Le civiltà della Mesopotamia SOMMARIO Mesopotamia = terra in

annuncio pubblicitario
Le civiltà della Mesopotamia
SOMMARIO
 Mesopotamia = terra in mezzo ai fiumi
 Lo sfruttamento idrico dei fiumi Tigri ed Eufrate favorì lo sviluppo di civiltà agricole e
urbane (opere di canalizzazione)
 La civiltà dei Sumeri si realizzò in città indipendenti le une dalle altre, tra il V e il IV secolo
a.C. : furono inventate la scrittura (cuneiforme) e le prime cosmogonie (racconti mitico –
religiosi sull’origine del mondo)
 Nel XVIII secolo a.C. il re di Babilonia Hammurabi, dopo aver unificato la Mesopotamia,
realizzò un Codice, che è il primo esempio di legge scritta pervenutoci.
La nascita delle città
Il Tigri e l’Eufrate, che nascono in Anatolia, al tempo dei Sumeri straripavano in modo
imprevedibile, creando difficoltà allo sviluppo dell’agricoltura.
I primi gruppi di contadini, però, impararono, nel corso di secoli, a regolamentarne le acque e,
attraverso canali regolati da chiuse, a regolare la distribuzione dell’acqua nei campi. In questo
modo, ma anche grazie all’uso dell’aratro, ottennero una maggiore produttività agricola.
La necessità di svolgere tali opere tramite un tipo di lavoro collettivo e organizzato fu la premessa
della nascita delle città, caratterizzate dalla vita sociale organizzata sul piano economico e politico.
In Mesopotamia si incontrarono etnie e culture diverse.
La civiltà urbana più antica mesopotamica è quella dei sumeri (V – IV millennio a.C.), che non
costituì uno Stato, ma varie città indipendenti (Kish, Nippur, Uruk, Ur, Eridu, Umma, Lagash).
Il territorio circostante le città veniva coltivato a orzo, frumento, miglio; la coltivazione richiedeva
l’uso di strumenti idonei e, perciò, i sumeri svilupparono un artigianato di valore (officine
metallurgiche, filatura, tessitura, ceramica) che produsse gli utensili necessari alle attività
economiche, ma anche oggetti ornamentali.
Economia, religione, politica
Il tempio era il centro del potere religioso, politico ed economico:
 i principi – sacerdoti ( en o lugal) gestivano i riti religiosi per ingraziarsi gli dei e sapevano
interpretare il futuro osservando il moto degli astri;
 presiedevano all’organizzazione economica:
 gestivano i lavori necessari all’agricoltura, soprattutto quelli idraulici;
 organizzavano i lavori pubblici;
 regolavano le attività artigianali e i commerci.
Accanto ai contadini, agli artigiani ed ai mercanti sorsero funzionari e scribi (addetti alla
registrazione delle entrate e delle uscite – quindi la scrittura fu ideata per rispondere a necessità di
carattere pratico).
I vari lavori venivano svolti anche da schiavi (prigionieri di guerra, debitori insolventi, figli
venduti), riconoscibili per una particolare acconciatura. Potevano sposarsi ed essere liberati dal
padrone.
Nel III millennio a.C. le questioni politiche e militari furono gestite dal re, che risiedeva e
governava dal palazzo; ai sacerdoti rimase lì amministrazione della città e la gestione dei riti (culto).
Il culto era fondato sull’adorazione di divinità antropomorfe, frutto della personificazione delle
forze naturali:

Anu, dio del cielo

Enlil, dio del vento

Enki, dio della terra

Nisaba, dea del grano

Inanna, dea della fertilità,

Utu, dio del Sole

Nanna, dio della Luna
Secondo i miti cosmogonici1 (spiegazioni dell’origine del mondo) dei sumeri all’inizio c’era il caos
(ammasso disordinato di materia); gli dei avevano creato la Terra, il cielo e gli uomini, garantendo
l’ordine dell’universo e della società.
Le ziqqurat (essere alto – costruire alto) sono templi a torre costruite dal 2100 al 500 a.C. ca.; assai
probabilmente simboleggiavano l’unione tra Terra e Cielo (uomini e dei)2
Nel III millennio fu inventata la scrittura cuneiforme3, incisa su tavolette di argilla.
I sumeri coltivarono l’astronomia e l’astrologia; crearono un calendario lunare sessagesimale 4;
sapevano fare calcoli anche complessi [divisione, moltiplicazione (inventarono la tavola per farle)
radice quadrata e cubica].
Il Codice di Hammurabi
Intorno al II millennio a.C. i sumeri subirono l’attacco di tribù semitiche di pastori e allevatori
(amorrei a nord, elamiti a sud) che provocò una lunga fase di disordine finché Hammurabi,
amorreo, non divenne re di Babilonia (1792 – 1750 a.C.), riunificando il paese. Inizia così la civiltà
babilonese, che raccolse e sviluppò la cultura tecnico-scientifica dei sumeri.
Hammurabi

rafforzò l’autorità del sovrano

produsse il primo Codice di legge scritta

promosse lo sviluppo economico (agricoltura, artigianato, commercio)

promosse la cultura artistica e letteraria5
Nel 1595 gli hittiti, con carri da guerra, distrussero la potenza babilonese. Babilonia fu poi
conquistata dai cassiti (1595 – 1150).
1
COSMOGONIA: dal greco kòsmos (ordine) + gonè (nascita)
Erodoto racconta la cerimonia della ierogamia (una sacerdotessa si univa carnalmente con il dio Marduk)
3
Basata su segni grafici a forma di cuneo
4
Basato sul numero 60
5
Venne rielaborato il poema di Gilgamesh, di origine sumerica: è la prima forma di epica conosciuta e narra le
avventure di G. e del suo amico Enkidu, mossi dal desiderio di comprendere il mistero della vita.
2
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

creare flashcard