obiettivi del bando - Provincia di Lucca

annuncio pubblicitario
BOZZA BANDO SERVIZI ASSISTENZA DI BASE A RIDOTTA INTENSITÀ - PRODUZIONI
VEGETALI
OBIETTIVI DEL BANDO
Con il presente bando sono offerti aiuti a favore di aziende agricole e forestali ubicate sul
territorio della Provincia di Lucca per l’acquisizione di servizi di assistenza tecnica per l’anno
2005, si sensi della L.R. 3.8.2001 n.34 come modificata dalla L.R 3.8.2001 n.35 ( di seguito, per
brevità indicata come L.R 34/2001).
Detti servizi si prefiggono di accompagnare le imprese nell’adeguamento dei processi
produttivi con particolare riferimento alla protezione ambientale, al presidio del territorio, al
mantenimento del tessuto sociale ed allo sviluppo economico delle aree rurali. Tali servizi
sono particolarmente orientati al supporto di imprenditori che necessitano di sviluppo
professionale.
DESCRIZIONE DEI SERVIZI OFFERTI ALLE AZIENDE
L’assistenza tecnica richiesta dalle aziende ai sensi del presente bando dovrà comprendere
almeno due delle seguenti attività:
a.1 Assistenza tecnica per le azioni previste dall’art 7 della L.R. 23/98 (imprenditoria giovanile):
(Assistenza delle imprese per il conseguimento della capacità professionale ,consulenza generale
sulla gestione di impresa, sotto il profilo tecnico ed economico)
a.2 Assistenza alla redazione dei registri di campagna ed al rispetto delle prescrizioni tecniche
delle schede colturali:(Consulenza sulle procedure di compilazione dei registri, verifica della
corretta compilazione dei registri. informazione sulle prescrizioni tecniche delle schede colturali,
consulenza tecnica sulla corretta gestione dei processi produttivi nel rispetto delle prescrizioni)
a.3 Assistenza per l’applicazione dei disciplinari di produzione :( consulenza per la
valorizzazione commerciale delle produzioni integrate e biologiche, informazione sulle prescrizioni
tecniche dei disciplinari di produzione, consulenza tecnica sulla corretta gestione dei processi
produttivi nel rispetto delle prescrizioni, informazioni sulle procedure di utilizzazione e gestione dei
marchi)
a.4 Assistenza all’ottemperanza delle norme sulla sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti:
( informazione sugli adempimenti relativi alle procedure di autocontrollo, supporto tecnico alla
definizione delle procedure di autocontrollo, supporto tecnico all’applicazione delle procedure
definite dal manuale aziendale, supporto tecnico all’adeguamento delle procedure di autocontrollo)
a.5 Assistenza all’ottemperanza delle norme sulla sicurezza del lavoro:(informazione sugli
adempimenti relativi alle procedure per la sicurezza sul lavoro, supporto tecnico alla definizione
delle procedure per la sicurezza sul lavoro, supporto tecnico all’applicazione delle procedure
aziendali definite, supporto tecnico all’adeguamento delle procedure per la sicurezza sul lavoro)
a.6 Assistenza all’ottemperanza dei codici di buona pratica agricola anche ai sensi della
direttiva "nitrati": ( informazione sulle prescrizioni tecniche dei manuali di buona pratica
agricola, consulenza tecnica sulla corretta gestione dei processi produttivi nel rispetto delle
prescrizioni)
a.7 Informazione e consulenza economica per la valutazione delle opportunità di sviluppo
delle aziende: (con particolare riferimento a quelle offerte dal PSR della toscana 2000-2006):
(consulenza per l’aumento della competitività delle imprese con particolare riferimento alla
qualificazione commerciale delle produzioni ed alla applicazione dei diversi disciplinari di qualità,
informazione sulle opportunità derivanti dalle normative comunitarie, nazionali e regionali,
consulenza alla definizione delle strategie di sviluppo delle imprese, consulenza all’elaborazione di
progetti e piani in relazione alle opportunità individuate)
a.8 Assistenza tecnica di filiera per le produzioni estensive:
Supporto tecnico ai piani colturali e di rotazione;supporto alle scelte varietali;supporto alla gestione
del processo produttivo;supporto alla qualificazione delle produzioni;consulenza all’innovazione di
processo anche in relazione agli input della ricerca provenienti dall’ARSIA.
a.9 Consulenza per la trasformazione aziendale dei prodotti agricoli:
informazione sull’uso appropriato delle tecnologie della trasformazione nelle aziende agricole;
consulenza tecnica sulla corretta utilizzazione delle tecnologie per la trasformazione dei prodotti
agricoli e per il miglioramento della gestione aziendale anche attraverso l’informatizzazione;
consulenza per la valorizzazione della commercializzazione diretta dei prodotti finiti aziendali, con
particolare riferimento ai prodotti tradizionali di cui all’articolo 8 del D.Lgs. 173/98;
a.10 Assistenza per l’applicazione dei disciplinari previsti per la denominazioni d’origine:
supporto tecnico all’applicazione delle prescrizioni dei disciplinari per i prodotti DOP, IGP, DOC,
DOCG; consulenza sulla corretta gestione dei processi produttivi nel rispetto delle specifiche
prescrizioni dei disciplinari
a.11 Assistenza per lo svolgimento di attività multifunzionali nelle aziende agricole:
supporto alla programmazione e gestione dell’attività agrituristica; supporto tecnico per la
programmazione delle attività collaterali all’agriturismo (turismo equestre, attività didattiche,
culturali, ricreative, ecc..); aggiornamento normativo degli imprenditori; consulenza e supporto
tecnico per attività di produzione energetica da residui agroforestali ; consulenza e supporto tecnico
per la gestione di attività di sistemazione idraulica e difesa del suolo
a.12 Assistenza all’ottemperanza delle norme sulla gestione de rifiuti:
Informazione sugli adempimenti relativi ai rifiuti prodotti nell’ambito dell’impresa agricola;
supporto tecnico alla corretta gestione dei rifiuti aziendali; supporto tecnico all’adeguamento
dell’impresa alla disciplina vigente in tema di gestione dei rifiuti; aggiornamento normativo degli
imprenditori
Nell’ambito di detti servizi le attività avanti elencate potranno comprendere specifiche iniziative
informative a favore delle aziende.
SOGGETTI BENEFICIARI
I soggetti ammessi a beneficiare dei servizi di assistenza tecnica e consulenza descritti nel presente
bando sono gli imprenditori agricoli singoli od associati ai sensi del codice civile, titolari di aziende
agricole ubicate sul territorio della Provincia di Lucca che siano in possesso di partita IVA, e che
diano, nella domanda, esplicita indicazione del prestatore dei servizi, individuato autonomamente
fra quelli di cui all’art.4, comma 7 della L.R 34/2001.
PRESTATORI DEI SERVIZI
I prestatori dei servizi oggetto del presente bando sono autonomamente scelti dai soggetti
beneficiari (imprenditori agricoli, di seguito definiti richiedenti) fra gli enti assistenza tecnica delle
organizzazioni professionali agricole, le associazioni di cooperative agricole, le associazioni di
prodotto giuridicamente riconosciute, le associazioni di allevatori e loro unioni e qualsiasi altro
soggetto privato abilitato alla attività di consulenza in campo agricolo-forestale. Di tale scelta
autonoma dei prestatori, i richiedenti devono dare esplicita indicazione nella domanda di
partecipazione al bando, pena l’esclusione.
È vietato indicare quale prestatore dei servizi un soggetto dipendente anche a tempo determinato, al
momento della domanda, dell’azienda beneficiaria.
Sono esclusi, quali prestatori di servizi di assistenza tecnica diretta, i soggetti collettivi che
svolgono attività di controllo e certificazione ai sensi della normativa comunitaria, nazionale e
regionale. In caso di soggetti prestatori di servizi di assistenza tecnica diretta non collettivi, è
esclusa la prestazione, presso la stessa azienda, di servizi di assistenza tecnica diretta e di attività di
controllo e certificazione.
REGIME DI AIUTO
Il costo massimo dei servizi oggetto del presente bando, per ciascuna azienda in assistenza, non
potrà superare i 600,00.Euro al netto di IVA.
Il contributo pubblico è pari, in ogni caso, al 80% del costo del servizio. La restante quota, pari a
120,00 Euro) è a totale carico dell’azienda beneficiaria .
Sono altresì a totale carico dell’azienda beneficiaria le eventuali ulteriori quote dovute al
prestatore per prestazioni aggiuntive rispetto a quelle strettamente previste dal presente
bando.
MODALITÀ DEL SERVIZIO
Il servizio è svolto dal prestatore, autonomamente scelto dall’azienda beneficiaria. Il prestatore
fornisce all’azienda assistenza tecnica e consulenza con visite la cui frequenza è determinata in
relazione alle specifiche produzioni e richieste dell’agricoltore nel limite di seguito indicato.
Il prestatore è impegnato a svolgere almeno due delle attività fra quelle elencate alle lettere a.1, a.2,
a.3, a.4, a.5, a.6, a.7 a.8,a.9,a.10,a.11,a.12,, del presente bando.
Il numero complessivo di visite in azienda da parte del prestatore non potrà essere in alcun caso
inferiore alle 7.
Il prestatore del servizio assicurerà, ove richiesto dall’azienda, ulteriore assistenza mediante
sportelli informativi locali, telefono, fax., e-mail ecc
PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
La domanda per beneficiare del regime di aiuto per l’acquisizione dei servizi di cui al presente
bando è presentata in carta libera.
La domanda, sottoscritta dal richiedente, titolare o legale rappresentante dell’impresa ove questa
sia costituita quale persona giuridica, è inoltrata alla sede provinciale dell'A.R.T.E.A
La domanda deve essere presentata:
-
mediante inoltro per posta tramite raccomandata A/R, assicurata o posta celere. Per il rispetto
dei termini di presentazione fa fede la data di invio dell’ufficio postale. La domanda deve essere
accompagnata da fotocopia di un valido documento di identità del richiedente debitamente da
questo firmato, e da fotocopia del documento attestante il possesso di Partita IVA;
-
mediante consegna a mano alla sede provinciale dell'A.R.T.E.A. che in tal caso rilascia
all’interessato apposita ricevuta.
Ove la domanda sia sottoscritta in presenza del responsabile del procedimento od altro incaricato
non è necessario allegare il documento di riconoscimento.
La domanda deve pervenire alla Provincia all’indirizzo avanti indicato, entro 30 giorni dalla data di
pubblicazione del presente bando.
La domanda deve essere presentata utilizzando obbligatoriamente la modulistica allegata definita a
livello regionale, compilata in ogni sua parte.
Nella domanda, il richiedente deve obbligatoriamente dichiarare:
- di essere imprenditore agricolo singolo od associato ai sensi del codice civile;
- di essere in possesso di partita IVA ed indicarla;
- di non aver presentato analoga domanda per il bando di assistenza di base ad elevata intensità
per le produzioni vegetali.
Nella domanda deve essere
altresì obbligatoriamente indicato il prestatore dei servizi
autonomamente individuato dal richiedente, specificandone il possesso del titolo di studio e del
titolo professionale abilitante alla consulenza in campo agricolo e rurale. Nel caso in cui il
richiedente abbia autonomamente individuato, quale prestatore dei servizi, un soggetto collettivo
(enti, associazioni, cooperative ecc.), dovrà essere indicato il nominativo del responsabile tecnico
del servizio in possesso del titolo professionale abilitante alla consulenza in campo agricolo e
rurale.
Il prestatore dei servizi, nella domanda del richiedente, appone la propria firma per accettazione.
Alla domanda il richiedente deve infine obbligatoriamente allegare una nota sintetica, redatta e
firmata dal soggetto prestatore riportante:
- descrizione delle attività di assistenza tecnica previste, ricomprese tra quelle indicate alle
lettere da a.1 ad a.7 del presente bando, per le quali viene richiesto il contributo pubblico;
- titolo di studio e titolo professionale abilitante la consulenza (posseduti dal responsabile tecnico
nel caso di soggetti collettivi);
- dichiarazione di non esercitare attività di produzione e commercializzazione di mezzi tecnici per
l’agricoltura;
- dichiarazione di non essere dipendente, anche a tempo determinato, dell’azienda beneficiaria al
momento della domanda;
-
dichiarazione di non svolgere azioni di promozione o pubblicitarie relative a prodotti od attività
riferibili a produttori di mezzi tecnici singoli od associati, ai loro marchi commerciali o ad altri
segni distintivi
La suddetta nota sintetica dovrà recare a chiusura la seguente dicitura : “Le dichiarazioni contenute
nella presente nota sono rese ai sensi della L.15/1968 e del D.P.R. 403/98. Il sottoscritto è
consapevole delle responsabilità penali a cui può andare incontro per dichiarazioni mendaci,
falsità in atti ed uso di atti falsi, così come disposto dall’art. 26 della L. 15/1968” con allegata
fotocopia di documento di riconoscimento valido.
Nei casi in cui il richiedente intenda avvalersi della possibilità di percepire una anticipazione del
50% dell’aiuto richiesto e/o di delegare alla riscossione del contributo il prestatore del servizio, il
richiedente, nella domanda dovrà darne specifica evidenza, impegnandosi, nel caso di richiesta di
anticipo, alla stipula di apposita fideiussione. In caso di delega al prestatore a percepire l’anticipo,
l’impegno alla stipula di polizza fideiussoria dovrà, nella domanda, essere da questo assunto.
Il richiedente ( od il prestatore da questo delegato) dovrà altresì indicare le precise modalità di
corresponsione dell’anticipo e del saldo.
Il richiedente, nella domanda., deve infine obbligatoriamente impegnarsi:
a – a non sostituire, nel corso dell’anno il soggetto prestatore dei servizi autonomamente scelto ed a
non modificare alcuna delle attività precedentemente indicate nella domanda di contributo;
b - a fornire alla Provincia, ove richiesti, i dati necessari al monitoraggio degli interventi;
c - a fornire alla Provincia la documentazione necessaria all’erogazione del saldo dell’aiuto
concesso;
d - a fornire alla Provincia, ove richiesta, ogni informazione utile a valutare l’effettiva e corretta
erogazione del servizio;
e – a consentire eventuali controlli ed ispezioni, in riferimento all’assistenza tecnica per la quale si
sia ricevuto il contributo, effettuate da parte di personale a ciò incaricato dalla Provincia;
f – a comunicare alla Provincia, con la massima tempestività, l’eventuale avvenuta cessazione o
modificazione del servizio per qualsiasi causa intervenute.
PRIORITÀ
Per acquisire priorità nella formazione delle graduatorie provinciali delle domande pervenute il
richiedente, ove ne abbia le condizioni, potrà dichiarare il possesso dei requisiti di seguito indicati,
cui sono attribuiti i punteggi riportati a fianco:
Iscritti all’albo provinciale di cui alla L.R. 6 del 12.01.1994
Punti
10
che abbiano in corso di realizzazione (compresa l’annualità del collaudo) interventi che Punti 9
beneficiano dei finanziamenti delle misure 1; 6; 8; 9 del PSR o le cui domande risultino
ammissibili nell’ultima graduatoria definita anche se non finanziate per carenza di fondi;
Giovani per i quali ricorrono le condizioni di cui all’art. 7 della L.R. 22.04.1998 n. 23 che Punti 8
non beneficiano degli aiuti previsti dalla mis. 3 del PSR per il conseguimento della
capacità professionale
Le cui aziende nel 2004 sono state oggetto di interventi di assistenza tecnica di base con Punti 7
le modalità previste in seno alla L.R. 34/01
Che abbiano presentato domanda sulla misura 6 del PSR per l'anno 2005
Punti 6
Che siano iscritti all’albo regionale degli operatori biologici
Punti 5
Aziende che ricadono in zone svantaggiate di cui alla Dir. CEE 268/75
Punti 4
Che siano imprenditrici agricole titolari di azienda
Punti 3
Aziende che ricadono in zone comprese in parchi o aree protette del territorio provinciale Punti 3
Iscritti nella seconda sottosezione “capacità professionale” della seconda sezione Punti 2
dell’albo di cui alla L.R. 12.01.1994 n. 6
In caso di situazione di parità fra diverse domande è data priorità alle domande avanzate dagli
imprenditori più giovani ed in subordine secondo l’ordine di presentazione e conseguente
protocollazione delle domande.
ISTRUTTORIA
La Provincia, avvalendosi deLL'A.R.T.E.A., nel rispetto di quanto determinato dalla L. 241/1990,
procede all’istruttoria delle domande pervenute entro 30 giorni dalla data di scadenza del bando.
L’istruttoria prevede la verifica di ammissibilità delle domande con riferimento a:
-
alla completa e corretta compilazione delle domande rispetto alle prescrizioni contenute nel
relativo bando;
verifica dei requisiti di accesso richiesti e valutazione delle eventuali condizioni di priorità;
rispetto dei termini di presentazione della domanda;
conformità dell’attività di assistenza indicata in domanda con le tipologie previste dal bando;
verifica della corrispondenza tra il contributo richiesto ed il costo dei servizi indicato dal bando.
La Provincia approva il proprio programma annuale attuativo recante le graduatorie delle domande
ammissibili e provvede a darne pubblicazione e specifica comunicazione ai richiedenti ammessi a
beneficiare del regime di aiuto ed a quelli esclusi.
I contributi (eventuali anticipazioni e saldi) saranno erogati secondo l’ordine delle graduatorie sino
all’esaurimento dei fondi disponibili.
Ai richiedenti ammessi a beneficiare dei contributi di cui al presente bando ed ai prestatori da
questi eventualmente delegati, ove richiesta e garantita da corrispondente fideiussione, è corrisposta
un’anticipazione pari al 50% del contributo concesso.
Il saldo del contributo dovrà essere richiesto, secondo la modulistica allegata al presente bando, dai
richiedenti entro il 31.12.2005, mediante inoltro per posta tramite raccomandata A/R, assicurata o
posta celere. Per il rispetto dei termini di presentazione fa fede la data di invio dell’ufficio postale.
La richiesta di saldo, presentata con la modulistica definita a livello regionale, dovrà essere
corredata da:
-
da una nota conclusiva redatta dal prestatore dei servizi, e da questo sottoscritta congiuntamente
al beneficiario, descrittiva dei servizi prestati, dei relativi risultati conseguiti e del numero di
visite effettuate in azienda;
- copia di fattura recante il corrispettivo dovuto complessivamente dall’azienda al prestatore del
servizio (quota a carico dell’azienda, quota pubblica e IVA), l’eventuale anticipazione percepita
e l’importo a saldo; la fattura emessa dal prestatore dei servizi deve essere intestata all’azienda
con esplicito riferimento alla L.R. n 34/2001 per i servizi resi nell’anno 2005 nella provincia di
Lucca
In casi di servizi erogati a soci di “enti non commerciali ed organizzazioni non lucrative di utilità
sociale”, secondo quanto previsto dal D.L. 4.12.97 n.460 e pertanto “ fuori campo IVA” ai sensi
dell’art.4 del D.P.R 24.10.72 n.633, la fattura potrà essere sostituita da nota di addebito recante la
dicitura “operazione fuori campo IVA”, seguita o sostituita da quietanza dell’avvenuto pagamento
con l’apposizione, se dovuta, di marca da bollo.
La corresponsione dell’anticipazione ai richiedenti od ai prestatori da questi delegati, previo
indicazione dell’Amministrazione Provinciale sarà liquidata dall’ARTEA entro 60 giorni
dall’approvazione della graduatoria prevista dal presente bando.
La corresponsione del saldo ai richiedenti od ai prestatori da questi delegati, previo indicazione
dell’Amministrazione Provinciale, sarà liquidata dall’ARTEA entro 60 giorni dalla presentazione
della richiesta di saldo debitamente corredata da quanto precedentemente indicato.
MODALITÀ DI CONTROLLO
La Provincia si riserva di acquisire dai beneficiari dei contributi concessi tutte le informazioni utili
al monitoraggio ed alla valutazione dei servizi di assistenza di cui al presente bando.
Per l’anno 2005 il controllo circa il corretto impiego dei contributi concessi agli imprenditori per
acquisire i servizi di assistenza tecnica di cui al presente bando è così articolato:
Controllo della veridicità dei dati contenuti nelle autocertificazioni – verifica, entro il primo
semestre del 2005, su di un campione pari al 10% del totale, della veridicità delle dichiarazioni
rilasciate all’atto della domanda dai richiedenti e dai prestatori.
Rilevazione della realizzazione dei servizi – rispetto dell’effettiva e corretta erogazione dei servizi
rilevata, presso un campione di aziende pari al 5 %, mediante intervista diretta agli agricoltori
beneficiari degli aiuti per l’acquisizione dei servizi. Tale intervista, condotta a mezzo di un
questionario uniformato a livello regionale, dovrà permettere la verifica di:
- Rispondenza delle attività svolte con quelle descritte nella domanda presentata per l’accesso agli
aiuti;
-
La corrispondenza del soggetto prestatore dei servizi con quello indicato all’atto della domanda;
Il numero delle visite realizzate dal prestatore alla data del controllo.
La rilevazione diretta mediante intervista dovrà essere effettuata dal personale incaricato dalla
Provincia nel periodo compreso tra il 1 settembre 2005 ed il 31 ottobre 2005.
MODALITÀ DI REVOCA DEI CONTRIBUTI ED INTERVENTI SANZIONATORI
Cause di revoca dei finanziamenti - i finanziamenti concessi ai beneficiari nell’ambito del presente
bando sono revocati nei seguenti casi:
-
Interruzione prima del termine dei servizi ammessi al finanziamento tempestivamente
comunicata dal beneficiario alla Provincia;
Sostituzione del soggetto prestatore dei servizi prescelto tempestivamente comunicata dal
beneficiario alla Provincia;
Realizzazione di servizi diversi da quelli indicati all’atto della domanda, ma compresi tra le
tipologie indicate nel relativo bando provinciale;
Realizzazione di un numero complessivo di visite inferiore al minimo previsto dal bando;
Presentazione di una fatturazione a saldo ( o di nota di addebito) per un importo diverso da
quanto indicato nella domanda di aiuto;
Presentazione della domanda di saldo oltre il termine del 31 dicembre 2005.
Cause di revoca dei finanziamenti e sanzioni - nei seguenti casi i finanziamenti concessi ai
beneficiari nell’ambito del presente bando sono revocati ed il richiedente è escluso dal regime di
aiuto previsto dalla L.R. 3.8.2001 n. 34 per 3 anni:
-
Interruzione prima del termine dei servizi ammessi al finanziamento non comunicata dal
beneficiario alla Provincia;
Sostituzione del soggetto prestatore dei servizi prescelto non comunicata dal beneficiario alla
Provincia;
Realizzazione di servizi diversi da quelli indicati all’atto della domanda e non compresi tra le
tipologie indicate nel relativo bando provinciale;
Rifiuto da parte del beneficiario di fornire la documentazione o le informazioni richieste
dall’Amministrazione Provinciale competente o dal personale da questa incaricato.
Nei casi di revoca, ove il beneficiario abbia percepito anticipazione, la Provincia provvede al
recupero avvalendosi della relativa fideiussione.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard