Contabilità dei costi 2 - Corsi di Laurea a Distanza

annuncio pubblicitario
MODALITA’ D’IMPUTAZIONE DEI
COSTI DIRETTI
Si attribuiscono mediante la seguente formula:
QUANTITA’
DI RISORSA
X
PREZZO
UNITARIO
Ad es. costo del personale sarà dato da:
Costo orario
x
n° ore prestate
MODALITA’ D’IMPUTAZIONE DEI
COSTI INDIRETTI
Su base unica:
Es. criterio di ripartizione
manodopera
coefficiente di ripartizione =
manodopera
ore totali di
costi totali indiretti
ore totali di
Su base multipla:
Per ogni tipologia di costo indiretto si sceglie un
opportuno criterio di ripartizione
ESERCIZIO: base unica
• Il totale dei costi indiretti sostenuti da un
supermercato è di 9.500 €;
• Suddividere i costi indiretti in base al n° di
dipendenti dell’azienda.
•Uff. acquisti: 2
• Magazzino: 5
• Reparto alimentari: 4
• Reparto abbigliamento:
5
• Reparto casalinghi: 4
ESERCIZIO: su base multipla
• Il totale dei costi indiretti sostenuti dall’azienda XY
è di 12.000 €;
• Essi sono stati così ripartiti:
– Costo energia elettrica: 5.500 €
– Spese per pulizia: 2.000 €
– Spese telefoniche: 4.500 €
• Il costo dell’energia elettrica e le spese di pulizia
devono essere ripartite in base alla superficie
occupata (espressa in m2); mentre per le spese
telefoniche vengono ripartite sulla base di una
stima dell’incidenza percentuale dei diversi centri.
ESERCIZIO: base multipla
Le basi di ripartizione individuate sono:
SUPERFICIE OCCUPATA
(350 m2 totali):
9Uff. acquisti: 30 m2
9 Magazzino: 100 m2
9 Rep. Alimentari: 80 m2
9 Rep. Abbigliamento: 90
m2
9 Rep. Casalinghi: 50 m2
INCIDENZA % SPESE
TELEFONICHE:
9Uff. acquisti: 70%
9 Magazzino: 30 %
9 Rep. Alimentari: nessuna
incidenza;
9Rep. Abbigliamento:
nessuna incidenza;
9Rep. Casalinghi: nessuna
incidenza;
METODOLOGIE DI CALCOLO DEL
COSTO DI PRODOTTO
Le principali metodologie utilizzate sono:
CONTABILITA’ PER CENTRI DI
COSTO
ACTIVITY BASED
COSTING (A.B.C.)
CENTRI DI COSTO: definizione
•
Si
identificano,
almeno
in
prima
approssimazione, con le unità organizzative in
cui può essere articolata la struttura aziendale;
•
Si basano sul presupposto secondo cui il
controllo sui costi dell’attività può generare
effetti positivi sulla gestione aumentandone
l’efficienza e l’efficacia;
•
Sono anche centri di responsabilità.
CONTABILITA’ PER CENTRI DI
COSTO
• L’individuazione di un centro di costo
rappresenta il momento finale di un complesso
processo di analisi dell’attività aziendale.
vengono
impiegate
RISORSE
che
generano
ATTIVITA’
si svolgono
CENTRI DI
COSTO
COSTI
CENTRI DI COSTO: classificazione
I centri di costo si possono distinguere in:
CENTRI
PRODUTTIVI
CENTRI AUSILIARI
CENTRI
FUNZIONALI
PROCEDIMENTO PER IL CALCOLO
DEL COSTO DI PRODOTTO
Definizione del piano dei centri
Imputazione dei costi ai centri
Ribaltamento dei costi tra centri
Imputazione dei centri produttivi ai prodotti
Imputazione dei costi ai prodotti
ESEMPIO DI PIANO DEI CENTRI DI
COSTO
AZIENDA FLORICOLA
CENTRI
P R O D U T T IV I
CENTRI
A U S IL IA R I
• la b o ra to rio
• s e rre ra d ic a z io n i
g a ro fa n i
• s e rv iz i g e n e ra li
• s e rre ra d ic a z io n i
• tra sp o rti
g e ra n i
• se rre
m o ltip lic a z io n e
g a ro fa n i
• se rre
m o ltip lic a z io n e
g e ra n i
• frig o rife ro
• in v a s a tu ra
• im b a llo e s p e d iz io n i
CENTRI
F U N Z IO N A L I
• a m m in istra z io n e
• c o m m e rc ia liz z a z io n e
IMPUTAZIONE DEI COSTI AL
PRODOTTO
CONTO ECONOMICO
Materie prime
e
altri costi diretti
Centri
produttivi
Costi di
trasformazione
industriale
Centri
ausiliari
PRODOTTI
Costi commerciali,
amministrativi,
generali
Centri
funzionali
ESEMPIO DI CLASSIFICAZIONE
Supponendo che un’azienda sostenga i seguenti costi:
Manodopera diretta ed indiretta Trasporti
Stipendi tecnici
Pubblicità e promozione
Forza motrice
Viaggi e trasferte
Illuminazione
Costi diversi commerciali
Combustibili
Stipendi amministrativi
Materiali ausiliari e di consumo
Assicurazioni
Manutenzioni
Costi postali, telefonici, ecc.
Ammortamenti tecnici
Cancelleria e spese d’ufficio
Altri costi industriali
Costi diversi amministrativi
Stipendi commerciali
Costi diversi generali
Come si determina il costo del prodotto?
IMPUTAZIONE DEI COSTI
INDUSTRIALI
La manodopera può essere distinta in:
DIRETTA
INDIRETTA
Per ciascun centro occorre determinare:
9 Le ore di manodopera prestate nel periodo;
9 Il costo orario per valorizzare le suddette
ore;
IMPUTAZIONE DEI COSTI
INDUSTRIALI
Ore Manodopera
Costo
diretta
orario
Organico fisso di centro;
Costo orario medio aziendale;
Determinazione analitica
(bolle di lavoro individuale)
Costo orario medio di
categoria;
Costo orario individuale
Forza
motrice
Illuminazione
2
Forza
motrice
Illuminazione
Centrale
Elettrica
Centro produttivo
1
Centro produttivo
2
Centro produttivo
3
Centro
produttivo 1
Centro
produttivo 2
Centro
produttivo 3
Prodotti
Prodotti
1
IMPUTAZIONE DEI COSTI
INDUSTRIALI
1
IMPUTAZIONE DEI COSTI
INDUSTRIALI
Ammortamenti 1
Centro produttivo
1
Ammortamenti 2
Centro produttivo
2
Ammortamenti 3
Centro produttivo
3
2
Ammortamenti
1
Ammortamenti 2
Ammortamenti 3
Prodotti
Centro produttivo
1
Centro produttivo
2
Centro produttivo
3
Prodotti
IMPUTAZIONE DEI COSTI NON
INDUSTRIALI
• i costi non industriali (commerciali,
amministrativi, generali) possono essere
imputati a specifici centri funzionali, o essere
imputati direttamente ai prodotti;
• qualora si tratti di costi indiretti, il loro
riparto può seguire svariati criteri.
RIBALTAMENTO DEI CENTRI
AUSILIARI SUI CENTRI
PRODUTTIVI
• Il ribaltamento può avvenire:
– Misurando direttamente i servizi resi dai
centri ausiliari ai centri produttivi mediante
un’adeguata unità di misura;
– Indirettamente, in proporzione all’attività
svolta dal centro produttivo o ad altri
parametri relativi allo stesso.
ESEMPIO DI RIBALTAMENTO DEI
CENTRI AUSILIARI
OFFICINA MANUTENZIONE
• Il ribaltamento può avvenire in base alle ore
lavorate dal personale della manutenzione (rilevate
su apposite schede), a favore dei vari centri utenti;
• Si determina un coefficiente orario di costo che
verrà poi moltiplicato per le ore impiegate presso
ciascun centro utente:
Totale costi del centro
Totale ore
manutenzione
=
Coefficiente orario di
costo
ESEMPIO DI RIBALTAMENTO DEI
CENTRI AUSILIARI
TRASPORTI INTERNI
• Difficile imputazione diretta perché spesso
sono trasporti da un centro all’altro;
• Imputazione indiretta basata su:
9Ore di mano d’opera diretta dei centri
utenti
9Ore macchina dei centri utenti
9Superficie dei centri utenti
1
RIBALTAMENTO DEI CENTRI
FUNZIONALI
Centro produttivo
1
Centro funzionale
1
Centro funzionale 2
Centro produttivo
2
Prodotti
Centro produttivo
3
2
Centro funzionale
1
Centro funzionale 2
Prodotti
IMPUTAZIONE DEI CENTRI
PRODUTTIVI AI PRODOTTI
•
L’imputazione ai prodotti avviene attraverso due
fasi:
1.
Calcolo del coefficiente unitario di centro dato da:
Totale costi imputati al centro Z
Quantità prodotta dal centro Z
2. Determinazione del costo di trasformazione di
ciascun prodotto dato da:
Coefficiente
unitario del
centro Z
X
quantità del
prodotto
realizzata nel
centro Z
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

biologia

5 Carte patty28

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

emilia

2 Carte oauth2_google_f0da50e0-d873-4248-914c-e782ffe4831d

creare flashcard