caricato da Utente1695

EM01 MAIS 001 Rev10 - Manuale di istallazione e configurazione Energy Monitor Touch e Embedded

annuncio pubblicitario
SISTEMA DI MONITORAGGIO
ENERGY MONITOR TOUCH
E
ENERGY MONITOR EMBEDDED
MANUALE PER L’ INSTALLAZIONE E LA
CONFIGURAZIONE
REVISIONI
Rev.
Data
00
07/02/2012
Prima emissione.
27/08/2012
Aggiornamento manuale alla versione sw. 008 – 009
Modifiche principali:
Gestione fasce orarie per energia prodotta e ceduta
Controllo di accensione inverter, potenza minima
Salvataggio configurazione
Salvataggio dati ritentivi
Test
Modbus TCP
Gestione licenze
Modifica conf. e invio file parametri al portale web
01
02
21/01/13
Descrizione revisione
Aggiornato alla versione software 012 – 013
Modifiche principali:
Gestione cassette di stringa
E mail di ripristino dell’allarme
Correzione formula impulsi contatore (Cap 5.11)
Procedura di riallineamento contatori
15/04/2013
Aggiunti dettagli e casistiche al calcolo del imp./wh dei contatori Cap 5.12.
15/04/2013
Aggiunti dettali delle linee di comunicazione presenti in energy monitor. Cap 3.
04
03/09/2013
Aggiornato alla versione software 015 – 015
Modifiche principali:
Restyle colori monitor
Configurazione Datalogger: Aggiunto parametro per disabilitare il
datalogging degli allarmi.
Stato inverter: in mancanza delle condizioni per eseguire i controlli il valore
visualizzato in ciascuno di essi sarà “---“.
Configurazione inverter – Sostituzione inverter: procedura per la
sostituzione di un inverter.
Aggiunto codice di allarme nel caso si rilevi una variazione negativa di
energia da uno o più inverter.
Completato paragrafo relativo alle stringbox.
05
17/09/2013
Inserita tabella allarmi generati da Energy Monitor
06
01/12/2013
Aggiornamento manuale per l’utilizzo dalla versione software Ver 016-016
01/2015
Aggiornamento manuale per l’utilizzo dalla versione software Ver 018-018
Implementazione versione Embedded
Implementazione sensore di irraggiamento Dolphin
Aggiornamento alla nuova grafica (Home page)
Aggiornamento dalalogging per portale Dexma
Vari aggiornamenti e correzioni
03
07
2
08
06/2017
Aggiornamento manuale per l’utilizzo dalla versione software Ver 20-21
Revisione completa del manuale
09
06/2018
Aggiornata sezione solarimetro Dolphin
Aggiornata la sezione contatori
10
23/01/2019
Aggiornamento dei cablaggi Energy Monitor Touch e Energy Monitor Embedded.
3
1.
INTRODUZIONE .................................................................................. 8
2.
INSTALLAZIONE ............................................................................... 10
ICONE UTILIZZATE NEL DOCUMENTO ........................................................... 9
FISSAGGIO ENERGY MONITOR TOUCH ........................................................ 10
FISSAGGIO ENERGY MONITOR EMBEDDED .................................................. 11
COLLEGAMENTI ELETTRICI ........................................................................ 12
ALIMENTAZIONE ...................................................................................... 12
2.4.1. ALIMENTAZIONE ENERGY MONITOR TOUCH ............................................. 13
2.4.2. ALIMENTAZIONE ENERGY MONITOR EMBEDDED ....................................... 13
3.
INVERTER ......................................................................................... 14
4.
CONTATORI DI PRODUZIONE E DI SCAMBIO .................................... 17
5.
ESPANSIONI ..................................................................................... 19
CABLAGGIO DELLA LINEA DATI INVERTER RS485 ........................................ 14
PORTA INVERTER ENERGY MONITOR TOUCH ............................................... 15
PORTA INVERTER ENERGY MONITOR EMBEDDED ......................................... 15
PORTA ESPANSIONI ENERGY MONITOR TOUCH ............................................ 20
PORTA ESPANSIONI ENERGY MONITOR EMBEDDED ...................................... 21
IMPOSTAZIONE COMUNICAZIONE ESPANSIONI 24 INGRESSI, 24 USCITE E 8
INGRESSI ANALOGICI ....................................................................................... 21
ESPANSIONI - SENSORE DI IRRAGGIAMENTO.............................................. 23
5.4.1. MODELLO INGENIEURBÜRO ................................................................... 23
5.4.2. MODELLO DOL-EM-ESP. IRR.+TEMP. DOLPHIN ......................................... 24
5.4.3. MODELLO DOL-EM-ESP. IRR.+TEMP. DOLPHIN V02 ................................... 24
ESPANSIONI INGRESSI ED USCITE – COLLEGARE I SEGNALI, SENSORI E
DISPOSITIVI .................................................................................................... 25
5.5.1. ESPANSIONE 24 INGRESSI DIGITALI ...................................................... 25
5.5.2. ESPANSIONE 8 INGRESSI ANALOGICI ..................................................... 25
5.5.3. ESPANSIONE 24 USCITE DIGITALI .......................................................... 26
6.
STRING-BOX ..................................................................................... 28
7.
GESTIONE UTENZE – CONSUMI ENERGETICI .................................... 29
8.
ETHERNET ........................................................................................ 31
9.
10.
ENERGY MODEM....................................................................................... 32
8.1.1. MODEM DIGICOM AM11 e DIGICOM RTR.................................................. 32
COLLEGAMENTO TRAMITE PC .................................................................... 34
8.2.1. COLLEGAMENTO DIRETTO PUNTO-PUNTO ................................................ 35
8.2.2. COLLEGAMENTO LOCALE TRAMITE MODEM AM11 ..................................... 35
8.2.3. COLLEGAMENTO REMOTO TRAMITE MODEM AM11 .................................... 35
PORTA USB ....................................................................................... 35
VISUALIZZAZIONE E NAVIGAZIONE NEL SISTEMA ....................... 36
PAGINA PRINCIPALE ................................................................................. 36
10.1.1. DATI DI PRODUZIONE ........................................................................... 42
4
10.1.2. STATO CONTATORI ............................................................................... 44
10.1.3. LISTA ALLARMI ..................................................................................... 46
10.1.4. STATO INVERTER .................................................................................. 49
10.1.5. STATO INGRESSI / USCITE .................................................................... 53
10.1.6. STRING - BOX ...................................................................................... 54
10.1.7. STATO UTENZE ..................................................................................... 56
10.1.8. MENU’ OPZIONI RISERVATE ................................................................... 56
11.
CONFIGURAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO .................. 58
DATI NECESSARI ALLA CONFIGURAZIONE................................................... 59
SEQUENZA DI CONFIGURAZIONE ............................................................... 60
REGOLAZIONE DATA E ORA ....................................................................... 61
IMPOSTAZIONE RETE ETHRNET.................................................................. 62
11.4.1. CONFIGURAZIONE ETHERNET DI DEFAULT............................................... 63
SALVA DATI RITENTIVI ............................................................................. 64
SALVA CONFIGURAZIONE ......................................................................... 64
UTILIZZO DEL TASTO MODIFICA ................................................................ 64
PARAMETRI GENERICI .............................................................................. 65
11.8.1. PARAMETRI IMPIANTO FV ...................................................................... 65
11.8.2. PRODUZIONI ATTESE ............................................................................ 68
11.8.3. PARAMETRI DI SISTEMA ........................................................................ 69
11.8.4. GESTIONE LICENZE............................................................................... 71
11.8.5. IN/OUT PREFERITI ................................................................................ 72
CONFIGURAZIONE INVERTER .................................................................... 73
11.9.1. CONFIGURAZIONE CONTROLLI AGLI INVERTER ........................................ 74
11.9.2. SOSTITUZIONE INVERTER ..................................................................... 75
CONFIGURAZIONE ESPANSIONI .......................................................... 76
NUMERAZIONE SENSORI .................................................................... 78
11.11.1.
NUMERAZIONE INGRESSI ................................................................ 78
11.11.2.
NUMERAZIONE USCITE ................................................................... 78
CONFIGURAZIONE ESPANSIONE 24 INGRESSI DIGITALI ........................ 79
CONFIGURAZIONE ESPANSIONE 8 INGRESSI ANALOGICI ....................... 82
CONFIGURAZIONE ESPANSIONE 24 USCITE DIGITALI ............................ 86
SENSORE DI IRRAGGIAMENTO ............................................................ 87
CONFIGURAZIONE STRING BOX .......................................................... 88
CONFIGURAZIONE CONTATORI ........................................................... 90
11.17.1.
CALCOLO VALORE K E PESO IMPULSI PER LA GESTIONE CONTATORI ... 92
11.17.2.
RIALLINEAMENTO CONTATORI ......................................................... 95
11.17.2.1. COS’E’ IL RIALLINEAMENTO ........................................................ 95
11.17.2.2. COME RIALLINEARE I CONTATORI ................................................ 96
CONFIGURAZIONE UTENZE ................................................................. 98
11.18.1.
CALCOLO VALORE K E PESO IMPULSI PER LA GESTIONE UTENZE ....... 100
CONFIGURAZIONE MODEM ............................................................... 102
11.19.1.
CONFIGURAZIONE MODEM ............................................................ 103
11.19.2.
CONFIGURAZIONE TRASFERIMENTO DATI PRODUZIONE ................... 103
11.19.3.
CONFIGURAZIONE E-MAIL ............................................................. 105
11.19.4.
CONFIGURAZIONE SMS................................................................. 106
11.19.5.
AGGIORNAMENTO AUTOMATICO DATA / ORA .................................. 106
11.19.6.
GRUPPI DESTINATARI ................................................................... 107
11.19.7.
SEGNALAZIONE ALLARMI INVERTER ............................................... 108
5
11.19.8.
11.19.9.
11.19.10.
11.19.11.
11.19.12.
11.19.13.
11.20.1.
11.20.2.
11.21.1.
11.21.2.
11.21.3.
11.21.4.
11.21.5.
11.21.6.
11.22.1.
11.22.2.
11.22.3.
11.22.4.
11.22.5.
11.22.7.
11.22.8.
11.22.9.
12.
13.
14.
SEGNALAZIONE ALLARMI CONTROLLO INVERTER ............................. 110
SEGNALAZIONE MALFUNZIONAMENTI GENERICI .............................. 112
SEGNALAZIONE ALLARMI STRING BOX ........................................ 114
SEGNALAZIONE INCONGRUENZA ENERGIA .................................. 116
INVIO REPORT .......................................................................... 117
LIMITE INVII GIORNALIERI ........................................................ 119
CONFIGURAZIONE DATA LOGGER ...................................................... 120
PARAMETRI DI SALVATAGGIO ........................................................ 121
DATI FOTOVOLTAICO .................................................................... 122
FUNZIONI SPECIALI ......................................................................... 123
ESPORTA CONFIGURAZIONE .......................................................... 123
CARICA CONFIGURAZIONE ............................................................ 124
CANCELLA CONFIGURAZIONE ........................................................ 124
AGGIORNAMENTO SOFTWARE........................................................ 124
ESPORTA DATI SISTEMA ............................................................... 125
IMPORTA DATI SISTEMA ............................................................... 125
TEST .............................................................................................. 126
TEST COLLEGAMENTO MODEM ....................................................... 127
TEST COLLEGAMENTO INVERTER ................................................... 130
TEST COLLEGAMENTO ESPANSIONI ................................................ 131
TEST COLLEGAMENTO CONTATORI ................................................. 132
TEST COLLEGAM. MODBUS ............................................................ 133
TEST COLLEGAMENTO STRING-BOX ............................................... 136
TEST COLLEGAMENTO UTENZE ...................................................... 137
TEST ESPANSIONI ........................................................................ 138
CONTROLLI INVERTER ............................................................... 140
ALLARMI INVERTER E CONTROLLO ACCENSIONE ....................................... 141
12.1.1. ALLARMI INVERTER ............................................................................. 141
12.1.2. CONTROLLO DI ACCENSIONE ............................................................... 142
CONTROLLO EFFICIENZA INVERTER / GLOBALE ......................................... 144
12.2.1. CONTROLLO DI EFFICIENZA INVERTER .................................................. 144
12.2.2. CONTROLLO DI EFFICIENZA GLOBALE ................................................... 145
VARIAZIONE ENERGIA NEGATIVA............................................................. 147
CONTROLLO EFFICIENZA CANALI ............................................................. 148
CONTROLLO CORRENTI DI STRINGA......................................................... 151
CONTROLLO TENSIONI DI STRINGA ......................................................... 153
CONTROLLO SBILANCIAMENTO ................................................................ 155
CONTROLLI STRING-BOX ........................................................... 158
IRRAGGIAMENTO MINIMO CONTROLLI TENSIONE / SBILANCIAMENTO ......... 159
CONTROLLO SBILANCIAMENTO ................................................................ 160
CONTROLLO TEMPERATURA ..................................................................... 162
CONTROLLO TENSIONE ........................................................................... 163
CONTROLLO CODICI DI ALLARME ............................................................. 164
ALLARMI .................................................................................... 166
ALLARMI INVERTER E CONTROLLI INVERTER ............................................. 167
14.1.1. ALLARME INVERTER ............................................................................ 167
14.1.2. CONTROLLO DI ACCENSIONE ............................................................... 167
6
14.1.3. CONTROLLO VARIAZIONE ENERGIA NEGATIVA ....................................... 168
14.1.4. CONTROLLO DI EFFICIENZA CANALI ..................................................... 168
14.1.5. CONTROLLO DI EFFECIENZA INVERTER / GLOBALE ................................. 169
14.1.6. CONTROLLO CORRENTE DI STRINGA ..................................................... 170
14.1.7. CONTROLLO TENSIONE DI STRINGA ..................................................... 170
14.1.8. CONTROLLO SBILANCIAMENTO ............................................................ 171
ALLARMI DI SISTEMA ............................................................................. 172
14.2.1. ALLARME COMUNICAZIONE ESPANSIONI ............................................... 172
14.2.2. ALLARME COMUNICAZIONE CONTATORI ................................................ 172
14.2.3. ALLARMI ASSOCIATI AD INGRESSI DIGITALI ED ANALOGICI ................... 173
14.2.4. ALLARME INCONGRUENZA ENERGIA PRODOTTA ..................................... 173
14.2.5. ALLARME COMUNICAZIONE SENSORE DI IRRAGGIAMENTO ...................... 174
14.2.6. ERRORE COMUNICAZIONE ESPANSIONI ................................................ 174
14.2.7. ERRORE SALVATAGGIO FILE DATI LOCALE ............................................. 174
14.2.8. ERRORE SALVATAGGIO FILE DATI UTENZE ............................................ 174
14.2.9. IL SISTEMA SI È RIAVVIATO DOPO UNO SPEGNIMENTO .......................... 175
14.2.10.
FILE CONFIGURAZIONE NON TROVATO ........................................... 175
14.2.11.
ERRORE CARICAMENTO CONFIGURAZIONE ..................................... 175
14.2.12.
ERRORE CARICAMENTO CONFIGURAZIONE ..................................... 175
ALLARMI STRING-BOX ............................................................................ 176
14.3.1. ALLARME COMUNICAZIONE GATEWAY E STRING-BOX ............................. 176
14.3.2. ALLARME STRING-BOX CONTROLLO DI SBILANCIAMENTO ....................... 176
14.3.3. ALLARME STRING-BOX CONTROLLO TEMPERATURA ................................ 176
14.3.4. ALLARME STRING-BOX CODICE DI ALLARME .......................................... 177
14.3.5. ALLARME STRING-BOX CONTROLLO TENSIONE ...................................... 177
14.3.6. ALLARME STRING-BOX COMUNICZIONE................................................. 177
ALLARMI UTENZE ................................................................................... 178
14.4.1. ALLARME UTENZE COMUNICZIONE ....................................................... 178
7
1.
INTRODUZIONE
Energy Monitor Touch ed Energy Monitor Embedded rappresentano un sistema
robusto ed estremamente affidabile che si presta sia alla verifica del buon
funzionamento degli impianti fotovoltaici, sia alla gestione energetica generale.
La versione Touch è provvista di un display da 7” mentre la versione Embedded è
priva di display.
Entrambi i sistemi sono raggiungibili e visualizzabili in Real time mediante
connessione Internet utilizzando PC o dispositivi Mobile.
Il sistema è stato progettato per evitare ai clienti ed ai manutentori di dedicare
costantemente tempo all’impianto allertando tramite E-Mail nel caso vi fossero
anomalie.
Il sistema è basato su una potente intelligenza real-time che processa continuamente
i valori più importanti, evitando di fatto, l’impiego di tempo e risorse umane nel
controllo degli impianti. Energy Monitor invia automaticamente report giornalieri di
produzione e segnala la presenza di allarmi tramite e-mail.
L’elevato numero di sensori collegabili consente di realizzare un controllo
estremamente dettagliato, permettendo di fatto la verifica dell’efficienza dei
componenti dell’ impianto e garantendo così la produzione di energia nel lungo
termine. Qualora fossero presenti dei malfunzionamenti, la qualità dei controlli e la
quantità di valori visualizzabili, consentono di individuare facilmente l’area
interessata e quindi il guasto.
La gestione utenze permette di applicare ad ogni carico, macchina, linea elettrica,
contatori di Gas e acqua, un dispositivo per monitorarne i consumi. Sono inoltre
prelevabili dei feedback come ad esempio temperature, numero di pezzi, ore di
funzionamento, per l’immediato confronto con i consumi stessi.
Il design innovativo e l’accattivante grafica del monitor touch screen, permettono la
sua installazione in qualsiasi area (uffici, luoghi domestici, ecc…), rendendo ancor più
piacevole e semplice l’interazione con il proprio impianto.
Grazie all'elevata configurabilità, Energy Monitor ben si adatta ad ogni tipologia di
impianto, sia esso residenziale o commerciale, permettendo di controllare anche
quelle installazioni che altri sistemi di monitoraggio non sono in grado di gestire.
In questo settore l’impiego di prodotti che non garantiscono tempestività e precisione
si traduce in una perdita economica per il cliente finale e in un danno di immagine
per la ditta installatrice.
8
ICONE UTILIZZATE NEL DOCUMENTO
!
In questo paragrafo verranno riportate informazioni da seguire per
evitare malfunzionamenti o danni irreparabili al sistema.
In questo paragrafo saranno messe a disposizione informazioni
aggiuntive ed esempi per una migliore comprensione e configurazione
del sistema.
9
2.
INSTALLAZIONE
Energy Monitor deve essere installato in un ambiente riparato, asciutto e poco
polveroso.
Devono inoltre essere rispettate le seguenti condizioni:
Condizioni ambientali di funzionamento:
Temperatura di funzionamento: 0 ÷ 50°C
Umidità: 10 ÷ 90% senza formazione di condensa
Alimentazione:
Tensione nominale di alimentazione: 120–230Vac ( 90…264 Vac )
Frequenza di alimentazione: 47...63Hz
Corrente massima assorbita (senza espansioni): < 1A
FISSAGGIO ENERGY MONITOR TOUCH
Per il fissaggio sono previsti quattro punti di ancoraggio sul retro del dispositivo;
utilizzare bulloni o tasselli con diametro della testa non superiore a 10 mm.
10
FISSAGGIO ENERGY MONITOR EMBEDDED
Per il fissaggio sono previsti quattro punti di ancoraggio dall’interno del contenitore
elettrico.
11
COLLEGAMENTI ELETTRICI
Energy Monitor è provvisto di una linea di alimentazione e diverse linee di
comunicazione con funzioni specifiche:
Alimentazione:
Espansioni:
Inverter:
Contatori:
Ethernet:
linea 230Vac;
comunicazione con la sensoristica aggiuntiva come sensori di
irraggiamento, espansione con ingressi digitali o analogiche, ecc…;
comunicazione con gli inverter compatibili ( vedi documento lista
inverter );
comunicazioni con le espansioni dedicate alla lettura dei contatori;
comunicazione Internet, espansioni string box e misurazione
utenze;
Ogni linea deve essere collegata come descritto nei seguenti paragrafi.
L’installazione elettrica di Energy Monitor deve essere effettuata da
personale specializzato.
ALIMENTAZIONE
Prima di procedere al collegamento dell’alimentazione elettrica
verificare che le caratteristiche della rete utilizzata rientrino nelle
prescrizioni del capitolo 2. Installazione.
!
Collegare l’alimentazione elettrica solo a procedura di installazione
terminata.
Consigliamo l’utilizzo di un UPS per evitare spegnimenti del sistema
in mancanza di alimentazione. Mantenendo alimentata anche la rete
con cui viene eseguito l’accesso ad Internet è possibile ricevere le
segnalazioni di allarme che si vengono a creare con la mancanza di
alimentazione.
12
2.4.1.
ALIMENTAZIONE ENERGY MONITOR TOUCH
Collegare il cavo di alimentazione fornito all’apposita vaschetta predisposta sul fondo
del dispositivo Energy Monitor, inserire quindi la spina in una presa di rete 230Vac.
Accendere l’apparecchio agendo sull’interruttore generale posto a lato della
vaschetta.
2.4.2.
ALIMENTAZIONE ENERGY MONITOR EMBEDDED
Sezionare l’alimentazione estraendo il porta fusibile presente all’interno del
dispositivo Energy Monitor e collegare un cavo di alimentazione di sezione non
inferiore a 1mmq. Accendere l’apparecchio fornendo tensione e ripristinando il porta
fusibile.
13
3.
INVERTER
La porta Inverter consente di realizzare una rete RS-485 per comunicare con gli
inverter compatibili.
Il collegamento con gli inverter permette di rilevare i dati e verificarne il corretto
funzionamento. I principali valori verranno poi visualizzati ed utilizzati nei controlli.
È possibile collegare al sistema un massimo di 30 inverter ciascuno con un massimo
di 5 MPPT di ingresso (canali).
I costruttori ed i relativi modelli compatibili con il sistema sono riportati nel
documento “EM01_MAIS_002_Revxx - Lista inverter” scaricabile dal sito Dolphin
Energia.
Dopo aver collegato gli inverter al sistema consultare il capitolo 11.9 per inserirli nella
configurazione e rilevare i dati.
CABLAGGIO DELLA LINEA DATI INVERTER RS485
Utilizzare il seguente schema per il collegamento del connettore RJ45 presente sul
dispositivo Energy Monitor.
PIN
1
2
3
4
5
6
7
8
Segnale
RS485+
RS485GND
Libero
Libero
Libero
24 Vdc
0 Vdc
A
B
GND
24 Vdc
0 Vdc
14
!
Se l’inverter è provvisto di connettori RJ45 per realizzare la linea RS485,
non collegare i PIN7 e PIN8.
Il collegamento dei PIN 7 e 8 ad un inverter può danneggiare
irreparabilmente la scheda per il collegamento dati e rendere inutilizzabile
l’inverter.
Su questi PIN del sistema è presente una tensione a 24Vdc che può essere
utilizzata per alimentare dispositivi esterni come i misuratori di energia.
Portare questa tensione sulla porta di un inverter potrebbe danneggiare
sia il componente che lo stesso Energy Monitor.
PORTA INVERTER ENERGY MONITOR TOUCH
Collegare il connettore RJ45 nella porta INVERTER presente nella parte inferiore del
sistema di monitoraggio Energy Monitor Touch.
PORTA INVERTER ENERGY MONITOR EMBEDDED
Collegare il connettore RJ45 nella porta INVERTER presente nella parte inferiore del
sistema di monitoraggio Energy Monitor Embedded.
15
Al fine di evitare problemi di comunicazione realizzare tutti i collegamenti utilizzando
cavo schermato di ottima qualità con impedenza di 100-120Ω. La schermatura deve
essere collegata alla carcassa metallica del connettore RJ45.
16
4.
CONTATORI DI PRODUZIONE E DI SCAMBIO
La porta Contatori consente di collegare tramite linea RS-485: 5 contatori di
produzione, 1 misuratore di scambio bidirezionale e 3 contatori di misurazione libera.
Il collegamento diretto o il rilevamento tramite schede opzionali dei dati dai contatori
permette di concentrare all’interno del sistema anche queste importanti informazioni.
Rilevare le immissioni ed i prelievi permettono inoltre di creare un completo bilancio
energetico dell’impianto.
I costruttori ed i relativi modelli compatibili con il sistema sono riportati nel
documento “EM01_MAIS_006_Revxx - Lista contatori” scaricabile dal sito Dolphin
Energia.
Dopo aver collegato i dispositivi al sistema consultare il capitolo 11.17 per inserirli
nella configurazione e rilevare i dati.
Utilizzare lo schema seguente per il collegamento del connettore RJ45 fornito.
PIN
1
2
3
4
5
6
7
8
Segnale
RS485+
RS485GND
Libero
Libero
Libero
24 Vdc
0 Vdc
A
B
GND
24 Vdc
0 Vdc
17
!
Realizzare tutti i collegamenti utilizzando cavo schermato di ottima qualità al fine di
evitare problemi di comunicazione.
La schermatura deve essere collegata alla carcassa metallica del connettore RJ45.
Il collegamento dei PIN 7 e 8 ad un contatore fiscale o ad un prodotto non
compatibile con Energy Monitor può danneggiare irreparabilmente la
scheda per il collegamento dati e rendere inutilizzabile il dispositivo.
3.2. PORTA CONTATORI ENERGY MONITOR TOUCH
Collegare il connettore RJ45 nella porta CONTATORI presente nella parte inferiore del
sistema di monitoraggio Energy Monitor Touch.
3.3. PORTA CONTATORI ENERGY MONITOR EMBEDDED
Collegare il connettore RJ45 nella porta CONTATORI presente nella parte inferiore del
sistema di monitoraggio Energy Monitor Embedded.
18
5.
ESPANSIONI
Con il termine espansione si identificano i dispositivi di acquisizione a cui vengono
poi connessi sensori esterni non direttamente collegabili ad Energy Monitor (es.
ingressi digitali, ingressi analogici, uscite).
È possibile collegare al sistema un massimo di 600 componenti (somma degli ingressi
e delle uscite).
La comunicazione tra Energy Monitor e le espansioni prevede la realizzazione di una
semplice rete basata sul protocollo di comunicazione CANOpen.
I dispositivi vengono connessi ad Energy Monitor in cascata, utilizzando un cavo
speciale schermato con impedenza 120Ω (non effettuare connessioni “Y”).
Ciascuna espansione possiede un indirizzo che ne permette l’identificazione all’interno
della rete. Per il corretto funzionamento della rete è necessario che non vi siano due
o più dispositivi con il medesimo indirizzo.
Ogni espansione viene fornita con l’indirizzo di rete pre impostato a 1, qualora le
impostazioni di fabbrica non fossero coerenti con il tipo di impianto che si sta
realizzando è possibile cambiarlo modificando la configurazione dei DIP switch
presenti.
La velocità di comunicazione (baud rate) per questa linea dev’essere lasciata al valore
125kbps.
In seguito ad una modifica dei DIP switch è necessario riavviare il dispositivo
togliendo la fonte di alimentazione 24Vdc.
Nell’ultimo dispositivo della rete si deve abilitare o inserire una resistenza di
terminazione di valore 120Ω. Terminato il cablaggio è possibile verificare la resistenza
della linea spegnendo tutti i dispositivi e misurando con il tester gli Ω tra i segnali H
e L che dovranno corrispondere a circa 60 Ω.
19
PORTA ESPANSIONI ENERGY MONITOR TOUCH
Collegare il connettore multipolare nella porta ESPANSIONI presente nella parte
inferiore del sistema di monitoraggio Energy Monitor Touch.
Connettore espansioni
La tabella seguente riporta i collegamenti da eseguire lato Energy Monitor.
PIN
Connettore
Segnale
Colore con
cavo
CanOpen
Colore con
cavo Cat5
Sigla di
identificazione
Bianco
Blu
Nero
Rosso
Schermo
Bianco/marrone
Marrone
Bianco/arancio
Arancio
Schermo
24V
0V
Can L
Can H
SHL
*possono variare
L
N
1
2
PE
12..28 Vdc
0 Vdc
CAN Low
CAN High
Schermo
20
PORTA ESPANSIONI ENERGY MONITOR EMBEDDED
Collegare il cavo nei morsetti della porta ESPANSIONI presente all’interno del sistema
di monitoraggio Energy Monitor Embedded.
Morsetto 1
L
Bianco/arancio
Rosso
Morsetto
2
H
Morsetto 3
Morsetto 4
GND
+24V
Colori consigliati con cavo CAT5
Arancio
Bianco/verde Bianco/marrone
Colori consigliati con cavo CanOpen
Nero
Blu
Bianco
Morsetto
5
0V
Marrone
Morsetto
6
SHD
Schermo
Schermo
IMPOSTAZIONE COMUNICAZIONE ESPANSIONI 24 INGRESSI, 24
USCITE E 8 INGRESSI ANALOGICI
L’espansione 24 ingressi digitali (DOL-EM-ESP24DI), 8 ingressi analogici (DOL-EMESP8AI) e 24 uscite digitali (DOL-EM-ESP24DO) presentano sul fianco alcuni DIPSwitch che permettono di configurare la modalità di connessione.
Per queste espansioni il Boud Rate, il Type Connection e Address vengono da noi
configurati prima della spedizione; nel caso si debbano verificare o installare più
espansioni nello stesso impianto è necessario assegnare degli Address diversi e
possibilmente sequenziali (Espansione 1 = Address 1, Espansione 2 = Address 2,
ecc…).
Il boudrate dev’essere impostato su 250Kbps; il Type Comunication dev’essere
impostato su CANopen (entrambi gli switch su ON); l’indirizzo può essere configurato
in base alle necessità.
21
DIP-Switch presenti sul lato delle schede di espansione.
L’altra estremità del cavo, lato espansione, dovrà essere collegata alla
morsettiera della prima espansione rispettando le indicazioni riportate di seguito.
Morsetto
Segnale
24 V
0V
L
H
SHL
12..28 Vdc
0 Vdc
CAN Low
CAN High
Schermo
Colore con
cavo
CanOpen
Colore con
cavo Cat5
Sigla di
identificazione
Bianco
Blu
Nero
Rosso
Schermo
Bianco/marrone
Marrone
Bianco/arancio
Arancio
Schermo
24V
0V
L
H
SHL
*possono variare
Esempio di morsettiera presente in una espansione
22
Le morsettiere delle espansioni 24 ingressi digitali, 8 ingressi analogici e 24 uscite
digitali sono sdoppiate per agevolare il cablaggio in cascata nel caso siano presenti
più espansioni.
Per il corretto funzionamento della rete nell’ultimo dispositivo della catena deve
essere inserita la terminazione di linea, portando lo switch KEY su ON o inserendo
fisicamente una resistenza da 120Ω tra le linee CAN Low e CAN High.
Nei dispositivi intermedi la terminazione deve essere disabilitata o assente.
Per una maggiore facilità di cablaggio si consiglia, ove possibile, di collegare il
sensore di irraggiamento come ultima espansione della rete in modo da essere
agevolati nel cablaggio delle espansioni precedenti. Queste espansioni sono già
dotate di terminazione 120Ω attiva.
ESPANSIONI - SENSORE DI IRRAGGIAMENTO
5.4.1.
MODELLO INGENIEURBÜRO
Questo modello di sensore di irraggiamento dispone già al suo interno di
un’interfaccia di comunicazione CANOpen e può essere collegato direttamente ad
Energy Monitor, analogamente alle altre espansioni.
Il dispositivo viene fornito con 3 metri di cavo pre cablato e una scatola di giunzione
dove eseguire il cablaggio.
23
La tabella seguente riporta i collegamenti da realizzare.
Segnale
Cavo sensore
Cavo Energy Connettore
irraggiamento
Monitor
*possono variare
12..28 Vdc
0 Vdc
CAN Low
CAN High
Schermo
Rosso
Nero
Marrone
Arancio
Schermo
Bianco
Blu
Nero
Rosso
Schermo
L
N
1
2
PE
Il sensore viene fornito con una resistenza di terminazione collegata sui morsetti
della scatola di giunzione; nel caso il sensore non fosse l’ultimo della catena è
necessario rimuoverla.
!
5.4.2.
L’indirizzo del dispositivo viene configurato in fabbrica e non può essere modificato
dall’utente.
Nel caso sia necessario installare più sensori di irraggiamento, richiedere dispositivi
con indirizzo di rete diverso ( 71÷ 75 ).
MODELLO DOL-EM-ESP. IRR.+TEMP. DOLPHIN
Questo modello di sensore di irraggiamento dispone già al suo interno di
un’interfaccia di comunicazione CANOpen e può essere collegato direttamente ad
Energy Monitor, analogamente alle altre espansioni.
Vedere il documento di istruzioni EM01_MAIS_010_Revxx – Solarimetro disponibile
nell’area riservata di Dolphin Energia.
5.4.3.
MODELLO DOL-EM-ESP. IRR.+TEMP. DOLPHIN V02
Questo modello di sensore di irraggiamento dispone già al suo interno di
un’interfaccia di comunicazione CANOpen e può essere collegato direttamente ad
Energy Monitor, analogamente alle altre espansioni.
L’indirizzo di rete viene è preconfigurato e viene riportato nell’etichetta interna
(valore di default 71).
Vedere il documento di istruzioni EM01_MAIS_010_Revxx – Solarimetro disponibile
nell’area riservata di Dolphin Energia.
24
ESPANSIONI INGRESSI ED USCITE – COLLEGARE I SEGNALI,
SENSORI E DISPOSITIVI
5.5.1.
ESPANSIONE 24 INGRESSI DIGITALI
L’espansione permette di monitorare lo stato di 24 contatti puliti come:
contatti ausiliari dei magnetotermici, contatto ausiliari degli scaricatori, contatti di
segnalazione del dispositivo di interfaccia, ecc….
Collegare l’espansione come descritto nel seguente schema.
La tensione di uscita deve passare attraverso i contatti puliti da monitorare e
rientrare in un ingresso.
Visionare il capitolo 11.10 per la configurazione degli ingressi.
5.5.2.
ESPANSIONE 8 INGRESSI ANALOGICI
L’espansione permette di collegare dispositivi in campo con grandezza variabile
(corrente, tensione, temperatura, anemometro, ecc…) al fine di impostare delle soglie
di controllo o di utilizzare gli stessi nei controlli delle prestazione dell’impianto. I
sensori collegabili possono essere con uscita in tensione o in corrente; la tipologia di
sensore da collegare ad ogni ingresso dev’essere definito in fase di progettazione e
d’ordine.
Collegare l’espansione come descritto nel seguente schema elettrico e fare
riferimento al capitolo 11.13 per la configurazione degli ingressi.
25
I collegamenti elettrici dei sensori verranno definiti con il cliente durante la
fornitura.
5.5.3.
ESPANSIONE 24 USCITE DIGITALI
L’espansione permette di comandare dispositivi mediante logiche manuali ed
automatiche.
Le prime tre uscite sono dedicate alle logiche automatiche:
1. Allarme – si abilita quando il sistema è in allarme;
2. Immissione – si abilita quando la potenza elettrica immessa in rete è maggiore
del valore impostato nella configurazione;
3. Immissione e ritardo - si abilita quando la potenza elettrica immessa in rete è
maggiore del valore impostato nella configurazione. Sono inoltre previsti due
timer da utilizzare per il ritardo all’eccitazione ed alla diseccitazione.
Le uscite dalla 4 alla 10 sono al momento riservate a successive logiche.
Le uscite dalla 11 alla 24 sono disponibili per il pilotaggio manuale (ON / OFF).
26
Collegare l’espansione come descritto nel seguente schema elettrico e fare
riferimento al capitolo 0 per la configurazione delle uscite.
Utilizzare dei relè con bobina a 24Vdc per interfacciarsi con i dispositivi da pilotare
nell’impianto.
27
6.
STRING-BOX
Collegare le string-box al sistema permette di rilevare i dati di tensione del parallelo
e di corrente delle singole stringhe. Diversi controlli possono essere abilitati al fine di
effettuare i controlli sulle singole stringhe e rilevare eventuali guasti.
Si possono connettere un massimo di 100 string-box ciascuna con un massimo di 30
stringhe.
Per poter comunicare con le string-box compatibili è necessario installare un
convertitore ethernet / RS485 che consente di realizzare una linea dedicata di
comunicazione con le cassette di stringa ed Energy Monitor. Questa soluzione
permette di mantenere la compatibilità nel caso nell’impianto siano presenti
componenti ( principalmente inverter e string-box ) di diversi costruttori.
Per utilizzare questa espansione in una rete presistente è necessario impostare un
indirizzo IP compatibile. Questa configurazione può essere eseguita prima della
spedizione o direttamente dall’installatore mediante il software dedicato scaricabile
dall’area download del sito Dolphin Energia.
Collegare l’espansione come descritto nel manuale EM01_MAIS_009_Revxx - Lista
string box e fare riferimento al capitolo 13 per la configurazione dei controlli.
!
Scaricare e compilare il documento EM01_MAIS_006_Revxx - Configurazione di rete
per la programmazione della scheda prima della spedizione.
28
7.
GESTIONE UTENZE – CONSUMI ENERGETICI
Il sistema Touch ed il sistema Embedded permettono il rilevamento di 100 misuratori.
I misuratori possono essere: misuratori di energia, schede per il conteggio degli
impulsi, schede di ingressi analogici, schede di ingressi digitali, componenti su rete
dati RS485 vari.
Mediante i misuratori si possono ottenere diverse informazioni:
- I misuratori di energia possono monitorare ad esempio i consumi di un carico
o di una linea elettrica;
- Il conteggio degli impulsi può essere utilizzato ad esempio per il rilevamento
dei consumi di GAS o per conteggiare i pezzi prodotti da una macchina;
- Il rilevamento mediante ingressi analogici può essere utilizzato ad esempio per
rilevare una temperatura (ambiente o di processo) oppure la portata di m3 di
un liquido;
- Il rilevamento mediante ingressi digitali può essere utilizzato ad esempio per
conteggiare le ore di accensione di una macchina o di un suo ciclo di
produzione.
- Componenti su rete dati RS485 possono essere da noi implementati e messi a
disposizione dell’utente.
Per collegare i misuratori è necessario installare un Gateway Ethernet / RS485 che
consente di realizzare una linea dedicata di comunicazione tra i misuratori ed Energy
Monitor. Questa soluzione permette di raggiungere il luogo in cui saranno installati i
misuratori sfruttando la rete ethernet esistente evitando di fatto la stesura di nuove
linee elettriche.
Sono disponibili diversi misuratori che permettono di rilevare i singoli consumi tramite
diverse metodologie:
• Misurazione dei consumi elettrici - viene utilizzato un contatore di energia da
installare sulla linea elettrica da contabilizzare;
• Misurazione degli impulsi – viene utilizzato per monitorare i contatori che
dispongono di un uscita digitale ( contatore acqua, gas, ecc.. ). Con questa
espansione è possibile inoltre conteggiare le ore di funzionamento della linea /
macchina dal quale è possibile ricavare i pezzi prodotti / ora e pianificare
eventuali attività di manutenzione.
29
Esempio di connesisone.
Modem
Switch
Energy
Monitor
Gateway
Misuratore 1
Misuratore
100
Gateway
Misuratore
1
Misuratore
100
I valori ricavati dai misuratori vengono visualizzati nel sistema, registrati e spediti
alla piattaforma per l’analisi energetica Dolphin Insight.
30
8.
ETHERNET
La porta Ethernet consente di collegare Energy Monitor ad una rete privata e ad un
accesso Internet in modo da poter utilizzare i servizi necessari al corretto
funzionamento (E-mail, Energy Portal, sincronizzazione data e ora, connessione
remota, Monitor Lcd, sistemi di supervisione SCADA).
Se si inserisce il sistema in una rete esistente è necessario richiedere ed assegnare
al sistema un indirizzo IP fisso, la subnet mask, il Gateway ed il server DNS.
Ottenuti i dati è necessario configurare il sistema come descritto al capitolo 11.4.
Al fine di poter visualizzare il sistema di monitoraggio con PC o mobile è necessario
richiedere o configurare il Firewall aprendo e reindirizzando le porte TCP 51738 e
5900 verso l’IP assegnato al sistema.
Per poter beneficiare dei periodici aggiornamenti software rilasciati da Dolphin
Energia è necessario comunicare l’indirizzo IP pubblico dell’impianto all’indirizzo EMail [email protected] e richiedere o configurare il Firewall aprendo e
reindirizzando le porte TCP 1200 e TCP 21 verso l’IP assegnato al sistema (le porte
esterne possono essere cambiate previa comunicazione all’assistenza di Dolphin
Energia).
31
ENERGY MODEM
I modem UMTS da noi forniti sono configurati per la connessione al sistema e non
necessitano di programmazione. Per beneficiare dell’accesso remoto è indispensabile
richiedere al gestore di telefonia mobile una connessione con IP pubblico.
8.1.1.
MODEM DIGICOM AM11 e DIGICOM RTR
Inserire la SIM dati (non fornita) nello slot SIM Card a modem spento.
Collegare la porta LAN del modem ad Energy Monitor utilizzando un cavo ethernet e
l’alimentazione al connettore PWR.
L’indirizzo IP di default del modem è 192.168.0.99
Inserendo una SIM il modem si auto configurerà con i seguenti dati:
Operatore
APN
TIM
ibox.tim.it
Vodafone
web.omnitel.it
WIND
internet.wind
H3G
tre.it
H3G (dati)
datacard.tre.it
Verificare i dati del vostro contratto prima di inserire la SIM nel dispositivo.
32
La SIM dati deve essere inserita a modem spento.
!
Lo stato del modem può essere verificato da remoto attraverso l’invio di specifici
SMS.
Per richiedere la connessione del modem alla rete inviare un messaggio contenete
il testo 1111 connect al numero della SIM dati; Per richiedere lo stato e ricevere
l’indirizzo IP del modem inviare un messaggio con scritto 1111 status; il modem
invierà a sua volta un SMS di risposta contenente l’indirizzo IP e altre informazioni.
L’indirizzo IP ricevuto dal modem può essere utilizzato per il collegamento remoto
tramite i software opzionali Remote Client o VNC Viewer per mobile. L’indirizzo IP
non è fisso e va richiesto prima di ogni nuovo collegamento da remoto.
Se in seguito ad una richiesta di connessione non viene ricevuto alcun messaggio
di risposta entro alcuni minuti, ripetere l’operazione.
E’ possibile verificare lo stato del modem utilizzando la pagina web raggiungibile
mediante una connessione diretta ethernet o tramite l’indirizzo pubblico ricevuto
tramite SMS.
!
Dolphin Srl non si fa carico di costi aggiuntivi richiesti dal gestore.
33
COLLEGAMENTO TRAMITE PC
L’indirizzo IP di default del sistema Energy Montior è 192.168.0.40
Il sistema operativo di Energy Monitor permette la visualizzazione del display
direttamente su un computer con sistema operativo Windows Xp e successivi.
Questo tipo di servizio consente di visualizzare il sistema da qualsiasi accesso
interagendo in tempo reale con il proprio impianto.
Per effettuare questo collegamento è necessario scaricare dall’area riservata del sito
Dolphin Energia l’applicazione Remote Client. In alternativa è possibile utilizzare
anche
il
programma
RealVNC
scaricabile
dal
sito
del
costruttore
https://www.realvnc.com/.
Se Energy Monitor è stato connesso ad una rete esistente è possibile effettuare la
connessione da qualsiasi punto della stessa inserendo l’indirizzo IP assegnatoli, se
invece è collegato ad un modem è necessario collegarsi all’indirizzo IP pubblico o
direttamente dalla porta Ethernet del modem stesso.
Per maggiori dettagli in merito alla configurazione della scheda di rete del PC fare
riferimento alla guida del vostro sistema operativo.
Esempio connessione tramite Remote Client
34
8.2.1.
COLLEGAMENTO DIRETTO PUNTO-PUNTO
Il collegamento diretto alla porta ethernet di Energy Monitor dev’essere eseguito
mediante un cavo ethernet girato ( incrociato ). Le impostazioni della scheda di rete
del PC da cui si effettua il collegamento dev’essere impostato manualmente (IP
statico) con un indirizzo IP compatibile a quello del sistema ma con le ultime due cifre
diverse ( Esempio: IP Energy Monitor 192.168.0.40 – IP del PC 192.168.0.41 ).
Eseguire l’applicazione Remote Client o VNC dalla quale è possibile inserire l’indirizzo
IP di Energy Monitor e utilizzare il sistema come se si stesse agendo direttamente sul
display della versione Touch.
8.2.2.
COLLEGAMENTO LOCALE TRAMITE MODEM AM11
Il modem Digicom AM11 consente il collegamento di quattro dispositivi ethernet
creando di fatto una rete locale. Collegandosi con il PC si entra a far parte della rete
locale rendendo possibile l’accesso a tutti i dispositivi ad essa collegata. Nel modem
è presente un server DHCP che permette di assegnare automaticamente l’indirizzo IP
al PC con cui si sta effettuando la connessione. La scheda di rete LAN del PC
dev’essere impostata su “Ottieni automaticamente un indirizzo IP”.
Eseguire l’applicazione Remote Client dalla quale è possibile inserire l’indirizzo IP di
Energy Monitor ( default 192.168.0.40 ) e utilizzare il sistema come se si stesse
agendo direttamente sul display touch screen della versione Touch.
8.2.3.
COLLEGAMENTO REMOTO TRAMITE MODEM AM11
Il modem Digicom AM11 è stato configurato per accede al sistema tramite la rete
internet.
Questo tipo di connessione è principalmente concessa dagli operatori che concedono
l’indirizzo IP pubblico.
Come decritto nel capitolo 8.1.1 per conoscere l’indirizzo IP pubblico del Modem
Digicom AM11 è necessario inviare un SMS al numero della SIM inserita nel modem
dalla quale si riceverà in risposta l’indirizzo IP pubblico preso dal modem in quel
preciso momento.
Eseguire l’applicazione Remote Client o VNC ed inserire l’indirizzo IP pubblico del
modem ( Esempio 1.123.456.12 ); utilizzare il sistema come se si stesse agendo
direttamente sul display touch screen.
9.
PORTA USB
Attraverso la porta USB è possibile collegare una normale chiavetta USB per eseguire
funzioni di salvataggio e aggiornamento del sistema.
35
10. VISUALIZZAZIONE E NAVIGAZIONE NEL SISTEMA
Grazie alla pagina principale è possibile visualizzare in tempo reale lo stato
dell’impianto e configurare i parametri di controllo. All’accensione viene visualizzata
la pagina principale dalla quale è possibile navigare nei vari menù contestuali.
PAGINA PRINCIPALE
2
4
6
1
3
4
5
7
La pagina principale è suddivisa nelle seguenti sezioni:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
Nome impianto e versione software
Pulsanti di navigazione
Sezione dedicata alla produzione di energia
Sezione dedicata ai consumi energetici (assorbimento + autoconsumo)
Indicatore di autoconsumo o sovrapproduzione
Stato impianto / data e ora
Barra di stato connessioni ed accesso opzioni riservate
36
Nome impianto e versione software (1)
Questa sezione riporta la versione software
installata ed il nome impianto impostato nel
sistema. Per inserire il nome impianto seguire
le indicazioni descritte al capitolo 11.8.1
Pulsanti di navigazione (2)
Premendo sulle icone è possibile accedere alle pagine secondarie del sistema.
Sezione dedicata alla visualizzazione dei dati storici, del bilancio
energetico e dei grafici di produzione.
Sezione dedicata alla visualizzazione dei contatori connessi al
sistema.
*Sezione dedicata alla visualizzazione degli allarmi attivi e dello
storico.
Sezione dedicata alla visualizzazione dello stato e dei valori degli
inverter e dei relativi controlli impostati.
Sezione dedicata alla visualizzazione dello stato dei sensori preferiti
collegati al sistema.
Sezione dedicata alla visualizzazione dei valori relativi alle stringbox collegate.
Sezione dedicata alla visualizzazione dei valori relativi alla
misurazione dei consumi delle singole utenze.
37
Produzione (3)
Questa sezione contiene i dati relativi alla
produzione di energia come:
- la
potenza
istantanea
sviluppata
dall’impianto,
- il picco massimo raggiunto nell’arco della
giornata,
- il grafico giornaliero della potenza media
alla mezzora,
- la quantità di energia prodotta,
- il target di energia prodotta prevista
ricavata
dalla
relazione
tecnica
dell’impianto (vedi capitolo 11.8.2).
Consumo (4)
Questa sezione contiene i dati relativi ai
consumi di energia come:
- la potenza totale istantanea richiesta
dall’utenza,
- il picco massimo raggiunto nell’arco della
giornata,
- il grafico giornaliero della potenza media
alla mezzora,
- la quantità di energia consumata.
I consumi non riguardano solo l’assorbimento
dalla rete ma anche l’energia autoconsumata
dall’impianto fotovoltaico.
Consumo = Pprodotta + Passorbita - Pimmessa
38
Indicatore di autoconsumo / sovrapproduzione (5)
L’indicatore
riporta
l’informazione
della
sorgente di energia utilizzata. Se rivolto verso
sinistra (verde) indica la quantità di energia
prodotta che si sta immettendo in rete, se
rivolto verso destra (arancio) indica quanta
energia si sta assorbendo dalla rete.
Stato impianto / data e ora (6)
La sezione riporta la data e ora del
sistema (vedi capitolo 11.3 ).
FUNZIONAMENTO REGOLARE indica che
nel sistema non sono presenti allarmi
attivi.
AVVIO SISTEMA compare all’accensione
del sistema ed indica che si stanno
caricando le impostazioni.
ALLARMI ATTIVI indica che ci sono
allarmi attivi. Consusultare la pagina
Lista Allarmi per visualizzare gli allarmi
come descritto al capitolo 0.
*il sistema può essere forzato alla
visualizzazione FUNZIONAMETO REGOLARE
tramite l’impostazione Abilita visualizzazione
allarmi come descritto al capitolo 11.8.3.
L’impostazione non compromette la
generazione e l’invio degli allarmi.
39
Barra di stato delle comunicazioni (7)
Il pulsante permette di aprire la pagina
degli allarmi. Maggiori dettagli al
capitolo 10.1.3.
L’icona visualizza lo stato della porta
Contatori. I lampeggi verdi segnalano
che la comunicazione ha avuto estio
positivo; i lampeggi rossi segnalano
invece che la comunicazione non ha
avuto risposta o risposta errata.
L’icona visualizza lo stato della porta
Inverter. I lampeggi verdi segnalano
che la comunicazione ha avuto estio
positivo; i lampeggi rossi segnalano
invece che la comunicazione non ha
avuto risposta o risposta errata.
L’icona visualizza lo stato della porta
Espansioni. I lampeggi verdi segnalano
che la comunicazione ha avuto estio
positivo; i lampeggi rossi segnalano
invece che la comunicazione non ha
avuto risposta o risposta errata.
L’icona visualizza lo stato della porta
String-Box. I lampeggi verdi segnalano
che la comunicazione ha avuto estio
positivo; i lampeggi rossi segnalano
invece che la comunicazione non ha
avuto risposta o risposta errata.
L’icona visualizza lo stato della porta
Utenze. I lampeggi verdi segnalano che
la comunicazione ha avuto estio
positivo; i lampeggi rossi segnalano
invece che la comunicazione non ha
avuto risposta o risposta errata.
40
L’icona visualizza lo stato della porta
FTP.
L’icona visualizza lo stato della
funzione E-MAIL.
L’icona visualizza lo stato del
salvataggio dei dati.
Pulsante per entrare nella
configurazione dell’impianto.
Le icone visualizzate in verde indicano l’attivazione della risorsa, quelle in rosso la
presenza di una condizione di allarme mentre quelle grigie identificano che la risorsa
non è attiva o momentaneamente non in funzione.
41
10.1.1. DATI DI PRODUZIONE
In queste pagine è possibile visualizzare una panoramica generale dell’impianto.
Per accedere alle pagine con i dati di produzione premere
Dati di produzione sulla pagina principale.
Grazie a questa pagina è possibile
visualizzare i dati giornalieri, mensili,
annuali e totali dell’impianto.
Se non è previsto il trasferimento dei
dati al portale Web, questa pagina mette
a disposizione la funzione di copia dei
dati su chiavetta USB per l’analisi offline.
Questa pagina permette di valutare il
bilancio energetico del proprio impianto
mettendo
in
evidenza
l’utilizzo
dell’energia. Grazie a questi valori è
possibile per esempio valutare interventi
per aumentare l’autoconsumo.
Per riallineare il valore rilevato di
energia di Energy Monitor ed il valore
reale del contatore si può utilizzare la
funzione “Riallinea contatori” spiegata al
capitolo 11.17 Configurazione contatori.
La pagina permette di visualizzare il
grafico
giornaliero
di
produzione
dell’ultima settimana.
Utilizzare le frecce per selezionare il
giorno.
42
In questa pagina è possibile comparare
la produzione di due inverter a scelta.
Inserendo il numero dell’inverter e
confermandolo con l’apposita freccia,
verrà visualizzato il profilo di produzione
giornaliero.
Utilizzare le frecce per selezionare uno
dei sei giorni precedenti.
43
10.1.2. STATO CONTATORI
Il sistema di monitoraggio può rilevare i dati dai contatori di produzione e di scambio
installati sull’impianto fotovoltaico.
Sono gestiti un massimo di cinque contatori di produzione, un misuratori di scambio
(immissioni e prelievi) e tre misuratori liberi.
Scaricare dall’area riservata il documento EM01_MAIS_006_Revxx - Lista contatori
per verificare le modalità di comunicazione ed i dispositivi.
Per accedere alla pagina relativa ai contatori collegati
premere l’icona Stato contatori.
La pagina di ogni contatore visualizza i principali valori elettrici rilevati. Mediante i
pulsanti è possibile scorrere tra i contatori.
Per ogni fase (A, B e C) vengono
visualizzati i valori real time rilevati dal
misuratore collegato.
Potenza: potenza attiva totale rilevata
dal misuratore.
Frequenza: frequenza di rete rilevata
dal misuratore.
Energia Misurata: valore di energia
totale presente nel misuratore (valore
non condizionato dagli offset e
riallineamenti del sistema).
44
Energia Fascia 1, 2 e 3: valori di energia
suddivisi nelle tre fasce.
Energia
Totale:
energia
totale
compresa di offset e riallineamenti. Il
valore
dovrebbe
coincidere
con
l’energia totale prodotta dall’impianto
fotovoltaico.
Fasi B e C invertite: segnala che la
sequenza di fasi del misuratore non è
stata rispettata.
Lettura OK: segnala che il misuratore
sta comunicando con il sistema.
Fascia attuale: segnala l’attuale fascia
oraria del sistema.
Err. Ener. Prod.: visualizza l’errore
calcolato tra l’energia giornaliera
prodotta dagli inverter e l’energia
giornaliera misurata dal/dai contatori.
La % massima può essere impostata al
capitolo 11.8.1.
Per allineare i dati di produzione tra il sistema di monitoraggio ed i contatori è
possibile utilizzare la funzione Riallinea contatori come descritto al capitolo 0.
45
10.1.3. LISTA ALLARMI
Al verificarsi di un malfunzionamento o all’attivazione di un controllo il sistema genera
un nuovo allarme.
Per accedere alla pagina di gestione degli allarmi premere
l’icona Lista allarmi.
Per ogni allarme vengono memorizzati:
▪
▪
▪
Date ed ora in cui si è verificato ( colonna S (Stato) con valore 1 ).
Data ed ora di ripristino ( colonna S (Stato) con valore 0 ).
Data ed ora in cui è stato confermato ( colonna S (Stato) con valore X ).
46
Azioni disponibili:
Abilita/disabilita la visualizzazione dello storico.
Permette di visualizzare gli eventi associati a tutti gli allarmi
confermati e non ancora confermati.
Cancellazione dello storico.
Richiede l’immissione di una password.
Esportazione degli allarmi chiavetta USB.
Conferma la visione del singolo allarme.
Conferma la visione di tutti gli allarmi.
Ritorna alla pagina principale.
!
In presenza di un allarme, Energy Monitor visualizza lo stato
“Allarmi attivi” nella barra di stato nella pagina principale e provvede,
in base alla configurazione, a spedire le segnalazioni tramite E-Mail.
La maggior parte degli allarmi possono ripristinarsi autonomamente
nell’arco della giornata e quindi riportare lo stato del sistema a
“Funzionamento regolare“ senza aver eseguito nessuna operazione.
In ogni caso l’evento sarà inserito nella lista allarmi come sopra
descritto.
47
L’immagine seguente riporta un esempio della sequenza di stati relativa ad un singolo
allarme.
La prima riga riporta l’attivazione dell’allarme (stato 1).
Nella seconda compare il suo ripristino (stato 0).
Nella terza riga viene infine confermata la presa visione (stato X).
In questo modo è possibile analizzare il profilo temporale dell’evento.
48
10.1.4. STATO INVERTER
Il sistema di monitoraggio controlla l’impianto fotovoltaico prelevando i dati
direttamente dagli inverter mediante linea dati. Le informazioni ricavate ed i controlli
abilitabili vengono visualizzati nelle seguenti pagine.
Scaricare dall’area riservata il documento EM01_MAIS_002_Revxx - Lista inverter
per verificare la compatibilità ed il collegamento degli inverter al sistema di
monitoraggio. Qual ora non fosse presente nel documento contattare direttamente
Dolphin Energia.
Per accedere alla pagina relativa agli inverter collegati
premere l’icona Stato inverter.
La pagina visualizza lo stato dei singoli inverter installati. Premendo sui singoli
inverter è possibile visualizzare nel dettaglio i valori ed i controlli attivi su ciascuno.
Il numero identificativo corrisponde all’indirizzo di rete RS485 dell’inverter.
49
Ad ogni stato dell’inverter è associata un’icona differente:
Inverter OK, funzionamento regolare.
Inverter in fase di accensione / inizializzazione.
Inverter spento / non comunicante (possibili problemi di
comunicazione).
Inverter in allarme. Può essere causato da un’anomalia dell’inverter o
da uno dei controlli abilitati.
Inverter off-grid (disconnesso dalla rete).
Inverter in pre-allarme, in attesa che si verifichino le condizioni di
allarme impostate nella configurazione.
Premendo sull’icona di un inverter si accede alle pagine contenenti i dati di dettaglio.
Modello dell’inverter e stato generale di
funzionamento.
Valori di ingresso lato DC.
Valori di uscita lato AC.
Il valore di efficienza è il rapporto della
potenza tra ingresso ed uscita.
50
Premere Pagina successiva per accedere alle pagine dedicate ai
controlli.
Utilizzare queste frecce per visualizzare i dati dell’inverter precedente
o successivo senza dover tornale alla pagina Stato inverter principale.
I valori visualizzati su sfondo rosso identificano una condizione di allarme attiva.
I valori campi contenenti --- identificano che il controllo non è abilitato.
ALLARMI INVERTER
La sezione riporta le informazioni
trasmesse
dall’inverter
mediante
connessione dati.
Stato
inverter: riporta lo
stato
dell’inverter come precedentemente
descritto nel documento.
Errore inverter: visualizza il codice di
allarme generato dall’inverter.
Allarme attivo: segnala che attivo un
allarme sull’inverter.
Codice allarme: visualizza il codice di
allarme generato dall’inverter; se
l’allarme viene gestito tramite ingressi
digitali, in caso di allarme, viene
visualizzato il codice 65535.
Per maggiori dettagli sugli allarmi
inverter consultare i capitolo 14.1.1.
CONTROLLO ACCENSIONE
Visualizza lo stato del controllo di
accensione dell’inverter.
Per maggiori dettagli sugli allarmi
inverter consultare i capitolo 14.1.2.
51
CONTROLLO VAR. ENERGIA NEGATIVA
Visualizza lo stato del controllo di
variazione di energia negativa.
Per maggiori dettagli sugli allarmi
inverter consultare i capitolo 14.1.3
CONTROLLO SBILANCIAMENTO
Visualizza lo stato del controllo di
sbilanciamento dei canali di ingresso.
Per maggiori dettagli sugli allarmi
inverter consultare i capitolo 14.1.8
CONTROLLO EFFICIENZA
Visualizza lo stato del controllo di
efficienza inverter / globale.
Per maggiori dettagli sugli allarmi
inverter consultare i capitolo 14.1.5
Premere Pagina successiva per accedere alla lista allarmi dell’inverter.
CONRTOLLO EFFICIENZA CANALI
Visualizza lo stato ed il valore di
efficienza dei singoli canali di ingresso
dell’inverter.
Per maggiori dettagli sugli allarmi
inverter consultare i capitolo 14.1.4.
CONTROLLO CORRENTI DI STRINGA
Visualizza lo stato ed il valore di
sbilanciamento dei singoli sensori
associati
ai
canali
di
ingresso
dell’inverter.
Per maggiori dettagli sugli allarmi
inverter consultare i capitolo 14.1.6.
CONTROLLO TENSIONI DI STRINGA
Visualizza lo stato ed il valore di
tensione dei singoli canali di ingresso
dell’inverter.
Per maggiori dettagli sugli allarmi
inverter consultare i capitolo 14.1.7
52
ALLARMI INVERTER
Questa pagina riassume gli ultimi 20
codici di allarme trasmessi dall’inverter.
Consultare
il
documento
EM01_MAIS_002_Revxx - Lista inverter
per conoscere il significato dei codici
visualizzati.
Premendo Cancella lista è possibile
eliminare tutte le registrazioni presenti.
Per qualsiasi malfunzionamento segnalato dagli inverter fare sempre
riferimento ai manuale d’uso o contattare l’assistenza tecnica del
produttore.
!
Tutti gli interventi di manutenzione devono sempre essere effettuati
da personale qualificato.
Premere Lista inverter per ritornare alla lista di tutti gli inverter.
Premere Pagina principale per ritornare alla pagina principale.
10.1.5. STATO INGRESSI / USCITE
Il sistema di monitoraggio può ricavare informazioni dall’impianto mediante diverse
espansioni. Ingressi analogici, digitali, sensori di irraggiamento ed altre informazioni
possono rivelarsi, oltre che utili, indispensabili al corretto controllo dell’impianto.
Per accedere alla pagina e visualizzare i valori dei sensori
preferiti premere l’icona Stato sensori.
Nel caso il sistema di monitoraggio sia stato equipaggiato con espansioni è possibile
scegliere gli ingressi e le uscite da visualizzare in queste tre pagine. Si possono
inserire 10 sensori per pagina come descritto al capitolo 0.
53
La pagina visualizza il valore attuale
degli ingressi e permette di abilitare
manualmente un uscita.
Se i controlli dei sensori sono attivi ed
il valore oltrepassa le soglie impostate
lo sfondo dell’icona corrispondente
viene visualizzata in colore rosso.
Le logiche di allarme impostabili sui
singoli ingressi sono descritte al
capitolo 11.12.
Premere Pagina principale per ritornare alla pagina principale.
10.1.6. STRING - BOX
Le string-box sono, in alcuni casi, componenti fondamentali per la verifica del corretto
funzionamento dell’impianto fotovoltaico. Il collegamento in parallelo di molte
stringhe possono rendere difficile il rilevamento di un guasto totale o parziale di
ciascuna di esse. Collegando le string-box al sistema di monitoraggio è possibile
verificare il puntuale funzionamento di ogni stringa.
Per accedere alla pagina delle cassette di stringa premere
l’icona Stato string-box.
La pagina visualizza i valori di ogni string-box collegata al sistema e lo stato dei
controlli abilitati.
54
STATO STRING-BOX
Visualizza tutte le string-box collegate
al sistema; premendo sul pulsante
VISUALIZ. di ogni string-box è possibile
visualizzare il dettaglio delle correnti
per ogni stringa collegata.
Lo sfondo della colonna # è verde
quando la string-box comunica con il
sistema e rosso nel caso non vi sia
comunicazione.
I campi delle colonne TENS., SBIL.,
TEMP. e AL. COD. diventano a sfondo
rosso nella string-box vi siano controlli
in allarme.
Per maggiori dettagli sui controlli
abilitabili nelle string-box consultare il
capitolo 13.
Premendo il pulsante VISUAL. è
possibile visualizzare le singole correnti
della string-box scelta.
Utilizzare i pulsanti a freccia
scorrere l’elenco delle string-box.
per
Per visualizzare e configurare i controlli sulle string-box consultare il capitolo 13.
Utilizzare queste frecce per visualizzare i dati della string-box
precedente o successiva senza dover tornale alla pagina Stato stringbox principale.
55
Premere Pagina principale per ritornare alla pagina Stato string-box.
10.1.7. STATO UTENZE
Il sistema di monitoraggio permette, altre al controllo dell’impianto fotovoltaico, di
monitorare i consumi energetici dell’impianto in cui viene installato.
Per accedere alla pagina delle utenze premere l’icona Stato
utenze.
La pagina visualizza i valori di ogni misuratore collegato al sistema.
In fase di configurazione è possibile collegare un massimo di 100 misuratori dei
costruttori compatibili. Verificare la compatibilità ed il collegamento elettrico nel
documento EM01_MAIS_010_Revxx - Lista utenze disponibile nell’area riservata del
sito Dolphin Energia.
La pagina visualizza il valore in tempo
reale di tutte le utenze collegate al
sistema.
Lo sfondo della colonna # è verde
quando il misuratore comunica con il
sistema e rosso nel caso non vi sia
comunicazione.
Per visualizzare e configurare i misuratori consultare il capitolo 11.18.
10.1.8. MENU’ OPZIONI RISERVATE
Per accedere alle pagine con le opzioni riservate premere
Opzioni riservate sulla pagina principale.
56
Per accedere alle opzioni riservate è
necessario digitare la password.
Se non è stata modificata la password
di default è 123456.
Nel
caso
fosse
stata
cambiata
contattare il tecnico che ha eseguito la
configurazione del sistema o la nostra
assistenza tecnica.
Le Opzioni Riservate sono
all’aggiornamento del sistema.
!
dedicate
alla
configurazione,
al
collaudo
ed
Le opzioni riservate devono essere modificate da personale
qualificato. Impostazioni errate possono causare malfunzionamenti
nel controllo dell’impianto e compromettere la funzione di
monitoraggio.
57
11. CONFIGURAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO
In questo capitolo verranno analizzate in dettaglio tutte le funzioni configurabili
presenti in Energy Monitor.
!
Dolphin srl declina qualsiasi responsabilità nell’errata
configurazione dello strumento che potrebbe causare l’errata
dichiarazione dei valori alle agenzie preposte al controllo. Il
sistema, trattando dei dati particolarmente importanti,
presuppone un controllo periodico da parte del cliente che
dovrà verificare la corrispondenza tra il valore rilevato e quello
dichiarato dagli strumenti certificati.
Per una buona comprensione delle operazioni descritte è necessario possedere delle
nozioni di base e più precisamente:
Conoscenza delle reti ethernet;
Conoscenza delle reti RS485;
Concetti di base sul funzionamento dell’impianto, capacità di lettura degli
schemi elettrici e comprensione dei dati inclusi nella relazione tecnica
dell’impianto fotovoltaico;
Nozioni elettriche su ingressi digitali (NC ed NO) ed ingressi analogici (in tensione ed
in corrente).
▪
▪
▪
58
DATI NECESSARI ALLA CONFIGURAZIONE
Per completare la configurazione del sistema è necessario disporre delle seguenti
informazioni sull’impianto:
▪
▪
▪
▪
▪
▪
▪
▪
▪
▪
▪
Marca e modello degli inverter;
Potenza nominale dell’impianto;
Potenza dei moduli fotovoltaici collegati ad ogni inverter / ai singoli canali di
ingresso degli inverter;
Coefficiente termico dei moduli fotovoltaici (% sulla potenza);
Contributo per kWh prodotto (non fondamentale);
Declassamento annuo dell’impianto;
Ombreggiamenti anche parziali delle stringhe/canali inverter;
Data di allacciamento dell’impianto;
Produzione attesa nei vari mesi dell’anno;
Manuale di installazione, d’uso e programmazione degli inverter;
Tipo e disponibilità di interfacciamento elettrico con i contatori di energia.
Per accedere alle pagine di configurazione premere Opzioni riservate sulla pagina
principale ed inserire la password impostata (default 123456).
59
SEQUENZA DI CONFIGURAZIONE
In base alla nostra esperienza consigliamo di procedere all’inserimento dei parametri
seguendo il seguente ordine:
1. Verifica / impostazione della data e dell’ora;
2. Impostazione degli indirizzi di rete per l’accesso ad Internet;
3. Inserire i dati richiesti nel menù Parametri generici:
a. Parametri impianto fotovoltaico
b. Produzioni attese
c. Parametri di sistema;
4. Configurazione inverter:
a. inserire gli inverter collegati al sistema
b. verificare la comunicazione tra inverter e sistema di monitoraggio;
5. Configurazione espansioni:
a. inserire le espansioni collegate al sistema
b. verificare la comunicazione tra espansioni e sistema di monitoraggio;
6. Configurazione string-box:
7. inserire le string-box collegate al sistema
8. verificare la comunicazione tra string-box e sistema di monitoraggio;
9. Configurazione contatori:
a. inserire i contatori collegati al sistema
b. verificare la comunicazione tra contatori e sistema di monitoraggio;
10.
Configurazione utenze:
a. inserire le utenze collegate al sistema
b. verificare la comunicazione tra misuratori e sistema di monitoraggio;
11.
Configurazione datalogger;
12.
Configurazione modem:
a. Abilitare ed inserire l’indirizzo IP DNS
b. Abilitare ed inserire i dati per il trasferimenti dei dati di produzione alla
piattaforma web
c. Abilitare ed inserire i dati per l’invio delle E-Mail
d. Inserire, se necessario in più gruppi, gli indirizzi di posta a cui inviare le
E-Mail
e. Abilitare quale E-Mail inviare ad ogni gruppo.
Per verificare che tutti i componenti inseriti comunichino con il sistema è possibile
utilizzare il menù TEST → TEST COLLEGAMENTO ______. In ogni pagina di TEST
COLLEGAMENTO si può verificare che il contatore RX OK aumenti ad ogni TX.
È possibile utilizzare il TEST COLLEGAMENTO MODEM per forzare l’invio delle mail e
dei file al fine di verificare il collegamento ad Internet del sistema. Le E-Mail di TEST
vengono inviate solo ai destinatari del gruppo 4.
Terminate tutte le verifiche è possibile abilitare e configurare il data logger accedendo
al menù Configurazione Data logger.
60
REGOLAZIONE DATA E ORA
Il sistema, se connesso ad internet, è in grado di sincronizzare automaticamente la
data e l’ora. L’aggiornamento viene eseguito ad ogni accensione e ogni giorno alle
ore 4.00. E’ importante che la data e l’ora siano corrette prima di abilitare le funzioni
di data logging.
In caso di necessità è comunque possibile procedere alla regolazione manuale
premendo su Modifica Data/Ora.
Selezionare la data corrente e impostare l’ora utilizzando le frecce.
Premere OK per salvare le impostazioni e tornare alla configurazione.
61
IMPOSTAZIONE RETE ETHRNET
Per configurare la scheda di rete di Energy Monitor premere
su Impostazione IP, quindi premere due volte su ONBOARD1.
Configurazione per la connessione ad una rete pre esistente.
▪
Ottenere dall’amministratore di rete i seguenti valori:
o IP ADDRESS
o SUBNET MASK
o GATEWAY
o PRIMARY DNS
▪
▪
Nella finestra IP inserire: IP ADDRESS, SUBNET MASK e GATEWAY.
Nella finestra DNS inserire: PRIMARY DNS.
62
Se il modem utilizzato dispone del servizio DHCP è possibile spuntare
l’opzione “Obtain an IP address via DHCP” per fare in modo che Energy
Monitor ottenga automaticamente dal modem gli indirizzi necessari.
!
E’ indispensabile non utilizzare la funzione DHCP se si prevede l’acceso
remoto al sistema utilizzano Remote Client o Vnc Client, poiché
l’indirizzo IP del Energy Monitor può variare automaticamente e quindi
non essere raggiungibile dall’esterno.
Per raggiungere il sistema da remoto è necessario configurare il
modem come descritto nel documento EM01_MAIS_006_Revxx Configurazione di rete.
11.4.1. CONFIGURAZIONE ETHERNET DI DEFAULT
I parametri di default sono:
▪ IP ADDRESS
192.168.0.40
▪ SUBNET MASK
255.255.255.0
▪ GATEWAY
192.168.0.99
▪
PRIMARY DNS
192.168.0.99
Utilizzando il modem UMTS fornito dalla Dolphin il sistema è già configurato per la
connessione ad internet. Nel modem dev’essere inserita una SIM card abilitata con
contratto internet che abbia una buona copertura di segnale nel sito di installazione.
63
SALVA DATI RITENTIVI
Utilizzare questa
funzione prima
di eseguire
aggiornamenti software del sistema.
Premere su Salva dati ritentivi per evitare la perdita dei valori
storici ( “Dati di produzione“, produzione giornaliera inverter
ecc.. ). Al riavvio il sistema utilizzerà questo salvataggio per
ricalcolare i dati dell’impianto.
Questa procedura permetterà, al riavvio del sistema, di ricaricare gli ultimi valori
registrati e quindi di evitare principalmente la perdita dei valori visualizzati.
L’eventuale perdita di questi valori non compromette il funzionamento, ma azzera la
visualizzazione dei dati storici. Il collegamento con il portale garantirà comunque
l’archiviazione dei dati nel tempo.
SALVA CONFIGURAZIONE
Premere su Salva configurazione dopo ogni modifica eseguita
nel menù Opzioni Riservate. Se non viene salvata la
configurazione il riavvio del sistema causerà la perdita dei
parametri. Il salvataggio della configurazione comporta
l’invio automatico della stessa al portale web al fine di
mantenere coerenti le impostazioni tra l’impianto e il portale
web stesso.
UTILIZZO DEL TASTO MODIFICA
Nei vari menù della configurazione è presene il tasto per abilitare
la modifica dei valori.
E’ possibile visualizzare i valori impostati anche senza l’abilitazione
di questo tasto, abilitarlo quindi solo se si intende effettuare
modifiche o implementazioni.
Salvare sempre la configurazione per rendere permanenti le
modifiche eseguite.
64
PARAMETRI GENERICI
Per accedere alla pagina con i parametri generici
premere Parametri generici sulla pagina delle opzioni
riservate.
Accedere ai vari sotto menù per configurare i dati dell’impianto.
11.8.1. PARAMETRI IMPIANTO FV
65
Premere Modifica per abilitare la scrittura dei parametri.
Impostare i parametri come descritto:
▪
Nome impianto: impostare il nome dell’impianto;
▪
Potenza nominale impianto: impostare con precisione la potenza nominale
dell’impianto (somma della potenza dei moduli FV);
▪
Coefficiente termico pannelli: impostare il coefficiente di declassamento % sulla
potenza (vedere scheda tecnica pannelli fotovoltaici). Questa informazione
verrà utilizzata per calcolare il derating termico nelle performance
dell’impianto.
▪
Energia iniziale inverter: impostare la correzione sull’energia prodotta nei
seguenti casi:
o installazione di inverter usati e quindi con energia iniziale diversa
da zero;
o sostituzione di inverter guasti e quindi perdita dell’energia
accumulata dagli inverter rimpiazzati;
▪
Rendita economica media: impostare il contributo conto energia assegnato
all’impianto.
66
▪
Declassamento annuo impianto: impostare il valore di declassamento annuo
previsto dal contratto. Questo valore permetterà ai diversi controlli di adattare
le soglie di allarme in base agli anni di attività dell’impianto. Lasciando a zero
questo valore sarà necessario, con il passare del tempo, calcolare manualmente
il valore minimo richiesto dal controllo di efficienza. Questo valore è
particolarmente importante in quanto viene utilizzato anche dal portale web
per eseguire controlli di produzione.
▪
Data installazione impianto: inserire la data di allacciamento dell’impianto.
Questo dato permette ad Energy Monitor di calcolare il declassamento totale
ed adattare automaticamente il calcolo della produzione attesa e quindi il
controllo dell’efficienza. Questo valore è particolarmente importante in quanto
viene utilizzato anche dal portale web per eseguire controlli di produzione.
▪
Sorgente valore energia prodotta: permette di impostare quale sorgente di
energia visualizzare nella pagina principale. E’ possibile scegliere come
sorgente l’energia degli Inverter o i Contatori.
▪
Differenza massima letture energia prodotta: inserire il valore percentuale
massimo che si vuole tollerare tra la misurazione dell’energia giornaliera degli
inverter e la misurazione dell’energia giornaliera misurata dai contatori.
Questa funzione permette di inviare una segnalazione d’allarme al fine di
evitare false letture dell’energia dai contatori che causerebbe una discrepanza
tra il contatore stesso ed Energy Monitor. Per impianti con trasformatore di
isolamento è necessario tenere conto delle perdite dello stesso. Per ricevere
la segnalazione tramite E-mail è necessario abilitarne l’invio come descritto al
capitolo 0 Configurazione Modem.
▪
Consumo massimo: inserire il valore di potenza massima di assorbimento
dalla rete. Questo valore sarà il fondo scala della lancetta della potenza dei
consumi nella pagina principale.
67
11.8.2. PRODUZIONI ATTESE
Premere Modifica per abilitare la scrittura dei parametri.
Impostare i parametri come descritto:
▪
Inserire il valore dell’energia attesa (kWh) per ogni mese dell’anno. Questo
valore verrà diviso per il numero dei giorni del mese e declassato in base al
parametro “Declassamento annuo impianto”. Il valore ricavato viene utilizzato
dal sistema come fondo scala della produzione giornaliera e dal portale web per
eseguire altri controlli di produzione.
68
11.8.3. PARAMETRI DI SISTEMA
Impostare i parametri come descritto:
▪
Password: impostare la password per l’accesso alla configurazione;
▪
Abilita visualizzazione allarmi, questa funzione può essere utilizzata nel caso il
display venga installato in un area pubblica dove non si vuole evidenziare
eventuali problemi dell’impianto. Anche se non visualizzati, tutti gli allarmi
verranno segnalati normalmente tramite E-Mail.
69
Selezionare:
o Disabilita: gli allarmi non vengono visualizzati sulla pagina
principale del display e l’accesso alla pagina “Lista allarmi” è
protetta da password
o Abilita: gli allarmi vengono visualizzati sul display e la pagina
“Lista allarmi” è sempre accessibile;
▪
Coefficiente calcolo CO2: inserire il valore per il calcolo delle emissioni;
▪
Inverter-Baud rate \ Stop bit \ Parità: impostare i parametri di comunicazione
in base al tipo inverter installato. Verificare questi parametri nel documento
EM01_MAIS_002_Revxx - Lista inverter; per avere effetto, dopo aver
configurato i valori, è necessario salvare la configurazione e riavviare il sistema
togliendo e ripristinando l’alimentazione;
▪
Contatori-Baud rate \ Stop bit \ Parità: impostare i parametri di
comunicazione in base al tipo misuratore installato. Verificare questi
parametri nel documento EM01_MAIS_006_Revxx - Lista contatori; per avere
effetto, dopo aver configurato i valori, è necessario salvare la configurazione
e riavviare il sistema togliendo e ripristinando l’alimentazione;
▪
Connessioni lente – inverter / contatori: abilitare la funzione se è necessario
aumentare il tempo di accettazione della risposta dei componenti collegati. Ad
esempio, se si installano moduli radio per la comunicazione con gli inverter o i
contatori, si deve tollerare un maggior ritardo nelle risposte dei dati;
▪
String-Box converter xx…xx: impostare l’indirizzo IP della espansione per la
comunicazione con le cassette di stringa. Essendo questa espansione un
convertitore Ethernet/RS485, potrebbe essere utile sfruttare una rete già
esistente per raggiungere le string-box delle diverse falde dell’impianto.
Possono essere installate quindi un massimo di cinque convertitori che
verranno collegati alle relative string-box con l’indirizzo di rete indicato nel
range (00..20-21..40-41..60-61..80-81..100). Se si utilizza una sola
espansione è sufficiente impostare lo stesso indirizzo IP in tutti i cinque campi.
L’espansione viene configurata di default con l’indirizzo 192.168.0.50 e può
essere modificata direttamente dal cliente. Fare riferimento al documento
EM01_MAIS_009_Revxx - Lista string box;
▪
Sensore configurabile A / B / C / U.M.: in caso si voglia collegare un sensore
non compatibile con il sistema è possibile ricavare la costante di conversione
tra l’uscita elettrica del sensore e il suo reale valore da visualizzare inserendo
i dati nella formula (ValoreIngresso * A + B) * C. Nel campo U.M. inserire
l’unità di misura;
▪
Sottorete inverter “xxx.xxx.xxx / Porta: impostare la sottorete su cui sono
installati gli inverter e la porta con cui si andrà a comunicare;
70
▪
Indirizzo inverter xx / xx / xx / xx / xx: impostare le ultime tre cifre
dell’indirizzo IP assegnato all’inverter.
11.8.4. GESTIONE LICENZE
Alcune funzioni del sistema sono opzionali e protette da chiave di licenza. Per ricevere
il codice è necessario fare richiesta all’assistenza tecnica.
▪
Inserire il codice della licenza nel capo “valore”. Se il codice è stato inserito
correttamente, dopo aver sbloccato il pulsante modifica, lo sfondo della
licenza inserita diventerà verde e le sue funzioni verranno sbloccate.
71
11.8.5. IN/OUT PREFERITI
Inserendo il Tipo, il numero di ingresso ed una descrizione è possibile visualizzare il
componente nella pagina Stato Sensori diventando in questo modo rapidamente
accessibile dalla pagina principale.
Per ogni In/Out è possibile inserire un testo libero che viene riportato nella pagina
Stato sensori e può contenere la descrizione del sensore.
Per conoscere il numero di ingresso consultare il paragrafo 11.11.1 Numerazione
ingressi.
Impostare i parametri come descritto:
▪
Impostare il tipo di componente, premendo sul pulsante è possibile scegliere
tra Ingresso ed uscita;
▪
Impostare il numero di In/Out, premendo i campi della colonna INGRESSO
compare il tastierino per l’inserimento del valore;
▪
Impostare il testo libero, premendo i campi della colonna VALORE compare il
tastierino per l’inserimento del testo descrittivo;
Premere Menu opzioni per uscire e proseguire con la configurazione.
72
CONFIGURAZIONE INVERTER
Per accedere alla pagina di configurazione degli inverter
premere Configurazione inverter sulla pagina delle
opzioni riservate.
Evitare l’utilizzo di marche di inverter differenti nello stesso
impianto, poiché normalmente sussistono problemi di
incompatibilità tra i protocolli utilizzati dai diversi costruttori.
!
Nel caso fosse necessario verificare con il nostro servizio
tecnico la possibile compatibilità.
Prima di procedere con la configurazione, collegare e configurare gli
indirizzi
degli
inverter
come
descritto
nel
documentoEM01_MAIS_002_Revxx - Lista inverter.
Premere Modifica per abilitare la scrittura dei parametri.
73
Impostare i parametri come descritto:
▪
Campo #: indica l’indirizzo di sistema a cui verrà associato l’inverter. Il numero
corrisponde inoltre all’indirizzo RS485 impostato nell’inverter. Questo numero
viene utilizzato per identificare in modo univoco l’inverter nel sistema;
▪
Campo CODICE: inserendo il codice dell’inverter (vedi documento
EM01_MAIS_002_Revxx - Lista inverter), il componente viene aggiunto al
sistema;
▪
Campo DESCRIZIONE: inserire un testo per descrivere ciascun inverter (per
esempio: Inverter falda Sud o semplicemente il numero dell’inverter utilizzato
nello schema elettrico). Questo testo verrà utilizzato nelle segnalazioni di
allarme e nel portale web Energy Portal per identificare con maggiore precisione
il dispositivo.
11.9.1. CONFIGURAZIONE CONTROLLI AGLI INVERTER
Premendo il pulsante CONF. è possibile configurare i controlli da effettuare ad ogni
inverter. La spiegazione dei controlli viene trattata al capitolo 12 Controlli inverter.
Premere Menu opzioni per uscire e proseguire con la configurazione.
74
11.9.2. SOSTITUZIONE INVERTER
Il sistema richiede e salva il valore di energia totale di ogni inverter. Essendo l’energia
un dato incrementale, non viene tollerata la ricezione di un valore inferiore e nel caso
si verifichi questa condizione viene segnalata con l’allarme “Variazione energia
negativa”.
Questo allarme viene attivato anche nel caso si modifichi l’indirizzo di rete RS485
degli inverter dopo essere già stati rilevati dal sistema.
Nel caso che si debba cambiare l’indirizzo di rete o sostituire un inverter con uno
nuovo o con energia inferiore al precedente è necessario rimuovere dalla
configurazione l’inverter e reinserirlo seguendo la seguente procedura:
1. prendersi nota del valore di energia fin ora prodotta dall’inverter
visualizzandolo sullo stesso o mediante la pagina stato inverter nel campo
Energia Totale ( vedi capitolo 10.1.4 Pagina stato inverter );
2. impostare nell’inverter lo stesso indirizzo di rete RS485 del precedente come
descritto nel documento EM01_MAIS_002_Revxx - Lista inverter –
Programmazione dell’inverter;
3. dal menù Opzioni riservate -> Configurazione inverter -> premere modifica,
inserire il codice 0 nella riga dell’inverter da sostituire e ritornare alle opzioni
riservate tramite il pulsante Menù opzioni;
4. rientrare menù Configurazione inverter, premere modifica ed inserire il codice
del modello inverter ( vedi documento Lista Inverter ) nella riga dell’inverter
da aggiungere/sostituire;
5. andare alla pagina Opzioni Riservate → Parametri generici → Parametri
impianto FV, premere modifica ed inserire nel parametro Energia iniziale
inverter il valore di energia (in Mwh) prodotto dall’inverter sostituito;
6. ritornare alla pagina Opzioni Riservate e premere il pulsante Salva
Configurazione.
75
CONFIGURAZIONE ESPANSIONI
Per accedere alla pagina di configurazione delle
espansioni premere Configurazione espansioni sulla
pagina delle opzioni riservate.
Ogni espansione viene fornita con l’indirizzo di rete già configurato.
Per modificare l’indirizzo consultare il capitolo 0 Espansioni.
!
L’indirizzo dei sensori di irraggiamento modello SS-RAD-CANOPEN-T
o DOL-EM-ESP. DOLPHIN IRR+TEMP è fissato ad un valore compreso
tra 71 e 75 e non può essere modificato. Per esigenze particolari
contattare il nostro servizio di assistenza tecnica.
Premere Modifica per abilitare la scrittura dei parametri.
Impostare i parametri come descritto:
▪
Campo #: indica l’indirizzo di rete configurato sull’espansione. Questo numero
viene utilizzato anche per identificare in maniera univoca ciascuna espansione
in tutte le successive configurazioni e segnalazioni da parte di Energy Monitor.
76
▪
Campo TIPO: premere i pulsanti della colonna per scorrere la lista dei tipi fino
a selezionare quello desiderato.
▪
Campo DESCRIZIONE: inserire un testo per descrivere ciascuna espansione (
esempio: ingressi digitali, sensori di corrente sotto campo 1, ecc.. ).
▪
Pulsante CONFIGURA: premere il pulsante per configurare nel dettaglio
ciascuna espansione. Vedi paragrafi seguenti.
I sensori di irraggiamento possono essere impostati solamente dall’indirizzo # 71 ÷
75.
La scheda di uscite digitali può essere impostata esclusivamente all’indirizzo # 70.
77
NUMERAZIONE SENSORI
11.11.1.
NUMERAZIONE INGRESSI
Il sistema effettua una numerazione dinamica e progressiva di ogni ingresso presente
nelle schede inserite.
Terminato l’inserimento delle espansioni viene assegnato il numero di ingresso in
base all’ordine sequenziale delle schede ed al numero di ingressi presenti in ognuna.
Ad ogni ingresso può essere associata una descrizione che verrà riportata nei
messaggi di allarme.
ESEMPIO
Sistema con 3 espansioni:
#1 – 24 INGRESSI DIGITALI (24 ingressi)
#2 – 8 INGRESSI ANALOGIC (8 ingressi)I
#3 – SENSORE SS-RAD-CANOPEN-T (2 ingressi)
Il numero degli ingressi sarà:
Scheda #1 – ingresso da 1 a 24
Scheda #2 – ingresso da 25 a 32
Scheda #3 – ingresso da 33 a 34
Inserendo una nuova espansione tra due o più espansioni già esistenti
si provoca il ricalcolo dei numeri di ingresso e quindi sarà necessario
rivedere alcuni parametri configurati in precedenza o nei controlli
inverter.
!
11.11.2.
NUMERAZIONE USCITE
Il sistema può
Le uscite dalla
Le uscite dalla
Le uscite dalla
ospitare solo una scheda di 24 uscite inseribile all’indirizzo # 70.
1 alla 3 hanno funzioni specifiche definite dal sistema.
4 alla 10 sono riservate a successive funzioni logiche.
11 alla 24 sono disponibili per il pilotaggio manuale (ON / OFF).
78
CONFIGURAZIONE ESPANSIONE 24 INGRESSI DIGITALI
Premendo CONFIGURA in corrispondenza di un espansione tipo 24 INGRESSI
DIGITALI, viene visualizzata la lista degli ingressi digitali disponibili.
Il campo # indica il numero dell’ingresso relativo all’espansione, mentre NR. IN il
numero univoco dell’ingresso riferito nel sistema.
Premere il pulsante IMPOSTAZIONI per accedere alla pagina di configurazione dei
controlli di ciascun ingresso.
79
Impostare i parametri come descritto:
▪
DESCRIZIONE: inserire la descrizione del componente collegato, questo testo
verrà inserito nella E-mail di allarme per meglio identificare il guasto.
▪
ABILITAZIONE: abilitare i controlli di soglia desiderati,
o MIN: abilita il controllo di soglia minimo sul valore dell’ingresso;
o MAX: abilita il controllo di soglia massimo sul valore dell’ingresso.
▪
VALORE: impostare il valore soglia, nel caso di ingressi digitali sarà 0 o 1.
▪
RITARDO: impostare la durata minima di permanenza oltre le soglie impostate
prima che Energy Monitor generi un allarme.
▪
PERIODO: impostare la fascia oraria in cui effettuare il controllo, per renderlo
permanente impostare i seguenti valori 00:00 – 23:59.
▪
DESTINATARI: selezionare i gruppi di destinatari cui inviare le e-mail di
allarme.
▪
FREQUENZA: impostare la frequenza di invio della segnalazione nel caso
l’allarme si ripresenti più volte dopo il ripristino (CONTINUA, GIORNALIERA e
SETTIMANALE).
80
ESEMPIO
Si vuole controllare lo stato di un interruttore automatico utilizzando
un contatto ausiliario normalmente chiuso; in caso di intervento
dell’interruttore il contatto risulterà aperto.
Il sistema prevede l’installazione di due espansioni digitali da 24
ingressi; il contatto risulta collegato all’ingresso 5 della seconda
espansione digitale (indice univoco ingresso = 24 + 5 = 29).
Configurare il controllo in questo modo:
▪ Abilitare il controllo di livello minimo (MIN);
▪ Impostare il valore della soglia ad 1;
▪ Inserire un ritardo di 1 min. per filtrare eventuali brevi
interventi;
▪ Impostare il periodo a 00:00 – 23:59 per rendere il controllo
permanente;
▪ Selezionare il gruppo di destinatari 1 per l’invio delle
segnalazioni;
▪ Selezionare la frequenza “continua” per fare in modo che venga
segnalato ogni nuovo intervento.
In base alla configurazione effettuata il sistema di monitoraggio
controllerà che il valore dell’ingresso risulti essere sempre alto (valore
digitale 1).
In caso di intervento dell’interruttore il valore dell’ingresso diverrà
basso (valore digitale 0).
Se la condizione permane per almeno 1 minuto verrà inviata a tutti i
membri del gruppo 1 la segnalazione di allarme.
Dopo il ripristino dell’interruttore e nel caso ci sia un nuovo intervento,
verrà inviata una nuova segnalazione di allarme indipendentemente
dal tempo trascorso dalla precedente segnalazione.
Per controllare un ingresso in modo meno frequente, impostare la
frequenza sui valori “giornaliera” o “settimanale”, così da ricevere al
massimo una segnalazione al giorno o alla settimana.
Il messaggio di allarme inviato ha il seguente formato:
IMP. XXXXXXX - ALLARME SENSORE 29 [Descrizione] (LIMITE
MINIMO)
Premere Config. espansioni per ritornare alla pagina precedente.
81
CONFIGURAZIONE ESPANSIONE 8 INGRESSI ANALOGICI
Premendo CONFIGURA in corrispondenza di un espansione tipo 8 INGRESSI
ANALOGICI, viene visualizzata la lista degli ingressi analogici disponibili.
Il campo # indica il numero dell’ingresso relativo alla espansione, mentre NR. IN il
numero assoluto dell’ingresso riferito al sistema.
Premere sul pulsante TIPO di ogni ingresso per selezionare il tipo di sensore collegato:
▪
CORRENTE 10A: permettere di misurare la corrente transitante in un cavo con
un massimo di 10A (Espansione correnti di stringa);
▪
CORRENTE 40A: permettere di misurare la corrente transitante in un cavo con
un massimo di 40A (Espansione correnti di stringa);
▪
CORRENTE 100A: permettere di misurare la corrente transitante in un cavo con
un massimo di 100A (Espansione correnti di stringa);
▪
TENSIONE: permette di misurare la tensione continua con un massimo di
1.000Vcd (Espansione tensione di stringa);
▪
SOLARIMETRO: permette di misurare l’irraggiamento con il sensore mod. SSRAD-420-TC-T (Espansione sensore di irraggiamento 4..20mA);
▪
TERMOMETRO: permette di misurare la temperatura ambiente o la temperatura
dei moduli fotovoltaici (Espansione temperatura ambiente / espansione
temperatura moduli).
82
▪
ANEMOMETRO: permette di misurare la velocità del vento (Espansione
anemometro).
▪
CELLA DI CARICO: permette misurare le sollecitazioni meccaniche cui è
sottoposta una struttura (Espansione cella di carico).
▪
TERM. SS-RAD-420-TC-T: permette di misurare la temperatura stimata dei
pannelli fotovoltaici direttamente dal sensore di irraggiamento (Espansione
sensore di irraggiamento 4..20mA).
▪
SENS. CONFIGURABILE: permette di leggere un sensore non fornito dalla
Dolphin (valore di conversione al capitolo 11.8.3).
L’abbinamento dei sensori ai controlli di produzione dell’impianto
(Corrente, solarimetro, tensione e TERM. SS-RAD-420-TC-T) va
effettuato al capitolo 12 Controlli inverter.
Premere il pulsante IMPOSTAZIONI per accedere alla pagina di configurazione dei
controlli di ciascun ingresso.
Impostare i parametri come descritto:
83
▪
DESCRIZIONE: inserire la descrizione del componente collegato, questo testo
verrà inserito nella E-mail di allarme per meglio identificare il guasto.
▪
ABILITAZIONE: abilitare i controlli di soglia desiderati,
o MIN: abilita il controllo di soglia minimo sul valore dell’ingresso;
o MAX: abilita il controllo di soglia massimo sul valore dell’ingresso.
▪
VALORE: impostare il valore soglia, nel caso di ingressi analogici potrà essere
un numero variabile.
▪
RITARDO: impostare la durata minima di permanenza oltre le soglie impostate
prima che Energy Monitor generi un allarme.
▪
PERIODO: impostare la fascia oraria in cui effettuare il controllo, per renderlo
permanente impostare i seguenti valori 00:00 – 23:59.
▪
DESTINATARI: selezionare i gruppi di destinatari cui inviare le e-mail di
allarme.
▪
FREQUENZA: impostare la frequenza di invio della segnalazione nel caso
l’allarme si ripresenti più volte dopo il ripristino (CONTINUA, GIORNALIERA e
SETTIMANALE).
84
ESEMPIO
Si vuole controllare che la velocità del vento non superi il valore di
20m/s:
Il sistema prevede un’espansione digitale a 24 ingressi ed
un’analogica ad 8 ingressi; l’anemometro risulta collegato all’ingresso
2 della seconda espansione (indice univoco ingresso = 24 + 2 = 26).
Configurare il controllo in questo modo:
▪ Abilitare il controllo di livello massimo (MAX).
▪ Impostare il valore della soglia ad 20.
▪ Inserire un ritardo di 1 min. per filtrare eventuali raffiche di
vento.
▪ Impostare il periodo a 00:00 – 23:59 per rendere il controllo
permanente.
▪ Selezionare il gruppo di destinatari 1 per l’invio delle
segnalazioni
▪ Selezionare la frequenza “continua” per fare in modo che venga
segnalato ogni nuovo intervento.
In base alla configurazione effettuata il sistema controllerà che la
velocità del vento risulti inferiore a 20 m/s.
Nel caso la velocità rimanga per oltre 1 minuto al di sopra della soglia
impostata verrà inviata a tutti i membri del gruppo 1 la segnalazione
di allarme.
Dopo il rientro nei limiti previsti se la velocità supererà nuovamente i
20 m/s per almeno 1 minuto , verrà inviata una nuova segnalazione
di allarme, indipendentemente dal tempo trascorso dalla precedente
segnalazione.
Per controllare un ingresso in modo meno frequente, impostare la
frequenza sui valori “giornaliera” o “settimanale”, così da ricevere al
massimo una segnalazione al giorno o alla settimana.
Il messaggio di allarme inviato ha il seguente formato:
IMP. XXXXXXX - ALLARME SENSORE 26 [Descrizione] (LIMITE
MASSIMO)
Premere Config. espansioni per ritornare alla pagina precedente.
85
CONFIGURAZIONE ESPANSIONE 24 USCITE DIGITALI
Inserire la scheda 24 uscite nell’indirizzo # 70 della configurazione espansioni.
Premendo sul pulsante CONFIG. è possibile entrare nella configurazione delle funzioni
logiche disponibili.
U02 è una funzione logica che permette di attivare l’uscita NR. 2 al superamento di
una soglia di potenza immessa. Impostare la potenza di accensione sopra la quale
avverrà l’attivazione dell’uscita e la soglia di spegnimento sotto la quale avverrà la
disattivazione dell’uscita.
86
U03 è una funzione logica che permette di attivare l’uscita NR. 3 al superamento di
una soglia di potenza immessa dopo il tempo impostato. Impostare la potenza di
accensione sopra la quale avverrà l’attivazione dell’uscita e la soglia di spegnimento
sotto la quale avverrà la disattivazione dell’uscita.
È possibile inoltre, mediante il parametro ritardo accensione ed il parametro ritardo
spegnimento, impostare i ritardi all’eccitazione ed alla diseccitazione.
SENSORE DI IRRAGGIAMENTO
Ai sensori di irraggiamento sono riservate le posizioni # 71, 72, 73, 74, 75.
Premere sul pulsante TIPO dell’espansione desiderata per selezionare il modello di
sensore.
I sensori di irraggiamento equivalgono ad un’espansione a 2 ingressi analogici fissi,
uno dedicato all’irraggiamento e l’altro alla temperatura.
Premere il pulsante IMPOSTAZIONI per accedere alla pagina di configurazione dei
controlli di ciascun ingresso. Per maggiori dettagli fare riferimento al paragrafo
11.13 CONFIGURAZIONE ESPANSIONE 8 INGRESSI ANALOGICI.
L’abbinamento dei sensori ai controlli di produzione dell’impianto
(Corrente, solarimetro, tensione e TERM. SS-RAD-420-TC-T) vanno
effettuate al capitolo 12 Controlli inverter.
87
CONFIGURAZIONE STRING BOX
Per accedere alla pagina di configurazione delle string box
premere Configurazione string box sulla pagina delle
opzioni riservate.
Evitare l’utilizzo di marche di string box differenti nello stesso
impianto, poiché normalmente sussistono problemi di
incompatibilità tra i protocolli utilizzati dai diversi costruttori.
In caso di necessità verificare con il nostro servizio tecnico la
possibile compatibilità.
!
Prima di procedere con la configurazione, collegare e configurare gli
indirizzi delle string box come descritto nell’allegato Lista string box.
Premere Modifica per abilitare la scrittura dei parametri.
88
Impostare i parametri come descritto:
▪
Campo #: indica l’indirizzo impostato nella cassetta di stringa per comunicare
sulla rete RS-485. Questo numero viene utilizzato anche per identificare in
maniera univoca ciascuna string box in tutte le successive configurazioni e
segnalazioni da parte di Energy Monitor.
▪
Campo CODICE: selezionare le marche ed i modelli digitando i codici numerici
corrispondenti (vedi documento “Lista string box”).
▪
Campo DESCRIZIONE: inserire un testo per descrivere ciascuna string box (per
esempio: String box Inverter 1). Questo testo verrà utilizzato nelle segnalazioni
per identificare con maggiore precisione il dispositivo.
▪
Pulsante CONF.: premere il pulsante per accedere alla configurazione dei
controlli di ciascuna string box. La spiegazione dei controlli viene trattata al
capitolo 13 Controlli String-box.
Premere Menu opzioni per uscire e proseguire con la configurazione.
89
CONFIGURAZIONE CONTATORI
Per accedere alla pagina di configurazione dei contatori
premere Configurazione contatori sulla pagina delle
opzioni riservate.
Queste pagine permettono di abilitare e configurare la comunicazione di:
▪ cinque contatori di produzione (P1 ÷ P5)
▪ un contatore di energia immessa (SC)
▪ un contatore di energia prelevata (AS)
▪ tre misuratori liberi (M1 ÷ M3).
90
In questa pagina è possibile inserire il numero di serie dei contatori nel caso vi si
comunichi tramite DLMS RS485.
Premere Modifica per abilitare la scrittura dei parametri.
Impostare i parametri come descritto:
▪ TIPO: selezionare il tipo di contatore installato. È possibile selezionare il Tipo
“Inverter” per utilizzare l’energia totale prodotta dagli inverter e dividerla in
fasce orarie (contatore simulato);
▪ IND.: impostare l’indirizzo di rete RS485 del dispositivo;
▪ IN Imp.: selezionare il numero di ingresso [9 o 10] (solo per espansione conta
impulsi TIPO Seneca Z-10-D IN);
▪ K. Conv.: impostare il fattore di moltiplicazione necessario a trasformare il
valore rilevato in kWh. Per maggiori dettagli su come calcolare il K Conv.
consultare il capitolo 0;
▪ FASCE:
o impostare valore 0 per accumulare l’energia solo nella fascia 1
(Riallineamento disabilitato – vedi sezione riallineamento contatori)
o impostare valore 1 per utilizzare la suddivisione standard delle tre fasce
orarie del gestore;
▪ CONTRIB.: impostare il valore del contributo conto energia.
91
Gli OFFSET servono ad assegnare un valore di partenza alle singole fasce di ogni
contatore. Se ad esempio sostituiamo un contatore guasto e vogliamo ripartire con il
conteggio dai valori accumulati dal precedente, inseriamo nei campi di offset i valori
del contatore rimosso.
Se invece il parametro FASCE è a 0 e si utilizza una interfaccia ad impulsi si utilizzano
per l’allineamento ed il riallineamento del contatore.
I contatori a cui verrà associata il valore di fascia 0 (singola fascia)
potranno essere riallineati solamente mediante i parametri di Offset.
!
I contatori a cui verrà associato un valore di fascia 1 (tre fasce)
potranno invece essere riallineati mediante o parametri di Offset e
mediante la funzione di riallineamento.
Nel caso si debba effettuare un riallineamento periodico o effettuare l’allineamento
iniziale è possibile utilizzare la funzione di Riallineamento contatori come descritto al
capitolo 0.
Terminato l’inserimento dei contatori è indispensabile premere il
!
pulsante aggiorna valori
Riallinea contatori.
nella pagina Stato Contatori →
Se il pulsante non viene premuto i valori di energia non vengono
inizializzati ed utilizzati dal sistema.
Premere Pagina successiva per accedere alla pagina dei contatori di
scambio e misurazione libera.
11.17.1.
CALCOLO VALORE K E PESO IMPULSI PER LA GESTIONE CONTATORI
I valori rilevati da un contatore, per essere trasformati in kWh, devono essere spesso
moltiplicati per il fattore moltiplicativo K.
Nel caso i valori di energia vengano rilevati tramite rete dati RS485 è solitamente
sufficiente impostare il K Conv. con lo stesso valore K dichiarato sul contatore.
92
Nel caso si utilizzi il rilevamento ad impulsi (espansione DOL-EM-IN.IMPULSI) è
necessario calcolare il peso di ogni impulso emesso dal contatore con la seguente
procedura:
1) Leggere, sui dati di targa del contatore:
a. il rapporto dei TA installati (nel caso non sia riportato un valore K),
b. il valore K (esempio 1.600);
2) Leggere,
sul
contatore,
RA=10.000Imp/kWh);
la
costante
3) Calcolare il peso degli impulsi con la
PImp=1/10.000=0,0001 Kwh/Imp);
di
impulsi/kWh
(esempio
formula PImp=1/RA (esempio
4) Applicare il fattore K di moltiplicazione con la formula K Conv.= PImp x K
(esempio K Conv=0,0001 x 1600=0,16);
5) Moltiplicare il valore K Conv x 1.000 per utilizzarlo nella sezione contatori di
Energy Monitor (esempio 0,16 x 1.000= 160);
6) Inserire il valore K Conv nella pagina dei contatori (esempio K Conv. 160).
Esempio 1:
Contatore tipo Enel con scatola di trasformazione:
- TA da 125/5
- RA=10.000 imp./kWh
K Conv.=( 125/5 ) x (1/10000) x 1000 = 2,5
Esempio 2:
Contatore diretto, senza scatola di trasformazione:
- RA=10.000 imp./kWh
K Conv.= (1/10.000) x 1000 = 0,1
Esempio 3:
Contatore generico con:
- RA=5.000imp./kWh
- TA esterni da 1.500/5
- K1
K Conv.= (1/RA ) x (1.500/5) x 1.000 = (1/5.000) x (1.500/5) x 1.000 = 60
Esempio 4:
Contatore generico in cui non è riportato il valore RA:
- RA= reg. 0.0.3 del contatore = esempio 6000 imp./kWh
93
-
TA esterni da 400/5
K Conv.=(1/6000 ) x (800/5) x 1.000 = 26,6
*Nota: reg. 0.0.3 è il registro del contatore che contiene il valore di imp./Kwh. Questo
valore è possibile trovarlo sul contatore stesso e sul manuale di istruzioni del
dispositivo.
94
11.17.2.
RIALLINEAMENTO CONTATORI
11.17.2.1. COS’E’ IL RIALLINEAMENTO
La funzione di riallineamento permette allineare i dati dei contatori presenti nel
sistema di monitoraggio con i dati realmente presenti nel contatore.
!
La funzione automatica di riallineamento non può essere utilizzata nel
caso in cui il parametro FASCE è stato impostato a 0 (0=fascia unica
F1). In tal caso è possibile modificare il parametro OFFSET FASCIA 1
per sommare o sottrarre un valore e raggiungere il valore desiderato.
In base al tipo di tecnologia utilizzata per prelevare i dati dai vari contatori è possibile
che ci siano delle differenze che periodicamente possono essere azzerate.
Devono solitamente essere periodicamente riallineati gli impianti in cui:
▪ si utilizza un lettore ottico di impulsi sul contatore di produzione. I contatori
emettono i lampeggi non solo per l’energia prodotta ma anche per la prelevata
che solitamente viene utilizzata per le varie utenze ausiliarie;
▪ si utilizza un misuratore di energia per quantificare l’energia immessa e
prelevata. Essendo uno altro strumento di misura diverso dal contatore
certificato, genererà una piccola differenza nel conteggio;
▪ si utilizza un espansione con ingressi impulsi con lettura delle uscite impulsi dei
contatori;
▪ il sistema di monitoraggio è stato spento mentre l’impianto funzionava;
▪ il sistema di monitoraggio ha generato degli allarmi relativi alla comunicazione
con i contatori installati.
Per rilevare eventuali problemi il sistema di monitoraggio effettua un controllo serale
comparando l’energia giornaliere prodotta dagli inverter e l’energia giornaliera
misurata dai contatori. Nel caso il rapporto tra i due valori superi il valore %
impostato nel sistema verrà generata una segnalazione di allarme. Per maggiori
dettagli vedere il capitolo 11.8.1.
95
11.17.2.2. COME RIALLINEARE I CONTATORI
Per effettuare il riallineamento è indispensabile leggere ed annotarsi i valori dei
contatori. Nel caso si utilizzi la suddivisione in fasce orarie è necessario annotarsi
tutte le fasce.
!
La funzione automatica di riallineamento non può essere utilizzata nel
caso in cui il parametro FASCE è stato impostato a 0 (0=fascia unica
F1). In tal caso è possibile modificare il parametro OFFSET FASCIA 1
per sommare o sottrarre un valore e raggiungere il valore desiderato.
Dalla pagina principale premere su Stato Contatori e selezionare il contatore
interessato.
Verificare che il valore di energia letto fisicamente dal contatore sia effettivamente
diverso da quanto riportato nei campi Energia Fascia 1, 2, 3 e Energia Totale del
sistema di monitoraggio.
Effettuata questa operazione di verifica e decisi al voler procedere con il
riallineamento dei valori premere sul pulsante Riallinea contatori.
La pagina visualizza sulle righe i vari contatori collegabili al sistema e sulle colonne i
valori delle fasce.
Procedere quindi nell’inserire nei singoli campi delle fasce il valore in kWh letto
fisicamente dal contatore ed una volta terminata l’imputazione premere sul pulsante
Aggiorna valori.
96
In seguito alla pressione del pulsante Aggiorna valori i valori imputati verranno
rimessi a 0 kWh ed il riallineamento è stato effettuato.
Se alcuni valori non vengono rimessi automaticamente a 0 significa che si sta
tentando di riallineare un contatore mono fascia che può essere riallineato solo
utilizzando i campi OFFSET dalla configurazione contatori.
Verificare nella pagina Stato contatori che i valori siano stati aggiornati e coerenti con
quanto è stato inserito.
Il pulsante Aggiorna valori non è abilitato se vi sono problemi di comunicazione RS485
ed in tal caso sarà grigettato e non premibile. Risolvere i problemi di comunicazione
per poter procedere con il riallineamento.
!
Se i contatori collegati al sistema perdono la comunicazione viene
inviata la relativa segnalazione di allarme; consultare il capitolo
14.2.2 ALLARME COMUNICAZIONE CONTATORI.
97
CONFIGURAZIONE UTENZE
Per accedere alla pagina di configurazione delle utenze
Configurazione utenze sulla pagina delle opzioni
riservate.
Come descritto al capitolo 10.1.7 Stato utenze, il sistema di monitoraggio permette,
altre al controllo dell’impianto fotovoltaico, di monitorare i consumi energetici
dell’impianto in cui viene installato.
98
In fase di configurazione è possibile collegare un massimo di 100 misuratori dei
costruttori compatibili. Verificare la compatibilità ed il collegamento elettrico nel
documento EM01_MAIS_010_Revxx - Lista utenze disponibile nell’area riservata del
sito Dolphin Energia.
La configurazione utenze permette l’inserimento dei vari misuratori che verranno
costantemente interrogati dal sistema di monitoraggio.
I valori ricavati potranno fornire il dettaglio dei consumi per ogni singolo misuratore
mettendo a disposizione questi dati direttamente dalla pagina principale nella sezione
Stato Utenze e dalla piattaforma web Dolphin Insight. Per inviare i dati a Dolphin
Insight si deve abilitare la registrazione e l’invio come descritto al capitolo 11.20
Configurazione Data Logger.
Il sistema effettua il collegamento con i misuratori mediante la rete Ethernet.
Nel caso si utilizzino misuratori con comunicazione RS485 è possibile raggiungere il
“luogo” di installazione dei misuratori mediante la rete Ethernet ed installare un
Gateway che permette di convertire le richieste dalla rete ethernet alla rete RS485.
Ad ogni Gateway si dovrà assegnare un indirizzo di rete Ethernet univoco e
raggiungibile dalla rete associata al sistema di monitoraggio.
Collegare i misuratori come descritto nel documento EM01_MAIS_010_Revxx - Lista
Utenze scaricabile dall’area riservata di Dolphin Energia.
Impostare i parametri come descritto:
▪
#: il numero viene utilizzato per identificare in modo univoco ciascun
misuratore;
▪
COD: il codice identifica il modello di misuratore. Inserire il codice del
misuratore come descritto nel documento EM01_MAIS_010_Revxx - Lista
Utenze.
▪
MARCA / MODELLO: viene automaticamente visualizzato dopo aver impostato
il parametro COD ed identifica il modello del misuratore selezionato.
▪
DESCRIZIONE: inserire una descrizione che identifica il misuratore.
▪
IP: inserire l’indirizzo IP impostato nel Gateway o l’indirizzo IP del misuratore.
▪
ID: inserire l’indirizzo di rete RS485 assegnato al misuratore.
▪
IN: inserire il numero di ingresso della scheda DOL-EM-10DI per specificare in
numero di ingresso che si vuole utilizzare. Gli ingressi 9 e 10 sono dedicati al
conteggio degli impulsi.
99
▪
Premere la freccia
▪
OFFSET: permette di inserire un valore da sommare al misuratore collegato;
▪
K conv: permette di applicare un fattore moltiplicativo K al misuratore
collegato. Nel caso la misura collegata sia un accumulo di energia, sarà
necessario impostare il K conv in modo da ottenere un valore finale espresso
in kWh;
▪
TIPO: parametro dedicato alla piattaforma DexCell. Contattare il servizio di
assistenza Dolphin per maggiori dettagli;
▪
U.M.: permette di inserire l’unità di misura del misuratore collegato (non
necessario in caso di misuratore di energia/analizzatore di rete).
▪
CO.: permette di specificare qual è il misuratore generale dei consumi
dell’utenza in modo da utilizzare la potenza e l’energia nella pagina principale
del sistema di monitoraggio. Nel caso non vi sia un misuratore generale è
possibile selezionare più misuratori che verranno dal sistema sommati tra di
loro. La somma dei misuratori dovrà dare il valore totale di consumi dell’utenza.
A configurazione terminata verificare che non vi siano problemi di comunicazione
utilizzando la pagina Stato utenze descritta al capitolo 10.1.7 Stato utenze.
11.18.1.
CALCOLO VALORE K E PESO IMPULSI PER LA GESTIONE UTENZE
I valori rilevati da un contatore, per essere trasformati in kWh, devono essere spesso
moltiplicati per il fattore moltiplicativo K.
Nel caso i valori di energia vengano rilevati tramite rete dati RS485 è solitamente
sufficiente impostare il K Conv. con lo stesso valore K dichiarato sul contatore.
Nel caso si utilizzi il rilevamento ad impulsi (espansione DOL-EM-IN.IMPULSI) è
necessario calcolare il peso di ogni impulso emesso dal contatore con la seguente
procedura:
1) Leggere, sui dati di targa del contatore:
a. il rapporto dei TA installati (nel caso non sia riportato un valore K),
b. il valore K (esempio 1.600);
2) Leggere,
sul
contatore,
RA=10.000Imp/kWh);
la
costante
di
impulsi/kWh
100
(esempio
3) Calcolare il peso degli impulsi con la formula PImp=1/RA (esempio
PImp=1/10.000=0,0001 Kwh/Imp);
4) Applicare il fattore K di moltiplicazione con la formula K Conv.= PImp x K
(esempio K Conv=0,0001 x 1600=0,16);
5) Inserire il valore K Conv nella pagina dei contatori (esempio K Conv. 160).
Esempio 1:
Contatore tipo Enel con scatola di trasformazione:
- TA da 125/5
- RA=10.000 imp./kWh
K Conv.=( 125/5 ) x (1/10000) = 0,0025
Esempio 2:
Contatore diretto, senza scatola di trasformazione:
- RA=10.000 imp./kWh
K Conv.= (1/10.000) = 0,0001
Esempio 3:
Contatore generico con:
- RA=5.000imp./kWh
- TA esterni da 1.500/5
- K1
K Conv.= (1/RA ) x (1.500/5) x 1.000 = (1/5.000) x (1.500/5) = 0,06
Esempio 4:
Contatore generico in cui non è riportato il valore RA:
- RA= reg. 0.0.3 del contatore = esempio 6000 imp./kWh
- TA esterni da 400/5
K Conv.=(1/6000 ) x (800/5) = 0,026
*Nota: reg. 0.0.3 è il registro del contatore che contiene il valore di imp./Kwh. Questo
valore è possibile trovarlo sul contatore stesso e sul manuale di istruzioni del
dispositivo.
101
CONFIGURAZIONE MODEM
Per accedere alla pagina di configurazione del modem
premere Configurazione modem sulla pagina delle
opzioni riservate.
La configurazione del modem permette al sistema di collegarsi tramite la rete
Ethernet ad Internet ed usufruire dei servizi di invio delle E-Mail, di trasferimento dei
dati di produzione e di sincronizzazione dell’orologio.
Premere Modifica per abilitare la scrittura dei parametri.
L’accesso alla configurazione modem e la successiva pressione del
tasto Modifica comporta il ripristino di tutti gli allarmi attivi. Terminata
la configurazione i controlli riprenderanno a funzionare e secondo le
logiche impostate nelle varie sezioni.
Il ripristino degli allarmi attivi invia le relative E-Mail di ripristino anche
se gli effettivi problemi non sono stati risolti.
Avvisare i destinatari delle E-Mail per evitare fraintendimenti.
102
11.19.1.
CONFIGURAZIONE MODEM
Impostare i parametri come descritto:
▪
ABILITA: abilitare o disabilitare la funzione modem.
▪
IP DNS: impostare l’indirizzo IP del server DNS; inserirlo anche se uguale
all’indirizzo IP MODEM ed uguale a quanto inserito nella configurazione Ethernet
descritta al capitolo 8 Impostazioni rete internet.
11.19.2.
CONFIGURAZIONE TRASFERIMENTO DATI PRODUZIONE
Questa funzione permette di trasferire i dati registrati dal datalogger verso il Server
Dolphin o ad un altro server FTP.
Le credenziali di trasferimento FTP (Username e Password) sono disponibili nel
pannello Configurazione Impianto di Energy Portal. Fare accesso all’impianto tramite
il portale Energy Portal ed annotarsi le credenziali FTP assegnate.
Impostare i parametri come descritto:
▪
ABILITA: abilitare o disabilitare la funzione di trasferimento.
▪
SERVER FTP: impostare l’indirizzo
(ftp.dolphinenergia.it).
▪
USERNAME: impostare username di accesso al server FTP.
IP del server
FTP di destinazione
103
▪
PASSWORD: impostare la password di accesso al server.
▪
TEMPO AGG.: impostare la frequenza di invio dei dati registrati e dei file di
allarme.
▪
TIMEOUT: impostare il tempo entro il quale il sistema deve riuscire ad inviare
i dati. Il mancato invio dei dati entro il tempo impostato genera un allarme FTP
che viene visualizzato nella barra di stato della pagina principale. Maggiori
dettagli al capitolo 0 Test collegamento modem.
Per ottenere le credenziali di accesso ad Energy Portal è necessario
aver acquistato almeno un pacchetto di accessi ed aver di
conseguenza ricevuto la E-Mail contenente le credenziali di accesso.
Premere Pagina successiva per accedere alle pagine successive di
configurazione del modem.
104
11.19.3.
CONFIGURAZIONE E-MAIL
Questa pagina permette di impostare il proprio account di posta elettronica per l’invio
delle e-mail di report ed allarme. Il sistema viene configurato di default con l’account
[email protected] da cui però Dolphin declina qualsiasi responsabilità
sugli eventuali disservizi che possono verificarsi.
Il sistema accetta altri Account di posta purché siano di tipo POP3 con porta di uscita
25.
Impostare i parametri come descritto:
▪
ABILITA: abilitare e disabilitare la funzione;
▪
TIMEOUT: impostare il tempo entro il quale il sistema deve riuscire ad inviare
le e mail. Il mancato invio delle e mail entro il tempo impostato genera un
allarme che viene visualizzato nella barra di stato della pagina principale.
Maggiori dettagli al capitolo 0 Test collegamento modem;
▪
SERVER SMTP: impostare il server di uscita dell’account di posta;
▪
USERNAME: impostare l’username dell’account di posta;
▪
PASSWORD: impostare la password dell’account di posta;
▪
MAIL FROM: impostare l’indirizzo del
mittente. Nel caso dell’account
dolphinenergia.it è possibile personalizzare l’indirizzo del mittente (Es.
[email protected])
105
!
11.19.4.
Il sistema non supporta il layer di sicurezza SSL.
Nel caso vi siano dei problemi di compatibilità con il proprio account,
contattare l’assistenza cliente per la creazione di un nuovo account
dedicato.
CONFIGURAZIONE SMS
Acquistando un servizio di conversione delle E-Mail in SMS è possibile ricevere SMS.
Impostare i parametri come descritto:
▪
ABILITA: abilitare o disabilitare la funzione.
▪
CODICE DEST.: impostare il suffisso che viene assegnato dal gestore del
servizio; il sistema accoderà automaticamente il CODICE DEST. al numero SMS
impostato nei GRUPPI DESTINATARI.
I test sono stati effettuati utilizzando il servizio offerto dal sito
www.smshosting.it. Per ulteriori informazioni contattare direttamente
il fornitore del servizio.
11.19.5.
AGGIORNAMENTO AUTOMATICO DATA / ORA
La funzione permette di sincronizzare l’ora di sistema accedendo ad un server SNTP.
Impostare i parametri come descritto:
▪
SERVER SNTP: impostare il server di aggiornamento della data e dell’ora;
inserire 193.204.114.232 per utilizzare il servizio offerto dall’INRIM.
▪
OFFSET UTC: impostare il fuso orario del paese di installazione; per l’Italia
inserire 60 min.
▪
AGG. ORA LEG.: permette di impostare automaticamente l’aggiornamento
dell’ora legale.
106
11.19.6.
GRUPPI DESTINATARI
Attraverso queste pagine vengono definiti i 4 gruppi di destinatari previsti dal
sistema.
Per ciascun gruppo è possibile impostare un massimo di due numeri telefonici per
l’invio di SMS e di otto indirizzi per l’invio di e-mail. L’invio di SMS richiede l’acquisto
di un servizio di conversione a pagamento (vedi paragrafo 11.19.4 Configurazione
SMS).
Inserire i mittenti e se necessario utilizzare più gruppi per poter poi decidere quali
segnalazioni inviare a ciascun gruppo.
Utilizzare i tasti CAP e Ctrl della tastiera virtuale per visualizzare i caratteri speciali.
Procedere con l’abilitazione degli allarmi ad ogni gruppo di destinatari.
107
!
11.19.7.
Dopo aver inserito i mittenti procedere con l’abilitazione degli allarmi
ai singoli gruppi.
SEGNALAZIONE ALLARMI INVERTER
La funzione invia ai destinatari del gruppo abilitato gli allarmi generati direttamente
dall’inverter:
▪
▪
Rilevamento di un codice di allarme generato dall’inverter (vedi documento
Lista Inverter per ricevere maggiori informazioni riguardo il codice di allarme);
Ingresso digitale collegato al contatto di allarme dell’inverter.
Impostare i parametri come descritto:
▪
DESTINATARI: selezionare i gruppi di destinatari a cui inviare le segnalazioni
di allarme.
▪
FREQUENZA: impostare la frequenza di invio della segnalazione nel caso
l’allarme si ripresenti più volte dopo il ripristino (CONTINUA, GIORNALIERA e
SETTIMANALE).
La generazione dell’allarme è vincolata all’abilitazione del controllo Allarmi inverter
descritto al capitolo 0.
108
Per un migliore controllo dell’impianto il sistema invia
automaticamente anche una mail che notifica il ripristino degli allarmi.
Il messaggio inviato ha il seguente formato:
Nome impianto – ALLARME INVERTER xx [Descrizione] (ANOMALIA
yy )
Gli ultimi 20 allarmi di ciascun inverter sono visualizzati nelle pagine
di stato degli inverter. Lo stato della comunicazione con gli inverter è
visualizzato nelle pagine di test delle opzioni riservate.
Il campo [Descrizione] è modificabile al capitolo 11.9 Configurazione
Inverter.
Il campo “yy” riporta il codice di allarme ricevuto dall’inverter.
Consultare il capitolo 0 per maggiori dettagli sugli allarmi.
109
11.19.8.
SEGNALAZIONE ALLARMI CONTROLLO INVERTER
La funzione invia ai destinatari del gruppo abilitato gli allarmi relativi ai controlli
effettuati dal sistema di monitoraggio quali:
▪ Controllo di accensione 12.1;
▪ Controllo variazione di energia negativa 12.3;
▪ Controllo di efficienza inverter 12.2;
▪ Controllo di efficienza canali inverter 12.4;
▪ Controllo correnti di stringa 12.5;
▪ Controllo tensioni di stringa 12.6;
▪ Controllo di sbilanciamento 12.7.
Impostare i parametri come descritto:
▪
DESTINATARI: selezionare i gruppi di destinatari a cui inviare le segnalazioni
di allarme.
▪
FREQUENZA: impostare la frequenza di invio della segnalazione nel caso
l’allarme si ripresenti più volte dopo il ripristino (CONTINUA, GIORNALIERA e
SETTIMANALE).
La generazione dell’allarme è vincolata all’abilitazione dei controlli sopra.
110
Per un migliore controllo dell’impianto il sistema invia
automaticamente anche una mail che notifica il ripristino degli allarmi.
Il messaggio inviato ha il seguente formato:
Nome impianto – ALLARME INVERTER xx [Descrizione] (zz CH.yy)
In seguito alla ricezione di questo messaggio si dovrà indagare sulla
causa che ha prodotto l’allarme zz sul canale “yy” dell’inverter “xx”.
Il campo [Descrizione] è modificabile al capitolo 11.9 Configurazione
Inverter.
Consultare il capitolo 14.1 per maggiori dettagli sugli allarmi.
111
11.19.9.
SEGNALAZIONE MALFUNZIONAMENTI GENERICI
La funzione invia ai destinatari del gruppo abilitato gli allarmi relativi ai
malfunzionamenti generici quali:
▪ Errori di sistema;
▪ Errori di comunicazione con i componenti collegati;
▪ Controlli di soglia associati agli ingressi digitali ed analogici.
Consultare il capitolo 14.2 Allarmi di sistema per maggiori dettagli.
Impostare i parametri come descritto:
▪
DESTINATARI: permette di selezionare i gruppi di destinatari a cui inviare le
segnalazioni di allarme.
▪
FREQUENZA: impostare la frequenza di invio della segnalazione nel caso
l’allarme si ripresenti più volte dopo il ripristino (CONTINUA, GIORNALIERA e
SETTIMANALE).
Per un migliore controllo dell’impianto il sistema invia
automaticamente anche una mail che notifica il ripristino degli allarmi.
112
I messaggi inviati hanno il seguente formato:
Nome impianto – ALLARME ESPANSIONE xx
Nome impianto - ALLARME ANALIZZATORE ENERGIA PRODOTTA
Nome impianto - ALLARME ANALIZZATORE ENERGIA CEDUTA
Nome impianto - ALLARME SENSORE xx (LIMITE MINIMO)
Nome impianto - ALLARME SENSORE xx (LIMITE MASSIMO)
Nome
impianto
–
ALLARME
ESPANSIONE
SENSORE
IRRAGGIAMENTO
In seguito alla ricezione di questo messaggio si dovrà indagare sulla
causa che ha prodotto il malfunzionamento.
Nel caso di segnalazioni relative ai sensori (…- ALLARME SENSORE xx
… ), utilizzare la “Tabella ingressi” allegata per risalire al componente
che ha generato l’allarme.
Se il problema si ripresenta frequentemente valutare la possibilità di
effettuare un sopraluogo.
Lo stato dei sensori e della comunicazione con le espansioni è
visualizzato nelle pagine di test delle opzioni riservate.
113
11.19.10. SEGNALAZIONE ALLARMI STRING BOX
La funzione invia ai destinatari del gruppo abilitato gli allarmi relativi alle string-box
quali:
▪ Controllo di sbilanciamento 13.2;
▪ Controllo si temperatura 13.3;
▪ Controllo dei codici di allarme / ingressi digitali 13.5;
▪ Controllo di tensione 13.4;
▪ Controllo di comunicazione dati tra il sistema e la string-box 14.3.1 e 14.3.6.
Impostare i parametri come descritto:
▪
DESTINATARI: permette di selezionare i gruppi di destinatari a cui inviare le
segnalazioni di allarme.
▪
FREQUENZA: permette di impostare con che frequenza inviare la segnalazione
nel caso l’allarme si ripristini e ripresenti più volte ( CONTINUA, GIORNALIERA
e SETTIMANALE ).
Per un migliore controllo dell’impianto il sistema invia
automaticamente anche una mail che notifica il ripristino degli allarmi.
114
I messaggi inviati hanno il seguente formato:
▪ Nome impianto – ATTIVAZIONE ALLARME
(SBILANCIAMENTO)
▪ Nome impianto – ATTIVAZIONE ALLARME
(SOVRATEMPERATURA)
▪ Nome impianto – ATTIVAZIONE ALLARME
(ANOMALIA yy)
▪ Nome impianto – ATTIVAZIONE ALLARME
(SOTTOTENSIONE)
▪ Nome impianto – ATTIVAZIONE ALLARME
(COMUNICAZIONE)
STRINGBOX xx
STRINGBOX xx
STRINGBOX xx
STRINGBOX xx
STRINGBOX xx
In seguito alla ricezione di questo messaggio si dovrà indagare sulla
causa che ha prodotto il malfunzionamento.
Se il problema si ripristina e si ripresenta frequentemente valutare la
possibilità di effettuare un sopraluogo.
115
11.19.11. SEGNALAZIONE INCONGRUENZA ENERGIA
La funzione invia ai destinatari del gruppo abilitato gli allarmi relativi al superamento
della percentuale di errore rilevata tra l’energia giornaliera misurata dagli inverter e
l’energia giornaliera misurata dai contatori. La soglia % è impostabile come descritto
al capitolo 11.8.1.
Impostare i parametri come descritto:
▪
DESTINATARI: permette di selezionare i gruppi di destinatari a cui inviare le
segnalazioni di allarme.
▪
FREQUENZA: permette di impostare con che frequenza inviare la segnalazione
nel caso l’allarme si ripristini e ripresenti più volte ( CONTINUA, GIORNALIERA
e SETTIMANALE ).
Per un migliore controllo dell’impianto il sistema invia
automaticamente anche una mail che notifica il ripristino degli allarmi.
116
11.19.12. INVIO REPORT
La funzione provvede ad inviare ai destinatari selezionati il report di produzione
giornaliera.
Impostare i parametri come descritto:
▪
DESTINATARI: selezionare i gruppi di destinatari a cui inviare le e-mail di
report.
▪
ORA INVIO: impostare l’ora di invio del report giornaliero.
117
Il messaggio inviato ha il seguente formato:
IMP. (nome impianto)
Data: 01-01-2010
DATI GIORNALIERI
Produzione: xxxx / yyyy kWh
Rendita: €€€€ Euro
DATI MENSILI
Produzione: xxxx / zzzz kWh
Rendita: €€€€ Euro
DATI TOTALI
Prod.: xxxx MWh
Rendita: €€€€ Euro
Dove:
- xxxx sono i valori di energia;
- yyyy sono i valori di produzione attesi secondo la relazione tecnica
dell’impianto;
- €€€€ la rendita economica (incentivo x energia).
118
11.19.13. LIMITE INVII GIORNALIERI
Limita il numero massimo di messaggi (E-MAIL + SMS) inviati giornalmente dal
sistema.
Impostare i parametri come descritto:
▪
E-MAIL + SMS: impostare il numero massimo di invii giornalieri.
119
CONFIGURAZIONE DATA LOGGER
Per accedere alla pagina di configurazione del datalogger
premere Configurazione data logger sulla pagina delle
opzioni riservate.
La funzione data logger permette di registrare i dati e gli allarmi dell’impianto per poi
inviarli al portale Web Energy Portal.
120
!
Disattivare il data logging ogni volta che si effettuano delle
modifiche di configurazione non permanenti o che si interviene
elettricamente sui componenti collegati.
Premere Modifica per abilitare la scrittura dei parametri.
Impostare i parametri come descritto:
11.20.1.
PARAMETRI DI SALVATAGGIO
▪
Destinazione dati:
o DISABILITATO: data logger non attivo.
o LOCALE: il salvataggio viene effettuato sulla scheda di memoria
interna. I dati possono essere esportati su chiavetta USB dalle
pagine con i dati di produzione.
o PORTALE REMOTO: i dati vengono preparati per l’invio al portale
Web (vedi capitolo 11.19.2 Configurazione trasferimento dati di
produzione).
▪
Portale remoto:
o DOLPHIN
o DEXMA
•
Intervallo salvataggio record: impostare la frequenza di registrazione dei dati
(min. 5, max 99 minuti).
•
Disabilitazione allarmi: Selezionare NO per abilitare l’invio dei file di allarme al
Portale Web Energy Portal al fine di poterli visualizzare e archiviare.
121
11.20.2.
DATI FOTOVOLTAICO
Il sistema registra di default i valori di energia prodotta da ogni inverter installato e
lo stato generale dell’impianto.
E’ possibile aggiungere ulteriori dati attraverso le seguenti opzioni:
•
Dati avanzate
i valori:
o
o
o
inverter: se abilitato vengono registrati ed inviati al portale web
di tensione dei canali DC;
di corrente dei canale DC;
della corrente di uscita degli inverter installati.
•
Contatore di produzione: se abilitato vengono registrati ed inviati al portale
web i dati rilevati dai contatori di produzione P1÷P5.
•
Contatore di scambio: se abilitato vengono registrati ed inviati al portale web i
dati rilevati dal contatore di scambio SC, AS e dai tre misuratori liberi M1÷M3.
•
Dati string-box: se abilitato vengono registrati ed inviati al portale web i dati di
tensione e di corrente di ogni string-box. Vengono registrati ed inviati dolo i
dati di corrente delle stringhe utilizzate impostate al parametro NR. STINGHE
del controllo sbilanciamento string-box (vedi capitolo 13.2 CONTROLLO
SBILANCIAMENTO).
•
STATO SENSORI: impostare il numero di ingresso di un massimo di 10 sensori
da registrare ed inviare al portale web. La descrizione dei sensori sarà
visualizzata sul portale Web.
▪
DATI DEXMA->Time zone: inserire ad esempio Europe/Rome.
122
FUNZIONI SPECIALI
Per accedere alla funzione di salvataggio della
configurazione premere Salva configurazione sulla
pagina delle opzioni riservate.
Le funzioni speciali permettono di eseguire dei salvataggi o delle esportazioni di dati
come di seguito descritto.
11.21.1.
ESPORTA CONFIGURAZIONE
Al termine della configurazione o dopo ogni modifica si consiglia di salvare i parametri
al fine di mantenere una copia delle impostazioni fatte.
Selezionare la destinazione del file parametri tra le tre possibili:
▪
SALVA SU SCHEDA DI MEMORIA: salva il file dei parametri nella SD card di
Energy Monitor.
▪
SALVATAGGIO SU CHIAVETTA USB: salva il file dei parametri su chiavetta USB.
!
Consigliamo di mantenere sempre una copia di sicurezza dei
parametri su scheda di memoria SD e su chiavetta USB.
123
11.21.2.
CARICA CONFIGURAZIONE
La funzione consente di ricaricare i parametri della configurazione precedente, della
configurazione salvata su scheda SD o chiavetta USB.
Al termine della procedura il sistema viene riavviato.
!
11.21.3.
Procedendo con l’operazione tutti i dati della configurazione attuale
verranno sovrascritti e creata una copia dei dati precedenti.
CANCELLA CONFIGURAZIONE
La funzione ripristina i parametri di default.
Al termine della procedura il sistema viene riavviato.
!
11.21.4.
Procedendo con l’operazione tutti i dati della configurazione attuale
verranno cancellati.
AGGIORNAMENTO SOFTWARE
Per accedere alla funzione di aggiornamento del
software premere Aggiornamento software sulla pagina
delle opzioni riservate.
La funzione permette di installare una nuova versione di software su Energy Monitor.
Insieme all’aggiornamento verranno fornite tutte le istruzioni necessarie al
completamento dell’operazione.
124
Prima di eseguire l’aggiornamento è indispensabile salvare la
configurazione ed i dati ritentivi dalla pagina principale delle
Opzioni riservate.
!
11.21.5.
Seguire
scrupolosamente
le
indicazioni
fornite
con
l’aggiornamento.
Assicurarsi che Energy Monitor non venga spento durante
l’aggiornamento.
Una procedura di aggiornamento errata può compromettere
irrimediabilmente il funzionamento di Energy Monitor.
ESPORTA DATI SISTEMA
La funzione permette, in caso di malfunzionamento del sistema, di esportare i valori
memorizzati per essere ricaricati in un nuovo dispositivo.
11.21.6.
IMPORTA DATI SISTEMA
La funzione, in caso di sostituzione del sistema, permette di importare i dati salvati
dal precedente al fine di non perdere i valori memorizzati.
125
TEST
Per accedere alle pagine di test premere Test sulla
pagina delle opzioni riservate.
Le pagine di test consento di verificare il funzionamento dei collegamenti e delle
espansioni di Energy Monitor.
126
11.22.1.
TEST COLLEGAMENTO MODEM
Per accedere alla pagina di test di
collegamento con il modem / router premere
Test collegamento modem sulla pagina di test.
La pagina visualizza lo stato dei servizi di invio messaggi e di trasferimento dati verso
un server.
Premendo su Test mail si provoca l’invio di un messaggio di prova a tutti i destinatari
inclusi nel gruppo 4.
Il messaggio di test inviato ha il seguente formato:
IMP. XXX - SMS TEST
Attraverso Test FTP è possibile invece comandare il trasferimento di un breve file
verso il portale Web.
Prima di effettuare i test entrambi i servizi devono essere stati opportunamente
configurati; in particolare per quanto riguardo il test delle E-Mail è necessario aver
inserito almeno un indirizzo nel gruppo di destinatari numero 4.
127
Se alcuni secondi dopo aver avviato il test la casella DONE corrispondente non si
illumina significa che il test è fallito.
Se i campi ERROR TYPE ed ERROR CODE assumono valori diversi da zero, significa
che si tratta di un problema di connessione fisico o di indirizzamento.
Verificare il collegamento al modem / router e gli indirizzi dei server impostati.
Se il collegamento sembra funzionare correttamente esaminare la risposta del server
contenuta nel campo RCV MSGS. Messaggi del tipo “...user name or password
incorrect…”) indicano che le credenziali utilizzate non sono corrette.
Esiste inoltre la possibilità che il sistema non sia compatibile con il server di posta
utilizzato; in questo caso è necessario creare un nuovo account di posta presso un
provider diverso con caratteristiche POP3 senza crittografia SSL o TLS.
MAIL STEP:
211
Stato del sistema
214
Messaggio di aiuto - utilizzo del ricevitore o comando non standard, risposta per l'utente e
non per il sistema
220
Service ready (Dienst bereit)
221
Service closing transmission channel
235
Authentication succeeded
250
Requested mail action okay, completed
251
User not local; will forward to
252
Cannot VRFY user, but will accept message and attempt delivery
354
Start mail input; end with
421
Service not available, closing transmission channel
450
Requested mail action not taken: mailbox unavailable
451
Requested action aborted: local error in processing
452
Requested action not taken: insufficient system storage
500
Syntax error, command unrecognized
501
Syntax error in parameters or arguments
502
Command not implemented
504
Command parameter not implemented
550
Requested action not taken: mailbox unavailable
551
User not local; please try
552
Requested mail action aborted: exceeded storage allocation
553
Requested action not taken: mailbox name not allowed
554
Transaction failed
MAIL ERROR TYPE:
1 = DNS_CLIENT
2 = canale di controllo SMTP
4 = FILE_SERVER
5 = Flusso di disturbo
FTP STEP:
110 Restart marker reply
120 Service ready in x minutes
125 Data connection already open
150 File status okay; about to open data connection
200 Command okay
128
202
211
212
213
214
215
220
221
225
226
227
230
250
257
331
332
350
421
425
426
450
451
452
500
501
502
503
504
530
532
550
551
552
553
Command not implemented
NAME system type
Service ready for new user
Service closing control connection
Data connection open; no transfer in progress
Closing data connection. Requested file action successful
Entering Passive Mode
User logged in, proceed
Requested file action okay, completed
"PATH" created
User name okay, need password
Need account for login
Requested file action pending further information
Service not available, closing control connection
Can't open data connection
Connection closed; transfer aborted Verbindung getrennt
Requested file action not taken; File unavailable
Requested action aborted: local error in processing
Requested action not taken; Insufficient storage space in system
Syntax error
Syntax error in parameters or arguments
Command not implemented
Bad sequence of commands
Command not implemented for that parameter
Not logged in
Need account for storing files
Requested file action not taken; File unavailable Angeforderter
Requested action aborted: page type unknown
Requested file action aborted: Exceeded storage allocation
Requested action not taken: File name not allowed
FTP
1=
2=
3=
4=
5=
ERROR TYPE:
DNS_CLIENT
FTP canale comando
FTP canale dati
FILE_SERVER
Flusso di disturbo
129
11.22.2.
TEST COLLEGAMENTO INVERTER
Per accedere alla pagina di test del
collegamento con gli inverter premere Test
collegamento inverter sulla pagina di test.
La pagina permette di visualizzare le stringhe scambiate tra il sistema di monitoraggio
e gli inverter.
L’accensione della spia rossa ERROR indica la presenza un problema di comunicazione
con uno o più inverter.
In
-
questi casi è necessario verificare:
che il modello di inverter inserito nel sistema corrisponda all’inverter installato;
che gli inverter siano accesi;
la correttezza dei parametri di configurazione (vedi documento Lista inverter);
il cablaggio elettrico della rete RS-485.
Sono presenti dei totalizzatori resettabili per memorizzare i numeri di messaggi
inviati, ricevuti e messaggi non andati a buon fine e quindi gli errori.
Diversi modelli di inverter, in presenza di un irraggiamento
insufficiente, si “mettono” in standby disabilitando tra le altre cose
anche la comunicazione. In questi casi la comparsa dell’errore non
implica un problema ma indica semplicemente che la comunicazione
è stata interrotta a causa dello spegnimento dell’inverter.
130
11.22.3.
TEST COLLEGAMENTO ESPANSIONI
Per accedere alla pagina di test del
collegamento con le espansioni premere Test
collegamento espansioni sulla pagina di test.
La pagina permette di visualizzare lo stato della comunicazione tra il sistema e le
espansioni collegate.
L’accensione della spia verde RD indica che l’espansione corrispondente (o nodo) è
pienamente operativa.
L’accensione della spia rossa ER indica invece la presenza di problemi di
comunicazione con nodo. Se la comunicazione con le altre espansioni funziona
correttamente verificare i parametri di configurazione impostati, il cablaggio e gli
eventuali settaggi presenti sull’espansione (switch).
Nel caso la spia READY relativa al master risulti spenta significa che il problema è
esteso a tutta la rete; verificare il cablaggio.
131
11.22.4.
TEST COLLEGAMENTO CONTATORI
Per accedere alla pagina di test del
collegamento con i contatori premere Test
collegamento contatori sulla pagina di test.
La pagina permette di visualizzare le stringhe scambiate tra il sistema ed i contatori.
L’accensione della spia rossa ERROR indica la presenza un problema di comunicazione
con i contatori.
In questi casi è necessario verificare:
- l’accensione dei contatori o dell’espansione collegata;
- la correttezza dei parametri di comunicazione;
- il cablaggio elettrico.
Sono presenti dei totalizzatori resettabili per memorizzare i numeri di messaggi
inviati, ricevuti e messaggi non andati a buon fine e quindi gli errori.
132
11.22.5.
TEST COLLEGAM. MODBUS
Per accedere alla pagina di test del
collegamento Modbus premere Test collegam.
Modbus sulla pagina di test.
La pagina permette di visualizzare lo stato della comunicazione Ethernet Modbus TCP
tra il sistema di monitoraggio e il dispositivo richiedente. Per abilitare la funzione di
comunicazione dati tra il sistema ed un dispositivo esterno è necessario inserire il
codice di licenza come descritto al capitolo 11.8.4.
La tabella seguente riporta la descrizione dei campi visualizzati.
INIZIALIZZAZIONE
POLLING
BUSY
Inizializzazione del server in corso.
ERROR
BUSY
Codice di errore verificatosi durante l’inizializzazione
del server.
Rilevazione richieste in corso.
AVAILABLE
Richiesta pendente.
FUNCTION
Funzione dell’ultima richiesta ricevuta.
OFFSET
Indirizzo del registro dell’ultima richiesta ricevuta.
COUNT
Numero di registri dell’ultima richiesta ricevuta.
ERROR
Codice di errore nella rilevazione delle richieste
pendenti.
133
RISPOSTA
ERROR
Codice di errore nella generazione della risposta.
▪
FUNCTION: 3 -> funzione per la lettura dei registri ritentivi (read holding
registers);
▪
OFFSET: 120 -> il primo registro richiesto è il numero 121 (per convenzione
l’offset corrisponde al numero del registro meno 1);
▪
COUNT: 45 -> numero di registri da leggere.
Il campo ERROR può contenere i seguenti codici di errore:
0 OK (MBM_CONNECTION_OK)
1 Unknown function (ModBus exception MBEXC_ILLEGAL_FUNCTION)
2 Invalid data address (ModBus exception ILLEGAL_DATA_ADDRESS)
3 Invalid value (ModBus exception MBEXC_ILLEGAL_DATA_VALUE)
0 Fault in device (ModBus exception MBEXC_SLAVE_DEVICE_FAILURE)
5 Acknowledgement (ModBus exception MBEXC_ACKNOWLEDGE)
6
Request
rejected,
slave
is
loaded
(ModBus
exception
MBEXC_SLAVE_DEVICE_BUSY)
8 Memory error (ModBus exception MEMORY_PARITY_ERROR)
10 Gateway error (ModBus exception _GATEWAY_PATH_UNAVAILABLE)
11 Gateway sig.: Slave does not answer (ModBus
exceptionMBEXC_GATEWAY_TARGET_DEVICE_FAILED_TORESPOND)
20 Initialization fault of the Winsock-API
21 All connection-Slots occupied (MBM_CONNECTIONS_ALL_IN_USE)
22 Socket generation failed (MBM_SOCKET_CREATION_FAILED)
23 Connect failed (MBM_SOCKET_CONNECT_FAILED)
24 Sending not possible (MBM_CONNECTION_IS_BLOCKING_TRANSERROR)
25
Timeout
waiting
for
a
slave
response
(MBM_CONNECTION_RESPONSE_NOT_RECEIVED)
26 Network fault/connection failed (MBM_CONNECTION_IS_BLOCKING)
27 Slave: Fault with determination of own IP address
28 Slave: Connection to socket/port failed; Master: (MBM_SOCKET_BIND_FAILED)
29 Slave: List function signals a fault
30 Slave: Fault with accepting connection
31 Connection error (MBM_CONNECTION_WAITFORCONNECT_TIMEOUTERROR)
32 Connection error (MBM_CONNECTION_CONNECTING_TIMEOUTERROR)
33 Connection error (MBM_CONNECTION_TRANSMISSION_TIMEOUTERROR)
34 Connection error (MBM_SOCKET_EXCEPTION_TRIGGERED)
35 Connection error (MBM_SOCKET_IOCTLFIONBIO_FAILED)
40 Faulty data in Modbus response (MBM_RESPONSE_RECEIVED_FALSE)
41 Subunit Problem (MBM_CONN_SOCKET_DISCONNECTED)
42 Connection error (MBM_CONN_RESP_RCVD_WRONGTRANSACTIONID)
43 Subunit problem (MBM_CONN_RESP_RCVD_WRONGPROTOCOLIDENT)
134
44 Subunit problem (MBM_CONN_RESP_RCVD_INVALIDSUBUNITID)
45 Subunit problem (MBM_CONN_RESP_RCVD_INVALIDLENGTFIELDVALUE)
50 Unknown function code (MBM_FUNCTIONCODE_UNDEFINED)
51 Slave: Fault with transmission of the slave response
52 Too much data passed (MBM_MODBUSBUFFER_DATASEG_TOOBIG)
53 Parameter problem (MBM_CONN_MODBUSBUFFERPARAM_INVALID)
54 bSubUnit >247 (MBM_CONN_SUBUNITIDPARAMETER_INVALID)
58 Parameter problem (MBM_CONNECTION_NOTESTABLISHED_OR_BUSY)
200 interner Fehler (MBM_INTERNAL_FAILURE_SENDRECV_SEMAPHORE)
201 internal failure (MBM_INTERNAL_FAILURE_CLOSING_CONNECTION)
253 Initialisation in progress (MBM_FUNCTIONBLOCK_INITIALIZED)
254 Request in progress (MBM_FUNCTIONBLOCK_BUSY)
255 Connection occupied (MBM_CONN_OTHER_FUNCTIONBLOCK_USES_SUBUNIT)
135
11.22.7.
TEST COLLEGAMENTO STRING-BOX
Per accedere alla pagina di test delle stringbox premere Test Collega. String-Box sulla
pagina di test.
La pagina permette di visualizzare lo stato della comunicazione Ethernet tra il sistema
di monitoraggio e le string-box collegate. Solitamente le String-Box comunicano
mediante linea RS485 ed è necessario quindi installare un Gateway.
Verificare che il contatore TX sia coerente con il contatore RX OK.
L’accensione della spia rossa ERROR o l’aumento del contatore ERR indica la presenza
un problema di comunicazione con le string-box.
In questi casi è necessario verificare:
- l’accensione dei dispositivi;
- la configurazione del gateway;
- la correttezza dei parametri di comunicazione tra Gateway e le string-box;
- il cablaggio elettrico.
136
11.22.8.
TEST COLLEGAMENTO UTENZE
Per accedere alla pagina di test delle utenze
premere Test espansioni sulla pagina di test.
La pagina permette di visualizzare lo stato della comunicazione Ethernet tra il sistema
di monitoraggio ed i misuratori collegati. Solitamente i misuratori comunicano
mediante linea RS485 ed è necessario quindi installare un Gateway.
Verificare che il contatore TX sia coerente con il contatore RX OK.
L’accensione della spia rossa ERROR o l’aumento del contatore ERR indica la presenza
un problema di comunicazione con i misuratori.
In questi casi è necessario verificare:
- l’accensione dei dispositivi;
- la configurazione del gateway;
- la correttezza dei parametri di comunicazione tra Gateway ed i misuratori;
- il cablaggio elettrico.
137
11.22.9.
TEST ESPANSIONI
Per accedere alla pagina di test degli ingressi
premere Test espansioni sulla pagina di test.
Queste pagine permettono di visualizzare il valore degli ingressi delle espansioni
collegate.
Selezionare l’espansione da verificare premendo il tasto Selezione.
Espansione 24DIN
Per le espansioni con 24 ingressi digitali,
lo stato delle spie coincide con quello degli
ingressi.
138
Espansione 8AIN
Per le espansioni con 8 ingressi
analogici, il valore viene rappresentato
in base al tipo di sensore scelto nella
configurazione.
Espansione SS-RAD-CANOPEN-T o
DOL-EM-ESP. DOLPHIN IRR+TEMP
Per i solarimetri vengono visualizzati i
valori di irraggiamento e temperatura.
139
12. CONTROLLI INVERTER
Dalla pagina di configurazione degli inverter è possibile configurare i controlli
disponibili per ogni inverter collegato al sistema.
Tali controlli, insieme ai controlli applicabili alle altre espansioni aggiuntive come gli
ingressi digitali, gli ingressi analogici, le string-box, ecc…), rendono il sistema di
monitoraggio capace di allertare i destinatari delle E-Mail su eventuali
malfunzionamenti dell’impianto senza dover dedicare costantemente tempo
all’impianto e di fatto diventare inutilmente il monitoraggio del monitoraggio.
!
Tutti i controlli necessitano che al sistema sia collegato un sensore di
irraggiamento per ogni falda dell’impianto.
In presenza di diverse esposizioni o inclinazioni è necessario installare
un sensore di irraggiamento per ognuna di esse.
Dalla pagina Configurazione inverter premere sui pulsanti CONF..
Dopo aver configurato i controlli verificare di aver abilitato e configurato l’invio delle
E-Mail come descritto al capitolo 11.19 Configurazione modem, 11.19.7 Segnalazione
allarmi inverter e 11.19.8 Segnalazione allarmi controlli inverter.
140
ALLARMI INVERTER E CONTROLLO ACCENSIONE
Questa pagina permette di configurare due controlli:
▪ Allarmi generati dall’inverter;
▪ Controllo di accensione e produzione.
12.1.1. ALLARMI INVERTER
Il controllo degli allarmi inverter genera un allarme ed invia la relativa E-Mail al
verificarsi di un anomalia generata direttamente dall’inverter.
Il rilevamento dell’anomalia può avvenire tramite linea dati o tramite ingresso digitale
utilizzando il contatto di allarme dell’inverter stesso. Nel secondo caso è necessario
installare una espansione 24 ingressi digitali.
▪
SORG. ALLARME: impostare il tipo di rilevamento degli allarmi dell’inverter.
o INTERNO: il rilevamento degli allarmi viene fatto tramite linea di
comunicazione RS485 leggendo i registri dell’inverter.
o ESTERNO: il rilevamento degli allarmi viene fatto utilizzando un ingresso
dell’espansione 24DI collegato al contatto di allarme dell’inverter.
▪
RITARDO ALLARME: impostare la durata minima di permanenza dell’allarme
dell’inverter prima che il sistema generi a sua volta un allarme e la relativa
segnalazione.
141
12.1.2. CONTROLLO DI ACCENSIONE
Il controllo di accensione si basa sulla verifica della comunicazione dati e della
potenza prodotta dall’inverter.
Se l’irraggiamento è superiore alla soglia impostata si presuppone che l’inverter
debba essere acceso, in grado di comunicare e produrre potenza elettrica.
Se la produzione rilevata è inferiore al parametro potenza minima per il tempo
impostato e nella fascia oraria inserita, si può presumere che l’inverter sia guasto,
spento o non ci siano le condizioni per il suo corretto funzionamento.
Se si verifica questa condizione il sistema genererà un allarme e se configurato invierà
la relativa E-Mail di segnalazione (vedi capitolo 11.19.7 SEGNALAZIONE ALLARMI
INVERTER). Verranno inoltre disabilitati tutti gli altri controlli per evitare la
generazione di ulteriori allarmi e segnalazioni E-Mail.
Impostare i parametri come descritto:
▪
CONTROLLO ACCENSIONE: abilitare o disabilitare il controllo di accensione
dell’inverter;
▪
ING. SOLARIMETRO: impostare il numero di ingresso in cui è collegato il
sensore di irraggiamento utilizzato per il controllo di accensione (vedi capitolo
11.11.1 Numerazione ingressi);
▪
IRRAGIAM. MIN.: impostare la soglia di irraggiamento minimo per il controllo
di accensione;
▪
RITARDO ACCENSIONE: impostare la durata minima di permanenza della
condizione di inverter spento prima che il sistema generi l’allarme;
▪
POTENZA MINIMA: impostare la potenza minima che l’inverter deve produrre
sopra il valore di irraggiamento impostato o impostare semplicemente un
valore basso (0.1kW) per rilevare che l’inverter sta producendo e quindi è
funzionante;
▪
PERIODO: impostare la fascia oraria in cui effettuare i controlli, per renderli
permanenti impostare i seguenti valori 00:00 – 23:59.
!
Gli orari impostati nel campo PERIODO non tengono conto dell’ora
legale.
142
Impostare un valore di ritardo accensione che permetta all’inverter di
avviarsi e cominciare a produrre.
Premere su Pagina successiva proseguire con la configurazione.
143
CONTROLLO EFFICIENZA INVERTER / GLOBALE
Il controllo di efficienza dell’inverter può essere effettuato in due modalità:
▪ tramite la verifica del rapporto di conversione tra potenza in uscita AC e potenza
in ingresso DC;
▪ tramite il rapporto tra la potenza di uscita AC e la potenza teorica calcolata
mediante il sensore di irraggiamento.
Nel secondo caso il valore della potenza teorica viene calcolato sulla base
dell’irraggiamento misurato, del declassamento termico dei moduli fotovoltaici e del
decadimento temporale dei moduli fotovoltaici. Impostando il controllo sopra i
250Wm2 si possono filtrare inoltre le perdite per basso irraggiamento.
I valori calcolati dal controllo sono visualizzabili nel campo Controllo efficienza
presente nella pagina Stato Inverter selezionando l’inverter desiderato e come
descritto al capitolo 10.1.4.
12.2.1. CONTROLLO DI EFFICIENZA INVERTER
Il controllo di efficienza dell’inverter rapporta la potenza di uscita AC con la potenza
di ingresso DC. Impostando il parametro EFFICIENZA MIN. è possibile generare una
segnalazione di allarme nel caso il valore scenda sotto il valore impostato.
Impostare i parametri come descritto:
▪
ABILITAZIONE: abilitare o disabilitare il controllo;
▪
TIPO CONTROLLO: impostare INVERTER per effettuare il controllo di efficienza
tra ingresso ed uscita;
144
▪
INGR. SOLARIMETRO: impostare il numero di ingresso in cui è collegato il
sensore di irraggiamento utilizzato per il controllo di accensione (vedi capitolo
11.11.1 Numerazione ingressi);
▪
INGR. TERMOMETRO: impostare il numero di ingresso cui è collegato il sensore
di temperatura di riferimento di ciascun canale dell’inverter (vedi capitolo
11.11.1 Numerazione ingressi);
▪
POTENZA NOM.: impostare la potenza nominale di moduli fotovoltaici collegati
all’inverter (numero totale di pannelli per la potenza nominale del singolo
pannello fotovoltaico);
▪
EFFICIENZA MIN.: impostare la soglia minima di efficienza che si vuole
controllare;
▪
RITARDO: impostare la durata minima di permanenza della condizione di
efficienza bassa prima che il sistema generi un allarme;
▪
PERIODO: impostare la fascia oraria in cui effettuare i controlli, per renderli
permanenti impostare i seguenti valori 00:00 – 23:59.
12.2.2. CONTROLLO DI EFFICIENZA GLOBALE
Il controllo di efficienza globale rapporta la potenza di uscita AC con la potenza teorica
calcolata tramite il sensore di irraggiamento. Impostando il parametro EFFICIENZA
MIN. è possibile generare una segnalazione di allarme nel caso il valore scenda sotto
il valore impostato.
Impostare i parametri come descritto:
▪
ABILITAZIONE: abilitare o disabilitare il controllo;
▪
TIPO CONTROLLO: impostare GLOBALE per effettuare il controllo di efficienza
tra uscita e potenza teorica;
▪
INGR. SOLARIMETRO: impostare il numero di ingresso in cui è collegato il
sensore di irraggiamento utilizzato per il controllo di accensione (vedi capitolo
11.11.1 Numerazione ingressi);
▪
INGR. TERMOMETRO: impostare il numero di ingresso cui è collegato il sensore
di temperatura di riferimento di ciascun canale dell’inverter (vedi capitolo
11.11.1 Numerazione ingressi);
▪
POTENZA NOM.: impostare la potenza nominale di moduli fotovoltaici collegati
all’inverter (numero totale di pannelli per la potenza nominale del singolo
pannello fotovoltaico);
145
▪
EFFICIENZA MIN.: impostare la soglia minima di efficienza che si vuole
controllare;
▪
RITARDO: impostare la durata minima di permanenza della condizione di
efficienza bassa prima che il sistema generi un allarme;
▪
PERIODO: impostare la fascia oraria in cui effettuare i controlli, per renderli
permanenti impostare i seguenti valori 00:00 – 23:59.
146
VARIAZIONE ENERGIA NEGATIVA
Il controllo di variazione di energia negativa controlla che i valori di energia ricevuti
dagli inverter siano sempre incrementali. Nel caso che l’inverter invii al sistema di
monitoraggio un energia inferiore alla penultima rilevata viene generato l’allarme.
Se si sta sostituendo un inverter è normale che il sistema rilevi tale condizione perché
il nuovo inverter partirà da un energia inferiore o pari a zero.
Consultare il capitolo 11.9.2 per effettuare la sostituzione di un inverter.
Negli altri casi è necessario analizzare il motivo di tale condizione verificando
eventuali problemi dell’inverter stesso.
L’allarme viene visualizzato nel campo Variazione di energia presente nella pagina
Stato Inverter, selezionando l’inverter desiderato e come descritto al capitolo 10.1.4.
147
CONTROLLO EFFICIENZA CANALI
Il controllo di efficienza canali confronta, per ogni canale MPPT dell’inverter, la
potenza misurata con quella teorica.
Il valore della potenza teorica viene calcolato sulla base dell’irraggiamento misurato,
del declassamento termico dei moduli fotovoltaici e del decadimento temporale dei
moduli fotovoltaici. Impostando il controllo sopra i 250Wm2 si possono filtrare inoltre
le perdite per basso irraggiamento.
Questo controllo, opportunamente configurato, permette di stabilire lo stato del
campo fotovoltaico di ciascun canale dell’inverter.
Le segnalazioni di allarme possono essere indice di diversi problemi quali:
▪ ombreggiamenti non previsti;
▪ scarsa pulizia dei pannelli;
▪ intervento dei dispositivi di protezione ( fusibili, magnetotermici, ecc. );
▪ malfunzionamento o guasto di alcuni pannelli;
▪ altro.
Il valore di efficienza minima impostato viene continuamente declassato a seconda
del valore di declassamento annuo inserito nei Parametri generici -> Declassamento
annuo impianto; così facendo il sistema permette di adattare nel tempo il valore di
efficienza minima richiesta.
I valore calcolato viene visualizzato nella sezione Stato Inverter -> Controllo di
efficienza canali, selezionando l’ inverter desiderato e come descritto al capitolo
10.1.4.
148
Per l’attivazione dell’allarme devono essere soddisfatte le condizioni di irraggiamento
minimo, ritardo e periodo impostate.
Se si verifica questa condizione il sistema genererà un allarme e se configurato invierà
la relativa E-Mail di segnalazione come descritto al capitolo 11.19.8.
Impostare i parametri come descritto:
▪
ABILITAZIONE: abilitare o disabilitare il controllo per ogni canale dell’inverter.
▪
POTENZA: impostare la potenza nominale di moduli fotovoltaici collegata ad
ogni canale dell’inverter (numero totale di moduli per la potenza nominale del
singolo pannello fotovoltaico).
▪
EFFICIENZA MIN.: impostare la soglia minima di efficienza per ogni canale
dell’inverter. Consigliamo di impostare un valore iniziale dell' 80% e ritoccarlo
nel caso sia troppo o poco sensibile alle variazioni di efficienza nell’arco
dell’anno.
▪
INGR. SOLARIMETRO: impostare il numero di ingresso in cui è collegato il
sensore di irraggiamento utilizzato per il controllo di accensione (vedi capitolo
11.11.1 Numerazione ingressi).
▪
INGR. TERMOMETRO: impostare il numero di ingresso cui è collegato il sensore
di temperatura di riferimento di ciascun canale dell’inverter (vedi capitolo
11.11.1 numerazione ingressi
▪
RIL. CORR./TENS.: impostare la modalità di rilevamento della corrente e della
tensione dei canali.
o INTERNO: il rilevamento dei valori viene fatto tramite comunicazione,
leggendo i registri dell’inverter.
o ESTERNO: il rilevamento dei valori viene fatto utilizzando opportuni
sensori installati in campo collegati alle espansioni 8AI.
▪
ING. CORRENTE: impostare il numero di ingresso cui è collegato il sensore di
corrente di ciascun canale dell’inverter. Il parametro è significativo solo se RIL.
CORR./TENS = ESTERNO.
▪
ING. TENSIONE: impostare il numero di ingresso cui è collegato il sensore di
tensione di ciascun canale dell’inverter. Il parametro è significativo solo se RIL.
CORR./TENS = ESTERNO.
▪
RITARDO: impostare la durata minima di permanenza della condizione di
efficienza bassa prima che il sistema generi un allarme.
149
▪
PERIODO: impostare la fascia oraria in cui effettuare i controlli, per renderli
permanenti impostare i seguenti valori 00:00 – 23:59.
!
!
Gli orari impostati nel campo PERIODO non tengono conto dell’ora
legale.
Mantenere quanto più possibile puliti i sensori di irraggiamento al fine
di evitare false segnalazioni e rendere più preciso il calcolo
dell’efficienza dell’impianto.
Nel caso gli allarmi si ripetano quotidianamente nei medesimi orari, è
opportuno
verificare
la
presenza
di
ombreggiamenti
ed
eventualmente limitare il periodo in cui il controllo viene effettuato.
Nel caso si utilizzino più controlli sullo stesso canale dell’inverter
consigliamo di configurare un minor tempo di ritardo ai controlli
specifici (controllo di accensione, controllo correnti di stringa,
controllo tensione di stringa e controllo e controllo di sbilanciamento
canali) e un maggior tempo di ritardo al controllo di efficienza al fine
di ricevere prima le segnalazioni che identificano con maggiore
precisione la natura del guasto e successivamente la segnalazione del
controllo di efficienza che notifica l’avvenuto calo di prestazioni.
Premere su Pagina successiva proseguire con la configurazione.
150
CONTROLLO CORRENTI DI STRINGA
Nel caso di impianti con inverter centralizzati in cui non sono presenti string-box è
possibile aumentare il controllo dell’ingresso DC installando dei sensori di corrente su
ogni cavo che proviene dal campo fotovoltaico.
Se ad esempio abbiamo un impianto con quattro quadri di sotto campo che sono
direttamente collegati all’ingresso DC dell’inverter, possiamo installare un sensore
DC su ogni cavo e controllare individualmente i quattro canali di ingresso.
Il controllo delle correnti di stringa permette di rilevare sbilanciamenti di corrente
nelle stringhe o paralleli di esse collegate al sistema di monitoraggio.
Per effettuare questo controllo è necessario installare una scheda di ingressi analogici
ed i relativi sensori di corrente opportunamente dimensionati al carico da monitorare.
Il controllo verifica che lo sbilanciamento percentuale misurato non sia maggiore del
valore di sbilanciamento massimo impostato.
I valore calcolato viene visualizzato nella sezione Stato Inverter -> Controllo
sbilanciamento, selezionando l’ inverter desiderato e come descritto al capitolo
10.1.4.
Per l’attivazione dell’allarme devono essere soddisfatte le condizioni di irraggiamento
minimo, ritardo e periodo impostate.
Se si verifica questa condizione il sistema genererà un allarme e se configurato invierà
la relativa E-Mail di segnalazione come descritto al capitolo 11.19.8.
Impostare i parametri come descritto:
151
▪
ABILITAZIONE: abilitare o disabilitare il controllo per ogni canale dell’inverter.
▪
ING. CORRENTI: impostare i numeri degli ingressi cui sono collegati i sensori
di corrente relativi ad ogni canale dell’inverter. Gli ingressi di ciascun canale
devono essere consecutivi; la selezione viene effettuata specificando il primo
ed ultimo ingresso (vedi capitolo 11.11.1 Numerazione ingressi).
▪
SBIL. MAX: impostare la percentuale di sbilanciamento massimo tra le stringhe
di ogni canale. Se le correnti hanno già uno sbilanciamento iniziale dovuto al
tipo di impianto è necessario impostare la percentuale iniziale + lo
sbilanciamento che si vuole monitorare.
▪
RITARDO: impostare la durata minima di permanenza della condizione di
sbilanciamento prima che Energy Monitor generi un allarme.
▪
PERIODO: permette di impostare la fascia oraria in cui effettuare il controllo,
per lasciarlo sempre abilitato impostare i valori a 00:00 – 23:59.
!
Gli orari impostati nel campo PERIODO non tengono conto dell’ora
legale.
Premere su Pagina successiva proseguire con la configurazione.
152
CONTROLLO TENSIONI DI STRINGA
Il controllo di tensione di stringa permette di verificare che la tensione del canale di
ingresso dell’inverter sia maggiore del valore impostato.
L’intervento dei dispositivi di protezione può causare un valore di ingresso pari a zero
che può essere facilmente rilevato e segnalato dal sistema di monitoraggio.
I valore rilevato viene visualizzato nella sezione Stato Inverter -> Controllo tensioni
di stringa, selezionando l’ inverter desiderato e come descritto al capitolo 10.1.4.
Il controllo verifica che la tensione misurata non sia inferiore alla tensione minima
impostata.
Per l’attivazione dell’allarme devono essere soddisfatte le condizioni di irraggiamento
minimo, ritardo e periodo impostate.
Se si verifica questa condizione il sistema genererà un allarme e se configurato invierà
la relativa E-Mail di segnalazione come descritto al capitolo 11.19.8.
Impostare i parametri come descritto:
▪
ABILITAZIONE: abilitare o disabilitare il controllo per ogni canale dell’inverter.
▪
RIL. TENSIONE: impostare la modalità di rilevamento della tensione della
stringa / canale.
o INTERNO: il rilevamento dei valori viene fatto tramite comunicazione RS485,
leggendo i registri dell’inverter.
153
o ESTERNO: il rilevamento dei valori viene fatto utilizzando opportuni sensori
installati in campo collegati alle espansioni ingressi analogici.
▪
ING. TENSIONE: impostare il numero di ingresso cui è collegato del sensore di
tensione di ciascun canale dell’inverter. Il parametro è significativo solo se RIL.
TENSIONE = ESTERNO (vedi capitolo 11.11.1 Numerazione ingressi).
▪
TENSIONE MIN.: impostare la soglia minima di tensione per ogni canale
dell’inverter.
▪
RITARDO: impostare la durata minima di permanenza della condizione di sottotensione prima che Energy Monitor generi un allarme.
▪
PERIODO: permette di impostare la fascia oraria in cui effettuare il controllo,
per lasciarlo sempre abilitato impostare i valori a 00:00 – 23:59.
!
Gli orari impostati nel campo PERIODO non tengono conto dell’ora
legale.
Premere su Pagina successiva proseguire con la configurazione.
154
CONTROLLO SBILANCIAMENTO
Negli inverter dotati di due o più canali di ingresso MPPT, il controllo di sbilanciamento
verifica che la differenza di potenza dei singoli canali resti entro un certo valore
percentuale massimo.
Il controllo è particolarmente utile per rilevare problemi a stringhe singole o piccoli
paralleli, in quanto, più aumentano le stringhe collegate, più diminuisce il valore
percentuale di sbilanciamento.
Se ad esempio, in un canale di ingresso sono collegate quattro stringhe, ognuna
peserà il 25%. Impostando un valore pari al 5 ÷ 20% si potranno rilevare anche
guasti di minore entità.
Il controllo verifica che lo sbilanciamento delle potenze misurate non risulti maggiore
al valore di sbilanciamento massimo impostato tenendo già in considerazione
l’eventuale differenza di potenza nominale dichiarata nei canali.
Per l’attivazione dell’allarme devono essere soddisfatte le condizioni di irraggiamento
minimo, ritardo e periodo impostate.
Se si verifica questa condizione il sistema genererà un allarme e se configurato invierà
la relativa E-Mail di segnalazione come descritto al capitolo 11.19.8.
Impostare i parametri come descritto:
▪
POTENZA: permette di impostare la potenza installata su ogni canale
dell’inverter.
155
▪
INGR. SOLARIMETRO: permette di impostare per ogni canale l’ingresso del
sensore di irraggiamento di riferimento (vedi capitolo 11.11.1 Numerazione
ingressi).
▪
ABILITAZIONE: permette di abilitare e disabilitare il controllo su tutti i canali.
▪
IRRAGGIAM. MIN.: permette di impostare l’irraggiamento minimo sopra il quale
effettuare il controllo.
▪
SBIL. MAX: permette di inserire lo sbilanciamento massimo percentuale tra
ogni canale dell’inverter.
▪
RITARDO: permette di impostare un tempo di ritardo per il quale la condizione
di allarme deve permanere, allo scadere del tempo impostato Energy Monitor
segnalerà l’allarme. Questo parametro deve ragionevolmente prevedere che
l’impianto potrebbe essere parzialmente ombreggiato da una perturbazione.
▪
PERIODO: permette di impostare la fascia oraria in cui effettuare il controllo,
per lasciarlo sempre abilitato impostare i valori a 00:00 – 23:59.
!
Gli orari impostati nel campo PERIODO non tengono conto dell’ora
legale.
Esempio.
Si vuole impostare il controllo di sbilanciamento su un impianto
composto da 4 sottocampi in cui confluiscono 12 stringhe realizzate
con 19 moduli fotovoltaici da 230Wp. L’inverter ha a disposizione 4
canali MPPT indipendenti ai quali è collegato ciascun sotto campo.
Calcolo il valore POTENZA da inserire in ciascun canale = 12 x 19 x
230 = 52440 W = 52,44kW
Vogliamo che il controllo sia in grado di rilevare il guasto del fusibile
di una stringa e quindi calcoliamo la potenza nominale del sotto campo
con una stringa guasta = 11 x 19 x 230 = 48070 W = 48,07 kW
Lo sbilanciamento percentuale sarà = 48,07 / 52,44 x 100 = 91,66 100 = 8,33 %
Lo sbilanciamento massimo che possiamo tollerare è pari all’ 8%,
impostiamo quindi il valore SBIL. MAX compreso tra 5 e 7 % per
evitare il non rilevamento o false segnalazioni.
E’ utile effettuare delle prove pratiche spegnendo manualmente le
stringhe e analizzando i valori descritti al capitolo 10.1.4 Stato
inverter.
156
Premere su Lista inverter per uscire e proseguire con la configurazione
dei controlli dell’inverter successivo.
157
13. CONTROLLI STRING-BOX
Dalla pagina di configurazione delle string-box è possibile configurare i controlli
disponibili per ogni inverter collegato al sistema.
Tali controlli, insieme ai controlli applicabili alle altre espansioni aggiuntive come gli
ingressi digitali, gli ingressi analogici, ecc…), rendono il sistema di monitoraggio
capace di allertare i destinatari delle E-Mail su eventuali malfunzionamenti
dell’impianto senza dover dedicare costantemente tempo all’impianto e di fatto
diventare inutilmente il monitoraggio del monitoraggio.
!
Tutti i controlli necessitano che al sistema sia collegato un sensore di
irraggiamento per ogni falda dell’impianto.
In presenza di diverse esposizioni o inclinazioni è necessario installare
un sensore di irraggiamento per ognuna di esse.
Dalla pagina Configurazione inverter premere sui pulsanti CONF..
Dopo aver configurato i controlli verificare di aver abilitato e configurato l’invio delle
E-Mail come descritto al capitolo 11.19 Configurazione modem e 11.19.10
Segnalazione allarmi string-box.
158
IRRAGGIAMENTO MINIMO CONTROLLI TENSIONE /
SBILANCIAMENTO
Questa sezione permette di indicare ai controlli della string-box quale sensore di
irraggiamento utilizzare e sopra quale valore di irraggiamento effettuare i controlli
abilitati.
Impostare i parametri come descritto:
▪
INGR. SOLARIMETRO: permette di impostare per ogni String-Box l’ingresso
del sensore di irraggiamento di riferimento (vedi capitolo 11.11.1 Numerazione
ingressi).
▪
IRRAGGIAM. MIN.: permette di impostare l’irraggiamento minimo sopra il quale
effettuare i controlli.
159
CONTROLLO SBILANCIAMENTO
Il controllo di sbilanciamento permette di verificare che le stringhe funzionino
correttamente confrontando i loro i valori di corrente.
Se ad esempio tutte le stringhe misurano 8A tranne una che misura 0A, lo
sbilanciamento calcolato sarà pari al 100%; se invece tutte le stringhe misurano 8A
tranne una che misura 4A, lo sbilanciamento calcolato sarà pari al 50%
Per l’attivazione dell’allarme devono essere soddisfatte le condizioni di irraggiamento
minimo, ritardo e periodo impostate.
Se si verifica questa condizione il sistema genererà un allarme e se configurato invierà
la relativa E-Mail di segnalazione come descritto al capitolo 11.19.10.
Impostare i parametri come descritto:
▪
ABILITAZIONE: permette di abilitare e disabilitare il controllo.
▪
NR. STRINGHE: permette di inserire il numero di stringhe connesse alla stringbox ed escludere dal calcolo eventuali stringhe lasciate libere.
▪
SBIL. MAX: permette di inserire lo sbilanciamento massimo percentuale tra
ogni stringa.
▪
RITARDO: permette di impostare un tempo di ritardo per il quale la condizione
di allarme deve permanere, allo scadere del tempo impostato Energy Monitor
segnalerà l’allarme. Questo parametro deve ragionevolmente prevedere che
l’impianto potrebbe essere parzialmente ombreggiato da una perturbazione.
160
▪
PERIODO: permette di impostare la fascia oraria in cui effettuare il controllo,
per lasciarlo sempre abilitato impostare i valori a 00:00 – 23:59.
▪
SEL. STRIGHE: permette di abilitare il controllo sulle singole stringhe dando la
possibilità di disattivarlo su stringhe non collegate.
161
CONTROLLO TEMPERATURA
Il controllo verifica che la temperatura delle string-box non superi il valore impostato.
Per l’attivazione dell’allarme devono essere soddisfatte le condizioni di irraggiamento
minimo, ritardo e periodo impostate.
Se si verifica questa condizione il sistema genererà un allarme e se configurato invierà
la relativa E-Mail di segnalazione come descritto al capitolo 11.19.10.
Impostare i parametri come descritto:
▪
ABILITAZIONE: permette di abilitare e disabilitare il controllo.
▪
TEMPERATURA MAX: permette di impostare la temperatura massima della
string-box.
▪
RITARDO: permette di impostare un tempo di ritardo per il quale la condizione
di allarme deve permanere, allo scadere del tempo impostato Energy Monitor
segnalerà l’allarme. Questo parametro deve ragionevolmente prevedere che
l’impianto potrebbe essere parzialmente e temporaneamente ombreggiato da
una perturbazione.
▪
PERIODO: permette di impostare la fascia oraria in cui effettuare il controllo,
per lasciarlo sempre abilitato impostare i valori a 00:00 – 23:59.
162
CONTROLLO TENSIONE
Il controllo verifica che la tensione della string-box non scenda sotto il valore
impostato.
Per l’attivazione dell’allarme devono essere soddisfatte le condizioni di irraggiamento
minimo, ritardo e periodo impostate.
Se si verifica questa condizione il sistema genererà un allarme e se configurato invierà
la relativa E-Mail di segnalazione come descritto al capitolo 11.19.10.
Impostare i parametri come descritto:
▪
ABILITAZIONE: permette di abilitare e disabilitare il controllo.
▪
TENSIONE MIN.: permette di impostare la tensione minima della string-box.
▪
RITARDO: permette di impostare un tempo di ritardo per il quale la condizione
di allarme deve permanere, allo scadere del tempo impostato Energy Monitor
segnalerà l’allarme. Questo parametro deve ragionevolmente prevedere che
l’impianto potrebbe essere parzialmente ombreggiato da una perturbazione.
▪
PERIODO: permette di impostare la fascia oraria in cui effettuare il controllo,
per lasciarlo sempre abilitato impostare i valori a 00:00 – 23:59.
163
CONTROLLO CODICI DI ALLARME
Le string-box in commercio possono essere caratterizzate da segnalazioni di allarmi
attivabili principalmente mediante ingressi digitali. Il sistema di monitoraggio
permette di monitorare, con diversi codici numerici, l’intervento di tali condizioni di
allarme.
Se ad esempio la string-box collegata è equipaggiata con due ingressi digitali, uno
collegato al sezionatore DC ed uno allo scaricatore, è possibile attivare un codice di
allarme = 1 per l’intervento del sezionato DC ed un codice di allarme = 2 per
l’intervento dello scaricatore.
Per l’attivazione dell’allarme devono essere soddisfatte le condizioni di irraggiamento
minimo, ritardo e periodo impostate.
Se si verifica questa condizione il sistema genererà un allarme e se configurato invierà
la relativa E-Mail di segnalazione come descritto al capitolo 11.19.10.
Impostare i parametri come descritto:
▪
ABILITAZIONE: permette di abilitare e disabilitare il controllo.
▪
RITARDO: permette di impostare un tempo di ritardo per il quale la condizione
di allarme deve permanere, allo scadere del tempo impostato Energy Monitor
segnalerà l’allarme. Questo parametro deve ragionevolmente prevedere che
l’impianto potrebbe essere parzialmente ombreggiato da una perturbazione.
▪
PERIODO: permette di impostare la fascia oraria in cui effettuare il controllo,
per lasciarlo sempre abilitato impostare i valori a 00:00 – 23:59.
164
Consultare il documento “Lista string-box” per maggiori informazioni
sui codici di allarme disponibili sulle varie marche di string-box.
165
14. ALLARMI
Gli allarmi sotto riportati vengono generati dal sistema se abilitati e se configurati i
relativi controlli.
Alcuni di essi contengono delle informazioni che vengono prelevate direttamene dai
dispositivi collegati tramite linea dati ( Inverter, string-box, ecc…. ) ed è quindi
necessario consultare i documenti del costruttore per risalire alla descrizione
dell’informazione rilevata.
Altri allarmi vengono invece generati dal sistema di monitoraggio per segnalare le
anomalie configurate nel sistema.
Gli allarmi vengono visualizzati nella sezione dedicata descritta al capitolo 10.1.3.
166
ALLARMI INVERTER E CONTROLLI INVERTER
14.1.1. ALLARME INVERTER
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ALLARME INVERTER xx
[Descrizione] (ANOMALIA
yy)
Descrizione
E’ stato rilevato un codice
di allarme generato
direttamente dall’inverter.
Azioni suggerite
Consultare il documento
Lista Inverter o la
documentazione del
costruttore per risalire al
codice di allarme relativo
al tipo di componente
collegato.
Consultare il capitolo
12.1.1 per maggiori
informazioni sul controllo.
xx: nr. univoco del componente;
[Descrizione]: Descrizione inserita nel menù configurazione inverter;
( yy ): tipo di controllo intervenuto.
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ALLARME INVERTER xx
[Descrizione] (CONTATTO
ALLARME)
Descrizione
Azioni suggerite
E’ stato rilevato
Verificare sull’inverter la
l’intervento del contatto
causa del guasto.
di allarme dell’inverter.
Consultare il capitolo
Per utilizzare questo
12.1.1 per maggiori
controllo è necessario
informazioni sul controllo.
installare l’espansione
ingressi digitali.
xx: nr. univoco del componente;
[Descrizione]: Descrizione inserita nel menù configurazione inverter;
14.1.2. CONTROLLO DI ACCENSIONE
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ALLARME INVERTER xx
[Descrizione] (MANCATA
ACCENSIONE)
Descrizione
E’ stato attivato il
controllo di mancata
accensione dell’inverter.
Azioni suggerite
Verificare l’effettiva
accensione dell’inverter.
Questo controllo si attiva
anche in caso di
mancanza di
comunicazione con
l’inverter. Consultare il
capitolo 12.1.2 per
maggiori informazioni sul
controllo.
xx: nr. univoco del componente;
[Descrizione]: Descrizione inserita nel menù configurazione inverter;
167
14.1.3. CONTROLLO VARIAZIONE ENERGIA NEGATIVA
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ALLARME INVERTER xx
[Descrizione]
(VARIAZIONE ENERGIA
NEGATIVA)
Descrizione
E’ stato rilevato un valore
di energia minore al
precedente salvato.
Azioni suggerite
Nel caso si stia
sostituendo un inverter
con uno nuovo o con
energia minore seguire la
procedura descritta al
capitolo 11.9.2..
Verificare di non aver
cambiato gli indirizzi di
rete degli inverter dopo
averli già collegati al
sistema.
xx: nr. univoco del componente;
[Descrizione]: descrizione inserita nel menù configurazione inverter;
14.1.4. CONTROLLO DI EFFICIENZA CANALI
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ALLARME INVERTER xx
[Descrizione]
(EFFICIENZA CH.yy)
Descrizione
E’ stato rilevato un
allarme generato dal
controllo di efficienza.
Azioni suggerite
Verificare la causa del
calo di produzione sul
dispositivo segnalato.
Potrebbero essere
intervenuti i dispositivi di
protezione o si potrebbero
essere formati
ombreggiamenti
indesiderati.
Consultare il capitolo 12.4
per maggiori informazioni.
xx: nr. univoco del componente;
[Descrizione]: descrizione inserita nel menù configurazione inverter;
( yy ): identifica il canale dell’inverter in allarme.
168
14.1.5. CONTROLLO DI EFFECIENZA INVERTER / GLOBALE
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ALLARME INVERTER xx
[Descrizione]
(CONTROLLO EFFICIENZA
INVERTER)
Descrizione
E’ stato rilevato un
allarme generato dal
controllo di efficienza
dell’inverter.
Azioni suggerite
Verificare la causa della
riduzione di efficienza
rilevata sull’inverter.
Nel caso il controllo sia
configurato per verificare
l’efficienza di conversione
tra AC e DC concentrarsi
sulle performance
dell’inverter, sulla
temperatura e consultare
il costruttore. Nel caso il
controllo sia configurato
per verificare l’efficienza
globale dell’inverter, oltre
all’inverter stesso, va
controllato anche il parco
fotovoltaico.
Potrebbero essere
intervenuti i dispositivi di
protezione o si potrebbero
essere formati
ombreggiamenti
indesiderati.
Consultare il capitolo 12.2
per maggiori informazioni.
xx: nr. univoco del componente;
[Descrizione]: descrizione inserita nel menù configurazione inverter;
( yy ): identifica il canale dell’inverter in allarme.
169
14.1.6. CONTROLLO CORRENTE DI STRINGA
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ALLARME INVERTER xx
[Descrizione] (CORRENTE
CH. yy)
Descrizione
E’ stato rilevato un
allarme generato dal
controllo di corrente del
canale ingresso DC.
Azioni suggerite
Verificare la causa della
riduzione della corrente
sul canale DC segnalato.
Potrebbero essere
intervenuti i dispositivi di
protezione o insorti danni
nel parco fotovoltaico.
Consultare il capitolo 12.5
per maggiori
informazioni.
xx: nr. univoco del componente;
[Descrizione]: descrizione inserita nel menù configurazione inverter;
( yy ): identifica il canale dell’inverter in allarme.
14.1.7. CONTROLLO TENSIONE DI STRINGA
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ALLARME INVERTER xx
[Descrizione] (TENSIONE
CH. yy)
Descrizione
E’ stato rilevato un
allarme generato dal
controllo di tensione del
canale ingresso DC.
Azioni suggerite
Verificare la causa della
riduzione di tensione sul
canale DC segnalato.
Potrebbero essere
intervenuti i dispositivi di
protezione o insorti danni
nel parco fotovoltaico.
Consultare il capitolo 12.6
per maggiori
informazioni.
xx: nr. univoco del componente;
[Descrizione]: descrizione inserita nel menù configurazione inverter;
( yy ): identifica il canale dell’inverter in allarme.
170
14.1.8. CONTROLLO SBILANCIAMENTO
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ALLARME INVERTER xx
[Descrizione]
(SBILANCIAMENTO
CANALI)
Descrizione
E’ stato rilevato un
allarme generato dal
controllo di
sbilanciamento tra i canali
di ingresso DC.
Azioni suggerite
Verificare la causa della
riduzione di produzione su
uno o più canali di
ingresso dell’inverter.
Potrebbero essere
intervenuti i dispositivi di
protezione o si
potrebbero essere formati
ombreggiamenti
indesiderati.
Consultare il capitolo 12.7
per maggiori
informazioni.
xx: nr. univoco del componente;
[Descrizione]: descrizione inserita nel menù configurazione inverter.
171
ALLARMI DI SISTEMA
14.2.1. ALLARME COMUNICAZIONE ESPANSIONI
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ALLARME ESPANSIONE xx
Descrizione
Il sistema non riceve
risposta dal componente
segnalato.
Azioni suggerite
Verificare il cablaggio,
l’alimentazione elettrica,
che l’indirizzo di rete
impostato sia coerente
con quanto inserito nel
sistema. Se l’espansione
continua a non rispondere
potrebbe essere guasta.
xx: nr. univoco dell’espansione;
14.2.2. ALLARME COMUNICAZIONE CONTATORI
Messaggio E-mail
Nome impianto COMUNICAZIONE
CONTATORE
PRODUZIONE xx
Descrizione
Il sistema non riceve
risposta dal componente
segnalato.
Azioni suggerite
Verificare il cablaggio,
l’alimentazione elettrica,
che l’indirizzo di rete
impostato sia coerente
con quanto inserito nel
sistema. Se l’espansione
continua a non rispondere
potrebbe essere guasta.
xx: nr. univoco del contatore;
Messaggio E-mail
Nome impianto COMUNICAZIONE
CONTATORE SCAMBIO xx
Descrizione
Il sistema non riceve
risposta dal componente
segnalato.
Azioni suggerite
Verificare il cablaggio,
l’alimentazione elettrica,
che l’indirizzo di rete
impostato sia coerente
con quanto inserito nel
sistema. Se l’espansione
continua a non rispondere
potrebbe essere guasta.
xx: nr. univoco del contatore;
172
14.2.3. ALLARMI ASSOCIATI AD INGRESSI DIGITALI ED ANALOGICI
Messaggio E-mail
Nome impianto ALLARME SENSORE xx
(LIMITE MINIMO)
Descrizione
E’ stato rilevato il
cambiamento di stato
dell’ingresso riportato nel
messaggio.
Nome impianto ALLARME SENSORE xx
(LIMITE MASSIMO)
Azioni suggerite
Verificare lo stato del
dispositivo monitorato
dall’ingresso segnalato.
La ricezione di questo
allarme segnala che il
componente monitorato
dall’ingresso digitale o
analogico ha superato la
soglia massima o minima
impostata.
xx: nr. univoco dell’ingresso;
14.2.4. ALLARME INCONGRUENZA ENERGIA PRODOTTA
Messaggio E-mail
Nome impianto INCONGRUENZA
ENERGIA PRODOTTA
Descrizione
E’ stato rilevato un
disallineamento tra
l’energia giornaliera
prodotta dagli inverter e
l’energia giornaliera
misurata dal/i contatore/i.
Azioni suggerite
Questo allarme deve
interrompere l’utilizzo dei
dati per la compilazione
del registro UTF.
Verificare il corretto
cablaggio dell’espansione
contatori e la corretta
configurazione dei
parametri. Soprattutto in
giornate di scarsa
produzione è possibile
che l’imprecisione
dell’energia misurata
dagli inverter superi il
valore impostato nel
controllo ( Parametri
generici -> Differenza
massima lettura energia
prodotta).
173
14.2.5. ALLARME COMUNICAZIONE SENSORE DI IRRAGGIAMENTO
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ALLARME ESPANSIONE
SENSORE
IRRAGGIAMENTO xx
Descrizione
Il sistema non riceve
risposta dal componente
segnalato.
Azioni suggerite
Verificare il cablaggio,
l’alimentazione elettrica,
che l’indirizzo di rete
impostato sia coerente
con quanto inserito nel
sistema. Se l’espansione
continua a non rispondere
potrebbe essere guasta.
xx: nr. univoco dell’espansione;
14.2.6. ERRORE COMUNICAZIONE ESPANSIONI
Messaggio E-mail
Nome impianto –
MONITOR: errore
comunicazione espansioni
Descrizione
Il sistema non riesce ad
inizializzare la rete
CanOpen dedicata al
collegamento delle
espansioni.
Azioni suggerite
Verificare il cablaggio.
Se scollegando i
dispositivi collegati
l’allarme si ripristina,
verificare il cablaggio
effettuato. Se non si
rispristina il sistema di
monitoraggio potrebbe
essere guasto. Contattare
l’assistenza tecnica.
14.2.7. ERRORE SALVATAGGIO FILE DATI LOCALE
Messaggio E-mail
Nome impianto –
MONITOR: errore
salvataggio file dati locale
Descrizione
Non è stato possibile
salvare i dati sulla scheda
di memoria SD. La
memoria SD potrebbe
essere guasta.
Azioni suggerite
Verificare la presenza
della SD card.
Contattare l’assistenza
tecnica per la fornitura di
una nuova SD card.
14.2.8. ERRORE SALVATAGGIO FILE DATI UTENZE
Messaggio E-mail
Nome impianto –
MONITOR: Errore
salvataggio file dati
utenze
Descrizione
Non è stato possibile
salvare i dati sulla scheda
di memoria SD. La
memoria SD potrebbe
essere guasta.
Azioni suggerite
Verificare la presenza
della SD card.
Contattare l’assistenza
tecnica per la fornitura di
una nuova SD card.
174
14.2.9. IL SISTEMA SI È RIAVVIATO DOPO UNO SPEGNIMENTO
Messaggio E-mail
Nome impianto –
MONITOR: Il sistema si è
riavviato dopo uno
spegnimento
14.2.10.
Descrizione
Il file di configurazione
del sistema non è stato
trovato.
Azioni suggerite
Contattare il supporto
tecnico per risolvere il
problema.
ERRORE CARICAMENTO CONFIGURAZIONE
Messaggio E-mail
Nome impianto –
MONITOR: Errore
caricamento
configurazione
14.2.12.
Azioni suggerite
Se l’impianto fotovoltaico
ha continuato a
funzionare, verificare che
non vi sia stata una
perdita di dati.
Valutare il riallineamento
dei contatori come
descritto al capitolo 0.
FILE CONFIGURAZIONE NON TROVATO
Messaggio E-mail
Nome impianto –
MONITOR: File
configurazione non
trovato
14.2.11.
Descrizione
L’allarme segnala che il
sistema di monitoraggio è
stato spento e si è
riavviato.
Descrizione
Il file di configurazione
del sistema non è stato
caricato.
Azioni suggerite
Contattare il supporto
tecnico per risolvere il
problema.
ERRORE CARICAMENTO CONFIGURAZIONE
Messaggio E-mail
Nome impianto –
CARICAMENTO
CONFIGURAZIONE
Descrizione
Ci sono degli errori nel file
Parametri.txt.
Viene visualizzato il
codice di errore in alto a
destra nella pagina
principale.
Azioni suggerite
Contattare il supporto
tecnico per risolvere il
problema.
175
ALLARMI STRING-BOX
14.3.1. ALLARME COMUNICAZIONE GATEWAY E STRING-BOX
Messaggio E-mail
Nome impianto –
COMUNICAZIONE
CONVERTITORE STRINGBOX
Descrizione
Il sistema non riceve
risposta dal componente
segnalato.
Azioni suggerite
Verificare il corretto
cablaggio e la fonte di
alimentazione
dell’espansione Stringbox.
14.3.2. ALLARME STRING-BOX CONTROLLO DI SBILANCIAMENTO
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ATTIVAZIONE ALLARME
STRINGBOX xx
(SBILANCIAMENTO)
Descrizione
E’ stato rilevato un
allarme generato dal
controllo di
sbilanciamento.
Azioni suggerite
Verificare i valori di
corrente della string-box
segnalata. Se una o più di
queste sono a valore 0
verificare il dispositivo di
protezione altrimenti
valutare di restringere la
fascia oraria di controllo
per evitare
ombreggiamenti anche
parziali delle stringhe.
Consultare il capitolo 13
per maggiori dettagli sui
controlli.
xx: nr. univoco della string-box;
14.3.3. ALLARME STRING-BOX CONTROLLO TEMPERATURA
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ATTIVAZIONE ALLARME
STRINGBOX xx
(SOVRATEMPERATURA)
Descrizione
E’ stato rilevato un
allarme generato dal
controllo di
sovratemperatura.
Azioni suggerite
Verificare il valore di
temperatura della stringbox segnalata. Consultare
il capitolo 13 per
maggiori dettagli sui
controlli.
xx: nr. univoco della string-box;
176
14.3.4. ALLARME STRING-BOX CODICE DI ALLARME
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ATTIVAZIONE ALLARME
STRINGBOX xx
(ANOMALIA yy)
Descrizione
E’ stato rilevato un
allarme generato dal
controllo dei codici di
allarme delle string-box.
Azioni suggerite
Verificare il codice inviato
e consultare il documento
Lista String-Box per
risalire al tipo di errore
generato dalla stessa.
Consultare il capitolo 13
per maggiori dettagli sui
controlli.
xx: nr. univoco della string-box;
14.3.5. ALLARME STRING-BOX CONTROLLO TENSIONE
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ATTIVAZIONE ALLARME
STRINGBOX xx
(SOTTOTENSIONE)
Descrizione
E’ stato rilevato un
allarme generato dal
controllo di tensione.
Azioni suggerite
Verificare il valore di
tensione della string-box
segnalata. Consultare il
capitolo 13 per maggiori
dettagli sui controlli.
xx: nr. univoco della string-box;
14.3.6. ALLARME STRING-BOX COMUNICZIONE
Messaggio E-mail
Nome impianto –
ATTIVAZIONE ALLARME
STRINGBOX xx
(COMUNICAZIONE)
Descrizione
Il sistema non riceve
risposta dal componente
segnalato.
Azioni suggerite
Verificare il collegamento
della linea di
comunicazione e
l’alimentazione del
componente.
Consultare il documento
Lista String-Box per
maggiori dettagli sul
collegamento del
componente.
xx: nr. univoco della string-box;
177
ALLARMI UTENZE
14.4.1. ALLARME UTENZE COMUNICZIONE
Messaggio E-mail
Nome impianto – UTENZA
XX: Errore comunicazione
Descrizione
Il sistema non riceve
risposta dal componente
segnalato.
Azioni suggerite
Verificare il collegamento
della linea di
comunicazione e
l’alimentazione del
componente.
Consultare il documento
Lista utenze per maggiori
dettagli sul collegamento
del componente.
xx: nr. univoco del misuratore;
178
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

creare flashcard