informazioni su esofagogastroduodenoscopia

annuncio pubblicitario
INFORMAZIONI UTILI PER I PAZIENTI
Esofagogastroduodenoscopia
Gentile Signora/Signore
La invitiamo a leggere attentamente queste informazioni scritte relative
all'esame che dovrà eseguire
Prima dell’esame ponga pure liberamente qualsiasi domanda di chiarimento al medico
affinché possa accostarsi alla procedura con la dovuta consapevolezza.
Dopo aver letto e compreso le informazioni fornite, se decide di eseguire l'esame,
la inviteremo a firmare il relativo modulo di Consenso Informato.
Lei ha comunque diritto a ritirare il suo consenso in qualsiasi momento,
senza fornire alcuna spiegazione.
CHE COSA È
L'esofagogastroduodenoscopia (abbreviazione comune:
gastroscopia) è una procedura che consente al medico che
effettua l'esame di guardare direttamente all'interno del
vostro esofago, stomaco e duodeno, rilevando eventuali
patologie.
A tale scopo si utilizza una sonda, il gastroscopio, di
diametro intorno al centimetro, con una telecamera in
punta, che a seconda dei casi può venire introdotta
introdotta attraverso la bocca o attraverso il naso fino
a raggiungere il duodeno.
COME SI SVOLGE
Prima dell'inizio dell'esame è opportuno segnalare al medico eventuali allergie a farmaci, o
trattamenti farmacologici in atto, con particolare riguardo ai farmaci anticoagulanti.
La posizione che dovrete mantenere è quella sdraiata sul fianco sinistro. Verrà posto tra i
denti un boccaglio (per evitare di danneggiare lo strumento). Una eventuale protesi dentaria
dovrà essere rimossa. L'esame non procura dolore, ma solo modesto fastidio al momento
dell'introduzione dello strumento e talora può causare senso di vomito, dovuto al contatto
dello strumento con la parete posteriore della faringe. Non interferisce con la normale
respirazione, che può avvenire sia attraverso il naso che attraverso la bocca. Durante
l'esame, la cui durata è solitamente breve (circa 3 minuti) è importante mantenere un
atteggiamento rilassato, respirando lentamente e profondamente; ciò vi aiuterà a controllare
l'eventuale sensazione di vomito, e a tollerare meglio l'esame, e consentirà al medico di
portare a termine la procedura più rapidamente.
Pochi minuti dopo il termine dell'esame sarete in grado di allontanarvi dall'ospedale e
potrete assumere cibi e bevande.
In certe situazioni, per migliorare la tolleranza all'esame, la gastroscopia può essere
effettuata con una sedazione (sedazione cosciente) , ottenibile mediante uso di farmaci per
via endovenosa, praticata dal medico endoscopista.
Soltanto in casi particolari si potrà effettuare sedazione profonda con assistenza
anestesiologica. Con entrambe le metodiche è necessario, una volta terminato l’esame, un
periodo di osservazione nei locali del servizio (sedazione cosciente) o in letti tecnici dedicati
(narcosi)
PERCHÈ VIENE FATTA
Guardando attraverso il gastroscopio il medico ha una visione nitida e precisa dei vostri
organi, e può individuare o escludere la presenza di malattie.
È utile per definire le cause di sintomi generalmente legati a patologie dell'esofago, dello
stomaco e del duodeno . Viene pertanto consigliata dal medico quando vi siano sintomi
come dolore, nausea, vomito o difficoltà digestive, che persistono per lungo tempo.
È inoltre utile per accertare la causa di sanguinamenti del tratto digestivo alto, o di alcune
anemie (carenza di globuli rossi).
L'esofagogastroduodenoscopia fornisce informazioni più precise di quanto si possa avere
con le radiografie dell'apparato digerente. La possibilità di effettuare biopsie (cioè il prelievo
di piccoli frammenti di mucosa), quando il medico lo ritenga utile, migliora ulteriormente le
capacità diagnostiche di quest'esame.
Le biopsie sono del tutto indolori e si effettuano per molti motivi (per definire meglio il grado
di infiammazione , per studiare la morfologia dei villi intestinali o per la ricerca di un germe,
l’Helicobacter Pylori, che spesso si associa all'ulcera e alla gastrite) e non necessariamente
solo quando vi è sospetto di tumore.
QUALI SONO LE COMPLICANZE
L'esofagogastroduodenoscopia è una procedura sicura.
Rischi potenziali possono esistere in pazienti con gravi patologie respiratorie o cardiache o
molto anziani. Solo eccezionalmente, dove sono state effettuate biopsie, vi può essere un
sanguinamento, che quasi sempre si arresta spontaneamente.
L'incidenza di complicanze più importanti, come la perforazione, è molto bassa (inferiore a
un caso su 10.000), ed è spesso legata alla presenza di gravi patologie dell'esofago.
II Paziente deve preventivamente comunicare l'eventuale allergia al lattice per dar
modo agli operatori di poter operare in sicurezza, onde evitare le conseguenze, talora
anche gravi, dovute all'esposizione a materiale che contiene lattice.
CONSIGLI PER LA PREPARAZION ALL'ESAME
L'esofagogastroduodenoscopia, richiede il digiuno da almeno 6/8 ore, pertanto, se l'esame
viene effettuato al mattino, si raccomanda il digiuno dalla sera prima, mentre, quando è
programmato nel pomeriggio, è consentita una colazione leggera al mattino.
Prima dell'esame è opportuno rimuovere eventuali protesi dentarie mobili.
Nel caso si assumano abitualmente farmaci, questi vanno normalmente continuati anche il
giorno dell'esame, con l'esclusione di quei prodotti che stratificandosi sulle pareti interne
dello stomaco, ne impediscono la corretta visualizzazione (es. soluzioni antiacide).
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

creare flashcard