Attività ISC su Autoritratto Leonardo

annuncio pubblicitario
Sommario Rassegna Stampa
Pagina Testata
Rubrica
Rubrica
Data
Titolo
Pag.
Agenziarepubblica.it
16/06/2014
COSI' LAUTORITRATTO DI LEONARDO DIVENTA UN GIALLO
2
Ilmattino.it
16/06/2014
L'AUTORITRATTO DI LEONARDO DIVENTA SEMPRE PIU' GIALLO: SI E' 3
OSSIDATO
Ilmessaggero.it
16/06/2014
L'AUTORITRATTO DI LEONARDO DIVENTA SEMPRE PIU' GIALLO: SI E' 5
OSSIDATO
PrimaPaginaNews.it
16/06/2014
CNR: COSI' L'AUTORITRATTO DI LEONARDO DIVENTA UN REBUS
7
REPUBBLICA.IT
16/06/2014
LEONARDO, L'AUTORITRATTO STA SVANENDO: COSI' POSSIAMO
SALVARLO DAL TEMPO
9
Torino.Repubblica.it
16/06/2014
LEONARDO, L'AUTORITRATTO STA SVANENDO: COSI' POSSIAMO
SALVARLO DAL TEMPO
11
Cnr - siti web
Cnr
39
Corriere della Sera
17/06/2014
L'"AUTORITRATTO" DI LEONARDO A RISCHIO PER L'OSSIDAZIONE
(A.Torno)
13
24
il Gazzettino
17/06/2014
LEONARDO, L'AUTORITRATTO E' GIALLO
14
Data
AGENZIAREPUBBLICA.IT(WEB)
16-06-2014
Pagina
Foglio
1
::
Home | Chi siamo | Redazione | Come abbonarsi | Sala Stampa | Contatti | Archivio News |
Effettua Login
Tutte le notizie
Cerca la news
Agir > News > Cultura > Così l’Autoritratto di Leonardo diventa un ‘giallo’
AGIR
16/06/2014 - 11:43
Così l’Autoritratto di Leonardo diventa un ‘giallo’
Una nuova metodologia non invasiva per lo studio dei beni culturali, sviluppata dall’Istituto dei
sistemi complessi del Cnr con le Università di Tor Vergata e Cracovia, rileva in modo oggettivo
l’ossidazione del disegno.
L’Autoritratto di Leonardo da Vinci - conservato presso la Biblioteca Reale di Torino - è un celeberrimo disegno su carta databile
intorno al 1516. Un’indagine sugli spettri ottici dell’opera, eseguita con una metodologia sperimentale sviluppata dall’Istituto dei
sistemi complessi del Consiglio nazionale delle ricerche (Isc-Cnr), in collaborazione...
NON HAI I PERMESSI DI LEGGERE TUTTA LA NEWS!
Devi prima effettuare il login.
Per visualizzare il contenuto selezionato hai bisogno di essere un utente Abbonato.
Visita l'area "Come Abbonarsi" per entrare a far parte del mondo Agir e rimanere sempre in contatto con le nostre news.
Codice abbonamento:
058509
+18
+22°
+6°
Roma
Giovedì, 17
Venerdì +19°+10°
Sabato +24°+14°
Domenica +24°+16°
Lunedì +22°+12°
Martedì +20°+13°
Mercoledì +21°+14°
Previsioni a 7 giorni
Cnr - siti web
Pag. 2
16-06-2014
Data
Pagina
1/2
Foglio
Lunedì 16 Giugno - agg.18:35
seguici su
Mangia e bevi Napoli smart
HOME
Cronaca
Salute
PRIMO PIANO
Politica
Quirinale 2013
Motori
Viaggi
ECONOMIA
Esteri
Oroscopo
CULTURA
Sanità Meteo
Casa
Tuttomercato
TrovaFilm
SOCIETÀ
SPORT
SPETTACOLI
Scuola e Università Dillo al Mattino L'autoritratto di Leonardo diventa
sempre più giallo: si è ossidato
Blog
Sondaggio
TECNOLOGIA
FOTO
Lettere
WEB TV
...nel sito
Vaticano Televisione
SEGUI
IL MATTINO
NAPOLI AVELLINO BENEVENTO CASERTA SALERNO
Omicidio al Rione Traiano: fermato
un giovane di 21 anni
PER APPROFONDIRE: Leonardo, autoritratto, torino, ossidato, umidità
CONDIVIDI L'ARTICOLO
GUARDA TUTTE LE NEWS DI NAPOLI
DIVENTA FAN DEL MATTINO
Il Mattino
Mi piace 369.682
Per ovviare alle disomogeneità del sottile strato di
Segui @mattinodinapoli
foglio dell'Autoritratto, circa 220 micron, ossia 0.22
millimetri, con vuoti dovuti alla presenza di aria spiega Mauro Missori dell'Isc-Cnr - i dati
sperimentali, ottenuti mediante una tecnica
spettroscopica basata su radiazioni non invasive di
bassa intensità, sono stati analizzati sviluppando una
specifica estensione del modello di trasferimento
radiativo detto di Kubelka-Munk». La carta, un tempo
fabbricata mediante estrazione della cellulosa da
stracci sottoposti a idratazione e pressatura, degrada
per alcune reazioni indotte in particolare dal vapor
acqueo: l'idrolisi acida o alcalina indebolisce la
struttura e l'interazione fra ossigeno atmosferico e
cellulosa attiva l'ossidazione, che causa danni ottici.
«L'ossidazione crea alcuni gruppi detti cromofori che
assorbono la luce principalmente nelle regioni del
blu-violetto dello spettro visibile e nell'ultravioletto,
dando alla carta il caratteristico colore giallognolo»,
prosegue il ricercatore. «Per dare una definizione
misurabile e oggettiva dell'ingiallimento si ricorre a
una tecnica spettroscopica non invasiva in cui le
radiazioni riflesse dal campione su alcuni punti critici
sul recto e sul verso sono raccolte da una sfera
Cnr - siti web
Controstorie
di Gigi Di Fiore
Il pentimento di 'o ninno e la fine
del clan mafioso dei Casalesi
[CONDIVIDI] [COMMENTA]
Mangia & Bevi
di Luciano Pignataro
Tema: non basta l'autoctono per
fare un vino di territorio
[CONDIVIDI] [COMMENTA]
Herzog
di Marco Ciriello
La Repubblica inCorona-ta
[CONDIVIDI] [COMMENTA]
l'Arcinapoletano
di P. Treccagnoli
Meglio una Spinelli o una
canna?
[CONDIVIDI] [COMMENTA]
058509
Azzurrosport
di F. De Luca
Cedere Higuain? Bisogna
acquistarne altri
[CONDIVIDI] [COMMENTA]
PianetaSud
di Francesco Grillo
Investimenti, corruzione e .. non
è sempre colpa dell'Europa
Pag. 3
Codice abbonamento:
Diventa sempre più giallo, perchè ossidato,
l'Autoritratto di Leonardo da Vinci, conservato presso
la Biblioteca Reale di Torino, celeberrimo disegno su
carta databile intorno al 1516. Un'indagine sugli
spettri ottici dell'opera, eseguita con una
metodologia sperimentale sviluppata dall'Istituto dei
sistemi complessi del Consiglio nazionale delle
ricerche (Isc-Cnr), in collaborazione con le Università
di Roma Tor Vergata e di Cracovia, ha rilevato in
modo oggettivo l'ossidazione del disegno, dovuta
all'ambiente umido e chiuso in cui è stato
conservato. I risultati sono pubblicati su «Applied
Physics Letters».
Napoli, a via Marina il semaforo
crolla e blocca la circolazione dei
tram
16-06-2014
Data
Pagina
2/2
Foglio
integratrice e misurate da un rivelatore multicanale». I dati ottenuti dalla misura, eseguita
dall'Isc-Cnr presso l'Istituto centrale per il restauro e
la conservazione del patrimonio archivistico e librario
di Roma, «sono stati confrontati con quelli teorici
ottenuti da una simulazione al calcolatore dal gruppo
dell'Università di Tor Vergata, identificando e
quantificando i cromofori responsabili
dell'ingiallimento dell'Autoritratto», conclude
Missori. «Il confronto di questi dati con quelli
ottenuti analizzando campioni di carta della stessa
epoca e campioni di carta moderna invecchiati
artificialmente in condizioni ambientali controllate ha
messo in luce una forte somiglianza del tipo di
cromofori presenti nell'Autoritratto con quelli trovati
in campioni conservati in ambienti chiusi e ad elevata
umidità. La metodologia, se applicata nel futuro
all'Autoritratto, consentirà di valutare la velocità di
degradazione visiva che è una informazione
fondamentale per la programmazione degli interventi
di restauro e conservazione».
[CONDIVIDI] [COMMENTA]
Appassionarte
di Titta Fiore
Suor Cristina, un fenomeno dopo
il talent
[CONDIVIDI] [COMMENTA]
Il Mattino
Mi piace
Il Mattino piace a 369.682 persone.
Plug-in sociale di Facebook
Inoltre lo stesso approccio diagnostico sarà applicato
ad altri disegni di Leonardo da Vinci e ad altri beni
culturali per garantire una corretta conservazione e
come supporto diagnostico per gli eventuali restauri.
Tweets by @mattinodinapoli
Nord
Clicca qui e segui Il Mattino su Facebook!
Il Mattino
Napoli
Centro
Sud
Isole
Avellino Benevento Caserta Salerno
Lun 16
Mi piace
Mar 17
Mer 18
Il Mattino piace a 369.682 persone.
Tutte le previsioni
by ILMeteo.it
Plug-in sociale di Facebook
Il cielo oggi vi dice che...
Barbanera legge e racconta le parole
delle stelle, segno per segno...
lunedì 16 giugno 2014 - 17:28 Ultimo agg.: 17:29
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
INIZIATIVE EDITORIALI
Scopri le grandi iniziative editoriali de Il
Mattino
GIORNALE CARTACEO
Abbonamenti e arretrati
0 commenti
COMMENTI PRESENTI (0)
Visualizza tutti i commenti
Scrivi un commento
Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora
USERNAME
PASSWORD
Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui
MUTUI PRESTITI E ASSICURAZIONI
www.settorefinanza.com
Richiedi dei preventivi per il miglior
mutuo acquisto casa o per dei
mutui consolidamento debiti. INVIA
ANNUNCI DI LAVORO E CONCORSI
Consulta le offerte di lavoro
APPALTI
Il sito degli appalti
Ricerca per comune, regione o
tipologia
Cnr - siti web
Codice abbonamento:
058509
LEGALMENTE.NET
Il sito di Piemme per la pubblicità
legale certificato dal Ministero di
Giustizia ai sensi del D.M.
31/10/2006 Autorizzazione
Ministeriale con provvedimento del
10.5.2012
Pag. 4
16-06-2014
Data
Pagina
1/2
Foglio
PRIMO PIANO
ECONOMIA
SPETTACOLI e CULTURA
CINEMA
SOCIETÀ
SPORT
TECNOLOGIA
ROMA
MOTORI
MODA
SALUTE
CASA
VIAGGI
WEB TV
seguici su
MOSTRE
SCUOLA
DI
inserisci testo...
RECITAZIONE
Accademia d'Arte Drammatica, Roma - Aperte le selezioni 2014-2015
HOME
CINEMA
ROMA
MACRO
TELEVISIONE
MUSICA
TEATRO
SPETTACOLI e CULTURA - MOSTRE - L'autoritratto di Leonardo diventa sempre pi&u...
EVENTI
MOSTRE
LIBRI
seguici su
L'autoritratto di Leonardo diventa sempre più giallo: si è
ossidato
+ PER APPROFONDIRE Leonardo; autoritratto; torino; ossidato; umidità
1
Mi piace
1
Condividi
0
Tweet
1
Cnr - siti web
Per ovviare alle disomogeneità del sottile strato di foglio dell'Autoritratto, circa 220 micron, ossia 0.22
millimetri, con vuoti dovuti alla presenza di aria - spiega Mauro Missori dell'Isc-Cnr - i dati sperimentali, ottenuti
mediante una tecnica spettroscopica basata su radiazioni non invasive di bassa intensità, sono stati analizzati
sviluppando una specifica estensione del modello di trasferimento radiativo detto di Kubelka-Munk». La carta,
un tempo fabbricata mediante estrazione della cellulosa da stracci sottoposti a idratazione e pressatura,
degrada per alcune reazioni indotte in particolare dal vapor acqueo: l'idrolisi acida o alcalina indebolisce la
struttura e l'interazione fra ossigeno atmosferico e cellulosa attiva l'ossidazione, che causa danni ottici.
«L'ossidazione crea alcuni gruppi detti cromofori che assorbono la luce principalmente nelle regioni del bluvioletto dello spettro visibile e nell'ultravioletto, dando alla carta il caratteristico colore giallognolo», prosegue
il ricercatore. «Per dare una definizione misurabile e oggettiva dell'ingiallimento si ricorre a una tecnica
spettroscopica non invasiva in cui le radiazioni riflesse dal campione su alcuni punti critici sul recto e sul verso
sono raccolte da una sfera integratrice e misurate da un rivelatore multi-canale». I dati ottenuti dalla misura,
eseguita dall'Isc-Cnr presso l'Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e
librario di Roma, «sono stati confrontati con quelli teorici ottenuti da una simulazione al calcolatore dal gruppo
dell'Università di Tor Vergata, identificando e quantificando i cromofori responsabili dell'ingiallimento
dell'Autoritratto», conclude Missori. «Il confronto di questi dati con quelli ottenuti analizzando campioni di
carta della stessa epoca e campioni di carta moderna invecchiati artificialmente in condizioni ambientali
controllate ha messo in luce una forte somiglianza del tipo di cromofori presenti nell'Autoritratto con quelli
trovati in campioni conservati in ambienti chiusi e ad elevata umidità. La metodologia, se applicata nel futuro
all'Autoritratto, consentirà di valutare la velocità di degradazione visiva che è una informazione fondamentale
per la programmazione degli interventi di restauro e conservazione».
Pag. 5
058509
0
Diventa sempre più giallo, perchè ossidato, l'Autoritratto di Leonardo da Vinci, conservato presso la Biblioteca
Reale di Torino, celeberrimo disegno su carta databile intorno al 1516. Un'indagine sugli spettri ottici
dell'opera, eseguita con una metodologia sperimentale sviluppata dall'Istituto dei sistemi complessi del
Consiglio nazionale delle ricerche (Isc-Cnr), in collaborazione con le Università di Roma Tor Vergata e di
Cracovia, ha rilevato in modo oggettivo l'ossidazione del disegno, dovuta all'ambiente umido e chiuso in cui è
stato conservato. I risultati sono pubblicati su «Applied Physics Letters».
Codice abbonamento:
MOSTRE
Data
16-06-2014
Pagina
Foglio
2/2
Inoltre lo stesso approccio diagnostico sarà applicato ad altri disegni di Leonardo da Vinci e ad altri beni
culturali per garantire una corretta conservazione e come supporto diagnostico per gli eventuali restauri.
Lunedì 16 Giugno 2014, 16:49:00
Ultimo aggiornamento: 16:50
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
Addio a Mario Missiroli, grande regista teatrale e
direttore del Teatro Stabile di Torino
Berto, Bianciardi, Chiara,Brancati:
a Torino gli scrittori dimenticati
Robbie Williams conquista Torino, nell'unica
tappa italiana del suo tour
Scuola di Recitazione
cassiopeateatro.org
Accademia d'Arte Drammatica, Roma - Aperte le
selezioni 2014-2015
PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO
Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora al Messaggero.
HAI UN ACCOUNT SU UN SOCIAL NETWORK?
Accedi con quello che preferisci
Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui
0 commenti presenti
Codice abbonamento:
058509
+TUTTE LE VIDEOGALLERY DI SPETTACOLI e CULTURA
Cnr - siti web
Pag. 6
Data
PRIMAPAGINANEWS.IT (WEB)
Foglio
Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
REDAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI NOTE LEGALI
HOME CRONACA
POLITICA
ECONOMIA
Mi piace
lun, 16 giu 2014 MOTORI
16-06-2014
Pagina
ESTERI
LAZIO
AMBIENTE
1/2
753
15:13
SALUTE
Entra
SPORT
CULTURA
TURISMO
ICT
> TUTTE LE NEWS
15:08 - Spo Pirlo: I Mondiali? Non ci si abitua mai a vincerli...
15:03 - Pol Secolo d'Italia, Fdi-An: Bocchino direttore marketing e editoriale
14:59 - Spo Mondiali, ironia Max Giusti: Siamo nelle mani di Fanny...
14:53 - Pol Toti (Fi): Italiani non preoccupati da nr senatori, ma da loro conto in banca...
SPORT
POLITICA
SPORT
POLITICA
Articolo
14:50 - Spo Schumi, Alonso: Felice che si stia andando nella direzione giusta
14:47 - Lz A luglio a Roma torna la Corsa de noantri
14:43 - Cro Beauty report a Roma promosso da Cosmetica Italia
ricerca
SPORT
LAZIO
CRONACA
Schumi, Alonso: Felice che si stia andando nella
direzione giusta
Mondiale, Tardelli: Balotelli può fare di più
14:39 - Spetcul Al via Teatro in cantina 2 0 1 4, quarta edizione
14:36 - Pol Gelmini (Fi): Raffica di tasse per gonfiare il carrozzone
CULTURA
POLITICA
Schumi, ex manager: Uscito dal coma, inizia
riabilitazione
14:31 - Eco Confassociazioni: Elevare statuto diritti contribuente a legge di rango
costituzionale
14:30 - Spetcul Nuova stagione del Teatro Stabile di Catania, nonostante la crisi
14:26 - Tur Nordic Walking e tour in bici fra le vigne del Franciacorta
14:24 - Cro Palermo, operazione Horus: altri 6 arresti per spaccio stupefacenti
14:23 - Lz Maltempo Roma, tram 3 limitato al Parco del Celio
14:20 - Spetcul Libri. Prima Guerra Mondiale, cronache prima reporter donna Louise Mack
14:18 - Sal Ogm, Sel: esposto a Magistratura su coltivazioni mais transgenico
14:16 - Sal Acqua. Tempo di esami, bere per non dimenticare
14:13 - Sal Allerta alimentare: gallette alla micotossina. Codici: aspettiamo risposte Ministero
14:11 - Lz Termini: un arresto e 16 denunce
14:10 - Spetcul Dal 21 al 23 giugno manifestazione I vignaioli di san Giovanni
ECONOMIA
CULTURA
Toti (Fi): Italiani non preoccupati da nr senatori, ma
da loro conto in banca...
TURISMO
Gelmini (Fi): Raffica di tasse per gonfiare il
carrozzone
CRONACA
Grillo su l. elettorale, L. Sofri: Solo un bluff già visto
LAZIO
CULTURA
Rieti. Furti in appartamento, quattro donne
arrestate dalla Squadra Mobile
SALUTE
Rieti. Estesa allerta meteo per le prossime 26 ore
SALUTE
Rieti. Pia Unione di S. Antonio: "Concerti del 13
Giugno non organizzati da noi"
SALUTE
LAZIO
CULTURA
058509
ARTICOLO PPN
Spetcul - Cnr: Così l'autoritratto di
Codice abbonamento:
Leonardo diventa un rebus
Roma - 1 6 g i u ( P r i m a P a g i n a N e w s ) L’Autoritratto di
Leonardo da Vinci - conservato presso la Biblioteca Reale di
Torino - è un celeberrimo disegno su carta databile intorno al
1516. Un’indagine sugli spettri ottici dell’opera, eseguita con
una metodologia sperimentale sviluppata dall’Istituto dei
Cnr - siti web
Pag. 7
PRIMAPAGINANEWS.IT (WEB)
Data
16-06-2014
Pagina
Foglio
2/2
sistemi complessi del Consiglio nazionale delle ricerche (Isc-Cnr), in collaborazione con le Università di
Roma Tor Vergata e di Cracovia, ha rilevato in modo oggettivo l’ossidazione del disegno, dovuta
all’ambiente umido e chiuso in cui è stato conservato. I risultati sono pubblicati su 'Applied Physics
Letters'. “Per ovviare alle disomogeneità del sottile strato di foglio dell’Autoritratto, circa 220 micron,
ossia 0.22 millimetri, con vuoti dovuti alla presenza di aria”, spiega Mauro Missori dell’Isc-Cnr, “i dati
sperimentali, ottenuti mediante una tecnica spettroscopica basata su radiazioni non invasive di bassa
intensità, sono stati analizzati sviluppando una specifica estensione del modello di trasferimento
radiativo detto di Kubelka-Munk”. La carta, un tempo fabbricata mediante estrazione della cellulosa da
stracci sottoposti a idratazione e pressatura, degrada per alcune reazioni indotte in particolare dal
vapor acqueo: l’idrolisi acida o alcalina indebolisce la struttura e l’interazione fra ossigeno atmosferico e
cellulosa attiva l’ossidazione, che causa danni ottici. “L’ossidazione crea alcuni gruppi detti cromofori
che assorbono la luce principalmente nelle regioni del blu-violetto dello spettro visibile e
nell’ultravioletto, dando alla carta il caratteristico colore giallognolo”, prosegue il ricercatore. “Per dare
una definizione misurabile e oggettiva dell’ingiallimento si ricorre a una tecnica spettroscopica non
invasiva in cui le radiazioni riflesse dal campione su alcuni punti critici sul recto e sul verso sono raccolte
da una sfera integratrice e misurate da un rivelatore multi-canale”. I dati ottenuti dalla misura,
eseguita dall’Isc-Cnr presso l’Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio
archivistico e librario di Roma, “sono stati confrontati con quelli teorici ottenuti da una simulazione al
calcolatore dal gruppo dell’Università di Tor Vergata, identificando e quantificando i cromofori
responsabili dell’ingiallimento dell’Autoritratto”, conclude Missori. “Il confronto di questi dati con quelli
ottenuti analizzando campioni di carta della stessa epoca e campioni di carta moderna invecchiati
artificialmente in condizioni ambientali controllate ha messo in luce una forte somiglianza del tipo di
cromofori presenti nell’Autoritratto con quelli trovati in campioni conservati in ambienti chiusi e ad
elevata umidità. La metodologia, se applicata nel futuro all’Autoritratto, consentirà di valutare la
velocità di degradazione visiva che è una informazione fondamentale per la programmazione degli
interventi di restauro e conservazione”. Inoltre lo stesso approccio diagnostico sarà applicato ad altri
disegni di Leonardo da Vinci e ad altri beni culturali per garantire una corretta conservazione e come
supporto diagnostico per gli eventuali restauri.
(PPN) 16 giu 2014 13:52
Twitter
Politica Secolo d'Italia, Fdi-An: Bocchino direttore marketing e editoriale
Sport Mondiali, ironia Max Giusti: Siamo nelle mani di Fanny...
Lazio A luglio a Roma torna la Corsa de noantri
Cronaca Beauty report a Roma promosso da Cosmetica Italia
Cultura Al via Teatro in cantina 2 0 1 4, quarta edizione
Economia Confassociazioni: Elevare statuto diritti contribuente a legge di rango
costituzionale
| Cronaca | Politica | Economia | Motori | Esteri | Lazio | Ambiente | Salute | Sport | Cultura | Turismo | I C T |
Verbalia Comunicazione S.r.l. Società Editrice di PRIMA PAGINA NEWS Registrazione Tribunale di Roma 06/2006 - P.I. 09476541009
Iscrizione Registro degli Operatori di Comunicazione n. 21446
Sede legale : Via Costantino Morin, 45 00195 Roma Redazione Tel. 06-45200399 r.a. - Fax 06-23310577 E-mail: [email protected]
Codice abbonamento:
058509
REDAZIONE ABBONAMENTI CONTATTI NOTE LEGALI RSS
Cnr - siti web
Pag. 8
Data
16-06-2014
Pagina
Foglio
NETWORK
1/2
LAVORO ANNUNCI ASTE
Scienze
Home
Politica
Economia
Sport
Spettacoli
Tecnologia
Motori
Tutte le sezioni
Leonardo, l’autoritratto sta
svanendo: così possiamo
salvarlo dal tempo
Un destino che accomuna migliaia di altre opere e libri antichi, ma ora
un metodo basato su luce riflessa e modelli quantistici permette di
stimare i tempi di degradazione e intervenire
I PIÙ
I PIÙ
LETTI CONDIVISI
Italia cuore e classe: 2-1 all'Inghilterra
di SARA STEFANINI
Gli studiosi hanno analizzato
l’autoritratto disegnato da
Leonardo da Vinci intorno al 1515. Il metodo non distruttivo, basato su un’azione
combinata di esperimenti sulla luce riflessa e modelli teorici della meccanica
quantistica, ha permesso di quantificare lo stato di degradazione. Quel disegno
di Leonardo, oggi custodito nella Biblioteca Reale di Torino e impresso in un
foglio di carta 33x21 cm con l’antica tecnica della sanguigna, si trova in un cattivo
stato di conservazione e si sta sbiadendo anno dopo anno. Un destino che accomuna migliaia di altre opere e libri antichi, ma questa
scoperta permette di capire come è stato conservato il reperto e se occorrono o
meno interventi immediati. Proprio per questo sono scesi in campo sette
scienziati (Adriano Mosca Conte, Olivia Pulci, Maria Cristina Misiti, Joanna
Lojewska, Lorenzo Teodonio, Claudia Violante e Mauro Missori) che hanno
individuato le sostanze chimiche responsabili dell’invecchiamento. Il risultato,
descritto in un articolo di "Applied Physics Letters", è stato ottenuto da ricercatori
del dipartimento di Fisica dell'Università Tor Vergata di Roma, in collaborazione
con l'Istituto sistemi complessi del Cnr di Montelibretti, l'Istituto centrale per il
restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario e la Jagiellonian
Cnr - siti web
Brasile-Croazia 3-1, Seleçao subito nel segno
di Neymar
Governo battuto alla Camera su responsabilità
civile toghe. Errori dei giudici: norme più dure
Legge elettorale, Grillo apre a Renzi: pronti a
discutere. Renzi: "No patti segreti, chiediamo
streaming"
Sindaci, Grillo: "Siamo virus inarrestabile".
Guerini: "Vittoria Pd, poche chiacchiere"
Renzi, 15mila nuovi posti nella Pa. "Ho preso il
40%, non vince la palude"
Italia, Prandelli: ''Non abbiamo paura''. Ma è
allarme Buffon
Brasile 2014, Checco Zalone canta i Mondiali:
ecco "Tapinho", inno contro razzismo e
omofobia
Australia: si tuffa e avvista uno squalo gigante,
ma il web è scettico
Bufera sulla Finanza. Arrestato il comandante
di Livorno: tangenti in cambio di verifiche
addomesticate. Indagato il generale Bardi
Il mago di Photoshop, il sogno diventa realtà
L'Italia entra in guerra, il Luce restaura storico
discorso di Mussolini
Pag. 9
058509
I TRATTI DEL VOLTO di
Leonardo si fanno sempre più
incerti: il tempo passa, la carta
ingiallisce e l'autoritratto del genio
lentamente svanisce. Ma stimare
la velocità di ingiallimento della
carta nei documenti antichi e nelle
opere d'arte è ora possibile grazie
a uno studio messo a punto da
un’equipe di scienziati italopolacchi. Caos riforme, 14 senatori Pd si
autosospendono. Renzi: è un bivio, non lascio
Paese in mano a Mineo
Codice abbonamento:
16 giugno 2014
Data
16-06-2014
Pagina
Foglio
2/2
University di Cracovia, in Polonia.
Salvare i libri antichi, c'è una nuova tecnica
Perché sono tutti cattivi nella Gomorra che va in
tv
Luce, calore, umidità, gas inquinanti e impurità provocano l’ingiallimento della
carta. Gli scienziati sono riusciti a quantificare la concentrazione degli insiemi di
atomi che danno "colore" alla carta invecchiata, detti "cromofori", che assorbono
la luce. I cromofori, responsabili del processo d'ingiallimento, sono la chiave per
comprendere il processo di degrado visivo delle opere su cellulosa, perché sono
i prodotti chimici sviluppati dall'ossidazione durante l'invecchiamento. I ricercatori
sono quindi riusciti a calcolare la concentrazione di cromofori presenti nella carta
usata da Leonardo più di cinquecento anni fa. Ripetendo le misurazioni tra
qualche anno si potrà sapere se il degrado continuerà e se il documento è
conservato in modo corretto. Il nuovo metodo diagnostico potrebbe avere un
importante impatto sul restauro di libri antichi del nostro paese. Caos riforme, 14 senatori Pd si
autosospendono. Renzi: è un bivio, non lascio
Paese in mano a Mineo
Riforme, il Pd silura il dissidente Mineo:
escluso dalla commissione affari costituzionali
del Senato
STASERA
IN TV
PROSSIMI
GIORNI
Claudia Violante, 26enne e dottoranda al dipartimento di Fisica di Tor Vergata,
è la più giovane del team e ha spiegato a Repubblica come è nata la ricerca.
"L'idea della ricerca è nata nel 2011, in seguito all'incontro casuale, avvenuto a
una conferenza, tra Adriano Mosca Conte, fisico teorico dell'università di Roma
Tor Vergata, e Mauro Missori, fisico sperimentale dell'Istituto Sistemi Complessi
del Cnr di Montelibretti. L'idea dei due è stata quella di combinare esperimenti di
riflessione della luce con raffinati metodi teorici basati sulla meccanica
quantistica al fine di studiare il processo di degradazione della carta a livello
nanoscopico. Nel marzo 2012, Mauro Missori ha avuto l'onore di effettuare
esperimenti sul prezioso autoritratto di Leonardo da Vinci e da lì è nata l'idea di
applicare il nostro metodo di ricerca al capolavoro, per poter dare un reale
contributo alla sua salvaguardia".
Quali sono ora i vostri progetti per far sì che il vostro metodo venga
messo in pratica? "Il nostro metodo è puramente diagnostico ma può essere
un prezioso strumento per la messa a punto di nuove tecniche di restauro. Tale
obiettivo può essere raggiunto in collaborazione con gruppi di ricerca e industrie
private a livello europeo. Per avviare questa collaborazione però, sono necessari
dei finanziamenti che abbiamo richiesto alla Comunità europea tramite la
sottomissione di un progetto scientifico".
ILMIOLIBRO
STORIEBREVI
Dal 2011 ad oggi quanto è costata questa ricerca e chi vi ha finanziato?
"C’è da precisare che non sono stati stanziati fondi specifici per la ricerca su
Leonardo. Ci sono stati però fondi istituzionali e sono stati dati in parte dal Cnr e
in parte dal ministero dei Beni Culturali per l’acquisizione e il mantenimento delle
apparecchiature sperimentali per la carta antica. In più, fin dall'inizio, lo European
Theoretical Spectroscopy Facility (Etsf), un'istituzione di ricerca sperimentale
che fornisce supporto per lo studio dei materiali nel campo della spettroscopia
teorica, ha finanziato il contratto a tempo determinato di Adriano Mosca Conte. In
questo modo, lo scienziato ha potuto sviluppare il modello teorico per
l'interpretazione degli spettri sperimentali della carta dell'autoritratto".
leonardo degradamento carta autoritratto luce riflessa tor vergata
© Riproduzione riservata
Altri articoli dalla
categoria »
Cnr - siti web
Leonardo,
l’autoritratto sta
svanendo: così
possiamo
salvarlo
Malaria, scoperto
il "codice a
barre": capiremo
la provenienza
Parmitano: "Sì,
da grande ho
fatto l'astronauta"
Quando la pet
teraphy si fa con
i delfini
Pag. 10
Codice abbonamento:
058509
16 giugno 2014
Data
16-06-2014
Pagina
Foglio
NETWORK
1/2
LAVORO ANNUNCI ASTE
Scienze
Home
Politica
Economia
Sport
Spettacoli
Tecnologia
Motori
Tutte le sezioni
Leonardo, l’autoritratto sta
svanendo: così possiamo
salvarlo dal tempo
Un destino che accomuna migliaia di altre opere e libri antichi, ma ora
un metodo basato su luce riflessa e modelli quantistici permette di
stimare i tempi di degradazione e intervenire
I PIÙ
I PIÙ
LETTI CONDIVISI
Italia cuore e classe: 2-1 all'Inghilterra
di SARA STEFANINI
Gli studiosi hanno analizzato
l’autoritratto disegnato da
Leonardo da Vinci intorno al 1515. Il metodo non distruttivo, basato su un’azione
combinata di esperimenti sulla luce riflessa e modelli teorici della meccanica
quantistica, ha permesso di quantificare lo stato di degradazione. Quel disegno
di Leonardo, oggi custodito nella Biblioteca Reale di Torino e impresso in un
foglio di carta 33x21 cm con l’antica tecnica della sanguigna, si trova in un cattivo
stato di conservazione e si sta sbiadendo anno dopo anno. Un destino che accomuna migliaia di altre opere e libri antichi, ma questa
scoperta permette di capire come è stato conservato il reperto e se occorrono o
meno interventi immediati. Proprio per questo sono scesi in campo sette
scienziati (Adriano Mosca Conte, Olivia Pulci, Maria Cristina Misiti, Joanna
Lojewska, Lorenzo Teodonio, Claudia Violante e Mauro Missori) che hanno
individuato le sostanze chimiche responsabili dell’invecchiamento. Il risultato,
descritto in un articolo di "Applied Physics Letters", è stato ottenuto da ricercatori
del dipartimento di Fisica dell'Università Tor Vergata di Roma, in collaborazione
con l'Istituto sistemi complessi del Cnr di Montelibretti, l'Istituto centrale per il
restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario e la Jagiellonian
Cnr - siti web
Brasile-Croazia 3-1, Seleçao subito nel segno
di Neymar
Governo battuto alla Camera su responsabilità
civile toghe. Errori dei giudici: norme più dure
Legge elettorale, Grillo apre a Renzi: pronti a
discutere. Renzi: "No patti segreti, chiediamo
streaming"
Sindaci, Grillo: "Siamo virus inarrestabile".
Guerini: "Vittoria Pd, poche chiacchiere"
Renzi, 15mila nuovi posti nella Pa. "Ho preso il
40%, non vince la palude"
Italia, Prandelli: ''Non abbiamo paura''. Ma è
allarme Buffon
Brasile 2014, Checco Zalone canta i Mondiali:
ecco "Tapinho", inno contro razzismo e
omofobia
Motta Visconti, il marito: "Ho ucciso moglie e
figli, poi sono andato a vedere gli Azzurri"
Australia: si tuffa e avvista uno squalo gigante,
ma il web è scettico
Bufera sulla Finanza. Arrestato il comandante
di Livorno: tangenti in cambio di verifiche
addomesticate. Indagato il generale Bardi
"Schumacher uscito dal coma": l'ex pilota ha
lasciato la clinica di Grenoble
Pag. 11
058509
I TRATTI DEL VOLTO di
Leonardo si fanno sempre più
incerti: il tempo passa, la carta
ingiallisce e l'autoritratto del genio
lentamente svanisce. Ma stimare
la velocità di ingiallimento della
carta nei documenti antichi e nelle
opere d'arte è ora possibile grazie
a uno studio messo a punto da
un’equipe di scienziati italopolacchi. Caos riforme, 14 senatori Pd si
autosospendono. Renzi: è un bivio, non lascio
Paese in mano a Mineo
Codice abbonamento:
16 giugno 2014
Data
16-06-2014
Pagina
Foglio
University di Cracovia, in Polonia.
Salvare i libri antichi, c'è una nuova tecnica
2/2
Il mago di Photoshop, il sogno diventa realtà
Luce, calore, umidità, gas inquinanti e impurità provocano l’ingiallimento della
carta. Gli scienziati sono riusciti a quantificare la concentrazione degli insiemi di
atomi che danno "colore" alla carta invecchiata, detti "cromofori", che assorbono
la luce. I cromofori, responsabili del processo d'ingiallimento, sono la chiave per
comprendere il processo di degrado visivo delle opere su cellulosa, perché sono
i prodotti chimici sviluppati dall'ossidazione durante l'invecchiamento. I ricercatori
sono quindi riusciti a calcolare la concentrazione di cromofori presenti nella carta
usata da Leonardo più di cinquecento anni fa. Ripetendo le misurazioni tra
qualche anno si potrà sapere se il degrado continuerà e se il documento è
conservato in modo corretto. Il nuovo metodo diagnostico potrebbe avere un
importante impatto sul restauro di libri antichi del nostro paese. L'Italia entra in guerra, il Luce restaura storico
discorso di Mussolini
Perché sono tutti cattivi nella Gomorra che va in
tv
STASERA
IN TV
PROSSIMI
GIORNI
Claudia Violante, 26enne e dottoranda al dipartimento di Fisica di Tor Vergata,
è la più giovane del team e ha spiegato a Repubblica come è nata la ricerca.
"L'idea della ricerca è nata nel 2011, in seguito all'incontro casuale, avvenuto a
una conferenza, tra Adriano Mosca Conte, fisico teorico dell'università di Roma
Tor Vergata, e Mauro Missori, fisico sperimentale dell'Istituto Sistemi Complessi
del Cnr di Montelibretti. L'idea dei due è stata quella di combinare esperimenti di
riflessione della luce con raffinati metodi teorici basati sulla meccanica
quantistica al fine di studiare il processo di degradazione della carta a livello
nanoscopico. Nel marzo 2012, Mauro Missori ha avuto l'onore di effettuare
esperimenti sul prezioso autoritratto di Leonardo da Vinci e da lì è nata l'idea di
applicare il nostro metodo di ricerca al capolavoro, per poter dare un reale
contributo alla sua salvaguardia".
Quali sono ora i vostri progetti per far sì che il vostro metodo venga
messo in pratica? "Il nostro metodo è puramente diagnostico ma può essere
un prezioso strumento per la messa a punto di nuove tecniche di restauro. Tale
obiettivo può essere raggiunto in collaborazione con gruppi di ricerca e industrie
private a livello europeo. Per avviare questa collaborazione però, sono necessari
dei finanziamenti che abbiamo richiesto alla Comunità europea tramite la
sottomissione di un progetto scientifico".
ILMIOLIBRO
STORIEBREVI
Dal 2011 ad oggi quanto è costata questa ricerca e chi vi ha finanziato?
"C’è da precisare che non sono stati stanziati fondi specifici per la ricerca su
Leonardo. Ci sono stati però fondi istituzionali e sono stati dati in parte dal Cnr e
in parte dal ministero dei Beni Culturali per l’acquisizione e il mantenimento delle
apparecchiature sperimentali per la carta antica. In più, fin dall'inizio, lo European
Theoretical Spectroscopy Facility (Etsf), un'istituzione di ricerca sperimentale
che fornisce supporto per lo studio dei materiali nel campo della spettroscopia
teorica, ha finanziato il contratto a tempo determinato di Adriano Mosca Conte. In
questo modo, lo scienziato ha potuto sviluppare il modello teorico per
l'interpretazione degli spettri sperimentali della carta dell'autoritratto".
leonardo degradamento carta autoritratto luce riflessa tor vergata
© Riproduzione riservata
Altri articoli dalla
categoria »
Cnr - siti web
Leonardo,
l’autoritratto sta
svanendo: così
possiamo
salvarlo
Malaria, scoperto
il "codice a
barre": capiremo
la provenienza
Parmitano: "Sì,
da grande ho
fatto l'astronauta"
Quando la pet
teraphy si fa con
i delfini
Pag. 12
Codice abbonamento:
058509
16 giugno 2014
Quotidiano
Data
Pagina
Codice abbonamento:
058509
Foglio
17-06-2014
39
1
Cnr
Pag. 13
Quotidiano
Data
Pagina
Codice abbonamento:
058509
Foglio
17-06-2014
24
1
Cnr
Pag. 14
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard