Guerra Civile Romana

annuncio pubblicitario
Guerra Civile Romana (88-31 a.C.)
L’insieme degli eventi che determinarono la crisi e la fine della Roma repubblicana. Nella Roma
antica, all’inizio del I secolo a.C., le antiche istituzioni repubblicane cominciarono a rivelarsi
insufficienti sia a governare il sempre più ampio dominio territoriale, sia a regolare il conflitto
politico-sociale tra optimates e populares e l’ascesa del nuovo ordine equestre.
Dopo le morti violente dei più combattivi esponenti dei populares, i fratelli Gracchi (Caio
Sempronio e Tiberio Sempronio) e Marco Livio Druso, si ebbero due forti segnali di questa
Radicale Trasformazione:
1)Il primo segnale era stata la trasformazione, voluta dal console Caio Mario, del servizio militare
da obbligatorio in volontario, scindendolo così dal diritto di cittadinanza al quale era fin dalle
origini indissolubilmente legato.
2) Il secondo era stato la “guerra sociale” (90-88 a.C.), ossia la rivolta degli alleati italici, ai quali,
pur sconfitti, si era dovuto estendere la cittadinanza romana.
LA GUERRA CIVILE ROMANA SI ARTICOLA IN 3 FASI:
1 MARIO E SILLA (88-86 a.C.)
La crisi si aggravò quando alla testa dei due partiti si presentarono due grandi generali, Caio
Mario (populares) e Lucio Cornelio Silla (optimates), entrambi in grado di farsi seguire da potenti
eserciti, ormai non più fedeli alla repubblica ma al proprio comandante, che garantiva loro il soldo.
In una prima fase prevalse Silla, che nell’88 a.C. costrinse l'avversario a fuggire dall'Italia
subentrandogli poi come comandante in Asia Minore. Successivamente il conflitto volse a favore di
Mario, che avendo retto il consolato per ben sei volte, già ne aveva snaturato il ruolo di magistratura
temporanea. Gli eventi precipitarono quando Lucio Cornelio Cinna, eletto console col consenso di
Silla nell’87 a.C., in assenza di quest’ultimo si schierò con Mario e organizzò tumulti antipatrizi a
Roma. Le truppe di Mario e Cinna assediarono la capitale e, dopo la resa di questa, massacrarono
gli aristocratici della fazione di Silla. I due vincitori si proclamarono ancora consoli (86 a.C.), ma
pochi giorni dopo Mario morì. Rientrato a Roma, Silla diede alla repubblica il colpo di grazia,
assumendo la dittatura, che trasformò da temporanea in permanente, e redigendo delle “liste di
proscrizione” di tutti gli avversari politici, che vennero uccisi o esiliati e a cui furono confiscati i
beni.
2 DAL 1° TRIUMVIRATO ALLA MORTE DI CESARE (60-44 a.C.)
Il ritiro di Silla dalla vita politica (78 a.C.) non fece cessare il conflitto: fu il suo generale Gneo
Pompeo a occuparsi di reprimere le persistenti minacce al potere aristocratico portate dai seguaci di
Mario, in particolare Marco Emilio Lepido in Sicilia e in Africa e Sertorio in Spagna (76-71 a.C.).
La sua fama nel decennio seguente si accrebbe per la successiva repressione della rivolta di
Spartaco e dei pirati nel Mediterraneo e quindi per la conquista della Siria, dell’Armenia e della
Giudea. Al suo ritorno a Roma, la stessa fazione aristocratica ne ebbe paura e gli negò la
distribuzione di terre che egli aveva promesso ai suoi veterani. Pompeo strinse così con i
rappresentanti degli optimates, Marco Licinio Crasso, e dei populares, Caio Giulio Cesare un
accordo politico noto come primo triumvirato (60 a.C., poi rinnovato nel 56), in base al quale i tre si
spartirono il potere, esautorando di fatto il Senato. Tuttavia, la morte di Crasso e la gelosia di
Pompeo resero insostenibile il patto e la guerra si riaccese, con la fuga di Pompeo da Roma
occupata militarmente da Cesare (49 a.C.), che, sull’esempio di Silla, assunse la dittatura. Cesare
inseguì poi Pompeo in Oriente, sconfiggendolo a Farsalo (48 a.C.), e, morto Pompeo in Egitto,
continuando la guerra contro i suoi seguaci in Africa e in Spagna.
3 DAL SECONDO TRIUMVIRATO ALLA BATTAGLIA DI AZIO (43-31 a.C.)
Il tentativo dei congiurati aristocratici di restaurare la repubblica con l’assassinio di Cesare (44 a.C.)
fu vano. Fu lo stesso Senato ad affidare le sorti dello stato a un secondo triumvirato (43 a.C.), con
poteri costituenti, composto da Caio Giulio Cesare Ottaviano, Marco Antonio e Marco Emilio
Lepido.I triumviri assunsero le più alte cariche, adottarono come Silla il sistema delle liste di
proscrizione e sbaragliarono i congiurati anticesariani a Filippi (42 a.C.). Ormai la repubblica era
morta e il conflitto non aveva più lo scopo di far trionfare un programma politico, ma aveva per
posta il potere personale su un impero sterminato, che i tre, in una prima fase, si spartirono (a
Ottaviano l’Occidente, ad Antonio l’Oriente, a Lepido l’Africa). Ma ben presto Ottaviano si
sbarazzò di Lepido e mosse guerra ad Antonio, di cui temeva la potenza basata sul matrimonio con
Cleopatra, regina d’Egitto, e sulle grandi ricchezze orientali. Con la vittoria di Ottaviano ad Azio
(31 a.C.) la guerra civile cessò e con essa l’esistenza di Roma repubblicana.
Scarica
Random flashcards
CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

123

2 Carte

creare flashcard