1 INTRODUZIONE “L`attività sportiva in età adolescenziale

annuncio pubblicitario
INTRODUZIONE
“L’attività sportiva in età adolescenziale, soprattutto se praticata a livello agonistico, si
innesta su un terreno ricco di capovolgimenti interpersonali e problematiche esistenziali,
andando ad influire sui dinamismi intrapsichici e agendo sulle capacità di controllo
dell’Io e sulle dinamiche inconsce che in questo periodo subiscono massicci
riaggiustamenti” (Zimbardi F., 2003).
L’idea per questo lavoro nasce dall’osservazione di un fenomeno di particolare rilievo e
importanza che caratterizza l’attività sportiva in età adolescenziale: l’abbandono precoce
dello sport.
Secondo il “Primo rapporto sulla condizione dell’infanzia e della preadolescenza (2000),
sono numerosi i fattori culturali e sociali che allontanano i giovani dallo sport.
Non è facile dare una definizione breve, precisa e completa della parola “sport”. Secondo
Vittorio Wyss (1980), dal punto di vista medico, si può dire che lo sport è una forma di
attività dell’uomo, caratterizzata da un prevalente impegno dei suoi apparati muscolare e
scheletrico (e, di conseguenza, cardio-circolatorio, respiratorio e nervoso che fanno loro da
primo supporto indispensabile), impegno, questo, di intensità tale da poter essere leggero
come quello di un qualunque lavoro leggero o talmente gravoso da raggiungere i limiti
estremi di cui la persona è capace. Esiste anche una differenza fra sport ed attività motorie.
Questa distinzione consiste nel genere di impegno richiesto: nel termine sport si tende a
comprendere un concetto di agonismo, di confronto, di lotta contro un avversario o contro
un limite, elementi che, invece, mancano nell’attività motoria. L’attività motoria è svolta
per conto proprio, al fine di migliorare o di mantenere buone le condizioni di salute e di
efficienza, per cui l’agonismo, il confronto con l’avversario, ecc., possono essere presenti
solamente come occasionali fattori integrativi, al fine di rendere più varia e attraente
l’attività stessa. L’esigenza agonistica, per contro pretende un costante miglioramento del
proprio livello di efficienza, sia dal punto di vista del rendimento dell’organismo che da
quello tecnico di esecuzione dell’esercizio. Di qui la necessità di periodi di allenamento e
di addestramento più o meno lunghi, faticosi, rigorosi, a seconda del livello che si vuol
raggiungere (Wyss, 1980). Si noti però che nel linguaggio corrente un’attività sportiva a
questo livello è definita come “sport agonistico”, mentre si usa l’espressione “fare dello
sport” anche per intendere solamente un’attività motoria, con un impiego molto confuso
dei due termini e dei concetti che comportano.
1
Riprendendo il discorso iniziale, stando a quanto affermato da alcuni autori, si assiste,
nelle fasce puberali e adolescenziali, al cosiddetto fenomeno del “drop-out”, ovvero
l’abbandono precoce. Sicuramente, tra le cause di ciò si trovano il consumismo, il
benessere, lo studio, le distrazioni, ma anche lo sport ha le sue colpe: spesso non si
verifica un “abbandono di uno sport”, ma “un abbandono dello sport” (Simposio
multidisciplinare di Cordenons, 2001). I giovani amano lo sport, soprattutto come
occasione di socializzazione e di divertimento (Benassi A.R., 2003): se la società sportiva
(o la disciplina scelta) lascia insoddisfatti sotto questo aspetto, molto probabilmente la
mancanza di tempo e gli impegni scolastici porteranno l’atleta all’abbandono. È quanto
emerge dalla ricerca “L’abbandono giovanile dell’attività agonistica nella provincia di
Bologna”, realizzata da Nomisma per il CONI di Bologna.
Riuscire a valutare quale sia stato, negli ultimi anni, l’andamento del fenomeno
dell’abbandono dell’attività sportiva, in ambito giovanile, è alquanto problematico, a
causa della mancanza di studi specifici sull’argomento su scala nazionale.
Le cause che, stando agli studi condotti, inducono i giovani all’abbandono dell’attività
agonistica possono essere riconducibili a molti fattori, come la difficoltà a conciliare lo
studio con l’attività sportiva, le divergenze dei genitori, le incomprensioni con gli
allenatori, il fatto di non andare d’accordo con i compagni di squadra, i costi troppo
elevati, ecc. Statisticamente, la difficoltà a conciliare con lo sport l’attività principale del
soggetto, che, considerando la fascia d’età adolescenziale, può identificarsi nello studio, è
la causa che genera il maggior numero di abbandoni. Questa affermazione trova una
conferma indiretta se si osservano i risultati di alcune ricerche sull’argomento. Non è un
caso, infatti, che parte del numero di abbandoni avvenga nella fascia d’età che va dai 13 ai
18 anni, periodo in cui si cominciano a frequentare le scuole superiori o si iniziano le
prime esperienze lavorative. La maggior quantità di tempo e di energie che sono, quindi,
richieste al ragazzo per svolgere questi impegni, diventano, spesso, la fonte di situazioni
che mal si conciliano con l’attività sportiva e portano, nel tempo, all’abbandono
dell’attività. In tali situazioni, la capacità del soggetto di organizzare il tempo a
disposizione diventa un fattore determinante nella possibilità di continuare a fare sport.
In tale contesto, è importante il ruolo che giocano oggi le società sportive, che organizzano
l’attività agonistica sul territorio e che tendono ad un avviamento precoce allo sport
agonistico dei giovani, soprattutto nella fascia d’età dai 13 ai 18 anni, con selezioni ed
allenamenti intensivi che conducono i soggetti scartati a considerarsi fuori dal gioco come
atleti di non particolare interesse.
2
In fase adolescenziale, tutto questo produce un atteggiamento di rinuncia ad ogni pratica
sportiva, poiché viene vissuta come fallimentare e, di conseguenza, come fonte di
insicurezza. Talvolta, tutto ciò può portare ad effetti ancora più negativi, quando i giovani,
per restare a livello competitivo, fanno uso di sostanze che interferiscono nella loro
crescita naturale. È importante notare che, sul tempo di permanenza nell’universo
sportivo, la palestra e il fitness incidono molto positivamente, nel senso che rallentano il
processo di abbandono totale dell’attività fisica. Spesso, infatti, accade che lo sportivo,
dopo aver interrotto l’attività agonistica, continui a svolgere, per alcuni anni, qualche
attività di mantenimento della forma e del benessere psicofisico.
Secondo alcuni autori, in Italia, un ruolo molto importante nella diffusione dello sport fra
le persone e soprattutto fra i minori, lo ha da sempre rivestitoli livello culturale. Più
specificatamente, da diverse ricerche si nota come la durata e il rapporto con lo sport sia
direttamente proporzionale al livello culturale, al reddito e al fatto che si viva in città. La
mortalità sportiva, l’ingresso ritardato e l’abbandono precoce, sembrano dovuti soprattutto
a una bassa scolarizzazione e formazione culturale, ma, nonostante ciò, la scuola italiana
sembra ancora oggi molto distante dal riconoscere e sviluppare una reale cultura dello
sport che valorizzi il legame tra giovani e attività sportiva. Il rapporto sempre più stretto
tra cultura e sport, quindi, è una ricaduta quasi naturale di una nuova e diffusa
consapevolezza, che si ricompone nonostante, e al di fuori, delle istituzioni culturali e
scolastiche ufficiali.
Alcuni imputano il problema dell’abbandono a difetti del giovane d’oggi, troppo appagato
da altri interessi, e avrebbe una scarsa attitudine a impegnarsi per qualcosa che costa
fatiche e rinunce e non paga immediatamente. Oggi i giovani sono cambiati rispetto a
prima, perché sono cambiati i miti e gli stimoli che agiscono su di loro. Non hanno più
bisogno dello sport per trovare interessi e sono meno sensibili al gusto della vittoria e del
successo sportivo, al gusto di misurarsi per vincere. È, però, incoraggiante constatare che,
se trovano gli stimoli e le condizioni favorevoli, si impegnano per ottenere il
riconoscimento degli adulti e, quindi, dipende anche, e soprattutto, da questi il loro grado
di interesse per lo sport (Prunelli, 2002)
Quanto detto serve a rimarcare un concetto forse poco dibattuto. Oggi, dove più che mai è
vero che i giovani sono attratti da tanti interessi, è diventato ancora più importante fare in
modo che i ragazzi non vivano da soli il loro rapporto con il mondo dello sport. Essi hanno
bisogno degli adulti, non tanto, e non solo, per imparare a “giocare”, ma soprattutto per
trovare e credere negli stimoli i valori che utilizzano per fare sport (Giovannini, Savoia,
3
2001). L’età adolescenziale, in cui i ragazzi iniziano a verificare e a confrontarsi in prima
persona con gli aspetti positivi e negativi della società, è quella nella quale i giovani
possono trovare grandi stimoli, ma anche grandi motivi di insicurezza e delusione.
Cogliere i primi ed evitare i secondi è un processo che dipende da tanti fattori (Polmonari,
1997). Per questo è importante che l’adolescente sia assistito in questa fase della sua vita,
perché può facilmente fare delle scelte non costruttive e decidere prima di non aver
raggiunto la maturità (Del Piano, 1999).
Questo lavoro si basa sulla letteratura specifica e sulle ricerche realizzate su questo
argomento. Vengono considerati quelli che possono essere giudicati i fattori principali
responsabili del fenomeno del drop-out, esaminandoli attraverso l’ottica di un fenomeno
caratterizzante, in maniera peculiare, il periodo dell’adolescenza: il conflitto
Questo scritto si divide in quattro parti.
I capitoli 1 e 2 rappresentano una premessa all’intero lavoro, in quanto descrivono la
situazione statistica della pratica sportiva in Italia e la situazione della pratica sportiva
giovanile secondo le più recenti ricerche.
La prima parte (“L’abbandono dell’attività sportiva e l’abbandono inteso come mancata
entrata nel mondo dello sport”) analizza in maniera più specifica il fenomeno del drop-out.
Il capitolo 3 rappresenta una breve presentazione del fenomeno, mettendo a confronto
l’esperienza dell’abbandono in età adolescenziale in senso generale, con l’abbandono
scolastico e l’abbandono sportivo, che, da diversi autori, sono considerati i due casi più
rappresentativi di tale fenomeno in questa fascia d’età.
Nel capitolo 4 si comincia a parlare di abbandono precoce sportivo vero e proprio. Il
fenomeno del drop-out viene messo in relazione al fenomeno del conflitto, provando a
intendere l’abbandono come una fuga in risposta ai conflitti. Successivamente, il drop-out
viene distinto da un altro fenomeno caratterizzante la pratica sportiva: il burn-out. Viene
quindi presentato il modello teorico dello scambio sociale e due critiche relative ad esso.
Sono, inoltre, mostrati alcuni dati statistici sul drop-out e alcune ricerche empiriche
sull’abbandono della pratica sportiva di livello agonistico.
Poiché nel panorama sportivo non esiste solo la pratica a livello agonistico, ma è evidente
che esiste una numerosa parte di atleti pratica sport a livello amatoriale, nel capitolo 5 il
drop-out viene analizzato sotto un altro aspetto, quello, cioè, legato, per l’appunto, alla
pratica sportiva non agonistica. Anche in questo caso sono presentate alcune ricerche
realizzate in quest’ambito.
4
Nel capitolo 6, invece, l’abbandono precoce della pratica sportiva viene analizzato sotto
un altro aspetto particolare: quello della mancata entrata nel mondo dello sport. Si ipotizza
che il non praticare, o il non aver mai praticato, attività sportiva possa essere considerato
come una forma particolare di abbandono. Anche questo capitolo è corredato da una serie
di ricerche empiriche e viene, infine, discusso il caso clinico della “sindrome del ragazzo
non sportivo”.
Sulla base dei dati e delle affermazioni fino ad ora esposti, vengono descritti più in
dettaglio quelli che, dalla maggior parte della letteratura, sono considerati gli argomenti
principali che caratterizzano la vita sportiva dell’adolescente.
Il capitolo 7 esamina la motivazione. Vengono presentate alcune delle principali teorie
sulla motivazione e, in particolare, viene descritta la teoria della motivazione in ambito
sportivo: si affronta, quindi, il discorso sulle motivazioni primarie e sulle motivazioni
secondarie e si analizza il discorso della motivazione legato alle diverse fasce d’età. Per
confermare la parte teorica vengono riportate alcune ricerche sull’argomento.
Conseguentemente, nel capitolo 8, illustra il discorso sulla demotivazione, sia da un punto
di vista teorico che da un punto di vista empirico.
Viene, poi, approfondito il discorso che riguarda le due figure che rivestono maggior
importanza nella vita sportiva degli adolescenti: i genitori (capitolo 9) e l’allenatore
(capitolo 10). Per quel che riguarda le figure genitoriali, l’argomento viene affrontato a
livello teorico, valutando il ruolo che questi possono avere nel fenomeno dell’abbandono,
e viene cercata conferma di quanto sostenuto attraverso l’analisi di alcune ricerche. Per
quel che riguarda l’allenatore, inizialmente, viene approfondito il ruolo che questa
importante figura riveste nel panorama sportivo giovanile e, in seguito, si esamina il
rapporto fra l’atleta e l’allenatore e il conflitto che può sorgere fra essi.
Nei capitoli 11 e 12, viene presentato un argomento che, senza ombra di dubbio,
rappresenta un tema di fondamentale importanze nella discussione legata al mondo
adolescenziale. Si parla, infatti, dei disturbi alimentari. Viene presentato sia il discorso
legato all’anoressia e alla bulimia (capitolo 11), sia il discorso riguardante l’obesità
(capitolo 12) ed entrambi gli aspetti vengono posti in relazione alla pratica sportiva e al
mondo dello sport. Dopo una presentazione generale dell’argomento (completata con
l’esposizione di alcune ricerche relative alla condizione adolescenziale in rapporto ai
disturbi alimentari), si cerca di determinare come i disturbi alimentari influiscano sulla
pratica sportiva e, viceversa, come la pratica sportiva influisca sui disturbi alimentari. Va
sottolineato che, per quel che riguarda il discorso sull’obesità, questo argomento viene
5
presentato non sotto il punto di vista classico, e cioè come lo sport possa rappresentare un
aiuto e un beneficio (sia fisico, ma anche psichico) per le persone obese, me si tenta di
capire come mai i soggetti obesi si allontanano (o vengono allontanati?) dal mondo dello
sport. Anche in questo caso la parte teorica viene supportata da alcune ricerche empiriche.
Nel capitolo 13, infine, in quanto argomento di particolare importanza e rilevanza, anche
in virtù dei recenti casi di cronaca, viene descritto il fenomeno del doping e come fa la sua
comparsa anche nel panorama sportivo giovanile e dilettantistico.
La seconda parte tratta, in maniera più specifica, del tema del conflitto, gia in precedenza
impostato, e del ruolo che esso riveste nel mondo dello sport giovanile.
Nel capitolo 14 il conflitto viene presentato da un punto di vista descrittivo e teorico a
livello generale, citando le diverse classificazioni e suddivisioni che la letteratura suole
fare sull’argomento.
Nei capitoli 15 e 16, il conflitto viene analizzato in maniera strettamente legata
all’adolescenza: sono infatti presentati il conflitto intrapersonale in adolescenza (corpo che
cambia, pubertà, sessualità, crisi adolescenziale) e il conflitto interpersonale in
adolescenza (conflitto in famiglia, con gli amici e a scuola).
Nel capitolo 17 il discorso torna a incentrarsi sull’ambito sportivo: sono descritti e
commentati, infatti, i diversi tipi di conflitto che l’atleta può vivere durante la pratica
dell’attività sportiva.
Infine, il capitolo 18 rappresenta una summa di quanto affermato nei capitoli precedenti.
Vengono ripresi tutti gli argomenti affrontati e, per ognuno, viene evidenziato il ruolo che
il conflitto assume nel rapporto fra questi e l’attività sportiva.
La terza, ed ultima, parte, rappresenta il lavoro di ricerca empirica realizzato per cercare di
capire se e come il conflitto abbia una parte rilevante nel fenomeno del drop-out.
Nel capitolo 19 viene presentata la ricerca da un punto di vista teorico e descrittivo,
mentre nel capitolo 20 sono presentati e commentati i risultati ottenuti.
Per finire, il capitolo 21 contiene le conclusioni e le considerazioni finali del presente
lavoro.
6
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard