Storia dei consumi energetici Dagli albori della storia alla fine del

annuncio pubblicitario
Storia dei consumi energetici
Dagli albori della storia alla fine del 1800
C01
La storia dei consumi energetici è inscindibilmente legata alla storia dell’uomo. Nella storia
dell’uomo, la ricerca di qualcosa capace di produrre lavoro ( pensate ad esempio all’utilizzo degli
schiavi sin dagli albori della storia), è stata una delle attività dominanti dell’uomo. Si potrebbe
anche dire che è l’ossessione della conquista di fonti energetiche che ha fatto e continua a fare la
storia dell’uomo.
Dalla sua comparsa sulla terra, circa mezzo milione di anni fa, l’Homo Erectus ha imparato a
controllare e a generare il fuoco usando legna da ardere. Comunque, e fino a circa diecimila anni
fa, l’uomo si è essenzialmente comportato come un predatore prendendo ciò che la natura gli
offriva gia pronto come cibo, materiali, energia.
Diecimila ani fa l’uomo scoprì l’agricoltura e dette vita ai primi insediamenti stanziali. Comincia
allora a crescere la popolazione mondiale e la richiesta di risorse. Si introduce l’aratro e si
comincia a far uso della trazione animale. Inizia anche la metallurgia che è una modalità di uso
dell’energia e una condizione per aumentarne l’offerta.
Successivamente, l’uomo impara ad affiancare alla legna, l’energia del vento per la propulsione
delle navi, e quella dei fiumi per la realizzazione dei primi mulini idraulici. E’ sullo sviluppo di
dispositivi idraulici che si è basata la protoindustrializzazione dell’Europa.
Eventi determinanti per l’avvento della rivoluzione industriale furono lo sviluppo della macchina
a vapore e l’uso intensivo del carbone. Nel 1764 James Watt perfeziona la macchina a vapore
di Newcomen che ebbe, come principale applicazione, quella di fornire energia alle pompe di
estrazione dell’acqua dalle miniere di carbone inglesi.
Inizia il passaggio da un’economia fondata sull’uso della legna e della trazione animale ad una
fondata sull’uso del carbone e delle macchine.
Intorno al 1800, la popolazione mondiale di circa 1 miliardo di persone consuma circa 500 milioni
di tep.
La seconda metà del 1800 rappresenta un’epoca di fondamentale importanza per il sistema energetico. A seguito della perforazione del pozzo di Titusville del 1859, fa la sua comparsa il petrolio
e inizia lo sviluppo del motore a scoppio. L’elettricità esce dal dominio dei fenomeni da baraccone
e, grazie all’opera di Thomas Alva Edison, trova immediate applicazioni nell’illuminazione, in
elettrochimica e nei motori elettrici.
La rivoluzione industriale trova il suo massimo compimento in paesi come la Gran Bretagna, il
Belgio e la Germania e nascono grandi agglomerati urbani in prossimità di giacimenti carboniferi.
Si espandono a dismisura l’industria mineraria, quella tessile, siderurgica e manifatturiere, oltre
all’esplosione del trasporto navale e, successivamente, ferrroviario.
Alla fine dell’ottocento, il consumo di carbone supera quello della legna, e diviene il combustibile
primario.
Il secolo si chiude in un clima di grande ottimismo in cui tutte le attività umane vivono un
periodo di intensa creatività ed espansione. Sembra che non ci siano limiti al progesso conoscitivo
1
2
e tecnologico, e al miglioramento delle condizioni di vita che l’inarrestabile sviluppo industriale,
innescato da illimitate risorse fossili, promette.
Ma sarà così per tutto il secolo successivo e fino ad oggi?
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard