L`impiego degli shunt intracoronarici nella

annuncio pubblicitario
L’impiego degli shunt intracoronarici nella rivascolarizzazione miocardica senza circolazione extracorporea
(The employment of the coronary shunt in the cardiac muscle revascularization without CEC)
ATTUALITÀ SCIENTIFICHE
L’impiego degli shunt intracoronarici nella rivascolarizzazione miocardica
senza circolazione extracorporea
(The employment of the coronary shunt in the cardiac muscle revascularization without CEC)
Aniello Pilerci1, Francesco De Amicis2, Maria Giuseppina Volpe1, Nicola Troisi1, Cinzia Pagni1, Felice Mazza1
Dipartimento Di Medicina Interna, Geriatria, Patologia Cardiovascolare e Immunitaria (1) e Cardiochirurgia (2)
Università degli Studi di Napoli “Federico II”
Riassunto
Negli ultimi anni si è riaffermata la rivascolarizzazione coronarica a cuore battente attraverso gli approcci minimamente
invasivi ed endoscopici. Questa tecnica ha dimostrato la sua utilità nei pazienti con insufficienza ventricolare sinistra o con
altre gravi patologie associate, che sconsigliavano l’uso della CEC. Durante la sua esecuzione si possono verificare una
serie di eventi ischemici e non durante il clampaggio dell’arteria coronarica da bypassare. Viene descritta l’utilità di uno
shunt intraluminale di silicone che permette la perfusione del territorio distale all’occlusione della coronaria.
Successivamente vengono illustrati la facilità di impianto, l’ utilità di tale shunt nonché la drastica riduzione delle complicanze operatorie. Gli autori descrivono la loro esperienza nell’uso di routine di uno shunt intracoronarico nella protezione del cuore nella chirurgia a cuore battente.
Summary
In the last years beating heart coronary revascularization seize again throughout non invasively and endoscopic approaches. This technic showed its utility in patients with left ventricular failure or with associated other severe diseases that contraindicated the CEC. During the application of this tecnich, particularly by clamping the coronary artery a series of ischemic events may happen. It has been described the utility of intraluminal shunt that allow the perfusion of cardiac muscle
irrored by the occluded coronary artery. Afterwards, the utility of this shunt, its easiness of application and the reduction
of rate of complication will be described. The authors describe their experience in the habitual use of intracoronaric shunt
for the protection of the heart in the beating heart surgery.
Key words
Coronary revscularization; Intraluminal shunt; Non invasively approaches
Introduzione
N
egli ultimi anni c’è stato un riaffermarsi della rivascolarizzazione coronarica a cuore battente: chirurgia che era praticata di routine negli anni ’60.
Il bypass cardiopolmonare è stato introdotto nel 1953 ma
solo in un secondo momento è divenuto di uso comune.
Da quando poi la chirurgia del bypass coronario è stata
utilizzata clinicamente, cioè alla fine degli anni ’60, molti
chirurghi avevano già familiarità con i vantaggi della circolazione extracorporea (CEC). Questi, presto, svilupparono una chiara preferenza per il supporto emodinamico
e per l’elettiva asistolia cardiaca offerta dalla macchina
cuore-polmone e il concetto di una chirurgia a cuore battente per il bypass coronarico fu velocemente messo da
parte. I vantaggi di un campo operatorio “fermo” ed esangue, caratteristiche offerte dalla CEC, sono evidenti
rispetto ai rigori tecnici di un graft a cuore battente. Per
le successive quattro decadi, il bypass cardiopolmonare e
l’arresto sistolico rimasero lo “standard” mondiale per la
confezione di un graft coronarico. Ricerca e sviluppo
hanno portato ad importanti progressi nella sicurezza del
bypass cuore-polmone e nella protezione miocardia, tali
da avere drastiche riduzioni della mortalità e morbilità
operatoria. Nonostante i miglioramenti della “fisiologia”
del bypass cardiopolmonare, nella tecnologia e sicurezza,
134
ci sono ancora importanti sequele che derivano dall’esporre i pazienti alla circolazione extracorporea.
I suoi principali effetti collaterali sono rappresentati
dall’elevata incidenza di sanguinamenti, complicanze
neurologiche1, tra cui anche lievi deficit cognitivi permanenti, edema tissutale, depressione della curva respiratoria, aritmie, danno del miocardio da inadeguata protezione ed una possibile insufficienza cardiaca che può
verificarsi al momento dello svezzamento della pompa.
Molte di queste complicanze sono quindi connesse ad
alterazioni meccaniche2 ed immunologiche delle componenti del sangue3. Negli anziani e nei pazienti che
presentano altre malattie concomitanti questi effetti
possono non essere ben tollerati. L’insufficienza renale,
una storia di precedenti accidenti cerebro vascolari, la
degenerazione aterosclerotica dell’aorta, una diatesi
emorragica oppure l’insufficienza respiratoria sono condizioni dove l’esposizione alla CEC possono precipitare in complicazioni ed aggravare il ricovero.
L’interesse mondiale per la chirurgia a cuore battente è
rinato con la recente introduzione delle procedure minimamente invasive e ad accesso limitato per il bypass
coronarico. Nel 1995 Clive Robinson riportò il primo
modello in laboratorio per un CABG minimamente invasivo a cuore battente4 mentre nello stesso anno Federico
Benetti riportava il primo caso clinico5.
Per la corrispondenza: [email protected]
CARDIOLOGY SCIENCE
ATTUALITÀ SCIENTIFICHE
L’intera comunità cardiochirurgica sta ora focalizzando
I risultati sono sovrapponibili a quelli ottenuti con la tecl’attenzione su queste procedure e sulla possibilità che il
nica standard in termini di mortalità, intervallo libero da
graft a cuore battente sia eseguibile in piena sicurezza. In
malattia e pervietà delle anastomosi.
pochi anni molti centri stanno ora utilizzando la chirurgia
Ci sono quindi una serie di vantaggi derivati dall’utilizzo
a cuore battente per eliminare le complicanze della circodella chirurgia a cuore battente quali la minore mortalità,
lazione extracorporea ed estendere i margini di sicurezza
la minore morbidità, il mancato bisogno di trasfusioni,
nei pazienti ad alto rischio.
ridotta durata delle degenze e i minori costi.
Nonostante esistano alcune difficoltà tecniche per questo
Gli svantaggi si possono riassumere nella necessità di una
approccio, come l’operare su di un campo più mobile o
maggiore esperienza tecnica8 del chirurgo; ci sono alcuni
l’accesso più difficile per alcune regioni del cuore, come
casi in cui questo tipo di approccio non è tecnicamente
la sua parete posteriopossibile e i risultati
re, il che potrebbe
sono meno riproducilimitare il numero di
bili rispetto alla tecnivasi rivascolarizzati, è
ca standard.
innegabile che esistaLe indicazioni al
no numerosi vantaggi
bypass senza CEC
rispetto alla procedusono tre:
ra standard che prevede l’uso della CEC,
1) Pazienti candidati
l’arresto con cardioad un intervento di
plegia e l’ipotermia.
rivascolarizzazione
miocardia di routine.
I mutamenti nelle
Sono pazienti che
strategie operatorie
hanno stenosi signifisono largamente docative della discenvuti all’incremento
dente anteriore sinidell’età media e della
stra non trattabili con
comorbidità presente
PTCA con o senza il
nei pazienti candidati
coinvolgimento della
ad un intervento carFig. 1 - Lo shunt
coronaria
destra.
diochirurgica.
Il bypass senza CEC è
Anche le branche del
ramo circonflesso che decorrono sulla parete posteroun’ottima alternativa per pazienti che quindi hanno un
laterale del ventricolo sinistro e alcune volte l’arteria
cattivo ventricolo con FE<30%, insufficienza renale crointerventricolare posteriore possono essere anastomizzanica in trattamento dialitico, insufficienza respiratoria,
te a cuore battente attraverso una sternotomia mediana.
età avanzata (più di 70 anni), accidenti cerebrovascolari e
altre patologie sistemiche associate. In questi pazienti
2) Pazienti con un
l’intervento si propo120
ne di migliorare la
cattivo ventricolo che
Singolo Grafts
100
non tollererebbero la
sintomatologia cliniDoppio Grafts
ca, aumentare l’aspetCEC o l’occlusione
Triplo Grafts
80
Numero di
tativa di vita evitando
dell’aorta.
Reinterventi
60
pazienti
gli effetti sfavorevoli
40
3) Pazienti con madella CEC e di poter
20
lattie o altre condiziooperare pazienti con0
ni patologiche assotroindicati all’interGraft
ciate tali per cui la
vento tradizionale in
CEC, la cardioplegia e
pompa6.
Inoltre, da sottolinea- Fig. 2 - Shunt a singolo, doppio e triplo lembo
l’ipotermia possono
re anche la riduzione
portare a complicanze.
dei costi dovuti all’equipaggiamento della CEC e al trattamento delle sue sequele. Si riduce il consumo delle
Una delle grandi sfide nella chirurgia senza pompa è
risorse ospedaliere in sala operatoria, in terapia intensiva
limitare l’ischemia e mantenere la stabilità emodinamied in reparto e minore è il personale utilizzato per la
ca durante il periodo di occlusione coronarica. Pfister
gestione del paziente. Si ha inoltre una ridotta somminiriporta un 4,5% di eventi ischemici intraoperatori duranstrazione di liquidi, di elettroliti, sangue e plasma. Come
te la temporanea occlusione del vaso. Sembra che la
mostrato dall’autore Buffolo in un suo lavoro, si ha anche
coronaria destra sia più vulnerabile con effetti pericolouna importante riduzione dei giorni di degenza in ospesi quali la bradicardia, ipotensione ed arresto cardiaco
dale, da 9,2 per i pazienti operati in CEC a 5,6 per quelli
dopo appena brevi periodi di occlusione. Rivetti riporta
operati senza pompa7.
cambiamenti della durata del potenziale di azione e
CARDIOLOGY SCIENCE
135
ATTUALITÀ SCIENTIFICHE
Aniello Pilerci et Al.
della velocità di conduzione in esperimenti di laboratoUn filo di ritenzione di 4-0 polipropilene è legato al
rio condotti sull’occlusione acuta di vasi coronarici di
punto di mezzo connesso ad un anello circolare che
maiali. Kow e collaboratori mettono in evidenza l’imfunge da repere.
portanza della presenza di un circolo collaterale suppleApplicando una leggera trazione a tale filo si può faciltivo nella chirurgia a cuore battente e come l’assenza di
mente rimuovere lo shunt dal lume coronarico a termiquesto porti a significative anomalie sulla funzionalità
ne dell’anastomosi. Le caratteristiche di flessibilità
del ventricolo sinistro quando la coronaria viene tempopermettono allo shunt di uscire dal sito dell’arteriotoraneamente occlusa9. Per evitare l’ischemia e rendere
mia senza provocare danni alla sutura, al lume del vaso
sicura la costruzione dell’anastomosi così come nella
in cui viene posto e alla sua parete.
tecnica standard, la chirurgia a cuore battente si è valsa
dell’uso di uno strumento molto semplice nella struttuLa sua consistenza, dall’altra parte, impedisce che lo
ra e nei concetti che ne sono alla base: uno shunt intrashunt possa collassare mentre risiede all’interno del
luminale il cui compito fondamentale è di mantenere la
lume il quale resta beante ed il flusso a valle è manteperfusione nel territorio distalmente all’occlusione10.
nuto. Inoltre permette di modellare la sutura rendendoL’uso di un eco transesofageo intraoperatorio durante
la tecnicamente sicura. Il diametro varia da 1,5 mm ai
l’intervento di rivascolarizzazione a cuore battente,
2,5 mm con un incremento graduale di 0,25 mm.
attraverso lo studio della contrattilità del miocardio, è
Altra caratteristica è il numero dei lembi che differenstato utilizzato dagli autori Lucchetti e collaboratori che
zia i vari tipi di shunt esistenti in commercio: shunt a
in un loro lavoro dimostrano come l’utilizzo dello shunt
un singolo lembo, a doppio o triplo lembo (Fig. 2).
non modificava la conAlcuni shunt presentano
trattilità del ventricolo
le due estremità tagliate
sinistro, del territorio
con un angolo opposto
della discendente antedi 45 gradi. Questo
riore sinistra e della funaccorgimento facilita il
zione di eiezione rispetto
posizionamento dello
a coloro in cui lo shunt
shunt prima nella parte
non veniva utilizzato e
prossimale dell’arterioche invece mostravano
tomia e poi successivaun significativo declino
mente in quella distale.
di questi parametri11.
Precedenti
interventi
sperimentali di chirurgia
Tecnica operatoria
minimamente invasiva
sono stati eseguiti su
L’utilizzo della tecnica a
maiali.
L’occlusione
cuore battente permette
della discendente anterioun approccio al cuore
re sinistra era causa, in
attraverso non solo una
tali modelli sperimentali,
classica
sternotomia
di disfunzioni ischemiche Fig. 3 - Introduzione dello shunt nel lume coronarico prossimale
mediana ma anche vie di
nel ventricolo sinistro
accesso meno invasive
valutate mediante il
quali possono essere una
dosaggio della proteina inducibile, hsp 70, in biopsie
toracotomia anteriore sinistra o attraverso una parziale
della parete anteriore del ventricolo sinistro, e del conteincisura dello sterno.
nuto dei nucleotidi miocarditi e del glicogeno.
I vantaggi della sternotomia mediana sono la migliore
I risultati mettevano in evidenza come l’hsp 70 fosse più
esposizione del cuore, un migliore isolamento dell’arteria
alta negli animali in cui non era stato usato lo shunt e i
mammaria interna e permette agevolmente la rivascolanucleotidi ed il glicogeno fossero meglio preservati nel
rizzazione anche della parete posteriore del cuore. Si posgruppo in cui era stato invece utilizzato12. Visti i dati in
sono chiudere inoltre tutti i vasi prossimali della LIMA
letteratura si è reso necessario prevenire i potenziali fenoevitando il cosiddetto “fenomeno di furto” attraverso
meni ischemici, che possono manifestarsi con aritmie,
questi rami collaterali che potrebbe poi esitare in una
sopraslivellamento del tratto ST, o disfunzioni sistoliche
insufficiente perfusione miocardia. Inoltre si evita di utiregionali, che avvengono in circa il 40% delle procedure
lizzare la parte distale della LIMA che è di piccolo calioperatorie eseguite a cuore battente.
bro e quindi non adeguata all’utilizzo del bypass.
La LIMA viene quindi isolata in associazione alla vena
grande safena. Il pericardio viene sospeso e il cuore spoCaratteristiche dello shunt
stato in una regione più alta rispetto alla sua cavità naturale. Il paziente viene eparinizzato e se la sua frequenza
Lo shunt consiste in un tubicino di silicone di 3 cm. di
cardiaca è elevata viene somministrato un bolo di
lunghezza (Fig. 1).
Diltiazem per ridurre la frequenza e la pressione arterio-
136
CARDIOLOGY SCIENCE
L’impiego degli shunt intracoronarici nella rivascolarizzazione miocardica senza circolazione extracorporea
(The employment of the coronary shunt in the cardiac muscle revascularization without CEC)
ATTUALITÀ SCIENTIFICHE
sa. Si sceglie il sito dell’anastomosi distale e prossimaimportante avere una buona esposizione del vaso e stabimente ad esso un filo di Goretex 4-0 viene passato in
lizzazione della regione cardiaca sottoposta all’intervenmodo da occludere il vaso e rendere esangue il campo
to di rivascolarizzazione. Oggi questo viene realizzato
operatorio prima dell’inserzione dello shunt. Un tempo
attraverso l’uso di moderni stabilizzatori quali il CTS,
l’occlusione veniva applicata anche distalmente, ma si è
sistema che usa la compressione per immobilizzare il
poi dimostrato che questa provocava lesioni alle tonache
vaso; e l’Octopus che invece sfrutta la suzione. Le anaintima e media del vaso e si è quindi abbandonata.
stomosi prossimali vengono invece realizzate con un
Passo successivo è l’incisione della coronaria nel sito
clampaggio tangenziale dell’aorta ascendente utilizzando
scelto per l’anastomosi
una sutura continua in
distale. Dopo l’arteriotoProlene 6-0. In caso di più
mia, un controllo tempoanastomosi si rivascolaraneo del sanguinamento
rizza per prima il vaso
può essere ottenuto con
coronarico con la stenosi
una pressione prossimale
più importante.
con un dito per poi introDopo aver eseguito tutte
durre lo shunt. Possono
le anastomosi si neutraessere usate delle sonde
lizza l’eparina con solfato
per valutare precisamente
di protamina per via
il diametro del vaso ed
endovenosa e si procede
utilizzare uno shunt di
alla chiusura delle pareti
calibro adeguato. Lo
a strati.
shunt viene poi inserito
prima nella parte prossiMateriali e metodi
male del sito dell’anastomosi ed è sempre possibiL’applicazione della tecle osservare un getto di
nica di rivascolarizzaziosangue vigoroso uscire
ne miocardica senza cirdall’altra estremità libera
colazione extracorporea a
dello shunt a conferma
cuore battente con l’uso
che il flusso permette Fig. 4 - Campo chirurgico perfettamente nitido ed esangue
di uno shunt intraluminaun’adeguata perfusione
le inizia nel nostro Dipartimento nel 1995. Nel periodo
sanguigna a valle.
intercorso dal gennaio 1995 al Dicembre 2000 sono stati
Dopodiché, con l’ausilio di pinze vascolari, si introduce
sottoposti a tale tipo di intervento operatorio un numero
l’altra estremità dello shunt anche nella porzione distale
totale di 157 pazienti. Di questi, 126 erano di sesso
dell’arteriotomia (Fig. 3).
maschile (80,2%) e 31 di sesso femminile (19,8%).
Il campo operatorio è a questo punto totalmente esangue
L’intervallo di età andava tra i 38 e i 78 anni con un’età
(Fig. 4).
media di 56±4 anni.
La FE era seriamente compromessa
La fase successiva consiste nella BPCO
20
in un gruppo di 14 pazienti (8,9%).
confezione dell’anastomosi con Grave stenosi carotidea
14
Presentavano patologie sistemiche
una sutura di continuo in Prolene 7- Asma bronchiale
2
associate un totale di 62 pazienti. In
0. La sutura inizia ad una estremità
7
questo gruppo, in particolar modo,
dell’arteriotomia, continua per tutta Sequele neurologiche
9
l’uso della tecnica tradizionale
la parete fino al punto di mezzo Calcificazioni aorta ascendente
4
avrebbe potuto portare a complicandell’estremità opposta. Qui tre o Ipertiroidismo
ze (Tab. 1).
quattro punti di sutura vengono rin- Ipotiroidismo
2
Durante l’intervento sono stati conviati successivamente, lasciando lo Anemia mediterranea
2
tinuamente monitorizzati la pressiospazio necessario affinché lo shunt
Aneurisma aorta addominale
2
ne arteriosa sistolica, la pressione
possa uscire dal sito dell’arteriotovenosa centrale, L’ECG e la diuresi.
mia. La rimozione avviene attra- Tab. 1 - Patologie sistemiche associate
L’introduzione e il mantenimento
verso una semplice trazione della
dell’anestesia sono stati realizzati con l’uso di analgesici
sutura di ritenzione che è posta al punto di mezzo dello
e di neurolettici. Si è effettuata una classica sternotomia
shunt (Fig. 5).
mediana con isolamento dell’arteria mammaria interna a
Ciò si realizza in totale sicurezza senza pericolo di dansinistra da sola o in associazione al prelievo della vena
neggiare l’anastomosi ed il vaso coronarico in cui lo
grande safena.
shunt era posto, grazie alle sue tipiche caratteristiche di
Si è utilizzata una garza umida posta dietro la superfielasticità e malleabilità.
cie latero-dorsale del cuore per ottenere una lussazione
L’anastomosi distale viene poi completata apponendo gli
mediale e ventrale del cuore in modo tale da esporre il
ultimi punti di sutura. Per il successo dell’anastomosi è
CARDIOLOGY SCIENCE
137
ATTUALITÀ SCIENTIFICHE
ramo discendente della coronaria sinistra.
Dislocando, invece, medialmente il ventricolo destro si è
fatto in modo da ottenere l’esposizione del tratto distale
dell’arteria coronaria destra. I pazienti sono stati eparinizzato con una dose di Eparina di 1 mg pro Kg. Il sito
scelto per l’anastomosi distale è stato occluso in Goretex
5-0 rinforzato con pezzetti di teflon al fine di mantenere
il campo operatorio esangue.
Si è eseguita un’arteriotomia con incisione longitudinale
del vaso e si è successivamente posizionato lo shunt intracoronarico il cui diametro variava da 1,5 a 2,75 mm con
un incremento di 0,25 a seconda del diametro del vaso
target (Fig. 6). Si è proceduto alla confezione dell’anastomosi con LIMA su DAS e/o VSA su Cdx e rami diagonali utilizzando due emisuture in Prolene 7-0 (Tab. e
Grafico 2). Per immobilizzare il sito dell’arteriotomia Singolo Graft: LIMA su DAS
sono stati apposti due punti
di sospensione intorno ad Doppio Graft:
• LIMA su DAS + VSA su Cdx
esso.
Aniello Pilerci et Al.
guito (massimo 5 anni-minimo 6 mesi), su un totale di 50
pazienti che si sono sottoposti ad esame coronarografico,
si evidenziava un tasso di pervietà dell’anastomosi LIMA
su DAS del 93%.
Discussione
Possiamo affermare che l’uso della circolazione extracorporea ha rappresentato la base concettuale per il supporto circolatorio durante la confezione di un bypass
aorto coronarico. L’elettivo arresto diastolico con l’uso
della cardioplegia permette al chirurgo di lavorare in un
campo operatorio stabile, esangue e sicuro per l’esecuzione di una perfetta anaN° di
%
stomosi. Da tali vantaggi è
pazienti
derivato l’enorme successo
di questa tecnica cardiochi40
25,5%
rurgica.
108
68,8%
Con il miglioramento e lo
svilupparsi della tecnologia
della pompa, della cardio• LIMA su DAS + VSA su rami diagonali
Il clampaggio coronarico è
plegia, dell’anestesia e
9
5,7%
Triplo Graft:
delle tecniche chirurgiche,
durato per un lasso di tempo
la mortalità e la morbilità
compreso tra i 15 e i 22 • DAS + Cdx + rami diagonali
operatoria si sono gradualminuti. Per le suture prossi- Reinterventi
14
8,9%
mente ridotte. Infatti, negli
mali, nei casi di Free Grafts,
ultimi anni, sebbene ci sia
è stato utilizzato Prolene 6- Tab. 2 - Dati operatori
stato un aumento dei casi ad
0. la neutralizzazione dell’azione anticoagulante dell’eparina al termine dell’anastoalto rischio che si sono proposti all’operatore, la mortamosi è stata ottenuta mediante somministrazione di solfalità è andata diminuendo.
La morbidità, però, derito di protamina T.
vante dall’uso della circola120
zione extracorporea è rimaSingolo Grafts
Risultati
sta. L’incannulamento del100
Doppio Grafts
l’aorta può essere responsaTriplo Grafts
80
Numero di
La mortalità ospedaliera era
bile del dislocamento di
Reinterventi
60
pazienti
di 4 pazienti pari al 2,5%
ateroemboli. Il suo clam40
(Tab. 3).
paggio si associa ad un
20
Gli eventi più frequenti
aumento del rischio di uno
0
erano l’infarto del miocarstroke embolico. La cardioGraft
dio perioperatorio (3,4%) e
plegia, che rende il campo
la bassa gittata cardiaca non
operatorio immobile, indufatale che rispondeva positi- Grafico 2 - Distribuzione e Numero di vasi rivascolarizzati
ce cambiamenti nella convamente ad un breve periotrattilità miocardica, nella
do di trattamento con farmavasoregolazione locale e
ci inotropi positivi. La media di degenza in ospedale era
possibili spasmi.
di 5,2 giorni con una riduzione della stessa rispetto
L’interazione degli elementi figurati del sangue con
all’intervento tradizionale di 3 giorni in media. Nessuna
l’ossigenatore può portare a liberazione di sostanze
conversione intraoperatoria verso la CEC è stata necesvasoattive in seguito a degranulazione delle piastrine e
saria, data l’assenza di casi di riduzione importante della
dei leucociti con conseguenti vasodilatazione, ipotengittata cardiaca e la mancanza di anomalie elettrocardiosione e secondariamente danni ai vari organi13. Il danno
grafiche o aritmie al momento della temporanea occlurenale, polmonare e neurologico derivante dall’uso della
sione della coronaria da anastomizzare. Nella Tabella 4
circolazione extracorporea sono fenomeni che possono
sono mostrati altri parametri post-operatori che sono
essere mal tollerati nei pazienti affetti da malattie cronistati valutati.
che quali diabete, malattie vascolari periferiche e bronAlla dimissione tutti i pazienti erano asintomatici per
copneumopatie croniche ostruttive. Alcuni autori hanno
continuato ad usare il bypass aortocoronarico, in casi
angina e/o dispnea o con minima terapia farmacologia.
selezionati, senza l’ausilio della circolazione extracorNel follow up a breve e medio termine che abbiamo ese-
138
CARDIOLOGY SCIENCE
L’impiego degli shunt intracoronarici nella rivascolarizzazione miocardica senza circolazione extracorporea
(The employment of the coronary shunt in the cardiac muscle revascularization without CEC)
ATTUALITÀ SCIENTIFICHE
porea dimostrandone la piena affidabilità.
nella frazione di eiezione. Tali parametri, come osservaOltre 1700 casi riportati in letteratura nelle scorse due
to dall’utilizzo di un eco transesofageo intraoperatorio,
decadi hanno dimostrato riduzione della mortalità, della
rimangono immutati se si utilizza uno shunt intracorodegenza ospedaliera, delle richieste trasfusionali e dei
narico durante la confezione dell’anastomosi.
tempi e costi operativi.
Oltre quindi ad evitare lesioni del miocardio, lo shunt
Il nuovo millennio inizia per la comunità cardiochirurpermette al campo operatorio di rimanere esangue congica all’insegna della riscoperta della chirurgia a cuore
sentendo all’operatore tutte le caratteristiche di stabilità
battente con nuove e molte sfide per chi era abituato
e sicurezza che gli permettano di realizzare l’anastomoormai a lavorare affiancato alla CEC. La principale di
si coronarica con la stessa perfezione tecnica che l’arrequeste è la protezione del cuore durante la costruzione
sto cardiaco e la CEC gli offrivano. Lo shunt quindi
del graft. Questo nostro lavoro sta a dimostrare come la
assicura il flusso sanguigno al territorio distale all’ocrisposta più sicura, semplice e, dati gli attuali problemi
clusione e nell’intervallo durante il quale giaceva nel
economici che investono sempre più la medicina moderlume nessuna evidenza di ischemia, di ipocontrattilità,
na, economicamente irrisoria sia l’utilizzo di uno shunt
di instabilità emodinamica, di cianosi o di cambiamenti
da apporre nel lume coronarico.
di colore è stata notata dall’operatore. L’assenza inoltre
Già dagli anni ’70 si capiva come l’utilizzo di uno shunt
di alterazioni dell’ECG e di aritmie primarie e dopo la
intraluminale, mediante esperimenti di cardiochirurgia
riperfusione sono garanzia della adeguatezza del flusso
condotti su modelli animali,
distale attraverso lo shunt.
fosse protettiva per even- Occlusione acuta della anastomosi
2
tuali condizioni di ischemia
L’utilizzo di questo tubicino
Aritmia fatale
2
che potessero interessare il
di silicone ha risvolti impor0
miocardio durante l’occlu- Danni neurologico permanente, coma
tanti per quanto concerne la
sione dei vasi per la riva- Sanguinamenti
necessità di confezionare la
0
scolarizzazione a cuore batsutura anastomotica nel più
tente. Lary mostrava in un Tab. 3 - Possibili cause di morte nell’immediato post-operatorio
breve tempo possibile per
suo lavoro del 197414 come
ovviare ai fenomeni ischel’occlusione acuta della circonflessa fosse associata ad
mici che sicuramente in vari gradi avvengono nel
un alto numero di mortalità intraoperatoria nei cani, la
momento dell’occlusione dell’arteria. Lo shunt riduce
quale veniva eliminata con l’utilizzo di uno shunt che
questa forma di pressione sull’operatore. Altro fattore
permettesse di mantenere la perfusione del territorio
importante è l’assenza di sanguinamento nel campo opedistale. Dal 1954 al 1981 sono stati creati vari tipi di
ratorio il quale resta pulito permettendo una visuale ottishunt fatti di vetro, di acciaio, di polipropilene, di silima. Questo ha importanza non solo perché il campo opecone, ma senza successo quando erano poi applicati nelratorio è nitido, ma anche perché ovvia è la necessità di
l’uomo. Nel 1975, gli autori Trapp e Bisarya descrisseapplicare forme varie di clampaggio, per il controllo del
ro l’utilizzo di uno shunt
sanguinamento, dimostratetemporaneo intraluminale, Respiro spontaneo entro 3 ore dall’intervento 142
si lesive per le pareti del
90,4%
ma con una tecnica complivaso18. Lo shunt amplia l’arTrasferiti in reparto entro 12 ore
130
82,8%
cata e che non ebbe grosso
teriotomia
mantenendo
122
77,7%
successo su larga scala15. Dimessi entro 4 giorni
beante il lume coronarico,
Nel 1977, Franzone riporta- Asintomatici per angina/dispnea
cioè inoltre evita la possibi148
94,3%
va in un suo lavoro le altelità di applicare erronearazioni della registrazione Tab. 4 - Parametri Post-operatori
mente punti di sutura alla
elettrocardiografica della
parete posteriore del vaso.
superficie cardiaca il cui territorio era irrorato dalla
L’anastomosi viene quindi eseguita in assoluta tranquilcoronaria che veniva temporaneamente occlusa, ma l’ulità e sicurezza senza fretta o ansia per l’operatore. La
tilizzo di uno shunt permetteva il recupero del miocarrimozione dello shunt è sempre avvenuta con un semplidio e preveniva tali alterazioni16.
ce e leggero gesto di trazione del filo di ritenzione posto
Nel 1997 l’autore Rivetti dimostrava la sicurezza delnel suo punto di mezzo: nessuna anastomosi è stata in
l’applicazione dello shunt nei pazienti sottoposti a chiquesta fase rovinata. Lo shunt esaminato successivamenrurgia a cuore battente riportando tale esperienza in ben
te non mostrava formazioni trombotiche al suo interno
oltre 500 casi17.
rassicurando su eventuali fenomeni di riocclusione del
Dalla nostra esperienza possiamo dimostrare come l’uvaso anastomizzato, né lo shunt stesso è causa di lesioni
tilizzo dello shunt permetta al chirurgo di risolvere la
del letto vascolare in cui viene posto.
inevitabile ischemia che deriva dalla temporanea occluQuesto limita i dubbi circa l’impatto che lo shunt, seconsione coronarica quando si opera a cuore battente.
do alcuni autori, poteva avere sulla struttura endoteliale e
Questa si riflette sulla funzionalità del ventricolo sinifunzione della coronaria in cui viene inserito. La mortastro provocando alterazioni nella contrattilità della parelità e la morbilità, in accordo con i dati in letteratura, sono
te ventricolare sinistra, nella motilità del territorio irromolto bassi quando lo shunt viene usato nella chirurgia a
rato dall’arteria che viene temporaneamente occlusa e
cuore battente.
CARDIOLOGY SCIENCE
139
ATTUALITÀ SCIENTIFICHE
L’evitare la CEC, la cannulazione e decannulazione dell’aorta, l’esposizione delle componenti figurate del sangue all’ossigenatore, riduce i tempi operatori, i costi e le
complicanze. Inizialmente, l’eventuale applicazione dello
shunt veniva considerata soltanto in caso di particolari
condizioni di instabilità emodinamica e di disfunzione
della attività contrattile del ventricolo sinistro. Da questo
nostro lavoro emerge che
l’utilità dello shunt prescinde da ogni tipo di
particolare condizione di
rischio e che possa essere
utilizzato sempre qualora
si esegua una rivascolarizzazione miocardica a
cuore battente. Qualche
autore recentemente suggerisce anche la possibilità di utilizzare in alternativa uno shunt esterno
che mantenga la perfusione coronarica dall’arteria
femorale19.
In conclusione, date le
caratteristiche di sicurezza, di semplicità delle
tecnica di applicazione e Fig. 5 - Rimozione dello shunt
degli irrisori costi economici, possiamo affermare che l’uso di routine di uno
shunt intracoronarico è un valido strumento di protezione
del cuore nella chirurgia a cuore battente ed in particolar
modo nei più recenti approcci minimamente invasivo ed
endoscopico.
7.
8.
9.
13.
14.
Bibliografia
1.
2.
3.
4.
5.
6.
Mills SA. Cerebral injury
and cardiac operations.
Ann Thorac Surg 1993;
56:S86-91.
Woodman RC, Harker LA.
Bleeding complication associated with cardiopulmonary bypass. Blood 1990;
76:1680-97.
Farah B, Vuillemonot A. et
al. Myocardial neutrophil
sequestration and activation related to the reperfusion of human heart during
coronary artery surgey.
Cardiovasc Res 1994;
28:1226-30.
Robinson MC, Gross DR, Fig. 6 - Fasi del posizionamento dello shunt
Zeman W, Stedje-Larsen E.
18.
Minimally invasive coronary artery bypass grafting; a new method
using an anterior mediastinotomy. J Cardiac Surg Sept
1995;10(5):529-536.
Benetti FJ, Ballester C. Use of thoracoscopy and a minimal thora19.
cotomy, in mammari-coronary bypass to left anterior descending
artery, without extracorporeal circulation. Experience in 2 cases. J
Cardiovasc Surg (Torino) Apr.1995;36(2):159-61.
Jacob Bergsland, Saira Hasnan et al. Coronary artery bypass graf-
140
ATTUALITÀ SCIENTIFICHE
Aniello Pilerci et Al.
ting without cardiopulmonary bypass- An attractive alternative in
high risk patients Eur J Cardiothorac Surg 1997;11:876-80.
Buffolo E, de Andrade CS at al. Coronary artery bypass grafting
without cardiopulmonary bypass. Ann Thorac Surg 1996;61(1):63-6.
Gundry SR, Romano MA et al. Seven year follow up of coronary
artery bypass performed with and without cardiopulmonary
bypass. The J Thorac Cardiovasc Surg 1998;115(6).
Koh TW, Carr-White GS, De Souza AC, Ferdinand FD, Pepper JR,
Gibson DG. Effect of coronary occlusion on left ventricular function with and without collateral
supply during beating heart
coronary artery surgey. Heart
1999;81:285-1.
10. Levinson MM, Fooks GS.
Coronary grafting using a temporary intraluminal shunt
instead of heart-lung bypass.
Ann Thorac Surg 1995 Dec;
60(6):1800-1.
11. V.Lucchetti, F.Capasso,
M.Caputo, G. Grimaldi, M.
Capece, G. Brando, S. Caprio
and GD Angelini. Intracoronary left ventricular function
impairment during beating
heart coronary revascularization European Journal of
Cardio-Thoracic Surgery 1999;
Vol 15,225-259.
12. Intracoronary shunt insertion prevents myocardial stunning in a juvenile porcine MIDCAB model absent of coronary
artery disease OE Dapunt, MR
Raji, S Jeschkeit, S Dhein, F Kuhn-Regnier, M Sudkamp, JH
Fischer and U Mehlhorn. European journal of Cardio-Thoracic
Surgery 1999; Vol 15,173-178.
Extracorporeal circulation can induce hypotension by both bloodmaterial contact and pump-induced platelet aggregation. Piet
Borgdorff, PhD, Gerard van den Bos, MD, PhD, Geert Jan
Tangelder, MD, PhD J Thorac Cardiovasc Surg 2000;120:12-19.
Lary BG, Sherman RW, Glasser SS, McDermott J and Gollan F.
Experimental vein angioplasty of the circumflex coronary artery. J
Surg Research 1974;17:10-214.
15. Trapp WG and Bisarya R.
Placement of coronary artery
bypass graft without pump oxygenator. Ann Thorac Surg
1975;19:1-9.
16. Franzone AJ. Wallsh E,
Stertzer SH, De Pasquale NP
and Bruno MS. Reduced incidence of intraoperative myocardial infarction during
coronary bypass surgery with
use of intracoronary shunt tecnique. Am J Card 1977;
39:1016-20.
17. Rivetti LA, Gandra SMA.
Initial experience using an
intraluminal shunt during revascularization of the beating
heart. Ann Thorac Surg 1997;
63:1742-7.
Herbert B. Hangler, MDa, Kristian Pfaller, PhDb, Herwing
Antretter, MDa, Otto E. Dapunt, MDc, Johannes O. Bonatti, MDa
Coronary endothelial injury after local occlusion on the human
beating heart. Ann Thorac Surg 2001;71:122-127.
Hirokuni Arai, MDa, Tetsuya Yoshida, MDa, Hiroyuki Izumi, MDa,
Makoto Sunamori, MDa. External shunt for off-pump coronary
artery bypass grafting: distal coronary perfusion catheter. Ann
Thorac Surg 2000;70:681-682.
CARDIOLOGY SCIENCE
Ipertensione polmonare secondaria ad insufficienza mitralica:
la riduzione dei valori pressori mediante canrenone è realmente possibile?
Fabio Zacà, Giuseppina Santese, Antonietta Schipani, Cosimo Stefanio, Alberto Benassi, Marco Meli, Italo Ghidoni
Dipartimento di Cardiologia medico-chirurgica e toraco-vascolare
Hesperia Hospital - Modena
Riassunto
L’ipertensione polmonare è per il cardiologo clinico un problema difficile da risolvere. Obbiettivo dello studio è valutare l’azione del canrenone in aggiunta alla furosemide ed al ramipril in pazienti con ipertensione polmonare secondaria ad insufficienza mitralica. End-point primario: variazione della pressione polmonare. End-points secondari: variazione del tempo di
esercizio al treadmill test, della pressione arteriosa sistemica, variazione dell’entità dell’insufficienza mitralica.
60 pazienti sono stati suddivisi in 2 gruppi di 30 soggetti e randomizzati con una lista predefinita: Gruppo C: canrenone 100
mg + furosemide 12,5 mg + ramipril 5 mg; Gruppo P: placebo + furosemide12,5 mg + ramipril 5 mg.
L’analisi statistica è stata effettuata mediante il t di Student per campioni indipendenti e per dati appaiati nella valutazione
della pressione arteriosa polmonare e sistemica e del tempo di esercizio; il test esatto di Fisher è stato impiegato per valutare le differenze nell’ entità dell’insufficienza mitralica. Il follow-up è stato effettuato per 6 mesi.
La pressione polmonare nel gruppo C si è ridotta da 50.47 dopo 3 mesi a 47.10 (p <0.001) e dopo 6 mesi a 45.57 (p <0.001).
La pressione polmonare nel gruppo P si è ridotta da 50.63 dopo 3 mesi a 49.77 (ns) dopo 6 mesi a 49.10 (p <0.05).
Il confronto fra il gruppo C ed il gruppo P presentava una differenza non significativa dopo tre mesi e significativa dopo 6
mesi (p <0.05). Il tempo di esercizio migliora in entrambi i gruppi; la differenza è statisticamente significativa sempre a favore del gruppo C: dopo 3 mesi è presente una p <0.01 e dopo 6 mesi p <0.001. La pressione arteriosa sistolica e diastolica si
riduce in entrambi i gruppi; la differenza è statisticamente significativa a favore del gruppo C sia al III che al VI mese.
L’entità dell’insufficienza mitralica migliora nel gruppo C rispetto al gruppo P (p <0.05). Il canrenone associato a diuretico
dell’ansa e ad Ace-inibitore è in grado di ridurre la pressione polmonare. Il meccanismo che può consentire tale effetto è legato all’azione diuretica; a tale azione si può associare un effetto sulla funzione endoteliale e sui meccanismi legati alla fibrosi.
Summary
Pulmonary hypertension is for the clinical cardiologist a hard problem to resolve. The aim of the study is to value the action
of canrenone added to furosemide and ramipril in patients with pulmonary hypertension secondary to mitral insufficiency.
Primary end-point: variation of pulmonary pressure. Secondary end-points: variation of time of exercise treadmill test, variation of arterial systolic and diastolic pressure, variation of entity of mitral insufficiency.
60 patients have been divided in 2 groups of 30 subjects and randomized with a pre-established list: C Group: canrenone 100
mg + furosemide 12,5 mg + ramipril 5 mg; P Group: placebo + furosemide12,5 mg + ramipril 5 mg. The statistic analysis
has been effected through Student-t Test for independent samples and for coupled data in the evaluation of pulmonary arterial
and systemic pressure and of the time of exercise; the Fisher Exact Test has been employed to value the differences in the entity
of the mitral insufficiency. The follow-up has been effected for 6 months. Pulmonary pressure in C group has been reduced
from 50.47 after 3 months to 47.10 (p <0.001) and after 6 months to 45.57 (p <0.001).
Pulmonary pressure in P group has been reduced from 50.63 after 3 months to 49.77 (ns) after 6 months to 49.10 (p <0.05).
The comparison between C group and P group after three months was not significant; after 6 months the difference was significant (p <0.05). The time of exercise improves in both groups; the difference is statistically significant always for C group:
after 3 months there is a p <0.01 and after 6 months a p <0.001. The arterial systolic and diastolic pressure is reduced in both
groups; the difference is statistically significant for C group both at III and VI month. The entity of mitral insufficiency improves in C group as regards to P group (p<0.05). Canrenone combined with a loop diuretic and an ace-inhibitor is able to reduce pulmonary pressure: the complementary diuretic action can explain this effect. The endothelial function, the mechanism
bound to fibrosis can be modified from the canrenone: these effects can be useful on the pulmonary pressure reduction.
Introduzione
L’
ipertensione polmonare è per il cardiologo clinico
un problema difficile da affrontare e di non facile
soluzione. Le forme primitive1 sono state oggetto di studio e l’efficacia di farmaci come le prostacicline2 è stata
dimostrata. Tale costosa terapia non è applicabile nelle
forme secondarie. Le forme secondarie1 sono state oggetto di studio in relazione soprattutto al trattamento della
malattia che ha indotto ipertensione polmonare.
CARDIOLOGY SCIENCE
La terapia farmacologia sintomatica dell’ipertensione
polmonare secondaria dovrebbe seguire concettualmente
i principi del trattamento dell’ipertensione arteriosa; i farmaci maggiormente utilizzati sono i diuretici3, ma anche
calcio-antagonisti4 e ACE inibitori5 potrebbero essere
efficaci, sebbene gli studi clinici non siano numerosi e
siano sempre effettuati su un numero limitato di pazienti.
Nei pazienti con insufficienza mitralica l’aumento della
pressione in atrio sinistro induce un aumento della pressione a livello delle vene polmonari e quindi nel micro-
Per la corrispondenza: [email protected]
141
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard