Visione d’insieme
DOMANDE E RISPOSTE SULL’UNITÀ
왘 Che cos’è la corrente elettrica?
● Nei conduttori metallici la corrente è un flusso di
elettroni. L’intensità della corrente è il rapporto tra
la quantità di carica q che passa in una sezione del
conduttore e l’intervallo di tempo in cui passa:
q
i=
Δt
● La corrente si misura in ampere (A).
왘 Come si misura l’intensità di corrente?
● Lo strumento che misura l’intensità di corrente è
l’amperometro. Esso deve essere inserito in serie all’utilizzatore. L’amperometro è tarato in ampere (A)
o milliampere (mA) o microampere (μA).
왘 Il contatore di casa è tarato in kWh
(kilowattora); che cosa significa?
● La resistenza di un conduttore è il rapporto tra la
d.d.p. applicata ai capi del conduttore e la corrente
che vi passa dentro:
ΔV
R=
i
In
alcuni
conduttori
tensione
e corrente sono di●
rettamente proporzionali, quindi R è costante (prima legge di Ohm).
왘 Che cos’è la resistenza equivalente?
● Se in un circuito ci sono più resistenze e passa una
corrente i, la resistenza equivalente è quella resistenza che, sostituita a tutte le altre, non modifica il valore della corrente i.
왘 Come si calcola la resistenza equivalente?
● La resistenza equivalente di più conduttori in serie è la somma di tutte le resistenze:
Re = R1 + R2 + R3 + …
● La resistenza equivalente di più conduttori in parallelo si calcola con la formula:
1
1
1
=
+
+…
Re R1 R2
● Per i circuiti più complessi, la resistenza equivalente si calcola con passaggi successivi.
왘 Come si suddivide la corrente in due
resistenze in parallelo?
● Nelle resistenze in parallelo la d.d.p. su ogni resistenza è la stessa, ma la corrente si suddivide nei rami
del parallelo in modo inversamente proporzionale
alla resistenza:
R1 : R2 = i2 : i1
왘 Da che cosa dipende la resistenza
di un conduttore?
● La resistenza dipende da quattro fattori:
– dalla lunghezza del conduttore;
– dall’area della sezione;
– dal tipo di materiale;
– dalla temperatura.
● La seconda legge di Ohm stabilisce un legame tra
resistenza, lunghezza e area della sezione:
ρ·l
R=
A
ρ è la resistività o resistenza specifica del materiale.
왘 La resistività di un conduttore è costante?
● No, in genere aumenta in modo lineare all’aumentare della temperatura.
왘 Come si suddivide la differenza di potenziale
fra due resistenze in serie?
● Nelle resistenze in serie la corrente in ogni singola
resistenza è la stessa, la d.d.p. agli estremi di ogni resistenza è direttamente proporzionale alla resistenza
stessa:
ΔV1 : ΔV2 = R1 : R2
왘 Come si muovono le cariche in un circuito
in cui è presente una cella elettrolitica?
● Dentro la cella elettrolitica la corrente è dovuta al
movimento di ioni positivi e ioni negativi; nel circuito esterno si muovono solo elettroni dal polo negativo a quello positivo.
LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 䡵 UNITÀ 16
Copyright © 2010 Zanichelli editore SpA, Bologna [6476] - Questo file è una estensione online del corso Ruffo Studiamo la materia Essenziale © Zanichelli 2010
F1
CARICHE E CORRENTI ELETTRICHE
왘 Che cos’è la resistenza elettrica?
● È l’effetto termico che la corrente produce quando attraversa un conduttore. La quantità di calore
prodotto in un conduttore ohmico dipende dalla resistenza, dalla corrente e dal tempo:
Q = R·i2·Δt
PARTE F
● Il contatore misura l’energia consumata dagli utenti e il kilowattora è l’unità di misura commerciale.
● 1 kWh è l’energia consumata da un utilizzatore
che assorbe la potenza di 1 kW per un’ora.
왘 Che cos’è l’effetto Joule?
Problemi
Unità 16 • La corrente elettrica continua
Lezione 1 ■ Il circuito elettrico e la corrente
1 PROBLEMA SVOLTO Una torcia elettrica che
funziona con una pila da 1,5 V, resta accesa per 1
minuto. Nella lampadina circola la corrente di intensità 0,40 A.
왘 Calcoliamo la quantità di carica che passa nella
sezione del filamento in un minuto e il lavoro fatto
dalla pila.
Soluzione Ricaviamo la carica dalla definizione
di intensità di corrente:
q = i⋅Δt = (0,40 A) × (60 s) = 24 C
La potenza assorbita è:
P = ΔV⋅i = (1,5 V) × (0,40 A) = 0,6 W
b) Calcoliamo la potenza assorbita con una d.d.p.
di 6,0 V.
Soluzione a) Poiché il conduttore è ohmico, possiamo applicare la prima legge di Ohm:
ΔV
3,0 V
=
= 300 Ω
i
0,01 A
La potenza assorbita è:
R=
P = ΔV⋅i = (3,0 V) × (0,01 A) = 0,03 W
b) Poiché nei conduttori ohmici intensità di corrente
e tensione sono direttamente proporzionali, con
una d.d.p. doppia anche la corrente sarà doppia,
perciò i = 20 mA (si trova lo stesso risultato applicando di nuovo la legge di Ohm).
Con una corrente di 20 mA = 0,02 A, la potenza è:
P = (300 Ω) × (0,02 A)2 = 0,12 W
perciò il lavoro fatto dalla pila è:
L = P⋅Δt = (0,6 W) × (60 s) = 36 J
Avremmo potuto calcolare il lavoro anche con la
formula:
L = q⋅ΔV = (24 C) × (1,5 V) = 36 J
2 Le domande che seguono si riferiscono al problema
precedente.
왘 Se il lavoro fatto dalla pila è 40 J, per quanto tempo
è rimasta accesa la lampadina?
왘 Quanti elettroni sono passati nella sezione del filamento della lampadina durante questo intervallo di
tempo?
3 Un amperometro, inserito in un circuito, segnala il
passaggio di 20 mA.
왘 Quanta carica attraversa una sezione del circuito in
un centesimo di secondo?
왘 Quanti elettroni passano attraverso la sezione del
circuito?
4 Una stufetta elettrica, collegata alla rete domestica
(220 V), può funzionare con due potenze diverse:
1000 W e 1200 W.
왘 Quale corrente passa nei due casi?
왘 In quale dei due casi consuma meno energia?
5 Su una lampadina sono scritti i seguenti valori: 60 W
e 220 V.
왘 Quale corrente attraversa la lampadina mentre
funziona?
왘 Qual è il lavoro che il generatore compie in un’ora
per far circolare quella corrente?
7 Un conduttore ohmico ha la resistenza di 150 Ω ed è
attraversato da una corrente di 40 mA.
왘 Calcola la tensione ai capi del conduttore e la potenza assorbita.
왘 Verifica che, se la tensione diventa tre volte più
grande, anche la potenza assorbita diventa tripla di
quella calcolata al punto precedente.
8 La resistenza della figura viene inserita in un circuito
elettrico in cui è presente una pila da 4,5 V, un amperometro e un voltmetro.
왘 Fai lo schema del circuito.
왘 Determina il valore della resistenza.
왘 Quale corrente segnala l’amperometro?
9 La curva caratteristica di un conduttore è una semi-
retta uscente dall’origine degli assi e passante per il
punto di coordinate (6,0 V; 8,0 mA).
왘 Traccia la curva caratteristica.
왘 Il conduttore segue la prima legge di Ohm?
왘 Calcola il valore della resistenza.
왘 Quale d.d.p. è necessaria per far passare dentro al
conduttore la corrente di 2,4 mA?
10 Considera un conduttore ohmico di resistenza 10 Ω.
Supponi di applicargli tensioni variabili fra 0 V e 12 V.
왘 Riporta sul quaderno la tabella seguente e completala.
ΔV (V)
Lezione 2 ■ La resistenza elettrica
6 PROBLEMA SVOLTO In un conduttore ohmico
circola la corrente di 10 mA quando è collegato a
una pila da 3,0 V.
a) Calcoliamo la resistenza del conduttore e la potenza assorbita.
F2
0
1
2
___
i (A)
___
___
___
___
P (W)
___
___
___
___
Disegna la curva caratteristica del conduttore.
Rappresenta con un grafico la potenza assorbita in
funzione dell’intensità di corrente.
왘
왘
UNITÀ 16 䡵 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA
Copyright © 2010 Zanichelli editore SpA, Bologna [6476] - Questo file è una estensione online del corso Ruffo Studiamo la materia Essenziale © Zanichelli 2010
VERIFICHE DI FINE UNITÀ
Lezione 3 ■ Resistenze in parallelo
11 PROBLEMA SVOLTO Una stufa, alimentata da
una d.d.p. di 220 V, è formata da due resistenze da
50 Ω in parallelo.
왘 Calcoliamo la potenza quando l’interruttore è
chiuso e quando è aperto.
15 Considera tre resistenze in parallelo R1 = 200 Ω,
R2 = 400 Ω e Rx incognita. Il circuito è alimentato da
una d.d.p. di 24 V, la corrente che arriva nel nodo del
parallelo è 0,48 A.
왘 Rappresenta la situazione con un disegno.
왘 Calcola la corrente che passa in ogni resistenza.
왘 Qual è il valore di Rx?
16 Un circuito è composto da 5 resistenze in parallelo,
R
T
R
ognuna di valore 20 Ω. In ogni resistenza circola una
corrente di 0,1 A.
왘 Disegna lo schema del circuito.
왘 Calcola la corrente che arriva nel nodo del parallelo.
왘 Qual è la resistenza equivalente del circuito?
왘 Quale d.d.p. fornisce il generatore?
Lezione 4 ■ Resistenze in serie
ΔV = 220 V
Soluzione Quando l’interruttore è aperto, la resistenza equivalente del circuito è 50 Ω:
i=
ΔV 220 V
=
= 4,4 A
R
50 Ω
17 PROBLEMA SVOLTO Due resistenze di 100 Ω e
200 Ω sono collegate in serie e il circuito è alimentato da una d.d.p. di 240 V. Calcoliamo:
a) la d.d.p. ai capi di ogni resistenza;
b) la potenza totale assorbita.
La potenza è:
R1 = 100 Ω
R2 = 200 Ω
PARTE F
P = ΔV·i = (220 V) × (4,4 A) = 968 W
Quando l’interruttore è chiuso:
Re = 25 Ω
i=
ΔV 220 V
=
= 8,8 A
Re
25 Ω
P = (220 V) × (8,8 A) = 1936 W
12 Modifica il circuito della figura precedente inserendo,
in parallelo alle prime due, un’altra resistenza da 50 Ω.
왘 Calcola la resistenza equivalente a interruttore
chiuso.
왘 Calcola la potenza dissipata su tutto il circuito.
13 Una lampada ha una potenza di 50 W, una stampante
di 400 W, un computer di 150 W. Sono in parallelo nello stesso circuito alimentato da una d.d.p. di 220 V.
왘 In quale dei tre utilizzatori passa la corrente maggiore?
왘 Calcola la resistenza equivalente.
왘 Qual è la potenza totale dissipata sul circuito?
왘 Se la stampante viene spenta, la potenza dissipata
aumenta o diminuisce?
ΔV = 240 V
Soluzione a) Resistenza equivalente del circuito:
Re = 100 Ω + 200 Ω = 300 Ω
Applichiamo la prima legge di Ohm al circuito
equivalente:
240 V
i=
= 0,80 A
300 Ω
d.d.p. ai capi di ogni resistenza:
ΔV1 = (0,80 A) × (100 Ω) = 80 V
ΔV2 = (0,80 A) × (200 Ω) = 160 V
b) La potenza assorbita da ogni resistenza è:
P1 = (80 V) × (0,8 A) = 64 W
P2 = (160 V) × (0,8 A) = 128 W
La potenza totale è:
P = P1 + P2 = 192 W
Si ottiene lo stesso risultato applicando la formula
P = ΔV·i all’intero circuito.
14 Ai capi di una resistenza di 100 Ω c’è una d.d.p. di 220 V.
Si inserisce una seconda resistenza in parallelo a quella esistente. La potenza totale è 726 W.
왘 Qual è la corrente che passa nel circuito?
왘 Calcola la potenza sulla resistenza da 100 Ω e su
quella aggiunta.
18 In serie alle resistenze del circuito precedente inserisci
una terza resistenza di 100 Ω.
왘 Disegna il circuito.
왘 Calcola la d.d.p. ai capi di ogni conduttore.
왘 Qual è la potenza totale assorbita?
LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 䡵 UNITÀ 16
Copyright © 2010 Zanichelli editore SpA, Bologna [6476] - Questo file è una estensione online del corso Ruffo Studiamo la materia Essenziale © Zanichelli 2010
F3
CARICHE E CORRENTI ELETTRICHE
1
1
1
2
=
+
=
Re 50 50 50
VERIFICHE DI FINE UNITÀ
Nello stesso circuito si inserisce una resistenza in serie
Rx. La potenza totale è 400 W.
왘 Qual è la corrente che passa nel circuito?
왘 Calcola il valore di Rx.
20 Un circuito è composto da 10 lampadine in serie; ogni
lampadina ha una resistenza di 20 Ω. Ai capi di ognuna c’è una d.d.p. di 1,2 V.
왘 Disegna lo schema del circuito.
왘 Qual è la resistenza equivalente del circuito?
왘 Quale d.d.p. fornisce il generatore?
왘 Quale potenza deve fornire il generatore per alimentare il circuito?
Lezione 5 ■ La seconda legge di Ohm
21 PROBLEMA SVOLTO Un conduttore cilindrico di
argento è lungo 2,0 m e ha un diametro di 4,0 mm.
a) Calcoliamo la resistenza.
b) Se il diametro fosse 2 mm invece di 4 mm, la resistenza sarebbe la metà?
Soluzione a) L’area della sezione del conduttore è:
A = π⋅r 2 = 3,14 × (2,0 mm)2 = 12,56 mm2
0,12
0,08
0,04
O
4
lunghezza (m)
6
8
25 La resistenza di un filo di rame è 0,054 Ω e la lunghezza
1,0 metro.
왘 Scrivi la seconda legge di Ohm, poi fai gli opportuni passaggi per ricavare l’area A.
왘 Calcola il valore dell’area.
왘 Qual è il diametro del filo?
왘 Se la resistenza fosse doppia, il diametro sarebbe un
quarto di quello calcolato nella risposta precedente?
Lezione 6 ■ Resistività e temperatura
La resistività dell’argento è 1,6 × 10–8 Ω⋅m, perciò:
–8
ρ⋅l
= (1,6 × 10 Ω⋅m) × (2,0 m) = 2,5 × 10–3 Ω
A
12,56 × 10–6 m2
b) No; se il diametro diventa la metà, l’area della
sezione diventa un quarto di 12,56 mm2 e la resistenza diventa 4 volte più grande:
R=
20 Ω. Introdotto in un forno caldo la sua resistenza
aumenta fino a 30 Ω.
왘 Calcola la temperatura del forno.
27 Rame e argento hanno resistività diversa.
왘 A 100 °C, quale dei due metalli ha maggiore resistività?
왘 A quale temperatura il rame ha la stessa resistività
dell’argento a 20 °C?
R = 4 × (2,5 × 10–3 Ω) = 10–2 Ω
22 Un filo di acciaio lungo 10 m ha una sezione di 1,0 cm2.
Calcola la sua resistenza.
Tenendo presente che la resistenza è direttamente
proporzionale alla lunghezza e inversamente proporzionale all’area, completa la seguente tabella.
왘
왘
l (m)
10
5
2,5
1
A (cm2)
1
1
0,5
0,5
___
___
___
___
28 Una lampadina ha una resistenza di 20 Ω quando è
spenta. Viene accesa collegandola a una d.d.p. di 220 V.
La resistenza aumenta a 120 Ω.
왘 Calcola la potenza nell’istante in cui viene accesa e
dopo che si è scaldata.
Lezione 7 ■ L’effetto termico della corrente
23 Due conduttori cilindrici hanno la stessa resistenza; uno
è di rame (lunghezza = 1,5 m e diametro = 0,4 mm),
l’altro è di acciaio (diametro = 0,6 cm).
왘 Calcola la resistenza del conduttore di rame.
왘 Qual è la lunghezza del conduttore di acciaio?
24 Nella figura è rappresentata la resistenza di un con-
duttore di acciaio in funzione della lunghezza.
F4
SCOTT MILLESS/SHUTTERSTOCK
2
A = 12,56 × 10–6 m2
R (Ω)
2
ALEXANDER KALINA / SHUTTERSTOCK
–6
0,16
26 Un conduttore di nichel a 20 °C ha una resistenza di
Poiché 1 mm = 1 × 10 m ,
2
왘 Mediante interpolazione, determina la resistenza
per l = 5 m.
왘 Qual è l’area della sezione del conduttore?
resistenza (Ω)
19 Una resistenza di 100 Ω è collegata a una d.d.p. di 220 V.
29 PROBLEMA SVOLTO Una resistenza di 60 Ω, ai
cui estremi è applicata una d.d.p. di 12 V, viene immersa in un recipiente contenente 1 kg di acqua.
왘 Calcoliamo il calore prodotto per effetto Joule in
un’ora e l’aumento di temperatura dell’acqua, nell’ipotesi che non ci siano dispersioni di calore.
UNITÀ 16 䡵 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA
Copyright © 2010 Zanichelli editore SpA, Bologna [6476] - Questo file è una estensione online del corso Ruffo Studiamo la materia Essenziale © Zanichelli 2010
VERIFICHE DI FINE UNITÀ
Soluzione La corrente che passa nella resistenza è:
i=
ΔV
12 V
=
= 0,2 A
R
60 Ω
Il calore che si produce per effetto Joule è:
Q = R⋅i 2⋅Δt
Q = (60 Ω) × (0,2 A)2 × (3600 s) = 8,64 × 103 J
Ricaviamo la variazione di temperatura dalla legge
della termologia:
Q = m⋅c⋅ΔT
8,64 × 103 J
ΔT =
= 2,1 °C
(1 kg) × (4180 J/kg°C)
30 A una resistenza di 50 Ω è applicata una d.d.p. di 24 V.
La resistenza è immersa per 10 minuti in un recipiente che contiene 2 kg di acqua a 20 °C.
왘 Quanta energia viene ceduta dalla resistenza per
effetto Joule?
왘 Calcola la temperatura finale dell’acqua, supponendo
che tutto il calore prodotto venga assorbito dall’acqua.
왘 Per quanto tempo dovrebbe circolare la stessa corrente per raddoppiare la temperatura iniziale dell’acqua?
31 Un ferro da stiro di resistenza 50 Ω è collegato a una
d.d.p. di 220 V.
왘 Calcola la potenza dissipata per effetto Joule.
왘 Quanto calore si produce in mezz’ora?
32 In un recipiente che contiene 10 litri di acqua a 18 °C
viene immersa una resistenza da 10 Ω. In 10 minuti,
l’acqua raggiunge una temperatura di 38,6 °C.
왘 Quale d.d.p. è stata applicata alla resistenza?
왘 Quale corrente è passata nella resistenza?
PARTE F
CARICHE E CORRENTI ELETTRICHE
Risposte
2 66,7 s; 1,67 × 1020
3 0,2 × 10–3 C; 0,13 × 1016
4 4,55 A; 5,45 A
5 0,27 A; 216 000 J
7 6 V; 0,24 W
9 750 Ω; 1,8 V
12 16,67 Ω; 2904 W
13 80,7 Ω; 600 W
14 726 W; 3,3 A; 484 W; 242 W
15 0,12 A; 0,06 A; 0,3 A; 80 Ω
16 0,5 A; 4 Ω; 2 V
18 60 V; 60 V; 120 V; 144 W
19 1,82 A; 21 Ω
20 200 Ω; 12 V; 0,72 W
22 2,0 × 10–2 Ω; 1,0 × 10–2 Ω;
1,0 × 10–2 Ω; 4,0 × 10–3 Ω
23 0,2 Ω; 113 m
24 0,1 Ω; 10–5 m2
25 3,1 × 10–7 m2; 0,63 mm
26 10 020 °C
27 4,9 °C
28 2420 W; 403,3 W
30 6912 J; 20,83 °C; 2,9 × 104 s
31 968 W; 1 742 400 J
32 119,8 V; 11,98 A
LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 䡵 UNITÀ 16
Copyright © 2010 Zanichelli editore SpA, Bologna [6476] - Questo file è una estensione online del corso Ruffo Studiamo la materia Essenziale © Zanichelli 2010
F5
Scarica

La corrente elettrica continua - Zanichelli online per la scuola