Ddl concorrenza: Titolarità aperta al capitale, i punti di vista 21/02

annuncio pubblicitario
Ddl concorrenza: Titolarità aperta al capitale, i punti di vista
21/02/2015 00:13:02
Il ddl concorrenza esce dal Consiglio dei ministri senza la deregulation della fascia C e questo ovviamente
rallegra, ma al suo posto spunta l’apertura della titolarità al capitale. Che fa decisamente a pugni con il
modello italiano di farmacia, sulla cui professionalità punta anche l’Atto d’indirizzo per la nuova Convenzione
licenziato giovedì dalle Regioni. Già dai prossimi giorni Federfarma avvierà una riflessione al proprio interno
per definire la strategia con cui seguire l’iter parlamentare del ddl e confrontarsi con i gruppi politici. Secondo
Federfarma «Far entrare il grande capitale nella titolarità delle farmacie significherebbe ridurre le garanzie a
favore dei cittadini» si legge nella nota «perché la proprietà non sarebbe di un farmacista, professionista
indipendente che opera secondo la propria deontologia, ma di soggetti che rispondono esclusivamente a
logiche di profitto». Questo pericolo, ricorda il sindacato titolari «è stato denunciato dalla Corte di giustizia
Europea in una sentenza del 2009, che ha riconosciuto come affidare la proprietà della farmacia a non
farmacisti comporterebbe un indebolimento dell’indipendenza professionale».
Sul versante governativo, il ministro per lo Sviluppo Economico Federica Guidi spiega: «Non abbiamo
toccato nulla riguardo alla distribuzione dei farmaci, né sulla pianta organica delle farmacie - ma ci sembrava
moderno togliere il vincolo esistente delle 4 licenze per la titolarità di farmacie, e questo tetto viene eliminato.
E, anche per irrobustire dal punto di vista patrimoniale e di capacità di stare sul mercato, abbiamo inserito
anche per le farmacie la possibilità di avere società di capitali». Il polverone più grosso, nei giorni scorsi, si
era sollevato attorno alla liberalizzazione dei farmaci per il timore di un via libera alla vendita, ad esempio,
nei supermercati, dove attualmente è permessa la commercializzazione dei soli farmaci da banco senza
ricetta, ma soprattutto aprendo alla possibilità che grandi società creassero reti commerciali di vendita dei
farmaci, sia ex novo che acquisendo singole farmacie. Una decisione, quella raggiunta in Cdm sui farmaci,
che secondo la Lorenzin va verso un uso ponderato dei medicinali in generale: «L'aver evitato che i farmaci
di fascia C, come gli psicofarmaci, possano essere venduti nei supermercati o nelle parafarmacie è
innanzitutto una vittoria dei cittadini, poiché garantisce la loro salute e la sicurezza nella distribuzione dei
farmaci più sensibili». E aggiunge: «Abbiamo indicato tutte le criticità che questo tipo di scelta avrebbe
comportato: un aumento sensibile del consumo di farmaci e quindi un conseguente abuso nella
somministrazione; un danno per le piccole farmacie, a partire da quelle rurali; condizioni per un aumento
progressivo della spesa farmaceutica; quindi la fine della "farmacia dei servizi" così come previsto dal Patto
della Salute firmato con le Regioni nel luglio 2014.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard