caricato da zanfardino2

presentazione ing porelli

annuncio pubblicitario
Ing. Carlo Porelli
Comune di Bologna – Sala Farnese
15.10.2016
Mi riallaccio agli interventi precedenti per riprendere alcune
considerazioni che hanno accompagnato, in questi 12 anni e
in 2 simposi presso l’Università di Bologna, l’allargamento
in sede della tangenziale proposta dal comitato «Contro il
Passante Nord». Il problema della cantierizzazione e
dell’impatto sulla città fu ampliamente dibattuto
A questo proposito si ritiene fondamentale far precedere
qualsiasi lavoro sulla tangenziale da una serie di opere
minori sul territorio necessarie per la captazione di una
parte considerevole di traffico che altrimenti continuerebbe
ad essere richiamato su una tangenziale depotenziata.
Fra queste, fondamentali sarebbero il ponte sul Reno a
Trebbo e il tratto mancante di 5 Km della Trasversale di
Pianura fra Budrio e Medicina. Si completerebbe il
collegamento della Trasversale di Pianura con
l’Autostrada a Castel San Pietro realizzando così un
percorso alternativo alla Tangenziale.
Per realizzare l’allargamento in sede si può
operare con diverse modalità .
Metodi di lavoro possibili
Metodi usati anche nella soluzione prevista di allargamento
Per la realizzazione dei tunnel si proporrebbe la tecnologia
dei pali ad elica continua. Tale tecnica unisce i pregi dei
pali trivellati e dei pali infissi in quanto elimina
vibrazioni, riduce le emissioni acustiche, evita la
decompressione del terreno e l’utilizzo di “camicie” o di
fanghi polimerici o bentonitici.
Con le seguenti fasi di cantierizzazione:
Un maggior costo della realizzazione dei tunnel è fortemente
contenuto se si considerano, in altre soluzioni, gli espropri, il
consumo di territorio derivante dall’allargamento delle scarpate,
le cave e i movimenti di terreno, le fondazioni necessarie a
sostenere barriere foniche alte anche 12 m.
Le strutture dei tunnel sarebbero utilizzabili per sostenere le
barriere foniche e coperture polifunzionali, anche di «ricucitura»
del territorio, specie in corrispondenza di punti particolarmente
critici lungo il tracciato
In una visione di Bologna Città Metropolitana si ritiene che la
creazione dei due tunnel laterali sia un valore aggiunto
fondamentale se utilizzati con un sistema di trasporto
pubblico su sede protetta integrabile con i sistemi su gomma
e ferro oggi attivi o previsti.
Il contesto in cui oggi si opera è un corridoio autostradaletangenziale che lambisce a Nord la prima periferia di
Bologna e che si snoda da Casalecchio a San Lazzaro
intersecando sul suo tracciato :
- tutte le radiali della viabilità ordinaria
- le principali stazioni del Servizio Ferroviario Metropolitano
da Casalecchio a San Lazzaro
- l’Aeroporto Marconi in continua espansione
- i circa 90 mila metri quadri del Polo Universitario CNRNavile’
4. Opere in linea
-
il Polo Tecnologico coi suoi 140 mila metri quadri dell’EX
Manifattura Tabacchi
Il Parco Nord
Il Quartiere Fieristico con i progetti di innovazione
internazionale
Le Torri del Fiera District e gli Uffici Regionali
Il parco di 80 mila metri quadrati di F.I.C.O. con i milioni di
visitatori previsti
Le aree di riqualificazione urbana in zona Massarenti
Il contesto è tale da far pensare ad una occasione
irripetibile per trasformare questo corridoio in un sistema
di raccordo fra le eccellenze presenti trasformandolo da
barriera in un Corridoio Multimodale.
L’allargamento in sede non può essere concepito come
fatto puramente tecnico-trasportistico, ma occorre mettere
in atto strumenti urbanistici che evitino ora soluzioni facili
ma prive di rilevanza per lo sviluppo urbano futuro.
Una cantierizzazione di per sè comunque invasiva, come
qualsiasi altro intervento, merita per la città un obiettivo
a più lungo respiro.
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

creare flashcard