leggi articolo - Ospedali riuniti di Trieste

annuncio pubblicitario
OSPEDALI/MALATTIE INFETTIVE
Vaccini e precauzioni
per proteggersi
dalla nuova influenza
Nel corso dell’estate ha suscitato svariati allarmi, anche a Trieste. Ma la nuova
influenza, come l’ha infine denominata l’Organizzazione mondiale della sanità, è
destinata a suscitare una ben più ampia mobilitazione nei prossimi mesi quando,
complice la migrazione del virus, la platea dei malati potrebbe ampliarsi e i sintomi
intrecciarsi, fino a spesso confondersi, con quelli dell’influenza classica. Quale
scenario si prospetta dunque, sul fronte virale, nell’autunno alle porte? E quali sono le
possibili precauzioni? Facciamo il punto con Roberto Luzzati, direttore delle Malattie
infettive dell’Azienda ospedaliero-universitaria, struttura che negli ultimi mesi si è
fatta carico dei casi di nuova influenza segnalati a Trieste.
Professor Luzzati, partiamo dalla realtà locale. Quanti casi di nuova influenza si
sono registrati nella nostra città? E come si sono risolti?
Abbiamo accertato 18 casi d’influenza H1N1 dalla città di Trieste o dall’area
giuliano-isontina; la conferma diagnostica è stata fornita dal laboratorio di Virologia
del Burlo, centro unico di riferimento regionale. Nello stesso periodo, tra fine aprile e
metà agosto, si sono riscontrati in Friuli 37 casi. Tutti i malati hanno presentato un
decorso clinico rapidamente favorevole rimanendo al proprio domicilio. Sola
eccezione una signora di mezza età, già sofferente di bronchite cronica, che è stata
ricoverata nel nostro reparto per l’insorgere di una broncopolmonite. Ha risposto alle
terapie antivirale ed antibiotica ed è potuta rientrare presto a casa.
Ricordiamo brevemente da dove arriva questo virus.
Si tratta di un virus influenzale assolutamente “nuovo” e questo spiega la
conseguente pandemia, parola che va assolutamente sdrammatizzata perché non si
associa alla gravità del fenomeno ma alla sua rapida diffusione. Un’infezione
epidemica diventa infatti pandemica quando coinvolge rapidamente popolazioni di
più continenti. Nel caso della pandemia influenzale in atto, si tratta di un virus
influenzale impropriamente definito suino: in realtà è dotato di un patrimonio
genetico proveniente da altri virus influenzali aviari, suini ed umani, “riassortiti” tra
loro. Il risultato è un agente infettivo nuovo che ha la capacità di interessare fasce di
popolazione molto ampie, di tutte le età, anche se finora i più giovani appaiono più
suscettibili.
I sintomi?
Sono quelli comuni dell’influenza: febbre, tosse, mal di gola, dolori muscolari ed
articolari. In alcuni casi, sono presenti diarrea, nausea e vomito. Le forme complicate
(principalmente per bronchiti o polmoniti) non risultano più frequenti che nella
comune influenza stagionale e riguardano essenzialmente soggetti più ‘fragili’ quali
pazienti con diabete mellito, cardiopatie, malattie polmonari e o renali croniche;
anche le donne in gravidanza appaiono più fragili.
Quali sono le previsioni per i prossimi mesi?
L’evoluzione della pandemia è assolutamente imprevedibile. La contagiosità elevata
del nuovo virus influenzale fa presupporre che, con l’arrivo della stagione invernale,
la diffusione dell’infezione aumenti nella nostra area geografica e coinvolga ampie
fasce di popolazione.
Vi sono delle precauzioni per cercare di evitare il contagio?
Tutti i virus influenzali, e questo nuovo virus non fa eccezione, si trasmettono per via
aerea attraverso la tosse, gli sternuti e le relative secrezioni che si depongono sugli
oggetti circostanti. Si raccomanda ai soggetti con influenza non complicata di
rimanere a casa propria per almeno sette giorni dall’esordio dei sintomi. Evitare il
contatto con soggetti affetti da possibile influenza, non far frequentare i luoghi chiusi
o sovraffollati soprattutto ai pazienti ‘fragili’, e lavarsi frequentemente le mani con
acqua e sapone sono regole igieniche generali ma efficaci.
Si parla spesso in queste settimane di un nuovo vaccino. Sarà opportuno
utilizzarlo?
Il vaccino è l’arma preventiva più importante. Quello contro il nuovo virus
influenzale sarà disponibile dal prossimo novembre e sarà proposto prioritariamente
alle donne incinte e ai soggetti più fragili.
E cosa si deve fare in merito alla tradizionale vaccinazione contro l’influenza?
L’impiego della vaccinazione contro l’influenza comune dev’essere certamente
incoraggiato anche quest’anno. E’ infatti accertato che continueranno a circolare
anche i virus influenzali tradizionali, non meno temibili dell’attuale virus pandemico.
Scarica
Random flashcards
Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard