Beni Culturali e Terremoto Provincia Pescara Come arrivare A24

annuncio pubblicitario
S. VALENTINO
IN
ABRUZZO CITERIORE
BENI CULTURALI
E TERREMOTO
AGNOVA
Provincia
Pescara
Come arrivare
A24/A25 RM-PE uscita Alanno-Scafa/ proseguire in direzione Scafa/ San Valentino in
Abruzzo Citeriore
da Napoli: A1 NA-RM uscita Caianello/ seguire indicazioni per Castel di Sangro/
Roccaraso/ Sulmona/ A25 direzione Pescara uscita Alanno-Scafa/ proseguire in direzione
Scafa/ San Valentino in Abruzzo Citeriore
Emergenze culturali
Chiesa dei SS. Valentino e Damiano
La chiesa, parrocchiale del paese, fu
costruita sulle rovine della matrice
tra il 1777 ed il 1791. Secondo la
tradizione il progetto dell’edificio
sarebbe
da
attribuirsi
a
Luigi
Vanvitelli.
La maestosa facciata progettata da
Antonio Liberi, con due campanili
gemelli, fu addossata alla chiesa
Chiesa dei SS. Valentino e Damiano
Foto tratta da www.viaggioinabruzzo.it
dopo il 1915. L’impianto è ad unica
navata con cupola. All’interno si possono ammirare le ricche decorazioni
realizzate da Alessandro Terzani tra il 1844 ed il 1846.
Danni segnalati
S. VALENTINO
IN
ABRUZZO CITERIORE
S. VALENTINO
IN
BENI CULTURALI
E TERREMOTO
ABRUZZO CITERIORE
AGNOVA
Riaperta al culto. Gravi lesioni alle strutture portanti. Particolarmente interessate
facciata e abside. Evidenti aperture nelle volte. Notevoli lesioni e spostamenti
della pietra nei due campanili.
Chiesa di S. Nicola
La chiesa fu fondata nel 1596 con il nome di
S. Maria delle Grazie. L’edificio è ad unica
navata
con
cappelle
laterali
di
gusto
classicheggiante. Queste ultime sono infatti
arricchite da colonne corinzie, architrave e
fregio ornato da fasce e foglioline intagliate.
In controfacciata si conserva un raffinato
organo settecentesco intagliato e dorato.
In passato la struttura fu convento degli
Agostiniani e vide forse come allievo lo stesso
San Nicola da Tolentino.
Chiesa di S. Nicola
Foto tratta da www.viaggioinabruzzo.it
Danni segnalati
Inagibile. Gravi lesioni alle strutture portanti.
Chiesa di S. Antonio
La chiesa risale al XVII secolo; presenta una
facciata barocca con campanile a vela sul lato
sinistro. L’impianto è all’incirca a croce
greca, con cupoletta centrale. All’interno si
conservano un altare con tabernacolo ligneo
Chiesa di S. Antonio
Foto tratta da www.viaggioinabruzzo.it
S. VALENTINO
IN
ABRUZZO CITERIORE
S. VALENTINO
IN
ABRUZZO CITERIORE
BENI CULTURALI
E TERREMOTO
AGNOVA
ed una ricca decorazione con stucchi, riquadri, rosette, capitelli ionici.
Danni segnalati
Inagibile. Gravi lesioni alle strutture portanti. Particolarmente interessata la
cupola.
Chiesa di S. Rocco
L’edificio è situato appena fuori l’abitato del paese. La facciata presenta un
portale con timpano triangolare ed un piccolo campanile a vela sul lato destro. La
struttura, di piccole dimensioni, è ad aula unica.
Danni segnalati
Agibile. Non si segnalano gravi danni.
Chiesa di S. Donato
La chiesa è situata all’ingresso del paese. La facciata presenta un portale con
timpano triangolare spezzato ed un’apertura semicircolare.
Danni segnalati
Inagibile. Gravi lesioni alle strutture portanti.
Chiesa della Madonna della Croce
La suggestiva chiesetta della Madonna della Croce è situata lungo l’antico
tratturo Centurelle-Montesecco. La facciata presenta una particolare terminazione
semicircolare ed un piccolo campanile a vela sul lato destro.
Danni segnalati
Inagibile. Gravi lesioni alle strutture portanti.
S. VALENTINO
IN
ABRUZZO CITERIORE
S. VALENTINO
IN
ABRUZZO CITERIORE
BENI CULTURALI
E TERREMOTO
AGNOVA
Castello Farnese
Il castello è situato nella zona
più alta della collina, sul lato
dell’originario
sud-occidentale
nucleo.
Secondo
le
fonti
la
sua
edificazione doveva essere già
avvenuta nel 1074 ad opera
della famiglia Lupone. A partire
dal XV secolo si avvicendarono
nella
proprietà
le
Castello Farnese
Foto tratta da www.viaggioinabruzzo.it
famiglie
Trogizio, Acquaviva e Orsini sino ad arrivare a Margherita d’Austria, nel 1583,
quando il contado divenne parte integrante dello Stato Farnesiano. La famiglia
Farnese conservò il castello sino all’estinzione del casato, nella prima metà del
XVIII secolo, dopo la quale la proprietà andò a Carlo III di Borbone.
L’attuale configurazione architettonica risulta costituita da diversi corpi di
fabbrica derivanti dalla serie di interventi e rimaneggiamenti succedutisi nel
corso dei secoli. L’accesso è situato sul prospetto nord-est ed è costituito da un
arco a tutto sesto seguito da un arco a sesto acuto. Sulla facciata di nord-est, che
si alza su tre piani, si nota una sequenza di aperture finestrate.
Danni segnalati
Inagibile. Gravi lesioni alle strutture portanti. Parziali crolli. In corso interventi di
consolidamento.
Informazioni
Municipio tel. 085-8574131
S. VALENTINO
IN
ABRUZZO CITERIORE
Scarica