ANALISI DEI MEDICINALI II Prof.ssa Valentina Zuliani FINALITÀ Il

annuncio pubblicitario
ANALISI DEI MEDICINALI II
Prof.ssa Valentina Zuliani
FINALITÀ
Il corso è articolato in lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche e ha l’intento di fornire allo studente
conoscenze relative ai metodi di analisi più utili per la separazione, l’identificazione ed il controllo di purezza
di sostanze di interesse farmaceutico.
PROGRAMMA
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Norme di sicurezza ed elementi di primo soccorso nel laboratorio chimico-farmaceutico.
Illustrazione e uso della Farmacopea Ufficiale Italiana e della Farmacopea Europea.
Tecniche di isolamento e purificazione dei medicamenti: estrazione con solvente, cristallizzazione,
distillazione, sublimazione, metodi cromatografici.
Misura delle costanti fisiche: punto di ebollizione, punto di fusione, potere rotatorio specifico.
Tecniche cromatografiche applicate al riconoscimento dei medicamenti.
Metodi spettrofotometrici di identificazione dei medicamenti.
Identificazione delle sostanze organiche:
¬ saggi preliminari: esame organolettico, comportamento alla combustione, solubilità, analisi
elementare qualitativa;
¬ saggi di riconoscimento dei principali gruppi funzionali e preparazione dei derivati cristallini
(ammine, composti carbonilici, acidi carbossilici, alcoli, fenoli, nitrocomposti, carboidrati,
amminoacidi).
Saggi di riconoscimento di sostanze organometalliche e inorganiche di interesse farmaceutico.
Riconoscimento di sostanze organiche, organometalliche e inorganiche iscritte nella Farmacopea
Ufficiale: reazioni di identificazione e controllo di purezza. Saggi limite.
MODALITÀ D’ESAME
L’esame consiste in una prova pratica (riconoscimento di due sostanze iscritte nella F.U.) e in una prova
orale riguardante tutti gli argomenti del programma.
Testi consigliati
F. CHIMENTI: “Identificazione sistematica di composti organici” – Grasso, Bologna.
O. LIVI, A. BALSAMO: Guida pratica al riconoscimento delle sostanze iscritte nella X edizione della
Farmacopea Ufficiale della Repubblica Italiana” – Edizioni ETS, Pisa.
F. SAVELLI, A. BOIDO: “Guida all’analisi di composti di interesse farmaceutico” – ECIG, Genova.
A. VOGEL: “Chimica organica pratica” – Ambrosiana Editrice, Milano.
European Pharmacopoeia.
CHIMICA FARMACEUTICA E TOSSICOLOGICA II
Prof.ssa Claudia Silva
FINALITÀ’
Il corso ha lo scopo di fornire allo studente le nozioni chimiche relative alle classi farmaceutiche citate nel
programma. In particolare focalizza l’attenzione sulle proprietà chimiche e chimico-fisiche dei farmaci, sul
loro meccanismo d’azione, sulle relazioni esistenti tra struttura ed attività biologica e sulle più importanti
trasformazioni metaboliche.
PROGRAMMA
Neurotrasmettitori
Acetilcolina; Catecolamine; Serotonina; Istamina; GABA ed ammminoacidi trasmettitori.
Farmaci attivi sul Sistema Nervoso
Depressori del Sistema Nervoso
-
Anestetici generali: per inalazione e per via endovenosa; ipotesi interpretative riguardanti i depressori
non-selettivi del S.N.C.; farmaci utilizzati nella medicazione preanestetica e nell’anestesia di base.
-
Ipno-sedativi: alcoli; aldeidi e chetoni; amidi ed uretani; ureidi acicliche e cicliche (barbituriche e non).
-
Analgesico
narcotici:
prototipi
naturali,
derivati
di
semisintesi,
morfinanici,
benzomorfanici,
fenilpiperidinici; fenilpropilamminici; morfino-antagonisti; derivati oripavinici.
-
Anticonvulsivanti: barbiturici; idantoine, ossazolidindioni; succinimidi, anticonvulsivanti di 2° generazione.
-
Antiparkinson: farmaci dopaminergici e anticolinergici; vari.
-
Miorilassanti.
-
Ansiolitici: derivati diolici e carbammati; benzodiazepine; imidazopiridine; arilpiperazine (LCAPS).
-
Neurolettici: fenotiazine e tioxanteni; butirrofenoni e difenilbutilpiperidine; dibenzazepine; indoli;
benzamidi; neurolettici atipici.
-
Anestetici locali: prototipi naturali; derivati esterei ed amidici; amidine; uretani, eteri e chetoni.
Stimolanti del Sistema Nervoso
- Analettici centrali: amidi cicliche e non; xantine; vari.
-
Psicoanalettici: composti correlati con le ammine simpaticomimetiche; inibitori delle MAO.
-
Anoressanti
-
Antidepressivi: farmaci timolettici di 1° e 2° generazione;antidepressivi atipici.
-
Allucinogeni: indolilalchilamine, fenilalchilamine, PCP, cannabinoidi.
Antiacidi ed inibitori della secrezione gastrica (Antiulcera)
Antitumorali: nozioni generali sulle neoplasie; principali farmaci antitumorali, proprietà e meccanismi
d’azione; alchilanti; antimetaboliti; complessanti del DNA; antimitotici; ormoni e farmaci correlati.
Antivirali: introduzione alla chemioterapia antivirale; tiosemicarbazoni; ammine cicliche, fosfonati, nucleosidi
e nucleosidi modificati; farmaci anti-HIV.
MODALITÀ D’ESAME
L’esame finale (orale) verterà su tutti gli argomenti del programma. Lo studente dovrà dimostrare di aver
compreso, e di essere in grado di utilizzare, i concetti fondamentali di ogni argomento.
Testi consigliati
W.O. FOYE: “Principi di Chimica Farmaceutica”, Piccin Padova.
E. SCHRODER, C. RUFER, R. SCHMIECHEN: “Chimica Farmaceutica I e II”, S.E.S., Napoli.
M.E. WOLFF: “Burger’s Medicinal Chemistry and Drug Discovery”, Wiley, New York.
COMPLEMENTI DI CHIMICA FARMACEUTICA
Prof. Fabrizio Bordi
FINALITA'
Il corso si prefigge l’obiettivo di ampliare ed approfondire la trattazione di alcuni argomenti di chimica
farmaceutica come anche di introdurre lo studente a nuovi temi come la chimica degli ormoni.
PROGRAMMA
•
•
•
•
•
•
•
Tetracicline. Cloramfenicolo. Antibiotici peptidici. Antibiotici macrolidici. Antibiotici ad ansa.
Antimicobatterici.
Chemioterapia antiparassitaria: antimalarici.
Inibitori delle fosfodiesterasi.
Farmaci utilizzati nel trattamento delle iperlipoproteinemie.
Ormoni e loro antagonisti: farmaci tiroidei ed antitiroidei. Colesterolo. Corticosteroidi.
Ormoni sessuali.
.
MODALITA' DI VERIFICA
La verifica sarà svolta mediante una prova orale alla fine del corso. Lo studente dovrà dimostrare di aver
compreso e di essere in grado di utilizzare i concetti fondamentali di ogni argomento.
Testi consigliati:
W.O. FOYE: “Principi di Chimica Farmaceutica”; Piccin, Padova.
E. SCHRODER, C. RUFER, R. SCHMIECHEN: “Chimica Farmaceutica” I e II: Società Editrice
Scientifica (SES), Napoli.
C.G.ALBERTI e L. VILLA: “Chimica Farmaceutica” I e II; O.E.M.F., Milano.
FARMACOECONOMIA
Prof. Giovanni Cremonesi
FINALITÀ’
Il corso di farmacoeconomia ha l’obiettivo di fornire le conoscenze e gli strumenti metodologici utili alla
valutazione degli impatti economici correlati agli interventi farmacologici e sanitari.
PROGRAMMA
•
L’economia del farmaco: la domanda di prestazioni sanitarie, il mercato farmaceutico, la ricerca
scientifica, l’industria farmaceutica, il medico, il farmaco.
•
Il consumo dei farmaci e la spesa sanitaria.
•
I farmaci generici.
•
La farmacoeconomia: definizione, obiettivi e prospettive. Tipologie di studio (analisi costi-efficacia, costiutilità, costi-benefici).
•
L’analisi dei costi e le prospettive dell’analisi.
•
L’informazione scientifica.
•
La ricerca clinica ed il rilievo dei dati economici.
•
Esercitazioni.
MODALITÀ’ DI VERIFICA
L’acquisizione dei crediti sarà certificata da un test finale scritto e da un eventuale colloquio orale.
Testi consigliati
Saranno fornite le fotocopie delle lezioni a cura del docente.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard