paesi cattolici siano
in Europa. Non più. Il Messico aveva, nel 1940, 19
milioni di abitanti; oggi ne ha 100 milioni. E un
lettore messicano mi scrive cosi: "Tenete il vostro
Papa in Italia per una ventina d'anni e noi risolveremo la maggior parte dei nostri problemi. Invece
ogni 4/5 anni viene qui in visita pastorale e scatena
la campagna in favore della famiglia che altro non
è che una esortazione a fare figli... Di conseguenza assistiamo a un'altra invasione di disperati dalle
campagne che vanno a ingrossare le bidonvilles. E
tutti i nostri sforzi per creare nuovi posti di lavoro
e migliori condizioni di vita vengono regolarmente vanificati. Stessa situazione in Brasile". Sì, stessa situazione in Brasile. Nel 1900 i brasiliani erano 17 milioni, oggi sono più di dieci volte tanto,
superano i 170 milioni. E così nemmeno il Brasile
riesce a uscire dalla spirale della povertà.
Il Papa non conta? Ammettiamo che la sua influenza sia da me sovrastimata. Resta che una politica
non deve essere giudicata soltanto dal suo successo, ma anche dalle sue intenzioni. E l'intenzione di
combattere qualsiasi intervento di limitazione delle
nascite a me sembra altamente irresponsabile. E poi
il Papa conta. In una lettera al Corriere (del 3 luglio
2001) padre Gheddo scrive: "Non c'è al mondo alcuna catastrofe demografica alle viste. Vent'anni fa
si parlava di 'bomba demografica', oggi non se ne
parla più". Il problema c'è, eccome. Ma, appunto,
non se ne parla più. Papa Wojtyla (chi altro?) è riuscito a silenziarlo urbi et orbi.
16giugno 2002
VITA, VITA UMANA E ANIMA
Vita non è "vita umana". Anche le zanzare, i pidocchi, i tafani sono animaletti viventi. Ma li ammazziamo volentieri e nessuno ritiene che ammazzarli
sia male, sia peccato. Invece la vita umana è inviolabile, è sacra. Perché? Quale è la differenza?
La filosofìa — che è il nostro migliore sapere sulle
cose umane - risponde che la vita umana è diversa dalla vita animale perché l'uomo è un essere capace di riflettere su se stesso, e quindi caratterizzato da autoconsapevolezza. L'animale non sa di dover morire; l'uomo sì, l'uomo lo sa. L'animale soffre
solo fisicamente; l'uomo soffre anche psicologicamente, anche spiritualmente. E da questa risposta
risulta che l'uomo non è diverso dall'animale finché non diventa autoconsapevole, finché non diventa un "animale pensante". Il bambino appena
nato non lo è ancora. Se muore nascendo non si
rende conto di morire e non soffre "mentalmente"
la propria morte più di qualsiasi animale. Diciamo,
224
| I l PAESE D E G Ù STRUZZI
allora, che la vita umana comincia a diventare diversa, radicalmente diversa, dalla vita di ogni altro
essere vivente quando il bambino comincia a "rendersi conto". Non certo quando è ancora nell'utero della madre.
Ovviamente questa è una risposta laica. Non è, pertanto, una risposta che vincola la Chiesa. La Chiesa
- siamo oramai soliti dire - poggia sulla fede, non
sulla scienza. Ma è importante ricordare, a questo
proposito, che l'antitesi tra fede e scienza è relativamente recente, che risale a non più di quattro secoli
fa. Prima la Chiesa era contrastata nella sua egemonia soltanto dalla filosofìa; e il filosofo non la poteva contrastare più di tanto se voleva evitare una
condanna di eresia. Questa egemonia finisce con
Galileo. Dopo Galileo la Chiesa non ha più potuto imporre una cosmologia (la cosmologia tolemaica) che faceva ruotare l'universo attorno alla Terra, né sostenere che Dio sta nei cieli esplorati dagli
astronomi. Dal 1600 in poi la Chiesa è sempre più
delimitata e fermata dalla scienza. Questo arretramento fa sì che anche una parte dell'uomo, il suo
corpo, viene lasciato alla medicina e alla biologia.
Alla Chiesa resta però l'incorporeo, resta l'anima.
La nozione di anima è antica, è platonica. Scrive
Umberto Galimberti: "Anima in greco significa
vento (anemos) soffio, respiro {psiche)". La parola
anima è soltanto la traduzione latina di questi e altri concetti greci (tra i quali pneuma, per noi spirito). Ma perciò "anima" caratterizza e traversa tutta
la dottrina cristiana che scriveva in latino. Cito ancora dalle finissime pagine di Galimberti: la tradizione patristica e poi Agostino "insegnano che l'anima determina l'essere dell'uomo in quanto essa, e non il corpo, è parte della stessa vita divina".
Dunque, per la Chiesa l'uomo è tale e la sua vita
è sacra perché è all'uomo, e soltanto all'uomo, che
Dio ha dato l'anima. Ma perciò la domanda decisiva diventa quando è che arriva l'anima, quando è
che l'anima entra nel corpo (per così dire). Prima
siamo al cospetto di una vita qualsiasi, come la vita della zanzara o, più in grande, di un coccodrillo!
E solo dopo che l'anima si insedia nel corpo che la
vita diventa umana, la vita dell'essere privilegiato
da Dio. Il clero medievale e anche post-medievale
si regolava più che altro sulle necessità di sopravvivenza. Al cospetto delle carestie l'anima veniva fatta
entrare tardi; talvolta non prima della comunione,
o addirittura della cresima. Altrimenti poteva arrivare presto, addirittura al battesimo. E fino alla fine
del Seicento l'opinione prevalente era che il feto nel
grembo materno non fosse dotato di "anima razionale". Dal che conseguiva che almeno fino al battesimo abortire, o uccidere un bambino di troppo,
non era peccato. In ogni caso il principio era che
l'anima sopraggiunge "dopo un certo tempo" perché la materia non è subito pronta ad accoglierla.
Possibile che queste cose la Chiesa di Papa Wojtyla non le sappia? Certo dà mostra di averle dimenticate. Perché la crociata contro la contraccezione
non è proclamata in nome dell'anima. Paradossalmente, e assurdamente, è proclamata in nome della
scienza. Alla giornata per la vita del 3 febbraio 2002
Papa Wojtyla ha asserito che "la scienza ha oramai
dimostrato che l'embrione è un individuo umano
che possiede fin dalla fecondazione la propria identità". Tesi infondata, perché la scienza può soltanto
attestare che l'embrione è programmato per diventare, dopo sette-nove mesi, un individuo umano;
ma non che lo è già sub specie di embrione.
La scienza è sottoposta, nel suo argomentare, alle
regole della logica. E per la logica io uccido esattamente quel che uccido. Non posso uccidere un futuro, qualcosa che ancora non esiste, qualcosa che
verrà. Se uccido un girino, uccido un girino e non
una rana. Se il girino mangia una larva di zanzara
uccide una larva, non una zanzara. Se io bevo un
uovo di gallina, io non uccido una gallina. E così via. E dunque non ha alcun senso sostenere che
una interruzione di gravidanza è assassinio di un essere umano. Sia che l'essere umano sia definito come un animale autoconsapevole o, in termini puramente corporei, come un corpo uscito dall'utero
di una madre che comincia a respirare, in entrambi i casi l'essere umano, al momento di un aborto,
ancora non c'è.
Inoltre, una cosa è prevenire una gravidanza, e
tutt'altra cosa è interrompere una gravidanza. A
tal punto che le due cose stanno tra loro in relazione inversa: tanto più si riesce a prevenire una gra-
vidanza e tantomeno si deve ricorrere alla sua interruzione. Ammettiamo che, per ragioni di principio, l'aborto ci ripugni. Resta che la contraccezione
non è aborto, e anzi che lo previene e cancella ex
ante. Bloccare la fertilità risolve il problema prima
che si apra. Pertanto, la Chiesa non si può opporre
ai contraccettivi (ivi includendo la cosiddetta pillola del giorno dopo, la pillola che impedisce l'attecchimento dell'ovulo fecondato nell'utero) con
l'argomento che usa contro l'aborto, e cioè che si
compie un assassinio. E allora in nome di che cosa, di quale altro argomento? L'impressione è che
la Chiesa faccia oggi di ogni erba un fascio. Certo
è che il divieto di pratiche contraccettive non trova nessun sostegno (è la conclusione di una commissione convocata da Papa Paolo VI all'inizio degli anni '60) nelle Sacre Scritture, nella tradizione,
nella teologia, legge naturale e filosofìa: insomma,
in niente. Pertanto quando Papa Wojtyla dichiara che la posizione della Chiesa in materia di contraccezione è stata scritta "dalla mano creatrice di
Dio", è sicuro che questa sua asserzione va "oltre
ciò che è scritto".
S'intende che la Chiesa può convincere lo scienziato cattolico credente e osservante a sottoscrivere le
sue tesi. Ma chi le sottoscrive lo fa come uomo di
fede, non come uomo di scienza. Se firma e si firma come "professore", la sua è falsa testimonianza,
è abuso di credenziali. La Chiesa può anche convincere il giurista cattolico a dichiarare che il feto è
persona e che deve quindi essere protetto dal diritto così come viene protetta la persona. Il che equivale a sostenere che l'interruzione della gravidanza
è un reato penale. Ma anche qui il giurista parla da
credente, non da giurista.
Anche se il diritto conosce la fictio iuris, il "fìngere" del diritto deve essere giustificato da una ragion
d'essere giuridica, che in genere è quella di rendere
applicabile una norma. Nel classico esempio della
fictio legis Corneliae si presumeva che una persona
catturata dal nemico fosse morta; e la ratio di quella finzione era di consentire successioni che sarebbero altrimenti restate bloccate. Ma non ci sarebbe nessuna logica giuridica nel far finta che l'uomo sia un quadrupede. Alla stessa stregua, non c'è
nessuna logica giuridica nel ritenere che la intenzione di uccidere sia la stessa cosa che uccidere, o
nel far fìnta che uccidere un feto sia come uccidere una persona.
Ma perché la Chiesa di oggi si rivolge alla scienza
per sostenere la fede? Non è un controsenso, una
contraddizione in termini? La scienza è materialità,
è corporeità, è fisicità. E dunque perché la Chiesa
non si ricorda dell'anima? E davvero una domanda alla quale non so rispondere.
Sia come sia, il punto è che in tutta questa questione il Papa non si pronuncia ex cathedra. L'enciclica Humanae Vitae di Paolo VI (che nel 1968 cadde praticamente nel nulla e che fu anche contestata da una ampia fascia di teologi) non è mai stata
dichiarata un pronunciamento infallibile. Pertanto in materia genetica il Papa è "fallibile", e non c'è
nessuna offesa, nemmeno religiosa, nel ritenere che
il Papa sbaglia e si sbaglia. Quando, nella Genesi
(1:28), Dio istruisce Adamo ed Eva a "essere fecondi, moltiplicarsi e riempire la Terra", Dio si rivolge a due soli esseri umani. Oramai la Terrà è riempitissima. Ma un vescovo americano ha dichiarato
— senza ombra di prova — che la Terra può nutrire 40 miliardi di persone. Poveri noi! E al cospetto di una Chiesa che non sa distinguere tra vita e
vita umana, e nemmeno tra prevenzione e interruzione di gravidanza, io non sono per niente tranquillo. Solo io?
gennaio 2003
LA VITA UMANA SECONDO RAGIONE
Fede e ragione. Vi sono questioni che sono materia
di fede, e questioni che sono materia di ragione. Se
Dio esiste è materia di fede. Se è vero che gli aeroplani volano perché sostenuti da angeli è materia di
ragione. L'importante è che le due sfere si rispettino
e che non si impasticcino l'una con l'altra. Mentre
nei dibattiti in corso sul diritto alla vita e sull'embrione l'impasticciamento è di tutta evidenza.
Intanto, vita non è lo stesso che vita umana. Anche le mosche, i pidocchi, le zanzare sono animaletti viventi, sono vita. Ma io li uccido, confesso,
con soddisfazione. Anche gli animali e i pesci che
10 mangio erano, prima, esseri viventi. Eppure li
mangio, confèsso, senza sentirmi in peccato. Invece la vita umana è inviolabile, è sacra. Perché? Qual
è la differenza?
11 problema è questo, ma la Chiesa di Papa Wojtyla lo evade. La sua crociata è per la difesa della "vita
nascente". Anche quella delle piante? Anche quella
dei tafani? Evidentemente no. E perché no? Torno
a chiedere: qual è la differenza tra qualsiasi vita e la
vita umana? In passato la risposta era l'anima, che
è l'anima che determina l'essere dell'uomo. Ma oggi l'anima viene dimenticata, la Chiesa non ne parla quasi più. L'omissione è stupefacente. Ma tant'è.
Su quando scocca la scintilla della vita nei primati, e specificamente nell'uomo (saltiamo, per brevità, tutte le altre vite), la risposta è oramai sicura: comincia nell'attimo della fecondazione, della
congiunzione dello spermatozoo maschile con un
gamete femminile. Ma, al solito (la domanda non
è evadibile), questa fecondazione è già, a quel momento, vita umana? La fede, se così le viene imposto dalle sue autorità, può rispondere di sì. Ma la
ragione, vedremo, deve rispondere di no. Quanto
alla scienza, la domanda su quando "un embrione
diventa persona e gode dei diritti spettanti a una
persona... è domanda che esula dalla biologia e dalla scienza in generale" (cito da Edoardo Boncinelli
sulle colonne del Corriere). Proprio così.
Veniamo alla ragione, all'argomento razionale. In
quel contesto l'argomento è che la vita umana è diversa dalla vita animale perché l'uomo è un essere capace di riflettere su se stesso, e quindi caratterizzato da autoconsapevolezza. L'animale non sa di
dover morire; l'uomo lo sa. L'animale soffre fisicamente perché è dotato di sistema nervoso; ma l'uomo soffre anche psicologicamente, anche spiritualmente. Diciamo, allora, che la vita umana comincia
LA VITA U M A N A SECONDO RAGIONE |
a diventare diversa, radicalmente diversa da quella
di ogni altro animale superiore quando comincia a
"rendersi conto". Non certo da quando sta ancora
nell'utero della madre.
Papa Wojtyla asserisce che "la scienza ha ormai dimostrato che l'embrione è un individuo umano", e
come tale non uccidibile. Ma non è così. La scienza
è sottoposta, nel suo argomentare, alle regole della
logica. E per la logica io uccido esattamente quel
che uccido. Non posso uccidere un futuro, qualcosa che ancora non esiste. Se uccido un girino non
uccido una rana. Se bevo un uovo di gallina non
uccido una gallina. Se mangio una tazza di caviale
non mangio cento storioni. E dunque l'asserzione
(la terza del quesito referendario sul quale andremo a votare) che i diritti dell'embrione sono equivalenti a quelli delle persone già nate è, per la logica, una assurdità.
Il cattolico alla Tertulliano (credo quia absurdum,
credo così proprio perché è assurdo) è liberissimo
di sottoscrivere questa assurdità. Ma la Chiesa di
Sant'Agostino e di San Tommaso, e anche tutte le
persone ragionanti, dovrebbero volere che le cellule staminali da embrioni umani siano utilizzate dalla ricerca scientifica per curare i viventi, i già nati. E dovrebbero anche volere la sopravvivenza della logica.
28 febbraio 2005
233
C'È VITA E VITA
Non capisco perché Rocco Buttiglione {Corriere del
2 marzo) si meravigli che io parli "di diritto alla vita
in nome della ragione e come interprete della scienza". Perché non dovrei? Sono libero docente in Storia della filosofia moderna, materia che ho insegnato alla Università di Firenze tenendo corsi anche e
proprio su Hegel (che sono agli atti e che il Nostro
può reperire). Ho anche insegnato a lungo logica, filosofìa e metodologia della scienza. Pertanto non mi
sento per niente inabilitato a interloquire; e proprio
la mia "infarinatura" filosofica mi consente di sfuggire alle trappole che mi tende il bravo Buttiglione.
La prima è di travestirmi da hegeliano. No. Quando dichiaro che la vita umana è caratterizzata dalla
autoconsapevolezza non mi riferisco a Hegel (tantovero che non dico "autocoscienza") ma al puro
e semplice significato letterale del termine: l'essere consapevole di se stesso. Rispetto alla stratosfera hegeliana io volo raso terra, il che mi salva dalla
obiezione "che non tutti gli uomini sono autocoscienti". Il Nostro illustra poi così: "E non solo non
è autocosciente l'embrione, ma non è autocosciente neppure il feto". Bravissimo, grazie, sembra ovvio anche a me. Dopodiché continua, secondo me
con sempre minore bravura, osservando che "non
sono autocoscienti molti disabili, e che non siamo
autocoscienti tutti noi almeno quando dormiamo".
Questa poi. Io mi riferisco a una capacità, e se questa capacità dorme quando dormo, si risveglia quando mi sveglio. Una capacità non deve essere attiva
ventiquattr'ore su ventiquattro; basta che sia attivabile. Buttiglione mi chiede anche - trappola filosofica numero due — di definire "quell'io di cui
(del quale) dobbiamo essere coscienti per avere diritto alla vita". Ma proprio no. Se ci tiene, l'Io (meglio con la maiuscola) lo definisca lui. Per il mio
discorso terra terra proprio non occorre. E me ne
guardo bene, anche perché convengo con lui che
"le categorie filosofiche hanno un potenziale esplosivo", che vanno maneggiate "con molta attenzione", e che nessuno di noi (ma il rimprovero è implicitamente rivolto a me) si deve arrogare "la rappresentanza esclusiva della ragione". Difatti io, sul
punto, mi acquatto sotto la eminentissima tonaca
di San Tommaso. Che passo a citare non a beneficio di Buttiglione, che certo lo ha letto, ma dell'altro mio contraddittore, Sandro Bondi, che invece
dà mostra di masticare l'argomento con difficoltà.
Nel mio editoriale del 28 febbraio, "La vita urna-
na secondo ragione", notavo la stranezza di una
Chiesa che nel definire la vita umana si dimentica
dell'anima. Bondi mi salta addosso: è "stupefacente" affermare che l'anima "è un concetto dimenticato quando invece è essa uno dei fondamenti della fede". Certo che lo è. Proprio per questo sono io
che trovo stupefacente che la Chiesa se ne dimentichi a proposito dell'embrione. E trovo anche stupefacente che Bondi non capisca il punto. Vediamo allora se ci arriva con l'aiuto di San Tommaso.
Che passo, come annunziato, a citare.
L'Aquinate distingue tre "forme" dell'anima. La prima è 1'"anima vegetativa" nella quale "l'embrione
vive la vita della pianta"; poi "le succede un'anima
più perfetta che è insieme nutritiva e sensitiva, e allora l'embrione vive la vita dell'animale"; e la terza è "l'anima razionale che viene infusa dall'esterno" (vedi la Summa contra Gentiles, 1258-64, trad.
it. Utet, Torino, 1997, p. 511, Libro II, capitolo
LXXXXIX). Dunque l'anima presente nell'embrione sarebbe, per il nostro doctor angelicus, soltanto
vegetale (vive la vita della pianta) mentre io, più generosamente, le riconosco già vita animale; con il
che resta pur sempre fermo che l'anima che qualifica la vita umana è l'anima razionale che è infusa da
Dio e che arriva tardi, quando il nascituro è formato (vedi, passim, la Summa Theologiae). E siccome
il Tomismo è la struttura portante non solo della
Scolastica ma di tutta la teologia cattolica, sull'embrione io mi sento teologicamente tranquillo.
Così come mi sento tranquillo — passando all'argomento razionale che la vita umana comincia con
il "rendersi conto" — nel resistere alla tesi bondiana che "se il feto reagisce agli stimoli, apprende,
esprime emozioni (non so come Bondi lo sappia,
ma tant'è) dichiarare che ciò non è vita è il vero arbitrio". Il Nostro continua a confondere, come si
vede, vita con vita umana. Per l'ennesima volta gli
preciso: vita ovviamente sì; vita umana ancora no.
Anche se sono io che dico, bontà di Bondi, "una
colossale sciocchezza", la sua è una notevolissima
ottusità.
Da ultimo l'intervento di ieri di Don Roberto Colombo, professore alla Università Cattolica di Milano. In verità, il suo intervento non mi riguarda
più di tanto. Per esempio, io non penso né ho mai
detto che "i cattolici sono degli sprovveduti quanto
alla ragione né orfani del pensiero scientifico e filosofico". Penso però che se messo alle strette il cattolico dà la prevalenza alla sua fede, come è giusto
che faccia. Infatti il messaggio del mio editoriale è
che la ragione deve rispettare la fede così come, viceversa, la fede deve rispettare la ragione. Se poi al
professor Colombo questa contrapposizione non
piace, ne trovi pure un'altra. Ma una contrapposizione c'è, e la impone il principio della logica che
il nostro non menziona tertium non datur. Alla fine, o fede o ragione. E il principio del terzo escluso. Quel che mi sconcerta nell'argomentare del professor Colombo è l'apparizione della categoria "vita
individuale". Stiamo forse discutendo se la vita sia
individuale o collettiva? Sicuramente no. E allora
quale è la rilevanza teoretica di questa categoria? A
me sembra un ennesimo depistaggio che annebbia
il problema che stiamo discutendo. Ciò detto, torniamo alla logica.
Premesso che apprezzo molto che il Nostro scenda
su questo terreno, non riesco poi a seguirlo nel come la stiracchia. Cominciamo dal principio dell'identità: a = a. Qui il punto è che la logica non è
diacronica, che non segue le metamorfosi di una
entità nel tempo. E verissimo che il processo dello
sviluppo da qualsiasi embrione a qualsiasi essere è
continuo. Ma il principio di identità asserisce che
a è a, non che a sarà a. La logica non consente di
dichiarare che una pallina di caviale è uguale a uno
storione. E dunque debbo insistere: l'argomento
che un embrione è uguale a un essere umano, che
è un individuo-persona perché sarà un individuopersona, è logicamente assurdo. Attenzione: assurdo per la logica. Il che non "squalifica come assurdità ciò che la ragione del credente arriva a riconoscere attraverso la riflessione".
Analogamente non posso accettare il modo nel quale il Nostro forza il principio di non-contraddizione.
Ripetendo l'argomento di Buttiglione il professor
Colombo mi vuol costringere ad asserire (altrimenti
mi contraddirei) che "il paziente in anestesia... l'anziano demente, il cerebroleso" non sono da tutelare "in quanto considerati vita animale". Ma prò-
prio no, caro collega. Come ho già spiegato, l'attributo della consapevolezza denota una capacità.
Se questa capacità viene addormentata o si atrofizza, una persona umana che è già tale, tale resta. La
logica è uno schema che di volta in volta si applica
a dei concetti. E temo che qui sia la fede a indurre
Don Colombo a distorcere il concetto che adopero.
Una postilla in punto di onore. Io cerco di non scrivere a casaccio. Se nel mio editoriale ho scritto "alla
Tertulliano" è perché sapevo benissimo che la formula credo quia absurdum è stata coniata da un autore ignoto. Però è un compendio che non tradisce lo spirito del tertullianismo. Ich habe auch Theologie studiert, anch'io ho anche studiato teologia.
4 marzo 2005
QUANDO ARRIVA L'ANIMA
Passate le elezioni regionali il prossimo tormentone (tra due mesi, il 12 e 13 giugno) sarà il referendum sulla legge 40. Ufficialmente questa legge è
sulla procreazione assistita. In realtà la legge 40 e il
referendum che ha provocato sono molto più importanti di qualsiasi elezione: investono un conflitto tra ragione e fede, tra scienza e religione, e ci viene chiesto di stabilire cosa sia la vita umana. Scusate se è poco.
A mio sommesso parere era un conflitto da evitare, o comunque da gestire senza squilli di guerra e
toni da crociata. Quieta non movere, non stuzzicare le cose tranquille. È un adagio di antica saggezza.
Le società occidentali sono religiosamente pacificate. Credenti e non credenti si rispettano reciprocamente, cattolici e protestanti convivono senza problemi, e la formula della libera Chiesa in libero Stato
ha sinora retto alla prova. Ma questa formula invoca un delicato equilibrio che deve essere gestito con
prudenza e misura. Dunque, quieta non movere. E
invece la Chiesa di Roma in Italia è scesa in guerra.
Il cardinal Ruini dichiara che nelle questioni etiche
la Chiesa è sempre intervenuta e che ha il diritto di
intervenire. Si, ma est modus in rebus, c'è modo e
modo di farlo. Una Chiesa che ingiunge ai farmacisti cattolici di non vendere contraccettivi chiaramente invade il "libero Stato" e la sfera di libertà dei
cittadini. E poi c'è il tono, l'eccesso di motivazione. Davvero il contraccettivo riflette una "cultura
della morte"? Nel suo ultimo libro Papa Wojtyla si
è scagliato contro "lo sterminio degli esseri umani
concepiti e non mai nati". Sterminio? Come si fa a
sterminare l'inesistente, e cioè esseri che ancora non
esistono, visto che non sono mai nati?
A me pare che il referendum sulla legge 40 abbia
creato un conflitto tra ragione e fede. Proprio sulla
base della definizione religiosa dell'uomo, inoltre,
non condivido l'affermazione della Chiesa secondo
cui l'embrione ha un'anima. Il motivo? San Tommaso e una dottrina millenaria in cui si stabilisce il
confine dell'eresia. Forse eccitato da tanta autorevole fonte, il professor Francesco D'Agostino, membro dell'Accademia pontificia Pro Vita e Presidente dei giuristi cattolici, si è spericolato nell'asserire
che la diagnosi preimpianto non si poteva fare perché violava la privacy dell'embrione. Cosi prendendo in contropiede lo stesso Rodotà, il garante della
materia, che ha dovuto precisare che "nessuno mai
in Europa ha parlato di privacy dell'embrione". In
consimile slancio il primate della Chiesa cattolica
inglese, cardinale Cormac Murphy-O'Connor, ha
accostato l'interruzione della gravidanza agli "esperimenti di genetica dei nazisti". E se queste non sono esagerazioni, sono peggio.
Riprendiamo il discorso dall'inizio: quale è la differenza tra vita in generale (anche di una rosa, anche di un moscerino) e vita umana. Io ho già risposto su queste colonne che l'uomo è caratterizzato da
autocoscienza (o autoconsapevolezza), dal sapere di
sé. Questa risposta laica (o filosofica) ha molte varianti, sulle quali non mi voglio dilungare. Debbo
però ribattere alla obiezione che in tal caso un ritardo mentale o anche un neonato non sarebbero mai,
o ancora, un essere umano. Obiezione pretestuosa,
perché le definizioni precisano categorie e sono contenitori concettuali. Non sono strumenti contabili e non occorre che acchiappino tutto e tutti; basta che identifichino e, appunto, caratterizzino. In
ogni caso, la definizione religiosa è e deve essere diversa: è che l'uomo è tale perché caratterizzato dalla
presenza dell'anima. Questa è una definizione che
io rispetto. E mi fa specie che sia io a doverla ricordare e difendere mentre la Chiesa di Papa Wojtyla,
scrivevo, dà mostra di essersene dimenticata.
Questa asserzione ha suscitato l'ira di molti lettori che ribattono: lei è proprio un ignorantone o
peggio, è ovvio che l'anima arriva con l'embrione.
Ovvio? Ovvio proprio no. Questa non è mai stata la dottrina della Chiesa (né, preciserò, di nessu-
244
| 1 1 PAESE DEGLI STRUZZI
na Chiesa). Sul punto ho già citato San Tommaso. Ma l'ha fatto ancor meglio e più estesamente
di me Umberto Eco (su L'Espresso del 17 marzo),
che è profondo conoscitore dell'Aquinate, che ne
cita ben sei passi, e che riassume così: Dio introduce l'anima razionale solo quando il feto è un corpo
già formato; dal che consegue che dopo il Giudizio
Universale, quando i corpi dei morti risorgeranno,
"a quella resurrezione gli embrioni non partecipano: in loro non era stata ancora infusa l'anima razionale e pertanto non sono esseri umani".
Ignorantoni a parte, un filosofo cattolico che invece
sa di queste cose mi risponde che San Tommaso "è
vecchio" e che "non è necessario tornare indietro di
sette secoli". Se così, povera Chiesa. Se San Tommaso è vecchio, lo sono ancora più Sant'Agostino
e la Patristica. E altrettanto vecchi sono gli straordinari dibattiti che hanno stabilito quale sia la vera fede e quale l'eresia. La Chiesa cattolica dura da
duemila anni poggiando su questo imponente bagaglio teologico. Se lo si dichiara vecchio e lo si ritiene sorpassato, allora cosa le resta?
Passo a precisare, come promesso, che la tesi
deH'"embrione eguale persona" non è sottoscritta,
che io sappia, da nessuna altra religione. Non è condivisa dalla Chiesa anglicana e dalla maggior parte delle Chiese protestanti. Ancor più significativo,
non è condivisa dalle altre religioni monoteistiche.
In riferimento al Talmud, libro sacro dell'ebraismo,
la dottrina è che l'embrione diventa gradualmen-
te persona nel secondo mese di gravidanza, e cioè
quando il feto dà inizio alla formazione degli organi. Analogamente nella religione islamica l'anima
entra nel corpo quaranta giorni dopo la procreazione, dal che discende che oggi viene ammessa senza
problemi la sperimentazione sull'embrione. La crociata del cardinal Ruini è dunque una crociata solitaria. Può benissimo darsi che in Italia la vinca. Ma
sarebbe una vittoria di Pirro votata, altrove e alla
lunga, a una pesante sconfìtta. Tanto più che se la
vince dovrà poi ripartire in crociata contro l'aborto. Altrimenti avremmo un embrione (che fino a
18 giorni dall'ovulazione ha ancora una dimensione inferiore al millimetro e non contiene organi o
tessuti differenziati) tutelato, e un feto non tutelato, comunque meno tutelato. Un evidente assurdo.
A prescindere da questo assurdo, il fatto è che oramai la società cristiana dell'Occidente tiene alla vita, non accetta di morire soffrendo inutilmente, e
quindi si affida alla medicina per le malattie che ci
fanno soffrire e morire. La legge 40, scrive Veronesi, "è inumana e ingiusta". In Italia 30.000 bambini nascono ogni anno con gravi malformazioni. È giusto, è umano, farli nascere cosi? La gente
teme di morire afflitta dal morbo di Parkinson o
dall'Alzheimer, e la sperimentazione sull'embrione
promette (forse a torto, ma questo non lo sa neanche la Chiesa) di curare malattie che ci terrorizzano. Il cardinal Ruini crede davvero che su queste
questioni, su queste angosce, la gente voterà contro
la medicina? Fermo restando — anch'io ho fermissime convinzioni bioetiche — che l'eugenetica deve
essere soltanto curativa e che non deve mai imboccare la pericolosissima china di una umanità geneticamente manipolata.
Allora, quando è che la vita diventa propriamente
umana? La risposta che non crea problemi è la risposta ovvia, e cioè che la persona umana, l'individuo
persona, è tale quando esce dall'utero della madre,
quando comincia a esistere in indipendenza, da solo. Questa era l'ottica del diritto (fino alla legge 40)
che stabiliva al momento della nascita l'acquisto della capacità giuridica. E questa potrebbe essere l'unica discontinuità riconosciuta dalla biologia, che deve altrimenti essere "continuista". Ma, attenzione,
non è che la biologia possa sostenere la tesi dell'embrione persona. Anzi, la biologia ci mette di fronte al fatto (evoluzionista?) che la specie umana condivide con i primati, con gli animali superiori, più
del 95 per cento del patrimonio genico; che il cuore (il primo organo che diventa funzionalmente attivo nella organogenesi) comincia a battere solo nella
quarta settimana dopo la fecondazione; e che un altissimo numero di embrioni si perdono, e cioè che
il più delle volte l'embrione non diventa bambino.
Oggi la Chiesa chiede ai giuristi cattolici e ai biologi cattolici di sottoscrivere la tesi che l'embrione
è già un essere umano. Ma chi la sottoscrive lo fa
come credente, non certo come giurista o uomo di
scienza. Questa tesi è razionalmente insostenibile.
E comunque non ci siamo lo stesso. La religione
non esiste per far nascere quante più persone possibili (soffriamo già, globalmente, di sovrappopolazione), e ancor meno per prolungare artificialmente
la vita (per decenni) di una vita puramente vegetale. La religione esiste per sconfìggere la morte, per
promettere all'uomo la immortalità. E a questo fine occorre l'anima. Senza l'anima non c'è resurrezione dei corpi né vita eterna. E dunque la Chiesa
ci deve saper dire quando arriva. Sennò rischia di
non arrivare mai.
La Chiesa di Papa Wojtyla non ha osato smentire
tutta la sua teologia (che ha sempre escluso che "l'anima razionale" arrivi all'istante del concepimento)
e quindi tace, o comunque sorvola, su quando l'anima cominci ad "animare l'uomo". Ne sta risultando una religione che si appiattisce su una concezione biologica della vita, che accusa di omicidio
chi lascia morire una "vita vegetativa" che mentalmente è già morta, e che fa prevalere la potenzialità di vita di un embrione sulla "vita spirituale" (autocosciente) di chi è attualmente in vita e chiede ai
progressi della medicina di essere curato. Il lascito
di San Tommaso è di una ratio confortata fide. Ma
oggi mi imbatto sempre più in una fede fanatizzata che emargina la ragione e la ragionevolezza. Sbaglierò, ma in tutto questo c'è qualcosa di profondamente sbagliato.
16 aprile 2005
L'EMBRIONE E LA PERSONA
La legge 40 che sarà sottoposta tra poco (il 12-13
giugno) a referendum è una legge su che cosa? Ufficialmente è una legge sulla "fecondazione artificiale", o assistita, anche detta, seppur impropriamente
ed erroneamente, sulla fecondazione etcrologa. In
verità è molto molto di più. E una legge che stabilisce che l'embrione è già vita umana, e che perciò
correda l'embrione di "diritti". Ora, nessuno contesta che l'embrione sia vita. Un sasso non ha vita;
ma tutto ciò che nasce, si sviluppa e muore, è vita.
Le piante sono vita, gli animali sono vita. E da un
punto di vista biologico il genoma (i geni) di Uno
scimpanzé è quasi eguale — al 99,5 per cento — a
quello di un essere umano. Eppure la differenza tra
uno scimpanzé e un Homo sapiens è immensa. Qual
è? Perché l'embrione umano va protetto e quello
dello scimpanzé no? Se dobbiamo proteggere la vita, allora di questa "vita e basta" esistono miliardi
di miliardi di specie e di varietà. Ma se ci interessa
specificamente la protezione della vita umana, allora la dobbiamo definire, allora dobbiamo stabilire quale vita è umana e perché.
Fino a circa mezzo secolo fa, lo sapevamo. Grosso
modo (ci sono eccezioni) per la Chiesa e per la fede l'uomo è caratterizzato dall'anima, e T'anima razionale", per dirla con San Tommaso, arriva tardi,
non certo con il concepimento. Invece per la filosofìa, o per la riflessione razionale, l'uomo è caratterizzato dalla ragione, dalla autocoscienza o quanto meno da stati mentali e psicologici coscienti. Per
Locke, per esempio, la persona è "un essere consapevole di sé", e "senza coscienza non c'è persona"
{Saggio sull'intelligenza umana, II, 27). Ma ecco che
d'un tratto, la Chiesa cattolica dimentica l'anima (e
con essa tutta la sua teologia) e si affida alla biologia, alla quale fa dire che tra il mio embrione e me
non c'è differenza: vita umana la sua, vita umana la
mia. Ma purtroppo la differenza c'è; ed è anche addirittura a mio danno. Se, come mi augura un simpatico lettore, io fossi stato ucciso in embrione io
non me ne sarei accorto e nemmeno avrei sofferto;
invece io come persona umana so che dovrò morire e forse anche soffrire. E il discorso serio, l'argomento logico, è questo: che se un embrione sarà una persona, ancora non lo è come embrione.
E sfido qualsiasi ruiniano a fornire una definizione
di "persona umana" che si applichi all'embrione.
Passo ai risvolti pratici e agli aspetti concreti della questione. Un primo argomento dei sostenito-
ri della 40 è che proteggere l'embrione è proteggere il più debole, la vita più debole. Ma da questo
punto di vista gli embrioni non se la stanno cavando tanto male. I testi di demografìa di quando nascevo prevedevano per il 2000 una popolazione di
2 miliardi; invece siamo addirittura più di 6 miliardi e si prevede che saliremo fino a 9. Ne risulta un
eccesso di successo degli embrioni: una sovrappopolazione che porta alla distruzione della Terra, del
pianeta Terra, e così anche al suicidio tendenziale del genere umano. In questo contesto, il diritto
alla vita si capovolge in una straziante condanna a
morte per i già nati, i viventi in eccesso.
Un altro argomento è che la 40 tutela la donna.
Questa poi. Se l'embrione è sacro e inviolabile, anche la pillola (contraccettiva) del giorno dopo deve
essere proibita. Così centinaia di milioni di minorenni inesperte o anche violentate si devono tenere un bambino indesiderato o altrimenti ricorrere all'aborto. Che però dovrà essere anch'esso lestamente proibito, perché se passa la 40, la legge
194/78 sull'aborto non potrà essere mantenuta: la
contraddizione non lo consente. E così torneremo
alle "mammane" clandestine che spesso massacrano e ammazzano le loro clienti. Davvero una bella tutela.
29 maggio 2005
LA PERSONA CHE NON C'È
L'incipit dell'assalto a valanga di Oriana Fallaci
("Noi cannibali e i figli di Medea", Corriere della
Sera, 3 giugno 2005) dice così: "I mecenati del dottor Frankenstein voteranno senza ragionare...". Io
non capisco bene, confesso, chi siano i ricconi (mecenati) che pagano Frankenstein. Ma tra questi ultimi sospetto di essere incluso, visto che il suo elenco include gli accademici dei Lincei. Se così, giuro
di non avere ancora ricevuto nemmeno un copeco
da nessuno. In attesa (il mecenatismo è sempre gradito) non posso consentire a Oriana Fallaci di ergersi a campione di coloro che ragionano, e quindi
del "ragionare" e della ragione. Con il suo permesso, io (anche io) di logica e di razionalità mi intendo. Allora, ragioniamo.
La questione di fondo, la madre di tutte le battaglie, è se un embrione che sarà vita umana lo è già
come embrione. Che sia vita nessuno lo contesta; ma "umana"? Il cardinale Scola la mette così:
254
| IL PAESE DEGLI STRUZZI
"Io sono Angelo Scola, 63 anni, Patriarca di Venezia perché sono stato quell'embrione". Ho già
lamentato che la Chiesa non si ricordi più dell'anima (dell'anima infusa da Dio). Ma ora scopro
che il nostro bravo Cardinale si dimentica del libero arbitrio. E senza libero arbitrio non c'è colpa
né merito: tutto è già predeterminato ab ovo. Per
vincere un referendum la Chiesa sta massacrando
tutta la sua teologia?
Comunque sia, io continuo a credere nel libero arbitrio, mi ritengo responsabile di quel che faccio, e
quindi concedo pochissimi meritilo anche demeriti, al mio embrione. Concedo che l'embrione abbia prestabilito la lunghezza del mio naso, il marroncino dei miei occhi, e altri attributi della mia
semi-bellezza fisica. Ma non gli concedo nemmeno un nano-milligrammo in più. Non potrei neanche volendo. Il titolo di una mia biografìa accademica di anni fa era: "Fortuna, caso, ostinazione".
Quel titolo era mio. E se forse l'ostinazione deriva
dal mio embrione, tutto il resto proprio no. Come
esseri umani siamo tutti diversi l'uno dall'altro, e
non siamo come polli in batteria programmati dal
loro uovo proprio perché risultiamo dall'interazione tra centinaia e centinaia di eventi che in larga
parte "avvengono" e ci cascano addosso. Così, per
esempio, io mi intendo di logica perché l'ho studiata. Ma non l'ho studiata per "vocazione embrionale" ma, come racconto in quel racconto, per forza di circostanze.
Allora, la logica. In logica, che è la quintessenza della razionalità, non si può sostenere, proprio non si
può, che l'embrione è un essere umano perché sarà un essere umano. In logica il principio di identità (il primo principio della logica aristotelica) è
atemporale e si declina al presente: A è uguale ad
A. La logica non è un futuribile, non può accettare il salto tra è ora e sarà domani. Per la logica se io
mangio un uovo di struzzo non uccido uno struzzo:
mangio un uovo. Ma per la logica di Oriana Fallaci non è così. Cito: "I Frankenstein... con burattinesco sussiego dichiarano che l'embrione non è un
essere umano... Con pagliaccesca sicurezza proclamano che non ha una anima, che l'anima esiste se
esiste il pensiero... O che un feto comincia a pensare solo all'ottavo o nono mese di gravidanza, che
secondo San Tommaso d'Aquino fino al quarto
mese siamo animali e quindi tanto vale proteggere
gli embrioni degli scimpanzé".
Dopodiché, non ancora sazia di tanta scorpacciata, la Nostra asserisce che "ripararsi dietro il sillogismo Cervello-Pensiero-Anima-eguale-Umano è
una scemenza". Sì, è una scemenza perché questo
non è un sillogismo. Per esempio: "Le donne sono tutte romanziere (premessa maggiore), Anairo è donna (premessa minore), pertanto (conclusione) Anairo è romanziera". Siccome la premessa
maggiore è falsa, anche la conclusione è falsa. Ma
la costruzione del sillogismo è quella. Ed è anche
una scemenza dichiarare, come si legge subito do-
po, che "anche gli animali hanno un cervello... anche gli animali hanno un pensiero". Come quello
di Oriana? Il suo bellissimo, davvero bellissimo ultimo romanzo, Insciallah lo ha forse scritto il pensiero del suo cane?
Debbo anche sfidare Oriana Fallaci a citare un mio
solo passo (la "pagliaccesca sicurezza" sopra citata è
senza dubbio la mia, visto che sono io che ho tirato
in ballo l'anima e San Tommaso) nel quale asserisco che l'anima viene con il pensiero (io mi limito
a chiedere alla Chiesa di dirmi quando arriva), che
il feto comincia a pensare all'ottavo mese, o che ci
sia un qualsiasi nesso (non c'è) tra San Tommaso
e gli scimpanzé.
Tornando al punto, secondo Oriana Fallaci "l'embrione che sboccia dall'ovulo di un elefante è un
elefante". Io ribatto che sarà un elefante. E la stessa
cosa? Oriana mangi un ovulo del predetto, e mi faccia sapere se ha mangiato un elefante. E il discorso
logico, il discorso razionale, è questo: a chi dichiara che l'embrione è già vita umana ho il diritto di
chiedere: per favore, mi definisca "umana". Definire — spiego - è dichiarare il significato che io attribuisco a una parola, a un concetto. E dunque quali
sono le caratteristiche, attributi o proprietà (in logica si dice così) di "essere umano"? Di saper pensare, di saper parlare su se stesso (il discorso sul discorso) e, contentandosi di sempre meno, di possedere un sistema nervoso, e quindi la sventura di
soffrire? Non so, dite voi. Ma nessuno, proprio nes-
suno, lo dice. Non lo dice perché è chiaro che nessuna caratteristica individuante dell'individuo-persona esiste nell'embrione. Dal che inesorabilmente
discende - per la ragione guidata dalla logica — che
l'embrione non è una entità (in logica si dice così,
lasciamo stare i "grumi" o le "muffe") sacrosanta.
Se è in qualche modo utile toccarlo, è toccabile; altrimenti lasciamolo in pace.
Così come lasciamo in pace miliardi e miliardi di
miliardi di altre vite. Il fatto che l'embrione sia un
progetto di vita individuale vuole soltanto dire che
l'embrione nell'utero di Maria Fecondata (un nome fittizio di mia invenzione) non produrrà uno
scimpanzé. Se lo scienziato cattolico vuole passare da "individuale" a "vita dell'individuo umano",
allora bara al gioco. Come ho appena spiegato, dichiari prima qual è, per lui, la caratteristica di "umano" e di "individuo".
A molti questa può sembrare una questione astrusa o addirittura di lana caprina. Ma le sue implicazioni sono concretissime. Le cellule staminali che
si ottengono distruggendo l'embrione possono essere usate per la ricerca medica, e cioè per la possibile cura di malattie oggi incurabili, oppure no? Se
l'embrione non è sacrosanto, ovviamente sì. Altrimenti no. Forse questa ricerca fallirà. Ma la scienza che è tale la deve consentire.
Altro caso: è lecito, è giusto, fermare, prima della
nascita, la nascita di un bambino talassemico o affetto da consimili malattie ereditarie? Se l'embrio-
ne è sacrosanto ovviamente no. In tal caso a dei genitori disgraziati deve essere imposto di far nascere bambini disgraziati. Ma altrimenti questa è una
terribile inutile crudeltà. Ancora, se l'embrione è
già intoccabile vita umana come si fa a sostenere
che la conferma della legge 40 non rimbalzerà sulla legge 194 del 1978 che disciplina e consente l'aborto? Secondo me questa è una vergognosa ipocrisia. L'embrione (che è una entità infinitesimale)
è sacro, e invece il feto di un bambino già formato non lo è? Storace se la cava dicendo che di questo non è il caso di parlare ora. Ma la Chiesa, che è
maestra di moralità, non se la può cavare con una
furbata alla Storace.
Infine, c'è la questione dei contraccettivi, che tocca
milioni di giovani donne. La Chiesa proibisce i preservativi (persino al cospetto del flagello dell'Aids) e
poi condanna come omicidio anche l'uso della cosiddetta pillola del giorno dopo. Omicidio? E solo
alla fine della seconda settimana che nell'embrione si comincia a intravedere l'inizio di un sistema
nervoso. Prima non c'è niente di distinto e di distinguibile. Omicidio di che cosa? Di quattro-otto cellule informi?
Passo alla scienza, che in questo caso sono la ricerca medica da un lato, e la genetica e la biologia
dall'altro. Sulla prima dirò soltanto che non può
essere fermata. Se bloccata in Italia proseguirà lo
stesso intorno a noi: resteremo indietro (a danno
nostro) e basta. S'intende che la ricerca medica va
tenuta sotto controllo come si fa da sempre e, vista
la delicatezza dei problemi, più di sempre. Quanto alla genetica e alla biologia il punto fermo è che
i concetti di individuo-persona, persona umana, e
simili sono estranei alla scienza. Il biologo di obbedienza cattolica è libero di usarli come qualsiasi altro privato cittadino; ma se lo fa in carta intestata, allora la sua è falsa testimonianza. Per la biologia e la genetica esiste soltanto la continuità di
un nascere-vivere-morire. Se a un certo momento un certo specifico vivere viene elevato al rango
di persona umana, in questa attribuzione la scienza non c'entra. Non è la sua partita. Perché questa
attribuzione e qualificazione compete da sempre
alla filosofìa (ivi inclusa la filosofia cristiana) e alla branca della filosofia che è l'etica. Concludo. Io
certamente non contesto che quando si interviene
sulla natura stessa dell'uomo si apre un problema
gravissimo. Decenni fa, citando il noto biologo Jean Rostand notavo che l'ingegneria genetica apriva prospettive terrificanti. Lo sono. Ma che non
sono da combattere agitando spauracchi da quattro soldi come il romanzo di Mary Shelley, Frankenstein, che tutti ricordano perché impersonato
al cinema da uno straordinario Boris Karloff. Gridare alla strage degli innocenti, allo sterminio, al
cannibalismo, non è serio. Ed è ancor meno serio
tirare in ballo Hitler e l'eugenetica nazista. Questi sono colpi bassi. Perché non credo che nessuna democrazia consentirà mai una eugenetica atta
a produrre la razza pura o la razza superiore. Se lo
consentisse, allora il problema non sarebbe l'eugenetica ma la democrazia.
A proposito stavo per dimenticare: io andrò a votare. Non voglio essere annoverato tra le "anime
morte" (cito solo un bellissimo titolo di Gogol) di
coloro che non votano mai nemmeno per sbaglio.
11 giugno 2005
VITA ARTIFICIALE E LIBERTÀ DI SCELTA
Tutto è cominciato con l'Enciclica del 1968 Humanae Vitae di Paolo VI. A 40 anni esatti di distanza, l'altro giorno il Corriere ha accolto nella
sua pubblicità la "Lettera aperta al Papa" del movimento dei Catholics for Choice (il diritto di scegliere) sottoscritta da un centinaio di organizzazioni cattoliche di tutto il mondo. L'esordio della Lettera è duro: "Le gerarchie cattoliche hanno
fondato sulla Humanae Vitae la politica di opposizione alla contraccezione". Politica, continua la
Lettera, "che ha avuto effetti catastrofici sui poveri, ha messo in pericolo la vita delle donne ed
esposto milioni di persone al rischio di contrarre l'Hiv". Ma il testo si ferma su questo problema
ignorando il crescendo successivo. Con Wojtyla e Ratzinger la contraccezione e l'aborto vengono condannate allo stesso titolo. Ma perché? Con
quale logica? La contraccezione — lo dice la parola —
impedisce la concezione. E prevenire una gravi-
danza non è "uccidere", non è interrompere una
gravidanza (aborto). Vorrei che qualcuno mi dimostrasse il contrario.
Un altro passo in avanti consiste nell'asserire che
l'embrione è già vita umana. Per dimostrarlo la
Chiesa dovrebbe distinguere tra "vita" e "vita umana", e provare che le caratteristiche della seconda
sono già presenti nell'embrione. In passato, e con
San Tommaso, la vita dell'uomo era contraddistinta
dalla presenza delT'anima razionale". Ma quest'ultima, per Tommaso, arrivava "tardi", in vicinanza
della nascita e non certo dell'embrione. Teologicamente parlando l'ostacolo è grosso, e Wojtyla lo supera dimenticandosi dell'anima e citando la scienza.
Così: "La scienza ha ormai dimostrato che l'embrione è un individuo umano che possiede fin dalla fecondazione la propria identità". Ma la scienza può
soltanto attestare che l'embrione è programmato
per diventare, dopo 9 mesi, un individuo umano
ma non che lo è già sub specie di embrione. Anche
se un uovo diventerà una gallina non è gallina finché resta uovo; né io, mangiando un uovo, divento assassino di una gallina.
Dunque, in teoria qualsiasi vita è intoccabile (anche quella dei pidocchi o delle zanzare), visto che
la Chiesa spesso e volentieri confonde tra qualsiasi
vita e vita specificamente umana. In pratica, però,
la vita intoccabile è solo la vita dell'uomo. Ma ecco ancora un ulteriore salto in avanti. Finora la vita umana era intoccabile "in entrata" (aborto) e an-
VITA ARTIFICIALE E LIBERTÀ DI SCELTA
che "in pre-entrata" (contraccettivi); ma "in uscita"
le persone erano lasciate libere di morire. Beninteso, non di suicidarsi ma di morire "naturalmente". Ma siccome la scienza ha inventato la sopravvivenza artificiale, ecco che oggi la Chiesa nega il
diritto di morire anche a chi, come essere umano,
è già morto.
L'ultimo caso è quello di Eluana Englaro, in coma
profondo da addirittura 16 anni. A questo punto i genitori chiedono che venga staccata dal macchinario che la tiene in vita (in vita vegetale) e due
tribunali (Cassazione e Corte d'appello) consentono. Apriti cielo! A distanza di pochi giorni il pg di
Milano blocca. Il che implica che dovrebbe intervenire il Parlamento. Sì, il Parlamento si dovrebbe svegliare nel consentire il "testamento biologico" di ciascuno di noi quando siamo ancora sani
di corpo e di mente. Anche il legislatore "papista"
lo potrebbe benissimo fare in tutta coerenza, visto
che Wojtyla si era rimesso alla scienza per stabilire
quando comincia la vita. E la scienza stabilisce che
una persona è morta quando il suo cervello è morto, quando l'elettroencefalogramma è piatto e non
rileva più onde magnetiche cerebrali.
Punto e finito lì. Per me. Ma non per la deputata
azzurra Isabella Bertolini la cui mozione, sostenuta da 80 firme di neo-sanfedisti, chiede che il governo introduca "il divieto di qualunque atto che
legittimi pratiche eutanasiche o di morte indotta".
Non facciamo fìnta di non capire. Questo testo im-
263
pedirebbe il "testamento biologico". Già consentito negli Usa, in Gran Bretagna, in Francia, in Spagna, agli italiani non lo si vuole consentire. Poveri
noi, e intanto povera Eluana.
2 agosto 2008
LA CHIESA E IL DIRITTO DI MORIRE
Paradossalmente, quando la De era al potere la
Chiesa non comandava. De Gasperi e altri leader
democristiani agirono, rispetto alle richieste del Vaticano, secondo coscienza e seppero anche dire seccamente No. Oggi la Chiesa comanda (parecchio) e
Prodi, pur cattolico fervente, la indispettì per aver
osato dire che era "un cattolico adulto", e cioè capace di ragionare con la sua testa. E l'ulteriore paradosso è che oggi il più "aperto" ai voleri del Vaticano sia Berlusconi. Bossi tiene, e sulla immigrazione clandestina non si piega. Invece Berlusconi,
che non è certo un cattolico esemplare, è pronto a cedere quasi su tutto (salvo che sulla sua persona). Il testamento biologico approvato tempo fa
dal Senato e fortemente voluto dalla Chiesa, è stato approvato dalla sua maggioranza. Ed è arrivato ieri alla Commissione competente della Camera per l'approvazione definitiva. Si prevede che sarà ritoccato. Anche così resterà un testamento che
viola la volontà del testatore. Perché questo è l'intento della Santa Sede.
La Chiesa, e per essa il suo Pontefice, può sbagliare?
Certo che può sbagliare. Tantovero che agli ultimi
Pontefici è venuto addirittura il vezzo di chiedere
scusa per errori e anche male azioni di loro predecessori. D'altronde la dottrina della infallibilità papale è recente, è del 1870, e si applica soltanto ai
pronunciamenti solenni, ex cathedra, in materia di
fede e di morale. Quando Papa Ratzinger è andato
in Africa a discettare di preservativi e di Aids, il suo
discettare non era solenne ed era anche sicuramente
sbagliato. Nemmeno è vero che in quella occasione
il Papa non abbia detto niente di nuovo. Sì, il Vaticano si oppone da sempre agli anticoncezionali.
Ma un Pontefice non ha mai asserito, che io ricordi, che "la distribuzione dei preservativi" non serva
a combattere davvero l'Aids: una tesi (cito dalla importante rivista Lancet) che "manipola la scienza".
Restiamo al testamento biologico, in merito al quale il Vaticano vuole a ogni costo impedire ulteriori "omicidi", se non assassinii, alla Eluana. Perché,
nell'autorevole dire del cardinale Bagnasco (Presidente della Conferenza episcopale italiana, e cioè
dei nostri vescovi), non è accettabile "un diritto di
libertà tanto inedito quanto raccapricciante: il diritto di morire". Ma "raccapricciante" è invece per
me la tesi del cardinale.
Come è ovvio, i miei diritti di libertà sono limitati e delimitati dai diritti di libertà degli altri. Cioè,
io sono libero finché non invado e danneggio la libertà altrui. E viceversa. L'unica eccezione, l'unico diritto di libertà assoluto, che spetta soltanto a
me perché è soltanto "solitario", è il mio diritto di
morire (di morte naturale) come scelgo. Pertanto
la novità, l'inedito, è che si vuole persino negare la
libertà di morire senza inutili sofferenze e prolungate agonie. Sia chiaro: questa imposizione, questa illibertà, esisterebbe solo da noi. Dal che ricavo che il testamento biologico "alla Vaticana" dovrebbe essere rispedito al mittente. Libera Chiesa
nel suo libero Stato/Aggiungi che la partita non è
— come ha ben precisato Massimo Salvadori — tra
cattolici e laici. È, piuttosto, tra un rinato sanfedismo, un fideismo che acceca la ragione e, dall'altro
lato, tutte le persone, laiche o cattoliche che siano,
che vogliono decidere da sé sulla propria sorte, o,
se si vuole, malasorte.
16 settembre 2009
FONTI
"Santa Finimola. Il mio sogno di Ferragosto", Corriere della Sera,
15/08/1997.
"Politica demografica e libertà di dissentire", Corriere della Sera,
19/08/1997.
"La vergogna degli incendi", Sartori G., Mala tempora, Roma-Bari,
Laterza 2004, pag. 487.
"Siamo incoscienti e siamo troppi", Sartori G., Mazzoleni G., La Terra
scoppia. Sovrappopolazione e sviluppo, Milano, Rizzoli 2003, pag. 15.
"L'altra faccia, della crescita. La malattia è la sovrappopolazione", Sartori G., Mazzoleni G., La Terra scoppia, Milano, Rizzoli 2003, pag. 21.
"La tecnologia ci può salvare?", Sartori G., Mazzoleni G., La Terra
scoppia, Milano, Rizzoli 2003, pag. 26.
"Il texano tossico che affonda Kyoto", L'Espresso, 9/08/2001.
"Riflessioni sulla fame e sui popoli di Seattle", Sartori G., Mazzoleni G., La Terra scoppia, Milano, Rizzoli 2003, pag. 34.
"La Fao ci inganna", Sartori G., Mazzoleni G., La Terra scoppia, Milano, Rizzoli 2003, pag. 37.
"Una corsa insensata e perdente", Sartori G., Mazzoleni G., La Terra scoppia, Milano, Rizzoli 2003, pag. 41.
"La crescita demografica non si ferma da sola", Sartori G., Mazzoleni G., La Terra scoppia, Milano, Rizzoli 2003, pag. 52.
"L'acqua manca come si sapeva", Sartori G., Mazzoleni G., La Terra scoppia, Milano, Rizzoli 2003, pag. 58.
"Il riscaldamento della Terra sconvolge il clima", Sartori G., Mazzoleni G., La Terra scoppia, Milano, Rizzoli 2003, pag. 62.
"Tutti a Johannesburg tranne il buonsenso", Sartori G., Mazzoleni
G., La Terra scoppia, Milano, Rizzoli 2003, pag. 66.
"Smettiamola di vendere panzane", Sartori G., Mazzoleni G., La Terra scoppia, Milano, Rizzoli 2003, pag. 70.
"Il problema è la bomba demografica", L'Espresso, 1/01/2003.
"I cattivi alibi dello sviluppiselo", Sartori G., Mazzoleni G., La Terra scoppia, Milano, Rizzoli 2003, p. 74
"La testa sotto la sabbia", Corriere della Sera, 17/03/2003.
"Homo stupidus stupidus", Sartori G., Mala tempora, Roma-Bari,
Laterza 2004, pag. 520.
"Il nemico non è il contadino ricco", Sartori G., Mala tempora,
Roma-Bari, Laterza 2004, pag. 522.
"Inquinamento da ignoranza", Sartori G., Mala Costituzione e altri
malanni, Roma-Bari, Laterza, 2006, pag. 146.
"Crichton, Kyoto e i lietopensanti", Sartori G., Mala Costituzione e
altri malanni, Roma-Bari, Laterza, 2006, pag. 183.
"Il mercato non ci salverà", Sartori G., Mala Costituzione e altri malanni, Roma-Bari, Laterza, 2006, pag. 185.
"L'energia dimenticata", Corriere della Sera, 11/02/2006.
"Più energia e più coerenza", Corriere della Sera, 15/02/2006.
"L'intelligenza cresce o decresce?", Corriere della Sera, 15/08/2006.
"Effetto serra e conteggi Fao", Corriere della Sera, 22/11/2006.
"I globalisti sonnambuli", Corriere della Sera, 7/02/2007.
"Uno sviluppo non sostenibile", Corriere della Sera, 15/08/2007.
"Incendi: rimedi estremi per mali estremi", Corriere della Sera,
1/09/2007.
"Crisi energetica. L'impreparazione al potere", Corriere della Sera,
17/11/2007.
"Democrazia al verde", Sartori G., Il sultanato, Roma-Bari, Laterza, 2010, pag. 108.
"Il mercato non salverà la Terra", Corriere della Sera, 26/03/2008.
"La coperta è corta", Corriere della Sera, 6/05/2008.
"Ambientalismo senza politica", discorso per il premio "Il monito del
Giardino", Firenze 29/05/2008.
"Malthus e il Club di Roma", Corriere della Sera, 16/06/2008.
"Verdi fasulli, governo sordo", Corriere della Sera, 15/08/2008.
"Evviva noi crepi il mondo", Corriere della Sera, 29/10/2008.
"Cosi non possiamo durare", Sartori G., Il sultanato, Roma-Bari,
Laterza, 2010, pag. 159.
"Il pozzo senza fondo", Sartori G., Il sultanato, Roma-Bari, Laterza, 2010, pag. 162.
"La salute dell'ambiente. I confronti sbagliati con il passato", Sartori G., Il sultanato, Roma-Bari, Laterza, 2010, pag. 167.
"Salute dell'ambiente: dibattito", Sartori G., Il sultanato, Roma-Bari, Laterza, 2010, pag. 167.
"La conferenza di Copenaghen sul clima", Sartori G., Il sultanato, Roma-Bari, Laterza, 2010, pag. 181.
"Himalaya bene il resto male", Sartori G., Il sultanato, Roma-Bari,
Laterza, 2010, pag. 189.
"Economia cartacea e limiti dello sviluppo", Corriere della Sera,
25/06/2010.
"La crescita demografica non fa bene all'economia", Corriere della Sera, 9/08/2010.
"La politica dello struzzo è la peggiore", Corriere della Sera,
15/08/2010.
"L'influenza della Chiesa", Sartori G„ Mazzoleni G., La Terra scoppia, Milano, Rizzoli 2003, pag. 45.
"Vita, vita umana e anima", Sartori G., Mazzoleni G., La Terra scoppia, Milano, Rizzoli 2003, pag. 79.
"La vita umana secondo ragione", Sartori G., Mala Costituzione e
altri malanni, Roma-Bari, Laterza, 2006, pag. 152.
"C'è vita e vita", Sartori G., Mala Costituzione e altri malanni, Roma-Bari, Laterza, 2006, pag. 155.
"Quando arriva l'anima", Sartori G., Mala Costituzione e altri malanni, Roma-Bari, Laterza, 2006, pag 159.
"L'embrione e la persona", Sartori G., Mala Costituzione e altri malanni, Roma-Bari, Laterza, 2006, pag. 163.
"La persona che non c'è", Sartori G., Mala Costituzione e altri malanni, Roma-Bari, Laterza, 2006, pag. 166.
"Vita artificiale e libertà di scelta", Sartori G., //
Bari, Laterza, 2010, pag. 129.
"La Chiesa e il diritto di morire", Sartori G., /
ri, Laterza, 2010, pag. 169.
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

creare flashcard