Ggdffggdfgdf

annuncio pubblicitario
MONOSTABILI E CIRCUITI TRIGGER
La larghezza dell'impulso d'uscita è determinata
da una rete realizzata con resistenza e capacità
durata W legata soltanto alle caratteristiche
della costante di tempo  =RC
qualunque sia la durata del segnale di ingresso,
l'uscita ha sempre e solo la durata W
circuiti detti resettabili: hanno, cioè, la
possibilità di interrompere la durata dell'impulso
di uscita inviando un impulso di reset.
Retriggerabili
tw( uscita)  CR ln 2  0,7RC
CIRCUITI TRIGGER
L'intervallo di tensione fra VH e VL è appunto
l'isteresi del circuito.
CIRCUITI SEQUENZIALI
Gli elementi fondamentali di un circuito
sequenziale sono i flip-flop
tutti i flip-flop commutano con lo stesso comando
di clock
La struttura di una tale macchina è riportata in
figura 1
sia le uscite che gli stati futuri sono una
funzione degli ingressi e degli stati presenti
lo stato successivo della macchina è determinato
dal blocco logico "stato successivo F" come una
funzione dello stato presente e dell'ingresso.
Il blocco logico di uscita "G" determina l'uscita
come
una
funzione
dello
stato
presente
e
dell'ingresso
i
circuiti
"G"
ed
"F"
sono
dei
circuiti
strettamente combinatori
Stato successivo = F ( stato presente, ingresso)
Uscita
= G (stato presente, ingresso)
Un circuito sequenziale in cui l'uscita dipende da
stato ed ingresso, come in figura 1, viene
identificata come "macchina di Mealy"; fig 1
Uscita
= G(stato presente)
Quest'ultimo
tipo
di
macchina
viene
identificata come "macchina di Moore" e la sua
struttura generale è riportata in figura 2.
Fig. 2
L'analisi di un circuito sequenziale consiste
nell'ottenere
una
tavola
o
diagramma
della
sequenza temporale degli ingressi, uscite,e stati
interni
esempio di circuito sequenziale
circuito con
una variabile di ingresso,
una variabile di uscita
due flip-flop di tipo RS,
Fig. 3
flip-flops triggerati sui fronti negativi del
segnale
di
clock
stato
presente
durante
l'intervallo fra una transizione e la successiva
del segnale di clock che lo porta allo stato
futuro.
Costruiamo per questo circuito sequenziale di
figura 3 una
"tabella di stato"
che evidenzi la sequenza temporale del segnale (o
segnali) di ingresso, di uscita e dello stato dei
flip-flops.
Questa tabella sarà divisa in tre sezioni
etichettate
come
"stato
presente"
,
"stato
successivo" ed "uscita"
Stato
presente
Stato successivo
x=0
USCITA
x=1
x=0
x=1
A
B
A
B
A
B
y
y
0
0
0
0
0
1
0
0
0
1
1
1
0
1
0
0
1
0
1
0
0
0
0
1
1
1
1
0
1
1
0
0
Lo stato presente evidenzia gli stati dei
flip-flops prima dell'arrivo del segnale di clock.
lo stato successivo evidenzia gli stati dei flipflops dopo l'applicazione del segnale di clock,
la colonna relativa all'uscita mostra i valori
della variabile uscita durante lo stato presente.
Sia lo stato successivo che l'uscita hanno due
colonne, una per x=0 ed una per x=1.
Per costruire la tabella di stato occorre
partire da uno stato iniziale. (Nella maggior
parte dei circuiti sequenziali è preso quello con
tutti i flip-flops nello stato "0").
Comunque l'analisi può partire da uno stato
arbitrario
Quindi la prima situazione sarà A = 0 e B = 0.
La situazione dell'uscita invece è molto più
facile da derivare
In generale, un circuito sequenziale con "m"
flip-flops
ed "n" variabili di ingresso avrà 2
elevato ad m righe, una per ciascuno stato.
Lo stato successivo e la sezione uscita
avranno 2 elevato ad n colonne, una per ciascuna
combinazione di ingresso.
Le informazioni contenute nella tabella di
stato si possono rappresentare graficamente in un
"diagramma di stato".
in
questo
diagramma,
uno
stato
viene
rappresentato da un cerchio, e la transizione fra
gli stati da una linea che collega direttamente i
vari cerchi. Il diagramma di stato dell'esempio
che stiamo analizzando è riportato in figura 4
Fig. 4
Il numero binario contenuto all'interno di
ogni cerchio identifica lo stato che quel cerchio
rappresenta.
Le linee che collegano direttamente i vari
cerchi sono etichettate con due numeri binari
separati da uno /. L'elemento che viene scritto
per primo rappresenta il valore di ingresso che
determina il cambiamento di stato; il numero
scritto dopo il segno / fornisce il valore
dell'uscita che si ha durante lo stato presente.
ING/USC(stato presente)
La linea che un cerchio ha con se stesso non
determina un cambiamento di stato.
Il diagramma di stato fornisce le stesse
informazioni della tabella di stato
Il diagramma di stato viene spesso usato come
specifica di progetto di un circuito sequenziale.
Riferendoci alla figura 1 e 2, vediamo che le
procedure di analisi svolte fino a questo punto si
possono riassumere in tre step base:
1) Determinare lo stato successivo e l'uscita,
funzioni F e G
2) Usare F e G per costruire la tabella
stato/uscita che specifica completamente lo stato
successivo e l'uscita del circuito per ogni
possibile combinazione dello stato corrente e
ingresso
3) (optional) Disegnare un diagramma di stato
che presenta le informazioni del precedente step
in forma grafica.
Consideriamo
ora
un
ulteriore
passo
per
completare l'analisi di un circuito sequenziale.
L'equazione
di
stato
è
una
espressione
algebrica che specifica le condizioni per il
passaggio di stato di un flip-flop. Il membro alla
sinistra dell'equazione indica lo stato successivo
del flip-flop ed il membro alla destra è una
espressione Booleana che specifica le condizioni
sullo stato presente che porteranno lo stato
successivo ad essere uguale ad "1". Una equazione
di stato è nella forma simile
alla equazione
caratteristica di un flip-flop eccetto per il
fatto che questa specifica la condizione dello
stato successivo in termini di variabili di
ingresso esterne ed altri valori relativi ai vari
flip-flop.
L'equazione di stato si ottiene direttamente
dalla tabella di stato. Considerando sempre il
nostro esempio, l'equazione di stato relativa al
flip-flop (A) si ottiene osservando la tabella di
stato.
Dalla colonna degli stati successivi si vede
che il flip-flop (A) va nello stato "1" quattro
volte:
x=0 e AB=01--AB=10--AB=11
x=1 e AB=11
Questo si può esprimere algebricamente in una
equazione di stato del tipo
A(t+1) = (A'B+AB'+AB)x'+ABx
Il secondo membro dell'equazione di stato è
una funzione Booleana dello stato presente. Quando
questa funzione è uguale ad "1" l'arrivo di un
segnale di clock porta il flip-flop (A) ad
assumere lo stato successivo "1". Quando la
funzione è uguale a "0" l'impulso di clock porta
il flip-flop (A) ad assumere lo stato successivo
uguale a "0".
Il lato sinistro dell'equazione identifica il
flip-flop considerato, seguito dalla indicazione
(t+1) per evidenziare che la situazione si avrà
dopo l'arrivo del segnale di clock.
L'equazione di stato è una funzione Booleana
che contiene anche la variabile tempo.
Questa
equazione
del
flip-flop
si
può
riportare in una mappa di Karnaugh per poter
effettuare delle manipolazioni.
A
0
1
Bx
00
1
01
11
1
10
1
1
dalla mappa possiamo ottenere l'espressione
A(t+1) = Ax'+AB+Bx' = Bx'+(B+x')A
Analoga procedura possiamo applicare al flipflop (1) ottenendo
B(t+1) = A'Bx'+(A'B'+A'B+AB)x
riportando anche questa in una mappa otteniamo
Bx
A 00 01 11 10
0
1 1 1
1
1
da questa otteniamo
B(t+1) = A'x+A'B+Bx = A'x+(A'+x)B
Come abbiamo visto il diagramma logico di un
circuito sequenziale è formato da elementi di
memoria e porte. Il tipo di flip-flop e le tabelle
caratteristiche specificano le proprietà logiche
dell'elemento di memoria. Le interconnessioni fra
le porte formano un circuito combinatorio che può
essere
specificato
algebricamente
con
delle
funzioni Booleane.
Perciò la conoscenza del tipo di flip-flop e una
lista
delle
funzioni
Booleane
del
circuito
combinatorio
fornisce
tutte
le
informazioni
necessarie a poter disegnare il diagramma logico
di un circuito sequenziale.
La parte del circuito combinatorio che genera
le uscite esterne viene descritto algebricamente
da alcune funzioni di uscita.
La parte del circuito che genera gli ingressi
ai flip-flops viene descritta algebricamente da un
set di funzioni Booleane chiamate "funzioni di
ingresso ai flip-flop" o spesso equazioni di
ingresso.
Noi adotteremo la convenzione di usare due
lettere per individuare la variabile di ingresso
di un flip-flop: la prima definisce il nome
dell'ingresso mentre la seconda individua il nome
del flip-flop.
Nel caso dell'esempio avremo
SA e RA per il flip-flop (A)
SB e RB per il flip-flop (B)
In particolare esprimendo l'intera equazione
relativa ai due ingressi dei due flip-flop avremo
SA = Bx'
R0 = B'x
SB = A'x
R1 = Ax'
y = AB'x
Prima di passare alla stesura definitiva delle
procedure di progetto del circuito sequenziale,
analizziamo ancora dei problemi legati alla
eccitazione dei vari tipi di flip-flop che
potrebbero venire impiegati nel progetto.
Le tabelle caratteristiche dei vari tipi di
flip-flop sono stati analizzati precedentemente.
Una tavola caratteristica definisce le proprietà
logiche
del
flip-flop
e
ne
caratterizza
completamente il modo di operare.
tabella caratteristica
Questo tipo di tabella per ogni tipo di flip-flop
è riportata nelle figure:
S
R
0
Q(t+1)
0
Q(t)
0
1
1
J
1
0
1
0
1
?
K
Q(t+1)
0
0
1
1
0
1
0
1
Q(t)
0
1
Q(t)'
D
Q(t+1)
0
1
0
1
T
Q(t+1)
0
1
Q(t)
Q(t)'
Queste tabelle definiscono lo stato del flipflop come una funzione del suo ingresso e dello
stato precedente. Q(t) si riferisce allo stato
presente e Q(t+1) invece allo stato successivo che
si avrà dopo l'arrivo del segnale di clock
La tabella caratteristica è molto utile per
affrontare il problema dell'analisi di un circuito
sequenziale e per definire il funzionamento del
flip-flop. Essa specifica lo stato successivo
allorchè sono note sia l'ingresso che lo stato
presente. Durante il processo relativo al progetto
noi normalmente conosciamo la transizione dallo
stato presente a quello successivo e vogliamo
determinare
le
condizioni
di
ingresso
che
determineranno
la
richiesta
transizione.
per
questo noi abbiamo bisogno di una tavola che
evidenzi gli ingressi richiesti per un dato
cambiamento di stato. Questa sarà la
"tabella di eccitazione".
Elenchiamo in figura le relative tabelle per
flip-flop SR, JK, D e T rispettivamente
Q(t)
0
0
1
1
Q(t)
0
0
1
1
Q(t)
0
0
1
1
Q(t)
0
0
1
1
Q(t+1)
S
R
0
1
0
1
0
1
0
X
X
0
1
0
Q(t+1)
J
K
0
1
0
1
0
1
X
X
X
X
1
0
Q(t+1)
D
0
1
0
1
0
1
0
1
Q(t+1)
T
0
1
0
1
0
1
1
0
Ciascuna tavola consta di due colonne, la Q(t)
e Q(t+1) e una colonna per ciascun ingresso in
modo da evidenziare cosa è richiesto per ottenere
la
transizione
desiderata.
Ci
sono
quattro
possibili transizioni dallo stato presente a
quello successivo. Il simbolo X nelle tabelle
rappresenta la condizione di don't-care, che può
ovviamente essere sia "1" che "0".
PROCEDURA DI PROGETTO
Il progetto di un circuito sequenziale con
clock parte da un set di specifiche e termina con
circuito logico o una lista di funzioni Booleane
dalle quali si può ottenere un circuito.
Il primo tabella di stato o un diagramma di
stato
Un circuito sequenziale sincrono è composto da
flip-flop e da un certo numero di porte. Il
progetto consiste nella scelta dei flip-flop e nel
determinare
una
struttura
combinatoria
che,
insieme ai flip-flop, produce le evoluzioni degli
stati che ci si era proposti con il set di
specifiche.
Il numero dei flip-flop, come già in parte
anticipato, è condizionato dal numero di stati
distinti necessari.
La procedura di progetto si può sintetizzare
in un certo numero di step raccomandati:
1) Avere una descrizione a parole del circuito
che si vorrebbe realizzare. Questo può essere
accompagnato
da
un
diagramma
di
stato,
un
diagramma
temporale
o
altre
informazioni
pertinenti il circuito che si vuole realizzare.
2) Da queste informazioni ottenute al punto 1)
ricavare una tabella di stato
3) Assegnare il valore binario a ciascuno
stato se la tabella di stato ricavata negli step
precedente era di di tipo letterale.
4)
Determinare
il
numero
di
flip-flop
necessari ed assegnare un simbolo identificativo a
ciascuno.
5)
Scegliere
il
tipo
di
flip-flop
da
utilizzare.
6) Dalla tabella di stato, derivare il
circuito di eccitazione e la tavola di uscita.
7) Utilizzare le mappe o qualsiasi altro
metodo di semplificazione; derivare quindi i
circuiti funzione di uscita e funzione di ingresso
al flip-flop.
8) Disegnare il circuito logico.
Per la scelta dei flip-flop da adoperare un
principio da seguire potrebbe essere quello di
utilizzare dei flip-flop di tipo JK nella quasi
totalità dei casi per la sua estrema versatilità,
utilizzare tipi di flip-flop SR o D nel caso di
applicazioni rivolte al trasferimento di dati
mentre riservare l'uso del tipo T ai casi di
applicazioni di complementazione (ad esempio nel
caso di contatori binari).
Consideriamo una realizzazione come esempio:
sia dato il diagramma di stato indicato in figura
Si decida l'uso di flip-flop di tipo JK per la
sua realizzazione.
Osservando il diagramma di stato vediamo che
sono necessari quattro stati con valore binario
già assegnato. Le linee di collegamento fra stati
contengono un solo numero binario che si riferirà
all'ingresso, in particolare ad una singola
variabile
di
ingresso.
Non
è
presente
una
variabile di uscita ( e da presumere che gli stati
dei
flip-flop
costituiscono
l'uscita
del
circuito).
Con quattro stati occorreranno 2 flip-flop che
identificheremo con (A) e (B), la variabile di
ingresso la identificheremo con "x".
Costruiamo la tabella di stato partendo dal
diagramma di cui disponiamo
Stato
presente
A
0
0
1
1
Stato
successivo
x= 0
x = 1
A
B
A B
B
0
1
0
1
0
1
1
1
0
0
0
1
0
0
1
0
1
1
1
0
Il
passo
successivo
è
la
tabella
di
eccitazione.
Per rendere più facile la costruzione di
questa tabella modifichiamo la realizzazione della
tabella
di
stato.
In
pratica
cerchiamo
di
realizzare la tabella di stato come se fosse una
tabella di verità, considerando tutti i casi sulla
stessa colonna. Riportiamo nella stessa tabella le
condizioni di ingresso dei flip-flop
Ingresso
circuiti
combinat.
Stato IN Stato
Pres
Succ
A
B x A
B
0
0
0
0
0
1
0
0
0
1
Uscita circuiti
combinatori
Ingresso
flop
JA
KA
0
0
x
x
FlipJB
KB
0
1
x
x
0
0
1
1
1
1
1
1
0
0
1
1
0
1
0
1
0
1
1
0
1
1
1
0
0
1
0
1
1
0
1
0
x
x
x
x
x
x
0
0
0
1
x
x
0
1
x
x
1
0
x
x
0
1
Nelle quattro colonne relative alle entrate
dei
due
flip-flop
troviamo
la
lista
delle
condizioni relative a tutti gli ingressi.
Per esempio nella prima riga noi abbiamo una
transizione del flip-flop (A) dallo stato presente
(0) a quello successivo (0), noi abbiamo visto che
una tale transizione si ha con J = 0 e K = X come
troviamo nella colonna JA e KA e così anche per
tutti gli altri casi.
Analizziamo meglio la situazione per valutare
le informazioni ricavabili dalla tabella completa
sopra riportata. Noi sappiamo che un circuito
sequenziale è formato da un certo numero di flipflop e da una rete combinatoria. Dobbiamo quindi
realizzare
un
blocco,
relativo
alla
rete
combinatoria, con un ingresso relativo alla
variabile di ingresso "x" ed altri quattro
ingressi provenienti dalle uscite relative agli
stati presenti. Ci saranno quattro uscite che
rappresentano gli ingressi dei due flip-flop (
quattro in questo caso perchè si tratta di flipflop di tipo JK). Il circuito quindi sarà del tipo
indicato in figura
Ciascuna delle colonne relative alle uscite
del
circuito
combinatorio,
che
in
realtà
corrisponde all'entrata del relativo flip-flop,
può essere vista come una tabella di verità e
risolta con le stesse regole relative a questo
tipo di tabella. Ad essa quindi possiamo applicare
le
regole
delle
mappe
per
un
eventuale
semplificazione. Avremo allora la costruzione di
quattro mappe con tre ingressi ( due stati
presenti e un ingresso "x").
La rete combinatoria sarà allora
JA
KA
JB
KB
=
=
=
=
Bx'
Bx
x
Ax+A'x'= A nor exclusive x
Il circuito completo e definitivo, sarà quello
riportato in figura
lo stato iniziale del circuito sequenziale.
Con l'accensione del circuito un sistema digitale
si porta ad uno stato non conosciuto. Normalmente
si introduce un ingresso manuale o automatico di
master-reset che provvede ad inizializzare gli
stati di tutti i flip-flop. Tipicamente, il
master-reset è un segnale applicato a tutti i
flip-flop in modo asincrono prima che il clock
divenga attivo.
In molti casi i flip-flop vengono resettati da
questo segnale di master-reset, ma alcuni possono
anche posti nello stato di set ( "1").
Nel nostro caso lo stato iniziale corrisponde
a 001, in questo caso quindi i tre flip-flop non
vanno resettati.
Affrontiamo adesso un altro problema.
Un altro esempio di macchina sequenziale è un
circuito che segue una prescritta sequenza di
stati finchè viene applicato un segnale di clock,
questo è il caso del contatore.
Il segnale di ingresso in questo caso è l'impulso
da contare.
In un contatore la sequenza degli stati può
seguire un conteggio binario o una qualsiasi
diversa sequenza di stati.
I contatori sono dei circuiti che si trovano in
molti sistemi digitali.
Il contatore che segue la sequenza binaria è
detto "contatore binario";
un contatore ad n-bit è realizzato impiegando n
flip-flop e può contare da 0 ad 2 elevato ad n
meno uno.
Come esempio consideriamo un contatore a tre bit;
la sequenza degli stati e quindi il diagramma
degli stati è riportato in figura
La sequenza di conteggio di un contatore a 3bit binario è riportata nella tabella che segue
Sequenza di
conteggio
A2
A1
A0
0
0
0
0
1
1
1
1
0
0
1
1
0
0
1
1
0
1
0
1
0
1
0
1
Ingresso F/F
TA2
0
0
0
1
0
0
0
1
TA1
TA0
0
1
0
1
0
1
0
1
1
1
1
1
1
1
1
1
Questa tabella praticamente è la tabella di
eccitazione perchè in essa sono riportate le
colonne relative ai flip-flop adoperati; come si
vede sono indicati dei flip-flop di tipo "T",
molto convenienti, come detto prima, per la
realizzazione di contatori.
A
questo
punto
determiniamo
la
rete
combinatoria prendendo le singole colonne relative
agli ingressi TA come delle tabelle di verità;
quindi utilizziamo le mappe per cercare di
ottenere
delle
semplificazioni
cercando
di
abbassare i costi di realizzazione.
Realizzeremo tre mappe una relativa a TA0, una
relativa a TA1 ed infine una relativa a TA2
Ricaviamo
quindi
l'equazione
ciascun ingresso di flip-flop
TA2
= A1A0
relativa
a
TA1
TA0
= A0
= 1
Il circuito logico o diagramma è riportato in figura
Passiamo ad un altro esempio; un contatore non
deve avere una sola sequenza; realizziamo un
contatore che ripeta una sequenza di sei stati nel
modo indicato nella tabella
Sequenza
conteggio
A
B
0
0
0
1
1
1
C
0
0
1
0
0
1
0
1
0
0
1
0
Si voglia realizzarlo utilizzando dei flipflop di tipo JK, la tabella di eccitazione va
realizzata
tenendo
conto
della
tabella
di
eccitazione del flip-flop JK.
la tabella di eccitazione
Sequenza
conteggio
A
B
C
0
0
0
1
0
0
1
0
0
1
0
0
Ingresso Flip-flop
JA
KA
JB
KB
JC
KC
0
0
1
x
x
x
x
0
0
1
x
0
x
x
1
x
1
x
0
1
x
1
x
x
1
1
0
1
1
0
x
x
0
1
1
x
x
1
x
0
1
x
Tracciando le sei mappe ed effettuando
possibili semplificazioni otteniamo :
JA = B
JB = C
JC = B’
le
KA = B
KB = 1
KC = 1
Il diagramma del circuito sarà quello indicato
in figura 25
Fig. 25
Gli stati utilizzati per la realizzazione
della macchina non sono tutti quelli possibili, vi
sono due stati "011" e "111" che non sono stati
considerati e nelle mappe sono stati utilizzati
come "x". Considerando di trovarsi in questi due
stati è importante conoscere in quali stati si
passa con l'arrivo del segnale di clock.
Consideriamo il caso "011"
in
questo
caso
avremo,
considerando
le
equazioni di ingresso ai flip-flop:
JC = B'=0
KC=1 = 1
JB=QC=1
KB=1=1
si ha il reset
si ha il complemento
del flip-flop
JA=B=1
KA=B=1
si ha il complemento
del flip-flop
Dallo stato "011" si passa quindi allo stato "100"
Consideriamo il caso "111"
in
questo
caso
avremo,
considerando
equazioni di ingresso ai flip-flop:
JC = B'=0
KC=1 = 1
JB=C=1
KB=1=1
JA=B=0
KA=B=1
le
si ha il reset
del flip-flop
si ha il complemento
del flip-flop
si ha il reset
del flip-flop
Dallo stato "111" si passa quindi allo stato "000"
In entrambi i casi con il segnale di clock si
passa ad uno stato che rientra nel funzionamento
della macchina.
Il diagramma di stato relativo a questa
realizzazione è indicato in figura
REGISTRI, CONTATORI
registri
contatori
Un registro è un gruppo di celle di memoria
binaria necessaria per conservare informazioni
binarie.
Un gruppo di flip-flop costituisce un registro
mentre un flip-flop costituisce una cella di
memoria
capace
di
conservare
un
bit
di
informazione.
Un registro ad "n" bit contiene "n" flip-flop
Un contatore è essenzialmente un registro che
segue
una
sequenza
di
stati
predeterminata
cadenzata dall'applicazione di un impulso di
ingresso.
REGISTRI
Vi sono vari tipi di registri che si trovano
sotto
forma
di
integrati.
Il
più
semplice
possibile è quello che è realizzato utilizzando
solo flip-flop senza alcuna porta esterna. Questo
tipo di componente a 4 bit è riportato in figura
Il trasferimento di un nuova informazione in
un registro è normalmente un operazione di carico
"load".
Se tutti i bit del registro vengono caricati
simultaneamente con un singolo impulso di clock
allora diciamo che il caricamento dei dati è del
tipo
"parallelo".
Un
impulso
applicato
all'ingresso di clock caricherà tutti e quattro i
bit.
Uno schema che risponde a questo tipo di
funzionamento è riportato in figura
REGISTRI A SCORRIMENTO
Un registro capace di far scorrere la sua
informazione binaria verso destra o verso sinistra
viene detto "shift register".
La configurazione logica di un registro a
scorrimento consiste di una catena di flip-flop
connessi in cascata, con l'uscita di un flip-flop
collegata all'ingresso del successivo flip-flop.
Tutti i flip-flop ricevono un comune impulso di
clock che determina lo scorrimento da uno stadio
al successivo.
Il registro a scorrimento più semplice che
impiega solo flip-flop è riportato in figura 1
Questo tipo di registro trova largo impiego
nella conversione di dati dallo stato seriale a
quello parallelo.
Si intuisce facilmente come sia possibile
realizzare dei registri del tipo "parallel-in,
serial-output"; la struttura generale di un tale
tipo di dispositivo è riportata in figura
E' immediata la realizzazione di registri del
tipo "parallel-input, parallel-output"
CONTATORI
Il
nome
di
contatore
viene
in
genere
utilizzato per indicare un qualsiasi circuito
sequenziale che contiene un diagramma con un
singolo ciclo.
Il modulo del contatore è il numero degli
stati relativi al ciclo. Un contatore con un
numero di “m” stati viene detto “contatore modulo
m”.
Scarica
Random flashcards
Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard