“BRACHETTI, CIAK SI GIRA!”: TUTTA LA STORIA DEL CINEMA IN

annuncio pubblicitario
21 Febbraio
2011
Pag. -
“BRACHETTI, CIAK SI GIRA!”: TUTTA LA STORIA DEL
CINEMA IN UNO SPETTACOLO AL TEATRO VITTORIO
EMANUELE
Arturo Brachetti è il mago dei travestimenti. Il più veloce del mondo. In grado in
pochi secondi di vestire i panni di Dartagnan, Zorro, Lawrence d’Arabia, Mary
Poppins, Spider-Man, Crudelia Demon e altri ancora, con una maestria, una
precisione e una grazia che appartengono solo a lui, sì da farlo amare in tutto il
mondo. Lo spettacolo che presenta al Vittorio Emanuele, con la regia di Serge
Denoncourt ( applauditissimo a più riprese e in scena sino a domenica e poi tutta la
prossima settimana al Metropolitan di Catania), s’intitola Ciak si gira! E arriva
direttamente dal Teatro Folies Bergère di Parigi dove è stato in scena per sette
settimane. Uno spettacolo invero, nella prima parte, con un paio di deja vu, riferito
al numero dei “cappelli del nonno” (25 personaggi ricavati in pochi minuti solo
manipolando la falda circolare d’un cappello con buco centrale) o a quelle “ombre
cinesi” eseguite con le due mani raffiguranti animali da cortile e non solo: solo un
ripasso per chi già le ha viste o mirabilie per chi le vede per la prima volta. Molto
più vertiginosa la seconda parte dello spettacolo, lì dove questo “giovane” artista
torinese (che compirà 54 anni ad ottobre) rievoca la sua infanzia di cinefilo e di
camaleonte ante-litteram con dei filmati che lo ritraggono bambino con la sua
famiglia, per compiere poi un viaggio one man show nella galassia della settima
arte, dai fratelli Lumière ai giorni nostri, vestendo sempre a tempi di record una
sessantina di personaggi, mostrando l’incanto degli effetti speciali e il suo mondo
onirico. L’enorme televisore dell’inizio diventa una porticina da fiaba e pure uno
schermo su cui proiettare immagini, fotogrammi e manifesti di film impressi nella
memoria di molti, mentre il palcoscenico si tramuta in una location su cui
impiantare alcune scene di film Horror buone per fare incontrare il prete esorcista
con Nosferatu e avere accanto un cereo becchino con cassa da morto. Eccolo poi
Brachetti diventare Lon Chaney, “L’uomo dai mille volti”, spesso truccato
pesantemente da vampiro o da Fantasma dell’opera nei suoi terrificanti film muti e
che morirà nel 1930 dopo avere interpretato il suo unico film con la sua vera faccia
( Il club dei tre ). Di grande effetto la sagoma di Federico Fellini seduto che vede
passare il transatlantico Rex di Amarcord al suono delle musiche di Rota mentre
scorrono le immagini e i protagonisti dei suoi visionari film. E poi i giochi
d’artificio finali con Brachetti che in pochi attimi diventa Chaplin tra i fiocchi di
neve, Mosè, Liza Minnelli di Cabaret, Gene Kelly di Cantando sotto la pioggia,
Harry Potter, il mostriciattolo Gollum de Il Signore degli anelli, King Kong,
Cenerentola, Frankenstein , Rossella O’Hara di Via col vento e una sfilza di
personaggi da Guerre Stellari, recepiti dal pubblico con calorosi applausi e
ovazioni da stadio.- Gigi Giacobbe
OGGETTO
CIAK, SI GIRA!
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard