caricato da riccardotrebbi

Lez 1-2 - International trade

annuncio pubblicitario
Scambi nell'economia globale
Introduzione:
Nel giugno 2015, il film Jurassic World ha avuto vendite di biglietti per 512 milioni di dollari in tutto il
mondo, che è stata la prima volta che un film ha guadagnato più di $ 500 milioni in un solo fine settimana.
Di questo importo il 60% proviene dalla vendita di biglietti in paesi al di fuori degli Stati Uniti, compresi
$100 milioni in Cina. Se il film fosse stato girato su un'isola diversa dalle Hawaii e in Louisiana, il film
Jurassic World potrebbe anche generare scambi internazionali (international trade), il movimento di merci
(come l'attrezzatura per fare film o qualsiasi altro prodotto) o servizi (come il film stesso) attraverso i
confini.
In questo libro studieremo il commercio internazionale di beni e servizi.
Impareremo le forze economiche che determinano:
- Che aspetto ha questo commercio
- Quali prodotti sono scambiati
- Chi li commercia
- A quali quantità e prezzi sono scambiati
- Quali sono i vantaggi e i costi del commercio
Impareremo anche le politiche che i governi usano per plasmare i modelli commerciali tra i paesi.
1) International Trade (Commercio internazionale)
Le basi del commercio mondiale
I paesi acquistano e vendono beni e servizi l'uno dall'altro costantemente.
Un'esportazione è un prodotto venduto da un paese all'altro.
Un'importazione è un prodotto acquistato da un paese da un altro.
La bilancia commerciale di un paese è la differenza tra il suo valore totale delle esportazioni e il suo valore
totale delle importazioni (di solito includendo sia i beni che i servizi).
I paesi che esportano più di quanto importano, come la Cina negli ultimi anni, hanno un surplus
commerciale.
Mentre i paesi che importano più di quanto esportano, come gli Stati Uniti, hanno un deficit commerciale.
La bilancia commerciale bilaterale è la differenza tra esportazioni e importazioni tra due paesi.
La bilancia commerciale bilaterale statunitense con la Cina, ad esempio, ha registrato un deficit
commerciale di oltre 200 miliardi di dollari ogni anno tra il 2005 e il presente.
Nel 2013, l'iPhone5 16GB è stato valutato a circa $ 227 quando è stato spedito dalla Cina negli Stati Uniti e
venduto per circa $ 650 negli Stati Uniti.
Tuttavia, solo $8 di tale importo riflettono il valore aggiunto dal lavoro cinese utilizzato nell'assemblaggio.
Non ha senso contare l'intero $227 iPhone come esportazione cinese negli Stati Uniti, come avviene nelle
statistiche commerciali ufficiali.
In primo piano
Somma delle parti iPhone: distorsione commerciale:
Sebbene l'iPhone venduto negli Stati Uniti sia assemblato in Cina, la maggior parte del suo valore proviene
da parti realizzate in altri paesi.
Due ricercatori accademici hanno scoperto che l'iPhone di Apple Inc., uno dei più iconici prodotti
tecnologici degli Stati Uniti, ha effettivamente aggiunto $19 miliardi al deficit commerciale degli Stati Uniti
con la Cina lo scorso anno. Com'è possibile?
"Quello che chiamiamo 'Made in China' è infatti assemblato in Cina, ma ciò che costituisce il valore
commerciale del prodotto proviene dai numerosi paesi che hanno preceduto il sua assemblaggio in Cina
nella catena del valore globale", ha affermato Pascal Lamy, il direttore generale dell'Organizzazione
mondiale del commercio
Secondo Lamy, se le statistiche del commercio venissero adattate per riflettere il valore reale apportato a
un prodotto da diversi paesi, le dimensioni del deficit commerciale degli Stati Uniti con la Cina - $ 226,88
miliardi, secondo i dati degli Stati Uniti - sarebbero dimezzate.
Applicazione
Il commercio oggi è diverso dal passato?
Figura 1-1-a
Il volto mutevole delle industrie di importazione degli Stati Uniti, 1925-2014: I tipi di beni importati dagli
Stati Uniti sono cambiati drasticamente negli ultimi 84 anni. Alimenti, mangimi e bevande e forniture
industriali rappresentavano il 90% delle importazioni nel 1925, ma rappresentavano solo il 35% nel 2014.
Figura 1-1-b
Il volto mutevole delle industrie di esportazione degli Stati Uniti, 1925-2014: Anche i tipi di merci esportate
dagli Stati Uniti sono cambiati drasticamente negli ultimi 84 anni. Il capitale più i beni di consumo più le
automobili sono aumentati dal 20% delle esportazioni nel 1925 al 60% delle esportazioni nel 2014.
Mappa del commercio mondiale
Figura 1-2
Commercio mondiale di merci, 2014 (miliardi di dollari): Questa figura mostra il commercio di beni
mercantili tra paesi selezionati e regioni del mondo.
Tabella 1-1 Azioni del commercio mondiale, contabilizzate dalle regioni selezionate, 2014
Mappa del commercio mondiale
Commercio europeo e statunitense:
La più grande quantità di scambi mostrata nella Figura 1-2 è il flusso di merci all'interno dell'Europa, 4,5
trilioni di dollari, o il 23%, del commercio mondiale!
Il commercio tra paesi europei è elevato perché le tariffe di importazione (tasse sul commercio
internazionale) sono basse. Anche la geografia gioca un ruolo importante, poiché molti paesi europei sono
vicini l'uno all'altro.
Ci sono anche grandi flussi commerciali tra gli Stati Uniti e l'Europa. Gli Stati Uniti esportarono 355 miliardi
di dollari di merci in Europa e importarono 481 miliardi di dollari dall'Europa.
Ciò dimostra che una grande quantità di commercio mondiale si verifica tra paesi che sono simili nei loro
livelli di industrializzazione e grande ricchezza.
Il commercio nelle Americhe:
C'è anche una grande quantità di scambi registrati nelle Americhe, cioè tra il Nord America, l'America
Centrale, il Sud America e i Caraibi.
Il commercio nelle Americhe rappresenta circa un terzo del commercio in Europa e circa il 9% del
commercio mondiale.
La stragrande maggioranza di questo commercio si trova nella zona di libero scambio nordamericana,
composta da Canada, Stati Uniti e Messico.
Scambi/commercio con l'Asia:
Le esportazioni dall'Asia hanno totalizzato circa $ 6,8 miliardi nel 2014, ovvero circa un terzo (35%) del
commercio mondiale, come mostrato nella Tabella 1-1.
Ricorda che questo totale include solo lo scambio di merci e omette gli scambi di servizi, che sta diventando
sempre più importante.
L'India, ad esempio, offre una vasta gamma di servizi come contabilità, assistenza clienti, programmazione
informatica e attività di ricerca e sviluppo per le imprese negli Stati Uniti e in Europa.
Altre regioni:
Le esportazioni del Medio Oriente e della Russia combinate (insieme a paesi della Russia come l'Azerbaigian
e il Kazakistan) ammontano a $ 1,7 trilioni, o un altro 9% del commercio mondiale.
E poi c'è l'Africa. Le nazioni europee hanno i più stretti legami commerciali con l'Africa, riflettendo sia la
loro vicinanza che l'antico status coloniale di alcuni paesi africani.
L'Europa ha esportato $ 114 miliardi e importato $ 129 miliardi dall'Africa nel 2014.
Commercio rispetto al PIL (GDP)
Finora abbiamo discusso del valore del commercio che attraversa i confini internazionali.
- C'è un secondo modo in cui viene spesso riportato il commercio, come rapporto commerciale con il
prodotto interno lordo (PIL) di un paese, il valore di tutti i beni finali prodotti in un anno.
- Per gli Stati Uniti, il valore medio delle importazioni e delle esportazioni (per beni e servizi) espresso in
rapporto al PIL è stato del 15% nel 2014.
- La maggior parte degli altri paesi ha un rapporto commerciale più alto rispetto al PIL.
Tabella 1-2
Rapporto commerciale / PIL nel 2014: Questa tabella mostra il rapporto tra lo scambio totale e il PIL per
ciascun paese, in cui il commercio è calcolato come (Importazioni + Esportazioni) / 2, compresi beni e
servizi di merci. I paesi con i più alti rapporti commerciali con il PIL tendono ad essere piccoli in termini di
dimensioni economiche.
Ostacoli al commercio
Figura 1-3  Scambi di beni e servizi relativi al PIL
Questo diagramma mostra il commercio totale di merci e servizi per ciascun paese diviso per PIL. Tra il 1890
e il 1913 vi fu un considerevole aumento del rapporto tra commercio e PIL. Questa tendenza fu portata a
termine dalla prima guerra mondiale e dalla Grande Depressione. La maggior parte dei paesi industriali
mostrati non ha raggiunto il livello commerciale prevalente nel 1913 fino agli anni '70.
"Prima età d'oro" del commercio
Il periodo dal 1890 fino alla prima guerra mondiale (1914-1918) è a volte indicato come un "periodo d'oro"
del commercio internazionale.
Quegli anni videro drammatici miglioramenti nei trasporti, come la nave a vapore e la ferrovia, che
consentirono un notevole aumento della quantità di commercio internazionale.
Periodo interbellico
Firmato in legge nel giugno 1930, la legge sulle tariffe Smoot-Hawley ha aumentato le tariffe fino al 60% su
molte categorie di importazioni.
Queste tariffe sono state applicate dagli Stati Uniti per proteggere gli agricoltori e altre industrie, ma si
sono ritorte contro provocando altri paesi per vendicarsi.
Il Canada si vendicò applicando tariffe elevate proprie contro gli Stati Uniti.
La Francia ha utilizzato quote di importazione, una limitazione della quantità di merce importata
autorizzata in un paese, per limitare le importazioni dagli Stati Uniti.
Figura 1-4
Tariffa mondiale media, 1860-2013: Questo diagramma mostra la tariffa media mondiale per 35 paesi. La
tariffa media fluttuava intorno al 15% dal 1860 al 1913. Dopo la prima guerra mondiale, tuttavia, la tariffa
media aumentò notevolmente a causa della legge sulle tariffe Smoot-Hawley negli Stati Uniti e la reazione
di altri paesi, raggiungendo il 25% entro il 1933. Dal Alla fine della seconda guerra mondiale, le tariffe sono
diminuite.
"Seconda età d'oro" del commercio
Oltre alla fine della seconda guerra mondiale e alle riduzioni tariffarie previste dall'Accordo generale sulle
tariffe doganali e sul commercio, i maggiori costi di trasporto hanno contribuito alla crescita degli scambi.
Il container di spedizione, inventato nel 1956, permetteva di spostare le merci via nave, ferrovia e camion
in modo più economico di prima.
Il commercio mondiale è cresciuto costantemente dopo il 1950 in termini di dollari e in rapporto al PIL. Per
questo motivo, il periodo successivo al 1950 è chiamato la "seconda età dell'oro" del commercio e della
globalizzazione.
In primo piano
Un mare cambia in spedizione 50 anni fa
Cinquant'anni fa, Malcom McLean, un imprenditore della Carolina del Nord, caricò una nave con
cinquantotto container da 35 piedi e salpò da Newark, New Jersey, a Houston. McLean è stato il primo a
progettare un sistema di trasporto attorno al confezionamento del carico in enormi scatole di metallo che
potrebbero essere caricate e scaricate dalle gru. La sostituzione del materiale sfuso con i container ha
ridotto drasticamente i costi di spedizione, rinvigorendo i mercati e alimentando l'economia mondiale.
2) Migrazione e investimenti esteri diretti
Mappa della migrazione
Figura 1-5
Migranti nati all'estero, 2013 (milioni): Questa figura mostra il numero di migranti nati all'estero che vivono
in determinati paesi e regioni del mondo per il 2013 in milioni di persone.
Immigrazione europea
Nel 2013 più della metà (60%) delle persone nate all'estero vivevano nei paesi dell'OCSE, mentre solo circa
un quarto delle persone originate dell'OCSE vivevano in un altro paese
Prima del 2004, l'Unione europea (UE) era composta da 15 paesi nell'Europa occidentale e la mobilità del
lavoro era molto aperta.
Dopo che altri 10 paesi hanno aderito all'UE il 1 ° maggio 2004, una grande differenza nel reddito pro capite
e nelle retribuzioni in questi paesi ha creato un forte incentivo per la migrazione di manodopera.
I redditi pro capite di questi nuovi paesi erano solo di circa un quarto del reddito medio pro capite di quei
paesi che erano già membri dell'UE.
Mappa degli investimenti esteri diretti
Figura 1-6
Stock di investimenti diretti esteri 2013 ($ miliardi): Questa figura mostra lo stock di investimenti diretti
esteri (IDE) tra paesi selezionati e regioni del mondo per il 2013 in miliardi di dollari. Le scorte più grandi
hanno le linee più pesanti.
La maggior parte dei flussi mondiali di investimenti diretti esteri avvengono tra paesi industriali.
- Nel 2013 il valore totale degli stock di IDE situati nei paesi dell'OCSE o di proprietà di tali paesi era di $
20.700 miliardi (l'80% delle scorte mondiali di IDE).
- Lo stock di IDE in Africa ($ 687 miliardi) è poco più di un quarto dello stock in America Latina ($ 2,6
trilioni), che a sua volta rappresenta circa la metà degli investimenti esteri diretti in Cina e in altri paesi
asiatici ($ 5 trilioni di dollari).
- La maggior parte di questi IDE proviene da paesi industriali, ma le imprese cinesi hanno iniziato ad
acquistare terreni in Africa e in America Latina per l'agricoltura e l'estrazione di risorse
IDE orizzontale
La maggior parte degli investimenti esteri diretti avviene tra paesi industriali, quando un'impresa di un
paese industriale possiede una società in un altro paese industriale. Ci riferiamo a questi flussi tra paesi
industriali come investimenti diretti esteri (FDI) orizzontali.
IDE verticale
L'altra forma di investimento diretto estero si verifica quando un'impresa di un paese industriale possiede
un impianto in un paese in via di sviluppo, che noi chiamiamo investimenti diretti esteri verticali. I bassi
salari sono le ragioni principali per cui le imprese spostano la produzione all'estero verso i paesi in via di
sviluppo.
IDE europei e statunitensi
Le maggiori scorte di investimenti esteri diretti sono in Europa; questi titoli ammontavano a $ 9,5 miliardi
nel 2013, o più di un terzo del totale mondiale.
IDE nelle Americhe
Brasile e Messico sono due dei maggiori destinatari di investimenti esteri diretti tra i paesi in via di sviluppo,
dopo la Cina.
IDE con l'Asia
La Cina è diventata il più grande paese destinatario di investimenti diretti esteri in Asia e il quarto più
grande destinatario di investimenti diretti esteri nel mondo.
CONCLUSIONI:
La globalizzazione significa molte cose: il flusso di beni e servizi attraverso le frontiere, il movimento di
persone e imprese, la diffusione della cultura e delle idee tra i paesi e la stretta integrazione dei mercati
finanziari in tutto il mondo.
Sebbene possa sembrare che tale globalizzazione sia nuova, anche il commercio internazionale e
l'integrazione dei mercati finanziari sono stati molto forti nel periodo precedente la prima guerra mondiale.
Le migrazioni tra i paesi non sono libere come il commercio internazionale e tutti i paesi hanno restrizioni
sull'immigrazione.
Gli investimenti esteri diretti sono in gran parte illimitati nei paesi industriali, ma spesso subiscono alcune
restrizioni nei paesi in via di sviluppo.
PUNTI CHIAVE:
1- La bilancia commerciale di un paese è la differenza tra il valore delle sue esportazioni e il valore
delle sue importazioni ed è determinata dalle condizioni macroeconomiche nel paese.
2- Il tipo di merci scambiate tra paesi è cambiato rispetto al periodo precedente la prima guerra
mondiale, quando i beni standardizzati (materie prime e prodotti di base di lavorazione come
l'acciaio) erano predominanti. Oggi, la maggior parte degli scambi avviene in beni di consumo e
beni strumentali altamente trasformati, che potrebbero attraversare le frontiere più volte durante
il processo di produzione.
3- Una grande parte del commercio internazionale è tra i paesi industriali. Il commercio in Europa e
tra Europa e Stati Uniti rappresenta oltre un quarto del commercio mondiale.
4- Molti dei modelli commerciali che studiamo sottolineano le differenze tra paesi, ma è anche
possibile spiegare gli scambi tra paesi simili. Paesi simili scambieranno diverse varietà di merci tra
loro.
5- I paesi più grandi tendono ad avere quote di scambio più piccole rispetto al PIL perché gran parte
del loro commercio avviene internamente. Hong Kong (Cina) e Singapore hanno rapporti
commerciali con il PIL che superano il 100%, mentre il rapporto tra gli scambi commerciali e il PIL
degli Stati Uniti nel 2014 è stato del 15%.
6- La maggior parte delle migrazioni mondiali proviene da paesi in via di sviluppo e, quando possibile, i
migranti preferiscono entrare nei paesi più ricchi e industriali.
7- Il commercio internazionale di beni e servizi funge da sostituto della migrazione e consente ai
lavoratori di migliorare il loro tenore di vita attraverso il lavoro nelle industrie di esportazione,
anche quando non possono emigrare per guadagnare redditi più alti.
8- La maggior parte dei flussi mondiali di investimenti diretti esteri avvengono tra paesi industriali. Nel
2013 più di un terzo dei flussi mondiali di investimenti esteri diretti provenivano dall'Europa o
dall'Europa e dagli Stati Uniti e l'80% dei flussi mondiali di investimenti esteri diretti provenivano da
paesi dell'OCSE.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard