Comunicato Gennaio - Febbraio 2009

annuncio pubblicitario
NOTIZIE STAMPA
GENNAIO-FEBBRAIO 2009
Ufficio Turistico Ungherese
Via Giotto, 3 - 20145 Milano
Tel.: (+39) 0248195434 ● Fax: (+39) 0248010268
E-mail: [email protected][email protected]
www.turismoungherese.it
Cari Amici dell’Ungheria
il nostro Paese, terra di grandi tradizioni e di vivace ispirazione, è una destinazione di notevole interesse per
quanti amano il turismo culturale, con manifestazioni di pregio e destinazioni importanti per le diverse
testimonianze nelle quali si è espresso, durante i secoli, il genio creatore ungherese.
Nel 2009 l’attività promozionale dell’Ente del Turismo Ungherese si focalizzerà sulle mete del turismo
culturale, con l’obiettivo di far conoscere luoghi e iniziative a tutti gli appassionati del settore, incluse
ovviamente tradizioni altrettanto significative per la cultura vissuta dell’Ungheria, cioè il suo ricco patrimonio
enogastronomico. Musica e musei nel nostro Paese sono pertanto i temi cui dedichiamo questo primo numero
del nostro bollettino, inclusi gli eventi che caratterizzeranno l’«addio all’inverno», cioè il Carnevale e le
manifestazioni legate all’arrivo della primavera.
Come sempre, rimaniamo a vostra disposizione per gli approfondimenti sulle notizie presenti in questo bollettino,
per l’invio di materiale fotografico e per qualsiasi altra informazione sull’Ungheria.
Con i migliori saluti
Anita Obrofta
Direttrice
Roberta Renko
Addetta stampa
In questo numero
TURISMO E CULTURA, UN GRANDE 2009 IN UNGHERIA
MUSICA D’AUTORE, GENIO D’UNGHERIA
 L’indomabile passione degli ungheresi
 Tutto Haydn 2009 (e non solo). Il paradiso della musica nella «Versailles ungherese»
MUSEO DELLE BELLE ARTI DI BUDAPEST
 In mostra Alfons Mucha
ADDIO ALL’INVERNO: ARTE, FOLCLORE, TRADIZIONI
 Carnevale dei «busó» a Mohács
 Festival Primaverile di Budapest
IN OFFERTA FINO AL 31 MARZO: 4 NOTTI A BUDAPEST AL PREZZO DI 3
MUSICA D’AUTORE, GENIO D’UNGHERIA
Haydn, Liszt e altri grandi: concerti ed eventi nel 2009
L’INDOMABILE PASSIONE DEGLI UNGHERESI
Per gli ungheresi la musica ha sempre avuto e ha tutt'oggi un grande significato.
Ferenc Liszt (Franz secondo la denominazione tedesca) è colui che più di altri incarna il mito della musica in
terra magiara, rappresentandone in tutto il mondo il simbolo e la stella più luminosa. Di sangue tedesco, ma
profondamente ungherese nell’anima – come sempre si è dichiarato – Liszt (1811-1886) fu venerato dalle corti
di tutta Europa per il suo estro e il suo virtuosismo. Un genio che poteva permettersi di giocare a fare il divo
gettando al pubblico i suoi guanti di seta!
Un secolo prima di Liszt, culla della musica in Ungheria fu il Castello Eszterhazy a Fertod, dove a lungo
risuonarono le note di un altro grande compositore: Joseph Haydn. Il grande musicista, nato in Austria vicino
al confine ungherese, fu per trent'anni (1761-1790) maestro di cappella in Ungheria, appunto nel castello di
Fertod, costruito nel 1760 dal principe Miklos Esterhazy (anch’egli musicista). Nel 2009, in occasione del 200°
anniversario della sua morte, numerose manifestazioni ne ricorderanno in Ungheria il genio musicale.
Il Teatro dell'Opera di Budapest fu, da parte sua, la culla della lirica in Ungheria, genere musicale che in pieno
Ottocento vide affermarsi Ferenc Erkel, autore delle più famose opere ungheresi. Ma più della lirica furono il
varietà e l'operetta a far parlare dell'Ungheria in tutta Europa, soprattutto agli inizi del Novecento, quando
l’operetta raggiunse il suo apogeo con l'austro-ungarico Ferenc (Franz) Lehar (1870-1948), autore della
«Vedova allegra». Il genere portò in auge anche i nomi di Jeno Huszka e Imre Kalman: quest'ultimo, ne «La
principessa della ciarda», si ispirò a motivi folclorici ripresi dalla tradizione tzigana.
Rapporti e differenze tra la musica tzigana (cioè degli zingari, che in verità non è neppure quella suonata dalle
orchestrine dei ristoranti) e la musica folclorica ungherese (alla cui base ci sono canto popolare pentatonico e
lontane eco della musica mongola) sono stati attentamente studiati e messi in luce da una coppia di geniali
musicisti: Bela Bartok (1881-1945) e Zoltan Kodaly (1882-1967). Questi due compositori attraversarono, agli
inizi del Novecento, paesi e villaggi dell’Ungheria alla ricerca – con passione e rigore filologico – delle fonti
primarie della tradizione. Il loro lavoro portò al recupero di un patrimonio etnico-musicale altrimenti destinato a
scomparire. In particolare Bartok, uno dei maggiori compositori del XX secolo (cui si devono, tra l’altro, l'opera
lirica «Il castello di Barbablù» e la pantomima «Il mandarino meraviglioso»), studiò e si ispirò alla musica
popolare contadina non solo magiara, ma anche rumena e slovacca, inserendole nel genere contemporaneo e
rendendole di dominio pubblico.
TUTTO HAYDN 2009 (E NON SOLO). EVENTI E MANIFESTAZIONI IN UNGHERIA
Festival per tutti i gusti
Vivace e quanto mai vitale, il paesaggio musicale ungherese è oggi costellato da importanti manifestazioni –
previste anche per il 2009 – come ad esempio la Gara internazionale di giovani direttori d'orchestra (che si
tiene ogni quattro anni a Budapest), il Festival di Primavera (che richiama ogni anno a Budapest musicisti di
fama mondiale), il Festival Liszt a Sopron (in luglio), il Festival Haydn a Eszterhaza, il Festival dell'opera lirica
a Miskolc, il Festival internazionale dell'arpa a Godollo.
L’anno di Haydn
Nel 2009, in particolare, tutto il mondo celebrerà il 200° anniversario della morte di Haydn. In Ungheria sono
previste diverse manifestazioni commemorative, che avranno il loro centro a Fertod, dove per trent’anni Haydn
fu maestro di cappella alla corte del principe Miklos Esterhazy. Concerti, festival, conferenze celebreranno la
memoria di questo genio della musica. Per un calendario aggiornato delle manifestazioni di maggior richiamo
dell’anno commemorativo, consultare periodicamente nel corso dell'anno il sito www.haydn-2009.hu
Fertod, paradiso della musica nella Versailles d'Ungheria
Oltre agli eventi speciali previsti quest'anno per le celebrazioni di Haydn 2009, si tiene annualmente nel
castello di Fertod il Festival Haydn, prestigiosa manifestazione musicale organizzata già dal 1959 in occasione
del 150° anniversario della morte di Joseph Haydn. Il festival rievoca con grande efficacia l’atmosfera di quel
"paradiso della musica" che era il castello di Fertod – piccola località sul lago Ferto (Neusiedler See)
nell'Ungheria occidentale, non lontano da Sopron e a meno di 200 km da Budapest – all'epoca di Haydn:
scenografie originali, strumenti musicali d'epoca e interpretazione rigorosamente tradizionale dei capolavori
del maestro assicurano ogni anno grande successo alla manifestazione. La maggior parte dei concerti si tiene
nella sala d'onore (stupenda e dotata di un'acustica eccezionale), mentre altri artisti si esibiscono nella sala a
pian terreno, dall'atmosfera più intima e raccolta.
Di grande interesse è lo stesso castello, che sorge appunto a Fertod. È uno fra i castelli più belli e più grandi
dell’Ungheria, figlio dell'amore per il fasto della nobile famiglia Esterhazy, desiderosa di riscattare le origini
della propria dinastia, appartenente alla nobiltà minore d'Ungheria. Più che un castello, infatti, gli Esterhazy
fecero costruire un vero e proprio complesso architettonico che si meritò a buon diritto il nome di "Versailles
ungherese", progettato (in stile barocco-rococò) prendendo a modello proprio la reggia del Re Sole. Di
particolare interesse la doppia scalinata a ventaglio che conduce al primo piano del corpo centrale dell'edificio,
mentre nel retro il palazzo si affaccia su un grande parco alla francese, con ampi viali geometrici. Il parco
ospita anche piccoli edifici secondari, come il teatro dell'opera, il teatro delle marionette, la casetta cinese, i
templi di Diana, di Venere, della Fortuna, del Sole e splendide scuderie.
I lavori di costruzione del castello iniziarono nel 1763, per volere dell’ambizioso Miklos Esterhazy,
soprannominato "il Fastoso", che commissionando il palazzo asserì: «Tutto quello che può fare il Kaiser, io
posso farlo meglio». Miklos fu anche grande mecenate e volle alla propria corte Joseph Haydn, che qui
compose oltre 700 opere. Haydn divenne così direttore dell'orchestra di corte e organizzatore della vita
artistica musicale locale. I balli in maschera e le feste di gala date a palazzo da Miklos Esterhazy, insieme
all'orchestra diretta da Haydn, ebbero grande fama all’epoca in tutta Europa: il castello Esterhazy, ad esempio,
era frequentato spesso dall’imperatrice Maria Teresa d'Asburgo, che era solita affermare: «Se voglio vedere
un'opera decente devo andare a Eszterhaza».
Dopo la morte del principe Miklos, la famiglia spostò la propria sede a Kismarton (Eisenstadt), per essere più
vicina alla corte di Vienna. Ebbe allora inizio un lento processo di decadimento del castello e del parco, cui si
aggiunsero i gravi danni procurati dalla seconda Guerra Mondiale. Diversi lavori di restauro successivamente
avviati e tuttora in corso hanno consentito al castello di riacquistare gradualmente il suo antico splendore. Così
una parte del complesso architettonico è oggi aperta al pubblico sotto forma di museo: la Sala dei banchetti,
ad esempio, le cui bianche pareti sono impreziosite da ornamenti color oro, ha il soffitto interamente decorato
da un enorme affresco di «Apollo sul carro del sole» così riccamente elaborato che il carro di Apollo pare
dirigersi verso l'osservatore, in qualunque punto della sala costui si trovi. Nella stanza adiacente è custodita
una collezione di oggetti-ricordo di Haydn. La «Sala Terrena» volta ha pareti bianche, decorate da motivi
floreali color verde-argento, e soffitto affrescato con scene mitologiche. Infine si possono visitare le suites dei
principi e delle principesse, ben 26 delle 126 sale di tutto il complesso, il terrazzo per i rinfreschi e i Giardini
Francesi.
MUSEO DELLE BELLE ARTI DI BUDAPEST
Grandi mostre nella sede rinnovata
Il Museo delle Belle Arti di Budapest (piazza degli Eroi) costituisce una delle tappe di visita di maggior rilievo
tra i siti di carattere artistico della capitale. Una delle mostre temporanee più importanti del 2009 è dedicata ad
Alfons Mucha (1860-1939), pittore e scultore originario dell'odierna Repubblica Ceca (all’epoca Impero
Austro-Ungarico). La produzione di Mucha comprende moltissime opere – ripartite principalmente in dipinti,
grafica e manifesti pubblicitari – tutte influenzate dallo stile dell'Art Nouveau e a loro volta spesso riprese
nell'arte e nella pubblicità, con molti tentativi di imitazione, ma tutti con esiti notevolmente inferiori. La mostra si
terrà dal 20 marzo-7 giugno 2009 (www.szepmuveszeti.hu)
Completamente rinnovato all’esterno e all’interno nel 2006, anno del centenario, il Museo delle Belle Arti di
Budapest è un monumento di notevole valore artistico, in stile classicheggiante. Le sue collezioni provengono
in buona parte dallo storico Museo Nazionale Ungherese (creato nel 1802 e divenuto poi Pinacoteca
Nazionale) e sono state arricchite da altri lasciti e acquisizioni. Mostre permanenti sono la Collezione Egizia, la
Collezione Antica, la Galleria Antica, la Sezione di Scultura Antica e la Sezione Moderna. Le opere del Museo
sono ordinate cronologicamente per Paese e scuole. La collezione più prestigiosa è la sezione antica, mentre
la collezione più ampia è quella italiana, con dipinti di grandi maestri come Raffaello,Tiziano e Tintoretto. Di
straordinario pregio anche la collezione di arte spagnola, considerata la più grande del mondo dopo quella
conservata in Spagna, con opere di El Greco, Goya e Murillo.
Nei prossimi due anni il museo subirà il cambiamento più consistente dall’anno della sua inaugurazione nel
1906, diventando riferimento essenziale nella vita culturale di Budapest. La sua area prevedrà un
ampliamento di 9000 mq sottoterra, con ulteriori servizi come nuovi spazi d’esposizione, sala conferenze,
laboratorio per i bambini, punto shopping, ristorante, caffè. Il termine dei lavori è previsto nella prima metà del
2011 e immutato resterà comunque il scenografico allestimento di Piazza degli Eroi. All’inaugurazione del
2011 una retrospettiva dedicata a Paul Cézanne attenderà il pubblico.
Il Museo è aperto da martedì a domenica, dalle 10 alle 17.30; due volte al mese (settimane dispari) il giovedì
farà orario prolungato fino alle 22, con visite guidate a tema, percorsi espositivi particolari, concerti jazz.
ADDIO ALL’INVERNO
Appuntamenti con folclore, arte e tradizioni in Ungheria
CARNEVALE DEI «BUSÓ» A MOHÁCS: 19-24 febbraio 2009
Prende il nome dalla città in cui ha luogo ed è il più antico, importante e spettacolare evento del carnevale in
Ungheria. È il carnevale di Mohács – cittadina nel sud del Paese, porto commerciale sul Danubio tra i più
importanti – detto anche carnevale dei «busó» o «busójárás». Notevole lo sfondo storico di questa
manifestazione, originariamente antica festa popolare di derivazione serba, che vede in scena maschere
terrificanti di significato propiziatorio. La festa è diventata oggi un’importante attrazione turistica. In piazza Kóló
si radunano i «busó», uomini mascherati che raggiungono la piazza principale di Mohács al colpo di cannone.
I gruppi di «busó» sono divisi secondo la rispettiva «arma» posseduta: il cannone, la ruota del diavolo, il carro,
il corno, il trogolo, la barca ecc. Con gran frastuono, la domenica, queste maschere festeggiano il carnevale
lungo la riva del Danubio e nelle vie adiacenti; poi, all’imbrunire, tornano sulla piazza principale e, attorno a un
gran falò, improvvisano giochi e scherzi per i presenti. Anche il martedì grasso è naturalmente giorno di festa
per il popolo di Mohàcs, radunato sulla piazza principale della cittadina, dove si fa un gran falò e si brucia una
bara, simbolo della stagione invernale, per dare così il benvenuto alla primavera ormai alle porte.
Informazioni: www.mohacs.hu - E-mail: [email protected]
FESTIVAL PRIMAVERILE DI BUDAPEST: 20 marzo-5 aprile 2009
È la manifestazione annuale di cultura più prestigiosa dell’Ungheria, ufficialmente annoverata tra i primi cinque
festival internazionali, appuntamento che fa della capitale ungherese una meta di primo piano del turismo
culturale mondiale. Il Festival offre un’occasione unica agli amanti di diversi generi artistici – in primo e
principale luogo la musica – di apprezzare i più celebri interpreti dell’arte ungherese, insieme ad affermati
artisti provenienti da ogni parte del mondo. La varietà delle iniziative in programma è in grado anche
quest’anno di soddisfare tutti i gusti: concerti di musica classica, rappresentazioni teatrali, balletti, esposizioni,
spettacoli folcloristici e concerti di musica jazz sono tra i principali eventi della rassegna. Quest’anno numerosi
appuntamenti, di alto pregio artistico, saranno dedicati a Josef Haydn, in occasione del 200° anniversario della
sua morte. In generale, il ciclo di eventi in programma prevede circa duecento manifestazioni, programmate in
diversi luoghi della capitale; numerosi i concerti di musica classica e di musica leggera, insieme a serate
teatrali. Artisti di grande prestigio provenienti da tutto il mondo assicureranno, come sempre, al Festival
grande valore culturale. Programma dettagliato e informazioni: www.festivalcity.hu.
ANCORA IN OFFERTA FINO AL 31 MARZO
4 NOTTI NELLA CAPITALE AL PREZZO DI 3
CON LA «BUDAPEST WINTER INVASION»
Continua fino al 31 marzo 2009 la grande promozione «Budapest Winter Invasion», che offre 4 notti in hotel
della capitale al prezzo di 3. L’offerta, che ha riscosso finora un grande successo, vede la partecipazione di
circa 60 alberghi di Budapest convenzionati, con una varietà di scelta per tutti i gusti, assicurata da hotel a 3, 4
e 5 stelle. La promozione è realizzata in collaborazione con l’Ente del Turismo Ungherese ed è valida fino a
esaurimento dei posti letto. Per informazioni: www.budapestwinterinvasion.com
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

creare flashcard