Cartella Clinica - Società Italiana di Oftalmologia Legale

annuncio pubblicitario
Cartella clinica:Anomalie nella compilazione e possibili conseguenze
La cartella clinica redatta da un sanitario pubblico ufficiale (art.357 CP), dipendente pubblico o
incaricato di pubblico servizio, è un atto pubblico (art. 2699 CC; Cass.Pen.SU n.7958/1992) che fa
piena prova dei suoi contenuti (art.2700 CC), fino a querela di falso (art.221 CPC) e va conservata a
tempo illimitato, unitamente ai relativi referti (Circolare Ministero Sanità, Direzione Generale
Ospedali Div.II, n.61/1986 n.900.2/AG.464/260), sotto controllo della direzione sanitaria.
Il medico di medicina generale ha l’obbligo contrattuale della tenuta e aggiornamento di una scheda
sanitaria dei suoi assistiti in carico su supporto informatico, ai sensi del comma 2, lettera b)
dell’art. 45 dell’ACN 2009. Tale scheda è definita ad uso del medico e ad utilità dell’assistito e del
SSN che quindi hanno diritto di accedervi.
Il codice di deontologia medica 2014 all’art.26 afferma : “Il medico redige la cartella clinica, quale
documento essenziale dell'evento ricovero, con completezza, chiarezza e diligenza e ne tutela la
riservatezza; le eventuali correzioni vanno motivate e sottoscritte.
Il medico riporta nella cartella clinica i dati anamnestici e quelli obiettivi relativi alla condizione
clinica e alle attività diagnostico-terapeutiche a tal fine praticate; registra il decorso clinico
assistenziale nel suo contestuale manifestarsi o nell'eventuale pianificazione anticipata delle cure
nel caso di paziente con malattia progressiva, garantendo la tracciabilità della sua redazione.
Il medico registra nella cartella clinica i modi e i tempi dell'informazione e i termini del consenso o
dissenso della persona assistita o del suo rappresentante legale anche relativamente al trattamento
dei dati sensibili, in particolare in casi di arruolamento in protocolli di ricerca.”
Le annotazioni in scheda sanitaria e in cartelle cliniche comportano una responsabilità professione
da parte degli autori che devono essere ben consapevoli del significato dei contenuti scritti e delle
loro conseguenze.
Ciò è particolarmente importante in un contesto di lavoro multidisciplinare dove la ricostruzione dei
fatti e del percorso di cura, in caso di danno agli assistiti, avviene sulla base delle annotazioni scritte
agli atti, comparando i compiti dovuti da ogni sanitario con il rilievo documentato del loro effettivo
adempimento nei modi e tempi utili (Cass.Pen.sez.IV n. 9739/2005). Questa documentazione perciò
deve essere in grado di dimostrare, attraverso la sequenza logica e coerente di annotazioni
successive, la correttezza della condotta dei sanitari in modo chiaro ed esauriente.
Il sanitario ha il dovere di redigere e controllare la completezza e l’esattezza del contenuto della
cartella clinica, la cui violazione colposa configura un difetto di diligenza (comma 2 dell’art. 1176
C.C.) e l’inesatto adempimento della prestazione dovuta (Cass.Civ.sez.3° n. 12273/2004).
La mancata o insufficiente compilazione della cartella clinica costituisce fondamento della colpa
per negligenza e responsabilità del danno quando la condotta del sanitario sia stata astrattamente
idonea a causarlo (Cass.Civ.sez.3° n.10060/2010 e n.11316/2003) ed è inoltre considerata reato di
omissione d’atti d’ufficio (Cass.Pen.sez.VI n.6075/2015).
Riguardo al suo valore probatorio, le attestazioni contenute in una cartella clinica hanno la natura
giuridica di certificazioni amministrative per quanto attiene alle attività espletate di accertamento e
cura, mentre invece i giudizi clinici soggettivi non hanno valore probatorio superiore rispetto ad
altri elementi di prova (Cass.Civ. n.7201/2003).
Sotto il profilo penale, la cartella clinica adempie la funzione di descrivere il decorso della
malattia, tutti gli atti di assistenza, gli atti diagnostici e terapeutici e tutti gli altri fatti clinici
rilevanti comprese le informazioni fornite dal paziente all’anamnesi. La cartella clinica acquista
valore una volta compilata in relazione ad ogni singola annotazione, con la conseguenza che ogni
successiva alterazione del suo contenuto può configurare il reato di falso ideologico o di falso
materiale (Cass.Pen.sez.V n..42917/2011; n.37314/2013)
L’annotazione degli eventi clinici va fatta contestualmente al loro verificarsi o al loro rilievo per
cui la cartella clinica acquista il carattere di definitività in relazione ad ogni singola annotazione ed
esce dalla disponibilità del suo autore (art. 830 CC) nel momento in cui l’annotazione viene
registrata, con la conseguenza che le modifiche e le aggiunte configuranti un’alterazione possono
integrare un falso punibile anche se il soggetto abbia agito per ristabilire la verità dei fatti, perchè
esse violano le certezze accordate agli atti pubblici dall’art. 2699 CC (Cass.Pen.sez.V n.646/1987).
Le correzioni eventuali possono essere apportate lasciando immodificate e leggibili le precedenti
annotazioni errate per non alterare il documento pubblico. Non appare dunque corretto che le
annotazioni in cartella clinica medica e infermieristica vengano effettuate solo a fine turno in modo
riassuntivo quando si deve documentare la sequenza cronologica degli atti di cura e di
monitoraggio.
Va rilevato che mediante perizia informatica è possibile documentare anche eventuali correzioni
indebite da cartelle cliniche digitali.
Gli illeciti penali principali rilevabili nella gestione delle cartelle cliniche sono:
falso materiale (artt. 476 e 477 CP)
falso ideologico (artt. 479 e 480 CP)
truffa (art. 640 CP)
violazione di segreto professionale (art. 326 CP) e trattamento illecito di dati sanitari (D.Lgs
196/2003)
Falso materiale Il sanitario con funzioni pubbliche risponde di falso materiale se nella redazione
della cartella clinica commette alterazioni o contraffazioni mediante cancellature, abrasioni,
aggiunte successive o mediante queste fa apparire adempiute le condizioni richieste per la sua
validità.
Falso ideologico Il sanitario risponde di falso ideologico se riporta in cartella clinica annotazioni di
fatti coscientemente non corrispondenti al vero e diversi da quelli rilevati. Presupposto essenziale di
questi reati è il dolo (l'intenzionalità), per cui se invece il contenuto non corrispondente al vero
dell’annotazione deriva da errore commesso in buona fede (per esempio: giudizio interpretativo
errato di fatti riportati con corrispondenza al vero) non sussiste il reato. .
Truffa I contenuti di una cartella clinica e di certificati medici riferiti ad essa possono determinare
la costituzione di diritti in capo al richiedente che potrebbero comportare oneri risarcitori gravanti
su terzi, quali lo Stato, enti previdenziali, compagnie assicurative, privati. Sono quindi per loro
natura soggetti a verifica. Di conseguenza false attestazioni possono costituire anche il reato di
truffa punito dall'art. 640 CP.
Violazione del segreto professionale La cartella clinica e le schede sanitarie devono essere
custodite ai sensi del D.Lgs n. 196\2003 sulla tutela dei dati sanitari. Può essere rilasciata dal
Direttore Sanitario all’assistito in persona, a suoi rappresentanti legali o richiesto per obblighi di
legge, dall’Autorità Giudiziaria o Sanitaria e dall’INAIL per l’applicazione delle norme sugli
infortuni sul lavoro e sulle malattie professionali ai sensi del DPR n. 1124/1965 e D.Lgs n.81/2008
(Cass.Pen.sez.V n.646/1987).
La violazione del segreto professionale, senza giusta causa, è punita dall’art. 326 CP se commessa
da un medico con funzioni di incaricato di pubblico servizio o pubblico ufficiale e dall’art. 622 CP
se commessa da un medico nel corso dell’attività privata.
Denuncia In caso di ipotesi di reato perseguibile d’ufficio, avuta la notizia nell’esercizio delle sue
funzioni, il medico è tenuto ad informare l’Autorità Giudiziaria senza ritardo ai sensi dell’art. 331
CPP. Questa denuncia deve contenere l'esposizione degli elementi essenziali del fatto, deve indicare
il giorno, l’ora, il luogo e le circostanze del fatto o dell'acquisizione della notizia, le eventuali fonti
di prova note, se possibile gli elementi identificativi la persona a cui il fatto viene attribuito, la
persona offesa, il danno rilevato e gli eventuali testimoni del fatto (art. 332 CPP).
L'omissione di denuncia è un illecito, salvo i casi di omissione per giusta causa di cui all'art. 384
CP.
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard