Il giorno 8 ottobre alle ore 18 - Scuola Popolare di Musica di

annuncio pubblicitario
Il giorno 8 ottobre alle ore 18.15, nell’ambito del Convegno nazionale SIEM –
AIDSM 2011, nell’aula n.109 dell’Istituto musicale pareggiato “Vittadini” di Pavia
si riuniscono le Associazioni aderenti al Forum per l’educazione musicale con il
seguente ODG:
1. Scambio di idee funzionale alla stesura di un documento comune sulla
formazione iniziale musicale degli insegnanti delle scuole dell'infanzia e primaria,
2. Scambio di idee per elaborare un documento-richiesta al ministero per un
protocollo d'intesa col Forum in relazione alle convenzioni tra Istituti scolastici e
associazioni musicali del territorio, anche in relazione al primo punto.
3. Discussione in merito a una ipotesi di ricerca su come, nei propri territori,
viene inserita la musica nelle materie opzionali delle scuole secondarie superiori,
4. Proposte di Iniziative future,
5. Azioni e interventi di comunicazione con MIUR, Comitato nazionale per
l’apprendimento pratico della musica, altre Istituzioni
6. Varie ed eventuali
Sono presenti le Associazioni :
FENIARCO (Alvaro Vatri), SIEM ( Maurizio Sciuto), DDMGO ( Anna Mari Freschi),
OSI-ORFF ( Giovanni Piazza), TESTACCIO ( Giuliana Pella ), DONNA OLIMPIA
( Giovanni Piazza) MUSICA IN CULLA ( Giovanni Piazza), CENTRO GOITRE
( Lorella Perugia e Dariella Gallo.), MUSICHERIA e CSMDB ( Mario Piatti), AIDSM
( Raffaele Molinari e Marco Fedi), CAM ( Annalisa Spadolini) ,LIBERENOTE(
Mario Piatti), COMUSICA ( Annalisa Spadolini).
E’ inoltre presente su invito del coordinatore, Roberto Neulichedl.
Assenti le Associazioni:
AJD, CDM,CANTASCUOLA, FIM, ( ha comunicato per iscritto che sarà presente
alla tavola rotonda del Convegno il giorno 9 ottobre) AIKEM, AIF , ADUIM, AIGAM,
IL SAGGIATORE MUSICALE
Annalisa Spadolini , coordinatrice del Forum, introduce la discussione
presentando un video del Prof. Berlinguer che qui si riporta integralmente a
seguito di trascrizione: “ Cari amici , l’occasione era per me molto ghiotta di avere
il forum riunito nell’occasione del Convegno Siem, perché proprio di questo
attualmente noi abbiamo bisogno, di un incontro fra il nostro Comitato e le
vostre Associazioni ovvero ciò che voi rappresentate nel mondo musicale attivo
nella società civile e nelle istituzioni.
Io avrei desiderato essere presente anche per un interesse diretto riguardante la
mia funzione , ma l’impegno come parlamentare europeo me lo sta impedendo
oggi, nel giorno in cui siete riuniti.
Vi invierò una lettera per pregarvi di trovare a Roma un occasione di incontro ,
per proporvi l’idea di un piano per l’ attuazione del D.M. n. 8
in tema di
apprendimento pratico della musica nella scuola e anche per altri aspetti
collegati, per vedere cioè in che modo possono convergere le forze all’interno della
scuola nel sistema di istruzione con gli sforzi da porre in essere da parte non solo
di Regioni, Comuni e altre istituzioni pubbliche ma soprattutto delle istituzioni
che svolgono attività musicali e si occupano di questo, senza le quali le scuole
non riusciranno mai a raggiungere l’obiettivo della curricularizzazione. Su questo
termine voglio insistere . Il cambiamento rispetto al passato è che noi non
vogliamo occuparci più di singoli progetti fini a se stessi come fino adesso
l’attività dopo scolastica ha posto in essere da parte delle scuole. Noi vogliamo
1
entrare nel curriculum nella mattina a scuola durante le due ore di lezione
ordinaria.
A questo devono e possono contribuire, ove lo vogliano, tutte le Associazioni
che voi rappresentate.
Io vorrei proporvi la tematica di questo piano, un vero e proprio piano di
sviluppo e spero di avere l’occasione di potervene parlare direttamente. Mi scuso
per l’assenza e vi auguro buon lavoro. Grazie”
Alla fine della visione del filmato , interviene Spadolini per orientare la
discussione, la coordinatrice
relaziona sulla situazione delle attività che
riguardano la formazione musicale a livello istituzionale , spiegando quali sono le
iniziative finora promosse e realizzate dal MIUR con la consulenza del Comitato
nazionale per l’apprendimento pratico della musica .
L’Ufficio VI del MIUR grazie all’interessamento del Dirigente Maurizio Piscitelli
ha promosso e finanzierà due macro progetti: “Innovamusica” e “ mille cori” e
una serie di iniziative volte ad assicurare e favorire l’attuazione del D.M. n. 8 del
31 gennaio 2010 per la scuola primaria. Il MIUR ha deciso di finanziare tali
iniziative per un investimento di circa 1 milione di euro.
Per ciò che è di sua conoscenza Spadolini comunica che presso il MIUR sono
state istituite due Commissioni di lavoro:
una prima commissione per il Progetto INNOVAMUSICA presso ANSAS con il
compito di preparare e produrre materiali per corsi di formazione in modalità
blended destinati a docenti di musica di scuola secondaria di primo grado;
una seconda commissione per i Progetti MILLE CORI e per il DM n. 8 con il
compito :
1- di definire criteri e ambiti di selezione dei progetti presentati dai
Conservatori italiani per corsi di formazione destinati a n. 1000 docenti
anche con competenze musicali minime che desiderino ampliare le proprie
competenze per riuscire a formare e dirigere un coro scolastico
2- di visionare l’elenco delle scuole proposte dagli UUSSRR e di stabilire
criteri di priorità per selezionare 100 scuole primarie dove si attueranno
attività di musica pratica ai sensi del DM n. 8 .
Allo stato attuale la prima commissione sa lavorando sui materiali per il corso
INNOVAMUSICA e l’ANSAS ha già selezionato docenti tutor individuati a livello
nazionale in ogni Regione tramite BANDO di gara.
La seconda Commissione ha già individuato i 37 Conservatori italiani che
avvieranno i corsi per i docenti maestri di coro ed ha già stabilito quali e quante
saranno le scuole ( per ora circa 150) ad ottenere finanziamenti relativi alla
formazione docenti per l’attuazione del DM. N. 8.
Data l’esiguità del tempo a disposizione, Spadolini chiede quindi ad ogni
referente di intervenire sui temi all’ODG senza considerare l’ordine numerico dei
punti.
Interviene Roberto Neulichedl che riferendosi agli interventi a favore della
“musica pratica” nella scuola primaria, al fine di rendere effettivamente operativo
il decreto, chiede se sia stata portata a termine l’anagrafe dei docenti. Ricorda
peraltro che le scuole primarie utilizzano a tutt’oggi numerosi esperti esterni; si
tratta di risorse professionali appartenenti a un “sommerso” che, con opportuni
strumenti, potrebbe essere orientato verso il miglioramento della qualità degli
interventi. Rispetto al progetto “Mille Cori” nutre forti dubbi rispetto al fatto che si
possano trovare 1000 docenti desiderosi di partecipare al corso; il problema è che
se un ufficio del MIUR ha da spendere un milione di euro, in assenza di un forte
2
coordinamento delle varie competenze, rischia di realizzare progetti (in questo
caso formativi) che purtroppo non sempre risultano organicamente pianificati in
un’ottica di sistema. Si rammarica infine del fatto che, nonostante il parere
contrario del Comitato, il MIUR dia credito a progetti quale quello promosso dal
duo Jalisse.
Interviene Marco Fedi per AIdSM ricordando come, in materia di formazione
musicale, le numerose e spesso virtuose realtà del terzo settore (in primis le
scuole di musica ma non solo) capillarmente diffuse in tutto il Paese,
costituiscano preziose e pressoché gratuite risorse, che lo Stato non può più
ignorare se ha a cuore un’efficace azione educativa in ambito musicale. Il sistema
pubblico delle SMIM e dei licei musicali infatti non riesce ancora a soddisfare un
criterio di adeguata diffusione sul territorio, né è capace – ritiene Fedi – di
garantire un’offerta didattica veramente completa poiché in ogni struttura è
possibile intraprendere lo studio dei soli strumenti musicali che lì risultano
disponibili. Auspica quindi che nascano strategie e metodi comuni e che si giunga
a stabilire una base di curricoli e competenze condivisi. Chiede se vi sia già una
piena coscienza di tali problematiche a livello dell’amministrazione centrale e se vi
sia o meno la volontà di affrontarle. Come inoltre avviene per ogni altra arte,
anche la musica nasce dall’irrinunciabile sinergia tra produzione e fruizione: Fedi
ricorda come non si possa esclusivamente considerare il primo aspetto e come
occorra invece formare musicisti e fruitori entrambi consapevoli, attraverso un
intervento responsabile che comprenda anche l’educazione all’ascolto, la
conoscenza dei fatti storici ecc. essendo il repertorio della musica d’arte
considerabile come patrimonio dell’umanità. In tal senso, proprio come accade
per l’arte figurativa auspica infine una futura introduzione della materia “musica”
in tutti i licei.
Interviene Anna Maria Freschi per DDMGO. Si unisce alle valutazioni di
Neulichedl. Mette in luce la frammentarietà delle iniziative del Ministero e
propone di fare un documento in cui indicare linee di azione più organiche, sia in
merito alla formazione degli insegnanti di scuola primaria, che in generale sul
rapporto con le associazioni e i Dipartimenti di Didattica della musica dei
conservatori. Berlinguer ha parlato della necessità della curricularizzazione, ma
ad esempio nella scuola primaria (che è il settore più scoperto) ci si può arrivare
soltanto con un Piano di formazione degli insegnanti teso a valorizzare le
competenze avanzate già esistenti, senza identificare la curricolarizzazione con
l’insegnamento dello strumento tout court e indicando percorsi formativi e titoli
che possono garantire una preparazione degli insegnanti così come propone il
documento che Piatti presenterà all’attenzione di tutti. Per quanto riguarda la
scuola media, nutre forti perplessità sulla validità di progetti costosi e calati
dall’alto. I Dipartimenti di Didattica dei conservatori possono offrire consulenza e
collaborazione a costo zero o quasi, ad esempio al Conservatorio di Perugia
partirà fra breve in collaborazione con l’USR Umbria un corso di formazione per
insegnanti di scuola media in servizio sul tema “Dall’ascolto alla produzione”.
Interviene Lorella Perugia per CENTRO GOITRE che si dichiara pessimista
sul fatto che le maestre possano formarsi con un breve corso di formazione. Si
ritiene consapevole che il numero estremamente ridotto di maestre con diploma
musicale sia comunque troppo insufficiente a coprire in prospettiva tutte o anche
solo molte scuole primarie, ritiene che formare alla didattica musicale maestre già
3
di ruolo che non abbiano compiuto un vero percorso di formazione quale quello
che compie il musicista, sia inutile e rischioso (per l’insegnamento della musica si
richiedono soprattutto musicalità e senso ritmico doti che non si acquisiscono
con un percorso di pochi anni, da adulto) mentre sarebbe auspicabile favorire
l’ingresso nella scuola primaria di “musicisti” già formati. Dariella Gallo inoltre
approva l’idea di individuare quelle maestre già in possesso di un diploma
musicale per creare scuole primarie pilota nell’insegnamento della musica.
Interviene Alvaro Vatri per FENIARCO affermando che le Associazioni stanno
interpretando e monitorando al meglio la funzione di stimolo e di formazione per
realizzare l’obiettivo della musica per tutti, sperimentando, innovando e
confrontandosi anche con contesti internazionali. Il serbatoio di conoscenze e di
esperienze accumulate viene ignorato perché da parte del MIUR c’è sempre la
preoccupazione di “chi deve legittimare”. Le Associazioni non vogliono assolvere a
funzioni proprie delle istituzioni, ma svolgere un ruolo di complementarità, nella
cornice di un principio di sussidiarietà che di fatto investe anche l’ambito
dell’educazione musicale di base, e mettere a disposizione know how ed operatori
che hanno dimostrato di possedere competenze e professionalità di sperimentato
valore. Le stesse iniziative organizzate dalle Associazioni, rivolte alla coralità
scolastica, registrano un trend crescente di partecipazione che permette alle
stesse Associazioni di sperimentare percorsi e processi didattici funzionali,
efficaci ed innovativi. Tutto questo viene ignorato dall’istituzione, e lo stesso
Comitato non sembra voler capitalizzare questo patrimonio di conoscenza
maturato sul territorio in modo diffuso, capillare e vigile, mentre sarebbe vitale
favorire la “messa in rete” di tutte queste “buone pratiche”. Ha senso, a questo
punto, continuare a tenere in piedi uno strumento tanto prezioso quanto
(volutamente) inutilizzato? Perché accettare, oltre all’indifferenza, anche la
frustrazione di veder posti in essere progetti farraginosi e fuorvianti ,ma molto
onerosi.. in tempo di risorse risicatissime, senza essere stati mai consultati?
Interviene Mario Piatti per Musicheria, CSMDB, e Liberenote.
Innanzitutto lamenta il ritardo di un’ora e un quarto per l’inizio della riunione,
cosa che non permetterà di discutere i vari punti all’ordine del giorno. In merito al
messaggio di Berlinguer, Piatti sottolinea come non è vero che finora ci si sia
limitati a progetti in orario extracurricolare. Forse Berlinguer non conosce ciò che
le nostre Associazioni già fanno nelle scuole in contesti curricolari. Per quanto
riguarda poi il Piano di sviluppo a cui fa riferimento Berlinguer sarebbe bene che
ci venga fatto conoscere preventivamente così da poterlo discutere all’interno del
Forum. Una riunione per la sola presentazione del Piano sembra a Piatti
improduttiva, anche perché se l’invito a Roma per una riunione da un lato può
essere gradito, dall’altro comporta, per le Associazioni, dei costi non irrilevanti. Il
Comitato nazionale è in grado di coprire le spese per questa riunione? In caso
contrario Piatti ritiene molto improbabile la sua partecipazione alla riunione a
Roma. Può comunque essere prevista una delegazione del Forum che riporti a
Berlinguer le richieste e i documenti già elaborati dal Forum stesso, come ad es.
quello che Piatti propone in merito al punto 1 dell’ OdG. Proprio su questo Piatti
fa notare che se non s’interviene sulla formazione iniziale degli insegnanti e sui
percorsi formativi specifici per la musica (su questo punto Piatti rimanda alla
bozza di documento che presenterà alla fine), la curricolarizzazione della musica
tanto auspicata da Berlinguer rimarrà un’utopia, anche perché quanto previsto
dal DM 8 non risolve affatto il problema, ma si configura come un progetto
tampone riservato a un numero eccessivamente esiguo di scuole, e non
4
garantisce certo quel “Fare musica tutti” proposto dal Comitato. Le Associazioni
possono svolgere un’azione sussidiaria, ma per questo occorre che per le intese
tra Istituti scolastici e Associazioni del territorio il Ministero predisponga non solo
dei criteri e delle indicazioni valide su tutto il territorio nazionale, ma anche
fornisca i fondi necessari affinché le buone intenzioni del Comitato si traducano
in azioni concrete, anche sul piano finanziario. Senza un serio piano finanziario
tutto il resto rischia di essere solo chiacchiere o di apparire come un paravento
per altre azioni tese a smantellare la scuola pubblica. Alle 19.15 Piatti, dovendo
lasciare la riunione per impegni personali, lascia alla Coordinatrice una bozza di
documento relativo al punto 1 dell’OdG.
Interviene Raffaele Molinari per AIDSM, Associazione Italiana delle Scuole di
Musica.
Segnala che il direttivo della propria associazione ha appena diffuso
uno studio per un progetto di disegno di legge a costo zero relativo a un sistema
di accreditamento delle Scuole di Musica in Italia. Le scuole di musica accreditate
su specifici standard qualitativi potrebbero efficacemente concorrere, come già in
larga parte fanno, ad un'opera di diffusione della pratica strumentale nella scuola
elementare attraverso un sistema di convenzionamento a cui lo stesso D.M. n. 8
sembra anche rimandare. La diffusione territoriale delle scuole di musica,
probabilmente più di cinquemila, l'alto numero di operatori impegnati, nell'ordine
di ventottomila docenti, gli spazi e le attrezzature già operanti e funzionali,
potrebbero costituire le condizione fondamentali per la costituzione di un sistema
nazionale per la diffusione della pratica strumentale realmente capillare e
articolato. Il ruolo sussidiario di questi enti di terzo settore attende dunque una
forma di accreditamento pubblico, che stabilisca specifiche linee, al fine di essere
effettivamente articolato in una collaborazione sinergica con la scuola pubblica.
Con ragioni più convinte che mai l'AIdSM partecipa dunque al forum e accetta
volentieri l'invito al tavolo di lavoro dell'On.Berlinguer.
Interviene Maurizio Sciuto per SIem il quale appellandosi al motto “musica
per tutti” ritiene che le iniziative lodevoli ma “ a macchia di leopardo” non
debbano costituire un palliativo, se non un alibi, per non giungere ad intervento “
a tappeto” tendente alla curricularizzazione diffusa e obbligatoria non soltanto in
tutte le classi della scuola primaria (non solo lo “strumento” ma l’educazione
musicale diffusa) ma in tutti gli ordini scolastici, comprendendo in questo
processo anche i corsi di laurea in Scienze della Formazione. Non dunque una
musica “aleatoria “ (curricolare o extracurricolare) e nemmeno iniziative parziali
che, come nel caso della istituzione dei licei musicali, possano giustificare la
quasi totale scomparsa della musica da un intero ordine scolastico (le secondarie
di secondo grado). Auspica che il Forum tenga alta “l’asticella” per il
raggiungimento di questi obiettivi e ritiene che sia fondamentale mettere l’accento
proprio sugli obiettivi più che su chi debba realizzarli. Segnala come una giusta e
proficua apertura alle realtà esterne alla scuola, per l’attuazione del DM n.8 e
per collaborare con i progetti proposti dal MIUR, non debba significare una
assoluta “deregulation” ma possa essere inserita in un piano di coordinamento
con le risorse interne (Scuole di didattica dei Conservatori, docenti della scuola
media ordinaria e ad indirizzo musicale , docenti di musica della scuola superiore
soprannumerari e precari) proprio in vista di un intervento capillare nella scuola
pubblica. Mette in fine in discussione la unicità dell’esperienza pratica della
musica (esperienza pratica che di per sé non vuol dire solo l’apprendimento di
uno strumento) la quale, pur implicando lo sviluppo della capacità di ascolto, non
copre in sé l’esigenza di un ascolto consapevole anche sul piano di una coscienza
5
storica dei fenomeni musicali. Gli spazi per la coscienza storica nel nostro
sistema scolastico non devono restare ad uso degli altri linguaggi ad esclusione
della musica.
Interviene Giuliana Pella per la scuola popolare di Musica di Testaccio
aggiungendo che la drammatica superficialità delle ultime scelte ministeriali
sembrano denunciare anche uno scollamento tra lo stesso Ministero e il
Comitato, e all’interno del Comitato stesso. Infatti, i colleghi del Forum che
lavorano nella didattica “istituzionale” , nonché nel Comitato, hanno avuto
diverse difficoltà nel ricevere sia sufficiente che tempestiva informazione circa i
progetti suddetti. Invita il Comitato “tutto” ad impegnarsi per garantire almeno il
diritto all’informazione per i soggetti operativi riconosciuti, oltre a condividere
maggiormente la trasparenza delle sue scelte, in quanto importante interlocutore
presso il MIUR e rappresentante del “diritto alla formazione musicale per tutti”,
sul quale da tempo esistono studi autorevoli e progetti sostenibili ignorati.
Interviene Giovanni Piazza per OSI-ORFF, Donna Olimpia e Musica in culla
ritenendo che, stante la brevità e la sporadicità delle riunioni, sarebbe meglio
concentrarsi sul come dare il massimo possibile di visibilità e di risonanza alle
iniziative che si intende intraprendere. Oggi questo è possibile attraverso internet,
come dimostrano le esperienze dei viola, degli indignados, ecc.. Piuttosto che
inoltrare l’ennesimo documento al Ministero, meglio sarebbe diffondere in rete un
documento-petizione da far sottoscrivere, in primo luogo attraverso tutte le
Associazioni del Forum e le loro Mailing-list, anche per mostrare ( o per
verificare) la forza numerica di cui esse dispongono nell’insieme.
Il Forum dopo ampia discussione decide di accogliere l’invito di Luigi Berlinguer
e accetta di partecipare ad un incontro a Roma al quale tutte le Associazioni
chiedono sia presente anche un rappresentante del MIUR
Annalisa Spadolini annuncia che invierà a tutti il documento consegnatole in
questa sede da Mario Piatti su linee d’intervento da attuare e che sarà inviato
dopo discussione telematica alle Istituzioni interessate .
Non avendo altro tempo a disposizione si concorda la linea d’intervento che
Alvaro Vatri dovrà portare domenica 9 alla tavola rotonda del Convegno SIEMAIDSM .
La riunione si chiude alle ore 19.40.
6
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard