Una città magica come Venezia si presta ad essere interpretata da

annuncio pubblicitario
VALERIO GIORA
PRETESTO & GESTO
Una città magica come Venezia si presta ad essere interpretata da un visionario come
Valerio Giora.
Nella rappresentazione che ne dà è inserito tutto il mondo di questo autore che fa
rivivere nelle sue tele la città delle contraddizioni che ne compromettono l’esistenza e
forse anche la sopravvivenza. Città mercificata, violata tanto che da questa analisi
fantastica emergono simboli noti: leone, gabbiano, S.Marco, S.Giorgio, Canal Grande
che vengono reinventati e riproposti con sagacia e fredda determinazione.
La sapienza pittorica aiuta in questo itinerario limpido ed emotivo, i contrasti di una
lettura importante in cui nessun particolare va dimenticato e salta all’occhio solo dopo
una attenta visione. Troppi sono i segnali per non notare come questa critica alla
condizione di una realtà poco protetta crei un danno alla raffinata eleganza di una
significativa costruzione urbana ineguagliabile.
Certamente la sua riproduzione visiva passa attraverso un occhio poetico e pittorico
che ne rispetta la bellezza e la originalità e che auspica il ripristino delle condizioni di
vita più corrette, giuste e rispettose; munitevi di una lente d’ingrandimento e di occhi
curiosi.
Nel dipingere Valerio Giora utilizza tutti i mezzi che permettono di riproporre la
magica realtà compromessa: no ai transatlantici nel Gran Canal, no alle spazzature ad
ogni angolo, no alle code maleducate , no agli schiamazzi nelle calli, no a tutto ciò che
ne lede l’immagine e la straordinarietà.
Chi ama un luogo, ne cerca il rispetto, se poi a richiederlo è Venezia, come si fa a non
rispondere con un omaggio così ricco e brillante.
Queste tele hanno colori lucidi, brillanti e luminosi, pur con dimensioni ridotte, quasi
miniature, e ci propongono un mondo da proteggere e da amare con tutte le sue
caratteristiche, tanto che la pittura che ne esce,ad olio su tela, sa trasmettere la
giusta emozione.
La denuncia è forte, ma viene proposta con un tocco pittorico profondo che sottolinea
la sincerità della stessa.
Ma chi è questo Valerio Giora che compone una sequenza pittorica così intensa e
particolare, se non un Don Chisciotte, di cui ne racconta le imprese in altrettante tele
in modo così puntuale, fino a farci pensare ad una forma di autobiografia nascosta?
Perché è vero, il cavaliere spagnolo è un eroe scomodo e perdente, come possiamo
essere in tanti, se poi nel lavoro e nella vita tentiamo di essere giusti e impegnati,
mentre nella realtà l’onestà non premia.
Allora resta il sogno, la fantasia, l’arte a rispondere ai nostri bisogni e a ripristinare la
giustizia.
L’eroe di Miguel de Cervantes ne emerge nel suo pieno vigore con a fianco, su un
asinello traballante, il buon Sancho Panza; è una storia sempre nuova, ma
interpretata dall’occhio del nostro pittore-poeta.
Francesca Cursi
19 ottobre 2016
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

creare flashcard