DHEA Fact Sheet (application/pdf)

annuncio pubblicitario
1
FOGLIO INFORMATIVO
PER OPERATORI SANITARI
EUROHEALTH ITALIA S.R.L.
DHEA
(DeHydroEpiAndrosterone)
Revisionato 05/2006
COMPOSIZIONE:
Dehydroepiandrosterone 5, 10, 20, 25, 35 e 50 mg.
DOSAGGIO:
Confezioni da 120 capsule in pratici blister da 30 compresse ciascuno.
INDICAZIONI:
Ricerche cliniche hanno dimostrato l’importanza del DHEA in relazione alla carenza di energia e
vitalità legate allo stress o all’invecchiamento in persone con più di 45 anni, nell’attenuare i
disturbi legati alla menopausa, nel rinforzare il sistema immunitario, nel proteggere da patologie
autoimmuni, nel rafforzare e migliorare il sistema circolatorio, la memoria, le prestazioni
sessuali, la qualità del sonno e nel mantenimento della massa muscolosa e della densità ossea.
Test condotti su animali provano l’efficacia su ustioni e scottature, sovrappeso, invecchiamento
e sulla riduzione del rischio di tumori, diabete, attacchi di cuore e osteoporosi, tutti fattori che
allungano la vita media. Ulteriori studi sono in ogni modo necessari per conoscere con
precisione la vastità di questi effetti sul corpo umano.
ISTRUZIONI PER L’USO:
A meno che non ci siano diverse indicazioni da parte del proprio medico curante, solo persone
con più di 40 anni dovrebbero assumere questo prodotto, in quanto i livelli di DHEA in persone
più giovani sono normalmente sufficienti. Si consiglia a persone che assumono altri medicinali
con prescrizione medica o che soffrono di patologie croniche di consultare un medico prima di
utilizzare questo prodotto. I livelli di DHEA nel sangue dovrebbero essere misurati regolarmente
per permettere di verificare se i dosaggi sono adeguati. Anche se generalmente il DHEA
sembra proteggere da patologie tumorali, la ricerca non può ancora fornire dati certi per quel
che riguarda la risposta dei tumori a cure a base ormonale, come il tumore al seno, alle ovaie e
alla prostata, anche se il DHEA è già utilizzato nella cura di queste e altre tipologie tumorali. Si
consiglia a persone con questi tumori di consultare un medico prima di assumere questo
prodotto. Donne incinte o in fase di allattamento non dovrebbero usare questo prodotto.
TOSSICITA’:
Nessuna reazione tossica è stata riscontrata anche in caso di dosaggi 100 volte maggiori di
quelli raccomandati, nell’arco di due anni. Studi prolungati degli effetti sull’uomo sono tuttora in
corso ma non sono ancora stati pubblicati.
EFFETTI COLLATERALI:
Dosaggi elevati di DHEA possono causare acne, peluria in eccesso e la voce nelle donne può
farsi grave. Tutti questi effetti collaterali sono reversibili con la diminuzione del dosaggio.
Irritabilità, cambiamenti dell’umore, eccitazione, insonnia e affaticamento possono indicare un
sovradosaggio. La fertilità nelle donne può essere inibita dai metaboliti androgeni del DHEA. .
DOSAGGIO
RACCOMANDATO:
Assumere 10-15 mg al giorno o diversamente su consiglio del medico. Prendere una
compressa al mattino. Per individui sani, che assumono il DHEA per compensare la diminuita
produzione del corpo, si consiglia un dosaggio di 10 mg per persone con più di 40 anni; 25 mg
per persone con più di 50 anni e 50 mg per persone con più di 60 anni. Per un uso terapeutico
e/o continuato e per soggetti giovani occorre consultare un medico, al fine di stabilire il
dosaggio giornaliero appropriato e i livelli di DHEA nel sangue dovrebbero essere controllati
regolarmente per raggiungere un livello di ormoni ottimale.
COME AGISCE:
Il Dehydroepiandrosterone, DHEA, è un ormone naturale prodotto dalle ghiandole surrenali.
Circola nell’organismo nella sua forma idrosolubile chiamata solfato di DHEA o DHEAS. Isolato
per la prima volta nel 1934, è stata considerato per molti anni poco importante. Ora è risaputo
che è un componente essenziale di molte funzioni fisiologiche del corpo, tra cui la conversione
negli ormoni sessuali maschili e femminili (androgeni ed estrogeni), e che è inversamente
proporzionale alla produzione di ormoni legati allo stress. Se i livelli di ormoni legati allo stress
aumentano, quelli di DHEA calano. I livelli di DHEA nel sangue iniziano ad aumentare prima
degli anni della pubertà e, normalmente, raggiungono l’apice tra i 20 e i 30 anni. In questo
2
periodo il DHEA è l’ormone più abbondante all’interno dell’organismo. Diversamente da altri
steroidi prodotti dalle ghiandole surrenali, come il cortisolo, il DHEA inizia a declinare
gradualmente con l’avanzare dell’età, suggerendo che i livelli di DHEA possono aiutare a
“misurare” il processo di invecchiamento.
E’ stato scoperto che i livelli di DHEA sono più alti in individui sani rispetto a donne e uomini in
peggiori condizioni di salute; questo ha dato il via alla ricerca sul DHEA in rapporto al processo
di invecchiamento. Nelle ultime tre decadi sono apparse più di 5000 ricerche, suggerendo la
connessione fra i livelli di DHEA e una gran varietà di patologie. Il DHEA è ora l’oggetto delle più
interessanti ricerche scientifiche di questo secolo. Il DHEA non sembra essere controllato da un
meccanismo di ritorno, come invece succede per altri ormoni, e l’assunzione di integratori non
ne blocca la normale produzione all’interno del corpo.
RISULTATI DI
STUDI CLINICI:
ENERGIA
Uno dei modi in cui il DHEA sembra invertire la spirale del processo di invecchiamento è
aiutando l’organismo a guadagnare energie. Il DHEA ha dimostrato di diminuire il senso di
stanchezza. Il Dr. Samuel S.C. Yen, dell’Università di San Diego, ha condotto uno studio della
durata di sei mesi mostrando un notevole miglioramento della sensazione di benessere fisico e
fisiologico in uomini e donne che assumevano il DHEA, rispetto al solo effetto placebo. I
soggetti riportavano una maggior energia, un sonno migliore, una maggior abilità di sopportare
lo stress e nessun effetto collaterale.
MEMORIA
La depressione e problemi di memoria sono stati studiati in un piccolo esperimento condotto dal
Dr. Owen M. Wolkowitz al dipartimento di Psichiatria dell’Università di San Francisco.
L’assunzione di integratori di DHEA rafforza la memoria e allevia la depressione. Attualmente
due grossi studi sono in fase di svolgimento per determinare se il DHEA possa essere utilizzato
nella cura del morbo di Alzheimer.
SESSUALITA’
Sia negli uomini che nelle donne, il DHEA viene convertito in Testosterone, ormone
comunemente conosciuto per stimolare la libido in entrambi i sessi. Gli effetti del DHEA sulle
prestazioni sessuali maschili sono ampiamente documentati in uno studio svolto in
Massachusettes, su uomini fra i quaranta e i settanta anni. Si scoprì che di 17 ormoni monitorati
solo il DHEA mostrava correlazioni con l’impotenza. Non appena i livelli di DHEA si abbassano,
l’incidenza dell’impotenza aumenta. E’ possibile che gli effetti sull’umore e l’aumento
dell’energia siano importanti quanto gli effetti ormonali. Recenti studi testimoniano che il DHEA
agisce come un “Viagra Naturale” nelle donne (Settembre 2000). Supportato dai risultati dei
test clinici e dai resoconti scientifici, il Dottor Bolieux (Francia), ha confermato il ruolo e gli effetti
benefici del DHEA come “Super Ormone”.
SISTEMA IMMUNITARIO E STRESS
Le ricerche scientifiche suggeriscono che le condizioni del nostro Sistema Immunitario riflettono
la qualità del processo di invecchiamento. Con l’avanzare dell’età i livelli di DHEA calano e si
diventa molto più vulnerabili agli effetti negativi dei corticosteroidi, gli ormoni legati allo stress,
che inibiscono le risposte immunitarie. Una delle principali funzioni del DHEA è il
mantenimento di un Sistema Immunitario forte e giovane, respingendo e antagonizzando
l’azione dei corticosteroidi.
Il Dr.Omid Khorram, ex professore di medicina all’Università di San Diego, ha condotto uno
studio pionieristico somministrando il DHEA a nove uomini anziani in buone condizioni di salute
per cinque mesi. Si scoprì che il DHEA aveva un notevole effetto ringiovanente sul loro sistema
immunitario. Aumentò i loro livelli di IGF-1, normalizzò i livelli di citochine IL 6, aumentò il
numero e l’attività delle cellule NK. E’ ormai risaputo che dopo periodi di grande stress, i linfociti
T non lavorano efficientemente e questo rende l’organismo più vulnerabile nei confronti di
malattie virali. Studi effettuati su topi anziani mostrano che la somministrazione di DHEA prima
di una vaccinazione fa sì che il sistema immunitario risponda in maniera più forte e immediata.
PROPRIETA’ ANTIOSSIDANTI
Ci sono buone ragioni per credere che il DHEA sia un potente antiossidante. Sembra prevenire
la formazione dei radicali liberi disarmando il NADPH, una sostanza corporea che genera i
radicali liberi e risveglia e attiva le cellule cancerogene.
CUORE
La relazione fra bassi livelli di DHEA e problemi di cuore sono stati discussi per intere decadi.
Vari studi hanno dimostrato che i livelli di DHEA sono più bassi in persone con disturbi al cuore.
Questi studi clinici hanno confermato che alti livelli di DHEA proteggono da cardiopatia, il cui
meccanismo potrebbe essere la combinazione della prevenzione della formazione di coaguli di
sangue, della regolazione dei livelli di colesterolo, dell’abbassamento della resistenza all’insulina
3
e della riduzione della formazione di radicali liberi.
MENOPAUSA
Dopo la menopausa, quando le ovaie cessano di produrre Estrogeni, piccole quantità di
Estrogeni continuano ad essere prodotte nelle ghiandole surrenali dal DHEA, che è un
precursore degli Estrogeni. L’assunzione di integratori di DHEA può quindi essere un modo per
aumentare naturalmente i livelli di Estrogeni. In Europa il DHEA è stato utilizzato per più di 15
anni nel trattamento dei disturbi causati dalla menopausa, come depressione e vampate di
calore. Vari studi clinici hanno mostrato che il potenziale di utilizzo del DHEA come sostituto di
Estrogeni/Ormoni nella terapia ormonale sostitutiva possa dare buoni risultati. Risultati
preliminari mostrano che il DHEA da gli stessi risultati della sostituzione degli Estrogeni senza i
dolorosi effetti collaterali. Il Dr. Pierre Diamond ha condotto uno studio al Centro Ospedaliero
dell’Università Laval in Canada somministrando DHEA come terapia sostitutiva a venti donne in
menopausa fra i sessanta e i settanta anni, per un anno. Il DHEA era in forma di crema topica. I
livelli nel sangue erano controllati periodicamente. Dopo un anno al campione di donne non fu
più somministrato il DHEA e, senza che lo sapessero, si passò al solo effetto placebo. Durante
il periodo di assunzione del DHEA tutte le donne hanno riportato un aumento dell’energia e un
benessere generale e, in più, si notarono alcuni importanti cambiamenti fisici
ƒ
Riduzione dei livelli di insulina, glucosio e colesterolo nel sangue, che suggeriscono una
maggiore protezione da problemi cardiovascolari.
ƒ
Un marcato aumento della densità ossea, particolarmente a livello dei fianchi e della
colonna vertebrale, indice di una riduzione dell’osteoporosi.
DISORDINI AUTOIMMUNI
In test clinici il DHEA ha dimostrato una notevole efficacia nella cura del Systemic Lupus
Erythematosus (SLE). Uno studio a doppio cieco della Università di Stanford svolto su 28 donne
con lievi casi di Lupus, mostrò un netto miglioramento di due terzi del campione dopo tre mesi di
somministrazione di DHEA. Inoltre, furono in grado di ridurre la dose giornaliera di Prednisone.
Le donne nel gruppo dell’effetto placebo non mostrarono alcun miglioramento.
BRUCIATURE
Il DHEA ha un notevole potere nella cura di bruciature. Il rischio di infezioni in caso di bruciature
non è dovuto solamente alla presenza di ferite, ma anche all’impatto negativo sul Sistema
Immunitario, causato da livelli molto alti di ormoni legati allo stress, prodotti in associazione alla
bruciatura. Studi condotti su animali mostrano che un’iniezione di DHEA entro tre giorni dalla
bruciatura aiuta le funzioni immunitarie a normalizzarsi. Se si assume il DHEA entro tre o
quattro ore la ferita guarisce prima.
PERDITA DI PESO
Studi su animali mostrano che il DHEA può diminuire e sopprimere il senso di fame, cambiando
le abitudini alimentari, bloccando la formazione di acidi che vengono poi immagazzinati come
grassi all’interno dell’organismo. Effetti minimi sono stati registrati in caso di obesità. Per un
utilizzo del DHEA come mezzo di riduzione del peso corporeo dosi inferiori sono sufficienti.
TUMORI, DIABETE E LONGEVITA’
Vari test effettuati su animali mostrano che l’assunzione di DHEA può aiutare nella prevenzione
di patologie tumorali e diabete aumentando la longevità, ma l’efficacia sull’uomo deve ancora
essere comprovata.
Senza considerare se il DHEA possa allungare la vita o meno, è evidente che ha delle
applicazioni terapeutiche molto importanti e, utilizzato correttamente, può migliorare la
qualità della vita e posporre i segni dell’invecchiamento. Una gran quantità di ricerca è
tuttora in corso e dovrebbe fornire risposte più dettagliate a proposito della sicurezza in
caso di assunzione prolungata.
METODOLOGIE DI
PRODUZIONE/”GMP”:
Anche se il DHEA come integratore alimentare è prodotto sinteticamente, principalmente dalla
diosgenina e dagli steroidi derivati da una pianta messicana conosciuta col nome di Wild Yam
(Dioscorea Villosa L.), risulta identico all’ormone naturale. L’organismo non è in grado di
convertire gli estratti di queste piante in DHEA, e ogni affermazione a favore degli effetti
del “DHEA naturale” sono semplicemente incorretti e falsi. Il DHEA deve essere
sintetizzato in laboratorio affinché possa funzionare esattamente come il DHEA prodotto dal
corpo umano.
E’ molto importante che i componenti e le materie prime utilizzate siano della migliore qualità
disponibile, ma anche che il dosaggio finale risponda a standard e regole ben precise, valide sia
per prodotti farmaceutici sia per medicinali da banco, con certificazione GMP (Good
Manifacturing Practices).
Ogni principio attivo dovrebbe avere un numero “DMF” (Drug Muster File) come emesso dal
“FDA” (Food & Drug Administration). Il DHEA da noi prodotto è della migliore qualità, sia
nell’utilizzo di materie prime che nel processo di lavorazione, ed è disponibile in
4
compresse da 5, 10, 20, 25, 35 e 50 mg.
Tutti I prodotti sono confezionati in pratici blister da 30 capsule ciascuno, in confezioni
da 120 compresse. I processi di produzione aderiscono completamente ai principi GMP (Good
Manufacturing Practices).
Anche se questo prodotto non è un farmaco ma bensì un integratore alimentare, non si
accettano compromessi in merito alla qualità degli ingredienti e del dosaggio finale nel corso
della sua produzione. Mentre il mercato americano non obbliga a rispettare tali procedure
restrittive, altri paesi come Europa e Asia accettano solo prodotti che rispondono a standard
specifici. Come risultato, molti prodotti fatti in America o all’estero per il mercato americano, non
rispondono a certi criteri risultando spesso di qualità inferiore se non addirittura scadente.
Per la vostra sicurezza e per ragioni pratiche, assicuratevi di comprare ed utilizzare
prodotti certificati “GMP”, contenenti ingredienti di qualità. Non tutti i prodotti sono
uguali! “Più quantità” o “minor prezzo” non significano necessariamente meglio!
CONSERVAZIONE:
Conservare in un luogo fresco e asciutto a una temperatura non superiore ai 20°C all’interno di
un contenitore intatto.
BIBLIOGRAFIA:
Nel caso una bibliografia a parte sul DHEA non fosse inclusa, si prega di richiederla o cercare
su Internet per maggiori informazioni e studi clinici. Si possono infatti trovare svariate migliaia di
pubblicazioni sul DHEA e i suoi utilizzi sia curativi che come rimedio anti-età..
IMPORTATORE ESCLUSIVO
PER L’ITALIA:
EUROHEALTH ITALIA S.R.L.
Via Ferrari 27/9
41043 Formigine (MO)
Telefono: +39 059 740 5393
fax: +39 059 740 5393
e-mail: [email protected]
www.eurohealthitalia.it
DISCLAIMER: le informazioni presentate sono suggerimenti strettamente indirizzati a professionisti ed operatori sanitari.
Sono tratte da pubblicazioni di ricerche e libri del settore. Non hanno intenzionalità prescrittive, ne vogliono rimpiazzare le
cure di medici o professionisti del sistema sanitario nelle diagnosi e nei trattamenti delle malattie.
Copyright © 2002 by Penny Lane, Ltd. / EUROHEALTH™
Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta o trasmessa i nessuna forma ed in nessun modo, inclusi mezzi
meccanici, elettronici, fotocopiativi, riproduzioni audiovisive, o sistemi di immagazzinamento informativi senza il permesso
scritto dell’editore, eccetto per inserimento di brevi brani in una rivista.
Printed in the EU
5
DEHYDROEPIANDROSTERONE - (DHEA)
BIBLIOGRAFIA SELEZIONATA
Albrecht, E.D.; Henson, M.C., et al.: Modulation of adrenocorticotropin-stimulated baboon fetal adrenal
dehydroepiandrosterone formation in vitro by estrogen at mid- and late gestation. Endocrinology 126(6), 1990 Jun;
3083-3088.
Araghi-Niknam, M., Liang, B., et al.: Modulation of immune dysfunction during murine leukaemia retrovirus infection
of old mice by Dehydroepiandrosterone sulphate (DHEAS). Immunology,
0(3):344-9, 1997.
Araneo BA; Ryu SY; Barton S; Daynes RA: Dehydroepiandrosterone reduces progressive dermal ischemia caused by
thermal injury. J Surg Res 1995 Aug; 59(2): 250-62 Argtielles, A.E. et al., Endocrine profiles and breast cancer. Lancet,
1973; 1:165-168.
Arguelles, A. E., Poggi, U. L., Saborida, C., Hoffman, C., Chekherdemian, M., Blanchard, O.: Endocrine Profiles and
Breast Cancer. Lancet, 1:165-168,1973.
Barrett-Connor, E., Khaw, K.T., Yen, S.S.: A prospective study of Dehydroepiandrosterone sulfate, mortality, and
cardiovascular disease. N Engl J Med, 315:24, 1519-24, 1986, Dec 11.
Barrett-Conor, E.; Edelstein, S.L.: A prospective study of dehydroepiandrosterone sulfate and cognitive function in
an older population: The Rancho Bernardo Study. J. Am. Geriatr. Soc. 42(4), 1994
Apr.; 420-423.
Berkenhager-Gillesse, E.G., et al.: Dehydroepiandrosterone sulphate (DHEA-S) in the oldest, old,
aged 85 and over. Ann N Y Acad Sci (719), May 31, 1994; 543-552.
Berr, C., Lafont, S., et al.: Relationship of Dehydroepiandrosterone sulfate in the elderly with
functional, psychological, and mental status, and short-term mortality: a French communitybased study. Proc Natl Acad Sci U S A, Vol. 93, pg 13410-13415, 1996 Nov 12.
Browne, E.S., et al.: Dehydroepiandrosterone: Antiglucoconicoid action in mice. Am J Med Sci, 1992; 303:366-371.
Calabrese, B.P.; Isaacs, E.R.; Regelson, W.: Dehydroepiandrosterone in multiple sclerosis:
positive effects on fatigue syndrome in a non-randomizing study. In the biological role of dehydroepiandrosterone.
Edited by M. Kalimi and W. Regelson, New York: de Gruyter, 1990; 95-100.
Casson P.R., Faquin, L.C., et al.: Replacement of Dehydroepiandrosterone enhances T-lymphocyte insulin binding
in postmenopausal women. Fertil Steril,63(5):1027-31, 1995 May.
Casson, P.R., Andersen, R.N., et al.: Oral Dehydroepiandrosterone in physiologic doses modulates immune function
in postmenopausal women. Mosby, Year Book, 1993.
Cherniske, Stephen, M.S.: The DHEA Breakthrough. Ballantine Books.
Cleary, M.P.; Shepherd, P.; Jenits, B.: Effect of dehydroepiandrosterone on growth in lean and obese Zucker rats. J
Nutr, 1984; 114:1242-1251.
Cohen, S., Tyrrell, D.A., Smith, A.P.: Psychological stress and susceptibility to the common cold.
N Engl J Med, 325(9):606-12, 1991, Aug 29.
Coleman, D.L.; Laiter, E.H.; Applerweig, N.: Therapeutic effects of dehydroepiandrosterone metabolities
in diabetes mutant mice. Endocrinology, 1984; 115, 239-243.
Danenberg, H.D., Ben-Yehuda, A., et al.: Dehydroepiandrosterone (DHEA) treatment reverses the impaired immune
response of old mice to influenza vaccination and protects from influenza infection.
Vaccine, 13(15):1445-8, 1995.
Diamond, P., Cusan, L., Gomez, J.L., et al.: Metabolic effects of 12 mo. percutaneous Dehydro-epi-androsterone
replacement therapy in postmenopausal women. J Endocr,150 Suppl(): S43-50, 1996 .
Drocker, W.D.; Blumberg, J.M., et al.: Biologic activity of dehydroepiandrosterone sulfate in man.
Journal of Clinical Endocrinology, 1972; 35, 48-0.
6
Ebeling, P.; Koivisto, V.A.: Physiological importance of dehydroepiandrosterone. Eng J Clin Endocrinol Metab 78(6),
1994 Jun; 15-20.
Faasati, P.; Fassati, M., et al.: Treatment of stabilized liver cirrhosis by dehydroepiandrosterone. Agressologia 14(4),
1973; 259-268.
Gordon, G.; Bush, D.; Weisman, H.: Reduction of arteriosclerosis by administration of dehydroepiandrosterone. J
Clin Invest., Department of Medicine, Johns Hopkins Medical Institutions,
1988 Aug; 82(2):712-720.
Haffa AL; MacEwen EG; Kurzman ID; Kemnitz JW.: Hypocholesterolemic effect of exogenous
dehydroepiandrosterone administration in the rhesus monkey. In Vivo 1994 Nov-Dec; 8(6):993-997.
Haffner, S.M.; Valdez, R.A.; Mykkanen, L.; Stern, M.P.; Katz, M.S.: Decreased testosterone and
dehydroepiandrosterone sulfate concentrations are associated with increased insulin and glucose concentrations
in non-diabetic men. Metabolism, 1994 May; 43(5):599-603.
Harland, Simone, Wenzel, Axel F., Dr: Superhormon DHEA. Messidor Verlag (in German)
Henderson, E; Yang JY; Schwartz A.: Dehydroepiandrosterone (DHEA) and synthetic DHEA analogs
are modest inhibitors of HIV-1 IIIB replication. AIDS Res Human Retroviruses 1992 May; 8(5):625-31.
Inano H; Ishii-Ohba H; Suzuki K; et al.: Chemoprevention by dietary dehydroepiandrosterone against
promotion/progression phase of radiation-induced mammary tumorigenesis in rats. J Steroid Biochem Mol Biol 1995
Jul;54(1-2):47-53.
Iwasaki, M.; Darden, T.A.; Parker, C.E.; Tomer, K.B.; Pedersen, L.G.; Negishi, M.: Inherent versatility of P450 oxygenase.
Conferring dehydroepiandrosterone hydroxylase activity to P-450 2a-4 by a single amino acid mutation at position
117. Breast Cancer Rest Treat (3), 1990 Oct, 16;261-272.
Kalimi, Mohammed, Regelson, William: Dehydroepiandrosterone (DHEA), Biochemical, Physiological and Clinical
Aspects. de Gruyter, 2001.
Khorram, O., Vu, L., Yen, S.S.: Activation of immune function by Dehydroepiandrosterone (DHEA) in age-advanced
men. J Gerontol A Biol Sci Med Sci, 52(1):MI-7, 1997, Jan.
Kim, H.R., Ryu, S.Y., et al.: Administration of Dehydroepiandrosterone reverses the immune suppression induced
by high dose antigen in mice. Immunol Invest, 24(4):583-93, 1995 May.
Loria,R.M., Padgett, D.A., Huynh, P.N.: Regulation of the immune response by Dehydroepiandrosterone and its
metabolites. J Endocrinol, 150 Suppl(): S209-20, 1996 Sept.
Marrero, M.; Prough, R.A.; Frenkel, R.A.; Milewich, L.: Dehydroepiandrosterone feeding and protein phosphorylation,
phosphatases and lipogenic enzymes in mouse liver. Exp. Clin. Endocrinol 96(2), 1990 Nov; 149-156.
Mayer, D.; Weber, E.; Bannasch, PI.: Modulation of liver carcinogenesis by dehydroepiandrosterone. In the
biological role of dehydroepiandrosterone. Edited by M. Kalimi and W. Regelson, New York: DeGruyter, 1990; 361-385.
Melchior, C.; Ritzmann, R.F.: Dehydroepiandrosterone is an anxiolytic in mice on the plus maze. Pharmacol Biochem
Behav 47(3), 1994 Mar; 437-441.
Merril, C.R.; Hanrington, M.G.; Sunderland, T.; Reduced plasma dehydroepiandrosterone concentrations with HW
infections and Alzheimer’s disease. In the biological role of dehydroepiandrosterone.
Edited by Kalimi, M. and Regelson, W., New York: de Gruyter, 1990; 101-105.
Miklos, S.: Dehydroepiandrosterone sulphate in the diagnosis of osteoporosis. Acta Biomed Ateneo Parmense, 66(34): 139-46, 1995.
Morales, A.J., Nolan, J.J., Nelson, J.C, Yen, S.S.: Effects of replacement dose of Dehydro-epi-androsterone in men
and women of advancing age. J Clin Endocrinol Metab, 78(6)L1360-7, 1994, Jan.
Motorola, J.F. and Yen, S.S.C.: The effects of oral dehydroepiandrosterone on endocrine-metabolic parameters in
postmenopausal women. J Clin Endocrinol Metab, 1990; 71:696-704.
Nestler, J.E.; Clore, J.N.; Blackard, W.G.: Metabolism and actions of dehydroepiandrosterone in humans. J Steroid
Biochem Mol Biol, 1991 Dec; 20(4):807-823.
7
Nestler, J.E.; Clore, J.N.; Blackard, W.G.: Dehydroepiandrosterone: the missing link between hyperinsulinemia and
atherosclerosis? FASEB J, 1992 Sept; 6(12):3073-3075.
Nordin, B.E.C., et al.: The relation between calcium absorption, serum dehydroepiandrosterone, and vertebral
mineral density in postmenopausal women. J Clin. Endocrinol Metab., 1985; 60:651-657.
Nyce, J.W., et al.: Inhibition of 1,2-dimethylhydrazine induced colon tumeriogenesis in Balb/c mice by
dehydroepiandrosterone. Carcinogenesis, 1984; 5:57-62.
Parough, R.A.; Webb, S.J.; Wu, H.Q.; Lapenson, D.P.; Waxman, D.J.: Induction of microsomal and peroxisomal
enzymes by dehydroepiandrosterone and its reduced metabolite in rats. Cancer Res. 54(11), 1994 Jun 1; 2878-2886.
Ravaglia, G., Forti, P., Maioli, F., et al.: The relationship of Dehydroepiandrosterone sulfate (DHEAS) to endocrinemetabolic parameters and functional status in the oldest-old. Results from an Italian study on healthy free-living
over ninety-year-olds. J Clin Endocrinol Metab, 81:3. 1173-8, 1996 Mar.
Regelson, William, M.D., Colman, Carol: The Superhormone Promise, Simon & Schuster.
Regelson, W., Kalimi, M.Y.: Dehydroepiandrosterone (DHEA)- A Pleiotropic Steroid. How can one
Steroid do so much? Departments of Medicine and Physiology, Medical College of Virginia, Virginia Commonwealth
Richmond, VA.
Regelson, W., Kalimi, M.Y.: Dehydroepiandrosterone (DHEA)- the Multifunctional Steroid.
Medical College of Virginia, Virginia Commonwealth University, Richmond, Virginia.
Regelson, W., Loria, R. and M. Kalimi.: Dehydroepiandrosterone (DHEA)- the “Mother Steroid”.
Medical College of Virginia, Virginia Commonwealth University, Richmond, Virginia.
Sahelian, Ray, M.D.: DHEA - A Practical Guide – Nature’s Antidote to Aging
Schwartz, A. G., Pashko, L. L.: Cancer Chemoprevention with the Adrenocortial Steroid Dehydroepiandrosterone and
Structural Analogs. J. Cell Biochem Suppl. 17G: 73-79. 1993.
Schwarts, A. G., Fairman, D. K., Polansky, M., Lewbart, M. L., Pashko, L. L.: Inhibition of 7,12-Dimethylbenz[a]-anthraceneinitiated and 12-0-tetradecanoylphorbol-13-acetate-promoted Skin Papilloma Formation in
Mice by Dehydroepiandrosterone and Two Synthetic Analogs. Carcinogenesis (10): 1809. 1989
Schwartz, A.G.; Fairman, D.K., et al.: The biological significance of dehydroepiandrosterone. Carcinogenesis (10),
1988; 1809.
Schwartz, A.G.: Inhibitions of spontaneous breast cancer formation in female C3H(Avy’a) mice by
long-term treatment with dehydroepiandrosterone. Cancer Res, 1979; 39:1129-1132.
Siegel, S.F.; Finegold, D.N.; Lanes, R.; Lee, P.A.: ACTH stimulates tests and plasma dehydroepiandrosterone sulfate
levels in women with hirsutism. N. Engl. J. Med 323(13), 1990; Sept 27; 909-911, and N. Eng. J. Med 324(8), 1991 Feb
21; 5645 and Metabolism 39(9), 1990 Sept; 967-970.
Simunova, 3.; Gregorova, I.; Soiska, J.: Metabloicke komplekace otylosti-poloss ojejich ovbmmi
dehydoeptandrosteron sulfatem. Steroik Ik., 1973; (75) 27-30.
Spivak, C.E.: Desensitization and noncompetitive blockage of GABAA receptors inventral midbrain neurons by a
neurosteroid dehydroepiandrosterone sulfate. Addiction Research Center, National Institute on Drug Abuse, Baltimore,
Maryland.Sonka, J.; ACTA Univ. Carol (71), 1971; 1-137, 146-171.
Sonka, J., et al.: Defecit des dehydroepianddrosterone nenee syndrome? Endocrinology, 47, 1965;
152-161. Sonka, J.; Stravkova, M., Aggressologie (5), 1970; 421-426.
Sonka, J., et al.: Serum lipids and dehydroepiandrosterone excretion in normal subjects.
Journal of Lipid Research, 9, 1968; 769-772.
Suitters, A.J., Shaw, S., Wales, M.R., et al.: Immune enhancing effects of Dehydroepiandrosterone sulphate and the
role of steroid sulphatase. Immunology 91(2):314-21, 1997 Jan.
Sunderland, T.; Nerril, C.R.; Harrington, M.G.: DHEA and Alzheimer’s disease. Lancet (2), 1989; 570.
Taelman, P., et al.: Persistence of increased bone resorption and possible role of dehydroepiandrosterone as a
bone metabolism determinant in osteoporotic women in late
post-menopause. Matuiitas, 1989; 11:65-73.
8
Watson, R.R., Huls, et al.: Dehydroepiandrosterone and diseases of aging. Drugs Aging, 1996 Oct,
9:4, 271-91.
Wise, T.; Klindt, J.; Buonomo, F.C.: Obesity and dehydroepiandrosterone / dehydroepiandrosterone sulfate
relationships in lean, obese and meat-type cross-bred boars: responses to porcine growth hormone. Endocrinology
1995 Aug; 136(8):3310-7.
Yamaji, T.; Ishibashi, N.; Takau, F., et al., Acta Endocriniol (Copenh) (120), 1989; 655-660.
Yang, J.Y.; Schwartz, A.; Henderson, E.E.: Inhibition of 3’azido-3’deoxythymidine-resistant HIV-1
infection by dehydroepiandrosterone in vitro. Biochem Biophys Res Commun 1994 Jun 30;
201(3):1424-32.
Yang, J.Y.; Schwartz, A.; Henderson, E.E.: Inhibition of HIV-1 latency reactivation by dehydroepiandrosterone (DHEA)
and an analog of DHEA. AIDS Res Hum Retroviruses 1993
Aug; 9(8): 747-54.
Yen, S.S.; Murphy, A.A.; Kettel, L.M.; Morales, A.J.; Roberts, V.J.: Regression of uterine leiomyomata
in response to the antiprogesterone RU 486. J Clin Endocrinol Metab 1993 Feb; 76(2): 513-7.
Zumoff, B.; Levin, J.; Rosenfeld, S., et al.: Abnormal 24-hour mean plasma concentrations of dehydroepiandrosterone
and dehydroepiandrosterone sulfate in women with inoperable breast cancer. Cancer Res. (41), 1981; 3360-3363.
2/02
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard