Espansioni in A res

annuncio pubblicitario
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina I
Andrea Giardina Giovanni Sabbatucci Vittorio Vidotto
Il mosaico
e gli specchi
PERCORSI DI
STORIA DAL MEDIOEVO A OGGI
Espansioni in
Editori Laterza
A r e s
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina II
© 2010, Gius. Laterza & Figli, Roma-Bari
Editori Laterza
Piazza Umberto I, 54 70121 Bari
e-mail: [email protected]
http://www.laterza.it
Questo prodotto è stato realizzato nel rispetto delle regole
stabilite dal Sistema di gestione qualità conforme ai requisiti
ISO 9001:2000
valutato da AJA e coperto
dal certificato numero AJAEU/09/11317
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina III
In ottemperanza a quanto stabilito dalla Legge 133/2008 art. 15, che prevede l’adozione di «libri
di testo disponibili, in tutto o in parte, nella rete internet», il manuale di A. Giardina - G. Sabbatucci - V. Vidotto, Il mosaico e gli specchi si amplia attraverso il database A r e s , ARchivio per l’Educazione Storica, archivio di documenti storici e di testi storiografici.
Il database comprende circa 640 testi, dal Trecento a oggi; tutti i brani presenti in Ares sono
consultabili on line e disponibili in formato Word.
La nostra proposta di integrazione/espansione del manuale prevede, per ciascuna unità, dei
Percorsi tematici che permettono di ampliare il manuale con nuove unità didattiche tematiche costruite sui brani presenti nel database.
Attraverso le funzioni di ricerca e archiviazione di Ares è possibile per il docente creare nuovi percorsi personalizzati, ampliare o modificare i percorsi forniti. Le Istruzioni per la navigazione in Ares sono disponibili sul sito. Attenzione: i risultati di qualsiasi ricerca compaiono in
ordine strettamente alfabetico.
Ciascun testo è stato scelto con la consulenza scientifica ed editoriale di Andrea Giardina, Giovanni Sabbatucci e Vittorio Vidotto. Hanno collaborato:
• per il periodo 1350-1650: Valerio Bernardi, Maria Angela Binetti, Giampiero Brunelli, Igor
Mineo, Silvia Moretti, Andrea Paris;
• per il periodo 1650-1900: Emma Ansovini, Tommaso Baris, Francesco Bartolini, Giovanni
Belardelli, Federica Favino, Alessio Gagliardi, Giovanni Gay, Giovanni Magistrale, Silvia
Moretti, Cecilia Orfei, Francesca Socrate, Irma Staderini, Monica Turi;
• per il periodo 1900-oggi: Emma Ansovini, Tommaso Baris, Francesco Bartolini, Giovanni
Belardelli, Alessio Gagliardi, Giovanni Gay, Andrea Paris, Irma Staderini, Monica Turi, Vito
Nicola Volpe.
Ciascun testo è dotato di un apparato didattico costituito da:
• una breve scheda biografica dell’autore;
• una fonte bibliografica del brano;
• una introduzione al brano;
• un apparato di note a carattere esplicativo.
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina IV
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 1
VOLUME 3
Dalla crisi del ’300
alla guerra
dei Trent’anni
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 2
UNITÀ1 LE RADICI
DELL’EUROPA MODERNA
Percorsi tematici
La società urbana: strutture mentali e vita sociale Questo percorso indaga alcuni aspetti
caratterizzanti la mentalità e il quotidiano del Basso Medioevo.
L’immagine e l’immaginario urbano medievale costituiscono il tema del saggio di Jacques Le
Goff. Sui motivi culturali e sociali che a partire dal XII secolo hanno alimentato le differenze
tra il tipo umano del cavaliere, del cittadino e del mercante indaga Aron J. Gurevic.
La persistenza di certi tabù e pregiudizi è testimoniata dalla visione della beata Francesca
Romana, che immagina di incontrare all’Inferno i macellai, gli impuri per eccellenza. La prostituzione, mestiere illecito perché fonte di moltiplicazione delle occasioni di peccato, continuava a essere condannata dai frati predicatori, come Umberto da Romans, che con i loro
discorsi cercavano di redimere le peccatrici, mostrando loro la retta via. Dura era anche la condanna dell’usura e degli usurai espressa oltre che dal mondo ecclesiastico anche da quello laico come leggiamo nelle pagine di Paolo da Certaldo.
La convivenza con i marginali e con le minoranze etniche divenne tra XIII e XIV secolo sempre più complessa e mal tollerata, come si evince dalle pagine di Bronislaw Geremek e di Anna
Foa.
Jacques Le Goff L’immaginario urbano nell’Italia medievale
Aron J. Gurevic Il cavaliere e il cittadino
Aron J. Gurevic Il mercante
d Francesca Romana «Delli macellari»
2
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 3
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
d Umberto da Romans «Alle donne dal corpo peccaminoso, cioè alle meretrici»
d Paolo da Certaldo «Quella cosa che molto guasta...»
Bronislaw Geremek L’emarginazione
Anna Foa La costruzione dello stereotipo antisemita
La società urbana: sentimenti, credenze e folklore Questo percorso si apre con un saggio di
Silvana Vecchio, nel quale sono ben analizzati i ruoli di moglie e di madre, le virtù e i modelli
di comportamento che, secondo l’opinione comune dei secoli XII-XV, maggiormente convenivano alle donne.
Segue un brano di Paolo da Certaldo, prodigo di consigli sullo svezzamento dei neonati e sull’educazione dei figli. Jacques Le Goff invece analizza la diffusione, a partire dal XII-XIII secolo, della credenza in un terzo luogo dell’aldilà, inesistente prima di allora, il purgatorio.
Per concludere uno sguardo a riti, feste, folklore, insomma alla cultura popolare, ricca, come
osserva Jean-Claude Schmitt, di influssi pagani e rurali, ma in grado anche di elaborare proprie
forme di evasione dalla realtà quotidiana, come il carnevale e le feste dei folli di cui narra Sebastian Brant.
Silvana Vecchio La buona moglie
d Paolo da Certaldo Sui fanciulli
Jacques Le Goff Il «terzo luogo»
Jean-Claude Schmitt Cultura cittadina e superstizioni
d Sebastian Brant «Dei matti quaresimali»
Le monarchie nazionali e l’evoluzione delle istituzioni comunali Questo percorso, dedicato
alle istituzioni tardomedievali, si apre con un brano sul papato che, come ben spiega Walter Ullmann, dopo lo schiaffo di Anagni e il conflitto con il re di Francia, non riuscirà più ad avere lo
stesso ruolo.
Nel discorso di apertura del Liber Augustalis, invece, Federico II espone, nelle sue linee
essenziali, l’ideologia dell’autorità imperiale, mentre Saba Malaspina denuncia l’oppressione
fiscale esercitata in Sicilia dal governo angioino. Concludono il percorso le pagine di Giuseppe Sergi su miti e realtà dell’esperienza comunale e un brano di Dino Compagni sugli Ordinamenti di Giustizia a Firenze.
Walter Ullmann Il giubileo del 1300 e la crisi del papato
3
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 4
Espansioni in Ares
d Federico II di Hohenstaufen Il «Liber Augustalis»
d Saba Malaspina Oppressione fiscale nel dominio angioino
Giuseppe Sergi Il Medioevo comunale tra mito e realtà
d Dino Compagni Gli «Ordinamenti di Giustizia» a Firenze
4
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 5
UNITÀ2 LE CRISI
TARDOMEDIEVALI
Percorsi tematici
Spopolamenti e recessione nel ’300 Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Due crisi a confronto: l’Europa del ’300 e del ’600.
La profonda crisi che colpì l’Europa nel ’300 trovò nell’epidemia di peste il suo epilogo più
drammatico, ma le cause possono essere rintracciate nelle guerre e nelle carestie che, dagli inizi del secolo, stremarono intere popolazioni come emerge dal brano di Georges Duby e dalla
Cronica di Giovanni Villani. Il fenomeno dello spopolamento e della migrazione dalle campagne è qui testimoniato da due documenti di area francese.
Georges Duby I mutamenti del XIV secolo
d Giovanni Villani Firenze: la grande carestia del 1346-47
d Anonimo di Spopolamenti nel territorio di Bordeaux
d Anonimo di Migrazioni nel territorio di Bordeaux
La peste e le altre epidemie Il percorso si apre con un saggio di William H. McNeill sulla
comparsa della peste in Europa, mentre la sua diffusione in Italia è ben documentata dal brano
di Ovidio Capitani che riporta diverse testimonianze. Il fenomeno della peste si accompagna
alla ricomparsa di carestie e di carenze alimentari in tutta Europa, come evidenzia Massimo
Montanari, e da altre infezioni quali il tifo petecchiale e il vaiolo, come dimostra Lorenzo Del
Panta.
5
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 6
Espansioni in Ares
William H. McNeill Perché il contagio in Europa?
d Ovidio Capitani Il cammino della peste in Italia
Massimo Montanari Il ritorno della fame in Europa
Lorenzo Del Panta Le altre malattie: tifo e vaiolo
Povertà, tensioni, rivolte nel ’300 Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Due crisi
a confronto: l’Europa del ’300 e del ’600.
Povertà ed emarginazione erano fenomeni assai diffusi nel Medioevo e questa situazione, unitamente alla crisi latente, fomentò numerose ribellioni popolari in Europa. Famosi sono la rivolta inglese del 1381, descritta da Jean Froissart, e il tumulto dei Ciompi a Firenze, su cui si sofferma il racconto di un anonimo cronista.
d Jean Froissart La rivolta inglese del 1381
d Anonimo di La fase di luglio del tumulto dei Ciompi
6
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 7
UNITÀ3 EUROPA E ITALIA
NEL TARDO MEDIOEVO
Percorsi tematici
La crisi della Chiesa universale La violenta crisi del papato come ente universale sembra sboccare, come suggerisce Giovanni Grado Merlo nel brano di apertura di questo percorso, in una
soluzione che afferma la superiorità del Concilio sul papa, e liquida ogni possibilità di ricostruzione di una gerarchia rigidamente fondata sul primato della Curia romana.
Più forti invece – come sottolinea Giorgio Falco – si dimostravano le nuove realtà politiche
delle monarchie nazionali, che nel Concilio si manifestavano anche a livello organizzativo
distinguendo i delegati per nazioni.
Giovanni G. Merlo Tradizione e rinnovamento nella vicenda della Chiesa tardomedievale
Giorgio Falco Il Concilio di Costanza: crisi dell’autorità papale e nascita delle nazioni
Il consolidamento delle monarchie nazionali Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI La costruzione dello Stato moderno (XIV-XVII secolo). Un aspetto chiave del processo di
rafforzamento delle monarchie, come sottolinea Bernard Guenée, era l’ampliamento delle
capacità della monarchia di procurarsi risorse finanziarie mediante l’adozione di strumenti
quali le imposte dirette e il ricorso al credito pubblico.
Sulla necessità che a governare uno Stato sia un sovrano assistito non solo da aristocratici ma
anche da esperti di diritto e di finanze insistono anche i due «discorsi» recitati dinanzi ai rispettivi parlamenti dai re Riccardo II d’Inghilterra e Pietro IV d’Aragona.
Bernard Guenée Gli strumenti del governo monarchico: le finanze
7
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 8
Espansioni in Ares
d Riccardo II Il Discorso di Riccardo II d’Inghilterra
d Pietro IV Il Discorso di Pietro IV d’Aragona
Dai comuni cittadini agli Stati regionali italiani Questo percorso è dedicato specificamente alle
realtà italiane.
La formazione degli Stati regionali italiani muove da premesse che, secondo Giorgio Chittolini, affondano nella storia delle città-Stato organizzate in comune. Sul passaggio dai comuni
tardomedievali alle signorie e principati regionali insiste anche lo storico Antonio I. Pini, prendendo come esempio di sviluppo di uno Stato accentratore la signoria dei Visconti. A tale proposito, emblematica è la testimonianza dell’umanista Pier Candido Decembrio su Filippo
Maria Visconti.
L’ideale della libertà repubblicana esercitava un profondo fascino sul pensiero umanista,
come testimonia Coluccio Salutati nella sua lode della città di Firenze, esaltata come continuatrice dell’antica tradizione romana. Il sofisticato sistema di controllo territoriale costruito dallo Stato fiorentino, analizzato in un altro brano di Giorgio Chittolini, si avvale di strumenti assai
complessi come un catasto che nel 1427 registra con molta accuratezza la condizione patrimoniale delle famiglie fiorentine, come ci viene illustrato da Giovanni Cavalcanti.
Giorgio Chittolini La crisi del comune e la creazione di più ampi organismi territoriali
Antonio I. Pini Dallo Stato cittadino allo Stato regionale
d Pier Candido Decembrio Ritratto di un potente: Filippo Maria Visconti
d Coluccio Salutati Inno alla libertà fiorentina
Giorgio Chittolini Il controllo territoriale della città dominante sul contado fiorentino
d Giovanni Cavalcanti Uno strumento essenziale della politica fiscale: il catasto di Firenze (1427)
8
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 9
UNITÀ4 LA CULTURA
DEL RINASCIMENTO
Percorsi tematici
Il dibattito sul Rinascimento La prima interpretazione complessiva della civiltà rinascimentale in Italia fu opera di Jacob Burckhardt, che fissò i temi fondamentali del Rinascimento nella
scoperta dell’uomo e della natura e nella riscoperta della cultura classica. La centralità degli studi di Burckhardt nella storiografia moderna è sottolineata dallo storico Wallace K. Ferguson,
che ripercorre l’evoluzione del concetto di Rinascimento nel corso della storia moderna.
Sulla necessità di definire con esattezza che cosa si intenda per Rinascimento torna, nei suoi
decisivi contributi, Federico Chabod, concentrando l’attenzione sul piano della coscienza, della nuova concezione della vita che si andava allora affermando. Anche il termine frequentemente usato di Umanesimo esige un’attenta definizione ed è Eugenio Garin a chiarire il suo
contenuto e il suo rapporto con il Rinascimento, di cui è momento introduttivo e parte integrante.
Jacob Burckhardt La rinascita spirituale dell’Italia
Wallace K. Ferguson Il dibattito sul Rinascimento dopo Burckhardt
Federico Chabod Il Rinascimento come «realtà dello spirito»
Eugenio Garin Umanesimo e Rinascimento: connessione o antitesi?
Il rapporto con l’antico e i sistemi educativi Si afferma comunemente che la cultura classica
venne riscoperta nell’età umanistico-rinascimentale, ma Eugenio Garin vi vede un possibile
equivoco: la cultura antica non si era mai totalmente eclissata nel Medioevo, la vera novità del
9
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 10
Espansioni in Ares
Rinascimento è piuttosto nella diversa sensibilità e percezione del tempo con cui ci si accosta
ai testi antichi. Tra gli intellettuali impegnati in questa ricerca vi è Poggio Bracciolini, che
manifesta in una lettera a Guarino Veronese il suo entusiasmo per il ritrovamento di alcuni testi
antichi nel monastero di S. Gallo.
Nel brano seguente lo storico Peter Burke traccia un quadro sintetico della cerchia di intellettuali, artisti, scienziati che furono protagonisti del Rinascimento, soffermandosi sui modi e i
luoghi in cui avveniva la loro formazione culturale. La necessità di rinnovare i sistemi educativi era fortemente sentita, come testimonia Leon Battista Alberti, che propone un nuovo modello pedagogico che sappia armonizzare nei giovani attività intellettuale e attività fisica.
Eugenio Garin Il problema del ritorno al mondo greco-romano
d Poggio Bracciolini La «riscoperta» dei testi classici
Peter Burke Gli itinerari della formazione: botteghe e Università
d Leon Battista Alberti L’educazione letteraria e fisica
I protagonisti Nel corso dell’età rinascimentale matura una nuova concezione dell’uomo: una
piena espressione di questa nuova concezione si trova nel brano di Giannozzo Manetti, che celebra l’intelligenza e l’operosità umana.
Il riconoscimento della dignità dell’artista è al centro della riflessione dello storico della scienza Paolo Rossi, per il quale l’incontro tra arte, tecnica e scienza rappresenta un evento decisivo
del pensiero moderno. Leon Battista Alberti appare pienamente consapevole della convergenza tra arte e scienza e vede nell’architettura il luogo privilegiato di incontro tra i due settori.
Gli artisti non sono però gli unici protagonisti del Rinascimento: Alberto Tenenti descrive
mercanti e banchieri che, in modo meno eclatante ma altrettanto incisivo, cambiano il mondo
dell’economia. Lo storico Michael Mallett si sofferma sulla figura del condottiero, affascinante e controverso protagonista delle continue guerre che caratterizzavano la turbolenta vita politica italiana. Infine la storica Margaret L. King illustra i diversi ruoli delle donne rinascimentali, generalmente costrette entro una rigida gerarchia sociale ma che a volte salgono anch’esse
alla ribalta della vita culturale e politica.
d Giannozzo Manetti La dignità dell’uomo
Paolo Rossi La nuova dignità intellettuale dell’artista
d Leon Battista Alberti Elogio delle tecniche
Alberto Tenenti Il mercante nel Rinascimento
10
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 11
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
Michael Mallet Luci e ombre del condottiero rinascimentale
Margaret L. King I ruoli della donna nel Rinascimento
Nuovi modelli politici: realismo e utopismo Apre questo percorso sul pensiero politico rinascimentale un brano di Matteo Palmieri, che esalta la dimensione sociale dell’uomo e vede la
sua realizzazione nel contributo alla vita e al benessere della città.
L’oscillazione tra realismo e utopismo è un altro tratto caratteristico del pensiero politico dell’epoca. Il brano di Niccolò Machiavelli offre un esempio di realismo, riflettendo sulla necessità di adattare le forme di governo alle strutture sociali di diversi paesi o regioni, che possono
variare per livello economico e grado di maturazione politica.
Luigi Firpo, infine, descrive l’opposta tendenza all’utopismo, che si sviluppa in un singolare
intreccio tra pensiero politico e architettura, partendo dal proposito di razionalizzare la struttura della città e giungendo all’ideale di una società retta dalle leggi della ragione naturale.
d Matteo Palmieri Esaltazione dei valori civili
d Niccolò Machiavelli La connessione fra struttura sociale e organizzazione politica
Luigi Firpo Gli utopisti del Rinascimento e il sogno della città ideale
11
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 12
UNITÀ5 LA NASCITA
DEL MONDO MODERNO
Percorsi tematici
I nuovi mondi e la scoperta dell’altro Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI I nuovi mondi e la scoperta dell’altro.
È aperto da un brano di Fernand Braudel e da un brano dello storico burkinabé Joseph KiZerbo, entrambi esemplificativi della brutale razzia di ricchezze umane e materiali compiuta
dagli europei a danno del continente africano.
Seguono, per introdurre la discussione sulla presenza degli spagnoli nelle Americhe, due testi
estremamente significativi dal punto di vista economico-giuridico, culturale e religioso. Nel primo viene sancito con le bolle promulgate da Alessandro VI il diritto degli spagnoli al possesso
dei nuovi territori scoperti. Nel secondo leggiamo le parole di Hernán Cortés, conquistatore del
Messico.
I due brani successivi, di Gonzalo F. de Oviedo y Valdés, sono indicativi delle opinioni espresse nel corso del XVI secolo da viaggiatori, osservatori di storia naturale, cronisti e storiografi; in
questi testi è possibile riscontrare la difficoltà di descrivere, e quindi divulgare in termini comprensibili ai lettori, fenomeni naturali e costumi sociali sconosciuti e insoliti. Inoltre, viene dato
ampio spazio al tema della «bestialità» degli indiani.
Alle popolazioni indigene e all’antropofagia, argomento dibattutissimo tra gli europei dell’epoca, sono dedicati due celebri saggi del filosofo Michel de Montaigne.
Fernand Braudel Gli europei nel mondo
Joseph Ki-Zerbo Il commercio degli schiavi neri
12
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 13
Espansioni in Ares
d
d
d
d
d
d
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
Alessandro VI Le bolle «Inter caetera»
Hernán Cortés Relazione a Carlo V
Gonzalo F. de Oviedo y Valdés Depravazioni sessuali degli indios
Gonzalo F. de Oviedo y Valdés Caratteristiche somatiche e antropologiche
Michel de Montaigne Delle carrozze
Michel de Montaigne Dei cannibali
L’economia europea nel ’500 Questo percorso è dedicato agli sviluppi molteplici e contraddittori dell’economia europea nel corso del XVI secolo.
In apertura lo storico tedesco Wilhelm Abel descrive i fenomeni caratteristici dell’espansione agricola europea del XVI secolo (aumento delle superfici coltivate e crescita dei quozienti di
resa), mentre Carlo M. Cipolla sottolinea come le scoperte transoceaniche furono all’origine
di una grandiosa rivoluzione culturale e di profonde trasformazioni economiche.
Concludono il percorso le pagine dello storico Fernand Braudel, il quale ci propone un’interessante interpretazione d’insieme sull’evoluzione economico-sociale del mondo moderno.
Wilhelm Abel L’espansione agricola del XVI secolo
Carlo M. Cipolla Conseguenze delle esplorazioni transoceaniche
Fernand Braudel Vita materiale, economia di mercato e capitalismo
13
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 14
UNITÀ6 LA FINE
DELL’UNITÀ RELIGIOSA
Percorsi tematici
Le origini della Riforma protestante Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI La fine
dell’unità religiosa in Europa. La fine dell’unità religiosa non può essere pienamente spiegata
senza dare uno sguardo a ciò che accadeva nell’ambito religioso agli inizi del XVI secolo.
Sebbene la corte papale appaia sempre più coinvolta negli affari italiani e i pontefici dell’epoca sembrino essere più interessati al lustro artistico che all’impegno religioso della Curia, la
religione, come dimostra Lucien Febvre, gioca ancora un ruolo preminente nella vita quotidiana degli europei. L’umanista Erasmo da Rotterdam è autore di una critica feroce nei confronti degli ordini religiosi regolari, attenti più alle pratiche esteriori della vita ecclesiastica che
a una religiosità interiore.
Una più sistematica contestazione della Chiesa cattolica partirà invece dalla Germania. L’opera di Martin Lutero, del quale presentiamo alcune pagine, incoraggiata da alcuni principi
tedeschi stanchi delle vessazioni della Curia romana, continuerà e la sua teologia porterà alla
definitiva rottura con Roma e all’enunciazione di un pensiero teologico-politico diverso da quello medievale.
Il fallito tentativo di riconciliazione ad Augusta, nelle pagine dalla Confessione augustana, e
la rottura di Lutero con Erasmo sulla questione del libero arbitrio porteranno la Riforma tedesca a essere connotata sempre più da caratteri nazionali e a circoscriversi in un ambito piuttosto ristretto, quello dei principi che accetteranno il messaggio luterano.
Lucien Febvre Religione e vita quotidiana
14
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 15
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
d Erasmo da Rotterdam La follia degli ordini religiosi
d Martin Lutero «Alla nobiltà cristiana di nazione tedesca»
d Filippo Melantone La «Confessione augustana»
La Riforma in Svizzera e le correnti radicali Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI La fine dell’unità religiosa in Europa. Qualche anno dopo la protesta di Lutero, l’idea di una
Chiesa che doveva essere riformata oltrepassò i confini della Germania per approdare nei cantoni svizzeri.
A Ginevra le idee di Calvino sulla predestinazione, e la sua fermezza nei confronti di una
riconciliazione ormai impossibile con il cattolicesimo, portarono il calvinismo a divenire la forma più intransigente e aggressiva di protestantesimo, come leggiamo nella Difesa della Riforma.
Dopo gli anni ’30 del XVI secolo la Riforma protestante tese sempre più a istituzionalizzarsi
e a espellere dal suo interno quelle figure di dissenso che non erano d’accordo con i princìpi della nuova ortodossia riformata. È il caso di gruppi minoritari come gli antitrinitari, su cui leggiamo un brano dello storico Massimo Firpo, che per le loro idee furono espulsi e perseguitati sia
nei paesi cattolici sia in quelli protestanti, ma anche di intellettuali come Sébastien Castellion,
portavoce della tolleranza religiosa.
d Giovanni Calvino Difesa della Riforma
Massimo Firpo Gli antitrinitari
d Sébastien Castellion Il problema della tolleranza religiosa
Rinnovamento della Chiesa cattolica e Controriforma Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI La fine dell’unità religiosa in Europa. Sino ad alcuni decenni fa la storiografia aveva visto la risposta cattolica come piuttosto tradizionale e reazionaria rispetto alle novità apportate dal protestantesimo.
In realtà anche nel cattolicesimo vi furono fermenti innovatori e a questi appartiene senza
dubbio la nascita di nuovi ordini religiosi, tra i quali giganteggia la Compagnia di Gesù che, con
la sua organizzazione, analizzata da Pietro Caiazza, e la sua ferrea disciplina, istituita da Ignazio di Loyola, diverrà un modello per la nuova Chiesa post-tridentina. Un tentativo di riforma
dell’organizzazione ecclesiastica sarà invece fatto sotto il pontificato di Paolo III con il Consilium de emendanda Ecclesia.
Pietro Caiazza La Compagnia di Gesù
15
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 16
Espansioni in Ares
d Ignazio di Loyola Gli «Esercizi spirituali»
d Commissione pontificia Il «Consilium de emendanda Ecclesia»
La religiosità popolare Lo storico Peter Burke si sofferma nelle sue pagine sul significato liberatorio del Carnevale presso i ceti popolari a fronte del conflitto religioso del XVI secolo, che
margineralizzerà le manifestazioni religiose popolari, sino a reprimerle o a controllarle.
È quanto emerge soprattutto dall’analisi del fenomeno della stregoneria effettuata dallo storico Carlo Ginzburg, che mostra come la lettura del sabba e di altri riti fosse profondamente diversa nel popolo rispetto a quanto affermato nella trattatistica ufficiale, quale quella del Malleus
Maleficarum di Heinrich Institor e Jakob Sprenger, dove appare chiara, invece, la congiunzione tra sesso debole e culto satanico. La religiosità popolare infine sarà convogliata in manifestazioni, controllabili da parte della Chiesa, che andranno a formare il patrimonio della pietà
popolare, secondo i meccanismi descritti dallo studioso tedesco Hubert Jedin.
Peter Burke Il mondo alla rovescia
Carlo Ginzburg Folklore, magia, religione
d Heinrich Institor - Jakob Sprenger Perché le donne diventano streghe
Hubert Jedin La pietà popolare
16
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 17
UNITÀ7 MONARCHIE
E IMPERI NELL’EUROPA
DEL ’500
Percorsi tematici
L’Impero e le grandi monarchie Le strutture statali europee tra XVI e XVII secolo offrono un
quadro complesso e articolato a seconda delle situazioni locali. In questo percorso, concentrandoci sull’Impero asburgico e le grandi monarchie, evidenziamo la specificità delle vie nazionali nel processo di evoluzione verso lo Stato moderno.
All’impero di Filippo II è dedicato un brano di Fernand Braudel, mentre l’antagonismo crescente tra la Corona e il Parlamento nell’Inghilterra della seconda metà del XVI secolo è testimoniato da sir Thomas Smith. Un intenso ritratto della regina Elisabetta viene tracciato dal diplomatico veneziano Giovan Carlo Scaramelli che la incontrò pochi giorni prima della sua morte.
Chiude il percorso un brano di Roland Mousnier sulla stratificazione sociale per ordini che,
pur riferendosi in particolare alla Francia, introduce un discorso più generale sui rapporti tra
società e Stato moderno.
Fernand Braudel Gli imperi del ’500 e lo spazio
d Thomas Smith Il Parlamento inglese: autorità e funzioni
d Giovan Carlo Scaramelli Un ritratto della regina Elisabetta
Roland Mousnier La stratificazione sociale per ordini
Burocrazia, esercito e politica finanziaria Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI
La costruzione dello Stato moderno (XIV-XVII secolo). Una prospettiva privilegiata per indivi17
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 18
Espansioni in Ares
duare le linee evolutive dello Stato moderno è l’analisi di tre settori chiave – burocrazia, esercito, finanze – e dei complessi rapporti che li legano.
Una caratteristica dei sistemi amministrativi del tempo è la venalità delle cariche: due documenti del XVI e XVII secolo sono testimonianza delle prime reazioni provocate dal ricorso sempre più esteso a questo espediente vantaggioso per le finanze statali.
L’importanza della guerra con i suoi risvolti economici e organizzativi è accentuata da Charles
Tilly fino al punto da far dipendere da essa il processo di evoluzione dello Stato moderno.
d Anonimo di La vendita degli uffici
d Pomponne de Bellièvre Contro la «paulette»
Charles Tilly Come la guerra produsse gli Stati e viceversa
Il dibattito sullo Stato Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI La costruzione dello
Stato moderno (XIV-XVII secolo). Il progressivo evidenziarsi dei caratteri di novità dello Stato
moderno rispetto alla storia precedente ha sollevato un dibattito teorico via via più acceso, che
ha il suo ideale iniziatore in Niccolò Machiavelli; nelle pagine del Principe e dei Discorsi emergono i temi che saranno continuamente ripresi dai pensatori politici successivi.
Nel corso del XVI secolo il pensiero politico si evolve acquisendo il fondamentale concetto
di «sovranità», esplicitamente tematizzato nelle pagine di Jean Bodin. Una immagine complessiva dello Stato moderno e delle fasi del suo sviluppo storico emerge dal brano di Pierangelo Schiera, con cui si chiude questo percorso.
d
d
d
d
18
Niccolò Machiavelli «De Principatibus novis qui armis propris et virtute acquiruntur»
Niccolò Machiavelli La religione «secondo l’ozio e non secondo la virtù»
Jean Bodin Le vere prerogative della sovranità
Jean Bodin Della nascita, crescita, perfezione, decadenza e rovina degli Stati
Pierangelo Schiera Lo Stato moderno
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 19
UNITÀ8 CRISI
E RIVOLUZIONI
NEL ’600 EUROPEO
Percorsi tematici
La crisi economica e politica nel ’600 Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Due
crisi a confronto: l’Europa del ’300 e del ’600. Sull’esistenza di una crisi economica di vaste proporzioni gli storici sono stati concordi. Le divergenze sono nate piuttosto sulle cause, sulla portata e le scansioni cronologiche della crisi, sulle sue relazioni con i fenomeni di natura sociale
o politica. Anche chi è sembrato più scettico nei confronti della tesi di un’unica «crisi generale» ha dovuto segnalare il difficile momento dell’economia in vaste aree e in diversi periodi del
XVII secolo. Sulla scorta di questa omogeneità di giudizi, è opportuno mostrare, in concreto,
alcuni fatti demografici ed economici che avvalorano l’immagine di un secolo difficile.
In particolare, dobbiamo ad Aldo De Maddalena una sintetica ed efficace descrizione delle
crisi e delle trasformazioni economiche del periodo.
Sulla situazione economica dell’Olanda e dell’Inghilterra – i due paesi che negli anni della
crisi si contesero il primato economico – indaga Jonathan I. Israel. Confrontando questi diversi contesti, infatti, è possibile delineare un quadro assai più mosso di quanto la semplice nozione di «crisi generale» possa mostrare.
Sugli aspetti politici della «crisi del ’600» il dibattito è stato molto serrato. La presenza di rivolte e rivoluzioni nei maggiori paesi europei, nello stesso torno di anni, è stata considerata dalla
storiografia di ispirazione marxista come il sintomo di un duro scontro fra classi, legato ai grandi mutamenti economici e sociali del XVII secolo. Altri indirizzi storiografici hanno invece fatto notare come, di fronte al crescente processo di accentramento amministrativo e fiscale degli
19
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 20
Espansioni in Ares
Stati, siano le aristocrazie, i notabili e le masse contadine a opporre una resistenza, per conservare le proprie antiche libertà.
L’interpretazione marxista è offerta dal brano di Eric J. Hobsbawm, che si sofferma a lungo
sulla dimensione economica della «crisi del ’600», per poi riconoscere come suo unico esito
positivo l’evento rivoluzionario inglese. Hugh R. Trevor-Roper e Niels Steensgaard mostrano
un punto di vista estremamente critico a riguardo, riconoscendo dietro i sommovimenti di metà
’600 alcuni elementi tipici della vita politica della prima età moderna: il rapporto tra corte sovrana e paese, le resistenze all’accentramento assolutistico, il particolarismo localistico. A Roland
Mousnier spetta invece il compito di illustrare due noti casi di rivolte contadine.
Aldo De Maddalena Crisi e trasformazioni economiche
Jonathan I. Israel Olanda e Inghilterra negli anni della «crisi del ’600»
Eric J. Hobsbawm La Rivoluzione inglese: un prodotto della «crisi del ’600»
Hugh R. Trevor-Roper La rottura dei rapporti tra Stato e società
Niels Steensgaard La crisi politica
Roland Mousnier Le rivolte contadine: i «Nu-Pieds» e i «Croquants»
Un secolo «barocco» L’origine del termine «barocco» è controversa: l’espressione «argomentare
in barocco» indicava, nella filosofia scolastica medievale, un discorso molto artificioso; poi, tra ’400
e ’500, comparve l’aggettivo francese baroque (dal portoghese barroco), che designava, negli inventari di gioielli, un tipo di perla dai contorni molto irregolari e, in senso traslato, qualcosa di bizzarro e inconsueto. Qualsiasi ipotesi si voglia accreditare, è certo che, verso la fine del ’600, il termine
entra a far parte del linguaggio della società colta proprio in questa seconda accezione figurata. A
questa tradizione si sono richiamati gli studiosi di arte e di letteratura, che tra ’800 e ’900 hanno costruito la fortuna del vocabolo, definendo «barocchi» gli stili artistici prevalenti nel XVII secolo.
In questo percorso non si intende rileggere, tuttavia, l’intera vicenda del termine. Interessa
invece mostrare come, per gli storici, il concetto di «barocco» si sia dimostrato capace di qualificare un’intera epoca. È il caso di José A. Maravall, che vi ha intravisto l’espressione culturale
della «crisi generale» del XVII secolo. Anche per Rosario Villari si può usare l’aggettivo «barocco» per descrivere un secolo ricco di tensioni e contraddizioni, ma a patto di non dimenticare i
tratti di stabilità delle società europee del ’600.
José A. Maravall Il «barocco»: espressione della «crisi del ’600»
Rosario Villari Il ’600: secolo di contrasti e di equilibri
20
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 21
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
Il secolo del soldato Nel ’600 la guerra diventa straordinariamente brutale ma non è la violenza la caratteristica peculiare del fenomeno militare del XVII secolo. Appare infatti molto più
significativa l’evoluzione tecnico-tattica dell’arte della guerra: aumenta il numero dei soldati
impiegati, cresce la disciplina, la tecnologia nel campo delle armi avanza rapidamente. I due
documenti di Cesare Brancaccio e di Maiolino Bisaccioni trattano invece dell’immagine del
soldato, contesa fra i tradizionali valori (come il coraggio individuale) e le nuove esigenze di una
disciplina sempre più organizzata.
d Cesare Brancaccio L’immagine del soldato
d Maiolino Bisaccioni La dura realtà della guerra
La Rivoluzione inglese Caduta in ombra l’interpretazione che considerava la rivoluzione inglese la prima rivoluzione «borghese» dell’età moderna, volta ad abbattere i residui «feudali» e a
instaurare un regime politico più favorevole allo sviluppo del «capitalismo», la storiografia più
avvertita penetra all’interno dei meccanismi che condussero alla guerra civile e al rovesciamento della monarchia con estrema cautela, facendo attenzione a tutti i diversi terreni del conflitto.
Una simile premura caratterizza il nostro percorso: la dimensione religiosa dello scontro è visibile attraverso l’esempio di predicazione puritana di Richard Baxter, la ricostruzione fatta da
Henry N. Brailsford del movimento dei levellers e da Christopher H. Hill delle più radicali opinioni religiose; sul terreno più propriamente politico, un primo brano di Lawrence Stone offre
un quadro dei protagonisti della guerra civile (primo fra tutti il Parlamento), mentre importanti documenti (il Patto del Popolo e i Dibattiti di Putney) permettono di giungere al cuore dello scontro: la rivendicazione del diritto al voto, la caduta violenta della monarchia e la resa dei
conti all’interno dell’eterogeneo schieramento vincitore, con la liquidazione delle fazioni più
radicali. Ancora a Lawrence Stone spetta il compito di dare un bilancio in prospettiva dell’esperienza rivoluzionaria inglese.
d Richard Baxter Un manuale pratico di «vita cristiana»
Lawrence Stone I protagonisti della Rivoluzione
Christopher H. Hill Il mondo alla rovescia
d Petty - Rainborough - Sexby Il «Patto del Popolo»
d Petty - Rainborough - Sexby I «Dibattiti di Putney»
Henry N. Brailsford I «levellers»
Lawrence Stone Il lascito della Rivoluzione inglese
21
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 22
UNITÀ9 L’ITALIA BAROCCA
Percorsi tematici
Un’età di decadenza Chi visse nel ’500 e ’600 non considerò particolarmente grave il fatto che
diversi Stati della penisola avessero perso l’indipendenza politica. Solo nell’800 (durante il Risorgimento e subito dopo l’Unità), gli storici valutarono negativamente il periodo, poiché allora era
iniziata quell’odiosa dominazione straniera che, per molto tempo, aveva oppresso l’Italia. Che i
secoli XVI e XVII fossero un’età di «decadenza» non fu più contestato, come dimostrano tutti i
manuali per le scuole, fino ai nostri giorni. Qui non si vuole, tuttavia, ribaltare il giudizio: è sufficiente ricordare che anche radicate tesi storiografiche sono, a loro volta, un fatto storico, dettate da particolari contesti politico-sociali e posizioni culturali ben riconoscibili.
Il carattere moralistico di molte interpretazioni del periodo in esame, da parte di storici del Risorgimento, è ricordato da Benedetto Croce, il quale legge secondo le proprie convinzioni filosofiche la «decadenza» italiana del ’500 e ’600. Alberto Asor Rosa indica la Chiesa cattolica come responsabile della sospensione della crescita italiana, dal momento che essa riuscì a controllare non solo la cultura, ma anche l’intera società. Una lettura diversa del periodo offre Fernand
Braudel, che invita a non sottovalutare il ruolo ancora interpretato dall’Italia nell’età «barocca».
Giuseppe Galasso ripropone, ma in modo assai più articolato, la tesi della «decadenza», considerandone principale manifestazione il divario che si crea, proprio nei secoli XVI e XVII, tra il
cammino italiano e quello degli altri paesi europei, in termini di crescita economica.
d Benedetto Croce La «decadenza» dell’Italia
Alberto Asor Rosa Il ruolo della Chiesa cattolica
Fernand Braudel L’Italia del ’500-600, ancora al centro della cultura europea
Giuseppe Galasso Il «tramonto» italiano nell’età barocca
22
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 23
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
La riflessione politica Alcuni temi elaborati dalla cultura politica sono centrali per comprendere l’Italia del ’500-600. Non v’è dubbio, infatti, che furono anni di intensa riflessione: trattati,
Istruzioni, Avvertimenti erano indirizzati ai governanti e a tutto il personale alle loro dipendenze; d’altro canto, i sovrani favorivano la formazione di una omogenea cultura politica, capace di
guadagnare consenso al loro dominio.
Un panorama è offerto da Mario Rosa, che non solo illustra i principali temi del periodo (primo fra tutti la «conservazione» dello Stato), ma segnala anche i punti di contatto fra potere e
mondo della cultura (le accademie e le università), indicando, infine, le linee di evoluzione della cultura politica del secondo ’600. Brani tratti dall’opera Della ragion di Stato di Giovanni
Botero danno un esempio di che cosa si proponesse a un principe, in grande libertà da ogni principio morale, per conservare e accrescere il dominio sul proprio Stato.
Si trattò, insomma, di una riflessione estremamente disincantata, molto lontana dal culto rinascimentale della virtù, pronta a condannare il pensiero di Niccolò Machiavelli come amorale,
ma, nei fatti, incline a seguirlo nel considerare etica e politica definitivamente separate. Ciò traspare, come dimostra Rosario Villari, dalla elaborazione di un importante concetto: la «dissimulazione», che giustificava caute forme di opposizione politica.
Mario Rosa Tratti fondamentali della cultura politica
d Giovanni Botero Che cosa sia Ragione di Stato
d Giovanni Botero Capi di prudenza
Rosario Villari Una forma di opposizione politica: la «dissimulazione»
L’influenza della Chiesa La Chiesa cattolica è stata a lungo considerata responsabile della
«decadenza» dell’Italia nei secoli XVI e XVII. In questo percorso esamineremo in dettaglio alcuni aspetti della sua presenza.
La prima avvertenza è di non cadere nell’eccesso di immaginare un paese preda di attività
«poliziesche» da parte delle autorità ecclesiastiche: in generale, nell’età moderna, nessun potere, civile o religioso, era in grado di controllare minuziosamente i comportamenti della società
e poteva imporre solo con grandi difficoltà il proprio volere a popolazioni recalcitranti in massa, come testimonia un documento reperito nell’Archivio Segreto Vaticano, che mostra come
proprio il personale del Sant’Uffizio (il tribunale per la difesa della fede) permettesse a Firenze
la lettura delle opere di Niccolò Machiavelli, autore aspramente condannato. Proprio delle principali caratteristiche del Sant’Uffizio e del suo operato tratta il brano di Adriano Prosperi.
Seguono documenti del processo a Galileo Galilei, vicenda nota, complessa, gravida di conseguenze sui successivi sviluppi della cultura scientifica italiana. Chiudono il percorso le pagine
23
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 24
Espansioni in Ares
della storica Anna Foa, che analizza la segregazione ebraica nei ghetti, sancita dalla bolla papale del 1555.
d Segreteria di Stato della Santa Sede Machiavelli all’«Indice»?
Adriano Prosperi La crudele Inquisizione
d Galileo Galilei Lettera a Paolo Sarpi
d Niccolò Lorini Denuncia al Sant’Uffizio
d Galileo Galilei L’abiura
Anna Foa La creazione dei ghetti
Il contrasto Roma-Venezia Merita un percorso a sé il più importante contrasto giurisdizionale
del ’600, quello che vide opposti la Santa Sede e la Repubblica di Venezia, tra il 1606 e il 1607.
L’elemento scatenante del conflitto fu come è noto l’arresto di due religiosi, rei di gravi delitti, che Roma intendeva processare, sottraendoli ai tribunali veneti. Ma vi erano anche altri motivi di attrito: due leggi della Repubblica che imponevano la previa autorizzazione delle autorità
civili per la costruzione di edifici ecclesiastici e, soprattutto, i buoni rapporti intrattenuti dai
veneziani con inglesi e olandesi, di confessione riformata. La pretesa della Santa Sede che le
leggi già emanate fossero ritirate e i due religiosi consegnati suscitò indignate reazioni e fu
respinta: papa Paolo V, allora, emanò contro Venezia l’Interdetto. Il momento fu grave. Si sfiorò
la guerra, ma la volontà degli spagnoli di mantenere la pace in Italia e la mediazione diplomatica francese riuscirono a portare a un accordo. Le vicende dell’Interdetto sono ricordate nelle
pagine quasi coeve di Fulgenzio Micanzio, mentre di Paolo Sarpi è riportato un brano di una
lettera che lucidamente definisce le pretese egemoniche del papato della Controriforma come
«totato».
d Fulgenzio Micanzio L’«Interdetto» di Venezia
d Paolo Sarpi Il papato come «totato»
Il Mezzogiorno e la rivoluzione napoletana del 1647 La rivoluzione napoletana del 1647 fu
uno dei pochi avvenimenti politici italiani del ’500-600 capaci di grande risonanza in tutta Europa, percorsa anch’essa alla metà del secolo da rivolte e rivoluzioni. Per essere ben compresi, gli
eventi devono tuttavia essere inquadrati all’interno degli sviluppi economico-sociali e politici del
Mezzogiorno.
La ripresa della pressione feudale promossa dalla nobiltà nei primi decenni del ’600 fu, secon24
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 25
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
do Rosario Villari, la causa principale della «guerra contadina» che esplose nelle campagne
meridionali nel 1647, in concomitanza con l’insurrezione cittadina a Napoli. Il documento successivo illustra invece da vicino il panorama politico e sociale della rivolta: Maiolino Bisaccioni delinea il ritratto del principale protagonista dell’insurrezione, Masaniello. Concludono il
percorso le pagine di Giuseppe Giarrizzo, che ricostruisce le rivolte siciliane del 1646-47.
Rosario Villari La ripresa della nobiltà tradizionale
d Maiolino Bisaccioni Una cronaca della rivoluzione napoletana del 1647
Giuseppe Giarrizzo La Sicilia in rivolta
25
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 26
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 27
VOLUME 4
Dall’«ancien
régime» all’età
dell’imperialismo
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 28
UNITÀ1 UN SECOLO
DI LOTTE PER L’EGEMONIA
MONDIALE
Percorsi tematici
La Francia di Luigi XIV Il percorso è interamente dedicato alla Francia assolutista di Luigi XIV.
Una rigida etichetta regolava la vita del sovrano e della Corte tutta, secondo la ricostruzione
del sociologo Norbert Elias; anche il sistema mercantilistico, la cui descrizione è affidata al
ministro Jean-Baptiste Colbert, può essere considerato una forma di regolamentazione della
vita economica. Sul piano istituzionale, la realtà francese nei secoli XVII e XVIII presenta residui di autonomie di origine feudale, che resistono al progetto centralizzatore della monarchia
assoluta, come leggiamo nella Relazione all’intendente di Ormesson, mentre, come sottolinea
lo storico Pierre Goubert, il privilegio rimane il cemento che faceva dei nobili francesi «antichi» e «moderni» un solo ceto.
Norbert Elias La società di corte
d Jean-Baptiste Colbert Memoria sulle finanze
d Signore di Camière Relazione all’intendente di Ormesson
Pierre Goubert La nobiltà: una definizione
Il modello inglese Questo percorso è dedicato alla Gran Bretagna, modello alternativo all’assolutismo francese.
Descritta la monarchia costituzionale inglese attraverso uno degli atti che la istituirono, l’Act
28
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 29
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
of Settlement, i testi che presentiamo affrontano alcune questioni centrali nella storiografia che
riguarda l’Inghilterra del XVIII secolo. Guardando la storia «dall’alto» dei ceti proprietari, Lewis
Namier definisce il governo inglese come un governo territoriale che rappresenta solo i «fili d’erba» che crescono sul suolo inglese e chiunque ne goda in qualche maniera (anche solo calpestandoli). Sull’altro fronte Edward P. Thompson, guardando «dal basso» la società inglese di
allora con gli occhi dello storico-antropologo, riporta alla luce un mondo che risultava sommerso: quello dei lavoratori e della loro cultura politica. Tra le forme più tipiche di questa,
Thompson individua la contestazione anonima, nella repressione della quale, con il Black Act
sulla caccia e i diritti di proprietà, il patriziato dei whigs e dei tories si ritrova compatto.
d Parlamento inglese L’«Act of Settlement»
Lewis Namier La terra come fondamento del diritto di cittadinanza
Edward P. Thompson Società patrizia, cultura plebea
d Parlamento inglese Caccia e diritti di proprietà
Oltre l’Europa In questo percorso analizziamo le relazioni tra l’Europa e il resto del mondo,
caratterizzate all’inizio non solo dall’espansione commerciale ma anche dall’opera missionaria
che, con i gesuiti, raggiunge vertici insuperati di innovazione e di capacità di adattamento.
È il caso dell’affascinante e controverso esperimento degli «Stati missionari» fondati dai gesuiti in Paraguay, contestato dal ministro portoghese Pombal. Ma si veda anche come il rifiuto dei
cinesi ad accogliere la «misurazione del tempo», descritto da David S. Landes, riveli un’invalicabile diversità nelle strutture sociali e nella mentalità.
La Gran Bretagna nel secolo XVIII deteneva il predominio del commercio marittimo internazionale e, per mezzo della Compagnia delle Indie Orientali, esercitava sul subcontinente
indiano un controllo che, nel tardo XVIII secolo, divenne non solo commerciale ma anche politico. I funzionari della Compagnia divennero anche strumenti di una penetrazione inversa: tornando in patria, infatti, essi importarono oggetti e abitudini che si diffusero rapidamente in tutta l’Europa, come racconta Giorgio Borsa.
d Sebastião di Pombal Pombal contro gli «Stati missionari» dei gesuiti nel Paraguay
David S. Landes I cinesi e l’orologio
Giorgio Borsa I «nabobs» all’assalto dell’Inghilterra puritana
29
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 30
UNITÀ2 LA SOCIETÀ
DI «ANCIEN RÉGIME»
Percorsi tematici
Demografia e famiglia Le caratteristiche demografiche delle società preindustriali sono al centro dell’analisi dei brani presentati in questo percorso. L’andamento della popolazione viene
messo in relazione, dagli autori, a fenomeni di vario tipo: alle trasformazioni economiche,
innanzitutto, ma anche al mutamento dei comportamenti demografici e alla struttura della
famiglia che hanno caratterizzato la società d’ancien régime.
Il matrimonio tardivo – di cui Ernst Hinrichs analizza le motivazioni economiche, sociali e
culturali – costituiva una forma di adattamento della società alle difficoltà ambientali e alimentari e di controllo della crescita demografica. Caratteristico del sistema demografico d’ancien régime era un alto tasso di mortalità, sulle cui cause si sofferma Lawrence Stone.
La trasformazione dei rapporti familiari e gli inizi della contraccezione in Francia nel XVIII
secolo sono al centro dell’analisi di Jean Louis Flandrin, mentre nelle pagine di Philippe Ariès
si ripercorrono le tappe che hanno segnato l’evoluzione del modo di considerare l’infanzia; poi
Dominique Julia legge le difficili condizioni di vita dei bambini cresciuti in famiglie popolari.
Infine il brano di Natalie Zemon Davis ci offre alcune ipotesi sul significato dell’immagine, diffusa nelle società preindustriali, della donna al comando, fattore di rottura di gerarchie e schemi tradizionali.
Ernst Hinrichs Matrimonio tardivo e crisi demografiche
Lawrence Stone Mortalità e igiene
Jean L. Flandrin Gli inizi della contraccezione
30
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 31
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
Philippe Ariès La scoperta dell’infanzia
Dominique Julia Infanzie popolari
Natalie Zemon Davis La «donna al comando»
Ceti sociali ed economia Strutture tradizionali e fattori di trasformazione si accompagnano e
si scontrano nell’evoluzione della società d’ancien régime, dando luogo a cambiamenti importanti nei sistemi produttivi, nelle tecniche, nei rapporti sociali.
Pierre Goubert ricostruisce il quadro delle consuetudini, delle regole, dei comportamenti
alla base dei rapporti tra il contadino e le istituzioni giuridiche e amministrative in Francia tra
’600 e ’700. Le consuetudini delle comunità di villaggio, i modelli che influivano sull’atteggiamento dei contadini nei confronti delle novità che rompevano con tradizioni consolidate sono
al centro del brano di Barrington Moore jr. che ne analizza la crisi e la dissoluzione. È il caso
del processo di privatizzazione della terra, attraverso le recinzioni, che nell’arco di due secoli ha
trasformato il panorama agrario inglese e creato le basi per una nuova agricoltura, strettamente
dipendente dal mercato. In questa trasformazione – per alcune aree agricole – ebbe un’importanza decisiva l’introduzione di nuove colture. Redcliff Nathan Salaman ripercorre le tappe
della diffusione della patata, ritardata da una serie di pregiudizi relativi al consumo di questa
pianta. Infine nel brano di Luciano Guerci viene descritto un importante fenomeno, caratteristico della fase che ha preceduto l’avvio della rivoluzione industriale: l’affermarsi del sistema dell’industria rurale domestica.
Pierre Goubert L’universo fiscale del contadino francese
Barrington Moore jr. Le recinzioni
Redcliff N. Salaman La diffusione della patata
Luciano Guerci L’industria rurale domestica
Nobiltà e ricchezza Le società europee, tra il XVI e il XVIII secolo, erano ancora basate, dal
punto di vista giuridico, sulla tradizionale divisione per ceti. Il principio gerarchico fondato sulla preminenza della nobiltà di sangue era tuttavia messo in discussione dall’esistenza di patenti
di nobiltà che potevano essere acquistate.
I simboli che, secondo Lawrence Stone, caratterizzavano la società inglese tra la fine del ’500
e la prima metà del ’600 erano il cappello e la frusta. Essi consentivano di riaffermare pubblicamente il principio della disuguaglianza e della subordinazione sociale e politica. Renata Ago,
a sua volta, descrive le ambizioni delle famiglie nobili della Roma barocca, volte a far intraprendere la carriera ecclesiastica ai figli cadetti. L’Editto reale emanato da Luigi XIV in Fran31
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 32
Espansioni in Ares
cia, nel 1701, che doveva spingere la nobiltà a intraprendere attività considerate in antitesi con
la propria condizione sociale, mostra la resistenza di questo ceto ad abolire regole e restrizioni
che costituivano il punto di forza della propria funzione dominante. La nobiltà cercò di opporsi ai nuovi gruppi emergenti ponendo barriere sulla base dell’orgoglio di rango. Un motivo, quest’ultimo, su cui s’impernia la trama del romanzo di Jane Austen Orgoglio e pregiudizio, di cui
presentiamo alcune pagine. La tesi che l’ancien régime non abbia avuto termine improvvisamente, ma che sia sopravvissuto fino alla prima guerra mondiale è sostenuta nel brano di Arno
J. Mayer, che sottolinea la sostanziale continuità delle strutture politiche, economiche e sociali dell’Europa tra il XVIII e il XIX secolo.
Lawrence Stone Privilegi e autoritarismo
Renata Ago Fare carriera nella Curia romana
d Luigi XIV L’apertura del commercio dei grani alla nobiltà francese
d Jane Austen «Orgoglio e pregiudizio»
Arno J. Mayer Il perdurare del vecchio ordine
Emarginazione e controllo sociale La diffusione di una nuova etica del lavoro, l’esigenza di
ordine e di stabilità sociale dei ceti dominanti sono alla base delle considerazioni svolte da
Michel Foucault, che analizza il processo di separazione e internamento in istituti cui furono
sottoposte, a partire dal XVI secolo, diverse categorie di individui: mendicanti, vagabondi, folli.
Il Regolamento dell’Ospizio della Salpêtrière del 1721 mostra la nuova concezione che si è
ormai affermata: il povero deve essere uniformato ai princìpi dell’ideologia dominante che combatte l’ozio, il vagabondaggio, la contestazione della società. Bronislaw Geremek, infine, ripercorre le tappe della politica sociale attuata dai pontefici a Roma, che segnano il distacco dalla
concezione medievale del povero e della carità: l’assistenza non è più compito del singolo, ma
diventa pubblica, organizzata.
Michel Foucault La grande reclusione
d Ospizio della Salpêtrière La giornata dei reclusi
Bronislaw Geremek La mendicità a Roma
32
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 33
UNITÀ3 NUOVA SCIENZA
E NUOVA POLITICA
Percorsi tematici
Alle origini della nuova scienza L’espressione «rivoluzione scientifica», intesa come descrizione del complesso di mutamenti che coinvolgono l’astronomia e le indagini sulla natura a partire dalla metà del ’500, viene introdotta nella seconda metà del ’900 dagli storici della scienza
per sottolineare una radicale rottura con il passato che, senza negare la complessità e gli elementi di continuità del passaggio, va al di là delle singole scoperte per definire un modello alternativo di razionalità e un’immagine nuova di scienziato.
I brani che presentiamo affrontano alcuni momenti nodali dell’affermarsi di questo complesso
cambiamento culturale: dall’acuta analisi di Francesco Bacone sui pregiudizi che impediscono
agli uomini di raggiungere una conoscenza corretta, alla critica del sapere tradizionale di Cartesio, fino al posto tutto nuovo riservato all’uomo nel mondo, non più unico, descritto da Bernard
de Bovier de Fontenelle. Infine il testo dello storico della filosofia Paolo Rossi illustra il farsi strada, seppur faticoso, del nuovo atteggiamento verso la tecnica.
d Francesco Bacone Contro i pregiudizi
d Cartesio L’istruzione ricevuta in collegio a La Flèche
d Cartesio Critica della cultura del suo tempo
d Cartesio L’esperienza della vita e il ritorno su se stesso
d Bernard de Fontenelle La pluralità dei mondi spiegata alle dame
Paolo Rossi Tecnica e scienza
33
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 34
Espansioni in Ares
Il giusnaturalismo L’istanza razionalistica non investe soltanto l’indagine sulla natura, ma trova un fertile terreno di espressione nell’analisi del comportamento etico-politico. Il giusnaturalismo rappresenta proprio il tentativo di legittimare gli ordinamenti politici sulla base di argomentazioni puramente razionali. Accomunati da questa prospettiva i pensatori politici del ’600
divergono invece sulla valutazione dello stato di natura, sulle condizioni del contratto e sui rapporti tra Stato e cittadino.
Le pagine di Thomas Hobbes e di John Locke ci illustrano questa diversità di orientamenti su
specifiche questioni, ma indicano allo stesso tempo, come obiettivi polemici comuni, la sovranità
per diritto divino e il tradizionale modello aristotelico. Nelle pagine del filosofo Norberto Bobbio troviamo invece illustrato il complesso rapporto tra nascente società borghese e giusnaturalismo. È ancora l’appello alla ragione ad alimentare, in un periodo nel quale l’Europa è sconvolta
dalle guerre di religione, la riflessione sulla tolleranza e sulla libertà di pensiero che troviamo nelle parole del filosofo Baruch Spinoza.
d Thomas Hobbes L’origine dello Stato
d John Locke La proprietà è un diritto naturale
Norberto Bobbio Giusnaturalismo e società borghese
d Baruch Spinoza La tolleranza
Cultura e politica dell’Illuminismo Il processo di fondazione della mentalità moderna trova il
suo momento culminante nell’Illuminismo, che amplia gli orizzonti dell’indagine razionale
investendo con la sua critica ogni ambito della realtà, dalla religione al diritto fino alla stessa
ragione, chiamata a dar conto dei suoi fondamenti.
Nei testi di Voltaire, David Hume e Cesare Beccaria troviamo dibattuti questi temi e proposte categorie di analisi ispirate a criteri come l’utilità sociale o la felicità pubblica.
La spiccata valenza critica che viene attribuita alla ragione assume un senso solo se la si inquadra nella tensione progettuale, nel costante rapporto tra teoria e prassi, che percorre tutto il pensiero illuminista e che si esprime con particolare evidenza nella riflessione politica, che sembra
oscillare costantemente – come ci illustra lo storico Franco Venturi – tra utopia e riforma, tra
disegni di trasformazione radicale e necessità di azione concreta, tra la straordinaria ampiezza
degli spazi aperti dalla ragione e l’esigenza di iniziare immediatamente a percorrerli. A comprendere almeno in parte questo variegato panorama ci sono di aiuto le pagine di Jean-Jacques
Rousseau e di Denis Diderot.
Nel perseguire i loro scopi, e in modo coerente con le loro premesse, gli illuministi si rivolgono – contribuendo a formarlo – a un pubblico nuovo di lettori. La nascita e i caratteri di que34
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 35
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
sta «Repubblica delle Lettere» sono descritti nelle pagine dello storico Robert Darnton attraverso l’analisi di uno schedario di polizia. Gli scrittori illuministi innovano fortemente le forme
tradizionali dell’espressione filosofica e ne inventano di originali, come il racconto filosofico
che, con il suo frequente uso della provocazione del paradosso, si rivela particolarmente adatto
a un approccio asistematico e antidogmatico. In Micromegas Voltaire fa un uso brillante di questo agile strumento narrativo per mettere in rilievo le assurdità della società europea: nell’eleggere a protagonista del romanzo un abitante di Sirio, propone anche il tema del rovesciamento
e del relativismo culturale, che si ritrova in Montesquieu e che esprime il nascere di un’attenzione nuova nei confronti della diversità, di una umanità differenziata la cui varietà si offre allo
sguardo della ragione. Il terreno comune della ragione permette dunque l’affacciarsi in questo
secolo della prospettiva antropologica ed etnologica, che trova un primo momento di formalizzazione istituzionale con la fondazione della «Società degli osservatori dell’uomo» e che si può
avvalere dei crescenti contatti e quindi del confronto con le popolazioni extraeuropee. Il «selvaggio» diviene un elemento costante del pensiero illuminista, da un lato come luogo di discussione filosofica, dall’altro come esplorazione di nuovi territori, definizione di nuovi ambiti disciplinari, come si evidenzia nelle pagine di Guillaume-Thomas Raynal.
Il ’700 non fu soltanto un secolo di idee ma anche un’età di riforme e in particolare l’età dei
«sovrani illuminati». Alla utilizzazione della categoria «dispotismo illuminato» e alle contraddizioni interne a questa vicenda storica è dedicato il saggio dello storico Luciano Guerci.
d
d
d
d
d
d
d
d
d
d
Voltaire «Dio»
Voltaire «Teista»
David Hume La superiorità del politeismo
Cesare Beccaria Della pena di morte
Franco Venturi Utopia e riforma
Jean-Jacques Rousseau La sovranità è inalienabile
Jean-Jacques Rousseau Del governo in generale
Denis Diderot Agli insorti americani
Robert Darnton Un poliziotto scheda la «Repubblica delle Lettere»
Voltaire Un gigante visita la Terra
Montesquieu Luigi XIV visto dal persiano Rica
Guillaume-Thomas Raynal Il «selvaggio»
Luciano Guerci Il «dispotismo illuminato»
35
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 36
UNITÀ4 L’ETÀ
DELLE RIVOLUZIONI
Percorsi tematici
La rivoluzione americana Aprono questo percorso le pagine dello storico Guido Abbattista,
che ricostruisce un profilo della società nordamericana alla vigilia della rivoluzione, evidenziandone similitudini e differenze rispetto alla società inglese.
Le pagine dello storico Perry Miller sottolineano, invece, le origini religiose della rivolta nelle colonie e il forte richiamo esercitato dal puritanesimo nella società americana.
Guido Abbattista La società nordamericana alla vigilia della rivoluzione
Perry Miller Le radici religiose della rivoluzione americana
Documenti e interpretazioni della rivoluzione francese Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Aspetti e problemi della rivoluzione francese. I brani dedicati alla rivoluzione dell’89 in Francia sono presentati secondo un criterio cronologico, intrecciando ai problemi connessi al succedersi degli eventi le posizioni storiografiche che hanno dominato il vivace dibattito nel XX secolo.
I passi tratti dai Cahiers de doléances chiariscono alcune delle cause politico-sociali del fenomeno rivoluzionario mentre le classiche pagine di George Lefebvre analizzano la «grande paura» dell’89 e i significati della rivolta contadina.
Infine il testo di Madame de Staël fa luce sugli albori della storiografia sulla rivoluzione francese, proponendo una lettura degli avvenimenti rivoluzionari guidata dalla sua concezione della storia.
d Anonimo di Cahier degli abitanti di La Chaleur, Viel-Moulin e Geligny
36
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 37
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
d Anonimo di Cahier della siniscalchia di Nîmes
George Lefebvre La paura dei briganti
d Madame de Staël Considerazioni sul Terrore
Il giacobinismo italiano Questo percorso è interamente dedicato al cosiddetto «triennio giacobino» (1796-99) in Italia.
Del pensiero politico giacobino in Italia costituiscono due esempi contrapposti gli scritti del
piacentino Melchiorre Gioia, riformista moderato del quale si ricordano le aspirazioni unitarie, e quelli del napoletano Vincenzio Russo, autore di un radicale progetto di democrazia popolare contadina, organizzata secondo un regime collettivistico.
Il Russo fu anche tra i repubblicani che a Napoli, nel 1799, vararono il progetto di legge sull’eversione della feudalità nel Regno. Il testo fu applicato solo dopo lunghe discussioni. Ma l’abolizione di privilegi e diritti feudali, l’unico provvedimento che avrebbe potuto avvicinare le
masse contadine e popolari alla causa repubblicana, arrivava troppo tardi. Anche a causa di ciò
la rivoluzione napoletana del 1799 rimase, secondo la celebre definizione di Vincenzo Cuoco,
una «rivoluzione passiva», destinata ad aver vita breve proprio per l’astrattezza dei princìpi che
professava.
Il percorso si chiude con le pagine di Renzo De Felice, che analizzano la forte connotazione religiosa dei fenomeni di panico popolare e l’ondata di miracoli verificatasi nello Stato pontificio tra il 1796 e il 1797.
d
d
d
d
d
d
Melchiorre Gioia «Quale de’ governi liberi meglio convenga alla felicità d’Italia»
Vincenzio Russo «XIV. Libertà»
Vincenzio Russo «XV. Eguaglianza»
Vincenzio Russo «XVIII. Proprietà»
Governo provvisorio della Repubblica napoletana La legge feudale napoletana del 1799. Progetto
Governo provvisorio della Repubblica napoletana La legge feudale napoletana del 1799.
Redazione definitiva
d Vincenzo Cuoco Una «rivoluzione passiva»
Renzo De Felice «La Madonna apre gli occhi»
Il sistema napoleonico Gli anni della dominazione napoleonica sono l’argomento di questo
percorso.
In apertura alcuni passi del decreto di istituzione della dignità imperiale (1804).
37
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 38
Espansioni in Ares
Dopo il 1813, quando le prime sconfitte militari cominciarono a offuscare il mito di Napoleone invincibile stratega, si diffuse nel popolo, provato dalla crisi e dalle continue campagne di
guerra, una «leggenda nera» di Napoleone, astutamente alimentata dalle opposizioni politiche.
Le pagine dello storico Jean Tulard, ricche della documentazione dell’epoca, offrono un’efficace ricostruzione di quel clima.
Lo storico John Stuart Woolf, invece, sottolinea la centralità dell’ideologia civilizzatrice dell’élite francese, che si impegnò a esportare ovunque i suoi moderni criteri di razionalizzazione,
fornendo una giustificazione al progetto napoleonico di integrazione amministrativa dell’Europa.
d Senatoconsulto francese Napoleone imperatore
d Jean Tulard La «leggenda nera» di Napoleone
John S. Woolf Le contraddizioni dell’integrazione
38
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 39
UNITÀ5 LA RIVOLUZIONE
INDUSTRIALE
Percorsi tematici
La prima rivoluzione industriale Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI La rivoluzione industriale.
La storia dell’uso e dei significati dell’espressione «rivoluzione industriale» è intrecciata alle
differenti interpretazioni delle vicende economiche, sociali e culturali dell’Inghilterra fra ’700
e ’800: ad alcuni di questi passaggi semantici sono dedicate le pagine dello storico francese Claude Fohlen.
L’ungherese Karl Polanyi legge in chiave antropologica il conflitto tra la società e le sue strutture tradizionali, da un lato, e l’elemento disgregatore del libero mercato, dall’altro. La radicalità e la complessità delle trasformazioni economiche e sociali innescate dal nuovo sistema produttivo furono avvertite anche dai contemporanei, che reagirono assumendo posizioni assai
diversificate di consenso o di rifiuto, come testimoniano Jeremy Bentham e Thomas Carlyle.
Claude Fohlen Itinerario di un’espressione: «rivoluzione industriale»
Karl Polanyi L’economia innaturale
d Jeremy Bentham Il criterio dell’utile e il buongoverno
d Thomas Carlyle Critica della civiltà delle macchine
La formazione del proletariato e l’industrializzazione Questo percorso integra i TEMI STOLa rivoluzione industriale.
Rivoluzione industriale significò anche nascita della classe operaia: un resoconto diretto e di
RIOGRAFICI
39
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 40
Espansioni in Ares
grande immediatezza della vita quotidiana di un operaio ci viene fornito dalle pagine redatte da
un anonimo filatore all’inizio del XIX secolo.
Edward P. Thompson analizza, invece, gli aspetti culturali e politici del processo di formazione della classe operaia, mentre Karl Marx illustra il concetto di forza-lavoro. A conclusione
abbiamo posto la descrizione di un esempio di precoce capitalismo industriale, quello bolognese: secondo Alberto Guenzi e Carlo Poni a Bologna, a partire dal XVI secolo, grazie all’introduzione del mulino da seta, si realizza la prima forma di sistema di fabbrica.
d Anonimo di Imprenditori tessili e sfruttamento operaio
Edward P. Thompson La formazione della classe operaia
Karl Marx La forza-lavoro come merce
Alberto Guenzi - Carlo Poni Un caso di industrializzazione precoce?
40
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 41
UNITÀ6 LE LOTTE
PER LA LIBERTÀ
Percorsi tematici
Nazioni e nazionalismi Questo percorso si apre con le pagine di due storici, René Rémond e
Rosario Romeo, che illustrano le origini dell’idea di nazione e il suo articolarsi in due diverse
concezioni: quella tradizionalista e tendenzialmente esclusivista – qui illustrata dal filosofo tedesco Johann G. Fichte – e quella democratica, di cui sono esempio un testo di Giuseppe Mazzini e uno assai più tardo di Ernest Renan.
Un diverso punto di vista è quello adottato da uno storico contemporaneo, Ernst Gellner, che
insiste sul carattere «artificiale» della nazione in quanto prodotto dell’azione consapevole degli
intellettuali e dei poteri statali.
d
d
d
d
René Rémond Le due fonti del movimento di nazionalità
Rosario Romeo Idea e coscienza di nazione
Johann G. Fichte «Quarto discorso alla nazione tedesca»
Johann G. Fichte «Ottavo discorso alla nazione tedesca»
Giuseppe Mazzini Sulla nazionalità
Ernst Renan «Che cos’è una nazione?»
Ernst Gellner Nazioni e nazionalismo
Il liberalismo Questo percorso si apre col brano di uno studioso contemporaneo, John Gray,
che esamina le origini del liberalismo e le sue molteplici componenti culturali.
Seguono due testi che illustrano alcuni caratteri fondamentali di questa ideologia e che vertono tutti sul tema centrale della libertà dell’individuo: il discorso dell’industriale Richard Cob41
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 42
Espansioni in Ares
den insiste sul liberismo economico e la fiducia nelle virtù del libero scambio; infine, le pagine
di John Stuart Mill si soffermano sul principio della difesa della sfera privata dalle ingerenze
dello Stato e sui pericoli di «tirannia della maggioranza».
John Gray Locke e le origini del liberalismo
d Richard Cobden Difesa del libero scambio
d John S. Mill Elogio della libertà
La democrazia Questo percorso è introdotto da un brano del filosofo politico Norberto Bobbio, che illustra i caratteri fondamentali della democrazia moderna, soprattutto per quanto attiene ai rapporti col liberalismo.
I testi che seguono – quello del cattolico democratico francese Félicité de Lamennais e quello di Giuseppe Mazzini – esprimono la sensibilità sociale e solidaristica del pensiero democratico e la sua critica all’individualismo liberale. Le pagine tratte da La democrazia in America di
Alexis de Tocqueville descrivono il processo di democratizzazione della società in riferimento
al caso concreto degli Stati Uniti. Infine il testo di una Petizione presentata al Parlamento britannico nel 1837 illustra quella che fu per tutto l’800 la principale rivendicazione dei democratici: il suffragio universale.
d
d
d
d
d
Norberto Bobbio La democrazia moderna
Hugues-Félicité-Robert de Lamennais Schiavitù economica e lotta politica
Giuseppe Mazzini Una democrazia «religiosa»
Alexis de Tocqueville Introduzione a «La democrazia in America»
Alexis de Tocqueville «L’assetto sociale degli Anglo-americani»
Anonimo di Petizione presentata al raduno di Crown e Anchor
Socialismo e comunismo I testi che proponiamo illustrano le diverse componenti del pensiero
socialista nella prima metà dell’Ottocento.
Nelle pagine di Robert Owen, artefice di diversi esperimenti di nuova organizzazione del lavoro e di associazionismo cooperativo, troviamo la denuncia dell’artificiosità dell’intermediazione
commerciale e la proposta della sua abolizione. I due testi successivi ci propongono due diversi e opposti atteggiamenti di fronte all’organizzazione industriale: quello di Charles Fourier illustra l’utopia di piccole organizzazioni produttive strutturate in maniera completamente diversa
dall’industria capitalistica, mentre Claude-Henry de Saint-Simon vede proprio nell’organizza42
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 43
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
zione scientifica dell’industria il modello di organizzazione dell’intera società. Poi incontriamo
i due aspetti principali del pensiero libertario e federalista di Pierre-Joseph Proudhon: la critica del concetto di proprietà e la polemica contro lo Stato accentrato. Infine, il socialismo marxista è presentato attraverso un brano tratto dal Manifesto del Partito comunista di Karl Marx e
Friedrich Engels, sulla formazione e lo sviluppo della classe proletaria.
d
d
d
d
d
d
Robert Owen L’abolizione del commercio
Charles Fourier La società armonica
Claude-Henry de Saint-Simon L’organizzazione scientifica della società
Pierre-Joseph Proudhon L’impossibilità della proprietà
Pierre-Joseph Proudhon Il sistema federativo
Karl Marx - Friedrich Engels Lotta di classe e proletariato industriale
L’eroe romantico Questo percorso è dedicato a un tema più circoscritto, ma importante per
definire l’atmosfera culturale dell’Europa della prima metà del XIX secolo: l’«eroe romantico»,
protagonista della letteratura, ma spesso anche della vita reale delle classi colte, presentato attraverso tre celebri incarnazioni che ne illustrano i caratteri di fondo e l’evoluzione nel tempo: dalle pose eroiche dei protagonisti del Romanticismo trionfante – il René di François-René de Chateaubriand e l’Aroldo di George Gordon Byron – agli atteggiamenti scettici e disillusi dei «figli
del secolo» descritti da Alfred de Musset.
d
d
d
d
d
d
d
d
François-René de Chateaubriand Le inquietudini di René
George G. Byron La partenza di Aroldo (testo in lingua)
George G. Byron La partenza di Aroldo (testo in traduzione)
George G. Byron L’Italia (testo in lingua)
George G. Byron L’Italia (testo in traduzione)
George G. Byron La Grecia (testo in lingua)
George G. Byron La Grecia (testo in traduzione)
Alfred de Musset Le confessioni di un figlio del secolo
La Restaurazione e i suoi nemici Questo percorso si apre con un testo classico della polemica
antirivoluzionaria e antilluministica scritto da Karl Ludwing von Haller che contesta i fondamenti giuridici dell’esperienza rivoluzionaria. Segue la ricostruzione che Henry Kissinger fa
della nascita della Santa alleanza.
43
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 44
Espansioni in Ares
L’altra faccia dell’età della Restaurazione – il mondo delle società segrete rivoluzionarie – è
illustrato attraverso due testi: quello di Filippo Buonarroti, figura centrale del mondo settario
del primo ’800, che ricostruisce la «Cospirazione per l’eguaglianza» di Babeuf, modello originario di organizzazione rivoluzionaria segreta; e quello di uno storico di oggi, James Billington,
che descrive le origini culturali della «fede rivoluzionaria» e alcuni dei modelli organizzativi
attraverso cui si manifestò.
d Karl L. von Haller Il fallimento della rivoluzione
Henry Kissinger La Santa alleanza
d Filippo Buonarroti Babeuf e la «Cospirazione per l’eguaglianza»
James H. Billington Le società segrete
Il 1848 in Francia I brani del percorso trattano aspetti diversi delle rivoluzioni del 1848, con particolare riguardo alla Francia – che del moto rivoluzionario fu il centro e il principale punto di
riferimento.
Apriamo con le pagine di uno storico della società francese, Maurice Agulhon, che delinea
le premesse sociali e culturali della rivoluzione, mentre un costituzionalista, Maurice Duverger, analizza da un punto di vista istituzionale, le tappe che segnarono il passaggio dalla repubblica al Secondo Impero bonapartista.
Maurice Agulhon Le premesse sociali del ’48
Maurice Duverger Dalla Seconda Repubblica al Secondo Impero
Le correnti politiche del Risorgimento Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Letture del Risorgimento.
Alcune delle maggiori scuole di pensiero del Risorgimento sono qui mostrate attraverso gli
scritti dei loro esponenti più rappresentativi. Massimo D’Azeglio sostiene l’utilità del metodo
graduale e dei miglioramenti «pratici e ragionevoli». Mentre Carlo Cattaneo sogna una federazione democratica fra gli Stati italiani, come tappa intermedia per la realizzazione degli Stati Uniti d’Europa. Il percorso si chiude con un brano dello storico Giorgio Candeloro, che spiega come, accanto alle spinte ideologiche, anche i movimenti economici abbiano contribuito
alla crescita del movimento nazionale.
d Massimo D’Azeglio Il programma dei moderati
d Carlo Cattaneo La soluzione federale
Giorgio Candeloro Borghesia e mercato nazionale
44
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 45
UNITÀ7 IL MONDO
BORGHESE
Percorsi tematici
Definizioni della borghesia Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI L’età della borghesia. La problematicità insita nell’uso di termini quali «borghese» e «borghesia» è al centro
di questo percorso.
Definizioni diverse della borghesia emergono dalle pagine di Karl Marx e Friedrich Engels
– che ne sottolineano gli aspetti rivoluzionari e l’azione eversiva nei confronti del vecchio mondo – e dalle pagine del filosofo Benedetto Croce che nega che il concetto di «borghesia» abbia
una validità scientifica e filosofica.
d Karl Marx - Friedrich Engels La borghesia come classe rivoluzionaria
d Benedetto Croce Un equivoco concetto storico
La cultura del positivismo Per molti decenni la cultura positivista fornì il principale fondamento alla mentalità e all’ideologia della borghesia europea.
Le teorie filosofiche di Auguste Comte e di Herbert Spencer, e più ancora quelle di Charles
Darwin sull’origine delle specie, travalicarono i rispettivi ambiti disciplinari, influenzando ogni
campo del sapere e finendo col diventare senso comune di un’intera epoca, oltre che di una classe sociale. In Italia la stagione del positivismo è senz’altro legata al nome di Cesare Lombroso
che, con i suoi studi sulle caratteristiche del delinquente, improntò al metodo sperimentale l’antropologia e la psichiatria.
d Auguste Comte Lo spirito positivo
45
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 46
Espansioni in Ares
d Charles R. Darwin L’uomo come specie
d Herbert Spencer L’evoluzionismo sociale
d Cesare Lombroso L’uomo delinquente
Etica e stili di vita Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI L’età della borghesia. Aspetti fondamentali della cultura e della società borghese possono essere colti efficacemente sia attraverso le analisi degli storici, sia attraverso la rappresentazione (o autorappresentazione) che di
questa società possiamo ricavare dai romanzi (non a caso si è parlato di «romanzo borghese» in riferimento alla grande tradizione narrativa dell’800 e del primo ’900).
Un brano di Honoré de Balzac offre un quadro fortemente critico, precocemente disincantato e pessimistico della società borghese e dei suoi valori, mostrandone la faccia cinica e amorale attraverso la rappresentazione delle sue passioni sfrenate, dell’arrivismo e dell’avidità di
denaro. Lo storico francese Jean Bouvier descrive poi i banchieri Rothschild che, nell’Europa
dell’epoca, diventarono ben presto il simbolo di una nuova ricchezza aggressiva e senza scrupoli
fondata sul denaro, una ricchezza molto diversa da quella tradizionalmente fondata sui proventi delle proprietà fondiarie.
L’analisi del ruolo della famiglia all’interno del mondo borghese è affrontata da Thomas
Mann, che evidenzia lo stretto legame esistente fra l’istituto matrimoniale e le strategie imprenditoriali, mentre nelle pagine della scrittrice Regina di Luanto il matrimonio e la condizione
femminile sono visti attraverso la percezione drammatica e claustrofobica che ne ha la protagonista. Nelle pagine di Andrea Angiulli è possibile valutare il ruolo della filosofia positivista nel
definire i nuovi criteri pedagogici, nel momento in cui l’istruzione diveniva un problema di crescente importanza. Chiude il percorso un brano dedicato al ruolo dell’arte e della produzione
artistica nella realtà borghese, di John Rosselli, che descrive l’ambiente del teatro d’opera.
d Honoré de Balzac Le ambizioni di Eugène
Jean Bouvier Ricco come un Rothschild
d Thomas Mann Il matrimonio di Tony Buddenbrook
d Regina di Luanto La vita coniugale di una giovane borghese
Andrea Angiulli L’educazione della donna
John Rosselli Il teatro d’opera
La città Le nuove dimensioni che la città assume e la molteplicità delle funzioni che essa ospita pongono nuovi problemi di organizzazione del tessuto urbano. Le esigenze di pianificazione
46
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 47
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
che ne derivano tendono a entrare in contrasto con la dominante concezione liberista, dando
luogo a soluzioni diverse e spesso contraddittorie.
Lewis Mumford, urbanista e sociologo, descrive la crescita disordinata delle periferie operaie
sorte con l’industrializzazione. Marshall Berman, studioso della mentalità e della cultura,
descrive la Parigi rigidamente pianificata di Haussmann, mentre una Londra multicentrica, in
equilibrio fra poteri istituzionali e forze sociali, emerge dalle pagine dell’architetto Steen Eiler
Rasmussen. Due brani sono poi dedicati ad altrettanti luoghi tipici della nuova realtà urbana:
la stazione, che troviamo nelle pagine di Wolfgang Schivelbusch, e il grande magazzino, il cui
affermarsi viene descritto dallo storico Heinz-Gerhard Haupt. Chiude il percorso il testo del
sociologo Richard Sennett che esamina le trasformazioni del tessuto urbano alla luce dei nuovi rapporti tra sfera privata e sfera pubblica tipici della società contemporanea.
Lewis Mumford Casa e condizioni di vita nei centri industriali
Marshall Berman I «boulevards» e la nuova immagine della città
Steen E. Rasmussen Londra: una città in movimento
Wolfgang Schivelbusch La stazione: una nuova architettura urbana
Heinz-Gerhard Haupt Negozi e grandi magazzini
Richard Sennett Vita pubblica e società borghese
47
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 48
UNITÀ8 L’UNITÀ D’ITALIA
Percorsi tematici
L’unificazione italiana Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Letture del Risorgimento.
I testi che presentiamo riguardano il cosiddetto «decennio di preparazione», ossia il periodo
compreso tra il fallimento delle rivoluzioni del ’48-49 e il compimento dell’unità. Nel primo
brano lo storico Franco Della Peruta descrive la ripresa dell’iniziativa mazziniana e, pur sottolineandone i limiti, la mette in relazione con l’estendersi dell’opposizione all’assolutismo. La
via «piemontese» e moderata alla soluzione della questione nazionale è illustrata da un discorso di Camillo Benso di Cavour dedicato alle questioni economiche e sociali, in cui emerge l’ispirazione moderna e pragmatica del liberalismo cavouriano. Il testo di Carlo Pisacane esprime invece il tentativo di proporre un’alternativa rivoluzionaria, fondendo questione nazionale
e questione sociale, mentre, nel brano successivo, lo storico Giorgio Candeloro spiega quali fossero in concreto le possibilità di un’insurrezione nel Mezzogiorno. Un altro storico, Romano
Paolo Coppini, analizza il complesso intreccio di fattori che consentirono il difficile incontro
tra l’iniziativa «dall’alto» di Cavour e della monarchia sabauda e quella «dal basso» di Garibaldi. L’epopea garibaldina è infine esaminata nella celebre rievocazione autobiografica di Giuseppe Cesare Abba.
Il Risorgimento italiano, tuttavia, coinvolse una minoranza della popolazione, formata principalmente da gruppi di nobili e di borghesi impegnati nell’industria, nel commercio, nelle professioni liberali, insieme con fasce ristrette di studenti, artigiani, operai. La grande maggioranza
rimase indifferente oppure nutrì nei confronti della causa nazionale sentimenti di ostilità. Alcuni esponenti dell’aristocrazia e del clero, nelle varie parti della penisola, si fecero interpreti di
questa ostilità, attraverso una intensa attività pubblicistica. L’opposizione al Risorgimento, tut48
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 49
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
tavia, non assunse mai un valore di concreta proposta politica alternativa, ma piuttosto si caratterizzò per il rimpianto del passato, la difesa della tradizione, l’incapacità di analizzare i motivi
di crisi dell’antico regime. Così il conte Clemente Solaro della Margherita nega, a differenza
di quanto vorrebbero far credere i patrioti, che nella storia italiana sia presente l’aspirazione
all’indipendenza; il sacerdote Giacomo Margotti indica l’unione religiosa sotto la guida del
papato come la forma più elevata di associazione tra gli italiani; il magistrato Pietro Calà-Ulloa,
scrivendo nel 1861, attribuisce il crollo del Regno borbonico alle trame segrete del Piemonte e
alla sua volontà di espansione.
Infine ai princìpi fondativi dello Stato unitario, delineati particolarmente dalla politica di
Cavour, è dedicato il brano del grande storico liberale Rosario Romeo.
d
d
d
d
d
d
Franco Della Peruta Il mazzinianesimo dopo il 1848
Camillo Benso di Cavour Contro il protezionismo e il socialismo
Carlo Pisacane Nazionalità e libertà
Giorgio Candeloro Il Mezzogiorno e la Sicilia alla vigilia dell’unità
Romano P. Coppini Cavour e l’impresa dei Mille
Giuseppe C. Abba La battaglia di Calatafimi
Clemente Solaro della Margarita Gli italiani non si vogliono unire
Giacomo Margotti Il cattolicesimo, speranza d’Italia
Pietro Calà-Ulloa In difesa dei Borboni
Rosario Romeo I valori dello Stato unitario
Stato e società nell’Italia unita Argomento del percorso sono i problemi che la classe dirigente liberale dovette affrontare all’indomani dell’unità per rafforzare e legittimare le nuove istituzioni del Regno d’Italia.
Di questa classe dirigente, i primi tre brani descrivono orientamenti e scelte di fondo: il primo, dello storico Alberto Caracciolo, illustra i motivi che portarono gli uomini della Destra storica a optare per un modello accentrato di organizzazione dello Stato; il secondo, tratto da un
famoso lavoro di Federico Chabod, analizza l’atteggiamento dei liberali moderati di fronte alla
questione sociale; nel terzo, uno storico contemporaneo, Raffaele Romanelli, tratta in termini
originali il tema del distacco fra «paese reale» e «paese legale». Infine un altro storico, Giorgio
Candeloro, affronta il grande problema del brigantaggio, che come pochi altri condizionò le
scelte della classe politica. Gli ultimi due brani affrontano una tematica diversa, ma non meno
centrale, quella relativa alla faticosa costruzione di una cultura nazionale: il linguista Tullio De
49
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 50
Espansioni in Ares
Mauro illustra i limiti assai ristretti della conoscenza e dell’uso della lingua italiana all’indomani
dell’unità e descrive gli sforzi della classe dirigente per promuoverne la diffusione; infine il tentativo di dare agli italiani la coscienza e l’orgoglio delle bellezze della propria terra è esemplificato da un brano tratto dalla celebre opera Il Bel Paese, dell’abate Antonio Stoppani, pubblicata nel 1875.
Un problema che esplose nell’Italia liberale degli ultimi decenni dell’800 fu la questione
meridionale: lo studioso e politico toscano Leopoldo Franchetti, in una celebre inchiesta sulla
Sicilia del 1877, analizza per la prima volta in modo sistematico origini e caratteri del fenomeno mafioso; mentre il lucano Giustino Fortunato, uno dei padri del meridionalismo, in un articolo pubblicato nel 1911 descrive le cause oggettive della povertà del Sud d’Italia, sfatando il
mito, assai diffuso fino a tutto l’800, di una naturale fertilità delle terre nel Mezzogiorno; a soffrire di gravissimi problemi strutturali era del resto l’intera agricoltura italiana. La nascita lenta
e difficile di un’industria moderna in Italia è quindi illustrata da due storici: Luciano Cafagna
sottolinea le iniziali difficoltà del processo di industrializzazione, mentre Rosario Romeo si sofferma sui fattori che, nonostante tutto, ne resero possibile l’avvio. Infine, nelle pagine di un grande storico, Gioacchino Volpe, viene affrontato in chiave esplicitamente nazionalista il fenomeno dell’emigrazione, anch’esso conseguenza e segno dell’arretratezza economica del paese.
Alberto Caracciolo La scelta accentratrice
Federico Chabod La classe dirigente di fronte alle masse popolari
Raffaele Romanelli Il progetto liberale
Giorgio Candeloro Le cause del brigantaggio
Tullio De Mauro Analfabetismo e istruzione elementare
d Antonio Stoppani «Il Bel Paese»
d Leopoldo Franchetti La Sicilia nel 1876: clientele e mafia
d Giustino Fortunato Le due Italie
Luciano Cafagna Un lento sviluppo industriale
Rosario Romeo L’industrializzazione «forzata»
Gioacchino Volpe L’emigrazione
50
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 51
UNITÀ9 LA POLITICA
DI POTENZA
Percorsi tematici
Il sistema delle alleanze Il percorso offre un quadro dei sistemi di alleanza e degli equilibri
internazionali nell’Europa della seconda metà dell’800.
Un brano dello storico Alan John Percival Taylor descrive le logiche e i meccanismi che regolavano i rapporti tra i maggiori protagonisti della politica internazionale (le «grandi potenze»):
protagonisti che rimasero sempre gli stessi lungo il corso del secolo, fino all’emergere delle nuove potenze extraeuropee. Segue il testo della Convenzione militare franco-russa. Infine lo storico Paul Kennedy descrive l’ascesa, soprattutto economica, della Germania imperiale e spiega perché tale ascesa era sentita dalle potenze rivali come una oggettiva minaccia.
Alan J.P. Taylor L’Europa delle grandi potenze
d Cancelleria di Stato La Convenzione militare franco-russa
Paul Kennedy L’ascesa della Germania
Politica e società Le scelte internazionali delle grandi potenze nella seconda metà dell’800 erano strettamente intrecciate ai problemi politici e sociali che ciascuno Stato doveva affrontare al
suo interno.
Il percorso si apre con due brani relativi alla Francia: uno dei maggiori storici francesi,
François Furet, rilegge la tragedia della Comune come ultimo atto di una vicenda iniziata nel
1789; un altro storico, Michel Winock, descrive le caratteristiche della Terza Repubblica attraverso il ritratto di uno dei suoi artefici e protagonisti, Jules Ferry. Il brano di Edoardo Grendi ci
51
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 52
Espansioni in Ares
parla invece della Gran Bretagna e spiega come le trasformazioni economiche e culturali dell’ultimo ventennio del secolo avessero intaccato i fondamenti etici e le certezze della società vittoriana, che pure sembrava attraversare una fase di splendore. Gli ultimi due testi sono dedicati agli Stati Uniti.
Le pagine tratte da un classico studio di Frederick J. Turner, scritte alla fine dell’800, illustrano
l’importanza del mito della frontiera nello sviluppo della società nordamericana, mentre il sociologo statunitense Barrington Moore jr. vede nella guerra di secessione la tappa fondamentale di un
processo di modernizzazione.
François Furet La Comune, ultimo atto della rivoluzione
Edoardo Grendi Il tramonto della società vittoriana
Michel Winock La repubblica di Jules Ferry
Frederick J. Turner Il significato della frontiera nella storia americana
Barrington Moore jr. La guerra civile americana e lo sviluppo del capitalismo
Imperialismo e colonialismo Il percorso si apre con un brano dello storico contemporaneo
Giampiero Carocci, che inquadra il fenomeno dell’imperialismo alla luce delle diverse interpretazioni che ne sono state date e ne mette in luce soprattutto la notevole complessità; segue
una pagina di Lenin, in cui è riassunta e codificata l’interpretazione economica dell’imperialismo secondo un’ottica marxista.
Per affrontare il tema del colonialismo – che dell’imperialismo fu la manifestazione più eclatante – proponiamo un brano dello storico Eric J. Hobsbawm che ne illustra le origini e lo sviluppo. Chiudiamo con una poesia di Joseph Rudyard Kipling, che celebra le imprese degli
europei, considerati ambasciatori di civiltà in terre inospitali.
Giampiero Carocci Una definizione dell’imperialismo
d Vladimir I. Ulianov Lenin L’imperialismo stadio monopolistico del capitalismo
Eric J. Hobsbawm Una spiegazione del colonialismo
d Joseph R. Kipling Il fardello dell’uomo bianco
Le trasformazioni dell’Italia alla fine dell’800 Negli anni della Sinistra al potere anche la politica italiana subì importanti trasformazioni e vide emergere nuovi protagonisti. Sappiamo che
la realtà politica dell’Italia di fine secolo, dominata a livello parlamentare dal fenomeno del «trasformismo», suscitò la delusione e lo scontento della maggior parte degli intellettuali: una rea52
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 53
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
zione ben descritta nelle pagine dello storico della letteratura Alberto Asor Rosa. I due documenti che seguono trattano invece della nascita dei nuovi movimenti politici e sociali estranei
e ostili alle istituzioni e alla classe dirigente liberale. Le prime forme di associazionismo di classe fra i manovali sono esemplificate dal programma della Lega di resistenza fra i lavoratori di
Milano; infine un discorso di Giuseppe Sacchetti, esponente autorevole dell’Opera dei congressi, illustra i motivi ispiratori dell’opposizione allo Stato e dell’impegno organizzativo dei cattolici intransigenti.
Alberto Asor Rosa La protesta degli intellettuali
d Anonimo di Programma della Lega di resistenza fra i lavoratori muratori di Milano
d Giuseppe Sacchetti Il cattolicesimo intransigente
53
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 54
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 55
VOLUME 5
Dalla seconda
rivoluzione industriale
alla globalizzazione
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 56
UNITÀ1
INDUSTRIALIZZAZIONE
E SOCIETÀ DI MASSA
Percorsi tematici
Scienza, tecnologia e organizzazione del lavoro Un forte legame tra scienza e tecnologia caratterizzò la «seconda rivoluzione industriale», quando la scienza intervenne direttamente nello sviluppo delle produzioni che segnarono il passaggio alla nuova epoca (chimica, elettricità, metallurgia).
Proprio quest’aspetto, insieme con i profondi mutamenti nell’organizzazione produttiva, sono
richiamati da Joel Mokyr, mentre allo sviluppo dell’industria dell’acciaio sono dedicate le pagine di David S. Landes.
Sul piano dell’organizzazione industriale avanza un processo di razionalizzazione che dagli
Stati Uniti si diffonde nei primi decenni del ’900 in tutto l’Occidente. Tale passaggio è qui
descritto dall’inventore della catena di montaggio e della produzione di automobili in grande
serie, Henry Ford.
Anche il lavoro negli uffici, appannaggio dei ceti medi, era sottoposto nel medesimo periodo a
un processo di razionalizzazione che viene descritto nell’ultimo brano, di Charles Wright Mills.
Joel Mokyr La seconda rivoluzione industriale
David S. Landes L’età dell’acciaio
d Henry Ford Catena di montaggio e disciplina sociale
Charles Wright Mills Il nuovo ufficio
56
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 57
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
La società di massa Il grande sviluppo urbanistico e le conseguenze sociali dei nuovi sistemi
lavorativi sono gli aspetti più appariscenti della società di massa.
Il percorso si apre con un brano di André Armengaud sullo sviluppo delle città europee nel XIX
secolo. I tre brani successivi sono tratti da opere che, in tempi diversi e da diverse prospettive, hanno cercato di definire il fenomeno «società di massa»: La psicologia delle folle di Gustave Le Bon,
pubblicata nel 1895, ha aperto la strada a una serie di studi sulla folla come entità collettiva; il filosofo José Ortega y Gasset si concentra sulla questione della «qualità» umana, denunciando i rischi dell’irrompere delle masse sulla scena politica; per finire con la Scuola di Francoforte, che è
tornata sul problema nel secondo dopoguerra: nel brano di Theodor W. Adorno e Max Horkheimer sono analizzati i contenuti di mezzo secolo di riflessione sulla società di massa.
Marcel Reinhard - André Armengaud - Jacques Dupaquier La rivoluzione demografica
d Gustave Le Bon La psicologia delle folle
d José Ortega y Gasset La ribellione delle masse
Theodor W. Adorno - Max Horkheimer Le masse: una analisi sociologica
La macchina dei partiti L’avvento della società di massa provoca profonde ripercussioni sull’assetto istituzionale dello Stato ottocentesco e sui metodi dell’attività politica.
La struttura dei moderni partiti politici è descritta nelle pagine di Max Weber, figura centrale
della cultura di primo ’900; il tedesco Robert Michels, partendo dal caso della socialdemocrazia
tedesca, analizza le dinamiche interne delle organizzazioni di massa, individuando un nesso strettissimo tra le esigenze organizzative dei partiti e la formazione di oligarchie alla loro guida; Maurice Duverger, uno dei maggiori esperti contemporanei sull’argomento, si sofferma sugli «elementi di base» che definiscono la forma partito. Lo sviluppo della rappresentanza politica in direzione del suffragio universale è riassunto infine dal politologo norvegese Stein Rokkan.
Max Weber Potere burocratico e direzione politica
Robert Michels Organizzazione e oligarchia
Maurice Duverger L’organizzazione dei partiti
Stein Rokkan Un uomo, un voto, un valore
La questione femminile A fine ’800 emerge prepotentemente la «questione femminile», originata dalla massiccia presenza delle donne in molti settori lavorativi e dalla conseguente domanda di partecipazione politica.
57
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 58
Espansioni in Ares
Il percorso si apre con un brano della storica americana Joan Wallach Scott, dove vengono
confrontate le caratteristiche del lavoro femminile nell’età precedente e successiva al processo
di industrializzazione. Il dibattito tra Anna Maria Mozzoni e Anna Kuliscioff evidenzia le divergenze di opinione, anche in seno al movimento emancipazionista, riguardo alla linea politica
da seguire per tutelare le donne lavoratrici.
Dal dibattito teorico passiamo all’esperienza concreta con la testimonianza di un’operaia piemontese impiegata nei primi anni del ’900 in una filanda di Marsiglia. L’ultimo brano, della studiosa inglese Sheila Rowbotham, descrive l’esperienza delle organizzazioni suffragiste inglesi e
i loro difficili rapporti con gli esponenti delle forze politiche anche nel campo socialista.
Joan W. Scott Il lavoro delle donne
d Anna Maria Mozzoni Legislazione a difesa delle donne lavoratrici
d Anna Kuliscioff In nome della libertà della donna. «Laissez faire, laissez passer!»
d Nuto Revelli La filanda di Marsiglia
Sheila Rowbotham Le suffragette
Socialisti e cattolici I primi brani che presentiamo percorrono la vicenda del movimento operaio dalla fondazione della II Internazionale dei lavoratori fino alla vigilia del primo conflitto
mondiale.
Nei programmi della Seconda Internazionale venne stabilita una piattaforma comune per
l’azione politica dei partiti socialisti nei diversi Stati, ma il dibattito interno rimase molto acceso. Al centro di tale dibattito vi fu la corrente del revisionismo, diffusa da Eduard Bernstein,
mentre la nuova strategia rivoluzionaria fondata sul mito dello sciopero generale è descritta nel
brano di Georges Sorel, pensatore isolato ma influente su intellettuali di opposta sponda politica.
Il brano dello storico inglese Eric J. Hobsbawm offre infine uno sguardo panoramico sul
movimento operaio in Europa tra ’800 e ’900.
L’estendersi dei processi di secolarizzazione e i nuovi conflitti sociali sollevarono un forte
dibattito all’interno del mondo cattolico e fecero sentire con urgenza la necessità di una risposta alle nuove sfide della modernità.
Le conseguenze della pubblicazione dell’enciclica di Papa Leone XIII sull’operato del mondo cattolico sono descritte dall’autorevole storico della Chiesa Pietro Scoppola.
Il brano conclusivo è dedicato alle caratteristiche della fede popolare nel periodo di sviluppo
della società di massa: Roger Aubert, uno dei maggiori storici della Chiesa contemporanea, offre
uno sguardo panoramico sulle forme di devozione popolare.
58
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 59
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
d Seconda Internazionale Azione politica e questione economica nei programmi
della II Internazionale
d Eduard Bernstein Il revisionismo
d George Sorel Il mito dello sciopero generale
Eric J. Hobsbawm Movimento operaio e partiti socialisti
Pietro Scoppola Il cattolicesimo sociale
Roger Aubert Le nuove forme di devozione popolare
59
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 60
UNITÀ2 L’EUROPA
E IL MONDO ALLA VIGILIA
DELLA GUERRA
Percorsi tematici
Equilibri precari Questo percorso è dedicato ai tre grandi Imperi dell’Europa centro-orientale
alla vigilia della prima guerra mondiale.
Sul rapporto tra le trasformazioni delle relazioni internazionali e lo scoppio della Grande
Guerra svolge un’analisi James Joll; lo storico Michael Stürmer si sofferma sul nuovo corso della politica tedesca, che influì pesantemente sugli equilibri europei.
L’atmosfera degli ultimi anni dell’Impero austro-ungarico è evocata nelle pagine di Robert
Musil, mentre lo storico Alan Sked descrive l’intensificarsi del problema delle nazionalità nello Stato asburgico. Francesco Benvenuti traccia poi un bilancio dello sviluppo industriale dell’Impero russo fino alla prima guerra mondiale.
L’età dell’imperialismo vede l’apogeo della potenza europea, ma altre civiltà si stanno affacciando sulla scena mondiale: l’Oriente, con la Cina e il Giappone, e gli Stati Uniti, che si apprestano a diventare la maggiore potenza mondiale.
I primi segni del declino dell’Europa e della reazione antioccidentale in Asia e in Africa sono
analizzati nel brano dello storico inglese Geoffrey Barraclough, mentre i due testi successivi si
concentrano sulle grandi potenze emergenti in Asia. Nel primo il diplomatico e storico canadese
E. Herbert Norman descrive la straordinaria crescita politica ed economica del Giappone tra fine ’800 e inizio ’900; nel secondo i due storici Mario Sabattini e Paolo Santangelo ripercorrono
gli eventi che hanno segnato la nascita della Cina moderna, dal crollo della dinastia Manciù alla
proclamazione della repubblica.
60
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 61
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
Conclude il percorso un brano dello storico Bruno Cartosio, che descrive l’epoca «progressista» negli Stati Uniti, il quindicennio precedente la prima guerra mondiale attraversato da un
forte impulso riformatore a livello politico e sociale.
James Joll Equilibrio e squilibrio
Michael Stürmer La Germania verso la prima guerra mondiale
d Robert Musil La Cacania
Alan Sked La rinascita dei nazionalismi nella monarchia austriaca
Francesco Benvenuti L’impero russo tra arretratezza e sviluppo
Geoffrey Barraclough La rivolta contro l’Occidente
E. Herbert Norman L’espansione del Giappone
Mario Sabattini - Paolo Santangelo La nascita della Repubblica in Cina
Bruno Cartosio L’epoca progressista in America
L’Italia giolittiana I brani di questo percorso tracciano un quadro dell’età giolittiana nei suoi
aspetti politici, culturali e sociali.
La continuità con la formula di governo del trasformismo è analizzata da Roberto Vivarelli,
mentre nel brano successivo emerge la situazione culturale nell’Italia di inizio ’900 attraverso le
pagine del filosofo Benedetto Croce che descrive la reazione antipositivista e l’avvento dell’idealismo.
Dal punto di vista sociale l’età giolittiana è segnata dalla grande diffusione delle organizzazioni socialiste e cattoliche. Lo storico Giuliano Procacci analizza il movimento operaio italiano e lo sviluppo dei sindacati; Gabriele De Rosa ricostruisce le origini del partito cattolico
nel programma di Luigi Sturzo.
Conclude un’analisi del sociologo Giordano Sivini, che offre un’interpretazione sull’organizzazione e l’azione politica dei due movimenti.
Roberto Vivarelli Trasformismo e giolittismo
d Benedetto Croce La reazione al positivismo e l’idealismo
Giuliano Procacci Il movimento operaio italiano all’inizio del secolo
Gabriele De Rosa Sturzo e le origini del partito cattolico
Giordano Sivini Le «subculture» socialista e cattolica
61
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 62
UNITÀ3 GUERRA
E RIVOLUZIONE
Percorsi tematici
Mito e realtà della Grande Guerra Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Guerra
e rivoluzione. La drammatica realtà della guerra e della vita di trincea, vista soprattutto attraverso la percezione che ne avevano i contemporanei, costituisce il tema di questo percorso.
Mario Silvestri descrive gli spaventosi massacri sui campi di battaglia del fronte occidentale.
L’esperienza estraniante della guerra di trincea, la condizione di isolamento vissuta dai soldati,
l’attesa logorante dell’attacco, la lotta contro un nemico invisibile privato di ogni connotato
umano emergono con forza dalle pagine di due scrittori diversissimi fra loro per cultura e orientamenti politici: il tedesco Ernst Jünger e l’italiano Emilio Lussu.
Nelle pagine dell’ufficiale italiano Valentino Coda ritroviamo invece lo sbandamento dei soldati durante la ritirata di Caporetto. Infine, per lo storico George L. Mosse, i racconti e le testimonianze dei reduci contribuirono a formare il «mito della guerra», un mito originato dalla
volontà di dare alle terribili esperienze belliche un significato che giustificasse il sacrificio e i
lutti.
Mario Silvestri La guerra di posizione
d Ernst Jünger All’ombra della morte
d Emilio Lussu La trincea nemica
d Valentino Coda Diario di Caporetto
George L. Mosse Il mito dell’esperienza della guerra
62
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 63
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
La rivoluzione russa Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Guerra e rivoluzione.
La rivoluzione russa è l’evento che più influenzò i primi decenni del secolo, sia per i mutamenti
internazionali suscitati dalla fine dell’Impero zarista, sia per il condizionamento del modello
rivoluzionario leninista sul movimento operaio e socialista.
I fattori che resero possibile la vittoria bolscevica sono analizzati nelle pagine di uno dei primi storici della rivoluzione, William H. Chamberlin. Uno storico italiano, Piero Melograni,
analizza le contraddizioni fra la teoria (libertaria) e la prassi (autoritaria) del potere bolscevico.
William H. Chamberlin Le cause della vittoria bolscevica
Piero Melograni Le contraddizioni del potere bolscevico
La Repubblica di Weimar La vicenda tragica e complessa della Repubblica di Weimar ha un
ruolo centrale nella crisi della democrazia europea.
Il primo brano, tratto da un libro dello storico Hagen Schulze, abbozza un bilancio complessivo dell’esperienza repubblicana e delle sue debolezze congenite. Lo scrittore Ernst von
Salomon delinea con stile incisivo e appassionato una di queste debolezze: la divisione interna
del paese fra fautori della democrazia parlamentare e nazionalisti di destra, di cui lo stesso von
Salomon faceva parte. Concludono le parole di Peter Gay, che descrive le trasformazioni della
cultura nel periodo di Weimar.
Hagen Schulze La sconfitta della democrazia
d Ernst von Salomon Una nazione divisa
Peter Gay La cultura di Weimar: l’espressionismo
La crisi del dopoguerra in Italia La crisi della democrazia europea cominciò a profilarsi già
all’indomani di quella guerra che avrebbe dovuto segnare il trionfo degli ideali democratici: una
delle sue manifestazioni più importanti e più gravide di conseguenze fu il collasso dello Stato
liberale italiano nei primi anni ’20.
Apriamo con un significativo brano di Gaetano Salvemini sulle conseguenze politiche e psicologiche del mito della «vittoria mutilata». Il documento successivo – il Programma socialista
del Partito socialista – illustra le posizioni delle forze politiche emergenti, che avrebbero dovuto raccogliere l’eredità della vecchia classe dirigente. Se il programma del Psi massimalista
mostra come il maggior partito di massa fosse schierato su posizioni di estremismo verbale, cui
peraltro non corrispondeva alcuna reale preparazione rivoluzionaria, l’articolo di Antonio
Gramsci sui consigli di fabbrica dà conto della posizione di quelle avanguardie che, con mag63
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 64
Espansioni in Ares
giore serietà intellettuale ma con altrettanta assenza di realismo, si ponevano il problema dell’applicazione del modello sovietico nella realtà italiana. Con i brani successivi affrontiamo le
origini del fascismo. Un testimone e storico di quegli avvenimenti, Angelo Tasca, spiega le cause del successo delle camicie nere; uno dei maggiori storici del fascismo italiano, Emilio Gentile, analizza i caratteri dello squadrismo, individuando nelle sue forme organizzative, anch’esse ispirate all’esperienza militare, e nello spirito che le animava il nucleo originario dell’intera
esperienza fascista. Renzo De Felice, infine, traccia un quadro di insieme sulle origini del fascismo e sui fattori che ne consentirono l’ascesa al potere.
d
d
d
d
64
Gaetano Salvemini Il mito della «vittoria mutilata»
Partito socialista italiano «Programma socialista» (1919)
Antonio Gramsci I consigli di fabbrica
Angelo Tasca Lo squadrismo fascista e la sconfitta socialista
Emilio Gentile Il partito-milizia
Renzo De Felice Le origini del fascismo
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 65
UNITÀ4 LA GRANDE CRISI
E I TOTALITARISMI
Percorsi tematici
La grande crisi e la società di massa Argomento del percorso è la grande crisi del 1929, analizzata nelle sue cause da Michael E. Parrish e nei suoi effetti dallo storico Ernesto Galli della Loggia.
Jürgen Kocka, nel saggio Impiegati tra fascismo e democrazia, si concentra in particolare sul
rapporto tra l’ascesa della classe media e l’evoluzione in senso democratico o totalitario delle
forme politiche.
Michael E. Parrish Le cause della grande depressione
Ernesto Galli della Loggia Gli anni ’30: caratteri di una «transizione»
Jürgen Kocka Impiegati e operai
Il totalitarismo Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Totalitarismi e stermini di
massa ed è dedicato alla formazione e allo sviluppo dei regimi totalitari nella Germania di Hitler
e nell’Unione Sovietica di Stalin.
La ricostruzione dello storico François Furet è centrata sulla funzione delle ideologie nei due
apparati di potere. Al Terzo Reich sono dedicati due saggi: nel primo lo storico Karl D. Bracher
sottolinea il legame fra tradizione e rivoluzione nell’ideologia nazista, nel secondo lo storico
Norbert Frei si sofferma soprattutto sugli apparati repressivi del regime.
Per quanto riguarda l’Unione Sovietica lo storico Moshe Lewin analizza alcune conseguenze dell’industrializzazione accelerata, Francesco Benvenuti analizza il fenomeno della «collettivizzazione», ossia il controllo totale da parte dello Stato sulle risorse umane ed economiche.
65
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 66
Espansioni in Ares
François Furet La funzione delle ideologie
Karl D. Bracher Una forma di dominio totalitario: il nazionalsocialismo
Norbert Frei Lo Stato delle SS
Moshe Lewin Le conseguenze dell’industrializzazione sovietica
Francesco Benvenuti La collettivizzazione
Il regime fascista Il percorso è dedicato al processo di trasformazione dello Stato italiano dall’ordinamento liberale al regime mussoliniano.
I caratteri innovativi del fenomeno fascista, nell’analisi di Renzo De Felice, incontrano il largo consenso degli italiani al nuovo Stato. Lo studio dello storico Emilio Gentile descrive la natura del regime fascista, fondato sul mito e l’organizzazione. Un saggio teorico del filosofo Giovanni Gentile rappresenta poi il maggiore sforzo di conferire al fascismo quello spessore concettuale che sin dall’inizio gli era mancato.
Sulla politica economica e sociale del regime si sofferma il brano di Bruno Wanrooij, che evidenzia i caratteri delle riforme sociali. Il rapporto tra gli intellettuali e lo Stato è ricostruito da
un brano di Giovanni Belardelli.
Dopo l’alleanza con la Germania nazista, il controllo ideologico diviene più rigido. La vigilanza sulla società trova espressione nelle Direttive per la stampa del governo.
Renzo De Felice Il fenomeno fascista
Emilio Gentile Mito e organizzazione nell’esperienza fascista
d Giovanni Gentile La dottrina del fascismo
Bruno Wanrooij I limiti della politica sociale
Giovanni Belardelli Gli intellettuali e il regime
d Ufficio stampa della Presidenza del Consiglio Direttive per la stampa
L’antifascismo italiano In questo percorso le ragioni dell’antifascismo liberale sono illustrate da
un articolo di Piero Gobetti e dal «contromanifesto» di Benedetto Croce, che denuncia la
debolezza del pensiero fascista.
In ambito cattolico Luigi Sturzo, intervistato nel 1924, sostiene con energia l’incompatibilità
tra ideologia fascista e cattolicesimo e denuncia l’equivoco «clerico-fascista».
Poi Aldo Garosci analizza la condizione dei fuorusciti, gli antifascisti rifugiatisi all’estero.
Le principali correnti dell’antifascismo militante sono infine presentate attraverso gli scritti di
tre dei suoi maggiori esponenti, espressione di altrettanti filoni politici e culturali: il liberalso66
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 67
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
cialista Carlo Rosselli, i socialisti Pietro Nenni e Giuseppe Saragat e il comunista Palmiro
Togliatti.
d Piero Gobetti Il fascismo, autobiografia della nazione
d Benedetto Croce Il «contromanifesto» antifascista
d Luigi Sturzo Intervista a «La Stampa»
Aldo Garosci Il fuoruscitismo
d Carlo Rosselli La libertà come mezzo e come fine
d Pietro Nenni - Giuseppe Saragat Socialismo e antifascismo
d Palmiro Togliatti Il fascismo come dittatura di classe
67
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 68
UNITÀ5 LA SECONDA
GUERRA MONDIALE
E LE SUE CONSEGUENZE
Percorsi tematici
La guerra totale In questo percorso sono analizzati, da diversi punti di vista, alcuni fra gli episodi più significativi e più tragici del secondo conflitto mondiale.
Gli effetti della guerra-lampo tedesca e i suoi straordinari successi iniziali sono descritti, per
quanto riguarda l’invasione della Polonia, da un’efficacissima rievocazione letteraria, tratta da
un romanzo di Alexander Lernet-Holenia, e, per quanto riguarda l’attacco alla Francia, dall’analisi di Alan J.P. Taylor. Complementare a quest’ultimo brano è quello tratto da La strana
disfatta del grande storico Marc Bloch, che offre una testimonianza sui fattori etico-politici della sconfitta francese.
Con i due testi che seguono ci spostiamo verso i fronti orientali: le pagine di uno studioso italiano, Mario Silvestri, mostrano, con l’eloquente linguaggio delle cifre, l’entità delle perdite
subite dall’Urss; quelle di uno storico inglese, William G. Beasley, ricostruiscono i caratteri dell’espansionismo giapponese nel Sud-Est asiatico.
Il percorso si chiude con un brano particolarmente «duro» dello scrittore Kurt Vonnegut
dedicato al bombardamento di Dresda, una delle azioni più discutibili compiute dalle forze
alleate.
d Alexander Lernet-Holenia La distruzione della Polonia
Alan J.P. Taylor L’attacco alla Francia
d Marc Bloch La strana disfatta
68
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 69
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
Mario Silvestri Le perdite dell’Urss
William G. Beasley L’espansionismo giapponese
d Kurt Vonnegut Il bombardamento di Dresda
La Shoah Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Totalitarismi e stermini di massa
ed è dedicato all’antisemitismo, la caratteristica peculiare dell’ideologia nazista che rielabora
antichi pregiudizi e tradizioni culturali diffuse in Europa.
Per illustrare l’ideologia razziale nazista proponiamo un brano dal Mein Kampf di Adolf
Hitler. Il problema del coinvolgimento della popolazione tedesca nel genocidio è ricostruito
attraverso la lettura di Christopher R. Browning, sostenitore di un’interpretazione più attenta
ai fattori sociali e ambientali, capaci di trasformare uomini comuni in carnefici.
Testimone d’eccezione della vita nei campi di sterminio è stato lo scrittore Primo Levi, che
in un saggio analizza il fenomeno dei «prigionieri-funzionari».
Wolfgang Sofsky, infine, individua nel concetto di «potere assoluto» la forma peculiare di
dominio che unisce l’organizzazione razionale e la violenza bruta tese all’annientamento dell’altro.
d Adolf Hitler Un manifesto dell’antisemitismo: il «Mein Kampf»
Christopher R. Browning Uomini comuni?
d Primo Levi La zona grigia
Wolfgang Sofsky Il «potere assoluto»
L’Italia in guerra e la Resistenza Per l’Italia la partecipazione alla seconda guerra mondiale a
fianco della Germania si risolse in una serie di sconfitte che finirono col provocare la crisi del
regime fascista.
I testi che presentiamo riguardano i due momenti-chiave di questa vicenda: quello dell’entrata in guerra e quello della difficile uscita dal conflitto. I mutevoli orientamenti dell’opinione
pubblica sulla guerra sono illustrati dalla storica Simona Colarizi attraverso l’analisi dei rapporti
redatti dagli informatori della polizia fascista. La celebre seduta del Gran consiglio che, il 25
luglio 1943, pose fine al regime fascista è ricostruita nelle memorie di uno dei suoi protagonisti, Dino Grandi. Infine, sulla tragedia dell’8 settembre, vista come catastrofe non solo militare
ma anche politica e morale, riportiamo l’interpretazione che ne dà lo storico Ernesto Galli della Loggia, in un saggio del 1994 significativamente intitolato La morte della patria.
I testi che seguono sono dedicati al movimento di resistenza che si sviluppò fra il settembre
1943 e l’aprile 1945 nell’Italia occupata dai tedeschi. Le origini delle formazioni partigiane e le
69
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 70
Espansioni in Ares
motivazioni, pratiche e ideali, dei primi gruppi combattenti sono descritte efficacemente dal
giornalista e storico Giorgio Bocca. Nel brano successivo, tratto da un libro molto noto dello
storico Claudio Pavone, è trattata in termini problematici la questione, a lungo elusa dalla storiografia antifascista, del rapporto fra Resistenza e guerra civile. Un altro storico, Giovanni De
Luna, affronta lo stesso problema, ma soprattutto per ribadire le profonde diversità, morali e politiche, tra i combattenti dell’uno e dell’altro fronte. Mentre le ragioni ideali e le paure dei giovani che decisero di schierarsi con la Repubblica sociale e con i tedeschi sono rievocate in un
brano del romanzo autobiografico di Carlo Mazzantini. Strettamente connessa al tema della
guerra civile – e in genere a quello delle contraddizioni interne al movimento partigiano – è la
drammatica vicenda delle foibe istriane, qui analizzata in un saggio dello storico Raoul Pupo.
Un equilibrato bilancio dell’esperienza resistenziale e dell’eredità da essa lasciata alla Repubblica è infine tracciato nel brano conclusivo, tratto da un saggio del politologo e storico Gianenrico Rusconi.
d Simona Colarizi Gli italiani e la guerra
d Dino Grandi La notte del Gran consiglio
Ernesto Galli della Loggia La morte della patria
Giorgio Bocca Alle origini della Resistenza italiana
Claudio Pavone La «guerra civile»: una definizione controversa
Giovanni De Luna Le ragioni dei combattenti: fascisti e antifascisti
d Carlo Mazzantini Canzoni di giovinezza e di morte
Raoul Pupo La violenza sul confine orientale: le «foibe»
Gianenrico Rusconi L’eredità della Resistenza
Le conseguenze politiche della guerra I testi presentati in questo percorso trattano degli effetti sconvolgenti del secondo conflitto mondiale sugli assetti internazionali.
La realtà dei rapporti internazionali era assai complessa – come risulta dall’analisi del giornalista e storico Antonio Gambino sulla conferenza di Yalta – e si sarebbe caratterizzata anche
per il tentativo di dare un nuovo ordine e nuove regole alla comunità mondiale degli Stati: si
leggano in proposito i principali articoli dello Statuto dell’Onu.
Il risultato fu ugualmente la divisione del mondo in blocchi contrapposti e reciprocamente
ostili, l’inizio di una lunga fase di confronto fra Usa e Urss nota col nome di «guerra fredda». A
questo tema sono appunto dedicati i tre brani successivi: la storica italiana Elena Aga Rossi ricostruisce il dibattito che ha diviso gli studiosi, soprattutto americani, circa le origini e le respon70
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 71
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
sabilità della guerra fredda. Lo storico statunitense Daniel Yergin descrive le fasi principali di
quello che fu forse l’episodio culminante del confronto fra le due superpotenze: la crisi originata dal blocco di Berlino del 1948. Lo storico e giornalista ungherese François Fejtö illustra
poi una delle conseguenze più drammatiche della divisione del mondo: la nascita delle cosiddette «democrazie popolari» nell’Europa dell’Est.
Antonio Gambino Realtà e leggenda di Yalta
d Organizzazione delle Nazioni Unite Lo statuto dell’Onu
Elena Aga Rossi Il dibattito sulla guerra fredda
Daniel Yergin Il blocco di Berlino
François Fejtö La nascita delle democrazie popolari
71
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 72
UNITÀ6 LA
DECOLONIZZAZIONE
Percorsi tematici
Decolonizzazione e sottosviluppo La decolonizzazione investe realtà che si presentano, per
storia, cultura, tradizioni e forme stesse della colonizzazione, come molto diverse tra di loro.
Nonostante l’eterogeneità delle esperienze è comunque possibile rintracciare degli elementi
comuni che ci permettono una lettura unitaria del fenomeno.
Lo storico Giampaolo Calchi Novati traccia un bilancio sintetico della decolonizzazione e
ci aiuta a comprendere il significato che termini come «nazione» e «nazionalismo» assumono
in contesti lontani dalla cultura occidentale, ma da essa profondamente influenzati.
L’India occupa nella storia della decolonizzazione un posto preminente e per certi versi esemplare. Era stata sede di una civiltà millenaria, erede di un raffinato patrimonio etico-filosofico e
portatrice di un sistema di valori che, pur recependo gli influssi europei, aveva difeso e conservato una propria forte identità. Questa complessità emerge dal brano di un grande storico francese, Fernand Braudel, che analizza i successi ottenuti e le difficoltà incontrate dal paese asiatico sulla difficile via della modernizzazione.
Alla fine degli anni ’50 si aprì la grande stagione dell’emancipazione dell’Africa subsahariana: con travolgente rapidità quasi un intero continente entrò, come soggetto politico autonomo,
per la prima volta sulla scena internazionale. Se la conquista dell’indipendenza avvenne per la
maggioranza dei paesi africani in modo complessivamente pacifico, già nella fase immediatamente successiva vennero in luce problemi e contraddizioni che offuscarono le grandi speranze dell’Africa.
Un caso estremo e particolarmente violento di separazione tra il mondo occidentale e quello
africano è rappresentato dal Sudafrica dell’apartheid, descritto nei suoi congegni istituzionali da
72
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 73
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
Giampaolo Calchi Novati. Anna Maria Gentili, poi, affronta il problema del sottosviluppo dell’Africa nel contesto del nuovo assetto mondiale.
Il tema dell’incontro della Chiesa con le realtà sociali ed ecclesiali del Terzo Mondo è illustrato dall’enciclica Populorum Progressio di Paolo VI. In essa la Chiesa, attraversata riguardo a
questo problema da forti tensioni interne, nella condanna del colonialismo, delle diseguaglianze sociali e del razzismo, rifiuta però categoricamente l’insurrezione violenta.
I brani successivi affrontano, da diverse angolazioni, il problema del sottosviluppo: l’egiziano
Samir Amin propone la tesi – tipica degli studiosi di formazione marxista – dell’interdipendenza tra sviluppo e sottosviluppo nel sistema capitalistico mondiale. Ancora un economista, l’italiano Paolo Sylos Labini, e uno storico economico, il belga Paul Bairoch, affrontano il tema
della crescita demografica nei paesi poveri: il primo offrendo un quadro generale che in parte
corregge il catastrofismo delle opinioni più diffuse, il secondo trattando un aspetto specifico e
particolarmente drammatico, quello della crescita urbana.
Gli ultimi due brani affrontano, da diverse angolazioni, il continente latinoamericano: Marcello Carmagnani traccia un quadro sintetico dell’evoluzione delle economie latinoamericane
nel ventennio 1950-70, un periodo che coincise con una fase di generale ristagno, mentre Ernesto Che Guevara, analizzando l’essenza della «guerra di guerriglia» come guerra di liberazione, spiega perché, pur essendo condotta da una minoranza armata, necessiti del favore di tutta
la popolazione della zona in cui si combatte e debba svilupparsi nelle campagne.
Giampaolo Calchi Novati Un bilancio della decolonizzazione
Fernand Braudel I problemi dell’India indipendente
Giampaolo Calchi Novati L’«apartheid»
Anna M. Gentili I mali dell’Africa
d Paolo VI L’enciclica «Populorum Progressio»
Samir Amin Lo sviluppo ineguale
Paolo Sylos Labini Il problema demografico
Paul Bairoch L’esplosione urbana
Marcello Carmagnani La dipendenza economica dell’America Latina
d Ernesto Che Guevara L’essenza della lotta guerrigliera
73
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 74
UNITÀ7 LA SOCIETÀ
DEL BENESSERE
Percorsi tematici
La civiltà dei consumi I brani del percorso illustrano non solo i molteplici aspetti economici e
culturali della società dei consumi, ma anche le diverse ottiche con cui è stata analizzata e giudicata.
Se lo storico Sergio Ricossa sottolinea con forza il carattere progressivo e liberatorio di questa società, se l’economista John K. Galbraith, nella sua classica analisi del nuovo Stato industriale si sofferma soprattutto sulla superiorità tecnologica dei nuovi modelli di organizzazione produttiva, i due
brani successivi – quello del sociologo americano Vance Packard e quello del semiologo francese
Roland Barthes – ci parlano soprattutto dei condizionamenti palesi e soprattutto occulti, esercitati dal sistema pubblicitario sulle scelte dei consumatori.
Sergio Ricossa La rivoluzione dei consumi
John K. Galbraith La tecnostruttura
Vance Packard I persuasori occulti
Roland Barthes Saponificanti e detersivi
La contestazione Il movimento di protesta che nei tardi anni ’60 dilagò in tutto l’Occidente
industrializzato fu essenzialmente un fenomeno giovanile e non a caso ebbe per teatro principale le scuole e le università.
Nelle pagine che aprono questo percorso uno studioso italiano, Peppino Ortoleva, autore di
una delle prime serie analisi storiche sul tema, mette bene in rilievo il carattere generazionale
del movimento che, in Europa, ebbe il suo apice nel 1968. Il testo che segue, Da una facoltà
74
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 75
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
occupata, fu redatto nel ’68 dagli studenti della facoltà di Lettere dell’Università di Roma ed
esprime, con lo schematismo tipico di questi scritti, la critica radicale ai contenuti e ai metodi
dell’insegnamento, definiti classisti e autoritari.
Il percorso si chiude con un testo di carattere teorico: il filosofo tedesco Herbert Marcuse, in
un brano tratto da L’uomo a una dimensione (uno dei libri di riferimento della generazione del
’68), denuncia il carattere subdolamente autoritario delle società industriali avanzate.
Peppino Ortoleva Una protesta generazionale
d Movimento studentesco Da una facoltà occupata
d Herbert Marcuse L’uomo a una dimensione
Il movimento femminista Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Trasformazioni e
problemi del mondo contemporaneo. È dedicato al movimento femminista che si sviluppò, con
contenuti nuovi e più radicali rispetto al femminismo «storico», a partire dagli anni ’60: dunque
in contemporanea con la contestazione giovanile, ma con conseguenze di più ampia portata.
Le caratteristiche del femminismo americano – capostipite degli analoghi movimenti nel
resto del mondo – e i rapporti con gli altri fenomeni di contestazione sono analizzati nel brano
di Juliet Mitchell, che del movimento fu una delle maggiori teoriche; mentre le vicende del
femminismo italiano sono ricostruite in un saggio della sociologa Laura Grasso. Chiudiamo con
un discorso dell’allora premier del Pakistan Benazir Bhutto: una testimonianza del ruolo assunto dalle donne in politica a fine ’900 e della diffusione di alcune tematiche del femminismo
anche in contesti politici e culturali diversi da quelli dell’Occidente industrializzato.
Juliet Mitchell Il femminismo americano
Laura Grasso I movimenti femministi in Italia
d Benazir Bhutto Il pianeta a misura di donna
Religione e società Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Trasformazioni e problemi del mondo contemporaneo. I mutamenti politico-culturali degli anni ’60 investirono anche i
grandi sistemi religiosi, a cominciare dalla Chiesa cattolica, provocando reazioni di diverso
segno, di cui i brani che presentiamo danno parzialmente conto.
In apertura lo storico Andrea Riccardi descrive i fermenti innovativi introdotti nella Chiesa
durante il pontificato di Giovanni XXIII. I testi successivi sono invece testimonianza di due diversi aspetti del cosiddetto «dissenso cattolico»: quello incarnato dal sacerdote italiano Lorenzo
Milani, tutto centrato sull’impegno sociale e sulla contestazione dell’autorità politica; e quello,
75
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 76
Espansioni in Ares
carico di implicazioni dottrinali, che si espresse, in America Latina, nella «teologia della liberazione», qui illustrata attraverso uno scritto del francescano Leonardo Boff. Una reazione del
tutto opposta è quella costituita dal fondamentalismo, ossia dal tentativo di restaurare i «veri»
princìpi religiosi, descritta da Giorgio Bouchard con riferimento al mondo evangelico americano.
Andrea Riccardi Il potere di Giovanni XXIII
Lorenzo Milani Il dovere di non obbedire
Leonardo Boff La teologia della liberazione
Giorgio Bouchard Il fondamentalismo americano
76
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 77
UNITÀ8 IL MONDO
CONTEMPORANEO
Percorsi tematici
La politica internazionale negli anni ’60 Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Trasformazioni e problemi del mondo contemporaneo. L’avvio della politica di distensione tra Stati
Uniti e Unione Sovietica e l’esplosione della polemica ideologica tra Pechino e Mosca sono i
principali eventi che caratterizzano le relazioni internazionali all’inizio degli anni ’60.
La politica di distensione tra Est e Ovest è ostacolata da scontri e crisi che scuotono l’ordine bipolare. La guerra del Vietnam è ricostruita da un’analisi dell’ex consigliere speciale della Casa Bianca Henry Kissinger, che evidenzia i limiti dell’intervento militare americano nella penisola indocinese. Le origini della «primavera di Praga», soffocata dalle truppe del Patto di Varsavia, sono invece descritte da uno dei maggiori esperti di storia contemporanea dell’Europa orientale, François
Fejtö. Segue un brano tratto dal diario dell’ex cancelliere tedesco Willy Brandt, ispiratore di una
nuova strategia di apertura politica nei confronti del mondo comunista alla fine degli anni ’60.
Henry Kissinger Le ragioni di una sconfitta
François Fejtö La «primavera di Praga»
d Willy Brandt La «Ostpolitik»
Le origini del conflitto arabo-israeliano Durante il processo di decolonizzazione, il nazionalismo arabo si scontrò con una realtà del tutto atipica ma non meno vitale, quella del movimento sionista. Un celebre arabista, Maxime Rodinson, spiega le ragioni del conflitto tra Israele e
il nuovo nazionalismo arabo.
77
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 78
Espansioni in Ares
Maxime Rodinson Lo Stato ebraico e il rifiuto arabo
Il tramonto delle ideologie Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Trasformazioni
e problemi del mondo contemporaneo.
Il processo di dissoluzione dei regimi comunisti è stato accompagnato dal progressivo declino
dell’ideologia marxista. La situazione in Russia dopo lo scioglimento dell’URSS è descritta dall’economista francese Jacques Sapir, mentre a testimoniare le diverse reazioni di fronte al collasso dei regimi dell’Est presentiamo un brano della giornalista Rossana Rossanda, che difende
appassionatamente le ragioni del comunismo italiano.
Jacques Sapir Il caos russo
Rossana Rossanda La difficoltà di essere comunista
Multiculturalismo e scontro di civiltà Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI Trasformazioni e problemi del mondo contemporaneo. Sulla questione del rapporto tra etnie e territorio si sofferma lo studioso francese Bertrand Badie, denunciando alcune incongruenze della
politica internazionale.
Lo scontro di civiltà fra società culturalmente differenti è, poi, uno dei possibili rischi per la
pace internazionale e un esempio in questo senso è rappresentato da un proclama di Osama bin
Laden, capo dell’organizzazione terrorista al-Qaeda.
I brani che seguono contengono analisi più distaccate: Gilles Kepel legge i conflitti mediorientali soprattutto come strumenti di lotta interni al mondo musulmano; Renzo Guolo riflette
sulla difficile compatibilità fra Islam e democrazia; il grande economista e sociologo indiano
Amartya Sen difende la scelta del multiculturalismo anche sulla base della sua personale esperienza.
Bertrand Badie La concezione etnica del mondo
d Osama bin Laden Dichiarazione per la guerra santa contro ebrei e crociati
Gilles Kepel In guerra per il controllo dell’Islam
Renzo Guolo L’Islam è compatibile con la democrazia?
Amartya Sen Multiculturalismo e libertà
L’unità europea Il tentativo di costruire un’unione politica ed economica europea ha condizionato la politica estera dei paesi occidentali del continente dagli anni ’50 ai nostri giorni.
78
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 79
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
Le tesi dei federalisti europei, critici nei confronti dei governi e delle burocrazie comunitarie
e fautori di un’accelerazione dell’unione politica, sono illustrate da un brano di Altiero Spinelli, il massimo rappresentante dell’ideale europeista nell’Italia del dopoguerra.
Altiero Spinelli Per l’unione politica europea
79
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 80
UNITÀ9 L’ITALIA
REPUBBLICANA
Percorsi tematici
Alle origini dell’Italia repubblicana Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI L’Italia
repubblicana e inizia con l’analisi della natura della Democrazia cristiana, nucleo del governo
per oltre quarant’anni, con un testo di Gianni Baget-Bozzo, studioso del movimento cattolico.
Il ruolo dei partiti di massa, svolto in questa cruciale fase di transizione e di consolidamento
della democrazia, è ben evidenziato in un brano della storica Simona Colarizi.
In un brano dell’economista Augusto Graziani è tracciato un bilancio critico della politica
liberista adottata dal governo nei primi anni del dopoguerra, mentre un saggio del meridionalista Manlio Rossi-Doria evidenzia i limiti della riforma agraria nelle regioni sottosviluppate del
Mezzogiorno.
Attraverso l’analisi della trasformazione dei comportamenti sociali e dei modelli culturali è
possibile tracciare un percorso della modernizzazione del paese nell’età repubblicana. L’editoriale di Elio Vittorini per il primo numero del «Politecnico» testimonia le speranze degli intellettuali di sinistra, nel dopoguerra, di poter avviare una profonda rigenerazione morale della
società. Un ideale coltivato anche dai protagonisti del cinema «neorealista», analizzato in un
brano dello studioso Gian Piero Brunetta.
Gianni Baget-Bozzo Il partito cristiano al potere
Simona Colarizi Il ruolo dei partiti di massa
Augusto Graziani La politica economica della ricostruzione
Manlio Rossi-Doria Un bilancio della riforma agraria
80
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 81
Espansioni in Ares
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
d Elio Vittorini Una nuova cultura
Gian Piero Brunetta Il cinema neorealista
L’Italia della Prima repubblica: il sistema politico Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI L’Italia repubblicana. Per esaminare la nascita e lo sviluppo del sistema politico della Repubblica, proponiamo due testi che contribuiscono a illustrare i caratteri delle istituzioni
pubbliche e le principali trasformazioni dei rapporti tra i partiti.
Uno storico dell’Italia contemporanea, Giuseppe Mammarella, illustra le origini e gli obiettivi dei primi governi di centro-sinistra, che hanno rappresentato un’importante svolta nella vita
politica del paese mentre i caratteri del progetto socialista di Bettino Craxi sono analizzati in un
brano di Giovanni Sabbatucci.
Giuseppe Mammarella La nascita del centro-sinistra
Giovanni Sabbatucci La scommessa di Craxi
L’Italia della Prima repubblica: economia e società Questo percorso integra i TEMI STORIOL’Italia repubblicana e ricostruisce il processo di industrializzazione e i riflessi sulla
società dal dopoguerra ai nostri giorni.
Il brano di una storica dell’economia, Vera Zamagni, dà conto delle scelte che, soprattutto
negli anni ’47-48, definirono gli indirizzi di fondo dell’economia italiana, ponendo le premesse
per lo sviluppo degli anni ’50 e ’60.
Il «miracolo economico» inaugura nuovi comportamenti sociali e modelli di consumo: il
demografo Antonio Golini descrive i mutamenti della famiglia e la progressiva emancipazione
delle donne.
GRAFICI
Vera Zamagni Il miracolo economico
Antonio Golini Le trasformazioni della famiglia
L’Italia della Prima repubblica: i fattori di crisi Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI L’Italia repubblicana. Negli scorsi decenni la vita del paese è stata profondamente condizionata da alcune emergenze.
Dal terrorismo politico, analizzato da un articolo dei sociologi Donatella Della Porta e Maurizio Rossi, alla nuova criminalità organizzata trasformatasi in «impresa», descritta da un testo di
uno dei maggiori esperti di mafia, Pino Arlacchi. Un altro studioso di scienze sociali, Franco Cazzola, descrive i meccanismi di truffa negli appalti pubblici: un esempio del diffuso sistema di pa81
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 82
Espansioni in Ares
gamento delle tangenti rivelato dalle indagini della magistratura agli inizi degli anni ’90 del XX
secolo.
Donatella Della Porta - Maurizio Rossi I terrorismi italiani
Pino Arlacchi La mafia imprenditrice
Franco Cazzola L’Italia del pizzo
Le trasformazioni del sistema politico italiano Ai mutamenti degli equilibri politici negli ultimi anni dedichiamo questo percorso.
Il sociologo Ilvo Diamanti analizza il fenomeno della Lega Nord descrivendo la base sociale
del movimento mentre il politologo Gianfranco Pasquino illustra l’avvio delle riforme istituzionali attraverso la cronaca delle vicende politiche più recenti.
Ilvo Diamanti Le radici della Lega
Gianfranco Pasquino La rivoluzione del maggioritario
82
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
23-03-2010
10:37
Pagina 83
UNITÀ10 LA SOCIETÀ
POST-INDUSTRIALE
E LA GLOBALIZZAZIONE
Percorsi tematici
Scienza, tecnologia, ambiente La scienza e la tecnologia saranno capaci di risolvere i problemi
dell’umanità? A questa domanda risponde in modo ottimista il brano del giornalista Piero Angela, che descrive in termini entusiastici la capacità della scienza e della tecnica di dare una soluzione alle pressanti domande di benessere e di qualità della vita delle società sviluppate. L’economista americano Jeremy Rifkin non manca di sottolineare come l’introduzione delle tecnologie informatiche nella produzione industriale ha contribuito, negli ultimi decenni, alla crescita di una pesante disoccupazione in tutti i paesi occidentali.
Emilio Gerelli delinea alcune ipotesi per lo sviluppo di una logica di conservazione ambientale inserita nel contesto del nuovo scenario politico mondiale.
Nel documento Un pianeta da salvare alcuni prestigiosi studiosi nordamericani denunciano
come lo sfruttamento intensivo delle risorse del pianeta e una produzione industriale altamente inquinante stiano mettendo in pericolo gli equilibri della biosfera.
Infine Renato Dulbecco offre una panoramica assai chiara delle prospettive della medicina
alle soglie del XXI secolo.
Piero Angela Le frontiere della scienza e della tecnologia
Jeremy Rifkin Superando le frontiere dell’alta tecnologia
Emilio Gerelli Una politica ambientale post-industriale
83
Brochure_Mosaico_3-5_XP7.qxp:Brochure_Mosaico
IL MOSAICO
E GLI SPECCHI
23-03-2010
10:37
Pagina 84
Espansioni in Ares
d Lester R. Brown - Cristopher Flavin - Sandra Postel Un pianeta da salvare
Renato Dulbecco Il futuro della medicina
La globalizzazione Questo percorso integra i TEMI STORIOGRAFICI La globalizzazione.
Il sociologo Zygmunt Bauman, nel brano che presentiamo, denuncia l’impotenza degli Stati nazionali di fronte allo strapotere di un sistema economico che ha reso più drammatico il divario tra ricchezza e povertà.
Zygmunt Bauman Globalizzazione e localizzazione
84
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard