caricato da Utente1993

La Rivoluzione francese. I - Francois Furet

annuncio pubblicitario
François Furet Denis Richet .
LA RIVOLUZIONE
FRANCESE I
EDITORI LATERZA
Titolo dell'edizione originale
La Révolution française
© Librairie Hachette et Société d'Études
et de Publications économiques, Paris 1965
© Librairie Arthème Fayard, Paris 1973
Traduzione di Silvia Brilli Cattarini e Carla Patanè
FRANçOIS FURET E DENIS RICHET
LA RIVOLUZIONE
FRANCESE
VOLUME PRIMO
EDITORI LATERZA
1988
Proprietà letteraria riservata
Gius. Laterza & Figli Spa, Roma-Bari
Finito di stampare nel maggio 1988
nello stabilimento d'arti grafiche Gius. Laterza & Figli, Bari
PREFAZIONE ALL'EDIZIONE ITALIANA
La Rivoluzione francese si inscrive in una duplice conti­
nuità, nazionale ed europea. Poiché essa scoppiò in Francia,
era giusto cercarne le origini remote - come hanno tentato
di fare Tocqueville, Guizot e Michelet - nella crisi subita
dalla società dell'antica Francia medievale nel XV e XVI se­
colo, nella costruzione, da Richelieu in poi, del sistema asso­
lutistico e della ridistribuzione sociale in esso implicita 1, e
infine nelle conseguenze lontane della duplice rivoluzione
scientifica e filosofica del XVII secolo. Ma l'impatto violento
e durevole dei fatti accaduti in Francia dal 1789 al 1793
sull'intero emisfero occidentale sarebbe incomprensibile se
non li ricollocassimo nel loro contesto europeo e nel lungo
periodo.
A partire dal XIV secolo, e quanto meno al livello delle
élites, il regno dei gigli è attraversato dalla profonda rivo­
luzione culturale che investe in blocco la Repubblica cristiana
e che troverà nelle università italiane del XVI secolo i suoi
principali epicentri 2• Più che di un Rinascimento, si tratta
dell'emergenza, in seno e ai margini della religione tradizio­
nale, di atteggiamenti nuovi, di nuovi comportamenti e di
nuovi modi di vivere. Per molto tempo l'attenzione degli
storici è stata quasi completamente assorbita dagli aspetti
intellettuali o istituzionali di questa silenziosa rivoluzione,
1 Cfr. D. Richet, La France moderne: l'Esprit des Institutions, Paris 1973.
2 Sulla loro influenza in Francia v. H. Buisson, Le rationalisme dans
la littérature française de la Renaissance, Paris 1957.
VI
Prefazione all'edizione italiana
ossia dal vertice dell'iceberg; e indubbiamente la lunga strada
dell'ateismo, le scoperte di Newton e di Spinoza, la riforma
luterana e quella calvinista e le rivoluzioni inglesi del XVII
secolo ne sono i segni più evidenti. Tuttavia, a un livello
inferiore, l'es·senziale va cercato nelle trasformazioni del1'etica europea. Nell'Europa del concilio di Trento come in
quella protestante la fede indietreggia incalzata dalla morale
che tutto invade; morale purificatrice e conquistatrice che
aggredisce ogni vestigio di civiltà medievale, elimina le usanze
considerate superstiziose, impone la scuola al bambino, rin­
chiude i pazzi e perseguita i poveri e i vagabondi 3• Natural­
mente emergono delle differenze a seconda dei luoghi e dei
tempi. In Spagna, in Portogallo e nel Mezzogiorno italiano
le resistenze dell'antica cultura, adottate dagli ordini mendi­
canti, sono più profonde ed efficaci che in Francia, nei Paesi
Bassi e nell'Italia del Nord. È qui, in quest'Europa densa­
mente popolata e altamente urbanizzata, che il progresso
segna dei punti a proprio vantaggio.
Nel XVIII secolo il movimento si approfondisce, si allarga
e diventa sempre più trionfalmente conquistatore. Si appro­
fondisce nel senso che strati sempre più bassi della società
accedono alla nuovo cultura, come provano i progressi del1'alfabetizzazione e dell'istruzione; è ciò che Pierre Chaunu
ha definito l'effetto moltiplicatore dei Lumi 4• Si allarga, in
quanto nell'Est e nel Sud europeo l'Aufklarung conquista
nuove posizioni, mentre. le idee nuove trovano un terreno
particolarmente fertile nelle colonie di popolamento d'oltre­
atlantico. Lo Stato stesso è ormai indifeso dalle pressioni
riformistiche borghesi e nobiliari, e lo provano i successi dei
« despoti » o dei ministri illuminati.
Negli anni 1776-1780 il movimento sembra tuttavia arre­
starsi, almeno nella vecchia Europa. Mentre le tredici colonie
inglesi dell'America del Nord stanno per dar vita a un mondo
nuovo, la reazione contro le riforme trionfa un po' dapper3
4
Cfr. P. Chaunu, La Civilisation de l'Europe classique, Paris 1966.
P. Chaunu, La Civilisation de l'Europe des Lumières, Paris 1971.
Prefazione all'edizione italiana
VII
tutto. Non parliamo della Francia, dove la caduta in disgrazia
di Turgot (1776) pone :6.ne a tante speranze. Ma in Porto­
gallo, dopo la morte di José I (1777), Pombal viene destituito
e la sua opera interrotta; in Spagna l'avvento al trono di
Carlo IV (1788) dà via libera agli avversari delle riforme,
mentre a Napoli e a Parma è il momento della resistenza.
Prima a Versailles, poi a Parigi, la Rivoluzione scoppierà in
una congiuntura di riflusso a livello europeo.
Da quando questo libro è stato scritto, quasi dieci anni
fa 5, molti importanti lavori hanno approfondito o trasformato
certi dati della Rivoluzione francese, mentre alcune interpre­
tazioni da noi proposte hanno suscitato o riacceso molte pole­
miche. Tenere conto degli uni e controbattere le altre ci
avrebbe costretto a riscrivere il libro; abbiamo perciò prefe­
rito limitarci a ripubblicarlo, facendolo precedere da alcune
riflessioni preliminari sotto forma di avvertimento al lettore.
L'oggetto di questa sintesi - la Rivoluzione francese è ancora caro alla sensibilità politica contemporanea, sebbene
in realtà abbia ormai cessato di rappresentare la posta in
gioco di vere lotte politiche o di autentici conflitti ideologici;
oggi, la funzione commemorativa 6 di qualsiasi storia della
Rivoluzione francese è sempre più nettamente distinta dal
suo contributo alla conoscenza. Ecco perché, anche in Francia,
la classica contrapposizione fra storiografia accademica e tra­
dizione universitaria neogiacobina deve far posto all'indagine
e a più aperti dibattiti.
Basterà, in questa sede, indicarne le grandi linee, riesa­
minando il nostro testo sia alla luce delle critiche mossegli
che a quella della parte di consenso che tali critiche riscuo­
tono presso di noi. Dopo la pubblicazione di questo libro,
le nostre prospettive sono alquanto mutate, soprattutto in
merito al problema delle origini e della natura dell'esplosione
rivoluzionaria.
La Révolution française, 2 voli., Paris 1965.
F. Furet, Le catéchisme révolutionnaire, in « Annales (Economies­
Sociétés-Civilisations) », marzo-aprile 1971, n. 2.
5
6
VIII
Prefazione alt'edizione italiana
Quanto alle origini, abbiamo detto più sopra quale sia la
complessa trama in cui vanno collocate. Ma nessuna rivolu­
zione è riconducibile a una spiegazione di tipo strutturale;
le sue modalità non sono « inevitabili », inscritte nelle con­
traddizioni sociali o nella congiuntura economica.
Bisogna restituire al mero fatto rivoluzionario, all'evento,
il suo specifico ruolo di creatore di discontinuità storica 7• Il
cattivo raccolto del 1788, che influisce cosl profondamente
sulla mobilitazione delle masse rurali, deve la sua dignità di
evento del massimo rilievo unicamente alle circostanze meteo­
rologiche; e Luigi XVI non firmò certo il trattato commer­
ciale franco-inglese nell'intento di coronare la crisi che
l'avrebbe travolto! Le origini della Rivoluzione francese, in­
somma, sono semplici soltanto per le anime semplici, e nella
parte di questo libro ad esse consacrata temiamo purtroppo
di avere un poco ceduto a quest'illusione e a questa facilità.
Il nostro rammarico è unito indubbiamente a una constata­
zione che è insieme un auspicio: l'approfondimento delle
ricerche sulle origini della Rivoluzione francese comporta un
imperativo logico, l'accettazione di una sua componente acci­
dentale, e un imperativo propriamente storico, ossia l'analisi
nel lungo periodo della vecchia società e dell'antica monarchia.
Si può parlare, del resto, di una Rivoluzione francese?
Certo sl se la si considera come una rottura decisiva o una
azione fondamentale, concetto insito nell'ipotesi di lavoro.
Ma se, come nel caso del nostro libro, se ne rifà la storia
delle modalità, certamente no. Alla Rivoluzione francese con­
cepita come un tutto unico, abbiamo contrapposto l'idea di
uno scontro fra rivoluzioni molteplici, mettendo cosl in sub­
buglio la critica. Se ammettiamo la specificità dei movimenti
rurali e urbani - e come non ammetterla, dopo i lavori di
Georges Lefebvre, di Daniel Guérin e di Albert Soboul? 8
perché insistere nel supporre una fondamentale unità là
7 Sul « ricorso dell'evento» nelle scienze sociali, v. gli acuti articoli
di E. Le Roy Ladurie e E. Morin nella rivista « Communications »,
1972, n. 18.
8 V. la nostra Bibliografi.a.
Prefazione alt'edizione italiana
IX
dove vediamo soltanto differenza e addirittura antagonismo?
Gli studi più notevoli sul contado - e in particolare quelli
di P. Bois 9 - hanno tuttavia rafforzato la nostra convinzione
dell'autonomia delle diverse rivoluzioni e controrivoluzioni.
Che il programma delle élites delle Accademie o delle Società
scientifiche fosse identico a quello dei contadini della Sarthe
o degli artigiani parigini ci sembra una teoria indimostrabile.
Delle tre rivoluzioni, quella che pone i maggiori problemi
è la prima. Rivoluzione borghese, come vorrebbe la storio­
grafia imperante, o Rivoluzione di un'élite e dei Lumi? 10• Su
questo punto il nostro libro è tuttora incerto. L'ulteriore
ori�ntamento delle nostre ricerche 11 ci spinge a rifiutare il
concetto di rivoluzione borghese come chiave dell'esplosione
liberatoria del 1789. Probabilmente una corrente illuministica
omogenea non è mai esistita, e fra sensibilità nobiliare e sen­
sibilità borghese si intravvedono dei contrasti che dovrebbero
essere accuratamente delimitati. Ma nel XVIII secolo il rifiuto
del dispotismo e la rivendicazione liberale allineano gran
parte della nobiltà agli strati superiori del Terzo Stato. Igno­
rare l'ossessionante presenza della monarchia assoluta nel ri­
fiuto e nella generale rivolta sarebbe come rimanere sordi al
grido dei contemporanei.
Sul susseguirsi dei fatti, dal 1789 al 1798, poco resta da
aggiungere o togliere alla nostra narrazione. Sono tre le
nostre analisi principalmente prese di mira dalla critica 12:
lo slittamento della Rivoluzione, il senso della lotta fra Giron­
dini e Montagnardi e il significato del movimento sanculotto
dell'anno II. Riesaminiamole brevemente.
Battezzando « slittamento » della Rivoluzione la svolta
imboccata dal movimento rivoluzionario fra il 1791 e il 1792,
non abbiamo inteso sottolineare una preferenza soggettiva per
9 P. Bois, Les paysans de l'Ouest, Le Mans 1966; 2• ed. abbreviata,
Paris 1971.
1° Cfr. G. Taylor, Non Capitalist Wealth and the Origins o/ the
French Revolution, in « American Historical Review », gennaio 1967.
11 D. Richet, Elites et despotisme, in « Annales (Economies-Sociétés­
Civilisations) », 1969, n. 1.
X
Prefazione ali'edizione italiana
il periodo precedente, né situare arbitrariamente rispetto a
un modello astratto un imprecisato incidente di percorso. Si
trattava - e si tratta tuttora - di ridare la giusta colloca­
zione agli episodi generati dalla guerra e alle forme di ditta­
tura e di terrore adottate dalla Rivoluzione rispetto ai pro­
grammi dei Costituenti e alle ulteriori realizzazioni del XIX
secolo. Anche in questo caso, il nostro riferimento fonda­
mentale è il lungo periodo. Come negare che, nella formi­
dabile spinta liberale che domina la Francia dal 1570 al 1850
e che segnerà col suo marchio uomini e istituzioni, il Terrore
sia stato soltanto una breve parentesi, una controcorrente?
La pretesa ch'esso fosse necessario al trionfo della Rivolu­
zione liberale rientra nel campo della metafisica finalistica,
e non in quello della Storia.
Nonostante l'ipotesi di Albert Mathiez 13, nemmeno il con­
flitto fra Girondini e Montagnardi ci sembra una manifesta­
zione di rivalità sociale. Ciò che sappiamo della biografia dei
maggiori leader Girondini o Montagnardi ci induce a respin­
gere quest'affermazione piuttosto dogmatica e non compro­
vata. Gli argomenti che ci sono stati opposti sono ancora tut­
t'altro che verificabili. Ci viene concesso che l'appartenenza
sociale dei Girondini e dei Montagnardi era su per giù la
stessa (avvocati, magistrati, giornalisti), osservando però che
i primi sarebbero stati i portavoce degli interessi commerciali.
La mediazione concreta fra i presunti ispiratori di un discorso
e coloro che lo pronunciano essendo indimostrabile, si resta
nell'ambiguo campo dell'apriorismo.
A proposito dei sanculotti, ci siamo fondati sull'opera
anticipatrice di Daniel Guérin e sulla tesi di Albert Soboul,
cercando inoltre di gettare una luce nuova su quei settori
dell'inconscio collettivo rivelati da gesti e comportamenti riu Soprattutto C. Mazauric, Sur un nouvelle conception de la
Révolution, recensione del nostro libro pubblicata in « Annales histo­
riques de la Révolution française » - ripresa in Sur la Révolution fran­
çaise, Paris 1970 - cui F. Furet ha replicato nell'articolo citato alla
nota 6.
13 Cfr. la nostra Bibliografia.
Prefazione alt'edizione italiana
XI
tuali, e sugli evidenti rapporti di filiazione esistenti con certe
rivolte anteriori, quali quelle della fine del XVI secolo e del­
l'inizio del XVII. Sotto il primo aspetto, riconosciamo sen­
z'altro di essere stati troppo audaci, ma non perché i riferi­
menti psicoanalitici ci paiano infondati 14, bensl perché richie­
derebbero un lavoro enorme, molto al di sopra delle nostre
ambizioni. Nella presente edizione, pertanto, li abbiamo sop­
pressi. Quanto ai rapporti di continuità fra la Lega, la Fronda
e la rivoluzione dei sanculotti, essi continuano a sembrarci
importantissimi, ma meritano di essere ricollocati in un pro­
cesso più complesso, l'enorme sforzo di acculturazione com­
piuto nel corso di due secoli dalla Chiesa, dallo Stato e dalle
élites intellettuali. Sforzo che ottiene due risultati contrastanti
ma congiunti: da un lato l'accesso alla nuova cultura di un
sempre più ampio settore delle classi inferiori, dall'altro
traumatismi e resistenze spesso inconsce al brutale sradica­
mento della cultura antica. La strenua resistenza delle masse
alla distruzione del proprio equilibrio ancestrale era stata
schiacciata fra gli ultimi trent'anni del XVII secolo e i primi
trenta del XVIII, residuando al livello delle nostalgie e dei
fantasmi, come un fiume sotterraneo. Tale corrente riappare
vigorosissima fra i sanculotti parigini. Ma la cultura delle
élites ha ormai dato i suoi frutti. Più largamente alfabetizzato
grazie ai contatti dei suoi strati superiori con la scuola e la
filosofia illuministica, il popolo del 1793 assomiglia solo
molto vagamente ai suoi antenati del tempo della Lega o delle
cieche sommosse antifiscali, partecipe com'è attraverso mille
vie diverse dei valori degli ambienti dominanti.
Resta un ultimo punto, che la critica ha trascurato. Si
tratta di una Rivoluzione francese o di una Rivoluzione
europea? Lanciato qualche anno fa da Jacques Godechot e
R. P. Palmer 15, il concetto di « rivoluzione atlantica » non
ci è sembrato accettabile per almeno due ragioni. Porre sullo
stesso piano alcuni brevi incidenti senza domani scoppiati
14
15
Cfr. A. Besançon, Histoire et expérience du Moi, Paris 1972.
V. la nostra Bibliografia.
Prefazione alt'edizione italiana
XII
a Londra o a Liegi, e la rivoluzione nordamericana e quella
francese, equivale a minimizzare pericolosamente l'originalità
e la portata di queste ultime; e viceversa sarebbe ingiusto
limitare alle sponde atlantiche un movimento che, come ab­
biamo visto, travagliava da secoli tutto il vecchio continente,
e di cui l'impennata francese non può nasconderci l'esten­
sione fino alle frange mediterranee od orientali considerate
più arretrate.
Il vero problema - cui in questo libro abbiamo consa­
crato uno spazio larghissimo - è l'intrico delle correnti d'im­
portanza generale ( come ad esempio la lotta contro i diritti
feudali o quella per l'introduzione di un codice civile) in un
contesto nazionale specifico determinato dal retaggio dei
secoli passati, i rapporti sociali e le tradizioni culturali. Ab­
biamo affrontato questo problema in aperta e deliberata rot­
tura col tabù sciovinista scaturito dal messianismo rivolu­
zionario che ha impregnato la storiografia francese al punto
di identificare la Francia con la causa del progresso; il che
ci ha valso la stupida accusa di essere animati da un « par­
tito preso antinazionale » 16• Si tratta in realtà di rapporti
complessi, fatti di interazioni, in cui la congiuntura politico­
militare e gli individui hanno un ruolo che modifica in ma­
niera fondamentale i vecchi dati strutturali.
Prendiamo l'Italia del 1796 17, dov'è evidentissimo tutto
ciò che la prepara ad accogliere le più importanti caratteri­
stiche dell'esperienza francese: la prosperità del XVIII secolo,
il rafforzarsi delle élites urbane che, nel Nord della penisola,
aspirano alla libertà e alle riforme, l'odio dei contadini contro
il prelievo ecclesiastico e feudale; e dov'è inoltre evidente
quella carica rivoluzionaria supplementare che è l'aspirazione
- minoritaria - all'unità nazionale. Ma dobbiamo anche
riconoscere tutto ciò che vi preannuncia un terribile falli­
mento. I centri riformatori sono isolati l'uno dall'altro dal
frazionamento dinastico e culturale e, quel ch'è peggio, lon16
17
V. nota 12.
V. il capitolo X.
Prefazione alt' edizione italiana
XIII
tanissimi da un contado senza terra col quale la grande
alleanza dell'89 - quella dei proprietari - sembra impos­
sibile. Il giacobinismo italiano, per quanto importante come
germe di futuro, era condannato a breve scadenza. Le condi­
zioni interne erano più favorevoli a una rivoluzione mode­
rata e riformatrice che a uno scardinamento rivoluzionario.
E, soprattutto, tutto dipendeva dalla Francia, dai suoi diri­
genti e dai suoi generali . Ora, sia per il governo che per
l'opinione illuminata, l'Italia era solo una posta in gioco
diplomatica e un paese da saccheggiare e sfruttare. I francesi
miravano a servirsi dei patrioti italiani, non a servirli. Si po­
teva amare la Rivoluzione pur rifiutando la presenza francese?
La creazione della « Lega nera » e le rivolte del Monferrato
e dell'Astigiano nel 1799 sono i sintomi di una profonda
contraddizione. Essi esprimono l'ambiguità dell'espansionismo
francese ma rivoluzionario che semina in Europa delle spe­
ranze i cui frutti saranno raccolti solo contro la Francia, e
annunciano il dramma spagnolo del 1 808 e quello tedesco
del 1 8 1 1 .
Anche l'Italia avrebbe contribuito, suo malgrado, alla
deviazione del corso della storia in Francia. Napoleone Bona­
parte vide chiaramente nella Repubblica cispadana il regime
da lui sognato, il regime che avrebbe imposto a Parigi dopo
brumaio: una Repubblica arista-democratica in cui la libertà
civile non si sarebbe accompagnata a « rivoluzioni e delitti »,
un regime di notabili che avrebbero accettato docilmente
l'onnipotenza dell'esecutivo a patto che proteggesse la loro
proprietà conquistatrice. Sarebbe stato possibile tutto questo
senza l'immenso lavoro di demolizione e ricostruzione realiz­
zato dal 1789 al 179 1 dall'Assemblea costituente? Non deve
forse l'Europa all'espansionismo rivoluzionario, con le sue
devastazioni, la sua barbarie e le sue ruberie, la travagliata
nascita della società nuova di cui era gravida?
STORIA
DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE
Parte prima
DAGLI STATI GENERALI AL 9 TERMIDORO
I
LA FRANCIA DI LUIGI XVI 1
La Bastiglia ha troppo costretto I' Ancien Régime nel
proprio simbolo. La Storia deve definirlo innanzitutto nella
sua realtà quotidiana, di sistema economico antiquato. La
lotta degli uomini per strappare alla natura le condizioni
materiali della vita - e soprattutto il pane - mantiene
le sue caratteristiche secolari : schiacciante prevalenza della
produzione agricola nella ricchezza nazionale, scarsa produt­
tività del lavoro, fragilità dell'instabile equilibrio fra il nu­
mero degli uomini e il volume delle sussistenze. Sia nei
fatti sia nel modo di pensare, si tratta di un'economia di
sopravvivenza in cui il meccanismo combinato della routine
di mestiere, della demografia affidata alla natura e dei ca1 Sono utilizzati principalmente: A. de Tocqueville, J. Jaurés,
H. Taine, opp. citt. nella bibliografia; G. Lefebvre, E. Labrousse, opp.
citt. nella bibliografia; P. Bois, opp. citt. nella bibliografia; P. de Saint­
Jacob, Les paysans de la Bourgogne du Nord au XVIIJe siècle, Paris
1961; E. Labrousse, Les paysan français des physiocrates à nos ;ours
(dispense ciclostilate Cedes, s. d.); E. Faure, La disgrdce de Turgot,
Paris 1962; H. Liithy, La banque protestante en France, vol. II, Paris
1961; R. Forster, The Nobility o/ Toulouse in the XVIIIth Century,
Baltimore 1960; M. Reinhard, Élite et noblesse dans la seconde moitié
du XVIIJe siècle, in « Revue d'histoire moderne et conte.mporaine »,
1956; F. Bluche, L'origine sociale du personnel ministériel français au
XVIIJe siècle, in « Bulletin de la Société d'histoire moderne et contem­
poraine », 1957; R. Mousnier, Réflexions critiques su, la notion d'abso­
lutisme, in « Bulletin de la Société d'histoire moderne et contempo­
raine », 1955.
4
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
pricci climatici permette soltanto, nel breve periodo, la spe­
ranza di una buona annata o il terrore di un'annata cat­
tiva. La lunga stasi delle ricchezze prodotte si è instaurata
attraverso le convulsioni di breve periodo ; lo sviluppo eco­
nomico e l'ottimismo del benessere materiale saranno idee
rivoluzionarie.
Dunque, per un francese dell'Ancien Régime, alla base
di tutto c'è la terra, la coltivazione dei bleds 2 e i suoi
« modi » tradizionali: i diversi tipi di rotazione, molto più
complessi di quanto non faccia pensare la tradizionale con­
trapposizione triennale-biennale, lasciano gran parte della
terra incolta, e la comunità contadina manda il suo sparuto
gregge a pascolare sul maggese dell'anno. Si miete col fal­
cetto, si batte il grano con il correggiato o sotto gli zoccoli
del bestiame; assai più spesso dell'aratro a versoio, è l'an­
tico aratro di legno tirato da un bue che scalfisce quella
terra così poco redditizia, visto che in media il raccolto
sta al grano seminato nel rapporto di cinque o sei a uno.
Ciò nonostante, il raccolto generalmente riesce a sfa­
mare il paese. Ma se capita una cattiva annata, il cattivo
tempo, il gelo, la grandine o la siccità, o peggio ancora la
guerra col suo strascico di saccheggi, il panorama econo­
mico e sociale è dominato dalla penuria dei cereali, ed
ecco allora l'incetta, le impennate dei prezzi, il caropane,
accompagnati da effetti sociali selettivi: nelle città e nelle
campagne, la mortalità conseguente alla carestia pialla via
l'eccedenza demografica degli strati più poveri, e riporta
il numero dei bambini e degli uomini a un livello compa­
tibile con le ricchezze prodotte. Così accade nel 1 709 - di
tutte la crisi più celebre - e nel 1 74 1 . Cessato l'allarme,
finita la « purga », la convalescenza sociale si organizza
intorno alla norma, ossia al livello della precarietà.
Ma nella Francia antica la terra non è soggetta soltanto
all'arcaicità tecnologica e ai capricci del clima, ma è do2 Bled o blet (Xl sec.), forme di blé , grano o cereali in genere
[ N.d.T. ] .
I. La Francia di Luigi XVI
5
minata inoltre quasi interamente dalla signoria. Soprav­
vivenza del tempo antico in cui il signore, in cambio di
certe prestazioni agricole, proteggeva gli uomini della sua
mouvance 3 e abbassava il ponte levatoio per accoglierli in
caso di pericolo, non esistono in pratica terre che non di­
pendano dall'antico « diritto eminente » del signore e non
siano perciò debitrici di diritti « feudali », minuziosamente
catalogati al castello dove si sta bene attenti a non farli
.cadere in prescrizione. Certo, dopo lo sviluppo economico
del XVI secolo, borghesi delle città e plebei arricchitisi
col commercio o con l'usura sono riusciti a infiltrarsi nel­
l'organizzazione feudale e a comprare delle signorie. Ma
durante il XVIII secolo questi nuovi arrivati si integrano
alla nobiltà sempre più raramente, e del resto ciò avviene
quasi sempre tramite la nobilitazione concessa dal re o ac­
quisita col servizio nell'alta burocrazia monarchica. È que­
sta la ragione per cui in generale la nobiltà è rimasta
padrona dei suoi secolari possedimenti, immensi perché
comprendono sia le terre che essa fa coltivare direttamente,
sia quelle su cui percepisce i vecchi censi « ricognitivi »
dei suoi obblighi di un tempo. A tutto ciò, per quanto
riguarda il clero, va aggiunto il reddito supplementare della
decima, corrispondente a circa un ventesimo di tutti i rac­
colti del regno. Il privilegio fiscale, ossia l'esenzione dalla
taglia, corona infine quest'enorme ricchezza fondiaria.
Ecco dunque le basi della preponderanza dei primi due
ordini del regno di Francia : il clero e la nobiltà non vi­
vono soltanto dei redditi dei loro possedimenti agricoli,
ma anche del prelievo annuo di una percentuale secolare
sul lavoro rurale globale. Il piccolo proprietario contadino,
tanto comune nell'antica Francia - circa metà delle terre
coltivabili del regno è suddivisa fra milioni di proprie­
tari - deve al signore una quantità di diritti in denaro
o in natura. Pochi sono gli atti della vita rurale che non
3 Anticamente, feudo che dipendeva da un altro feudo (mouvance
passive ) o da cui dipendevano altri feudi (mouvance active) [N.d.T. ] .
6
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
comportino per lui il prezzo di un riscatto : il raccolto an­
nuo, la mietitura, la vendemmia, l'eventuale vendita del
suo terreno, ecc. E dovunque, sulle terre che dipendono
dalla sua mouvance, il signore va a caccia quando e come
vuole, fra il grano maturo e sull'erba dei prati. Egli è il
padrone delle sue terre, non colui che le coltiva: la reddi­
tività è una preoccupazione borghese.
;:
Tutto questo è nell'ordine sociale, perché, sebbene fondata sulla terra, la superiorità del clero e della nobiltà è
incisa anche negli animi. L'ordine sociale non è tale sol­
tanto di fatto, ma anche di diritto divino, e ciò significa
che non procede da un libero accordo fra gli uomini, bensl
dall'unanime riconoscimento di una gerarchia voluta da
Dio; ed è perciò che l'empietà è sinonimo di anarchia.
Essa però è rara e poco pericolosa, perché è silenziosa e
limitata a certe ristrette sfere della società colta. La massa
della popolazione, pochissimo istruita e murata nella vita
più rigidamente locale, non ha alcun mezzo per rimettere
in discussione l'antica fede che cementa la piramide sociale.
E se anche lo potesse, mai gliene verrebbe l'idea: la
la sua vita quotidiana e le sue abitudini mentali sono
tutte fondate sulla religione, che scande l'esistenza indivi­
duale e collettiva vissuta all'ombra dei vecchi campanili
in cui l'orologio del villaggio segna per tutti lo scorrere
del tempo. Dalla nascita alla morte, lungo i giorni di festa
come lungo i giorni di doldre, il calendario della vita è
sempre dominato dalla Chiesa e dal prete.
Ma in questa scala di legittimità che condiziona tutta
la società politica, da Dio fino al più umile suddito del
regno, al vertice della gerarchia temporale e al di sopra
dei signori, esiste un relais fondamentale : il re di Francia,
incarnazione ereditaria dell'antica monarchia. Si tratta di
un re assoluto, i cui diritti procedono soltanto da Dio;
« padre » di tutti i suoi sudditi, proprietario « eminente »
del regno intero e proprietario diretto di sconfinati posse­
dimenti fondiari, ha tutti i poteri, quei poteri che oggi
I. La Francia di Luigi XVI
7
siamo abituati a distinguere, ossia l'esecutivo, il legislativo
e il giudiziario. Egli è diventato il capo di una burocrazia
centralizzata il cui cuore è al castello di Versailles, e di
cui l'immensa e complessa macchina fiscale costituisce in­
dubbiamente il più importante ingranaggio.
Sebbene assoluta, come tutto ciò che promana da Dio,
questa monarchia è comunque opera del tempo. I re di
Francia l'hanno costruita nel corso dei secoli, e soprattutto
da Enrico IV in poi, sulle rovine dell'antica potenza ter­
ritoriale dei signori e mediante l'asservimento politico
della nobiltà, costretta al servizio del re e al servilismo di
corte; e il re di Francia ne ha derivato una specie di du­
plice natura : è sempre colui che era in origine, il signore
dei signori, il più grande proprietario feudale del regno;
ma la monarchia assoluta si è costruita anche attraverso
il superamento delle origini signorili, diventando simbolo
nazionale, amministrazione pubblica, anima e controllo
della vita economica, arbitrato negli interessi sociali domi­
nanti. La sua potenza non ha abolito tutti i privilegi locali
del passato, ma ha ancorato l'autorità statale alla fragilità
economica e alle gerarchie sociali dell'antica Francia.
Questo è l'antico sistema, questo è l'Ancien Régime.
Attraverso le incertezze stagionali e congiunturali, esso
bene o male garantisce la riproduzione delle ricchezze e
degli uomini, e attraverso una disuguaglianza sociale regi­
strata non soltanto nella povertà dei raccolti, ma anche
nel diritto e nella tradizione, assicura la coesione del regno.
Fondato sulla conservazione dei privilegi signorili, ma pure
scaturito dal decadimento politico della nobiltà e dal con­
senso religioso della maggioranza, l'assolutismo regio è un
potere equilibratore che corona tutto l'insieme. E tale
equilibrio non è quello dell'immobilità, bensl quello dei
ritocchi successivi, della riforma prudentemente praticata
dalla regia burocrazia senza mai mettere in discussione né
compromettere il sistema globale.
8
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
E allora, perché 1 ' 89 ? Dove e quando, nel XVIII se­
colo francese, vanno individuati i punti di rottura di que­
sto secolare equilibrio ?
Innanzitutto, paradossalmente, nella sua ricchezza.
Ecco la grande novità: l' 8 9 non è il coronamento di un
secolo povero, ma esplode anzi alla fine di un secolo ricco,
in un paese ricco. Ricco relativamente, certo, ricco rispetto
al recente passato e alla maggior parte dei paesi vicini;
ricco tuttavia di una prosperità e di una felicità economica
che è uno dei segreti del XVIII secolo francese.
Non tutto è misurabile, in questo movimento la cui
tendenza generale è evidentissima. Il secolo ha scoperto
solo lentamente il valore della statistica economica, lascian­
doci soltanto un materiale documentario assai incompleto.
È impossibile valutare con certezza il probabile aumento
della produzione e l'incremento, peraltro più incerto, della
produttività agricola. Ma dai dati demografici di cui ab­
biamo certezza possiamo almeno dedurre l'aumento glo­
bale delle ricchezze : fra l'inizio e la :fine del secolo, fra i
calcoli di Vauban e quelli di Lavoisier, la popolazione del
regno passa da venti a ventisei milioni di abitanti. La mol­
tiplicazione degli uomini deriva da un brusco mutamento
di tendenza della mortalità tradizionale, perché le grandi
punte cicliche di mortalità, i tragici salassi demografici
della carestia, anche se non scompaiono completamente,
si attenuano però in maniera notevole e, altra fortuna per
gli studi demografici, il territorio del regno non· è più
toccato dalla guerra.
Nel volgere del secolo, d'altronde, insieme ai prezzi
cresce rapidamente anche il valore della produzione. L' au­
mento dei prezzi, seguito a un lungo periodo di depres­
sione che interessa tutto il regno di Luigi XIV, comincia
durante gli anni Trenta, alla saldatura fra il primo e il
secondo trentennio del XVIII secolo, e alla vigilia della
Rivoluzione tocca il 50-60 % . Questo movimento di lungo
periodo non cancella i cicli decennali né le impennate sta­
gionali, ma le integra in un'espansione che ne diminuisce
I. La Francia di Luigi XVI
9
l'ampiezza. In tal modo diventa possibile l'espansione de­
mografica.
Sarebbe tuttavia errato concluderne che tutti i francesi
beneficiano in egual misura del movimento economico se­
colare. Avviene anzi il contrario. L'aumento dei prezzi
agricoli e quello ancora più forte dei canoni favorisce so­
prattutto e selettivamente la proprietà fondiaria e la ren­
dita signorile. Al livello della conduzione agricola, esso
non dà nulla a quella massa di piccoli contadini parcellari
che vive autarchicamente sui propri minuscoli appezza­
menti e che non possiede eccedenze da vendere al mercato
o che servano di scorta per l'anno venturo; e favorisce il
contadino solo in quelle poche regioni in cui predominano
le grandi fattorie e ha inizio il capitalismo agrario.
Il movimento dei prezzi, insomma, gratifica di un pre­
mio economico, ossia di un aumento di ricchezza, soprat­
tutto i grandi proprietari di rendite fondiarie, gli ordini
privilegiati, i signori laici o ecclesiastici già titolari di pri­
vilegi giuridici o fiscali. Nel corso del secolo il reddito fon­
diario si raddoppia.
E aumenta tanto più fortemente in quanto, grazie al­
l'abbondanza degli uomi.p.i e della manodopera, la diminu­
zione del salario reale - giacché la curva del salario segue
quella dei prezzi con un certo ritardo - riduce i costi di
produzione, liberando cosl un plusvalore supplementare
che va a ingrossare la rendita del suolo. Si opera cosl un'ir­
regolare ridistribuzione dei redditi a danno del piccolo
contadino, proprietario o affittuario che sia, e dei salariati
nel loro insieme, e non è difficile immaginare quanto essa
riesca ad acuire l'odio sociale nelle campagne. Se _soprag­
giunge una depressione o una crisi, la popolazione conta­
dina ne ha già il responsabile sotto mano: il privilegio,
il signore.
Ma costui non è solo : la miseria contadina sta sco­
prendo nella ricchezza urbana un formidabile e inatteso
alleato. Nella città del XVIII secolo, che si ingrandisce
grazie agli investimenti della rendita nobiliare nell'edilizia
10
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
privata, e dove la sovrappopolazione rurale già comincia
a cercare tetto e lavoro, la prosperità favorisce l'impren­
ditoria borghese in tutte le sue forme. Bisogna vederla al
suo livello più basso, là dov'è più numerosa ma non per
questo meno accanita nel lavoro e nel profitto, nella ban­
carella, nel laboratorio e nella bottega: sono altrettanti
piccoli padroni che regnano su una popolazone urbana in­
quadrata a volte - ma non sempre - nelle corporazioni.
Quando il mercato si allarga, la manodopera abbonda e
il profitto annuo aumenta - ed è appunto questa la gene­
rale tendenza del secolo - il generale arricchimento sti­
mola il successo individuale. È nel campo dell'edilizia e del
tessile, le due maggiori industrie del tempo, che si mol­
tiplicano rapidamente i veri e propri imprenditori. Nono­
stante le tariffe doganali che frantumano il mercato in­
terno, si allargano contemporaneamente il commercio e
gli affari. Gli scambi marittimi, infine, in pieno sviluppo
nell'ultimo scorcio del secolo, assicurano ai mercanti e alle
società commerciali un altissimo tasso di redditività del
capitale investito : i bei quartieri di Nantes e di Bordeaux
vengono costruiti col denaro guadagnato con il traffico
degli schiavi delle « isole » . Tutta questa nuova ricchezza
rappresenta una minaccia per la rendita fondiaria.
Indubbiamente, la città del XVIII secolo non è sol­
tanto il campo d'azione del capitalista, grande o piccolo
che sia; essa alberga anche - oltre al lusso nobiliare la tradizione e la prudenza, gli innumerevoli rentiers del­
l'indebitamento della monarchia, i « funzionari » dello
Stato che investono i propri guadagni nelle cariche pub­
bliche, insomma tutta una società clientelare legata all'An­
cien Régime. Non v'è dubbio che la borghesia francese del
XVIII secolo è in larghissima parte una borghesia preca­
pitalista. Le cose vanno però come se essa già sapesse di
controllare l'economia, proponendosi pertanto obiettivi
sempre più audaci, giacché la sua maturità intellettuale è
senz'altro maggiore della sua maturità economica.
Il XVIII secolo, infatti, scopre la forza dell'« opinione
I. La Francia di Luigi XVI
11
pubblica ». La città di quel tempo è soprattutto una fucina
d'idee, creatrice di sentimenti comuni a tutti e quasi di
una coscienza politica. Città? Diciamo piuttosto il pubblico
colto della città, e soprattutto di Parigi, riunito e raggrup­
pato intorno ai pubblicisti e alle idee riformatrici. Gli
avvocati, i magistrati, i funzionari, insomma tutta quella
borghesia che già prefigura ciò che il XIX secolo definirà
le « capacità », rappresentano ormai per gli scrittori un
settore ricettivo che li libera dall'antico mecenatismo le­
gale. I libri di storia, d'economia o di viaggi sono diven­
tati per i loro autori una merce redditizia, e se certi scrit­
tori godono ancora, occasionalmente, dell'ospitalità aristo­
cratica, ciò non va mai più a danno della loro indipen­
denza intellettuale.
Esiste dunque un pensiero del secolo? Sì: lo spirito
di riforma. Certo, esso non solo è ricco di contrasti, ma
assume inoltre aspetti diversi, molteplici e addirittura con­
traddittori: lo Stato dispotico e illuminato sognato dai fi­
siocrati non è lo Stato liberale e illuminato di Montes­
quieu, e ancor meno la democrazia egualitaria di Rousseau.
Ma anche le polemiche interne, nate dalla pluralità delle
correnti e degli ambienti, alimentano lo spirito del secolo
ed esprimono le nuove priorità affettive e intellettuali, la
ragione, la felicità, la tolleranza. Dopo il 1 750, la battaglia
è ormai vinta su tutto il fronte.
Nel tribunale di questa cultura borghese che dissacra
l'Ancien Régime, la molteplicità delle accuse contro l'as­
surdità della vecchia società, l'irrazionalità delle religioni
rivelate e il parassitismo dei signori, è tanto più formi­
dabile in quanto non si fonda più soltanto sulla dimostra­
zione del ragionevole e dell'auspicabile, ma è inoltre ali­
mentata dalle forze più oscure del rifiuto e dell'umilia­
zione sociale : il privilegio nobiliare, rafforzato in tutti i
campi dall'evoluzione del secolo, mobilita la collera bor­
ghese.
Si sbilancia così progressivamente l'equilibrio di un in­
tero sistema, profondamente modificato nei suoi dati de-
12
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
mografìci, econom1c1 e intellettuali. La miseria del conta­
dino, l'impoverimento del salariato, la potenza e la fru­
strazione borghese rimettono in causa la tradizione attra­
verso un'accusa identica anche se non condivisa da tutti.
Ma, sebbene generale, nella maggior parte dei casi
quest'accusa non è radicale, concede la condizionale, ed
esige delle riforme, ma non la rivoluzione.
Riforme? Qui sta il dramma, perché è proprio in que­
st'epoca che tramonta la vocazione riformista dell'assolu­
tismo monarchico. Non che manchino i programmi, le au­
dacie, le capacità e nemmeno, periodicamente, la buona
volontà suprema, quella del re di Francia; ma le forze di
resistenza sono diventate più potenti di quelle del movi'.1 mento. La nobiltà si vendica dell'estromissione politica
1 1 cui l'ha condannata Luigi XIV e parte all'assalto dello
Stato e delle grandi cariche laiche ed ecclesiastiche, schiac1 ciando col proprio peso sociale, la propria ricchezza e il
proprio conservatorismo politico le velleità del re e i pro­
getti di riforma di un'amministrazione per altri aspetti
degna di considerazione. La nobiltà contesta l'assolutismo
esclusivamente in nome della tradizione, mentre l'opinione
illuminata del Terzo Stato lo contesta in nome delle ri­
forme: la convergenza delle opposte correnti indebolisce
il potere e lo chiude in un immobilismo che rappresenta il
principale obiettivo nobiliare. L'ultima possibilità, in Fran­
cia, di un arbitrato monarchico, Turgot l'ha imparato a
proprie spese nel 1 776.
Sicché la più importante questione di politica interna
del regno - Ja questione finanziaria _- rimarrà senza so­
luzione, giacché pone il problema economico e sociale nel
suo insieme. Il sistema fiscale tradizionale, che esenta i
nobili dalla taglia e permette alla Chiesa di cavarsela con
poca spesa mediante un compromesso periodico, non è
più soltanto ingiusto : in un secolo in cui la rendita fon­
diaria aumenta enormemente, esso risparmia la più impor­
tante parte della ricchezza prodotta e accumulata, per col­
pire invece ancor più drasticamente i redditi popolari. V'è
I. La Francia di Luigi XVI
13
in questo secolo una corrente di pensiero riformista che
sogna l'imposta fondiaria unica, proporzionale al reddito :
ma il re si rifiuta di sacrificare la « sua » nobiltà. La crisi
:finanziaria dell'Ancien Régime assume cosi le sue vere di­
mensioni di crisi di una società.
Essa acquista per ciò stesso una dimensione interna­
zionale, perché le tendenze che nel XVIII secolo rivolu­
zioneranno l'antico equilibrio francese si fanno sentire an­
che oltre confine. Sul piano economico, il rincaro dei prezzi
e lo sviluppo della ricchezza sociale interessano anche la
Catalogna, l'Italia del Nord e le regioni renane; l'Inghil­
terra inventa il capitalismo industriale, mobilitazione rivo­
luzionaria di tale ricchezza. Sul piano intellettuale, l'unico
monopolio francese è quello della lingua : per tutto il se­
colo continuano a svilupparsi gli scambi intellettuali e a
tessersi la tela di un'Internazionale illuministica, in cui
Francia e Inghilterra hanno il ruolo più importante, ma
che coinvolge tutta l'Europa, fino a San Pietroburgo e
alla sua filiazione americana. Mai nessuna cultura è stata
più spontaneamente cosmopolita di quella delle élites del
XVIII secolo.
Non esiste, cronologicamente, una priorità francese.
Nel 1 776 le colonie inglesi d'America definiscono la pro­
pria indipendenza con un grande testo liberale ed eguali­
tario che farà sognare tutta l'Europa illuministica. Alla
fine del secolo, infatti, nelle vecchie società aristocratiche
occidentali, le nuove idee vengono a scuotere la tutela di
dominazioni secolari: a Ginevra la democrazia insorge
contro l'oligarchia, i patrioti irlandesi contro l'oppressione
inglese, la coalizione liberale dei Paesi Bassi contro la dit­
tatura degli Grange, la rivoluzione belga contro l'Austria.
Sostenuto dall'Internazionale monarchica, il vecchio ordine
europeo ne subisce però ancora soltanto le prime scosse
premonitrici, e non i colpi decisivi.
14
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
La crisi del più importante regno dell'epoca comporta
ben altri pericoli. In quest'Europa monarchica e aristocra­
tica piena di cugini e di cognati, di nipoti e pronipoti, la
Francia diventa ben presto il centro di tutte le preoccu­
pazioni - e, dall'altra parte della barricata, il centro di
tutte le speranze.
Cerchiamo di capire la concatenazione dei fatti.
La carica esplosiva si viene accumulando nei dieci anni
che precedono la Rivoluzione. Il regno di Luigi XVI è
interessato da una prolungata flessione dei prezzi del gra­
no: flessione indubbiamente relativa, perché i prezzi si
mantengono alti rispetto all'inizio del secolo; ma per l'os­
servazione dei contemporanei il punto di riferimento è
l'animazione degli anni Sessanta. Il grano tuttavia può con­
siderarsi fortunato rispetto al vino, secondo elemento
chiave della policoltura tradizionale, il cui sviluppo è stato
favorito dalla domanda urbana. Ma fra il 1766 e il 1788,
a un periodo di prezzi alti segue un vero e proprio crollo,
e stavolta non più solo relativo, bensì assoluto. Il dramma
nasce da uria classica crisi di sovrapproduzione, i cui ef­
fetti particolarmente repentini si assommano alla lunga
depressione dei prezzi dei cereali.
Si tratta forse di un marasma generale? La viticoltura
ha sempre dato e continua a dare una produzione agricola
estremamente variabile da un anno all'altro. Nello stesso
periodo in cui il mercato urbano crolla, il commercio estero
del regno si sviluppa in maniera particolarmente vistosa.
Nell'industria, tutto sta a indicare un forte sviluppo del­
l'edilizia urbana e dell'industria edile in genere, e anche
nell'agricoltura il legno e i prodotti dell'allevamento se­
guono l'aumento secolare. È dunque probabile che negli
anni Ottanta l'irregolare depressione dei prezzi dei cereali
e del vino colpisca essenzialmente i coltivatori contadini
- ossia la maggioranza - senza toccare il meccanismo
generale dell'economia.
Ma il reddito fondiario ne soffre anch'esso in tutte le
sue forme, come per esempio il reddito del coltivatore che
I. La Francia di Luigi XVI
15
vende, quello del grosso fittavolo della Piccardia o del
Cambrésis, e soprattutto quello del grande proprietario
nobile. E quest'ultimo non si rifà soltanto sulla vendita
del taglio dei suoi boschi: prigioniero della tendenza al
rialzo e di tutti gli obblighi suntuari connessi al suo tenore
di vita, egli cerca di far pagare al contadino il prezzo della
depressione aumentando la quota delle prestazioni feudali
e riesumando diritti che si credevano ormai caduti in pre­
scrizione. È l'aspetto economico della reazione aristocra­
tica.
Contemporaneamente, spinta dalla stessa necessità, la
nobiltà è più che mai decisa a monopolizzare per i suoi
figli i grandi impieghi, e soprattutto le cariche dello Stato.
Nel 1781 viene promulgato l'editto dei quattro quarti,
che riserva ai nobili incontestabili - che possono cioè
vantare quattro quarti di nobiltà - il diritto di entrare
nel regio esercito in qualità di ufficiali, senza cominciare
dalla gavetta.
Tutte le porte si vengono così man mano chiudendo
a una borghesia che nel corso del secolo si è moltiplicata,
arricchita e istruita. Tale è la contraddittoria dinamica so­
ciale di quegli anni, dominati a un tempo dalla reazione
aristocratica e dall'ambizione borghese. Sentendosi in pe­
ricolo, la vecchia società di ordini reagisce riaffermando
la propria eternità e rafforzando le proprie posizioni. A
corte, essa tien d'occhio il potere sempre più gelosamente,
ma con la sua controffensiva contribuisce contemporanea­
mente a coalizzare contro di sé città e campagna.
La rivoluzione è dunque inevitabile? Teoricamente,
tutto ancora dipende dalle capacità di arbitrato e di riforma
del re di Francia, ma Luigi XVI è sempre meno in grado di
controllare gli avvenimenti. Sulla sua celebre « debolezza »
e sulle sue motivazioni psicologiche si sono fatti da cen­
tocinquant'anni a questa parte tutti i commenti possibili,
ma non si è detto abbastanza ch'essa è soprattutto il sim­
bolo o il riflesso della debolezza dello Stato. L'assolutismo
ormai non esiste più che come principio; contestato da
16
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
tutta l'opinione pubblica, non ha più l'autorità necessaria
per un arbitrato che si rivela sempre più difficile. In realtà
esso pencola da un solo lato : il potere reale è tornato ad
essere come un tempo la posta in gioco delle lotte d'in­
fluenza aristocratiche. Ma se le conventicole di corte sono
divise riguardo agli individui, sono però unite rispetto al1' essenziale : non ammettono trasformazioni del sistema fi­
scale né attacchi ai privilegi sociali. Ora, dopo la guerra
d'America, il deficit delle finanze pubbliche ha toccato ver­
tici tali da non poter essere sanato con prestiti o espe­
dienti. Non potendo prendere il denaro là dove si trova,
' non potendo cioè tassare la « sua » nobiltà, il re di Fran­
cia si rifugia nella fuga in avanti : la convocazione degli
Stati generali, e cosi facendo cede ancora una volta ai pri­
vilegiati, sicuri di poterla far da padroni come 1).tla-�
Comincia così la grande crisi politica de;;l 11188-89, èui "'ì
i casi della congiuntura sovrappongono una gra� eco­
nomica che colpisce soprattutto il profitto dei piccoli agri, coltori. Tutto comincia col cattivo raccolto del secondo
semestre del 1788: le piogge e le inondazioni dell'87, poi
la siccità, e infine le grandinate del 1 3 luglio 1788, che
devastano tutta la Francia occidentale distruggendo i rac­
colti dell'estate dell'88. A questo punto torna a scatenarsi
il meccanismo classico della convulsione di breve durata.
Dopo quella specie di torpore che pareva averli colpiti alla
fine degli anni Settanta, i prezzi dei cereali subiscono una
brusca impennata, toccando nel periodo della saldatura fra
il giugno e il luglio del 1 789 il più alto livello del secolo.
Il pane scarso torna ad essere pane caro. L'ampiezza del­
l'aumento, fra 1'86 e 1'89, ha un bell'essere inferiore a
quella degli anni 67-7 0 : questa volta, nelle campagne, il
rincaro viene a colpire un'agricoltura dissanguata da dieci
cattive annate, e che pertanto non ha né scorte che le con­
sentano di aspettare né eccedenze da vendere, mentre nelle
città incide drasticamente sul consumo popolare e sul mer­
cato industriale. L'imprenditoria è resa ancora più vulne­
rabile dal fatto che il trattato commerciale franco-inglese
I. La Francia di Luigi XVI
17
del 1 786, diminuendo i diritti d'entrata dei prodotti in­
glesi in Francia, ha dato il via a una pericolosa concor­
renza. L'industria tessile langue, e mentre i prezzi aumen­
tano, i posti di lavoro diminuiscono.
Il ciclo rivoluzionario si iscrive pertanto in un ciclo
economico; e se il secondo non basta a spiegare il primo,
spinge però al parossismo le tensioni sociali e politiche
emergenti dall'evoluzione del secolo, e soprattutto intro­
duce fra il re, i privilegiati e le borghesie urbane un ultimo
arrivato : il popolo, puramente e semplicemente. I nobili
e il re si scoprono improvvisamente inermi di fronte alla
grande unità del Terzo Stato reso compatto dagli avveni­
menti, e che spazzerà via l'Ancien Régime.
LA
SOCIETÀ DELL'ANCIEN RÉGIME
Nella vecchia Francia, l'ordine sociale non è un problema
politico, soggetto ai rischi della consultazione popolare, ma
è un prodotto dell'ordine divino. Invece di venire dal basso,
l'autorità promana dall'alto; la sua legittimità è pertanto fun­
zione della conformità alla tradizione religiosa : il re di
Francia riceve il trono da Dio e lo lascia in eredità al suo
discendente primogenito.
Ma - ed è appunto in questo che monarchia e assolu­
tismo differiscono - egli non regna su sudditi tutti egual­
mente asserviti e negativamente eguagliati dal carattere asso­
luto del suo potere, perché la stessa necessità che fonda la
monarchia di diritto fissa inoltre per sempre i « ranghi » di
una società composta di tre ordini con prerogative e doveri
nettamente definiti.
Di questi ordini, due sono privilegiati, il clero e la nobiltà.
Il primo raggruppa tutti i servitori della Chiesa cattolica,
secolari e regolari - centocinquantamila persone appena e partecipa globalmente ai privilegi della religione di Stato,
onori, ricchezze e indipendenza. L'esenzione fiscale, ad esem­
pio, gli spetta di diritto: al principe il clero versa soltanto
un « dono gratuito » il cui ammontare mette ai voti perio­
dicamente curandone direttamente la riscossione.
Esso però conta nelle sue file plebei e nobili, secondo
l'importanza delle responsabilità e delle cariche. La vera ari­
stocrazia è perciò la nobiltà, in cui si concentrano tutti i
privilegi.
Non vi è infatti eguaglianza nella condizione degli indi-
I. La Francia di Luigi XVI
19'
vidui: la nobiltà osserva rigidamente le sue consuetudini�
caratterizzate in particolare dal diritto di primogenitura. Del­
l'antica autorità signorile, del feudo di cui è l'erede, essa
conserva in parte il diritto di amministrare la giustizia e il
villaggio, certe prerogative onorifiche come il banco riservato
in chiesa, alcuni monopoli, come quello della caccia, delle tasse
e dei diritti. Al di là di questo riconoscimento della Storia,.
imprime a tutta la società il suo stile: « vivere nobilmente »
è l'ideale sociale della Francia dell'Ancien Régime.
La barriera del sangue vi conserva un'importanza enorme,
un prestigio altissimo, separando e distinguendo poche cen­
tinaia di migliaia di personaggi dal resto della società, ed è
sempre più gelosamente protetta: alla fine del secolo, come
colpita da una forma di irrigidimento difensivo, la nobiltà
francese vive in uno stato di ossessione genealogica che un
contemporaneo ha battezzato « titolomania » .
Perché essa affascina il resto del corpo sociale, ossia il
terzo ordine, il cosiddetto « Terzo Stato » quasi per intero,.
sia ch'esso viva come un tempo, come sempre - ed è il caso
più comune - nel rispetto spontaneo e secolare del « rango » ;
sia che i suoi strati borghesi superiori comincino a sentire
l'umiliazione di non « nascere », l'ingiustizia di qualcosa d'ir­
rimediabile e ben presto l'esigenza di una riforma sociale.
È pertanto il predominio aristocratico che ci dà spontanea­
mente la chiave delle reazioni psicologiche e politiche della
Francia di allora.
Dei due ordini privilegiati, il primo è il clero : priorità
che gli deriva dal carattere sacro della sua funzione e dal suo
ruolo nello Stato. Il clero garantisce e sacralizza per l'eternità
l'ordine sociale, politico e intellettuale. Secondo uno statuto
:fissato dal concordato del 1516, la religione cattolica è infatti
religione di Stato, e ogni suddito del re di Francia è pertanto
giuridicamente cattolico. Esistono in realtà due minoranze
religiose, ossia i seicentomila protestanti fedeli alla propria
tradizione, soprattutto nel Mezzogiorno, e che nel 1787
otterranno un riconoscimento di fatto, e le comunità israeli­
tiche dell'Alsazia e del Sud-ovest, considera te straniere; ma
20
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
dal punto di vista del diritto esse nulla tolgono al monopolio
cattolico. Il primo ordine del regno, del resto, assicura diversi
servizi pubblici: la carità - soprattutto nella sua forma ospe­
daliera -; l'insegnamento - con 600 scuole secondarie e
75.000 allievi -; e lo stato civile. È l'unico che sia vera­
mente organizzato in « ordine », con la sua preoccupazione
gallicana della duplice autonomia nei riguardi del re e di
Roma, con le sue assemblee quinquennali, che decidono del
contributo fiscale e insieme della difesa della fede, e con i
suoi tribunali particolari, le « ufficialità ». La sua potenza
economica è grandissima, e non solo perché è esentato dalle
imposte e perché il « dono gratuito » , che concede anno
per anno, è per definizione il più modesto possibile, ma
anche perché si tratta di un grande proprietario di terreni
e di immobili. Si ritiene ch'esso possegga il 10% delle terre
del regno, situate soprattutto nel Nord, con un reddito annuo
di 90-100 milioni di lire tornesi, cui vanno aggiunti gli
80 milioni della decima, prelevati sulle terre dei contadini.
Basta del resto immaginare il paesaggio del passato : ciò
che più colpisce il viaggiatore straniero, nell'antica Francia,
è l'importanza, il numero e l'onnipresenza degli edifici reli­
giosi. Lo spazio è cattolico : a Parigi vi sono quasi cinquanta
parrocchie per seicentomila abitanti, i conventi coprono un
quarto della superficie della città. Agli incroci dei viottoli di
campagna e nella pietra delle case, rappresentazioni della
Crocifissione, croci e statuette esprimono ovunque il rispetto
dovuto a Dio. E anche il tempo è cattolico: il calendario,
i ritmi di lavoro, le feste comandate, molto più frequenti
del giorno d'oggi. I grandi eventi della vita quotidiana non
possono fare a meno della benedizione divina, e tanto meno
sfidare i divieti: non ci si sposa durante l'Avvento né durante
la Quaresima.
Questo ascendente esercitato dalla religione sulla società,
è anche un ascendente sulle anime? Sl, e molto profondo.
Esistono testimonianze concordi sull'assiduità alla messa, sulla
assiduità alle processioni e sull'intensità della pratica reli­
giosa, spesso associata, nelle campagne, ad anche supersti-
I. La Francia di Luigi XVI
21
zioni. Alla fine dell'Ancien Régime, l'incredulità è un feno­
meno statisticamente e socialmente limitato, in questo regno
profondamente impregnato del cattolicesimo tradizionale.
I servitori della Chiesa cattolica, ossia i membri del clero,
sebbene riuniti nello stesso ordine, non costituiscono però
un gruppo sociale omogeneo, e non perché esista una frattura
tra secolari e regolari, fra i 70.000 preti delle 135 diocesi
del regno e i 60 .000 frati e monache, bensl perché il numero
degli autentici beneficiari dei privilegi globali dell'ordine è
molto limitato.
Si tratta dell'alto clero, che comprende i prelati, i cano­
nici dei capitoli più ricchi, gli abati e i superiori dei mona­
steri e dei conventi più importanti: circa tremila persone,
tutti praticamente di famiglia nobile e molto spesso d'alta
nobiltà. I cadetti delle grandi famiglie infatti entrano in
questi posti ambitissimi per far carriera, non per vocazione,
e dispongono dell'immenso patrimonio ecclesiastico in propor­
zione variabile, considerato che il principe-vescovo di Stra­
sburgo ha quattrocentomila lire di reddito all'anno e il vescovo
di Vence settemila. Tutti. però sono strettamente legati a un
sistema sociale che è base e garanzia della loro preponderanza.
L'alto clero è forse dunque dimentico dei suoi doveri?
La scandalosa condotta di alcuni di essi, come il cardinale
de Rohan, compromesso nell' « affare della collana della re­
gina », è un caso limite. L'ozio e il lassismo morale del clero
regolare viene continuamente denunciato dai filosofi del se­
colo; ed è più che evidente che alla fine dell'Ancien Régime,
fra la maggior parte dei prelati, quasi tutti residenti a corte,
ci so.no molti buoni amministratori di diocesi e pochissime
vocazioni mistiche, inevitabile conseguenza della ristrettezza
e dell'uniformità del reclutamento.
Proveniente dal Terzo Stato, il clero medio è la guida
spirituale della città, di cui spesso condivide la relativa agia­
tezza. Ma nei villaggi e nei casolari sperduti è il vero e pro­
prio basso clero, molto vicino al contado, che ha cura della
vita popolare, dalla quale emerge abbastanza da conservare il
prestigio delle sue funzioni e con cui è nel contempo solidale,
22
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
perché la porzione congrua di 700 lire tornesi all'anno che gli
spetta sul prodotto della decima, e il suo latino di sagrestia
non bastano a isolare il curato dal suo gregge. Alcuni di essi
hanno accolto le idee riformiste quanto i loro parrocchiani e,
quando sarà il momento, diventeranno i naturali veicoli delle
aspirazioni popolari.
·�
Nel corso del XVIII secolo, il predominio aristocratico
nella società francese si è profondamente accentuato, attra­
verso due vie convergenti.
In primo luogo sul piano politico. La controffensiva aristocratica è cominciata subito dopo la morte di Luigi XIV,
e pur non essendo riuscita a smantellare l'assolutismo regio,
ne ha però progressivamente assunto il controllo monopoliz­
zando quasi completamente le cariche, sia direttamente, acca­
parrandosi ministeri, consigli e intendenze, sia indirettamente,
attraverso il ruolo riacquistato dal parlamento di Parigi. Ma
questa presa di possesso è ancora più ampia: alla fine del
secolo, in Francia, non c'è più un solo vescovo o un solo
arcivescovo di origine plebea, e dal 1781 in poi, per entrare
nell'esercito direttamente con il grado di ufficiale, bisogna
poter vantare quattro quarti di nobiltà. Lo Stato monarchico,
pertanto, perde cosi gran parte del suo ruolo arbitrale, della
sua funzione equilibratrice e della sua capacità riformistica.
V'è poi l'andamento economico dell'epoca, che investe in
primo luogo e soprattutto la produzione agricola. Anche se il
valore di tale produzione - cereali, vino, legname - è in
rapido aumento, come dimostra la curva dei prezzi, la ren­
dita fondiaria aumenta ancora più rapidamente, e fra gli anni
Trenta e gli anni Ottanta si raddoppia addirittura. Quale
fortuna, soprattutto per il clero e la nobiltà ! Perché gli ordini
privilegiati non soltanto posseggono una parte rilevante del
territorio del regno - la sola nobiltà, ad esempio, ne pos­
siede un quarto - ma prelevano inoltre una parte dei pro­
dotti delle numerosissime proprietà contadine. Oltre che dei
suoi considerevoli beni personali, il clero vive infatti essen-
I. La Francia di Luigi XVI
23
zialmente della decima, prelievo in natura equivalente in linea
-di massima a un decimo, ma in realtà a un ventesimo di tutti
i raccolti, e che gli procura dei redditi pari a quelli che gli
derivano dai suoi beni. Quanto al nobile, forte della consue­
tudine secolare derivante dal suo antico ruolo di protettore
del vicino contado, e insomma del suo dominio « eminente »,
trae dalla tenure 4 contadina dei sostanziosi diritti signorili
in denaro e in natura: il censo, lo champart 5, e soprattutto
i diritti di permuta (lods et ventes) 6, le bannalità 7 , ecc.
L'aumento dei redditi fondiari arricchisce così innanzitutto
l'aristocrazia terriera, o, per dirla più semplicemente, la nobiltà.
Se i tempi si fanno difficili, essa cercherà di aumentare i
canoni dovutile dai contadini; ed è per questo che nel corso
del secolo una sorta di « reazione aristocratica » farà con­
vergere sul piano economico e giuridico i riflessi difensivi
degli ordini privilegiati, uniti dall'intransigente rivendicazione
dello statu quo. La verità del secolo, per i contemporanei,
non sta dunque nell'irrimediabile declino dell'aristocrazia,
successivamente diagnosticata dagli storici eternamente in
cerca di una giustificazione dei fatti accaduti, bensì nella larga
controffensiva nobiliare, che non tende soltanto a consolidare
l'antica preponderanza economica e sociale, ma a restaurare
inoltre il potere politico perduto ai tempi di Luigi XIV.
Mentre il clero ammanta del prestigio della sua sacra
funzfone condizioni sociali molto diversey la nobiltà è invece
un gruppo coere!}_t�., differenziato atttaverso Ja .selezioo� della
nascita, -àaT -reta-ggio della signoria fondiaria, dal culto della
propria « differenza » e insomma da uno stile di vita che è
tutto il contrario della tranquillità e del risparmio borghese.
Nel XVIII secolo, la sua unità è cementata dalla difesa di
questa tradizione e di questo stile e dalla lotta per la con4 Ant., terra concessa da un signore a un altro signore [N.d.T. ] .
5 Diritto feudale dei signori di esigere dai loro contadini una
parte dei raccolti [N.d.T.] .
6 Diritti di permuta fra vivi percepiti dal signore [N.d.T.] .
7 Obbligo per la gente di una signoria di servirsi del forno, del
mulino o del torchio del signore dietro pagamento di un canone [N.d.T. ] .
26
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
servazione dei privilegi che la contraddistinguono e l'arricchi­
scono: privilegi onorifici, come il diritto di portare la spada,
il blasone sulla carrozza e il banco riservato in chiesa, o utili�
come l'esenzione dalla taglia e dalla corvée roya/,e 8, i diritti
signorili e le giurisdizioni o le leggi particolari.
Attingendo ai propri ricordi, la nobiltà può facilmente
concepire forme di governo diverse dall'assolutismo : essa in
fondo non ha mai accettato l'asservimento politico cui l'ha
costretta Luigi XIV. È questa la ragione per cui il principio
della rivendicazione liberale, che esige il controllo dei corpi
intermedi sul potere regio, non la turba affatto, tutt'altro,
1 anzi: è proprio dall'aristocrazia che viene l'anglomania del
secolo, l'ammirazione per le istituzioni inglesi. Ma l'unico
obiettivo di questo suo riformismo politico è la perpetua- ,,
zione dello stato sociale esistente. Nell'insieme, essa non sa f ·
immaginare altra società che non sia la società aristocratica i
- società fondata sulla tradizione e sulle gerarchie della :
�
nascita.
Sta di fatto che, al di là di quest'unità fondamentale, esi­
stono molte nobiltà, prima fra tutte quella delle origini: i
nobili di spada, fieri dei loro antenati crociati, si rifiutano di
confondersi con i nobili di toga, recentemente nobilitati dal­
l'acquisto di un'alta carica o dal servizio nella burocrazia
assolutistica. Ma queste due nobiltà si distinguono soprattutto
per la diversa ricchezza e influenza sociale.
L'alta nobiltà comprende le poche migliaia di membri delle
famiglie « presentate » al re dopo aver sottoposto i propri
titoli di nobiltà al rigoroso esame dei genealogisti ufficiali,
e domina la corte di Versailles. Essa occupa i consigli e i
posti più importanti, si divide i favori e le pensioni elargite
dal re, e vive soprattutto a Versailles e a Parigi, dove sta man
mano abbandonando il quartiere del Marais per i palazzi che
si è fatta costruire nel Faubourg Saint-Germain. I redditi fon8 Giornate di lavoro gratuito che i servi e i plebei dovevano al
signore; in questo caso corrispettivo in denaro dovuto al re ed equi­
valente a un'imposta [N.d.T. ] .
I. La Francia di Luigi XVI
27
diari e le rendite feudali che le provengono dalle sue terre,
gestite da un intendente, sono appena sufficienti a sopperire
al suo treno di vita spesso fastoso.
A dispetto delle regole e della tradizione, certi membri
dell'aristocrazia cedono allo spirito del secolo e si lanciano
negli affari: il duca d'Aiguillon è proprietario di alcune fon­
derie, i Noailles e i Ségur sfruttano le immense piantagioni
che possiedono a San Domingo. L'essenziale resta però sem­
pre la rendita fondiaria e i favori del re, pietre angolari di
quella douceur de vivre di cui Talleyrand parlerà più tardi,
rievocando con nostalgia gli ultimi anni dell'Ancien Régime.
La douceur de vivre assaporata dall'alta nobiltà è invece
ignorata alla maggior parte dei piccoli nobili di provincia che,
dal punto di vista del numero, costituiscono la base dell'or­
dine, ossia alcune centinaia di migliaia di persone. La forza
delle tradizioni, la mania di non « derogare » e la limitatezza
dell'orizzonte locale o provinciale gli impediscono la specu­
lazione mobiliare e li privano del favore regale. Resta una
proprietà terriera non grande e in gran parte affittata a un
fittavolo o a un mezzadro, e che, mal coltivata e sottoposta
alla duplice usura del contadino e del padrone, riesce a stento
a far vivere tutti; il signorotto quindi si dà un gran da fare
per migliorare a proprio vantaggio la sua quota della rendita
fondiaria. Di qui il suo attaccamento alle esenzioni :fiscali, la
sua puntigliosità nell'esigere, ad esempio, i benefici feudali
che gli spettano per l'uso di un ponte, di un mulino o di un
torchio, le sue liti per un pezzetto di terra con il contadino
suo confinante, e i suoi tentativi di cavare dai vecchi « pos­
sedimenti » dei canoni che il tempo ha fatto cadere in desue­
tudine o in prescrizione. In queste condizioni, è facile capire
come nelle campagne l'atmosfera tenda ad arroventarsi.
Se vuole evadere dal cadente maniero o dalla tenuta
paterna che tanto stenta a far vivere la sua famiglia, il figlio
ha una sola via d'uscita: l'esercito. È a lui che l'editto del
1781, cedendo a una forte corrente d'opinione, ha riservato
i gradi di ufficiale. Il conte de Saint-Germain ha fondato una
dozzina di scuole militari - fra cui quelle di Brienne e di
28
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
La Flèche - dove seicento giovani nobili imparano il mestiere
delle armi. Ma questi figli della provincia hanno ben poche
probabilità di arrivare così in alto e così in fretta come i
giovani aristocratici di Versailles.
Per l'Ancien Régime è indubbiamente un peccato, perché
i figli della nobiltà povera hanno spesso un senso del servizio
molto più spiccato di quello dei grandi signori. Essi ignorano
le raffinatezze di quella forma di masochismo collettivo che
raduna l'intera corte al « Matrimonio di Figaro ». Ma anche
se ha perduto il senso di essere l'élite nazionale, l'alta nobiltà
ha nondimeno conservato il suo prestigio agli occhi della
nobiltà di rango inferiore, coinvolgendola contro l'assolutismo
in una comune volontà di recupero del passato e di ricon­
quista del potere.
_ Il vero equivoco si colloca al livello dei confini del Terzo
Stato. Pur partecipando all'unanimità liberale del secolo, la
nobiltà rivendica la sua promozione costituzionale solo per
contrastare più efficacemente la rivendicazione egualitaria del
Terzo: al di là della convergenza tattica contro l'assolutismo,
società aristocratica e società borghese continuano ad essere
contraddittorie. Solo una piccola minoranza dell'alta nobiltà,
stretta intorno agli « americani » come La Fayette, accetta
il principio di larghe concessioni sociali: la maggior parte
dell'ordine contesta l'assolutismo esclusivamente in nome della
tradizione signorile. Si spiega così come una provvisoria
alleanza possa fondarsi su un controsenso, e quale sia vera­
mente il ruolo che toccherà al liberalismo aristocratico : quello
cioè di apprendista stregone della rivoluzione borghese.
'
E il '.terzo Stato? . Il Terzo Stato rappresenta tutto il resto
del regno, ossia, in cifre, il 98% della popolazione; ed è
sempre più numeroso, giacché nel giro del secolo la popola­
zione francese passa da 20 a 26 milioni circa di abitanti. Certo
queste cifre non sono perfettamente attendibili, dato che non
esistono ancora indagini demografiche complessive, ma in
quell'epoca si stanno rapidamente diffondendo la curiosità e
I. La Francia di Luigi XVI
29
il calcolo statistico, e in alcune generalità di provincia sono
già stati fatti parecchi censimenti completi. Per il regno nel
suo insieme, abbiamo le cifre annue della natalità, della nu­
zialità e della mortalità, in base alle quali sono possibili alcune
presunzioni globali: sebbene non si possa indicare una cifra
precisa, v'è un'indiscutibile tendenza all'aumento, che, dai cal­
coli di Vauban a quelli di Lavoisier, oscilla fra il 30 e il 40%.
A che cosa è dovuto? Il tasso di natalità è stabile, ossia
molto elevato, seppure con una lieve tendenza alla diminu­
zione, se vogliamo credere alle proteste di certi demografi
del XVIII secolo contro il diffondersi delle pratiche anticon­
cezionali. Uno di essi, Messance, attento osservatore, parla
degli « effetti della depravazione dei costumi sulla popola­
zione », e un altro scrive: « Questi funesti segreti, scono­
sciuti a qualsiasi animale che non sia l'uomo, sono penetrati
anche nelle campagne; s'inganna la natura financo nei villaggi ».
Ma nella vecchia Francia cattolica e contadina, l'allarme
di codesti « popolazionisti » è in realtà prematuro: la nata­
lità del XVIII secolo continua ad essere altissima. L'incre­
mento demografico del regoo si spiega piuttosto con il calo
della mortalità, e soprattutto con la diminuzione di quelle
crisi di mortalità che mietevano i settori sociali più vulne­
rabili durante le carestie e le grandi crisi frumentarie. Insom­
ma, come ha scritto E. Labrousse, dall'espansione economica
del secolo il popolo non ha guadagnato un aumento dei
propri redditi, e tantomeno la gioia di vivere, ma almeno ci
ha guadagnato la vita. La Francia del 1789 è dunque un regno
molto popoloso, anzi il più popoloso d'Europa ; ed è inoltre
un regno giovane, in cui il 30% della popolazione ha meno
di vent'anni e solo il 24% ne ha più di quaranta. In queste
cifre astratte v'è un elemento fondamentale di spiegazione
del domani, sia delle folle rivoluzionarie sia delle vittorie
napoleoniche.
In questo Terzo Stato che, come dirà Sieyès, è già la
nazione, e che aumenta continuamente di numero, v'è, seb­
bene minoritario, un settore pilota: le città, ovvero, come
l'etimologia indica abbastanza chiaramente, soprattutto la
30
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
borghesia, strato dominante e dirigente del Terzo Stato. Essa
-è la beneficiaria del lento progresso tecnologico che riscuote
all'epoca l'ammirazione degli enciclopedisti, sia che si tratti
degli inizi dell'estrazione del carbone o della progressiva appli­
cazione dei metodi inglesi all'industria tessile; ed è sempre
la borghesia che beneficia del moltiplicarsi dei mezzi di paga­
mento, dell'inflazione dei prezzi, dell'aumento delle quantità
prodotte e di quelle vendute: fermiers généraux 9 , speculatori
e banchieri che si arricchiscono con i debiti dello Stato, com­
mercianti che danno vita a un commercio estero il cui valore
globale si è quintuplicato, industriali del carbone, della seta
e del cotone, la cui offerta non riesce a tener dietro alla
domanda sociale. L'enumerazione del resto semplifica i dati
-di questo capitalismo in embrione, che spesso raduna nelle
stesse mani tutte le forme di riproduzione del denaro, banca,
commercio, armatoria navale, edilizia. L'importanza del pro­
fitto annuo, unita alle doti di lungimiranza e d'intraprendenza
coltivate da questi nuovi ricchi, consente la creazione di
patrimoni considerevoli, che i loro possessori non attribui­
scono alle circostanze e ancor meno alla propria nascita, bensl
ai propri meriti : in questa semplice idea è già implicita una
vera e propria rivoluzione.
Poco importa d'altronde se qua e là, affascinata dalle
idee del secolo o bramosa di denaro, la nobiltà si unisce al
movimento, giacché lo fa soltanto rinnegando la propria tra­
dizione e l'ordine sociale in cui vive. Chi dà il tono è lo
spirito e l'imprenditore capitalista. L'industria tessile ha già
i suoi grandi imprenditori, come Dollfuss a Mulhouse e Ober­
kampf a Jouy-en-Josas. L'industria metallurgica fondata da
de Wendel nel Creusot fa grandi progressi, e cosl pure le sei
imprese alsaziane di Dietrich, il re del ferro dell'epoca; a
Nantes e a Bordeaux sorgono nuovi quartieri, costruiti col
denaro dei « negrieri ». Il grande commercio è il campo del
profitto per eccellenza, e soprattutto gli scambi con le « Isole »,
9 Finanzieri che sotto l'Ancien Régime prendevano i n appalto l'esa­
zione delle imposte [N.d.T. ] .
I. La Francia di Luigi XVI
31
in pieno sviluppo dopo la guerra d'America. In perfetta
buona fede, la Francia cristiana e la Francia dei philosophes
vendono ai piantatori delle Antille interi carichi di negri
razziati lungo le coste africane, in cambio di zucchero e cotone,
e importano da San Domingo e dalla · Martinica zucchero,
tabacco, cotone e indaco.
Naturalmente, al di sotto di queste recenti fortune, esi­
stono diversi livelli di borghesia, ovvero molte borghesie.
Il risparmio urbano continua anch'esso nelle sue forme tra­
dizionali - la terra, le cariche, le rendite di Stato - e il
borghese parigino, alla fine dell'Ancien Régime, vi cerca
ancora molto spesso le certezze di una vita modesta e tran­
quilla. V'è soprattutto quel gruppo di piccoli imprenditori che
costituiscono la vera ossatura sociale delle strutture urbane,
i cosiddetti maitres 10 e i mercanti delle comunità di mestieri,
diversissimi l'uno dall'altro nonostante l'uniformità della loro
denominazione giuridica : perché .vn maitre muratore, ad
esempio, può essere indifferentemente sia un vero e proprio
imprenditore edile che dà lavoro a parecchie decine di operai,
sia un piccolo artigiano che lavora solo o con l'aiuto di qual­
che compagnon 1 1 • Indiscutibile, comunque, è la generale ten­
denza all'ascesa sociale e all'arricchimento che nasce dall'espan­
sione economica. La città del XVIII secolo è una città che
si estende, che si costruisce e si arricchisce travalicando la
sede primitiva delimitata dalle antiche mura.
Le mura del resto simboleggiavano le sue paure, e non
si addicono più all'epoca delle sue ambizioni nazionali. La
città si è creata una coesione morale e una cultura; la clien­
tela borghese è diventata un vasto pubblico che impone i
propri desideri, i propri gusti e le proprie rivendicazioni a
un'intellighenzia scaturita dalle sue file e divenuta indipen­
dente dal re e dai grandi signori: rivendicazioni economiche,
come l'unificazione del mercato nazionale e la libertà del
IO Nel
gnava agli
1 1 Nel
era ancora
sistema corporativo, artigiano che dirigeva il lavoro e inse­
apprendisti [N.d.T.] .
sistema corporativo, chi non era più apprendista ma non
maitre [N.d.T. ] .
32
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
lavoro e degli scambi; e rivendicazioni politiche, formulate
in termini di ridistribuzione del potere. Ma l'ambizione e l'in­
teresse non spiegano tutto: esiste anche un profondo senti­
mento collettivo di frustrazione sociale, l'umiliazione borghese
di fronte alla barriera della nascita: Manon Phlipon, la futura
Madame Roland, invitata a pranzo in un castello e servita
nella stanza di servizio, non perdonerà mai ai suoi ospiti; e
Barnave diventa rivoluzionario sin da bambino, il giorno in
cui sua madre viene scacciata dal suo palco a teatro da un
aristocratico. L'unità delle borghesie - ossia di gruppi sociali
per molti aspetti diversissimi fra loro - nasce soprattutto
dal rifiuto spontaneo e collettivo della secolare discrimina­
zione della nascita.
La borghesia è tanto più ostile alla società d'ordini in
quanto non si sente minacciata da sinistra, ossia dalle classi
popolari urbane.
Queste ultime, la cui massa è in continuo aumento, non
costituiscono ancora un proletariato di tipo moderno: dal
semplice salariato, libero venditore della propria forza di
lavoro - il proletario di Marx -, fino al piccolo artigiano,
gli statuti intermedi sono innumerevoli. V'è il compagnon,
integrato nell'organizzazione corporativa e che vive sotto lo
stesso tetto del padrone; lo chambrelan, operaio a domicilio
comunissimo nell'industria tessile, proprietario del suo telaio
ma non della materia prima che lavora « a cottimo » per conto
del mercante; e v'è un'infinità di piccolissimi proprietari per
i quali il salario rappresenta una risorsa complementare od
occasionale. Le forme della produzione sono ancora troppo
individuali e pertanto troppo diverse per unificare il mondo
-del lavoro in un sentimento di classe. Ed è questa la ragione
per cui le reazioni collettive delle masse popolari urbane
sono quasi sempre quelle tipiche dei consumatori, e non lotte
cli produttori: più dello sciopero o della rivendicazione sala­
riale, è la sommossa contro il rincaro dei prezzi o per il cal-
Il g1mame11to degli Ora::_!, Parigi, Lou\Te .
j
J .L. Da"id, li
giurame11to della
Pallacorda, penna e
acquarello u carca,
Parig i. Louvre.
1
I. La Francia di Luigi XVI
33
mieramento del pane che coagula periodicamente i furori della
città. Poco importa, dunque, che nel corso del secolo certi
salari ritardino rispetto ai prezzi: i tempi dell'organizzazione
coerente del salariato non sono ancora venuti. Ma se, al
contrario, si verifica una crisi stagionale o una carestia cerea­
licola, se il prezzo del pane supera in misura apprezzabile la
« norma » di tre soldi la libbra - quando il salario giorna­
liero medio si aggira intorno a una lira tornese - il popolo
cade immediatamente in miseria e la classica sommossa delle
sussistenze non tarda ad esplodere.
Essa però non è in contraddizione con la rivendicazione
borghese, perché la sommossa popolare è naturalmente diretta
contro l'accaparramento regio o aristocratico, contro i grandi
proprietari della rendita fondiaria che possono immagazzinare
il grano in attesa che i prezzi salgano. È facile dirottarla contro
il comune nemico, il privilegio, e verso il comune obiettivo,
la riforma dello Stato monarchico. Cosi, la diversità delle
condizioni di lavoro, la molteplicità delle relazioni individuali
fra il mondo degli imprenditori e quello dei lavoratori, le
violenze stesse del popolino, tutto concorre a fare delle classi
popolari urbane la clientela politica della borghesia.
Le campagne contano più del 75% della popolazione del
regno: la vita quotidiana dell'Ancien Régime è rappresentata
soprattutto dalla vita del contadino.
Questa società contadina, idealizzata dalla letteratura della
fine del secolo, in cui Restif contrappone la purezza agreste
alla depravazione urbana, non è però fatta soltanto di edifi­
canti idilli e di famiglie virtuose. Certo è tradizionale e tra­
dizionalista per eccellenza, con la sua solida struttura fami­
liare, le sue credenze religiose spesso confuse con le supersti­
zioni locali, il suo folklore paesano e le sue abitudini comu­
nitarie. Ma la tradizione contadina è soprattutto quella del­
l'analfabetismo e dell'isolamento. In un'epoca in cui le tec­
niche di comunicazione rendono i trasporti lenti e costosis-
34
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
sim1, m un regno tuttora costituito dalla giustapposizione dei
mercati locali, il contadino è prigioniero del suo orizzonte
mentale e geografico, ossia delle consuetudini.
Egli coltiva ciò che coltivavano i suoi genitori e i suoi
avi, i bleds, come si diceva allora, ossia il frumento, la segale
e il grano saraceno, con cui si fa rispettivamente il pane dei
ricchi o quello dei poveri; e la vite, piantata un po' dapper­
tutto, nel Nord come nel Mezzogiorno, nella terra buona e
in quella cattiva. Quest'agricoltura di sussistenza è nel con­
tempo un'agricoltura comunitaria : mancando i concimi, si
pratica la rotazione biennale e soprattutto triennale, di gran
lunga la più diffusa nella Francia antica. I terreni dei villaggi
sono divisi in tre gruppi di appezzamenti, detti « suoli ». Il
primo gruppo è coltivato a frumento, seminato in autunno,
il secondo ad avena o a orzo seminati in primavera, il terzo
è lasciato a maggese, e il villaggio ci manda il bestiame a
pascolare. Ma questo è il caso delle più ricche terre del regno:
nelle altre, il maggese immobilizza una parte di terreni molto
più ampia. Il vecchio diritto rurale perpetua così la scarsis­
sima produttività del lavoro agricolo, chiave della miseria
contadina.
Le condizioni dell'economia nel XVIII secolo non mutano
radicalmente questi dati, giacché, per quanto se ne può giu­
dicare dalle testimonianze dei contemporanei, il rendimento
non aumenta affatto, continuando ad aggirarsi, per ciò che
riguarda il frumento, intorno allo stesso moltiplicatore: da
uno a sei. Tuttavia, nella seconda metà del secolo, non man­
cano gli agronomi che auspicano la revisione dell'antico diritto
comunitario, l'individualismo agrario e l'abolizione del mag­
gese mediante la trasformazione delle colture e l'adozione
delle piante foraggere; ottenendo peraltro un successo molto
limitato, per motivi che la grande scuola economica del secolo,
la :fisiocrazia, ha individuato molto chiaramente: solo la grande
azienda agricola offre delle possibilità di innovazione cultu­
rale. Ma, pur affermandosi nelle grandi fattorie del Nord e
del Bacino parigino, nella Francia del 1789 il capitalismo
agrario è ancora un'eccezione.
I. La Francia di Luigi XVI
35
La regola è la piccola azienda contadina, l'azienda fami­
liare in affitto o magari a mezzadria, con divisione dei pro­
dotti a metà. Essa però può anche essere di proprietà del
contadino, visto che già prima dell'89 i contadini francesi
possiedono quasi metà delle terre del regno. In che misura
l'aumento dei prezzi che contraddistingue il secolo rappre­
senta per essi un guadagno? Solo nei casi in cui l'azienda,
oltre il sostentamento della famiglia e il pagamento dei canoni,
gli fornisce un'eccedenza annua commerciabile, o, per dirla
altrimenti, solo se il conduttore è un fittavolo, un mezzadro
o un proprietario che vende. Si tratta in tal caso di colui che
l'Ancien Régime definisce un laboureur, ossfa un contadino
relativamente ricco e che si arricchisce ulteriormente grazie
agli avv�nimenti del secolo. È indubbiamente in casa sua che
fra il '50 e 1'80 compare il bell'armadio di quercia che c!a
allora in poi sarà il più lussuoso oggetto della grande stanza
di soggiorno della fattoria.
E gli altri? Nella maggior parte dei casi gli altri vivono più
autarchicamente. Non dimentichiamo che oltre al proprio man­
tenimento e al misero investimento annuo, e, nel caso degli
affittuari, oltre al canone annuale, essi devono provvedere
all'onerosa triade delle prestazioni dell'Ancien Régime: la
taglia reale, la decima ecclesiastica e i diritti signorili. Il rac­
colto è appena sufficiente e, se capita una cattiva annata, non
basta più a far vivere la famiglia, che diventa peraltro sempre
più numerosa. Il conduttore agricolo, sia o non sia proprie­
tario, si cerca allora un salario supplementare o nell'industria
rurale che impegna le serate invernali, o nell'emigrazione sta­
gionale, o ancora esercitando congiuntamente uno dei tanti
piccoli mestieri campagnoli. In molti casi però la sovrappo­
polazione rurale si risolve nella disoccupazione, nella men­
dicità e nel vagabondaggio. Alla fine del secolo, le proteste
suscitate da queste piaghe sociali non si contano più.
È facile pertanto immaginare quale sia l'oggetto del ran­
core contadino, che, non ancora mobilitato contro un capi­
talismo agrario che si sviluppa irregolarmente e con lentezza,
se la prende con l'imposta regia, la cui aliquota gli appare
36
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
tanto più onerosa in quanto varia di regione in regione, e
tanto più ingiusta in quanto risparmia sistematicamente la
ricchezza aristocratica. È questo il motivo per cui, alla fine
del secolo, la rivolta contro l'imposta prende di mira i nobili
e non il re. Laica o ecclesiastica che sia, la nobiltà mobilita
la collera contadina, perché sebbene il regime feudale abbia
perduto da tempo la sua ragion d'essere, e la servitù sia ormai
praticamente scomparsa, è in nome di questo passato che il
contadino proprietario della sua terra è tenuto a consegnare
una parte del suo raccolto alla Chiesa, a pagare al signore
il censo in denaro, lo champart in natura, la corvée, i lods
et ventes e a subire le cacce aristocratiche sulle sue terre,
senza contare l'obbligo di servirsi del forno, del mulino e del
torchio del signore. Alla fine del secolo quest'oppressione
economica e umana è risentita tanto più duramente in quanto
il signore è meno che mai disposto a rinunciarvi.
Anche in questo caso la reazione aristocratica si scontra
con una dinamica contraria, che sempre più apre le campagne
alla propaganda cittadina contro il privilegio e l'ordine antico.
LA MONARCHIA A S SOLUTA
Sembrare indecifrabile fa parte del mestiere di re, e Luigi
XVI non sfugge a questa regola del potere personale. Non
ha mai parlato molto, non ha scritto quasi niente e ha subito
più che non abbia agito. La sua tragica fine gli ha valso
un'aureola che la sua vera vita indubbiamente non si meri­
tava, perché dietro il suo riserbo, il suo silenzio e il suo
stesso coraggio davanti alla ghigliottina non c'è sicuramente
molto più che la fedeltà alla tradizione.
Nipote di Luigi XV, nato nel 1754, re a vent'anni, Luigi
XVI è veramente un Borbone, di cui vanta l'eredità fisica,
ossia il famoso naso di famiglia, e quella dei gusti, ovvero la
passione per la caccia e l'esercizio all'aria aperta ; unico pia­
cere inedito e in verità assai poco regale, aggiunge di suo la
mania per i lavoretti manuali. I contemporanei si stupiscono
I. La Francia di Luigi XVI
37
dei suoi atteggiamenti timidi e goffi, indubbi sintomi psico­
logici di una malformazione fisica che ha richiesto probabil­
mente un intervento chirurgico e che l'ha tenuto lontano dalle
donne, compresa la sua, per ben sette anni. In un famoso
brano dei Nouveaux Lundis, Sainte-Beuve insiste su questa
concordanza psico-fisiologica: « Luigi XVI non era impotente,
non più di quanto un balbuziente sia muto; ma come re e
come marito, era sempre egualmente goffo, timido e impac­
ciato ».
Ecco perché il nipote, con molta maggior ragione del suo
nevrastenico nonno, potrebbe dire: « Sono un uomo inespri­
mibile »; ma accettiamo piuttosto il verdetto dei suoi intimi :
« un uomo indefinibile ». Meglio dunque andare sul sicuro
e precisare come questo indeciso temperamento concepisca
ed eserciti il suo mestiere di re. Il concetto ch'egli ne ha è
quello tradizionale: non ha mai il minimo ripensamento sul
fondamento religioso e sull'ampiezza del potere ereditato, che
esercita coscienziosamente ma con una certa mollezza, senza
alcuna profonda sensibilità per gli affari politici o per l'auto­
rità sugli uomini. Il piacere personale che gliene deriva è
abbastanza meschino, e tradisce la sua inclinazione per i rap­
porti di polizia, la corrispondenza segreta, i pettegolezzi di
corte e della città, e insomma per l'aneddotica del costume.
Il re tuttavia, anche se durante le sedute del Consiglio a
volte si addormenta, non è privo d'intelligenza politica, e du1 rante i suoi due primi anni di regno approva e sostiene Turgot.
Più tardi, quando nel 1787 la crisi si fa incalzante, approva
il programma di riforme :fiscali cui Calonne è costretto a ri­
correre; ma nel momento decisivo, di fronte alla controffensiva
del suo entourage, della « sua nobiltà », cede, così come ha
sempre ceduto ai capricci suntuari di sua moglie, e invece che
per le riforme finisce con l'optare per la tradizione, la « sua »
tradizione. La debolezza del re non è soltanto di carattere psi­
cologico, ma esprime anche, negli ultimi anni dell'Ancien Ré­
gime, l'imperio aristocratico sul potere, la solidarietà di un
ordine.
La regina è una donna di carattere, ma del tutto priva
38
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
di senso politico, e nel momento in cui inizia la crisi dell'An­
cien Régime è sommamente impopolare: dopo essere stata
soprannominata « l'austriaca », eccola diventare « Madame De­
ficit ». Dal tempo dell'affare della collana ( del 1786 ), in cui
il pubblico non ha creduto all'innocenza di Maria Antonietta,
ella non osa più recarsi a Parigi, non dà più grandi feste a
Versailles, e si rifugia fra i suoi amici e - sempre più
spesso - accanto ai suoi figli, verso i quali si mostra una
madre tenera e vigilante.
In realtà, anche al suo carattere e al suo tragico destino
si può trovare in parte una spiegazione psicologica. Sensuale,
ma virtuosa, conduce per sette anni una vita coniugale infe­
lice, ed anzi decisamente umiliante. Per stordirsi e per sfug­
gire al suo temperamento malinconico, si lancia a corpo morto
nei piaceri : « Che volete, la noia mi spaventa ! » Mancandole
un marito che possa controbilanciare l'influenza materna, ella
resta attaccata alla propria infanzia, all'atmosfera semplice e
affettuosa di Schonbrunn; di qui la sua inclinazione per le riu­
nioni fra pochi intimi nel quadro campestre del Trianon, da
cui sòno esclusi tutti coloro che annoiano e si annoiano, ossia
la maggior parte dei cortigiani, che finiscono cosl col diventare
suoi nemici. Di qui, inoltre, la passione con cui difende gli
interessi austriaci, anche quando sono contrari a quelli della
Francia. Al servizio di sua madre, poi di suo fratello Giu­
seppe Il, Maria Antonietta ha svolto un ruolo di agente in­
formatore fedele e insostituibile, trovando probabilmente nella
politica un compenso alle sue delusioni coniugali attraverso
l'incontrollato esercizio di una volontà di potenza ,che la spinge
a ottenere a qualunque costo la testa di un ministro o una
pensione per un suo favorito. Ipersensibile sul piano dell'amor
proprio, adotta una linea di condotta reazionaria perché corag­
gio e orgoglio formano in lei un groviglio che le impedisce di
cedere. Infelice come donna, nefasta come regina, è perfetta­
mente consapevole del suo tragico destino : « Speriamo che
riesca ... Il mio destino è di portare disgrazia », confessa pian­
gendo quando, nel 1788, si decide a richiamare Necker.
I. La Francia di Luigi XVI
39
Il re e la sua famiglia stanno al centro di un perpetuo
balletto mondano che è il punto di mira del regno: la corte
di Versailles, ossia quindicimila persone al servizio del re,
della regina, dei principi e delle principesse del sangue, nella
Casa civile e nella Casa militare. Da circa un secolo l'alta no­
biltà è concentrata intorno al castello, ove serve, sorveglia e
distrae la famiglia reale. Luigi XIV aveva fatto della corte il
luogo e lo strumento d'asservimento dell'aristocrazia ; alla fine
del XVIII secolo Versailles è diventata il luogo e lo stru­
mento del suo predominio : il senso dell'istituzione è cambiato.
Con il suo stesso splendore, la squisita civiltà mondana che
fiorisce a Versailles mobilita pertanto progressivamente contro
di sé ciò che già può chiamarsi l'opinione pubblica del regno :
la città si ribella alla corte. Gelosa di un mondo da cui è
esclusa, ostile a una civiltà di lusso che è l'esatto contrario
della sua vita fatta di risparmio, la città borghese si batte
senza esclusione di colpi contro questa corte che è il simbolo
per eccellenza del privilegio sociale: è necessario perciò ch'essa
sia insieme rovinosa, reazionaria e debosciata, e che le si mo­
bilitino contro la ragione, la morale e il progresso.
Su questi due ultimi punti, dobbiamo accordare all'accusa
borghese una buona parte di verità: la corte vive nella dissi­
pazione politica e morale, intenta solo al momento, a quel pre­
sente da cui procede il suo istintivo conservatorismo. Alla fine
del secolo, lanciato da Maria Antonietta e dalla sua combric­
cola, il gioco - simbolo per eccellenza del denaro facile è venuto ad aggiungere i suoi scandali a quella che l'opinione
pubblica già considera. una perpetua baldoria. Giunto in visita,
Giuseppe II dichiara che Versailles è una bisca.
Resta l'ultimo capo d'accusa, aggravato dal fatto di essere
formulato nel bel mezzo del naufragio delle pubbliche finanze.
Rovinosa, la corte? Essa inghiotte il 6% circa delle entrate
del Tesoro. Ma l'opinione pubblica colpisce con lo stesso
anatema due diversi tipi di spese, quello del fasto e delle feste
e quello delle cariche. Lo nota un memorialista del tempo di
Turgot:
40
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Il fasto delle corti che tanto ci colpisce è forse il meno grave
dei vizi che gli si possono rimproverare. Le innumerevoli questioni
di denaro che la folla dei lacché è sempre intenta a inventare
sono molto più dannose...
È dunque qui che si fanno gli sprechi del favoritismo, e
non soltanto a beneficio dei « lacché » : a Versailles si fa una
gran confusione fra doni e pensioni, fra la remunerazione
delle cariche pubbliche, la rivendita speculatoria dei vantaggi
delle diverse funzioni e le combinazioni finanziarie. Madame
Campan, prima cameriera della regina, narra ingenuamente
nelle sue Memorie il caso seguente: una dama preposta all'ab­
bigliamento della regina, che intascava centomila lire tornesi
all'anno per le stoffe e i vestiti di corte, rivendeva poi a pro­
prio vantaggio gli abiti « smessi », ossia passati di moda alla
fine della stagione...
Anche suscitando le proteste di questo gran mondo con
qualche « drastico taglio », Luigi XVI non sarebbe riuscito a
rimettere in sesto le finanze, perché quel 6 % delle entrate
del Tesoro riservato alla corte era rappresentato in gran parte
da spese indispensabili e che era impossibile contenere. Ma
con pochi milioni di lire, il re avrebbe almeno risanato l'atmo­
sfera psicologica e politica: la Rivoluzione non è nata soltanto
dal movimento economico e sociale, ma anche dall'aneddotica,
dallo scandalo, dall'incidente. Economizzando rigidamente sulle
spese di corte, Luigi XVI non sarebbe certamente riuscito a
colmare il deficit, ma, agli occhi dell'opinione pubblica, avrebbe
probabilmente compensato il clamoroso scandalo dell'affare
della collana. Ma egli non vi si risolse mai. È qui che l'ac­
cusa globale del Terzo Stato contro la corte, tecnicamente
discutibile, assurge a verità politica: perché il rifiuto di rifor­
mare la corte era veramente la pietra di paragone della soli­
darietà del re con gli ordini privilegiati.
Ma, alla fine del secolo, quali sono i veri poteri del re di
Francia? Al di là della sua persona, è necessario definire il
I. La Francia di Luigi XVI
41
.reale funzionamento del sistema politico di_cui egli è il centro.
L!assolutismo conserva le sue apparenze e le sue prero­
gative tradizionali : il re, tenuto a render conto soltanto a Dio,
cumula tutti i poteri, e, per quanto rara, la lettre de cachet 12
è diventata il simbolo di tale cumulazione. Istanza suprema in
campo giudiziario, padrone incontrastato in campo legislativo
e regolamentare, il re è inoltre il capo incontrollato dell'ese­
cutivo, ossia di una burocrazia centralizzata di giuristi nomi­
nati e revocati solo da lui. Al vertice di questa burocrazia,
non c'è più un primo ministro sin dal 1743, anno di morte
del cardinale Fleury. Vi sono invece sei personaggi: il can­
celliere di Francia, guardasigilli reale, il controllore generale
delle Finanze e i quattro segretari del re (Guerra, Marina, Af­
fari esteri e Casa del re), con attribuzioni meno precise e
più intricate di quanto lasci supporre la nomenclatura ufficiale.
A seconda delle loro funzioni, nei Consigli del re, puramente
deliberativi, essi si trovano accanto ad alcuni grandi perso­
naggi, principi del sangue o di altissima nobiltà; e nel più
importante, il Consiglio d'En Haut o Consiglio supremo, detto
semplicemente ' il Consiglio ' e che il re presiede personal­
mente, si discute la politica generale del regno. Ma nel corso
del secolo, a causa della negligenza di Luigi XVI e della cre­
scente complessità dei compiti del Consiglio, è a poco a poco
invalsa l'abitudine di indire delle sedute preparatorie in cui,
sull'esempio inglese e in assenza del re, si riuniscono i più
importanti personaggi dei ministeri. La monarchia non è sem­
plicemente il governo del re, come ai tempi di Luigi XIV, ma
sotto certi aspetti è ormai diventata il regno dei ministri e
degli uffici.
Da Luigi XIV in poi, il fondamentale ingranaggio provin­
ciale del potere è l'intendente, nominato e revocato dal re e
che a poco a poco riunisce nelle proprie mani, nella sua « ge­
neralità » la maggior parte delle prerogative amministrative .
Nel XVIII secolo la nobiltà, oltre alle massime cariche di
12 Lettera col sigillo del re contenente un ordine arbitrario di car­
cerazione o d'esilio [N.d.T. ] .
42
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Versailles, ha conquistato anche le intendenze, dove serve il
re con maggiore indipendenza che in passato e spesso con
grande capacità amministrativa. Il XVIII secolo francese - che
inventa le scienze sociali, l'economia, la demografia e soprat­
tutto la statistica - comincia a credere nelle efficaci virtù
delle cifre, del calcolo e della previsione. Negli uffici di Ver­
sailles si persegue un ammodernamento amministrativo che ci
ha lasciato degli archivi preziosissimi. Alla fine del secolo, la
monarchia francese è più « illuminata », nel senso intellettuale
del termine, di quanto non sia mai stata.
Ma purtroppo è ormai molto tempo ch'essa è anche po­
chissimo obbedita. Il suo reale potere cozza contro due osta­
coli differenti, l'uno reale e per cosl dire tecnico, l'altro del
tutto nuovo e schiettamente politico.
Si tratta in parte dei tradizionali ostacoli all'assolutismo,
che nascono dal carattere imprescrittibile dei privilegi acqui­
siti e dalla disuguaglianza della condizione delle persone e
delle collettività, e che rivelano le manchevolezze della cen­
tralizzazione amministrativa e la molteplicità dei poteri locali
tuttora esistenti. La Francia della fine dell'Ancien Régime non
ha un diritto unico : ai paesi a sud della Loira in cui vige il
diritto scritto, retaggio del diritto romano, si contrappongono
quelli in cui vige il diritto consuetudinario, che comprende
parecchie centinaia di norme. L'inquadramento amministrativo
del regno è assicurato mediante diversi sistemi verticali di
circoscrizioni: a seconda che si tratti del settore militare, giu­
diziario, religioso o economico, esistono i governatorati, i
présidiaux 13 , le diocesi e le generalità. Secondo le condizioni
e l'epoca della loro annessione al regno, alcune province hanno
del resto conservato una larga autonomia, sotto la direzione
dei rispettivi « Stati provinciali » controllati dai privilegiati :
più che dall'intendente del re, la Linguadoca è amministrata
dai suoi vescovi, e la Bretagna dai suoi nobili. Bisogna tener
conto infine, più generalmente, di un'istituzione che garantisce
1 3 Tribunali d'appello dei baliati ordinari, istituiti nel 1552 nei
baliati più importanti per giudicare le cause di minor rilievo [N.d.T. ] .
I. La Francia di Luigi XVI
43
alla maggior parte degli agenti dell'autorità regia una larghis­
sima indipendenza: il carattere oneroso e spesso ereditario
delle cariche pubbliche, la venalità delle funzioni, di cui la
monarchia moltiplica i titolari per impinguare le proprie fi­
nanze. L'ufficiale compra il suo reggimento, il giudice la sua
funzione nel baliato o nel siniscalcato, il parlamentare il suo
seggio di consigliere.
Nel XVII secolo tale indipendenza tecnica delle cariche
pubbliche era compensata dalla soggezione politica imposta
dal re; ma nel XVIII, indipendenza tecnica e indipendenza
politica si sommano, e l'opposizione si esprime attraverso i
più alti funzionari del regno e soprattutto tramite la nobiltà
parlamentare. Subito dopo la morte di Luigi XIV, i parla­
menti - soprattutto il primo, il parlamento di Parigi, con una
vastissima giurisdizione - ritornano alla tradizione interrotta
dal gran re: queste grandi corti giudiziarie tornano ad essere
i veicoli dell'antiassolutismo. A un'opinione pubblica che si
cerca dei rappresentanti. l'alta nobiltà di toga offre espressioni
diverse ma coerenti di un'esigenza antiassolutistica che allinea
l'aristocrazia agli strati borghesi del Terzo Stato, e tende a
erigere il controllo legislativo dei parlamenti a « legge fonda­
mentale del regno », al di sopra della volontà regia.
Tutto concorre pertanto a indebolire e a isolare il re di
Francia: il progresso delle conoscenze e delle competenze
amministrative e l'intatta arcaicità del sistema governativo,
le ambizioni politiche della borghesia e la reazione aristocra­
tica. La nazione, pur rimanendo profondamente monarchica,
diventa altrettanto radicalmente antiassolutistica. Già prima
dell'89, la monarchia assoluta è ancora tale di diritto ma non
di fatto, e la crisi finanziaria la distruggerà.
II
LA RIVOLTA DEGLI ORDINI 1
Tutto dunque comincia dalla crisi finanziaria. Essa è
qualcosa di più di un pretesto o una scintilla, e riassu­
mendo tutte le contraddizioni sociali dell' Ancien Régime,
le porta al livello del potere, che è anche il livello delle
rivoluzioni. Lo Stato cessa di essere la remota e superiore
astrazione dei tempi di calma, e per_de la sua autonomia,
giacché la società civile vi trasferisce le proprie difficoltà
e le proprie ambizioni.
Cosa talmente vera che il vecchio potere assoluto si
rassegna quasi in anticipo all'arbitrato pubblico. Esaurita
ogni risorsa, Calonne torna a indicare le grandi riforme
che dovrebbero razionalizzare il sistema fiscale del regno,
suggerendo a Luigi XVI di sottoporle a un'assemblea di
« notabili ». Egli spera che essi accetteranno docilmente
l'eguaglianza fiscale, spianando così la strada alla registra­
zione da parte del parlamento. Il re e il suo ministro hanno
dunque escogitato una complessa procedura, senza capire
l Sono stati utilizzati principalmente : A. de Tocqueville, opp. citt.
nella Bibliografia; P. Egrer, Le parlement de Dauphiné et les affaires
publiques dans la seconde motiè du XVJIJe siècle, e La prérévolution
française 1 787-1789, Grenoble 1942 e Paris 1962 ; D. Mornet, Les ori­
gines intellectuelles de la Révolution, Paris 1933 ; B. Groethuysen, Les
origines de l'esprit bourgeois, Paris s. d. (trad. it., Origini dello spirito
borghese in Francia, Milano 1969); E. Carcassonne, Montesquieu et l'idée
de Constitution, Paris 1962.
46
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
che si tratta in realtà di un ingranaggio : quello dell'opi­
nione pubblica.
I « notabili » dell'87 sono quasi tutti dei privilegiati,
e non si fanno sfuggire l'occasione di mettere in pratica
la grande rivendicazione antiassolutistica che nel XVIII
secolo allinea tutta la nobiltà francese. Come hanno po­
tuto, il re e il suo ministro, crederli arrendevoli ? Essi
provocano la caduta di Calon�e, e al suo successore - che
pure è dei loro - rifiutano qualsiasi manomissione dei
propri privilegi fiscali. Quando verranno licenziati dal re,
non soltanto saranno riusciti a mobilitare l'opinione pub­
blica contro Versailles, ma c'è già anche chi gli darà il
cambio : i parlamenti. Gli alti magistrati attraversano un
momento di grande popolarità.
Il fatto è che nel 1 787-88 le città borghesi del regno,
in nome della libertà, si schierano a fianco dei privilegiati
che scateneranno il meccanismo rivoluzionario. Ma non
tarderanno a scavalcarli in nome dell'eguaglianza: la rot­
tura avverrà alla fine del 1788, quando i nobili cerche­
ranno di ostacolare la dinamica dei Lumi. Si tratta in­
somma di un meccanismo a due tempi, che mentre da un
lato lancia la nazione illuminata all'assalto dell'Ancien
Régime, dall'altro ottiene contemporaneamente la convo­
cazione degli Stati generali in una forma nuova.
Primo tempo, i parlamenti. Attraverso quali vie mi­
steriose quelle corti giudiziarie che sono i tredici parla­
menti dell'Ancien Régime riescono a svolgere un ruolo
politico ? Attraverso la registrazione, procedura obbliga­
toria per qualsiasi ordinanza o editto regio. E sebbene in
conclusione i parlamenti non possano rifiutarsi di registrare
la legge, hanno però in tal caso il diritto di presentare
una « protesta» al re, e possono addirittura obbligarlo a
ordinarne personalmente la registrazione in uria seduta
straordinaria detta lit de justice 2 • A questo punto i giudici
sono costretti a obbedire.
2 Letto a baldacchino sul quale il re assisteva alle sedute parlamen­
tari solenni e, per estensione, le sedute stesse [N.d.T.].
II. La rivolta degli ordini
47
Tale almeno è la dottrina assolutistica: ma da Luigi
XIV a Luigi XVI la giurisprudenza si è notevolmente
trasformata.
Non dimentichiamo, in quest'evoluzione, che i parla­
mentari sono proprietari delle loro cariche, e pertanto re­
lativamente indipendenti nei confronti del potere e imbe­
vuti di un forte spirito di corpo o, come vedremo, di casta.
Le cariche parlamentari non solo sono care, ma per giunta
nobilitano e, pagando una tassa, diventano trasferibili di
padre in figlio. In questa società dominata dallo snobismo
nobiliare, esse sono divenute da tempo l'ambita meta dei
patrimoni plebei accumulati con il commercio o con le fi­
nanze, e poiché rendono relativamente poco, presuppon­
gono dei titolari che per vivere non hanno bisogno dei
magri stipendi regi o dei tributi estorti ai litiganti. Per la
nobiltà di toga il reddit:> essenziale delle sue cariche con­
siste nell'aumento della sua importanza politica.
Nel XVIII secolo l'ambizione parlamentare è cresciuta
in proporzione inversa all'indebolimento del potere : prima
con la lotta giansenista, in cui il parlamento di Parigi ha
fatto leva sulla sensibilità religiosa del popolo parigino
per difendere, contro Roma e insieme contro Versailles,
l'autonomia della Chiesa di Francia. Poi, nella seconda
metà del secolo, l'antiassolutismo parlamentare getta la
maschera religiosa e scopre le proprie ambizioni politiche :
in occasione delle « rimostranze » del 1 755 e del 1759,
il parlamento di Parigi ricorda al re che i diritti dei par­
lamenti procedono addirittura dalle origini della storia
monarchica, ossia dalle assemblee franche e successiva­
mente dalla curia regis medievale, e che pertanto non sono
delle semplici corti di giustizia, ma un unico corpo depo­
sitario delle leggi fondamentali del regno, con potere le­
gislativo; il rifiuto di registrare una legge equivarrebbe
alla bocciatura della legge stessa. Le prerogative parlamen­
tari delimitano così una delle differenze fondamentali del
secolo, quella cioè che disting11e il dispotismo dalla mo­
narchia.
48
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Quest'oligarchia nobiliare dei grandi giudici del regno,
pur moltiplicando le prove del suo conservatorismo di ca­
sta, pur facendo bruciare l'Emile e condannando a morte
Calas, conserva intatto il favore dell'opinione pubblica
urbana. Se si oppone via via all'imposta dell'l % , al
vingtième 3 , poi all'abolizione della corvée e infine al di­
ritto di bollo le città non l'intendono come una resistenza
all'eguaglianza fiscale, bensì come una manifestazione anti­
assolutistica e come l'applicazione della vecchia dottrina del
diritto di approvare l'imposta. « Il popolo - dice Vol­
taire, che non ha alcuna simpatia per i parlamentari vede nel Parlamento soltanto il nemico delle imposte, e
i ricchi fomentano le lagnanze della plebaglia ».
Non importa, insomma, come stiano veramente le
cose: il parlamento, provvisoriamente, fa le veci dell'as­
semblea eletta vagheggiata dal Terzo Stato. Nel XVIII
secolo, del resto, ogni volta che la monarchia ha cercato di
attaccarlo, ha poi dovuto finire col cedere. È stato proprio
Turgot che nel 1 77 4, per conciliare il favore popolare ai
suoi esperimenti rinnovatori, ha permesso che si restau­
rassero i parlamenti e i parlamentari aboliti dal cancelliere
Maupeou nel 1 77 1 . Da allora la loro influenza è aumen­
tata continuamente, ed è naturale · che nel 1788 sia al
culmine. Si tratti di una delle tante ambiguità politiche
del XVIII secolo : l'offensiva contro il regime assolutista
è sostenuta da una delle più caratteristiche istituzioni del­
l'Ancien Régime.
Ma quest'ambiguità politica, protrattasi per tutto il
secolo, sarà smascherata dalla crisi del regime. Eccoci al
secondo tempo; e gli eventi si sono accavallati troppo ra­
pidamente, con conseguenze troppo lontane perché i parla­
mentari possano tenergli dietro ancora a lungo.
La grande parola d'ordine della convocazione degli
Stati generali è tuttavia partita proprio da loro; ma essi
3 Questa e la precedente, imposta sui terreni corrispondente a un
ventesimo (o a un centesimo) del reddito presunto [N.d.T. ] .
II. La rivolta degli ordini
49
pensavano a Stati generali nella loro forma tradizionale,
con la rappresentanza per ordini che conferisce automati­
camente la maggioranza ai privilegiati. Nell'ottobre del
1 788 il parlamento di Parigi si riferisce esplicitamente alle
modalità del 1 6 1 4 .
Perché questa nostalgia reazionaria, questa volontà
aristocratica di monopolizzare il controllo del potere reale ?
Il mondo dei privilegiati, e soprattutto quello dei parla­
mentari, è stato per tutto il secolo uno dei più importanti
veicoli della fìlòsofia illuminista. Nella sua visione del
futuro, ha largamente accettato una nuova lettura dei me­
riti, una nuova giustificazione delle gerarchie, non più
fondata sulla nascita ma sull'utilità sociale e sul talento,
giacché, da Montesquieu a Mably, i filosofi hanno sempre
più caldeggiato, come valori complementari, la libertà e
l'eguaglianza, figlie entrambe del diritto naturale. Ma,
giunta l'ora della scelta, il liberalismo aristocratico si ri­
bella alla spinta egualitaria e si rifugia nel proprio passato.
Indubbiamente perché è col suo passato ch'esso si
definisce, e molto più di quanto non credesse. L'odio con­
tro Luigi XVI e contro il suo accentramento burocratico,
l'esplosione liberatoria del 1 7 15 e della Reggenza sono
quindi assai più importanti per capire la sensibilità nobi­
liare di quanto non lo siano le speculazioni di Montesquieu
o di Malesherbes. La moda filosofica e gli equivoci del
liberalismo hanno cancellato dal cielo delle idee le moti­
vazioni profonde dei gruppi. Ma quando arriva il momento
di inscrivere nella realtà questa società dell'eguaglianza
delle possibilità e della promozione generale vagheggiata
dal secolo, la forza del pregiudizio nobiliare, quella stessa
della storia, torna a farsi avanti brutalmente. In mancanza
di un arbitrato monarchico, la società colta, il mondo
sociale dei Lumi, è lacerato da passioni e interessi che alle
frustrazioni borghesi contrappongono i privilegi della
nascita.
Si tratta di uno dei momenti chiave della storia di
Francia, che già fa prevedere quali saranno le difficoltà di
50
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
un compromesso politico, in questa Francia dell'Ancien
Régime. Perché rifiutandosi di rinunciare anche in minima
parte ai suoi privilegi fondamentali e abbandonandosi alle
nostalgie parlamentari, l'aristocrazia rischia di bloccare la
formazione di quella società censuaria che è la più grande
ambizione dell'opinione illuminata; e rischia inoltre, per­
tanto, di legarsi ai destini di un assolutismo che ha profon­
damente detestato.
Nell'altro campo, così, tutto precipita rapidamente.
Nel luglio del 1788 l'assemblea di Vizille mostra che il
predominio di un Terzo Stato illuminato non è considerato
intollerabile dai privilegiati fedeli alla pedagogia del se­
colo : non si tratta più di difendere il particolarismo nobi­
liare, ma di andare verso la « nazione », verso la costru­
zione di un ordine sociale e politico nuovo.
Tendenza tanto più irresistibile in quanto è rafforzata
da un intervento imprevisto e decisivo, quello del popolo.
La crisi economica degli anni 1 788-89 aggiunge i propri
effetti a quelli della crisi politica. Il cattivo raccolto sca­
tena il suo tradizionale corteo di miseria rurale, di sotto­
produzione urbana, di disoccupazione e di sommosse. Que­
sta volta l'arcaicità di queste esplosioni periodiche si in­
tegra però in un contesto rivoluzionario, ed è facile capire
come esso non contribuisca a moderare la rivendicazione
egualitaria, come anzi le conferisca la propria forza e il
proprio slancio e soprattutto le fornisca una base rurale
- quella del numero. Contro i parlamenti e contro la
maggior parte della sua nobiltà, alla fine del 1 788 il re
cede alla corrente : in agosto richiama Necker, in dicembre
acconsente al raddoppio della rappresentanza del Terzo.
Comincia il dramma.
I
NOTABILI E I PARLAMENTI
Nell'estate dell'86, dopo il fallimento dei suoi primi annÌ
di gestione, Calonne ha messo a punto una riforma generale
delle regie finanze. Il èardine del suo programma è la riforma
fiscale: il controllore generale propone di sostituire i due ving­
tièmes con un'imposta proporzionale al reddito che colpisca
tutte le terre senza eccezione. Si tratta della « sovvenzione ter­
ritoriale », che dovrebbe essere pagata in natura: la grande idea
fiscale dei :fisiocrati ha cosl in lui un nuovo campione.
La seconda serie di misure progettate, le più importanti
delle quali sono la liberalizzazione del commercio dei cereali
e la totale abolizione delle dogane interne, è diretta a incre­
mentare la produzione nazionale. L'economia generale della
riforma è coronata infine dalla creazione di una piramide di
assemblee consultive che dovrebbero associare i sudditi del
re �u•amministrazione del regno. La concezione di Calonne di
queste assemblee non tiene conto degli « ordini », giacché do­
vrebbero essere elette da tutti i proprietari del regno a suf­
fragio censuario.
Calonne ha ragione di credere che i parlamenti si rifiute­
ranno di registrare gli editti, e pertanto pensa di sottoporre
il suo piano a un'assemblea di notabili nominata dal re e da
cui pertanto potrebbe sperare un certo consenso.
I notabili, in numero di 147, si riuniscono a Versailles
il 22 febbraio 1787 : in linea di principio i rappresentanti della
nobiltà sarebbero 39, ma tenendo conto dei vescovi, dei par­
lamentari e dei nobilitati che :figurano nella lista del Terzo
Stato, il numero dei nobili è di gran lunga superiore. Calonne
52
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
era sicuro della loro acquiescenza, ma la pressione dell'opinione
pubblica parigina si rivelerà molto più forte della sua.
Nel suo discorso inaugurale, il controllore generale delle
Finanze usa un linguaggio rivoluzionario, denunciando gli
« abusi » che « gravano sulla classe produttrice e lavoratrice »,
i privilegi del clero e l'impopolarità della gabella; ed è co­
stretto a confessare un deficit di 80 milioni. Allarmati dal
suo discorso, i notabili chiedono lo stato delle finanze. Calonne
rifiuta, denunciando tuttavia un deficit ancora più grave di
1 1 3 milioni, di cui dichiara responsabile il suo predecessore,
ossia Necker. A questo punto, i difensori del privilegio e tutta
l'opinione riformista favorevole a Necker si coalizzano contro
di lui. Improvvisamente abbandonato dalla corte, allarmata
dal suo programma, Calonne viene licenziato dal re per le
pressioni di Maria Antonietta.
Fra i notabili che si sono opposti a Calonne si è distinto
per la sua veemenza l'arcivescovo di Tolosa, Loménie de
Brienne, e il 1 ° maggio, dopo un breve intermezzo, il re affida
a lui la successione di Calonne.
Per conciliarsi l'assemblea dei notabili, Brienne le comu­
nica lo stato delle finanze, e fa annunciare dal re 1 5 milioni
di economie. Prelato illuminista e che per giunta si propone
di spezzare il fronte antiassolutistico, egli adotta alcuni prov­
vedimenti liberali, come il riconoscimento dello stato civile
ai protestanti, suscitando cosl lo sdegno del clero; ma per
trovare i soldi è costretto a far suo il programma di Calonne,
che colpisce la nobiltà e il clero.
L'assemblea respinge il progetto, dichiarandosi priva del
potere di approvarlo, e in tal modo esigendo indirettamente
la riunione degli Stati generali, ormai rivendicata da tutta
l'aristocrazia. La convocazione degli Stati generali potrebbe
infatti conferire una certa popolarità al governo regio e con­
solidare la monarchia, permettendole di neutralizzare la resi­
stenza dei parlamenti e dei notabili; ma Luigi XVI la rifiuta.
Non resta quindi che sciogliere l'assemblea dei notabili, che
nell'opposizione alle riforme di Calonne viene però immedia­
tamente sostituita dai parlamenti. Il 1 0 luglio il parlamento
II. La rivolta degli ordini
53
di Parigi reclama a sua volta la convocazione degli Stati ge­
nerali, soli competenti a consentire nuove imposte.
Loménie de Brienne fa appena in tempo a licenziare i no­
tabili che già è alle prese con il parlamento di Parigi. Il 6 ago­
sto 1787 Luigi XVI deve presiedere un lit de justice per la
registrazione di un'imposta sul bollo respinta dal parlamento
di Parigi, fedele alla teoria che solo gli Stati generali siano
competenti ad approvare nuove imposte. L'indomani il par­
lamento dichiara illegale la registrazione del giorno prima. La
folla acclama i magistrati: « Viva i padri del popolo ! Abbasso
le imposte ! ». A questo punto Luigi XVI esilia il parlamento
a Troyes, ma la Camera dei conti, la Cour des aides 4 e i par­
lamenti provinciali si dichiarano solidali con quello di Parigi.
Il 17 agosto il conte d'Artois, recatosi al palazzo di Giustizia
per far registrare gli editti, viene fischiato da diecimila mani­
festanti. Come in passato, e dopo tante prove generali, la città
appoggia il suo parlamento contro il re. Finalmente Loménie
de Brienne si decide a negoziare la sospensione dell'esilio, ri­
nuncia alla sovvenzione territoriale e all'editto sul bollo, e i
parlamentari tornano a Parigi in trionfo. Ma il ministro, sem­
pre a corto di denaro, intende lanciare una serie di prestiti
per 420 milioni, e promette di riunire gli Stati generali verso
il 1792.
Resta da registrare il prestito. Optando improvvisamente
per la maniera forte, Luigi XVI, consigliato dal guardasigilli
Lamoignon, decide di farlo registrare senza la preventiva ap­
provazione del parlamento. La seduta ha luogo il 19 novembre.
Luigi XVI e Lamoignon assumono toni minacciosi, dichiarando
che solo il re può decidere della necessità di convocare gli
Stati generali. All'atto della registrazione, il duca d'Orléans
si alza per dichiarare che il re sta commettendo un atto ille­
gale: « Si, è legale, perché lo voglio io », ribatte il re. L'in­
domani il duca viene esiliato a Villers-Cotteréts.
Il conflitto torna a divampare il 4 gennaio 1788, allorché
il parlamento dichiara che le lettres de cachet sono contrarie
4 Tribunale per le cause penali e civili in materia fiscale [N.d.T.].
54
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
« al diritto pubblico e naturale » ; poi, il 1 3 aprile, fa le sue
rimostranze al re per la registrazione « illegale » del 1 9 no­
vembre. Il guardasigilli Lamoignon decide allora di schiacciare
l'opposizione, e spinge Luigi XVI ad adottare una serie di
ordinanze che decapitano i parlamenti. Le più importanti sot­
traggono ai parlamenti la registrazione degli editti, delegandola
a una corte plenaria nominata a vita dal re. Il 3 maggio il
parlamento replica proclamando le « leggi fondamentali del re­
gno » : le imposte dovranno essere approvate dagli Stati ge­
nerali regolarmente convocati, i parlamenti conserveranno il
diritto di controllare le leggi, le lettres de cachet saranno abo­
lite. Luigi XVI cassa immediatamente il decreto del 3 maggio,
fa arrestare due degli agitatori, Duval d'Eprémesnil e Goislard
de Montsabert, dichiara il parlamento di Parigi « vacante » e
ordina la registrazione degli editti di Lamoignon. Tocca ora
ai parlamenti di provincia prendere in pugno le redini della
rivolta.
La rivolta parlamentare non è soltanto pangma, ma coin­
volge tutte le città del regno, incanalando e centralizzando il
pensiero antiassolutistico formatosi nell'evoluzione intellettuale
del secolo ; e la sua azione è rafforzata dall'ampia rete di ca­
pillarità sociale che lega il mondo parlamentare alla borghesia
che vive della giustizia regia : funzionari, avvocati, procu­
ratori, uscieri, e insomma tutti i livelli della cosiddetta ba­
soche 5 • L'universo contenzioso dell'Ancien Régime è anche·
un mondo profondamente imbevuto delle idee riformatrici ;
più tardi, infatti, le assemblee rivoluzionarie pulluleranno di
uomini di legge.
Una di queste idee, quella cioè degli Stati generali, già
comincia a infiammare l'opinione pubblica, pur essendo ancora
piuttosto confusa. Nell'ottobre del 1787 l'agronomo inglese
5 Corporazione degli scrivani di procuratori e dei segretari dei can­
cellieri addetti al palazzo di Giustizia.
II. La rivolta degli ordini
55
Arthur Young, di passaggio a Parigi, si trova a cena m un
ambiente in cui non si parla d'altro che di politica :
In quel circolo prevale l 'opinione che si sia alla vigilia di una
profonda rivoluzione governativa; tutto lo indica, a cominciare
dalla caotica situazione delle finanze, con un deficit impossibile da
colmare senza gli Stati generali del regno ( ...) Tutti sono d'accordo
nel dire che dalla riunione degli Stati del regno non potrà che
derivare una libertà più grande; ma fra la gente che incontro
quelli che hanno una giusta idea della libertà sono cosl pochi, che
non so davvero di che specie sarà questa libertà nascitura...
La buona coscienza insulare esprime a perfezione l'unani­
mità della rivendicazione liberale e insieme la sua incertezza.
Ma, ancor più di Parigi, nell'estate del 1788 sono le città
di provincia e le province stesse che danno il tono. I magistrati
delle alte corti volano in aiuto dei loro colleghi del parla­
mento di Parigi, dando l'avvio a un movimento enorme. Ormai
non si tratta più soltanto di resistenza, bensl di rivoluzione.
I privilegiati sono l'elemento di punta del conflitto; alle ri­
mostranze del parlamento di Parigi si aggiungono quelle del
clero di Francia. Le regioni in cui i due primi ordini del regno
hanno ancora una solida posizione politica, e possono cosl coa­
lizzare la rivolta, sono le più accanite nella lotta contro il re
e contro gli editti di Lamoignon. Si tratta delle regioni che
hanno gli Stati provinciali, o che, memori del tempo in cui
li avevano, tornano a pretenderli contro quelle « assemblee
provinciali » senza alcun potere, vani relitti del grande nau­
fragio di Calonne, istituite alla fine del 1787.
La sedizione si estende a tutte le città parlamentari, a
Grenoble, a Pau, a Digione e a Tolosa, ed è particolarmente
violenta nel Béarn e in Bretagna. A Pau, dove si paventa la
soppressione degli Stati provinciali, il 1 9 giugno la folla riapre
il palazzo di Giustizia, fa prigioniero l'intendente e reinsedia
il parlamento, che, appoggiato dalla nobiltà del Béarn, vota
immediatamente una protesta « contro qualsiasi governo che
intenda applicare un'unica regola alle diverse province ».
56
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
In Bretagna le manifestazioni sono tanto più violente in
quanto il conflitto ha radici profonde e ha covato per tutto
il secolo : la nobiltà si dichiara immediatamente solidale con
il parlamento. Il 9 maggio, a Rennes, si svolge una manife­
stazione di gentiluomini, avvocati e studenti. Il 10 Molle­
ville, intendente del re, e il conte de Thiard, comandante la
piazza, vengono presi a sassate dalla folla e sono costretti a
rifugiarsi nel palazzo del governatore. La nobiltà invia una
delegazione al re. Ma i fatti più gravi si verificano nel Del­
finato. Il parlamento protesta contro gli editti di Lamoignon;
dichiarato vacante, si riunisce egualmente, e il duca di Cler­
mont-Tonnerre, governatore della provincia, gli notifica le
condanne all'esilio. Il 7 giugno, giorno fissato per la partenza
dei magistrati, a Grenoble scoppia la rivoluzione. Gli artigiani
si radunano al suono della campana a martello; è giorno di
mercato, la città è piena di gente e i contadini calano dalle
montagne per dar man forte alla città, com'è accaduto a Pau.
I soldati di Clermont-Tonnerre vengono bersagliati dalle te­
gole lanciate dai tetti. La sommossa arriva a una tale violenza
che il rappresentante del re capitola, lasciando che il parla­
mento torni a insediarsi.
Ma l'agitazione non si placa. Essa è diretta da un « comi­
tato centrale » dominato da avvocati come Mousnier e Bar­
nave, e che si propone il ripristino degli Stati provinciali del
Delfinato. Il 21 luglio, nonostante l'opposizione del successore
di Clermont-Tonnerre a Grenoble, questi Stati provinciali si
ricostituiscono a Vizille, nel castello del grande commerciante
Périer - soprannominato « Périer Milord » per la sua enorme
ricchezza -, con la partecipazione di 165 gentiluomini, 60
ecclesiastici (ma nessun vescovo) e 500 deputati delle muni­
cipalità - principalmente dei comuni vicini a Grenoble.
A differenza del Béarn e della Bretagna, differenza fonda­
mentale e indicativa dei nuovi tempi, l'assemblea di Vizille
è dominata dal Terzo Stato, sia dal punto di vista del numero
che da quello dell'autorevolezza. L'assemblea reclama per il
Delfinato degli Stati provinciali col raddoppio della rappresen­
tanza del Terzo Stato, e per l'intero regno degli Stati generali
II. La rivolta degli ordini
57
che abbiano il diritto di approvare l'imposta; e si dichiara
pronta, se sarà necessario, a rinunciare ai privilegi della pro­
vincia per partecipare a un'assemblea nazionale. Non si tratta
più, dunque, di particolarismo nobiliare; la grande parola è
stata detta, il Terzo Stato scopre il proprio gioco: si tratta di
una vera rivoluzione nazionale, della costruzione di un ordine
nuovo. A Vizille, dietro l'unanimità antiassolutistica, si profila
l'ambizione borghese.
Di fronte a una simile levata di scudi, cui si allinea il
regno intero, il re, invece di tentare di far leva sulle divisioni
implicite nel movimento, decide - ma può ancora decidere? di cedere: 1'8 agosto si convocano gli Stati generali per il
1° maggio 1789. Era ora: il 16 agosto lo Stato sospende i
pagamenti, il 24 Brienne viene destituito e Luigi XVI si ri­
volge a Necker come a un salvatore.
L'uomo richiamato dal re nell'agosto del 1788 non sol­
tanto è un plebeo, ma è per giunta uno straniero: figlio di un
professore ginevrino, giunto a Parigi nel 1747, direttore e poi
socio della banca Thelusson, Necker si è rivelato fin da gio­
vanissimo un autentico genio della :finanza, un vero figlio di
quella borghesia protestante ginevrina che si incontra in tutte
le Borse d'Europa. Informato in anticipo della firma della
pace del 1763, si è arricchito con alcune fortunate speculazioni
sulle azioni della Compagnia delle Indie, e nell'arco di otto
anni ha accumulato un patrimonio di otto milioni di lire tor­
nesi. Nel 1765 si mette in proprio e fa della sua banca una
potenza parigina. Ma eccolo prigioniero dell'ambizione poli­
tica, l'unica che potrà elevarlo socialmente. Egli parte grave­
mente handicappato: non è nobile, è straniero ed è prote­
stante; mero prodotto della banca privata, non è titolare di
alcuna carica nelle finanze o nella regia amministrazione. Ma
per fortuna ha un salotto, di cui Madame Necker, figlia di
un pastore valdese, è l'anima. Tutti gli scienziati e gli scrittori
più famosi si affollano ai suoi pranzi del venerdl, nel palaz­
zetto del Marais in ;ue Michel-le-Comte, che gli fruttano una
reputazione di gran lunga superiore alla sua fama di finan­
ziere. Con l'Elogio di Colbert (1772) ottiene un premio del-
58
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
l'Accademia di Francia, ottimo colpo che gli procura un illustre
patrono di livello nazionale e una precisa collocazione nella
tradizione monarchica contro il fanatico liberalismo dei fisio­
crati; tratta coi guanti il clero e i gran signori, e blandisce
lo spirito del secolo con una filantropia distrattamente osten­
tata.
È chiamato aJ controllo generale prima come aggiunto e
successivamente, nel giugno del 1777, in qualità di direttore
generale: al protestante, al banchiere privato che non è mai
stato al servizo del re, non si ha il coraggio di conferire il
titolo tradizionale, e per le stesse ragioni gli si nega l'accesso
al Consiglio. Ma questo arrampicatore sociale che vorrebbe far
dimenticare le proprie origini, la propria fede e la propria
nazionalità, è l'uomo meno adatto a riorganizzare il sistema
fiscale e a costringere i privilegiati a tirar fuori i soldi. Schiavo
del suo bisogno di rendersi gradito, finanzia la guerra d'Ame­
rica a forza di prestiti e in particolare moltiplicando la ren­
dita vitalizia.
Questo tecnico della banca, dunque, evita di affrontare il
problema politico, ma riesce a conservare la sua popolarità .
Nel 1781, per difendersi dagli intrighi di corte miranti a tro­
vargli un successore, pubblica il Compte-rendu, bilancio truc­
cato in cui non compaiono le spese della cassa dello straordi­
nario e da cui risulta un attivo di 10 milioni. Quando, nel
1783, il re lo sostituisce con Calonne, egli resta l'uomo di fi­
ducia per eccellenza dei rentiers e del mondo della finanza,
conservando inoltre numerosi appoggi a Versailles. Non ap­
pena tornato al potere, nell'agosto del 1788, ottiene dalle Fi­
nanze un anticipo di 85 milioni di lire tornesi, e presta 2 mi­
lioni prelevati sul suo patrimonio personale. Ma a parte que­
sto, ed esattamente come nel 1778, non ha alcun programma
generale di riforme dello Stato e, cedendo alla corrente, ri­
nuncia alla corte plenaria, restituisce ai parlamenti la registra­
zione e fa destituire Lamoignon. Del resto, nulla più conta
ormai all'infuori della prossima convocazione degli Stati ge­
nerali.
11. La rivolta degli ordini
59
LA CRI S I GENERALE
A questo punto, oltre agli uomini, anche il cielo si mette
contro il re: come sempre, tutto comincia con un cattivo rac­
colto. Le piogge e le inondazioni del 1787, poi la siccità e fi­
nalmente le grandinate del 13 luglio 1788, che devastano tutta
la parte occidentale della Francia, tutto congiura contro il
raccolto del 1788, che è infatti catastrofico. Dalla sottopro­
duzione rurale deriva la sottoproduzione industriale e la disoc­
cupazione, e l'industria è tanto meno in grado di resistere in
quanto il trattato commerciale franco-inglese del 1786, ridu­
cendo i diritti d'entrata dei prodotti inglesi in Francia, l'ha
resa più vulnerabile. E ciò vale soprattutto per l'industria tes­
sile, il più importante settore di sviluppo inglese. All'inizio
del 1789, ad Abbeville vi sono 12.000 disoccupati, e quasi
20.000 a Lione. Dovunque gli intendenti segnalano l'aumento
della mendicità e del vagabondaggio.
Ma il più grave sintomo di crisi è il rapido aumento dei
prezzi: dopo la stagnazione da cui parevano essere stati colpiti
alla :fine degli anni Settanta, almeno nel settore cerealicolo, i
prezzi subiscono una brusca impennata, decurtando un reddito
popolare già compromesso dalla disoccupazione. Mai in tutto
il secolo essi hanno raggiunto tali vertici: a Parigi il prezzo
del pahe raddoppia, e in certe province si triplica. Il costo
della vita aumenta generalmente del doppio, mentre il lavoro
manca o diventa saltuario. Lo scontento pertanto si aggrava
dappertutto. Alla fine del durissimo inverno 1788-89 scoppiano
disordini un po' dovunque, dalla Provenza alla Borgogna e
dalla Bretagna all'Alsazia: contadini e operai saccheggiano i
granai, bloccano i convogli di cereali e minacciano i signori
che reclamano i propri diritti. A Parigi, una folla di strac­
cioni mette a sacco la grande fabbrica di carta da parati di
messer Réveillon.
In questo grande movimento anarchico in cui l'autorità
fa naufragio non tutto è nuovo: di fronte alla crisi annonaria,
l'accusa popolare risale quasi istintivamente fino al re, sia per
60
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
una sorta di ingenuo monarchismo - come se il re potesse
comandare al cielo - sia perché la regolamentazione dell'an­
nona spetta effettivamente al potere. La novità, nella prima­
vera del 1789, sta nella ricerca di una via d'uscita politica.
Il contadino impreca contro il signore e contro l'imposta?
L'operaio se la prende con l'intendente, ossia col re? Per il
momento, non conta che la rivendicazione annonaria delle
masse urbane sia in conflitto col liberalismo borghese: è un
problema che riguarda il futuro, non il presente. Nella crisi
attuale, il Terzo Stato si schiera compatto contro i privilegi
signorili, contro il sistema fiscale e a favore della riforma dello
Stato tradizionale, tutte idee lentamente elaborate dalla co­
scienza borghese. La rivolta dei poveri ha trovato chi saprà
orchestrarla.
Il datore di lavoro sta dalla parte dei salariati e ne condi­
vide le proteste, la città fa blocco contro l'Ancien Régime,
appoggiandosi alla rivolta rurale e facendo suo il furore anti­
signorile. La crisi fa un urtico fascio di tutte le frustrazioni del
Terzo Stato.
Lamoignon, nel momento in cui è diventato il bersaglio
della rivolta aristocratica, l'ha previsto: « I privilegiati - ha
detto - hanno osato resistere al re: fra due mesi non ci
saranno più né parlamenti, né nobiltà né clero ». In realtà
due mesi dopo i parlamenti esistono ancora, ma isolati e som­
mersi dalla rivendicazione del Terzo Stato. L'unanimità del
regno è infatti crollata; alla crisi economica si sovrappone a
questo punto la crisi politica, e l'una fa da moltiplicatore al­
l'altra. Accordando gli Stati generali, il 5 luglio, e convocan­
doli, 1'8 agosto, per il maggio del 1789, Luigi XVI si è rifatto
a una tradizione preassolutistica abbandonata sin dal 1614,
giacché l'ultima riunione dei tre ordini del regno risale alla
minore età di Luigi XIII. In tal modo egli si è arreso ai con­
vergenti dinamismi del liberalismo aristocratico e del libera­
lismo borghese: clero, nobiltà e Terzo Stato si aspettano tutto
dagli Stati generali, ma non si aspettano tutti la stessa cosa.
Ora, Luigi XVI non ha precisato se di questa consultazione
dei- tre ordini del regno saranno automaticamente osservate
II. La rivolta degli ordini
61
le modalità tradizionali, ossia elezioni e conteggio dei voti
per ordine, deliberazioni separate e infine un egual numero
di deputati per ciascun ordine. I privilegiati si allarmano im­
mediatamente della reticenza del re, e di un'eventuale riforma
che rischierebbe di scuotere il loro tradizionale predominio,
e il 25 settembre il parlamento di Parigi decide di « esigere
che gli Stati generali siano regolarmente convocati e composti
secondo la forma osservata nel 1614 ».
In ottobre, i notabili del 1787, prudentemente convocati
da Necker, rifiutano qualsiasi cambiamento del modo tradi­
zionale di designazione. I principi del sangue, ad eccezione
di Monsieur, appoggiano i notabili con una memoria al re.
Ciò significa l'immediata rottura della coalizione antiasso­
lutistica. L'indomani della sua decisione del 25 settembre, il
parlamento di Parigi diventa altrettanto impopolare quanto
prima era stato osannato, perché il Terzo Stato, una volta
ottenuta la convocazione degli Stati, generalizza l'esempio di
Vizille, reclamando il raddoppio della propria rappresentanza
e il voto non più per ordine bensl pro capite. II che equivale
ad ammettere che vuole arrivare a dominare un'assemblea uni­
ca, visto che spera di guadagnarsi degli alleati fra la nobiltà
e l'appoggio di quel basso clero che vive miseramente della
porzione congrua.
L'estate del 1788 segna cosi una data fondamentale nel
meccanismo rivoluzionario : al di là della rivendicazione libe­
rale, il Terzo Stato avanza la rivendicazione egualitaria e sta
già progettando la fine della società d'ordini, e dall'ormai vit­
toriosa battaglia contro l'assolutismo passa alla lotta contro
i privilegi. Come sempre, ha dalla sua il numero, ma in questa
fine del XVIII secolo ha dalla sua anche la coesione, la lungi­
miranza e le idee; ha trovato i suoi leader, le sue parole d'or­
dine e la sua strategia, e sta per diventare il « partito na­
zionale » .
-62
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
IL PARTITO NAZIONALE
Il « partito nazionale » : queste due parole unite dicono
abbastanza chiaramente che se tutto si disgrega, tutto però nel
contempo si ricostruisce in vista· di un altro avvenire. Questa
duplice tendenza si esprime con tale vigore da infrangere le
vecchie strutture della società d'ordini, trasportando gli animi
e le fantasie molto al di là dei limiti sociali, verso i nuovi
orizzonti di una « nazione » di 25 milioni di abitanti cui le
riforme daranno la f�licità. Pertanto, sebbene in tutte le città
e le province del regno il Terzo Stato sia il cardine di un
movimento d'opinione coordinato al vertice da un comitato
di trenta membri, non ne esclude tuttavia le molteplici alleanze
che gli vengono dall'alto: molti, fra preti e nobili, accettano
insieme alla parola ' nazione ' la fine del particolarismo aristo­
cratico, e con l'impeto dei transfughi pensano ormai l'avvenire
individuale in termini di felicità collettiva.
In questo senso il partito nazionale, attraverso migliaia di
pubblicazioni, esprime veramente un'opinione pubblica una­
nime.
Fra gli uomini del Terzo Stato c'è Brissot, tipico provin­
ciale dotato, ambizioso e povero, che ha speso la sua giovi­
nezza a colmare le lacune della propria educazione e della
propria nascita, fratello di migliaia di giovani poveri come
lui ma che hanno avuto la fortuna di nascere al momento
giusto.
Ma ci sono anche i figli di una borghesia già arrivata,
ormai insediata nella continuità familiare e senza alcuna spe­
ranza di riuscire a superare la barriera aristocratica : Barnave,
figlio di un avvocato con casa di sua proprietà a Grenoble, è
a sua volta un giovane e brillante avvocato, ma si annoia, e nel
suo Diario cosl definisce le cause sociali del proprio malessere:
« Esiste ancora il grand'uomo? ( ... ) Se alla luce della sua na­
scente ragione si guarda un po' intorno, altro non vede che
un deserto. Tutte le strade sono chiuse... ».
La corrente è cosl forte che molti nobili le sacrificano in
II. La rivolta degli ordini
6}
anticipo i loro privilegi secolari, come l'« americano » La
Fayette, il duca de La Rochefoucauld, ostile ai costumi di
corte, suo cugino Liancourt, agronomo :filantropo e liberale
ammiratissimo da Arthur Young, e il duca d'Aiguillon, uno
dei più ricchi proprietari del regno. Tuttavia questi grandi si­
gnori mantengono le distanze e probabilmente considerano la
propria azione come un indispensabile adeguamento del ruolo
direttivo dell'aristocrazia nella vita del regno: tutto deve
cambiare per poter continuare. La rivoluzione borghese si
sentirà più naturalmente vicina a due transfughi del clero e
della nobiltà: Sieyès, figlio di un notaio di Fréjus diventato
canonico a Chartres e già specialista della migliore delle costi­
tuzioni, e soprattutto Mirabeau, vulcanico figlio della nobiltà
provenzale, aureolato della sua bruttezza e di un'atmosfera
di scandalo e di genialità, e firmatario di numerosi saggi :finan­
ziari e politici in cui non si sa quanta parte abbia avuto il
suo entourage ginevrino.
Lo si è detto mille volte: tutta questa gente del partito
nazionale, nobili o plebei, arrampicatori o « arrivati », sono
soprattutto i figli del loro secolo, nutriti della :filosofia dei
Lumi; e se l'inizio e le modalità della Rivoluzione molto
devono alle circostanze, ossia all'accidentale, mai peraltro un
movimento di idee di tale ampiezza e cosl perfettamente con­
vergenti ha voluto e preparato trasformazioni politiche e so­
ciali come quelle del 1789.
Sotto questo punto di vista, l'evoluzione intellettuale del
secolo è estremamente significativa: il sistema politico-reli­
gioso che ha dato vita ai grandi giorni della monarchia asso­
luta comincia ad essere contestato già alla fine del regno di
Luigi XIV, ma è negli anni Cinquanta che l'evoluzione si
accelera, e negli anni Settanta ch'essa precipita. Durante la
prima metà del secolo il conflitto fondamentale è puramente
filosofico e relativamente accademico, e incentrato sulla cri­
tica .della religione rivelata. La metà del secolo rappresenta
un cardine a partire dal quale l'offensiva filosofi.ca si molti­
plica, si precisa e si politicizza, con l'Esprit des lois nel 1748,
la Lettre sur les aveugles e il primo volume dell'Histoire
64
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
naturelle nel 1749, il primo volume dell'Encyclopédie nel 175 1
e il Traité des sensations nel 1754. Voltaire già trionfa, Rous­
seau sta per pubblicare le sue grandi opere. La polemica è
multiforme e violenta, ma negli anni Settanta, fra il pubblico
colto, la battaglia è ormai vinta, l'Ancien Régime religioso
e politico ridotto al silenzio. Alla fine del secolo vedremo
l'aristocrazia di Versailles applaudire al trionfo di Figaro su
Almaviva.
In un periodo relativamente breve, si è spezzato cosl un
rapporto fondamentale dell'antica società, quello che legava
il sacro al profano, compromettendo irrimediabilmente un
complesso sistema di legittimità e di gerarchie.
Alla base della filosofia dei Lumi - sempre che si voglia
cedere a inevitabili semplificazioni - c'è indubbiamente un
metodo intellettuale, fondato sul rifiuto dello spirito di si­
stema, sul piacere della sperimentazione e sulla ricerca razio­
nale delle verità della vita pratica. Ciò è evidente nelle scienze
naturali, che cominciano a volgarizzarsi suscitando una vera
e propria infatuazione e facendo nel contempo dei progressi
fondamentali, specie nel campo della matematica e della chi­
mica; ed è ancor più evidente nella filosofia e nella politica,
in cui l'osservazione, i viaggi e gli studi storici si sostitui­
scono alla certezza metafisica e conducono a qualcosa di rela­
tivo, sl, ma ragionevole, come la morale utilitaria e il rifor­
mismo sociale.
Nulla pertanto è più falso dell'accusa di astrattezza fatta
al XVIII secolo francese dal pensiero reazionario, che inter­
preta a posteriori Montesquieu basandosi su Sieyès, e Rous­
seau fondandosi su Robespierre. La filosofia illuminista ha
vissuto di ipotesi filosofiche relativamente semplici - dei­
smo, determinismo naturalista e più raramente materialismo che non sono il suo prodotto più elaborato né più interes­
sante, e che del resto essa ha usato più come inquadrature
generali d'analisi che come oggetti di speculazione astratta.
L'idea di diritto naturale non è stata sviluppata come fine a
se stessa, ma come fondamento della rivendicazione di una
eguaglianza concreta.
:\ i4 uet, su disegno di Vény e A . Girardet, Assemblea dei notabili tenutasi a Versailles il 22 febbrazo
·;
·.J·
Le Cli:;rc inciso da Carrée; La Libertà, disegno, Parigi,
Museo Carnavalet.
Anonimo, L'Uguaglianza, acquaforte, Parigi, Museo
Carnavalet.
Ph. L. Debucourt, La Fraternità, incisione, Parigi, Bibl.
Naz.
J.B. Wicar, La Giustizia, disegno, Lille, Museo delle
Belle Arti.
L.S. Boizot, La Ragione, incisione, Vizille, Museo
del la Rivoluzione francese.
L.S. Boizot, La Verità, incisione, Vizille, Museo della
Rivoluzione francese.
Anonimo, La Natura, incisione, Parigi, Museo
Carnavalet.
Anoniino, Le eroine di Parigi marciano su Versailles il 5 ottobre 1789, incisione, Parigi, Bibl. Naz. P.G. Berthaut,
su disegno di J.L. Prieur, Il re giunge a Parigi il 6 ottobre, incisione, Parigi, Bibl. dell'Istituto di Storia della
Rivoluzione.
II. La rivolta degli ordini
65
Giacché i philosophes tendono soprattutto alle osserva­
zioni pratiche, alle verità parziali, alle conoscenze nuove, che
è appunto il procedimento della ragione riformista.
Dove conduce, questa ragione del secolo? Indubbiamente,
essa si fa strada attraverso individui, modi, forme d'intelli­
genza, di talento e di sensibilità molto diverse, da Montesquieu
a Diderot, da Rousseau a Condorcet; Voltaire le dà la sua
forma più classica e acuta. Ma in conclusione, per tutte le
menti colte, essa è una specie di patria comune fatta di suc­
cessive sedimentazioni che si accumulano senza mai distrug­
gersi. Sicché, probabilmente, da un punto di vista storico, non
è giusto contrapporre il deismo di Voltaire al materialismo
di d'Holbach, ad esempio, o il liberalismo di Montesquieu
al democratismo di Rousseau. Lo sforzo intellettuale del
secolo è tutto teso alla critica della Chiesa e del dispotismo,
alla tolleranza, alla libertà, all'eguaglianza e ai diritti del­
l'uomo. La maggior parte degli uomini che guidano l'opinione
pubblica nella primavera dell'89, dunque, non hanno operato
una scelta fra i propri maestri, ma hanno imparato da cia­
scuno di essi che bisogna credere nel progresso e nell'istru­
zione e che la conquista della felicità umana non può prescin­
dere dalla trasformazione dell'Ancien Régime.
Trasformazione meditata sin nei minimi particolari, ma
da migliaia di autori secondari ormai dimenticati. A partire
dagli anni Cinquanta, a Parigi e nelle grandi città di pro­
vincia tutta l'opinione pubblica s'informa e discute del po­
tere, del sistema rappresentativo e dell'esempio inglese, del­
l'eguaglianza naturale e della disuguaglianza sociale, della di­
stribuzione delle ricchezze, della circolazione dei cereali, e
insomma di tutti i settori della vita sociale. Definendo i pro­
pri interessi, le borghesie dell'Ancien Régime - sia quella
dei funzionari e degli uomini di legge, relativamente indi­
pendente e preoccupata da un punto di vista professionale di
trovare regole giuridiche universalmente valide contro l'arbi­
trio, sia quella degli affari, direttamente interessata alla libertà
del lavoro e degli scambi - recuperano nel contempo la
propria dignità.
66
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Questa società dei Lumi, tuttavia, è ben lontana dall'essere
soltanto « borghese », perché comprende largamente anche gli
ambienti privilegiati - l'aristocrazia oziosa e la regia buro­
crazia. Il piacere dell'arte e la preoccupazione dell'utile defi­
niscono così una nuova società della cultura, superando i
confini degli ordini e prefigurando una nuova élite.
In questa splendida :fioritura, segnaleremo in particolare
l'importanza di un pensiero economico che ha profondamente
influenzato la seconda metà del secolo e gli inizi della Rivo­
luzione, quello cioè della scuola fisiocratica. Negli anni Cin­
quanta, in un ammezzato di Versailles, un medico del re,
Quesnay, getta le basi della rivendicazione liberale contro la
tradizione colbertista della monarchia francese. Una volta
ancora, non ha importanza la spiegazione provvidenzialista
che si rifà all'ordine naturale, o l'attribuzione alla terra del
monopolio della produzione delle ricchezze: i :fisiocrati sono
figli del loro tempo, che li porta a perpetuare la fondatezza
della rivendicazione liberale o la preponderanza della rendita
fondiaria. Ma sono anche i primi teorici francesi del calcolo
economico globale e dello sviluppo annuale, e soprattutto i
dottrinari dell'alto prezzo dei cereali, della libertà economica
del laissez /aire, laissez passer, e insomma del capitalismo
liberale. All'inizio, i fondatori di questa scuola si aspettavano
tutto dalle riforme di un monarca illuminato, ma col tempo,
fra il '50 e 1'80, da Quesnay a Dupont de Nemours, i loro
discepoli hanno esteso i vantaggi della libertà al settore
politico.
Agli esordi della loro carriera politica, gli uomini dell'89
si accollano pertanto una complessa elaborazione collettiva.
La crisi dell'Ancien Régime non li coglie alla sprovvista; essi
vi si preparano da anni, e i rimedi sono già stati pesati:
« Abbiamo idee in abbondanza », dirà Mirabeau all'Assemblea
costituente.
Il partito nazionale non è un'organizzazione politica cen­
tralizzata nel senso che attribuiamo oggi al termine di par­
tito. È molto di più: è l'opinione pubblica, ossia quella delle
II. La rivolta degli ordini
67
città e, nelle città, quella dei club, che alla fine del 1788,
dopo essere stati chiusi qualche anno prima dal ministro
Breteuil, si riaprono e soprattutto si moltiplicano. A Parigi
ve n'è una vera e propria fioritura, dal « Club de Valois »
al Palais-Royal, presieduto dal proprietario del luogo, il duca
d'Orléans, insieme a Condorcet, La Rochefoucauld, Sieyès e
Montmorency, al vicinissimo « Club chez le sieur Massé », in
cui si riuniscono magistrati e militari e che a Versailles è
chiamato il « Club degli Arrabbiati » . Citeremo inoltre la
Società dell'abate Morellet, ove si discutono per scritto i più
ardui problemi tecnici dell'economia e delle finanze, e che
comprende Talleyrand, Roederer, de Vaines e Laborde-Méré­
ville; il « Club des Colons », animato dai grandi proprietari
di San Domingo, e la Società degli « Amis des Noirs », ove
contro la tratta dei negri esprimono il loro sdegno molti
grandi nomi attuali e futuri: Mirabeau, Lavoisier, La Fayette,
Condorcet, Brissot, Clavière e i fratelli Lameth; e infine
la Società dei Trenta, fondata in novembre presso Adrien
du Port, consigliere al parlamento di Parigi, e dominata
dalla nobiltà liberale, da La Fayette a Talleyrand. Molti
di questi club sono in contatto con una provincia in piena
effervescenza, dove il vecchio spirito municipalista, stroncato
dall'accentramento monarchico, aggiunge le proprie rivendica­
zioni a quelle della disoccupazione e della miseria. Nonostante
i particolarismi di ogni genere, fra le città s'iniziano e s'in­
trecciano relazioni e corrispondenze: l'unificazione del regno
si realizza in primo luogo attraverso la ribellione e il timore.
Ma il centro del conflitto, che supera sempre più larga­
mente il quadro stesso delle società chiuse dei club, è Parigi.
La capitale, decapitata da Luigi XVI, riacquista improvvisa­
mente tutti i suoi diritti e assume il ruolo che l'intero secolo
le è venuto preparando: il primo. Nei sei o settecento caffè
parigini, il gioco, il pettegolezzo o semplicemente lo spirito
parigino cedono il passo al dibattito politico. Il nipote di
Rameau 6 è diventato un militante.
6 Allusione a Le neveu
Denis Diderot [N.d.T.] .
de Rameau, romanzo filosofico-satirico di
68
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Scene di questo genere sono particolarmente frequenti nel
cuore di Parigi, all'interno del Palais-Royal, dove fra il 178 1
e il 1786 il duca d'Orléans ha fatto costruire intorno ai giar­
dini delle case d'affitto, con porticati che albergano negozi di
ogni genere. Il regolamento ne vieta l'ingresso soltanto ai
soldati, ai servi in livrea e alle donne in cuffia e grembiule.
La sera, questa società eterogenea in cui si mescolano grandi
signori e gazzettieri prezzolati conferisce ai giardini l'aspetto
di un foro; l'ombra dei grandi tigli cela il fermento degli
appetiti e degli intrighi e, in particolare, gli agenti del duca
d'Orléans sono instancabili nel dire la parola giusta al mo­
mento giusto, contrapponendo alla volontà retriva della corte
il liberalismo del loro padrone.
Qual'è l'importanza e il vero valore della congiura orleani­
sta? È un problema altrettanto difficile da risolvere di quello
dell'esatto ruolo della massoneria - problemi del resto stret­
tamente legati, giacché il duca d'Orléans è gran maestro del
Grande Oriente di Francia dal 1773. Esiste una scuola sto­
rica che ha voluto vedere nella massoneria l'autentica e segreta
istigatrice della Rivoluzione; ma al livello dei grandi avveni­
menti politici è impossibile provarlo, e coloro che la pensano
diversamente sono molti. È indubbio che le logge massoniche,
in rapido sviluppo alla fine del secolo, ebbero un importante
ruolo nella formazione dell'opinione pubblica e del partito
nazionale. La massoneria non ha però alcuna unità ideologica,
e tanto meno una volontà rivoluzionaria: essa è a volte razio­
nalista e vagamente deista - ma non anticlericale - come
quasi sempre a Parigi, a volte mistica ed erede del vecchio
sogno millenarista, come a Lione o a Strasburgo. Dovunque,
col suo rituale religioso che ha le sue radici profonde nella
civiltà cristiana, sacralizza i valori morali della filosofi.a illu­
minista, la tolleranza, la filantropia e la fraternità umana,
spianando la strada più al riformismo delle élites che alla
rivoluzione di massa. Quanto dire ch'essa è una delle forze
coesive del partito nazionale.
Giacché, alla fine del 1788, trionfa la visione ottimistica
di una progressiva evoluzione: Necker, richiamato al potere,
II. La rivolta degli ordini
69
è il garante della buona volontà del re. Ecco perché il finan­
ziere svizzero è tanto disposto a cedere al partito nazionale:
d'accordo col re e con Maria Antonietta, ben lieti di « segnare
un punto » contro i privilegiati, il 27 dicembre egli accetta
il raddoppio del Terzo agli Stati generali. Sul voto pro capite,
la cui mancata introduzione annullerebbe la concessione fatta,
silenzio: come sempre, l'arbitrato di Luigi XVI è troppo esi­
tante per essere soddisfacente, scontenta la nobiltà e inco­
raggia il Terzo Stato, inasprendo cosi il conflitto fra il par­
tito nazionale e i privilegiati. L'atmosfera si arroventa, in
Bretagna scoppia la guerra civile, il Terzo Stato evolve verso
ipotesi più radicali. In febbraio, nel suo famoso opuscolo
Qu'est-ce que le tiers état? , Sieyès esclude freddamente la
nobiltà dalla nazione: « Una classe siffatta, per la sua fannul­
laggine, è assolutamente estranea alla nazione ».
La parola passa agli Stati generali.
III
LE TRE RIVOLUZIONI DELL'ESTATE DELL ' 89 1
Ciò che i francesi vogliono, al momento dell'apertura
degli Stati generali, è più facile dirlo che in qualsiasi altro
periodo dell'Ancien Régime, giacché ce ne hanno lasciato
la testimonianza.
Come d'uso, in ogni baliato le assemblee dei tre ordini
compilarono i cahiers de doléances che i deputati avrebbero
poi presentato agli Stati : in tutto il reame, eccettuato il
Delfinato, e la Bretagna per il clero e la nobiltà, fin la più
piccola comunità rurale o corporazione artigiana fece dun­
que il suo cahier, destinato ad arricchire delle sue parti­
colari rivendicazioni il cahier del baliato. Certo essi non
sono la diretta espressione del poverissimo contadino o
del compagnon disoccupato, che non sanno scrivere; e la
penna del curato, dell'uomo di legge o del mercante atte­
nua probabilmente la violenza delle parole e dei sentimenti
popolari. Qua e là, del resto, troviamo certe somiglianze
di linguaggio che rivelano l'esistenza di modelli parigini
diffusi nelle città di provincia e nelle campagne. Ciò non
1 Sono stati utilizzati principalmente: Michelet, op. cit. nella Biblio­
grafia; G. Lefebvre, 1 789, Paris 1939, e La Grande Peur, Paris 1932
(uniti nella trad. it. La grande paura del 1 789, Torino 1973); Etudes
sur la Révolution française, Paris 1954; A. Mathiez, Les journées
d'octobre 1789, in « Revue historique ►>, 1898, vol. 67° ; J. Egret, La
Révolution des notables. Mounier et les Monarchiens, Paris 1950;
J. Godechot, Le 14 Juillet, Paris 1965.
72
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
toglie che nell'insieme la sincerità dei cahiers sia inne­
gabile, e che ciascuno di essi sia stato discusso e infine
approvato. La storia non ci offre alcun altro esempio di
una simile consultazione scritta di un intero popolo, né
di un tal monumento letterario nazionale.
È appunto quest'ampiezza che rende piuttosto difficile
una risposta globale alla semplice domanda: che cosa
vogliono insomma i francesi del 178 9 ? Quale grande
auspicio collettivo possiamo ricavare da questa massa ster­
minata e ancora pochissimo conosciuta di rivendicazioni
locali e particolari? Sul piano politico, una monarchia con­
trollata: su questo tutti sono d'accordo, nostalgia aristo­
cratica e promozione borghese. Madame de La Tour du
Pin ci descrive nelle sue Memorie quali fossero i senti­
menti della nobiltà nella primavera del 1 789: suo zio,
uomo fiducioso e ottimista, non parla d'altro che di far
governare la Francia come la Linguadoca, dove la nobiltà
controllava gli Stati provinciali. Monsieur de Ségur, altro
aristocratico peraltro liberale, scrive nei suoi ricordi : « Ciò
che più fortemente pungolava la nostra impazienza, era il
paragone fra le nostre condizioni e quelle dell'Inghilterra ».
Il Terzo Stato si allinea ai privilegiati nell'odio contro il
regio intendente, la burocrazia di Versailles e il « dispo­
tismo ministeriale », e non vede contraddizione alcuna fra
l'esplosione dei particolarismi provinciali e la rivendica­
zione dei diritti comuni a tutta la nazione, espressa con
altrettanta forza. Al contrario, anzi: la nazione, rappre­
sentata dagli Stati generali, darà al regno una Costitu­
zione decentratrice e liberale che garantirà una volta per
tutte i naturali diritti dell'individuo, cosl come li ha con­
cepiti la filosofia del secolo : libertà individuale, proprietà,
tolleranza intellettuale e religiosa, egu aglianza dei diritti
e obbligo dell'approvazione dell'imposta da parte di as­
semblee periodiche.
Di tutto questo, nulla è concepito in senso ostile al re
o alla monarchia, in una Francia in cui Luigi XVI è ancora
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
7}
circondato da un sentimento popolare religioso e filiale a
un tempo. Nella Costituzione ideale che emerge cosl chia­
ramente da tanti cahiers, tutto anzi si fonda sull'intesa fra
il re e la nazione. Preoccupato « dei diritti e degli interessi
della nazione », il Terzo Stato di Parigi è quello che lo
esprime con maggior forza: il potere legislativo apparterrà
alla nazione congiuntamente al re, il potere esecutivo al re
soltanto. E i borghesi parigini fantasticano sull'indispen­
sabile consacrazione di questa nuova Costituzione:
Ogni anno, nella ricorrenza della sua ratifica, essa sarà letta e
pubblicata nelle chiese, nei tribunali, nelle scuole, davanti a tutti
i corpi militari e sulle navi; e quel giorno, in tutti i paesi sog­
getti alla Francia, sarà un giorno di festa solenne.
Questa visione religiosamente laica della futura felicità
sociale non si riferisce mai alla violenza: la « rivoluzione »
invocata è sempre indicata come un fine, mai come un
mezzo. Nella Francia del 1789, lacerata dalle sommosse
della fame, élites e contadini comunicano attraverso la mi­
tologia della riconciliazione, non mediante l'apologia del
conflitto: la filosofia del secolo ha delineato l'immagine
del futuro bambino, ma non ha precisato le modalità della
sua nascita. È più che evidente che il consenso generale
deve bastare a tutto.
Esso deve condurre naturalmente a una società rinno­
vata, a una società della felicità umana fondata sulla coin­
cidenza della morale e dell'utilità, e spoglia di qualsiasi
riferimento soprannaturale. Il cahier di una piccola par­
rocchia del siniscalcato di Saintes cosl descrive questo
imminente paradiso in cui l'uomo diventerà il proprio fine:
Sarebbe come cancellare queste parole: se il re sapesse! Il re,
il migliore dei re, padre di una grande e saggia famiglia, il re
saprà. Tutti i vizi saranno distrutti. L'operosità lieta e virtuosa,
l'onestà, il pudore, l'onore, la virtù, il patriottismo, la dolcezza,
74
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
l'amicizia, l'eguaglianza, la concordia, il lavoro, la pietà, l'economia,
tutte queste belle virtù saranno onorate, e avremo finalmente il
regno della saggezza. Il reciproco amore fra principi e sudditi in­
nalzerà questo trono, l'unico degno del re dei francesi.
Questo per l'unanimità nazionale, e già si tratta di
un'autentica rivoluzione. Emergouv poi i molteplici con­
flitti sociali dell'antica Francia, che spesso creano delle
fratture proprio fra coloro che, a un'analisi superficiale,
sembrerebbero piuttosto esageratamente omogenei, con­
trapponendo ad esempio i contadini ricchi ai contadini
poveri sulla divisione dei beni comunali, i mercanti ai
maztres delle corporazioni sulla libertà di lavoro, i vescovi
ai curati sulla democratizzazione della Chiesa e la nobiltà
al clero sulla libertà di stampa.
Ma la spaccatura più grave è tuttavia quella che divide
i difensori del privilegio dal resto del regno. Il Terzo Stato
non è soltanto fautore del voto pro capite, destinato a con­
solidare la sua preponderanza politica ; non rivendica sol­
tanto l'eguaglianza fiscale, cui del resto la maggior parte
dei cahiers della nobiltà ha ormai finito con l'acconsentire,
ma esige inoltre l'assoluta parità dei diritti, il generale
accesso alle cariche pubbliche e ai gradi militari e l'aboli­
zione dei diritti signorili, con o senza riscatto : esige in­
somma la fine della società d'ordini. I contadini di un
villaggio del baliato di Sézanne la invocano in questi ter­
mm1 :
Siamo noi, poveri abitanti, che volenti o nolenti serviamo la
patria e il re; siamo noi che paghiamo i cannoni, i fucili e tutto
l'armamentario militare; è ancora a noi che incombe l'onere di
dare alloggio ai soldati, senza alcuna speranza per i nostri figli di
arrivare alle alte cariche militari, di cui gli si sbarra la strada
dicendogli poi che non sono atti al comando; e oltre a tutti questi
gravami, siamo per giunta costretti a pagare all'ufficiale nobile il
suo stipendio, le sue croci, i suoi nastrini, le sue pensioni, l'eser­
cizio della sua autorità e insomma tutte le grazie e i favori che
gli vengono elargiti.
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
75
Ma visto che non si tratta più di una nuova gestione
dello Stato, bensl di una nuova società, i nobili riluttano
ad acconsentire a questa supplementare rivoluzione del1' eguaglianza : se isoliamo il problema del voto pro capite
o per ordine, ad esempio, la stragrande maggioranza dei
loro cahiers lo dimostra perfettamente.
I cahiers ci illustrano dunque una situazione politica
triangolare, in cui il re di Francia ha ancora in mano
parecchi atouts: sebbene debba fronteggiare da solo la
rivoluzione liberale che unisce l'intero suo regno, resta
però arbitro della rivendicazione egualitaria che contrap­
pone i nobili al Terzo : entrambi sollecitano il suo fonda­
mentale appoggio. Egli non è intervenuto nella prepa­
razione delle elezioni, né nella redazione dei cahiers, la­
sciando che il regno si esprimesse liberamente; a questo
punto ha tutti gli elementi del problema, che possono
diventare gli elementi base di un programma.
Ma il tempo stringe: sebbene i cahiers esprimano i
desideri della nazione con la serenità di chi può soltanto
chiedere e sperare, è pur sempre la tragedia economica e
politica che ne ha permesso la redazione. Per arbitrare
questa tragedia in nome degli auspici nazionali, il re
dispone di pochissimo tempo. La condizione del suo suc­
cesso, o del suo fallimento, è la rapidità.
LA RIVOLUZIONE DEGLI AVVOCATI
Il regolamento del 24 gennaio stabiliva per gli Stati
generali una complessa procedura a uno, due o tre livelli,
a seconda che si trattasse della nobiltà o del Terzo Stato,
delle parrocchie rurali o delle città; tutti i francesi maggiori
di venticinque anni ebbero comunque diritto al voto. Coloro
che usarono di questo diritto e di cui è impossibile precisare
la percentuale, elessero 1. 165 deputati, ossia meno di 600
per il Terzo e meno di 300 per ciascuno degli ordini privi­
legiati.
Il clero, in cui si sono avute lotte intestine accanitissime,
conta soltanto 46 vescovi, alcuni dei quali liberali, come
Champion de Cicé di Bordeaux, o Talleyrand, nominato
l'anno precedente ad Autun. Il resto è di condizione modesta,
e vi primeggiano i semplici curati. Nella nobiltà, il dinamismo,
la popolarità e il talento sono schierati dalla parte dei liberali,
rappresentati da 90 deputati, un terzo del gruppo, dominato
dalla competenza di Du Port e dal prestigio « americano » di
La Fayette. La folta rappresentanza del Terzo Stato colpisce
invece per la sua omogeneità sociale e politica: niente con­
tadini, né operai o artigiani, bensl un'autentica collettività
borghese, colta, responsabile e unanimemente desiderosa di
gettare le basi di uno Stato nuovo. Gli uomini di legge - i
più numerosi - si sentono perfettamente a posto fra i com­
mercianti e i bottegai, e la provincia, che sente che questo
è il suo grande momento, sta al passo con Parigi, forte dello
slancio del secolo e delle proprie glorie locali: Mounier e
Barnave del Delfinato, i bretoni Le Chapelier e Lanjuinais,
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
77
i normanni Thouret e Buzot, Rabaut Saint-Etienne di Nimes
e l'artesiano Robespierre non soffrono di alcun complesso
d'inferiorità nei corifronti dell'accademico parigino Bailly. È
tuttavia un segno di questi tempi aristocratici il fatto che gli
uomini di primo piano siano due transfughi degli ordini
privilegiati: l'abate Sieyès, mente ristretta e dottrinaria ma di
fermissime convinzioni, eletto dal Terzo Stato di Parigi grazie
al clamoroso opuscolo pubblicato in febbraio, e il conte de
Mirabeau, uomo di dubbia reputazione ma straripante di
talento, espulso dal proprio ordine ed eletto dal Terzo di
Aix-en-Provence.
Gli Stati generali dovevano aprirsi a Versailles il 5 mag­
gio, nel salone dell'Hotel des Menus Plaisirs, sito sull'avenue
de Paris. Il grande problema, che l'esito del Consiglio aveva
lasciato insoluto, era il voto per ordine. Per ricordare a tutti
le tradizionali distinzioni del regno, il 2 maggio il re riceve
separatamente i tre ordini; il 4 si svolge il cerimoniale del
corteo degli Stati, vera umiliazione per il Terzo: i deputati
borghesi restano accuratamente tenuti in disparte, alla testa
del corteo, il più lontano possibile dal re, e giunti alla chiesa
di San Luigi, si sistemano come possono, mentre i posti
della nobiltà e del clero sono segnati. Il vescovo di Nancy,
pronunciando il sermone, presenta al re « gli omaggi del clero,
i rispetti della nobiltà e le umilissime suppliche del Terzo
Stato » : altrettanti funesti presagi protocollari profondamente
sentiti dai rappresentanti del Terzo.
Il 5 maggio, Luigi XVI apre la sessione con un breve
discorso il cui carattere anodino e tradizionale è stato accu­
ratamente calcolato. Dopo di lui, il guardasigilli Barentin
parla a voce cosi bassa che nessuno lo sente. Ma la sua pero­
razione, che esorta gli Stati « a rifiutare sdegnosamente le
pericolose innovazioni che i nemici del bene pubblico vorreb­
bero confondere con i fortunati e necessari mutamenti che ci
porteranno alla rigenerazione, principale auspicio di Sua
Maestà », è peraltro chiarissima. Ecco infine Necker, ancor
78
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
ieri idolo di tutte le città del reame. Il suo discorso, preven­
tivamente sottoposto all'approvazione del re, è cosl lungo
che il direttore generale delle Finanze ne fa leggere i brani
essenziali da un suo vice. Si tratta di un'esposizione tecnica
di tre ore sulla situazione finanziaria, che confessa soltanto
56 milioni di deficit e propone un prestito di 80 milioni.
Quanto dire ai deputati che, contrariamente alle speranze del
regno intero, il re limita il loro mandato all'approvazione di
un espediente finanziario. Non una parola su un'eventuale
Costituzione del regno, nulla o quasi sul vuoto pro capite:
Necker si limita a lasciar capire che forse potrà essere adot­
tato in futuro per certe determinate questioni. La politica del
re sembra dunque orientata verso le mezze misure, visto che
accetta l'eguaglianza fiscale ma rifiuta di spingersi oltre.
Ma è già troppo tardi: la crisi finanziaria ha cessato da
tempo di essere un problema tecnico, per diventare la scin­
tilla di una crisi politica e nazionale. Rifiutandosi di affron­
tare comunque il problema, la posizione del re si indebolisce:
se avesse ordinato la separazione delle Camere, avrebbe avuto
al suo fianco il clero e la nobiltà, mentre se avesse ordinato
la riunione degli ordini avrebbe avuto dalla sua il Terzo Stato.
In entrambi i casi le sue probabilità di essere obbedito sareb­
bero aumentate, in quanto nessuno ancora gli contesta l'eser­
cizio del potere esecutivo, di cui egli stesso si priva con la
sua indecisione. L'indomani, nobiltà e clero cominciano a
verificare separatamente i poteri dei deputati. Il Terzo non
si muove. Gli Stati sono paralizzati.
Che farà il Terzo Stato? Per i suoi deputati, rimasti nel
salone dei Menus, l'unico abbastanza ampio da contenere i
tre ordini riuniti, la situazione è difficilissima. Rifiutare aper­
tamente e immediatamente il voto per ordini significa gettarsi
nell'illegalità e nella rivoluzione. Alcuni sarebbero dispostis­
simi a farlo, -,come i bretoni o i deputati del Delfinato, ma
non tutti. Nessuna voce comunque si leva a predicare l'obbe­
dienza o la tradizione, e pertanto si decide di attendere: il
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
79
Terzo si guarda bene dal costituirsi in assemblea, o dal crearsi
un regolamento o una giunta. Tuttavia, sintomo significativo,
il 6 maggio si ribattezza, quasi che il nuovo nome lo lavasse
da un'umiliazione secolare: i suoi rappresentanti si chiame­
ranno d'ora in poi « deputati dei comuni ».
I primi cedimenti del clero gli forniranno il terreno di
manovra, giacché, mentre la nobiltà continua per la sua strada
e 1'1 1 maggio si dichiara costituita, i dissensi fra curati e
vescovi inducono il clero a proporre delle conferenze conci­
liatorie di commissari scelti nei tre ordini. Fedele alla sua
tattica dilatoria, il Terzo non osa rifiutare; ma fedele anche
al proprio obiettivo finale, non cede su alcun punto fonda­
mentale e propone solennemente al clero la riunione delle
due Camere. L'impazienza dei loro curati costringe i vescovi
a ricorrere alla mediazione del re, che propone ai commissari
dei tre ordini l'arbitrato dei suoi ministri : le nuove confe­
renze cominciano il 30 maggio, ma i cavilli procedurali non
tardano a rivelare il carattere insanabile del conflitto. La
nobiltà ricusa sia i verbali che la nuova denominazione del
Terzo.
Si arriva cosl al 9 giugno, e nulla è ancora veramente
cominciato. Tuttavia il tempo stringe, la tensione aumenta;
ogni giorno il pubblico invade le tribune del salone dei
Menus, e il 2 giugno Barentin ha scritto al re: « Gli spetta­
tori fomentano l'agitazione esistente nell'Assemblea ». Sta
per scoccare l'ora dell'audacia, e i rappresentanti dei comuni
sono pronti: quest'interminabile mese di maggio li ha rinsal­
dati e rivelati a se stessi; alla · fine di aprile i deputati bretoni
hanno preso l'abitudine di consultarsi al di fuori delle sedute,
invitando ai loro dibattiti i colleghi delle altre province; si è
formato uno spirito collettivo, l'ingegno e l'autorità si sono
segnalati e affermati : non soltanto Sieyès o Mirabeau, ma
anche Bailly, Target, Barnave, Mounier, Rabaut Saint-Etienne,
Camus, Malouet, Le Chapelier.
Il 10 giugno, su proposta di Sieyès, il Terzo Stato decide
di « uscire da una troppo lunga inerzia » e invita i deputati
dei primi due ordini a riunirsi per procedere alla verifica
80
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
globale dei poteri di « tutti i rappresentanti della nazione » :
i non comparenti saranno considerati assenti.
L'appello comincia il 12 sera, ma il Terzo è solo. Il 1 3 ,
gli si uniscono tre curati del Poitou; il 1 4 e il 16 il movi­
mento si allarga lentamente: 1 9 deputati del clero - fra cui
l'abate Grégoire - passano ai comuni. Terminata la verifica,
l'Assemblea affronta la grande, l'immensa questione del pro­
prio nuovo battesimo: che cos'è? Che cosa vuol essere? No­
nostante la prudenza di Mounier e di Mirabeau, Sieyès ri­
prende il termine proposto da un suo collega, « Assemblea
nazionale », adottato a larghissima ·maggioranza il 17, dopo
un dibattito durato tre giorni. Il grande atto rivoluzionario
è compiuto: il Terzo Stato ha distrutto la vecchia società
politica e creato un nuovo potere indipendente dal re.
Subito dopo, su appello del presidente, l'accademico Bailly,
i deputati giurano solennemente fedeltà alle funzioni che
hanno appena definito. Il giorno successivo si attribuiscono
il diritto di approvare l'imposta, ponendo « immediatamente
i creditori dello Stato sotto la protezione dell'onore e della
lealtà della nazione francese » : un modo come un altro di
far capire alla folla vicina ai rentiers parigini che se la ban­
carotta è una regale abitudine, la difesa della democrazia della
rendita è un'innovazione rivoluzionaria.
In Francia insomma è nata una nuova sovranità. Ma
l'antica non l'ha riconosciuta, e come potrebbe farlo, del
resto, senza rinnegare se stessa? Deve lottare o cedere.
L'iniziativa rivoluzionaria del Terzo ha naturalmente ap­
profondito le divisioni interne del clero e della nobiltà: il 1 9,
il clero si pronuncia a maggioranza per la riunione. Nell'altra
Camera privilegiata, ottanta nobili liberali votano anch'essi
a suo favore.
La resistenza della maggior parte dei vescovi e della
grande maggioranza dei nobili ne esce tuttavia rafforzata:
abdicando finalmente a favore del potere regio, questi appren­
disti stregoni della rivoluzione, dopo averlo lungamente com­
battuto e screditato, ricorrono a Luigi XVI. Riscoprendo in
lui il loro protettore naturale, i nobili corrono a Marly, dove
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
81
il re si è ritirato dopo la morte del figlio maggiore, avvenuta
il 4 giugno, e dove la regina e i principi, in assenza dei mini­
stri liberali rimasti a Versailles, hanno tutto l'agio d'incorag­
giarlo à resistere.
Fra la maggioranza del ministero, che tiene per gli Stati,
e il suo entourage, ormai incline alla prova di forza, Luigi XVI
tende a dare ascolto al secondo, ma decide soltanto la forma
del proprio arbitrato : si terrà agli Stati una seduta reale,
prevista in un primo tempo per il 22 e successivamente ri­
mandata al giorno seguente. Frattanto, col pretesto dei pre­
parativi necessari per la seduta, il salone dell'Hotel des Menus
Plaisirs verrà chiuso.
Il 20, i deputati dell'Assemblea nazionale, che non sono
stati avvertiti, trovano dunque la porta chiusa. Ammucchiati
sotto la pioggia nell'avenue de Paris, si recano nella vicina
sala della Pallacorda: illuminata da finestre altissime, senza
sedili, con le pareti spoglie di qualsiasi ornamento, questo
ampio stanzone nudo, tagliato a mezza altezza da gallerie di
legno traboccanti di pubblico, fa da solenne cornice al celebre
giuramento redatto da Target e letto da Bailly :
L'Assemblea nazionale, considerato 'che, chiamata a stabilire la
Costituzione del regno, ad operare la rigenerazione dell'ordine pub­
blico e a mantenere i veri prindpi della monarchia, nulla può
im;,edirle di continuare a deliberare qualunque sia il luogo in cui
sarà costretta a riunirsi, e che dovunque i suoi membri si riuni­
ranno, là sarà l'Assemblea, decreta che tutti i membri dell'Assem­
blea medesima prestino immediatamente solenne giuramento di
non separarsi mai e di riunirsi dovunque le circostanze lo richie­
deranno, finché la Costituzione del regno non sarà stabilita e
poggiata su solide fondamenta, e che, prestato il suddetto giura­
mento, tutti i membri, e ciascuno in particolare, confermino con
la propria firma questa incrollabile risoluzione.
Tutti i deputati, tranne uno, prestarono giuramento nelle
mani di Bailly. La volontà rivoluzionaria era ormai suggel­
lata dalla fede giurata.
L'indomani, 21 giugno, era una domenica. Il giorno sue-
82
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
cessivo, 22 giugno, l'Assemblea nazionale, rifugiata nella na­
vata centrale della chiesa di San Luigi, accolse 150 membri
del clero, fedeli alla decisione presa a maggioranza il 10. Ma
tutto ormai dipendeva dalla seduta real�.
Giunti al mattino della seduta regia del 23, è ormai tempo
di chiedersi: che cosa vuole il re? Che cosa c'è in quell'uomo
taciturno, quale volontà segreta si nasconde dietro il suo
aspetto apatico?
Ci conviene attenerci ai fatti conosciuti, che non sono poi
molti. Il Consiglio si è riunito tre volte, il 19 a Marly, e il
2 1 e il 22 a Versailles, dove la corte ha fatto ritorno, allo
scopo di preparare la seduta reale degli Stati. Il 19 Necker
espone finalmente il suo piano: appoggiato dai suoi colleghi
liberali, Montmorin, Saint-Priest e il vescovo La Luzerne, egli
caldeggia l'eguaglianza fiscale e il generale accesso alle cariche
pubbliche, e, per tutto quanto concerne i diritti signorili e
i privilegi dei primi due ordini, ammette il voto pro capite
nell'organizzazione dei futuri Stati generali - preparandosi
la vittoria per l'avvenire -, ma non per il momento. Quanto
alle rivoluzionarie decisioni del Terzo, consiglia di non cas­
sarle apertamente, bensl « di pronunciarsi senza tener conto
delle deliberazioni del 17 giugno » .
Durante un'interminabile discussione ( la seduta continuerà
fino a sera inoltrata), il guardasigilli Barentin critica le con­
cessioni di Necker: non tanto l'eguaglianza fiscale, quanto il
voto pro capite nei futuri Stati generali, l'ammissione dei bor­
ghesi ai gradi militari e il rifiuto di stroncare apertamente la
rivolta del Terzo Stato. Il 21, domenica, il re accoglie i pro­
pri fratelli nel Consiglio e licenzia Necker, il cui progetto
l'indomani verrà ripreso e inasprito.
Il 23 il direttore generale delle Finanze si rifiuta pertanto
di assistere alla seduta reale. Il Terzo, già scontento del dispo­
sitivo militare adottato e dell'umiliante attesa alla porta della
sala cui è stato costretto, si allarma per l'assenza del ministro
più popolare. Ma le sue speranze sono deluse soprattutto dalle
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
83
due dichiarazioni fatte leggere da Luigi XVI. È necessario
comunque soffermarcisi, sia perché si tratta di documenti im­
portanti, sia perché rappresentano una specie di testamento:
per la prima ed ultima volta, il re definisce liberamente i
limiti entro i quali la monarchia francese è disposta ad accet­
tare un'evoluzione riformistica. La dottrina di Luigi XVI e
dei suoi consiglieri non è mai stata tanto chiara. Quest'uomo
abulico sapeva perfettamente, quel giorno, che cosa volesse
e che cosa non volesse.
Che cosa dice il testo regale? Accetta che gli Stati appro­
vino l'imposta e i prestiti, accetta la libertà individuale, la
libertà di stampa e il decentramento amministrativo; esprime
l'augurio che i privilegiati si sottomettano all'eguaglianza
fiscale, ma sorvola sul generale accesso a tutte le cariche, e
contempla il voto pro capite solo per alcuni limitati problemi,
rifiutandolo esplicitamente per tutto quanto riguarda gli Stati
generali futuri. E, soprattutto, conserva espressamente le tra­
dizionali gerarchie della società aristocratica. La monarchia,
insomma, fa qualche concessione alla rivendicazione liberale,
ma rifiuta perentoriamente l'eguaglianza dei diritti e, delle
riforme, accetta quel che accetta l'aristocrazia. Il suo arbi­
trato perde cosi ogni credibilità.
Il Terzo lo sente tanto più profondamente in quanto la
dichiarazione regale annulla le risoluzioni del 17 giugno, e
Luigi XVI chiude la seduta con un discorso altero da cui
trapela la minaccia di sciogliere gli Stati. L'ordine di divi­
dersi e deliberare separatamente è formale. Non appena il re
si ritira, seguito dai prelati e dai deputati della nobiltà, il
giovane marchese de Dreux-Brézé, gran maestro delle ceri­
monie, si avvicina agli uomini del Terzo, immobili e silen­
ziosi: « Signori, conoscete le intenzioni del re ». Negli istanti
che seguono, la rivoluzione borghese, come sappiamo, inventa,
per esprimere i nuovi tempi, tre formule sorprendenti. Bailly :
« La nazione riunita in assemblea non accetta ordini ». Sieyès:
« Siete gli stessi di sempre ». Mirabeau : « Lasceremo i nostri
posti solo con la forza delle baionette ». L'Assemblea decide
infatti di persistere nelle sue precedenti risoluzioni, e decreta
84
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
l'inviolabilità dei propri membri. Luigi XVI lascia correre:
non è detto che in questo momento sia in grado di imporre
la politica concertata dal Consiglio del 21 giugno, e comunque
non lo tenta neppure. Il 24, la maggioranza del clero si unisce
ali'Assemblea nazionale presieduta congiuntamente da Bailly
e dall'arcivescovo di Vienne. Il 25 comincia a disgregarsi
anche la resistenza nobiliare: 47 deputati della nobiltà pas­
sano all'Assemblea nazionale, al seguito di Clermont-Tonnerre,
La Rochefoucauld, Du Port e del duca d'Orléans. Il 27 Luigi
XVI sanziona il fatto compiuto invitando il suo « fedele clero
e la sua fedele nobiltà » a unirsi al Terzo Stato. A sera tutta
Parigi s'illumina.
I deputati del Terzo hanno vinto la loro rivoluzione; il
7 luglio l'Assemblea nomina un: Comitato di costituzione.
Non è forse infatti, fin da giugno, l'Assemblea costituente?
Alla fine di giugno, ecco dunque due sovranità faccia a
faccia: l'antica, ossia quella del re, e la nuova, quella del­
l'Assemblea. Due sovranità che non sono incompatibili, non
solo perché il 27 la prima ha implicitamente riconosciuto la
seconda, ma anche perché la seconda non cerca di sostituirsi
alla prima. La rivoluzione borghese non è la rivoluzione del
tutto o niente, ma si accinge anzi a spartire col re e a gover­
nare insieme all'aristocrazia liberale.
Molto dunque dipende da Luigi XVI. Ma i meccanismi
delle decisioni del re e le modalità della sua azione sono quasi
sempre estremamente oscuri. La corte indubbiamente spera
in una rivincita, e in questo senso la regina, il conte d'Artois,
i principi di Condé e de Conti, Polignac e Broglie non danno
tregua alla debolezza del re. Ma esiste un vero e proprio piano
rivoluzionario? ·se la risposta è sl, esso è tutt'altro che mani­
festo; ed è probabile che le cose stiano come racconta Necker:
« Ci furono segreti e fatti reconditi, che nemmeno il re cono­
sceva tutti ». A seconda delle circostanze, ci si proponeva
probabilmente di indurre il monarca ad adottare provvedi­
menti di cui non si era osato parlargli.
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
85
In realtà, una complessa operazione di concentramento di
truppe intorno a Parigi si precisa di giorno in giorno: il 26
giugno, il re ordina la mobilitazione di sei reggimenti, e il
1° luglio, dopo alcuni atti d'insubordinazione delle guardie
francesi di Parigi, di altri dieci, in maggioranza svizzeri o
tedeschi. lì pretesto addotto è il mantenimento dell'ordine, in
una Parigi che ha fame e paura. Ma l'Assemblea nazionale
si allarma: 1'8 luglio Mirabeau denuncia il tentativo contro­
rivoluzionario, e l'indomani l'Assemblea vota un indirizzo al re.
La congiura di Versailles precipita: 1'11 luglio, senza
attendere l'arrivo delle truppe chiamate, il re manda Necker
in esilio e licenzia i ministri liberali. Preparato dietro le quinte
già da parecchie settimane, il nuovo gabinetto è un vero e
proprio manifesto controrivoluzionario: Breteuil, aristocratico
dichiarato, ne è l'anima, Barentin resta guardasigilli, al mare­
sciallo de Broglie tocca il ministero della Guerra. Il regno
intero lo considera una dichiarazione di guerra civile.
La destituzione di Necker è infatti un gesto estremamente
rischioso : a Parigi, dalla fine di giugno, il fermento è eviden­
tissimo, il meeting permanente; il rincaro del pane e la disoc­
cupazione, aumentata dalla temporanea sovrappopolazione
creata a Parigi dai poveri cacciati dalla miseria delle cam­
pagne, portano all'esasperazione i quartieri popolari del centro
e della parte orientale della grande città. Il 14 luglio, simbo­
lica coincidenza, il pane costerà più caro che in qualsiasi altro
momento del secolo. La paura della bancarotta sconvolge
d'altronde interessi grandi e piccoli, la massa dei possidenti
e l'oligarchia commerciale e finanziaria.
La riunione degli Stati generali e la rivoluzione dei depu­
tati del Terzo hanno ridestato nell'animo popolare l'antico
millenarismo, l'ansiosa attesa della rivincita dei poveri e della
felicità degli umiliati: la mentalità rivoluzionaria ne sarà
tutta profondamente impregnata. Ma per il momento, Parigi
ha fame, e le notizie che giungono da Versailles non sono
tali da smentire ciò che i borghesi chiamano ormai da tempo
la « congiura aristocratica » . La città è in piedi, in attesa.
Chi la governa? Nessuno. L'oligarchia municipale, presie-
86
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
duta dal prevosto dei mercanti coadiuvato da quattro scabini >
rappresenta più il re che la città, e non ha alcuna autorità.
La regia armata? Oltre alle truppe del corpo di guardla, vi
sono a Parigi due reggimenti di fanteria, guardie svizzere e
guardie francesi, tre o quattromila uomini in tutto. Ma dei
soldati della guardia francese non ci si può fidare: scontenti
della durezza dei propri ufficiali, coccolati dai borghesi pari­
gini che gli offrono vino e denaro e conquistati per giunta
dall'immenso risveglio dell'opinione pubblica, essi stanno dalla
parte di Parigi. Il 30 giugno una folla sterminata ha spalan­
cato a molti di essi, arrestati per insubordinazione, le porte
dell'abbazia di Saint-Germain-des-Prés. Investita del caso,.
l'Assemblea nazionale chiede l'indulgenza del re, e Luigi XVI
non osa rifiutare; con un atto simbolico, i soldati tornano
m prigione e vengono immediatamente rimessi in libertà.
In questa crisi generale dell'autorità, la borghesia parigina
si organizza. Le assemblee elettorali della primavera riman­
gono in contatto; alla fine di giugno i 400 elettori di secondo
grado eletti dai 60 distretti costituiscono una specie di muni­
cipalità semiclandestina e parzialmente tollerata dall'Hotel de
Ville. Essa propone all'Assemblea l'organizzazione di una
« milizia nazionale » destinata a mantenere l'ordine a Parigi
e a proteggere eventualmente i deputati, che peraltro non
osano accettarla e aggiornano la mozione.
È in quest'atmosfera che la domenica 12, verso mezzo­
giorno, Parigi viene informata della destituzione di Necker.
LA RIVOLUZIONE PARIGINA
L11 destituzione di Necker, per Parigi, è la prova incon­
futabile della congiura aristocratica, il segno della bancarotta
e della controrivoluzione. Stando alle notizie degli ultimi
giorni, l'intera città si crede circondata dai soldati del re e
sul punto di essere annientata e abbandonata al saccheggio.
I parigini dunque non insorgono per difendere l'Assemblea
e le sue conquiste ; questa sarà soltanto una conseguenza
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
87
obiettiva della loro volontà di salvare se stessi. E del resto,
chi era più minacciato, l'Assemblea o Parigi? Certo è che,
per quella misteriosa fatalità che perseguita i poteri in deca­
denza, il re ancora una volta mobilita contro se stesso tutti
gli avversari possibili.
Immediatamente, il 12 pomeriggio, scoppia la reazione :
il tempo è bello, la folla del Palais-Royal si assiepa intorno
agli oratori improvvisati, poi dilaga per le vie di Parigi re­
cando in trionfo i busti di Necker e del duca d'Orléans. In
piace Louis XV il corteo si scontra con la cavalleria del Royal­
Allemand, di colpo le guardie francesi si lanciano dalle ca­
serme per unirsi agli insorti. Durante la notte, Besenval,
comandante della piazza di Parigi in sostituzione del mare­
sciallo de Broglie, guida i suoi soldati al Campo di Marte,
donde non si muoveranno più. È evidente fin dal 12 che il
ministero dell'l l luglio si è lanciato alla ventura senza aver
previsto i mezzi della propria politica, con truppe scarse e
poco fidate.
Intanto il popolo assale le barriere daziarie e scaccia gli
impiegati della Ferme Générale, ripetendo un'ultima volta il
vecchio gesto antifiscale dell'Ancien Régime. Ma questa volta
esso cerca soprattutto e dappertutto le armi; per tutta la
giornata del 13, davanti all'Hotel de Ville, migliaia di uomini
chiedono armi. Lo stesso giorno si compie pubblicamente la
rivoluzione municipale: gli elettori dei distretti di Parigi nomi­
nano un Comitato permanente, in cui hanno la maggioranza,
e decidono l'immediata istituzione di una milizia borghese,
costituita da ottocento cittadini per ciascun distretto e desti­
nata a vegliare sulla sicurezza pubblica. Indubbiamente i bor­
ghesi agiati che prendono le redini della rivoluzione parigina
vogliono impedirle di dirottare verso l'anarchia e la distru­
zione della proprietà. Nella notte fra il 13 e il 14, Parigi,
illuminata a giorno per ordine del Comitato, ode il suono
dei passi delle prime pattuglie del nuovo ordine sociale. È
nata la guardia nazionale.
L'intero popolo vigila; allo spuntare dell'alba del 14,
accompagna all'Hotel des Invalides il delegato del Comitato
88
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
permanente incaricato di ottenere le armi promesse. Sempre
in cerca d'anni, la rivoluzione si dirige poi alla Bastiglia. La
mirabile scelta dell'obiettivo fu istintiva e improvvisa : nel­
l'intimo delle coscienze umiliate balenò forse la confusa sen­
sazione che la tetra fortezza, i cui otto grossi torrioni sbar­
ravano l'ingresso al Faubourg Saint-Antoine, era un lampante
simbolo del nemico? La leggendaria prigione, mostruoso ana­
cronismo urbano, umano e politico, galvanizzò probabilmente
il coraggio popolare.
Il governatore Launay, che dispone soltanto di una pic­
cola guarnigione - 80 invalidi e 30 svizzeri - ha evacuato
i cortili esterni, trincerandosi al di là dei fossati, e alla dele­
gazione dell'Hòtel de Ville promette che non sparerà, se nes­
suno lo attaccherà. Ma verso l'una la folla riesce a penetrare
nei cortili, arrivando fino al ponte levatoio: Launay, ritenen­
dosi attaccato, ordina una sparatoria micidiale che fa un cen­
tinaio di morti fra gli assedianti. Il popolo grida convinto
al tradimento del governatore.
All'Hòtel de Ville, nel pomeriggio, la notizia suscita il
furore popolare, nonostante i tentativi di mediazione degli
elettori. Alcuni cittadini e trecento guardie francesi, coman­
date dal sottufficiale Hulin e dal tenente Elie del reggimento
Reine-Infanterie, trascinano fino alla Bastiglia quattro cannoni
presi al mattino agli lnvalides, e li puntano davanti al ponte
levatoio.
Sono le cinque. Launay offre la capitolazione della for­
tezza. Elie è d'accordo, ma come farla accettare agli insorti,
che si sono creduti traditi e sono decisi a vendicare i propri
morti? Non appena i ponti levatoi si abbassano, la folla
irrompe nella fortezza, inaugurando la lunga serie di atroci
e spettacolari eccidi che per anni segneranno tutte le giornate
rivoluzionarie e tutte le insurrezioni controrivoluzionarie. Tre
ufficiali e tre soldati vengono uccisi; Launay, trascinato lungo
il fiume fino all'Hòtel de Ville, fra botte e insulti, viene
trucidato in place de Grève; Flesselles, prevosto dei mercanti,
fa la stessa fine. Le loro teste, infilzate su due picche, ven­
gono portate dalla folla fino al Palais-Royal.
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
89
Davanti ai vincitori della Bastiglia - una folla estrema­
mente mista in cui predominano tuttavia gli artigiani del
faubourg Saint-Antoine - Besenval ripiega con le sue truppe
verso Saint-Cloud. La città ha schiacciato la corte.
Ma né la Rivoluzione né la corte hanno mai pensato che
l'immensa prigione fosse la più importante posta in gioco della
battaglia. I disordini quindi continuano anche nei giorni
seguenti, alimentati dalle false notizie e dalla paura collettiva.
Il 22, una settimana dopo la caduta della Bastiglia, uno dei
componenti il ministero Breteuil, Foullon de Doué, viene
arrestato e condotto all'Hotel de Ville; agli elettori che vor­
rebbero imprigionarlo e fargli un regolare processo, la folla
risponde univoca « ch'egli aveva offeso il popolo, che aveva
detto che gli avrebbe fatto mangiare l'erba; che aveva voluto
provocare la bancarotta... », chiedendo che sia giudicato al­
l'istante e condannato a morte. E infatti Foullon viene trasci­
nato fuori dalla sala della giunta dell'Hotel de Ville e impic­
cato immediatamente. Suo genero, l'intendente di Parigi
Bertier de Sauvigny, accusato « d'aver fatto tagliare il grano
ancora verde », subisce la stessa sorte subito dopo. Tali fatti
non ci dicono soltanto la barbarie dei tempi e dei costumi,
ma ci spiegano fino a che punto l'accusa economica sommata
all'accusa politica avessero sommerso nell'odio gli esponenti
del « dispotismo ministeriale ».
Eppure Luigi XVI ha ormai ceduto. Già il 14 la sua pas­
sività è stupefacente. La regina e il conte d'Artois lo spin­
gono a rifugiarsi a Metz, sotto la protezione di truppe fedeli;
ma l'altro suo fratello, Monsieur, e il maresciallo de Broglie
sono di parere contrario. Il re si rassegna a restare, ossia a
cedere, e il 15 si reca di persona all'Assemblea per annun­
ciare il congedo delle truppe. I deputati applaudono: l'insur­
rezione parigina li ha salvati dalla controrivoluzione, ed essi
accolgono con gioia il consenso regale, indispensabile al nuovo
regime che vogliono costruire.
Il 16, Luigi XVI richiama Necker e i suoi colleghi, desti-
90
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
tuttl l'l l; lo stesso giorno, a Parigi, Bailly e La Fayette,
nominati rispettivamente sindaco e comandante della guardia
nazionale, prendono possesso delle loro nuove funzioni. L'in­
domani, 17, all'inizio del pomeriggio, Luigi XVI si reca a
Parigi scortato dalla guardia nazionale, fra un immenso con­
corso di popolo. L'accoglienza è piuttosto fredda. Ma al ri­
torno dall'Hotel de Ville, dove il re si è fregiato della coc­
carda rossa e blu, colori del municipio, gli applausi sono più
calorosi: Parigi acclama il re penitente. « Cosl - scrive un
testimone oculare, l'americano Jefferson - finl un'ammenda
onorevole quale mai alcun re aveva fatto, né alcun popolo
mai ricevuto ».
La Rivoluzione, insomma, ha vinto. Mentre la Borsa saluta
la ritrovata fiducia con la ripresa dei corsi, una prima ondata
di emigrati ha già varcato i confini : il conte d'Artois, i prin­
cipi di Condé e de Conti, il maresciallo de Broglie, Barentin,
Breteuil e i Polignac hanno dato il via nella notte fra il 1 5
e il 16. A Versailles, le regali abitudini si cullano ormai
nella malinconia dell'immenso castello semideserto. L'ala nord,
occupata dai Condé, è quasi vuota. L'ala a mezzogiorno, l'ala
dei piaceri, l'ala del conte d'Artois e dei Polignac, è chiusa
per sempre.
La vittoria di Parigi è decisiva, ma non è l'unica. Quasi
tutte le città del regno seguono l'esempio della capitale, diri­
gendo e incanalando il torrente dell'agitazione popolare. Tutta
l'evoluzione economica e intellettuale del XVIII secolo le ha
preparate a questo ruolo: è l'ora delle borghesie del regno,
nel senso etimologico del termine.
Le città avanzavano un'ormai antica rivincita sull'accen­
tramento monarchico : dopo Luigi XIV, perduti gli ultimi
resti della loro indipendenza, erano state dominate da pic­
cole oligarchie debitrici del potere più al re che al suffragio
degli abitanti, e libere soltanto di piegarsi alla tutela dell'in­
tendente. Nel 1789, il crollo del potere centrale gli offre la
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
91
sospirata occasione di tornare ad essere dei « comuni » libe­
ramente amministrati.
La destituzione di Necker, il fermento popolare e i peri­
coli che si profilano dovunque gliene fanno addirittura una
necessità. In questo grande reame che sprofonda nell'anarchia
e in cui gli intendenti sono :fiacchi e i governatori inermi, chi
meglio della borghesia cittadina potrebbe sostituirsi all'auto­
rità regia? Le notizie dei fatti parigini danno vita in tutto il
regno a una democrazia municipale che si insedia pacifica­
mente, e che spesso non sopprime il vecchio « corpo citta­
dino », ma vi si sovrappone o vi si sostituisce, come accade
a Digione, a Rouen, a Nantes, a Bordeaux o a Lione. Altrove,
come a Vernon, in Normandia, la vecchia municipalità viene
travolta dalla sommossa frumentaria, e lascia il posto a un
comitato di esponenti dell'ordine nuovo.
Dovunque, questi nuovi poteri hanno tutte le prerogative
perché godono del totale appoggio dell'opinione pubblica, e
s'incaricano sia della polizia e della giustizia che dell'annona
- ossia molto più di quanto sia mai toccato all'intendente
del re. Contemporaneamente essi creano, come a Parigi, gli
strumenti dell'ordine nuovo, le guardie nazionali. I volontari
sono molto più numerosi delle armi, trovate a caso nei depo­
siti e negli arsenali del re. Il 29 luglio, a Bordeaux, la guardia
borghese si arma tranquillamente sotto gli occhi del regio
comandante militare, che non osa opporre resistenza.
Ecco dunque il XVIII secolo vincitore, ecco realizzata di
fatto la grande rivendicazione liberale e aecentratrice ch'esso
non ha mai cessato di predicare. Chi ne beneficia non è però
la nobiltà e i suoi Stati provinciali, bensl la borghesia e i
suoi « comuni » . Alla frantumazione dell'accentramento ammi­
nistrativo si accompagna cosi il profondo senso dell'unità
politica del regno, imperniata sui principi della Rivoluzione:
già in agosto, guidate dai comitati e protette dalle guardie
nazionali, le città stringono alleanze e concludono patti di
reciproco aiuto e di « federazioni » di comuni. Liberatesi
dall'oppressione amministrativa e :fiscale dell'Ancien Régime,
92
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
dal nuovo regime non vogliono altro vincolo che la libertà
ritrovata.
LA RIVOLUZIONE DEI CONTADINI
La rivoluzione dei deputati, salvata e consolidata da Pa­
rigi, si è appoggiata quasi naturalmente sulla rivoluzione
urbana, e viceversa : in questo regno frantumato dai mercati
locali, dalla lentezza delle comunicazioni e dai residui feudali,
schiacciato dalla carenza del potere e dalla forza dell'opinione
pubblica, l'unità nazionale si è coagulata nell'unità intellet­
tuale e politica delle borghesie. Ma contemporaneamente si
fa avanti una terza rivoluzione, che parla un ben diverso lin­
guaggio: ai tempi nuovi, in cui il suddito diventa cittadino
e in cui le forze tendono a diventare proporzionali alle masse,
essa fornisce il sostegno fondamentale del numero; ma vuole
però la sua parte, cosa che i borghesi sono inclini a dimen­
ticare. È la rivoluzione delle campagne.
Essa cova sin dalla primavera. La congiuntura elettorale
e soprattutto la crisi annonaria spingono il contadino a ribel­
larsi violentemente al prelievo signorile: i cahiers de doléances
ne sono una testimonianza probabilmente attenuata. In marzo
la rivolta agraria minaccia i castelli della Provenza, in maggio
quelli della Piccardia e del Cambrésis. Nei dintorni di Parigi
e di Versailles, sedi elettive delle cacce reali, si stermina la
selvaggina e si devastano i boschi. La crisi del resto spinge
sulle strade e intorno ai villaggi centinaia di mendicanti e
vagabondi che aggravano la cronica insicurezza delle cam­
pagne. L'anno dopo, nel 1 790 - in un periodo quindi di
sana congiuntura - il numero degli indigenti, secondo i cal­
coli del Comitato di mendicità dell'Assemblea, si aggirerà fra
1'1 1 e il 20% della popolazione dei nuovi dipartimenti. Im­
maginiamoci dunque la percentuale del 1 789 ! Cosi la paura
dei « briganti », retaggio di tempi antichissimi e alimentata
dalla congiuntura sociale, domina il villaggio, che si addor­
menta nella morsa della paura.
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
9}
Nella seconda quindicina di luglio, insieme alla rivolu­
zione delle città scoppia anche la rivoluzione rurale. In certe
regioni si tratta di pure e semplici sommosse agrarie, di vere
e proprie guerre sociali: nel bocage 2 normanno, nell'Hainaut,
in Alsazia, nella Franca-Contea e nella vallata della Saona,
contadini armati assalgono castelli e abbazie, e bruciano in
un'esplosione di gioia collettiva i vecchi titoli della propria
servitù, quasi che la distruzione degli archivi signorili li libe­
rasse una volta per sempre dalla decima e dallo champart.
E non sempre i borghesi vengono risparmiati. In Alsazia, la
minoranza ebraica paga duramente la propria abitudine di
farsi creditrice delle comunità rurali.
Ma l'insurrezione contadina non è dappertutto cosl evi­
dente: nel resto del regno, essa assume un aspetto più com­
plesso, cui gli storici, nella scia di Georges Lefebvre e in
maniera alquanto oscura, hanno dato il nome di « Grande
Paura ». In questa Francia in cui la psicologia popolare è
fondata sull'irrazionale e in cui i mezzi di comunicazione sono
ulteriormente rallentati dalla situazione generale, l'annuncio
degli avvenimenti parigini assume toni apocalittici: la presa
della Bastiglia sarà conosciuta a Madrid molto prima che a
Péronne, a centotrenta chilometri da Parigi. La fragilità della
congiuntura economica e sociale ridesta tutti gli antichi panici
campagnoli, e a farli nascere basta un incidente locale. È il
tempo della mietitura, data fondamentale della vita rurale,
motivo supplementare di timore dei « briganti » devastatori.
La fantasia contadina vede dappertutto i mercenari della con­
giura aristocratica e dell'invasione straniera. Nel Limousin è
il conte d'Artois che accorre da Bordeaux alla testa di una
armata di 16.000 uomini, nell'Est si paventano i tedeschi,
nel Dellinato i savoiardi. In Bretagna, e financo in Normandia,
corre voce di uno sbarco inglese a Brest. Di villaggio in vil­
laggio la falsa notizia si arricchisce di emozioni e leggende,
2 Paesaggio caratteristico della Francia dell'Ovest, e particolarmente
della Bretagna e della Normandia, costituito da prati chiusi da argini
sopraelevati e piantati ad alberi [N.d.T.].
94
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
dilagando nelle vallate, nelle pianure e lungo i sentieri; i con­
tadini vigilano e si armano. Possiamo seguire cosi, di giorno
in giorno e di regione in regione, i percorsi e le diramazioni
delle « paure ».
Solo in una provincia, il Delfinato, la paura è il preludio
diretto della rivolta agraria: alla fine di luglio, fra Lione e
Grenoble, i contadini, mobilitati dalla campana a martello
delle cittadine contro l'imminente arrivo delle truppe sa­
voiarde, dichiarano che « poiché non avevano trovato il ne­
mico, sarebbero andati a far visita ai nobili e ai curati che
li sostengono ». L'indomani comincia il saccheggio dei castelli
aristocratici. Nel resto del regno, tuttavia, i due fenomeni
rimangono separati.
Fatto importante, per lo storico. Ma al momento, che
differenza fa? All'inizio d'agosto del 1789, rivolta agraria
o Grande Paura che sia, i contadini insorgono armati di
fucili, di falci e di bastoni, e bussano insistentemente alla
porta della rivoluzione borghese, esitante a farli entrare.
La rivoluzione sognata dal secolo non è quella delle armi,
e ancor meno quella dei miserabili : ma costoro, innumere­
vole folla al seguito dei giuristi del Terzo Stato, si levano
in armi distruggendo anarchicamente il regime signorile. Que­
sta violenza che esplode con tanta forza minaccia ormai molto
più dei soli interessi nobiliari: innanzitutto perché i borghesi
proprietari di signorie e pertanto presi anch'essi di mira
insieme agli altri non si contano più; in secondo luogo e
soprattutto perché non è sempre facile definire i confini fra
proprietà feudale e proprietà borghese : abolire ad esempio
una determinata rendita fondiaria d'origine signorile, o un
determinato censo acquisito per contratto da un borghese,
non significa forse attentare al principio stesso del contratto,
fondamento di qualsiasi proprietà? Il mondo aristocratico si
difende confondendosi con la proprietà borghese.
La rivoluzione si trova cosi posta di fronte a una difficile
scelta. Potrebbe ristabilire l'ordine con la forza, ma questo
significherebbe rompere il fronte del 14 luglio, unire le nuove
milizie borghesi e le truppe regie contro il popolo delle cam-
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
95
pagne, mettersi insomma alla mercé del re. Potrebbe invece
domare l'incendio concedendogli ciò che gli spetta, ma in tal
caso dovrebbe accelerare l'espropriazione nobiliare ed eccle­
siastica e spingerla più in là del previsto. In questo caso non
basterà l'eguaglianza fiscale, e nemmeno l'abolizione di ciò
che residua in Francia dell'antica servitù personale.
Essa, all'inizio, propende per la prima soluzione. Il 3
agosto, il Comitato dei rapporti si allarma: « Da lettere
giunte dalla provincia, pare che le proprietà di qualunque
natura siano preda del più colpevole brigantaggio. Le imposte,
i canoni signorili, tutto è distrutto ».
La sera del 4 agosto, in apèrtura di seduta, Target, depu­
tato del Terzo Stato parigino, propone all'Assemblea una
mozione tutt'altro che arrendevole:
L 'Assemblea nazionale, considerato che i disordini e le violenze
che affliggono diverse province destano allarme negli animi e
recano la più funesta offesa ai sacri diritti della proprietà e della.
sicurezza delle persone ( ... ) dichiara che tutti i canoni e le presta­
zioni consuetudinarie devono essere pagati come in passato finché
l 'Assemblea non avrà stabilito altrimenti.
Lo stesso giorno però la maggioranza adotta finalmente
la seconda strategia: dare all'incendio contadino la parte che
gli spetta. Nella notte fra il 3 e il 4 agosto, un centinaio di
deputati riuniti al « club bretone » hanno deciso di scavalcare
le esitazioni dell'Assemblea assumendosi l'iniziativa delle ine­
vitabili concessioni. Sarà il duca d'Aiguillon, uno dei più
ricchi signori del regno, che darà l'esempio : si spera in tal
modo di salvaguardare l'alleanza del Terzo Stato con la nobiltà
liberale e il basso clero, che ha permesso i decisivi avveni­
menti di giugno.
Ma il 4 sera, dopo la lettura del progetto Target, il
visconte di Noailles previene il duca d'Aiguillon. L'Assemblea
ode l'immenso pianto popolare, quello stesso dei cahiers par­
rocchiali, dalla voce di questo cadetto di famiglia povera:
96
Parte I. Dagli Stati generali (ll 9 termidoro
Le comunità hanno presentato delle richieste. Che cosa chie­
devano? Che i contributi fossero soppressi; che si abolissero i
subdelegati; che i diritti signorili fossero riscattati o alleviati. Da
più di tre mesi queste comunità vedono i loro rappresentanti
occupati in ciò che noi chiamiamo e che in realtà è la cosa pub­
blica; ma a loro la cosa pubblica appare soprattutto ciò che desi­
derano, e che sperano ardentemente di ottenere.
Dopo di lui, il duca d'Aiguillon esordisce giustificando la
collera contadina:
Il popolo tenta :finalmente di scuotere un giogo che grava sul
suo capo da secoli; e bisogna confessare, signori, che quest'insurre­
zione, sebbene colpevole, giacché ogni aggressione è colpevole,
trova una scusante nelle vessazioni di cui il popolo è vittima.
Ma immediatamente aggiunge:
Non possiamo chiedere ai signori la pura e semplice rinuncia
ai loro diritti feudali. Questi diritti gli appartengono, e la giustizia
ci vieta di pretendere la rinuncia a qualsiasi proprietà senza
accordare al proprietario un equo indennizzo.
E in una elaboratissima mozione riprende le conclusioni
del suo predecessore: eguaglianza fiscale, abolizione senza
riscatto delle corvées e delle servitù personali, riscatto degli
altri diritti feudali all'interesse del 3 ,3 % . Il 3 ,3 % ? Questo
interesse piuttosto basso dice chiaramente che il gran signore
non ha trascurato di attribuire il più alto valore possibile al
capitale che dovrà essere riscattato.
I due discorsi sono accolti da un'ovazione generale: nasce
cosi l'atmosfera di collettiva esultanza della celebre notte del
4 agosto. Non v'è in essa, dunque, soltanto l'esaltazione
generosa : il calcolo politico consiste nella conversione del­
l'antico diritto feudale in sonante moneta borghese, e nel con­
tinuare a riscuoterne gli interessi fino al totale riscatto del
capitale. I nobili salvano l'essenziale, e i proprietari del Terzo
hanno tutto da guadagnare dalla parificazione delle terre no-
/ ://d './
11
�
-
.
-
- ...,.
h.l�
1
d /., f..•"lr ,/t, /.�1'11/.,1 l1� ,I.
�tJ;.';ln,J/it111r. ti {,�1/11•il'1 tf..,, l �fN'-' ;/t !/;,.,u /'1.11,r l,�1,,uo'Hwtl ,/,.., lr.ru,Ym.r,/11 t'/11"''1' ,/, .., 1{.,q i/41/ii,,�·
An on ,imo, I lavori al camp o di Marte p er la festa del 14 luglio 1790, in cision e, Parigi, Bibl. Naz.
H. Helman, su disegn o di C. Monnet, Federazione generale dei francesi al camp o di Marte, incisione,
Parigi, Museo Carnavalet.
(A fronte). An on imo, La Fayette p resenta la libertà alla Francia, in cision e, Parigi, Bibl. Naz.
/
P.G. Berthaut, su disegno di J.L. Prieur, Saccheggio dell'arsenale di Lione, 7 febbraio 1790, incisione,
Parigi, Bibl. dell'Istituto di Storia della Rivoluzione.
P.G. Berthaut, su disegno di J.L. Prieur, Massacro dei patrioti di Montauban il 10 maggio 1790, incisione,
Parigi, Bibl. dell'Istituto di Storia della Rivoluzione.
(A fronte). P.G. Berthaut, su disegno di J .L. Prieur, Scontri alle porte di Nancy, 31 agosto 1790,
incisione, Parigi, Bibl. dell'Istituto di S toria della Rivoluzione.
Le Barbier l'Ainé, Il sacrificio del giovane Desilles, disegno a inchiostro, Parigi, Museo Carnavalet.
P.G. Berrhaur, su disegno di .J .L. Prieur, La guardia nazionale all'interno del castello de lle Tuile ne s il 28 (ebbraw 1791,
incisione, Parigi, Bibl. dcll'lstituto di Storia della Rivoluzione.
Bovi e Pellegrini. !\nesto del re L11i,gi X\/! a \larenncs, incisione, Vizille, Musco della Rivoluzione lrnncese.
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
97
bili e di quelle borghesi. Tuttavia l'abolizione del principio
feudale è già di tale importanza che l'Assemblea è come tra­
volta da una vera e propria magia del rinnovamento: cia­
scuno si affretta alla tribuna per essere il primo a dichiarare
estinti i privilegi dell'antico mondo. Molti nobili rinunciano
al diritto di caccia o di colombaia, molti curati alla decima.
I deputati della Bretagna, della Borgogna del Delfinato e della
Provenza rinunciano ai loro privilegi provinciali e ai loro stati,
le grandi città alle proprie secolari franchigie e ai propri pri­
vilegi economici o fiscali. Alle 3 del mattino, associando solen­
nemente il re alla nascita di questo nuovo mondo, l'Assem­
blea proclama Luigi XVI « restauratore della libertà francese ».
Non appena, però, nei giorni successivi, bisogna passare
a tradurre in decreti l'esaltazione della celebre seduta, l'una­
nimità del 4 agosto si sgretola. Il dibattito, iniziato il 5, con­
tinua fino all'l l . Particolarmente accesa è la discussione sulla
definizione dei diritti signorili non soggetti a riscatto e sul­
l'abolizione delle decime: contro Sieyès, che dichiara che la
decima è una proprietà vera e propria ed è pertanto soggetta
a riscatto, Mirabeau sostiene invece ch'essa esiste soltanto
in funzione del servizio pubblico che incombe alla Chiesa, e
che la nazione può pertanto sopprimere senza alcun inden­
nizzo questa troppo onerosa contribuzione; il trionfo della
sua tesi fa del clero il primo perdente della liquidazione del1'Ancien Régime.
Finalmente approvato 1'1 1, il grande decreto comincia
cosi : « L'Assemblea nazionale abolisce interamente il regime
feudale », ossia praticamente tutto il sistema sociale dell'An­
cien Régime: il decreto sanziona la fine dei privilegi perso­
nali e il generale accesso a tutti gli impieghi, la giustizia gra­
tuita ed eguale per tutti, l'abolizione senza riscatto di tutte
le residue servitù personali, e infine la soppressione della
decima ecclesiastica. Peraltro, auspicando il riscatto della
maggior parte dei canoni signorili e delle cariche della magi­
stratura, la grande assemblea borghese in realtà non fa che
sostituire il suo proprio diritto civile a quello dei signori.
Per il momento, tuttavia, poco importa che nessun fitta-
98
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
volo abbia di che pagare il riscatto dei canoni di cui è gravato
da secoli: per l'intero regno, la notte del 4 agosto rappre­
senta soltanto l'abolizione del regime feudale.
L'A S S EMBLEA NAZIONALE E IL RE :
LA CRISI DI SETTEMBRE-OTTOBRE
Dopo aver regolato a caldo il problema feudale, l'Assem­
blea riprende il dibattito iniziato in luglio sulla Dichiarazione
dei diritti dell'uomo e del cittadino. Tutti hanno ben pre­
sente la Dichiarazione americana del 1776. Ma gli oratori
moderati già cominciano a temere le conseguenze sociali
ch'essa potrebbe avere in Francia, e il 1° agosto Malouet l'ha
detto chiaro:
La società americana, creatasi di recente, è interamente com­
posta di proprietari già avvezzi all'eguaglianza, giacché sulla terra
che coltivano non esisteva alcun vestigio feudale; tali uomini
erano indubbiamente già preparati ad accettare la libertà in tutta
la sua forza, giacché nei loro gusti, nei loro costumi e nella loro
posizione già esisteva la vocazione alla democrazia. Ma noi, Si­
gnori, abbiamo per concittadini una folla immensa di gente che
non possiede nulla, che fonda la propria sopravvivenza soprattutto
sulla certezza del lavoro, su un'equa amministrazione e su una
protezione continua ( . .. ) Io credo, Signori, nella necessità che, in
un grande impero, gli uomini destinati a vivere in condizione di
dipendenza vedano i giusti limiti alla libertà naturale, più che la
sua ampiezza.
Mirabeau condivide queste apprensioni borghesi; altri
deputati propongono una dichiarazione dei diritti e dei doveri.
Ma, su appello di Barnave, l'Assemblea passa oltre, e il 4
agosto - qualche ora prima del grande dibattito della sera decide di votare una grande carta liberatrice, già battezzata
da Barnave « catechismo nazionale » . Il nuovo potere eredita
dall'antico la sacralizzazione dell'autorità.
La discussione riprende il 12 agosto. Fra vari progetti,
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
99
i deputati adottano infine quello del 6° comitato, presieduto
dall'arcivescovo di Bordeaux, Champion de Cicé. Condensato,
trasformato, radicalizzato da un lungo dibattito e da nume­
rosi emendamenti, esso diventerà la celebre Dichiarazione dei
diritti votata il 26 agosto. I suoi diciassette brevi articoli,
ammirevoli per forma e per densità intellettuale, non sono più
dettati dalle cautele tattiche o dalle timidezze borghesi: defi­
nendo liberamente i suoi obiettivi e i suoi risultati, la Rivo­
luzione si attribuisce naturalmente una bandiera universale.
Il testo s'impernia infatti sul principio dei diritti dei cit­
tadini, e non su quello dei doveri: all'Assemblea, destra e cen­
trodestra sono stati battuti. La Dichiarazione sarà liberatrice.
I diritti sono innanzitutto dichiarati « naturali e imprescrit­
tibili », e riconosciuti dall'Assemblea « in presenza sotto gli
auspici dell'Essere supremo »: duplice omaggio reso al pen-.
siero del secolo, al deismo dei :filosofi e al naturalismo dei
fisiocrati. Quali diritti? quelli appunto che l'Ancien Régime
disconosceva, fondato com'era sulla disuguaglianza della na­
scita e sull'arbitrio politico: nelle frasi astratte della Dichia­
razione, lo si sente vibrare come un perpetuo ricordo della
umiliazione e dell'insicurezza di un tempo.
Le sette righe dei primi articoli dicono già tutto, e in
primo luogo l'eguaglianza civile, la grande conquista del
4 agosto: « Gli uomini nascono e vivono liberi e eguali nei
diritti ». Poi i diritti veri e propri: la libertà, la proprietà,
la sicurezza, la resistenza all'oppressione. Resta la questione
del potere, che l'Assemblea si guarda bene dal dimenticare,
poiché l'esperienza le ha insegnato ch'esso è la garanzia di
tutto il resto. L'articolo 3 pertanto priva espressamente il re
della sua sovranità secolare, trasferendola alla nazione: « Nes­
sun corpo o individuo può esercitare un'autorità che non ne
emani espressamente ». Anche in questo caso, la sinistra non
fa concessioni: almeno al livello dei principi, l'Assemblea
non spartisce col re. I rimanenti articoli sviluppano le conse­
guenze di tali principi : eguaglianza civile e fiscale, libertà
individuale, accessibilità per tutti a tutti gli impieghi, habeas
corpus, non retroattività delle leggi, libertà di parola, d'api-
100
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
nione e di stampa, separazione dei poteri, garanzia della
proprietà privata. L'individualismo borghese ha ormai la sua
Magna Carta del diritto pubblico.
La Francia ne è divenuta la patria per eccellenza. Non
che i nuovi principi le appartengano in proprio: come tutte
le rivoluzioni moderne, essi sono figli di un'Internazionale,
l'azione cosmopolitica dell'Europa; già hanno ispirato gli
insorti americani, e più recentemente i patrioti olandesi contro
Io stathouder e la democrazia belga contro l'Austria. Ma nella
seconda metà del secolo i :filosofi francesi hanno avuto un
ruolo di primo piano, e l'Assemblea ne adotta il pensiero e
lo stile, dando un raro esempio di redazione collettiva in
nulla secondo a tante anticipazioni del genio individuale.
Superando d'un balzo l'esempio americano, essa dà a tutte
le attese d'Europa la Bibbia dei tempi nuovi.
L'Assemblea ha dunque approvato i due testi fondamen­
tali della rivoluzione borghese: i decreti adottati fra il 4 e
1'1 1 agosto e la Dichiarazione. Ma questi testi sono imme­
diatamente esecutivi, o necessitano della firma del re?
All'Assemblea, la maggioranza li considera come emanati
dal proprio potere costituente, e pertanto al di sopra della
ratifica reale. Luigi XVI, al contrario, intende continuare ad
esserne l'arbitro. Il 5 agosto, al vescovo di Arles, ha scritto:
« Non consenti!Ò mai a spogliare il mio clero e la mia no­
biltà ( . .. ) Non darò la mia sanzione a decreti che li spoglie­
rebbero » .
Nella seconda quindicina di agosto, mentre i l dibattito
sulla Dichiarazione sta per concludersi, il problema dell'orga­
nizzazione dei pubblici poteri provoca la prima scissione in
seno al partito patriota: data fondamentale che segna la
prima frattura del campo rivoluzionario, destinato a cono­
scerne ben altre. Dopo appena pochi mesi di esperienza rivo­
luzionaria, gli uomini che in giugno hanno condotto gli Stati
generali all'aperta rivolta, gli stessi uomini che hanno osan-
I II. Le tre rivoluzioni del!'estate dell'89
101
nato il 14 luglio, cominciano a cercare di frenare il mecca­
nismo che hanno messo in movimento.
Gli avvenimenti si sono susseguiti molto più rapidamente
di quanto sperassero in giugno molti nobili liberali, molti
preti e molti moderati del Terzo Stato. Ora però l'inizio del
dibattito costituzionale gli fornisce i mezzi dell'auspicata sta­
bilizzazione politica : dare al re il veto assoluto sulle deci­
sioni del potere legislativo, e affiancare all'Assemblea eletta
un Senato ereditario di tipo inglese. Sono queste due idee
che provocano la rottura fra la maggioranza del partito patriota
e coloro che saranno poi chiamati gli « anglomani », riuniti
intorno a Mounier e Malouet, a Clermont-Tonnerre e Lally­
Tollendal, e appoggiati dal ministero Necker.
Di contro, Du Port, Barnave e Alexandre de Lameth si
assumono la leadership del partito patriota, il cui cuore pul­
sante è il club bretone, respingendo il veto reale e rifiutando
con Sieyès di frantumare la sovranità dell'Assemblea. Si parla
di ratifica regia? Cominci dunque il re col :firmare il decreto
dell'l l agosto e la Dichiarazione. Invano La Fayette cerca
di metter pace fra gli amici della vigilia: alla :fine d'agosto
la frattura fra anglomani e patrioti si rivela insanabile.
Frattanto il Palais-Royal comincia ad agitarsi contro « Mon­
sieur e Madame Veto » e i loro partigiani. La minaccia del
nuovo intervento parigino provoca il riavvicinamento delle
destre, i moderati diventano estremisti. Clermont-Tonnerre e
Mounier consigliano al partito aristocratico di trasferire I' As­
semblea a venti leghe da Parigi, a Soissons o a Compiègne.
Ma il re, che in questi nuovi consiglieri continua a vedere
i suoi antichi nemici, rifiuta, e la sua pervicace intransigenza
paralizza le destre.
Il 2 settembre Barnave suggerisce quindi un compromesso:
i patrioti accetteranno il veto sospensivo del re per due legisla­
ture in cambio della ratifica dei decreti del 4 agosto. Necker
si porta garante della transazione, e 1' 1 1 settembre l'Assem­
blea approva il veto sospensivo, dopo che il giorno prima,
con 849 voti contro 89 e più di 1 00 astenuti, ha respinto
102
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
l'istituzione della seconda Camera. Gli anglomani sono schiac­
ciati.
Resta da ottenere la sanzione reale dei decreti approvati
fra il 4 e 1'1 1 agosto, affinché possnno essere promulgati.
L'Assemblea, forte della propria concessione riguardo al veto,
torna ad insistere. Il re risponde il 18; la sua ostilità ai
decreti è mascherata da una puntigliosa critica giuridica. Il 2 1,
allorché l'Assemblea torna alla carica, altro astuto cavillo:
fingendo di considerare i decreti tali da esigere delle leggi
interpretative, il re accetta di pubblicarli, ma ne rifiuta la
promulgazione che li renderebbe esecutivi. Contemporanea­
mente, da Douai dov'è di guarnigione, chiama a Versailles
il reggimento delle Fiandre, che arriverà il 25.
Cosi, dopo le crisi di giugno e di luglio, è il re stesso
che provoca la terza crisi dell'Assemblea costituente. Rispetto
al luglio, la controffensiva regia del settembre ha in mano un
nuovo atout politico: la scissione del partito patriota ha allar­
gato il suo eventuale appoggio parlamentare, il campo aristo­
cratico si è arricchito del moderatismo borghese. Ma i due
gruppi rimangono separati, e il re si fida soltanto del primo.
Che cosa vuole esattamente, che cosa deciderà di fare, in
questa fine d'estate dell'89? Ancora una volta, non si può
definirlo che negativamente, giacché solo una cosa è certa,
ciò che non vuole: non vuole la fine della società aristocra­
tica, e perciò tenta di giocar d'astuzia con l'Assemblea, pro­
vocando una crisi di cui non si capisce mai se ne abbia pre­
visto i mezzi. Questo genere di resistenza passiva è troppo
fragile per trionfare e troppo forte per non dover essere vinta,
disarma i suoi partigiani e mobilita gli avversari. Il mecca­
nismo è sempre quello di luglio.
Ma in settembre non è più lecito farsi delle illusioni sulle
possibili reazioni di Parigi. Da parecchie settimane nella
grande città l'agitazione aumenta, fomentata dalle elezioni
municipali : il 25 luglio e il 1° agosto, su· appello di Bailly,
i 60 distretti eleggono in sostituzione dell'assemblea degli
elettori quella dei 180 rappresentanti della Comune, che il 18
settembre sarà a sua volta sostituita da 300 membri incari-
I II. Le tre rivoluzioni del!'estate dell'89
103
cati di stabilire la costituzione municipale definitiva. Eletti
a suffragio censuario, questi borghesi parigini, quasi tutti
uomini altamente capaci come Lavoisier o Jussieu, e che in
seguito saranno l'anima delle assemblee rivoluzionarie, come
Brissot o Condorcet, non hanno per ora che un ruolo secon­
dario. Quello che più conta è l'impulso dato dalle elezioni
alla vita locale.
E soprattutto al distretto. Ciascuno dei sessanta distretti
tende a costituirsi in comune autonomo, con una sua ammi­
nistrazione locale, i suoi comitati e le sue assemblee; e i più
rivoluzionari - come i Premostratensi e i Cordiglieri della
collina Sainte-Geneviève - spesso contestano l'autorità del­
l'Hòtel de Ville, e già invocano il referendum e la democrazia
diretta.
Molti giovani patrioti ambiziosi, come Danton ai Cordi­
glieri, vi fanno pratica in vista del ruolo che avranno in
futuro, e, l'occhio fisso all'Assemblea, denunciano con vee­
menza il sia pur minimo segno di moderatismo parlamentare:
il cambio della guardia si sta già profilando.
Da Versailles al Palais-Royal le notizie volano, e non
soltanto grazie agli spettatori stipati' nelle tribune dell'Assem­
blea, e che all'occasione coprono d'insulti gli oratori reazio­
nari, ma anche tramite i giornali che dal luglio, con la libertà,
si sono continuamente moltiplicati. Come travolti da una
euforia libertaria, Camille Desmoulins, Loustalot e Gorsas
fanno costantemente appello alla diffidenza verso la corte e
verso la regina. Marat, che in settembre fonda l'« Ami du
Peuple », si lancia in difesa dei poveri e nel massimalismo
rivoluzionario, attaccando ferocemente Necker, Bailly e La
Fayette quali complici dell'aristocrazia.
Il dibattito sul veto è seguito a Parigi con profonda pas­
sione: la coalizione fra anglomani e aristocratici per otte­
nere il veto assoluto viene denunciata ancor prima che si
realizzi. Alla fine di agosto, il comizio permanente del Palais­
Royal minaccia di trasformarsi in una marcia su Versailles :
tentativo bloccato dall'Hòtel de Ville, e che tuttavia contri­
buisce indubbiamente alla clamorosa bocciatura del veto asso-
104
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
luto. I patrioti del Palais-Royal considerano una capitolazione
perfino il veto sospensivo, approvato 1'1 1.
Come in luglio, ma in maniera ancor più grave, la crisi
politica è amplificata dalla crisi economica e sociale. Il rac­
colto del 1 789 è buono, ma il grano non viene battuto; non
si arriva alla « saldatura », e i disordini dell'estate intral­
ciano più che mai la circolazione dei cereali e il rifornimento
dei mercati. Il prezzo del pane mantiene lo stesso livello
della primavera. La disoccupazione è seriamente aggravata
dall'emigrazione di molte famiglie aristocratiche, che hanno
licenziato i propri domestici e privato del suo tradizionale
mercato l'artigianato parigino di lusso. Gli operai - appren­
disti sarti e parrucchieri il 18 agosto, garzoni di macelleria
il 22 settembre - manifestano reclamando il lavoro e salari
migliori.
In questa Parigi infelice, affamata e pronta a scattare,
l'accusa politica e l'accusa economica si fondono ancora una
volta: responsabile della durezza dei tempi è la congiura degli
aristocratici e della Corte. E quasi che ne occorresse un'altra
prova, il 23 settembre arriva a Versailles il reggimento delle
Fiandre.
Fino alla fine di settembre, quando la collera popolare si
esaspera al minimo incidente e vede dappertutto la mano
dei suoi persecutori di Versailles, nella generale anarchia
urbana la legge ha tuttavia il sostegno della municipalità e
della guardia nazionale. Bailly e soprattutto La Fayette, fedeli
alla nuova legalità e forti di 30.000 volontari parigini irreg­
gimentati a partire da luglio, controllano la situazione.
L'arrivo a Versailles del reggimento delle Fiandre, il 23,
desta il malumore della guardia nazionale: il ricordo di luglio
è ancora troppo recente. Perché il re avrebbe chiamato questi
mille soldati supplementari d'antico regime, se non per sfi­
ducia verso la nuova guardia borghese? E che cosa pensa di
farne? La municipalità lo chiede, i ministri rispondono tenen­
dosi sul vago. Tutta Parigi torna a sentirsi minacciata, parla
di un piano controrivoluzionario generale e - di già - della
fuga del re a Metz. Alla fine di sett�mbre, in « Les Révo-
III. Le tre rivoluzioni dell'estate del/'89
105
lutions de Paris », Loustalot si fa portavoce della reazione
generale:
La coalizione ha bisogno di truppe regolari a Versailles. Essa
teme i cittadini armati per la libertà. Quale funesto caso ci si
viene preparando? Stiamo all 'erta ( ... ) Il focolare patriottico non
esiste più; ci vuole una seconda rivoluzione, tutto la prepara.
Questa « preparazione » di cui Loustalot parla aperta­
mente è ancor oggi piuttosto misteriosa. Ma certo è che alla
fine di settembre tutto il partito patriota, deputati di Ver­
sailles, guardia nazionale, democrazia parigina, ammette l'even­
tualità di un'altra giornata che costringa il re a fare marcia
indietro. È impossibile che La Fayette e Bailly lo ignorino,.
ma non fanno nulla per impedirlo. Mirabeau, che peraltro è
sempre stato fautore di un potere regio forte, non è solito
andare controcorrente; e del resto, ben sapendo che uomo sia
Luigi XVI, appoggia sicuramente gli intrighi orleanisti, il cui
successo potrebbe condurre a una riconciliazione fra monar­
chia e popolarità.
A questo dispositivo dirompente manca la miccia, contri­
buto personale della famiglia reale. E soprattutto della regina ,.
cosi attivamente imprudente in quei giorni tempestosi, che
Luigi XVI, tutto dedito come sempre alla caccia, al suo
confronto sembra quasi un saggio.
Il 1 ° ottobre gli ufficiali delle guardie del corpo del re
invitano a pranzo quelli del reggimento delle Fiandre nella
bella sala dell'opera di Versailles. Alla fine del banchetto,.
durante il quale si è molto brindato alla salute della famiglia
reale, il re e la regina, col delfino in braccio, si affacciano al
loro palco. Un'immensa ovazione li accoglie e li accompagna
fino ai loro appartamenti, dove i convitati calpestano la coc­
carda tricolore. Per la rivoluzione popolare, cosi attenta ai
segni e cosi imbevuta di simbolismo religioso,. è la prova
della congiura. Le nazioni giovani sono sempre le più orgogliose.
106
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Parigi viene a sapere del banchetto delle guardie del corpo
il 3 ottobre, dal « Courrier » di Gorsas. Si ripetono i fatti
che hanno accompagnato la destituzione di Necker: la som­
mossa latente si trasforma in rivoluzione. I distretti siedono
in permanenza e si accalcano all'Hotel de Ville. I Cordiglieri,
cogliendo a volo l'insulto fatto alla nazione, vogliono che la
coccarda tricolore sia resa obbligatoria. Tutti chiedono il
congedo del reggimento delle Fiandre e la ratifica reale dei
decreti dell'Assemblea. Il 4, domenica, il Palais-Royal delle
grandi giornate esige una marcia su Versailles. Parigi vuol
vendicarsi, e vuole anche mangiare: l'idea di ricondurre il re
a Parigi nasce come una duplice garanzia, realistica e magica,
contro la corte e contro la fame.
L'indomani, l'insurrezione si sviluppa seguendo vie miste­
riose, ma troppo ben organizzate per essere state lasciate al
caso. All'Hotel de Ville si forma un corteo composto in pre­
valenza di donne venute clal Faubourg Saint-Antoine e dalle
Halles. Pura coincidenza della carestia e della fame, che toc­
cano soprattutto le massaie e le madri di famiglia? Nell'im­
maginazione popolare c'è anche indubbiamente l'intenzione
inconscia di commuovere il re con l'esibizione della miseria
più estrema e di umiliare la regina ricordandole la più natu­
rale delle solidarietà. La lunga colonna, con alla testa l'usciere
Maillard, uno dei vincitori della Bastiglia, s'incammina alla
volta di Versailles.
Dopo la loro partenza, e mentre a Parigi rintoccano le
campane a martello, le guardie nazionali, che vogliono seguire
le donne a Versailles, si radunano sulla piazza dell'Hotel de
Ville. La Fayette, giunto nella tarda mattinata - quasi che
in questa faccenda volesse assumersi la minore responsabilità
possibile -, tenta a lungo di dissuaderli, ma invano: fra le
4 e le 5 il capo è costretto a seguire le sue truppe. La Co­
mune gli affianca due commissari incaricati di ricondurre il re.
I nuovi poteri nati dall'insurrezione di luglio restano final­
mente fedeli alle proprie origini. L'obiettivo politico è ormai
evidente. Un secondo corteo di 15.000 guardie nazionali si
mette per via, seguito da una folla di parigini armati in cui
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
107
si mescolano borghesi e popolani. Non incontrerà nessuno.
Incerto sul da farsi, il reggimento di Fiandra resta consegnato
in caserma. Attraverso i Champs-Elysées e il villaggio di
Sèvres, prontamente saccheggiato, ci vogliono parecchie ore di
marcia per arrivare fino al re.
Piove, su quel lunedì autunnale. Fradicie e infangate, le
donne arrivano a Versailles dall'avenue de Paris verso le
quattro del pomeriggio ; quando si presentano all'Assemblea,
questa si è appena vista rifiutare dal re la ratifica della Dichia­
razione dei diritti : Mounier, allora presidente in carica, viene
incaricato di accompagnare alla presenza del re una delega­
zione parigina. Rientrato a precipizio dalla caccia, Luigi XVI
accoglie le donne con qualche buona parola, promettendo che
provvederà a far rifornire Parigi; e perché possano far ritorno
alle loro case offre loro alcune carrozze : ma il grosso della
folla continua ad attendere nei viali di Versailles o all'Hotel
des Menus-Plaisirs.
Mounier rimane al castello insieme ad altri undici suoi
colleghi, in attesa di una risposta in merito alla regia ratifica
dei decreti dell'Assemblea. Sul finire del pomeriggio, infor­
mato da un messaggio di L9, Fayette, Luigi XVI viene a sapere
dell'arrivo della guardia nazionale parigina e del secondo
corteo : per un attimo pensa di fuggire a Rambouillet, poi
finalmente cede, e verso le 8 notifica per iscritto a Mounier
che accetta i decreti. Riunito, il Consiglio approva.
Ma l'arrivo del secondo corteo parigino riporta la crisi
alla ribalta: alle 1 1 di sera, La Fayette si presenta a Luigi XVI
insieme ai due commissari della Comune, che esigono il ritorno
della famiglia rijale a· Parigi. Comincia un altro dramma,
perché fino allora il problema non è mai stato posto; ma
nessuno immagina che sarà cosl breve.
La Fayette dispone le sue truppe d'accordo con gli uffi­
ciali del re: le guardie del corpo e gli svizzeri rimangono di
sentinella solo all'interno del castello. Rassicurato, Luigi XVI
rimanda ogni decisione all'indomani. L'Assemblea è in seduta
da quindici ore, e l'inizio della nottata è stato difficile: con
le loro grida le donne di Parigi interrompono continuamente
108
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
le discussioni in corso, insultando questo o quel deputato del
clero, chiedendo pane, reclamando Mirabeau. Alle 3 del mat­
tino, fidandosi del tranquillizzante parere di La Fayette, Mou­
nier toglie la seduta. La notte - l'ultima notte della monar­
chia a Versailles - avvolge nella sua ingannevole sicurezza i
più importanti personaggi del dramma. Il re già dorme, La
Fayette e Mounier vanno a coricar:.� anche loro: questa gente
abitudinaria e legalitaria osserva scrupolosamente il cerimo­
niale della vita quotidiana. Rivarol affibbierà a La Fayette il
crudele nomignolo di « generale Morfeo » .
Stupendo quadro d i una svolta storica e di u n rivoluzio­
nario cambio della guardia: il popolo è in piedi, i moderati
e la corte sono andati a letto. La folla accampata nella piazza
d'armi, davanti alle grandi cancellate del castello, non può
vivere una notte come tutte le altre: grandi falò gli tengono
luogo di focolari e i canti rivoluzionari cacciano via il
sonno. Si beve alla salute dei deputati patrioti, ma non si
dimentica che si tratta di riportare il re a Parigi. Di prima
mattina, verso le 6, accade l'inevitabile: alcuni gruppi di
manifestanti invadono il castello. Un operaio viene ucciso dalle
guardie del corpo, costrette tuttavia a ritirarsi lasciando parec­
chi uomini sul terreno. La folla le insegue lungo lo scalone
fino all'ingresso degli appartamenti della regina. Mezzo sve­
stita, Maria Antonietta ha appena il tempo di rifugiarsi presso
il re, passando attraverso il suo gabinetto di toletta. A questo
punto le guardie nazionali accorrono a proteggere le guardie
del corpo che difendono l'ingresso della regina, e riprendono
possesso del castello. Soldati gentiluomini e soldati patrioti
fraternizzano.
Svegliato, La Fayette accorre, salvando al passaggio un
gruppo di guardie del corpo circondato dai popolani. Ma anche
questa volta egli non sarà che il simbolo della vittoria popo­
lare: dal balcone dorato del cortile marmoreo, donde si affaccia
accanto a Luigi XVI muto e sconvolto e a Maria Antonietta
che tiene in braccio il delfino, egli placa e promette. La folla
grida : « A Parigi, a Parigi! » Un attimo dopo, Luigi XVI
torna al balcone: « Amici miei - dice -, verrò a Parigi
III. Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
109
con mia moglie e i miei figli: affido ciò che ho di più prezioso
all'affetto dei miei buoni e fedeli sudditi ». E giacché in quella
povera testa, insieme a tanta incapacità, c'è anche un vivo
senso dell'onore, aggiunge: « Le mie guardie del corpo sono
state calunniate. La loro fedeltà alla nazione e a me deve
conservargli la stima del mio popolo ». La folla è travolta
dall'entusiasmo; come in luglio, la disfatta della regalità resti­
tuisce al re la sua popolarità. Riunitasi alle 1 1 , l'Assemblea
decide di seguire Luigi XVI a Parigi. Lo sterminato corteo
di 30.000 persone si mette in movimento all'inizio del pome­
riggio, con alla testa un gruppo di guardie nazionali, ciascuna
con una pagnottella infilzata sulla baionetta. Seguono le donne
armate di picche e di fucili, o recanti rami di pioppo, a scorta
dei carri di grano e dei cannoni. In mezzo, dopo i soldati
del re, disarmati e con la coccarda tricolore sul cappello, ven­
gono guardie del corpo, reggimento di Fiandra, svizzeri e la
carrozza della famiglia reale, accanto alla quale caracolla La
Fayette, e che procede lenta come un carro funebre. Dietro
la carrozza vengono i deputati, cui seguono la folla e il grosso
delle guardie nazionali. Quasi che il simbolismo visivo del
corteo non bastasse, il popolo grida: « Riportiamo il fornaio,
la fornaia e il garzoncello! ».
A notte inoltrata, dopo essere stato ricevuto all'Hotel
de Ville, il re giunge alle Tuileries, prigioniero nella sua
capitale.
IV
L'ANNO FELICE 1
Passato ottobre, anche la rivoluzione si ferma a ripi­
gliare il fiato. Sebbene non sia ancora organizzato, il ter­
reno è ormai in gran parte conquistato, la partita si è con­
clusa : la Rivoluzione ha vinto, l'Ancien Régime ha perduto.
Non si sa ancora esattamente quale sarà il nuovo regime,
ma il senso che sia accaduto qualcosa d'irreversibile è ge­
nerale. Con il 4 agosto e la Dichiarazione, i deputati del­
l'antico Terzo Stato hanno raggiunto i loro principali
obiettivi. Riportando il re a Parigi, ottobre dà loro una
specie di sicurezza supplementare.
Tutto è avvenuto con incredibile rapidità : fra gli Stati
generali e il ritorno del re alle Tuileries sono passati ap­
pena cinque mesi, i più importanti mesi della Rivoluzione
e forse di tutta la storia di Francia: tutto si accavalla e
precipita, i fatti decisivi si susseguono a catena. Si direbbe
che il ritmo del tempo sia improvvisamente cambiato: uno
dei significati della parola « rivoluzione » è questo.
1 Sono stati utilizzati principalmente: J. Jaurès, op. cit. nella Bi­
bliografia; F. Lefebvre, idem; M. Reinhard, Paris pendant la Révolution
(dispense ciclostilate C.D.U., 1962); G. Walter, La Révolution française
vue par ses ;ournaux, Paris 1948; C. E. Labrousse, in Mousnier e La­
brousse, Le XVIIJe siècle, voi. I della coll. Histoire générale des civi­
lisations diretta da M. Crouzet, Paris 1953 (trad. it., Il XVIII secolo.
Rivoluzione intellettuale, tecnica e politica. 1 715-1815, Firenze 1959);
A. Mathiez, Rome et le clergé franfais sous la Constituante, Paris 1915.
1 12
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
L'Ancien Régime non ha preparato gli uomini a una
simile accelerazione. Eppure Dio sa se è stato criticato,
combattuto e riformato in anticipo, e quanto il secolo sia
stato ossessionato dalla sua trasformazione. Ma il pensiero
politico del XVIII secolo, così ricco e brillante, è una rifles­
sione sui fini, più che sui mezzi; aristocratico e borghese,
esso definisce una strategia riformistica, non una tattica
rivoluzionaria, e sebbene indubbiamente voglia il rove­
sciamento dell'Ancien Régime, quando non si rimette al re
si affida al tempo e all'opinione illuminata, mai alla violenza
degli umili. Esso concepisce i risultati più facilmente delle
modalità : solo i primi sono necessari. E questo è un altro
significato della parola ' rivoluzione '.
In questo senso, il 1789 è una sorta d'esempio alla
rovescia del 1 9 1 7 . Lenin e i bolscevichi avevano esatta­
mente previsto la forma, le alleanze e i tempi della grande
rivoluzione russa, ma la loro visione della società futura
era profondamente utopistica: Stalin s'incaricherà di tor­
nare alla realtà. La borghesia francese del 1789, invece,
sa molto meglio dei marxisti del 1 9 1 7 dove voglia andare
e dove stia andando, e tutto sommato capisce meglio
quale storia stia costruendo. Ma la sua prognosi non tien
conto dell'accidentale, ed essa non ha affatto previsto
quali vie impervie e sanguinose dovrà percorrere.
Pur aggredendola audacemente sin dall'inizio, essa ha
sottovalutato la capacità di resistenza della vecchia società
politica: i deputati formatisi alla scuola di Montesquieu,
di Voltaire e dei fisiocrati che arrivano a Versailles ai
primi di maggio, obbedienti all'appello del re, vanno spon­
taneamente al di là del problema finanziario che sta al1' origine del loro convegno: sono venuti dalle loro pro­
vince per riformare lo Stato e per dargli una Costituzione.
I primi dibattiti sulla riunione degli ordini, la maniera in
cui si arrogano il potere costituente e la sovranità lo di­
cono molto chiaramente : sanno ciò che vogliono, ma vo­
gliono farlo con l'appoggio del re. Luigi XVI tuttavia si
rivela immediatamente per quello che è, e che continuerà
IV. L'anno felice
113
ad essere fino a quando verrà ghigliottinato : la personifi­
cazione delle resistenze della società d'ordini. Il 23 giugno
egli indica esattamente sin dove sia disposto ad arrivare :
fino a una certa libertà politica, fino all'eguaglianza fiscale
- chiesta o accettata dalla maggior parte dei cahiers dei
privilegiati -, ma nel rispetto dell'ordine. E il 27, quando
si arrende alla ribellione del « suo » Terzo Stato, in realtà
cede alla forza degli eventi e alla debolezza del proprio
temperamento. Dopo meno di quindici giorni, la destitu­
zione di Necker rimetterà tutto in discussione.
La rivoluzione riformistica degli avvocati, dei nobili
liberali e dei curati è fallita, e Luigi XVI impedisce la
rivoluzione dell'opinione illuminata sognata dal secolo.
Bisogna tentare un'altra strada.
Fortissima è quindi la tentazione di ricostruire i fatti
dell'estate dell'89 come una serie di avvenimenti a catena
razionalizzati dall'esistenza di un obiettivo politico co­
mune, in cui l'insurrezione parigina e quella urbana rice­
vono la fiaccola dalle mani dei deputati in pericolo, e la
rivoluzione contadina dà il colpo di grazia all' Ancien Ré­
gime. In questo caso l'interpretazione non ha alcuna im­
portanza: sia che la si consideri una congiura del male,
come pensano gli aristocratici, o che ci si voglia vedere,
con i patrioti, un'indispensabile evento, entrambe le fac­
ciate nascondono la stessa semplicistica architettura.
Non esiste infatti Ùna rivoluzione dell'estate dell'89,
e neppure un seguito di rivoluzioni, bensl uno scontro di
tre rivoluzioni autonome e concomitanti che mette a
soqquadro il calendario del riformismo illuminato: quella
dell'Assemblea, quella di Parigi e delle altre città, e quella
delle campagne. Solo la prima è la rivoluzione della chiara
coscienza politica e della società futura, mentre nelle altre
due, motivate dalla congiuntura più che dalla filosofia e
derivanti in egual misura dalle idee del secolo e dall'antico
millenarismo dei poveri, si mescolano passato e futuro,
1 14
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
nostalgia e avvenirismo. Esse rivelano soprattutto una di­
mensione nuova della crisi attraversata dall'Ancien Ré­
gime, e in certo modo il rovescio del sistema, ovvero l'im­
pazienza e la violenza popolari.
Per gli uomini dell'Assemblea, dunque, questo non è
l'incontro dell'armonia prestabilita, bensl quello delle sor­
prese. Chi li ha consultati, d'altronde? Nessuno. Non è
per loro che Parigi è insorta, e le campagne gli forzano
apertamente la mano. Per codesti liberali, la rivendicazione
-calmieratrice del popolino urbano non procede da una
sana dottrina economica, ed è già foriera di tempi difficili;
per questi uomini ligi alla legge e alla procedura, la vio­
lenza degli umili e il sanguinoso risveglio di un popolo
analfabeta rappresentano delle scoperte difficilmente accet­
tabili. Ma la loro sola forza, di contro al re e agli aristo­
cratici, consiste nell'accettare tutto in blocco, corrente e
controcorrente: per farne un unico torrente, occorre in­
nanzitutto cedergli.
Essi pertanto non si spingeranno molto più lontano di
quanto si proponessero : i decreti di agosto e la Dichia­
razione discendono in linea retta dalla filosofia del secolo.
Accettano però di agire più in fretta: l'intervento popo­
lare trasforma i ritmi della rivoluzione, ma non ne tocca
ancora i contenuti.
Pure, quest' « accidente » ha già una grande impor­
tanza per il futuro. Accanto all'opinione illuminata, ha cri­
stallizzato una mentalità rivoluzionaria che non si lascia
facilmente ingannare. L'Assemblea può legiferare, ma oc­
corre che le sue leggi siano applicate e i suoi decreti osser­
vati, come dimostreranno i contadini, obbligandola alla
pura e semplice abolizione di fatto dei diritti feudali. Nelle
città e nelle campagne, queste nuove e imprevedibili forze
nate dall'estate del 1789 sono tutt'altro che facili da con­
trollare. L'Assemblea nazionale non deve più soltanto fare
i conti con l'ostilità del re, ma deve anche tener d'occhio
la marea popolare. Destra e sinistra sono entrambe in at-
IV. L'anno felice
115
tesa del momento dello slittamento. Nell'estate del 1789,
la via del giusto mezzo è ben angusta.
In realtà essa è ancora teorica e impraticabile. La
situazione è troppo incerta, l'assetto economico troppo fra­
gile, il paese troppo immerso nell'anarchia perché l'Assem­
blea possa ristabilire l'ordine senza il sostegno del popolo.
Grave alternativa tattica, che continuerà a gravare sugli
anni futuri, e che in settembre provocherà nel partito
patriota una spaccatura cui gli anglomani non sopravvive­
ranno. Fatta accorta infatti dall'esperienza dei mesi passati,
all'Assemblea la sinistra si appoggia scientemente e quasi
provocatoriamente a Parigi, mentre Mounier e i suoi amici
si riavvicinano al re. I patrioti vittoriosi, questa volta,
confermano l'alleanza nata dalla rivoluzione dell'estate, a
prezzo però della loro prima scissione; e sebbene la mag­
gioranza continui ad auspicare il pacifico consolidamento
della propria opera, l'equazione presenta ormai due inco­
gnite : potrà la monarchia costituzionale personificarsi in
un Luigi XVI costretto a tornare a Parigi ? E, d'altra
parte, la rivoluzione dell'estate e il buon raccolto riusci­
ranno a sedare il fermento popolare? Tutto può l' Assem­
blea, tranne che sull'animo del re e contro l'opinione
pubblica.
DA VER S AILLES ALLE TUILERIES
Il 6 ottobre 1789 il re e la corte sono stati costretti a
lasciare Versailles e a insediarsi a Parigi, e Luigi XVI inau­
gura le sue funzioni di re costituzionale nel vecchio palazzo
delle Tuileries, abbandonato dalla monarchia all'epoca di Luigi
XIV. Situato perpendicolarmente alla galleria in riva all'acqua,
il castello sorgeva fra l'attuale giardino delle Tuileries a ovest
e il Carrousel a est. Affacciato a nord su rue Saint-Honoré,
era vicinissimo ai centri nevralgici della Rivoluzione, l'assem­
blea e il club dei Giacobini. A sud, il lungofiume delle Tui­
leries dominava la Senna. Che triste e povera residenza, para­
gonata a Versailles! Gli appartamenti, sistemati dopo qualche
giorno di provvisorio accampamento, erano stati concepiti in
modo da tenere i membri della famiglia reale vicini il più
possibile: a pianterreno le stanze private della regina e il
gabinetto di lavoro del re, all'ammezzato le camere della
regina, al primo piano la camera del re e quelle del delfino
e di Madame Royale. Nonostante l'esiguità dell'ambiente,
l'antica etichetta di corte sopravviveva a se stessa: al lever
e al coucher del re era ammessa soltanto la nobiltà presen­
tata, e quando nell'aprile del 1791 si dovette sopprimere il
privilegio dello « sgabello » caro a Saint-Simon, due duchesse
presentarono le dimissioni.
Sebbene la Casa del re continuasse a esistere, le necessità
politiche e finanziarie causarono tuttavia alcuni mutamenti.
Il 7 agosto 1790 il segretariato alla Casa del re fu sostituito
dal ministero degli Interni, e l'amministrazione della corte
ne divenne un servizio dipendente. In ottobre la lista civile,
1 17
IV. L'anno felice
approvata dall'Assemblea, passò sotto l'amministrazione di un
intendente incaricato di provvedere alle spese, donde la neces­
sità in cui si trovò Luigi XVI nell'aprile del 1 791 di soppri­
mere un certo numero •di cariche. La guardia militare, dopo
che durante le giornate d'ottobre le guardie del corpo avevano
tentato di difendere Versailles, fu assicurata dalle guardie
nazionali. La Casa militare tradizionale - costituita da sviz­
zeri e da guardie del corpo - continuò ad esistere, senza
mettersi però troppo in mostra.
Ciò che stupisce, nelle memorie dell'epoca, è l'assoluta
noncuranza dimostrata dagli intimi del re di nascondere il
proprio disprezzo verso gli uomini legati alle nuove istitu­
zioni. Nel timore che i loro stravaganti discorsi finissero col
perderlo, perfino Luigi XVI se ne lamentò.
L'A S S EMBLEA AL MANEGGIO
La Costituente, teoricamente fondata sulla separazione dei
poteri, aveva lasciato al re la direzione del potere esecutivo,
e pertanto la scelta dei ministri. Quelli da lui nominati dopo
il 14 luglio rimasero in carica fino alla fine del 1 790: Necker
alle Finanze, Saint-Priest alla Casa del re, e poi agli Interni,
Champion de Cicé alla Giustizia, La Tour du Pin alla Guerra,
La Luzerne alla Marina, e Montmorin, la cui nomina risaliva
al 1 787, agli Affari esteri. Ad eccezione di Necker, erano
tutti nobili di tendenza liberale; ciò nonostante, a poco a
poco l'Assemblea cominciò a guardarli con sospetto. Il falli­
mento del programma finanziario di Necker, violentemente
osteggiato da Mirabeau e da un gruppo di banchieri rivali,
fece sl che all'inizio di settembre del 1790 egli desse le dimis­
sioni, e la sua partenza in sordina diede la misura del rapido
tramonto della sua popolarità. Poi, fra l'ottobre e il dicem­
bre, i continui attacchi dell'Assemblea provocarono le dimis­
sioni di tutti i ministri, ad eccezione di Montmorin che,
iscritto al club dei Giacobini e molto legato a Mirabeau, era
considerato un sincero alleato della Rivoluzione. Nessuno dei
1 18
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
nuovi mm1stri godeva dell'incondizionata fiducia del re: a
parte alcuni tecnici di valore, peraltro oscuri - Thévenard
alla Marina, o Tarbé alle Finanze -, erano creature di La
Fayette, tutti in qualche modo impegnati nel nuovo regime.
De Lessart, passato nel gennaio del 1791 dalle Finanze agli
Interni, era un costituzionale moderato, mentre Duport­
Dutertre alla Giustizia e Duportail alla Guerra erano noti
l'uno per essere stato membro della Comune di Parigi, l'altro
per essere un pupillo di La Fayette.
Essi tuttavia non avevano nemmeno la fiducia dell' Assem­
blea, che, troppo ossequiente verso il re per osare d'imporgli
i propri ministri, e tuttavia diffidandone abbastanza da non
fidarsi di quelli scelti da lui, fini col sostituire alla teorica
dualità dei poteri la propria egemonia.
L'Assemblea aveva seguito il re a Parigi con qualche
giorno di ritardo, il 19 ottobre. Sistematasi provvisoriamente
nell'Arcivescovado, il 9 novembre si trasferl nella sala del
Maneggio, che fino al maggio del 1793 fu la sede di tutte le
assemblee nazionali. Si trattava di un vecchio maneggio co­
struito all'inizio del XVIII secolo accanto ai giardini delle
Tuileries, e che si affacciava su rue Saint-Honoré. Si dovette
provvedere senza indugio a costruirvi delle gradinate. Nelle
tribune destinate al pubblico si ebbero continui disordini: i
discorsi dei Costituenti erano costantemente interrotti da
applausi o grida ostili. Come avrebbero potuto impedirli? Sin
dal luglio dell'89 essi sapevano che la loro unica forza era
rappresentata dall'opinione pubblica.
In tali condizioni, il vero lavoro legislativo non fu com­
piuto durante le sedute pubbliche, bensl dalle commissioni,
chiamate allora comitati, le cui attribuzioni finirono col so­
praffare a poco a poco quelle del potere esecutivo. Esse assol­
sero un compito· immane, sia in campo economico (Comitato
per l'agricoltura e il commercio) e sociale (Comitato per la
mendicità), sia in campo politico e costituzionale ( il Comitato
di Costituzione era stato creato il 7 luglio); ma soprattutto
consentirono al personale pressoché anonimo ma estremamente
competente delegato dai francesi agli Stati generali di dar
IV. L'anno felice
119
prova delle proprie capacità, lontano dalle tempestose sedute
in cui si esibivano i grandi oratori.
È difficile oggi valutare le qualità di questo o quell'ora­
tore. Possiamo citarne qualche nome solo in base all'impres­
sione che ne ebbero i contemporanei, temperata a sua volta
dalla lettura dei loro discorsi. Innanzitutto Mirabeau, questo
« tribuno dell'aristocrazia deputato della democrazia » di cui
Chateaubriand scrisse: « Allorché scuoteva la criniera fissando
il popolo, lo paralizzava; ma quando levava la zampa mo­
strando gli artigli, la plebe correva furiosa ». Ma né Barnave,
né Robespierre, né, alla destra, Cazalès, _ seppero mai galva­
nizzare la sala come fecero più tardi gli oratori girondini
Nella nostra storia parlamentare, la Costituente non si di­
stingue per il suo verbalismo, bensì per il suo realismo.
Non si creda che nel 1790 esistessero dei partiti nel mo­
derno senso della parola. In questo campo, i Costituenti ilon
ignoravano le realtà partigiane, e del resto avevano ben pre­
sente l'esempio della Camera dei Comuni; ma detestavano
istintivamente ogni forma di organizzazione di partito o di
fazione, da essi considerata esattamente il contrario dell'indi­
vidualismo e della libertà della persona che impregnavano la
mentalità rivoluzionaria e borghese. Era tuttavia inevitabile
che di fronte alle grandi scelte politiche si rivelassero delle
incrinature, favorite dall'organizzazione stessa delle sedute: le
nozioni di « destra » e di « sinistra », destinate a un così
grande avvenire politico, derivarono dal posto occupato dai
deputati rispetto alla tribuna del presidente.
A destra sedevano tutti gli avversari dei decreti del 4
agosto, chiamati « aristocratici » ; ma questa parola non tardò
ad assumere una colorazione più politica che sociale: accanto
ai nobili autentici, di cui il visconte de Mirabeau (Mirabeau­
Tonneau), fratello del tribuno, fu il più ascoltato rappresen­
tante, sedevano parecchi borghesi, e fu appunto uno di essi,
l'abate Maury, che orchestrò tutte le offensive parlamentari
della destra. Col suo linguaggio colorito e spesso popolaresco,
120
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
sempre pronto ad additare col suo ruvido indice di plebeo le
infinite turpitudini, reali o immaginarie, che lo ossessiona­
vano, Maury apparteneva a quella stirpe tipicamente francese
di figli del popolo che si danno anima e corpo al servizio della
tradizione e vibrano di tutte le nostalgie del passato. Il fatto
che sia stato definito un aristocratico è significativo di una
epoca in cui la designazione degli avversari dell'ordine nuovo
era suggerita dall'odio, e non da un sereno pensiero. Gli ari­
stocratici erano anche detti i « neri », epiteto polemico d'ori­
gine oscura : allusione ai colori dell'Austria, e quindi della
regina, o all'influenza esercitata dai preti sul gruppo? Questi
neri d'altronde non erano tutti della stessa sfumatura: accanto
ai fanatici dell'invettiva e del disordine, v'erano uomini colti
che sostenevano con grande talento una seria dottrina poli­
tica. Il più eminente era un deputato di Rivière-Verdun
( presso Tolosa), Cazalès, che dopo aver tentato di emigrare,
l'indomani del 14 luglio, era tornato a sedere all'Assemblea.
Fautore di una monarchia di tipo inglese e difensore del pri­
mato della nobiltà, Cazalès capl che ciò che più la minacciava
non era il popolo ma la borghesia, e protestò contro la distin­
zione fra cittadini attivi e passivi, diventando cosl uno dei
padri spirituali degli « oltranzisti » dell'epoca della Restau­
raz10ne.
Vicini ad essi, ma sorti dalla corrente rivoluzionaria
stessa, sedevano gli anglomani. Abbiamo visto come questo
gruppo si fosse formato intorno a Mounier fra l'agosto e il
settembre del 1789. Partigiani della prerogativa regia del veto
assoluto, si opponevano alla Camera unica, ed erano perciò
chiamati ' anglomani '. Le giornate d'ottobre li avevano
spinti all'opposizione. Quanto a Mounier, si era ritirato nella
sua provincia, il Delfinato, che non avrebbe tardato ad abban­
donare per unirsi al novero degli emigrati. Altri - Malouet,
Lally-Tollendal, Clermont-Tonnerre - continuarono a for­
mare nell'Assemblea un ristretto ma influente gruppo di resi­
stenza. L'importanza assunta da questo piccolo gruppo nella
storia delle idee politiche francesi non è stata sufficientemente
sottolineata : sotto altre forme e per mezzo di altri uomini,
IV. L'anno felice
121
la loro idea-forza, ovvero un regime conservatore e liberale
controllato dalla nobiltà si prolungherà fino al centro-destra
della « repubblica dei duchi » .
Ciò non significa che dalla sinistra fossero assenti i nobili
liberali. Essi anzi dominarono spesso i dibattiti, e il partito
« patriota », com'esso si autodefiniva, era fiero di contare nelle
proprie file i più bei nomi di Francia: due La Rochefoucauld,
un Montmorency, un Talleyrand-Périgord. La nobiltà mili­
tare, segnalatasi sui campi di battaglia del XVIII secolo, era
rappresentata da La Fayette, da Beauharnais e dai fratelli
Lameth. Ma la vera forza dei patrioti era la borghesia. Bor­
ghesi erano coloro che prestarono la propria opera nei comi­
tati dell'Assemblea, borghesi quelli che vi divennero dei
grandi tecnici successivamente utilizzati da tutti i regimi: si
pensi a un Tronchet, a un Merlin de Douai o a un Lanjuinais.
Al momento, tuttavia, · altri sono i nomi emergenti. Tre
poli si contenderanno l'attenzione della sinistra. Mirabeau:
la sua eloquenza ne ha fatto sin dalla riunione degli Stati
generali un leader di primo piano, ma sarà distrutto dalla sua
venalità. Già nell'ottobre del 1789 traffica per soppiantare
Necker, ma l'Assemblea ne diffida e vota un emendamento
che impedisce ai deputati di diventare ministri. Nel maggio
del 1790 passa al servizio della corte, in cambio dell'estin­
zione dei propri debiti e di una pensione di 6.000 lire tornesi
al mese. Questo tradimento, ch'egli non tentò quasi affatto
di nascondere, lo screditò progressivamente. In dicembre, al
club dei Giacobini, Robespierre riusci a schiacciarlo con le
sue accuse. Quando morl, il 2 aprile 1791, si vendeva nelle
strade un libello sul « grande tradimento del conte de Mira­
beau » . La Fayette avrebbe potuto sostenere un ruolo di pri­
missimo piano: comandante in capo della guardia nazionale,
circondato da una coorte di generali, di banchieri e di gior­
nalisti, durante i primi mesi del 1790 egli godette di un'auten­
tica popolarità. Ma fini con lo scontentare tutti : Mirabeau,
di cui aveva rifiutato i servigi e che si vendicò sobillando
contro di lui il re e la regina, e la sinistra, che lo accusò di
debolezza nei confronti della controrivoluzione aristocratica.
122
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Questa sm1stra, che s'identifica al partito patriota, diffida
della popolarità quanto della venalità, e cerca i propri leader
nell'élite formata dal secolo, o quanto meno in quella parte
dell'élite allineatasi senza compromessi né interessi personali
al regime scaturito dall'estate del 1789. Alla sua guida si
forma a poco a poco un triumvirato costituito da un nobile
di spada, Alexandre de Lameth, da un nobile di toga, Du Port,
e da un avvocato, Barnave. Gelosi di La Fayette, ma evitando
tuttavia di attaccarlo apertamente, ostili a Mirabeau, di cui
denunciano l'azione controrivoluzionaria, i Triumviri saranno
fino alla fine del 1790 i cervelli del partito patriota.
UNA POTENZA NUOVA :
L 'OPINIONE PUBBLICA
Le passioni travalicano le mura del Maneggio. Parigi
assiste a un'autentica fioritura di salotti, di società e di club,
dove si incontrano deputati e giornalisti, grandi dame ed
esponenti ancor ieri oscuri delle professioni liberali del Terzo
Stato; fioritura che Chateaubriand cosi ci ha descritto:
Non potrei dipingere meglio la società del 1789 e del 1790
se non paragonandola all'architettura dei tempi di Luigi XII e di
Francesco I, quando allo stile gotico cominciarono a mescolarsi
gli ordini greci ( ... ) In ogni angolo di Parigi v'erano riunioni lette­
rarie, società politiche e spettacoli; le future celebrità circolavano
tra la folla ancora sconosciute, come le anime sulle rive del Lete
prima d'aver visto la luce.
Essendo i « neri » costretti a una certa prudenza, i loro
luoghi di riunione sono rimasti quasi sconosciuti. Nell'aprile
del 1790 essi fondarono in rue Royale il « Salon Français »
che, obbligato a sciogliersi nel maggio successivo, continuò
tuttavia ad essere un vivaio di complotti realisti: fu appunto
nel « Salon Français » che in luglio fu organizzato un pro­
getto di fuga del re a Lione e una insurrezione nella stessa città.
Nel dicembre del 1789 gli anglomani si erano insediati
IV. L'anno felice
123
nel « club degli Imparziali », in rue de la Michaudière. Suc­
cessivamente - nell'aprile del '90 - essi fondarono il « club
Monarchico » che, da rue de Vaugirard a rue de Chartres, si
attirò costantemente l'ostilità popolare. Gli anglomani, peral­
tro, s'incontravano con gli esponenti del partito patriota in
vari salotti, fra cui quelli di Madame Tessé o della principessa
d'Hénin. Ai salotti ricordati da Chateaubriand possiamo ag­
giungere quelli delle mogli dei deputati della nobiltà liberale
e dei ministri.
La « Società dell'89 » fondata da Sieyès e che riunl ben
presto tutti gli amici di La Fayette, data la sua alta quota
d'iscrizione rimase un'accademia piuttosto chiusa, dove pote­
vano incontrarsi soltanto i notabili della nascita e del denaro.
Ben altrimenti importante fu invece la Società degli Amici
della Costituzione, le cui origini sono tutt'altro che chiare.
Il 30 aprile 1789 i deputati bretoni agli Stati generali ave­
vano fondato a Versailles un club che non tardò ad accogliere
anche gli altri deputati patrioti; ma solo nel dicembre del
1789 la società cominciò ad assumere la sua vera forma, inse­
diandosi in rue Saint-Honoré, nel convento dei Giacobini,
nome che l'avrebbe resa celebre. La quota d'iscrizione richie­
sta - 24 lire tornesi - ne escludeva i poveri; i suoi metodi
di lavoro e i suoi scopi - dibattiti, sorveglianza e controllo
delle autorità costituite - ne facevano un complemento e
quasi il prolungamento dell'Assemblea. Mediante una fitta
rete di rapporti di affiliazione, il club riusd a controllare tutte
le società dello stesso tipo sorte in provincia: nel giugno
del 179 1, esistevano quasi 450 filiali dipendenti dalla società
madre. La densità di queste società fu a· volte sorprendente:
dieci club nell'Alto Reno, venti nella Vaucluse, quindici nel
Puyde-Dome. Intorno al club dei Giacobini, la borghesia
rivoluzionaria tessé cosi a poco a poco la sua ragnatela.
Dalla libertà di stampa derivò una vera e propria proli­
ferazione di giornali. Nel solo 1791, ne sono stati catalo­
gati centocinquanta, ma si tratta di un elenco incompleto,
124
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
limitato essenzialmente alla stampa parigina. Molti di questi
fogli ebbero vita effimera, altri subirono tali contraffazioni
da rendere quasi impossibile il raccapezzarcisi. Alcuni tuttavia,
grazie alla personalità del loro principale redattore, ebbero
una larghissima diffusione.
La stampa controrivoluzionaria di destra non mancò di
uomini d'ingegno. All'inizio della rivoluzione, Rivarol aveva
fondato insieme all'abate Sabatier de Castres il « Journal
politique national », che usci saltuariamente fino al novembre
del 1790 ; contemporaneamente egli collaborò anonimamente
agli « Actes des Apotres » . Fondato nel novembre del 1789,
questo giornale divenne p01, con Suleau, un foglio settario
e volgare con cui sarebbe ingiusto confondere Rivarol, con­
vinto come Cazalès che per creare il vuoto intorno alla bor­
ghesia occorresse far leva senza esitazioni sul popolo. « Il re
- scriveva - tornerà ad essere re di Francia solo quando
avrà dato alla Francia la prova di non voler più essere il re
dei gentiluomini ». Non è certo questo il tono del « Journal
général de la Cour et de la ville » o del « Petit Gautier » .
Nell'« Ami du Roi », l'abate Royou, mente aperta e profonda,
si atteneva a una polemica molto più ricca d'argomenti.
Non potendo probabilmente trovare in un organo di
stampa la cornice adeguata alle proprie ragionate opinioni,
gli anglomani non riuscirono mai a creare un giornale in­
fluente. Possiamo trovare i punti fondamentali del loro pen­
siero politico nel vecchio « Mercure de France », sotto la firma
di Mallet du Pan. Secondo lui, come secondo loro, le gior­
nate d'ottobre avevano segnato l'inizio di un processo inar­
restabile, la rivoluzione sociale, ch'egli paragonava alle grandi
invasioni barbariche.
La vera novità fu tuttavia la stampa democratica. I gior­
nali più letti erano « Le Patriote français », animato da
Brissot, protetto per un certo periodo da La Fayette, le « Ré­
volutions de France et de Brabant » di Camille Desmoulins,
« Les Révolutions de Paris » di Loustalot e il « Courrier »
di Gorsas; una segnalazione a parte merita « L'Ami du peu­
ple » di Marat. Per la sua sfiducia nei confronti del re, di
125
IV. L'anno felice
La Fayette e dei notabili, per la sua sospettosa vigilanza sulle
autorità e per le sue ardenti convinzioni democratiche (fu uno
dei pochi che protestarono per la distinzione fra cittadini
attivi e passivi), Marat si fece molti nemici e fu più volte
fatto segno al biasimo, a rampogne e a divieti. Nell'agosto
dell'89 gli fu negato il diritto di stampare giornali; in set­
tembre, tuttavia, riusci a pubblicarlo, ma si trovò in conflitto
con la censura della Comune, e in ottobre dovette darsi alla
fuga. Ripetutamente minacciato d'arresto, fuggl, tornò, riprese
a pubblicare il giornale. Tutto ciò grazie all'appoggio della
parte più povera della popolazione del suo quartiere - l'at­
tuale Odéon - e al sostegno fornitogli dalla piccola bor­
ghesia parigina. Alla stessa stregua dei club, la stampa fu per
la borghesia rivoluzionaria una grande scuola di tirocinio
politico.
PARIGJ
Creando i dipartimenti, la Costituente non aveva inteso
1idurre Parigi a un ottantatreesimo d'influenza; anche se lo
avesse voluto, del resto, l'amministrazione del dipartimento
di Parigi - che comprendeva tutti i comuni vicini alla capi­
tale, da Le Bourget a Bourg-la-Reine e da Nanterre a Cham­
pigny - non avrebbe certo potuto rappresentare integral­
mente l'opinione pubblica parigina.
La vita politica parigina vera e propria si incentrò su tre
istituzioni: la municipalità, i distretti e la guardia nazionale,
le cui complesse interrelazioni rispecchiano due tendenze per­
manenti dell'opinione pubblica urbana: la propensione a gover­
nare direttamente ( e perciò la diffidenza verso qualsiasi tipo
di rappresentanza) e l'aspirazione alla solidarietà di base ( e
quindi il rifiuto dell'autonomia di quartiere).
Dei 300 delegati ali'Assemblea municipale della Comune
di Parigi, sessanta costituivano il consiglio della città, dai cui
diversi reparti dipendevano i servizi tecnici (polizia, riforni­
menti, igiene). Il consiglio era presieduto dal sindaco Bailly,
126
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
coadiuvato dalla giunta cittadina (ventun funzionari munici­
pali eletti dall'assemblea, incaricati di comporre i conflitti di
attribuzioni e della nomina degli impiegati). I rimanenti de­
putati - i rappresentanti della Comune - si riunivano in una
sorta di parlamento senza competenze i cui poteri, mal defi­
niti e peggio tollerati, consistevano unicamente in una specie
di sorveglianza morale.
Parigi consisteva infatti nei suoi sessanta distretti, che,
sebbene alla fine d'agosto del 1789 la loro base elettorale
fosse stata allargata, rappresentavano soltanto i cittadini sog­
getti a un'imposta diretta e personale, ossia sicuramente meno
del 20 % della popolazione parigina. Tuttavia, grazie alle
assemblee primarie, ai comitati cui il decreto del 5 ottobre
aveva affidato ufficialmente attribuzioni di polizia, alle proprie
ordinanze, indirizzi e petizioni, i distretti miravano a rappre­
sentare la diretta espressione della sovranità popolare. Di qui
la loro diffidenza nei confronti dei propri delegati alla Comune:
a partire dall 'l l novembre, il distretto dei Cordiglieri ( accen­
trato nel quartiere dell'Odéon, nei pressi di rue de l'Ecole de
médecine) impose ai propri esponenti un giuramento che im­
plicava un mandato imperativo. Di qui inoltre i frequenti
conflitti che li contrapponevano alle antiche istituzioni rima­
ste in piedi, come il Chatelet di Parigi: il più celebre concerne
Marat, accusato di aver usato un linguaggio incendiario, e
Danton - allora presidente del distretto dei Cordiglieri colpevole di aver preso le sue difese. Di qui, soprattutto, la
continua rinascita, di contro alla municipalità ufficiale, di
organismi di collegamento interdistrettuale, quale l'Assemblea
dell'Arcivescovado che, a partire dal 1° marzo 1790, elaborò
un progetto di municipalità basato sul governo diretto. Nel
maggio del 1790, sostituendo i 60 distretti con 48 sezioni,
la Costituente sperò di porre fine a questa permanente agita­
zione, ma, come vedremo, non fece altro che spostare il centro
emittente delle onde di sovversione.
127
IV. L'anno felice
LA GUARDIA NAZIONALE
La guardia nazionale si era cost1tmta spontaneamente du­
rante la primavera e l'estate del 1789 ; in quanto milizia
borghese, essa era servita a raggiungere un duplice scopo:
primo, la difesa dell'Assemblea e della Rivoluzione da un
eventuale colpo di forza monarchico e aristocratico; secondo,
la protezione del nuovo ordine rivoluzionario dal pericolo di
una sopraffazione popolare. Qual era l'obiettivo più impor­
tante? Forse il secondo? Evitiamo di riferire al passato i
miraggi del nostro tempo. Indubbiamente La Fayette consi­
derava le sue truppe come il baluardo di una rivoluzione
conservatrice: ma il 18 aprile 1791, allorché la folla si oppose
alla partenza del re per Saint-Cloud, i granatieri della guardia
nazionale impugnarono le redini dei cavalli e impedirono alla
carrozza di muoversi, e per quanto La Fayette facesse un
gran parlare di rispetto della legalità e di libertà di movi­
mento del primo magistrato dello Stato, nessuno gli diede
ascolto. È innegabile che la Costituente avesse deciso di riser­
vare l'accesso alla milizia borghese ai soli cittadini attivi, ma
non osò mai disarmare i « passivi » che nell'ora del pericolo
si erano arruolati in difesa della Rivoluzione, ed anzi, nel
dicembre del 1790, decise di mantenerli definitivamente. In
realtà, passato il pericolo, la guardia nazionale non rappre­
sentò una grande attrattiva : degli 80.000 cittadini attivi di
Parigi, solo 30.000 erano iscritti nei registri, e per molti di
essi quest'iscrizione fu una formalità ben poco impegnativa
L'uniforme azzurra delle cerimonie ufficiali e l'onore di appar­
tenere alla milizia dell'ordine nuovo non ricevevano alcun
compenso quotidiano. Ciò non toglie che l'iscrizione nei
registri della guardia offrisse alla borghesia, quando la con­
giuntura lo esigeva, il quadro istituzionale più adatto alla
manifestazione dei suoi sentimenti di fedeltà alla Rivolu­
zione. Più che a Parigi - dove già esistevano molti altri
quadri - questa possibilità fu largamente sfruttata nelle
città di provincia.
128
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
LE FEDERAZIONI
La rivoluzione municipale del luglio del 1789 non aveva
avuto carattere puramente locale; per fronteggiare la congiura
aristocratica, anche se esagerata dal panico popolare, la soli­
darietà degli uomini impegnati nell'opera iniziata dalla Costi­
tuente impose vincoli nuovi. Istintivamente, davanti al vuoto
creato dal crollo dell'antico Stato, municipalità e guardie bor­
ghesi cercarono di federarsi, di unirsi cioè non con un patto
di obbedienza comune, ma di volontà collettiva : « essere
liberi insieme, e non subire più separatamente » . Nacquero
cosl le federazioni, prima manifestazione di una ricostitu­
zione di base dell'unità nazionale, che tutti i governi rivolu­
zionari tentarono di arginare senza mai riuscire a controllarla
interamente. All'inizio del 1790 il movimento . si allarga e
muta carattere: all'ansia della sicurezza si sostituisce l'ideo­
logia, e da strumento materiale la Federazione si trasforma
in obiettivo: l'affermazione della nascita di una nazione i cui
cittadini _non possono essere divisi da alcun particolarismo
locale o provinciale. Ascoltiamo i federati che, in febbraio,
rappresentano la Bretagna e l'Angiò:
Dichiariamo solennemente che, non essendo bretoni o angioini,
ma francesi e cittadini delJo stesso impero, rinunciamo a tutti i
nostri privilegi locali e particolari, rinnegandoli come anticostitu­
zionali; ci dichiariamo lieti e orgogliosi di essere liberi.
Questo movimento doveva necessariamente approdare a
Parigi. Ma il re, che diffidava della spontaneità rivoluzionaria,
e l'Assemblea, che come tutti gli organi rappresentativi della
Rivoluzione paventava un movimento incontrollato che avrebbe
consentito agli elementi controrivoluzionari di esercitare la
propria forza, erano contrari all'estendersi del movimento. Su
proposta di Talleyrand, si decise pertanto che soltanto la
guardia nazionale avrebbe mandato i suoi delegati. Per cele­
brare l'unione della nazione, bisognava scegliere una data che
Jo
1[
RN B� JI Dr 2 o .n � ll � l_
___
�92'
,__
◄:
.11 7 l"/J.i1'KU' r:>11:s
TfTJ !l.lfi:JUES.
I .S . Helman, da C. Monnet, Maria Antonietta sul palco della ghigliottina, incisione, Parigi,
Bib l. Naz.
129
IV. L'anno felice
fosse a un tempo un ricordo e un simbolo : la presa della
Bastiglia.
La festa della Federazione ebbe luogo il 14 luglio 1790 .
Al mattino, prima di recarsi al Campo di Marte, i federati
si concentrarono a nord-est di Parigi, dalla porta Saint-Martin
fino alla Bastiglia. Lasciamo che Madame de Stael ci descriva
i preparativi e lo svolgimento della manifestazione:
Il raduno delle milizie nazionali doveva aver luogo al Campo
di Marte, di fronte alla Scuola militare, non lontano dall'Hotel des
Invalides; si dovevano costruire intorno all;ampio recinto dei ter­
rapieni erbosi destinati agli spettatori. Alcune dame d'alto rango
si unirono ai moltissimi lavoratori volontari venuti a partecipare
ai preparativi della festa. Davanti alla Scuola militare, dirimpetto
al fiume che costeggia il Campo di Marte, erano stati creati dei
giardini, con una grande tenda che doveva accogliere il re, la
regina e l'intera corte. Ottantatré lance piantate in terra regge­
vano ciascuna la bandiera di un dipartimento, formando un ampio
cerchio che racchiudeva l'anfiteatro in cui doveva prender posto la
famiglia reale. All'altra estremità sorgeva un altare preparato per
la messa, celebrata in quella solenne circostanza dal signor de
Talleyrand, allora vescovo di Autun. Il signor de La Fayette si
accostò all'altare per giurare fedeltà alla nazione, alla legge e al
re; il giuramento e l'uomo che lo pronunciava destarono un pro­
fondo senso di fiducia. Gli spettatori erano al colmo dell'esalta­
zione, il re e la libertà parevan loro tutt'uno. La monarchia con­
trollata è sempre stata il vero auspicio della Francia: e l'ultimo
istante di un entusiasmo veramente nazionale si è rivelato nella
Federazione del 1790.
Il 14 luglio 1790 fu assai più che una cerimonia: fu una
grande festa pubblica accompagnata da danze e farandole,
adorna di fiori e ghirlande e terminata d2 una serie di ban­
chetti; e segnò l'atto di nascita di un canto il cui accent0
egualitario ancora esalta le folle, il ça tra:
Du législateur
Tout s'accomplira
Celui qui s'abaisse
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termido.-o
130
On l'élèvera
Celui qui s'élève
On l'abaissera... 2
Festa dell'utopia? Essa fu soprattutto l'espressione di una
unità volontaria, :fiduciosa e pacifica, che avrebbe voluto
essere l'alba di un'epoca nuova.
1790:
L'ANNO DELLA NOBILTÀ LIBERALE
E DELLE ILLUSIONI PERDUTE
Soffermiamoci un attimo su questo 14 luglio 1790. Igno­
riamo deliberatamente ciò che sta per accadere, e imitiamo
i borghesi dell'Ancien Régime che annotavano nel proprio
diario le impressioni del momento. La Fayette è il personaggio
dominante. L'Eroe dei Due Mondi, l'aristocratico combattente
delle campagne americane, il notabile che nel 1788, di fronte
a Loménie de Brienne, ha chiesto la convocazione dell'Assem­
blea nazionale, il comandante in capo della guardia nazionale,
è l'idolo delle folle. Albert Mathiez ha rubato a Marat il titolo
di uno dei più bei capitoli della sua Rivoluzione francese:
La Fayette, maestro di palazzo. Comunque sapeva bene che
La Fayette non assomigliava nemmeno lontanamente a Carlo
Martello, né Luigi XVI a un re fannullone.
Ma La Fayette è un rivelatore e insieme un simbolo:
dietro di lui si affollano quegli spregiudicati figli della nobiltà
che, alla stregua dei loro fratelli inglesi, mancarono di poco
il parto indolore della società borghese vagheggiato appunto
dalla borghesia. Nella loro arida precisione, i calcoli più ele­
mentari sono eloquentissimi. Sui 54 presidenti della Costi­
tuente, 33 appartenevano alla nobiltà. Al club dei Giacobini
vediamo succedersi accanto ai borghesi un duca d' Aiguillon,
un Alexandre de Beauharnais, un Victor de Broglie. E che
2 Del legislatore / l'opera si compirà / chi si piega / sarà innal­
zato / chi s'innalza / sarà piegato ...
131
IV. L'anno felice
dire dei salotti in cui si veniva delineando l'opinione patriota?
Che dire delle assemblee dipartimentali o distrettuali, ove
l'innato rispetto per il secondo ordine si conciliava senza con­
trasto alcuno con la fedeltà al nuovo statuto? L'anno 1790
sembrava vendicare la nobiltà dell'asservimento impostole
dalla monarchia assoluta; era la rivincita di Boulainvilliers,
di Saint-Simon e di Montesquieu; avrebbe potuto essere la
promessa di una nuova ridistribuzione delle funzioni, quale
aveva saputo realizzarla la vicina isola. Ma non fu cosl: il
corso degli avvenimenti avrebbe collocato il ricordo di questa
splendida pleiade di innovatori aristocratici nel novero delle
illusioni perdute.
L 'OPERA DELLA COSTITUENTE:
L 'ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ NUOVA
La nuova società: libertà, eguaglianza.
Nella grande giornata del 14 luglio 1790, la generale una­
nimità dei francesi sembra dunque tornare a realizzarsi nella
grande comunione del « patriottismo ». Ma questa parola,
tanto venerata e rivelatrice, non designa una Francia qual­
siasi. Essa esprime un sentimento di fanatica fedeltà alla
nuova Francia libera e liberatrice. Gli attori delle rivoluzioni
sono per natura più sensibili alle rotture che alla continuità.
Qual'è questa nuova Francia? In una sola frase della Di­
chiarazione c'è già quasi tutto: « I francesi nascono e vivono
liberi e eguali nei diritti ». Libertà ed eguaglianza: ecco dette
le due grandi parole attraverso cui esplodono le repressioni
sociali del passato, e che, lungi dall'essere astratte, esprimono
tutte le frustrazioni della società aristocratica. Quanto dire
che i nobili pagheranno assai caro quest'ordine nuovo in cui
il fanatismo egualitario ancora mal si distingue dalla con­
quista liberale.
La libertà? La libertà è innanzitutto la negazione dell'ar-
132
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
bitrio, ovvero la sicurezza delle persone, I'habeas corpus di
tipo inglese. Sul piano giudiziario, è l'esautoramento del re
e dei suoi agenti amministrativi, la fine delle procedure inqui­
sitive e dell'onnipotenza dei giudici: nell'ottobre dell'89, il
Comitato per la riforma della giurisprudenza penale ha libe­
rato l'accusato da una quasi automatica colpevolezza grazie
alla regolamentazione legale dell'arresto e della comparizione
davanti al giudice istruttore, e con la precisa affermazione
dei diritti dell'uomo. Nel 1790 , il sistema sarà completato da
due istituzioni imitate dalla legislazione inglese, il carattere
orale e pubblico della procedura, e la giuria di dodici citta­
dini, tratti a sorte da una lista di duecento nomi e incaricati
di pronunciarsi sulla colpevolezza dell'imputato. Ai giudici
non resta pertanto che applicare la legge, iscritta nel codice
penale del settembre del 1791, che infligge pene proporzio­
nate ai delitti e abolisce definitivamente la tortura, la gogna
e il marchio d'infamia impresso col ferro rovente.
La libertà è anche libertà di pensiero, libertà di stampare
libri e giornali, quasi illimìtata per tutta la durata della Co­
stituente nonostante le persecuzioni del Chatelet - peraltro
vane - contro l'isterismo accusatorio di Marat, e nonostante
una legge dell'agosto del 1791, che tuttavia non verrà appli­
cata; a partire dall'89, i mezzi politici d'espressione, libri,
giornali e club, sono completamente esenti da qualsiasi con­
trollo repressivo. Ma la libertà è anche libertà di coscienza,
e soprattutto della coscienza religiosa, ottenuta dai protestanti
nel 1787 quanto meno sotto forma di tolleranza. La Dichia­
razione lo conferma, ma l'Assemblea non osa spingersi più
lontano e legiferare, ad esempio, sull'esercizio pubblico dei
culti non cattolici.
Essa però si è chiaramente pronunciata sull'eguaglianza
dei diritti individuali, giacché se la tolleranza consente la li­
bertà di coscienza, non garantisce abbastanza l'eguaglianza delle
possibilità - altra grande rivendicazione del Terzo Stato,
l'unica veramente sua. In questo campo il momento decisivo
è rappresentato dal 4 agosto, con l'abolizione dei privilegi
individuali, delle franchigie delle collettività e persino del-
IV. L'anno felice
133
l'ineguaglianza delle terre; i titoli di nobiltà verranno aboliti
qualche tempo dopo, il 19 giugno 1790. Si accelera cosl la
formazione di una società egualitaria in cui gli uomini non
sono più definiti dalla nascita né protetti dall'ambiente seco­
lare, ma liberi di decidere del proprio avvenire individuale.
È evidente pertanto che anche le minoranze devono es­
sere affrancate: alla fine dell'89 vengono riconosciuti i diritti
politici ai protestanti, e Talleyrand, l'abate Grégoire e Mira­
beau ne approfittano per porre il problema delle minoranze
ebree. Gli ebrei del Mezzogiorno - del Sud-Ovest e del ba­
cino meridionale del Rodano - ottengono i diritti civili nel
gennaio del 1790, mentre gli ebrei alsaziani, spesso creditori
dei contadini e vittime di un fortissimo antisemitismo locale,
li otterranno soltanto al tempo delle ultime sedute della Co­
stituente, nel settembre del 1791.
Il regno di Francia è dunque diventato una società di
individui con eguali diritti. Questo significa la parola ' citta­
dino ', di cui la Rivoluzione fa un tosl largo uso, come per
cancellare definitivamente il mondo dei titoli e del rango so­
ciale, e quasi per scongiurare in partenza, attraverso il voca­
bolario, quanto di fragile e astratto può esserci in questa nuova
eguaglianza: comincia la storia della società borghese, non
quella del paradiso della fraternità. Ma il suo vero inizio è
una liberazione, la liberazione del lavoro, delle capacità, del
merito, dell'ingegno, cui ormai si schiude l'avvenire.
I cittadini ineguali.
La nuova società egualitaria doveva tuttavia risparmiare
certe forze, doveva cautelarsi e calcolare i possibili rischi.
Essa dava adito a troppi imprevisti · perché non tentasse di
prendere qualche precauzione borghese per il futuro : e natu­
ralmente, si trattava soprattutto del potere politico, chiave
di volta del nuovo ordine sociale.
Gli uomini della Costituente hanno imparato dai libri del
secolo che l'attitudine a governare nasce dall'istruzione e dal-
1 34
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termido,,,o
l'indipendenza, e dunque dalla proprietà e dall'agiatezza. Sanno
per esperienza che in politica l'intervento popolare tende più
facilmente all'!:!ccesso che al compromesso: tradizionale clien­
tela dei nobili o cieco gregge dei demagoghi, entrambe le vie
sono egualmente odiose. Ecco perché l'Assemblea rifiuta quasi
istintivamente l'eguaglianza dei diritti politici e il suffragio
universale, implicitamente contenuti nella Dichiarazione. Tutti
i francesi sono eguali davanti alla legge, e sia, ma non tutti
saranno cittadini, e fra i cittadini non tutti avranno gli stessi
diritti. I cittadini « attivi », definiti dal diritto al voto, do­
vranno essere francesi o esserlo diventati, dovranno essere
domiciliati nel cantone da almeno un anno, non potranno
essere di condizione servile, e dovranno infine pagare un con­
tributo diretto superiore o almeno pari a tre giornate di la­
voro, ossia di due o tre lire tornesi all'anno. Nonostante qual­
che isolata protesta, l'Assemblea è quasi tutta d'accordo nel­
l'escludere dal paese legale i francesi più poveri e i servi,
ossia circa un terzo del corpo elettorale maschile maggiorenne.
Restano tuttavia più di 4 milioni di cittadini « attivi », cifra
enorme se la si paragona, a distanza di cinquant'anni, ai
200.000 elettori della Francia di Luigi Filippo, e che, eccet­
tuati i servi agricoli, comprende tutta la miseria rurale, conta­
dini parcellari, piccoli fittavoli e giornalieri, e, nelle città, il
folto gruppo degli artigiani e dei compagnons.
Ma questi elettori popolari sono ammessi soltanto alle
assemblee primarie: l'azione selettiva del sistema elettorale a
due livelli, approvato nel dicembre dell'89, si somma a quella
della soglia censuaria. Le assemblee primarie eleggono gli
elettori di secondo grado, che a loro volta scelgono i deputati.
Nascono di qui due classi superiori di cittadini, gli elettori
e gli eleggibili. I primi dovranno pagare un contributo mi­
nimo pari al valore di dieci giornate di lavoro, ossia da sette
a dieci lire tornesi all'anno, piccola somma che consente alle
assemblee primarie un'ampia scelta sociale. Ma i contrasti più
accesi si manifestano all'Assemblea durante il dibattito sulle
condizioni fiscali dell'eleggibilità: gli anglomani, che fino al
settembre dell'89 controlleranno il Comitato di Costituzione,
IV. L'anno felice
135
vorrebbero fare del mandato parlamentare il monopolio della
grande proprietà fondiaria, unica garanzia, ai loro occhi, di
patriottismo e d'indipendenza. In settembre, il nuovo Comi­
tato presieduto da Thouret è meno esclusivo, subordinando
il diritto di essere eletti deputati al possesso di un qualsiasi
bene fondiario, e al pagamento di un contributo pari a un marco
d'argento, ossia circa cinquanta lire tornesi. È appunto la
clausola del marco d'argento, successivamente approvata, che
coalizza il maggior numero di avversari, dalla sinistra fino al
centro sinistra, da Pétion a Mirabeau, giacché molti uomini
capaci ma senza beni di fortuna si sentono ora minacciati, in­
vece che dalla barriera della nascita, da quella della ricchezza.
La stampa parigina, interprete per eccellenza delle capacità e
delle ambizioni, osserva con Camille Desmoulins: « Per capire
a fondo l'assurdità di questo decreto, basterà dire che Jean­
Jacques Rousseau, Corneille e Mably non sarebbero stati eleg­
gibili ».
La nuova sovranità politica sembra cosl definirsi attraverso
una larga democrazia elettorale e una più esigua oligarchia di
candidati. Ma durante l'estate del 1791, alla fine del suo man­
dato, l'Assemblea costituente modificherà l'equilibrio di questi
due elementi.
Dopo Varennes, dopo la repressione del Campo di Marte,
l'Assemblea esige maggiori garanzie contro il disordine e il
sopravvento rivoluzionario, e cerca inoltre maggiori appoggi
fra gli uomini capaci ostili al marco d'argento. Basterà situare
il freno politico non più al vertice, bensl al livello intermedio:
il censo richiesto agli elettori incaricati di eleggere i deputati
passa da dieci lire tornesi a una cifra oscillante fra le quindici
e le venticinque lire, secondo i casi e i luoghi. Ma tutti ormai
potranno essere eletti.
Cosl com'è, il sistema è ancora largamente democratico; e
sebbene escluda dal paese legale la popolazione più miserabile
delle città e delle campagne, sebbene allontani dalle assemblee
intermedie la vera povertà, spalanca però le porte della vita
pubblica alla piccola borghesia rurale e urbana; non è più il
governo dei notabili, bensl la promozione del talento, in cui
1 36
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termido,.o
uomini ed équipes più rivoluzionarie dei deputati del '91 po­
tranno preparare ed attendere la propria ora.
La nuova classe dirigente.
La Rivoluzione si è realizzata in nome delle libertà
locali e del sentimento nazionale a un tempo. Ostile al dispo­
tismo ministeriale dell'Ancien Régime, essa vuole insieme il
decentramento e l'unificazione del regno, e il consolidamento
delle nuove libertà attraverso la febbre federativa dell'89-90.
I nuovi cittadini sono gli agenti per eccellenza di questo fra­
gile tentativo, animati come sono dalla stessa . ottimistica
contraddizione.
Ad essi dunque, logicamente, la nuova amministrazione
del regno, ad essi i dipartimenti e i distretti, ad essi le muni­
cipalità, giacché il grande e intricato mosaico dell'antica Fran­
cia viene sostituito da un'unica gerarchia di circoscrizioni am­
ministrative. Alla base, ossia al livello della vita strettamente
locale, il decreto del 14 dicembre istituisce le municipalità :
come la città, anche il più piccolo villaggio ha la sua, eletta
dai cittadini attivi fra coloro che superano la prima soglia
fiscale delle dieci giornate di lavoro. Ogni due anni, inoltre,
si vota per eleggere il sindaco, capo del corpo municipale, e
il procuratore del comune, incaricato della gestione dei beni
comunali e coadiuvato, nelle grandi città, da un sostituto. È
soprattutto nelle città, del resto, che s'impiantano e si svilup­
pano i poteri municipali, forti delle loro ampie prerogative e
soprattutto del mantenimento dell'ordine.
Al livello superiore, l'amministrazione distrettuale è affi­
data a un consiglio generale deliberante, a un direttorio più
ristretto che funge da esecutivo locale, e a un procuratore­
sindaco, tutti eletti per quattro anni dai corpi municipali. Iden­
tica piramide amministrativa nel dipartimento: consiglio ge­
nerale, direttorio, procuratore generale-sindaco. Tutti questi
corpi eletti, con poteri di polizia e di requisizione, dipendono
dal potere esecutivo, ossia dal re, solo nella misura in cui sono
IV. L'anno felice
137
incaricati di applicare la legge, giacché non sono più affiancati
da alcun rappresentante del potere regio. I Costituenti si sono
rifiutati di sostituire l'odiato intendente con un qualsiasi altro
personaggio: fedeli alla duplice rivendicazione rivoluzionaria,
all'unificazione della procedura e delle circoscrizioni aggiun­
gono il frazionamento elettivo dell'autorità.
La riforma giudiziaria si ispira agli stessi principi e agli
stessi quadri. Per le cause civili v'è in ciascun cantone un
giudice di pace eletto, e al livello superiore un tribunale di­
strettuale composto di cinque giudici, anch'essi eletti. In campo
penale, il servizio di polizia compete alle municipalità, i reati
minori al giudice di pace, e i delitti al tribunale dipartimen­
tale; la colpevolezza dell'imputato è stabilita da una giuria
sorteggiata in una lista di cittadini attivi. Nemmeno l'accusa
è lasciata al potere esecutivo, in quanto è rappresentata con­
giuntamente da un commissario nominato dal re e da un pub­
blico accusatore eletto nell'ambito del dipartimento. L'intero
sistema è coronato da un tribunale di cassazione, composto
da giudici eletti da ciascuna delle assemblee elettorali dipar­
timentali. La Costituente non potrebbe ribadire più chiara­
mente la propria diffidenza verso l'esecutivo e l'indipendenza
del potere giudiziario, ma nel contempo spalanca le porte dei
tribunali più importanti all'antica magistratura di Luigi XVI,
ambiente sociale particolarmente favorevole al reclutamento
rivoluzionario.
Resta l'esercito, corpo aristocratico per eccellenza protetto
dall'editto del 1781. La Costituente non osa riformarlo radi­
calmente, istituendo la coscrizione obbligatoria, giacché la bor­
ghesia cittadina rifiuta l'egualitarismo del servizio militare,
e i contadini addirittura !'aborrono; ma ne controlla l'essen­
ziale, ossia i gradi. Il 4 agosto essa ha abolito il privilegio
nobiliare, e liquida rapidamente l'ereditarietà delle cariche per
far largo anche qui alla carriera del merito. D'ora in poi gli
ufficiali saranno nominati per anzianità o per concorso, e la
scelta lasciata al re è molto limitata. In un'Europa che si va
rapidamente facendo minacciosa, l'Assemblea si guarda bene
dal licenziare gli ufficiali d'antico regime come ha fatto con
138
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
gli intendenti e con i giudici, ma nella distruzione di tale si­
stema monopolistico è aiutata dal fatto che il miserabile gregge
1 ,..
dei soldati comincia a rialzare la testa.
E, soprattutto, al vecchio esercito ne giustappoie uno
nuovo, la guardia nazionale, sorta dagli avvenimenti dell'estate
dell'89, organizzata nel '91 e composta esclusivamente di cit­
tadini attivi e di ufficiali eletti. È questo il vero esercito bor­
ghese, la guardia del nuovo regime, questi soldati in uniforme
azzurra affiancati ai soldati in uniforme bianca dell'antica ar­
mata monarchica. Anche l'esercito è ormai accessibile alla ca­
pacità personale, e Carnot non ha da soffrire troppo per non
essere nato nobile.
Perché in questo campo dell'operato dell'Assemblea il
provvisorio o il durevole contano probabilmente meno di ciò
che, al livello del quotidiano, potremmo definire la rivoluzione
dell'impiego, e, al livello della storia, la promozione di un'in­
tera società. Tutte le strade sono aperte, la politica, l'ammini­
strazione, la giustizia, l'esercito; i giovani borghesi che hanno
avuto la fortuna di nascere fra il 1750 e il 1770 hanno ormai
soltanto l'imbarazzo della scelta. Potranno essere divisi - e
lo sono - rispetto all'avvenire, ma fanno blocco contro il
passato, perché solo contro il passato potranno costruire il
proprio futuro.
La disuguaglianza dei poteri.
La ricostruzione amministrativa e la liberazione sociale
hanno avuto un preliminare fondamentale, di cui i nuovi
legislatori hanno istintivamente sentito e stabilito la priorità:
il problema del potere - il problema dominante dell'estate
dell'89. Indubbiamente esso è stato risolto dalla spinta popo­
lare non meno che dalla pura volontà legislativa; ma su questo
punto la maggioranza dell'Assemblea condivide l'opinione
parigina ancora prima di seguirla.
Lo ha dimostrato nell'agosto votando l'articolo della Di­
chiarazione che dice : « Il principio di ogni sovranità risiede
IV. L'anno felice
139
essenzialmente nella nazione. Nessun corpo e nessun individuo
può esercitare un'autorità che non ne emani espressamente ».
Lo ha dimostrato in quegli stessi giorni bocciando il progetto
monarchiano di un Senato conservatore; eliminando dal Co­
mitato di costituzione i fautori del sistema inglese, essa ha
contemporaneamente decretato la propria permanenza e la pro­
pria inviolabilità da parte del potere esecutivo, attribuendosi
l'iniziativa e l'approvazione delle leggi. La sovranità nazio­
nale è innanzitutto l'Assemblea, su questo . non c'è da sba­
gliarsi.
Che fare, tuttavia, del vecchio potere legittimo che la Storia
di Francia le ha lasciato in eredità? Nessuno ne contesta l'esi­
stenza e neppure la necessità, nessuno ancora ne esige la sop­
pressione. Ma eccolo dissacrato, smantellato, divenuto secondo :
Luigi XVI non è ormai più che il « re dei francesi, per grazia
di Dio e per la legge costituzionale dello Stato »; deve giurare
fedeltà alla nazione e alla legge. Nonostante l'omaggio dell'As­
semblea al passato, rappresentato dalla grazia di Dio, il re di
diritto divino è ormai una creatura della sovranità nazionale.
È comprensibile che questo cambiamento possa riuscire diffi­
cilmente accettabile non solo a una certa forma di istintivo
orgoglio, ma anche a un complesso sistema di credenze.
I rapporti fra i due poteri ne mettono chiaramente in
evidenza la diversa suddivisione. Luigi XVI ottiene finalmente
il diritto di veto sui decreti dell'Assemblea, ma si tratta di
un veto provvisorio e d'altronde piuttosto difficile da eser­
citare. Può nominare i ministri, che però è obbligato a sce­
gliere fuori dell'ambito dell'Assemblea, e che in qualsiasi mo­
mento possono essere chiamati a rispondere al potere legisla­
tivo. La maggior parte dei funzionari, ormai elettivi, sfugge
al controllo del potere esecutivo: il re controlla direttamente
soltanto gli ambasciatori e gli alti comandi militari. Infine
gli resta, in teoria, la direzione della politica estera, ma, anche
se dietro sua proposta, è l'Assemblea che decide la pace e la
guerra, ed è sempre l'Assemblea che ha l'ultima parola sui
trattati, dopo che il re li ha firmati.
Ecco quale fragile combinazione politica è la Costituzione
140
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
del 1791, la prima Costituzione francese dei tempi moderni ;
essa tenta di far passare la Rivoluzione per un'erede, ma non
sa nascondere la propria diffidenza verso il passato e verso il
re. Luigi XVI ormai è soltanto il più alto funzionario pub­
blico, stipendiato e controllato dalla nazione. L'amministra­
zione del regno, il potere legislativo e quello · giudiziario gli
sfuggono, e passano nelle mani di una società borghese che
- pur proclamando il contrario - si rifiuta implicitamente
di condividere con lui gli incarichi più importanti. Tutto è
ancora troppo recente perché regni la fiducia: il nuovo regime
è esplicito soltanto nelle sue diffidenze.
Il compromesso degli interessi.
In campo economico non occorrono tante cautele rispetto
al passato. Non che quest'ultimo abbia completamente cessato
di gravare sul presente: la politica colbertista e regolamen­
tare dell'Ancien Régime ha m�mtenuto vive fino alla Costi­
tuente un buon numero delle sue remore. Ma a partire dagli
anni Cinquanta lo sviluppo economico e la promozione bor­
ghese hanno smantellato gran parte di quest'edificio, e gli
uomini dell'Assemblea si fanno forti non solo della promo­
zione di una classe già padrona dei moderni settori dell'eco­
nomia, ma anche di una teoria economica preconizzata dai
fisiocrati e già imperante in Inghilterra dal tempo di Adam
Smith: il liberalismo.
Non si tratta di una dottrina di lotta, bensl di armonia e
di universale progresso: dall'apologia metafisica - secondo
l'ordine naturale - della libertà individuale, i liberali passano
all'elogio della libera impresa e della libera concorrenza, per
farne tuttavia, attraverso una dialettica che Marx gli rivolgerà
contro, le condizioni della crescita economica e del progresso
generale. Soltanto i naturali meccanismi dei prezzi, dei salari
e dei profitti possono consentire il continuo aumento delle
ricchezze: e la disuguaglianza economica individuale che ne
risulta non è incompatibile con la naturale eguaglianza degli
IV. L'anno felice
141
uomini, poiché si fonda su una relazione delle più egualitarie,
lo scambio sul mercato di beni equivalenti.
Sicché, per i Costituenti, l'imminente società ideale è una
democrazia di piccoli e medi liberi produttori, coltivatori di­
retti, fittavoli, mastri artigiani, manufatturieri e mercanti; ed
essi non immaginano che la finalità della concorrenza possa
essere l'oligarchia dei ricchi e quella della libertà il pauperismo
della maggioranza. L'insegna dei tempi nuovi è l'ottimismo:
liberalismo borghese e democrazia diventeranno contraddittori
solo alquanto più tardi.
Occorre innanzitutto liberalizzare la produzione, ovvero
abolire tutto ciò che è monopolio, privilegio o regolamenta­
zione. L'essenziale è stato detto il 4 agosto, visto che il de­
creto del 5 dichiara aboliti « tutti i privilegi particolari
delle province, principati, corpi e comunità... ». E l'As­
semblea, infatti, si è affrettata a sopprimere i privilegi più
importanti : i grandi interessi la disturbano meno di quelli
piccoli e medi, giacché li considera fondati per eccellenza sul
monopolio, e quindi contro natura. Nella primavera del 1790
abolisce il monopolio della gigantesca Compagnia delle Indie,
risuscitata da Calonne nel 1785, aprendo l'oceano Indiano a
tutte le ambizioni; l'anno dopo è la volta del Senegal. Contem­
poraneamente, sebbene in tutt'altro campo, la Costituente tra­
sforma la legislazione monarchica sullo sfruttamento minerario,
riaffermando i diritti preferenziali del contadino proprietario
della superficie contro le grandi compagnie che vorrebbero
accaparrarsi il sottosuolo in nome dell'interesse pubblico e
del regio decreto del 1774. La filosofia dell'individualismo e
la mistica della proprietà privata difendono in questo caso
una larga democrazia degli interessi.
Più complesso è però il problema del lavoro urbano. Il
decreto ricapitolativo dell'l 1 agosto 1789 non parla delle co­
munità di mestieri: l'indomani dell'insurrezione parigina e in
pieno marasma economico, i deputati non se la sentono di
prendere di petto la tradizione e la democrazia degli interessi
corporativi. Riusciranno a sgominarli soltanto nella prima­
vera del 1791, col decreto del 2 marzo che sopprime i corpi
142
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
e le comunità, o con quello del 14 giugno che vieta qualsiasi
associazione professionale, padronale od operaia che sia : rigi­
damente fedele allo schema liberale, la legge Le Chapelier
esclude il sindacalismo dalla vita sociale, estendendo l'impe­
rialismo del contratto borghese al mondo del lavoro. Ed è
un segno dei tempi che a sinistra della Costituente nessuno si
levi a difendere il diritto dei salariati a coalizzarsi.
Al piccolo conduttore agricolo, il liberalismo borghese
mostra un altro volto ancora, giacché nelle campagne l'an­
tico sistema comunitario protegge anche i più piccoli conta­
dini. È il pezzo grosso del villaggio, il ricco fittavolo, l'im­
prenditore agricolo che - già da parecchio tempo - reclama
la liberalizzazione dei mercati e dei prezzi, l'abolizione dei
vincoli agricoli, la libertà della rotazione, il diritto di recin­
tare campi e prati e la soppressione del pascolo collettivo. Già
i fisiocrati lo hanno detto per lui: sono condizioni indispen­
sabili al miglioramento della produttività agricola. Ma sono
anche le condizioni del capitalismo rurale. I decreti del
4 agosto l'hanno liberato dal signore: non resta che liberarlo
dal peso dei miserabili.
L'Assemblea esita, combattuta fra i suoi princlpi e la sua
recentissima grande alleanza con il mondo rurale preso in
blocco; e finalmente scende al compromesso, liberalizzando
i prezzi e le colture ma accettando l'intangibilità del compa­
scolo e dei beni comunali a beneficio degli indigenti. Nono­
stante gli antichi diritti collettivi, e rafforzato dal moltipli­
carsi della piccola proprietà contadina derivante dalla vendita
dei beni nazionali, il sistema precapitalista sopravvive alla
rivoluzione delle istituzioni economiche.
La circolazione delle ricchezze non pone di questi pro­
blemi sociali : il laissez-passer è spesso più radicale del laissez­
faire, almeno sul piano interno. L'Assemblea soddisfa tutti
gli interessi del regno instaurando la libertà di circolazione
delle merci e il libero gioco dei prezzi e dei profitti. Nell'in­
teresse del produttore, indubbiamente; ma il popolo consu­
matore accetta anch'esso l'abolizione del vecchio protezioni­
smo colbertista, perché contemporaneamente l'Assemblea sop-
IV. L'anno felice
143
prime l'imposta di consumo, altrettanto deprecata dai fisio­
crati che dalle classi popolari : la gabella, le aides e gli odiati
dazi diventano altrettanti cattivi ricordi dell'Ancien Régime.
Ma in fatto di commercio estero, questi deputati così
spesso definiti come dottrinari non osano spingersi fino alle
estreme conseguenze della propria dottrina, ossia fino al libero
scambio, anche se l'Ancien Régime gliene ha indicato la strada
col trattato franco-inglese dell'86 e con l'autorizzazione a
esportare i cereali dell'87. Su questo punto essi cedono alla
grande paura secolare recentemente risvegliata dalla crisi del1'89, l'antica paura della carestia. Nonostante l'ottimo raccolto
del 1790, l'Assemblea vieta l'esportazione del grano: questa
volta la Francia contadina s'impone alla Francia borghese.
Come vivrà il nuovo Stato? Svincola.;.e le risorse straordi­
narie derivanti dalla vendita dei beni ecclesiastici non basta.
Il fatto che l'istruzione e l'assistenza pubblica, sottratte alla
Chiesa, passino a carico dello Stato, rappresenta una ragione
di più per garantirsi l'ordinario, gli introiti annuali. Il vecchio
sistema fiscale è stato demolito, e quello nuovo è interamente
ispirato all'eguaglianza: rifiutandosi all'arbitrio e al fiscalismo,
si fonda in linea di massima sul vero segno della ricchezza, il
prodotto netto agricolo e le pigioni urbane. Distinguendo ciò
che l'Ancien Régime confondeva, esso sancisce tre grandi
categorie di reddito : innanzitutto quello derivante dalla terra,
il più importante - e secondo i fisiocrati l'unico -, rappre­
sentato dall'imposta fondiaria, con un gettito di 240 milioni.
Dall'imposta sulla ricchezza mobile ci si aspetta soltanto un
quarto di tale somma; la patente, infine colpirà il profitto
industriale e commerciale.
Si tratta veramente di quella giustizia fiscale così ardente­
mente invocata nell'89? In assenza di accertamenti e di una
amministrazione centralizzata, per il momento le nuove ali­
quote fiscali sono fissate basandosi sulle antiche. Ma ancor più
della ripartizione, è cambiato il sistema di riscossione: i corpi
eletti incaricati dell'esazione delle imposte non osano più
perseguitare dei cittadini ormai liberi e responsabili, e per­
tanto liberi anche di evadere il fisco. La nazione dovrà coprire
144
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
le proprie spese senza imputarle alla ricchezza prodotta: è
necessario quindi che l'assegnato si trasformi in moneta.
La Francia economica del 1790 lascia dunque ampio
spazio al provvisorio. Sotto molti aspetti, il liberalismo bor­
ghese ha dovuto venire a patti con la democrazia dei piccoli
interessi rurali e urbani: dalla grande alleanza rivoluzionaria,
ciascuno spera di ricavare un salario più alto, una vita un po'
migliore. E comunque l'ottimismo liberale è ancora incapace
di concepire altri nemici oltre il privilegio aristocratico : alla
sinistra offre una larga apertura, e non nutre alcun sospetto
sulle virtù della democrazia. Se i vincitori sono molti, in­
somma, il vinto è uno solo: sia sul piano economico che su
quello giuridico e sociale, la Francia del privilegio è morta,
e sta nascendo la Francia della libera impresa.
V
LO SLITTAMENTO DELLA RIVOLUZIONE 1
Luglio 1790 : il pericolo è passato, la tensione si atte­
nua. La soddisfazione del lavoro compiuto, la naturale
inclinazione all'ordine, l'alimentazione popolare tornata
alla normalità, tutto fa sperare in un clima di stabilità e
di pace. Finalmente le commissioni dell'Assemblea possono
lavorare in pace; :finalmente, sulle rovine dell'Ancien Ré­
gime, si può cominciare a costruire lo splendido edificio
del domani vagheggiato dal Terzo Stato : un edificio pieno
di luce, nelle cui ampie stanze ciascuno troverà il posto
destinatogli dal talento, dalla fortuna e, più di quanto non
si creda generalmente, dal prestigio della tradizione. Per
il paese legale e per i suoi rappresentanti la Rivoluzione
è finita.
1 0 agosto 1 792. Il dramma che si svolge alle Tuileries
supera di gran lunga il destino personale di Luigi XVI e
la sorte di un'Assemblea legislativa sopraffatta dalle forze
1 Sono stati utilizzati principalmente : G. Lefebvre, La chute du
Roi, dispense ciclostilate del C.D.U., Paris 1942 ; M. Reinhard, La
chute de la monarchie, pubblicato dopo la prima edizione della pre­
sente opera, Paris 1969; M. Marion, Histoire financière de la France
depuis 1 715, val. I, Paris 1919; A. Latreille, op. cit. nella Bibliografia;
Canonico Leflon, La crise révolutionnaire, t. XX dell'Histoire de l'Eglise
di A. F1iche e V. Martin, Paris 1951; J. Godechot, La Contre-révolution,
op. cit. nella Bibliografia; Ch. Aimar, L'énigme de Varennes, Paris
1936; A. Fugier, op. cit. nella Bibliografia ; A . Mathiez, Le 10 Aout,
Paris 1931 ; G. Rudé, op. cit. nella Bibliografia.
146
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
popolari. Il crollo è gigantesco, la struttura portante del­
l'edificio eretto dall'Assemb1ea nazionale si sgretola. Questa
volta l'intervento popolare dà il via al suffragio di massa,
sostituendo la monarchia con una repubblica di fatto, se
non di diritto.
Era inevitabile imboccare questa strada? La risposta
delle due opposte parti dell'opinione pubblica è categori­
camente affermativa. Per la destra intransigente, gli emi­
grati di luglio e la loro discendenza spirituale, la presa delle
Tuileries è il naturale frutto della disintegrazione sociale e
dello smantellamento dello Stato contenuti in germe nelle
prime iniziative degli Stati generali. Secondo gli anglo­
mani e, successivamente, Jacques Bainville, l'avvio di
questo meccanismo irreversibile si colloca tre mesi ad­
dietro: la prima capitolazione di fronte alla rivolta, -du­
rante le giornate d'ottobre, farà scattare tutte le altre.
All'estremo opposto, esiste invece una tradizione di sini­
stra che, con lo storico sovietico Manfred 2 , ci vede « un
irresistibile movimento di massa ». Cosa strana, questa
storiografia che si professa materialistica definisce « fase
ascendente della rivoluzione borghese » proprio il periodo
in cui la borghesia non riesce a realizzare i suoi obiettivi.
Per sottrarci al pericoloso fascino di questi determi­
nismi, porremo il problema in termini rigorosamente op­
posti. In quali condizioni il regime voluto dalla Costituente
avrebbe potuto sopravvivere ? Diciamolo francamente : per
quali accidenti falll, in quel momento, la rivoluzione libe­
rale nata dal XVIII secolo e che la borghesia francese
realizzerà qualche decennio più tardi?
Innanzitutto per un accidente finanziario. Assumendosi
i debiti dell'antica monarchia, aggravando gli oneri dello
Stato mediante ulteriori prestiti, e rinunciando all'esazione
delle imposte - cosl profondamente odiate - del passato
regime, essi furono costretti a cominciare dal punto esatto
in cui l'assolutismo era naufragato : il deficit e l'indebita2 Opera citata nella Bibliografia.
V. Lo slittamento della Rivoluzione
147
mento dello Stato. La soluzione finalmente adottata, l'as­
segnato-moneta, fu il ricorso all'inflazione, che alla lunga
avrebbe scavato un sempre più profondo abisso fra i di­
versi gruppi sociali. Al malumore dei rentiers, di quei bor­
ghesi oziosi che tutto concorrerà ad allineare all'opposi­
zione aristocratica, l'inflazione aggiungerà il disagio dei
salariati, colpiti dalla svalutazione della moneta. In campo
finanziario, tuttavia, i Costituenti non furono degli eretici.
Testimoni della curva ascendente del secolo, essi pensavano
che un lento e progressivo aumento dei prezzi avrebbe sti­
molato l'attività economica. Al momento i loro calcoli si
rivelarono esatti: per i settori chiave, infatti, il 1 790 e il
1791 furono anni di grande prosperità; ed essi vedevano
chiaramente quali vantaggi avrebbe tratto lo Stato, a lunga
scadenza, da una ricchezza mobile e fondiaria che gli fosse
stata debitrice della propria esistenza. Quanto dire che le
difficoltà finanziarie, lungi dal condizionare le difficoltà po­
litiche, come nel 1787, ne furono invece condizionate.
Colpa dell'emigrazione e dei complotti controrivoluzio­
nari in territorio francese? Valutiamone obiettivamente
l'efficacia. A Torino, dove si era rifugiato nel settembre
del 1789, il conte d'Artois aveva organizzato una specie
di « governo ombra ». A Londra, il suo vero ispiratore,
Calonne, tentava di raggiungere due obiettivi: rapire il re
e la sua famiglia e fomentare la rivolta nelle province con­
siderate fedeli. Due obiettivi, due fallimenti. Nel febbraio
del 1 790, lo sfortunato marchese di Favras pagherà con la
vita il tentativo di rapire il re; e il grande progetto d'insur­
rezione del Sud-Est previsto in dicembre, in concomitanza
con l'invasione delle truppe piemontesi, si conclude con
un fiasco. Priva di altri appoggi, la controrivoluzione
avrebbe potuto creare in Francia una psicosi collettiva di
perpetua congiura, e suscitare così continui disordini; ma
in realtà era impotente.
Questi appoggi le saranno fomiti dai provvedimenti
ecclesiastici adottati dalla Costituente. Le ideologie del
XIX secolo, quali quella della scuola teocratica o quella�
148
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
più tarda, del radicalismo anticlericale, hanno suffragato
l'idea di un'antinomia originaria fra Chiesa cattolica e
Rivoluzione. Ma gli uomini del 1 789 non ebbero alcuna
consapevolezza di una simile opposizione; laici o ecclesia­
stici, i deputati erano tutti cattolici, o quanto meno formati
nella religione cattolica. Fra la religione tradizionale e il
nuovo culto della nazione v'era l'unione, non il divorzio.
La Rivoluzione aveva però ereditato dalla monarchia il
cesaropapismo, e dalla filosofi.a illuminista la tolleranza.
La libertà di coscienza li portò a concedere a protestanti
ed ebrei gli stessi diritti dei cattolici. I Costituenti s'illu­
sero che la dissacrazione dell'autorità regia gli avrebbe
consentito di imitare senza alcun rischio l'imperatore Giu­
seppe II. La Costituzione civile del clero, decisa unilate­
ralmente dallo Stato senza subordinarla a un concilio, e
condannata dal papa, produsse una lacerazione delle co­
scienze. Non si trattò soltanto di uno scisma in seno alla
Chiesa, bensì di uno scisma in seno allo Stato. Allo stato
maggiore controrivoluzionario privo di truppe, la Rivolu­
zione fece dono della fanteria rappresentata dai preti re­
frattari e dal loro gregge.
Dopo meno di un anno, s'incrina lo stato maggiore ri­
voluzionario. Ambizioni individuali? Rivalità fra gruppi?
Rifrazione in raggi divergenti del mutamento della scena
politica, piuttosto. La scena è Parigi, e Parigi, con i suoi
distretti e le sue società fraterne, è il popolo che vuol far
sentire la propria voce. Al coro non partecipano ancora
gli operai e i compagnons, esclusi dal sistema in quanto
cittadini passivi; ma l'intellighenzia piccolo-borghese è pro­
fondamente ostile alla legge del marco d'argento che le
preclude l'accesso al parlamento. Il monopolio della ric­
chezza e della nascita si trova improvvisamente in pericolo.
I dibattiti sulle colonie, che nel maggio del 1791 contrap­
pongono gli amici della gente di colore agli amici dei colo­
nizzatori, completano la scissione della maggioranza patriota
e la formazione di un partito conservatore capeggiato da
Barnave e dai fratelli Lameth, che, fedeli allo spirito della
V. Lo slittamento della Rivoluzione
149
Dichiarazione dei diritti dell'uomo più che alla lettera del
manifesto rivoluzionario, vogliono stabilizzare il corso de­
gli avvenimenti. La logica li ravvicina alla corte. Ma il
20 giugno 179 1 , Luigi XVI fugge. Ecco Varennes.
La fuga del re, la fine di un mito. Re costituzionale
suo malgrado, Luigi XVI non è un personaggio enigmatico.
Oggi sappiamo in che cosa sia consistito il suo doppio­
gioco, conosciamo la lettera di protesta da lui inviata al re
di Spagna suo cugino contro gli « atti contrari all'autorità
regia » « estortigli con la forza ». Ma i contemporanei ?
Prima di Varennes i diffidenti erano soltanto una piccola
minoranza, di cui Marat fu il profetico portavoce. La fuga,
l'arresto, il ritorno a Parigi, immensa e silenziosa, strap­
parono il velo che nascondeva la statua. Invano Barnave
propina la tesi del rapimento a un'Assemblea allarmata
per le sue proprietà, invano Luigi XVI giura fedeltà alla
Costituente emendata. A che serve? Al meccanismo di
una grande politica conservatrice manca l'elemento fonda­
mentale, un re amato e rispettato. La Costituente, e la
Legislativa succedutale il 1 ° ottobre, non riusciranno più
ad essere dei poli decisionali. Le parole d'ordine mobili­
tanti andranno cercate altrove, nel club dei Giacobini di­
sertato dai moderati, nella stampa democratica, nelle strade
di Parigi.
Alla mobilitazione seguirà ben presto la guerra, una
guerra indubbiamente voluta dalla destra. Luigi XVI e
Maria Antonietta hanno riposto tutte le proprie speranze
in una disfatta che metterebbe alla loro mercé una Francia
terrorizzata. Eccettuato un pugno di moderati guidati da
Barnave, nobili liberali e borghesi conservatori pensavano
come La Fayette che una breve campagna avrebbe consen­
tito ai generali di debellare i club. Ma la guerra fu la
guerra della Rivoluzione. L'opposizione di Robespierre è
un atteggiamento isolato. Per il partito dell'azione, i cui
araldi furono Brissot e gli oratori della Gironda, la guerra
fu una fuga in avanti. Il clima della Francia rivoluzionaria
era oppresso da nubi grevi d'inquietudine e d'incertezza
150
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
che bisognava dissipare; con esse svanirono le ultime pos­
sibilità di consolidare la rivoluzione.
Il politico più lucido, a breve scadenza, non è Robes­
pierre, ma Barnave. Egli ha previsto che le prime sconfitte
avrebbero fatto scattare l'irruzione violenta delle masse
nella vita politica e la fine della monarchia. Contro un re
sospettato di tradimento, contro i generali che si rifiutano
di combattere, contro i brissotini che esitano fra il potere
e l'opposizione, si scatena una reazione popolare difensiva
che trova finalmente il nome adatto: il patriottismo. Il
patriottismo del 1792, quel complesso di passioni e d'inte­
ressi che unisce contro i ricchi sospettati di scarso civismo
tutti coloro per i quali rivoluzione significa nazione ed
eguaglianza a un tempo, il patriottismo della « patria in
pericolo », della Marsigliese e del 10 agosto, è molto più
che una rinascita o una continuità: è una seconda Rivo­
luzione.
LE DIFFICOLTÀ FINANZIARIE E RELIGIO S E
Tornata a Parigi, la Costituente deve risolvere sul piano
finanziario un triplice problema : assicurare il servizio di
tesoreria, estinguere i debiti dell'Ancien Régime e program­
mare l'ammortamento di quelli a sua volta imprudentemente
contratti.
Problema di bilancio? Non si può dire che le spese nor­
mali siano aumentate in misura notevole: dai 73 1 milioni
del 1789 esse saliranno agli 822 del 179 1, ma nel frattempo
saranno stati rimborsati i prestiti a breve scadenza lasciati
da Necker. La grande questione dunque non è il bilancio,
ma la tesoreria. Ricorrere agli espedienti tradizionali è impos­
sibile: abolendo la venalità delle cariche, cessano gli introiti
rappresentati dalle cauzioni sulle « prescrizioni » depositate
dai ricevitori delle finanze, generalmente scontate dai ban­
chieri e che costituivano in certo modo degli anticipi sul get­
tito delle imposte. Chiedere un anticipo alla Cassa di sconto?
In novembre, Necker ha dovuto ammettere che il disavanzo
superava i 25 milioni. Il prestito? È già stato tentato due
volte in agosto, ottenendone un quinto della somma sperata:
le circostanze non erano tali da destare fiducia. L'appello
alla solidarietà borghese? Ci vorranno più di tre anni prima
che il contributo patriottico di un quarto del reddito, appro­
vato il 26 settembre, cominci a entrare nelle casse dello Stato.
Sparite nel 1791 le vecchie imposte, la cui esazione presen­
tava mille difficoltà, tanto che nel 1789 lo Stato aveva incas­
sato appena il 14% delle entrate previste, il gettito delle tre
nuove imposte ( fondiaria, mobiliare e patente) diventerà ap-
152
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro-
prezzabile solo nel 1793. La rivoluzione borghese non può
rifiutarsi di riconoscere i debiti del vecchio Stato, ammon­
tanti a circa 5 miliardi. Per il riscatto delle antiche decime
infeudate e il subentro dello Stato nel rimborso dei prestiti
del clero e delle cariche venali abolite, la sua politica presup­
pone anzi altri debiti per un importo globale di circa un
miliardo. Molti si sono meravigliati dell'arrendevolezza del
nuovo regime nei confronti dei creditori dell'antico : perché
assumersi i debiti del clero? Perché non passare un colpo di
spugna sulla venalità delle cariche, annientando il capitale da
esse rappresentato? Ciò significa dimenticare che una rivo­
luzione non fa mai piazza pulita, e che in essa residuano
sempre delle solidarietà fondamentali. Bisogna dunque tro­
vare il denaro evitando di colpire la base sociale dell'ordine
nuovo: la borghesia e la sua clientela.
Esisteva il regio demanio, di cui molti cqhiers de doléances
avevano chiesto l'alienazione, ma non bastava. I possedimenti
della Chiesa invece erano valutati circa 3 miliardi di lire,
e toccò proprio a un vescovo - vero è che si trattava di
Talleyrand - di proporne la nazionalizzazione. Sebbene giu­
ridicamente e storicamente poco fondati, gli argomenti addotti
erano i più adatti a convincere quei giuristi formatisi nella
tradizione statalistica della monarchia assoluta. Come ebbe
a dire il vescovo di Autun:
Il clero non è proprietario a guisa degli altri proprietari, per­
ché i beni di cui gode ma di cui non può disporre non gli sono
stati ceduti per soddisfare interessi personali, ma per sopperire alle
sue funzioni.
Quest'interpretazione paternalistica della gestione del pa­
trimonio ecclesiastico scatenò le ire della destra. L'abate
Maury vituperò gli usurai e gli ebrei che si accingevano a far
man bassa delle donazioni dei fedeli, e tentò di far leva sui
timori dei proprietari borghesi: « Le nostre proprietà garan­
tiscono le vostre. Oggi le vittime siamo noi, ma non vi illu­
dete, se noi saremo spogliati, domani toccherà a voi ». In-
V. Lo slittamento della Rivoluzione
153
vano : il 2 novembre l'Assemblea mette a disposizione della
nazione i beni ecclesiastici, che costituiscono la parte più rile­
vante di quelli che d'ora in poi saranno detti beni « nazionali ».
Come utilizzarli? Col decreto del 19 dicembre si creò una
Cassa dello straordinario, destinata a far fronte alle necessità
della tesoreria e alla definitiva estinzione del debito mediante
l 'alienazione di una prima fetta di terreni del valore di 400
milioni. In attesa della vendita, vennero emessi dei veri e
propri buoni del Tesoro, all'interesse del 5 % e di valore non
inferiore alle 5.000 lire tornesi, corrispondenti alle somme
che sarebbero risultate dall'operazione. L'assegnato era nato.
Ma questo primo sistema non ebbe successo, giacché sebbene
i creditori dello Stato fossero costretti, volenti o nolenti, ad
accettarli, il pubblico non ne volle sapere. L'assegnato per­
tanto si trasformò rapidamente in cartamoneta. Il 17 aprile
l'interesse venne ridotto al 3 % , e l'assegnato ebbe corso for­
zoso; il 29 settembre l'interesse fu abolito e l'emissione venne
portata ad oltre un miliardo. Il valore minimo dei tagli scese
a 200 lire ( 16 agosto), poi a 50 (8 ottobre), e infine a 5
(6 maggio 1791). Le conseguenze della soluzione adottata non
vanno considerate soltanto dal punto di vista della tecnica
:finanziaria. Autorizzando il cambio degli assegnati in nume­
rario, la Costituente implicitamente legalizzò un doppio corso
delle merci, che a sua volta accelerò la svalutazione della
moneta. Al ribasso del cambio estero, anteriore alle misure
finanziarie ( e che già nell'ottobre del 1789 si aggirava sul
1 O%) viene ad aggiungersi il ribasso ufficiale del cambio in­
terno, che nell'aprile del 1791 sarà dell'ordine del 15 % . E
sebbene l'inflazione stimoli momentaneamente l'industria e il
commercio, provoca però il depauperamento dei detentori di
redditi fissi, i rentiers e i salariati.
Tuttavia fino all'autunno del 1791 non si avranno cr1s1
gravi. La placida e quasi insensibile svalutazione della lira
tornese sarà trasformata in una vera e propria ondata inflazio­
nistica dagli incidenti politici e successivamente dalla guerra.
L'obiettivo non era soltanto fiscale, ma soprattutto poli­
tico, e mirava a creare un folto gruppo di nuovi proprietari
154
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
strettamente legati alla rivoluzione. Venduti all'asta dalle
municipalità, in lotti di valore non inferiore alle 500 lire tor­
nesi e con ampie facilitazioni di pagamento, i beni nazionali
rinsalderanno le alleanze del Terzo Stato. Il destino dei con­
tadini, e ancor più quello dei borghesi, che ne diventeranno
gli acquirenti sarà legato alle sorti dell'ordine nuovo. Non
c'è da meravigliarsi che un uomo politico come Jean Jaurès
sia stato tanto sensibile a quest'aspetto della politica finan­
ziaria dell'Assemblea: « L'assegnato-moneta salvò la Rivolu­
zione ». Ma che cosa ne pensava la vittima?
La maggior parte del clero e dei fedeli avevano sposato
la causa patriottica. L'abolizione della decima decretata in
agosto e la nazionalizzazione dei beni ecclesiastici votata il
2 novembre non avevano gravemente compromesso i rapporti
fra Chiesa e Stato, e nonostante le proteste di Sieyès e del­
l'abate Grégoire, la loro fedeltà alla Rivoluzione era pur
sempre prioritaria. Il 13 aprile 1790, d'altronde, lo Stato
concede al clero cattolico uno stipendio che per la maggior
parte dei curati rappresenta finalmente il benessere. Ma la
Chiesa non consiste soltanto nel clero: organizzazione tempo­
rale, essa si considera un corpo mistico in cui testa e membra
sono indivisibili. Fra Chiesa e Stato, pertanto, si scaverà a
poco a poco un abisso su due punti particolari: la tolleranza
e l'intervento del potere temporale in campo spirituale.
La Dichiarazione dei diritti dell'uomo si era guardata bene
dal parlare di libertà di culto, e neppure vi si trovava la frase
« libertà di coscienza »; ma affermando che nessuno poteva
essere perseguitato per le sue opinioni religiose, dava luogo
a uno stato di fatto: la tolleranza. Nessuno vi si oppose. Tut­
tavia, accordando i diritti civili ai protestanti (dicembre 1789)
e successivamente agli ebrei « portoghesi » del Sud-Ovest
(gennaio 1790), la Costituente allarmò la Chiesa: non esi­
steva forse il rischio che la tolleranza provocasse la laicizza­
zione del regno?
Assai più grave fu la pretesa dei legislatori educati nel
rispetto delle tradizioni cesaropapiste - spesso confuse col
gallicanesimo ecclesiastico - di avere poteri decisionali so-
V. Lo slittamento della Rivoluzione
155
vrani in materie attinenti al campo spirituale e a quello tem­
porale al tempo stesso. Pretesa a volte orgogliosamente affer­
mata : « Abbiamo certamente il potere di cambiare la reli­
gione, ma non lo faremo », esclama Camus, che tuttavia è un
difensore della Chiesa. Pretesa che soprattutto si afferma nei
fatti. Il 28 ottobre i nuovi voti monastici erano stati aggior­
nati; il 13 febbraio 1790 furono vietati, e le congregazioni
fondate sui voti perpetui furono sciolte, ad eccezione di quelle
che si dedicavano all'assistenza e all'insegnamento. Il vescovo
di Clermont osserva allarmato :
Non ritengo legittimo l'esercizio di un'autorità che infrange
soltanto delle barriere che non ha posto, e che accorda la libertà,
senza il concorso della Chiesa, a uomini che si sono impegnati
liberamente.
Barnave disprezza simili scrupoli: « Per deciderne la sop­
pressione, è sufficiente che l'esistenza dei monaci sia incom­
patibile con le necessità della società ». Due concezioni oppo­
ste, l'una fondata sull'utilità sociale, l'altra sul primato di
vincoli mistici eterni.
Il 12 luglio l'Assemblea si spinge ancora più lontano.
Con la Costituzione civile del clero essa vuol dare al servizio
del culto un posto che sia in armonia con l'insieme delle
funzioni pubbliche. Le diocesi vengono ridotte da 130 a 83,
affinché coincidano con i dipartimenti; curati e vescovi sa­
ranno scelti dagli « elettori » fra quegli ecclesiastici che eser­
citino il proprio ministero da almeno cinque anni, i primi,
e gli altri da almeno quindici; stipendiati dallo Stato, do­
vranno tutti giurare fedeltà alla Costituzione. L'investitura
spirituale non dipenderà più dal papa: essa sarà data al
curato dal suo vescovo, al vescovo da un metropolita o da
un altro vescovo. Il cattolicesimo resta religione di Stato.
In se stessa questa riforma era perfettamente accettabile
per la Chiesa : non aveva forse subito negli Stati di Giu­
seppe II dei rimaneggiamenti altrettanto brutali? Del resto,
a parte la maggioranza dei vescovi che vi si opponeva per
156
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
un'ostilità globale alla rivoluzione sociale, la massa del clero
era dispostissima ad accettarla : e Luigi XVI, su consiglio di
Champion de Cicé e di Boisgelin, controfirmò il decreto. La
Chiesa esigeva però una condizione inderogabile: la riforma
non poteva procedere da una decisione unilaterale dello Stato,
ma doveva essere approvata da un'autorità spirituale. Un con­
cilio nazionale? La Costituente vi si rifiutò; e del resto, se
lo avesse accettato, non è certo che ne sarebbe uscita vincente.
Sebbene gallicana, la Chiesa di Francia era troppo legata alla
supremazia spirituale del papato romano per accettare di san­
zionare una riforma priva della sua anche tacita approvazione.
Nei confronti degli innovatori francesi, Pio VI nutriva sol­
tanto una profonda antipatia. Aristocratico quale egli era,
ispirato dall'ambasciatore francese - il cardinale de Bernis,
che a Roma sabotava la causa del suo paese - irritato dalla
questione di Avignone, Pio VI, in un concistoro segreto,
aveva già condannato i principi della Dichiarazione dei diritti
dell'uomo. Egli si pronunciò pubblicamente sulla Costituzione
civile del clero solo il 1 O marzo 1791, e lo fece scagliando
anatemi contro una legge che « sovverte i dogmi più sacri e
la più solenne disciplina ».
La Costituente non perse tempo. Responsabili dell'ordine
pubblico, i deputati erano ben decisi a impedire che si creasse
un clima di disagio e d'incertezza che non poteva che tornar
utile ai nemici della Rivoluzione; e consci di costruire un
mondo nuovo, si rifiutavano di lasciarsi ostacolare dall'antico.
Il decreto del 27 novembre 1790 dette ai preti che esercita­
vano funzioni pubbliche due mesi di tempo per prestare il
giuramento alla Costituzione, e pertanto all'inclusa Costitu­
zione civile del clero. Si ebbe cosi lo scisma. Un terzo dei
membri ecclesiastici dell'Assemblea accettò di prestare il giu­
ramento nel gennaio del 1791 . Ma nel resto del paese giura­
rono solo sette vescovi, tre dei quali in partibus. Alcuni rifiu­
tarono più per motivi sociali che religiosi, come l'arcivescovo
di Narbona, Dillon, che se ne usci con questa spiritosa bat­
tuta : « Dio mio, se fossi stato soltanto un vescovo, avrei
probabilmente ceduto come gli altri, ma sono un genti-
V. Lo slittamento della Rivoluzione
157
luomo ». La maggior parte, anche fra coloro che simpatizza­
vano con la Rivoluzione, esitava a violare i propri impegni.
Quanto al basso clero, si calcola che inizialmente almeno la
metà dei curati si dichiararono « costituzionali » ; ma più tardi,
dopo la pubblicazione dei brevi pontifici, vi furono numerose
ritrattazioni. Altre fratture si riveleranno nel prosieguo degli
avvenimenti : molti preti giurati si rifiuteranno infatti di acco­
gliere nelle proprie chiese gli « intrusi », ossia i nuovi preti
ordinati da vescovi privi dell'investitura canonica. Nonostante
i tentativi di pacificazione della Costituente, che nel maggio
del 1791 sancirà la libertà del culto refrattario, lo scisma
provocherà nella mentalità collettiva una pericolosa spacca­
tura; per l'opinione rivoluzionaria, il prete refrattario e chi
si affida a lui diventeranno sospetti di tendenze aristocratiche
e controrivoluzionarie. Nella strategia controrivoluzionaria
entrano cosl in linea delle formidabili masse di manovra.
LA CONTRORIVOLUZIONE
Quando si pensa alla controrivoluzione, si tende a consi­
derarla come un blocco; in realtà, come la Rivoluzione, essa
si compone di molti elementi diversi. Alla tradizione aristo­
cratico-liberale che risale a Fénelon e a Boulainvilliers, si
mescolano quelle del dispotismo illuminato e del dispotismo
integrale. Vi furono all'inizio due correnti distinte di emigra­
zione. Da Torino, dove si era rifugiato il 15 settembre 1789,
il conte d'Artois, ispirato da Calonne, dirigeva l'emigrazione
politica e sovversiva; a lui si era unita l'antica nobiltà pre­
sentata a Corte, scialacquatrice, arrogante e irriducibilmente
ostile alla Francia rivoluzionaria. Altri emigrati, nei Paesi
Bassi, in Renania e in Svizzera, non manifestarono mai alcuna
intenzione aggressiva verso il proprio paese d'origine. Un
raggruppamento più preciso cominciò a delinearsi soltanto nel
1791. Intorno al principe di Condé, rifugiatosi a Worms, si
formò una coorte coraggiosa e degna di piccoli nobili di pro­
vincia fuggiti abbandonando i propri beni, per pura fedeltà
158
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
al re. A Coblenza, dove il conte d'Artois si stabill successi­
vamente, si videro rifiorire, com'era già accaduto a Torino,
le abitudini spensierate e dispendiose della nobiltà di Corte.
La tradizionale contrapposizione fra nobiltà presentata e no­
biltà di provincia trovò a Coblenza e a Worms i nuovi poli
dell'antica rivalità.
Più gravi furono i tentativi controrivoluzionari in Francia.
Durante tutto il 1790, il comitato di Torino persegul due
obiettivi : l'evasione del re e l'insurrezione armata di certe
province. Il primo progetto si concluse con una serie di insuc­
cessi; la prima volta, nell'ottobre del 1789, un fermier général,
Augeard, ideò un piano di fuga del re che venne però sco­
perto e denunciato. Successivamente il progetto fu rilanciato
dal marchese de Favras, probabilmente spinto dal conte di
Provenza : arrestato alla fine di dicembre, egli fu impiccato
in febbraio. L'insurrezione delle province, ad eccezione di
alcune leghe nobiliari che non tardarono a formarsi nel
Poitou, in Alvernia, in Alsazia e nella Franca-Contea, rappre­
sentò una minaccia abbastanza seria soltanto in due luoghi:
nel Sud-Est (nella regione di Nimes, nel Gard e nell'Ardèche),
dove il nuovo conflitto venne a innestarsi sulla tradizionale
guerra di religione fra cattolici e protestanti, e a Lione, il
cui sindaco, Imbert-Colomès, era in rapporti col « Salon
Français ». Il campo di Jalès, nel Vivarais, e il grande pro­
getto insurrezionale di Lione del dicembre del 1790 non
ebbero tuttavia alcun successo, prova evidente che la contro­
rivoluzione, ridotta alle sue sole forze, era debolissima.
Guardiamoci tuttavia dal confondere causalità reale e mo­
tivazione psicologica. Il fenomeno di psicosi collettiva che
aveva sconvolto il paese al tempo della Grande Paura non
era cessato di colpo nell'ottobre del 1789 : l'idea di una con­
giura aristocratica, legata a un intervento militare straniero,
continuava a provocare nella Francia del 1790 - e partico­
larmente nelle province orientali - un panico generatore di
reazioni difensive spesso violente. Esistono miti che creano
la Storia vera: uno di essi fu la congiura aristocratica.
V. Lo slittamento della Rivoluzione
1 59
LA RECRUDE S CENZA RIVOLUZIONARIA
Le parole di cui ci serviamo non hanno avuto sempre lo
stesso significato. ' Repubblicano ' è un termine che s'incontra
in moltissimi testi dell'inizio della Costituente, ma quasi
sempre esso designa la fedeltà al contenuto politico della
Rivoluzione - sovranità popolare invece di sovranità monar­
chica - più che la preferenza per una determinata forma di
governo. Prima della fuga del re pochi furono coloro che,
come il giornalista Robert, si proclamarono fautori della re­
pubblica. ' Democratici ' : cosl i nemici del nuovo corso bat­
tezzavano nel 1789 tutti coloro che contrapponevano la Costi­
tuzione all'arbitrio. Tuttavia il termine a poco a poco si pre­
cisa e il suo significato sociale si accentua; l'ostilità al marco
d'argento mostra che si tratta soprattutto dei gruppi intellet­
tuali della media borghesia, che nonostante le proprie capa­
cità sono ineleggibili per mancanza di beni di fortuna. Il mal­
contento fu profondo soprattutto a Parigi, quando nel maggio
del 1791 furono soppressi i distretti. L'abitudine all'auto­
gestione non poteva trovare alcun incentivo nelle nuove
sezioni subordinate a una municipalità di notabili. Ma ad esse
non tarderanno a sostituirsi i club popolari e le società fra­
terne. La più importante fu la Società dei diritti dell'uomo
e del cittadino, fondata verso il mese d'aprile nel convento
dei Cordiglieri. Fra i suoi iscritti v'erano �Marat, Danton,
Legendre e Santerre, e la sua composizione essenzialmente
piccolo-borghese ne fece un organismo meno deliberativo e
più attivo del club dei Giacobini. Parallelamente, si forma­
rono numerose società popolari, che nel maggio del 1791 si
federarono in un Comitato centrale. Veri e propri centri di
educazione politica, esse tennero vivo nelle masse un clima
di sospettosa vigilanza cui nessuno sfuggiva. Non bisogna
però considerarle alla stregua di organizzazioni operaie, o di
quei poli di rivendicazioni sociali sanculotte che diventeranno
successivamente. Al momento, il rifornimento di Parigi è bene
o male assicurato, e sebbene la legge Le Chapelier dichiari
160
Parte I. Dagli Stetti generali al 9 termidoro
sciolte le coalizioni operaie e i laboratori creati per dar lavoro
ai disoccupati vengano chiusi, la crisi, più che sociale, è poli­
tica: in giugno, all'epoca della riunione delle assemblee pri­
marie convocate per l'elezione dell'Assemblea legislativa, la
rivendicazione popolare sarà sempre imperniata sul marco
d'argento, e non sulla distinzione fra cittadini attivi e passivi.
AMICI DEI NEGRI E AMICI DEI COLONIZZATORI
Nelle colonie, e soprattutto a Santo Domingo, la Rivolu­
zione ebbe delle ripercussioni facilmente prevedibili. In realtà
i grandi colonizzatori si trovavano stretti nella morsa di una
contraddizione fondamentale: essi speravano che gli avveni­
menti di Francia gli fornissero l'occasione di liberarsi dalla
tutela commerciale e politica della metropoli, e in ciò era
implicita una soluzione del tipo dell'indipendenza americana;
ma l'appoggio della metropoli gli era necessaria per contenere
le rivendicazioni degli uomini di colore liberi - i sangue­
misti - e soprattutto degli schiavi. Gli interessi dei colo­
nizzatori erano rappresentati dal club Massiac, fondato a
Parigi nell'agosto del 1 789, e dove s'incontravano anglomani
come Malouet, patrioti come i fratelli Lameth e banchieri
come Laborde, .tutti proprietari di piantagioni e di schiavi.
I mulatti invece trovarono un attivo appoggio nella Società
degli Amici dei Negri (fondata nel 1783 ), dove i loro diritti
furono difesi da Brissot, da Robespierre e dall'abate Gré­
goire. L'antischiavismo - obiettivo iniziale della Società non era però la sua attività fondamentale: il problema della
schiavitù fu sistematicamente ignorato dalla Costituente, e
solo un oscuro deputato del Vermandois, Vieuville des Essarts,
depositò nel maggio del 1791 un progetto di progressiva abo­
lizione che non fu nemmeno discusso. Robespierre si limitò
a chiedere che la parola ' schiavo ' non fosse mai pronunciata,
ciò che tutto sommato equivaleva a mantenere l'istituzione.
La grande battaglia fra amici dei colonizzatori e amici dei
negri si scatenò a proposito dei diritti politici dei mulatti
;
1
!
P . G . aB nth u t , s 2u
J . F. S w ebach-De
f
s
ni
uzi
I
di segno
di
:�111.�1w
ort, de,
rS t o7m i a R'della
i \ oioml
o rnaine
s rPaone.
igi,
p
l r I ne,
gi
D
u
e
t
aux,
ol
stitu lO di
p1
Bs1i - lc
ccisesione.
9 3Pari ig ,
B
1i icbpl.<1t di
at
ali Cl,111it1nc
is
ilhol
l.l'Is
t l .it'louto
Bibl
dc
Sori
t a del la
Ri\' lJ! uzion e.
A . Dupré, Medaglia in onore delle vittorie francesi, disegno, Parigi, Museo Carnavalet.
J.1\I. 1\lorea.u. Robespierre, disegno, Versailles, 1\1\useo Lnmbinc1.
J.L. Da"id. Samt-Just. collezione Duruy.
P.-A. \X'ille, Danton condotto al suppl,:.10, disegno, Pari�i. Museo Carnavalet. r. 13onnc,·ille.
Camille Desmoulms, incisione. Pari1,:i, Bibl. Nal.
161
V. Lo slittamento della Rivoluzione
liberi. Nell'ottobre del 1790, in seguito alla repressione dei
moti insurrezionali dei coloni di Santo Domingo, Barnave
indusse l'Assemblea a un compromesso : in cambio del ripri­
stino dell'autorità metropolitana sulle isole, essa s'impegnò
a non assumere alcuna iniziativa nei confronti dei mulatti e
dei negri se non su precisa e formale richiesta delle assemblee
coloniali.
A Santo Domingo tuttavia i mulatti si agitano, e uno di
essi, Vincent Ogé, organizza una campagna di petizioni; nel
febbraio del 179 1 sarà condannato alla ruota e giustiziato sulla
pubblica piazza. Nel maggio successivo, inizia all'Assemblea
un acceso dibattito e, nonostante Barnave, la maggioranza
appoggerà i fautori dell'eguaglianza politica. Lanjuinais di­
mostrò che l'ibridazione aveva fatto dei mulatti « i figli della
stessa madre, i fratelli, i nipoti e i cugini » dei colonizzatori,
e rivolgendosi alla destra, ironizzò sulla sua pretesa purezza
razziale:
Volete negar loro i vostri stessi diritti perché non hanno la
pelle bianca come voi? A molti di coloro che avanzano simili
ridicoli pretesti potrei dire: guardatevi nello specchio, e poi pro­
nunciatevi.
In un suo lucido intervento, Robespierre dimostrò che il
razzismo nei confronti dei mulatti avrebbe avuto il risultato
di spingerli fra le braccia degli schiavi. Il 15 maggio, l'As­
semblea accordò i diritti politici agli uomini di colore nati
da madre e padre liberi. La spaccatura della sinistra era ormai
completa.
VERSO UN PARTITO « TORY
»
Durante la primavera del 1791, gli scontri fra i due settori
del partito patriota diventano sempre più frequenti. Sempre
egualmente veemente, Marat non è più solo nella sua denuncia
della ricchezza unita alla mancanza di civismo. L'agitazione
162
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
popolare e le misure sempre più restrittive della maggioranza
nei confronti dei mezzi d'espressione pubblica allarmano gli
uomini politici di tendenza democratica. Thomas Lindet scrive
alla municipalità di Bernay che l'abolizione dei laboratori as­
sistenziali è stata un errore; Robespierre protesta contro i
decreti del 18 e del 22 maggio, che vietano ai club e alle
sezioni di pubblicare ordinanze e presentare petizioni. Ma­
dame Roland attacca la « classe dei ricchi ». E la lotta di
Marat contro la legge Le Chapellier non riguarda tanto il suo
contenuto sociale - motivo per Karl Marx di tanta meravi­
glia - quanto il suo intento di impedire ai cittadini « di
occuparsi insieme della cosa pubblica ». Per tutti questi de­
mocratici, la salvezza della Rivoluzione poggia sulla salvaguar­
dia prioritaria dell'alleanza fra borghesia e popolo.
La maggioranza parlamentare reagisce in senso opposto.
Ciò che essa teme, di quest'alleanza, è il suo prezzo; e per­
tanto si accoda ai triumviri, riavvicinatisi alla Corte dopo
la morte di Mirabeau (avvenuta il 2 aprile), in conflitto con
i democratici sul problema dei mulatti e il cui programma è
una revisione della Costituzione che attribuisca maggiori po­
teri al re e inasprisca il censo elettorale. Il 1 7 maggio Adrien
Du Port espone le linee direttive del gruppo :
La Rivoluzione è finita. Dobbiamo consolidarla e proteggerla
lottando contro gli eccessi. Dobbiamo porre dei limiti all'egua­
glianza e alla · libertà, e stabilizzare l'opinione pubblica. Il Governo
deve essere forte, solido e stabile.
È il programma di un grande partito tory. Ma imboccando
la strada che porta al palazzo delle Tuileries, i triumviri coz­
zeranno contro lo stesso ostacolo su cui già hanno inciampato
gli anglomani : il re.
V. Lo slittamento della Rivoluzione
163
LA FUGA DEL RE
Le intenzioni di Luigi XVI non sono state ben capite dai
contemporanei. Certuni hanno creduto di poterle dissociare
da quelle di Maria Antonietta, ma la tradizionale immagine
dell'« austriaca ►> che spinge il proprio imbelle marito sulla
tortuosa via del ritorno all'assolutismo non regge all'analisi
dei documenti. Il programma di Luigi XVI e di Maria Anto­
nietta è quello del 23 giugno 1789, che accetta le limitazioni
all'assolutismo e il principio costituzionale, ma, tranne che
in campo :fiscale, rifiuta la soppressione del privilegio. La
libertà sl,- l'eguaglianza no. Sin dall'ottobre del 1789, Luigi
XVI, in una lettera segreta al re di Spagna, aveva sconfessato
gli atti che la Rivoluzione lo obbligava a ratificare. Egli scri­
veva a Carlo IV:
Ho scelto Vostra Maestà, come capo del ramo cadetto, per
affidare alle vostre mani una solenne protesta contro tutti gli atti
contrari all'autorità regia estortimi con la forza dal 15 luglio di
quest'anno. Prego Vostra Maestà di conservare il segreto su questa
protesta fino all'occasione in cui la sua pubblicazione potrà ren­
dersi necessaria.
Quale occasione? La fuga. Il re e la regina non si fidano
delle iniziative del conte d'Artois, e con spaventosa miopia
politica continueranno a lungo a sperare che la Rivoluzione
divori i propri figli. « Bisogna, scrive Maria Antonietta nel
dicembre del 1790, approfittare del momento in cui la gente
sarà abbastanza tornata in sé da poter godere della giusta e
sana libertà che il re ha sempre desiderato, contraria alla
licenza e all'anarchia » . L'Europa si limiterà a un appoggio
puramente diplomatico.
Perché allora, nell'ottobre del 1790, accettano l'idea della
fuga, senza adottare un piano preciso? Per un'errata diagnosi
della durata della Rivoluzione. Tra febbraio e maggio alcuni
fatti nuovi affrettano la realizzazione del progetto. Mesdames
164
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
di Francia, zie del re, emigrano in febbraio, rinfocolando cosl
i sospetti del popolo. Il 18 aprile, allorché Luigi XVI si
accinge a lasciare le Tuileries per recarsi come tutti gli anni
a Saint-Cloud, la folla lo costringe a tornare indietro. Con­
vinto che la situazione non possa ormai offrirgli alcun'altra
possibilità - la fuga - e nell'intento di forzare la mano
alle potenze straniere la cui inerzia l'offende, il 27 maggio
Luigi XVI si decide: partirà il 19 giugno. All'ultimo mo­
mento la data sarà differita di ventiquattr'ore.
Tre furono gli uomini responsabili dell'operazione. Il ba­
rone de Breteuil, emigrato dopo il 14 luglio, si incaricò di
ottenere l'accordo delle potenze straniere. Il marchese de
Bouillé, che aveva fatto la sua carriera militare durante la
Guerra dei sette anni e la guerra d'indipendenza americana,
aveva dimostrato la propria energia soffocando gli ammuti­
namenti dell'esercito nell'agosto del 1790, ed era attualmente
comandante delle truppe di Lorena e dei Trois-Evechés. Egli
si occupò dei preparativi militari; in dicembre, tramite suo
figlio, presentò al re il piano del viaggio, consigliando come
rifugio la piazza di Montmédy. Il compito più difficile toccò
ad Axel von Fersen, che s'incaricò dell'equipaggio acquistando
da una baronessa russa, Madame de Korff, una berlina da
viaggio ch'ella aveva ordinato, e fece praticare alcune porte
segrete negli appartamenti reali. La comitiva doveva uscire
dal palazzo da un appartamento a pianterreno, occupato prima
di emigrare dal duca di Villequier e _che si affacciava sui due
cortili delle Tuileries. La porta di quest'appartamento non
era sorvegliata dalle guardie nazionali, cosa di cui fu certa­
mente responsabile La Fayette, non si sa se per facilitare i
frequenti incontri notturni della regina con Fersen o per
semplice leggerezza. Probabilmente La Fayette, considerato da
Gouverneur Morris un uomo « estremamente astuto », volle
favorire la partenza della regina. Comunque tutti questi pre­
parativi esigevano mille precauzioni che in realtà fecero difetto.
Già molto prima del 2 1 giugno vi furono diverse denunce:
alla fine di maggio una cameriera della regina, Madame de
Rochereuil, amante di Gouvion, comandante in seconda della
V. Lo slittamento della Rivoluzione
165
guardia nazionale, e gelosa di Madame Campan, denunciò il
progetto di fuga; dal canto suo la stampa democratica pub­
blicò ripetutamente le notizie avute dai suoi informatori
volontari.
Il complotto dunque fu organizzato piuttosto male, e falll
soprattutto per la cattiva scelta degli uomini, per la lentezza
del viaggio e per la vigilanza dell'opinione rivoluzionaria.
Bouillé aveva mandato avanti il duca de Choiseul, giovane e
coraggioso colonnello senza però alcuna esperienza, per garan­
tire la sicurezza dei viaggiatori. Partito verso le 3 del pome­
riggio del 20 giugno insieme al parrucchiere della regina,
Léonard, Choiseul avrebbe dovuto raggiungere il primo distac­
camento di ussari mandato da Bouillé a Pont-de-Somme-Vesle.
Ma alle 5 del pomeriggio del 21, non vedendo arrivare il re
e allarmato dal fermento suscitato fra i contadini dalla pre­
senza delle truppe, Choiseul spedl Léonard ad avvertire i
distaccamenti scaglionati di tappa in tappa che potevano dis­
sellare i cavalli e mettere i soldati in libertà. A sua volta,
invece di tornare indietro per la strada maestra, prese una
scorciatoia, seminando dovunque la più profonda emozione.
Perché il re non arrivava? Bouillé aveva chiesto due car­
rozze leggere, mentre la berlina di Madame de Korfl era tirata
da sei cavalli e giungeva in ritardo alle poste: il cambio dei
cavalli dovette ripetersi diciannove volte, con un centinaio
di cavalli in tutto. Per guidare il viaggio, Bouillé aveva
inoltre consigliato di scegliere un uomo energico, il marchese
d'Agoult; ma Maria Antonietta gli preferl la governante dei
suoi regali figliuoli, e quando al suo posto si offri Fersen,
Luigi XVI rifiutò. Bouillé aveva calcolato il tempo in modo
che il re potesse arrivare a Pont-de-Somme verso le 3 del
pomeriggio. Ma la famiglia reale non rispettò l'orario sin dalla
partenza, avvenuta alle due e mezza invece che a mezzanotte,
e il ritardò aumentò strada facendo: una volta uscito da
Parigi, il re si lasciò prendere dall'euforia della ritrovata
libertà, e fermò spesso la carrozza per sgranchirsi le gambe.
Pareva che in lui fosse tornato a scorrere il sangue del Bear­
nese: « Quando avrò il culo in sella, mi sentirò un altr'uomo ».
166
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Ma quando arriva a Pont-de-Somme-Vesle sono le 6 e mezza,
e gli ussari sono spariti.
L'elemento decisivo, a questo punto, è l'atteggiamento
della popolazione. A Sainte-Ménehould, dove i dragoni non
erano ancora pronti, al mastro di posta Drouet parve di rico­
noscere il re; nel dubbio, tuttavia, lasciò che l'equipaggio
ripartisse. Ma il generale sospetto suscitato dalla presenza
delle truppe spinse la municipalità di Sainte-Ménehould a
prendere due decisioni: lanciare Drouet e un suo compagno
all'inseguimento dei viaggiatori, e disarmare i soldati. Questa
illecita iniziativa di un piccolo comune rivela chiaramente la
sfiducia della Francia rivoluzionaria. La partita è ormai con­
clusa. A Sainte-Ménehould e a Clermont le guardie nazionali
spalleggiate dalla folla disarmano le truppe. A Varennes, dove
la berlina giunse alle 1 1 di sera, si perdette mezz'ora a cer­
care i cavalli : Drouet riusci così a oltrepassare l'equipaggio
reale, ad avvertire la municipalità e a far sbarrare il ponte.
Luigi XVI era prigioniero.
LA PAURA E LA COLLERA
Il giorno prima, Madame Roland aveva riaperto una let­
tera pronta da spedire, aggiungendovi queste righe:
Il re e la regina sono fuggiti. Vi scrivo in fretta, al rombo del
cannone e fra il più grande fermento. È molto improbabile che
La Fayette non sia fra i complici. Tutti sono agitatissimi.
Parigi si sveglia senza re. Il fermento è vivisimo, ma non
si arriva alla sommossa. L'autorità rivoluzionaria riesce ad
arginare la collera del popolo, che si scaglia contro tutte le
persone sospette, distrugge i busti del re e i simbolici gigli
e divora i libelli contro « il gran porco » e « Toinon l'au­
striaca ». Indubbiamente il vuoto creatosi favorisce i fautori
di una soluzione di compromesso : dittatura alla romana, come
suggerisce da tempo Marat, reggenza del duca d'Orléans,
V. Lo slittamento della Rivoluzione
167
che molto opportunamente il 23 giugno si è iscritto al club
dei Giacobini, e soprattutto repubblica. I suoi partigiani
diventano sempre più numerosi; a pubblicisti come Brissot
e Gorsas si uniscono uomini politici come Condorcet, e intere
amministrazioni, quali il dipartimento di Le-Puy-de-Dome e
quello dell'Hérault. Ma per i rivoluzionari lungimiranti la
forma di governo è una questione secondaria. I sentimenti
dominanti sono la collera e la paura : collera contro Luigi XVI,
ch'essi vogliono mettere sotto processo; paura che al segnale
d'allarme di Varennes segua un gigantesco complotto fomen­
tato dagli emigrati e dalle potenze straniere. In quelle ore
di panico, Robespierre conservò il proprio sangue freddo,
raccomandando di non sollevare il problema del regime, di
preparare il popolo a contrastare un'eventuale offensiva con­
trorivoluzionaria e di punire Luigi XVI.
Ma le autorità non la pensavano allo stesso modo. Dopo
essersi consultato con Bailly e Alexandre de Beauharnais,
allora presidente dell'Assemblea, La Fayette diede ordine di
ricondurre il re, « rapito dai nemici della Rivoluzione ». Di
chi fu l'idea di trasformare la fuga in un rapimento?
L'ipotesi più verosimile è stata formulata da Marce! Reinhard:
sarebbe stato Dandré, deputato esperto in manovre di corri­
doio, a suggerirla all'Eroe dei Due Mondi. Riunita alle 9 del
mattino, l'Assemblea fu costretta a prendere provvedimenti
immediati senza conoscere ancora il manifesto controrivolu­
zionario lasciato da Luigi XVI prima di partire; decise di
impadronirsi del potere esecutivo, trasformando in dittatura
di diritto l'egemonia che già esercitava di fatto, e appoggiò
Barnave nella sua richiesta di evitare soprattutto l'intervento
popolare.
Il 25, comunque, il popolo accorse in folla per assistere
al ritorno del re. Pétion, uno dei tre commissari mandatigli
incontro dall'Assemblea, così ci descrive la scena.
Il concorso di popolo era immenso. Sembrava che tutta Parigi
e dintorni fossero presenti. I tetti delle case erano gremiti di
uomini, donne e bambini, le barriere ne erapo irte, gli alberi
168
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
pieni. Tutti avevano il cappello in testa, regnava un silenzio
solenne.
IL CAMPO DI MARTE
Lo stesso giorno l'Assemblea decise di sospendere il re
e di creare una commissione d'inchiesta sulle circostanze del
« rapimento ». Il 15 luglio la commissione presentò il suo
rapporto: il re era innocente, i soli colpevoli erano Bouillé
(prudentemente emigrato) e le guardie del corpo. È Barnave
che, ancora una volta, coglie il significato profondo di questa
decisione:
Stiamo per concludere la Rivoluzione o stiamo per ricomin­
ciarla? Avete dichiarato tutti gli uomini eguali di fronte alla legge;
avete consacrato la libertà civile e politica, avete attribuito allo
Stato tutto quanto è stato sottratto alla sovranità popolare. Un
passo di più sarebbe un atto funesto e colpevole, un passo di più
sulla via dell'eguaglianza significherebbe la distruzione della libertà.
Manifesto che riuscì chiarissimo ai proprietari cui era
diretto.
La maggioranza parlamentare, tuttavia, si trovava al centro
di un conflitto triangolare. La destra, trovando nell'arresto
di Luigi XVI l'occasione di un'aperta rottura e di una totale
dissociazione dall'ordine nuovo, si ritirò sull'Aventino: 293
deputati si rifiutarono di riconoscere la validità della sospen­
sione di un re inviolabile, invocando apertamente l'intervento
straniero. « La Francia potrà essere rigenerata soltanto da un
bagno di sangue », scriveva il « Petit Gautier », e Gouverneur
Morris, nel suo giornale, osservava che « un valido e serio
impegno sarebbe, credo, più utile che dannoso ». Ignorare
queste minacce e passare sotto silenzio le lettere degli uffi­
ciali emigrati sequestrate dalle autorità, significherebbe pri­
vare le soluzioni adottate di una dimensione indispensabile
per capirle a fondo.
V. Lo slittamento della Rivoluzione
169
Ai democratici non occorrevano provocazioni. Il club dei
Cordiglieri e le società fraterne moltiplicavano petizioni e
manifestazioni, chiedendo che l'Assemblea consultasse il po­
polo, ed esigendo il castigo di Luigi XVI. Ma i Giacobini,
e soprattutto Robespierre, nutrivano il più profondo rispetto
per la legalità: giacché l'Assemblea si era pronunciata, si
rifiutarono di andare al Campo di Marte. Il 17 luglio quattro
o cinquemila persone circa, artigiani, compagnons e operai,
si scontrarono con la guardia nazionale, che aveva inalberato
la bandiera rossa della legge marziale. Come molte altre
« giornate parigine », anche questa finì nel sangue solo per
un colpo d'arma da fuoco partito da chissà dove. Non si
trattò di un eccidio, poiché vi furono soltanto una quindicina
di vittime; ma per la prima volta la milizia rivoluzionaria
aveva sparato sul popolo. Nel corso della Storia, la repres­
sione avrebbe assunto lo stesso colore della sovversione: la
bandiera rossa.
GIACOBINI E FOGLIANTI
La maggioranza, espressione stessa della Rivoluzione, non
intendeva dissociarsene. I suoi obiettivi erano piuttosto man­
tenere le distanze rispetto agli organismi extraparlamentari,
lottare contro gli uomini e i giornali che rischiavano di sca­
tenare la guerra civile, consolidare il regime.
Il primo obiettivo era stato raggiunto il 16 luglio. Abban­
donato il club dei Giacobini, i moderati si erano insediati nel
convento dei Foglianti, sempre in rue Saint-Honoré, seguiti
da quasi tutti i deputati e da circa 1.900 società parigine
su 2 .400. In provincia la tendenza dominante era il rifiuto
della scissione e l'appello all'unione: sebbene i Foglianti si
trascinassero dietro quarantacinque filiali, e i Giacobini ne
conservassero sin dall'inizio ventisei, più di centocinquanta
si dichiararono favorevoli all'unione. Solo alla fine dell'anno
Robespierre riuscirà a realizzare l'allineamento degli unitari
alla casa madre.
170
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
La repressione è organizzata dal Comitato delle ricerche
dell'Assemblea. Giustizia di classe? Essa colpisce imparzial­
mente a destra e a sinistra. Se il club dei Cordiglieri è co­
stretto alla temporanea chiusura, se Desmoulins non può più
pubblicare il proprio giornale, anche Souleau e l'abate Royou
sono fra i perseguitati. Non si tratta di un duro castigo, bensì
di circoscrivere l'incendio. La maggioranza si oppone alla
creazione di un tribunale straordinario proposta da un depu­
tato lorenese, e l'amnistia del 15 settembre non tarderà a
svuotare le carceri.
La lotta su due fronti, tuttavia, presuppone una strategia.
Per Barnave si trattava, per così dire, di tagliare la frittata
da entrambe le parti, staccando dall'estrema destra intransi­
gente un centro-destra moderato che avrebbe appoggiato il
rafforzamento del potere regio, e isolando i pochi deputati
giacobini - Robespierre, Pétion, Buzot, Grégoire - dalla
massa dei deputati patrioti. Ma questa strategia falll : Malouet
non riuscì a conquistare i suoi amici politici, che la corte non
incoraggiava al compromesso; e su tutti i punti più impor­
tanti la sinistra fu seguita dal grosso dei deputati patrioti.
L'unica modifica ottenuta fu la soppressione del marco d'ar­
gento, in cambio dell'aumento del censo elettorale. Al re non
furono attribuiti nuovi poteri. Ciò nonostante, il 14 settembre
egli si recò all'Assemblea per prestare giuramento; il nuovo
incontro del re con il paese fu celebrato con grandi feste
all'Hotel de Ville, a Notre-Dame e all'Opéra. Al momento
di sciogliersi, la Costituente dichiarò: « Siamo alla fine della
Rivoluzione ».
L'A S S EMBLEA LEGIS LATIVA
L'Assemblea legislativa, riunitasi il 1° ottobre, era intera­
mente composta di uomini nuovi. Robespierre aveva ottenuto
dalla Costituente che i suoi membri non potessero essere
rieletti. Il corpo elettorale scelse i propri rappresentanti non
tanto in funzione delle tendenze della vita politica parigina,
V. Lo slittamento della Rivoluzione
171
quanto in considerazione dell'esperienza e delle responsabilità
assunte nei corpi costituiti - dipartimenti, distretti, muni­
cipalità. Arrivati a Parigi, i nuovi venuti si divisero: 136
deputati si iscrissero al club dei Giacobini, 260 ai Foglianti,
mentre il grosso dei rappresentanti - più di 300 - si rifiutò
di aderire a una qualsiasi fazione. La fedeltà prioritaria ai
principi e alle conquiste dell'89 li escludeva sia da un gruppo
compromesso in maniera allarmante con la corte, sia da un
centro di pressione di cui temevano i metodi.
Gli eroi, del resto, sono stanchi. Uscito dalla propria
carica 1'8 ottobre, La Fayette si ritira nelle sue terre, donde
farà ritorno solo in dicembre; il 14, Robespierre torna ad
Arras, nel suo ambiente nativo. Pétion, eletto sindaco, e
Roederer, nominato procuratore-sindaco, non rappresentano
una Parigi in fermento, bensl una Parigi rinsavita. Il movi­
mento rivoluzionario è momentaneamente interrotto da una
pausa. Approfittiamone. Quest'ultimo trimestre del 179 1 rap­
presenta il tramonto di un'epoca grande e bella. È facile
ironizzare, dopo tanto tempo, sulle carenze della politica fo­
gliante. I Foglianti sapevano perfettamente quali ostacoli vi
si frapponessero - il doppio gioco della corte, i sospetti del
parlamento, l'ostilità delle folle - e fecero di tutto per sal­
vaguardare l'ordine interno e, domani, la pace.
RIVOLUZIONE IN FRANCIA
O RIVOLUZIONE IN EUROPA?
Com'era stata accolta dall'Europa la Rivoluzione francese?
All'inizio, la rivoluzione liberale era stata salutata con viva
simpatia dall'aristocrazia europea ansiosa di contrastare l'as­
solutismo accentratore. Ma dopo i decreti del 4 agosto e l'ar­
rivo dei primi emigrati, la nobiltà prese coscienza del carat­
tere egualitario degli avvenimenti di Francia, e la solidarietà
di casta ebbe la meglio sui molto meno gravi conflitti con
l'assolutismo. Nel novembre del 1790 Burke pubblicò le sue
Refl,exions on the French Revolution, che non tardarono a
1 72
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
diventare il breviario della controrivoluzione; ma gli ambienti
intellettuali della borghesia e della nobiltà liberale continua­
rono a manifestare la propria simpatia. Kant, Fichte, Radiscev
e Price continuarono a tenere lo sguardo volto alla Francia.
Ma l'abolizione dei diritti feudali ebbe un'influenza notevole
soprattutto sul contado, e non soltanto nei paesi confinanti,
quali la Savoia, la Svizzera, il Beìg:0 o la Renania. In una
piccola città del reame di Napoli, la piazza del mercato fu
invasa dai contadini al grido di « Vulimo fa come li francise ».
Per la sua stessa natura, la Rivoluzione francese recava in
germe una rivoluzione europea.
L'allarme dei vari governi fu motivato da altre ragioni.
Nel 1789, la rivoluzione scoppiò contemporaneamente a Liegi
e nei Paesi Bassi austriaci. L'Austria riuscl a domarla, ma
la lezione aveva dato i suoi frutti: il timore del contagio
rivoluzionario non si spense mai completamente. Ma ciò che
più conta è che in Francia si venne affermando un nuovo
diritto pubblico internazionale a proposito dei principi tedeschi
e di Avignone. La soppressione dei diritti feudali aveva pro­
vocato le ire dei principi tedeschi possessionnés d'Alsazia, che
si appellavano al trattato di Westfalia. La Costituente, pur
offrendosi di indennizzarli, ribatté che l'Alsazia apparteneva
alla Francia non per diritto di conquista ma per la sua volon­
taria annessione alla Federazione. Avignone si era ribellata
al papa, e nel giugno del 1790 aveva chiesto di essere annessa
alla Francia. Esitante, la Costituente dapprima rifiutò, poi,
nel settembre del 179 1 , proclamò l'annessione. Da tali que­
stioni, non gravi in se stesse, emergeva una concezione nuova
e antidinastica dei rapporti internazionali : ai diritti dell'uomo
si affiancava il diritto dei popoli a disporre di sé.
Le condanne scagliate contro la Francia da un paladino
dell'assolutismo come Gustavo III di Svezia o dall'onnipo­
tente Caterina II di Russia sono facilmente comprensibili.
Tuttavia i sovrani europei conservarono generalmente la testa
a posto. L'Inghilterra si rifiutava di lasciarsi coinvolgere in
una crociata, visto che una Francia indebolita avrebbe rappre-
V. Lo slittamento della Rivoluzione
173
sentato un ostacolo di meno ai suoi commerci; le potenze
minori - Spagna, Sardegna, Napoli - da sole erano impo­
tenti. Tutto dipendeva dall'imperatore, Giuseppe Il fino al
febbraio del 1790, e successivamente Leopoldo, entrambi fra­
telli di Maria Antonietta. Il loro più grande motivo di preoc­
cupazione non era la Francia, bensl la Turchia e la Polonia.
Nel 1788 l'Austria si era lanciata insieme alla Russia in una
guerra contro il sultano. Leopoldo abbandonerà la lotta nel
luglio del 1790, e al momento del trattato di Jassy (feb­
braio 1792 ) Caterina sarà l'unica a profittare della sua vit­
toria. Restava la Polonia, col suo brillante seppur tardivo
raddrizzamento inaugurato il 3 maggio 1791, minacciata dalle
ambizioni russe, e contro cui Austria e Prussia si allearono
nel giugno del 179 1. Per le potenze dell'Europa centrale,
ovvero per le vere potenze militari d'Europa, la questione
d'Oriente era la posta in gioco essenziale dello scacchiere
politico.
Come si vede, da parte europea · non esisteva per la Fran­
cia una seria minaccia di guerra. Ma, avvertendo Leopoldo
della loro fuga e incitandolo a minacciare la Rivoluzione,
Luigi XVI e Maria Antonietta lo spingevano a commettete
un errore psicologico. Il 25 agosto 1791, egli firmò la dichia­
razione di Pillnitz insieme al re di Prussia:
Sua Maestà l'imperatore e Sua Maestà il re di Prussia, avendo
ascoltato i desideri e le osservazioni di Monsieur e del Signor
conte d'Artois, dichiarano congiuntamente di considerare la situa­
zione in cui attualmente si trova il re di Francia come oggetto di
comune interesse per tutti i sovrani d'Europa.
In realtà l'appello alle armi era subordinato a un'ipote­
tica intesa con le altre potenze europee, ma agli occhi dei
rivoluzionari il manifesto rappresentava un'intollerabile intro­
missione negli affari interni della Francia e la giustificazione
dei propri timori. Le minacciose note del cancelliere Kaunitz,
l'alleanza austro-prussiana firmata in febbraio, e la morte di
174
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Leopoldo, cui il 1° marzo succede il giovane Francesco Il,
indeboliranno l'opposizione alla guerra. Ma l'iniziativa verrà
dalla Francia.
LE CARENZE MILITARI DELLA RIVOLUZIONE
Il bilancio dei mezzi militari di cui la Francia dispone
all'inizio del 1792 è tutt'altro che incoraggiante. La qualità
dell'armamento è indubbiamente eccellente: il cannone di
Gribeauval e il fucile del 1777 sono famosi in tutta Europa.
Ma è la quantità che difetta : in media, si fabbricano 150 can­
noni e 25.000 fucili all'anno. Il vero problema è il comando,
il morale delle truppe e lo scarso reclutamento.
La maggior parte degli ufficiali del 1789 appartenevano
a quella nobiltà di provincia che si vedeva sbarrare la strada
dall'aristocrazia di corte, e che agli inizi della Costituente
aveva riposto grandi speranze nell'ordine nuovo, che poteva
offrirgli larghe possibilità d'avanzamento. Ma la loro sempre
maggiore ostilità cominciò a manifestarsi sin dai primi mesi
del 1790 : nonostante l'onore feudale che li legava al re,
dovettero giurare fedeltà alla Costituzione; nobili quali erano,
furono costretti a piegarsi alla soppressione del proprio ordine
e al reclutamento per concorso degli ufficiali superiori. Rela­
tivamente scarsa prima di Varennes, l'emigrazione andò poi
progressivamente aumentando : su 9.000 ufficiali, 6.000 circa
disertarono. Per rimpiazzarli, si ricorse in parte ai sottuffi­
ciali e per il resto ai giovani borghesi che avevano prestato
servizio nella guardia nazionale. Fra i vecchi ufficiali, rimasti
ma sospettati di volersene andare, e i nuovi, senza grande
esperienza, nacque una reciproca diffidenza.
Il morale delle truppe ne risenti. Per i soldati la Rivolu­
zione aveva significato la liberazione da una disciplina mili­
tare durissima: potevano mescolarsi ai patrioti, prendere la
parola nei club e lanciare petizioni. Il 1790 fu l'anno degli
ammutinamenti : sulle navi, negli arsenali e nelle rispettive
unità, marinai, operai e soldati spesso si ribellavano e si
V. Lo slittamento della Rivoluzione
175
rifiutavano di obbedire ai propri superiori. L'insurrezione più
clamorosa fu quella degli svizzeri del reggimento di Chateau­
vieux a Nancy.
E questi soldati, inoltre, erano pochi. La Costituente non
aveva modificato il reclutamento delle truppe di linea, che
comprendevano circa 120.000 uomini. All'atto della fuga del
re, fu deciso l'arruolamento nella guardia nazionale di alcuni
battaglioni di volontari, ma delle 100.000 reclute previste,
nell'aprile del 1792 solo 30.000 si trovavano sotto le armi.
Insubordinazione, emigrazione, mancanza di unità: la
guerra rappresentava per la Francia un rischio costosissimo.
LA GUERRA VOLUTA DALLA RIVOLUZIONE
Sebbene non se ne fossero assunti l'iniziativa, Luigi XVI
e Maria Antonietta contribuirono largamente alla marcia verso
la guerra, da essi auspicata sin dal tempo della fuga a Varen­
nes. Il re aveva scritto a Breteuil: « Anziché una guerra
civile, sarà una guerra politica, e le cose andranno molto
meglio. Le condizioni fisiche e morali della Francia non per­
mettono di sostenerla ».
Da parte sua, il ministro della Marina, Bertrand de Molle­
ville, incoraggiava i suoi ufficiali a sottrarsi ai propri doveri,
modo anche questo di istigarli alla diserzione. Allorché in
novembre l'Assemblea approvò i decreti rivoluzionari, il re
pertanto fece la propria scelta, rifiutandosi di ratificare quelli
che costituivano una minaccia per i preti refrattari e per gli
emigrati, e accettando invece soddisfatto il decreto del 29 che
lo invitava a esigere dagli elettori di Treviri e di Magonza
la dispersione degli emigrati radunati nei rispettivi territori.
Il 14 dicembre egli si recò all'Assemblea, ove tenne un
discorso particolarmente marziale.
Intorno a lui, tuttavia, nel ministero e nel Consiglio se­
greto animato sin dall'autunno dai triumviri, questa politica
non mancò di suscitare l'allarme. Con i loro consigli al re e
con le loro lettere all'imperatore, Barnave e Delessert, mini-
176
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
stro degli Affari esteri, tentarono in tutti i modi di mante­
nere la pace. Ma essi avevano perduto gran parte della pro­
pria influenza in seno al loro stesso partito. Le vedute dei
Lameth, entrambi ufficiali dell'esercito, non differivano molto
da quelle di La Fayette : una guerra breve e circoscritta
avrebbe consentito ai generali al comando di ottenere la sta­
bilizzazione della Rivoluzione. In casa di Madame de Stael,
il cui amante Narbonne era diventato ministro della Guerra,
si era formata una vera e propria consorteria di giovani intol­
leranti appartenenti alla nobiltà militare liberale, quali il duca
de Biron, Beauharnais e Latour-Maubourg.
E grazie a Condorcet, vi incontreremo anche i leader della
sinistra. Il principale fautore della guerra fu Brissot. Nato
nel 1754 da una famiglia di osti della Beauce, Jean-Pierre
Brissot aveva letto e viaggiato moltissimo. All'inizio della
Rivoluzione, il suo giornale, « Le Patriote français », gli pro­
cura una certa notorietà. Eletto da Parigi alla Legislativa,
si conquista i brillanti oratori deputati dalla Gironda, Ver­
gniaud, Guadet, Gensonné. Sensibile all'influenza dei nume­
rosi rifugiati politici giunti dal Belgio, da Liegi, dall'Olanda,
dalla Renania e dalla Svizzera, e iscritti nei diversi club, egli
sviluppa impetuosamente, all'Assemblea e al c�ub dei Giaco­
bini, le proprie argomentazioni. Ci vuole una guerra rivolu­
zionaria: con la distruzione di Coblenza, il re sarà costretto
a pronunciarsi e tornerà la calma ; la g)lerra sarà facile, i po­
poli insorgeranno spezzando le proprie catene; infine, appog­
giare i rivoluzionari d'Europa è un dovere. È la crociata
della libertà.
Dapprima favorevole, a poco a poco Robespierre si tira
indietro, divenendo infine decisamente ostile. Secondo lui il
centro di tutti i mali, prima di Coblenza, è Parigi. Chi vuole
la guerra? Il re e La Fayette. Chi la dirigerà? La Fayette e
il re. Egli paventa una dittatura militare, e denuncia l'idea­
limo brissotino :
L'idea più stravagante che possa venire in testa a un politico
è credere che a un popolo basti invadere a mano armata un paese
V. Lo slittamento della Rivoluzione
177
straniero per costringerlo ad adottare le proprie leggi e la propria
Costituzione. I missionari armati non sono amati da nessuno.
Ma Robespierre è isolato; più il tempo passa, più l'ade­
sione popolare alla guerra diventa massiccia; club e società
moltiplicano le petizioni.
Il 10 marzo l'Assemblea mette sotto accusa Delessert.
I ministri foglianti si dimettono e il re chiama al governo i
democratici amici di Brissot: Dumouriez agli Affari esteri ,_
Clavière alle Finanze e il marito di Madame Roland agli
Interni. Il 20 aprile solo sette deputati votano contro la
dichiarazione di guerra « al re di Boemia e Ungheria », for­
mula spesso interpretata come una precauzione per lasciare
la Germania fuori del conflitto, ma giuridicamente conforme
alle usanze, poiché Francesco II non è ancora stato incoro­
nato imperatore.
La responsabilità della guerra non grava soltanto su Brissot
e sui futuri Girondini: la sfida lanciata all'Europa fu una sfida
collettiva. Che la Gironda abbia dato al conflitto la partico­
lare colorazione dell'idealismo conquistatore è fuor di dubbio,
ed è innegabile pertanto che nella storia della sensibilità fran­
cese le . spetti un posto a parte. Ma il retaggio della guerra
rivoluzionaria, cui il nazionalismo francese si identificherà per
più di un secolo, conduce a Clemenceau non meno che a
Lamartine. Prima di Alexandre Dumas, « Morire per la pa­
tria » non è stato soltanto l'inno dei Girondini. La rivolu­
zione democratica fa blocco di fronte alla guerra. All'Assem­
blea, le voci dei futuri Montagnardi tacciono, e a partire dal
15 dicembre tace anche Marat. Danton e Desmoulins fini­
scono con l'abbandonare Robespierre. E del resto l'opposi­
zione robespierrista alla guerra è stata volutamente esagerata.
Qualche tempo dopo lo stesso Robespierre scriverà: « Non
mi sono mai opposto alla guerra; ho solo affermato che dove­
vate farla dopo esservi garantiti dai vostri nemici interni ».
Ciò che lo contrappose alla quasi unanimità dei suoi col­
leghi fu una divergenza tattica nell'ambito di una strategia
comune a tutta la sinistra, una strategia che avrebbe condotto
178
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
a una seconda rivoluzione. Molti hanno esaltato la sua lungi­
miranza; ma è lecito chiedersi se la sua tattica sia stata pro­
ducente rispetto alle sue prospettive: chi può affermare che,
se la Francia fosse rimasta in pace, non avrebbe trionfato
un'evQluzione conservatrice? Per la sinistra, la soluzione più
realistica fu probabilmente l'idealismo girondino.
Il conflitto infatti provocherà le drammatiche conseguenze
previste da Barnave e dalla minoranza moderata. Lottando
fino all'ultimo per mantenere la pace, essi diedero il giusto
peso ai pericoli cui andava incontro la monarchia e con essa
l'ordine liberale e borghese conforme ai loro ideali. Il dop­
pio gioco della corte e le chimeriche spacconate dei generali
fayettisti ebbero la meglio sulla loro lucidità.
LE RIVENDICAZIONI DEI SANCULOTTI
La guerra coincide con una grave crisi economica. Non si
tratta, come nel 1789, della penuria derivante dal cattivo
raccolto: nel 179 1, il raccolto è normalissimo. Questa volta
i colpevoli sono l'assegnato - che nel giugno del 1792 scende
al 57 % del suo valore nominale -, il rifiuto dei contadini
di consegnare il grano per quattro soldi, e l'improvviso rin­
caro delle derrate coloniali causato dalla rivolta degli schiavi
di Santo Domingo. Nel 1792, alle ;acqueries contadine dive­
nute endemiche durante l'estate precedente, si sommano i
disordini provocati dal carovita. Il 3 marzo il sindaco di
Etampes, Simonneau, viene assassinato dalla folla che esige
il calmiere. A Parigi, il 20 gennaio, la popolazione dei fau­
bourgs obbliga i droghieri a ribassare il prezzo di vendita
dello zucchero; il 14 febbraio le lavandaie dei Gobelins
saccheggiano le botteghe.
Per la prima volta si afferma un movimento popolare auto­
nomo in cui alle rivendicazioni economiche si unisce l'esi­
genza di una autentica democrazia politica. Movimento pro­
letario? No. Compagnons, artigiani e piccoli bottegai si me­
scolano agli operai, spinti non dalla rivendicazione salariale,
V. Lo slittamento della Rivoluzione
179
bensì dalla necessità del calmiere, dall'odio contro gli acca­
parratori e dalla sfiducia verso i borghesi sospettati di con­
nivenza col nemico. Il loro nome di « sanculotti » non deriva
dal fatto che portino i pantaloni, a ·quel tempo ancora raris­
simi, ma dal loro disprezzo per le brache e le calze di seta
dei ricchi, gentiluomini o borghesi che siano.
La « sanculotteria » conquista le società fraterne aperte ai
cittadini passivi, e si esalta nelle grandi feste patriottiche.
Il 15 aprile Parigi manifèsta in onore della libertà e degli
svizzeri di Chateauvieux, amnistiati e usciti dalle galere. Fra­
telli nemici, André e Marie-Joseph Chénier vi colgono l'occa­
sione di una polemica che, più che al loro genio poetico, fa
onore alla loro coscienza politica.
Al secondo, che inneggia:
L'innocence est de retour
Elle triomphe à son tour 3
André replica:
Ces héros que jadis, sur un banc de galère
Assit un àrret outrageant
Et qui n'ont égorgé que très peu de nos frères
Et volé que très peu d'argent... 4
La famiglia Chénier non è l'unica in cui il movimento
sanculotto abbia creato una frattura. Sul piano economico, la
borghesia deve far blocco contro le rivendicazioni sanculotte
e, da Barnave a Robespierre, rimane fedele al dogma del libe­
ralismo, ostile a qualsiasi tassazione che possa ricordare l'ese­
crato passato regime e minacci la proprietà privata. Ma il
problema ha anche un risvolto politico : l'agitazione popolare
non rischia forse di frantumare l'unità del Terzo Stato? Che
3 L'innocenza ritorna / a sua volta trionfante.
Gli eroi un tempo costretti / sui banchi d'una galera da un
decreto infamante / assassini di sl pochi nostri fratelli / ladri di sì
poco denaro ...
4
180
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
fare? Mantenere ad ogni costo quest'unità, o rischiare scien­
temente una rottura?
Tra i Foglianti i disordini riescono soltanto a esasperare
la volontà di schiacciare la democrazia. Il popolo, per loro,
è l'astratta nazione della Dichiarazione dei diritti dell'uomo.
« Il popolo - scrive un loro giornalista - è la compagine
di tutti gli individui che compongono la nazione. Alcuni
faziosi ne abusano per convincere duecento ignoranti di
essere il popolo, e di conseguenza il sovrano » . Ma il popolo
dei passivi si è svegliato, bisogna tenerlo al suo posto con la
forza. Dupont de Nemours dice chiaramente quale sia l'obiet­
tivo da raggiungere: « La soppressione dei club ristabilirà la
pace all'interno e all'esterno. Bisogna schiacciare la macchina
dell'insurrezione ».
All'Assemblea e al club dei Giacobini la maggioranza
borghese fa una netta distinzione fra economico e politico.
Molti pensano con Pétion che « la borghesia e il popolo uniti
hanno fatto la Rivoluzione » e che « solo la loro unione può
difenderla », e in giugno concedono ai contadini l'abolizione
senza riscatto dei diritti casuali di cui il signore non sia in
grado di provare il possesso; ma rifiutano recisamente il cal­
miere e puniscono gli assassini di Simonneau, organizzando
in sua memoria una festa nazionale.
Indubbiamente Robespierre, come Marat, è molto più
lungimirante. Egli non difende i ribelli, ma è contrario al
voto dell'aureola di civismo di Simonneau, e si spingerà fino
a pubblicare nel proprio giornale una petizione di Dolivier,
curato di una parrocchia della regione di Etampes, che giu­
stifica la richiesta del calmiere. Più sensibile all'ondata popo­
lare che si gonfia rischiando di sommergere la rivoluzione
borghese e legalista che rappresenta il suo ideale, Robespierre,
pur di evitare di gettarsi nell'avventura, è pronto alle con­
cess1om.
V. Lo slittamento della Rivoluzione
181
LE PRIME DIS FATTE S PINGONO
IL POPOLO CONTRO IL RE
Nessuna guerra fu mai tanto politica e cosi poco militare.
Il piano di Dumouriez prevedeva una rapida offensiva che
avrebbe favorito l'insurrezione dei Paesi Bassi ; ma i generali,
con gli occhi fissi a Parigi, si tennero invece sulla difensiva.
Alla vigilia della dichiarazione di guerra, essi avevano inviato
al governo una nota in cui esigevano la repressione dei disor­
dini interni e il rispetto della libertà religiosa. E l'offensiva?
Dillon, che doveva prendere Tournai, indietreggiò davanti
agli austriaci, e le sue truppe, giudicandosi tradite, si sban­
darono dopo averlo assassinato. Biron, partito alla conquista
di Mons, lancia l'ordine di ritirarsi, nonostante la sua supe­
riorità numerica. Rochambeau si dimette, e il 6 maggio La
Fayette spinge la propria incoscienza fino a scrivere al mini­
stro della Guerra : « Non riesco a capire come si sia potuto
dichiarare la guerra senza nessuna preparazione » . Il 18, i tre
generali d'armata decidono di sospendere le ostilità.
Giustamente i democratici gridarono al tradimento. Nei
confronti di La Fayette, instancabilmente accusato da Marat
e Robespierre, il sospetto era più che fondato: il 17 maggio
egli aveva inviato un emissario al nemico proponendo di
sospendere le operazioni e di consentirgli di marciare su Parigi
con le sue truppe. Il popolo tuttavia se la prendeva soprat­
tutto con la famiglia reale e con il « comitato austriaco » che
la consigliava, coinvolgendovi Barnave e i suoi amici.
Per quasi un mese Brissot e il ministero tentarono di
difendere i generali, ma tutto fu vano: l'esercito non si muo­
veva e le diserzioni degli ufficiali aumentavano. Essi cercarono
allora di intimorire la corte e, facendosi a loro volta accusa­
tori del « comitato austriaco ►► , ottennero l'approvazione di
tre decreti: uno sui preti refrattari (27 maggio), il secondo
sullo scioglimento delle guardie personali del re ( 29 maggio),
e un terzo ( 8 giugno) che prevedeva la costituzione alle porte
di Parigi di un campo di ventimila federati. L'intimidazione
182
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
falll. Il re oppose il veto al primo e al terzo decreto, e il
1 2 giugno licenziò il ministero girondino e richiamò i Foglianti.
La popolazione era in grande fermento. Il 20 maggio il
Faubourg Saint-Marceau si era mobilitato al canto del ça ira;
il 20 giugno fu organizzata una grande « giornata ». L'inizia­
-tiva non partl da Robespierre, sempre fedele alla propria
tattica di « difensore della Costituzione », né dai Girondini,
che intendevano celebrare la ricorrenza del giuramento della
Pallacorda con un tranquillo banchetto. Il movimento fu
deciso da alcuni oscuri agitatori, fra i quali si segnalò San­
terre, ricco birraio del Faubourg Saint-Antoine. Il sindaco
di Parigi, Pétion, decise di agire come aveva fatto La Fayette
al tempo delle giornate d'ottobre, ossia arginare le masse con
la guardia nazionale, probabilmente nella speranza di premere
sulla corte.
Partiti verso le 5 del mattino dai Faubourgs Saint-Marceau
e Saint-Antoine, i sanculotti armati raggiunsero l'Assemblea
e la costrinsero a ricevere le proprie delegazioni : la sfilata
delle picche e dei berretti rossi durò più di un'ora. Poi la
folla sfondò la porta che separava il Maneggio dal giardino
delle Tuileries, e, ammassatasi in piace du Carrousel, riuscl
infine a penetrare nel castello. Stretto nel vano di una :finestra,
Luigi XVI tenne testa per più di due ore ai dimostranti che
gridavano « Abbasso il veto! » ; si mise il berretto rosso,
brindò alla salute della nazione, ma non cedette. Verso le 8,
dopo il tardivo intervento di Pétion, le Tuileries furono eva­
cuate. L'agitazione continuò nel Faubourg Saint-Antoine, dove
botteghe e laboratori artigiani rimasero chiusi per una set­
timana.
Giornata senza risultati? Cosa impensabile, in periodo
rivoluzionario. Ll per Il il fallimento dei dimostranti restitul
il coraggio ai realisti umiliati ed esitanti. Dupont de Nemours
depositò presso un notaio una petizione che, a quanto si dice,
raccolse ventimila firme. Il 28, abbandonata la propria armata,
La Fayette venne a ingiungere all'Assemblea di sciogliere i
club, Pétion fu sospeso. Non una sola sezione parigina scon-
V. Lo slittamento della Rivoluzione
183
fessò però il 20 giugno. La spinta rivoluzionaria, lungi dal­
l'essere arginata, ne uscl rafforzata.
LA PATRIA IN PERICOLO
Sezioni parigine e municipalità provinciali decidono spon­
taneamente di scavalcare il veto reale, e il 2 luglio l'Assem­
blea ne legalizza l'iniziativa: i federati convergono su Parigi,
col pretesto di celebrare la presa della Bastiglia. Respinti
all'opposizione, i Girondini fanno causa comune con Robe­
spierre. Il 3 luglio, all'Assemblea, Vergniaud pronuncia un
vero e proprio atto d'accusa contro il re; il 6 vien resa nota
l'entrata in guerra dei prussiani. L'l l l'Assemblea proclama
la patria in pericolo. Tutti i corpi amministrativi e tutte le
municipalità siedono in permanenza; la guardia nazionale al
completo viene chiamata sotto le armi, si arruolano nuovi
battaglioni di volontari, e nei giorni successivi, su grandi
palchi, si procede al reclutamento dei patrioti. Ma ciò che
conta, più del numero dei volontari cos} arruolati, è il signi­
ficato politico: è in gioco la conquista della sovranità.
Movimento patriottico, e quindi anche rivoluzionario. La
mobilitazione civile è diretta sia contro i prussiani sia contro
il nemico interno, e questa sua caratteristica è accentuata
dall'arrivo dei federati che, a partire dall'8 luglio, portano
seco dalle rispettive province un atteggiamento mentale contro
il potere esecutivo ancor più violento che a Parigi. Il 27 giu­
gno, il Consiglio generale di Marsiglia aveva chiesto che tale
potere fosse nominato e revocato dal popolo, e quando il
30 luglio i battaglioni marsigliesi entrarono nella capitale,
erano accompagnati da una solida reputazione di rivoluzionari
estremisti. L'inno che avevano sulle labbra e a cui la storia
avrebbe dato il loro nome non era stato inventato da loro.
Ma cosa importa? Il capitano del genio che a Strasburgo
l'aveva composto per l'armata del Reno vi aveva espresso
tutto l'impeto patriottico del 1792. L'odio contro i tiranni,
184
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
i perfidi e i complici di Bouillé, e il sacro amor di patria,
danno alle strofe di Rouget de l'lsle una colorazione storica
particolare: quella del 1 0 agosto.
IL 10
AGOSTO
Il 1° agosto viene pubblicato a Parigi il manifesto firmato
cinque giorni prima dal duca di Brunswick, comandante delle­
truppe nemiche. La capitale risponde insorgendo. La città era
già stata messa sotto pressione dai federati che, il 17 luglio,
avevano presentato una petizione chiedendo la sospensione
del re, e reclamato successivamente una convenzione eletta a
suffragio universale. Ma il ruolo decisivo sarà sostenuto dalle
sezioni parigine. A questo punto si attua una vera e propria
rivoluzione sezionale: i cittadini passivi si ribellano, s'impa­
droniscono della direzione delle sezioni, siedono in perma­
nenza e costituiscono all'Hotel de Ville una Giunta centrale
collegata con il Comitato centrale dei federati.
Davanti all'insurrezione apertamente organizzata, due tat­
tiche diverse torn·ano a contrapporsi fra i borghesi democra­
tici: Brissot e i suoi amici tentano di riavvicinarsi alla corte
e di bloccare la situazione con un cambiamento di ministero ;
Robespierre, fino a questo momento inflessibile difensore della
legalità, capisce invece che il movimento è irreversibile. Desi­
deroso soprattutto di non distruggere l'unità col popolo, e·
preoccupato di gettare le basi di una nuova legalità, con it
grande discorso del 29 luglio egli diffonde le parole d'ordine
spontanee dei federati e delle sezioni: decadenza del re e
creazione di una convenzione nazionale eletta a suffragio uni­
versale. Tuttavia, come gli altri leader democratici, non par­
teciperà personalmente alla giornata popolare.
Nella notte fra il 9 e il 10 agosto si odono i rintocchi
della campana a martello. All'Hotel de Ville giungono uno
dopo l'altro i delegati delle sezioni, che all'alba formano una
comune insurrezionale e scacciano la vecchia municipalità ;
Mandat, comandante in capo della guardia nazionale, viene­
assassinato, e lo sostituisce il popolarissimo Santerre. Intorno
V. Lo slittamento della Rivoluzione
185
alle Tuileries si serra la morsa di un'immensa tenaglia: due
colonne spalleggiate dai volontari di Marsiglia e di Brest,
una proveniente dal Faubourg Saint-Antoine, l'altra dalla riva
sinistra, convergono in direzione del castello. La prima arri­
verà troppo tardi. Consigliato da Roederer e persuaso dalla
gelida accoglienza fattagli dalla guardia nazionale, Luigi XVI
aveva condotto la sua famiglia nella sala del Maneggio. Dopo
la sua partenza, fra gli svizzeri fedeli al re e i manifestanti
scoppiò una sparatoria : i sanculotti di Sainte-Marguerite arri­
varono a tempo per soffocare la resistenza degli svizzeri e
dei gentiluomini.
Il Maneggio non bastò a proteggere il re. Sotto la minaccia
delle picche, l'Assemblea fu costretta a sospendere Luigi XVI,
sostituendolo con un Consiglio esecutivo provvisorio in attesa
dell'elezione a suffragio universale della convenzione nazionale.
I dimostranti del 10 agosto non erano la feccia del popolo.
Su 376 morti o feriti, quasi un quarto erano federati, tutti
borghesi di provincia. Molti bottegai, artigiani e salariati
parigini pagarono il loro tributo, e ancora una volta si segna­
larono i faubourgs. Da questi atti di ribellione emergono
molto più chiaramente certi comportamenti psicologici arcaici
che le divisioni sociali.
Il 1 O agosto rappresenta la conclusione di ciò che era
cominciato con la fuga a Varennes. Il programma dei Foglianti,
diretto a consolidare i risultati dell'89, a stabilire un'ordine
fondato sulla libertà e sulla proprietà borghese e ad accettare
l'eguaglianza solo come eguaglianza di possibilità e non di
diritti, è definitivamente respinto. Barnave, Du Port, Lameth,
Dupont de Nemours vengono eliminati dalla vita politica,
alcuni temporaneamente, altri per sempre. La Fayette, dopo
aver tentato invano di lanciare le sue truppe su Parigi, sarà
costretto a rifugiarsi presso gli avversari del regime che aveva
tenuto a battesimo.
La sconfitta dei Foglianti dipende in larga misura dalla
persona del re. Educato nella tradizione assolutistica, formato
nella convinzione che la sua volontà fosse l'unica legge, soli-
186
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
dale soprattutto con gli aristocratici, Luigi XVI, dopo il pro­
gramma formulato il 23 giugno 1789, ha rifiutato qualsiasi
innovazione. Il suo ruolo è finito; è un prigioniero, domani
sarà una vittima. Per non aver osato cambiare dinastia nel
1789, come avevano fatto gli inglesi nel 1688, i borghesi
liberali si sono condannati al suicidio.
È il momento dei borghesi democratici. Reclutati in strati
borghesi più modesti, i democratici mancano di quell'innato
rispetto per le élites che ha indotto i Foglianti a circondarsi
di una frangia di nobili liberali; ma hanno anch'essi il rispetto
per la proprietà e, sebbene per lottare contro l'aristocrazia e
contro l'Europa siano costretti a giovarsi dell'appoggio popo­
lare, non intendono lasciarsi sopraffare né abbandonare le
leve del comando. Già una volta si sono trovati in contrasto
sull'ampiezza delle concessioni da fare al popolo, e queste
divisioni si ripeteranno. Mettendole in evidenza, contrappo­
nendo Robespierre a Brissot nell'organizzazione del 10 agosto,
si rischierebbe d'infrangere artificiosamente l'unità fondamen­
tale del periodo appena iniziato, quello cioè della democrazia
politica.
La democrazia sociale : questo vuole, più o meno consa­
pevolmente, la popolazione delle città e delle campagne.
Quello che conta, per i contadini, è la definitiva liberazione
dalle residue pastoie signorili e un più largo accesso al bot­
tino messo in vendita dalla borghesia : i beni nazionali. A
Parigi, bottegai e artigiani, compagnons e operai rilanciano
le vecchie utopie egualitarie della Lega e della Fronda. I san­
culotti sono diventati una forza autonoma e temibile. Il 10
agosto è per loro una vittoria incompleta che assumerà di
mano in mano un peso sempre maggiore, come se si potesse
forzare la storia, come se le forze vive del capitale appena
liberate potessero essere circoscritte nei limiti delle virtuose
e povere comunità medievali. Senza la profonda coesione ideo­
logica derivante dalla guerra, una simile controcorrente non
avrebbe tardato a esaurirsi. Il patriottismo rivoluzionario è
diventato una religione. Esso ha già i suoi martiri, e domani,
con le sconfitte, avrà una sua Inquisizione e i suoi carnefici.
VI
IL ROMANTICISMO RIVOLUZIONARIO 1
La rivoluzione democratica del 1 O agosto sbarra tem­
poraneamente la strada che condurrà la borghesia francese
al pacifico liberalismo del XIX secolo. Seguiamola nella
svolta imboccata e in cui l'ha precipitata la guerra. Con i
Foglianti, scompaiono dalla scena politica le élites formate
dal secolo; quelli che restano sono uomini che devono tutto
alle circostanze, e che, per la loro formazione e la loro
carriera, si troveranno assolutamente impreparati alle re­
sponsabilità imposte da una situazione d'emergenza. Due
équipes si fronteggeranno per quasi un anno. Ai democra­
tici parigini che avevano dato vita alla Comune del 1 0 ago­
sto e che occuparono poi le gradinate più alte della Con1 Sono stati utilizzati principalmente : M. J. Sydenham, op. cit. nella
Bibliografia ; M. Reinhard, op. cit., p. 174, n. 1; G. Lefebvre, La pre­
mière Terreur, dispense ciclostilate del C.D.U., Paris 1952; F. Brausch,
La commune du 10 Aout, Paris 1911; P. Caron, Les massacres de
septembre, Paris 1935; G. Rudé, op. cit. nella Bibliografia ; M. Rein­
hard, L'armée et la Révolution, dispense ciclostilate del C.D.U., Paris
1957; J. Godechot, La grande Nation. L'expansion révolutionnaire de la
France dans le monde. 1 789-1 799, 2 voli., Paris 1952 (trad. it., La grande
nazione, Bari 1962); A. Fugier, op. cit. nella Bibliografia ; L. Dubreuil,
Histoire des insurrections de l'Ouest, 2 voli., 1929-30; Ch. Tilly, The
Vendee, Harvard 1964 (dopo la prima edizione del nostro libro, ne è
stata pubblicata una traduzione francese per i tipi di Fayard, Paris
1970); P. Bois, Paysans de l'Ouest, Le Mans 1966, 2• edizione ridotta,
Paris 1971 (all'epoca della prima edizione di questo libro conoscevamo
già la tesi di Paul Bois, ancora inedita).
188
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
venzione, ai « Montagnardi », rimasti sempre in mino­
ranza, la borghesia rivoluzionaria preferì a lungo coloro che
i contemporanei chiamarono Brissotini, e che la storia,
dopo Lamartine, ribattezzò Girondini.
Con loro, il XX secolo è stato molto più severo del
XIX. L'entusiasmo di Lamartine, l'indulgenza di Michelet
e l'imparziale e serena comprensione di Jaurès trovano
scarsa eco nella storiografia contemporanea. Questo perché
la Gironda, associata alla guerra rivoluzionaria, destò nel
nazionalismo del secolo scorso - che era un nazionalismo
di sinistra - simpatie che la destra nazionalista e la si­
nistra pacifista di oggi le negano; ed anche perché le espe­
rienze dittatoriali contemporanee tendono a privilegiare,
retrospettivamente, l'episodio montagnardo 2 , e a relegare
in secondo piano tutto quanto lo precedette. All'inizio,
tuttavia, l'opposizione fra Girondini e Montagnardi fu
quasi impercettibile. Da un punto di vista sociale, i com­
ponenti di entrambi i gruppi appartenevano in maggioranza
alla media borghesia; politicamente, erano democratici; in­
tellettualmente, quasi tutti - e sotto questo aspetto Ro­
bespierre è tutt'altro che rappresentativo della Monta­
gna - furono animati dallo stesso disprezzo per la reli­
gione e i suoi preti. Le circostanze, lo spirito gregario e
la solidarietà fra équipes ministeriali daranno al conflitto,
privo di grandezza in entrambe le parti, le dimensioni di
un'autentica lotta.
La storia dei Girondini è strettamente legata alle vi­
cissitudini della guerra, e la guerra, come abbiamo visto,
è stata preparata e scatenata proprio dai Girondini. Sa­
pranno essi imporre le misure necessarie per vincerla? In
tal caso, avrebbero tutte le probabilità di conservare il
potere. Ma il loro odio per I' équipe parigina che glielo
contende li indurrà a rifiutare i provvedimenti d'emergenza
da essa auspicati. Volendo la guerra ma negandosene i mez2 Cosa particolarmente evidente nell'opera di Albert Mathlez (op.
cit. nella Bibliografia).
VI. Il romanticismo rivoluzionario
189
zi, volendo la rivoluzione ma rifiutandone le esigenze, essi
provocheranno nella massa patriota e borghese reazioni
alterne : nei momenti di tregua, quando la minaccia contro­
rivoluzionaria parrà attenuarsi, godranno del massiccio ap­
poggio dei deputati esasperati dalla sospettosa e inquisi­
toria sorveglianza dei leader parigini ; ma quando le sorti
dell'esercito volgeranno al peggio, quando insieme alla pa­
tria sarà in pericolo anche la Rivoluzione, nessuno li se­
guirà più.
Fra l'adesione ottenuta dalla Gironda nel paese e il
successo del vessillo tricolore vi fu uno stretto paralle­
lismo.
Il 1 0 agosto non ha dissipato la minaccia straniera;
alla fine del mese le armate austro-prussiane varcano la
frontiere, Longwy e Verdun ,:apitolano. All'interno, in
Bretagna e in Vandea, si trama una congiura « aristocra­
tica ». Nonostante Danton, che si sforza di coalizzare con­
tro il nemico le energie della Legislativa e della Comune,
le esitazioni girondine lasciano all'assemblea parigina l'ini­
ziativa delle misure di salute pubblica. Comincia a profi­
larsi ciò che, un anno più tardi, sarà il governo rivolu­
zionario : provvedimenti repressivi, caccia agli individui
sospetti, decreti contro i preti refrattari, impulso alla di­
fesa nazionale, requisizione e censimento dei cereali presso
i contadini. I Girondini, sopraffatti, lasciano fare o colla­
borano a malincuore. Ma le lungaggini del Tribunale stra­
ordinario creato il 1 7 agosto provocano a Parigi un'esplo­
sione di furore repressivo: dal 2 al 4 settembre i sancu­
lotti irrompono nelle prigioni trucidando indiscriminata­
mente preti refrattari e detenuti per reati comuni. Sul mo­
mento, pur non approvandoli, i Girondini giustificano i
massacri; ma ben presto cercheranno di approfittare della
reazione antiterroristica diffusasi nel paese per farsene
un'arma contro la Comune, tacciando i loro avversari, o per
meglio dire i loro rivali, di « settembristi ».
La Convenzione si riunisce il 2 1 settembre. Tranne
che a Parigi, i Girondini hanno beneficiato della notorietà
190
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
acquistata nell'assemblea precedente, imponendo sin dal­
l'inizio la propria leadership a una maggioranza - la Pa­
lude, o Pianura - fedele soprattutto alla Rivoluzione. La
vittoria di Valmy, presto seguita dall'evacuazione del ter­
ritorio nazionale e dall'invasione del Belgio, della riva si­
nistra del Reno, di Nizza e della Savoia, rafforza la reazione
antiterroristica. Ormai padroni della Convenzione, i Gi­
rondini accettano la mano tesagli da Danton e, dimenti­
cando il passato, ricostruiscono l'unità democratica. Fra i
più esaltati, però, i rancori dei coniugi Roland, l'esclusi­
vismo settario e la violenza verbale hanno la meglio sulla
consapevolezza dei loro veri interessi; il loro monopoliz­
zare gli incarichi nelle commissioni irrita molti deputati
della Pianura che, come Couthon e Lebas, si riavvicinano
a poco a poco alla Montagna; i loro continui attacchi con­
tro Parigi e i suoi eroi prestano il fianco all'accusa di fe­
deralismo. La loro leadership non si riassume in una poli­
tica costruttiva, e nonostante il loro rifiuto di approvare
senza riserve la condanna del re, non riescono a impedirne
l'esecuzione. Qualcuno ha detto di loro che non seppero
condurre la guerra; ma, soprattutto, non seppero conclu­
dere una pace di cui tuttavia molti di essi intuivano la
necessità, provocando così una coalizione di cui l'Inghil­
terra fu per vent'anni la pietra angolare.
Per la Gironda, la primavera del 1 793 sarà fatale.
L'edificio scricchiola da tutte le parti, ancora una volta
tradimenti e sconfitte mettono la patria a repentaglio. Cu­
stine si ritira dalla riva sinistra del Reno; Dumouriez
perde il Belgio e successivamente passa al nemico, por­
tandosi dietro fra i suoi bagagli il futuro Luigi Filippo.
La leva di 300.000 uomini ordinata dalla Convenzione
provoca in Vandea un'insurrezione contro cui ogni resi­
stenza appare vana. Esasperati dal carovita, i sanculotti
di Parigi assumono un atteggiamento minaccioso. Ma i
Girondini rifiutano di tener fede alle concessioni concordate
dopo il 1 0 agosto. In marzo, e successivamente in aprile,
VI. Il romanticismo rivoluzionario
191
la Pianura vota contro di loro una serie di provvedimenti
rivoluzionari proposti dai Montagnardi. Quanto più sono
minacciati, tanto più i Girondini si irrigidiscono su una
linea di condotta che, a loro insaputa, attira nella loro scia
tutte le forze realiste e controrivoluzionarie della Francia.
Sobillate da queste ultime, alla fine di maggio Marsiglia
e Lione sono in stato di aperta rivolta e, contro Parigi,
Isnard rinnova le minacce del manifesto di Brunswick.
L'insurrezione sanculotta si prepara alla luce del sole;
dopo aver fatto di tutto per arginarla, Robespierre e Marat
saranno costretti a stare a guardare. Il 3 1 maggio i san­
culotti ottengono soltanto delle misure parziali. Il 2 giu­
gno, circondata da ottantamila uomini armati, la Conven­
zione vota l'arresto dei ventinove deputati girondini più
in vista. Cosl finisce il ruolo politico dei Girondini.
Ma a questi uomini cosl diversi, che i contemporanei
considerarono come un blocco, la Storia assegna un posto
particolare nel corso della Rivoluzione. Per origine sociale,
non sono affatto diversi dai Montagnardi: giornalisti, av­
vocati, essi provengono in maggioranza dallo stesso cro­
giuolo da cui è uscito il personale politico democratico.
A. Mathiez afferma che nei confronti del popolo essi pro­
vavano una vera e propria ripugnanza fisica, e gli rimpro­
vera di essersi lasciati attrarre dalla vita mondana. Nulla
però ci autorizza a pensare che la serietà e la modestia
della loro esistenza ne siano state influenzate : Robespierre
rifuggiva dalla sciatteria e dalla volgarità esattamente come
Vergniaud; Danton e Desmoulins non disdegnavano i sa­
lotti e i boudoirs. L'istintivo odio dei sanculotti parigini
per gli agi e le dolcezze della vita non è certo uno specchio
fedele dello spirito del tempo.
Originalità politica? Sul piano dei principi, non esi­
stono differenze fondamentali fra i Girondini e gli altri
democratici. È innegabile che, accettando la rottura fra
borghesia e popolo, essi finirono con l'appoggiarsi, pur non
volendolo, a tutti i nemici della Rivoluzione. Ma più che
192
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
una meditata scelta politica, fu l'accanita rivalità nei con­
fronti della Montagna che li spinse a poco a poco su que­
sta china.
L'individualità della Gironda è evidente soprattutto
sul piano delle mentalità e delle psicologie, e con essa
emerge dalla Rivoluzione un tipo d'uomo particolare. Pro­
fondamente segnati dal XVIII secolo, i Girondini hanno
una sete immensa di libertà, una sete di gioia, una sete
d'ottimismo e di vita. Del terremoto rivoluzionario, per
loro contano soprattutto il conseguente sblocco delle ge­
rarchie sociali e le immense possibilità offerte al talento e
al prestigio della parola. È appunto questo che ne colora
il ricordo di una specie di eterna giovinezza, irresponsabile
e piena di fascino.
'
A M A R AT,
DAV I D .
(Nella pagina precedente) J.L. David, La morte di Marat, Bruxelles, Museo.
(Qui sopra) P.N. Guérin, La Roche;aquelein, Cholet, Museo.
(A fronte)]. Benoit Levy, Morte del generale Mou/ins alla battaglia di Chalet, Ch alet, Museo.
P.E. e J.Ph. Lesueur, Briganti della Vandea abbattono l'albero della Libertà, gouach e, Parigi, Museo Carnavalet.
,(
,J' .....I
P .,\. De mach\·, F
de!IV11ità e 1;1dii
della Repubblica,
agosto I 793, Par
Iuseo Carnavalc
I Nelle pagine precedenti) Tresca, su disegno di L . Laffi t te, Messidoro,
illustrazione per un calendario rivoluzionario, i ncisione, Parigi, Museo
Carnavaler.
Labrousse, su disegno di J . P . Delion, Uso delle nuove misure, incisione, Parigi,
Museo Carnavaler.
I Qui sopra ) J .F. Harriet, La notte tra il 9 e il 1 0 Termidoro, incisione, Parigi,
Museo Carnavaler.
LA REPUBBLICA DEL TALENTO
La fazione girondina è tutt'altro che omogenea, e quando
comincia a far parlare di sé, ossia prima della dichiarazione
di guerra, chi predomina nei dibattiti è, come abbiamo visto,
Brissot. Ma, accanto al deputato di Parigi, già emerge un auto­
revole gruppo di quattro giovani amici uniti dalla carriera,
dall'origine e dalla comunanza di vedute politiche. Deputati
della Gironda, essi devono tutto - o quasi tutto - agli
eventi della Rivoluzione. Tre sono deputati; solo Ducos è
un commerciante, da lungo tempo legato però ai giuristi. Al
tempo della presa della Bastiglia, il più anziano, Vergniaud,
aveva trentasei anni. Girondino d'adozione, la sua famiglia
era originaria del Limousin, ed egli aveva goduto della pro­
tezione di Turgot, che aveva conosciuto i suoi genitori al
tempo in cui era intendente a Limoges. Grazie a lui, il gio­
vane Pierre Vergniaud ottiene una borsa di studio che gli
consente di finire gli studi a Parigi, nel collegio du Plessis.
Dopo tre anni di seminario, comincia a frequentare i salotti
ed esordisce in letteratura. La sua famiglia però lo manda
a Bordeaux per studiare diritto. Attraverso Dupaty, di cui
diventa segretario, Vergniaud entra in relazione con gli am­
bienti d'avanguardia della capitale girondina. Nel 1789 è,
come Robespierre ad Arras, un avvocato abbastanza noto
localmente, membro dell'accademia cittadina e poeta a tempo
perso, ma senza beni di fortuna; la Rivoluzione gli schiude
la carriera di amministratore e d'uomo politico. Capitano della
guardia nazionale e membro del club dei Giacobini di Bor­
deaux, viene eletto al dipartimento della Gironda e successi-
194
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
vamente alla Legislativa: fu il più grande oratore della Gi­
ronda e probabilmente dell'intera Assemblea; ma l'indolenza
del suo temperamento e la sua estrema indipendenza intel­
lettuale gli preclusero il ruolo di leader parlamentare. Più
volte, soprattutto alla Convenzione, egli si dissoderà dai
martellanti attacchi dei suoi amici politici contro la sinistra.
Indubbiamente egli fu più sensibile degli altri Girondini
alla necessità di salvaguardare l'unione dei democratici. Più
tardi, tuttavia, spiegherà tutta la sua eloquenza nella lotta
contro Couthon e Robespierre.
Ci accusano, ci denunciano al ferro degli assassini, come si fa­
ceva il 2 settembre! Ma tutti sappiamo che Tiberio Gracco mod
per mano di un popolo disorientato ch'egli aveva costantemente
difeso. La sua sorte per noi non ha nulla di terribile: il nostro
sangue appartiene al popolo; avremo un solo rimpianto, quello di
non potergliene offrire di più.
Gli esordi di Guadet si spiegano anch'essi con i rapporti
protettivi e clientelari caratteristici della società dell'Ancien
Régime. Nato a Saint-Emilion nel 1755, figlio di un modesto
funzionario, egli dovette la possibilità di condurre a termine
i suoi studi di diritto ad alcuni ricchi borghesi. La Rivolu­
zione fece di questo modesto avvocato un membro del dipar­
timento e in seguito il presidente del Tribunale per le cause
penali. Eletto insieme a Vergniaud, ne differiva per le sue
qualità di indefesso lavoratore e per la serietà delle sue idee.
Oratore mediocre, cedette ben presto alle tentazioni della
polemica personale.
Nonostante le sue origini mediocri, nel 1789 Gensonné
ha già una solidissima posizione d'avvocato. Un difetto di
pronuncia gli procura il soprannome di « papero della Gi­
ronda »; tuttavia non tarderà a imporsi per la fondatezza delle
cause che difende, per la serietà della sua informazione e la
chiarezza delle sue conclusioni. Più tardi, alla Convenzione,
si assoderà alle violenze verbali dei suoi am1c1.
Il più giovane del gruppo non è un avvocato. Appena
VI. Il romanticismo rivoluzionario
195
ventiquattrenne al tempo della crisi rivoluzionaria, Ducos è
un commerciante bordolese che, legato agli altri deputati
della Gironda dall'amicizia e dai comuni ricordi, nelle sue
decisioni politiche si rivelerà assai più lungimirante di essi.
Egli tenterà a lungo di evitare la rottura con la Montagna e,
alla · vigilia del 3 1 maggio, Marat proporrà che il suo nome
sia cancellato dalle liste di proscrizione. Ma i vincoli affettivi
e l'influenza di suo cognato Boyer-Fonfrède si riveleranno dei
fattori più potenti della coscienza rivoluzionaria.
Personalità brillanti ma inconsistenti, questi giovani Gi­
rondini sono fautori di una repubblica in cui il talento sia il
criterio fondamentale della selezione sociale. Il loro fascino,
e i salotti in cui vengono festosamente accolti - quale quello
di Madame Dodun in piace Vendòme - gli procurano un
pubblico eterogeneo di ambiziosi e di frustrati, ma anche di
uomini raffinati per i quali essere democratici non vuol dire
essere ignoranti.
Il più indipendente dei simpatizzanti Girondini è Con­
dorcet, il cui atteggiamento politico ha conosciuto molti ten­
tennamenti. Membro della Società dell'89 e amico di La
Fayette e di Sieyès, ne ha favorito il riavvicinamento a Brissot
nell'imminenza della guerra. La fuga di Luigi XVI provoca
la sua adesione alla repubblica, ma a una repubblica dei Lumi
lontanissima da qualsiasi demagogia. All'inizio della Conven­
zione, sebbene amico di Brissot, condanna gli attacchi giron­
dini contro Robespierre. Il progetto di Costituzione ch'egli
presenta allora è di una democraticità spinta all'estremo, ma
la Montagna lo respinge, e Condorcet rimarrà un simpatiz­
zante dei Girondini.
Già durante la Legislativa, intorno a Brissot e agli oratori
della Gironda si era spontaneamente riunito un certo numero
di politicanti, cui altri se ne aggiungeranno più tardi alla Con­
venzione. Fra i primi v'è un industriale meridionale, Isnard,
la cui eloquenza reboante e immaginosa passa da accenti di
estrema democraticità alle più velenose accuse contro Parigi.
Fra i secondi troviamo invece Pétion; l'amico di Robespierre
perderà la sua popolarità per l'atteggiamento esitante tenuto
196
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
il 10 agosto, e si avvicinerà alla Gironda perché ne condivide
i rancori.
I simpatizzanti stranieri hanno un ruolo di primissimo
piano. Parigi pullula di rifugiati politici che vogliono rendere
la Francia partecipe delle loro passioni e del loro desiderio
di vendetta, e in questo senso la Parigi girondina diventa la
centrale della rivoluzione europea. Il banchiere Clavière, esi­
liato da Ginevra per le sue idee democratiche nel 1782, diven­
terà ministro delle Finanze.
Fu con il nome di ' rolandini ' che i Girondini furono
definitivamente condannati dai loro avversari; gli amici dei
coniugi Roland, infatti, formavano all'interno del partito un
nucleo ristretto la cui influenza fu fatale all'intero gruppo.
Nulla in realtà aveva preparato Jean-Marie Roland de la
Platière al ruolo di capo di una fazione. Nato nel 1734, allo
scoppio della rivoluzione era già anziano. Proveniente da una
famiglia imparentata con la nobiltà di toga, sotto l'Ancien
Régime Roland aveva ricoperto alte cariche pubbliche; nella
sua qualità di ispettore alle manifatture, era legato all'am­
biente degli economisti, e la sua competenza gli aveva con­
sentito di scrivere parecchie opere.
Già maturo - nel 1780 - Roland aveva sposato una
ragazza d'origine più modesta, Jeanne-Manon Phlipon. Molte
influenze avevano lasciato le loro tracce su quest'animo dolce
ed entusiasta, quale quella di Jean-Jacques, la cui lettura
aveva impregnato di deismo un temperamento già natural­
mente portato al misticismo, e quella di Plutarco e di Cor­
neille, che avevano contribuito a sviluppare in lei l'aspira­
zione a un destino illustre. Illustre, o più semplicemente indi­
viduale? Alle barriere globali che contrastano il passo al
talento, la società del XVIII secolo aggiunge, per la donna,
i divieti e i tabù più coercitivi. Come meravigliarsi che in
lei il generico fascino dell'individualismo si sia sublimato nel
sogno di un destino fuor del comune? È poco probabile che
il suo matrimonio con Roland, più vecchio di lei di vent'anni,
avesse soddisfatto le sue esigenze più profonde. Anche per
lei la Rivoluzione è l'occasione sognata per sottrarsi alla noia
VI. Il romanticismo rivoluzionario
197
e alla monotonia della vita di provincia. Nel suo salotto di
rue Guénégaud si riuniscono le personalità più in vista della
sinistra. Nella primavera del 1792 Roland è nominato mini­
stro degli Interni, e Manon lascia rue Guénégaud per il son­
tuoso palazzo sito sull'area dell'attuale Banca di Francia. La
caduta del governo girondino, in giugno, le fa provare l'ama­
rezza della perdita del potere; e allorché, dopo il 10 agosto,
Roland torna al suo posto, è ben decisa a esercitare un'in­
fluenza politica. Quale sarà quest'influenza? Fino al 10 agosto,
a quanto pare, ella intuisce chiaramente i vantaggi dell'unione
democratica, e fa di tutto per guadagnarsi Robespierre, rim­
proverando a Brissot e ai Girondini i loro negoziati con la
corte e la loro esitazione a mettersi alla testa del movimento.
Ma la sua gelosia nei confronti di Danton, la cui spiccata
personalità eclissa tutti gli altri membri del Consiglio esecu­
tivo, le ispira un odio sempre più profondo contro i Monta­
gnardi. Òdio che in se stesso non avrebbe alcuna importanza,
se Manon non facesse partecipe dei suoi rancori il cenacolo
di giovani amici e adoratori che affolla il suo salotto: il roman­
ziere Louvet, il focoso Barbaroux e l'innamorato Buzot. Con
la violenza e la continuità dei loro attacchi, gli amici dei
coniugi Roland getteranno il discredito sull'intero partito
girondino.
LA COMUNE DI PARIGI
L'insurrezione del 10 agosto si era realizzata nonostante
l'Assemblea legislativa, guardata con sospetto dalle sezioni
parigine e dai federati. La politica dei democratici - e di
Robespierre in particolare - tende a favorire un compro­
messo provvisorio fra il nuovo potere di fatto, la Comune,
e il vecchio potere legale, rispettando in tal modo la finzione
parlamentare.
Il Comitato insurrezionale viene completato con le ele­
zioni. Il nuovo consiglio generale della Comune, riunito in
permanenza a gµisa di Assemblea nazionale, conta duecen-
198
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
tottanta membri e, da un punto di vista sociale, rispecchia
gli ambienti del militantismo parigino: due soli operai, un
centinaio di bottegai e artigiani, quarantacinque liberi pro­
fessionisti, venti funzionari, ventitré uomini di legge, cinque
preti; un'assemblea di sanculotti, insomma, guidata dai bor­
ghesi democratici che domani formeranno il partito monta­
gnardo, e in cui l'ex attore Collot d'Herbois e l'ex oratoriano
Tallien compiono il proprio tirocinio politico. Per il momento
i due uomini di maggior rilievo, e che ne diventeranno i
portavoce, sono Robespierre e Huguenin. Il 10 agosto Hugue­
nin dichiara apertamente all'Assemblea che, sebbene la Co­
mune « torni ad accordarle la propria fiducia », non la rico­
noscerà « come giudice delle misure straordinarie cui la neces­
sità e la resistenza all'oppressione l'hanno costretto ». È facile
immaginare i rancori di un parlamento a tal punto umiliato.
All'Assemblea, del resto, siede soltanto la minoranza.
L'eliminazione o la diserzione della destra e del centro lasciano
alla Gironda il controllo degli altri circa duecento deputati,
ed essa ne approfitta per creare la Commissione dei Dodici,
sorta di organismo di difesa. Ma una commissione parlamen­
tare non è un governo. Il potere esecutivo viene affidato a un
Consiglio di sei ministri. I Girondini non hanno che da richia­
mare Roland, Clavière e Servan; agli Affari esteri fanno
nominare l'amico Lebrun, alla Marina Monge. Abbastanza
sorprendente è la nomina di Danton alla Giustizia: secondo
Condorcet si pensò che la presenza del popolare leader della
sezione del Théatre Français avrebbe costretto la Comune a
rispettare il Consiglio esecutivo. Ma questo calcolo si rivelò
doppiamente errato, perché il Consiglio non godette maggior
popolarità dell'Assemblea, e la spiccatissima personalità di
Danton finì con l'esasperare i suoi colleghi.
IL PRIMO TERRORE
Così com'era accaduto nell'estate del 1789, e successiva­
mente al tempo di Varennes, la coscienza delle masse diventa
VI. Il romanticismo rivoluzionario
t99
preda della paura. L'opinione pubblica, male informata, è
sovreccitata dal mito di una vasta congiura aristocratica scam­
pata al 10 agosto, e per le vie di Parigi corrono le voci più
sinistre.
Il divario esistente fra un tale panico e la realtà è peraltro
evidente. Indubbiamente la Rivoluzione è esposta a mille
pericoli. Estromessi dall'Assemblea, i Foglianti seguitano a
spadroneggiare nella maggior parte delle amministrazioni di­
partimentali; molte di esse condannano il 10 agosto, e quella
della Creuse arriva fino a progettare un piano di federazioni
dipartimentali contro Parigi. Nelle Ardenne le autorità se­
guono La Fayette, che tenta di lanciare le proprie truppe
contro Parigi, e nell'armata del Reno molti generali si rifiu­
tano di piegarsi al fatto compiuto. Ma non si tratta di minacce
serie: usciti dalla corrente rivoluzionaria, i Foglianti non
hanno più alcun vero potere, giacché la borghesia moderata
sa bene quale sorte le toccherebbe se la controrivoluzione riu­
scisse a trionfare. Illuminante è il caso di La Fayette, che,
rifugiatosi presso gli austriaci, verrà imprigionato per parecchi
anni in una fortezza. Tra la rivoluzione democratica e la
controrivoluzione, non v'è più posto per un partito liberale,
anche se del tutto conforme alle esigenze del secolo.
La controrivoluzione era veramente un pericolo per il
paese? Il bilancio dei suoi tentativi si chiude dovunque con
un fallimento. In Vandea, dove la sollevazione nobiliare
trionfa a Chatillon-sur-Sèvre ma fallisce davanti a Bressuire;
in Bretagna, ove il complotto di La Rouairie viene denunciato
alle autorità ; e nel Sud-Est, dove il campo di Jalès viene
disperso senza difficoltà, dovunque, insomma, l'aristocrazia dà
prova della sua debolezza. Donde scaturisce questo panico che,
sin dall'estate dell'89, ingigantisce smisuratamente i pericoli
della congiura aristocratica? Dalle umiliazioni sociali accumu­
latesi nel corso del secolo e che fanno apparire intollerabile
il minimo rischio di un ritorno al passato? O, più oscura­
mente, dal rinascere degli antichi terrori cui periodicamente
soccombono gli umili?
La paura comunque fa da battistrada alla repressione. La
200
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Comune, seguita in ritardo da un'Assemblea riottosa, si as­
sume l'iniziativa di una politica terroristica che prefigura
quella del 1793 .
A partire dal 14 agosto, ai funzionari e a tutti coloro che
intendono usare dei propri diritti civili viene imposto un
nuovo giuramento « alla libertà e all'eguaglianza ». Rifiutarsi
di giurare significa diventare immediatamente sospetti. Un
decreto dell'l l agosto autorizza le municipalità a effettuare
indagini di polizia e i dipartimenti a spiccare mandati d'ar­
resto. A Parigi, la Sureté générale addirittura scavalca il
dipartimento e la Comune: i comitati di sorveglianza sono
costituiti dalle sezioni. Parigi è continuamente setacciata da
perquisizioni, arresti e visite domiciliari. Nei quindici giorni
successivi al 10 agosto 500 persone circa finiscono in carcere;
particolarmente colpiti sono i giornalisti, i politicanti di ten­
denza fogliante e il personale di servizio della famiglia reale.
La punizione dei « colpevoli » è all'ordine del giorno. Il
10 agosto la vendetta popolare si è spontaneamente scaricata
sui disgraziati svizzeri delle Tuileries, e già si parla di purghe
nelle prigioni. I leader montagnardi capiscono che per evitare
i massacri è necessario organizzare una repressione legale.
« La vendetta popolare deve finire là dove comincia l'azione
degli agenti della nazione » : la Comune coglie a volo l'idea
di Danton e impone all'Assemblea recalcitrante la creazione
di un tribunale straordinario i cui giudici saranno eletti dalle
sezioni. Robespierre, che vuole salvaguardare il proprio avve­
nire politico e teme di screditarsi, si dimette; e vede giusto,
giacché il Tribunale del 17 agosto non basterà a placare la
reazione punitiva, e la sua clemenza sarà considerata anch'essa
sospetta.
Fra religione e Rivoluzione non v'è più alcuna possibilità
di intesa. All'Assemblea e alla Comune la maggioranza nutre
il medesimo disprezzo per la questione religiosa.
Le prime vittime sono i preti refrattari. Il decreto del
26 agosto rimette in vigore, inasprendole, le pene comminate:
se entro otto giorni non avranno chiesto il passaporto e non
saranno espatriati, verranno deportati alla Guiana. Se rifiu-
VI. Il romanticismo rivoluzionario
201
tano il giuramento del 14 agosto, saranno colpiti anche i preti
che, non essendo pubblici funzionari, non avevano l'obbligo
di prestare il giuramento del 27 novembre 1790. E sebbene
certi religiosi, come ad esempio il direttore di Saint-Sulpice,
si pieghino senza difficoltà a una formalità che non coinvolge
la loro fede, sono molti però quelli che temono di compro­
mettere la propria coscienza. A Parigi i passaporti vengono
negati, e l'Assemblea lascia fare : il prete refrattario diventerà
un ostaggio.
Queste misure, prodromi di una vera e propria scristia­
nizzazione, non colpiscono soltanto i refrattari. L'l 1 agosto
l'Assemblea decreta la chiusura dei conventi ancora esistenti,
il 18 vengono soppressi gli ordini educativi e ospedalieri. Su
proposta di Manuel, la Comune vieta le processioni pubbliche
e rimuove le campane delle chiese. La resistenza popolare è
vivissima, anche nelle sezioni in cui predominano i sancu­
lotti. Pochissimi sono gli uomini politici preoccupati di una
possibile rottura con le masse; insieme a Robespierre, cite­
remo Camille Desmoulins, che ironicamente dice a Manuel:
« Mio caro Manuel, i re sono maturi, ma non lo è il buon Dio ».
Pur non approvando il settario anticlericalismo della Co­
mune, la maggioranza assembleare è indifferente al clero,
giurato o no, o addirittura ostile, giacché sa bene che nell'in­
sieme esso non ha mai accettato la decadenza di Luigi XVI;
e inconsciamente rispecchia il relativo distacco della borghesia
democratica nei confronti di qualsiasi culto. Il 20 settembre,
prima di sciogliersi, essa approverà l'istituzione dello stato
civile e la legge sul divorzio, e questa laicizzazione della so­
cietà e dello Stato recherà alla religione tradizionale una ferita
ben altrimenti profonda di quella infertale dalla Costituzione
civile del clero.
Città e campagne reclamano il premio del sostegno dato
alla Rivoluzione. Il contado generalmente subiva ancora il
peso dei diritti signorili gravanti sulla terra, e aboliti dal
decreto del 4 agosto solo in cambio di un riscatto onerosis­
simo ; e d'altra parte era rimasto in sospeso l'irritante pro­
blema dei beni comunali, di cui i signori contestavano alle
202
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termid()ro
collettività parrocchiali il pieno possesso. La vendita dei beni
ecclesiastici e regi, infine, sarebbe andata a vantaggio dei
piccoli contadini solo se fosse stata realizzata in lotti di scarsa
estensione. Preoccupata di restare isolata, su tutti questi punti
l'Assemblea fa notevoli concessioni: il 14 agosto adotta il
criterio della divisione in piccoli lotti sia per i beni nazionali
ancora da vendere, sia per i ben� .:omunali da dividere; il
26 agosto sopprime senza indennizzo i diritti signorili reali,
ad eccezione di quelli di cui il signore può esibire il titolo;
il 28, infine, attribuisce il possesso dei beni comunali esclu­
sivamente alle comunità dei villaggi. Per i contadini, la se­
conda rivoluzione si rivela altrettanto redditizia della prima.
Più gravi sono le esigenze delle popolazioni urbane. Già
difficili in quanto mesi di saldatura, l'agosto e il settembre
del 1792 soggiacciono inoltre alla duplice incidenza dell'infla­
zione e del cattivo raccolto del 1791. A Parigi il pane è a
buon mercato - due soldi - grazie agli espedienti cui ricor­
rono le autorità, che rivendono sottocosto il grano acquistato.
In provincia invece i disordini provocati dalla scarsezza di
sussistenze ricominciano, accompagnati dalle tradizionali riven­
dicazioni della requisizione e del calmiere; misure che ripu­
gnano alla borghesia, girondina o montagnarda che sia. Ma
la necessità fa breccia nel muro del liberalismo: nonostante
l'opposizione di Roland, la legge del 9 settembre autorizza
la requisizione dei cereali, e il 16 si decreta il censimento
delle scorte. Il calmiere però viene respinto, tranne che per
il vettovagliamento dell'esercito. Questi strappi alla regola
sono giustificati dalla situazione militare.
L'INVAS IONE
Le frontiere vengono varcate alla fine d'agosto, innanzi­
tutto dagli austriaci, che entrano nel Nord del paese partendo
dal Belgio; ma, esitanti e poco numerosi, non assalgono alcuna
piazzaforte. L'attacco principale è sferrato dall'armata prus­
siana al comando del duca di Brunswick. Quale resistenza
VI. Il romanticismo rivoluzionario
20}
potrebbero opporre le armate francesi agli 80.000 austro­
prussiani? Dumouriez, succeduto a La Fayette, dispone a
Sedan di 20.000 soldati ; in Lorena, Liickner comanda 15 .000
uomini; l'armata del Nord e quella del Reno non possono
essere sguarnite.
Il 19 i prussiani penetrano in Francia, il 20 sono davanti
a Longwy. La guarnigione potrebbe difendersi, ma il 23, atter­
rita dai bombardamenti, la popolazione la costringe ad arren­
dersi. Impantanati nel fango della Lorena, dopo pochi giorni
i prussiani riprendono l'avanzata in direzione di Verdun, iso­
lata. Il comandante Beaurepaire è deciso a difendere la città ,.
ma nella notte fra il 1° e il 2 settembre lo trovano morto,.
probabilmente assassinato, nel suo ufficio. Il giorno dopo
Verdun capitola, ed emigrati e refrattari vi s'infiltrano al
seguito dell'armata prussiana. Parigi dichiara gli abitanti di
Longwy « infami e indegni per sempre di esercitare i diritti
di cittadini francesi ». Ai pericoli immaginari si sostituisce
una minaccia reale: la strada della capitale è aperta.
La notizia della presa di Longwy giunge a Parigi il 26
agosto, nel momento in cui la rivalità fra i due poteri è al
colmo. Esasperati dai continui e arbitrari arresti e dalle ripe­
tute e immotivate perquisizioni effettuate dalla Comune, i
Girondini vorrebbero liberarsene; e lo tenteranno il 30, allor­
ché, su domanda di Roland, l'Assemblea ne ordinerà la sop­
pressione e l'elezione di una Comune legale. Troppo tardi! I
rovesci militari impongono l'unione, e tre giorni dopo il
decreto verrà abrogato.
Occorrono provvedimenti immediati per la difesa nazio­
nale. Il 26, mentre la Comune fa chiudere le porte della città
prima di ordinare il disarmo degli individui sospetti, l'As­
semblea decreta una leva di 30.000 uomini a Parigi e nei
vicini dipartimenti; per organizzarla il Consiglio esecutivo
invierà dei commissari scelti da Danton fra i membri della
Comune. In quei giorni difficili, Danton personifica la pas­
sione dell'unione rivoluzionaria : mentre la Comune e Robes­
pierre si lasciano travolgere dal loro odio contro la Gironda,
men tre Roland e i suoi partigiani pensano di fuggire a sud
204
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidf)'O
della Loira o addirittura in Corsica, Danton si erge a baluardo
contro il settarismo degli uni e i terrori degli altri. Due volte
la forza delle sue parole scuote l'intera Assemblea. « Tutto
appartiene alla patria, quando la patria è in pericolo », pro­
clama il 28; e il 2 settembre, quando Parigi saprà che Verdun
è assediata, pronuncia il suo celebre discorso :
Tutti si agitano, tutti s1 scuotono, tutti bruciano dal desiderio
di combattere ( ... ) I rintocchi della campana a martello non sa­
ranno un segnale d 'allarme, ma la carica contro i nemici della
patria. Per vincere, Signori, dobbiamo essere audaci, ancora au­
daci, sempre audaci, e la Francia sarà salva.
Grazie a lui e grazie ai decreti che farà approvare, la
guerra continuerà con rinnovato vigore. Sul quadrante rivo­
luzionario, l'ora del pericolo esterno è sempre l'ora di Danton,
l'uomo della patria in pericolo.
l
MAS SACRI DI SETTEMBRE
Due ore dopo il discorso di Danton, il rombo del can­
none d'allarme, i rintocchi delle campane a martello e il
rullo dei tamburi chiamano i parigini al Campo di Marte,
dove la Comune ha deciso di procedere all'arruolamento di
un'armata di 60.000 uomini; in quest'atmosfera febbrile avrà
inizio il massacro dei prigionieri. Le prime vittime fanno parte
di un gruppo che si sta trasferendo dal municipio alla prigione
dell'Abbaye, vicino a Saint-Germain-des-Prés. Verso sera,
alcuni improvvisati « tribunali popolari » giudicano prigionieri
tratti da tutte le carceri parigine: i Carmelitani, la Force, lo
Chàtelet. Le esecuzioni continuano nei giorni seguenti, e alla
Force finiranno soltanto il 6 settembre.
Massacrati e massacratori ci sono perfettamente scono­
sciuti. Secondo le valutazioni più attendibili, il numero delle
vittime oscilla fra i 1 . 100 e i 1 .400, ossia quasi la metà dei
carcerati della capitale. Di essi, tre quarti circa erano dete-
VI. Il romanticismo rivoluzionario
205
nuti per reati comuni, particolarmente odiati in quanto nelle
prigioni si stampavano assegnati falsi. Fra le vittime « poli­
tiche », invece, sembra che particolarmente presi di mira
siano stati i refrattari. Degli autori dell'eccidio, o per lo meno
di coloro che ci sono noti, sappiamo che appartenevano agli
stessi strati sociali da cui provenivano gli attivisti del 20 giu­
gno e del 10 agosto : bottegai, artigiani, guardie nazionali
e federati. Questi massacri non derivano dunque da un im­
provviso scatenarsi della feccia della capitale: le prigioni
furono insanguinate da elementi piccolo-borghesi, e non da
criminali o teppisti.
Chi furono gli istigatori? I giornalisti? Dal 1 0 agosto,
invero, la stampa d'estrema sinistra aveva implacabilmente
additato all'attenzione popolare i « cospiratori » detenuti nelle
prigioni. A gettare olio sul fuoco, più di Marat - il cui
giornale aveva cessato le pubblicazioni il 19 agosto -, fu Fré­
ron, nell'« Orateur du peuple ». Ma i sanculotti non avevano
alcun bisogno di incitamenti: le coscienze erano obnubilate
dall'ossessione del tradimento e dal pensiero che i volontari
avrebbero lasciato Parigi abbandonando mogli e figli alla
mercé dei cospiratori delle prigioni. L'antico panico secolare
di tutti i diseredati del mondo sgorgò ancora una volta dalle
tenebre dell'inconscio, dilatandosi nel delirio della violenza
collettiva. A proposito di questi massacri, Jaurès scrisse che
« la paura non è una forza rivoluzionaria », e probabilmente
aveva ragione, giacché concepiva la rivoluzione come un feno­
meno di lungo periodo, come un'inevitabile fase di transizione
a un livello superiore di progresso umano. Ma fatto sta che,
già molto prima del 10 agosto, quella rivoluzione dell'intelli­
genza e della necessità era riuscita a imporsi solo suscitando
forze la cui dinamica obbediva ad altre leggi; ciò che conta,
nel breve periodo, è la rivoluzione della miseria, dell'impulso
e della violenza punitiva, e la prima è impotente senza la
seconda. Che cosa si può dunque rispondere a Robespierre
quando giustifica i massacri : « Volevate una Rivoluzione senza
rivoluzione? Quale popolo riuscirebbe mai a scuotere il giogo
della tirannide a questo prezzo? ».
206
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Sul momento, l'atteggiamento delle autorità, sopraffatte
e intimorite, è improntato al più grave imbarazzo. I massacri
non sono stati organizzati dalla Comune né dal Comitato di
sorveglianza, che hanno permesso che si compissero cercando
soltanto di limitarne l'ampiezza. Danton, ministro della Giu­
stizia, si è astenuto da qualsiasi intervento. Il 3 settembre
lo stesso Roland scrive: « Ieri fu un giorno di avvenimenti
su cui probabilmente bisognerà stendere un velo ». L'opinione
rivoluzionaria nel suo insieme non approvò l'avvenimento,
ma lo giustificò. Le forze impegnate contro la Franci-a in
guerra, le voci ossessionanti di una congiura ordita nelle car­
ceri, tutto spingeva i presenti a far proprio il dilemma espresso
da Gorsas, personaggio peraltro pacifico: « Perire per mano
loro o farli perire di nostra mano, ecco la crudele alterna­
tiva ». A freddo, si esprimeranno pubblicamente molti radi­
cali ripensamenti, ma nel momento dell'ira l'impressione domi­
nante fu di codardo sollievo.
La strumentalizzazione politica di quest'ondata di violenza
fu invece immediata. Obbedendo al proprio settarismo, i Mon­
tagnardi, e in particolare Robespierre, si assunsero l'iniziativa
di dirottare il furore popolare contro i Girondini. Prendendo
a pretesto un articolo pubblicato in luglio da Garra, il 2 set­
tembre, la Comune Robespierre accusa i Girondini di avere
offerto la corona al duca di York e al duca di Brunswick.
Accusa del tutto infondata, ma pericolosa: la notte stessa,
il Comitato di sorveglianza fa perquisire l'abitazione di Brissot
e ordina l'arresto di Roland e di alcuni deputati girondini.
A troncare le persecuzioni interviene allora Danton, ma è
facile immaginare quale odio nutriranno d'ora in poi i Giron­
dini contro coloro che del terrore popolare hanno fatto il
cardine delle proprie manovre politiche.
La vendetta non si farà aspettare: dopo pochi giorni
l'opinione pubblica evolve in senso sempre più nettamente
antiterroristico. Molte sezioni parigine condannano i massacri
e proteggono i firmatari delle petizioni « anticiviche », con­
siderati sospetti. A questo punto i Girondini ritorceranno
contro i loro avversari l'arma di cui costoro si erano serviti
V 1. Il romanticismo rivoluzionario
207
al principio del mese, e, forti della generale stanchezza, accu­
seranno i Montagnardi di avere organizzato i massacri per
apririsi la via alla dittatura. Roland attacca i commissari della
Comune inviati da Danton presso i dipartimenti, e che ver­
ranno richiamati il 2 1 settembre; Vergniaud si scaglia contro
la Comune, che sarà sciolta il 19. Sulla violenza popolare si
innestano cosl meschine rivalità fra gruppi; ma l'arresto del­
l'invasione consentirà alla Gironda di speculare sul bisogno
di tregua che si va generalizzando in tutto il paese.
VALMY
Dopo la presa di Longwy, la condotta delle operazioni
risente di una certa titubanza. Nominato generale in capo
dell'armata del Nord, Dumouriez sostiene il piano che aveva
elaborato come ministro: l'invasione del Belgio. Il 29 agosto,
riunisce ancora una volta il Consiglio di guerra, che decide
di entrare in Belgio per impedire a Brunswick di continuare
la sua marcia verso Parigi. Gli ordini del Consiglio esecutivo
e la presa di Verdun lo costringono però a rinunciare al suo
piano. Egli pertanto si attesta dietro le « Termopili della
Francia », le Argonne, mentre Kellermann riceve l'ordine di
raggiungerlo con l'armata del Centro. Dumouriez si appella
al patriottismo degli abitanti e distribuisce meditatamente la
propria armata. Il comandante in capo della coalizione, dal
canto suo, non ha alcuna fretta di impegnare il combatti­
mento; le sue truppe, divise in diversi corpi, avanzano len­
tamente, cercando di tenere sotto controllo i valichi. Bruns­
wick si presenta davanti alle Argonne il 7 settembre. Il 14,
uno dei suoi luogotenenti riesce a forzare il passo della Croix­
au-Bois, e Dumouriez è costretto a ripiegare su Sainte-Méne­
hould; ma il 19 le truppe di Kellermann si congiungono con
le sue. Il re di Prussia, contagiato dall'impazienza degli emi­
grati francesi, ordina a Brunswick di attaccare. Voltando le
spalle alla strada per Parigi, i prussiani impegneranno la bat­
taglia su un fronte rovesciato.
208
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
La mattina del 20 settembre, arrivando davanti alle alture
di Valmy, le avanguardie prussiane vengono accolte da un
violento cannoneggiamento. Verso l'una del pomeriggio, la
fanteria riceve l'ordine di attaccare le posizioni francesi. I
cannoni francesi tacciono e la lasciano avanzare. Ma ecco il
celebre grido di Kellermann: « Viva la Nazione! ». Sorpresa
dalle note del ça ira, la fanteria prussiana esita. Brunswick
ordina di fermare l'avanzata; verso sera l'artiglieria tace. Da
un punto di vista militare, la battaglia di Valmy fu tutt'altro
che trascurabile, e fu uno dei primi scontri in cui il tiro
d'artiglieria ebbe un ruolo considerevole. La sua leggenda di
« battaglia da operetta » va dunque sfatata, anche se in realtà
molto maggiore fu la sua portata psicologica e morale. Se la
celebre frase di Goethe, che fa risalire a Valmy « un'era
nuova nella storia del mondo », è in realtà posteriore all'av­
venimento, essa ben esprime tuttavia la consapevolezza che
le leggi della guerra, con l'appello alla nazione armata, sareb­
bero cambiate.
Lo stesso giorno della battaglia di Valmy, la Legislativa
cedeva il posto alla Convenzione.
GLI INIZI DELLA CONVENZIONE
La terza assemblea rivoluzionaria si riuni il 20 settembre
nella sala del Maneggio. Perché la « Convenzione »? Questa
parola d'origine inglese e resa illustre dall'indipendenza ame­
ricana è entrata nella letteratura politica per designare un
potere che si attribuisce in via eccezionale due compiti: l'ela­
borazione di una nuova Costituzione e il provvisorio esercizio
di tutti gli attributi della sovranità. Teoricamente, le elezioni
avrebbero dovuto svolgersi a suffragio universale a due livelli :
in realtà ne furono esclusi o se ne astennero volontariamente
tutti gli avversari del 10 agosto, dagli aristocratici ai Foglianti.
A Parigi, dove le votazioni ebbero luogo in pubblico e ad
alta voce, si rifiutò il voto ai firmatari delle vecchie petizioni
realiste. Il popolo dei « passivi », dal canto suo, ignorò i
VI. Il romanticismo rivoluzionario
209
propri diritti civili o non si azzardò a farne uso. I membri
del più audace parlamento della storia di Francia furono
pertanto eletti da una minoranza politicamente impegnata.
I Convenzionali appartengono tutti alla borghesia, con
due sole eccezioni. Molti - quasi 250 su 749 - sono giu­
risti; ma, soprattutto, la nuova assemblea annovera il fior
fiore del personale politico che ha fatto il suo tirocinio nei
tre anni di rivoluzione : 400 deputati circa sono stati membri
delle amministrazioni provinciali e locali, 86 hanno parteci­
pato alla Costituente e 149 alla Legislativa. Sebbene la bor­
ghesia francese divori molti suoi figli, continua però a pro­
durre con inesauribile fecondità gli uomini politici che la
durezza dei tempi esige.
In questi ultimi giorni di settembre le divisioni politiche
non si rivelano tutte con la stessa chiarezza. Al club dei Gia­
cobini, cui si sono iscritti soltanto un centinaio di deputati,
si incontrano sia i leader Girondini che quelli della Montagna:
l'eliminazione dei primi e l'esclusivo predominio dei secondi
si realizzeranno attraverso fasi successive. Bisogna dire che,
tranne che a Parigi, gli elettori non si sono pronunciati pro
o contro i partiti rivali, bensì pro o contro la rivoluzione
democratica nata dal 10 agosto. Nell'Eure, ove il girondino
Buzot e i fratelli Lindet vengono eletti congiuntamente ; a
Marsiglia, dove l'autorevolezza di un Barbaroux non riesce
a contrastare il predominio dei futuri Montagnardi, quasi
dovunque insomma l'unione democratica è indispensabile. I
Girondini sono più conosciuti per la maggioranza ottenuta
alla Legislativa e per aver diretto il Consiglio esecutivo, e i
loro leader vengono eletti in parecchi dipartimenti: Carra
sette volte, Brissot tre e Condorcet due volte. Ma a Parigi
si rifiuta qualsiasi compromesso, e accanto a Robespierre e
a Danton la deputazione comprende tutto lo stato maggiore
della Comune: il poeta Fabre d'Eglantine, l'attore Collot
d'Herbois, il professore Billaud-Varennes, il giornalista Des­
moulins. Marat viene eletto nonostante le esitazioni di molti
Montagnardi, e il duca d'Orléans, divenuto Filippo-Egalité,
viene anch'egli eletto malgrado l'ostilità di Robespierre. Al-
210
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
l'inizio, dunque, sembrano trionfare i Girondini - duecento
circa, contro un centinaio di Montagnardi. La celebrità e il
talento stanno dalla loro parte, e da quando Valmy ha allon­
tanato almeno temporaneamente la minaccia della disfatta, la
guerra di cui si sono fatti gli araldi non rappresenta più per
loro un ostacolo. Di fronte a una classe politica decapitata,
dopo il 10 agosto, delle sue élites più anticamente affermate,
essi ostentano le proprie inestinguibili risorse oratorie col
lusso vagamente offensivo dei nuovi ricchi. Ma in regime par­
lamentare non c'è nulla di peggio che affascinare un'assem­
blea senza essere a capo di un partito di maggioranza. E i
Girondini non rappresentano affatto la maggioranza, costi­
tuita invece dalla Pianura, o, come dicono i suoi detrattori,
dalla Palude, i cui componenti personificano la continuità della
rivoluzione borghese. I suoi cervelli politici, Barère, Cambon
o Sieyès, si schierano con la Gironda quando si tratta di
difendere la proprietà e la libertà dagli eccessi della sinistra;
ma il principale nemico resta sempre l'aristocrazia, la contro­
rivoluzione, e nell'ora del pericolo essi appoggeranno gli sforzi
eccezionali chiesti dalla Montagna. Molti pensano con Cou­
thon, il deputato paralitico del Puy-de-Dome, che esistano
due partiti estremisti, « un partito di uomini di esagerati
principi, e un partito di gente astuta, sottile, intrigante e
soprattutto ambiziosa al massimo ». Affermando la propria
egemonia e monopolizzando gli incarichi nelle commissioni
parlamentari, la Gironda ferisce molti amor propri, allonta­
nando uomini come Sieyès che, pur simpatizzando con le sue
idee, non tollera di sottostare ad avvocatucoli venticinquenni.
È possibile un'intesa fra le opposte fazioni? Le prime
sedute della Convenzione autorizzano questa speranza. Danton,
ergendosi ad ardente difensore dell'unità, ha ripetuti contatti
con i leader girondini, e il 21 settembre ottiene dall'Assem­
blea un voto unanime di condanna della dittatura e della
legge agraria, duplice minaccia alla libertà e alla proprietà
borghese continuamente sbandierata dai Girondini. La sera,
l'abolizione della monarchia viene pronunciata con la stessa
VI. Il romanticismo rivoluzionario
n1
unanimità: « I re - esclama Grégoire - rappresentano
nell'ordine morale quello che sono i mostri nell'ordine natu­
rale; la storia dei re è il martirologio delle nazioni » . La re­
pubblica non vienè proclamata, ma s'introduce quasi furtiva­
mente l'indomani, allorché si decide che tutti gli atti ufficiali
recheranno la data « dell'anno I della Repubblica ».
Il ramoscello d'olivo teso da Danton non verrà raccolto.
Già il 23 Roland e i suoi partigiani cercano di sfruttare la
propria posizione parlamentare per sopraffare Parigi, la sua
Comune e i suoi triumviri, Marat, Robespierre e Danton, e
la lotta continuerà per tutto il mese d'ottobre. Quali i risul­
tati ottenuti dai Girondini? Hanno chiesto l'istituzione di una
guardia dipartimentale destinata a proteggere la Convenzione
e, per dirla con Lasource, a ridurre « l'influenza di Parigi
a un ottantatreesimo »: ma la Convenzione non li segue, e
nonostante l'invio di gruppi di federati da parte di alcuni
dipartimenti, essi non avranno il ruolo sperato dalla Gironda;
hanno ottenuto il rimaneggiamento della Comune, ma benché
il nuovo sindaco Chambon sia un moderato, il Consiglio gene­
rale è sanculotto o giacobino; Chaumette è nominato procu­
ratore della Comune ed Hébert viceprocuratore. Hanno lan­
ciato accuse violentissime contro i triumviri, ma se Danton
ne viene sminuito per non aver potuto rendere conto dell'uso
dei fondi segreti di cui disponeva come ministro, Robespierre
e Marat ne escono illesi. Sul piano politico, la reazione giron­
dina è un mezzo fallimento.
Su due punti, invece, è efficace. La condanna espressa
dall'opinione pubblica contro gli eccessi terroristici del set­
tembre si inasprisce dopo Valmy, e i Girondini seguono e
amplificano questo rovesciamento d'opinione. Il 29 novembre
la soppressione del Tribunale rivoluzionario creato il 17 agosto
è preceduta dalla liberazione di parecchi prigionieri, dal ripri­
stino dei passaporti e da una relativa libertà di stampa. Il
medesimo successo ottengono nella reazione anticalmieratrice.
La legge dell'8 dicembre sopprime le misure di requisizione
e di controllo adottate in settembre, e ristabilisce la libertà
212
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termido,o
economica. Ostile al movimento terroristico e calmieratore,
la Gironda sfrutta abilmente i timori della borghesia rivolu­
zionaria unanime.
IL PROCES SO DEL RE
Che fare del re?
Dal 10 agosto, Luigi XVI è rinchiuso con sua sorella,
Madame Elisabeth, sua moglie e i suoi figli nell'antico tor­
rione medievale del recinto del Tempie. La Comune, nono­
stante gli sforzi di Roland, si è incaricata della sua custodia,
e con misure sempre più restrittive lo ha a poco a poco iso­
lato dai suoi, compreso, a partire dall'l l dicembre, il " gio­
vane delfino.
Processarlo? I documenti sequestrati alle Tuileries e suc­
cessivamente consegnati dalla Comune a una commissione par­
lamentare, lo consentono; la scoperta dell'armadio di ferro
segreto contenente numerosi documenti comprovanti i rap­
porti del re con la controrivoluzione, avvenuta il 20 novembre,
lo rendono inevitabile. La Convenzione si scinde assumendo
tre differenti posizioni. A sinistra, Saint-Just e Robespierre,
quasi isolati anche rispetto alla Montagna, si oppongono al
processo. Il primo, nel suo grande discorso del 1 3 novembre,
sostiene che Luigi XVI è un criminale per il solo fatto di
essere re, e che pertanto dev'essere punito ma non giudicato.
« Io dico che il re dev'essere considerato un nemico; che,
più che giudicarlo, dobbiamo combatterlo ( . . . ) Quale rapporto
ài giustizia v'è dunque fra l'umanità e un re? » . Robespierre,
pur giungendo alle stesse conclusioni, si basa su un'argomen­
tazione più serrata. Per lui giudicare il re equivale a giudicare
coloro che lo hanno detronizzato, e quindi portare la Rivolu­
zione davanti a una specie di corte d'appello. « Se il re non
è colpevole, lo sono coloro che lo hanno detronizzato. Il suo
processo sarebbe come un ricorso in appello del giudice istrut­
tore ». E conclude invocando la condanna senza processo.
La maggioranza parlamentare, sensibile a tali argomenti ,
VI. Il romanticismo rivoluzionario
213
respinge la conclusione. Ai suoi occhi Luigi è colpevole, ma
occorre un processo regolare, affinché l'opinione pubblica, in
Francia e all'estero, non possa dubitare della legittimità del
verdetto. Marat non è d'accordo con Robespierre né con
Saint-Just.
Luigi Capeto doveva essere portato in giudizio. Era una trafila
indispensabile per l'educazione del popolo: perché ciò che conta è
convincere tutti i membri della Repubblica con ogni mezzo ade­
guato alla diversa tempra degli animi.
Il 5 dicembre la Convenzione decide che il processo si
farà e che essa stessa giudicherà il re. Il 10 viene presentato
l'Atto enunciativo dei crimini di Luigi. Indubbiamente molti,
a destra dell'Assemblea, furono ostili al processo, ma tacquero.
Il 21 dicembre 1792 Luigi XVI fa la sua prima comparsa
davanti all'Assemblea, che gli concede la difesa. Il re designa
Tronchet e accetta l'offerta del fedele Malesherbes; i due
consiglieri incaricano dell'arringa un giovane avvocato, de
Sèze. Presente il re, il 26 de Sèze sviluppa un'argomentazione
giuridicamente ineccepibile, ma fragilissima da un punto di
vista politico, cominciando col dimostrare che l'inviolabilità
del re è iscritta nella Costituzione del 1791, e che pertanto,
se si vuole comunque processarlo, non va giudicato come re
ma come semplice cittadino, nel qual caso dovrà beneficiare
delle stesse garanzie: doppia giuria ( d'accusa e di giudizio),
escussione dei testimoni, perizie calligrafiche. « Cerco fra voi
dei giudici, e trovo soltanto degli accusatori » . Poi fa l'apo­
logia degli inizi « liberali » del regno, e nega l'intesa di Luigi
XVI con lo straniero. L'Assemblea si accorge che si tenta di
nascondere il vero sfondo politico del processo dietro la pro­
cedura. « La giustizia - esclama Saint-Just - non ha alcun
appiglio materiale contro la dissimulazione dei grandi delitti.
Il delitto non si vede, ma fa comunque delle vittime ».
I Girondini non si sono opposti al processo, ma hanno
fatto di tutto per ritardarlo, tentando d'insabbiarlo in una
generale condanna dei Borboni allo scopo di compromettere
214
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
i Montagnardi con Filippo-Egalité; il 16 settembre tutti i
Borboni vengono banditi. Una volta cominciato il processo,
pretendono l'appello al popolo per confermare o infirmare il
giudizio della Convenzione. « È il popolo che, con la Costitu­
zione del 179 1, ha accordato al re l'inviolabilità, soltanto il
popolo può togliergli tale inviolabilità », proclama Vergniaud.
Essi cozzano però contro un rifiuto di principio, giacché
l'appello al popolo infirma il sistema rappresentativo e par­
lamentare di cui proprio i Girondini si sono eretti a vigili
difensori nei confronti delle sezioni parigine, e contro un
rifiuto politico, giacché affidare il giudizio di Luigi XVI alle
assemblee primarie significherebbe scatenare la guerra civile.
Il 4 gennaio Barère risponde a Vergniaud con un grande
discorso che, come tutti i suoi interventi, sarà decisivo. Più
che una voce, Barère è un'eco, e attraverso le sue parole è la
Pianura che rifiuta di associarsi alla manovra girondina.
I dibattiti veri e propri cominciano il 14 gennaio. I depu­
tati, dietro appello nominale, dovranno pronunciarsi alla tri­
buna su tre quesiti: la colpevolezza del re, l'appello al popolo
e la pena da applicare. Alla prima domanda i presenti rispon­
dono affermativamente quasi all'unanimità. L'appello al po­
polo viene respinto con 423 voti contro 286. I Girondini
sferrano la loro ultima battaglia sulla questione della pena.
Dapprima Lanjuinais pretende ch'essa sia approvata a maggio­
ranza di due terzi, richiesta che Danton fa bocciare; poi il
deputato Mailhe, primo chiamato a pronunciarsi, vota per la
pena di morte ma ne chiede il rinvio, imitato da molti Giron­
dini. Il risultato dello scrutinio è di 366 voti favorevoli alla
pena di morte su 72 1 suffragi espressi, ossia una maggioranza
di cinque voti; ma il secondo appello prova che, se si esclu­
dono i sostenitori del rinvio, la maggioranza è raggiunta. Il
19 si procede a una quarta votazione sul rinvio, respinto con
383 voti contro 3 10.
Più che i particolari degli scrutini, sono le intenzioni pro­
fonde che meritano tutta la nostra attenzione. I deputati non
nutrivano alcuna animosità personale contro Luigi XVI. Lo
stesso Robespierre lo ammise: « In presenza del colpevole
215
VI. Il romanticismo rivoluzionario
umiliato davanti al potere sovrano, mi sentii vacillare in
cuore la virtù repubblicana ». Il verdetto fu una decisione
politica. Per la maggioranza - i regicidi - bisognava rom­
pere i ponti con qualunque speranza di compromesso, impe­
dire una controrivoluzione che sarebbe stata la rinuncia alle
conquiste politiche e sociali del 1789, e rassicurare gli acqui­
renti dei beni nazionali e i diversi interessi legati al nuovo
regime. Sfidare la controrivoluzione con la testa del re signi­
ficava impedirsi deliberatamente di tornare indietro.
Più difficile è capire le motivazioni profonde degli « ap­
pellanti ». Nessuno di essi era realista; probabilmente nutri­
vano la speranza, condivisa del resto anche da Danton, che
un atto di clemenza avrebbe contribuito a una relativa paci­
ficazione dell'Europa: ma tale calcolo era in aperto contrasto
con la politica estera dei Girondini. Si potrebbe dire soprat­
tutto ch'essi furono prigionieri della logica delle posizioni
assunte dopo il settembre del 1792 ; avevano registrato, ingi­
gantito e orchestrato il rovesciamento dell'opinione borghese
a favore della distensione, e la Convenzione li aveva seguiti.
Tentando di salvare il re, essi sperarono di riuscire a ricon­
quistarsi l'appoggio di queste forze profonde; ma si sbaglia­
rono, perché questa volta la rivoluzione borghese preferl
salvare se stessa.
LA
MORTE DEL
RE
CRI STIANI S S IMO
Il 20 gennaio, verso le due, Garat e Lebrun si recano al
Tempie per notificare a Luigi XVI le decisioni della Conven­
zione. Luigi risponde con tre richieste: una dilazione di tre
giorni per prepararsi alla morte, l'autorizzazione a vedere i
suoi familiari senza testimoni e il permesso di chiamare un
prete refrattario, l'abate Edgeworth de Firmont, già confes­
sore di Madame Elisabeth. La Convenzione accetta le due
ultime domande, e verso le 6 Garat torna al Tempie accom­
pagnato da Edgeworth.
Durante la sera, Luigi XVI s'intrattiene a lungo con il
216
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
suo confessore e si accomiata dai suoi. Verso le 1 1, il suo
cameriere gli serve la cena. « Il re - narra costui - mangiò
di buon appetito due ali di pollo e un po' di verdura, bevve
due bicchieri d'acqua e vino, e per dolce prese una piccola
porzione di crema inglese e un dito di vino di Malaga ». Cori­
catosi, Luigi XVI si addormenta subito profondamente.
Il 21, svegliato alle cinque del mattino, ascolta la messa
celebrata da Edgeworth e rinuncia all'ultimo incontro pro­
messo alla regina ; inutilmente chiede che gli sia permesso
di tagliarsi i capelli da sé. Verso le otto e mezza la porta si
apre : è Santerre, comandante in capo della guardia nazionale,
che viene a prenderlo. Nel cortile esterno del Tempie lo
attende una carrozza - probabilmente quella del ministro
Clavière.
Il tragitto dalla rue du Tempie alla piace de la Révolution
dura un'ora e mezza. Pioviggina, la nebbia vela le strade ove
le porte dei negozi e le finestre delle abitazioni sono chiuse
per ordine delle autorità. Una schiera silenziosa di circa 80.000
uomini armati di picche e di fucili fa ala al corteo.
Sulla piazza, la futura piace de la Concorde, sorge il pati­
bolo, di fronte alle Tuileries, fra il piedistallo della statua di
Luigi XV ( ove si erge l'attuale obelisco) e i Champs-Elysées.
Fra legionari della guardia nazionale, federati provenzali e
sezionali armati, v'è uno schieramento di 20.000 uomini.
Verso le dieci la carrozza si ferma. Il re rimane immobile
per qualche istante, poi scende e guarda il patibolo. Si sveste
da solo, ma deve lasciarsi legare le mani, e sale i gradini
appoggiandosi ad Edgeworth, mentre i tamburi rullano. Giunto
sul palco, tenta di resistere, vuole rivolgersi al popolo. La
leggenda realista gli attribuisce queste ultime parole: « Po­
polo, muoio innocente! Perdono gli autori della mia morte:
prego Dio che il mio sangue non ricada sulla Francia ». Ma
il rullo dei tamburi aumenta e copre la sua voce. La testa
del re cade alle dieci e venti. La folla grida entusiasta: « Viva
la Nazione ! » « Viva la Repubblica ! » « Viva la Libertà ! »
« Viva l'Eguaglianza ! » . E mentre il corpo viene portato al
VI. Il romanticismo rivoluzionario
217
cimitero della Madeleine, il popolo danza la farandola intorno
al patibolo.
Quale risonanza ebbe nel paese la morte del re? Da parte
realista c'è effettivamente qualche disperato sussulto. La vi­
gilia, un'ex guardia del corpo, Pierre de Paris, ha assassinato
il deputato Lepeletier de Saint-Fargeau, fautore della pena
di morte; qua e là, in provincia, si manifestano dei sintomi
di scontento: a Orléans e a Lione si prende il lutto, a Mont­
brison si manifesta. Ma nell'insieme l'opinione pubblica rea­
lista è come intorpidita, e la stanchezza trionfa sullo sdegno.
Stessa atonia da parte rivoluzionaria: tranne che a Parigi e
nelle assemblee, il processo di Luigi XVI non desta alcun
entusiasmo. Questo silenzio di tutto un popolo di fronte alla
morte del suo re segna una profonda frattura nella storia della
sensibilità popolare. Insieme alla testa di Luigi XVI cade nella
polvere l'unto del Signore, il guaritore di scrofole, il re tau­
maturgo. Anche se vent'anni dopo la monarchia verrà restau­
rata, nulla riuscirà a resuscitare la mistica della regalità sacra.
Più dei conflitti interni, sono i rapporti fra l'Europa e la
Rivoluzione che ne risultano modificati.
LE VITTORIE DELLA REPUBBLICA
Valmy è il punto di partenza di un vigoroso risolleva­
mento. I prussiani, che hanno gravi difficoltà di vettovaglia­
mento e tengono nuovamente d'occhio le manovre di Cate­
rina II in Polonia, nel giro di quindici giorni abbandonano
senza fretta il territorio francese, senza che Dumouriez e
Kellermann facciano nulla per attaccarli. Tuttavia, per il mo­
mento, il sentimento dominante è l'entusiasmo per la libe­
razione del territorio.
Tanto più che contemporaneamente le altre armate pas­
sano all'offensiva. Nelle Alpi il 23 settembre Montesquiou
obbedisce :finalmente all'ordine di invadere la Savoia, senza
incontrarvi nessuna resistenza. Sul Reno il 1° ottobre Custine
218
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
conquista Spira, poi Worms e Philippsburg, e, dopo una
momentanea ritirata, riprende l'offensiva e s'impadronisce di
Magonza e successivamente di Francoforte (22 ottobre). L'ope­
razione decisiva è la conquista del Belgio da parte delle truppe
di Dumouriez. Dopo alcune parziali ma accanite scaramuccie,
la battaglia inizia la mattina del 6 novembre nei pressi del
villaggio di Jemmapes, vicino a Mons. Gli austriaci sono sal­
damente attestati sulle alture che si stendono dinanzi a Mons;
i francesi attaccano lungo tutto il fronte, ma al centro e a
destra si verificano dei cedimenti, ed occorre tutta l'energia
di Dumouriez e di Egalité figlio (il futuro Luigi-Filippo)
perché l'offensiva riprenda; la sera gli austriaci battono in
ritirata.
L'importanza di Jemmapes nella storia militare della Ri­
voluzione è superiore a quella di Valmy. Nonostante la vec­
chia tecnica dell'attacco frontale - invece di una successione
di rapidi assalti concentrati - la composizione delle truppe
- in maggioranza volontari -, l'entusiasmo e il numero ne
fanno la prima vittoria rivoluzionaria.
Se Dumouriez, ansioso di attaccare l'Olanda, non avesse
fatto orecchio da mercante agli ordini del Consiglio esecu­
tivo, Jemmapes avrebbe potuto essere seguita da una cam­
pagna sul Reno: gli austriaci riuscirono invece a trincerarsi
sulla Mosella e i prussiani riconquistarono Francoforte e la
riva destra del Reno. Al momento di ritirarsi nei quartieri
d'inverno, il Belgio era ormai conquistato, ma le armate
nemiche erano ben lungi dall'essere state sbaragliate.
Le vittorie repubblicane pongono alla Convenzione alcuni
complessi problemi: si potrà ora concludere la pace? E che
fare dei paesi conquistati, giacché la guerra non si limita più
alla difesa del territorio? Tutti i partiti sono di parere discorde,
e tutti sono presi nell'ingranaggio messo in moto nell'aprile
del 1 792 : parlare di pace, ormai, significa essere sospetti
controrivoluzionari. Sicché né i Girondini né Danton, che
peraltro ne nutre il segreto desiderio, hanno il coraggio di
VI. Il romanticismo rivoluzionario
?19
sostenere pubblicamente una politica di negoziati. Il 26 no­
vembre il girondino Brissot scrive a Servan: « Non potremo
ritenerci tranquilli se non quando l'Europa, tutta l'Europa,
sarà in fiamme ». Certuni, invero, fra cui lo stesso Brissot,
sembrano piuttosto favorevoli alla creazione di « repubbliche
sorelle », mentre a sinistra si odono voci favorevoli alla poli­
tica d'annessione. Il montagnardo di sinistra Chaumette espri­
merà nel più sorprendente dei modi il vento di delirante
imperialismo che finirà col travolgere anche le menti più
obiettive: « Il territorio che divide Parigi da Pietroburgo
e da Mosca non tarderà ad essere francesizzato, municipaliz­
zato, giacobinizzato ».
In realtà la crociata della Libertà è contrastata da molte
difficoltà pratiche. Nei paesi occupati, la situazione dipende
dall'atteggiamento delle popolazioni nei confronti della Francia
e dalla politica dei generali che, privi di ordini, fanno cia­
scuno di testa sua. In Savoia, i cui abitanti sono legati alla
Francia dalla comunanza di lingua e da strette relazioni eco­
nomiche, Montesquiou assume un atteggiamento neutrale e
consente la formazione di una « Convenzione allobroga » che,
alla fine di ottobre, chiede l'annessione alla Francia. A Nizza,
città di lingua e sentimenti italiani, Anselme appoggia riso­
lutamente la colonia marsigliese, che naturalmente chiede
anch'essa l'annessione. Sul Reno, Custine favorisce aperta­
mente i rivoluzionari fino ad allora rifugiati in Francia o
fedeli alla Rivoluzione. In Belgio il problema si porrà diver­
samente, perché Dumouriez, nella speranza di diventare capo
di uno Stato belga indipendente, promette ai belgi di rispet­
tarne le libertà e il diritto all'autodeterminazione, e soprat­
tutto perché nessun partito belga vuole l'annessione: né gli
« statisti », che auspicano il ritorno agli aristocratici Stati
generali, né i « Vonckisti », fautori di un regime liberale
indipendente dalla Francia. In Belgio l'annessione verrà pura­
mente e semplicemente imposta.
A tante difficoltà locali, che fino alla metà di novembre
impediranno alla Convenzione di prendere una decisione di
massima, si sommano gli imperativi finanziari, di cui Cambon
220
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
sottolinea l'importanza sin dall'inizio: se si vogliono liberare
tutti i popoli, gli oneri della guerra toccheranno interamente
ai francesi? Bisogna imporre l'assegnato. Fra la volontà di
liberazione e l'oppressione fiscale v'è pertanto una latente
contraddizione che, almeno sul piano dei princìpi, può essere
risolta solo col mito dell'annessione volontaria. La vittoria
di Jemmapes solleva un entusiasmo che travolge le ultime
resistenze.
Due decreti vengono approvati : il 19 novembre, su pro­
posta del girondino La Revellière-Lépeaux, la Convenzione
proclama « che la nazione francese accorderà fraternità e aiuto
a tutti i popoli che vorranno rivendicare la propria libertà »;
decreto che sarà considerato dai governi stranieri come una
istigazione alla guerra civile europea. Ma il 15 dicembre
Cambon ottiene l'approvazione di un altro decreto, che spe­
cifica le condizioni poste dai francesi alla liberazione dell'Eu­
ropa : abolizione dei privilegi e della decima, soppressione
dei beni del clero, introduzione dell'assegnato, guerra a
oltranza contro i popoli che rifiuteranno la libertà e l'egua­
glianza.
Le annessioni mutano a poco a poco di significato. Il 2 1
novembre la Convenzione approva all'unanimità l'annessione
della Savoia, soddisfacendone la volontà liberamente espressa.
Ma quando si tratta del Belgio, dove Dumouriez invano pro­
testa contro il decreto del 15 dicembre, emerge il concetto
fondamentale delle frontiere naturali della Francia, già mani­
festato in novembre. Il 3 1 gennaio la Convenzione approva
l'annessione di Nizza; Danton propone allora quella del Bel­
gio: « Io dico che si tenta invano di far temere di voler
troppo estendere la Repubblica. I suoi confini sono definiti
dalla natura ». Qualche giorno dopo, sostenendo questa nuova
teoria con argomenti storici, Carnot precisa: « Gli antichi e
naturali confini della Francia sono il Reno, le Alpi e i Pire­
nei; è solo mediante l'usurpazione che ne sono state smem­
brate alcune parti ». L'ideale della « repubblica universale »
si incarna cosl in una realtà che si pretende di spiegare con
VI. Il romanticismo rivoluzionario
221
la geografia e la storia; sulla crociata liberatrice s'innesta
l'espansionismo passionale della Francia.
PITT E LA COALIZIONE
La politica d'annessione della Convenzione e l'esecuzione
di Luigi XVI contribuiscono alla formazione di una coalizione
contro la Francia, che, nonostante qualche tregua passeggera
e parziale, durerà più di vent'anni.
L'elemento motore di tale coalizione è l'Inghilterra. Tut­
tavia, fino al novembre del 1 792, nulla ha indotto William
Pitt a uscire dalla sua politica di neutralità o ad aderire alla
crociata controrivoluzionaria predicata da Burke. La rottura,
da parte inglese, si spiega con gli interessi economici, con
i timori politici e col rifiuto di accettare le modifiche por­
tate dalla Rivoluzione al diritto internazionale. Il 16 novem­
bre, dichiarando la Schelda aperta alla navigazione e inviando
una flotta francese ad Anversa, il governo viola una , delle
clausole del trattato di Westfalia, lede i diritti dell'Olanda,
alleata dell'Inghilterra, e minaccia la sicurezza del Tamigi.
L'accoglienza fatta dàlla Rivoluzione ai democratici d'Oltre­
manica comincia ad allarmare Pitt: allorché, dopo aver accolto
nelle sue :file Thomas Faine, condannato in patria per il suo
libro sui Diritti dell'uomo, la Convenzione riceve alla sbarra
alcuni delegati delle società radicali inglesi, il 22 novembre
Grégoire, nel suo saluto, esprime la speranza che la Repub­
blica non tardi a instaurarsi anche sulle rive del Tamigi. In
dicembre, Pitt accelera i preparativi militari in terra e per
mare, ottenendo l'approvazione delI'alien Bill, che assoggetta
i francesi residenti in Inghilterra alla sorveglianza delle auto­
rità; il 26 dicembre vien posto l'embargo sui carichi di grano
diretti in Francia. La rottura è suggellata dall'esecuzione del
re: l'incaricato d'affari francese viene espulso e la corte
prende il lutto.
Da parte francese, le responsabilità della rottura sono
222
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
meno chiare. Ancora una volta i partiti sono divisi: da
Danton, dopo il 10 agosto, a Lebrun, :6.no alla dichiarazione
di guerra, i membri del Consiglio esecutivo hanno fatto di
tutto per arginare il movimento. Molti leader girondini, come
Brissot e Vergniaud, sinceramente anglofili o preoccupati di
salvaguardare gli interessi dei commercianti bordolesi, non
esitano a sottolineare i rischi di una guerra contro la nazione
britannica. A sinistra, il 27 dicembre Marat scrive : « La
guerra minacciataci dall'Inghilterra dipende unicamente dal­
l'apertura della Schelda, che danneggerà gravemente il com­
mercio degli insulari ». Tuttavia la Convenzione, in grande
maggioranza, si lascia trascinare, e nemmeno Robespierre,
come gli ha rimproverato Jaurès, mostra nella sua opposizione
al conflitto lo stesso impegno dell'anno precedente. Da che
deriva questo contrasto fra la lungimiranza di molti e la
tacita acquiescenza di tutti? Diversamente dai commercianti,
gli ambienti industriali vorrebbero indubbiamente annullare
le conseguenze del « vergognoso trattato » del 1786; lo si
vedrà in seguito, quando la guerra economica, il protezionismo
e il blocco ne riveleranno la volontà di eliminare la concor­
renza inglese. Ma sarebbe difficile attribuire agli imprenditori
del 1793 un'influenza sulle decisioni della Convenzione senza
cadere nel partito preso metodologico e nell'anacronismo. In
questo caso le passioni e le abitudini mentali sono molto più
forti degli interessi. Il popolo considera l'Inghilterra il paese
dell'egoismo, della ricchezza mercantile e della corruzione ;
per il borghese medio, cui la scuola fisiocratica ha insegnato
che la potenza economica di un paese dipende dalle sue
risorse, l'Inghilterra, la cui supremazia si fonda sul credito
e sul commercio estero, è un avversario fragile e vulnerabile;
per i politicanti impegnati nel processo rivoluzionario, opporsi
alla guerra equivale ad essere sospetti di tendenze disfattiste
e a rompere con le passioni dominanti. Il 1° febbraio 179 3 ,
la Convenzione dichiara guerra a l r e d'Inghilterra e allo
stathouder d'Olanda.
Gli altri Stati europei precedono o seguono l'Inghilterra.
Il papa, il duca di Parma, il duca di Modena e il re di
VI. Il romanticismo rivoluzionario
22}
Napoli avevano già notificato la rottura. La Dieta dell'Impero
è seguita da tutti gli Stati tedeschi. In marzo, la Convenzione
dichiara la guerra alla Spagna. La seconda spartizione della
Polonia, concordata fra Russia e Prussia due giorni dopo
l'esecuzione di Luigi XVI, consente alla Prussia di riprendere
parte attiva sul fronte francese, e alla Russia di riavvicinarsi
all'Inghilterra. Ad eccezione degli Stati nordici, della Svizzera
e del granduca di Toscana - che tuttavia è anch'egli un
Asburgo -, tutta l'Europa si coalizza contro la Francia.
I Girondini avevano intuito chiaramente i pericoli di
tale coalizione, ma, al pari dei Montagnardi, non sono in
grado di resistere alla pressione dell'opinione pubblica; e
saranno i primi a subirne le conseguenze, giacché la nuova
situazione esige una vittoria totale di cui essi aborrono i mezzi .
TRAGICA PRIMAVERA
In poche settimane, nella primavera del 1793, le « fron­
tiere naturali » furono perdute: il Belgio fu interamente eva­
cuato alla fine di marzo, la riva sinistra del Reno al principio
d'aprile. A questo punto, al di là dei vecchi confini, la Francia
occupava ancora soltanto la piazzaforte di Magonza, assediata
dal nemico.
Il perché di queste disfatte si spiega in parte con ragioni
strategiche. Nonostante gli ordini del Consiglio esecutivo�
Dumouriez, interamente preso dal suo piano d'invasione del­
l'Olanda, dopo la battaglia di Jemmapes tarda a congiungersi
con l'armata del Nord-Est comandata da Custine; gli austro­
prussiani approfittano della tregua per rafforzare i propri effet­
tivi, sicché in febbraio si trovano attestati su una posizione
centrale fortissima incuneata fra le due armate francesi lungo
tutta la Mosella, da Coblenza fino al Lussemburgo. Tuttavia
le più gravi debolezze dei francesi sono di carattere morale
e soprattutto politico: non solo manca l'appoggio delle popo­
lazioni, ma a volte gli si sostituisce addirittura una profonda
ostilità contro il paese dei predoni e dell'assegnato; lo si è
224
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
visto a Francoforte, dove in dicembre, all'avvicinarsi dei prus­
siani, la popolazione è insorta massacrando i francesi; e in
marzo lo si vedrà in Belgio, dove l'annessione ha suscitato
lo sdegno generale. La situazione materiale e morale dell'eser­
cito è ancora più grave. I soldati sono mal nutriti e mal vestiti;
Dumouriez è circondato da una schiera di fornitori che spe­
culano sui mercati; per troncarne gli intrighi, Pache, ministro
della Guerra, nomina un dirett::Jrio per gli acquisti che do­
vrebbe sostituirsi ai fornitori, ma che, accanitamente osteg­
giato da Dumouriez e dai Girondini, viene soppresso dalla
Convenzione in gennaio. Molti volontari, valendosi del decreto
del dicembre 1791, che li autorizzava ad abbandonare l'eser­
cito dopo la campagna del 1792, sono tornati alle loro case.
Le diserzioni aumentano : si può calcolare che dei 400 .000
uomini in forza all'esercito il 1° dicembre 1792, il 1 ° feb­
braio 1793 ne restino sotto le armi appena 230.000, mentre,
stando al rapporto presentato da Dubois-Crancé il 25 gen­
naio, sarebbe necessario un effettivo minimo di 500 .000
uomini. Per di più, quest'esercito cosi ridotto di numero è
anche profondamente diviso: il regolamento dei reggimenti
di linea è molto diverso da quello dei battaglioni di volontari,
che possono eleggere i propri ufficiali, godono di una paga
più alta e sono sottoposti a una disciplina meno rigida. Il 7
febbraio Dubois-Crancé propone l'amalgama dei « Bianchi »
con i « Blu », cioè di un battaglione di linea e di due batta­
glioni di volontari in una mezza brigata (l'antico reggimento);
ma inutilmente, perché i generali, sostenuti dai Girondini,
vi si oppongono.
Alla base di tutte queste carenze v'è sempre la stessa
fondamentale lacuna, l'assenza di direttive efficaci e omogenee.
Dopo Valmy, i Girondini hanno puntato tutto sulla mitiga­
zione del Terrore e delle misure coattive; contrari al governo
di unione nazionale ripetutamente proposto da Danton e dalla
Pianura, attraverso il suo portavoce Barère, si rivelano però
incapaci di governare da soli. Il 1° gennaio la Convenzione
ha eletto un Comitato di difesa generale di ventiquattro
membri, in cui i Girondini hanno una forte maggioranza: ma
VI. Il romanticismo rivoluzionario
225
poiché il comitato delibera in pubblico e tutti i deputati pos­
sono assistervi, i dibattiti della Convenzione vi si prolungano
in una lotta tra fazioni. Nel Consiglio esecutivo, Pache è
preposto alla Guerra. Ma Pache ha riempito i propri uffici di
sanculotti, i Girondini lo detestano e ancora di più lo detesta
Dumouriez, che il 4 febbraio riesce a farlo sostituire da
Beurnoville. A conti fatti, le maggiori responsabilità gravano
sui generali; ma anch'essi nutrono delle ambizioni politiche,
soprattutto Dumouriez, il cui soggiorno a Parigi durante il
processo del re resta avvolto nel mistero. In definitiva, l'inca­
pacità girondina di assumere la direzione della guerra è la
causa prima dei rovesci militari.
Seguiamone le tappe. Il piano di Dumouriez era diretto
all'invasione dell'Olanda. La sua armata era divisa in tre
corpi : a destra, Miranda avrebbe assediato Maestricht e sor­
vegliato i passi della Roer; Valence doveva attestarsi sul
bacino centrale della Mosa, e Dumouriez, col grosso delle
truppe, doveva partire da Anversa e invadere l'Olanda. Questo
piano, irto di rischi da un punto di vista militare, si spiega
soltanto con le mire politiche del generale in capo. Stando alle
sue memorie, egli contava di fondare uno Stato belga-olandese
indipendente e, se la Convenzione si fosse rifiutata di accet­
tare, di marciare su Parigi e restaurare la monarchia a bene­
ficio del duca di Chartres, Egalité figlio, luogotenente gene­
rale dell'armata.
All'inizio il piano sembra attuarsi: partito il 16 febbraio
con 20.000 uomini, Dumouriez penetra in Olanda e conquista
facilmente alcune piazzeforti. Ma il 1° marzo l'armata austriaca,
comandata dal principe di Coburgo, si getta sull'armata del
Belgio, e Miranda e Valence si ritirano al di là della Dyle.
L'8, Danton e Delacroix, tornati dal Belgio, rivelano la gra­
vità del pericolo, fanno accelerare la leva di 300.000 uomini
decretata il 23 febbraio, e il Consiglio esecutivo ordina a
Dumouriez di tornare in Belgio e di riprendere il comando
delle truppe. Nonostante gli ordini ricevuti, Dumouriez lascia
il suo corpo di spedizione in Olanda, torna in Belgio solo,
e il 12 marzo scrive alla Convenzione una lettera in cui
226
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
attribuisce la responsabilità della disfatta al ministero, ai
rappresentanti in missione e alla politica della Convenzione
nei confronti dei belgi. Questa lettera, molto simile a quella
scritta da La Fayette nel maggio del 1792, suscita le ire di
una parte dei Montagnardi, che esigono l'incriminazione di
Dumouriez. Il 16 marzo, schiacciato dalle truppe imperiali
a Neerwinden, l'armata di Dumouriez ripiega disordinata­
mente su Lovanio; nuovamente sconfitto, il 23 Dumouriez
invia il suo aiutante di campo presso il principe di Coburgo,
con cui intavola delle trattative segrete, impegnandosi a eva­
cuare il Belgio senza combattere. La sera del 29 marzo la
Convenzione decide di destituirlo, e gli invia Beurnonville
con quattro commissari per eseguire l'ordine; il 1 ° aprile
Dumouriez li fa arrestare e li consegna al nemico. Infine
tenta di trascinare la sua armata contro Parigi, ma le truppe
rifiutano di seguirlo; il 5 aprile è costretto a rifugiarsi presso
gli austriaci, seguito da alcuni generali e da Egalité figlio.
Per il tradimento di Dumouriez la Francia perde il Belgio,
ma grazie al patriottismo dell'esercito la Rivoluzione è salva.
Sul Reno la situazione era già disperata. Custine, ottimo
combattente ma pessimo stratega, aveva piazzato il grosso
delle sue forze - 25.000 uomini su 45.000 - all'interno di
Magonza, e con le truppe rimastegli non poté o non osò im­
pedire ai prussiani di circondare la piazza. Il re di Prussia
varcò il Reno a Bacharach, a valle di Ringen, proseguendo
la manovra di accerchiamento di Magonza. Custine abbandonò
la riva destra del Reno e il 4 aprile si ritirò a Landau. Delle
conquiste dell'autunno, non rimaneva che Magonza assediata.
IN VANDEA : LE CAMPAGNE CONTRO LE CITTÀ
La leva di 300.000 uomini decisa il 23 febbraio aveva
suscitato il malcontento popolare per la sua arbitrarietà. Con­
traria al servizio militare obbligatorio, la Convenzione aveva
deciso, come per le leve precedenti, di stabilire per ciascun
dipartimento un determinato contingente di celibi o vedovi
VI. Il romanticismo rivoluzionario
227
dai venti ai quarant'anni, facendo appello soprattutto ai volon­
tari; ma l'articolo 1 1 precisava che, se i volontari fossero
stati insufficienti, « i cittadini saranno tenuti a completarli
senza indugio, e a questo scopo adotteranno il modo che
sembrerà _ loro più conveniente, a maggioranza dei voti », ciò
che equivaleva a introdurre la lotta politica nella designa­
zione dei soldati, risvegliando il ricordo dell'odiato sorteggio
delle milizie dell'Ancien Régime. I funzionari e i membri
delle amministrazioni, per di più, ne erano esentati, il che
favoriva una larghissima parte della borghesia rivoluzionaria.
In tali condizioni non c'è da stupirsi che qua e là si produ­
cessero dei disordini. Nel distretto di Hazebrouck, in Alsazia
e nel Puy-de-Dome scoppiarono delle insurrezioni; ad Orléans
venne aggredito e gravemente ferito il convenzionale Léonard
Bourdon. Tuttavia, tranne che in Vandea, queste sollevazioni
vennero sedate senza difficoltà. Le cause profonde dell'ins.ur­
rezione vandeana vanno dunque cercate al di là delle circo­
stanze immediate.
« Vandeana », parola del resto inesatta. Da un punto di
vista amministrativo, la zona insorta non interessa l'intero
dipartimento della Vandea, mentre dilaga nei dipartimenti
limitrofi, Deux-Sèvres, Maine-et-Loire, Loira inferiore. Da un
punto di vista geografico, essa comprende un insieme di
regioni a morfologia più tormentata, costituite da affioramenti
di rocce primarie, da acquitrini formatisi su terreni granitici
e da bocages su fondo scistoso, mentre le « pianure » calcaree
restano in prevalenza patriote. Nella sua brillante Tavola poli­
tica della Francia dell'Ovest, André Siegfried ha fatto di
questa contrapposizione fra terreni primari e terreni secon­
dari una costante della nostra storia politica, secondo cui le
prime favorirebbero un comportamento tradizionale e reli­
gioso, e le altre un atteggiamento evolutivo e spesso anticle­
ricale. Questa tesi per molti aspetti seducente è stata recen­
temente applicata tale e quale a un'altra regione dell'Ovest,
però, la Sarthe. Indubbiamente le regioni boschive, in cui
l'insediamento umano è disperso, città e campagne sono prive
di relazioni organiche e le comunicazioni col resto del paese
228
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
sono scarse e difficili, favoriscono il crearsi di rapporti sociali
verticali, più che orizzontali, e si prestano naturalmente alla
formazione di blocchi locali in cui i contadini sono stretta­
mente legati al curato o al signore. Ma sovrapponendo le
realtà odierne, in gran parte determinate appunto dalle guerre
della Vandea, a quelle del passato, si rischia di cadere in un
errore d'interpretazione. I contadini vandeani avevano accolto
con soddisfazione le prime misure rivoluzionarie, e non è
pertanto il caso di parlare di determinismo geografico.
Altrettanto dicasi del determinismo religioso. Anche in
questo caso, mi sembra, all'immagine della Vandea del XVIII
secolo si sovrappone quella della Vandea attuale, in cui la
cristallizzazione di una sorta di patriottismo locale intorno
alla religione è stata provocata proprio dagli avvenimenti rivo­
luzionari. Che queste regioni, ove nel XVI secolo la Riforma
si era profondamente radicata, nel XVII siano diventate il
terreno d'elezione dell'attività controriformistica, è un fatto
indiscutibile: riconquistato dalle missioni, il paese secerne
un clero molto vicino ai contadini, e vi si crea un clima di
cattolicità tridentina testimoniato dal pullulare delle croci e
dei calvari. Esso oppone alla Costituzione civile del clero delle
resistenze fortissime, e nel 1792 i suoi numerosi preti refrat­
tari vengono tutti internati o banditi. Ma nulla prova che la
sua fedeltà al culto sia più profonda di quella di altre regioni,
rimaste tuttavia patriote; né i vandeani insorgono per difen­
dere i propri preti refrattari.
Dobbiamo perciò ammettere che, astraendo dalle cause
immediate e dalle motivazioni manifeste (la fedeltà a Dio e
alla monarchia), le causalità profonde dell'insurrezione van­
deana in gran parte ci sfuggono. Ciò che invece è evidente
è il contrasto fra le alleanze dei gruppi sociali vandeani e
quelle che altrove cementano dovunque la Rivoluzione. In­
vece di formare insieme ai contadini un compatto blocco
contro la feudalità, qui la borghesia è isolata dalle campagne
da un blocco costituito dal contado e dai signori. Quest'odio
contadino per il « messere » di città si può forse spiegare col
fatto che la borghesia locale è stata la principale beneficiaria
VI. Il romanticismo rivoluzionario
229
della vendita dei beni nazionali. Esclusi dal bottino e avendo
tutto da perdere nell'avventura .,rivoluzionaria, a cominciare
dalla vita e dall'anima, i contadini vandeani tornano alla
secolare protezione del signore e della Chiesa.
I disordini cominciano il 3 marzo, quando viene annun­
ciata la leva. Gli incidenti si susseguono dal 3 al 9 marzo
a Cholet, a Chemillé, a Clisson e in tutta la regione dei
Mauges. Per il momento si tratta soltanto di moti spontanei,
facilmente repressi e che non destano alcun allarme. Ma 1'11
marzo, in più di cento villaggi ripartiti in tre dipartimenti,
si formano degli assembramenti armati la cui simultaneità è
tale da escludere la spontaneità. Non si tratta di un'iniziativa
nobiliare: esiste in realtà una congiura aristocratica che sta
organizzando l'insurrezione generale dell'intero Ovest, ma
anche i suoi capi vengono colti di sorpresa da un movimento
che non è stato scatenato da loro. I principali attori, a quanto
pare, sono i « servi dei nobili », come li definiva sprezzante­
mente Mathiez, ovvero la tradizionale « clientela » dell'Ancien
Régime aristocratico, declassata dalla Rivoluzione. Nei Mauges
i primi capi sono il vetturale Cathelineau e il guardacaccia
Stofflet, nel Marais bretone il parrucchiere Gaston; intorno
ad essi, una folla anonima di fittavoli, d'intendenti e di ex
funzionari delle giustizie signorili che per la direzione delle
operazioni militari non tarderanno a rivolgersi ai signori: a
Charette nel Marais, a Bonchamp e a d'Elbée nei Mauges.
Nel Poitou, Lescure e La Rochejaquelein entrano in scena
soltanto ai primi d'aprile. Con i nobili, i preti refrattari
escono dai propri nascondigli e mobilitano la pietà popolare
contro i senza-Dio delle città.
Non tutti i preti sono quegli anonimi fanti che dicono i
loro nemici; ne emergeranno anzi personalità spiccatissime,
quale quella dell'abate Bernier, curato di Saint-Laud d'Angers.
All'inizio di giugno Bernier entrerà a far parte dello stato
maggiore insurrezionale; in seguito abbandonerà la causa rea­
lista e negozierà per il Primo console quel Concordato che
riconcilierà la Chiesa con la Francia moderna, ottenendnne in
compenso il vescovado di Orléans.
230
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Il movimento inizia contemporaneamente in tre luoghi
diversi. Nel Marais, la presa di Machecoul, avvenuta 1'1 1
marzo, è seguita dal massacro delle autorità municipali, dei
parroci costituzionali e delle guardie nazionali, più di 500
vittime in meno di un mese. Alla fine di marzo gli insorti
controllano tutto il paese, ad eccezione del litorale i cui porti
più importanti sono tenuti dai patrioti. Nel Bocage, dove
l'azione dei nobili è stata rapida ed efficace, il 10 marzo ven­
gono occupate Clisson e Mortagne, poi Saint-Fulgent. Uno dei
quartieri generali di quest' « armata del Centro » si è instal­
lato ai Quatre-Chemins-de-l'Oie, donde controlla le comuni­
cazioni. Il 19 marzo le truppe repubblicane del generale Macé,
provenienti da La Rochelle, vengono sbaragliate a Pont-Char­
rault. Nei Mauges l'unità direttiva si organizza meno rapida­
mente : il 12 e il 13 marzo, Saint-Florent viene presa e messa
a sacco prima che Bonchamp riesca a mettersi alla testa dei
contadini; lo stesso giorno d'Elbée giunge a Beaupréau e
StofHet a Vezins ; Cathelineau marcia su Jalais, e, sostenuto
dalle truppe di Stoffiet, s'impadronisce di Chemillé. Cholet
viene saccheggiata il 14 marzo. Solo a questo punto si costi­
tuisce una parvenza di unità, la « Grande, armata cattolica
e regia » che copre i Mauges e di cui Cathelineau è il capo
nominale. In realtà si tratta soltanto di un aggregato di corpi
locali, abilissimi nei colpi di mano isolati, abituati ai bocages
adattissimi alla guerriglia, ma incapaci di coordinare i propri
sforzi. Quanto a Cathelineau, sembra certo che il suo ruolo
sia stato più simbolico che reale.
La Convenzione reagisce invano. Nonostante l'approva­
zione unanime del decreto del 19 marzo, che punisce con la
pena di morte e la confisca dei beni tutti i ribelli presi con
le armi in pugno, le offensive repubblicane falliscono tutte.
L' l l aprile, a Chemillé, Berruyer viene sconfitto da d'Elbée;
il 13 La Rochejaquelein ricaccia Quétineau fino agli Aubiers.
La catastrofe si verifica il 5 maggio: Quétineau si arrende
a Thouars con tutti i suoi uomini.
A Parigi l'impressione è terribile. Nell'ora del tradimento
di Dumouriez e mentre il territorio nazionale è gravemente
VI. Il romanticismo rivoluzionario
231
minacciato, la Vandea vibra alla Rivoluzione una pugnalata
alle spalle.
A
PARIGI: I POVERI CONTRO I RICCHI
Pericoli esterni e controrivoluzione vandeana si ricolle­
gano a una ripresa dell'agitazione popolare il cui elemento
motore è il rincaro dei prezzi. Il raccolto del 1 792 non è
stato cattivo, ma ancora una volta, l'elemento determinante
è la moneta. Le nuove emissioni - 800 milioni il 1 ° feb­
braio -, gli avvenimenti politici, il doppio corso legale delle
merci, in numerario e in cartamoneta, provocano la svaluta­
zione dell'assegnato, che alla fine di gennaio scende ufficial­
mente al 55% del suo valore nominale, e al principio d'aprile
al 43 % ; ma il ribasso reale, al prezzo di mercato, è ancora
più forte. All'aumento dei prezzi concorrono anche altri fat­
tori : in previsione dell'aumento dei prezzi i contadini non
vendono, svuotando cosl i mercati e accelerando il processo.
Il rincaro del resto varia molto da una regione all'altra, e
tocca le sue punte più alte nel Sud-Est, dove generalmente
i prezzi superano del 200% il livello del 1 789. Per quanto
poi rigu arda i salari, la scarsità della manodopera causata dal
reclutamento militare, unita alla pressione popolare, ne fa
aumentare il costo. Ma il divario fra prezzi e salari aumenta,
In provincia, dove il salario medio giornaliero è di venti
soldi, il prezzo di una libbra di pane oscilla fra i sei e gli
otto soldi, mentre a Parigi, privilegiata perché il pane è ven­
duto sottocosto, a tre soldi la libbra, il salario medio supera
i quaranta soldi.
Le rivendicazioni popolari non cambiano : censimento,
requisizione, calmiere (il cosiddetto maximum), corso forzoso
dell'assegnato, ossia abolizione della moneta commerciale,
parole d'ordine tutte rilanciate da oscuri leader, i cosiddetti
« Arrabbiati » : Ledere a Lione, Varlet e Jacques Roux a
Parigi. L'abate Jacques Rotu1:, figlio di un ufficiale del Péri­
gord, ex professore di seminario e vicario di Saint-Nicolas-des-
232
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Champs, è l'idolo della sezione dei Gravilliers; alla Comune,
di cui è membro, nelle case del suo quartiere, in cui si avven­
tura salendone i traballanti gradini, dovunque Roux, erede di
quella stirpe di curati mistici che costellano la storia delle
sollevazioni popolari del Medioevo e dell' Ancien Régime, si
fa portavoce e guida dei poveri. In se stessi gli Arrabbiati
non sono pericolosi, ma i disordini scoppiati in febbraio
danno alla loro violenza verbale una risonanza nuova. Il 25
mattina, nel quartiere delle Halles, scoppia e dilaga una som­
mossa di donne che si danno al saccheggio delle drogherie.
Il 26 i disordini vengono sedati dalla guardia nazionale.
Facendo eco a Varlet, Jacques Roux, alla Comune, difende le
rivoltose: « Penso che i bottegai non hanno fatto che resti­
tuire al popolo ciò che gli facevano pagare troppo caro da
tempo ».
Alle esigenze popolari la borghesia unanime oppone al­
l'inizio un rifiuto categorico. In questo campo - quello della
libertà economica - Montagnardi e Girondini non sono divisi
dai principi. In novembre Saint-Just aveva difeso con lo
stesso fervore di Roland l'ortodossia finanziaria e il libera­
lismo, e un manifesto popolare cosi lo accusa: « Il popolo
sa che nelle assemblee popolari gli oratori che arringano e
snocciolano i loro bei discorsi mangiano a sazietà tutti i giorni.
Fra essi c'è anche il cittadino Saint-Just ». La sommossa viene
attribuita a oscure trame, in cui naturalmente i Girondini
vedono la mano dei Montagnardi, mentre costoro denunciano
gli aristocratici e i moderati loro complici. Molti pensano ciò
che Robespierre esprime il 25 febbraio : « Non dico che il po­
polo sia colpevole, non dico che i suoi atti siano un attentato;
ma quando il popolo insorge non dovrebbe forse prefiggersi
uno scopo degno di lui, invece di occuparsi di vili mer­
canzie? ». Nulla può dimostrarci meglio di questi discorsi
quanto sia diverso il popolo autentico da quello sognato dai
borghesi rivoluzionari. Per loro, politica, prima di tutto; per
il popolo, politica ed economia si fondono in un'unica fiamma
che per la Convenzione è altrettanto pericolosa dell'incendio
vandeano. Poco importa che i primordiali rancori delle masse
VI. Il romanticismo rivoluzionario
2.33
si cristallizzino localmente intorno a poli opposti, m Vandea
intorno al mito contadino di un'età dell'oro cattolica e signo­
rile, a Parigi intorno a una generale eguaglianza ancor più
mitica. Per la rivoluzione borghese il pericolo è sempre lo
stesso, l'isolamento.
l
PRIMI PA S S I VERSO IL TERRORE
Dal principio di marzo alla fine di maggio del 1793 , da
questo garbuglio di fatti emergono due linee direttrici: l'ap­
provazione da parte della Convenzione di alcuni provvedi­
menti d'emergenza che preannunciano il governo rivoluzio­
nario, e l'aspra lotta che contrappone la fazione montagnarda
a quella girondina.
Perché questi provvedimenti che ripugnano sia alla Gi­
ronda che, sul piano economico, agli stessi Montagnardi? La
situazione dirige una triplice evoluzione che allontana sempre
più la Rivoluzione dal suo cammino.
L'azione dei sanculotti si fa più incalzante. A Parigi, il
disagio economico, l'abbandono del Belgio e la fiacchezza del
governo fomentano un clima di sommossa permanente di cui
verrebbe a noia seguire tutti gli episodi. Giornate confuse,
con agitatori oscuri e rivendicazioni che si ripetono sempre
eguali : punizione dei traditori e dei moderati, sorveglianza
dei sospetti, tassazione dei ricchi. Sebbene la spinta popo­
lare sia più che evidente, sarebbe errato farne, al pari dei
Girondini, la causa profonda dei provvedimenti dell'Assem­
blea. Ciò che agisce sui deputati non è il terrore fisico né il
terrore morale. Le masse sono semplicemente il rivelatore di
una situazione obiettiva nuova che rende momentaneamente
incompatibili il normale esercizio del potere liberale borghese
e le necessità eccezionali della salute pubblica. Lo voglia o
no, la Convenzione deve arrendersi all'evidenza e piegarsi ai
dolori del parto.
Di fronte a una situazione simile, ed esposti al pericolo
di essere sopraffatti dalla rivoluzione borghese, i Montagnardi
234
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidnro
slittano a sm1stra e, costretti dai fatti, integrano parzialmente
e progressivamente nel proprio programma le rivendicazioni
sanculotte. In una lettera a Barère, Jean Bon Saint-André
scrive: « Bisogna assolutamente far vivere i poveri, se volete
che essi vi aiutino a condurre a termine la Rivoluzione ». Sul
piano politico, mentre Danton fa l'impossibile per favorire
un « blocco delle sinistre » in cui i partiti sarebbero uniti
nella difesa repubblicana, Robespierre è pronto ad accettare
un programma popolare in pieno accordo con la sua diffi­
denza: eliminazione dei Girondini, tribunale straordinario,
subordinazione dei generali alle direttive politiche del governo;
tuttavia, da buon parlamentare, è ben deciso a limitare l'in­
tervento popolare a una semplice pressione, lasciando alla
Convenzione il compito di automutilarsi. Sul piano econo­
mico, invece, l'adesione dei Montagnardi tarda alquanto, e
solo negli ultimi giorni d'aprile essi decideranno di prendere
apertamente in considerazione alcune temporanee limitaziooi
al diritto di proprietà.
Lo stesso vento che spinge i Montagnardi verso i sancu­
lotti provoca l'avvicinamento della Pianura alla Montagna.
Di fronte all'insurrezione vandeana e alla minaccia dell'inva­
sione, molti deputati del centro si staccano dai Girondini pur
condividendone l'odio contro Marat e Robespierre, e votano
con la Montagna i provvedimenti rivoluzionari; Il 1 8 marzo
Barère pronuncia in loro nome un discorso che è un vero e
proprio manifesto. Non lesinando rimproveri né alla destra
né alla sinistra, ricusando la pressione extraparlamentare e ia
resistenza girondina alle misure rivoluzionarie, Barère mette
chiaramente in rilievo i tre dati fondamentali del momento:
- Nei momenti d'emergenza non si governa con metodi
normali: bisogna perciò accettare i sistemi rivoluzionari.
- La borghesia non può isolarsi dal popolo : occorre per­
tanto soddisfare le sue esigenze.
- Ma in quest'alleanza la borghesia deve continuare ad
essere l'elemento direttivo: la Convenzione deve dunque assu­
mersi l'iniziativa delle misure rivoluzionarie.
Tali misure vengono approvate fra il 1 0 marzo e il 20
VI. Il romanticismo rivoluzionario
235
maggio, e, come dopo il 10 agosto, si propongono tre obiet­
tivi : sorvegliare e punire i sospetti, soddisfare le rivendica­
zioni economiche dei sanculotti, rafforzare l'efficienza gover­
nativa. L'l l marzo viene creato un Tribunale rivoluzionario
per giudicare i sospetti. Danton, che vorrebbe evitare il ripe­
tersi dei massacri di settembre, giustifica la repressione orga­
nizzata: « Siamo terribili, e dispenseremo il popolo dall'es­
serlo ». Il 2 1 marzo vengono creati i comitati di sorveglianza,
incaricati in ciascun comune di sorvegliare gli stranieri e gli
individui sospetti, e che in seguito diventeranno i procaccianti
del Tribunale. Il 28 vengono codificate e inasprite le leggi
sugli emigrati, banditi sotto pena di morte, e i cui beni ven­
gono confiscati. Le concessioni economiche tardano alquanto:
il corso forzoso dell'assegnato viene deciso l'l l aprile, il
maximum dei cereali e della farina è fissato il 4 maggio, e il
20 si decreta un prestito di un miliardo sui ricchi.
LA LOTTA PER IL POTERE
Il vero problema, per la Convenzione, è il potere. Dal
punto di vista tecnico, esso viene risolto in tre fasi: l'l l
marzo vengono inviati nei dipartimenti dei rappresentanti in
missione, incaricati ufficialmente di accelerare la leva dei
300.000 uomini, ma in realtà dotati di ampi poteri, e che
il 9 aprile saranno completati da rappresentanti presso le
armate; investiti di poteri illimitati, che prefigurano i com­
missari politici dell'Armata rossa. Fatto più importante, il
6 aprile il Comitato di Difesa generale viene sostituito da un
Comitato di Salute pubblica, deliberante in segreto, incaricato
di sorvegliare e accelerare l'azione del Consiglio esecutivo e
autorizzato a far eseguire le sue decisioni senza indugio. Ai
Girondini che gridano alla dittatura, Marat risponde:
Appunto con la violenza deve instaurarsi la libertà, ed è giunta
l'ora di organizzare momentaneamente il dispotismo della libertà
per annientare il dispotismo dei re.
236
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
La questione del potere non è però soltanto tecnica, ma
anche politica. Chi deterrà le leve del comando? I Girondini?
La loro posizione è quella di un governo che ha tutte le sim­
patie dell'Assemblea, ma che non è appoggiato dalla maggio­
ranza quando si tratta di problemi decisivi. Non restano che
due formule. Una è quella di Robespierre; far piazza pulita
a favore dei Montagnardi, che non hanno mai esitato di
fronte alla violenza rivoluzionaria; formula chiara, ma che,
mancando una maggioranza parlamentare omogenea, presup­
pone un permanente ricatto popolare che imponga un' équipe
dirigente a un'Assemblea che non ne vuol sapere. L'altra è
quella di Danton e dei grandi uomini politici che la Pianura
fornisce alla Convenzione, Barère, Cambon, Cambacérès: una
specie di Fronte repubblicano che, escludendo gli estremisti
e fondandosi sulla maggioranza reale, andrebbe dai simpatiz­
zanti girondini fino ai Montagnardi che non condividono la
clifE.denza del gruppo robespierrista. Sul momento sembra
trionfare questa seconda soluzione: sui nove membri del
Comitato di Salute pubblica designati 1'1 1 aprile, sette, con
Barère in testa, sono « centristi » ; la Montagna all'inizio è
rappresentata soltanto da Danton e dal suo amico Delacroix.
Ma la durata di un tale governo presuppone una tregua delle
fazioni, tregua che trova i Girondini e i deputati parigini
tutt'altro che disponibili.
Fin dal 1° aprile Danton, violentemente attaccato dai
Girondini per i suoi rapporti con Dumouriez, si schiera deci­
samente a fianco della Montagna, sferrando contro la Gironda
una battaglia senza esclusione di colpi: « Nessuna tregua fra
la Montagna, fra i patrioti che hanno voluto la morte del
tiranno, e i vigliacchi che per salvarlo ci hanno calunniato in
tutta la Francia ». Il 3, Robespierre chiede l'incriminazione
di tutti i complici di Dumouriez, e di Brissot per primo. Il 5
il club dei Giacobini, sotto la presidenza di Marat, firma una
circolare diretta alle società di provincia, invitandole a chie­
dere la decadenza dei deputati che avevano tentato di salvare
Luigi XVI votando l'appello al popolo. La stessa richiesta
era stata presentata dai sanculotti più di un mese prima.
VI. Il romanticismo rivoluzionario
237
I Girondini passano al contrattacco. Il 13 aprile, su pro­
posta di Guadet, la Convenzione approva l'incriminazione di
Marat per aver firmato la circolare del 5. Ma il tribunale rivo­
luzionario lo assolve, e Marat viene trionfalmente ricondotto
dalla folla alla Convenzione. E il 15 trentacinque sezioni pari­
gine presentano alla Convenzione una minacciosa petizione
contro ventidue leader girondini.
La Gironda tenta allora di radunare al suo fianco tutte
le forze conservatrici del paese. Pétion, che l'anno prima
aveva apertamente difeso l'alleanza fra borghesia e popolo,
pubblica alla fine d'aprile una Lettre aux Parisiens che è a
un tempo un programma e una parola d'ordine politica.
Le vostre proprietà sono minacciate e voi chiudete gli occhi di
fronte al pericolo. Si fomenta la guerra tra coloro che hanno e
coloro che non hanno, e voi non fate nulla per prevenirla. Voi
non osate presentarvi nelle vostre sezioni.
Obbedendo a questa consegna, i moderati fanno uno sforzo
disperato per conquistare la maggioranza nelle sezioni; e a
volte ci riescono, particolarmente ai Champs-Elysées.
La reazione moderata, appoggiata dai realisti, ottiene i
suoi maggiori successi in provincia. A Marsiglia, i moderati
si impadroniscono delle sezioni, espellono i rappresentanti in
missione e fanno ghigliottinare i Giacobini. A Lione, mode­
rati e aristocratici fanno lega contro la municipalità giaco­
bina, e il 29 maggio, dopo una sanguinosa sommossa, con­
quistano il potere. Così i Girondini, senza volerlo, scatenano
la guerra civile; il loro partito, come ha scritto Michelet, si
« monarchizza ».
Ma i sanculotti parigini, pur continuando a lottare nelle
rispettive sezioni contro i moderati, vogliono farla finita con
i Girondini. E questa volta hanno l'appoggio della Montagna.
Il 24 aprile Robespierre presenta alla Convenzione un pro­
getto di Dichiarazione dei diritti dell'uomo in cui la proprietà
238
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
è subordinata all'utilità sociale; ma vuole evitare l'insurre­
zione, e preferisce ricorrere a una pressione sulla Convenzione
che la costringa ad autoepurarsi.
Il 1 O maggio la Convenzione sloggia, trasferendosi dal
Maneggio alle Tuileries, dove le è stata preparata una sala
nel vecchio teatro. Fu li che i Girondini scatenarono le loro
ultime battaglie parlamentari. Il loro piano prevede la desti­
tuzione delle autorità parigine, il richiamo di gruppi di forze
armate dai dipartimenti, e, in caso d'insuccesso, la ritirata
a Bourges. Essi sperano di ottenere una maggioranza tanto
più larga in quanto i rappresentanti inviati in missione sono
quasi tutti dei Montagnardi. Ma le memorie dei superstiti
ci mostrano che lo stato maggiore girondino era diviso.
Il 18 maggio Guadet denuncia le autorità di Parigi, « au­
torità anarchiche, avide a un tempo di denaro e di dominio »,
e ne propone l'hnmediata destituzione. La Convenzione si
accontenta di eleggere una commissione di dodici membri
incaricata d'indagare sugli intrighi della Comune. I Dodici
sono tutti Girondini, e il 24 maggio fanno arrestare Héhert
e Varlet. Il 25, a una delegazione della Comune venuta a recla­
marne la liberazione, Isnard risponde violentemente:
Se mai la Convenzione si degradasse, se mai con queste insur­
rezioni che dal 10 marzo si rinnovano di continuo ( ... ) si volesse
attentare alla rappresentanza nazionale, io vi dichiaro in nome
della Francia intera che Parigi verrebbe annientata; ben presto si
cercherebbe invano sulle rive della Senna se Parigi sia mai esistita.
Questo « manifesto di Brunswick » girondino è per i san­
culotti il segnale dell'insurrezione.
IL 3 1
MAGGIO
Come tutte le giornate rivoluzionarie, quella del 3 1 mag­
gio fu opera di oscuri agitatori, di quei « fantasmi senza nome,
senza carattere, senza precedenti né conseguenze » di cui
VI. Il romanticismo rivoluzionario
239
parla Michelet. L'iniziativa parte dalla sezione della Cité che,
il 28, convoca le altre sezioni al Vescovado, ove da parecchie
settimane siede una specie di comitato elettorale ufficioso,
Il 29 al Vescovado si incontrano due organismi paralleli: da
un lato un'assemblea di commissari delle sezioni - sono rap­
presentate soltanto trentatré sezioni su quarantotto -, dal­
l'altro un non meglio identificato Comitato dei Sei (di cui
fa parte l'ingegnere Dufournoy) che è l'organo decisivo del
movimento. La sera del 30, altra riunione al Vescovado : il
comitato originario si allarga, prima a nove e successivamente
a undici membri, tutti impiegati, artigiani o bottegai.
I Montagnardi e le autorità parigine vorrebbero impedire
che la sommossa si scateni senza alcun controllo. Danton,
alla Convenzione, tenta di disinnescare la bomba facendo ap­
provare la sera del 27, quando l'Assemblea conta solo poche
presenze, la destituzione della Commissione dei Dodici; inu­
tilmente, giacché essa l'indomani si ricostituisce, ma almeno
vengono liberati i prigionieri, Hébert, Varlet e i loro amici.
Di Robespierre si cita spesso questo brano di un discorso
pronunciato il 26 : « Proprio quando tutte le leggi sono vio­
late, quando il dispotismo è al culmine, quando si calpestano
la buona fede e il pudore, il popolo deve insorgere. Questo
momento è giunto ».
Ma la conclusione è molto più prudente: « Invito tutti i
deputati montagnardi ad allearsi e a combattere l'aristocrazia;
io dico che essi hanno una sola alternativa: o resistere con
tutte le loro forze ai tentativi degli intriganti, o dare le
dimissioni ».
L'essenziale p«!r lui è sempre l'azione parlamentare; ciò
che egli vuole è l'« insurrezione morale », la pressione delle
masse sul Parlamento, affinché si epuri da sé. Identico senti­
mento al Comune, dove Hébert e Chaumette fanno di tutto
per arginare l'insurrezione, e il cui sindaco - Pache - è
guardato con sospetto dagli estremisti. Il 30 il dipartimento,
il cui procuratore-sindaco è Luillier, amico di Robespierre,
convoca i commissari delle sezioni al club dei Giacobini:
bisogna sbarrare la strada al Comitato del Vescovado.
240
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidorn
Ma il Comitato non aspetta, e nella notte del 30, o del 3 1,
prende i suoi provvedimenti, ordinando la destituzione della
Comune e la sua immediata reintegrazione: bisogna ribattez­
zarla col segno della sovranità popolare. A capo della guardia
nazionale nomina Hanriot, un impiegato del dazio comandante
del battaglione della sezione dei sanculotti (nel quartiere del
Jardin des Plantes). All'alba cominciano a suonare le campane
a martello e a rullare i tamburi. Ma il Comitato insurrezio­
nale incontra delle difficoltà: né la Comune né l'Assemblea
regolare, convocata dal dipartimento al club dei Giacobini,
appoggiano efficacemente la sua azione. Molte sezioni, e in
particolare la Butte des Moulins e il Marais, disapprovano
l'insurrezione, altre si rifiutano semplicemente di parteciparvi.
Ci vuole tutta l'energia di agitatori instancabili come Roux
e Varlet per trascinarne un certo numero.
Tuttavia, verso le cinque di sera, la Convenzione è cir­
condata. Vengono presentate parecchie petizioni. L'ultima,
redatta dal Comitato insurrezionale ma presentata a nome della
Comune, è la più violenta: essa reclama l'arresto dei ventidue
« appellanti » - ossia coloro che per salvare Luigi XVI ave­
vano votato l'appello al popolo -, della Commissione dei
Dodici e dei ministri Clavière e Lebrun; chiede la creazione
di un'armata di sanculotti assoldati per punire i sospetti, e
una tassa sui ricchi, e propone che il diritto di voto sia attri­
buito temporaneamente ai soli sanculotti. I deputati monta­
gnardi appoggiano la richiesta di incriminazione, ma la mag­
gioranza approva soltanto la soppressione della Commissione
dei Dodici. Per gli insorti e per la Montagna è un fallimento.
IL 2
GIUGNO
Il Comitato insurrezionale non disarma. Nella notte fra
il 3 1 maggio e il 1 ° giugno ordina l'arresto dei sospetti:
Madame Roland verrà catturata in luogo del marito, che
riesce a fuggire.
VI. Il romanticismo rivoluzionario
241
La giornata decisiva è il 2. È domenica, molti operai sono
presenti. L'insurrezione è stata preparata con metodo, e que­
sta volta, pur non avendone le prove, si sospetta l'intervento
dei politici della Montagna. Una folla di 80.000 uomini,
armati di più di 150 cannoni, circonda la Convenzione all'ini­
zio del pomeriggio. Per evitare qualsiasi contatto fra le sezioni
moderate e i rappresentanti del popolo, si piazzano in prima
linea i battaglioni più rivoluzionari. Verso le cinque alcuni
deputati tentano di uscire, ma si trovano la strada sbarrata.
Barère, disfatto in volto, si atteggia ad antico romano : poiché
l'Assemblea è prigioniera, si presenti al completo davanti alle
truppe! Dietro al presidente, Hérault de Séchelles, col capo
coperto in segno di lutto, i deputati sfilano verso l'uscita ;
solo una trentina di Montagnardi, con Robespierre e Marat >
restano ai loro posti.
Nel cortile, Hanriot impugna la sciabola sguainata, i can­
nonieri stanno accanto ai pezzi con le micce accese. Hanriot
chiede a Hérault se l'Assemblea è pronta a consegnare i col­
pevoli, e poiché Hérault si rifiuta di rispondere, Hanriot
rivolto alle sue truppe ordina : « Cannonieri, ai vostri posti ! »
I deputati, dopo avere invano tentato di uscire attraverso il
giardino delle Tuileries, tornano ai loro posti nella sala delle
sedute. Levasseur, nelle sue Memorie, cosl descrive l'atmo­
sfera che regnava nella sala:
L'Assemblea era come piombata nello stupore. Anche noi, mem­
bri della Montagna, non potevamo vedere senza dolore gli sforzi
dell'insurrezione popolare contro il solo corpo costituito che avrebbe
potuto salvare la patria. Nessuno chiese la parola, né si prese
alcuna deliberazione.
Bisognava finirla. Ci pensò Couthon che, portatosi alla
tribuna, propose gli arresti a domicilio dei ventinove depu­
tati girondini e dei ministri Clavière e Lebrun. Il decreto
non fu votato, bensl approvato per acclamazione. La fine
della Gironda non ebbe nulla di tragico né di sublime: fu
una scena ridicola intrisa di umiliazione e di paura.
242
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Il 2 giugno 1793, nella storia della Rivoluzione, è ben
lontano dall'avere la stessa importanza del 1 0 agosto 1792.
Nessun elemento profondo scaturito dalla guerra viene scon­
volto ; la Rivoluzione continua a muoversi fuori del ciclo atti­
vato dal secolo, e le masse seguitano a valersi della situazione
d'emergenza per imporre alla borghesia recalcitrante formule
economiche e politiche che le ripugnano .
Su due punti, tuttavia, il 2 giugno segna una rottura. Con
la Gironda scompare il romanticismo rivoluzionario: per più
di un anno i Girondini hanno conferito alla Rivoluzione
un'aureola di fascino, di giovinezza e d'entusiasmo che sembra
continuare la douceur de vivre del grande porto donde pro­
venivano. Ma il tempo delle illusioni è finito: il paese è
invaso, la Vandea insorta, i sanculotti parigini pronti alle
misure estreme. La Convenzione si separa a malincuore da
questi giovani di cui ammirava l'eloquenza e il talento pur
invidiandone il prestigio. Altre équipes sono già pronte a dar
loro il cambio. Matrice inesauribile, la Convenzione ha per
·ogni circostanza la guida che più le conviene : i Girondini
all'ora della speranza felice, i Montagnardi all'ora del dolore
e della morte; al domani, quando torneranno i giorni sereni,
i silenziosi, prudenti ed abili uomini della Pianura. Vedere
in queste successive équipes altrettante stratificazioni sociali
sa d'illusione o di partito preso. Ciò che le distingue non è
l'origine sociale, ma il momento politico.
Il 2 giugno è però qualcosa di più di un cambiamento di
ministero. Tutta la rivoluzione borghese, anche nelle sue
anticipazioni democratiche, poggia sulla fede nelle virtù del
sistema rappresentativo; fra questa teoria innovatrice e l'an­
tica passione popolare per il governo diretto non esiste possi­
bilità d'accordo. Ora, il 2 giugno arreca al parlamentarismo
un colpo gravissimo. Nonostante Danton e la maggior parte
dei Montagnardi, la Convenzione non ha subito soltanto
l'« insurrezione morale » di cui parlava Robespierre, ma si è
trovata materialmente prigioniera; per la prima volta la forza
armata si è ribellata alla rappresentanza nazionale, e poco
VI. Il romanticismo rivoluzionario
24}
importa che questa forza, prima che pretoriana, sia plebea!
Il meccanismo azionato il 2 giugno porta in sé, come Michelet
ha ben capito, « e fruttidoro e brumaio ». In questo senso
non fu soltanto la disfatta della Gironda, ma una sconfitta
della Rivoluzione.
VII
L'ORA DELL'AVVERSITÀ 1
Nessun altro periodo della Rivoluzione ha cristallizzato
tante contraddittorie passioni come quello che va dal 2 giu­
gno 1 793 alla primavera del 1794. Per molti aspetti, tut­
tavia, questi pochi mesi, nella formazione della Francia
contemporanea, contano meno di certi episodi cronologica­
mente più brevi, quali l'estate del 1 789 o i primi mesi del
consolato. Il suo fascino deriva dunque dall'irrazionalità
dell'odio o dell'ammirazione suscitati. Le rivoluzioni del
XIX secolo in Francia e quelle del XX in Russia hanno
contribuito ad erigere a mito la breve parentesi del Ter­
rore. Indubbiamente, appunto per le sue lacerazioni, esso
si presta ad ogni genere di proiezioni affettive: cosl come
in passato si fu passionalmente favorevoli o contrari a
Danton 2 o a Robespierre, oggi si è favorevoli o contrari
a Hébert. Ma questi settarismi parziali, lasciando immu­
tato il quadro generale, lo hanno piuttosto coagulato
1 Sono stati utilizzati in particolare, oltre i libri citati a p. 187,
G. Lefebvre, Le Gouvernement révolutionnaire, dispense ciclostilate del
C.D.U.; D. Guérin, op. cit. nella Bibliografia, Paris 1952; A . Soboul,
op. cit. nella Bibliografia; M. Bouloiseau, Le Comité de Salut public,
collana « Que sais-je? »; J. Massin, Robespierre, Paris 1956; A. Olli­
vier, Saint-Just, op. cit. nella Bibliografia; M. Reinhard, Le grand Car­
not, op. cit. nella Bibliografia; R. Cobb, Les Armées révolutionnaires,
2 voll., Paris 1961-63.
2 Inutile ricordare la celebre polemica di A. Mathiez contro le
simpatie dantoniste di Aulard (opp. citt. nella Bibliografia).
246
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
intorno a due caratteristiche predominanti: la dittatura
rivoluzionaria e la democrazia popolare. Delle realizzazioni
e dei sogni degli uomini dell'anno II, si è pertanto privi­
legiato tutto ciò che pareva essere un'anticipazione. « Pun­
ta avanzata » della rivoluzione borghese, il 1 793 seduce
o ripugna perché si crede di vederci i segni premonitori
del 1 87 1 o del 1 9 1 7 : prospettiva peraltro terribilmente
deformante.
Che il Terrore non sia stato una libera e consapevole
scelta degli uomini politici della Montagna, lo dimostrano
ampiamente gli atteggiamenti assunti durante l'estate del
1 79 3 . La minaccia controrivoluzionaria è gravissima alle
frontiere e in Vandea; l'insurrezione « federalista » rischia
di spaccare il campo rivoluzionario in due blocchi ostili.
Tuttavia l'indomani del 2 giugno spira un vento d'indul­
genza che consente a venti deputati girondini incriminati
di fuggire dalle proprie abitazioni. Passa l'estate, e la ditta­
tura rivoluzionaria non è ancora stata organizzata: fedele
alla propria missione liberatrice, la borghesia rilutta a ser­
virsi di quelle stesse forze coattive contro cui ha combat­
tuto. Le misure terroristiche le verranno imposte dalla
piazza; le giornate di settembre obbligheranno la Conven­
zione a votare l'organizzazione di un'armata rivoluzionaria,
la legge contro i sospetti e il maximum dei salari e dei
prezzi, e fra ottobre e dicembre la spinta sanculotta farà
precipitare il coordinamento delle misure rivoluzionarie.
Non è quindi senza ragione che gli storici più recenti - e
particolarmente Albert Soboul - mettono in grande ri­
lievo, nella genesi del Terrore, quest'azione costante delle
masse parigine. Ma sarebbe bastata, da sola, la spinta po­
polare? È un elemento innovatore, nella nostra Storia?
Una delle più permanenti caratteristiche del lungo marti­
rologio delle classi inferiori è appunto questa fede nella
virtù della coercizione come strumento di giustizia e come
quasi magica soluzione delle contraddizioni sociali. Questa
antica aspirazione, celata nel fondo delle coscienze quando
la stabilità della società e dello Stato non è contestata, ri-
VII. L'ora dell'avversità
247
compare non appena si profila una crisi. Tipica del 179 3
non è tanto la necessità del Terrore quanto l'intensità della
crisi, che esasperando questa necessità la rende accettabile
alla borghesia in pericolo. Come scrive Barère nel celebre
testo della leva in massa approvato il 23 agosto, la Repub­
blica ormai non è altro che un'immensa città assediata.
Lione in mano ai realisti, Tolone consegnata agli inglesi
(27 agosto ), Condé, Valenciennes e Magonza occupate
dalle armate prussiane, i vandeani vittoriosi a Saumur, a
Nantes, a Chatillon-sur-Sèvres e a Vihiers, le folle esaspe­
rate dalla crisi annonaria : la borghesia rivoluzionaria è
isolata e disorientata. Le circostanze impongono il ricorso
alle pratiche dell'antichità romana: la dittatura di salute
pubblica. Ma poiché la borghesia non rinuncia alla propria
conquista politica fondamentale, ossia il parlamentarismo,
la novità del secolo, si tratterà di una dittatura controllata
dalla Convenzione, e i sanculotti ne saranno vittime alla
stessa stregua degli aristocratici. Il 9 settembre viene sop­
pressa la permanenza delle sezioni; il maximum generale,
approvato il 29, limita prezzi e salari, contribuendo a fran­
tumare il fronte popolare ; durante l'autunno e l'inverno,
il governo ostacola in tutti i modi l'azione militante; segue
poi il « dramma di germinale », e con Hébert finisce l'au­
tonomia politica del movimento sanculotto. Generata da
circostanze drammatiche, la dittatura si indebolisce non
appena i tempi diventano più clementi; dopo germinale,
diminuisce la pressione esercitata sul profitto capitalista,
e col 9 termidoro cessa la coattività della sicurezza bor­
ghese. Lungi dall'essere l'inevitabile modello di tutte le
rivoluzioni, la dittatura dell'anno II è segnata col marchio
della contingenza e dell'emergenza, col marchio dell'av­
versità.
« Robespierrismo vuol dire democrazia ». Questa frase
di Babeuf, scritta nel febbraio del 1796, è stato il filo con­
duttore della storiografia giacobina, finché non si. è co­
minciato a distinguere fra democrazia « borghese » e de­
mocrazia « popolare », fra governo diretto e governo rap-
248
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
presentativo, fra giacobinismo e sanculotteria. È vero che,
dopo la presa delle Tuileries, gli uomini che impugnano le
redini della Rivoluzione hanno considerevolmente allar­
gato l'orizzonte politico dischiusosi due anni prima. L'era
della democrazia politica comincia con la rivoluzione del
1 0 agosto. Sul piano del suffragio universale, dell'istru­
zione e dell'assistenza pubblica, la Convenzione è vera­
mente in anticipo sulle realizzazioni del XIX secolo. La
Dichiarazione dei diritti del 1 793 , la Costituzione che la
segue - e che non sarà mai applicata - e i decreti di
ventoso formano un complesso impressionante. Ma è ne­
cessario tener conto della tattica e delle circostanze; seb­
bene la Dichiarazione proclami il diritto al lavoro, all'assi­
stenza e all'istruzione, non pone al diritto di proprietà
alcuna delle limitazioni previste da Robespierre nel suo
progetto del 24 aprile : allora si trattava di favorire l'al­
leanza con i sanculotti, oggi si tratta invece di disarmare
la propaganda girondina rassicurando la borghesia possi­
dente. Gli uomini del 1 793 non furono dei pianificatori;
lo disse per loro Saint-Just : « La forza delle cose ci porta
forse a risultati ai quali non avevamo affatto pensato ».
La fase intellettualmente creativa della Rivoluzione va col­
locata, come ha fatto Jaurès, prima della caduta della Gi­
ronda : il programma d'istruzione pubblica più largamente
democratico fu elaborato da Condorcet nell'aprile del 1 792 ,
e rispetto alla costituzione preparata dallo stesso Condor­
cet, quella fatta approvare dai Montagnardi il 23 giugno
1 79 3 segna una recessione e una involuzione nettissime.
Tutte le grandi idee furono elaborate prima del 2 giugno.
La forza dei Montagnardi non consiste nell'immaginazione
creativa, né in una chiara concezione della democrazia fu­
tura, ma sta tutta nell'efficacia dell'azione e nell'abilità
tattica.
Dobbiamo allora cercare le anticipazioni nel settore
occupato dai sanculotti parigini ? Dieci anni fa Daniel
Guérin credette di scoprire nei conflitti che li contrappo­
sero al governo rivoluzionario una embrionale rivoluzione
VII. L'ora dell'avversità
249
proletaria in seno alla rivoluzione borghese; ma è stato
facilmente dimostrato che questa concezione non trovava
alcun riscontro nella composizione socio-professionale della
sanculotteria (in cui i salariati dell'industria erano larga­
mente minoritari rispetto ai compagnons, ai bottegai e ai
piccoli mastri artigiani), né nelle sue rivendicazioni eco­
nomiche e sociali. Quel che unisce i sanculotti nell'azione
militante è la lotta per il calmieramento delle derrate,
l'ideale che vive nei loro sogni è una società in cui la
proprietà sia generalizzata ma limitata ai bisogni indivi­
duali; è il rifiuto della concentrazione capitalistica: ideale
e rifiuto parimenti reazionari, che si riallacciano alle vec­
chie utopie fondate su una remota « età dell'oro ». E del
resto c'è da chiedersi se la popolazione fluttuante, o im­
migrata di recente dalle campagne, di cui troppo si è
trascurata l'incidenza sulla popolazione parigina della fine
del XVIII secolo, non abbia contagiato la mentalità rivo­
luzionaria con la secolare aspirazione dei miserabili al
possesso di un angolo di terra.
Per quanto imbevuti di un ideale sociale reazionario,
i sezionali, secondo il loro storico più recente, Albert So­
boul, furono però il gruppo politicamente più avanzato
della Rivoluzione :
deducendo dalla sovranità popolare, intesa nel più ampio senso del
termine, l'autonomia e la permanenza delle sezioni, il diritto di
ratificare le leggi e di controllare e revocare gli eletti, essi tende­
vano alla pratica del governo diretto e all'instaurazione della de­
mocrazia popolare.
Ma se prescindiamo da ogni apriorismo politico e cer­
chiamo di scoprire nella pratica militante un segno che
preannunci la democrazia del XX secolo, rischiamo di re­
stare delusi. I militanti furono sempre una minoranza, e
i metodi con cui si imposero alle sezioni assomigliano
stranamente a quelli usati due secoli prima dai leghisti
parigini; la pubblicità delle sedute amministrative, il voto
250
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
ad alta voce, la denuncia considerata un dovere civico, la
ripugnanza per tutto ciò che potrebbe incrinare l'unanimità
e il permanente ricorso alla violenza rivelano un anti­
chissimo sostrato della psicologia di gruppo ; quanto più
ci si sente in minoranza, tanto più forte è il bisogno di
« consenso », e si finisce col passare dall'impossibile per­
suasione alla possibile coercizione. Sullo sfondo della men­
talità rivoluzionaria emergono le due passioni che sempre
arroventano le sollevazioni popolari : il bisogno insopprimi­
bile dell'eguaglianza e quello del castigo. La ghigliottina,
questa « falce dell'eguaglianza », dà l'illusione di soddi­
sfarli entrambi, ma rimarrà pur sempre una soluzione uto­
pica delle contraddizioni della realtà.
Il retaggio del governo rivoluzionario va cercato al­
trove, e non tanto nell'organizzazione dello Stato quanto in
un certo numero di caratteristiche originali delle strutture
sociali, politiche e psicologiche della Francia contempo­
ranea.
Un mito particolarmente tenace - soprattutto fra gli
avversari della tradizione rivoluzionaria - fa dei Giaco­
bini gli artefici dell'accentramento statale. Indubbiamente,
incalzati dalle circostanze, essi dovettero provvisoriamente
venir meno all'ideale decentratore ed elettivo inscritto dalla
borghesia nella Costituzione del 179 1 . Il decreto del 1 4 fri­
maio anno II ( 4 dicembre 1 793 ) subordina tutte le ammi­
nistrazioni elette ai comitati di governo, e affianca ai
distretti e alle municipalità degli « agenti nazionali » stret­
tamente dipendenti da Parigi. Ma questa centralizzazione
d'emergenza fu di breve durata, e anche nell'anno II
s'impose molto superficialmente; accanto al federalismo
girondino, vi fu un federalismo giacobino; le società po­
polari, i club e i rappresentanti in missione s'impadroni­
rono spontaneamente della sovranità, scavalcando o limi­
tando le direttive di governo. L'ossatura dello Stato mo­
derno non fu opera degli agenti del Comitato di Salute
pubblica, bensì, dopo brumaio, dei prefetti di Bonaparte.
VII. L'ora dell'avversità
251
Ma la realtà del 1 793 non è il cesarismo, bensl il par­
lamentarismo. Non lasciamoci abbagliare dal patibolo e
dalle successive epurazioni. Trasferiamoci alla Convenzione
o al club dei Giacobini, seguiamo Robespierre giorno per
giorno, mentre cerca di convincere, di sedurre o di mano­
vrare. Questo « grandissimo tattico », come lo definiva
Michelet, è soprattutto un grande leader parlamentare.
Nel giugno del 1 793 egli indica il punto in cui si pro­
durrà la frattura : « Saremmo vittoriosi già da quattro anni,
se non avessimo disprezzato la sottigliezza e l'astuzia ».
I Girondini erano stati dei pessimi manovrieri; Robes­
pierre, al governo, dà prova di un'abilità ancora più straor­
dinaria di quella dimostrata all'opposizione. Ma la sua
maggioranza è fragile: bisogna venire a patti con gli avver­
sari di domani, necessari alleati di oggi; bisogna parare i
veri colpi politici attirando l'attenzione sulla speculazione
o sulla minaccia straniera; bisogna aspettare che l'avver­
sario si scopra, a destra o a sinistra, per isolarlo e scon­
figgerlo al momento buono. Per quasi un anno, di fronte
a un'Assemblea che lo detesta, Robespierre riesce a difen­
dere la politica di un governo spesso diviso. La tecnica di
manovra delle Camere nasce con lui e con la Convenzione
montagnarda.
Contemporaneamente si vengono delineando le carat­
teristiche definitive della società contadina. La legge del
1 7 luglio 179 3 , che abolisce senza indennizzo i diritti
signorili residui, libera la proprietà rurale dalle sue ultime
pastoie. La legge del 3 giugno metteva in vendita i beni
degli emigrati in piccoli lotti e a pagamento fortemente
dilazionato; quella del 1 0 giugno prevedeva la divisione
pro capite dei beni comunali, ma non fu mai applicata
perché avrebbe provocato una vera e propria polverizza­
zione del suolo; ma appunto la conservazione dei beni
comunali e il consolidamento della proprietà contadina
favoriranno la stabilità delle campagne e l'arcaicità del­
l'agricoltura della Francia del XIX secolo. In questo campo,
252
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
le alleanze cui la borghesia dovette piegarsi nell'anno II
si riveleranno come un durevole freno all'estendersi del
capitalismo e al progresso delle coltivazioni.
Ma la vera ricchezza dell'eredità giacobina sta nella
storia delle mentalità, e ancora di più in quella delle sen­
sibilità. Il 1 793 desta ancor oggi molte passioni. Per alcuni
esso rappresenta soltanto il sangue versato, i preti alla
macchia, la morte di André Chénier, e il loro rifiuto è
totale, senza sfumature né incrinature, profondamente ra­
dicato in un piano che sfugge alla ragione e all'intelligenza.
Altri - più numerosi - contestano Danton o Robes­
pierre, deplorano il culto dell'Essere supremo o la legge
di pratile, ma la loro adesione è comunque totale, pro­
fonda, fondata sulle più intime reazioni affettive. Per essi
il '93 rappresenta la grande nazione che sconfigge la coali­
zione, la grande festa dell'Egu aglianza, la grande rivincita
di tutti gli umiliati :
Il faut raccourcir les géants
E rendre les petits plus grands
Tous à la meme hauteur
Voilà le vrai bonheur 3 •
3 Bisogna abbassare i giganti / E rendere i piccoli più grandi /
Tutti alla stessa altezza / Ecco la vera felicità [N.d.T. ].
I
SANCULOTTI
Che cos'è un sanculotto? Un'apologia dell'estate del 1793
ne fa questo ritratto:
È un essere che va sempre a piedi, che non ha i milioni che
tutti vorreste avere, né castelli, né lacché per servirlo, e che abita
semplicemente con moglie e figli, se ne ha, al quarto o al quinto
piano. È utile perché sa arare un campo, sa forgiare, segare, li­
mare, sa coprire un tetto e fare un paio di scarpe, e sa versare
fino all'ultima goccia del proprio sangue per la salvezza della
Repubblica.
Il sanculotto s1 riconosce a prima vista per l'abito che
veste e per i modi che ostenta. Non porta calzoni dorati né
calze di seta, ma un paio di lunghe brache e, sopra la cintola,
una giacca corta, la celebre carmagnola. Il berretto rosso, cer­
tamente lanciato negli ambienti popolari dai borghesi colti,
ha un successo immenso; nonostante l'ostilità di Robespierre
e l'ironia dei borghesi, diventerà il simbolo del militantismo
rivoluzionario e durante l'estate del '93 tutti lo porteranno.
La picca rappresenta la potenza del popolo in armi e ricorda
le grandi giornate vittoriose.
Il sanculotto non dice « signore », ma « cittadino », e
vorrebbe rendere obbligatorio il « tu » : il « voi » non è
forse « un avanzo di feudalità »? Quando indirizza una peti­
zione a un deputato, firma « il tuo eguale nei diritti » ; e non
gli garbano le spalline degli ufficiali, ch'egli vorrebbe costrin­
gere a mangiare dalla gavetta come i semplici soldati. Oltre
254
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
che egualitario, il sanculotto è anche virtuoso; una petizione
chiede « che le donne pubbliche vengano chiuse in case nazio­
nali, in ambiente salubre e occupate a lavori adatti al loro
sesso », un'altra reclama una legge che abolisca bische e bor­
delli. È chiaro, da questi segni, in che cosa consista essenzial­
mente la mentalità rivoluzionaria: nella passione dell'egua­
litarismo e dell'azione repressiva. Tutto ciò che offende questa
passione è segno di « aristocraticità », ossia di controrivolu­
zione. Un atteggiamento altero o ironico? Aristocraticità! Il
possesso di una certa ricchezza? « Aristocratici sono tutti i
ricchi, tutti i grossi commercianti, tutti gli accaparratori, i
fattorini, i banchieri, i galoppini di bottega, gli avvocatucoli
e chiunque possegga qualcosa ». Essere colto e « illuminato »
significa essere sospetto di mancanza di civismo e minacciato
d'arresto. Alla volontà di livellamento si aggiunga la xeno­
fobia: chi sposa una straniera « è un nemico dei francesi, un
emigrato nell'animo »; chi veste un abito fatto di stoffa stra­
niera « si fregia della livrea del nemico per lasciare nell'indi­
genza i nostri amati artigiani ».
La delazione, che sotto l'Ancien Régime era giudicata
infamante, sotto la Repubhlica diventa una virtù e un dovere.
Ciò che più esalta l'immaginazione è la ghigliottina: molti
piccoli borghesi, che nella vita privata sono di temperamento
mite e tranquillo, si eccitano profondamente davanti al pati­
bolo. Il Terrore gli appare infatti un legittimo e necessario
strumento di difesa rivoluzionaria. Sarà forse doveroso guar­
dare più in là delle motivazioni coscienti : « Mannaia nazio­
nale », « scure popolare », « falce dell'eguaglianza », la ghi­
gliottina è il magico rimedio di un popolo che soffre la fame
da secoli. « La ghigliottina ha fame, da troppo tempo di­
giuna », esclama un militante ; in un altro quartiere, una
donna dichiara che « a quelli che si oppongono ai sanculotti,
vorrebbe mangiargli il cuore ». E, all'epoca della carestia di
ventoso, un calzolaio consiglia di recarsi nelle prigioni e
sgozzare i detenuti, arrostirli e mangiarli, e « che se ai pa­
trioti preferivano far mangiare i gatti, sarebbero stati man­
giati come cani ». In queste immagini spontanee non si cela
VII. L'ora dell 1avversità
255
forse un complesso di umiliazioni e di ossessioni di cui ci
sfugge l'origine?
I metodi dell'azione sanculotta ricordano, sotto forme
nuove, molte pratiche tipiche dei movimenti rivoluzionari
urbani del XVI e XVII secolo. L'autentica novità è costituita
dal vocabolario, che porta il segno del tempo e dei suoi intel­
lettuali. Ma i sogni degli umili, compressi dalla formidabile
armatura del progresso, si sono sempre cristallizzati intorno
agli stessi temi: a ciascuno, non le medesime possibilità ma
gli stessi risultati, a tutti, non i medesimi diritti sibbene gli
stessi poteri. La violenza è solo una logica conseguenza del­
l'inadeguatezza dell'utopia alla realtà.
Approfittando del quadro offerto dalle quarantotto sezioni
della capitale, i militanti, che furono sempre un'infima mino­
ranza, s'impongono attraverso l'intimidazione. Durante l'estate
del 1793, per costringerle a cedere, i sezionali dei quartieri
« avanzati » irrompono nelle sezioni moderate avversarie, ne
destituiscono le autorità e vi fanno eleggere i propri simpa­
tizzanti: tutto questo si chiama « rigenerare una sezione ».
Dapprima impongono il voto ad alta voce, poi per acclama­
zione; ben presto, in autunno, l'assenza dalle assemblee o il
rifiuto di esercitare una funzione pubblica, ossia l'« indiffe­
renza » o la « tiepidezza », saranno considerati validi motivi
d'arresto. L'adesione individuale a una petizione è giudicata
immorale: solo le petizioni collettive esprimono la sovranità
popolare.
Il programma dei sanculotti presenta una strana mesco­
lanza di « rousseauismo » - in cui si sente l'influenza dei
quadri intellettuali del movimento - e di rivendicazioni spon­
tanee che danno vita all'egualitarismo. Ai loro occhi la sovra­
nità popolare consiste nel diritto delle assemblee primarie
di ratificare le leggi, di controllare e, ove occorra, di revo­
care gli eletti, di sorvegliare i funzionari e, in caso di neces­
sità, di scatenare l'insurrezione. Al principio della proprietà
assoluta e illimitata essi contrappongono il principio del-
256
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
l'« eguaglianza dei godimenti »; non pretendono di abolire la
proprietà, ma vorrebbero limitarla « all'ampiezza dei bisogni
fisici ». Che cosa vuole la sezione dei sanculotti {J ardin des
Plantes)? « Che sia fissato il maximum dei beni di fortuna,
che il medesimo individuo non possa possedere che un solo
maximum, che nessuno possa avere in affitto più terra di
quanta ne occorra per un numero determinato di aratri, che
il medesimo cittadino non possa avere che una sola officina,
una sola bottega ». L'unico elemento concreto di questo pro­
gramma utopico è l'esigenza del calmiere : il pane a buon
mercato e la lotta contro gli accaparratori mobilitano il popolo
parigino in permanenza.
Tanto meglio lo si comprende in quanto questo popolo
non ha altro in comune che i suoi problemi di consumatore,
giacché nell'organizzazione della produzione troviamo le situa­
zioni più varie. Su un totale che supera i 600.000 abitanti,
i salariati attivi sono circa 130.000, ossia, considerate le
persone a carico, 3 / 400.000 anime. Questi salariati, però,
sono raggruppati in vere e proprie imprese solo in rarissimi
casi : ciò che predomina è l'artigianato e soprattutto il lavoro
a domicilio per conto dei commercianti. Quanto ai 40.000
patrons, non lasciamoci ingannare da questa parola: un decimo
di essi al massimo è a capo di una media o grande industria,
mentre la massa è costituita da mastri artigiani. Fra maztres
e compagnons, bottegai e artigiani, indigenti e salariati si
crea una certa omogeneità solo di fronte al problema del
pane. Per chiarire le origini della mentalità sanculotta, biso­
gnerebbe del resto tener conto dei numerosi immigrati venuti
dalle campagne ad ammucchiarsi nelle camere ammobiliate
della capitale. Louis Chevalier non ha forse evidenziato un
importante aspetto della rivoluzione parigina presentandola
come « un regolamento di conti fra due categorie di popola­
zione: la vecchia borghesia parigina e le altre ( ... ) selvagge,
barbare, nomadi » ?
M a se l'anno I I h a un posto a parte nella lunga storia
delle classi inferiori, non lo deve tanto alle masse sanculotte
F. Gérard I attr. I, La Patria in pericolo e l'armo/amento dei volontari, Vizi I le,
Museo della Rivoluzione francese.
Mauzaisse, La ba/taglia di
Fleums, Versailles, Museo.
J .L Dav id. Larnisier e sua mo,�!ie, CN .A.i'vL
257
VII. L'ora dell'avversità
quanto al loro inquadramento. Si tratti di comitati c1v1ci o
di comitati rivoluzionari, questi quadri costituiscono una
specie di sotto-intellighenzia emanata dalle infime classi mer­
cantili: autentica microélite a livello di quartiere, la piccola
borghesia delle botteghe e delle bancarelle vede nel paros­
sismo della crisi un'occasione per farsi avanti. L'antiparlamen­
tarismo è, in certo qual modo, una manifestazione della sua
gelosia nei confronti delle « capacità » che in quattro anni
di rivoluzione hanno conquistato le assemblee e la gestione
dello Stato. Più che di una lotta di classi, si tratta di una
rivalità fra équipes. C'è un nuovo strato sociale che aspira
alla dirigenza, ma che prima di arrivarci dovrà aspettare
un secolo.
DANTON
Di fronte alle esigenze dei sanculotti, i Montagnardi costi­
tuiscono un blocco tutt'altro che omogeneo. Dopo il 2 giugno,
il centro direttivo del paese è il Comitato di Salute pubblica
creato dalla Convenzione del 7 aprile e completato alla fine
di maggio. Ma dei nove membri anziani del Comitato, sette
rappresentano la Pianura e due, Danton e Delacroix, la Mon­
tagna. In realtà, colui che domina il Comitato è Danton.
Chi è Danton? Il più realista degli uomini politici della
Convenzione, o il più venale degli avventurieri? Il « problema
Danton » è stato mal posto proprio perché è stato troppo
a lungo limitato a questo dilemma. Oggi, grazie ai documenti
d'archivio, la sua venalità è stata dimostrata, ma che cosa
prova? Non si vede quali servizi Danton abbia potuto ren­
dere alla controrivoluzione, mentre quelli da lui resi alla causa
rivoluzionaria sono lampanti. La storia, dopo tutto, non è una
scuola di moralità. Per molti aspetti egli ricorda Mirabeau,
di cui aveva lo stesso forte temperamento - che gli faceva
dire, non senza compiacimento: « Ho avuto in sorte dalla
natura le forme di un atleta e l'aspra fisionomia della Li-
258
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
bertà » -, la stessa gioia di vivere e di godere, lo stesso
estro nell'improvvisare le formule, lo stesso dono innato di
sedurre le folle.
Sono le crisi gravi che rivelano il Danton della storia. La
sua voce possente orienta la corrente rivoluzionaria non verso
le lotte intestine e le scissioni ritenute salutari da Robespierre,
bensl verso l'unione contro il nemico. Qui sta la sua strategia
e la chiave delle sue apparenti contraddizioni: opporre al
nemico il più ampio fronte possibile, evitare il frazionamento
del corpo rivoluzionario. Quando però non può opporsi alla
corrente, la segue. Araldo della difesa rivoluzionaria, cerca
tuttavia il negoziato, offrendo ove occorra la libertà della
regina. Lo si è molto elogiato e molto criticato; ma, dopo
tutto, come Robespierre dopo di lui, egli è vittima di un
ingranaggio che sfugge al suo controllo: cercare la pace signi­
fica essere lucido, parlarne vuol dire alienarsi l'opinione pub­
blica rivoluzionaria.
All'inizio dell'estate del 1793, allorché gli insuccessi mi­
litari si susseguono, Danton si sente ormai logoro. Il 4 luglio,
Marat parte all'attacco del « Comitato di perdita pubblica » .
La scoperta di uno pseudo-complotto in cui sarebbe coinvolto
Dillon, amico di Desmoulins, lo travolge per interposta per­
sona. Personalmente è stanco, desideroso soltanto di dedicare
le sue forze e il suo tempo alla giovane donna che ha appena
sposato. E soprattutto, forse, egli fa un calcolo politico che
si rivelerà pericolosissimo: poiché il potere lo ha compro­
messo, si compromettano anche gli altri e gli consentano di
rifarsi una verginità ! Il 10 luglio, dietro sua domanda, la
Convenzione lo estromette dal nuovo Comitato. Eletto suo
malgrado il 5 settembre, torna a rifiutare la sua partecipa­
zione al potere. Jaurès ha visto molto chiaramente quale
pericolo quest'atteggiamento rappresentasse per la maggio­
ranza e per lo stesso Danton: un « ministeriabile » potente
che rifiuta il potere può diventare domani il polo intorno al
quale si cristallizzerà l'opposizione.
259
VII. L'ora dell'avversità
MARAT
Tre giorni dopo le dimissioni di Danton, Marat viene
pugnalato da Charlotte Corday. Questa ragazza venticinquenne
di Caen che ha troppo letto Plutarco crede di colpire un
tiranno, e crea invece un mito. Nel 1789 Jean-Paul Marat
può sembrare un uomo finito: ha quarantacinque anni, e dalle
sue passate esperienze non ha tratto che delusioni. Nato nel
principato di Neuchatel da un prete spretato italiano conver­
titosi al calvinismo, ha peregrinato da Bordeaux a Parigi e
da Parigi a Londra, dove si ferma dieci anni, raggiungendo
come medico e come scrittore un certo livello sociale. Ma
al suo ritorno a Parigi, nel 1776, ottiene soltanto un suc­
cesso effimero. Destituito nel 1784 dal suo posto di medico
delle guardie del corpo del conte d'Artois, è inoltre in discor­
dia col mondo degli scienziati per le sue opinioni - estre­
mamente retrograde - in materia di calore e di elettricità.
Malato e pieno di debiti, non è riuscito a trar partito dai
suoi viaggi, né dalle sue letture o dai suoi scritti per costruirsi
una carriera. Ma il capitale intellettuale accumulato trova
nella Rivoluzione un campo d'investimento illimitato.
Nel giro di quattro anni diventa « l'Amico del Popolo ».
Come stupirsene? Ha previsto con grande anticipo la fuga
del re e il tradimento di La Fayette; la sua vigilanza e il suo
destino di eterno perseguitato gli hanno valso una reputazione
di censore forse eccessivo ma indispensabile. Al club dei
Cordiglieri e nelle sezioni, le sue parole e la sua penna arro­
ventano le passioni popolari. Nonostante le esitazioni di Robes­
pierre, la sua popolarità lo fa eleggere alla Convenzione.
Levasseur, nelle sue Memorie, indica esattamente quale ruolo
gli assegni la Montagna:
Marat non esercitò mai sulla Convenzione una qualsiasi in­
fluenza ( ... ) Le sue follie erano innocue, ma costituivano nel con­
tempo una specie di maximum democratico che era impossibile su-
260
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
perare ( . . . ) Marat era una sorta di baluardo contro la popolarità
interessata dei demagoghi al soldo dello straniero.
Quanto dire che è molto meno pericoloso nell'Assemblea
che fuori di essa. Garanzia di purezza rivoluzionaria, egli
difende il partito Montagnardo a sinistra.
Tuttavia, quando la morte lo ghermisce, è anche lui un
uomo ormai logorato. È un democratico che disprezza il lato
economico delle cose; nel grande slancio che nel febbraio
del '93 spinge le folle al saccheggio dei negozi e a reclamare
il calmiere, egli non sa vedere altro che una manovra con­
trorivoluzionaria. Il 4 luglio denuncia violentemente Roux,
Ledere e gli Arrabbiati. Desiderio di lottare contro un'équipe
rivale? Più profondamente, incapacità di capire le motiva­
zioni popolari. Grazie a Charlotte Corday, Marat ritrova nella
morte una purezza mitologica. -Intorno al cuore dell'Amico
del Popolo, conservato al club dei Cordiglieri, nasce un culto
spontaneo; alla fine di luglio ha luogo una festa civica per
« innalzare un altare al cuore dell'incorruttibile Marat ».
Ma, per la Convenzione, la morte di Marat è una porta
aperta a tutte le demagogie e a tutti gli estremismi.
IL GRUPPO CORDIGLIERO
Nella primavera del '93 abbiamo già visto all'opera quei
sinceri e disinteressati eredi di una lunga tradizione protesta­
taria che sono gli Arrabbiati; e, da giugno a settembre, li
vedremo ancora guidare e sostenere le rivendicazioni popo­
lari. In se stessi tuttavia non costituiscono un vero pericolo:
se hanno l'appoggio del popolo, non beneficiano però di
alcun sostegno parlamentare, né di forze armate, né di una
base che gli serva di trampolino per accedere al livello in cui
ci si contende il potere. Arrestato il 5 settembre, Jacques
Roux si suiciderà davanti al Tribunale rivoluzionario. Il 16
verrà attaccata la Società delle Donne rivoluzionarie di Claire
VII. L'ora dell'avversità
261
Lacombe, che verrà poi sciolta in novembre. Il 18 Varlet è
in prigione, Ledere si dà alla latitanza : per gli Arrabbiati
è finita.
Ben altrimenti pericoloso appare il gruppo cordigliera,
che, mentre da un lato fa leva sullo scontento popolare, dal­
l'altro tenta le vie del potere. In questo gruppo, l'estremismo
è soprattutto una tattica, ed è la morte di Marat che li spinge
a mettersi in gara. Ascoltiamo Hébert : « Se occorre un suc­
cessore a Marat, se occorre una seconda vittima per l'aristo­
crazia, eccola pronta, sono io ». Il consolidamento del governo
rivoluzionario li obbliga a inasprire la propria azione, poiché
ormai sono candidati alla successione al potere.
Donde traggono la loro forza? In primo luogo dagli uffici
del ministero della Guerra, il cui segretario generale, Vincent,
è un leader cordigliero. Figlio del guardiano di un carcere,
Vincent è molto vicino agli ambienti popolari ; per lui la rivo­
luzione è soprattutto la rivoluzione degli impieghi, e in
novembre una vasta epurazione gli consentirà di riempire di
sanculotti gli uffici del suo ministero. Accanto a Vincent, tro­
viamo Ronsin, debitore della propria popolarità a una rapida
e straordinaria carriera. Arruolatosi nell'esercito all'età di
diciassette anni - nel 1768 -, uscitone quattro anni dopo
per darsi al teatro, Ronsin compare nella rivoluzione solo
dopo il 10 agosto. Commissario del Consiglio esecutivo, orga­
nizzatore dell'armata del Belgio, poi direttore di un ufficio
del ministero della Guerra, nel maggio del '93 si arruola
nell'armata della Vandea. Autonominatosi generale e richia­
mato a Parigi, in settembre viene messo alla testa dell'armata
rivoluzionaria diretta alla riconquista di Lione. È un uomo
con una vera e propria clientela, e un altro suo appoggio
- che però si rivelerà fragilissimo - è la Comune di Parigi,
il cui sindaco Pache passa per un protettore del gruppo cor­
digliero. Procuratore generale è Chaumette, anch'egli rivela­
tosi il 10 agosto, amato dal popolo per il suo linguaggio uma­
nitario e la semplicità del suo vestire, e che in settembre
appoggerà la manovra del gruppo. Perfino Hanriot, questo ex
262
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
impiegato del dazio al quale i sanculotti hanno ottenuto
- non senza difficoltà - l'elezione a comandante in capo
della guardia nazionale, sembra ben disposto.
Infine c'è la stampa. Dopo la scomparsa di Marat, quale
giornalista può rivaleggiare con l'autore del « Père Du­
chesne »? Strano destino, quello del Père Duchesne. Nel
teatro popolare della fìne del XVIII secolo, era _ come il Gui­
gnol dei nostri figli, un personaggio ben noto e amato; nulla
di straordinario quindi che la Rivoluzione cerchi di annetter­
selo. Ma fra tanti giornali che si intitolano al suo nome, solo
quello di · Hébert riesce a imporsi, acquistando un'influenza
tanto più notevole in quanto, grazie a Vincent, viene distri­
buito all'esercito. Senza arrivare a dire, con Jaurès, che
l 'hebertismo « è un millantatore dal baffo provocatorio » e
che, « sotto forma demagogica », costituisce « la prima com­
parsa del militarismo nella Rivoluzione francese », vi " si scopre
facilmente una delle correnti che più tardi confluiranno nello
sciovinismo piazzaiolo e militarista dei fedeli veterani del1 'Impero.
Hébert è molto diverso dal Père Duchesne : è un declas­
sato. Nato da una buona famiglia della borghesia di Alençon
lontanamente imparentata con la nobiltà, nel 1780, a causa
di un malaugurato incidente, è costretto a rifugiarsi a Parigi,
dove lo aspettano undici anni di tribolazioni, di miseria e di
umiliazioni. Non partecipa allo slancio dell'89, ma il 10 agosto
farà di lui uno dei membri del Consiglio generale della Comune
e successivamente il sostituto-procuratore di Chaumette. Re­
spinto come candidato alla deputazione, il 20 agosto del '93
la Convenzione gli rifiuta il ministero degli Interni.
Cosi si spiega la natura e l'unità del gruppo cordigliero,
che tende a far leva sul malcontento popolare per scalzare
l'équipe dirigente che domina l'Assemblea e i comitati. Si
tratta quasi di un conflitto fra generazioni: questi uomini
incarnano la generazione del 10 agosto, sono gli ultimi arri­
vati del movimento rivoluzionario, che mal sopportano la
leadership della generazione dell'89 . Per i Montagnardi lurtgi­
miranti, il loro atteggiamento è un segnale d'allarme.
VII. L'ora dell'avversità
263
IL GRANDE COMITATO
Allorché Danton si dimette, le redini del potere vengono
impugnate da mani sicure. Dei quattordici membri del Comi­
tato di Salute pubblica esistente prima del 10 luglio, la Con­
venzione ne rielegge sette: tre di tendenza centrista (Barère,
Lindet e Gasparin ) e quattro Montagnardi estremisti che già
ne facevano parte alla fine di maggio (Saint-Just, Couthon,
Bon Saint-André ed Hérault de Séchelles), cui affianca altri
due deputati della Montagna, Thuriot, amico di Danton, e
Prieur de la Marne. Già il 24 luglio Gasparin si dimette,
so'stituito tre giorni dopo da Robespierre. Il 14 agosto
entrano Carnot e Prieur della Cote-d'Or; il 6 settembre i
sanculotti impongono Collot d'Herbois e Billaud-Varenne; il
20 Thuriot si dimette. Ad eccezione di Hérault de Séchelles,
arrestato in marzo e giustiziato nell'aprile del 1794, questa
équipe dirigerà la Francia per un anno.
Ciò che la contraddistingue è la gioventù e l'esperienza.
Il suo componente più anziano ha quarantasette anni, il più
giovane ventisei, l'età media del gruppo si aggira appena al
di sopra della trentina. Tutti si sono formati nelle precedenti
assemblee o nei grandi servizi di Stato, tutti svolgeranno un
lavoro immane, chini sui loro dossier da sedici a diciotto ore
al giorno. Installati nel Pavillon de Flore, devono rispon­
dere alle petizioni e ai rapporti, firmare i decreti, controllare
i ministri, dirigere le armate e sostenere la propria politica
davanti alla Convenzione, che può licenziarli in qualsiasi mo­
mento. Hanno funzioni direttive collegiali, il che non esclude
il lavoro specializzato, suddiviso in sette sezioni. Billaud e
Collot curano la corrispondenza con i rappresentanti in mis­
sione, Lindet gli approvvigionamenti e i trasporti, Prieur
della Cote-d'Or l'armamento, Saint-Just e Carnot dirigono
la commissione preposta alla Guerra, Jean Bon Saint-André
e Prieur de la Marne la Marina. Barère è onnipresente, e
Robespierre si occupa soprattutto dell'aspetto politico dei
diversi problemi.
264
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Molto s1 e scritto sulle loro divergenze e sulla parte di
responsabilità da attribuire a ciascuno di essi. Dopo la loro
morte, ai vinti di termidoro furono naturalmente imputati
tutti i cadaveri del Terrore, mentre Carnot e gli altri super­
stiti reclamavano per sé il premio delle vittorie. Ma le firme
apposte alle minute del Comitato - o quanto meno la prima
firma - contraddicono questa troppo semplice giustificazione.
Molto si è speculato inoltre sulla corrispondenza degli agenti
di una rete di spionaggio organizzata dal conte d'Antraigues
per conto dell'Inghilterra e della Spagna; questi comunicati
contengono alcune sorprendenti rivelazioni che hanno indotto
certi storici a vedere in Sieyès il segreto ispiratore della poli­
tica di Robespierre, in Hébert un agente realista e in Saint­
Just un avversario di Robespierre. Rasentando l'assurdo, recen­
temente si è addirittura affermato che Carnot fosse un infor­
matore del nemico. Che esistessero degli orientamenti pro­
fondamente diversi, è ovvio: spinti dal gruppo cordigliero,
Collot d'Herbois e Billaud-Varenne mantennero i collega­
menti con l'ambiente dei sanculotti e col personale compro­
messo nella repressione terroristica; la ragion di Stato, al
contrario, indusse Carnot, Lindet e Prieur della Còte-d'Or
a fare al popolo certe concessioni, intese peraltro come tem­
poranee. Barère rimase fedele al ruolo d'arbitro da lui pre­
diletto e che meglio conveniva alla sua grande intelligenza
politica. Collocare Robespierre, Saint-Just e Couthon al centro,
a destra o a sinistra è impossibile: le loro idee, condizionate
dal corso stesso degli avvenimenti, si applicheranno al futuro
solo per cadere nell'utopia.
Per il momento, è il presente che li unisce. In questo
periodo di avversità, bisogna allascare le vele e prepararsi
ad affrontare la bufera. Ciò significa sospendere il regime
costituzionale e l'applicazione delle leggi, significa rinunciare
alle normali garanzie di protezione del cittadino, significa
ricorrere alla dittatura d'emergenza ; ed ha un nome preciso:
governo rivoluzionario.
Questi uomini politici presentano del resto una certa
omogeneità sociale. Sono indubbiamente dei borghesi, ma di
VII. L'ora dell'avversità
265
un tipo particolare; di quella borghesia, cioè, che poco deve
alla ricchezza e molto, invece, alla cultura, al talento e alla
formazione tecnica e scientifica. Fra essi, Bertrand Barère de
Vieuzac si potrebbe definire un personaggio marginale. Avvo­
cato al parlamento di Tolosa, quando viene eletto deputato
agli Stati generali questo figlio di Tarbes è già un uomo in
vista, ben noto nei salotti e nelle accademie. Legato alla
famiglia d'Orléans, alla Costituente è già attentamente ascol­
tato. Altro personaggio marginale, ma all'estremo opposto, è
l'attore Collot d'Herbois, che passa dalla bohème al club dei
Giacobini issandosi poi fino al Comitato sulle spalle dei san­
culotti. E gli altri? Cinque sono o sono stati avvocati; Jean
Bon Saint-André, dopo lunghi anni di viaggio come capitano
di lungo corso, è diventato pastore protestante a Montauban,
sua città natale. Prieur della Cote-d'Or e Carnot sono capitani
del Genio, usciti dalla Scuola di Mézières.
Esemplare nel suo genere è il destino di Lazare Carnot.
Nato a Nolay, nella Cote-d'Or, in un ambiente borghese in
cui le piccole cariche e i molti figli suppliscono alla ricchezza,
Carnot vince il concorso alla Scuola di Mézières e nel 1773
ne esce col grado di sottotenente del Genio. Nel 1783 è capi­
tano e rischia di concludere la propria carriera con tale grado.
Innamorato di una ragazza di Digione, Mademoiselle de
Bouillet, non può sposarla perché troppo povero e soprattutto
d'origine troppo modesta, e invano cercherà di far ricon·oscere
alla propria famiglia un titolo di nobiltà. La sua amarezza
non è un'amarezza individuale, ma esprime anzi perfettamente
le frustrazioni dei grandi corpi « scientifici » dello Stato
( Genio, Artiglieria, Ponti e Strade), consci del proprio valore
e della propria utilità, ma ai quali l'Ancien Régime offre
possibilità molto limitate. Carnot non è certo un inventore
né un uomo d'intelligenza eccezionale, e, per essere sinceri,
le sue idee in materia di strategia e d'armamento sono spesso
antiquate e conservatrici. Tutto questo rende la sua ascesa
ancora più significativa . Non si tratta più, come ai tempi
della Costituente, dello sboccio dell'ingegno individuale, bensì
del trionfo dei tecnici, dell'era degli organizzatori.
266
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Fra le carte di Robespierre troviamo uno schema che
rivela perfettamente quest'organizzazione :
Ci vuole un segretario generale di grande merito, un ufficio
di segretari particolari intelligenti e patrioti, degli agenti che
trasmettano sollecitamente i decreti del Comitato a coloro che
devono eseguirli; è necessario che gli iucaricati dell'esecuzione ne
rendano conto al Comitato entro ventiquattr'ore; bisogna stabilire
a chi affidare le ordinanze e da chi saranno trasmesse; occorrono
dei corrieri fidatissimi dipendenti dal Comitato; bisogna che ogni
membro del Comitato abbia un incarico particolare e sia circon­
dato da segretari e agenti degni della sua fiducia; bisogna che
ogni membro abbia un ufficio personale dove possa lavorare e tutte
le comodità materiali necessarie per agire...
Così fu fatto. Oltre alle riunioni generali - che avevano
luogo soprattutto al mattino - e alle ore passate alla Con­
venzione, i membri del Comitato si occupavano dei propri
incarichi particolari lavorando fino a diciotto ore al giorno.
Da questa équipe, per la storia e per la leggenda, emerge
il triumvirato delle vittime del Terrore. Couthon è il perso­
naggio più sbiadito. Figlio dell'aspra e austera regione del­
l'Altopiano centrale, è un modesto avvocato di Clermont­
Ferrand, che una terribile malattia ha privato giovanissimo
(è nato nel 1755) dell'uso delle gambe. Giunto a Parigi
all'inizio della Legislativa, si schiera a fianco dei deputati
giacobini, ma si rifiuta di operare una scelta fra le due équipes
rivali, ossia fra i Girondini, di cui intuisce chiaramente le
ambizioni, e i democratici parigini, il cui settarismo lo spa­
venta. La crisi provocata dalla guerra e dal tradimento lo
spinge ad allinearsi ai Montagnardi. Il suo temperamento
naturalmente incline alla conciliazione e alla benevolenza è
sopraffatto da un'ardente passione per la Rivoluzione e per
l'unità nazionale: Meno portato di tanti altri alla polemica
personale, ma inflessibile quando è in gioco la salvezza della
patria, sarà un terribile pubblico accusatore del re, dei Giron­
dini e dei ribelli di Lione.
Meglio noto è Saint-Just, o almeno cosi si crede. I suoi
VII. L'ora dell'avversità
267
ritratti, tuttavia, sia quello di David che quello di Greuze,
ce ne danno un'immagine piuttosto sfocata, in cui la sola
cosa che colpisce per la sua autenticità è la fronte larga e
bassa. In realtà, dice bene André Malraux : « La leggenda non
nasce dalla bellezza di Saint-Just, è la sua bellezza che nasce
dalla leggenda ». Soprattutto, è circondato da un'aureola di
giovinezza. Allorché viene eletto alla Legislativa dal diparti­
mento dell'Aisne ha appena ventiquattro anni, ed è appunto
per la sua età che i suoi avversari ne fanno invalidare l'ele­
zione. Poco importa: l'anno seguente siederà alla Conven­
zione. Quest'azzimato giovanotto che si mescola ai deputati
della Montagna e che prima di recarsi alle sedute della Con­
venzione cavalca al galoppo nel Bois de Boulogne, non è un
aristocratico. Suo padre, di famiglia contadina, era un sol­
dato in pensione, guadagnatosi con il suo lungo servizio il
grado di capitano e la croce di San Luigi. Quanto a lui, dopo
un ottimo corso di studi presso gli Oratoriani di Soissons,
frequenta a Blérancourt il nuovo personale amministrativo
messo in luce dalla Costituzione. Divenuto rappresentante
del popolo, al club dei Giacobini si mostra piuttosto taciturno
e all'Assemblea estremamente assorto. Fino al 2 giugno, ap­
pare al di sopra delle lotte di parte e delle contese perso­
nali, pur votando con la Montagna i grandi provvedimenti
rivoluzionari; ma il processo al re ha rivelato il suo talento
d'oratore e il vigore delle sue idee. Il Terrore gli riserverà
un triplice ruolo: animare la guerra rivoluzionaria (la sua
missione presso l'armata del Reno durante l'inverno del '93
gli varrà l'applauso unanime della Convenzione), preparare
gli atti d'accusa contro gli avversari del governo e, soprat­
tutto, fornire al regime d'emergenza la necessaria giustifica­
zione teorica. È appunto su questo piano - il piano dei
principi, ma anche della sensibilità - che tutto lo lega a
Robespierre.
268
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
L'INCORRUTTIBILE
È raro che un uomo sia stato altrettanto travisato dall'odio
come Maximilien Robespierre; un odio che trasformò l'uomo
di studio in un demagogo, il moderato in un sanguinario,
l'astuto parlamentare in un dittatore, il deista intransigente
in un detrattore della religione. Persino i partigiani della
Rivoluzione hanno esitato a rendergli giustizia; Michelet, in
particolare, che mal comprese il personaggio, subodora in lui
il « bacchettone » e il « prete », e gli riconosce un solo me­
rito : la profetica antipatia per il militarismo e la spada.
Coloro che, come Mathiez, l'hanno al contrario messo su un
piedistallo, hanno probabilmente contribuito a disumanizzarlo
in egual misura. Allorché nel maggio del 1789 giunge a Ver­
sailles, quest'ometto dal volto minuto, vestito con perfetta
eleganza, è ancora soltanto un avvocato di provincia, senza
beni di fortuna e pressoché sconosciuto. Orfano a sei anni,
privato del padre, scomparso, riesce a forza di borse di studio
a proseguire gli studi al collegio Louis-le-Grand e a diventare
avvocato, com'è tradizione della sua famiglia. Degli anni di
studio, brillanti ma ostacolati dalla miseria, gli è rimasto una
specie di complesso del borsista: la diffidenza verso l'agia­
tezza e la facilità. Il suo successo elettorale è dovuto esclu­
sivamente all'appoggio degli strati inferiori del Terzo Stato,
che lo preferiscono a un collega sostenuto dai notabili di
Arras. I suoi primi interventi alla Costituente ottengono
scarsi risultati parlamentari, ma hanno una larga risonanza
nella stampa e nei club, dove, alla fine del 1790, riesce a
trionfare su Mirabeau. È il solo a votare contro la legge
marziale, il solo che si batta contro l'esclusione dei cittadini
passivi e della gente di colore delle Antille, il solo, o quasi,
che si rifiuti di porre limiti al diritto del popolo di presentare
petizioni all'Assemblea. È uno dei pochissimi che sin dall'inizio
capiranno che la forza della Rivoluzione sta tutta nell'alleanza
fra borghesia e popolo. Il suo isolamento nell'Assemblea, e
l'odio e i sarcasmi che vi riscuote, rafforzano il suo prestigio
VII. L'ora dell'avversità
269
a Parigi. L'eletto di Arras diventa il leader della Parigi rivo­
luzionaria.
Dopo la fuga del re, si limita a sostenere delle battaglie
di retroguardia, ma ottiene l'ineleggibilità dei Costituenti alla
nuova Assemblea; in seguito tutte le sue grandi battaglie si
svolgeranno al club dei Giacobini, di cui riuscirà a conservare
la clientela nonostante la scissione dei Foglianti : la battaglia
contro la guerra, in cui, come sappiamo, rischierà di perdere
la sua popolarità; le battaglie contro ·il tradimento e la disfatta,
contro la corte e infine contro i Girondini. Il 2 giugno, le
dimissioni di Danton lo costringeranno ad assumersi le sue
responsabilità, e diventerà uomo di governo.
Pur non esercitando sui propri colleghi la minima premi­
nenza di diritto, egli gode di un'autorità morale che procede
dal suo passato di oppositore e dal suo rifiuto di piegarsi
a qualsiasi compromesso. Il suo genio e le sue piccole meschi­
nità lo favoriscono in egual misura. Lungi dall'essere un dot­
trinario, è piuttosto un tattico notevolissimo, un politico
accorto nella scelta del momento opportuno, abilissimo nel
distinguere fra possibilità e avventurismo e nel seguire l'opi­
nione popolare o parlamentare senza lasciarsene sopraffare.
Lo si è visto allorché, dopo la fuga a Varennes, sconsiglia
le manifestazioni repubblicane, attenendosi all'intransigente
difesa di una Costituzione di cui egli stesso aveva contestato
le limitazioni. Lo si è visto prima del 10 agosto e del 2 giu­
gno, quando all'ultimo momento si allinea a una corrente
rivoluzionaria scatenata suo malgrado, al solo scopo di inca­
nalarla il meglio possibile. E lo si vedrà in futuro, nella lotta
contro le fazioni avversarie, quando riuscirà a salvare la sua
maggioranza isolando i suoi rivali dai loro simpatizzanti. In
periodo di crisi, gli tornerà utile perfino il suo temperamento
naturalmente portato a una certa meschinità, alla polemica
personale e ad una sospettosa gelosia. Perché non tutto è
immacolato, nell'Incorruttibile. Dopo i massacri di settembre,
quando Danton cercherà di orientare la collera popolare con­
tro il nemico straniero, egli tenterà invece di dirottarla
contro i Girondini suoi rivali; nel marzo del 1793, con note-
270
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
vole perfidia, rimprovererà ai Girondini la loro « costante oppo­
sizione all'annessione dei popoli alla nostra repubblica »: l'av­
versario della guerra di propaganda si trasformerà in fautore
della conquista per una semplice manovra di politica interna.
Ma la sua inquieta vigilanza e le sue continue accuse non
possono non piacere al popolo rivoluzionario, che vi sente
l'eco delle proprie ansie.
Questa guida realista ed efficace si lascerà trascinare, come
Saint-Just, nel campo dell'utopia. Il difficile esercizio del
potere, le reticenze della borghesia e l'inevitabile incompren­
sione popolare suffragheranno le loro impressioni giovanili.
Nonostante le istituzioni rivoluzionarie create, nonostante il
sogno di Saint-Just di un mondo di fraternità, in cui verrebbe
imposta la solenne dichiaraziorie delle amicizie particolari e
il regime vegetariano per i bambini, nonostante il sogno di
un futuro idilliaco, rustico e pastorale, la realtà capitalistica
e mercantilista è contro di loro. « Donde viene il male? Dai
borghesi », scrive Robespierre alla vigilia del 2 giugno. La
portata politica di queste parole è stata spesso sottolineata,
ma ancora più importante è il loro significato metafisico: per
Robespierre e Saint-Just la rivoluzione borghese che hanno
fatto nascere è portatrice del male assoluto, del lusso, del­
l'agiatezza, dell'ateismo e dell'individualismo dell'interesse
ch'essi detestano. « Non solo considero l'opulenza il frutto
del delitto, ma addirittura il castigo del delitto, e perciò
voglio essere povero per non essere infelice » : cosl parla
Robespierre. « Tutti vogliono la repubblica, ma della povertà
e della virtù nessuno vuol saperne » : questa volta è_ Saint-Just
che parla. Entrambi sanno perfettamente che « nessun'altra
istituzione potrà sostituire la virtù originale ».
Il culto della virtù sfocia quindi nel pessimismo. « La
virtù su questa terra è sempre stata in minoranza ». L'idea
cristiana della caduta s'innesta, laicizzata, sulla coscienza della
rottura della comunità e della fraternità medievali operata
dalla nuova morale dell'interesse e dell'utilità.
VII. L'ora dell'avversità
271
L'INS URREZIONE FEDERALI STA
A Lione, a Marsiglia e a Bordeaux i moderati avevano
fatto ricorso alle armi ancora prima del 2 giugno, e l'elimi­
nazione dei Girondini provoca l'estensione del movimento,
detto dai suoi avversari « insurrezione federalista ». In realtà,
la maggior parte dei suoi partigiani non intendono trasfor­
mare la Francia in una costellazione di piccole repubbliche
indipendenti, bensì opporsi al colpo di forza parigino e al
cambiamento dell'équipe governativa.
Restano fedeli alla Convenzione i dipartimenti vicini a
Parigi (Seine-et-Oise, Seine-et-Marne, Eure-et-Loir) e quelli
che, prossimi alle frontiere o alla Vandea, temono soprattutto
la controrivoluzione.
La carta dell'insurrezione comprende quattro regioni del­
l'Ovest e del Mezzogiorno, separate da zone lealiste. In Nor­
mandia e in Bretagna, il movimento inizia con la sollevazione
dell'Eure, dove il 7 giugno Buzot, fuggito da Parigi, decide
una leva di 4.000 uomini. Il 10 la rivolta si estende al Cal­
vados. I dipartimenti normanni e bretoni, ad eccezione della
Seine-lnférieure e della Loire-lnférieure, minacciate dai van­
deani, si federano intorno a Caen, che diventa la capitale
dell'Ovest girondino. Nel Sud-Ovest, il 7 Bordeaux destituisce
i rappresentanti, e il 9 decide una leva dipartimentale di 1.200
uomini. In Provenza, la sollevazione, preceduta da una crisi
maturatasi lentamente, si estende a Marsiglia, ad Avignone,
a Nìmes e a Tolone ( 12 luglio). A Lione, infine, dove in
realtà l'insurrezione è cominciata il 12 maggio, il conflitto
assume proporzioni gravissime: il giacobino Chalier viene
ghigliottinato il 17 giugno.
Tuttavia, ad eccezione di Tolone, che gli ammiragli con­
segnano agli inglesi il 27 agosto, e di Lione, dove il realista
Précy assume la direzione delle operazioni chiedendo soccorsi
al re di Sardegna, alla fine di luglio la rivolta è ormai ovunque
domata. Quali i motivi del fallimento di quest'insurrezione?
272
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Innanzitutto la politica dei Montagnardi, che si mostrano
indulgenti ma energici. L'8 luglio Saint-Just viene incaricato
di stendere un rapporto sui deputati girondini fuggiaschi
responsabili della sollevazione; le sue accuse concernono sol­
tanto cinque traditori, nettamente distinti dai complici e dagli
sbandati. Analizzata più attentamente, l'insurrezione presenta
due carenze fondamentali : più che in profondità, si estende
in superficie, e quando i Girondini cercheranno di arruolare
dei volontari, si scopriranno isolati. D'altra parte il tentativo
di creare una terza forza, in piena lotta fra Rivoluzione e
controrivoluzione, si rivelerà a lungo andare impossibile ; cer­
tuni, come Puisaye, capo di Stato Maggiore dell'armata di
Caen, si rifugeranno fra i vandeani, passando cosl alla contro­
rivoluzione, mentre la maggioranza si rifiuterà di rinnegare
1'89 e si sottometterà.
Sbaglierebbe tuttavia chi volesse concluderne che la ri­
volta fu una semplice parentesi nella storia della Rivoluzione.
Essa preannu!}cia quel divorzio dell'Ovest e del Mezzogiorno
dalla corrente rivoluzionaria che si manifesterà clamorosa­
mente sotto il Direttorio e nel 1814: la borghesia dei porti,
nella crociata armata, ha guadagnato ben poco e perduto
moltissimo.
LA VANDEA MALEDETTA
Dopo la presa di Thouars ( 5 maggio) e di Fontenay ( 26
maggio), i capi vandeani tentano di creare una parvenza di
centralizzazione politica e militare, organizzando un Consiglio
superiore in cui, accanto agli ufficiali, siedono l'ex curato di
Saint-Laud d'Angers, Bernier, e uno stravagante avventuriero,
sedicente vescovo in partibus di Agra, Guillot de Folleville.
In realtà, quest'unità è una semplice facciata ; la lotta dei
contadini vandeani è efficace solo nei bocages, a parte qualche
scorreria nelle città limitrofe, seguita da un'immediata riti­
rata. Delle tre armate realiste, quella del Bocage comandata
VII. L'ora dell'avversità
273
da Sapinaud e Baudry d'Asson, quella del Marais guidata
dall'indipendente Charette, e quella dei Mauges, solo l'ultima
è veramente temibile: comandata da capi esperti come d'Elbée,
StofHet e Lescure, e costituita nei momenti migliori da più
di 40.000 uomini, essa grava sulla Repubblica come una per­
manente minaccia.
Minaccia alla quale, da parte repubblicana, né le truppe
né i comandi sono in grado di tener testa. Alla fine d'aprile
sono state costituite con i più disparati elementi le tre nuove
armate delle Cotes Maritimes: corpi franchi, battaglioni for­
mati in marzo all'epoca della leva dei 300.000, soldati pre­
levati a casaccio nelle unità dell'armata del Nord e di quella
del Reno. Il potere decisionale è suddiviso in due centri:
a Niort, Biron dirige il quartier generale dell'esercito, ma a
Saumur v'è una vera e propria coorte di rappresentanti in
missione e di commissari scelti fra i membri della Comune di
Parigi che gioca alla guerra. I conflitti politici della capitale
paralizzano qualunque iniziativa, e gli speculatori ne appro­
fittano per arricchirsi. La Rivoluzione non riesce a contrap­
porre ai « briganti » un fronte coerente.
Ecco il perché dei successi vandeani. Il 9 giugno la
« Grande armata cattolica e regia » ( l'armata dei Mauges )
s'impadronisce di Saumur, seminando il panico in tutta la
la valle della Loira. StofHet propone di marciare su Parigi,
ma gli altri capi, ben conoscendo le proprie truppe, decidono
invece di dirigersi verso Nantes, dove dovrebbe raggiungerli
Charette, che il 18 ha preso Machecoul. Difesa da Canclaux,
Nantes resiste però vittoriosamente (20 giugno). Invano
Westermann s'impadronisce di Chatillon-sur-Sèvre, capitale
politica dell'insurrezione: il 5 luglio i vandeani riconquistano
la città e annientano l'armata repubblicana. Vincitori a Vihiers
il 18, il 27 ai Ponts-de-Cé tentano di aprirsi la strada di Angers.
A Parigi l'impressione è terribile. Il 1° agosto, in base al
rapporto di Barère, la Convenzione decide la distruzione
sistematica della Vandea:
274
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
I boschi saranno abbattuti, i covi dei banditi distrutti, i rac­
colti saranno mietuti e trasportati nelle retrovie, il bestiame con­
fiscato. Donne, bambini e vecchi verranno condotti all'interno del
paese.
Il dilemma è sempre lo stesso: libertà o morte.
L'INVAS IONE DELLA REPUBBLICA
Per l'esercito della Repubblica, il tradimento di Dumou­
riez è seguito da un periodo di sconfitte e di disorganizza­
zione. Più tardi, Soult scriverà : « Mai l'armata si è trovata
in un più preoccupante stato di disorganizzazione ».
Non che vi sia una crisi del reclutamento: prima ancora
della leva in massa, quella dei 300.000 decisa in febbraio
e completata in giugno da una leva speciale di 30.000 soldati
destinati alla cavalleria, in luglio porta gli effettivi a 650.000
uomini. Alle frontiere la coalizione dispone di forze due volte
inferiori. Ma sul piano delle direttive politiche e del comando
militare non c'è che confusione e discordia. Il ministro della
Guerra, Bouchotte, è mal visto dai generali e in particolare
da Custine perché è soltanto un tenente colonnello, ed è
attaccato dai Convenzionali perché tollera le attività del suo
segretario generale, il cordigliere Vincent, che riempie gli
uffici del ministero di una folla di sanculotti, ottimi rivolu­
zionari ma pessimi amministratori. Appoggiato dal Comitato
di Salute pubblica, egli decide per giunta di escludere dai
posti di comando tutti i nobili. « È inconcepibile - dirà
Barère - che questa guerra sia diretta dalla nobiltà contro
cui ci battiamo, e che ha tutto da perdere da una vittoria ».
Per molti ufficiali fedeli alla· Rivoluzione, questo provvedi­
mento indiscriminato è intollerabile : alla fine di agosto
Davout darà le dimissioni e riprenderà servizio solo all'epoca
del Consolato. Molti ufficiali generali, inoltre, fanno quello
che vogliono: è il caso di Custine, nominato comandante in
capo dell'armata del Nord il 27 maggio, e il cui piano d'at-
VII. L'ora dell'avversità
275
tacco viene revocato in giugno; rimasto da allora completa­
mente inattivo, il 12 luglio sarà richiamato e alla fine di
agosto verrà giustiziato. Altri sono soltanto dei valorosi com­
battenti incapaci di una strategia globale, come i successori
di Custine, Kilmaine e Houchard.
La difesa si indebolisce su tutti i fronti. Alla frontiera
del Nord, dove il principe di Coburgo comanda 50.000
austriaci e il duca di York 3 5 .000 uomini fra hannoveriani
e olandesi, Condé capitola il 10 luglio e Valenciennes il 28.
Cambrai si salva grazie agli attriti sorti fra i coalizzati : York
riprende la propria libertà d'azione e blocca Dunkerque, e
Coburgo, le cui truppe sono rimaste sguarnite per la partenza
dei prussiani (richiamati in Alsazia), non si muove. Sul Reno,
la piazzaforte di Magonza è in stato d'assedio da aprile. Suc­
cessivamente i prussiani assediano Landau e gli austriaci occu­
pano la Bassa Alsazia, fra il Queich e il Lauter. In Savoia,
le truppe del re di Sardegna invadono le valli della Moriana,
della Tarantasia e del Faucigny, e il 20 agosto conquistano
Cluses. Il 27 Marsiglia viene consegnata agli inglesi. In Cor­
sica, di cui Paoli si è impadronito in maggio, l'appello agli
inglesi sarà anch'esso seguito dall'occupazione dell'isola. Gli
spagnoli infine tentano un'incursione nella valle del Tech.
La Repubblica ormai non è più che un immenso campo
trincerato.
LE GIORNATE DI S ETTEMBRE
La Rivoluzione è per giunta minacciata all'interno dal
pericolo del sopravvento degli estremisti. Gli ambienti popo­
lari sono sensibilizzati dalla crisi delle sussistenze provocata
dall'inflazione monetaria (l'assegnato è sceso al 30% del suo
valore nominale). Il maximum dei cereali, approvato il 4 mag­
gio, in realtà non è stato applicato. A Parigi tuttavia il pane
è a buon mercato, giacché, sovvenzionato dalla Convenzione,
la Comune vende la farina sottocosto mantenendo il prezzo
del pane a tre soldi la libbra. Ma aumentano soprattutto le
276
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termido ,o
altre derrate non soggette al calmiere, come la carne, dive­
nuta introvabile per i disordini dei dipartimenti dell'Ovest,
o come il sapone e altre derrate di prima necessità . Il 15
giugno la sezione dei Diritti dell'uomo - quella di Varlet chiede il calmiere generale e una legge che punisca gli incet­
tatori. Il 20, al club dei Cordiglieri, Jacques Roux propone
che venga iscritta nella Costituzione la pena di morte contro
l'aggiotaggio e l'usura; il 25 si presenta alla Convenzione alla
testa di una deputazione, riempiendo di sdegno col suo tono
minaccioso i deputati della Montagna. Dal 26 al 28 scoppiano
dei disordini negli scali fluviali di Parigi, alla Grenouillère
e nello scalo di Saint-Nicolas.
L'agitazione riprende in luglio e agosto. Questa volta il
malcontento popolare non viene strumentalizzato soltanto dagli
Arrabbiati. Hébert contende a Roux e a Ledere la succes­
sione di Marat, e il gruppo cordigliere fa sue le rivendicazioni
sanculotte. Alla esigenza del calmiere si sommano le esigenze
terroristiche e politiche rinfocolate dalle disfatte : elimina­
zione dei nobili da tutti gli impieghi civili e militari, arresto
dei sospetti, leva in massa. Il 10 agosto, grande festa della
Rivoluzione, sarà un'altra giornata popolare? Il governo riesce
a evitarlo provvedendo al rifornimento di Parigi e facendo
sconfessare gli Arrabbiati dalla vedova di Marat. Ma alla fine
del mese la siccità aggrava il problema delle sussistenze; l'at­
tività dei molini diminuisce, ricompaiono le code davanti
alle botteghe dei fornai, la responsabilità dell'inflazione viene
attribuita alle compagnie azionarie e ai fornitori. Escluso dal
ministero degli Interni, cui mirava, Hébert cerca di esaspe­
rare la collera popolare; « Le Père Duchesne » lancia un
attacco contro i ricchi;
Patria, questi fottuti negozianti non ne hanno affatto. Finché
hanno creduto che la Rivoluzione fosse loro utile, l'hanno soste­
nuta; han prestato mano ai sanculotti per distruggere la nobiltà
e i parlamenti, ma l'han fatto per prendere il posto degli aristo­
cratici. Ma dacché non ci sono più cittadini attivi, dacché il più
disgraziato sanculotto gode dei medesimi diritti del più ricco sfrut-
VII. L'ora dell'avversità
277
tatore, tutti questi farabutti han voltato casacca e muovono cielo
e terra per distruggere la Repubblica.
Il 2 settembre giunge notizia che Tolone è stata conse­
gnata agli inglesi. Si preparano altre giornate; le sezioni sie­
dono in permanenza, mentre i Giacobini decidono di appog­
giare il movimento per poterlo dirigere. L'insurrezione co­
mincia il 4 mattina; gruppi di operai e di impiegati del mini­
stero della Guerra si radunano sui boulevards e invadono
place de Grève, grida di « Pane! Pane! » si levano da ogni
parte. Comprendendo che è impossibile frenare il movimento,
Chaumette decide di mettersene alla testa: « Questa è la
guerra aperta dei ricchi contro i poveri : essi vogliono schiac­
ciarci ; ebbene, noi dobbiamo prevenirli, dobbiamo schiacciarli
noi ». Ed Hébert lancia la parola d'ordine « Domani, tutti
alla Convenzione! ».
Il 5, com'era avvenuto il 10 agosto e il 2 settembre, le
sezioni armate circondano la Convenzione, mandando avanti
Pache e Chaumette. Si vuole la creazione di un'armata rivo­
luzionaria, l'arresto dei sospetti e l'epurazione dei comitati
rivoluzionari. Su tutti questi punti la Convenzione cede, ma
conserva il controllo del potere, e pertanto per gli agitatori
cordiglieri le giornate di settembre sono un mezzo fallimento.
E sebbene la pressione sanculotta duri per tutto il mese, spin­
gendo il governo sulla via del terrore e dell'economia rego­
lata, non riesce più a scuotere la stabilità governativa.
IL
GOVERNO RIVOLUZIONARIO
In questo contesto di crisi generale, in cui la Rivoluzione
borghese viene attaccata da ogni parte, dai contadini vandeani
ai sanculotti parigini, la parte montagnarda decide di adottare
progressivamente delle grandi misure rivoluzionarie.
In giugno si tratta ancora soltanto di sopire i timori bor­
ghesi, di cementare intorno alla Convenzione gli interessi del
contado e delle classi medie, di rispondere all'accusa di ditta-
278
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termido.-o
tura . L'indulgenza apparentemente prevale: dei 29 deputati
girondini, venti riescono a fuggire; altri 73 deputati firmano
una protesta contro il 2 giugno. Per dar soddisfazione alle
rivendicazioni contadine, vengono approvate tre leggi : quella
del 3 giugno stabilisce la vendita in piccoli lotti dei benì
degli emigrati; il 10, viene fissata la divisione dei beni comu­
nali, non in base alla grandezza delle proprietà, bensl pro
capite; il 17 luglio vengono aboliti senza indennizzo tutti i
diritti signorili ancora in vigore. Si ribadisce cosi definitiva­
mente l'alleanza fra democrazia urbana e democrazia rurale.
Contemporaneamente si aumentano gli stipendi dei funzionari
( 9 giugno) e si dichiarano esenti da imposte i piccoli redditi.
Ma quest'allargamento della base sociale del regime è limi­
tato : alle rivendicazioni dei sanculotti viene opposto un reciso
rifiuto.
Votata il 24 giugno in base alla relazione di Hérault de
Séchelles, la Costituzione del 1793 è un'opera di circostanza
affrettata e incompleta, che vuol soprattutto dimostrare al
paese che i Montagnardi non sono affatto quei dittatori che
dice la rivolta girondina. Paragonato al progetto di Condorcet,
quest'atto costituzionale denuncia chiaramente · l'involuzione
del pensiero democratico; paragonato alle promesse fatte da
Robespierre il 24 aprile, segna un passo indietro; e il con­
fronto è tanto più inevitabile in quanto nessuno dei due
testi - Costituzione e progetto di Robespierre - è stato
applicato.
La Dichiarazione dei diritti, pur proclamando che « il fine
della società è la felicità comune », e affermando il diritto al
lavoro, all'assistenza, all'istruzione e all'insurrezione, definisce
il diritto di proprietà senza alcuno dei limiti previsti da Robes­
pierre in aprile, mettendo in luce retrospettivamente l'aspetto
tattico e manovriero delle sue proposizioni. Mentre il pro­
getto di Condorcet si fondava sul costante esercizio della sovra­
nità nazionale e del suffragio universale diretto, la Costituzione
montagnarda ne limita di molto l'applicazione: solo i deputati
saranno eletti a suffragio uninominale dalle assemblee primarie.
Funzionari, giudici e amministratori dipendono da un sistema
VII. L'ora dell'avversità
279
a due livelli, e saranno nominati dalle assemblee elettorali a
loro volta elette dalle assemblee primarie. Per il Consiglio
esecutivo lo scrutinio è a tre livelli, e sarà scelto dall'Assem­
blea legislativa in base alle liste proposte dalle assemblee
elettorali. L'intenzione faziosa in questo caso è evidentissima :
per i Girondini, « questo patriziato della fama » , come li defi­
nirà Saint-Just, l'elezione diretta da parte della nazione sarebbe
probabilmente stata vantaggiosa. Infine la pratica del refe­
rendum, largamente prevista da Condorcet (l'approvazione di
due assemblee primarie sarebbe stata sufficiente a renderlo
obbligatorio per qualsiasi decreto) qui è limitatissima; vale­
vole unicamente per le leggi ( e non per i decreti), è obbliga­
toria soltanto per la ratifica o la revisione della Costituzione,
mentre per le leggi ordinarie si può farvi ricorso solo entro
quaranta giorni dalla promulgazione, e solo nel caso che venga
reclamato da metà dei dipartimenti. Cosl com'è, questa Costi­
tuzione corrisponde comunque alla momentanea esigenza di
tranquillizzare l'opinione pubblica borghese. Sottoposta al re­
ferendum delle assemblee popolari, essa viene adottata con
1.800 .000 voti favorevoli contro 17 .000 contrari. La mappa
del referendum rispecchia esattamente quella della rivolta di­
partimentale: di fronte al Sud-Est, al Sud-Ovest e alla Bre­
tagna ostili, il regime è appoggiato soprattutto dalla metà
settentrionale della Francia. Il 10 agosto 1793 la Costituzione
verrà proclamata al suono del Chant du Départ, nel corso
di una grande festa organizzata da David.
Per tutto il luglio e l'agosto il Comitato di Salute pub­
blica, rinnovato il 10 luglio, continuerà a tener testa alla
pressione sanculotta, che tuttavia riuscirà a strappargli alcune
concessioni sul piano politico, terroristico e militare. Il 26 lu­
glio, su proposta di Billaud-Varenne e di Collot d'Herbois, la
Convenzione approva un decreto che sancisce la pena di morte
contro gli accaparratori e subordina il commercio dei generi
di prima necessità al controllo delle autorità municipali. La
morte di Marat è seguita da parecchi mandati d'arresto contro
i deputati girondini. Il 1° agosto, su relazione di Barère,
viene decretato il rinvio di Maria Antonietta al giudizio del
280
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Tribunale rivoluzionario, la demolizione delle tombe e dei
mausolei regali di Saint-Denis, l'arresto di tutti gli stranieri
che non risultino domiciliati in Francia prima del 14 luglio
1789 e la confisca dei beni dei Girondini fuori legge. Il 23
agosto infine si vota la leva in massa che i sanculotti recla­
mano da un mese circa. Anche stavolta Barère rivela il pro­
prio genio delle formule:
Da questo momento e fino a quando i nemici non saranno stati
cacciati dal territorio della Repubblica, tutti i francesi sono in
stato di requisizione permanente per il servizio militare. I giovani
andranno a combattere, gli uomini sposati forgeranno armi e
trasporteranno viveri; le donne faranno tende, abiti, e serviranno
negli ospedali; i ragazzi ridurranno la vecchia biancheria in filacce,
i vecchi si faranno portare sulle pubbliche piazze per eccitare il
coraggio dei combattenti, predicare l'odio contro i re e l'unità
della Repubblica.
L'agitazione di settembre accelererà l'adozione delle misure
rivoluzionarie, senza peraltro impedire al governo di ripren­
dere in pugno la situazione. Il 5 il Terrore è messo all'ordine
del giorno. Il 6, Collot d'Herbois e Billaud-Varenne, che
ancora la �igilia appoggiavano le rivendicazioni dei sanculotti,
entrano a far parte del Comitato di Salute pubblica. Il 9
viene decretata la creazione di un'armata rivoluzionaria desti­
nata ad assicurare il vettovagliamento della capitale e la puni­
zione dei traditori. L' l l si fissa il maximum dei cereali e dei
foraggi, il 17 viene approvata la legge contro i sospetti, dei
quali Merlin de Douai dà una definizione abbastanza larga
da comprendere qualunque avversario del regime; deman­
dando ai comitati rivoluzionari il visto dei certificati di civi­
smo e la compilazione della lista dei sospetti, il decreto del
20 completa l'organizzazione del Terrore. Finalmente, il 29
settembre, viene approvato il maximum generale dei prezzi
e dei salari. Al Terrore viene ad aggiungersi l'economia
controllata.
Ma la Convenzione e il Comitato di Salute pubblica non
hanno alcuna intenzione di lasciarsi sopraffare. Il 5 settembre
VII. L'ora dell'avversità
281
Danton aveva accortamente proposto, col pretesto di versare
un'indennità di quaranta soldi ai cittadini poveri per consen­
tirgli di assistere alle assemblee nazionali, di ridurre le assem­
blee stesse a due alla settimana ; rilanciata dal Comitato di
Salute pubblica, il 9 tale proposta viene adottata definitiva­
mente. I militanti aggirano immediatamente l'ostacolo creando
le società sezionali, ma non riescono a impedire alla Comune
di mettere sotto il proprio controllo i comitati rivoluzionari,
né al governo di arrestare i leader Arrabbiati e di sciogliere
i club delle Donne rivoluzionarie. Ormai ben protetto a sini­
stra, il Comitato sarà vittima di un attacco da destra? Già
l' 11 agosto si era delineata una sorta di coalizione delle oppo­
sizioni sulla piattaforma dell'applicazione della Costituzione,
ossia del rinnovo della Convenzione; ma Robespierre aveva
fatto bocciare tale proposta, e la Costituzione era stata de­
posta in un'« �rea santa », ovverossia aggiornata. Più grave,
il 25 settembre, è l'attacco del dantonista Thuriot contro la
politica economica e sociale del Comitato; la Convenzione
applaude ed elegge al Comitato Briez, in missione a Valen­
ciennes all'epoca della capitolazione della città. Per far boc­
ciare questa nomina, Robespierre è costretto a mettere in
gioco l'esistenza stessa del governo: « Colui che era a Valen­
ciennes quando vi è entrato il nemico non è adatto ad essere
membro del Comitato di Salute pubblica . Questo membro
non risponderà mai alla domanda: perché non sei morto? ».
Tutto si conclude in pratica con l'organizzazione di un
governo d'emergenza e la sospensione della Convenzione.
Il 10 ottobre 1793 Saint-Just si reca alla Convenzione per
proporre un decreto di questo tenore:
Le leggi sono rivoluzionarie, ma non lo sono coloro che le
eseguono (. .. ) Nelle circostanze in cui si trova la Repubblica, non
si può stabilire la Costituzione (. .. ) Essa diventerebbe la garanzia
degli attentati contro la libertà, perché mancherebbe della violenza
necessaria per reprimerli (. .. ) È impossibile che le leggi rivoluzio­
narie siano eseguite se lo stesso governo non è costituito rivoluzio­
nariamente.
282
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
D'ora m poi tutti i corpi costituiti, tutti i funzionari,
i generali e i ministri saranno soggetti alla sorveglianza del
Comitato di Salute pubblica.
E l'articolo I del decreto proclama: « Il governo provvi­
sorio della Francia è rivoluzionario fino alla pace ».
IL
TERRORE
La conseguenza delle giornate di settembre è l'organizza­
zione delle istituzioni repressive. Il Tribunale rivoluzionario
creato in marzo aveva sempre agito fino ad allora con una
certa moderazione : 70 condanne a morte su 260 accusati.
Ma ora, sotto la pressione dei Cordiglieri, viene riorganizzato
e diviso in quattro sezioni, due delle quali funzionano con­
temporaneamente (14 settembre). Il Comitato di Salute pub­
blica e il Comitato di Sicurezza generale sottopongono la
lista dei giurati alla Convenzione, e questa li nomina (24 set­
tembre). L'accusatore pubblico, Fouquier-Tinville, è coadiu­
vato da due sostituti, fra cui Fleuriot-Lescot, che dopo ger­
minale diventerà sindaco di Parigi. I comitati rivoluzionari
fungono da procaccianti del Tribunale.
L'attività del Tribunale diventa considerevole in ottobre :
negli ultimi tre mesi del 1793 vengono pronunciate 177 con­
danne a morte, pari al 45% degli accusati, e 194 assoluzioni.
Per custodire i prigionieri, che aumentano continuamente (se
ne contano 4.525 alla data del 21 dicembre), bisogna aprire
nuove prigioni nel collegio du Plessis, a Port-Royal, diven­
tato Port-Libre, e al Lussemburgo.
Maria Antonietta compare davanti ai giudici il 14 ottobre.
Agli autentici capi d'accusa si mescolano nel suo processo
imputazioni infamanti. A Hébert, che l'accusa di aver cer­
cato di corrompere il delfino, la regina risponde con dignità :
« La natura stessa si rifiuta di rispondere a una simile accusa
rivolta a una madre: faccio appello a tutte le madri pre­
senti ». Condannata, sale al patibolo il 16, per « la più grande
di tutte le gioie del Père Duchesne » ; in novembre la seguirà
VII. L'ora dell'avversità
283
suo cugino Filippo-Egalité, e in dicembre la Du Barry, col­
pevole di essere stata amata da un re.
Ma la Rivoluzione divora anche i propri figli. Dopo quello
di Gorsas, giustiziato il 7 ottobre, alla fine del mese comincia
il processo contro i ventidue Girondini. Tutti si difendono
strenuamente, in particolare Brissot e Vergniaud. I Cordi­
glieri si sdegnano per la lentezza del processo; Chaumette si
domanda se « il Tribunale rivoluzionario sia diventato un
tribunale ordinario e giudichi i cospiratori come si giudiche­
rebbe un ladro di portafogli ». La Convenzione, ossequiente,
decide che dopo tre giorni di dibattito il presidente potrà
chiedere alla giuria se si ritiene sufficientemente informata.
Ad eccezione di Valazé, che si uccide con un colpo di pugnale,
tutti i Girondini vengono ghigliottinati il 1° ottobre, e ai
piedi del patibolo ancora cantano la Marsigliese. Madame
Roland viene condotta al supplizio qualche giorno dopo:
« O Libertà ! Quanti delitti si commettono in tuo nome! ».
Suo marito, errabondo come un cane che abbia perso il
padrone, si suiciderà in Normandia ; e nel giugno del '94,
presso Saint-Emilion, verranno trovati i cadaveri di Buzot
e di Pétion, anch'essi suicidi.
Il processo dei Girondini non estingue la sete di sangue
di Hébert; « Le Père Duchesne » del 6 novembre chiede al
Tribunale « di battere il ferro finché è caldo e far subito
passare sotto la lama della ghigliottina il traditore Bailly e
l'infame Barnave ». Largo ai Foglianti ! che infatti cadono,
prima Bailly e poi Barnave, e con loro i generali sconfitti,
Houchard in novembre e Biron in dicembre.
Ma il Terrore, nel pensiero dei governanti, è soprattutto
un mezzo per evitare il ripetersi dei massacri di settembre;
negli ambienti sanculotti viene spesso manifestato il desi­
derio di una seconda notte di San Bartolomeo, e i dossier
della polizia sono densi di segnalazioni a questo proposito.
Robespierre fa sua l'idea avuta in primavera da Danton: un
terrore programmato e circoscritto gli sembra il sistema mi­
gliore per evitare i massacri. Fu comunque Robespierre che
riusci a salvare i 73 deputati firmatari della petizione contro
284
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
il 2 giugno; arrestati in ottobre, il Comitato rifiutò l'incri­
minazione richiesta dai sanculotti. Un'approfondita analisi
psicologica del Terrore, del resto, è ancora tutta da fare. I
membri del grande Comitato non furono affatto quei bevitori
di sangue che ci descrivono le leggende realiste, e nemmeno
quei gelidi sacrificatori ossessionati dal pericolo che altre
rivoluzioni ci hanno fatto conoscere in seguito. Questi uomini
che falciano teste senza alcuna esitazione si rivelano di una
delicatezza estrema, e a volte addirittura di una sorprendente
e morbosa sensibilità, quando si tratta della sorte dei pri­
gionieri; ne stabiliscono il corredo con discreta larghezza
- sei camicie, sei paia di calze - e non dimenticano di cor­
rispondergli una paga. E quando Saint-Just propone di adi­
bire i detenuti alle corvées e ai lavori pesanti, solleva, stando
a Barère, la « tacita indignazione » di tutti i suoi colleghi del
Comitato. L'umanesimo del secolo non scompare con le
carrette.
DALLI ALL'ACCAPARRATORE !
In campo economico, l'azione governativa si rivela soprat­
tutto negativa : occorre evitare provvedimenti troppo rigidi,
per impedire la frantumazione della coalizione d'interessi che,
bene o male, sostiene il regime rivoluzionario.
A Parigi, il rifornimento del pane è abbastanza regolare,
grazie ai contingenti dell'armata rivoluzionaria che, intorno
alla capitale, obbligano i contadini a consegnare il grano ; ma
questo approvvigionamento basta? C'è da dubitarne, visto
che il 29 ottobre la Comune decide la creazione delle tessere
di razionamento del pane ; tuttavia, continuando a sovvenzio­
nare i fornai, riesce a mantenere il prezzo a tre soldi la libbra.
E le altre derrate? Il maximum _generale decretato il 29 set­
tembre si rivela di difficile applicazione e provoca la rare­
fazione delle merci, tanto che il 14 ottobre molti commercianti
chiudono bottega o dichiarano di non avere più niente da
vendere. Naturalmente i sanculotti gridano all'incetta, e recla-
VII. L'ora dell'avversità
285
mano il diritto di compiere delle perqu1S1z1oni domiciliari
e la creazione di una giuria speciale contro gli accaparratori
composta esclusivamente di sanculotti, denunciando inoltre
la sofisticazione delle derrate, e in particolare le frodi sulle
bevande, ed esigendo l'abolizione della moneta metallica. Fra
essi vi sono però molti commercianti: se tutti i prezzi saranno
calmierati, riusciranno comunque a realizzare un certo utile
senza danneggiare i , consumatori? I Cordiglieri pensano di
risolvere il problema chiedendo che i grossisti siano obbli­
gati a vendere al 10 % in meno del calmiere, lasciando cosi
ai dettaglianti un utile sufficiente. Quanto ai salariati, se
vedono di buon occhio il maximum dei prezzi, non altret­
tanto gradiscono quello dei salari. Si rischia pertanto uno
scontro d'interessi generale dei contadini e dei mercanti
contro i consumatori, dei grossisti contro i bottegai, dei pic­
coli artigiani indipendenti contro i salariati e dei funzionari
contro i produttori.
Il governo si rifiuta di compiere altri passi sulla via del­
l'economia regolata, e non solo per la sua fedeltà dottrinale
alla libertà economica, ma per le necessità stesse della propria
sopravvivenza politica; e pertanto, per non alienarsi la bor­
ghesia e il contado, mantiene la circolazione del numerario
e rifiuta di calmierare alla produzione la carne, che invece
è calmierata nelle macellerie. All'inizio di novembre accorda
ai grossisti e ai commercianti prezzi superiori al calmiere
rispettivamente del 5 e del 1 O %, ma rifiuta la giuria speciale
contro gli incettatori e la richiesta delle sezioni di occuparsi
direttamente delle sussistenze. Su due punti invece lascia
mano libera alla Comune, che può cosi organizzare perquisizioni
domiciliari e chiudere un occhio sulle infrazioni al maximum
dei salari, che consentiranno agli operai ( eccettuati quelli delle
industrie belliche, direttamente controllati dal governo) di
mantenere il proprio livello di vita.
Il terrore economico è efficace soltanto in un campo estre­
mamente circoscritto.
286
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
LA
SCRI STIANIZZAZIONE
Per il suo contenuto, se non per le sue modalità, la scri­
stianizzazione fu un movimento continuo. Le sue giustifica­
zioni politiche sono evidentissime: dopo il clero refrattario,
compromesso nella controrivoluzione nobiliare, anche il clero
costituzionale ha disertato in massa il campo rivoluzionario,
sia dopo il 10 agosto che dopo l'esecuzione di Luigi XVI.
Durante l'estate del '93 vi si sovrappongono le motivazioni
economiche: la caccia all'oro provoca la rimozione delle cam­
pane e degli oggetti preziosi dalle chiese. Ma il movimento
ha radici più profonde: a differenza dei Foglianti, antiche
élites legate alla religione tradizionale, le équipes della bor­
ghesia democratica, girondina o montagnarda che sia, consi­
derano la « superstizione » col massimo disprezzo. Prima di
sciogliersi, la Legislativa ha laicizzato lo stato civile e isti­
tuito il divorzio. Il 10 agosto 1793 è la prima festa laica
della Rivoluzione, senza Te Deum né benedizione. Il 6 otto­
bre, su proposta di Romme, la Convenzione sostituisce l'era
cristiana con l'era rivoluzionaria : l'anno I della libertà co­
mincia con la Repubblica, il 22 settembre 1792. Il 24 Fabre
d'Eglantine ottiene l'adozione di una radicale riorganizzazione
del calendario: l'anno sarà diviso in dodici mesi eguali di
tre decadi ciascuno, e completato alla fine da cinque o sei
giorni detti ' sanculottidi '. La terminologia bucolica scelta
dal poeta rivela una precisa intenzione anticristiana :
I preti avevano assegnato a ciascun giorno dell'anno la com­
memorazione di un preteso santo; questo catalogo, privo di qual­
siasi utilità o metodo, era il repertorio della menzogna, dell'in­
ganno e della ciarlataneria.
Il quadro secolare della vita quotidiana viene cosi ad
essere radicalmente modificato.
Questa scristianizzazione moderata, sottesa da una visione
deista, per certuni non basta. I rappresentanti in missione
VII. L'ora dell'avversità
287
sollecitano localmente una politica più violenta. Nella Somme,
André Dumont sale sul pulpito proclamando che le commedie
dei preti servono a ingannare il popolo, e i servizi religiosi
vengono pertanto vietati. Nel Cher, Laplanche esorta i preti
a sposarsi, e, più di ogni altro, si distingue nella Nièvre l'ex
oratoriano Fouché : appena giunto a Nevers, incita i preti al
matrimonio; il 10 ottobre emana un decreto che vieta di
celebrare il culto fuori delle chiese, ordinando di distruggerne
tutti i segni esteriori (croci e calvari); all'ingresso dei cimi­
teri gli emblemi religiosi saranno sostituiti dall'iscrizione
« la morte è un sonno eterno ».
Il movimento si estende a Parigi in novembre, malgrado
l'atteggiamento piuttosto freddo, almeno all'inizio, delle auto­
rità comunali e del gruppo cordigliera; nonostante certe leg­
gende, Hébert (il cui primo attacco contro lo « zucchetto »
risale alla fine di ottobre) e Chaumette, tornato dalla Nièvre
da più di un mese, non hanno alcuna fretta di imitare Fouché.
Quanto ai sanculotti, nonostante alcune manifestazioni iso­
late, Albert Soboul non ha trovato, nelle loro deliberazioni
dei primi mesi dell'anno II, alcuna traccia d'ostilità verso
l'esercizio del culto. L'iniziativa nasce altrove, e precisamente,
all'inizio, dai comuni dei dintorni di Corbeil, che il 1 6 bru­
maio (6 novembre) ottengono dalla Convenzione un decreto
che li autorizza a sopprimere le parrocchie; poi da alcuni
rivoluzionari stranieri che godono di una certa influenza negli
ambienti hebertisti : Anacharsis Cloots, ex barone renano,
e Pereira, portano alla sbarra della Convenzione il vescovo
costituzionale di Parigi, Gobel, che abiura il 17. Il movi­
mento è ormai lanciato, e questa volta la Comune se ne as­
sume la responsabilità: il 20 brumaio (10 novembre), a Notre­
Dame, trasformata in tempio della Ragione, una giovane
attrice dell'Opéra impersona la Libertà.
In che misura la scristianizzazione diventa popolare? Non
bisogna confondere l'anticlericalismo con l'irreligiosità. Le
processioni, la pompa e i cortei del culto dei martiri, della
triade cioè costituita da Marat, Lepeletier e Chalier, sono
identici a quelli del culto cattolico; nelle chiese trasformate
288
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
in templi della Ragione, le effigi dei martiri si sostituiscono
a quelle dei santi, e si richiamano alle stesse forze irrazionali.
Tutto avviene come se l'antico sostrato religioso delle masse,
condannato dai borghesi materialisti, trovasse cosi la possi­
bilità di proiettarsi su un nuovo oggetto. Del resto, ad ecce­
zione dei quadri piccolo-borghesi che rimarranno fedeli al
proprio odio, la massa popolare è veramente scristianizzata?
Le rivoluzioni religiose si realizzano a un ritmo molto più
lento di quello delle rivoluzioni politiche; nel Natale del 1792,
intorno alle chiese si erano formati degli assembramenti di
fedeli; otto giorni dopo, a Sainte-Geneviève, diecimila per­
sone, secondo Les Révolutions de Paris, non erano riuscite
a trovar posto in chiesa. Adesso il culto dei martiri incontra
molte resistenze.
Robespierre e il Comitato di Salute pubblica vorrebbero
arginare il movimento. Profondamente ostili all'ateismo, essi
considerano con un certo disgusto gli « uomini immorali »
e gli « agenti dello straniero » che attizzano la discordia. Da
uomini di governo quali sono, sanno che le masse rimangono
fedeli al culto, e che la scristianizzazione rischia di sollevare
contro la Francia l'opinione pubblica dei paesi neutrali; ed
essendo conservatori e pessimisti, temono che il culto dei
martiri, al pari delle eresie medievali, esalti le aspirazioni
messianiche popolari. Già dal 1° frimaio, in un grande discorso
tenuto al club dei Giacobini, Robespierre accusa i demagoghi
di essere dei controrivoluzionari travestiti. Ma per contrastare
questa tendenza, fortissima anche in seno all'Assemblea, gli
occorrerà l'appoggio di Danton. Tornato a Parigi, questi si
dissocia dagli amici che avevano appoggiato il movimento
all'inizio e, il 6 frimaio, appoggia vigorosamente la lotta
contro simili mascherate. L'alleanza fra robespierristi e dan­
tonisti trascina la maggioranza, che il 16 frimaio ( 6 dicembre)
torna a proclamare la libertà di culto. L'applicazione del
decreto dipende però dalla situazione locale, e a questo pro­
posito il governo avrà il suo da fare.
VII. L'ora dell'avversità
289
LA DITTA TURA DI GUERRA
Immaginare il governo della Francia, nell'autunno del
1 793, come una macchina che funzioni alla perfezione, sa­
rebbe disconoscere la realtà. Accanto al federalismo giron­
dino, esiste ciò che Georges Lefebvre ha definito il « federa­
lismo rivoluzionario ». Imposta dalla lentezza delle comuni­
cazioni ( occorrono tre settimane per uno scambio di note fra
Parigi e Marsiglia), resa più urgente dalla guerra civile scop­
piata il 2 giugno, l'azione spontanea delle società popolari
e dei Giacobini di provincia ha preceduto le istruzioni gover­
native. Alle amministrazioni locali, elette nel novembre del
1792 e sospette di simpatie girondine, si sostituiscono ille­
galmente dei comitati di « salute pubblica » o di « sicurezza
generale ». L'azione di tali comitati, secondo le città e le
provincie, è condizionata dalla loro composizione politica:
sebbene, nell'insieme, le divergenze siano meno gravi che a
Parigi, alcuni si allineano all'azione governativa, altri soggiac­
ciono alle tentazioni dell'estremismo.
Appunto per il loro moltiplicarsi, v'è latente in essi il
pericolo dell'anarchia; per ovviarvi, il Comitato non può con­
tare sui rappresentanti in missione, perché costoro non fanno
che aumentare le deviazioni, agendo ciascuno secondo la gra­
vità dei problemi ma anche secondo le proprie tendenze.
Nella Nièvre, Fouché adottò una politica sociale audacissima;
e cosi pure Saint-Just e Lebas, che tassarono i ricchi di Stras­
burgo, a cominciare da Dietrich, di una contribuzione straor­
dinaria di nove milioni, e distribuirono soccorsi ai « patrioti
indigenti ». Altri approfittarono della propria mi_ssione per
darsi al ricatto ed estorcere denaro a proprio vantaggio, come
Tallien a Bordeaux e Barras e Fréron in Provenza. Le stesse
differenze presentarono gli effetti del Terrore, che, moderato
grazie a Lindet nell'Ovest girondino ( dove non si ebbe nes­
suna condanna a morte), fu invece addirittura selvaggio a
Nantes, dove Carrier fece annegare circa 3 .000 vandeani, e
a Lione, dove Collot d'Herbois e Fouché procedettero addi-
290
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
rittura a infornate, fucilando o mitragliando circa 2.000
sospetti.
Anche a Parigi il governo rischia di perdere il controllo
degli avvenimenti. In frimaio, Chaumette tenta di togliere al
Comitato di Sicurezza generale la direzione dei comitati rivo­
luzionari per attribuirla invece alla Comune; ma il governo,
ancora più sensibile a questa minaccia parigina che all'anar­
chia provinciale, reagisce vigorosamente. La legge del 14 fri­
maio ( 4 dicembre) fissa l'organizzazione del governo rivolu­
zionario. La Convenzione, « centro unico dell'impulso di
governo », delega al Comitato di Sicurezza generale la dire­
zione dei comitati rivoluzionari e della polizia politica, e al
Comitato di Salute pubblica il complesso della direzione poli­
tica e militare. Nei distretti e nelle municipalità vengono isti­
tuiti degli agenti nazionali nominati dalla Convenzione. Nessun
corpo costituito può modificare o sospendere l'applicazione
delle leggi. Completata da successive misure, la legge del 1 4
frimaio sanzionava la dittatura di guerra.
I
S OLDATI DELL'ANNO
Il
Creato per vincere, il Comitato di Salute pubblica, per
dirla con Barère, ha stretto un « patto con la morte ». In
attesa dei risultati dei grandi sforzi bellici, i cui effetti saranno
avvertiti soltanto nella primavera successiva, il Comitato si
dedica interamente a un compito più immediato, l'arresto
dell'invasione e la distruzione dei focolai controrivoluzionari
interni. In apparenza nulla è cambiato, poiché ancora non c'è
stato nemmeno il tempo di equipaggiare gli effettivi reclutati
con la leva in massa. Ma in realtà è cambiato tutto: l'im­
pulso viene dall'alto. Ai generali troppo ostinati si ricorda
che l'autorità appartiene ai civili : « Ricordatevi che gli eroi
delle antiche repubbliche, gli Scipioni, i Paoli Emili obbedi­
vano agli ordini del Senato, e che Roma mandava al supplizio
quei suoi figli, anche vittoriosi, che non avevano atteso i suoi
ordini per schiacciare il nemico ». Una severa epurazione
VII. L'ora dell'avversità
291
rinnova il comando dai generali in capo fino ai semplici bri­
gadieri. Capi dell'età di trenta o quarant'anni vengono pro­
mossi al comando delle armate, come Jourdan (nato nel 1762)
a quella del Nord e Roche ( nato nel 1768) a quella della
Mosella. I rappresentanti in missione presso le armate prov­
vedono a suscitare l'entusiasmo e a promuovere il valore. Tut­
tavia almeno su un punto il Comitato si rivela alquanto retro­
grado: la sua strategia preferita - una strategia collettiva
di cui non soltanto Carnot è responsabile - è ancora quella
dell'Ancien Régime, la guerra d'assedio, cioè, piuttosto che
l'attacco fulmineo, i cordoni invece delle masse di manovra.
Le vittorie dell'autunno pertanto non saranno decisive.
Il 7 settembre, con l'armata del Nord, Rouchard riesce a
disimpegnare Dunkerque conquistando Ronschoote; poi, ob­
bedendo al piano approvato dalla Convenzione, si dirige su
Menin, tenuta dagli olandesi, la conquista il 13, ma dopo
due giorni ne viene sloggiato dal duca di York; il nemico frat­
tanto si è impadronito di Quesnoy e si prepara ad assalire
Maubeuge. Rouchard servirà da capro espiatorio al Comi­
tato, che lo sostituirà con Jourdan e lo farà ghigliottinare.
A Jourdan viene allora affiancato Carnot, che non lesina san­
zioni e proclami entusiastici. Il 15 ottobre comincia la bat­
taglia di Wattignies. Il primo giorno l'offensiva francese fal­
lisce, ma l'indomani, seguendo le istruzioni impartite durante
la notte da Carnot, l'ala destra rinforzata sfonda le linee
nemiche. Grazie a questa vittoria, l'assedio di Maubeuge viene
abbandonato, ma l'armata nemica resta in buon ordine, e fino
a primavera non si tenterà nulla per sloggiarla.
In Alsazia e sul fronte dell'Est, dove Landau è assediata,
gli austriaci comandati da Wurmser riprendono l'offensiva il
13 ottobre, arrivando a quattro leghe da Strasburgo, dove
parte della popolazione è pronta ad accoglierli. A questo
punto la situazione delle armate francesi è quasi disperata:
mentre da un lato sono state sguarnite per mandare rinforzi
all'armata del Nord, cui Carnot attribuisce un ruolo decisivo,
dall'altra i nuovi generali in capo, Roche all'armata della
Mosella e Pichegru a quella del Reno, non s'intendono affatto.
292
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Il Comitato invia Saint-Just e Lebas in missione straordinaria,
gettando il malumore nei rappresentanti in missione Baudot
e Lacoste affiancati a Roche. Saint-Just a Strasburgo sarà
l'animatore della riscossa : ristabilirà l'ordine nell'armata fa­
cendo fucilare parecchi ufficiali e generali, provvederà a vet­
tovagliarla imponendo alla popolazione gli indispensabili sacri­
fici, e ne risveglierà l'entusiasmo con gli atti e con le parole.
A un plenipotenziario austriaco risponde : « La Repubblica
francese non riceve e non manda ai suoi nemici che piombo » ;
a · Roche scrive: « Generale... ti aspettiamo a Landau »; a
tutti fa ripetere il proprio slogan : « Landau o morte » . Roche
vorrebbe sbloccare Landau dal nord; fermato da Brunswick
a Kaiserlauten (28 novembre), indietreggia e si getta attra­
verso i Vosgi. Il 24 dicembre Pi�hegru entra ad Raguenau,
ma lo stesso giorno, senza aspettare Saint-Just, Baudot e La­
coste nominano Roche generalissimo di entrambe le armate.
Il 27 Landau è liberata, e Roche occuperà Spira e parte del
Palatinato. Com'era già avvenuto nel Nord, le operazioni
cessano non appena viene tolto l'assedio.
All'interno, i focolai controrivoluzionari sono stati liqui­
dati o domati. La presa di Lione, difesa da Précy, è stata
lunga e difficile; le truppe repubblicane vi entrano il 9 ottobre.
Tre giorni dopo Barère fa decretare dalla Convenzione la
demolizione delle case dei ricchi; ciò che ne rimarrà in piedi
prenderà il nome di « Ville-Affranchie » (Città affrancata).
Dopo Lione, Tolone. L'attacco, guidato da Dugommier in
base ai piani del capitano Bonaparte, inizia il 15 dicembre;
il 16 viene conquistata la prima fortezza e la città viene
bombardata; il 18 inglesi e spagnoli si reimbarcano, e il 19
le truppe repubblicane entrano nella città, che sarà d'ora in
poi Port-la-Montagne.
In Vandea la lotta è sempre asperrima. All'inizio di set­
tembre le clausole della capitolazione di Magonza consentono
di rinforzare le truppe dell'Ovest grazie al trasferimento dei
difensori della città. Ma i dissensi fra i comandanti conti-
VII. L'ora dell'avversità
293
nuano a paralizzare qualunque azione : fra Canclaux, che vor­
rebbe sferrare l'attacco partendo da Nantes, e Rossigno!, che
vorrebbe invece radunare tutte le: forze possibili a Saumur,
sotto il proprio comando, il Comitato inizialmente decide a
favore del primo. Ma il 19 settembre i vandeani fermano la
guarnigione di Magonza a Torfou e costringono Canclaux a
ripiegare su Nantes. Mentre il Comitato richiama Canclaux
e Rossigno!, unificando il comando nelle mani dell'insignificante
Léchelle, Kléber, che ha preso il posto di Canclaux, il 1 7 ot­
tobre schiaccia i vandeani a Chalet. È la grande svolta delle
guerre dell'Ovest. La Rochejaquelein, il leggendario « Mon­
sieur Henri », viene nominato generalissimo dell'armata rea­
lista. Come userà i 30.000 uomini di cui è a capo? Restare
sul posto vuol dire continuare a segnare il passo nelle cam­
pagne, a prendere di sorpresa le città senza poterle difendere,
una volta finito il saccheggio, dalle truppe repubblicane. La
Rochejaquelein decide di varcare la Loira per aprirsi un pas­
saggio a nord. Le sue truppe arrivano fino a Granville, accen­
dendo dietro di sé quella che in seguito diventerà la chouan­
nerie, ma non riescono a prendere la città ( 1 3 novembre).
I repubblicani, sempre agli ordini di pessimi comandanti, non
hanno però potuto impedirne l'avanzata.
In dicembre tuttavia la situazione si rovescia. Ripiegando
a sud, i vandeani attaccano Angers il 3 e il 4, ma senza suc­
cesso; ripartiti verso nord, fra il 13 e il 14 Marceau ( diven­
tato generale in capo) e Kléber li annientano a Le Mans, in
piena città. Per la « Grande armata cattolica e regia » è
finita: le sue colonne superstiti vengono battute a Savenay
il 26. Resta qualche gruppo sparso nel Bocage e nel Marais,
ove Charette ancora resiste, mentre d'Elbée sarà catturato
e fucilato il 3 gennaio. Turreau, incaricato della « pacifica­
zione », organizzerà allora le famose « colonne infernali » .
L'autunno del 1793, dunque, si conclude per la Rivolu­
zione con un periodo di tregua. Ma per il governo questa
tregua è forse anche più pericolosa, giacché autorizza tutti
i calcoli possibili, ridesta rancori profondi e rende meno
sopportabili la virtù e il terrore .
294
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
LA LOTTA SU DUE FRONTI
Le lacerazioni del gruppo montagnardo, nell'inverno 17931794, erano state precedute da una duplice accusa lanciata
in ottobre e in novembre contro il Comitato di Salute pub­
blica, e che si riferiva a un vero e proprio affare di corruzione
e insieme a una molto ipotetica cospirazione.
Il 12 ottobre Fabre d'Eglantine, politicamente legato a
Danton, si reca ai due comitati (Salute pubblica e Sicurezza
generale) per rivelare l'esistenza di una cospirazione fomen­
tata dagli stranieri e destinata a rovesciare il governo rivo­
luzionario, attizzando il malcontento popolare con misure
demagogiche. Un mese dopo (il 14 novembre) Chabot e Basire,
due deputati di dubbia moralità, si recano a loro volta a tro­
vare Robespierre e i comitati per denunciare lo scandalo della
Compagnia delle Indie; a sentir loro, il barone de Batz ( noto
realista) avrebbe organizzato un complotto a due livelli: l'uno
corruttore, con Delaunay e Julien de Toulouse, diretto a fal­
sificare il decreto di liquidazione della Compagnia; l'altro
accusatore, con gli hebertisti, mirante a indebolire il governo
attaccando i deputati. Di che si tratta in realtà? A Parigi vi
sono effettivamente molti stranieri che la Rivoluzione, al­
l'epoca dei Girondini, aveva accolto a braccia aperte; e alcuni,
come ad esempio Anacharsis Cloots, sono deputati alla Con­
venzione. Molti sono banchieri e uomini d'affari, come Per­
regaux ( di Neuchàtel), Proly, Walter Boyd, gli ebrei moravi
Frey e lo spagnolo Guzman. Sebbene legati a deputati dan­
tonisti ( Chabot ha sposato in ottobre una sorella dei Frey),
essi si sono segnalati soprattutto per l'appoggio dato a due
campagne hebertiste: la guerra rivoluzionaria a oltranza ( che
gli ha procurato profitti altissimi grazie alle forniture mili­
tari) e la scristianizzazione. Il Comitato di Salute pubblica,
ben lieto di poter contrastare la violenta opposizione heber­
tista, darà la massima pubblicità alla « cospirazione dello
straniero ». Allo stato attuale della documentazione, nulla
VII. L'ora dell'avversità
295
tuttavia ci consente di credere a una congiura organizzata
con un preciso obiettivo politico.
Più chiaro è l'affare della Compagnia delle Indie: fra
luglio e agosto, nel momento in cui la situazione economica
era più allarmante, un certo numero di deputati aveva preso
a denunciare le compagnie finanziarie, e fra 1� altre la Com­
pagnia delle Indie, le cui azioni facevano aggio in Borsa.
Ottenuto dalla Convenzione il decreto del 24 agosto, che
sopprimeva le compagnie finanziarie, si erano però fatti nomi­
nare alla commissione delle Finanze incaricata di redigere il
decreto di liquidazione. Chi erano questi deputati? Delaunay,
Chabot, Basire, Julien de Toulouse. Quale il loro scopo?
Giocare al ribasso, sottobanco, con le azioni della Compagnia,
e farsele poi comprare dalla stessa per compierne il salva­
taggio. Allorché 1'8 ottobre Delaunay presenta il decreto di
liquidazione, estremamente conveniente per la Compagnia,
Fabre d'Eglantine protesta, e fa votare un emendamento che
affida la liquidazione a una commissione governativa . È sin­
cero, o intende farsi pagare a sua volta? Comunque, quando
Delaunay dà alle stampe il testo definitivo, senza prima rileg­
gerlo, ricompare la redazione primitiva (la liquidazione sarà
curata dalla Compagnia) e questa volta con la firma di Fabre.
Ora, i « deputati prevaricatori » sono legati all'ala danto­
nista del partito montagnardo; schieratisi temporaneamente
a fianco degli hebertisti, hanno poi rotto anche con loro e
sono fatti segno ad attacchi violentissimi. Allontanati in set­
tembre dal Comitato di Sicurezza generale, diventano sempre
più sospetti; al principio d'ottobre i Giacobini attaccano
Chabot per il suo matrimonio e Julien de Toulouse per i suoi
rapporti con l'abate d'Espagnac, noto speculatore. Le reti­
centi denunce di Fabre e Chabot hanno un duplice scopo :
ritorcere contro i propri accusatori hebertisti l'accusa di col­
lusione con lo straniero, e mondarsi da ogni sospetto di com­
plicità nell'affare di corruzione.
Il Comitato di Salute pubblica dichiara tutti in arresto :
il 24 brumaio ( 17 novembre) Chabot, Basire, Delaunay e
296
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Julien, all'inizio di frimaio Pereira, Dubuisson e Desfieux;
Proly, latitante, verrà catturato in febbraio. Solo Fabre
d'Eglantine rimane libero, sebbene il Comitato sia perfetta­
mente informato della sua firma di compiacenza.
Il fatto è che il retroscena politico non consente di man­
tenere l'equilibrio fra « indulgenti » ed hebertisti. Robespierre
è ben lieto di avere in prigione, come ostaggi, degli amici
di Danton; ma per il momento non è questo il fronte su cui
darà battaglia, ed anzi tutto lo spinge a un'alleanza tattica
con i moderati.
Per più di un mese, dalla fine di novembre alla metà di
gennaio, si costituisce una sorta di asse Robespierre-Danton
sulla base di una vigorosa offensiva contro i sanculotti . e gli
« ultrarivoluzionari » che ne appoggiano le rivendicazioni. In
apparenza il Comitato resta al di sopra delle parti, contro
il « moderatismo » e l'« esagerazione » a un tempo; ma in
realtà ha bisogno dei nuovi moderati per scongiurare una
sopraffazione della sinistra.
Tornato il 20 novembre, Danton vola in soccorso del
Comitato, impegnandosi a fondo contro la scristianizzazione
e approvando la legge del 14 frimaio, che getta le basi del­
l'accentramento governativo. Quali sono i suoi piani? Indub­
biamente è convinto che sia venuta l'ora di por fine al governo
rivoluzionario, e non solo perché i suoi amici sono stati arre­
stati o rischiano di esserlo, ma anche perché la tregua mili­
tare . gli sembra favorevole a un tentativo di pace. Per il
momento, bisogna ottenere clemenza ( « Chiedo che si risparmi
il sangue degli uomini » ), attaccare i quadri sanculotti e libe­
rare la Convenzione dalle pressioni della piazza. Successiva­
mente tenterà di sganciare Robespierre dall'ala sinistra del
Comitato (costituita da Collot d'Herbois e da Billaud-Varenne)
e di dividere con lui la responsabilità del governo. Lo appog­
gia Camille Desmoulins, che il 15 frimaio ( 5 dicembre) lancia
un nuovo giornale, « Le Vieux Cordelier ». Nel primo numero
egli attacca gli estremisti, trattandoli da agenti di Pitt; cinque
giorni dopo denuncia Cloots e tutta la corrente scristianizza-
297
VII. L'ora dell'avversità
trice; il 15 dicembre, col pretesto di un parallelo fra repub­
blica e monarchia, contesta il principio stesso del governo
rivoluzionario; il 24 dicembre ( 4 nevoso), chiede la libera­
zione di 200.000 sospetti e l'istituzione di un comitato di
clemenza. Frattanto gli attacchi contro i leader hebertisti si
moltiplicano : il 17 dicembre Fabre ottiene l'arresto di Vin­
cent, di Ronsin e di Héron (agente del Comitato di Sicurezza
generale); due giorni dopo tocca a Mazuel, ufficiale dell'armata
rivoluzionaria.
Le preoccupazioni di Robespierre collimano con quelle di
Danton su tre punti. Cedere alle rivendicazioni terroristiche,
agli attacchi contro i settantatré deputati arrestati per la loro
protesta contro il 2 giugno e quelli diretti contro la Pianura,
vuol dire frantumare l'unica maggioranza parlamentare possi­
bile; e il 27 gennaio, al club dei Giacobini, egli dice molto
chiaramente: « Dal 3 1 maggio la Palude non esiste più ».
Acconsentire alla scristianizzazione violenta, significa rimanere
isolati sia all'interno che all'esterno; e sembra soprattutto che
Robespierre, in politica estera, abbia rinunciato al rifiuto di
qualsiasi prospettiva di negoziato implicito in tutti i suoi
interventi, da marzo a settembre.
Questo riavvicinamento è però fragilissimo, perché Robes­
pierre deve tener conto di un altro settore della sua maggio­
ranza, ossia di tutto il personale compromesso col Terrore
e con la guerra rivoluzionaria. Avvertito dai suoi amici,
Collot d'Herbois torna da Lione il 1° nevoso ( 2 1 dicembre)
e, prima all'Assemblea, poi al club dei Giacobini, fa l'apo­
logia della repressione, prendendo le difese di Ronsin e tuo­
nando contro l'indulgenza. Il 6 nevoso Billaud Varenne ottiene
dalla Convenzione la revoca del « comitato di giustizia »
creato pochi giorni prima su richiesta degli indulgenti. Collot
e Billaud ritorcono contro Danton la sua stessa tattica: per
isolarlo da Robespierre, si servono del Comitato di Sicurezza
generale, che durante una perquisizione in casa di Delaunay
« scopre » il falso decreto fumato da Fabre d'Eglantine e di
cui il governo è a conoscenza già da un mese ! Nulla quindi
0
298
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
può più impedire l'arresto di Fabre, che ha luogo il 23 nevoso
( 1 2 gennaio). L'indomani Danton ne prende le difese, ma è
solo. L'alleanza da lui sognata è fallita.
La controffensiva sferrata da Collot d'Herbois e Billaud­
Varenne costringe Robespierre a un ripensamento; il 5 nevoso
( 25 dicembre) egli risponde a Camille Desmoulins giustifi­
cando il governo rivoluzionario e indicando i due pericoli
che, secondo lui, minacciano la Rivoluzione: « il moderatismo,
che sta alla moderazione come l'impotenza alla castità, e l'ec­
cesso, che assomiglia all'energia come l'idropisia alla salute ».
Ma nei confronti di Desmoulins continua a mostrarsi tolle­
rante, facendo di tutto per evitare una rottura. È forse in
queste prime settimane del 1794 che la sua posizione si
rivela per la prima volta in tutta la sua fragilità. « La Virtù
e il Terrore », che il 1 7 piovoso ( 5 febbraio) egli definisce i
cardini del governo rivoluzionario, sono indubbiamente un
ideale morale, ma non la definizione di una maggioranza po­
litica. È giunta l'ora delle amputazioni.
I
PROCES S I DI PARIGI
La liberazione di Ronsin e Vincent ( 1 4 piovoso) segna la
ripresa dell'agitazione cordigliera, che durante il ventoso in­
gigantisce sotto il duplice effetto delle difficoltà economiche e
del malcontento politico.
Carovita e penuria alimentare fomentano nel popolo un
malessere permanente.
I quadri del movimento sezionale si pongono degli obiettivi
più precisi: gli incarichi.
I cittadini che godano di un reddito o di una condizione suffi­
ciente per vivere non potranno occupare posti stipendiati. negli
uffici amministrativi, dai quali saranno rimossi per essere i suddetti
posti assegnati ai cittadini invalidi, padri di famiglia e buoni
patrioti.
VII. L'ora dell'avversità
299
La lotta dei « patrioti del '93 » contro i « patrioti del1'89 » è sottesa da questa caccia all'impiego, di cui Vincent
ha dato l'esempio negli uffici del ministero della Guerra. Ro­
bespierre non ha certo torto quando dice a Hébert: « Voi
volete i nostri posti » . L'attacco è sferrato dal club dei Cor­
diglieri, conquistato da Vincent. Il 24 piovoso ( 12 febbraio)
Hébert denuncia la cricca che ha coniato il termine « ultra­
rivoluzionario », e il 4 ventoso ( 22 febbraio) reclama la solu­
zione della crisi annonaria. Per disinnescare la bomba, mentre
Collot d'Herbois tenta invano di conciliare Cordiglieri e Gia­
cobini, 1'8 Saint-Just presenta un decreto concernente la con­
fisca dei beni dei sospetti, che, completato da quello del 1 3 ,
sembra annunciare che i beni confiscati serviranno a inden­
nizzare gli indigenti. Con poche frasi incisive Saint-Just evoca
la grande, millenaria speranza dei poveri: « Gli infelici sono
le potenze della terra, hanno il diritto di parlare da padroni
ai governi che li trascurano ». Ma la Convenzione ( che non
prende molto sul serio questa promessa), il popolo (che vuole
l'immediata soluzione del problema annonario) e il gruppo
dei Cordiglieri ( che vuole il potere) non si lasciano trarre in
inganno : si tratta di una manovra per isolare dalle masse i
dirigenti del movimento. Il 1 2 ventoso Ronsin parla d'insur­
rezione, il 14 ( 4 marzo) i Cordiglieri velano il quadro dei
Diritti dell'uomo. Carrier reclama una « santa insurrezione »,
cui si allinea anche Hébert. Male organizzato e privo dell'ap­
poggio delle sezioni, questo movimento è tuttavia destinato
a fallire. Per l'ultima volta, Collot d'Herbois tende la mano
ai suoi vecchi compagni, ma Ronsin rifiuta recisamente qua­
lunque compromesso. Isolati, abbandonati da Chaumette, da
Pache, da Hanriot e da Bouchotte, i dirigenti cordiglieri ven­
gono tratti in arresto nella notte fra il 23 e il 24 ventoso
( 1 3-14 marzo). Il processo si celebra dal 1 ° al 4 germinale. La
tecnica dell'amalgama consente di mescolare agli autentici mi­
litanti (Hébert, Vincent, Ronsin, Momoro e altri quattro « pa­
trioti del '93 » ) un informatore della polizia, gli stranieri e
i loro complici arrestati in brumaio (Cloots, Proly, Pereira,
Desfieux) e un generale sospetto realista. Risparmiato per il
300
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
momento, Chaumette cadrà insieme alla vedova di Hébert
in un'infornata successiva.
Esattamente il giorno dopo l'arresto dei Cordiglieri, Ca­
mille Desmoulins pubblica il settimo numero del « Vieux
Cordelier ». Questa volta, non contento di prendersela col
gruppo governativo di sinistra, Camille reclama il rinnovo
del Comitato e accusa Barère di opporsi alla pace. Nei giorni
che seguono, Danton e i suoi seguaci moltiplicano le offen­
sive contro Bouchotte e contro Héron ( temporaneamente in­
criminato), mentre tentano di salvare Fabre d'Eglantine, incri­
minato il 29 ventoso insieme agli altri deputati corrotti.
Cederà Robespierre? Il 25 egli ha chiaramente dimostrato
di voler conservare la propria maggioranza, che comprende
i Montagnardi di sinistra fedeli alla guerra rivoluzionaria e
al Terrore : « Il più grande pericolo sarebbe avvicinare i pa­
trioti ai cospiratori ». La sorte dei deputati corrotti è ormai
decisa, ma è necessario coinvolgervi anche Danton e Desmou­
lins? Le necessità politiche trionferanno dei vincoli d'amicizia
e di fraternità creati dalle lotte del passato? Stando alle con­
fidenze di Barère, Robespierre avrebbe voluto salvare Camille,
e sappiamo che si oppose a lungo a includere Danton nella
lista. Ma risparmiare Danton avrebbe significato scatenare
contro il governo tutti coloro che si erano compromessi col
Terrore. Prevalse quindi la decisione di Collot d'Herbois e
Billaud-Varenne e del Comitato di Sicurezza generale. La sera
del 10 germinale ( 3 0 marzo) il Comitato ordina l'arresto di
Danton, Delacroix, Desmoulins e Phélippeaux, accusati di
complicità con Fabre d'Eglantine e Chabot. Solo Lindet, cui
si attribuiscono queste parole: « Non sono qui per ghigliot­
tinare la Francia, ma per nutrirla », rifiuta di fumare l'ordine
d'arresto.
L'indomani, alla Convenzione, Legendre chiede l'audizione
dei deputati arrestati durante la notte. L'Assemblea, atterrita
da queste purghe incessanti, è in parte disposta ad appog­
giarlo. Ma interviene Robespierre. Con un abile discorso,
egli ricorda alla sua maggioranza che essa è responsabile col­
lettivamente di tutta l'opera compiuta : « Che cosa avete fatto
VII. L'ora dell'avversità
301
che non sia stato fatto liberamente, e che non abbia salvato
la Repubblica? ». E ottiene l'approvazione dell'Assemblea.
Cominciato il 13 germinale ( 2 aprile), il processo è agi­
tatissimo; ai quattro accusati politici sono mescolati i pre­
varicatori (Fabre d'Eglantine, Chabot, Basire, Delaunay), Hé­
rault de Séchelles, lo spagnolo Guzman, i banchieri Frey e il
generale Westermann. Danton rifiuta di darsi per vinto, la
sua voce possente si ode al di là delle pareti della sala in cui
siede il Tribunale e provoca degli assembramenti. Fouquier­
Tinville ricorre al Comitato, che ottiene dalla Convenzione
un decreto che, in caso di disordini, consente di escludere
gli imputati dai dibattiti; il 16, Danton e Delacroix vengono
esclusi e ghigliottinati il giorno stesso.
Dalla crisi di germinale, il Comitato di Salute pubblica
sembra uscire rafforzato; ma in realtà si è scavato la fossa
con le sue mani.
LA
RIVOLUZIONE CONGELATA
Fra i grandi processi di germinale l'equilibrio è solo appa­
rente. Decapitando lo stato maggiore cordigliere, il Comitato
di Salute pubblica stroncava la pressione popolare sulla rap­
presentanza nazionale, che dopo il 10 agosto 1792 aveva de­
viato il corso della rivoluzione borghese. In questo senso,
germinale è un mese decisivo: il ritorno alle norme del libe­
ralismo borghese, erroneamente attribuito o imputato ai soli
Termidoriani, si delinea in tutti i çampi. Ghigliottinando
Danton, al contrario, non è stata soppressa la contraddizione
da cui egli pretendeva di uscire: la nuova borghesia matura­
tasi dopo 1'89 vuol tornare a un governo liberale senza
peraltro rinunciare ai frutti della guerra. Da germinale a ter­
midoro, il governo robespierrista rassicura le forze borghesi,
ma, legato al Terrore, non osando né potendo fare la pace,
si rifugia nella fuga · in avanti: la dittatura e il mito. Termi­
doro sarà semplicemente la conclusione del ritorno alla realtà,
e adeguerà le istituzioni ai mutamenti di germinale.
302
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
La Rivoluzione « è congelata » : è Saint-Just che parla.
« Il genio di Parigi è scomparso con la Comune », penetrante
intuizione di Michelet. Gli uomini vengono scacciati, gli
organismi autonomi scompaiono, la burocrazia invade tutto.
La Comune di Parigi non è più che una cinghia di trasmis­
sione di ordini che vengono dall'alto. Le società popolari
spariranno fra floreale e pratile. D'ora in poi solo il Comitato
di Salute pubblica (decreto del 23 ventoso) potrà inviare i
suoi commissari in provincia : i rappresentanti in missione
distaccati dalla Convenzione vengono richiamati in massa alla
fine di germinale. Quest'inasprimento della dittatura è una
arma a doppio taglio, utile quando si tratta di scongiurare
la minaccia sanculotta, ma che la Pianura considera allarmante.
Da un punto di vista economico, tuttavia, la borghesia
può finalmente tirare il fiato. Sebbene il reato di accaparra­
mento continui in teoria ad essere contemplato, è però ormai
passibile solo di un'ammenda. Il 12 germinale, i commissari
agli accaparramenti vengono soppressi. È necessario tranquil­
lizzare i commercianti: il decreto del 23 ventoso fa una
precisa distinzione fra commercianti « onesti » e speculatori.
II maximum sussiste, ma il Comitato concede numerose esen­
zioni o attenuazioni di fatto, accordando aumenti o premi
ai fornitori. A poco a poco il commercio estero viene com­
pletamente liberalizzato. Ma la condizione dei salariati peg­
giora. Finché la Comune aveva appoggiato il movimento
popolare, si era mostrato tollerante verso le infrazioni al
maximum dei salari; ora, invece, la nuova burocrazia intende
applicarlo col massimo rigore. Il 1 5 floreale, Barère fa votare
un decreto di requisizione della manodopera per il trasporto
delle merci; il 29 pratile, la Convenzione chiama in giudizio
i fomentatori di scioperi delle fabbriche per la difesa nazio­
nale; il 1 ° termidoro Saint-Just fa arrestare come sospetti
alcuni operai in sciopero; il 5 la Comune di Parigi pubblica
un nuovo maximum dei salari che equivale in pratica al
ribasso del costo del lavoro.
Tali concessioni non fanno che aumentare il bisogno di
una stabilizzazione politica e del ritorno alla calma. Ma con-
VII. L'ora dell'avversità
30.3
temporaneamente il Comitato si isola orientandosi verso solu­
zioni sanguinarie e utopiche.
Il Terrore s'inasprisce. A Parigi, nonostante le scarcerazioni
concluse tragicamente, le prigioni sono sempre piene (alla data
del 1 O termidoro si contano 7 .800 detenuti). La legge del 22
pratile, approvata su relazione di Couthon, sopprime tutte
le garanzie di giustizia e, quel ch'è peggio, la definizione di
nemico della Rivoluzione è talmente elastica che permette
di colpire chiunque. Perché questa legge sanguinaria? Qual­
cuno ha affermato che gli animi erano esasperati dai tentativi
di attentare a Robespierre e a Couthon. Ciò è verosimile, ma
analizzando più attentamente i fatti, si direbbe piuttosto che,
in mancanza di precise prospettive politiche, il gruppo robes­
pierrista si aggrappi disperatamente a tutti i mezzi di cui
può disporre. Comincia il Grande Terrore: dal 1 0 giugno al
27 luglio vengono pronunciate 1.285 condanne a morte, com­
presa quella di André Chénier. E non soltanto la borghesia
ne è sconvolta, ma anche le masse, concorso di ripugnanze
che preannuncia quella di termidoro.
Col Grande Terrore la virtù non basta più: al regime
occorre un fondamento non più soltanto morale, ma addirit­
tura metafisico. Il 18 floreale ( 7 maggio) Robespierre spiega
ai deputati che la lotta delle fazioni deriva dalla depravazione
morale, e questa dall'ateismo. Ma non si atteggia a filosofo,
bensl ad uomo politico: « Per il legislatore, tutto dò che è
utile al mondo e buono nella pratica è la verità . L'idea del­
l'Essere supremo e dell'immortalità dell'anima è un continuo
richiamo alla giustizia, e quindi è un'idea sociale. e repubbli­
cana ». Il decreto, approvato dalla Convenzione, proclama che
« il popolo francese riconosce l'esistenza dell'Essere supremo
e dell'immortalità dell'anima », istituisce quattro grandi feste
repubblicane e prescrive, per ciascun decadi, la celebrazione
di una virtù civica. Il 20 pratile, ( 8 giugno), David organizza
la grande festa dell'Essere supremo e della Natura, presie­
duta da Robespierre con un fascio di spighe in mano e scor­
tato da un immenso corteo che si snoda dalle Tuileries fino
al Campo di Marte. Dalla Francia e dall'estero gli giungono
304
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
numerosi indirizzi di felicitazione : è forse il preludio della
restaurazione religiosa? In realtà è una causa supplementare
di isolamento.
LA PRIMAVERA DELLA VITTORIA
Da mesi tutto è subordinato allo sforzo bellico. Seb­
bene il problema del vestiario e dell'equipaggiamento sia
stato risolto m:i più diversi modi, fabbricare armi in numero
sufficiente è stato molto più difficile, per la mancanza di
alcune materie prime : suolo e sottosuolo hanno dato tutto
quello che era possibile. Nel castello di Meudon, grandi scien­
ziati come Chaptal, Monge e Berthollet lavorano per la difesa
nazionale. Grazie all'amalgama, l'esercito, forte di 500.000
uomini, è diventato più omogeneo e più disciplinato ed è
molto meglio comandato. Durante l'inverno tuttavia il movi­
mento dei generali è aumentato. Roche, sospetto di héberti­
smo, è stato arrestato nel mese di ventoso: « Abbiamo le
prove che il generale Roche è un traditore », scrive Robes­
pierre.
Il piano generale della campagna era stato elaborato da
Carnot. Le armate dei fronti « secondari » avrebbero dovuto
accontentarsi di azioni limitate, e queste istruzioni provoca­
rono un conflitto con Dumerbion, comandante in capo delle
armate delle Alpi e d'Italia, che, assecondato da Bonaparte,
intendeva invadere il Piemonte. L'armata dei Pirenei orien­
tali, comandata da Dugommier, conquistò alcuni capisaldi in
Catalogna, mentre a ovest Miiller ricacciava gli spagnoli. Ma
il fronte più importante era quello del Nord. La campagna
prevedeva gli sforzi coordinati di tre armate: Pichegru, alla
testa dell'armata del Nord ( 150.000 uomini) aveva l'ordine
di attaccare nella Fiandra marittima, Charbonnier ( dell'ar­
mata delle Ardenne) doveva dirigersi su Charleroi, e Jourdan
(dell'armata della Mosella) su Liegi. Ma il piano fu eseguito
male, Pichegru non poté impedire al principe di Coburgo di
prendere Landrecies ( 30 aprile) e nonostante la vittoria di
305
VII. L'ora dell'avversità
Tourcoing ( 18 maggio) non riusd a impegnare l'avversario
in uno scontro decisivo. Per di più gravi dissensi scoppia­
rono fra Carnot, che voleva rinforzare l'ala sinistra in dire­
zione della Fiandra marittima, e Saint-Just, che invece inten­
deva forzare il passaggio della Sambre. L'8 giugno Saint-Just
affidò a Jourdan il comando unificato delle armate della Mo­
sella e delle Ardenne. Durante le battaglie della Sambre,
pagò di persona.
Il 25 viene conquistata Charleroi; il 26 (8 messidoro•
anno II) Jourdan sconfigge Coburgo a Fleurus, e la sua ar­
mata prenderà il nome di « Sambre-et-Meuse » . Il 10 luglio
Pichegru lo raggiunge a Bruxelles e riparte quindi verso il
Nord, lasciandolo avanzare verso la Mosa. Il 9 termidoro,
allorché cade Robespierre, Pichegru entra ad Anversa e Jour­
dan a Liegi. È la primavera della vittoria.
IL 9
TERMIDORO
Contro Robespierre giocano il malcontento di superficie
e le grandi correnti profonde. Richiamati per i loro eccessi
terroristici e per le loro estorsioni, gli antichi « proconsoli »
- gli ex rappresentanti in missione - non amano sentir­
parlare di punizione dei bricconi; Tallien, la cui amante è
in carcere da pratile, Fouché, Barras, Fréron, si lamentano
con tutti, ma pochi prestano loro ascolto, considerato il loro
inquietante passato. Più grave è la gelosia del Comitato di
Sicurezza generale; Amar e Vadier appartengono all'ala scri­
stianizzatrice e oltranzista del partito montagnardo, odiano il
pontefice dell'Essere supremo e gli serbano rancore per aver­
creato un Ufficio di polizia che esula dai poteri del Comitato.
Ma il grande Comitato è anch'esso diviso, e dopo il 15 messi­
doro Robespierre ha cessato di recarvisi ; il 5 termidoro, su
richiesta di Saint-Just, acconsente a intervenire a una seduta
plenaria, ma già l'indomani evita di tornarci: 1'8 ( 26 luglio)
esporrà le proprie lagnanze alla Convenzione, senza fare il
nome dei suoi avversari.
306
Parte I. Dagli Stati generali al 9 termidoro
Chi guida l'opposizione? Fu Carnot che ebbe il ruolo
essenziale? Indubbiamente egli si è più volte violentemente
scontrato con Saint-Just a proposito di Jourdan e con Robes­
pierre a proposito di Bonaparte, ed ha dalla sua parte i « tec­
nici », Lindet e Prieur de la Cote-d'Or. Ma il 9 termidoro il
suo successo o la sua sconfitta dipendono da tre uomini:
Barère, che è il trait-d'union con la Pianura, la garanzia della
continuità e della legalità rivoluzionaria; Billaud-Varenne e
Collot d'Herbois, che in quest'operazione rappresentano il
semaforo verde dato dal nuovo personale formatosi sotto il
Terrore e legato al successo della guerra. La scommessa di
Danton è fallita: libertà e pace, ma senza la certezza della
vittoria. Adesso la vittoria consente la libertà. Tutti i gruppi
possono sperare di trovarci il proprio tornaconto. Robespierre
cadrà proprio perché si ostina a unire due termini contrad­
dittorii : il terrore nella vittoria. Il complotto si precisa nella
notte fra 1'8 e il 9. L'indomani Collot d'Herbois, presidente
della Convenzione, dovrà impedire a Robespierre e a Saint­
Just di prendere la parola; e si stabiliscono contatti con la
Pianura, che si impegna ad abbandonare Robespierre in cam­
bio della :6.ne del Terrore.
La seduta della Convenzione comincia verso le 1 1 del
mattino del 9. A mezzogiorno Saint-Just si alza a parlare,
subito interrotto da Tallien; Baillaud-Varenne attacca Robes­
pierre; questi vorrebbe salire alla tribuna, ma il presidente
Collot d'Herbois gli nega la parola e ne copre la voce suo­
nando il campanello. Barère fa votare un decreto che esonera
Hanriot dal comando della guardia nazionale. Poi, su pro­
posta di Louchet, viene approvato il decreto d'accusa contro
Robespierre, Saint-Just e Couthon. Augustin Robespierre e
Lebas chiedono l'onore di condividere la sorte del triumvi­
rato. « La Repubblica è perduta, i briganti trionfano ! » I
prigionieri vengono condotti al Comitato di Sicurezza generale.
L'ultimo atto si svolgerà in place de Grève. Appena
avvertiti, la Comune e Hanriot fanno suonare le campane
a martello e mobilitano le sezioni per la :6.ne del pomeriggio;
condotti dall'una all'altra prigione della capitale, i cinque ven-
VII. L'ora dell'avversità
307
gono liberati quasi subito, ma tardano a recarsi alla Maison
Commune, dove Couthon giunge per ultimo verso l'una di
notte. Tutti sono scoraggiati e indecisi: questi parlamentari
non sono mai stati dei barricadieri. E la mobilitazione delle
sezioni fallisce : solo 16 sezioni su 48 inviano degli uomini.
La Convenzione, invece, agisce. Barras riceve il comando
delle forze armate e riunisce alcuni contingenti delle sezioni
dell'Ovest e del Centro. Gli insorti vengono dichiarati fuori
legge, e frattanto le truppe poste a protezione dell'Hotel de
Ville a poco a poco si sbandano. Verso le 2, i distaccamenti
di Barras penetrano nell'Hotel de Ville. Augustin Robespierre
si getta da una finestra, Lebas si uccide con un colpo di
pistola, Robespierre viene ferito ( o si ferisce) alla mascella.
Il 10 termidoro, Robespierre con ventun suoi seguaci vengono
giustiziati senza processo. Gli operai che il giorno prima
manifestavano per l'aumento dei salari, gridano al passaggio :
« Fottuto maximum ! ».
CONCLUSIONE
Dopo il 10 agosto 1792 la Rivoluzione viene trascinata
dalla guerra e dalla pressione popolare fuori dalla strada trac­
ciata dall'intelligenza e dalla ricchezza del XVIII secolo. Torna
in superficie una passione egualitaria che, al di là delle me­
schine formule elaborate, rivela la forza delle umiliazioni
accumulate e la colorazione delle visioni popolari; e ciò che
emerge è l'immagine rovesciata della società dell'Ancien Ré­
gime, dove tutto era ordine e privilegio ; il mondo della riven­
dicazione sanculotta è un mondo senza gerarchie, senza singo­
larità e senza il prestigio della ricchezza o del talento, un
mondo da cui tutto ciò che la maledetta parola ' aristocratico '
può evocare deve sparire. Al di là della Rivoluzione cosi per­
fettamente capita da Jaurès, esiste la rivoluzione sottilmente
intuita da Michelet: la rivoluzione delle oscure forze della
miseria e dell'ira.
Costretti a venire a patti con esse, gli uomini politici della
Montagna hanno loro concesso molto di quel che chiedevano,
la leva in massa, il calmiere, il terrore, riuscendo però a con­
servare l'essenziale: il potere. E non appena le circostanze
l'hanno consentito, hanno riconquistato uno dopo l'altro i
capisaldi del movimento popolare, prima i comitati, poi le
sezioni, infine le società fraterne. Il · germinale dell'anno II
segna la rottura definitiva. Indubbiamente, nel pratile del1' anno III, i sanculotti tenteranno ancora di esercitare il pro­
prio peso sulla storia, ma inutilmente, perché in germinale le
forze liberali e borghesi riaffermeranno il proprio assoluto
controllo del nuovo ordine sociale.
310
Parte I . Dagli Stati generali al 9 termidoro
Ma, ongme di tutte le deviazioni e di tutte le infedeltà
all'ideale dell'89, la guerra continua. Nessun uomo e nessun
gruppo ha adottato di fronte alla guerra una posizione immu­
tabile: non Danton, che si è appellato alle frontiere naturali
per poi cercare disperatamente il negoziato, né Robespierre,
la cui lucidità della primavera del '92 diminuisce intenzio­
nalmente nella primavera del '93 , né Carnot, che in termidoro
rinuncia alle fronti ere « geografiche » invocate l'anno prece­
dente. Sta di fatto che la guerra ha provocato una mutazione
della società e l'avvento di uomini nuovi. Ai vecchi strati
borghesi parzialmente indeboliti dall'inflazione o dalla stagna­
zione del commercio si aggiungono nuovi gruppi arricchitisi
con le forniture di guerra, con l'armamento o la speculazione.
Legata a questi gruppi, una frazione della classe politica si
è definita su una linea che implica la vittoria. E, ben oltre
queste linee di demarcazione sociale, la guerra ha cementato
la « grande nazione » in un complesso di sogni, di passioni e
di desideri. Bisogna accontentare tutti.
Danton ha pagato con la testa la ricerca di una soluzione
che era soltanto un compromesso, Robespierre perde la sua
per non aver saputo indicare nessuna prospettiva. E questo
perché, d'altro canto, il retaggio della guerra è il Terrore,
e il Terrore provoca una congiunzione di rifiuti: i contadini
aborrono le requisizioni, i borghesi aspirano alla dolcezza di
vivere, il popolo non vuole · contribuire al carico delle tra­
giche carrette.
Il patto concluso in termidoro è una scommessa sul fu­
turo: le vittorie permetteranno una pace conquistatrice? Que­
sta è la condizione indispensabile per consolidare gli interessi
acquisiti e soddisfare l'aspirazione alla distensione.
Ma i contemporanei non furono consapevoli· di questo
dilemma. Essi non avevano ancora perduto ogni illusione.
INDICE DEL VOLUME
Prefazione all'edizione italiana
V
Parte prima. Dagli Stati generali al 9 termidoro
I.
La Francia di Luigi XVI
La società dell'Ancien Régime, p. 18 - La monarchia asso­
luta, p. 36
3
Il.
La rivolta degli ordini
I notabili ed i parlamenti, p. 51 - La crisi generale,
p. 59 - Il partito nazionale, p. 62
45
III.
Le tre rivoluzioni dell'estate dell'89
La rivoluzione degli avvocati, p. 76 - La rivoluzione pa­
rigina, p. 86 - La rivoluzione dei contadini, p. 92 - L'As­
semblea nazionale e il re : la crisi di settembre-ottobre,
p. 98
71
IV.
L'anno felice
Da Versailles alle Tuileries, p. 1 16 - L'Assemblea al
Maneggio, p. 117 - Una potenza nuova: l'opinione pub­
blica, p. 122 - Parigi, p. 125 - La guardia nazionale,
p. 125 - Le Federazioni, p. 128 - 1790 : l'anno della no­
biltà liberale e delle illusioni perdute, p. 130 - L'opera
della Costituente : l'organizzazione di una società nuova,
p. 131
111
V.
Lo slittamento della Rivoluzione
Le difficoltà finanziarie e religiose, p. 151 - La controrivo­
luzione, p. 157 - La recrudescenza rivoluzionaria, p. 159 -
145
Indice del volume
Amici dei negri e Amici dei colonizzatori, p. 160 - Verso
un partito tory, p. 161 - La fuga del re, p. 163 - La
paura e la collera, p. 166 - Il Campo di Marte, p. 168 Giacobini e Foglianti, p. 169 - L'Assemblea legislativa,
p. 170 - Rivoluzione in Francia o rivoluzione in Eu­
ropa?, p. 171 - Le carenze militari della Rivoluzione,
p. 175 - La guerra voluta dalla Rivoluzione, p. 175 - Le
rivendicazioni dei sanculotti, p. 178 - Le prime disfatte
spingono il popolo contro il re, p. 181 - La patria in
pericolo, p. 183 - Il 10 agosto, p. 184
VI.
Il romanticismo rivoluzionario
La repubblica del talento, p. 193 - La Comune di Parigi,
p. 197 - Il primo Terrore, p. 198 - L'invasione, p. 202 I massacri di settembre, p. 204 - Valmy, p. 207 - Gli
inizi della Convenzione, p. 208 - Il processo del re,
p. 212 - La morte del Re Cristianissimo, p. 215 - Le
vittorie della Repubblica, p. 217 - Pitt e la coalizione,
p. 221 - Tragica primavera, p. 223 - In Vandea : le campagne contro le città, p. 226 - A. Parigi : i poveri
contro i ricchi, p. 231 __ I primi passi contro il Terrore,
p. 233 - La lotta per il potere, p. 235 - Il 31 maggio,
p. 238 - Il 2 giugno, p. 240
187
VII.
L'ora dell'avversità
I sanculotti, p. 253 - Danton, p. 257 - Marat, p. 259 Il gruppo cordigliera, p. 260 - Il grande Comitato,
p. 263 - L'Incorruttibile, p. 268 - L'insurrezione federalista, p. 271 - La Vandea maledetta, p. 272 - L'invasione
della Repubblica, p. 274 - Le giornate di settembre,
p. 275 - Il governo rivoluzionario, p. 277 - Il Terrore,
p. 282 - Dalli all'accaparratore !, p. 284 - La scristianizzazione, p. 286 - La dittatura di guerra, p. 289 - I soldati
dell'anno II, p. 290 - La lotta su due fronti, p. 294 I processi di Parigi, p. 298 - La Rivoluzione congelata,
p. 30 1 - La primavera della vittoria, p. 304 - Il 9 ter­
midoro, p. 305
245
Conclusione
309
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

creare flashcard