caricato da Sabina

Farsi un libro riassunto

annuncio pubblicitario
FARSI UN LIBRO
Parte 2:
“Caratteri eminenti”
Aldo Manuzio (1450-1515) è il primo editore moderno.
Si trasferisce nella Repubblica di Venezia, dove dove apre la sua
stamperia nel 1490.
Affida l’incisione dei punzoni a Francesco Griffo, che realizzerà il primo
corsivo a stampa ( particolarmente in uso per atti di cancelleria)
richiestogli da Manuzio.
I libri di Manuzio di grande qualità saranno diffusi in tutta l’Europa tanto
da essere spesso imitati/plagiati.
Griffo, dopo aver rotto con Manuzio, inciderà punzoni per le
edizioni pirata stampate a Lione con il marchio di Manuzio.
Griffo litigherà con vari editori; sarà poi impiccato per aver ucciso il
genero.
GARAMOND
Aldo Manuzio lascerà il segno in Italia con le sue edizioni, ma è il
Francia che ci sarà maggior fioritura tipografica.
Cloude Garamond sarà uno dei tanti stampatori che avrà grande
successo grazie all’eccellenza del suo alfabeto greco.
Egli sarà il primo ad usare il corsivo insieme al tondo ( come facciamo
adesso).
Inciderà nel 1545 il carattere “Garamond”.
1
BASKERVILLE
In Inghilterra nel 1600 la tipografia è sottosviluppata.
Le stamperie non avranno caratteri propri, cosi, saranno acquistati in
Olanda.
Sarà William Caslon a incidere caratteri “calligrafici”che presto si
diffonderanno e avranno grande successo.
Caslon si allontana progressivamente dall’incisione artigianale tradizionale,
E i suoi caratteri saranno realizzati con la penna a punta che permette segni
delicati e sottili ( e non più con la penna tagliata ).
Alla fine del 1500 si diffonde l’arte della calligrafia in Inghilterra,
John Baskerville sarà uno dei maestri calligrafi del periodo.
Dopo la morte del padre, Baskerville si occuperà della produzione di
<<Oggetti laccati>>, il successo è notevole.
Nel 1751 torna a fondere i caratteri.
Allestirà uno spazio nella sua casa in cui poter produrre la carta ( lucida e
levigata) sembrava fatta di seta che di lino.
Costruisce torchi da stampa e l’inchiostri.
Baskerville muore nel 1775, di lui si sa ben poco, morirà in condizioni
precarie.
BODONI
Nasce a Saluzzo nel 1740 e porta avanti il mestiere del padre:
stampatore e tipografo.
Si interessa alle lingue orientali.
Si trasferisce a Parma dove iniziano le prime stampe.
Ben presto sarà di fama nazionale, diventerà il tipografo di
Camera del re Carlo III di Spagna.
Sarà molto richiesto da principi, re e nobili.
Faceva grande attenzione ai dettagli e si allontanava dalla
decorazione nella pagina stampata.
2
I suoi lavori erano eleganti cosi come i suoi caratteri con grazie
(Bodoni) disegnate nel 1798 e caratterizzate da un alto contrasto
tra le linee spesse e quelle sottili.
Morirà nel 1813.
ROCKWELL
Alla fine del 1700, si moltiplica l’uso della tipografia e carta stampata.
Si incidono i caratteri sul legno, vengono usati i caratteri Gotici, ma i tipografi
ricercano altro…
Dai caratteri vengono eliminate le grazie, si ottiene cosi un carattere lineare/
bastone ( per la prima volta usati da Caslon, 1816)
Si diffondono i caratteri Egiziani, che saranno di due tipi:
1. Clarendon: realizzato nella fonderia della famiglia Caslon nel 1843.
2. Egizio: realizzato da Aldo Novarese per la Nebiolo di Torino, nel 1955.
Nel 1933 la Monotype inglese si decide di produrre un carattere per il
mercato americano, sarà chiamato <<Rockwell>> carattere molto utilizzato
ai tempi ma anche nei giorni nostri.
CENTURY
Nel 1789 in Francia viene inventata la fabbricazione meccanica della
carta ( nella cartiera della famiglia Didot).
Ci sarà una serie di tentativi per realizzare la composizione meccanica
dei caratteri.
Nel 1800 ci saranno due invenzioni negli Stati Uniti, di due macchine:
Linotype: fonde un’intera riga di caratteri (1886)
Monotype: fonde ciascuna lettera separatamente (1889)
Successivamente, De Vine commissiona a Benton un lavoro, doveva
realizzare un carattere per la rivista Century chiamato appunto
<<Century>>.
3
Il figlio di De Vine, Morris Fuller inventerà il carattere Franklin Gothic
ed il News Gothic, carattere senza grazie, compresso ed equilibrato.
Carattere molto usato negli Stati Uniti.
Stamperie private e calligrafia
William Morris impianta nel 1891 la sua stamperia privata: la Kelmscott
Press.
Le stamperie private porteranno in primo piano le arti della calligrafia e la
ricerca di nuovi caratteri.
In questo periodo le Arti Applicate nella 2 metà del 1800 con l’obiettivo di
valorizzare le lavorazioni artigianali soffocate dall’industrializzazione.
Da qui si svilupperà il Design che si occuperà della progettazione della
forma dei prodotti industriali.
Franck Pick è l’esempio di designer che ha una “visione umanitaria" nei
confronti del design perché crede che il suo fine deve essere “l’utilità
sociale”.
Ridisegnerà l’identità visiva della metropolitana di Londra ed il famoso
diagramma delle linee dell’Underground.
GILL
Eric Gill: scultore,incisore,artista e artigiano.
Nemico dell’industrializzazione e un’eccezionale incisore su pietra.
Ai tempi Stanley Morrison decide di incidere l’alfabeto moderno, chiederà a
Gill di realizzare un carattere senza grazie per la Monotype, quest’ultimo
realizzerà il Gill Sans (1927) e nel (1928) il Perpetua.
FUTURA
Paul Renner progetta il Futura nel (1927) partendo dal ridisegno di un
alfabeto creato da un suo studente.
Renner presenterà il suo carattere alla V Triennale di Milano.
4
TIMES
Nel 1932 viene realizzato il giornale The Times interamente con il carattere
Times New Roman dalla Monotype Corporation.
HELVETICA
Il carattere Helvetica è un redesign dell’Akzidenz Grotesk ( prodotto dalla
fonderia tedesca Berthold).
Questo sarà ridisegnato da Max Miedinger nel 1957 per la fonderia Haas
conosciuto come Haas Grotesk e poi Helvetica.
Carattere neutro e formale.
UNIVERS
Univers progettato dallo svizzero Adrian Frutiger nel 1957.
Il carattere è quasi identico all’Helvetica ma in realtà ci sono delle differenze.
Nel 1976 realizzerà il carattere Frutiger.
OPTIMA
Herman Zapf nasce a Norimberga nel 1918, era apprendista come
ritoccatore di foto in una tipografia.
Studia calligrafia come autodidatta. Nel 1938 viene accettato dalla fonderia
Stempbel di Francoforte.
Nel 1976 realizzerà il Manuale tipografico con tutte le sue composizioni
tipografiche; questo assicurerà a Zapf il riconoscimento alla confraternita
internazionale dei Calligrafi.
Nel 1951 farà un viaggio in Italia per studiare le iscrizioni su pietra a Firenze,
queste erano delle iscrizioni lapidarie romane su cui sarà basato il prossimo
carattere da lui realizzato: Optima con struttura classica e senza grazie, un
carattere molto elegante.
5
6
Scarica
Random flashcards
Present simple

2 Carte lambertigiorgia

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard