GRATIS

annuncio pubblicitario
GRATIS
Rivista per adulti. Soft Secrets Italia viene pubblicato 6 volte all’anno dalla Discover Publisher BV Paesi Bassi - Numero 6 2005
Charsì in India
dal Canapaio
Growing for dummies
Allestisci uno
spazio da
coltivazione
Coltivare con
Jorge Cervantes
Clonare le piante
La fiera più caliente
dell’autunno
Racconti,
recensioni, video
giochi, fumetti e
molto altro!
Highlife Barcellona
CHARSÌ
Caro
Soft Secrets
Power Plant
Prendere
dimestichezza
con i cloni
Highlife
Barcellona
2005
Soft Secrets
3
Editoriale
Da un po’ di tempo seminiamo…
e fra poco raccogliamo
Gli ultimi mesi hanno portato un susseguirsi di operazioni di polizia contro piccoli coltivatori
in Italia. La situazione è piuttosto chiara: l’autoproduzione sta prendendo piede e questo fatto
non piace alle autorità. Siamo uno dei paesi in cui il consumo di cannabis è più elevato; gli
Italiani amano i piaceri della vita. Ci piace chiacchierare, stare insieme, scherzare. Siamo un
po’ caciaroni, ma con stile e simpatia, e per la spontaneità e la classe che ci contraddistinguono
siamo ammirati e imitati ovunque.
Ci sono delle pastoie che però che paralizzano il nostro paese, innanzitutto soffriamo di un certo tipo
di cecità o ipocrisia perbenista. Ossia: spesso non siamo in grado di valutare la realtà obiettivamente,
al pragmatismo sostituiamo il partitismo, la fede, la domenica sportiva e il nepotismo.
Fumare le canne non fa male e mai nessuno è morto per il consumo di cannabis (quanti danni
hanno fatto grappa, vodka e whisky, acquistabili al supermercato?). Anzi, la pianta ha potenzialità
terapeutiche formidabili e anche la canapa industriale (a basso contenuto di THC, quella che non
sballa!) rappresenta una gallina dalle uova d’oro per l’umanità. Invece nemmeno quest’ultima
coltura è stata reintrodotta nella nostra penisola (se non eccezionalmente, in via sperimentale),
che rischia, come su molti altri piani, di rimanere il fanalino di coda fra le economie dell’Unione
che invece già ne hanno rilanciato la produzione. In Italia la canapa cresce bene, prima ne
producevamo la qualità migliore al mondo. Ma delle nostre potenzialità fatichiamo a fare dei
punti di forza, probabilmente abbiamo poca fiducia che qualcosa possa andare bene!
E per tornare a parlare della cannabis “buona”, da fumare… bisogna far piazza pulita degli
schemi mentali sclerotizzati che dominano ancora, nel 2005, a giudicare dalla linea seguita dalle
forze dell’ordine, che, imperterrite, si accaniscono contro chi coltiva una pianta meravigliosa e
profumata per fumarsela con la fidanzata, senza nuocere ad alcuno. Fumare non porta nemmeno
a comportamenti aggressivi o eccessivi (risse e corse in macchina le lasciamo ad altri).
“Nel corso degli arresti che hanno accompagnato la messa sotto sequestro del cliccatissimo
sito mariuana.it (riaperto da fine settembre) non è stato trovato nessuno coltivatore “su
grande scala”: dieci mesi di indagini che dovevano smantellare chissà quale organizzazione
di presunti coltivatori-spacciatori, si sono conclusi con un bel buco nell’acqua: ragazzini con
due o tre talee e qualcuno che, più di due mesi dopo, doveva ancora firmare in caserma per
essere stato trovato con... due lampade smontate!”
Non si tratta di spaventarsi. Si tratta di reagire e, a questo punto, agire. Da cittadini, dovremmo
essere stufi di vedere forze dell’ordine e magistratura perdere tempo (che potrebbero usare
più proficuamente) e denari pubblici per arginare quella che considerano una piaga, ma che
non è altro che una civile abitudine di una parte consistente della popolazione (si parla di 10
milioni di consumatori e 1 milione di coltivatori!).
La bimba di
pagina 3
Top 44
La Top 44 è una varietà a fioritura rapida, che in condizioni
ideali può essere pronta in 6 settimane. Questa varietà rimane
bassa e non ramifica troppo, quindi è l’ideale per giardini
di dimensioni ridotte o per la coltura col metodo SOG (Sea
Of Green). La Top 44 è una pianta forte e facile da coltivare,
senz’altro un’ottima scelta per chi coltiva per la prima volta. La
Top 44 si è rivelata anche ottima per la produzione su balcone.
Regala una fumata intensa e da Skunk, con una vibrazione che
dura a lungo.
Tipo:
Indica/Sativa: 85/15%
Durata della fioritura indoor: 43-54 giorni
Altezza:
125cm indoor /
150cm outdoor
Resa:
100g indoor/300g o più outdoor
Tecnica raccomandata:
Periodo del raccolto
in esterni/serra:
SOG
settembre/ottobre
La realtà è cambiata, il consumatore di cannabis non è più lo stereotipato hippy capellone…
oggigiorno l’avvocato e il medico fumano una canna dopo cena, la mamma accompagna il
figlio a comprare la lampada, le amiche affinano l’arte del coltivare… la marijuana piace a
persone di tutti i tipi, perfettamente funzionali e integrate a livello sociale e lavorativo.
INDICE
Editoriale
La bimba di pagina 3
Flash prodotti
Caro Soft Secrets
Step by step
Ganjaman
Le meraviglie di Weckels (indoor)
Cosa succede in Italia
Coltivare con Jorge Cervantes
La pagina del Canapaio
Fai da te: fare le talee
Le meraviglie di Weckels (outdoor)
Ganjaman
Poster
Intervista musica: Derozer
La rubrica di Cavo
Coltivazione per principianti
Fumetto Cans ‘n‘ roses
Fili d’erba
Ganjaman
In Spagna fanno così
Antiproibizionisti
Fiera Highlife Barcellona
Libri
Fiera Highlife Barcellona
Giurisprudenza
Indice pubblicità
Colofon
3
3
4
9
14
15
17
18
20
22
23
26
28
30
31
31
33
35
36
36
38
40
41
43
44
46
46
46
Eppure siamo costretti a nasconderci e
sentirci minacciati da chi dovrebbe occuparsi
di arginare i veri traffici dello spaccio e
il consumo di droghe sintetiche, sostanze
dannose che dilagano … Il pragmatismo
imporrebbe almeno di ridurre il danno, anche
separando i mercati: liberi di coltivare, liberi
di non comprare.
Basterebbe prendere posizione, unendoci per
farla valere: siamo stufi di un paese che si
arena in un perbenismo catto-fascista, di un
governo che annaspa, arranca e pasticcia per
salvare il salvabile mentre il resto va in malora,
dove si propongono i ponti sullo Stretto
mentre mancano le autostrade e le ferrovie…
Ci hanno disgustato i giochini della politica
che qui si fa in televisione. Facce consunte da
decenni di serate fra Porta a porta (non dalle
giornate in Parlamento, temiamo) e Costanzo,
sempre gli stessi doppiopetto riciclati dalla
prima o dalla seconda repubblica.
È ora di proporre un movimento che non
c’entri con questa classe politica, qualcuno
di nuovo e veramente in gamba: magari con
tante belle ragazze vispe che si accendono uno
spinello di fronte al Ministro e al Procuratore:
“Embeh, bello mio, che male c’è, se Maria a
te non piace, lasciala fumare almeno a me.”
È il momento di sdrammatizzare la questione
marijuana, di riaprire il dibattito politico su più
fronti… e chissà mai che un giorno la ganja
tricolore non conquisti lo status del vino docg!
Emma Marziali
Selezione originale di: Nirvana
4
tti
Flash Prodo
Il riflettore
Stealth Cooler
Raydiator Double di
Mori Design
Questa pipa è qualità in assoluto.
Probabilmente è la pipa da tasca più trendy
sul mercato. Anziché essere complicato,
il suo design è al contempo pratico e
piacevole esteticamente. Quando lo
si tiene in mano, il Raydiator è della
grandezza perfetta e il suo peso comunica
subito qualità. Il creatore del Raydiator,
James Steen, commenta la sua scelta del
design: “Avevo in mente vari traguardi per
questa pipa... Volevo eliminare i gas caldi
che bruciano gola e polmoni. Volevo una
pipa facile da nascondere e da utilizzare,
oltre che infrangibile. Volevo che i fumatori
riuscissero a gustare gli aromi sottili del
loro tabacco senza inquinanti derivanti
dalla plastica, dal legno, dagli schermi
di metallo tossici, e senza accumulo di
residui. Volevo anche che la mia pipa
fosse facile da pulire. Ho scelto per questo
modello in titanio.” Ed è riuscito proprio
a fare centro. Il Raydiator ha persino un
cuore di titanio e uno schermo di titanio,
impossibili da ossidare con un accendino
tradizionale (nemmeno con quelli
antivento), quindi fumarla è sicuro quanto
fumare una pipa di vetro. A differenza delle
pipe di vetro, il Raydiator ha una struttura
Soft Secrets
Lightrail 3
Il riflettore Stealth Cooler offre l’ultima
combinazione tra raffreddamento e
prestazioni. I collettori dell’aria da
10cm sono integrati nel riflettore, per
consentire all’aria di passare facilmente da
entrambe le estremità, longitudinalmente
rispetto alla lampada, per ottenerne
il raffreddamento in modo rapido ed
efficiente. Il portalampada preassemblato
è predisposto per un attacco modello
E40. Il riflettore è completo di vetro
temperato con uno spessore di 4mm
che garantisce resistenza ad altissime
temperature. La caratteristica principale
del riflettore Stealth Cooler è la sua forma
estremamente schiacciata che permette di
avere un’ampia superficie riflettente, anche
se posta molto vicino alla zona interessata,
eliminando le dispersioni di luce.
Lightrail 3 è un distributore
di luce professionale:
Lightrail 3 muove la
lampada lungo l’orizzonte
delle piante, facendo
giungere loro la luce
(energia) da tutte le
angolazioni. Per tale motivo,
Lightrail 3 consente di
effettuare una distribuzione uniforme della luce con un notevole risparmio di energia (è
come se raddoppiaste la potenza della vs luce!!!).
Una lampada fissa ha un raggio limitato che può essere aumentato soltanto aggiungendo
ulteriori fonti luminose. Lightrail 3 muove le fonti luminose esistenti in modo che
occorra un numero inferiore di lampade.
Con Lightrail 3, è possibile far crescere meglio le piante utilizzando un minore
quantitativo di energia.
Lightrail 3 viene controllato automaticamente per garantire una distribuzione della luce
efficiente ed uniforme. Il sistema può anche essere facilmente ampliato aggiungendo
ulteriori unità, creando così una catena di diverse fonti luminose che può essere
controllata come una sola lampada.
La qualità superiore del sistema viene, infine, supportata da una garanzia di due anni.
Il Cooler è prodotto presso un’azienda
artigianale e distribuito da Foglie
d’Erba: www.fogliederba.bo.it / Tel:
0039 051 523668
Lightrail 3 è prodotto in Canada e distribuito in Italia da Foglie d’Erba:
www.fogliederba.bo.it / Tel: 0039 051 523668
Distributore per l’Europa: http://www.advancedhydro.com/
indistruttibile in acciaio che comprende
delle pinne che dissipano il calore.
Il design è stato aggiornato rispetto al
modello originale e oggi include dei cavi
gemelli e una sorta di scivolo attaccato
attraverso lo smorzafiamma del braciere,
quindi il Raydiator Double è oltretutto
una pipa che non emette fumo. Viene
fornita con uno strumento per pulirla e
con delle garze di titanio a cupola, ma
ovviamente quello che conta è come
fuma: di certo non è deludente. Il fumo
esce morbido e il braciere dura a lungo.
Uno dei suoi attributi migliori è il braciere
aperto e le garze di titanio che la rendono
la pipa perfetta anche per fumare del
pregiatissimo Bubblehash al volo. Dopo
tutto, se c’è tempo solo per una fumata, si
vuole che sia almeno una che conta.
In vendita su www.raydiator.com e
www.weedcity.com
Bat Guano di Plagron
Il G-KIT Vertical Grower
Il G-KIT è il primo armadietto da coltivazione con un
sistema di coltivazione verticale incorporato. La società
G-Tools ha abbinato i pregi di un armadietto a quelli di un
sistema a tamburo. Il G-kit Vertical Grower ovviamente
è a prova di odori, fa poco rumore e non lascia passare la
luce. La superficie di coltivazione netta è di circa il triplo
rispetto a un G-kit classico e l’impianto può contenere da 60 a 120 piante. La lampada
raffreddata (cool tube) consente di limitare al minimo le dimensioni dell’armadietto
(183 x 176 x 118 cm) al minimo. Le piante non restano scottate se crescendo si
avvicinano troppo alla lampada. Grazie a questo sistema puoi creare le condizioni
ideali – dopo qualche giorno di pre-crescita - per passare immediatamente alla fase di
fioritura. Quindi il ciclo completo dura fra le otto e le nove settimane. Il Vertical Grower
è progettato con tre ripiani da cinque vasi Lybra ognuno. L’irrigazione automatica è
affidata a dei ‘super spiders’. In un vano indipendente, sotto al vano da coltivazione,
rimane nascosto il serbatoio dei nutrimenti e quello di drenaggio. Il grande ventilatore
è progettato con un silenziatore per limitare al minimo il livello di rumore. I vantaggi
di questo armadietto completo (sul sito internet si trovano le specifiche complete)
comprendono: istallazione semplicissima; dato che è un armadietto dal design moderno,
lo si può collocare ovunque, senza che attiri attenzioni particolari, non fa passare gli
odori, grazie alla ventilazione continua, fa poco rumore grazie al ventilatore silenzioso
con silenziatore incorporato, non fa trapelare la luce in ambienti scuri, ha delle porte
scorrevoli grandi per potervi accedere facilmente ed è dotato di un valido impianto
elettrico. Naturalmente, vengono fornite delle istruzioni per l’uso esaurienti e dettagliate.
Info: G-Tools,
Tel: +31 (0) 294 458202, Fax: +31 (0) 294 458203 Sito internet: www.g-tools.nl
Quantalite: nuove lampade
rivoluzionarie
Il Bat Guano (cacca di pipistrello) è il
fertilizzante più potente e bilanciato che si trovi in
natura. Contiene enormi quantità di una miriade
di sostanze attive e ha un fortissimo contenuto di
fosforo, quindi è uno stimolante naturale perfetto
delle cime. Il Bat Guano sta diventando sempre
più popolare fra chi coltiva col metodo organico.
Il guano, miscelato al terreno, favorisce lo sviluppo delle radici e la crescita, ma è nella
fioritura che rende il meglio. I grower parlano di un sapore molto più pieno, ricco e
potente, con l’uso di Bat Guano, oltre che di cime di maggiori dimensioni e densità.
Plagron consiglia di miscelare circa mezzo litro di guano di pipistrello macinato e
polverizzato ad ogni sacco di terra da 10 litri. In alternativa si può mescolare una specie
di “infuso” da usare come additivo liquido. Pensate: qualcuno è entrato in una caverna
e ha grattato via la cacca di pipistrello dal pavimento e dalle pareti, in modo che la tua
ganja abbia un sapore ancora migliore. Forse lo dovreste provare.
Le lampade Quantalite sono state sviluppate in base alla
tecnologia del 21° secolo e sono state testate sull’uso
quotidiano. La Growtank Company ha presentato
questo sistema di illuminazione veramente innovativo nel gennaio 2005 in Olanda.
Da allora si può giustamente parlare di una vera rivoluzione nell’ambito delle tecniche
di illuminazione! Puoi confrontare in tutta sicurezza una lampada Quantalite da 200
Watt con una HPS da 600 Watt in termini di luce effettiva. I vantaggi principali delle
lampade Quantalite sono: circa il 60% di risparmio sulle spese energetiche rispetto a una
lampada HPS da 600 Watt; assenza di calore emesso dalla luce delle lampade, per cui
le si possono mettere vicino alla pianta per far penetrare meglio la luce; zavorra esterna,
per controllare meglio la temperatura, l’umidità e la sicurezza. Inoltre, le lampade
Quantalite entrano nelle normali prese E40 e nella maggior parte dei riflettori. E poi,
siccome si usano soltanto 200 Watt, le lampade possono essere poste vicino alle piante,
senza provocare un’ingente perdita di THC. In tal modo puoi usare i nutrimenti in modo
più efficiente. Tre le versioni disponibili: Blue (crescita e germinazione), Purple (crescita
e prima fase della fioritura) e Red (adatta per una fase di fioritura potente).
www.plagron.nl
Info: Growtank Company Tel: +31 (0) 72 511 3524, Fax: +31 (0)72 511 3604
Sito internet: www.growtank.com
6
tti
Flash Prodo
L’AeroFarm di General
Hydroponics Europe
General Hydroponics Europe ha apportato
un’aggiunta alla loro gamma di impianti per
idroponica così di successo, con un vaso da
coltivazione aeroponica semplice ma efficace.
L’AeroFarm viene dalla stessa gamma della
WaterFarm e della AquaFarm e quindi è fatta con plastica robusta riciclata, resistente
alla degradazione da raggi UV e ha una barriera leggera per evitare che crescano alghe
indesiderate nel serbatoio.
GHE aveva già creato un sistema da aeroponica, la Rainforest, un impianto da
coltivazione più grosso e complesso, progettato per far crescere fino a settantadue
cloni contemporaneamente in tempo record. L’AeroFarm è un sistema molto
meno costoso, destinato ai coltivatori amatoriali e a coloro che desiderano provare
l’aeroponica, senza andare in rovina. Può ospitare da una a cinque piante per volta e lo
si può usare sia per le madri, sia per dei cicli di coltivazione completi.
Il serbatoio contiene fino a 45 litri ed è facilmente accessibile. Con i suoi 45 x 45 x
43 cm, l’AeroFarm entra facilmente in spazi da coltivazione di piccole dimensioni,
quali gli armadi e i mobiletti. Un vantaggio particolare per chiunque possieda già un
AquaFarm è che i serbatoi sono delle stesse dimensioni, quindi si può usare un kit di
conversione per trasformare un AquaFarm in un AeroFarm con pochissimo sforzo e
spese.
A differenza di Rainforest, che ha una pompa centrifuga di estrusione (per
somministrare la nebbiolina finissima di sostanze nutrienti necessaria nella
coltivazione aeroponica), AeroFarm sfrutta una pompa immergibile classica che
alimenta due erogatori a spruzzo, capaci di dare una copertura massima dell’apparato
radicale che spunta al disotto della piastra superiore. Le piante vengono messe nelle
reti vasetto in dotazione, senza bisogno di altri substrati. L’AeroFarm rappresenta una
scelta di coltivazione versatile per far crescere dei cloni sani da trapiantare o per fare
delle coltivazioni sperimentali complete, per provare gusti e varietà nuovi, oltre che
per far provare al grower il gusto della coltivazione aeroponica senza spendere troppo.
Come con tutti gli impianti di GHE, anche AeroFarm è fornita con un “Tripack” di
nutrienti. Si tratta di uno dei regimi alimentari per idroponica più stabili e semplici da
usare. A differenza della maggioranza dei nutrimenti in commercio, il Tripack è un
sistema composto da tre parti. Ogni volta che dai i nutrimenti alle piante, usi Grow,
Bloom e Micro, a prescindere dalla fase (crescita o fioritura) in cui è la pianta. Anziché
aggiungere degli elementi nuovi nelle varie fasi, basta cambiare le proporzioni dei
nutrienti a seconda del fabbisogno delle piante. Persino in zone con l’acqua dura, la
soluzione mantiene un pH stabile e fornisce alla pianta l’intero spettro di nutrienti in
ogni momento, quindi per i principianti è l’ideale e per i grower esperti è un sogno
usarlo.
L’AreoFarm e gli altri impianti GHE dovrebbero essere in vendita presso tutti i
buoni growshop. Per ulteriori informazioni, visita www.eurohydro.com o contatta
GHE per email: [email protected] o per telefono +33 562 06 08 30
Superfly Blue
di Bio-Gear
Quando si tratta di pipe discrete, la Superfly Blue ha
pochi rivali. Piccola abbastanza da entrare nel palmo
della mano, ha un aspetto completamente innocuo
all’occhio dei profani. Un magnete tiene unite le due
metà, mentre la pipa da fumare si infila nella scatola
e rimane nascosta. Si monta con un paio di mosse e
la si può riporre altrettanto facilmente quando ce n’è
bisogno. Questa pipa non lascia uscire nemmeno un
po’ di fumo all’esterno, per cui l’unico sfogo sono i
polmoni di chi la usa, e una volta svanito quello non
restano più prove. Questa pipa è perfetta per farla
in barba alla sicurezza nei locali in cui non si può
bummare, e chi venisse infastidito dal vaghissimo
sentore di ganja non riuscirebbe mai a vedere la pipa
o la canna da cui pensa che provenga.
La Superfly Blue sfrutta la tecnica nota del canale di raffreddamento per raffreddare
il fumo mentre attraversa la pipa, però in questo caso il canale è un intrico piatto,
anziché un canale o una specie di cavatappi, come le altre pipe senza fumo.
L’altro pregio notevole della Superfly Blue rispetto ad altre pipe simili è che è
facilissima da pulire. Tutte le pipe di questo tipo devono essere pulite regolarmente,
per evitare che si intasino o che acquistino un sapore cattivo: è un fatto puro e
semplice, che la ganja fumata lascia molto catrame, che resta nei canali. Almeno resta
lì e non nei tuoi polmoni. Essendo fatta di acciaio inossidabile, basta semplicemente
immergerla in acqua calda per qualche minuto e pulirla asciugandola con un panno
asciutto. Dato che è di forma piatta, è facile entrare nei canali, ed ecco che in poco
tempo è pronta per un’altra sessione
In vendita su www.everyonedoesit.com,
ww.wellcoolstuff.com, www.alibongo.co.uk
Soft Secrets
SharethePipe di
Cheeky One
La pipa SharethePipe combina in modo
intelligente le astuzie tecnologiche viste
nelle altre pipe, il tutto impacchettato in
una confezione notevole: ciascuna pipa è
costituita da quattro parti interconnesse. Il
centro della pipa è fatto di un braciere e di
un tubo di acciaio che ospita un canale di raffreddamento a forma di cavatappi,
mentre il corpo esterno della pipa è fatto di acciaio temperato di classe C, quindi è
praticamente indistruttibile.
Il design della struttura in acciaio sfrutta certi principi tecnologici sviluppati per
mantenere fresco il processore dei computer mentre funzionano ad alte temperature
ambientali. L’acciaio temperato trasporta via il calore dal cuore interno della pipa,
facendolo raffreddare attraverso il canale a cavatappi. Anziché intrappolare il
calore, la forma a pinna del corpo lo distribuisce nell’aria circostante la pipa.
La piacevole forma ergonomica della pipa sta proprio bene nel palmo della mano
mentre si fuma, mentre il materiale utilizzato la rende leggera da portare in tasca.
Ci sono tredici colori metallici fra cui scegliere, per cui di sicuro ne troverai uno
che ti piace, e ognuno è prodotto in edizione limitata. Ne esistono infatti solamente
80 per colore ed ognuna è accompagnata da un certificato di autenticità e ha il
suo numero di serie limitato, quindi puoi sentirti parte dei pochi eletti. Ancora una
volta, questa pipa sfrutta una tecnologia che funziona veramente e regala un fumo
fresco e efficace.
In vendita presso www.cheekyone.co.uk , www.alibongo.co.uk
Vapir One di Air-2
Air-2 si è affermata come azienda specializzata in
vaporizzatori high-tech con il suo innovativo vaporiser
“palmare”, il Vapir. Non solo il Vapir era il vaporiser
più avanzato sul mercato dal punto di vista tecnologico,
era anche portatile! Il suo design sensuale e la precisione
della sua convezione del calore lo rendevano un modello
interessante per tutti gli amanti dell’erba seri, oltre ad essere
l’ideale per chi consuma per scopi terapeutici. C’è stato
persino un DVD ispirato a Matrix in cui venivano spiegate
minuziosamente le gioie dell’uso del vaporiser.
Ormai i benefici offerti dai vaporiser sono noti. Semmai
non lo sappiate, vaporizzare è il metodo più efficace per
consumare l’erba. Il THC ha bisogno di una temperatura
molto inferiore per essere “vaporizzato”, rispetto alla
temperatura a cui brucia l’erba, per cui se la accendi in una canna o in un bong viene
sprecato circa un terzo del suo contenuto di THC. Con un Vapir puoi impostare la
temperatura perfetta con 1°C di approssimazione sul display digitale, poi viene fatta
passare dell’aria calda attraverso la cima, in modo che il THC venga vaporizzato per
darti un effetto puro e “high”. Dato che la cima non viene bruciata, ti eviti di inalare delle
sostanze vegetali altrimenti cancerogene e ti regali una botta più forte del 30%.
Con il Vapir One, Air-2 ha portato tutto il design a un livello superiore, apportandovi
alcuni piccoli accorgimenti decisivi. Ovviamente hanno dato ascolto ai suggerimenti
della clientela e hanno fatto i cambiamenti adatti. La critica principale che veniva fatta al
Vapir originale era che ci voleva un po’ troppo tempo perché si scaldasse e potesse essere
fumato. Si tratta fondamentalmente di considerare il modo in cui la gente preferisce
fumare. Il Vapir, nella sua incarnazione originale, era progettato con il consumatore
di erba per fini medici come riferimento. In origine sarebbe dovuto essere usato
gradualmente per un tempo fra i dieci e i quindici minuti, per dare un sollievo delicato ed
efficace al male di cui soffriva il paziente. Tuttavia, non era proprio quello che cercava il
mercato dei fumatori. Alla maggior parte di noi piace farsi un bel tiro grande che provoca
un effetto potente e in crescendo; in confronto ad alcuni concorrenti di rilievo, il Vapir
non riusciva a dare una botta abbastanza forte. Con il Vapir One, tutto ciò è cambiato.
Per chi è nuovo ai vaporiser, l’elemento scaldante è composto ora da cristallo di quarzo
puro, in modo che sia più efficiente, si scaldi più rapidamente (sessanta secondi anziché
tre minuti). Ha una piccola ventola a tre velocità per favorire la conduzione del calore,
ma la cosa migliore è il Kit opzionale BalloonBags. Con l’attrezzatura a valvola del
Vapir One puoi riempire di vapore un sacchetto gonfiabile e sparartelo per prenderti una
botta più simile a quella del bong che del vaporiser. Il Vapir One è grande la metà del
Vapir originale, che era già portatile. Incorporando nel manico alcune parti, la grandezza
complessiva rimane di circa 15cm, per cui è estremamente comodo da portarsi in
giro. Fra gli extra, vi sono le chiavi per chiuderlo in modo da evitare che venga usato
senza autorizzazione, una garanzia di 2 anni, un DVD dimostrativo da 40 minuti e
tutto il necessario: presa per la corrente, attacchi, bocchino, dischi per l’erba ecc. Il Kit
BalloonBag invece è fornito come optional a parte.
Disponibile presso www.air-2.com, www.weedcity.com e www.high-land.co.uk
Pocket Pipe Special – le 3 migliori. Tutte e tre le pipe sono in vendita presso tutti i
buoni negozi di articoli per fumatori, oppure su internet.
Soft Secrets
7
Reti di
contenimento
per piante
Quel qualcosa di meglio rispetto
a tutte le altre! Finalmente
un’alternativa maneggevole! HySupply adesso, oltre alle reti di sostegno di grosso formato, propone anche una
variante piccola, appena entrata a far parte del suo assortimento. Confezionata in
pezzi da 100 metri in un sacco di plastica, con un peso di nemmeno 1,5 kg. Ideale per
sostenere tutti i tipi di vegetazione in crescita. Le reti sono fabbricate con materiale
termoplastico pregiato, di colore bianco, con aperture di 15 x 17 cm.
Una grande praticità… confezionata in sacchetti!
ARAD ‘GINON’ –
Igrometro automatico
Hy-Supply ha realizzato per voi il Ginon, un
igrometro e una valvola di chiusura combinati
in un apparecchietto ingegnoso. Con il Ginon,
le condotte irroranti più piccole, come quelle da
giardino (ma anche quelle per riempire i silos)
possono essere automatizzate in modo semplice.
Quando viene raggiunta la quantità di acqua
impostata (fino a 250 litri), la valvola si chiude
automaticamente.
Informazioni tecniche
- Pressione di funzionamento: 0,5 -- 10 bar
- Accuratezza: ± 4%
- Attacco: cavo da esterni da 3/4’’
Le reti di sostegno sono disponibili in due formati
Piccolo: 1,35 x 100 m
Grande: 1,36 x 1000 m
Lancia innaffiatrice telescopica
con testa ribaltabile
Hy-Supply ha in
catalogo una lancia
innaffiatrice con un
ugello estraibile a
regolazione continua. La
manopola ergonomica
è realizzata in morbida
gomma, sempre per dare
una presa migliore. Sulla
manopola si trova anche
l’anello di regolazione
per controllare il
passaggio dell’acqua.
Caratteristiche generali elencate
- Lunghezza del tubo regolabile da 40 cm a 72 cm
- Testa della lancia regolabile all’infinito con una scelta fra getti d’acqua di diverso
tipo: a centro, doccia, cono, piatto, nebbia, jet, triangolo e verticale
- Completamente smontabile in caso di eventuale manutenzione (anticalcare)
- Prodotto con materiali sintetici pregiati e tubi di metallo cromato
Nuovo listino
prezzi
di Hy-Supply
L’ultimo datava già del 2004. Era
quindi decisamente il momento
di presentarne una versione
nuova e adattata. Con un layout completamente nuovo (testo
sulla sinistra e relativa foto
sulla pagina destra) con tutti i
prodotti dell’assortimento HySupply elencati chiaramente.
Potete richiedere un listino prezzi
scrivendo un messaggio e-mail
(contentente naturalmente il nome, l’indirizzo e i dati di iscrizione alla camera di
commercio o numero di partita IVA) a [email protected] oppure [email protected].
Lo riceverete nel minor tempo possibile.
Tutti i prodotti che figurano nel listino prezzo possono essere ordinati ovviamente
anche su internet. Basta utilizzare il codice di accesso personale che potete
richiedere a Hy-Supply.
Per ulteriori informazioni: Hy-Supply - tel. +31 (0)481-452290 - fax +31 (0)481-452910 - [email protected] - www.hysupply.nl
Extra
Basta sporcarsi le mani per eliminare i visitatori
indesiderati dal locale destinato al tuo hobby?
Sembra una favola,
ma è possibile! Con
l’introduzione del nuovo,
efficacissimo pesticida KS
King Shine, ti sbarazzerai
certamente degli ospiti
indesiderati.
Mosche, batteri, muffe
e altre piaghe saranno
eradicate senza danneggiare la tua coltura.
Metti l’antiparassitario su un piattino, accendilo e il
resto del lavoro lo farà da solo!
Tuttavia è importante non entrare nel locale per almeno
6 ore per evitare irritazioni degli occhi e delle vie
respiratorie, oltre che per lasciare agire il pesticida.
Per informazioni telefonare al
+31(0)10 4666 050 (KS King Shine)
Lettere dai
lettori
Soft Secrets
9
Soft Secrets Italia, PoBox 17250, 1001 JG, Amsterdam, Paesi Bassi - [email protected]
Caro Soft Secrets
Ciao! Sono Valerio,
questa è la mia pianta
outdoor dell’anno scorso,
non so di che varietà
sia. Grazie per il vostro
fantastico lavoro.
Coltivare la ganja nel mais
può dare ottimi risultati.
Sotto i campi di granoturco
spesso il livello dell’acqua
sotterranea è alto, per cui le
piante possono provvedere
al loro fabbisogno idrico.
Inoltre i campi sono
perlopiù ben concimati. Un vero e proprio classico da campo di mais è la Purple. Questa
varietà di maria dai fiori violacei è poco vistosa fra le piante di mais in fiore.
Caro
Soft
Secrets
e cari
amatori
vi invio
le mie
grazie...
spero vi piacciano, il mio ex mi ha
fatto una testa così sulle tecniche per
coltivare indoor, mi sono cimentata
anche io: è troppo bello, una
soddisfazione. Questa è una White quasi
a fine fioritura. Chissà come rosicherà
quando riconoscerà il ciondolo che mi
aveva regalato, o le mie tette... Ciao
belli e a presto, Emma.
Ciao,la mia ragazza si vergognava
troppo,per cui vi dovrete
accontentare del coltivatore con le
sue creature, spettacolari comunque
anche senza tette, questa è White
Widow in vasi di cocco, a dir poco
ottima... grazie dell’attenzione,
spero vi convinca...
Temiamo che per fare la foto hai
eliminato le foglie, ma vista così questa
signora non ha ancora finito di fiorire.
Proprio negli ultimi giorni la resa
può aumentare notevolmente. Non
raccogliete troppo presto!
Ciao amici, casualmente abbiamo avuto
una copia di Soft Secrets ed è stata una
folgorazione. Ci siamo attrezzati per
l’indoor e abbiamo iniziato la nostra
coltivazione acquistando dei semi di
Lowryder. Ancora complimenti per la
rivista. Ange & Rita
Queste piantine sono state tenute troppo
piccole. Un
peccato
mortale. Le
piante nane
probabilmente
occupano poco
spazio, ma così
non fanno mica
tanto felice un
fumatore!
Ciao, sono un vostro
seguace, sperando
mi aiuterete per il
giardino del prossimo
anno, vi mando le foto
della mia ragazza nel
mio giardino di crazy
idroponica, spero sia di
vostro gradimento.
Non è un grosso
raccolto, ma le cime
sono abbastanza
ciccione. La varietà
che coltivate vista
così sembra bella
potente, pazienza se
il raccolto non sarà
gigantesco.
Questa pianta
potrebbe
essere una
discendente
di una varietà
di Purple,
oppure
essere stata
incrociata a
una Purple
in passato.
Anche se le
cime mostrano
tracce tipiche
di una Purple
in fiore,
il colore
violaceo così
distintivo
della Purple
si è perso da
qualche parte.
La
foto del
mese
Complimenti a voi, o prodi
coltivatori! Sembra proprio
una cimetta saporitissima!
I vari colori del fiore la
rendono davvero bella da
vedersi!
Ciao sono Ale, vi mando la foto delle mie due piccoline, una verde l’altra rosa. Non
mi lamento di nessuna delle due, sopratutto di quella verde dato che è la prima volta
che provo a piantare! Ho usato semi di erba fumata, quindi non so bene cosa sia. Per
questo vi aggiungo anche una bella foto di una cima da vicino, anche se credo che sia
una bella svizzerotta. Facendole in out ho pensato di piegarne il fusto e devo dire che
è stata un ottima mossa, ho ottenuto più di quanto mi potessi aspettare! Sono belle
piante robuste e alte, magari non hanno avuto una fioritura grandiosa (certe cime che
si vedono sul vostro giornale sono spaventosamente belle!), ma sono contento di aver
curato queste mie piccoline e di averle viste crescere solo grazie ad acqua, sole, amore
e un pochino del sano BN P-K che non fa mai male! L’anno prossimo grazie ai vostri
semi spero di poter fare un raccolto di maggiore qualità... E non vedo l’ora di provare
anche i vostri semi Black Label la marca dei campioni...che mi son costati mesi e mesi
di convincimento della mia ragazza, che logicamente nn voleva mostrarsi! :D
Complimenti ragazzi continuate così ... una voce come la vostra che spinge la gente
nella giusta direzione del fumare bene sano ed home-made è un barlume di speranza
nel buio dell’ignoranza e chiusura mentale di chi, invece, vuole distruggere questo
piacere creato dalla natura.
Ciao grazie mille, Alessio
Attenzione coltivatori da assalto!
Ti piacerebbe ricevere GRATIS una confezione di semi di High Quality Seeds?
Allora mandaci una fotografia del tuo giardino con una copia visibilie di Soft
Secrets Italia e noi ti spediremo i semi. Se nel tuo giardino sarà ritratta in
topless la tua ragazza, o tua moglie, ti manderemo addirittura 1 confezione dei
pregiatissimi Black Label, la marca dei campioni!
Invia le tue lettere e foto a Soft Secrets Italia, PoBox 17250, 1001 JG,
Amsterdam, Paesi Bassi o per e-mail a [email protected]
NOTA: Naturalmente, il materiale inviato viene trattato con la massima discrezione.
Nomi, lettere e indirizzi vengono cancellati appena i semi sono stati spediti. Non
pubblichiamo foto sfocate e non ci piacciono le foto di piante in stato vegetativo.
Vogliamo vedere delle cime grasse!
Novità! La foto migliore del mese, scelta dalla redazione, riceverà 3 confezioni di
semi Black Label, quindi vi conviene mettervi a scattare!
Le foto pervenute possono essere usate anche sul nostro sito internet.
* Spiacenti, non teniamo corrispondenza sulle foto pervenute.
10
ettori
l
i
a
d
o
t
o
f
Lettere-
Salve a tutti , sono un principiante in
materia , ma con il vostro giornale mi
stò facendo una cultura e stò facendo
alcuni tentativi . Vi ho inviato la
foto del mio primo piccolo raccolto
fatto in casa ; non e un gran che , ma
se potessi avere dei buoni semi per
coltivare indoor sono sicuro di poter
fare molto meglio. Complimenti per il
vostro lavoro.
Grazie, Panfete
Carissima redazione di Soft Secrets,
questa è una delle mie tre bambine
cresciute con tanto amore, che
malgrado tutto non gli ha salvato la
vita. Le altre ci lasceranno a momenti.
Saluti da ganjaman!
Ci piace sempre vedere un vaso da
fiori bello grande con una miscela
di terriccio concimata riccamente e
una canna di bambù resistente per
sostenere la pianta contro le folate di
vento. A questo punto ci sono già delle
ottime basi per ottenere grandi risultati
coltivando all’aperto. Adesso non resta
che sperare in un po’ di ore di sole!
Sei uno dei pochi a non aver tolto le
foglie troppo presto! A questo punto
però puoi toglierle il prima possibile,
perché le cime sono da raccogliere e
quindi le grandi foglie devono essere
rimosse il prima possibile. Le foglie
contengono moltissimi liquidi, dunque
la percentuale di umidità atmosferica nel
locale da coltivazione può facilmente
salire troppo (al di sopra del 70%).
Salve a tutti voi
di Soft Secrets!
Ragazzi vi ho
allegato una
mia foto... spero
vi piaccia!
Continuate a farci
sognare un mondo
migliore!
Alla prossima,
Mad Professor
P.s. Nel caso
doveste essere guardie non venite a
casa mia per due piante fate i seri! Io
combatto la camorra in questo modo!
Piuttosto fate il vostro lavoro, arrestate
Berlusconi e fatelo processare che di
sicuro ha fatto, sta facendo e farà più
danni lui che tutte le piante di canapa
che posso avere io sul balcone!
Ciao amici di Soft Secrets: questo
è il mio primo giardino. Sono una
principiante nella coltivazione indoor.
Non so di che semi si tratti, li ho
trovati nella maria comprata per strada.
Nella speranza che il prossimo sarà
migliore vi ho mandato questa foto.
Tanti saluti e a presto!
Soft Secrets
Gentilissima redazione, complimenti per la
rivista! Vi invio qualche foto della stessa
in braccio alle mie bimbe, sperando che
vi piacciano. Ho scelto una coltivazione
completamente outdoor fin dall’inizio
(x mancanza di spazi chiusi disponibili),
lasciando in mano a madre natura l’onore di
crescere nuove creature e aspettando che le
cose facciano ancora il loro corso, dato che
da venti giorni circa è iniziata la fioritura
e ogni giorno è una sorpresa! Consigli?
Secondo voi quanto mi manca per raccogliere?? La più grande ha qualche foglia
ingiallita ma secondo me è la fatica che si fa sentire per sorreggere le cime in arrivo,
inoltre l’ho anche picchettata perché si piegava abbestia, talmente è diventata pesante
la punta! Nell’attesa di una risposta mi auguro di raccogliere ottimi e cospicui frutti,
buon lavoro e LEGALIZE IT! jrus chieri
Purtroppo questa foto è di qualità scadente, speriamo che non anche valga per la qualità
della marijuana. Le cime sono evidentemente pronte da raccogliere. Più mature di così non
si può ... Si vede chiaramente che le foglie cominciano a morire, insomma, bisogna tagliare!
Ciao ragazzi Soft
Secrets, innanzitutto
vi ringrazio per aver
creato questo mezzo di
comunicazione affinché
le nostre voci si sentano;
inoltre vi ho allegato
varie foto della mia
bambola Blueberry
cresciuta outdoor che
presenta dei germogli
corposi e fruttati...
mmhhh. Direttamente
dalla Puglia.
Skill
Ciao Soft Secrets.
La bambina che vedete qui, già
spogliata e pronta per l’essicazione, è
l’ultima di ventidue cresciute in terra,
non sapevo né che qualità fosse né da
dove viene cosi lo chiamata Jon Do,
mi sembrava appropriato, mi dispiace
per la qualità delle foto non sono
venute tanto bene ma rende l’idea. Mi
sono limitato ha darle del fertilizzante
ogni tanto con delle innaffiate di
semplice acqua, il fertilizzante è il BN
Supermix e il BN PK 13-14 Plus, ciao
alla prossima.
Questa pianta ha ricevuto una buona
illuminazione, perché la cima è bella
compatta! Sospettiamo che questa pianta
sia stata coltivata all’aria aperta, il che
significherebbe che il sole le ha dato una
dotazione poderosa.
Vi invio alcune foto del mio
primo lavoro indoor. Per essere la
prima esperienza ed aver speso il
minimo indispensabile (torba, luci,
ventilatore) devo dire che non mi
posso lamentare. W la canapacoltura
e la canapacultura. Ciao, Cosimo.
Fai bene ad accarezzare così le tue principessine,
si vede che poi ti premiano! Bella cima, lasciale
il tempo di finire la fioritura e rimarrai stupito
dalla qualità!
Ai ai, questa sembra
meno buona. A
vederla così, alla
pianta di poco fa deve
essere andato proprio
storto qualcosa.
La prima cima
dall’aspetto così bello
è praticamente tutta
rattrappita. Una delle
cause potrebbe essere
stata un’annaffiatura
insufficiente o un
dosaggio eccessivo
di fertilizzanti. Un
altro problema potrebbe essere che il gambo sotto la cima principale sia stato
attaccato muffe. Se fosse successo davvero sarebbe seriamente difficile evitare
il disastro. A volte se hai culo puoi raccogliere già la cima prima che la muffa
si diffonda ulteriormente. Però se va male è una jella enorme, non c’è niente da
fare ormai una volta che si è insediata la muffa!
Ciao da Luca
e compagna
Abbiamo il
timore che tu
abbia lasciato
troppo tempo
in crescita
queste piante!
Di per sé è
auspicabile che
una pianta
sia sviluppi
bene, ma dopo
diventa dura
illuminarla
adeguatamente
con le
lampade! I
ributti inferiori vanno rimossi, oppure potresti considerare di mettere lampade con una
potenza superiore ai 1000 Watt.
Lettere-foto
dai lettori
Soft Secrets
11
Due mesi e 14 giorni, ecco la mia Blue
Moonshine!
Sul punto di messa a fuoco più in alto
sotto la punta della cima, è proprio
messa bene! Per altezza è davvero
ideale (in modo che i boccioli ricevano
un’illuminazione ottimale), sembra
scoppiare di salute (le foglie così scure) e
bella!
Salve a tutti, innazitutto complimenti per la rivista.....E’ fantastica e utilissima! Vi
invio questa foto nella speranza di ricevere al più presto vostre notizie!
Queste piante hanno dovuto subire un po’ di stress, si vede palesemente! Forse accendi
le lampade a mano. In tal caso una soluzione la trovi nei timer, così le dame prendono la
stessa quantità di luce tutti i giorni e soffrono meno lo stress!
Mi commuovo ripensando a quel giorno
d’aprile in cui, per caso, camminando
davanti a un canapaio, mi venne in
mente di comprare una confezione di
semi di Swazi x Skunk... ebbene quello
che c’è nella foto ne è il risultato,
ottenuto sopprattutto grazie ai consigli
della vostra splendida rivista! Avrei
inserito volentieri un paio di tette nella
foto... ma non ho avuto la disponibilità...
Grazie e ciao, Cubalibre
Bella rega’, viva l’erba naturale che ce
fa sta bene e ce fa taja’… Ciao, Gigi.
La metà superiore ha un bell’aspetto,
quella inferiore mostra alcuni sintomi di
fertilizzazione eccessiva. Fortunatamente
questa pianta è matura per il raccolto
e una lieve overdose di fertilizzanti
non costituisce un problema. L’unico
vantaggio di una fertilizzazione
leggermente eccessiva la pianta di
marijuana subisce un bel po’ di stress e
ingrassa ulteriormente i boccioli in fiore.
Un po’ di stress nella fase di fioritura
non fa davvero male, purtroppo non si
può dire lo stesso della fertilizzazione
esagerata. Per stressare un pochino le
piante di ganja nel periodo di fioritura ci
sono metodi molto migliori!
<<
La stessa cima di una foto di prima,
ma adesso arrivata a fine fioritura! Si
direbbe che nella coltivazione outdoor
sei già proprio ferrato!
<< Questa signora probabilmente sta in
una terra che sotto resta troppo bagnata
e non intendiamo mica dire la signora
nuda! Haha. D’ora in poi potresti
coltivare le piante di ganja in miscele di
terra belle ariose (aggiungendoci un po’ di
perlite)... e sii più cauto quando annaffi
Un saluto a tutta la vostra ‘stupefacente’ redazione..vi mando le foto del raccolto di quest’anno, e come potete osservare:
nella terra(foto infiorescenza) le nostre amate piantine di Bob Marley Best crescono da dio! In vaso (foto topless) ho avuto
qualche problema che non sono riuscito a risolvere, credo sia una piccola asfissia dell’apparato radicale. Il problema maggiore,
comunque, è stato convincere la ragazza! (consolatevi adesso, voi, altri lettori!) complimenti per il giornale.. Salento Grower
Ciao sono “Cotello”, vi mando le
foto della mia prima esperienza
indoor, una cagata vero? Gradirei dei
consigli, forse ho messo la lampada
troppo bassa intorno al metro e
mezzo, non avevo un ventilatore e
quando ha incominciato a fiorire ci
davo acqua ogni 3 giorni e diluivo
sempre del concime, la prossima volta
vi mando la foto delle mie bambine
cresciute al sole della Sardegna.
12
ttori
e
l
i
a
d
o
t
o
Lettere-f
Soft Secrets
Carissimi di Soft
Secrets, non mi sembra
vero di poter scrivere
liberamente di Ganja a
qualcuno che non conosco
personalmente. Perché
questo mondo ha paura
della marijuana? E’ così
buona e naturale!
Eccovi le foto delle tre
piccole che ora cominciano
a dare i loro frutti... Non
vedo l’ora, ma abbiamo
pazienza. Aspetto con
ansia i pregiatissimi semi,
grazie e alla prossima,
Diana
Elimina pure i rami laterali
inferiori. Oltre al fatto che
esteticamente non sono il
massimo, questi rami bassi
non darebbero quasi niente
marijuana da fumare.
Caro Soft Secrets,
vi invio un piccolo
ricordo dal mio giardino
outdoor, con la sua
particolare custode
Maria... “Ananda” (dal
sanscrito gioia profonda)
a tutti da “Coda di
Volpe”
Vista così di questa pianta è stato già fatto il raccolto e hai già tolto le foglie più grandi.
Se poi vuoi continuare a tagliar via le cime, questo metodo è l’ideale. Ti consigliamo di
privarla anche dei rami, per non doverti trascinare una pianta così grossa per tutta la casa!
Ciao a tutti,
volevo mostrarvi
le mie due grandi
passioni: la mia
pianta di White
e naturalmente
la mia ragazza...
che dite, mi
sono meritato i
vostri semini?
Mi auguro di
sì, bella! Hasta
la legalisacion.
Daniel
Probabilmente hai appeso la pianta in questo modo prima di fare la foto, ma in questo
caso magari vuoi farla essiccare così. Non farlo! Taglia via prima le cime, in modo
che non si accartoccino durante il processo di essiccazione, altrimenti alla fine restano
bruttine! Prima essiccare e poi cimare è un delitto!
Ciao, come va? Qua bene direi, spero vi piaccia questa foto... eh eh! A presto,
piantiamola dappertutto! Ciao ciao…
Le cime stanno ingrossandosi
parecchio in queste
settimane... le White Widow e
Power Plant sul mio terrazzo
sono a circa 4 settimane di
fioritura. Salutoni, Ferdy.
P.S: Complimenti x la rivista
che leggo sempre con sommo
interesse e piacere.
e
Cari amici di Soft Secrets, vi mando la
foto del mio primo giardino alimentato
da una piccola 250W al sodio, che
fa risplendere le mie 2 Orange Bud,
2 Super Skunk e 2 White Widow, 1
Outsider (talea) regalata da un amico.
Questa è l’ottava settimana di fioritura
sono soddisfatto del risultato. Spero
che pubblicherete le foto sul vostro
stupendo giornale, Gigi.
Complimenti davvero! Uno splendido
esempio di cosa vuol dire coltivare
bene. Questa signora è cresciuta
chiaramente sotto la luce artificiale
(lampade). Le cime bianchissime e
soprattutto supercompatte lo dimostrano
chiaramente. Purtroppo non bastano
due lampade a garantire un buon
raccolto, serve il pollice verde!
14
Soft Secrets
p
Step by ste
GERMINAZIONE
E TRAPIANTO
c)
Vaporizzare abbondantemente con
uno spruzzino. In questo caso vi
farete venire il crampo al dito indice,
ma è un buon sistema.
Assicuratevi, crampo o non crampo, di
aver imbevuto bene il terriccio.
Detto che il primo metodo è il più
razionale, scegliete voi…
Molti sono i metodi validi per germogliare
i vostri semini, anche se le regole
fondamentali sono sempre le stesse: la
germinazione si giova di tepore (22°24°), buio, umidità e ossigeno.
Queste condizioni vanno mantenute con
costanza.
Nota bene:
In questo capitolo vengono
rappresentati i tipi di
germinazione più facili e comuni,
se avete già provato un tipo
di germinazione con successo,
continuate con quello.
Potrà sembrare banale, ma bisogna
scegliere prima il posto dove trapiantare
i giovani germogli, per non trovarsi
con le piantine già un po’ cresciute a
chiedersi, e ora dove le metto?
1.3 germinazione con la terra
indicata per colture su terra
Procuriamoci tanti piccoli vasi quanti
semi vogliamo germogliare. Vanno bene
anche quelli di plastica leggera come
anche i bicchierini da caffè (avendo cura
di forarne il fondo!)….la cosa davvero
importante è che siano puliti!
Riempiamoli con un terriccio leggero
da semina (o un terriccio universale non
fertilizzato) e pressiamo leggermente con
le dita. Si può fare il posto per il seme
con la punta di una matita. Una volta
alloggiato si procederà ad interrarlo. Basta
una spruzzatina di terreno distribuito con
le dita come se fosse sale.
La profondità di interramento dei
semi equivale grosso modo alle loro
dimensioni, quindi nel vostro caso,
bastano veramente 5-10 ml di terra.
Ora la terra va bagnata!
(sarebbe meglio con acqua decantata).
Se non volete far galleggiare (e spostare)
il vostro seminato, conviene fare in uno
dei seguenti modi:
a)
Sistemare i vasini in un vassoio in
cui versare l’acqua di irrigazione,
che verrà tirata per osmosi dai fori
sul fondo del vasetto.
Quando saranno tutti ben inumiditi,
togliere l’acqua in eccesso dal vassoio per
evitare inguaribili marciumi.
b)
Bagnare dall’alto con un annaffiatoio
col becco a rosetta (quelli da bonsai
per esempio).
Adesso, lasciate pure i vostri vasetti
nel vassoio (risulterà molto utile per
spostamenti e controlli dell’umidità),
coprite tutto con una pellicola trasparente
e poi con una ciotola o carta di giornale
(otterrete così un umidità adatta per la
germinazione). Non scardate le condizioni
ottimali di nascita proprio ora. Avete fatto
30, fate 31!
Ponete quindi in zona tranquilla, tiepida e
ombreggiata; controllate almeno una volta
al giorno che il terriccio non si prosciughi
(pena l’interruzione della germinazione).
Fino a questo punto la luce non è
necessaria perché il seme contiene al
suo interno tutto quello che gli serve…
proprio come un feto nel grembo della
madre.
La similitudine non finisce qui, giacché
il seme, per nascere, fa una “capriola”,
proprio come il bimbo durante il parto.
una miniera di sostanze pregiate come
proteine, clorofilla, minerali, vitamina
E, ecc…: una vera leccornia per palati
esigenti (vedi lumache, passeri, gatti…
per parlare solo dei più grandi).
Dopo qualche giorno di ambientazione,
le bimbe sono pronte a ricevere l’azione
benefica del sole; gradiranno a tal punto
le vostre cure che tra poco avranno
bisogno di una nuova casa, più spaziosa e
accogliente.
Sarà il momento del primo trapianto.
2.3 germinazione con
dischetti di torba
indicato per colture su terra
e substrati
In commercio esistono speciali dischetti
di torba pressata (chiamati Jiffi) che, posti
a bagno nell’acqua, gonfiano diventando
un ottimo pot da germinazione.
Il procedimento è lo stesso, cambia solo il
secondo passaggio e cioè il trapianto.
Infatti il Jiffi, disfacendosi lentamente
ed essendo rivestito di una rete sottile
che può essere attraversata dalle radici, è
pronto per essere messo direttamente nella
terra, evitando il primo trapianto!
3.3 germinazione con vasetti
“pot” biodegradabili
indicato per colture su terra
e substrati
Questo metodo è indispensabile per
l’utilizzo delle piantine in sistemi di idroaero coltura, e nonostante possa apparire
più complesso, dà ottimi risultati.
Una volta germogliato, potreste decidere
di alloggiare il semino fornito di
radichetta sia nella classica lana di roccia
(rockwool) come nel pot riempito di
terra… a voi la scelta.
Passiamo quindi ai fatti, illustrando passo
per passo quello che sarà il percorso
(breve) dei semi, dallo stadio iniziale sino
a quello di piccoli germogli.
A) Prendere i semi e riporli su un
fazzoletto di carta bagnata adagiato
su un piatto. Ricoprire i semi con
un altro fazzoletto bagnato e con un
altro piatto (in modo che stiano al
buio, come sottoterra).
I fazzoletti dovrebbero essere bagnati con
acqua demineralizzata a ph neutro (6.5).
B)
Il tutto deve riprodurre le stesse
condizioni di temperatura e umidità,
costanti, che il seme avrebbe in natura
(cioè 25° di temperatura e 90% di
umidità) grazie al calore che proviene
da sotto, cioè dalla terra!
NOTA BENE:
La lampada a basso wattaggio viene
utilizzata solo con temperatura
ambientale minore di 25°, quindi
non in pieno agosto con il sole che
spacca le pietre e il sudore che
gronda dalla fronte!
Oltre ai jiffi esistono anche dei veri
e propri “vasetti” di vari materiali
biodegradabili (fibra di cocco,
torba,cartone). Vanno riempiti di terra e si
procede allo stesso modo.
Ma della “capriola” parleremo in seguito.
Viceversa, quando il seme fa capolino
dalla terra e si spacca in due pseudofoglie
tonde dette “cotiledoni”, inizia a fare
il suo lavoro e cioè la fotosintesi
clorofilliana, nome misterioso per dire
che, innanzitutto, una pianta si nutre di
luce (photo) e sintetizza grazie ad essa le
sostanze necessarie.
Non scordatelo mai, neanche
quando dovrete fertilizzare le vostre
beneamate: migliori condizioni
di luce = maggiori possibilità di
elargire sostanze nutritive.
Se siamo arrivati sani e salvi fino a questo
punto, dobbiamo ora fornire luce ai
germogli.
Ricapitoliamo: devono avere almeno i
cotiledoni aperti per iniziare a “cibarsi” di
luce, ma … proprio come non daremo una
bistecca ad un infante… andiamoci piano,
facendole abituare progressivamente
all’impatto con la vita terrestre.
Essendo più grandi dei jiffi, consentono
di lasciarvi le piantine per qualche tempo
in più.
Poi si procede al primo trapianto
direttamente in terra; si disfaranno
gradualmente!
4.3 germinazione con i piatti e la
lana di roccia
indicato per colture su terra,
substrati ma soprattutto idroaeroponica
Ed eccoci all’ultimo (non certo per
importanza e diffusione) dei metodi per
germogliare. Vedere illustrazioni
Ponete i piatti sopra sopra una griglia
(tipo quella per grill), sotto la quale
una lampada a basso wattaggio
(20-40 wt. Ad incandescenza).
C) Lasciate passare 12/24 ore,
controllando ogni 12 ore l’acqua
all’interno e la temperatura, per
non farli seccare o farli a
“bagnomaria”e in modo tale che
siano opportunamente inumiditi.
Assicuratevi che gli adorati semini
abbiano sviluppato le radichette,
bastano anche pochi mm, lo stretto
necessario per intravedere la
direzione, questo vi permetterà di
capire da quale parte esce la radice.
D) Potete quindi passare alla fase
successiva in cui delicatamente
(meglio con delle pinzette) prendete
il seme lo inserite nel cubetto di
lana di roccia detto rockwool
(dimensioni idonee 4x4x4 cm),
bagnato in precedenza con acqua
demineralizzata (PH=6,5).
La radichetta va posta verso
l’esterno, posizionando il seme circa
un paio di mm all’interno, proprio
nel mezzo.
Tenerle protette ancora qualche giorno si
rivela utile sia per non vederle sterminate
dall’azione del sole, del vento e di
possibili gelate tardive (ricordate che
provengono da un ambiente che le ha
coccolate con calore e con l’ 80% di
umidità ed oltre), sia per non lasciare
spazio a piccoli ma voraci predatori di cui
fare l’elenco sarebbe lungo e noioso.
E)
Fatto ciò rimettete il cubetto con
all’interno il seme negli stessi piatti
di prima, ma ricordatevi di sostituire
il piatto superiore con uno di
maggior altezza, visto che dovrà
ospitare il cubetto e il germoglio per
un totale di 8-12 cm di altezza.
Usando il tutto proprio come un
germinatore fatto in casa.
In questo magico momento il seme
e la sua relativa plantula contengono
F)
I risultati non si faranno attendere ,e
al 3° giorno otterrete dei piccoli
Soft Secrets
Germogli, senza aria né luce (questo
è quello che si chiama
germinazione!).
Quando i cotiledoni si saranno
schiusi a 45° (a “V”), potranno
essere messi nel substrato preferito
(chiaramente senza rimuoverli dal
cubetto che resterà lì fino a fioritura
completata), quale l’argilla espansa,
il cocco,i panetti di lana di roccia, i
vasi con i loro mix, od anche la terra!
15
5.3 germinazione con le
serrette
Se disponete di una serra riscaldata
con tanto di tappetino, termostato etc…
il lavoro che vi aspetta è senz’altro
più facile del metodo precedentemente
Affrontato.
Basterà infatti riporre i semi in questione,
già da subito, nel loro contenitore
definitivo, e cioè nel cubetto di lana di
roccia ove rimarranno fino a maturazione
completa.
La capriola… opplà!
Se ponendo il seme direttamente
nel suo substrato naturale, esso
si capovolge autonomamente e
in piena efficienza partendo da
qualsiasi posizione l’avrete messo
( i semi hanno un verso , ve ne
eravate accorti?), in questo caso
sarete voi ad aiutarlo.
Mi spiego: può succedere talvolta
che la radichetta del seme si rivolti
e sbocci all’esterno. In tal caso
agire delicatamente riportando i
cotiledoni dalla parte giusta, cioè
verso l’alto, mentre la radichetta
sarà direzionata verso il basso.
Anche se la radichetta fosse molto
piccola, converrà metterla in su,
perché appunto, si dovrà girare e
poi portare il seme in alto.
Se invece quando fate il vostro
quotidiano controllo, la radichetta
si fosse più allungata, noterete
che forma una specie di virgola
(la forma di uno spermatozoo
o di un girino), allora è segno
che la capriola è già stata fatta
e quindi rispetterete il naturale
orientamento della radice verso
“il centro della terra” , (insomma
in basso e il capolino del seme in
alto).
Se da un lato vi sembra
complicato, dall’altro è un dato di
fatto che questo è il metodo che
garantisce un utopico 100% di
germinazione.
Utilizzare eventuali bastoncini
per drizzare il più possibile il
germoglio…ne otterrete comunque
una magnifica pianta!
Trovandosi nelle condizioni ottimali
(25° di temperatura, 90% di umidità)
con l’apporto di luci al neon di basso
wattaggio (40-50wt.circa), non avranno
alcun problema nel divenire in pochi
giorni delle piccole piantine, pronte
all’uso.
6.3 trapianto con substrato
cocco o terra
Ovunque abbiate riposto i germogli è
arrivata l’ora del 1° trapianto.
Come ogni trasloco, provocherà uno stress
iniziale a cui seguirà un ambientazione
veloce e un ancor più veloce
accrescimento.
L’importante è andare per gradi: non
passate dal piccolo pot al vaso definitivo
( peggio ancora alla piena terra), ma
fate seguire un primo travaso a un
secondo per non permettere alle radici di
svilupparsi a discapito della chioma, cosa
che potrebbe causare qualche difficoltà
nell’approvvigionamento idrico (troppa o
scarsa traspirazione).
Armatevi quindi di vasi di un paio di
misure superiori ai pot e trapiantate.
Questa volta il terriccio potrà essere un
po’ più “strong”, ottimamente drenato
(vedi cap 1.9 pag 75 del libro), ma pur
senza batteri o muffe che ne metterebbero
inevitabilmente a rischio la produzione
(un po’ di muschio superficiale rimane
sempre molto gradito)
ATTENZIONE:
Al momento del trapianto all’esterno
ci dovrà essere la sicurezza effettiva
che la temperatura sia costante, senza
sbalzi, grandine e gelate tardive che si
possono verificare in primavera.
Come trapiantare
Scegliamo un momento di calma,
preferibilmente al tramonto, se in
outdoor.
Una buona tecnica per il trapianto è
capovolgere il vasetto ponendo lo stelo
tra l’indice e il medio e appoggiando
la superficie della terra sul palmo della
mano sinistra. Con la destra premete il
“culetto” del vasetto da entrambi i lati.
Quando il pane si stacca scivolerà in
basso ve lo troverete capovolto sulla
mano sinistra.
Delicatamente lo appoggerete nel
vaso più grande già preparato con un
fondo di argilla espansa o pezzi di
coccio per fare un buon drenaggio e lo
rincalzerete con ottimo terriccio fino a
colmare i vuoti.
Le giovani piantine andranno
alloggiate proprio nel mezzo alle
nicchie, aiutandosi con bastoncini,
stuzzicadenti, fil di ferro o altro
per posizionarle il più dritto che
vi riesce (anche per affrontare gli
inconvenienti della nature che , com’è
noto, si scatenano nei momenti meno
opportuni)
Pressate leggermente, annaffiate e
ponete in un luogo non troppo esposto
al sole per il giorno seguente.
Consiglio: se avete usato bicchierini
di plastica , basta tagliarli per estrarre
agevolmente il panetto di terra.
Superato il primo giorno, trattate le
bimbe come sempre, senza timori:
sole a go-go!
IMPORTANTE: All’aperto la canapa
destinata alla produzione di resina
necessita di almeno 4 ore di luce solare
diretta al giorno!!
Il presente articolo è tratto dall’utilissimo
e simpatico libro “Canapa libera tutti”
Soft Secrets
weckels
Indoor
world of
17
wonders
Di Weckels, lo specialista della coltivazione di Atami
Irrigare senza patemi
Quando si avvicina il mese di maggio
la coltivazione è a pieni giri, per ogni
coltivatore outdoor. Per tutto il mese
vedremo moltissimi progressi, grazie
al numero di ore di luce solare e alla
temperatura che creano. Nel frattempo,
al chiuso, faremo in modo che il clima
rimanga entro dei limiti accettabili...
Differenze
Per molti grower sarà ovvio che
nell’esempio precedente le differenze
deriveranno anche dal volume di acqua
e alimenti dato alle piante nei rispettivi
locali da coltivazione. La temperatura ha
un effetto sul consumo di acqua perché
in fin dei conti determina l’evaporazione
(o, in senso stretto, la traspirazione)
attraverso le foglie. Insomma: quando
aumenta la temperatura, sale anche
il tasso di evaporazione e noi grower
dobbiamo saper reagire. Ad ogni
modo, io dico sempre che in un caso
come questo ci conviene mantenere la
temperatura piuttosto costante, anziché
continuare ad aumentare all’infinito
l’acqua fertilizzata. Si sa da tempo che
le piante di marijuana diventano più
lussureggianti quando le si tiene a una
temperatura compresa fra i 24 e i 28
°C, per cui questo fa parte dell’arte di
coltivare.
Dato che annaffiare le piante di
marijuana nel modo corretto e nelle
giuste quantità pone un sacco di dubbi
alla maggior parte dei coltivatori
principianti, in questo numerò tratterò
questo argomento così importante.
La questione dell’annaffiatura può
veramente creare dei problemi persino
a dei coltivatori esperti. Soprattutto
quando cerchiamo di variare il nostro
metodo di coltivazione sperimentato e
comprovato, applicandolo a una varietà
nuova e/o a un substrato diverso, la
nostra sicurezza può cedere il passo
alle incertezze, cosa che può a sua
volta portarci a creare condizioni niente
affatto ideali perché le piante possano
stare bene. In breve, innaffiare la
marijuana sembra spesso meno facile di
quanto sia veramente.
“Stuzzicare” la pianta
Per tornare ancora alla fase di vita della
pianta, possiamo distinguere tre fasi
diverse: quella iniziale (in cui la pianta
è ancora un clone), la fase di crescita
e quella di fioritura. Durante lo stadio
iniziale è importante dare al clone il
minimo di acqua possibile, affinché
sia costretto ad andarsela a cercare,
sviluppando quindi un valido apparato
radicale. In effetti non facciamo altro
che “stuzzicare” o infastidire la pianta
(clone) un pochino.
Innaffiatura professionale
Siccome è meglio evitare di andare ad
innaffiare a mano le piante indoor (e
inoltre è praticamente impossibile farlo
quando le piante hanno preso delle
belle dimensioni), in questo articolo
parleremo soltanto di come innaffiare
le piante con l’aiuto di sistemi di
irrigazione professionali.
Fra gli altri fattori, lo
spessore e l’aerazione
del substrato sono di
enorme importanza.
Uno degli impianti di irrigazione
più impiegati si avvale di particolari
gocciolatori che danno alle piante
l’acqua fertilizzata. Il sistema funziona
bene, a condizione di sciacquare bene
tutto quanto regolarmente con degli
enzimi, per evitare che si accumulino i
depositi di sali. Questi gocciolatori da
coltivazione somministrano un dosaggio
meticoloso dell’acqua fertilizzata e
non dilavano praticamente mai la terra
intorno alle radici.
I gocciolatori blu sono visibili chiaramente. Forniscono alle piante la corretta quantità
di acqua e alimenti, a condizione che il grower programmi correttamente l’impianto di
irrigazione.
Condizioni climatiche
insieme alle condizioni in cui vive
che abbiamo creato all’interno della
grow room. Per “condizioni di vita”
intendo la temperatura nella grow
room e nel substrato, la percentuale
di umidità nell’aria e la quantità di
luce che forniamo tramite le lampade
da coltivazione. Sono, messi insieme,
un numero di fattori considerevole
e sebbene non siano strettamente
collegati, finiranno per contribuire nella
scelta del nostro metodo di irrigazione.
Prima di lanciarci nella nostra
infarinatura sull’irrigazione delle
piante, è importante dedicare due
righe per considerare i fattori che
influenzano il numero complessivo
di volte che innaffiamo le piante e
la quantità complessiva di acqua che
richiederanno ogni giorno. Fra gli
altri fattori, sono importantissimi lo
spessore e l’aerazione del substrato.
Anche la fase vitale della pianta
svolge a sua volta un ruolo rilevante,
Se, per esempio, coltiviamo in terra e
guardiamo allo spessore del substrato,
potrebbe capitare che un sottile strato
di terra trattenga più acqua fertilizzata
rispetto a una miscela di terra che
magari è spessa il doppio, però anche
molto più ariosa, dunque lo strato di
terra più spesso può sopportare in realtà
molta più acqua fertilizzata senza che
la pianta ne soffra. Un altro esempio
è quello di due locali da coltivazione
grandi uguale, nei quali le piante
crescono tutte nello stesso substrato,
ma in un locale l’umidità atmosferica
è superiore all’altro. Le piante che
vivono nel locale più umido, con l’aiuto
delle foglie, assorbiranno una notevole
quantità di acqua dall’ambiente, a
differenza delle piante cresciute nel
locale molto “secco”.
Visto che questa è una fase piuttosto
delicata, creiamo delle condizioni di vita
assolutamente ottimali e così facendo
teniamo sott’occhio il piccolo clone
di continuo. Innanzitutto sistemiamo
le lampade il più in alto possibile, per
limitare l’evaporazione tenendola al
minimo. Quando si dà l’acqua, (all’inizio
non diamo subito tutti i tipi di sostanze
nutritive) in parte dobbiamo regolare
la quantità a seconda che utilizziamo
o meno un umidificatore per ambienti.
Spesso innaffio i cloni a mano quando
sono piccoli, in modo da farlo con la
massima attenzione. In questo caso è
importante controllare i cloni più volte
al giorno. Altrimenti non si può fare
Sapevate che ogni volta che preparate una miscela
di terra, ci deve essere della calce (specialmente
quella ricavata dall’estratto di alghe marine)? La
calce contiene il magnesio, e questa sostanza assicura
un migliore assorbimento delle sostanze nutritive
somministrate alla pianta. Inoltre, il magnesio
contribuisce anche a migliorare la capacità delle
foglie di assorbire luce. Infine, la presenza di calce
nel terreno è sinonimo di pH neutro e rallenta
l’acidificazione del mix di terra.
Soft Secrets
18
acqua fertilizzata. Il numero di volte
che programmeremo dipende dalla
profondità e dall’aerazione del substrato
(nel nostro caso uno strato di terra).
Quando coltiviamo in uno strato di terra
sottile, per esempio, è molto importante
che durante una giornata innaffiamo
le piante in piccole ma frequenti
quantità. In tal modo manteniamo le
Creiamo delle
condizioni di vita
assolutamente ottimali
e così facendo teniamo
sott’occhio il piccolo
clone di continuo.
Dovreste cercare sempre di far sì che
il valore di acqua e alimenti sgoccioli
dentro a un boccale graduato per
misurare esattamente quanta ne ricevano
in realtà le piante.
altro che incominciare immediatamente a
usare l’irrigazione automatica.
La fase di crescita è quella in cui la
pianta, che ora è ben radicata, deve
attraversare per espandersi in dimensioni
e sviluppo. Adesso la pianta ha bisogno
di ricevere acqua (più che) a sufficienza
per potersi sviluppare adeguatamente.
Programmiamo gli impianti di
irrigazione in modo che dal substrato
sgoccioli solo un rivolo sottilissimo
di acqua fertilizzata in eccesso. Così
facendo la pianta ha acqua (più che) a
sufficienza, evitiamo che la terra venga
dilavata e non sprechiamo
radici abbastanza umide (cosicché non
muoiano), le piante ottengono la quantità
giusta di acqua e alimenti e le radici
della pianta possono facilmente assorbire
ossigeno a volontà, dato che poi il sottile
strato di terra si riasciuga velocemente.
Proprio qui sta il grande vantaggio del
coltivare in uno strato sottile di terra:
è praticamente impossibile dare troppa
acqua fertilizzata alle piante, dato che
il surplus cola via così rapidamente. I
problemi causati da un ristagno di acqua
nella parte inferiore della terra tendono
a comparire adesso, nella fase critica in
cui i cloni stanno ancora sviluppando le
radici, perché stiamo coltivando in uno
strato di terra decisamente più spesso
oppure in uno strato pressoché non
areato e che quindi fatica a far defluire
l’acqua in eccesso.
lia
Cosa succede in Ita
Canapa e politica:
costruiamo un movimento
di Foglie d’erba (Bologna)
In Italia si è appena riavviata una nuova stagione politica e le solite ipocrisie e
falsità si riaffacciano sul palcoscenico. A quanto pare l’idea di una nuova legge
sugli stupefacenti targata Fini & Co., che prevedeva l’equiparazione di sostanze
pesanti e leggere e l’introduzione di misure autoritarie e limitazioni personali da
antiterrorismo, sembrava essere rimasta impantanata da altre e per il governo più
urgenti preoccupazioni.
Questo sicuramente non potrebbe che farci piacere, ma essere appagati della
nostra situazione attuale sarebbe come essere dei Tafazi, e via con le martellate
sulle palle.
La legge Fini sarebbe effettivamente stata un dramma per come definiva
l’approccio al problema (guidato più da furore morale che da rigore ed
imparzialità scientifica) e per le ricadute tragiche che avrebbe avuto.
Purtroppo, però, anche l’attuale codice in vigore, la legge 309/90, non può
soddisfarci. È solo di pochi giorni fa l’ennesima conferma della Corte di
Cassazione che coltivare anche solo tre piante è reato; è solo di pochi mesi fa la
notizia di un 23enne di Pantelleria suicida per un arresto compiuto per qualche
piantina; è diventata, infine, una dolorosa routine vedere attività commerciali
che cadono nel mirino delle forze dell’ordine con accuse il più delle volte false
e pretestuose.
È ora di chiedere alle forze politiche dell’intero arco parlamentare cosa
pensino realmente sulla cannabis. L’argomento è così trasversale da non avere
schieramenti politici davvero compatti.
Dopo la svolta antiproibizionista dei DS di qualche anno fa, pochissimi sono
stati i compagni a prendere posizione; e dopo l’annuncio di Fini di una guerra
Tanto per darvi un’idea indicativa di
quante volte al giorno dobbiate irrigare,
durante la fase di crescita (quando si
coltiva su uno strato di terra sottile e
arioso) le irrigo circa 19 volte al giorno,
da 5 a 14 secondi ogni volta. Per il
grower spesso si tratta solo di provare
(con cautela!) e scoprire come ottiene i
risultati migliori.
Durante la fase di fioritura le piante
devono poter assorbire tutti gli alimenti
che vogliono, dato che le usano
per consentire alle cime in fiore di
svilupparsi, dunque è un fattore decisivo
nel determinare la resa. Noi, come
grower dobbiamo inoltre evitare a tutti i
costi di mandare in malora il raccolto un
paio di settimane prima del raccolto, per
aver dato troppa poca acqua fertilizzata,
o addirittura troppa.
Quando vogliamo coltivare su uno strato
di terra sottile, le scatole o le casse delle
bevande sono l’ideale. Allora possiamo
davvero irrigare le piante di frequente e
solo per brevi periodi.
In ogni caso, per renderci conto meglio
di quanta acqua con alimenti dobbiamo
dare alle piante in ogni fase della loro
vita, è consigliabile lasciare che uno
dei gocciolatori sgoccioli tutto il suo
contenuto in un boccale misuratore, in
modo da poter controllare esattamente
quanto stiamo nutrendo le piante.
Possiamo quindi imparare molto su
come coltivare una certa varietà con le
condizioni ideali, con la quantità di acqua
giusta. Costerà un po’ di lavoro in più,
ma alla fine porterà dei risultati – e un
raccolto! - tangibilmente superiori.
Alla prossima!
contro tutte le droghe, tanti sono stati i camerati, pensate solo all’On. Bontempo
(er pecora), a prendere le distanze da quella che sembra una crociata religiosa;
ed, infine, quanti sono i personaggi politici insospettabili che nel passato hanno
firmato petizioni antiproibizioniste, il Presidente del senato Pera in testa.
Basta con le dichiarazioni di principio e con l’attesa degli eventi. Mostriamo
quanto sia consistente il nostro peso elettorale. La Costituzione italiana tutela le
minoranze e migliaia e migliaia di consumatori di cannabis diffamati e bistrattati
non possono che essere considerati una minoranza silenziosa. Oggi è tempo
invece di farci sentire, di gridare la nostra. Sull’onda di esempi provenienti
dall’estero come il Partido del Canamo in Spagna o come gli iniziali movimenti
verdi in Germania dobbiamo dar vita ad un movimento politico. Con un unico
ordine del giorno: promuovere e normalizzare la cannabis.
Noi pensiamo che tanti nel segreto del seggio elettorale porrebbero la croce
su una foglia che permettesse loro di veder rappresentati i propri sogni a
livello parlamentare. Basta con sedicenti antiproibizionisti che si mostrano a
cadenza quinquennale, quello che ci serve è un movimento il cui unico intento
sia quotidianamente sdoganare la cannabis dal concetto generale di droga per
mostrarlo nuovamente come risorsa.
La tassazione di un eventuale mercato della canapa risolverebbe più di una
finanziaria e l’enorme mole economica investita in operazioni di polizia
congiunta con i soldi sperperati per detenere tanti consumatori risanerebbe da sola
il sistema pensionistico.
Perché continuare a fare i Tafazi…
pade migliori per
Sapete già quali sono le lam
e? L’ideale sono le
coltivare delle varietà di Haz
da 600 Watt e/o da
lampade da 400 Watt. Quelle
i per queste varietà
1000 Watt sono troppo potent
così lenta).
di Haze dalla fioritura lunga (e
20
on
Coltivate c ntes
Jorge Cerva
Cloni e
clonazione
Soft Secrets
Segnali ormonali e talee
Le talee reagiscono ai segnali inviati dagli
ormoni, dalla luce e dalla temperatura. Le
piante usano tali segnali per interpretare
l’ambiente in cui si trovano e reagirvi. I
coltivatori controllano le reazioni delle
piante, avvalendosi di ormoni sintetici o
influenzando gli ormoni naturali.
Ecco i cinque ormoni più comuni che
influenzano la crescita della cannabis.
1. Le auxine (fitormoni) determinano se le
foglie delle piante crescono verso l’alto
rivolte alla luce, o verso il basso, rivolte al
centro della terra. Le auxine sono dei
segnali della crescita generati in una
pianta e le concentrazioni maggiori si
trovano nelle estremità in crescita. Le
varie concentrazioni di auxine fanno fare
cose specifiche alle piante, come crescere
verso la luce o crescere verso il basso.
La marijuana può essere riprodotta
(propagata) sessualmente o asessualmente.
I semi sono il prodotto della propagazione
sessuale; i cloni o talee sono il risultato
della propagazione asessuale o vegetativa.
Nel caso più semplice, prendere una
talea o un clone non è altro che recidere
la punta di un ramo in crescita e fargli
mettere radici.
Fare i cloni è la stessa cosa che prelevare
delle talee ed è ancora il metodo più
efficace e produttivo per riprodurre
la cannabis. (Tecnicamente, clonare
significherebbe prendere una cellula
da una pianta e indurla a diventare una
pianta.)
Una volta che il sesso di una pianta è
noto ed è una femmina di almeno due
mesi, si è pronti per esercitarsi nell’arte e
nella scienza semplici, eppure produttive,
della clonazione. Se il clima non è dei
migliori, la pianta non si svilupperà bene
e resterà rachitica. Se si mantiene bene
un clima perfetto nella grow room, si
raccoglieranno delle piante forti e sane.
La clonazione riduce i tempi necessari
a far maturare una coltura. I grower più
produttivi hanno due locali, uno per la fase
vegetativa/clonazione, grande circa un
quarto del secondo, adibito alla fioritura.
Le piante piccole in fase vegetativa
occupano meno spazio di quelle più
anziane in fioritura. Per esempio, un
aloide in metallo da 250 o 400 Watt può
illuminare facilmente un locale, pieno di
cloni e piante in vegetativa, illuminato da
tre lampade al sodio HP da 600 Watt. Le
lampade fluorescenti sono più economiche
e funzionano bene per far radicare i cloni
se si spegne l’aloide.
Si possono combinare dei cicli da 8
settimane di fioritura/raccolto con delle
clonazioni continue per formare un
raccolto perpetuo senza fine. Un’altra
prospettiva è quella di prendere un clone
ogni due giorni e raccogliere una pianta
un giorno sì e un giorno no. Ogni volta
che si raccoglie una pianta, viene spostato
un clone dal locale per la vegetativa a
quello per la fioritura per rimpiazzarla.
Un regime di questo tipo dà al grower
60 cloni in fioritura su un calendario di
90 giorni. Ci vogliono 90 giorni perché
un clone possa essere raccolto, da
quando viene reciso dalla pianta madre.
Utilizzando questo calendario, un grower
dovrebbe avere 45 cloni e 30 piante in
fioritura contemporaneamente.
I cloni vengono indotti a fiorire quando
sono piccoli, fra i 10 e i 30 centimetri.
Le piante piccole riescono a sfruttare
meglio la luce HID. La luce artificiale
diminuisce esponenzialmente con il
quadrato della distanza, per cui se il
fogliame è a circa un metro e venti dal
bulbo ne riceve un quattordicesimo, eh
sì proprio un quattordicesimo, come se
fosse solo a 30 centimetri. Il fogliame
che resta in ombra o riceve meno luce
cresce più lentamente e la pianta rimane
lunga e smilza.
Dei cloni forti e ben illuminati crescono
rapidamente e sono meno soggetti
agli attacchi di parassiti e malattie.
Effettivamente, dei cloni che crescono
rapidamente, crescono ancora più
velocemente di quanto non si riproduca il
tetranico, o ragnetto rosso. L’infestazione
non fa in tempo a prendere piede, che le
piante sono già raccolte.
I cloni si possono anche facilmente
sommergere completamente quando
sono piccoli in un miticida. Immergere
i cloni nel miticida prima di portarli nel
locale da fioritura riduce enormemente le
popolazioni di acari.
Delle colture di piccoli cloni all’interno
di recipienti di piccole dimensioni
sono molto più semplici da gestire,
rispetto a grosse piante in vasi grandi,
se le si devono portare fuori dal locale
per pulirlo e sterilizzarlo. Dei locali
disinfettati regolarmente hanno meno
problemi di parassiti e malattie.
Gli esperimenti con i cloni sono più
affidabili ed è più facile verificarli. Dei
cloni geneticamente identici reagiscono
nello stesso modo a stimoli diversi, quali
il fertilizzante, la luce, la piegatura ecc
Le auxine nelle punte in crescita e nei
boccioli sono ridirezionate nel corso
della settimana verso la ferita da cui
è stato prelevato un clone. Una volta
che c’è una concentrazione di auxina
adeguata, viene inviato il via libera per
mettere radici, prima che per crescere.
2. Le citochinine stimulano la divisione
cellulare. Inviano dei messaggi dalle
radici su quello che possono aspettarsi.
3. Le gibberelline determinano più di 90
eventi, fra cui l’allungamento delle
cellule e la crescita di nuove cellule
nei semi.
4. L’ormone acido ascissico (ABA),
se non modificato da altri segnali, è il
segnale generale di “stop” per la
crescita della pianta.
5. L’etilene dà il segnale ai frutti ???
affinché maturino e quello della fine
della stagione.
Lo stress scombussola gli ormoni e
rallenta la crescita.
L’apice della pianta e le punte dei rami
sono la parte più vecchia dal punto di
vista ormonale. La base e i rami inferiori
sono le più vecchie per quanto riguarda
gli ormoni. È questa la zona migliore
da cui prelevare le talee, dato che qui
le concentrazioni ormonali sono le più
adatte per il radicamento. La presenza
di ormoni ha contenuti diversi a seconda
delle parti della pianta. Gli ormoni per la
crescita radicale sono concentrati presso
la base della pianta, vicino al gambo
principale. Questa è la porzione più
vecchia della pianta, ma è quella in cui è
situata la maggioranza degli ormoni del
radicamento. La parte superiore della
pianta contiene gli ormoni più vecchi e le
talee prelevate da questa pianta crescono
lentamente. La parte centrale della pianta
sopporta dei livelli di ormoni moderati.
Piante madri
Integrità delle scorte di cloni:
1. Mantenere un fotoperiodo di 18 ore
2. Mantenere sane
3. Crescita per un periodo di tempo??
4. Travasare
5. Coltivare con l’idroponica
Ogni femmina può essere usata per fare
cloni, a prescindere dalla sua età. Può
provenire da un seme o da un clone.
L’importante è ricordarsi che quando si
prendono dei cloni da una madre, la madre
non va mai fatta fiorire e per poi riportarla
alla fase di crescita vegetativa.
Tenete alcune madri in fase vegetativa
per prenderne dei cloni. Delle madri
forti producono dei cloni sani e forti.
Incomincia ogni anno a far nascere
delle madri dai semi. I cloni hanno più
possibilità di diventare forti e sani quando
le madri non sono stressate. Le piante
madre devono ricevere almeno 18 ore
di luce al giorno per mantenere il vigore
delle caratteristiche genetiche. Un clone
è una replica genetica esatta della pianta
madre. Ciascuna cellula della madre porta
con sé il suo DNA. Le radiazioni, gli
Gli internodi si allungano perché
• La concentrazione di giberillina
non è adeguata
• Le temperature diurne/notturne
hanno un excursus di più di 3-5
gradi Celsius.
• Basse concentrazioni di luce
• Le piante ricevono troppa luce
• Le piante possono allungarsi agli
internodi per diventare alte
quanto le altre piante.
La svizzera Loti coltiva in serra e in
passato riforniva cloni ai coltivatori del
luogo. Da quando la polizia si è presa tutti
i suoi cloni, i grower devono rifornirsi di
cloni da soli.
Ormoni della crescita distribuiti in modo
disomogeneo
Età della pianta e crescita giovane
Il contenuto di ormoni detta la capacità del
clone di mettere radici. Una pianta madre
ha tre zone diverse di “età” ormonale.
Patrick di Grow House, vicino a Zurigo,
vendeva centinaia di cloni in negozio
a clienti al dettaglio. Adesso i grower si
devono fare i cloni per conto proprio.
Soft Secrets
Trapianta sempre i cloni forti dotati di
apparati radicali ben formati. Questo clone
è pronto per essere messo nel giardino
idroponico pieno di granelli di argilla espansa.
Hanno già attecchito. I cloni vengono piantati
delicatamente nel substrato di crescita.
agenti chimici e delle pratiche culturali
sbagliate possono danneggiare il DNA.
Se non viene danneggiato, il DNA rimane
intatto. I cloni che crescono male, sono
generalmente il risultato di pratiche di
clonazione inadeguate o antigieniche. Una
pianta femmina riprodotta per clonazione
genererà il 100 percento di femmine,
tutte identiche alla madre. Quando li si
coltiva nello stesso identico ambiente, i
cloni della stessa madre si assomigliano
moltissimo. Tuttavia, gli stessi cloni,
sottoposti ad ambienti diversi in grow room
distinte hanno spesso un aspetto diverso.
Per esempio, un clone di indica dalle
foglie larghe che non riceve abbastanza
fertilizzanti e cresce in un ambiente poco
umido sarà di aspetto differente rispetto ad
un clone sorella fertilizzato perfettamente
e coltivato in un ambiente umido.
Ciononostante, possono avvenire delle
mutazioni e ogni tanto lo stress ambientale
può far spuntare un fiore maschio su una
pianta femmina. Un clone di un mese preso
da una madre di sei mesi in realtà non ha
solo un mese: ne ha sei, proprio come la
madre. Tale fenomeno non è compreso
totalmente, ma è valido. Una pianta di
sei mesi produce più cannabinoidi di una
pianta di un mese. Clonando questa pianta
potente come livello di THC, il clone
continuerà ad aumentare di Potenza a un
ritmo molto elevato.
Punti negativi
Incomincia sempre con le migliori fonti
di clonazione che trovi. Le piante madri
rendono degli ormoni a loro immagine
e somiglianza. Se la pianta madre non è
potente, se il suo raccolto non rende un
buon peso o se non è resistente ai parassiti
e alle malattie, anche il clone porterà tali
debolezze. Tali debolezze aumentano di
proporzioni quando si coltiva una sola
varietà per volta. Un parassita o una
malattia su cui non si interviene possono
21
rovinare un intero raccolto. Tenete le madri
in buona salute. Molti coltivatori fanno una
spruzzata preventiva settimanalmente.
Ogni volta che si fa una clonazione di
massa, viene avviata la nascita di nuovi
ributti. Questa nuova crescita sviluppa
più velocemente delle radici più sane,
che crescono più rapidamente. Le madri
devono essere pompate di continuo per
continuare a produrre delle ricrescite.
Date alle madri circa il 10 percento di
azoto per favorire il radicamento nei cloni.
Vaporizzare ogni settimana sulle madri
le protegge dal rischio di malattie e dagli
attacchi di parassiti. Non prendere mai
dei cloni da madri ammalate o infette.
Crescerebbero poco e darebbero una
resa bassa. Per avere i risultati migliori,
prendete i cloni da piante madri che
hanno almeno due mesi. Le piante clonate
prima potrebbero svilupparsi in modo
disomogeneo e crescere piano. I cloni
prelevati dalle piante in fioritura ràdicano
in fretta ma ci mettono un mese o più per
tornare alla fase di crescita vegetativa.
Tali cloni ringiovaniti fioriscono talvolta
prematuramente e i boccioli sono più
soggetti agli attacchi dei funghi. I cloni
soffrono lo stress e attraversano una
metamorfosi incredibile quando passano
da rametto reciso a pianta radicata, tutta la
chimica della pianta cambia. Il ramo che
prima faceva crescere le foglie deve ora
far crescere delle radici per sopravvivere.
Mentre mettono radici, i cloni hanno un
fabbisogno minimo di azoto e uno di
fosforo accresciuto, per favorire la crescita
radicale. Bisognerebbe evitare di spruzzare
le talee mentre mettono radici per non
aggravare lo stress della clonazione.
Una tenda per l’umidità mantiene l’umidità
relativa intorno al 95 percento. La parte
inferiore di questa tenda per l’umidità lascia
sempre drenare i liquidi e circolare l’aria.
Delle cupole da umidità sono messe in fila,
pronte per migliaia di cloni.
Questo clone diventerà presto una pianta
madre.
L’ultima cosa da ricordare è di far
crescere più cloni!
Ormoni della radicazione
Gli ormoni che inducono la formazione di
radici accelerano i processi che avvengono
nella pianta. Quando il gambo di una
talea mette radici, deve trasformare la
produzione di cellule verdi del gambo in
produzione di cellule indifferenziate e infine
deve fabbricare cellule delle radici. Gli
ormoni delle radici accelerano la crescita
delle cellule indifferenziate. Quando le
cellule non si sono specializzate, possono
trasformarsi rapidamente in cellule
radicali. Fra le sostanze che stimolano la
crescita non differenziata ce ne sono tre
in particolare: l’acido alfa-naftalenacetico
(NAA), l’ acido indolbutirico (IBA) e
l’acido 2,4-diclorofenossiacetico (2,3
DPA). Gli ormoni da radicazione in
commercio contengono uno, due o
tutti e tre gli ingredienti citati e spesso
contengono anche un fungicida per evitare
la colatura (morìa causata da fungo). Gli
ormoni della radicazione si trovano in
concentrazioni diverse. Utilizzate sempre
quella più diluita per le talee di legno
dolce. Usate solo un’applicazione di un
ormone della radicazione contenente IBA.
Un’applicazione eccessiva o di eccessiva
durata di IBA inibisce la radicazione. I cloni
inviano le loro auxine alla ferita praticata nel
prelievo della talea. Se l’ormone artificiale
della radicazione non si è dissipato, le
concentrazioni risulterebbero eccessive.
Sono disponibili in forma liquida, in gel
o in polvere. I tipi liquidi e in gel sono i
più versatili, penetrano uniformemente nei
gambi e sono costanti. Gli ormoni della
radicazione in polvere aderiscono ai gambi
in modo disuguale, hanno una cattiva
penetrazione, spronano la crescita radicale
in modo disomogeneo e garantiscono un
tasso di sopravvivenza inferiore.
l’attecchimento. Gli spray antiessiccanti
vanno usati con parsimonia e solamente
se è impossibile allestire una tenda per
l’umidità. Lo spray antiessiccante sintetico
semipermeabile riveste le foglie e lascia
fuoriuscire i gas ma non il vapore acqueo.
Assicurati di rivestire uniformemente il
fogliame quando lo applichi. Persino con
uno strato di cera antidisidratante i cloni
rischiano di soffrire lo stress da carenza
di liquidi. Mantieni lo spazio radicale
umido. Un’insufficienza di liquidi blocca
lo sviluppo delle radici. Tieni sempre pulita
la zona delle talee. Stai alla larga da luoghi
che potrebbero ospitare spore di funghi. Il
Pythium è il peggiore! Il Pythium prospera
ad alte temperature con una umidità
eccessiva. Le temperature fra i 18 e i 25 °C
impediscono la germinazione della maggior
parte delle spore. Gli acari, il dialeurode
delle serre, il tripide, ecc. sono tutti degli
amanti dei teneri cloni. I cloni infestati
dovrebbero essere separati e allontanati
dal locale per evitare contaminazioni.
Delle condizioni più fresche limitano la
riproduzione degli acari e ti consentono
di aggirare il rischio di infestazioni. Se
dovesse capitare un’infestazione, applica
del piretro nebulizzandolo. Ricorda sempre
che tutti i pesticidi, naturali o meno, sono
fitotossici. Nebulizzare sulle talee è una
cattiva idea in generale. Se proprio devi
usare degli spray, fallo quando è fresco e
usa solo spray biologici naturali, il minimo
indispensabile.
Aprite il gambo dei cloni per esporre una
superficie maggiore dello strato cambiale,
l’unica zona che genera nuove radici.
Prima di fare i cloni
I cloni piccoli con poche radici
attecchiscono più rapidamente di quelli
grandi con foglie grandi. Inizialmente le
foglie contengono liquidi, ma dopo alcuni
giorni il gambo non è più in grado di
apportare liquidi a sufficienza e il clone ne
subisce lo stress. Una superficie fogliare
minima è sufficiente affinché la fotosintesi
fornisca energia a sufficienza per far
crescere le radici. I cloni grandi che hanno
immagazzinato molto amido attecchiscono
più lentamente di quelli piccoli, dal
gambo sottile. L’amido in eccesso in un
ambiente dal terreno umido attrae a sua
volta problemi dovuti ad agenti patogeni.
Nonostante i cloni dal gambo sottile
hanno meno riserve (amido), tutto ciò di
cui hanno bisogno per avviare la crescita
radicale è energia di riserva a sufficienza.
Non usare dei fertilizzanti. Non uccidere
i cloni per la gentilezza di volerli
nutrire. Ritarderebbe l’attecchimento.
Il nitrato di ammonio, un fertilizzante
molto comune, arresta la crescita della
radice capelluta, o “barba”. Alghe: Gli
estratti di nutrienti, alghe e alghe marine
comprese, contengono degli ormoni
(citochinine) che promuovono la crescita
verde e rallentano la crescita delle radici.
Non aggiungere ulteriori ormoni della
radicazione. Le concentrazioni di ormoni
della radicazione all’interno dei cloni sono
critiche. I cloni a loro volta creano degli
ormoni (della radicazione). Aggiungendo
altri ormoni (IBA, auxine e citochinine)
si rovina l’equilibrio naturale e si rallenta
Le piante madre
crescono in grossi
impianti idroponici
indipendenti.
Le radici
hanno spazio
in abbondanza
per crescere e le
piante possono
essere asportate
singolarmente.
Questo mare di cloni sta crescendo in una
serra sotto la luce naturale. Nell’inverno, il
grower accende le lampade al sodio HP per
estendere a 18 ore di luce il fotoperiodo.
Far crescere i cloni su mensole montate su
ruote è estremamente efficiente. Puoi creare
una tenda per l’umidità intorno ai cloni
appendendo sopra le mensole della plastica
trasparente.
Jorge Cervantes è l’autore del
NUOVISSIMO Indoor Marijuana
Horticulture: The Indoor Bible, con
200 foto a colori TUTTE NUOVE,
Marijuana Indoors: Five Easy
Gardens, Marijuana Outdoors:
Guerrilla Growing e di Jorge’s
Rx, e scrive su 12 riviste europee
in 6 lingue. I libri di Jorge sono
pubblicati in Olandese, Inglese,
Francese, Tedesco e Spagnolo.
22
Soft Secrets
aio
La pagina del canap
CHARSÌ
piante in fioritura
Charsì sono gli estimatori, consumatori
e produttori della nobile sostanza
estratta,con il solo utilizzo delle mani
nude, dalla nobile Cannabis che cresce
in Himalaya: il charas, resina raccolta
sfregando delicatamente l’ interno delle
mani sulle sommità fiorite e mature
delle piante ancora vive. Procedimento
antico, che non richiede l’ uso di alcuna
infrastruttura, ma che permette di
conservare l’ aroma dei fiori freschi e
delle montagne da cui in charas proviene.
suoi estimatori e si arriva a distruggere
l’ economia di intere regioni e la vita dei
loro abitanti in nome di un “progresso”
che è fatto di ignoranza e mancanza di
rispetto per modi di vita diversi. Come
esempio di assurdità palesi basti citare
le parole di un quotidiano nazionale
indiano: “...i bambini di Desh (vedi S.S.
n. 2 - 2004 pag. 33) fanno più charas e
di migliore qualità perché hanno i pori
della pelle delle mani più grandi” (il
grassetto è mio).
In alcuni testi si proclama la superiorità
dell’ hascisc ricavato da piante seccate
e setacciate sul charas fatto a mano,
e ciò può essere vero per un prodotto
commerciale, nel caso del charas
consistendo di un materiale ricco di
particelle di foglie sminuzzate fra le
mani insieme alla resina, ma sicuramente
tutti coloro che hanno potuto assaggiare
charas di alta qualità (crema: resina
purissima, esente da materiale verde) l’
hanno riconosciuto migliore (non più
“forte”, ma migliore in tutti i sensi:
gusto, effetto e qualità dell’ high) di ogni
altro prodotto cannabico.
In India essere in possesso di cannabis
è molto più pericoloso che in Italia:
le pene sono molto più severe (ad
un europeo in possesso di hascisc
recentemente è stato dato l’ ergastolo) e,
almeno nei posti frequentati dai turisti, i
controlli numerosi. Questo in un Paese
dove esistono ancora negozi governativi
che vendono Bhang (foglie e fiori di
cannabis di bassa qualità).
A parità di numero di piante utilizzate
e di tempo impiegato per l’ estrazione
della resina, la produzione di charas
è molto più bassa di quella di hascisc
setacciato, sia a secco che in acqua e
ghiaccio. La stagione in cui è possibile
fare charas è cortissima: soltanto nel
momento di maturazione delle piante. Da
parte di una singola persona non possono
essere prodotte più di poche centinaia di
grammi all’ anno.
La pianta è sacra e necessaria in diversi
riti religiosi, utilizzata da millenni come
medicinale, come cibo e fonte di fibra
tessile. Ma negli ultimi anni la pressione
del mondo occidentale (leggi stati uniti
d’ america) ha fatto sì che la cannabis
venisse sempre più demonizzata. Come
da noi da più di trent’ anni, si dicono le
stesse menzogne per screditare questa
pianta e i suoi consumatori,a scuola e sui
mezzi d’ informazione, si perseguitano i
mani con charas
Si sta cercando di cancellare tutta una
cultura intorno a questa pianta: agli
studenti viene raccontato che il charas
è una “pericolosa droga narcotica” e
non sanno più che viene dalla pianta del
bhang, tanto utilizzata nella medicina
ayurvedica ma che viene ignorata
da parte dei nuovi testi (come da noi
i libri sulle piante quasi sempre “si
dimenticano” della cannabis). Agli
abitanti delle montagne viene addirittura
consigliato di non usare più cannabis,
piuttosto di bere alcoolici....!!
preparativi
Vengono incarcerati pastori, montanari,
padri di famiglia, che con la produzione
di pochissimo charas hanno l’ unica fonte
di denaro possibile in queste montagne
dove non viene abbastanza grano per
sfamarsi, e che vivono comunque in un
mondo dove il denaro è necessario.
Quest’ anno i giornali nazionali avevano
scritto che il governo sarebbe intervenuto
con lo spargimento di pesticidi con
mezzi aerei contro questo pericolo (la
cannabis!). Meno male che c’ è stato
qualche ripensamento: sulle montagne
d’ estate ci sono centinaia di migliaia di
pecore, capre, mucche e persone al loro
seguito.
I soldi ricevuti per la lotta alla “droga”
dovrebbero servire anche ad aiutare
le popolazioni locali ad avere qualche
raccolto alternativo, che permetta un
reddito. Ma i locali si sono solo visti
distruggere i raccolti (da ormai tre anni),
senza ricevere nulla in cambio che
minacce e intimidazioni.
Le virtù medicinali di questa sostanza
sono ancora in parte da scoprire:
differenti concentrazioni di cannabinoidi
potrebbero essere la medicina ideale per
certe malattie.
Ormai è possibile che in poco tempo si
perda la conoscenza e la cultura legate a
questa pianta in un paese dove ne esiste
un utilizzo millenario, anche da parte delle
loro Divinità maggiori .
Forse un intervento da parte di aziende
europee in cui si richiedano prodotti
della cannabis (dalla fibra tessile, ai semi
per uso alimentare, alla resina per scopi
farmaceutici, ecc.) potrebbe permettere
a queste popolazioni di continuare a
coltivare una pianta che li accompagna
da sempre, conservare la loro cultura e le
loro tradizioni e dare una risposta ad un
proibizionismo ottuso e menzognero.
Il Canapaio
o se le si
a acquista moltissim
an
iju
ar
m
lla
de
re
Il sapo
I coltivatori
essiccare con calma.
r
pe
po
m
te
il
tto
tu
dà
di cercare
esso il grave errore
compiono troppo sp
: questo è
esso di essiccazione
di accelerare il proc
tti, così
tale per l’erba! Infa
or
m
o
at
cc
pe
un
o
davver
ngente.
de un gusto troppo pu
en
pr
a
nj
ga
la
o
nd
ce
fa
Soft Secrets
Fai da te
Prendere dimestichezza con i cloni
23
Di Bart B.
E quindi hai trovato una pianta
insuperabile fra i vari semi che hai
fatto germinare e vorresti tenere
questa ottima pianta femmina?
Oppure vuoi assicurarti di avere
una riserva fresca di cloni di
alta qualità? Entrambe le cose si
possono fare senza problemi, però
prima devi padroneggiare l’arte di
fare i cloni a partire dalle talee. È
abbastanza facile, a condizione di
prestare attenzione ad alcuni fattori
importanti.
Dopo aver tagliato i nostri primi
cloni, dobbiamo eliminare le foglie
in eccesso. Dobbiamo lasciare le
foglie in basso sugli ultimi 2 cm
del clone reciso, perché è questo il
punto in cui le radici si sviluppano
meglio; sulle ferite dove un tempo
crescevano le foglie, devono
svilupparsi velocemente delle radici.
Il primo passo, e anche il più
importante per fare cloni, consiste
nell’imparare a individuare una
pianta femmina con delle qualità
straordinarie. Non ha molto senso
fare dei cloni di piante di qualità
inferiore, dato che ti troveresti con
un giardino di qualità inferiore, e chi
è che vorrebbe un giardino così? Se
ti mantieni su degli standard elevati,
finirai per essere ricompensato da
un orticello con delle rese generose.
Inoltre è importante perché, siccome
possiamo prendere delle talee
facilmente, possiamo anche fare dei
cloni facilmente di piante nate dal
seme, in modo poter da determinare
se sono maschio o femmina: basta
portare questi cloni in fioritura.
Una talea è un ramo laterale o una
parte del ramo di una pianta esistente.
Una buona talea è lunga fra i 10 e
i 15 cm e possiede alcune foglie.
Tagliamo via la talea diagonalmente
usando un coltellino o una lama di
rasoio fra due internodi delle foglie.
Soprattutto quando si ha a che fare
con piante outdoor, può capitare
che i rami abbiano sviluppato un
gambo indurito. Per accelerare la
formazione delle radici possiamo
grattare via con un coltello uno
strato sottile dai 2 centimetri più
in basso. Così facendo possiamo
fare in modo che quando useremo
lo stimolatore delle radici, questo
possa penetrare e agire facilmente
nella talea.
Ci sono molti tipi di stimolatore delle
radici in commercio per favorire
l’attecchimento dei nostri cloni. I
metodi più diffusi sono quelli che
prevedono l’immersione delle
estremità delle talee in uno stimolatore
delle radici liquido, diluito. Dopo dieci
secondi circa, i cloni dovrebbero aver
finito di assorbire il liquido. D’altra
parte, potresti usare la vecchia tecnica
tradizionale di immergere brevemente
l’estremità della talea in polvere da
talee. I centimetri più in basso, e non
tutta la talea, restano coperti di polvere
da talee, altrimenti c’è il rischio di
soffocare il clone. È sufficiente uno
strato di polvere sottile; troppa polvere
può essere nociva. Oggigiorno si
usano parecchio anche gli ormoni
per le radici in gel e la loro qualità
migliora di continuo. Io uso un metodo
misto, immergendo inizialmente il
clone in uno stimolante radicale e poi
anche nella polvere da talee.
Come ultimo passaggio dobbiamo porre
i cloni in un substrato: uno dei substrati
migliori per far attecchire i cloni sono
i cubetti da talee fatti di lana di roccia.
Questi cubetti o tasselli lasciano passare
l’aria benissimo, che è proprio quello
che serve alle talee per mettere radici in
fretta. Non facciamo altro che praticare
un forellino nel tassello e ci inseriamo
la talea, cercando di non perdere troppa
polvere nel farlo.
Adesso siamo arrivati alla fase finale,
nella quale cerchiamo di far mettere
radici ai cloni e di farle sviluppare. Per
velocizzare il processo poniamo i cloni
in una cupola per l’umidità, all’interno
della quale possiamo mantenere un’alta
percentuale di umidità, una condizione
importantissima per evitare che i cloni
si disidratino nei primi giorni. I fattori
più importanti nel fare i cloni sono
il calore e, ancor più, un sottosuolo
caldo. La temperatura delle radici è di
importanza capitale, poiché il calore
stimola incredibilmente lo sviluppo
delle radici. Un tappetino riscaldante
si dimostra qui davvero utile. Il
secondo fattore è la percentuale di
umidità nell’aria; di solito il problema
è l’umidità eccessiva nell’ambiente.
Puoi provare a considerare la faccenda
dal punto di vista del clone appena
reciso, che d’ora in poi si deve rifornire
da solo di liquidi, ma per farlo deve
prima sviluppare un apparato radicale.
Soltanto durante i primissimi giorni, e
poi basta, dobbiamo sostenere il clone
fornendogli una percentuale di umidità
atmosferica elevata. Proprio lasciando
che crolli l’umidità atmosferica,
costringiamo le piante a buttare fuori
più radici. Se non lo facessimo, il
processo richiederebbe molto più
tempo. Avviene che una pianta
riesca a estrarre liquidi dall’aria per
sopravvivere, aggrappandosi alla vita
per settimane senza che si formino
delle nuove radici. Nei primi giorni
offriamo alla pianta l’opportunità di
avviare tutto il processo. Nebulizziamo
bene con l’acqua solo una volta
all’inizio e poi non nebulizziamo più,
visto che servirebbe solo a ritardare
il processo di attecchimento. Quando
nebulizzi l’acqua, è importante averci
aggiunto dello stimolatore per radici o
un prodotto simile per aiutare la pianta
a produrre le radici. Le piante non
seccheranno davvero e si riveleranno
più forti di quanto pensi. Poi metti le
piante in fase di crescita con 18 ore di
luce e 6 ore di buio, oppure con luce
continua, mettendole sotto le lampade,
alla luce del sole o sotto le lampade
al sodio. Alla fine, dopo una o due
settimane, potrai vedere che crescono
delle radici bianche e sottili, che
escono dai cubetti di lana di roccia, se
tutto è andato liscio.
Il modo migliore per imparare a fare
i cloni è lasciar crescere una pianta in
outdoor nei mesi primaverili o estivi.
Grazie alla crescita vigorosa, potrai
prelevare molte talee nel corso della
stagione e fare molti tentativi per
esercitarti. In questo modo, una sola
pianta può fornire centinaia di “cloni
di prova”. Se lo farai, è sicuro che
entro la fine dell’estate avrai imparato
a padroneggiare completamente l’arte
del fare i cloni!
26
Outdoor
Soft Secrets
weckels
world of
wonders
Di Weckels, lo specialista della coltivazione di Atami
Crearvi le vostre varietà ibride di ganja
Usando solamente l’impollinazione
In questo articolo proveremo a creare la nostra personalissima varietà di marijuana
perfetta per esterni, usando soltanto l’impollinazione e la fertilizzazione incrociata,
o xenogamia. Mi servirò dell’articolo per spiegare nel modo più chiaro ed
esauriente possibile come ci puoi riuscire al meglio e a cosa devi fare attenzione.
dei coltivatori outdoor decide di coltivare
all’aperto innanzitutto per mancanza di
spazio e/o perché ritiene che i rischi di
coltivare indoor siano eccessivi. Per loro
è impossibile lasciare crescere i cloni
al chiuso in autunno. Quindi non hanno
alternativa, se non iniziare da capo l’anno
prossimo dai semi e sperare di avere la
fortuna di trovarsi con una pianta madre
preziosa quanto quella che avevano fatto
quest’anno.
Ma se stiamo escogitando di far crescere
una pianta maschio ben sviluppata della
stessa varietà della pianta madre preferita,
allora possiamo usarla per fecondare
la pianta madre meglio sviluppata in
assoluto. Così facendo siamo certi di
avere ancora una valida varietà da outdoor
per l’anno prossimo dall’abbondante
rifornimento di semi che produrrà.
Ogni varietà nuova ha le sue particolarità. Ogni varietà di marijuana produce le sue foglie
caratteristiche che si identificano per differenze di dimensioni, aspetto e colore.
Dunque, lo so che per quasi tutti i grower
è un peccato sprecare le loro cime di fiori
ben sviluppate impollinandole, dato che
preferiscono vedere un bel mucchietto di
erba anziché un duecento semi. Anche io
scelgo di fecondare soltanto le cime meno
preferisco mettere le piante maschio in
uno spazio separato e sigillato, in cui ci
sia ancora abbastanza luce (solare). In
tal modo possiamo evitare che il polline
sia sparso dal vento e che ci provochi
quindi dei disastri (o che ne causi a un
altro coltivatore sottovento). Non sarebbe
la prima volta che un grower perde tutto
il raccolto grazie alla trascuratezza di
terzi e delle loro piante maschio. Non
per niente anche per questo a quasi tutti
i coltivatori vengono tendenze omicide
appena vedono una pianta maschio,
figuriamoci se si parla di lasciarla fiorire.
C’è persino gente che coltiva indoor e
ricorda ancora certi incubi: un bellissimo
locale da coltivazione pieno di piante
femmina, sulle quali le cime si ingrossano
e diventano sempre più appiccicose.
Sembra andare tutto liscio, fino a quel
giorno in cui il condizionatore d’aria
si mette a pompare dentro uno strano
pulviscolo bianco-giallino e a spargerlo
proprio sulle cime coi fiori. Queste stesse
cime in fiore smettono prontamente di
svilupparsi e, con orrore del coltivatore,
cominciano tutte a sviluppare semi
all’interno. Sono delle buone basi per
Questo è stato uno dei miei migliori ibridi
in assoluto. Questa pianta femmina era già
passata alla fioritura nella terza settimana
di agosto e (di conseguenza) ha prodotto
un’erba di una qualità sbalorditiva.
Questo incrocio è un discendente di una
varietà a fioritura breve, la cui prole
acquisiva molto velocemente delle grosse
dimensioni.
Lo stress, come quello che ha subito
ovviamente da questa foglia arricciata
all’insù, può innescare facilmente la
fioritura nel maschio, a prescindere dalle
ore di luce solare che riceve.
Anche questo maschio ha avuto qualche
problema e già a giugno ha iniziato a
produrre fiori maschio.
Il segreto di una buona ganja coltivata
all’aperto spesso inizia con la scelta
della varietà più adatta allo scopo. Dopo
tutto, non tutti i tipi di marijuana possono
soddisfare completamente le nostre
aspettative. Di certo quando intendiamo
farle crescere in paesi umidi e talvolta bui,
come i Paesi Bassi e la Gran Bretagna,
la lista di requisiti per la nostra nuova
varietà sarà bella lunga.
clone dalla pianta madre migliore (prima
che cominci a fiorire) e li innaffiano di
premure e della miglior luce che possono
ricavare da una lampada fluorescente in
modo che possano superare l’inverno.
belle con il polline dei maschi. Per farlo,
mi basta staccare dalla pianta tutte le cime
ben sviluppate, prima di mettere il polline
a contatto con i boccioli rimanenti. Lo si
può fare, a patto di evitare assolutamente
che la pianta maschio sia nelle vicinanze
delle piante femmine, dal momento che
queste iniziano a fiorire e che iniziano a
formarsi le cime di fiori maschi. Anche
per questo coltivo le mie piante maschio
in vaso, per poterle spostare agevolmente
a tempo debito. Il vaso da fiori non deve
essere poi così grande: uno da 10 litri di
volume sarà più che sufficiente per farci
crescere bene un bel maschio.
mandare in malora un raccolto, dato che
una volta fecondate, le piante femmina
scoppiano di semi, rendendole purtroppo
adatte soltanto per i pappagallini cocorita.
In più, le cime in fiore sviluppano anche
un odore estremamente acido, che è la
cosa meno gradita al mondo/l’ultima cosa
che fa la gioia del grower.
Non è un segreto per la maggior parte
dei grower, il fatto che l’impollinazione
di piante femmine autocoltivate possa
rendere una montagna di semi. Alcuni
sono già così soddisfatti della varietà
outdoor che usano già, che preferirebbero
coltivarla ancora l’anno successivo, se
possono scegliere. Proprio per questo ci
sono dei grower che prendono qualche
Va tutto benissimo, a condizione di
avere lo spazio e il tempo necessari.
Però potete essere certi che i cloni non
saranno potenti quanto la madre originale
dell’anno precedente. Il motivo è che i
cloni portati al chiuso e soggetti soltanto
alla luce artificiale per continuare a
crescere entrano in pratica in “modalità
di sopravvivenza”, erano cioè solo
aggrappati alla vita. Se avessimo messo
subito i cloni sotto una lampada da 400
o da 600 Watt, con l’arrivo dell’autunno
ci saremmo trovati con delle belle piante
madri enormi. Inoltre, la maggior parte
Siccome il polline delle piante maschio si
può spargere per chilometri e dato che non
possiamo controllarlo in nessun modo,
una volta che il vento se lo trasporta, io
Nemmeno i semi potranno offrirvi una
compensazione, perché non abbiamo idea
del polline maschile da cui provengono.
Dopo tutto, cosa ce ne facciamo di semi
se non abbiamo idea della varietà con cui
abbiamo a che fare, per non dire della
durata della fioritura e di che tipo di cime
verrebbero alla fine?
Il dramma descritto innanzi riguarda
in particolare chi coltiva a distanza di
Soft Secrets
27
Soltanto dopo che le piante hanno iniziato
a fiorire e che le antere del maschio (la
parte terminale dello stame dei fiori, in cui
viene prodotto e immagazzinato il polline)
sono diventati più evidenti, incomincio
a tenerle sotto attenta osservazione.
Elimino quindi il maggior numero di
foglie possibile, per ridurre successivi
problemi dovuti alla condensa provocata
dai sacchetti di plastica che metteremo
sulle cime di fiori maschi.
Prelevando delle talee dalle piante maschio per collocarle al chiuso sotto una lampada per
farle fiorire (impostando un periodo di luce di 12 ore), possiamo raccogliere tutto il polline
che ci serve molto prima nell’anno.
fluttuazione del polline proveniente da
campi di canapa industriale. In quei campi
le piante di marijuana vengono coltivate
per le fibre di canapa che producono e le
piante di solito vengono raccolte prima
che i fiori femmina abbiano la possibilità
di formarsi sulla pianta. Disgraziatamente,
spesso i fiori maschio sbocciano qualche
settimana prima e di conseguenza possono
rovinare totalmente tutte le coltivazioni
(indoor), vittime di enormi quantità di
polline che volteggia in giro. Come se
non bastasse, le piante maschio dipendono
molto meno dalle ore di luce solare
rispetto alle piante femmina per iniziare
a far spuntare i fiori (maschio). In altre
parole, ci si può aspettare che le piante
maschio incomincino a fiorire quando,
per esempio, si è ancora in piena estate
e il numero di ore di luce sarebbe ideale
(per il periodo di crescita). Talvolta le
piante maschio cresciute in un punto
particolarmente sfavorevole e/o hanno
subito degli stress, d’improvviso vanno
spontaneamente in fioritura. Per tali
eventi misteriosi non si possono trovare
vere spiegazioni. In parte questo spiega
perché tanti coltivatori (outdoor) sono così
ansiosi nei confronti delle piante maschio
di marijuana.
Ci sono anche tanti coltivatori outdoor
che hanno assistito alla rovina del proprio
campicello di marijuana a causa del
polline, proprio sotto i loro occhi. Per i
coltivatori outdoor non c’è assolutamente
fuga se capita una cosa del genere (una
pioggia di polline maschile). I coltivatori
indoor al contrario possono ridurre il
danno a livelli meno catastrofici, usando
un filtro molto fine. Un altro trucco
è quello di fare in modo che l’aria
immessa nella grow room dall’esterno
venga risucchiata da un punto il più
vicino possibile al terreno. Perlopiù il
polline si trova sospeso nell’aria, anziché
ondeggiante sopra il suolo, quindi
accorgersene può evitare a molti grower
un po’ di pensieri, ora che possono
proteggere almeno in parte le loro belle.
Per tornare al discorso dell’impollinazione
e quindi della fecondazione della pianta
madre. Quando sappiamo raccogliere
da soli il polline, possiamo impollinare
la femmina nel momento che più ci
conviene. Anziché dare alla natura
mano libera, raccogliamo il polline in
sacchetti di plastica. Ci sono dei grower
che giurano sulla validità delle buste di
carta, che lasciano respirare la pianta.
Per quanto mi riguarda, preferisco quelle
di plastica, dato che nel nostro clima
umido le buste di carta si rammolliscono
in fretta. Se anche ci fosse del polline
in questi sacchetti, sarebbe appiccicato
ormai per sempre alla carta bagnata.
Inoltre, è molto importante che il polline
rimanga il più asciutto possibile quando
lo si raccoglie e diventa un problema se il
sacchetto è appena un po’ umido.
Inizialmente lasciamo crescere piante
maschio quanto le femmine. Durante
la fase di crescita delle piante maschio,
dobbiamo poi fare in modo che rimangano
solamente i rami meno sviluppati.
Quando le antere del maschio sono quasi
mature e sono sul punto di schiudersi,
metto dei sacchetti di plastica sui fiori
maschio e li assicuro ben stretti con un
elastico. È questa tecnica a consentirci
di intrappolare il polline, che cade
direttamente dalle antere (senza che possa
fuoriuscire dai sacchetti di plastica).
Dobbiamo anche sapere che i sacchetti
di plastica possono restare a coprire i
fiori per un giorno al massimo. Se ce
li dovessimo lasciare, diciamo, per una
settimana, la condensa ricoprirebbe tutto
l’interno, visto che anche i fiori maschio
rilasciano vapore acqueo (come tutte le
altre piante).
Anche per questo è una buona idea
controllare i sacchetti regolarmente o
lasciarli respirare un pochino, a patto che
non stia cadendo del polline dalle antere.
Così facendo possiamo risparmiarci
molte complicazioni e manteniamo i fiori
maschio in buone condizioni, per quanto
possibile.
I sacchetti stessi devono essere di plastica
trasparente, cosicché le cime di fiori
maschi possano continuare a maturare
con calma assorbendo la luce del sole.
Inoltre, riusciamo a vedere meglio quel
che succede, se si è già accumulato del
polline nel sacchetto. Se ce n’è, stacco via
Meglio mettere i maschi al chiuso, dietro
a una finestra. In tal modo sono a
allontanatati e al sicuro dalla vicinanza con
le piante femmina.
Delle cime di fiori maschi ben sviluppate
possono pompare fuori una quantità di
polline fenomenale. Spesso una piccolissima
quantità di polline basta e avanza per
fecondare molte femmine.
il ramo laterale al di sotto della busta di
plastica (o il gambo principale se i fiori
sono alla sommità della pianta) e porto al
chiuso ramo e sacchetto (lasciandolo in un
punto in cui non viene scosso). Bisogna
estrarre il polline dal sacchetto di plastica
appena si può, in modo che sia ancora
il più asciutto possibile. Se il polline si
inumidisce, è più facile che cada vittima
di un attacco da parte dei funghi.
È davvero un sollievo che questi maschi
siano già al sicuro dietro a un vetro, poiché
un po’ di antere si sono già schiuse (e
sono stese sul divano), e potrebbero aver
provocato un disastro all’aperto!
Il polline non resta attivo a lungo
nemmeno quando è bello asciutto e
perde considerevolmente di qualità dopo
poco tempo. Se mantenete il polline
fresco e asciutto, potete prevedere di
poterlo utilizzare per un mese circa. A
causa della sua breve vita, non è affatto
semplice riuscire a fare un’impollinazione
incrociata con tutte le varietà, poiché le
femmine di una varietà a fioritura tardiva
non possono ad esempio essere incrociate
con il polline di un maschio a fioritura
Lo sviluppo delle antere diventa sempre più
evidente. Non ci vorrà molto, prima che i
maschi inizino a rilasciare il polline in giro.
tardiva. Potete surgelare il polline,
prolungando a tre mesi il tempo in cui
resta utilizzabile.
Solitamente conservo il polline in
bustine sigillabili da ganja. Sono ottime
per metterci il polline per via delle
loro dimensioni ridotte, ma possono
comunque essere sigillate ermeticamente
(facendo aderire con un clic i due lati
dalla parte superiore).
Se decidete di conservare il polline un
po’ più a lungo e quindi di congelarlo,
è consigliabile separare dal polline le
antere e le foglioline rimaste. Quando
decido di usare il polline entro un paio
di giorni dalla raccolta, per fertilizzarci
delle femmine, mi risparmio la fatica e
tengo il polline con le antere e tutto. Non
dimenticate mai di numerare le bustine
e di annotarvi la varietà da cui proviene
il loro contenuto. Questo è importante
soprattutto se avete raccolto il polline di
una serie di varietà diverse. Se dimenticate
di farlo, tanto per cominciare non sapete
niente delle caratteristiche dell’ibrido
che vi accingete a creare, quindi non vi
semplifica affatto la vita di coltivatore
outdoor. Sarebbe poi tremendo esser
riusciti a creare una varietà eccellente
senza essere in grado di ricostruire la
combinazione di varietà da cui siete partiti.
In seguito è importante tenere sempre
abbastanza polline di una buona pianta
maschio. Se il nostro nuovo ibrido
dovesse rivelarsi una delusione è sempre
comodo poter fare un passo indietro e
usare il polline originale per fecondare
una femmina di una varietà di marijuana.
Soltanto con un metodo così ben
organizzato possiamo ridurre il numero
di incroci andati a vuoto e aumentare le
nostre possibilità di successo!
Non è affatto necessario che una pianta
maschio sia di dimensioni enormi.
Una pianta maschio piccola in realtà
può produrre polline a sufficienza da
fecondare un buon numero di femmine.
Quando avete poco spazio a disposizione,
potete anche decidere di prendere delle
talee da una pianta maschio. In seguito
le talee vanno messe in una scatoletta e
portate in fioritura coprendole con plastica
opaca, per esempio, tutte le sere. In
questo modo i cloni maschio entreranno
in fioritura molto prima (a luglio, per
esempio). Il grosso vantaggio quindi è
che le piante maschio possono produrre
Soft Secrets
28
cinque piante maschio grosse e ben
cresciute. Quando si tengono cinque cloni
maschio, ciascuno di una varietà diversa,
c’è il vantaggio ulteriore di procedere
molto più facilmente nella creazione di
nuovi ibridi. Certo, dovete stare attenti a
non mischiare il polline dei vari maschi.
Di solito non è un problema, dato che
ogni varietà ha un periodo di fioritura
specifico. Insomma, è improbabile che
le piante maschio si mettano a fiorire
contemporaneamente, quindi c’è poco
rischio che i pollini si mescolino.
In linea di massima, dopo aver preso cloni
a sufficienza dalle grandi piante maschio
possiamo eliminarle, tanto i cloni ci
daranno polline più che a sufficienza.
Quando decidiamo di lasciar maturare le
piante maschio all’aperto, è consigliabile
catturare il polline in una busta di
plastica. Coprite i fiori maschio uno per
uno.
In questa foto possiamo vedere
chiaramente che le antere si sono schiuse.
Il polline è già sulle foglie.
tutto il polline che vogliono, tanto le
femmine circostanti (che ricevono la
normale quantità di luce) non mostrano
ancora nessun segno di fioritura e
continuano a crescere senza pericolo. Per
questo raccomando calorosamente questo
metodo ai grower principianti, visto che
eventuali errorini in cui vengono rilasciate
piccole quantità di polline non vengono
puniti immediatamente senza pietà (con
un raccolto buttato via).
Possiamo adattare le tecniche appena
descritte e scegliere le piante femmina
Ecco come si presenta la pianta dopo che
abbiamo coperto tutte le piante maschio
coi sacchetti di plastica. Per evitare che la
formazione di condensa all’interno, aerateli
(o sostituiteli) regolarmente.
migliori per prelevarne delle talee da
mettere sotto le lampade (con un ciclo
di 12 ore) insieme alle talee maschio.
Quando avremo i cloni femmina e
maschio in fioritura, si possono fecondare
e darci semi più che a sufficienza.
Ma torniamo a parlare ancora un po’ dei
cloni maschio. Il vantaggio principale
dei cloni maschio è che li potete mettere
in fioritura molto presto. E ovviamente
i cloni maschio, dato che occupano
così poco posto, possono essere piantati
insieme ad altri cloni maschio di varietà
diverse in un unico spazio di dimensioni
ridotte. Chiaramente è molto più facile far
fiorire dei cloni maschio di cinque varietà
diverse, che non mettere in fioritura
La maggior parte dei coltivatori outdoor
non fa proprio i salti di gioia all’idea di
far crescere le piante maschio, anzi in
generale le vorrebbero vedere confinate
nella più profonda fossa infernale senza
speranza di ottenere la grazia. Però è un
peccato, perché una pianta maschio ben
cresciuta è un vero tesoro da coccolare
per alcuni grower (specialmente i veri
fanatici). Le piante maschio, in particolare
se sono ben cresciute, sono molto più rare
di quanto pensino tanti grower. Ogni volta
che sento da altri grower che stanno per
distruggere tutte le loro piante maschio,
li imploro sperando che mi lascino prima
prendere uno o due cloni, almeno per
poter mettere le mani su un’altra varietà.
Questa pratica di coltivazione ha il pregio
di permettere degli incroci solitamente
introvabili. Questo è una delle possibilità
che rendono così speciale la coltivazione
di incroci di cannabis, visto che non si sa
mai in anticipo che tipo di cime da fiore
verranno prodotte alla fin fine. Proprio
così sono riuscito a incrociare una serie di
tipi diversi, creando una varietà outdoor
le cui piante femmina richiedevano
pochissimo tempo per fiorire e fare delle
cime di fiori veramente buone. Oltretutto,
questa varietà aveva già iniziato a fiorire
alla terza settimana di agosto, per cui
alla fine le cime dei fiori scoppiavano
letteralmente di fili di THC!
Personalmente, conservo il polline delle
piante maschio con lo scopo principale
di sperimentare. Cosa può dare più
soddisfazioni dell’aver realizzato la
varietà outdoor ideale, che soddisfi tutti
i tuoi desideri in fatto di ganja? Io sono
un grande fan delle piante che producono
delle cime qualitativamente buone e che
raggiungono magari anche delle belle
dimensioni. Un paio di volte ho anche
coltivato delle piante sul balcone di casa
mia, e a questo scopo preferisco scegliere
un tipo di pianta piccola e compatta che
cresca con un ceppo e dei rami laterali
forti, grazie ai quali la pianta può resistere
meglio alle folate di vento violente, un
fattore di disturbo che si manifesta molto
prima nell’anno, se si coltiva sul balcone.
A questo punto dovrei aggiungere che
impollinare per incrociare e creare degli
ibridi da soli può anche portare a delle
delusioni. Anche a me è capitato: pensi
di aver finalmente creato una varietà
favolosa da coltivare all’aperto, poi
ecco che le servono dieci settimane di
fioritura. Un breve calcolo basta a capire
che se le piante iniziano a fiorire solo a
inizio settembre, possono essere raccolte
solamente a partire da metà novembre.
Se non siete nella posizione di usare una
serra riscaldata, fate meglio a scordarvi di
coltivare una varietà a fioritura così lunga.
A volte stacco via le antere quando sono
quasi mature e le metto in un sacchetto
di plastica. Se volete farlo, fate in modo
che sia tutto bello asciutto e vedrete che il
polline farà miracoli.
Un altro motivo per cui talvolta i grower
vogliono conservare il polline è per
farne una varietà incrociata che cresca
bene in natura, senza aspettarsi niente
di particolare, ma che basti lasciar
crescere indisturbata. In più, per quanto
mi riguarda conta un movente importante:
la curiosità. Ogni volta ovviamente è
una sorpresa stare a vedere cosa ci darà
la stagione dopo la nuova varietà ibrida.
Un pochino di sperimentazione non fa
male a nessuno e chissà che sorta di super
incrocio potremmo trovarci!
Nel prossimo articolo mi dedicherò
completamente a un metodo con il quale
possiamo coltivare delle varietà a fioritura
piuttosto lunga persino nei nostri climi
talvolta cupi. Come si deve fare e come
ci si può riuscire… sono cose che rivelerò
nel prossimo numero.
CATALOGO GRATIS !
COMPILA QUI SOTTO E INVIA IL TUTTO A; High Quality Seeds,
Casella Postale 362, 5460 AJ Veghel, Olanda.
Nome:
Indirizzo:
Codice postale:
Citta':
Nazione:
Numero di Telefono:
30
Soft Secrets
ICE
Photo: CCCP
Soft Secrets
Musica
INTERVISTA AI DEROZER
Questa volta gioco “in casa”: ho incontrato Seby,
front man di uno dei gruppi punk-rock più
“cattivi”, che dalla provincia ha conquistato la
notorietà in Italia e all’estero!
Soft Secrets:
Dove si trova erba buona a Vicenza?
La repressione e le leggi fuori dal tempo
e dalla realtà ne sono le cause principali.
Sebi: A Vicenza ,così come nel resto
d’Italia, l’erba buona è una vera rarità;
incredibile come sia più facile reperire
pastiglie o droghe “pesanti” anziché
una buona cima. Quindi, se passate da
Vicenza, consiglio di darsi al vino.
Cambiamo argomento, dopo che
hanno equiparato le droghe leggere a
quelle pesanti, quale sarà la prossima
cazzata che si inventerà il buon Fini
per salvare le nuove generazioni?
E quanto costa mediamente?
Quelle rare volte che capita di imbattersi
in erba di qualità ecco il rovescio della
medaglia, non meno di 15 euro nella
migliore delle ipotesi.
E la qualità?
Appunto,mediamente ultrascarsa e se di
qualità, molto expensive.
Ce n’è abbastanza per tutti?
A questo punto sono disposto ad
aspettarmi qualsiasi cosa, dalla pena di
morte all’amputazione di arti, siamo al
medioevo sull’argomento. I governi e i
politici nazionali trattano l’erba con la
stessa passione con cui gli inquisitori
medioevali trattavano le “streghe”.
Qualcuno di voi ha mai avuto
problemi con la pula per possesso?
Purtroppo sì e sono grane molto più
lunghe e fastidiose di quelle che potresti
avere per reati violenti e coercitivi!
Assolutamente no, tuttavia la repressione
e la mancanza di cultura sta spostando
tutti i giovani consumatori sul chimico
o sul pesante che ora, con le micro dosi
è diventato purtroppo alla portata di
tutti, con un danno enorme per la società
intera.
Lo avete mai considerato un
tossicodipentente?
Quali sono secondo voi le cause
dell’aumento dei prezzi e la scarsa
reperibilità?
Ah, avete saputo le ultime news :
oltre alla Salvia Divinorum venduta
negli smart shop, hanno proibito
Semplicemente sfortunato per essere
incappato in questa repressione
assolutamente violenta, inutile e
pericolosa.
Italiani popolo di mammoni
Spesso, in Italia, almeno un paio di volte all’anno, si parla di un’attitudine,
alcuni arrivano addirittura a definire un male, che colpisce le famiglie del bel
paese. Noi questa “attitudine” la vogliamo definire semplicemente abitudine e
comodità: ed è il mammismo. O, nella sua accezione maggiorata in negativo:
il mammonismo.
Questa abitudine colpisce indiscriminatamente, uomini, donne, ragazzi e
ragazze e ovviamente bambini e bambine. Più che spesso, e forse è questo
uno dei veri mali del paese, nei talk show e nelle strisce settimanali di
approfondimento vengono scomodati esimi esperti per spiegare il fenomeno:
lo psicologo specializzato in mammismo, lo psichiatra che ha elaborato una
terapia per convincere il giovane di turno ad abbandonare la casa di famiglia,
siamo arrivati addirittura a un’antropologia del mammismo e all’economia
del mammismo. Magari il prossimo governo inaugurerà un Ministero, dopo
quello delle Pari Opportunità, delle Infrastrutture, speriamo che, quale che
sia il vincitore delle politiche 2006, avremo modo di assistere all’avvio
del Ministero per combattere il mammismo. Dove riforme di carattere
psicologico si sposeranno con altre di carattere più meramente venali: i
sordi… costa caro ormai abbandonare il dolce nido familiare e servono
incentivi decisi per convincerci.
Ma, lo so, vi starete domandando: perché, giovane, ci stai parlando del
mammismo? Stai cercando forse di scaricarti la coscienza? Oppure di
accampare qualche oscuro disagio per affermare che vivere in famiglia è
giusto, buono ed è, tutto sommato, un diritto da salvaguardare?
No, nulla di tutto ciò. Anche se anch’io, a mio modo, sono un mammone.
È che ormai è veramente difficile abbandonare la mamma. La mamma fa di
tutto per tenersi vicino i figli. La mamma italiana, salvo sgozzarli in giovane
anche l’uso curativo della cannabis,
però vogliono far sì che nei locali si
possa ritornare a fumare per riparare
i danni economici derivati dai tipi
che hanno smesso con le bionde e
per ricondurli sulla “tabacco way”, io
sono un po’ confuso e voi?
Che dire, io sono confuso da anni,
se ti bevi due litri di grappa e
prendi l’autostrada contromano, sei
semplicemente un “briccone”. Se ti
sgamano sul divano di casa tua, in
assoluto relax con un po’ d’erba, ti
trovi dietro le sbarre con accuse di
spaccio o, ancora peggio, di traffico
internazionale… confuso è dir poco,
senza poi annoiarvi sul numero dei
decessi causati da alcool e sigarette,
con conseguente dispendio economico
per le cure ecc. causati da questi veri
e propri cancri sociali, incredibilmente
assecondati dalle istituzioni!
Vi sembra legittimo oscurare il sito
marijuana.it , non stiamo tornando ai
“bei tempi” della censura?
31
Quanti anni avete?
Diciamo che in quattro sfioriamo il
secolo e mezzo
Vi ricordate come era il popolo dei
fumatori dieci anni fa?
Come no, esattamente dieci anni più
giovane.
E come lo vedete adesso, quali sono
le differenze che più si notano?
Pancetta, capelli grigi e qualche
stempiatura sono i segnali più
sintomatici.
E tra dieci anni sempre ammesso
che Fini e Co. restino al loro posto?
Mi auguro fortemente che si arriverà
a parlare di questi tempi come di
un lontano e fastidioso ricordo,
chiedendoci come si faceva ad essere
così stupidi, magari mentre si acquista
una “bustina deodorante” in farmacia.
Come vi piacerebbe che fossero le
cose?
All’olandese per capirci.
In conclusione, mi fate un inno alla
legalizzazione nel vostro dialetto?
L’erba xe come el vin, a vien su da la
tera col soe e con l’aqua. Rispetala e te
fara felixe.
Translate please
A dire il vero questi tempi non sono mai
tramontati, semplicemente le iniziative
popolari sono sempre leggermente più
veloci del sistema. Purtroppo, esso riesce
sempre ad adeguarsi in fretta ed ecco
spiegato l’oscuramento: una semplice
questione di tempo.
L’erba è come il vino e cresce con il
sole e con l’acqua. Rispettala e ti farà
felice.
La rubrica
di Cavo
età, o affogarli o attuare qualche altra pratica astrusa di pulizia familiare
decisamente pulp, adora i propri figli, e vuole il meglio per i propri figli. E
alla fine capisco bene quelli che non lasciano il caldo focolare della mamma.
Perché siamo arrivati addirittura all’impensabile. Andate voi a spiegare a
tutti i vari esperti perché alcuni di noi non si schiodano. E prima di andare a
spiegarglielo leggete l’aneddoto che segue.
Un’amica mi invita a cena, e lei, ragazzi, non è una mammona. Vive da
sola con il fidanzato, anche se, ahimé, le ultime notizie certe annunciano
una dipartita della dolce metà. Ma comunque, questa mia amica, di cui non
intendo assolutamente fare il nome, non può essere inserita nella casella del
più ampio casellario che fa godere gli psicologi: i giovani e i loro disturbi
da mammoni. Anzi, è piuttosto indipendente, si è sempre data da fare e ha
abbandonato relativamente presto i genitori: verso i ventisei anni. La media
italiana è trentacinque. Ma nonostante l’abbandono del tetto familiare, la
mamma ha sempre pensato a lei e ha sempre cercato di dare il meglio alla
figliola prodiga, che comunque non ha mai avuto intenzione di tornare in
famiglia.
E insomma,per tornare all’aneddoto, finiamo la cena e la mia amica tira fuori
un pacchettino di erba. Tira su la canna. Ce la fumiamo. E devo ammettere,
è piuttosto buona. Così buona da spingermi a chiederle di darmene un po’ o
quantomeno di mettermi in contatto con il pusher. E qui è arrivata la sorpresa:
- Andre, la coltiva mia madre. Ha iniziato così per scherzo. Per farmi un
piacere. Alla fine si è appassionata e si è messa a coltivarla seriamente. Sai,
mi ha detto, tanto per fumare quella robaccia che vi comprate in piazza
meglio la mia erbetta che so con cosa la tiro su.
Ecco, adesso, sfido chiunque a dire che non è normale che i giovani italiani
siano dei maledetti mammoni. Tiratemi fuori una mamma americana che
coltiva l’erbetta per il bene dei figli.
growing for
dummies
Soft Secrets
33
Coltivazione per principianti Parte 4
Come costruirsi il proprio spazio da coltivazione
Di Bart B.
Una volta che si sono acquisiti i materiali
e le conoscenze necessarie, siamo
pronti per iniziare a sistemare il locale
da coltivazione nel modo più ottimale
possibile per mantenere un clima
favorevole. Uno spazio da coltivazione
può essere di forme e dimensioni diverse,
però alcuni punti essenziali devono
essere rispettati, a prescindere dal
formato finale dello spazio.
Luce
Per cominciare, dobbiamo fare in modo
che la zona sia completamente isolata
dalla luce naturale. Per riuscire a fiorire al
culmine, la pianta di cannabis ha bisogno
di 12 di notte ininterrotta e di 12 ore di
luce. Interrompere il periodo notturno
di 12 ore fa diminuire le rese o causa
addirittura la rovina completa del raccolto.
Ecco perché dovresti metterti nello spazio
da coltivazione per controllare che non
trapeli luce all’interno. Se ce ne fosse,
puoi prendere del nastro speciale a prova
di luce per tappare buchi e crepe. Uno
spazio da coltivazione che non sia a
prova di luce può rovinare facilmente il
raccolto, perché confonde le piante. Una
delle cose più prevedibili è che si creino
fiori maschio sulle piante femmina per
via dello stress che hanno subito. In poco
tempo anche pochi fiori maschio possono
essere sufficienti a fecondare tutte le
piante femmina, con il risultato che i
davvero, perché solitamente le lucine
spia che restano accese emettono molta
luce, che può disturbare il sonno notturno
delle piante. Appiccica un pezzo di nastro
adesivo che isoli dalla luce sopra tutte
queste lampadine e lucine.
Ermetico
Quando le nostre piante sono a buon
punto nella fioritura e producono dei
boccioli meravigliosi, incomincia anche
a svilupparsi il loro odore. Le piante
incominciano a diffondere un odore
fragrante e in un certo senso potente,
per cui è importante che lo spazio da
coltivazione sia realizzato in modo da
essere anche completamente ermetico.
Lo spazio da coltivazione deve avere
il minimo possibile di crepe o buchi
dai quali può fuoriuscire l’odore di
ganja, e di preferenza nessuno affatto.
Quando le piante cominciano a puzzare,
probabilmente le visiti già così spesso
da essertici abituato abbastanza. In
questo modo rischi di convincerti che
le tue piante non facciano quasi odore,
quando in realtà i vicini o i coinquilini
soffrono per il tanfo. Un ulteriore
fattore importante riguarda i vantaggi,
in termini di sicurezza, offerti da uno
spazio chiuso ermeticamente, visto che
ne si può controllare il clima. Creare un
clima favorevole è di enorme importanza
se vuoi trarre il meglio dalle tue piante.
Quindi, quando stai allestendo lo spazio,
controlla che non possano né fuoriuscire
svilupparsi fino a diventare dei veri
giganti, crescendo e fiorendo a velocità
inaudite. Siccome il clima deve essere
costante e uniforme in tutto lo spazio da
coltivazione, ci serve un ventilatore (o
più di uno) per far circolare bene l’aria.
Le piante diventeranno anche più fitte
e si rafforzerà il gambo; renderanno di
più rispetto alle piante cresciute senza
ventilatore. Se hai un buon budget a
disposizione, un investimento utile
sarebbe comprare un termostato, un
igrometro o un termo-igrometro. Puoi
collegare il termostato alla ventola
dell’estrattore, in modo da poter impostare
la temperatura massima desiderata
– diciamo 28 gradi – per l’ambiente.
Se la temperatura supera questa soglia,
l’estrattore si accende per riportarla a
28 gradi. Anche l’igrometro può essere
collegato all’estrattore, per assicurare
una percentuale costante di umidità. Se
l’ambiente diventa troppo umido, l’aria
viene aspirata all’esterno, finché non
è stato raggiunto il livello giusto. Puoi
regolare con un interruttore oscuratore la
velocità di funzionamento della ventola, in
modo da poterla far girare costantemente
a bassa velocità per far entrare sempre
dell’aria pulita nel locale.
Per regolare l’umidità atmosferica, ci
servirà un umidificatore per ambienti. Non
costano troppo ed è un investimento molto
utile. Il bello è che spesso sono venduti
con un igrometro incorporato, quindi devi
solamente impostare l’umidità necessaria,
molte apparecchiature costose e se sei
agli inizi è meglio che ti mantieni su un
budget basso per l’allestimento. A questo
punto puoi spendere una cifra ragionevole
per isolare adeguatamente l’ambiente da
coltivazione: a ognuno il suo.
Inoltre da una parte del locale, in fondo,
devono esserci dei fori per far entrare
l’aria. Tali fori servono a far entrare nuova
aria contenente molta anidride carbonica
(CO2). Sull’altro lato del locale, proprio
in alto, mettiamo una pompa di estrazione.
Che serve a succhiare verso l’alto e a
espellere l’aria calda. L’aria calda sale,
per questo mettiamo la pompa nel punto
più alto del locale, o il più alto possibile
almeno. Dotando la pompa di estrazione
di un filtro al carbone per rimuovere
al contempo eventuali odori forti. Un
filtro al carbone e una pompa da vuoto
vanno di pari passo e sono assolutamente
essenziali quando si allestisce un giardino
come il nostro. Un filtro sarà sufficiente
per cinque raccolti circa, o un anno.
La pompa deve avere una capacità
adeguata alle dimensioni dello spazio
da coltivazione, quindi per prima cosa
bisogna calcolare il volume del locale
in questione. Ripassando i tempi della
scuola, il volume si ottiene moltiplicando
lunghezza x larghezza x altezza del locale.
Prendi sempre una pompa dalla capacità
leggermente superiore al volume reale
del locale. Durante i caldi mesi estivi
può contribuire moltissimo a mantenere
una temperatura accettabile nel locale
È importante fare delle pareti bianco riflettente e predisporre una vasca di raccolta per
immagazzinare l’acqua in eccesso. Realizziamo una struttura di legno posta a circa 15-20
cm dalla terra.
Dopo aver fissato alle pareti la plastica bianco-nera, attacchiamo lo stesso telo bianco-nero
alla nostra costruzione. Così facendo abbiamo realizzato una semplice vasca di raccolta.
Attenzione agli oggetti appuntiti che potrebbero bucarla.
boccioli si riempiono di semi. Un bravo
grower controlla sempre le sue piante in
modo da riuscire a eliminare per tempo
ogni fiore maschio. Ci vuole qualche
settimana, prima che il fiore maschio
possa spargere del polline attivo. Succede
spesso anche che le piante fatichino a
entrare in fioritura quando si lasciano
trapelare dei fasci di luce, di conseguenza
producono un raccolto assai smunto.
Fai attenzione soprattutto che eventuali
elettrodomestici rimasti nel locale da
coltivazione siano destinati a restare lì
poi ci pensa l’umidificatore a mantenerla.
L’effetto è miracoloso, specialmente
durante la fase di crescita. La pianta
può crescere a un ritmo doppio se è in
un ambiene umido, riducendo il tempo
necessario alla crescita. C’è una differenza
incredibile fra riscaldare un locale da
coltivazione grande o una stanzetta
piccola. In un ambiente di piccole
dimensioni è facile aumentare l’umidità
atmosferica durante le prime settimane,
ma provateci un po’ con un locale grande.
In realtà è facile altrettanto, però servono
odori molesti, né che possano entrare
correnti di aria. Un buono spazio da
coltivazione in effetti è una specie di cella
da quarantena in cui non entra o non esce
nulla se non lo decidi tu
Clima
Quando abbiamo sistemato con decisione
tutti gli aspetti descritti poco fa, siamo
arrivati all’obiettivo finale di allestire
lo spazio da coltivazione, creando un
clima ideale nel quale le piante possono
da coltivazione. Di conseguenza, opta
per una capacità superiore: per esempio,
per uno spazio da 500 m3 potremmo
scegliere un ventilatore adatto per locali
fra i 750 e i 1000 m3. Il grosso vantaggio
è che durante i mesi invernali, più freddi,
possiamo farlo andare piano, consumando
poca energia, mentre durante i mesi caldi
in estate possiamo togliere la valvola a
farfalla e mantenere comodamente la
temperatura al disotto dei 30 gradi °C.
Un ventilatore grande che gira a mezza
velocità è molto più silenzioso di un
Soft Secrets
34
Vasca di raccolta
È importante avere dei fori per far entrare
l’aria fresca. Preferibilmente in basso.
L’aria fresca circola quindi su tutte le piante
all’interno. Dal periodo di crescita fino alla
fioritura e oltre.
Dopo che tutti i muri sono stati attaccati fra
di loro, decido di creare anche una vasca
di raccolta per tenere tutto il resto pulito e
ordinato e poter quindi ridurre il rischio di
malattie.
Per trarre il massimo da ogni metro quadrato,
ci costruiamo intorno uno schermo riflettente.
In tal modo possiamo controllare il clima più
facilmente e creare una recinzione che isola
completamente dalla luce.
ventilatore piccolo che gira a tutta potenza.
Se poi volessi ampliare le dimensioni
del locale da coltivazione in futuro, non
avresti bisogno di comprare un ventilatore
nuovo. È impossibile acquistare un
ventilatore troppo grande, al massimo è
troppo piccolo. Ha poco senso far andare
un ventilatore alla velocità massima
mentre potresti rifornire di aria fresca il
locale ugualmente facendolo andare a
una velocità intermedia. Praticando i fori
di entrata per l’aria sulla parte inferiore
del locale e lo sfiato sulla parte superiore,
creiamo un flusso di aria che porterà
l’aria nuova e arricchita dal basso fino
all’estremità superiore del locale, soffiando
sopra le piante. Per le piante è ottimo,
dato che possono godersi al massimo
l’aria fresca prima che sia esaurito il suo
contenuto di CO2, che venga aspirata via
ed espulsa dall’ambiente.
Ci accingiamo a costruire uno schermo
intorno allo spazio da coltivazione.
Poniamo che tu stia usando un unico
metro di una stanza grande, allora è
comodo isolare lo spazio da coltivazione
dal resto della stanza, che può essere
usata in altri modi. Se non volete farlo,
tutta la stanza puzzerà quando le piante
iniziano a fiorire. Il grosso vantaggio di
costruire uno schermo è che la luce della
tua lampada viene usata appieno. La luce
è peso, ossia, la quantità di luce che una
pianta riceve determina in buona parte
la resa finale. Costruendo uno schermo
intorno al metro quadro e coprendolo poi
con plastica bianca riflettente, si tiene la
luce sulle piante e all’interno del locale
da coltivazione. Altrimenti la luce si
spargerebbe per la stanza e ne perdereste
una buona parte. Controllare che intorno
alle piante le piante abbiano del bianco
riflettente è il modo più economico per
aumentare la resa. Anche se non costa
meno e non diventa più facile. Il Mylar è
attualmente il prodotto migliore sul mercato
per riflettere la luce sulle piante. Costa
un pochino di più della plastica bianconera ma riflette circa il 99% della luce
emessa dalla lampada, facendola tornare
sulle piante. Il Mylar deve essere appeso
in modo che rimanga teso al massimo
per funzionare al meglio. Nell’allestire lo
spazio da coltivazione è importante fare in
modo che abbia dei muri riflettenti, sia che
si tratti di muri bianchi sia che ci vengano
appesi dei teli di plastica.
le avvitiamo in modo che restino attaccate.
Quando la nostra cornice di legno sarà
saldamente unita, possiamo stendervi sopra
la plastica bianco-nera stendendola in
modo che rimanga ben tesa. Per farlo basta
fissare la plastica usando una graffettatrice.
La plastica in eccesso può essere tagliata
via dopo che abbiamo attaccato il telo.
Per tenere alla larga i parassiti usiamo
una calza di Nylon o delle calze speciali,
poste sui fori di entrata dell’aria in modo
che non possa volare o intrufolarsi dentro
nulla, per evitare un’infestazione in
seguito. Di certo non dovete nemmeno
dimenticare che non può entrare luce nel
locale attraverso i fori. I tubi a “L” in PVC
funzionano bene per far entrare aria ma
non luce.
Ci sono migliaia di modi per assicurare
che il locale abbia un approvvigionamento
di aria adeguato; sono tutti validi, ma
bisogna tenere presenti due regole chiave:
far entrare l’aria preferibilmente dal basso,
e mantenere il locale a prova di luce.
In una situazione in cui non è possibile
fare un buco per la pompa in un punto
qualsiasi, la soluzione migliore è comprare
una porta economica e praticarvi un foro
per l’estrazione dell’aria. Questo è un
metodo che i grower professionisti usano
spesso.
Metro quadrato
Bando alle ciance; il lavoro vero e proprio
sta per iniziare: costruire il locale da
coltivazione. Non servono molte cose:
basta soltanto un singolo metro quadrato, e
quello ce l’hanno tutti da qualche parte, o
in solaio, in cantina o in una stanza libera.
Ecco quello che serve: una graffettatrice
per legno, una sega, della plastica bianca e
nera, un trapano, viti, forbici, qualche asse
di legno.. e un metro quadrato.
Costruire uno schermo richiede una
mezz’oretta di lavoro, se si ha il necessario
(elencato poco prima) a portata di mano.
Taglio otto pezzi di legno lunghi circa.
1.2 m e sei pezzi da circa 1.70 m. Arrivo
a questa lunghezza (1.70 m) per il fatto
che il soffitto della mia cantina è alto
così. La lunghezza ideale dovrebbe essere
leggermente inferiore all’altezza della
stanza o dell’ambiente in cui sarà situato lo
spazio da coltivazione. Se la stanza è alta 2
metri bisogna tagliare 8 pezzi lunghi circa
1.97cm. In altri termini, sottrai qualche
centimetro all’altezza reale della stanza.
Il primo passo è abbastanza semplice:
fabbrichiamo una cornice di legno
attaccando due pezzi larghi 1.2 m a due
pezzi alti (nel mio caso) 1.70 m. Lo si può
fare molto rapidamente con un trapano
elettrico, appoggiamo un pezzo le due parti
da attaccare insieme, pratichiamo un foro e
Quindi ora abbiamo il nostro primo
schermo riflettente. A questo dobbiamo
attaccare un altro schermo, con lo stesso
procedimento con cui abbiamo attaccato i
due precedenti, però usando un pezzo dei
puntoni di legno da 1.70 m. Usiamo l’asse
da 1.70 m sullo schermo che abbiamo
appena fatto e ci attacchiamo due pezzi
da 1.20 m e uno da 1.70 m. Stendici sopra
e graffetta la plastica più volte, tagliando
via l’eccesso. Adesso abbiamo due pezzi
di schermo attaccati fra di loro. In questo
modo evitiamo di fare due schermi
distinti e staccati. Sull’altro lato facciamo
la stessa cosa e facciamo anche lì uno
schermo, attaccandolo al puntone già
esistente del primo schermo. Il risultato
è che adesso abbiamo tre schermi con
superfici riflettenti, attaccati saldamente
l’uno all’altro. Ora bisogna mettere questa
struttura nel metro quadrato scelto per
diventare il tuo spazio da coltivazione.
Come abbiamo già notato, gli schermi sono
un po’ più grandi dello spazio “grow”.
Almeno abbiamo abbastanza spazio
per metterci il ventilatore e simili. Per
completare, facciamo ancora una volta un
unico schermo indipendente con due dei
pezzi di legno da 1.20 m e due delle assi da
1.70 m. Lo schermo individuale, staccato
dagli altri è la porta di ingresso dello
spazio grow. Lo appoggiamo contro il lato
aperto della scatola fatta con le tre pareti
riflettenti e la nostra zona da coltivazione
è completamente sigillata. Adesso non ti
resta che spostare la porta schermo per
ispezionare le piante e occuparti di loro.
Ora la luce della lampada rimane da
questa parte della zona grow e in seguito
noterai la differenza, al momento di
raccogliere le piante. Anche l’odore delle
piante rimane all’interno è può essere
espulso facilmente tramite un estrattore
con filtro, in modo che il resto dello
spazio nel locale possa essere adibito ad
altri usi. I grower più creativi ovviamente
possono far diventare lo spazio grow un
vero e proprio gioiello per se stessi.
Uno spazio da coltivazione dovrebbe
poter essere tenuto pulito facilmente, per
questo decido di costruire una specie di
“vasca di raccolta” all’interno del quale
collocare i vasi con le piante. A tale scopo
costruiamo una struttura a cornice larga
1.10 m, di lunghezza a scelta, alta 15 cm.
La si stende insieme alla plastica riflettente
(assicurandovi che non ci siano buchi, né
ora né poi). Una vasca del genere consente
di pulire e mantenere pulito molto più
facilmente, quindi le malattie fanno più
fatica a prendere piede. Tutti i rifiuti, quali
la terra, le foglie morte e l’acqua caduta
finiscono dritte in questa vasca. Una volta
fatto il raccolto è molto semplice spazzare
via tutto quanto insieme ed eliminarlo
cosicché rapidamente sia tutto ancora
lustro e pulito per la coltura successiva. Se
non hai usato una vasca da raccolta, come
fanno tanti grower, in meno che non si dica
lo spazio grow si trasformerà in un vano
sporco su ogni centimetro quadrato.
Inoltre, una vasca di raccolta come questa
si rivela molto valida anche se dovete
sciacquare la coltura. “Sciacquare”
significa eliminare dal substrato (in questo
caso dal vaso della pianta) i nutrienti o i
fertilizzanti in eccesso. Se si dà alle piante
troppa acqua pura, i residui di nutrienti
vengono lavati via, così come tutti i sali
che si accumulano a causa di fertilizzazioni
eccessive (i sali sono contenuti nel
fertilizzante). Alcuni grower decidono
semplicemente di fare un “risciacquo” ogni
volta ogni due settimane per mantenere
un substrato più sano possibile. Se hai una
vasca di raccolta puoi sciacquare le piante
senza problemi e senza lasciare casino e
bagnato nel locale da coltivazione. Un altro
vantaggio è che quando coltivi nella terra
puoi lasciare che tutta la vasca si riempia
di acqua e nutrimenti, lasciando che
siano le piante ad assorbire il necessario.
L’effetto è uguale rispetto a una pianta in
vaso poggiata su un vassoio. In pratica hai
fabbricato un vassoio enorme. Il vantaggio
è che diventa molto più difficile dare troppi
fertilizzanti alle piante, visto che sono loro
stesse a stabilire quanto ne assorbono.
Se devi assentarti per 3 o 4 giorni, puoi
semplicemente lasciare piena la vasca di
raccolta e le piante avranno sufficiente
acqua e nutrienti per quei giorno. La
vasca serve quindi anche da sistema di
irrigazione automatica. In seguito potresti
passare a un sistema da idroponica a bassa
marea ed alta marea.
Dunque, per ricapitolare: lo scopo
è quello di realizzare uno spazio da
coltivazione impermeabile alla luce e
chiuso ermeticamente, in cui da un lato
del locale entra dal basso l’aria fresca,
ricca di CO2, circola verso l’alto ed esce
dal lato opposto. Una pompa di estrazione
sufficientemente grande assicura il
ricambio di aria e i ventilatori mescolano
l’aria fresca che entra con quella scaldata
dalle lampade, in modo che ci sia ovunque
nello spazio la stessa temperatura. Basta
aggiunge delle pareti riflettenti per
massimizzare l’effetto della lue e una
vasca di raccolta per tenere tutto in ordine
e siete a posto. Lo spazio da coltivazione
adesso è pronto ad accogliere le piante!
Nella prossima rata, parleremo di come
rendere operativo il nostro spazio grow.
Questa serie è
realizzata in
collaborazione con
Plagron; visitali sul
sito www.plagron.nl
Soft Secrets
35
36
Soft Secrets
Fili d’erba
MARIA
prima parte
Di Giorgio Medello
Erano giorni spensierati quelli tra la fine
del liceo e l’università; si può dire che il
sole ci battesse sempre in faccia.
L’adolescenza era alle spalle e il futuro
prossimo ne prometteva un indefinito
prolungamento.
Il paradiso in terra era una ragazza nuda,
con del fumo e un paio di birre gelate in
mano.
Logico che non potessimo rimanere
insensibili a Maria, sorella minore del
fraterno amico Luca, allorché scoprimmo
che un po’ di ganja buona risvegliava in
lei i suoi istinti più insospettabili.
Ce lo aveva rivelato un suo compagno
di classe, tale Carlo, completamente
partito nell’occasione, raccontando di un
avvenimento successo durante la recente
gita scolastica a Praga.
Si diceva che la giovane Maria, iniziata
da un amichetto alla marijuana, avesse
avuto un malore, perdendo i sensi.
Quando ormai era stato deciso di
confessare tutto all’accompagnatore
e chiamare un infermiere, eccola
lì, di nuovo desta e ridacchiante,
in piedi sul letto, a dar vita ad uno
spogliarello memorabile con piglio da
consumata bayadera, per poi concedersi
voluttuosamente ai fortunati astanti in
un sano e classicheggiante baccanale
pagano.
Sembrava anche che durante la notte,
per così dire, la Maria non si fosse fatta
mancare nulla e i rumori avessero turbato
il sonno della sua professoressa di
ginnastica, vicina di stanza, tristemente
impreparata sull’argomento nonostante i
quarant’anni suonati.
Da quel giorno cercare di offrirle da
fumare era diventato il gioco dell’estate.
Con ottimi risultati.
Ce n’era abbastanza per dimenticarci di
Luca. Luca?
Maria era riccia e bionda, un corpicino
beato costretto nei piccoli e costosi
vestiti attillati che la moda del tempo
imponeva alle ragazze.
Una radiosa lolita sedicenne da
ginnasio con gli occhi blu e il
piercing all’ombelico, un bocciolo
appena schiuso, carne rosea e denti
bianchissimi.
Negli anni avevamo potuto apprezzarne
lo sviluppo da lontano, nelle occasioni
in cui eravamo a casa di Luca.
Con il passare del tempo, era stato un
compito sempre più arduo mantenere
il distacco affettuoso che ci imponeva
l’amicizia, dopo il racconto di Carlo fu
praticamente impossibile.
“Non è un problema” risposi accendendomi
la terza sigaretta della giornata, “vuol dire
che andrò spesso in piscina.”
Si fermò improvvisamente e spostò una
lamiera, mostrando una breccia che
conduceva all’interno.
Portava ancora il pigiamino: una
piccola canottiera rosa di cotone con
dei coniglietti bianchi e un paio di
pantaloncini da palestra. Potevo sentirle
ancora addosso il profumo della notte,
l’odore greve della pelle al naturale.
Non era una fabbrica, era una vecchia
cascina. Enorme.
“Potresti portarci anche Maria, noi
partiamo solo la prossima settimana.”
Mi sembrò bellissimo.
La frase della madre cadde al momento
giusto, in preda ad oceanica salivazione
cercavo di capire cosa ne pensasse
l’angioletto.
Maria, gattina sorniona, mi ripagò con
uno sguardo fugace e un sorriso furbetto.
Ero in cerca, come gli altri, di
un’occasione buona per avvicinarla e
quella, magicamente, mi si presentò
subito inaspettata.
Nel ritorno a casa a piedi, in un mattino
d’estate, fumando un cannone, il mio ego
già grande sfiorava incurante il pensiero
di Dio.
Agosto era alle porte e in programma
avevamo una bella vacanza di tre
settimane in giro per la Spagna:
Barcellona, Malaga, Madrid e, dopo una
divagazione portoghese, i paesi baschi.
Trovar marijuana ad agosto non era certo
una passeggiata.
Purtroppo, proprio la vigilia della
partenza, una telefonata informò
mia madre che un suo caro cugino,
emigrato in Messico da anni, aveva
improvvisamente perso un figlio,
tragicamente annegato nella piscina di
casa all’età di tre anni.
Questo avvenimento scombussolò i piani
estivi di tutta la famiglia: i miei genitori
si imbarcarono sul primo volo per Città
del Messico e io dovetti rinunciare alla
mia vacanza per restare a casa e badare
ai numerosi animali domestici.
Non pensai subito all’opportunità che
mi si offriva, me ne resi conto solo
all’indomani, quando, di buon mattino,
andai a casa di Luca a salutare i partenti.
Mentre gli amici finivano di caricare
la macchina, io mi trovai in cucina, di
fronte ad una tazza di caffè fumante, a far
colazione in compagnia della bella Maria e
di sua madre.
“Mi spiace che tu non possa andare”
disse con un sorriso timido e uno
sguardo ancora assonnato.
Chiamai tutti gli spacciatori che
conoscevo, mi immolai sfidando i
pitt-bull dei truci punkabbestia delle
‘vasche’, macinai chilometri da una città
all’altra nel desolante deserto lombardo.
C’era ovunque del gran fumo, ma di
ganja neanche l’ombra.
Un marocchino a Lambrate giurò che
un suo amico, detto “il giamaicano”,
ne aveva a praterie e, dopo aver tentato
inutilmente di farsi dare i soldi prima, mi
convinse a seguirlo sui navigli.
Erano circa le otto, il sole cominciava
a calare sull’acqua putrida del canale
mentre camminavo di passo svelto dietro
al mio compagno.
I miasmi mi davano il vomito. Fumavo
una sigaretta dietro l’altra.
Lo attraversammo tutto, sfilando i locali
ancora gremiti per i pigri aperitivi dei
milanesi superstiti. Ad affare fatto ne
avrei approfittato anch’io.
Alla stazione di porta Genova
svoltammo, costeggiando per un po’ un
lungo e cadente muro di cinta di qualcosa
che poteva essere una fabbrica dismessa.
Riviveva dopo decenni di abbandono
grazie a famiglie intere di immigrati che
ne avevano fatto la loro dimora.
C’erano viti, orti, donne che cucinavano
e bambini che giocavano.
Cercai di essere il meno appariscente
possibile.
Prendemmo un sentiero verso alcune
piante di fico sotto le quali c’era un
capanno, contiguo ad una grande voliera
un po’ in disarmo.
Mi disse di aspettare ed entrò nel tugurio.
C’erano piccioni appollaiati un po’
ovunque, sul tetto della casa e sui rami
degli alberi. In terra, piume e cacate.
Il mio accompagnatore uscì quasi subito
invitandomi a seguirlo nella baracca.
Il “giamaicano” era un tunisino sulla
quarantina, piccolo, magro e muscoloso,
tre sparute dredd in testa. Aveva lo sguardo
infido del cowboy, la vita di strada incisa
in una cicatrice sulla fronte. Stravaccato su
un letto nell’unica stanza, dipinta di blu.
Era uno che dormiva con un occhio solo,
come Zeb.
Un televisore anni ottanta trasmetteva
Mike in malo modo, la rudimentale
antenna era fatta di forchette; al centro
della stanza un tavolino basso e dei
cuscini, sul tavolo un piatto di fioroni
maturi.
Tutto in quella casa era ricoperto da
escrementi di piccione, un lavoro di anni,
nel tempo.
Mi invitò a sedere e io accettai.
Sperai non mi offrisse la frutta.
Me la offrì.
Mentre combinavo l’affare, mangiai il
mio fico alla merda pensando a Maria.
38
così
o
n
a
r
a
p
e
r
p
Lo
Soft Secrets
Angel: spazio limitato e produzione abbondante
Le kush, figlie audaci e dure dell’Afghanistan.
Angel vive in un appartamentino di una città industriale, non ha molto spazio per coltivare, tuttavia consuma una
buona quantità di marijuana con la moglie. Per questo si è dovuto arrabattare per ottenere una produzione cospicua in
uno spazio limitato. Questo articolo si sofferma sui mesi in cui Angel ha fatto germogliare della Master Kush di High
Quality Seeds per selezionare una madre e sulla comparazione che ha realizzato poi di questa varietà genetica con la
Hindu Kush originale, commercializzata da Sensi Seeds.
Monsignor José María.
Fertilizzazione.
Ha iniziato con un armadio di legno
costruito da sé e in poco tempo non gli è
bastato, perciò, con l’aiuto di un amico
stuccatore, ha costruito una struttura su
misura per sfruttare lo spazio libero in
una stanza. Ha utilizzato blocchi di gesso,
di cui Angel dice: “È molto facile creare
tramezzi e divisori con questi blocchi.
Sono riuscito a ottenere una struttura solida
e che mantiene benissimo il microclima.
Non si verificano cambiamenti stagionali
improvvisi, come ho notato in casa di un
amico che utilizza un armadio di plastica”.
Ha diviso lo spazio in due parti con una
pedana in legno e ha messo una porta in
ogni settore. Nella parte inferiore si trova
la zona della crescita, illuminata con tubi
al neon, mentre nella parte superiore vi è la
zona di fioritura.
Sia nel raccolto da semi per la selezione
della madre, sia nella comparazione
seguente realizzata con talee, è stato
utilizzato terriccio di BioBizz e fertilizzanti
di BioGreen.
Talee di Hindu Kush e Master Kush appena spostate nella stanza di fioritura.
Stanza di fioritura.
Per uno spazio di 2 metri quadri e 1,80
di altezza, utilizza due faretti da 400
watt per ottenere la massima produzione
possibile. Date le dimensioni ridotte, ha
bisogno di un buon sistema di ventilazione
per evitare che le luminarie provochino
un calo dell’umidità e un aumento della
temperatura. Ha unito una Son T Pia e una
Son T Agro. Ha provato a lavorare con una
lampadina da 600 w e una da 400 w, ma
questo ha portato l’armadio e le piante al
limite, visto che la temperatura aumentava
spaventosamente e di conseguenza
gli imprevisti. Ha deciso dunque di
abbandonare il faretto da 600 w e di
adottare l’attuale soluzione. Un aspiratore
tubolare da 700 litri l’ora, situato sul
soffitto, prende l’aria. Questo è collegato a
un climatizzatore che lo regola a seconda
delle condizioni ambientali. Nella parte
inferiore un sistema immette aria dal
lato opposto all’aspiratore e il ventilatore
oscillante impedisce che si creino sacche
d’aria senza ricambio. Entrambi sono
programmati mediante un timer che li
attiva dieci minuti ogni ora in condizioni
normali e nel caso vi sia un aumento di
temperatura o eccessiva umidità, introduce
modifiche al ciclo. Normalmente la
temperatura oscilla attorno ai 27ºC. Nel
mese di agosto spegne una lampadina
affinché non aumenti il calore all’interno
dell’armadio. La stanza di fioritura
contiene 30 vasi quadrati da cinque litri.
Raggruppa su alcuni vassoi i contenitori,
il che agevola gli spostamenti per le
operazioni di irrigazione od osservazione.
“Raggruppa su alcuni vassoi i contenitori, il
che agevola gli spostamenti per le operazioni di
irrigazione od osservazione”
In poco tempo hanno cominciato a formare i gruppi di fiori.
Selezione della Master Kush.
La Master Kush è germogliata in un
contenitore di plastica rivestito con
salviettine umidificate. Quando sono
spuntate le radici, ha spostato la Master
Kush in vasetti con substrato e l’ha
posizionata sotto alcuni tubi al neon nella
zona di crescita.
La germinazione è riuscita perfettamente.
Fra le piante femmina ha selezionato le
tre più belle e le ha fatte fiorire. Dapprima
ha preso una talea da ciascuna di esse
e l’ha conservata con il corrispondente
etichettato. In questo modo ha raccolto
e deciso quale fosse la pianta più
interessante, conservando una replica
di quella da cui partire per ottenere una
madre.
Due faretti da 400 watt illuminavano la stanza di fioritura.
Prima di mettere le piante a fiorire, le ha
trapiantate per l’ultima volta, in vasi da
5 litri. Utilizza il substrato completo All
Mix di Biobizz, poiché ritiene che sia una
miscela di ottima qualità, con un buon
drenaggio e un apporto equilibrato di
elementi nutritivi. Previdente, in ogni vaso
ha aggiunto alcune cucchiaiate di farina di
neem e alcune di GuanoKalong in polvere.
Il GuanoKalong è composto da sterco
di pipistrello estremamente adatto alla
fioritura, arricchito con un po’ di sterco di
uccelli di mare per aumentare il contenuto
di azoto. Miscelando il guano in polvere e
il substrato, fa in modo che sia disponibile
da metà fioritura, proprio quando le piante
lo necessitano. “Il guano si scioglie poco
a poco, per questo è meglio aggiungerlo
all’inizio della fioritura, affinché abbia
tempo per agire ed essere eliminato dal
substrato” spiega Angel. Preferisce adottare
cicli di secco / umido nella coltivazione,
irrigando così in profondità e attendere due
o tre giorni prima d’irrigare nuovamente.
I concimi BioGreen sono fertilizzanti
biominerali di ultima generazione, prodotti
in Olanda. Alla base della dieta vi sono
Bio 1 (crescita) e Bio 2 (fioritura), che
forniscono alla pianta il fabbisogno di
azoto, fosforo, potassio e microelementi,
necessario per un corretto sviluppo.
Vengono integrati da stimolatori X Rooting
e X Bloom, per accelerare e favorire
lo sviluppo di radici e fiori, visto che
apportano aminoacidi e vitamine. Il PK
13-14 Te si utilizza per apportare ulteriori
fosforo e potassio durante la quinta e sesta
settimana di fioritura, quando il fabbisogno
è più elevato. Questa formula contiene
inoltre microelementi che favoriscono
l’assorbimento del fosforo e del potassio.
La principale novità apportata dalla gamma
di fertilizzanti BioGreen è il Calgel. Tale
composto apporta alla pianta idrogeno e
calcio per irrobustire le pareti cellulari,
cosa che permette di ottenere piante sane,
grandi, forti e resistenti a funghi e malattie.
Viene utilizzato durante l’intero ciclo.
Inizia con 1ml/l Bio 1 e 0,25 ml/l di
X Rooting durante la prima settimana
di crescita e a partire dalla seconda,
sostituisce il tutto con 0,8 ml/l Bio 1,
0,25 ml/l di Calgel e 0,35 ml/l di X
Rooting. Durante la terza settimana di
crescita lo aumenta a 1,5 ml/l di Bio
1, comincia ad aggiungere 0,7 ml/l di
X Bloom che manterrà durante tutta
la fioritura e continua con 0,25 ml/l
di Calgel. Durante la quarta settimana
Soft Secrets
39
Vista dell’armadio dalla porta anteriore.
Al centro della foto una Hindu Kush, circondata da Master Kush.
Piante di Master Kush coltivate a partire da semi.
sostituisce il Bio 1 con 1,5 ml/l di Bio
2 e porta a 0,3 ml/l il Calgel. Durante la
quinta settimana di fioritura mantiene
il concime con un ulteriore apporto di
0,5 ml/l di PK 1-14 Te, che porterà a 1
ml/l la settimana seguente. Dalla settima
settimana di fioritura il concime rimane
a 2 ml/l di Bio 2, 0,4 ml/l di Calgel e
0,7 ml/l di X Bloom. L’ultima settimana
di fioritura irriga solo con acqua per
agevolare lo scioglimento dei sali.
“Il vantaggio principale che presenta
questo tipo di concime è il forte potere
di stabilizzazione del Ph. L’acqua è
abbastanza alcalina e il risultato è quasi
perfetto. Quando si usa il PK 13 – 14
bisogna abbassare un po’ il Ph, ma è
trascurabile. D’altro canto la produzione
è buona e non provoca alterazioni del
sapore, né lascia retrogusto chimico sul
palato, cosa molto importante. Un’altra
sua caratteristica è che, nonostante sia un
quindi ha fermato la fioritura e per un
mese ha somministrato un trattamento
di piretrine alle piante che voleva
salvare. Ha poi potato le piante con
decisione e tagliato le talee del tessuto
nuovo, per ottenere nuove madri.
Da quel momento ha debellato gli
insetti infestanti. Per prevenire il tutto
mette farina di neem nel substrato e
nebulizzazioni con Buzz Off all’inizio
della crescita.
concime concentrato, si diluisce molto
bene” spiega Angel a proposito della
gamma di concimi BioGreen.
Insetti
L’ultima volta in cui abbiamo avuto
insetti infestanti, è stato in occasione
di un assalto di ragni rossi e trip che
ha provocato non pochi problemi. Non
voleva eliminare la varietà genetica,
Hindu Kush contro Master Kush.
Per avere un riscontro con il progenitore, Angel ha coltivato la prima generazione di talee di Master Kush con alcune
talee di Hindu Kush, ottenute da una madre selezionata a partire dalla varietà genetica offerta da Sensi Seeds.
Fiore di Master Kush.
Le sue ghiandole di resina sono grosse e
numerose, per cui è estremamente adatta
per la produzione di hashish, obiettivo
dei coltivatori afgani. Tende a formare
un germoglio centrale grande e fitto,
con molta resina e poche ramificazioni
secondarie. Questo rende tale pianta
ideale per la coltivazione domestica di
tipo SOG (metodo ‘Screen of Green’),
in cui si introduce il maggior numero
possibile di talee per ottenere il maggior
numero possibile di code sotto il faretto.
La Hindu Kush è giunta in Olanda dagli
Stati Uniti, dove era stata coltivata a
partire dalle varietà pure che crescono
sulla cordigliera dell’Hindu Kush, in
Afghanistan. A metà degli anni 70,
quando le varietà genetiche di Afghanistan
e Pakistan compaiono negli Stati Uniti, la
maggior parte di quelle che vi coltivavano
erano di discendenza sativa: colombiane,
messicane e tailandesi. Nel 1980 Sacred
Seeds mette in vendita l’Afghani n.1
e la Hindu Kush, lanciando così una
rivoluzione nella coltivazione domestica
di marijuana, poiché si potevano creare
ibridi che maturavano precocemente,
di dimensioni maneggevoli, resistenti
al freddo e con produzioni abbondanti,
caratteristiche che diffusero la coltura
della cannabis in zone dove prima non
era possibile. Alcuni esempi di tali incroci
californiani di varietà sative con le afgane
sono dei classici, come la Skunk n.1 o la
Northern Lights.
Gli steli sono solidi, vi sono poche
ramificazioni secondarie e le foglie sono
grandi e abbondanti, di conseguenza è
difficile curarle manualmente, sebbene
siano coperte da una resina collosa,
cosa che permette di riciclarle quando si
produce hashish. Matura rapidamente e
con un buon ritmo. È una varietà forte e
resiste agli insetti infestanti.
La Hindu Kush ha un odore molto forte,
acre e caratteristico, il cui effetto è fisico
e lenitivo. Se bruciata produce fumo
denso che riempie e soddisfa, tuttavia può
indurre tosse nei fumatori meno navigati.
La Master Kush è un incrocio classico, la
varietà genetica predominante nel cocktail
è la Hindu Kush, sebbene vi sia presenza
di Skunk n.1. A sua volta la Skunk n.1 è
uno degli incroci creati alla fine degli anni
70 in California, con sative pure e varietà
genetiche afgane. Per questo la Master
Kush produce piante con impronta sativa,
il che permette un maggior allungamento
rispetto alla Hindu Kush. Anche nel
formare i gruppi di fiori hanno mostrato
una leggera derivazione sativa, in quanto
i germogli erano grandi, sebbene con
ridotta capacità di compattarsi come in
una varietà indica pura. È una pianta
dall’odore dolce e facile da fumare,
non aggredisce i polmoni, né il palato.
L’effetto fisico è quello della indica ma
con il tocco skunk che lo modera ed evita
“l’afflosciamento”. Ha un buon rapporto
foglie/fiori, il che permette una buona
cura, sebbene le foglioline che spuntano
non siano molto ricoperte di resina come
nel caso della Hindu Kush, per questo
rendono meno nell’utilizzo per produrre
hashish.
Quando i californiani hanno creato la
Afghani n.1 e la Hindu Kush, con le
varietà genetiche giunte dalle montagne
afgane, per anni i fattori locali hanno
svolto un lavoro di selezione. Per questo
motivo la Hindu Kush è una varietà
omogenea, produce semi regolari, duri,
di dimensioni importanti e di eccellente
qualità. Essendo una varietà estremamente
stabilizzata, è ideale per un utilizzo
domestico, offrendo buoni risultati
nell’incrocio con sative pure o ibridi di
predominanza sativa, per esempio.
Fiore di Hindu Kush.
anPiù tempo una pi
rte
ta fiorisce, e più fo
in
di ve nt a la ga nj a,
ogenerale. L’erba pr
a
tà
veniente da varie
di
fioritura lunga (più
no n
no ve se tt im an e)
tt o
so lo ha un as pe
em ig lio re e pi ù pi
che
no, ma spesso an
nle cime da fiore co
tengono più THC!
.
Coltivando la Hindu Kush e la Master
Kush insieme si possono apprezzare
gli effetti benefici della skunk nella
predominanza indica della Master Kush,
dato che apporta minor densità ai germogli,
maggior portata e distanza fra essi, un
effetto equilibrato e un sapore più delicato,
con un leggero retrogusto di agrume. La
Hindu Kush ha una portata inferiore e più
compatta, con un germoglio centrale denso,
foglie abbondanti, larghe, ricche di resina
e dal colore verde scuro. Le foglie della
Master Kush invece, seppur mantenendo il
modello indio, sono meno rigogliose, più
larghe e di colore meno intenso. Per quanto
riguarda l’alimentazione, la Hindu Kush
è una pianta frugale, non necessita di un
substrato abbondante, né di un’irrigazione
o fertilizzazione copiose. La Master Kush
richiede più acqua ed elementi nutritivi,
per questo motivo è giunta alla fine della
coltivazione con lievi carenze.
A conti fatti si tratta di due varietà
economiche, con un buon rapporto qualità/
prezzo. Mentre la Hindu Kush è consigliata
a chi ricerca le caratteristiche classiche
della indica pura, la Master Kush è un
ibrido adatto a chi predilige una indica più
facile da fumare e con effetti pronunciati.
40
isti
n
o
i
z
i
b
i
o
r
p
i
ant
SALDI DI FINE LEGISLATURA
ROMA, 28 settembre 2005 - Dopo essere stato
recentemente rispolverato dal vicepremier Fini,
ecco che il fantomatico disegno di legge - che al
presidente di An deve il nome - viene riesumato
in versione “riveduta e corretta” dal ministro
Giovanardi, al quale prontamente si accoda l’exministro Gasparri.
Giunti ormai alla fase conclusiva (o meglio
faremmo a definirla “terminale”) di questa infausta
legislatura, Giovanardi e Gasparri continuano
a brandire il fantoccio rappresentato da questa
non-legge, già defunta sin dal momento del suo
concepimento, nel tentativo di affermare un loro
presunto impegno in materia di droghe.
Lo fanno al cospetto di Don Gelmini, spinti
probabilmente dalla necessità di rassicurare lui e
tutti gli altri operatori del settore che negli ultimi
anni hanno visto aumentare inesorabilmente il
numero dei loro “ospiti” e altrettanto rapidamente
diminuire la disponibilità dei fondi a loro destinati.
Così, dinnanzi al fallimento annunciato di una
Conferenza nazionale antidroga che probabilmente
non si riuscirà a tenere a Palermo (così come non
si è tenuta a Pescara), ogni espediente è buono
per distrarre l’attenzione degli addetti ai lavori e
dell’opinione pubblica nel patetico tentativo di
tirare a campare per un’altra giornata ancora. Il
tutto sulla pelle delle persone - perché di persone,
è bene ricordarlo, si tratta - che subiscono,
oltre ai danni derivanti da una condizione di
tossicodipendenza, anche il danno aggiuntivo e
la beffa di un governo che pensa di poter servirsi
delle leggi (quelle attualmente in vigore e quelle
future o futuribili) a proprio uso e consumo, che
ormai non tenta nemmeno più di applicarle o, nei
rari casi in cui lo fa, esagera e sanziona anche ciò
che non è sanzionabile.
È il governo degno di uno Stato etico, che infatti
basa tutto il suo operato sul continuo e costante
richiamo a presunti “valori” che, anche perché
da costoro inflazionati, non valgono nulla e non
interessano ormai nessuno.
Fondato sul pressapochismo, misura i reati a
spanne, valuta i contesti al chilo e condisce il
tutto con la giusta dose di buona coscienza a buon
mercato.
A questi signori, ministri o parlamentari che siano,
chiediamo una volta tanto di provare a riscoprire,
per rivalutarlo, il senso, ormai dimenticato, del
pudore.
Chiediamo loro di smetterla di propinarci “le buone
cose di pessimo gusto” con cui amano infarcire i
loro discorsi.
Auspichiamo che anche loro possano un giorno
comprendere che la “fiducia”, a cui continuamente
fanno riferimento, non è un’arma che si utilizza
per schiacciare l’avversario (o, peggio, il nemico),
ma è qualcosa che si costruisce su atti concreti
e necessita di una buona dose di coraggio e di
coerenza per potersi affermare.
Noi continueremo a pretendere questa coerenza e
questo coraggio da chi ci governa - sia pure il suo
nome Fini o Giovanardi o Gasparri - nella speranza
che talvolta sia vero il principio secondo il quale le
aspettative tendono ad auto-avverarsi.
Marco Contini
Segretario di Antiproibizionisti.it
http://www.antiproibizionisti.it/notizia.asp?n=3355
ANTIPROIBIZIONISTI.
IT: «MATURI I TEMPI
PER UN NUOVO
REFERENDUM»
Parma, 10 settembre 2005 - Intervendo a Parma
in occasione della Prima Festa Parmigiana
Antiproibizionista, nell’ambito della Festa
provinciale di Liberazione, Marco Contini,
Segretario di Antiproibizionisti.it, ha preannunciato
la volontà di proporre agli italiani un nuovo
referendum in materia di droghe.
Nel corso del dibattito moderato da Hassan Bassi
(Forum Droghe) e Simone Bertacca (psichiatra
SerT), dal titolo “PER UNA NUOVA POLITICA
SULLE DROGHE” - a cui hanno preso parte
anche Franco Corleone (Presidente Forum
Droghe), Luigi Notari (Segretario nazionale del
SIULP), Francesco Piobbichi (Responsabile droghe
PRC), Gianluca Borghi (Consigliere regionale
dei Verdi), Antonio Vicini (Senatore DS), Adolfo
Gianni (Deputato PRC) e Rocco Caccavari
(Presidente Associazione ‘Marino Savini’) Contini ha fatto il punto su questa “calda” estate
caratterizzata dall’inasprimento dell’azione
repressiva, in particolare nei confronti di piccoli
coltivatori e consumatori dei derivati della
cannabis: «Quella che ci troviamo a fronteggiare
in questo periodo è una situazione particolarmente
grave, che tuttavia viene abbondanetemente
sottovalutata. Questa estate sono stati chiusi alcuni
siti internet accusati di “istigare” alla coltivazione,
arrestati cittadini per il semplice possesso di
semi di canapa, sono state effettuate numerose
perquisizioni che, in alcuni (non pochi) casi
hanno portato al sequestro anche soltanto di libri e
manuali».
«La nostra associazione, già in occasione
dell’ultima riunione del Consiglio Generale
tenutasi a giugno, è giunta alla determinazione di
elaborare alcuni quesiti referendari che vadano
a intaccare l’impianto della Jervolino-Vassalli, a
cominciare dalla coltivazione per uso personale».
«Ci rendiamo conto che oggi la cosa possa apparire
ancor più difficile che in passato - ha aggiunto il
Segretario di Antiproibizionisti.it - ma non vedo
altro modo per raggiungere questi obiettivi che,
oggi più che mai, appaiono urgenti. La nostra
associazione, in virtù della trasversalità rispetto
ai partiti che la caratterizza, ha l’opportunità e la
volontà di rivolgersi a tutti. Anche a quei partiti
che da sempre si dicono antiproibizionisti e che già
hanno annunciato di voler risolvere la questione
mediante la presentazione di proposte di legge che
vadano in questa stessa direzione e attraverso la
via parlamentare».
«Ma la fiducia - ha concluso Contini - si deve
costruire con i fatti, non solo con le parole. Per
questo saremmo felicissimi di vedere accolte
queste nostre istanze nelle istituzioni italiane. Ma
intanto, per quel che ci riguarda, non avendo noi
a disposizione una rappresentanza parlamentare,
tenteremo in ogni modo di incardinare queste
iniziative attraverso l’unico strumento che la
Costituzione ci mette a disposizione, con chiunque
vorrà essere al nostro fianco».
Dal sito antiproibizionisti.it è possibile ascoltare la
registrazione integrale del dibattito “Per una nuova
politica sulle droghe” in formato mp3 audio e real
video.
Si ringrazia antiproibizionisti.it, dal quale sono tratti
gli articoli qui pubblicati.
Soft Secrets
DROGA. GASPARRI:
« LA LEGGE DEVE
ESSERE APPROVATA
ENTRO LA FINE DELLA
LEGISLATURA»
Fonte: Adnkronos
ROMA, 28 settembre 2005 - ‘’Prima della fine
della legislatura deve, e ribadisco deve, essere
approvata la nuova legge sulle tossicodipendenze’’.
Lo afferma Maurizio Gasparri, dell’esecutivo di
An, che sottolinea come il governo abbia ‘’fatto una
bandiera di questo provvedimento che purtroppo da
molto tempo giace in Senato’’.
‘’L’ipotesi più concreta che si affaccia in questi
giorni - spiega il parlamentare - è quella di
passare a un testo più sintetico che, in una
ventina di articoli, affronti i problemi principali
contenuti nella legge, dalle maggiori garanzie per
i tossicodipendenti che commettono reati, alla
più precisa definizione delle tabelle riguardanti
le sostanze stupefacenti, senza peraltro trascurare
la sacrosanta equiparazione tra le strutture del
volontariato e le strutture pubbliche’’. Questa legge,
aggiunge Gasparri, ‘’deve rapidamente andare
avanti e il governo, così come ha fatto su molti
altri provvedimenti, deve valutare con concretezza
l’ipotesi di porre la fiducia’’.
‘‘L’agenda del centrodestra - continua - è fitta
di impegni, dalla legge elettorale alla riforma
istituzionale, dalla legge finanziaria a numerose
altre scelte urgenti. Ma in molti porremo come
condizione preliminare, per un sereno e costruttivo
iter degli altri provvedimenti, l’approvazione della
legge sulla droga anche attraverso il ricorso alla
fiducia. L’esecutivo - conclude - deve assumere un
impegno chiaro, immediato e urgente, che favorita’
un più rapido iter di tutti gli altri provvedimenti che
sono in calendario’’.
Puoi scaricare i numeri
arretrati di Soft Secrets
Italia da
www.softsecrets.nl
È gratis!
Soft Secrets Italia, una lettura essenziale
per grower, fumatori e per tutti gli
operatori del settore della canapa.
Reportage F
iera Highli
fe
Soft Secrets
41
Fiera Highlife Barcellona 2005
Grande successo per la seconda edizione internazionale
Ancora una volta, è stato un bell’interrogativo per gli organizzatori della seconda edizione internazionale della rinomata Highlife Fair. Quest’anno, il
pubblico spagnolo degli estimatori della cannabis aveva avuto a che fare con altre due fiere, una a Barcellona e l’altra a Madrid. La domanda era se
fumatori e coltivatori avessero voglia di visitare un’altra fiera. Fortunatamente, presto si è capito chiaramente che il nome Highlife continua ad essere un
valido indicatore di successo – e di pubblico! Ancora prima che la fiera aprisse le porte, c’era già una folla di appassionati in paziente attesa di poter entrare.
A questo punto, il tono era già impostato, e infatti nei giorni seguenti l’afflusso del pubblico spagnolo è continuato ad essere di massa. Un reportage.
La pioggia veniva giù come dardi dal
cielo di Barcellona il primo giorno della
fiera. E ci si chiedeva? Sarà un fattore
positivo o negativo nel determinare il
numero di visitatori che sarebbero arrivati
nei giorni a venire? In un certo senso,
con il senno di poi, la domanda è rimasta
senza risposta, e di certo anche se alla
fiera c’era un bel po’ di gente, non era
affollata quanto il primo giorno della
prima edizione spagnola, l’anno scorso.
Però tutto sommato c’erano comunque
in giro molte migliaia di visitatori , che
avevano spazio in abbondanza soprattutto
il primo giorno. Non c’era da sorprendersi
poi tanto, dato che i corridoi di passaggio
fra gli stand erano decisamente più larghi
rispetto all’anno precedente, quando la
fiera si era svolta in un’altra sede. Allora
si era tenuta nella piramide di vetro della
Fira de Cornella in L’Obregat, mentre
quest’anno si era deciso di organizzare
la manifestazione presso il grande e
spazioso centro conferenze di La Farga,
nel quartiere L’Hospitalet . Il motivo per
questo cambiamento di sede non aveva
tanto a che fare con l’atmosfera del posto,
quanto con la sua ubicazione. La Farga
è uno dei centri conferenze più noti a
Barcellona ed è facilmente accessibile in
macchina, metropolitana o taxi. Essendo
situato in un quartiere residenziale attivo
e vivace, con molti barettini, ristoranti e
caffè, è oltretutto un posto ideale per gli
espositori per scappare via facilmente dal
baccano della fiera per farsi uno spuntino o
bere qualcosa fuori.
Come l’anno scorso, una grande porzione
delle affluenze era generata del clamore
mediatico spagnolo, dato che fin
dall’inizio i giornalisti si sono tuffati nel
parlare in lungo e in largo degli Olandesi
di Highlife e delle loro fumate. Non solo
le stazioni radio e le TV locali stavano
creando questa pubblicità, ma anche
quelle nazionali: erano usciti articoli
ampi in quotidiani noti quali El Pais e
La Vanguardia, mentre anche l’emittente
TV più importante ci metteva una buona
parola. L’addetto stampa spagnolo di
Highlife, Pedro Galindo, aveva proprio
un bel da fare. Come ha detto Pedro, “La
domanda da parte della stampa e degli
altri media nei confronti della fiera è stata
piuttosto schiacciante. In particolare
le radio continuavano a commentare
ininterrottamente parlando della natura
della fiera, e mi riferisco a vere emittenti
radio a tutti i livelli: locale, regionale e
nazionale. C’erano pure dei programmi in
cui gli ascoltatori potevano telefonare per
esprimere in diretta la loro opinione sul
fenomeno coffee shop in generale e sulla
fiera Highlife di Barcellona in particolare.
Radio Catalunya, Radio Nacional de
Espagna (una stazione radio gestita dal
governo! N.d.r..) e Radio Zero sono alcune
delle emittenti che hanno dedicato una
Testo e foto:
Charlie Stone
Highlife Cup
Spagna 2005
Si e vaporizzato parecchio
in
Spagna…
p 2005:
Highlife Super Cu
of Gold /
AK 47 x Pot
i
as
San Yerb
“In tutto si notava
che i media
tradizionali
generavano resoconti
sul mondo della
cannabis visto come
settore economico
legittimo”
buona fetta della programmazione
alla fiera Highlife. Anche da parte
della televisione, l’interesse è stato
conduttore in gran parte dei servizi dei
notevole. Le emittenti TV locali
media. Il settore spagnolo della cannabis
quali Channel 25 e persino la TV
è stato descritto frequentemente come un
regionale basca sono venute alla
settore economico maturo e legittimo..”
Greenhouse Seed
Company (Hollan
fiera e hanno fatto degli ampi
d)
resoconti con i loro conduttori
Il culmine della fiera
di punta. Il tono generale dei
– almeno per quanto riguarda
loro servizi era assai positivo, quasi senza
la maggior parte dei canapai
eccezioni. Ciò che si notava in tutto ciò
presenti – è stato l’annuncio
è che i mezzi di informazione di massa
dei vincitori della seconda
stavano generando dei resoconti sul
Highlife Cup spagnola. Lo
mondo della cannabis in quanto settore
staff dell’edizione spagnola
economico legittimo. Il fatto che la canapa
di Soft Secrets aveva
per esempio possa servire come materia
preparato e realizzato, nella
prima alternativa ed economica per molti
più grande sicurezza, questo
prodotti non era stato valutato in Spagna
concorso per intenditori,
in modo ampio. Anche l’uso della canapa
e la consegna del premio
nella produzione di alimenti o di prodotti
sul palco principale ne è
cosmetici ha attratto molto l’attenzione.
stato il grande climax. Una
E ovviamente i media erano interessati
manciata di negozianti
all’uso medicinale della cannabis. Fra il
ha fatto salti di gioia
po
o dal grup
to, quello offert
pubblico si sono visti parecchi disabili
all’annuncio della loro
et
rf
pe
o
col
ta
et
Uno sp
3
’9
io
ud
in sedia a rotelle, giunti per reperire
vittoria. Non esiste
St
ign
di danza Des
informazioni sulle applicazioni mediche e
riconoscimento migliore
terapeutiche della cannabis. Questo aspetto
per il tuo lavoro di questo premio. Il
è stato accolto con grande favore da parte
molti media come il lato “buffo” della
vincitore a sorpresa della Super cup (il
dei media in Spagna.
cannabis. Ma che in Spagna esistano
vincitore fra i vincitori, il campione fra
attualmente più di 400 negozi i cui
i campioni) era una varietà di fumo fatta
“Il fatto che questa sostanza possa
introiti sono generati in un modo o
con l’Ice-o-lator e diluito con olio di
anche essere fumata è stato ritratto da
nell’altro dalla cannabis, è rimasto il filo
hashish.
Migliore Stand:
Soft Secrets
42
Ecco cosa ha detto Frank, il fortunato
vincitore del negozio San Yerbasi,
parlando del suo campione: “Il fumo che
ho presentato per la coppa era fatto con
l’Ice-o-lator. Ho usato due varità per farlo:
Pot of Gold di Flying Dutchman mischiato
con l’olio di hashish di una AK-47 di
Serious Seeds. Si tratta solamente di fumo
gelatinoso e non ha un nome speciale
né niente di simile. Le piante erano state
coltivate con un semplice stile organico.
Ho vinto anche l’anno scorso, con un terzo
premio per il mio fumo di Kali Mist. Ho
anche vinto alcuni premi locali, meno
importanti, ma con questo riconoscimento
dell’Highlife Cup ho davvero la sensazione
di aver vinto qualcosa di grosso – e sono
estremamente grato di aver avuto questo
onore. La fiera Highlife, per dirlo in una
sola parola, è sbalorditiva e di certo è ciò
che di meglio sia capitato negli ultimi anni
nell’universo spagnolo della cannabis.
Highlife è diventato un nome altamente
apprezzato e rispettato nel nostro settore.
Andiamo sempre alle fiere Highlife in
Olanda, per fare scorta di tutti gli ultimi
prodotti, seguire gli ultimi sviluppi e
stringere contatti vitali. Apprezziamo
moltissimo anche l’edizione spagnola
di Soft Secrets, che indubbiamente è
cresciuto fino a diventare in Spagna, in
un paio di anni soltanto, la pubblicazione
più popolare sulla cannabis. Il concetto è
meraviglioso: siccome è gratuito, tutti se
ne prendono una copia. E le storie sulla
coltivazione che escono su Soft Secrets
sono le migliori del loro genere.”
“Il fatto che questa
sostanza possa anche
essere fumata è stato
ritratto da molti media
come il lato “buffo”
della cannabis.”
Uno degli sponsor spagnoli della fiera era
Eltac (www.eltacnet.com), un’azienda
attiva nel mercato domestico spagnolo
con vari modelli di lampade. Juan, il loro
portavoce, commenta: “Abbiamo deciso
di essere uno sponsor quest’anno perché
capiamo l’importanza della Highlife Fair
e perché possiamo così portare le nostre
lampade a un pubblico più vasto. Abbiamo
presentato la nostra nuova lampada
Daystar, una 400-Watt che effettivamente
rende quanto due lampade da 400 Watt.
Abbiamo avuto una reazione enorme da
parte dei grower stessi e per questo per noi
era così importante essere presenti qui. Ci
vengono fatte molte domande sui prodotti
e su come si coltiva… e da ciò emerge
chiaramente che la coltivazione indoor
sta acquisendo sempre più popolarità
in Spagna. Le conoscenze teoriche e
pratiche dei grower sono abbastanza alte
e abbiamo notato che sono molto aperti
nei confronti dei nuovi sviluppi. Ogni
tanto quando spieghiamo loro certe cose,
veniamo persino corretti e ci accorgiamo
che ne sanno più di noi, ha-ha. I risultati
che si ottengono coltivando indoor sono
migliori rispetto all’outdoor, si hanno
meno problemi dovuti agli insetti e non si
dipende così tanto dal tempo atmosferico.
Dato che puoi avere sotto controllo tutti
i fattori principali, puoi ottenere risultati
molto migliori e per ogni grower questo è
sinonimo di volumi.
“Prevediamo che in Spagna il mercato per
l’indoor possa solamente crescere, così
Migliori Prodotti:
1
Buble o lator / Gata Loca
2
Kermith Trimmer / Nature Grow S.E.
3
le fiere attuali e posso anche aspettare
con il cuore tranquillo le prossime fiere
organizzate in Spagna da Highlife.”
Infine, l’organizzatore Boy Ramsahai, che
può sentirsi molto soddisfatto della seconda
fiera internazionale Highlife, ha dichiarato:
“Il primo giorno, se devo essere onesto,
è stato deludente in termini di afflusso di
visitatori, ma i due giorni successivi hanno
visto un’affluenza più che sufficiente a
rimediarvi. Quanto abbiano influito il
cattivo tempo e le altre fiere sulla canapa
è difficile a dirsi, ma ad ogni modo sono
soddisfatto. In confronto all’anno scorso
erano presenti molti più negozi spagnoli,
il che fa sperare bene anche per gli anni
a venire. Quest’anno ci sono state meno
Lo stand di High
aziende olandesi, però ciò è dovuto al fatto
lif
Secrets era l’epice e/ Soft
che i distributori spagnoli avevano fatto
ntro della fiera
tutto quel che
doveva essere
fatto, proprio
come dovrebbe
essere. Si è visto
un aumento
anche nel numero
di stand con
l’abbigliamento
di canapa e altre
applicazioni e ne
sono veramente
ti della
Vincitori felici e quasi deliran
più che lieto.
la
gno
spa
ione
Highlife Cup, ediz
Anche Discover,
in quanto casa
editrice,
può ritenersi soddisfatta,
visto che qui abbiamo trovato nuovi
distributori e nuovi inserzionisti pubblicitari
per tutte le nostre pubblicazioni, e anche
Hemps Angels
questo è molto importante. Ho ricevuto
poi dei resoconti pressoché sempre positivi
dagli espositori; dal punto di vista del
business-to-business sono stati fatti qui
degli ottimi affari. “
Globalmente, la seconda edizione
della Highlife Fair di Barcellona
può essere classificata come un
grandissimo successo; Highlife
desidera ringraziare tutto il pubblico,
gli espositori e ovviamente gli sponsor.
All’anno prossimo, hasta la vista!
De Verdamper / De Verdamper BV
come in altri paesi, quali l’Italia, ed è per
questo che riponiamo così tanta importanza
in una fiera molto professionale come la
fiera Highlife.”
Sergio Martinez, co-organizzatore
della Fiera Highlife, commenta così la
seconda edizione: “Siamo stati impegnati
per un anno coi preparativi per questa
seconda puntata. Posso dire di essere
molto soddisfatto di come è andata. I
miei clienti, gli espositori, sono contenti
ed è quello che conta. Per fortuna il
pubblico è venuto numeroso, nonostante
quest’anno ci siano appena state altre
due fiere in Spagna, e questo ci ha fatto
sentire davvero bene. Tre fiere l’anno
in un paese come la Spagna è davvero
un po’ troppo, ma ad ogni modo so che
siamo stati la fiera preferita dal pubblico.
Con i nostri 130 stand siamo anche la
fiera più grande, anche perché molti
degli espositori qui vengono dall’estero,
per esempio dai Paesi Bassi, dalla
Svizzera, Israele e persino dall’India.
Dobbiamo difendere questo primato fra
Molta, moltissima Canapa alla fiera…
g di
Erano in vendita pipe & bon
ioni
ens
dim
tutte le fogge e
Sponsor di Highlife
Barcelona 2005:
www.atami.com
www.serioussseeds.com
www.eltacnet.com
www.biobizz.nl
www.softsecrets.nl
www.highqualityseeds.nl
Paradise Seeds ha
fatto
buoni affari
Soft Secrets
43
LIBRI
Questi sono i passi più interessanti delle
3 pagine dedicate alla canapa da Alfredo
Cattabiani nel suo libro
Florario, Miti, leggende e
simboli di fiori e piante .
Sapevate che molti
grower vengono ac
ciuffati per
il semplice motivo
che parlano troppo
della loro
attività di coltivazio
ne? La maggior pa
rte delle
operazioni di colti
vazione viene scop
erta e fatta
chiudere solamente
grazie a qualcuno ch
e le spiffera
alla polizia.
Farmaco e Droga
L’erba dei fachiri
L’haschish fu usato anche dai fachiri da cui prese il nome: haschischat alfokora. Takiy
Eddin Makrizy, scrittore arabo della prima metà del XV secolo, narrava che Haider, il
capo di tutti gli sceicchi, dimorava con i suoi discepoli nel Khorasan, fra Nischabur e
Ramah, quando un giorno, passeggiando in campagna, notò una pianta che «si dondolava
mollemente con un movimento dolce e leggero, come un uomo stordito dai fumi di vino».
Era la kunab, la Cannabis indica. Incuriosito, lo sceicco cominciò a masticarne alcune
foglie scoprendone le virtù. Ordinò allora ai suoi discepoli di imitarlo e di mantenere la
sua scoperta segreta ai comuni mortali, ma di non nasconderla ai fachiri. «Il Dio supremo
vi ha accordato un favore speciale,» disse «la conoscenza delle virtù di questa foglia
in modo che l’uso che voi ne farete dissipi le preoccupazioni che oscurano le vostre
anime e liberi i vostri spiriti da tutto ciò che può offuscarne la luminosità. Serbate
quindi con cura il segreto che ci è stato confidato; e siate rigorosi nel nascondere il
prezioso segreto, alla tutela del quale Egli vi ha preposti.»
Makrizy citava il frammento di un poema che glorifica le virtù della pianta: «lascia da
parte il vino, prendi la coppa di Haider, questa coppa che esala l’odore dell’ambra
e brilla del verde smagliante dello smeraldo. [...] Mai il ministro di un sacrificio
cristiano ne ha versato il succo nella sua coppa profana: l’empio che professa una
religione menzognera non ha mai attinto da questa botte la materia della sua offerta
sacrilega».
[ Takiy Eddin Makrizy, Description historique et topographiquede l’Egypte e du Caire, in
Sylvestre deSacy, Chrestomatie arabe Parigi 1926, vol. I, pp 206-222 [ ... ]
I contrabbandieri dello
stretto - la via dell’hashish di Rafael Rosselló Cuervas-Mons, traduzione di Maurizio Gazzoni
Ecco un libro da leggere tutto d’un fiato, una storia avvincente, nata dopo due
anni di ricerca sul campo, durante i quali l’autore (nato in Asturia nel 1956,
capitano della marina mercantile spagnola fino al 1999, anno in cui decide
di dedicarsi esclusivamente alla professione di scrittore) ha vissuto vicino ai
trafficanti di hashish dello Stretto di Gibilterra.
Il romanzo, che ci fa immergere con realismo sbalorditivo in un mondo quasi
leggendario e pressoché sconosciuto, viene pubblicato in Italia nel marzo 2005
a seguito di una vicenda particolare: Maurzio, che poi sarà il traduttore, legge
il libro mentre sta scontando una pena di arresti domiciliari per contrabbando
di hashish. Rimane affascinato dalla prosa avvincente e dalla precisione quasi
fotografica con cui l’autore racconta i suoi Pirati, si mette in contatto con lui e
gli propone di tradurre il libro in Italiano affinché anche qui si potesse leggere
ciò che Rafael Rosselló Cuervas – Mons ha descritto con tanta elegante lucidità.
Un amico fraterno di Maurizio fonda poi la casa editrice Sacrosantopiacere
proprio per coronare il sogno di vedere pubblicata l’opera in Italia, e a questo
punto non resta da sperare che a “I contrabbandieri dello
Stretto” si aggiungano
presto tanti altri titoli
Sapevate che us
“underground”!
are delle
lampade da coltivazio
ne da 600
Watt spesso fornisc
e i risultati
migliori (fatta eccezio
ne per le
varietà di Haze)? Ta
li lampade,
se si confronta la
quantità di
luce emessa con la
quantità di
luce utilizzata, cons
entono di
ottenere le rese mig
liori.
Il libro, presentato
presso il Centro Sociale
Leoncavallo in occasione
della festa del Raccolto, l’8
ottobre 2005, è distribuito
da Canapajo’
http://www.canapajo.com
visita anche
www.sacrosantopiacere.com
oppure telefona:
(0039) 347 7210215
Quando si pensa agli effetti della canapa, si capisce come questa pianta abbia potuto
esercitare dal punto di vista religioso una funzione importante. Tuttavia in certi soggetti
egocentrici può condurre all’autoesaltazione, fino all’illusione di identificarsi con Dio:
«Nessuno si stupirà» scriveva a questo proposito Baudelaire «che un pensiero finale,
supremo, scaturisca dal cervello del sognatore (“lo sono diventato Dio!”) e che un grido
selvaggio, ardente, prorompa dal suo petto con tale energia, con tale forza di proiezione
che, se le vo lontà e le credenze di un uomo ebbro avessero una virtù efficace, questo
grido travolgerebbe gli angeli disseminati nel cammino del cielo: lo sono un Dio!».
[ Charles Baudelaire, Le poëme du hashish, IV, in Paradis artificiels, Parigi 1860 ]
Baudelaire, che l’aveva provato a lungo, ne condannava l’uso come «immorale».
Scrisse che rendeva l’individuo inutile agli uomini e la società superflua per
l’individuo, spingendolo ad ammirare incessantemente se stesso e «precipitandolo
giorno dopo giorno verso l’abisso luminoso» dove ammirava il suo volto di narciso.
«In primo luogo, come ho spiegato lungamente, l’haschish rivela all’individuo
nient’altro che lui stesso.» Quanto ai pensieri che si sono affacciati alla mente nel
corso del viaggio, «derivano più dalla terra che dal cielo e devono gran parte della loro
bellezza all’ agitazione nervosa e all’avidità dello spirito che si getta su di essi». Ma vi
è anche un altro rischio: «Chi sarà ricorso a un veleno per pensare, ben presto non
potrà più pensare senza veleno».
Questi sono i passi più interessanti delle 3 pagine dedicate alla canapa del Florario,
Miti, leggende e simboli di fiori e piante di Alfredo Cattabiani, Mondadori, 2001.
Smartbar
Settembre è arrivato, cadono le foglie, i contadini si apprestano agli ultimi raccolti e... Wipe Out
Smartbar riapre con un look completamente rinnovato! Sempre più bello e sempre più space...
Nuova stagione per il Wipe
Out Smartbar
La novità fondamentale di quest’anno è l’inserimento a menù di succulenti cibi...
Oltre alle ricette estrapolate da ottocenteschi libri di streghe o polverosi manoscritti
alchemici, ogni mese vi sarà un menù a tema con la scenografia allestita nel locale.
Continuano ogni sabato i deliri visual-musicali elettrorockeggianti dei dj di Wipe Out.
Ricordiamo anche le specialità di Wipe Out, che hanno “sconvolto” l’Italia e ci hanno
reso oggetto di studio da parte di istituzioni , media e “scienziati” di ogni sorta:
Oxybar (cocktail da respirare a base di ossigeno puro al 97% ), Smartbar (cocktail
energizzanti, rilassanti e afrodisiaci a base di erbe rare),Vaporizzatori (diabolici
marchingegni che permettono di “fumare” senza combustione dal tabacco ad erbe di
ogni sorta) , Brain machines (congegno elettronico capace, attraverso suoni ed impulsi
luminosi, di “sintonizzare” il cervello su emozioni a scelta), Smartdrugs (integratori
alimentari studiati per il divertimento: energizzanti, antistress, euforizzanti, afrodisiaci...)
Wipe out, un passo avanti al futuro.
Ci vediamo come sempre dal martedì al sabato dalle 20 in poi in Via Bava 30 a Torino
Controllate sempre di avere delle cesoie da cimatura
ben affilate se vi apprestate a fare il raccolto. Oltre a farvi
accorciare i tempi di tutta l’operazione, vi risparmiate
un monte di guai! È cosigliabile usare più di un paio di
cesoie, così da poter semplicemente dare una bella
affilata a tutte le cesoie a fine giornata, anziché dovervi
fermare ogni ora per rifare la lama ad un paio!
44
ico
f
a
r
g
o
t
o
f
e
Reportag
Soft Secrets
Highlife Fair
Barcelona,
edizione 200
5
Testo e foto:
CCCP
a
anche Atami erte
Come sempre,
presen
La Farga appena prima
dell’apertura
Serious Seeds ha fa
affari seri in Spag tto degli
na
Luc di Paradise Seed
ci stia descrivendo la s qui sembra che
ha un contenuto di sua Nebula, che
THC del 21%
Ma certo che vogliam
campione gratuito di o un
da te, dolce paella..! Top -Max
La programmazione musica
non e stata mai tralasciat le
a
nota
e tiene una glese,
ch
e,
an
K
oe
J
oft Secrets in
rubrica nel S i suoi giri alla
stava facendo sfondo, la sua
fiera. Sullo personale tiene
infermiera tiche… perche
d’occhio le pra ro.
cu
resti tutto si
rtinez (sinistra)
Gli organizzatori Sergio Maconsegnano ancora
e Boy Ramsahai (destra) Highlife Cup al
una delle prestigiosissime Bob Marley
spagnolo (al
centro)
Il volto amico di Canna
Ci sono bong e pipe di
tutte le forme e dimensioni
Ciao campioni, ci vedia
alla prossima fiera Hi mo
Amsterdam RAI, ge ghlife:
nnaio 2006!
Giusto, amico, fatti un bel tiro di
quell’inalatore Volcano
Soft Secrets
45
Hy-pro dall’Olanda si e
presentata ancora benissimo e con
gran solidita, con il suo sbalorditivo
armadietto di premi
Lo spagnolo Tupac Shakur ha rappato dei bei pezzi,
la musica era offerta dallo spagnolo Brian May
ze di Arjan ha
La Super Silver Haio nella categoria Bio,
vinto il primo prem agnolo Ortue di Bilbao
grazie al negozio sp
Ci sono voluti due gio
di De Verdamper pe rni a Evert
i segreti di questo r penetrare
La serie di prem
armadietto da coltivazesotico
meridionale: le C i piu prestigiosi dell’Europa
ione
oppe della Highl
ife spagnola
Animali da salotto al sempre
frequentatissimo stand di
Soft
Secrets
ta
Dato che Kate Moss e sta
o
and
vvi
ria
sta
or,
cacciata da Di
la
o
end
fac
ra
rie
la sua car
modella per la canapa
Ballare con le canapaie
Future Care dall’Olanda guarda al
futuro e pensa alla Spagna
i Cogliganja
Il Sindacato de re nuovi
sembra recluta
membri.
di Paradise
Il Professore Pazzo contenuto di
il
Seeds fa testare pione
THC di un bel cam
Biobizz ha man
l’artiglieria rossa dato
46
ICA
D
I
R
U
I
G
A
C
I
RUBR
Italia: leggi e istituzioni
Nonostante le fonti ufficiali, cioè quelle
della Presidenza del Consiglio, non
abbiano dato risonanza alla notizia, è stato
ridisegnato il vertice del Dipartimento
Nazionale Politiche Antidroga. Il
Dipartimento è stato istituito con la legge
finanziaria 2004 che lo ha inserito tra
le strutture generali e permanenti della
Presidenza del Consiglio dei Ministri.
L’istituzione di tale dipartimento ha dato
completa attuazione:
- al piano d’azione in materia di lotta alla
droga (2000-2004) dell’ Unione europea,
che prevede la presenza negli ordinamenti degli Stati membri di un coordinatore nazionale in materia di droga;
- alla dichiarazione politica sui principi
guida di riduzione della domanda
di droga e misure per intensificare
la cooperazione internazionale per
contrastare il problema della droga
nel mondo (ventesima sessione speciale
dell’Assemblea generale dell’ONU 8/10 giugno 1998).
La novità sta nella nomina del nuovo capo
del Dipartimento, il generale del Sismi
Antonio Ragusa, che sostituisce Nicola
Carlesi, dimessosi dopo meno di un anno
dall’investitura. Si tratta indubbiamente di
un incarico di una certa importanza, visto
che deve sovrintendere alla lotta contro
fenomeni sanitari e criminosi che involge
la vita di ognuno, mettendo in pericolo
anche le nostre istituzioni.
Di pari apprendiamo anche che il ministro
Carlo Giovanardi ha avuto la delega per
la lotta alle tossicodipendenze, e che ha
tenuto a precisare che il generale Ragusa è
“un tecnico privo di colorazione politica”.
Un tecnico per un incarico prettamente
politico. Il suo predecessore, tuttavia, lo
psichiatra Carlesi, aveva dato risultati
negativi, visto l’ambito in cui lo star fermi
è tutto a vantaggio della delinquenza
organizzata e del diffondersi delle
dipendenze. È evidente che i compiti di un
Dipartimento del genere sono strettamente
legati alle leggi che ci sono e non ha il
compito di rimetterle in discussione. Il
generale Ragusa, dovrà valutare se le
forze di polizia del nostro Paese debbano
continuare a disperdere le loro energie
nei migliaia di rivoli del fenomeno o non
debbano piuttosto seguire l’esempio dei
loro colleghi britannici, concentrando le
iniziative sui traffici di droghe pesanti
dott. F. Piccinini
e relativa malavita organizzata che li
gestisce. L’input può solo arrivare dal
Governo, e presuppone una scelta di
priorità, decidendo di concentrarsi lì
dove maggiormente il fenomeno sta
distruggendo il tessuto sociale, economico
e civico, cioè traffici e delinquenza
organizzata. Se si risponderà che invece
bisognerà occuparsi di entrambe le cose, si
può solo ricordare che Carlesi c’è già stato.
Nel frattempo è stato pubblicato il rapporto
sulla Sicurezza 2004 della Fondazione
Cesar di Bologna. Dalla relazione risulta
che Droga e Prostituzione sono il core
business della malavita nel Sud Italia: “la
droga fornisce un ciclo di denaro circolante
costante”, dato anche “dai costi minori
delle sostanze rispetto agli anni passati”.
I proventi della droga, poi, vengono
reinvestiti in attività legali. Il problema
delle mafie e della criminalità organizzata,
infatti, non è tanto quello di procurarsi
denaro, quanto investirlo in attività lecite,
mantenendo un atteggiamento di low
profile, per non destare l’attenzione dei
media e soprattutto le reazioni della società
civile. Per questo, sempre secondo Cesar,
da qualche anno “le armi tacciono” se non
in casi di extrema ratio
Presto decreti sui controlli dipendenze
per i lavori a rischio per terzi
Tempi brevi per l’emanazione di due
decreti, che consentiranno controlli medici
sugli addetti ai lavori a rischio per i terzi
(come ad esempio i conducenti degli
autobus), sono stati assicurati dal ministero
dei Trasporti in una lettera inviata al
procuratore aggiunto Franco Cozzi, titolare
di un’inchiesta su un incidente dell’autobus
finito fuori strada per un malore del
conducente ex tossicodipendente. Secondo
quanto asserito dal Ministero, i decreti
sono all’esame per la loro stesura delle
commissioni dei ministeri competenti,
del Lavoro e della Salute. I decreti, uno
previsto dalla legge sugli stupefacenti
del 1990 e l’altro dalla normativa
sull’alcooldipendenza del 2001, indicando
le categorie e le lavorazioni a rischio per
gli utenti, consentiranno ai datori di lavoro
di poter ordinare accertamenti medici sui
dipendenti sospettati di assumere alcool
o droghe. “La materia -spiega Cozzi- è
molto delicata perchè coinvolge molti
interessi non ancora tutelati espressamente
dalle leggi vigenti: la sicurezza degli
ITALIA: GIURISPRUDENZA E NUOVE DROGHE
Il khat non è illegale, secondo la
Cassazione
Il khat (noto anche come “te abissino”)
non è illegale, almeno secondo la
sentenza n.20907 della quarta sezione
penale della Corte di Cassazione. Se molti
giudici, così come le forze dell’ordine,
continuano a ritenere illegale il principio
estratto dalle foglie e dai germogli della
Chata Edulis (i sequestri si aggirano sui
200 chili all’anno), per la Cassazione
il Khat non lo è. Il ragionamento
sviluppato nella sentenza è il seguente:
“la sostanza, definita Khat, in quanto non
indicata specificatamente negli elenchi
appositamente predisposti, non è soggetta
alla vigente normativa in materia di
stupefacenti”. Il riferimento è all’elenco
delle sostanze del Dpr 309/1990, a
cui è stato inserito con un decreto del
ministero della Salute del 1988 il catinone
e la catina, che sono i principi attivi del
khat e capaci di generare una sostanza
avente le caratteristiche delle anfetamine.
L’incertezza e l’ambiguità è perciò di
avere inserito nell’elenco delle sostanze
vietate i principi attivi, ma non la sostanza
da cui si derivano i principi attivi.
Allarme Popper
La diffusione dell’allucinogeno Popper,
regolarmente venduto nei sexy shop e su
Internet perchè non presente nella lista
delle sostanze stupefacenti, che si assume
con uno spray nasale, è in aumento.
Soft Secrets
Colofon
Indice pubblicità
Nome
Telefono
Pagina
Advanced
Hydroponics
0031-297-363404
Al Tao
0039-0424-220055 37
Atami
0031-73-5223256
Bio Bizz
0031-50-5414650
2
Female Seeds
0031-78-6132263
19
Fral
0039-0335-5496693 37
Green House Seeds
Hesi
16
47
48
0031-45-5690420
5
High Quality Seeds 0031-73-5479916
29
Canapa Amsterdam 0031-73-5498112 24-25
0031-10-2099665
13
La Canna
0031-20-4284482
37
Nirvana
0031-20-3640233
8
Noon the
37
Plagron
0031-495-631559
19
Pollinator
0031-20-4708889
37
Sensi Seeds
0031-10-4763252
Serious Seeds
Tessier Ashpool
Direttore: Boy Ramsahai
Redazione internazionale:
Clifford Cremer
Caporedattrice: Emma Marziali
Highlife Fiera Della
I.G.T.
Soft Secrets Italia è pubblicato da:
Discover Publisher BV
P.O. Box 362,
5460 Veghel, Paesi Bassi
Tel: 0031.73.549.81.12
Fax: 0031.73.547.97.32
E-mail: [email protected]
Redazione: il Canapaio, Jorge
Cervantes, dottor F. P., Monsignor
José Maria, Jim Stewart, Cavo,
Filo, Weckels, Siro, Bart B, Fabio
Fundoni, Albertoetniko e altri.
Pubblicità: [email protected]
32
16
0039-02-66985657 37
TGC Trading
32
www.procare.nl
32
Soft Secrets
Italia 1
13 gennaio 2006
utenti, i diritti-doveri dell’azienda e dei
lavoratori, il diritto alla salute a quello alla
riservatezza”.
Il procuratore aggiunto Cozzi aveva
infatti inviato una lettera ai ministeri del
Lavoro e della Salute per chiedere di
colmare il vuoto normativo riscontrato
nell’attuazione della legge sugli
stupefacenti e della normativa sulle
alcooldipendenze. Nel corso delle
indagini il magistrato aveva appurato che
i due ministeri non avevano emanato i
decreti previsti dalle leggi per stabilire
le professioni che possono mettere a
rischio la salute dei terzi e degli utenti.
In mancanza di questo elenco, infatti, ora
i datori di lavoro non possono accertare
se un dipendente ha problemi o meno di
tossicodipendenza o di alcoolismo.
È quanto emerso da un’indagine della
Guardia di finanza che ha compiuto
controlli nelle discoteche della riviera
ionica, su disposizione della Procura
del Tribunale di Catania. Secondo
accertamenti medici, il Popper ha come
effetti un aumento del battito cardiaco
fornendo all’assuntore una sensazione
tipo “cuore in gola” come se stesse
facendo bungee-jumping. L’assunzione
produce vasodilatazione generalizzata,
rilassamento della muscolatura, senso
di euforia, aumento del battito e della
pressione sanguigna verso il cervello.
L’effetto euforico è breve ma intenso
(rush), dura al massimo 1-2 minuti ed
è seguito da una caduta verticale della
pressione con conseguente sensazione
di rilassamento. L’uso del Popper
(chimicamente realizzato con nitrito di
amile o nitrito di butile) oltre a provocare
Traduzioni: Emma Marziali e
Valentina Gianoli
Si ringraziano tutti coloro che hanno
contribuito al presente numero.
Foto di copertina:
Power Plant © CCCP
Indirizzo redazione:
Soft Secrets Italia
PoBox 17250
1001 JG Amsterdam, Paesi Bassi
E-mail: [email protected]
Sito internet: www.softsecrets.nl
Soft Secrets Italia non intende in
alcun modo incentivare condotte
vietate. Tutte le informazioni
contenute sono da intendersi ai fini
di una più ampia cultura generale.
La redazione e i collaboratori non si
assumono nessuna responsabilità per
un uso imporprio delle informazioni
contenute nella rivista. L’editore e i
distributori non sono da intendersi
implicitamente d’accordo con
i contenuti pubblicati. Nessun
contenuto di questa pubblicazione
può essere copiato o riprodotto in
alcun formato senza autorizzazione
degli editori.
nausea e vomito può indurre in soggetti
predisposti alterazioni alla vista e disturbi
cardiaci molto gravi. Ovviamente
ove l’uso sia combinato con ecstasy,
anfetamine e cocaina il rischio di attacchi
cardiaci aumenta notevolmente. A seguito
degli interventi della Guardia di Finanza
il sostituto procuratore della Repubblica
ha aperto un’inchiesta per accertare se
il Popper possa essere ricompreso nelle
tabelle del testo unico sugli stupefacenti.
Agli atti dell’inchiesta c’è anche una
relazione dell’Istituto di tossicologia
secondo la cui letteratura pare dimostrato
che l’assunzione dei nitriti, composti
del Popper, causi una alterazione
immunitaria favorevole alla replicazione
virale (HIV ed altri virus).
(Fonti: www.aduc.it; www.governo.it;
www.fondazionecesar.it)
BE PREPARED
Siete pronti per un risultato chiaramente visibile? Atami presenta
H
B’cuzz Premium Plant Powder per substrati idro, cocco e terriccio. Grazie
alla forte concentrazione, la confezione è di dimensioni compatte e
pratica da trasportare. Ciascuna variante contiene una combinazione
scelta di sostanze nutritive con calcio e batteri benefici. In caso di utilizzo
Huisbergenweg 7-9 5249JR Rosmalen
t: +31(0)73 522 3256 f: +31(0)73 521 3259
e: [email protected] www.atami.com
quotidiano, Premium Plant Powder stabilizza chiaramente l’equilibrio
'FSUJMJ[[BOUFSFHPMBSF
"UBNJ1114PJM
#DV[[1SFNJVN1MBOU1PXEFS
biologico del terreno nutritivo, mentre il ciclo di crescita della pianta viene
ottimizzato al meglio. Un trattamento naturale, quindi, che dà risultati.
Scarica