5G documento 15 maggio 2016

annuncio pubblicitario
Liceo Ginnasio Luigi Galvani
Bologna
Anno Scolastico 2015 – 2016
Classe 5 G
Documento del Consiglio di Classe
Bologna, 15 Maggio 2016
IL PRESIDENTE
Prof.ssa Sofia Gallo
______________________________________________
1
INDICE DEI CONTENUTI
Presentazione della classe
Variazioni nella composizione del gruppo classe
Presentazione della sezione internazionale francese ESABAC
Composizione del Consiglio di Classe
Finalità e obiettivi comuni della programmazione di classe
pag. 5
pag. 6
Criteri attribuzione voti e livelli valutazione comuni a tutte le discipline
Attività di potenziamento in orario curricolare/extracurricolare, viaggi
Simulazioni di prove d'esame
pag. 7
pag. 8
pag. 9
Esempi di terza prova
pag. 10
Griglie di valutazione
pag. 26
Programmi disciplinari svolti e relazioni individuali
pag. 32
2
pag. 3
Presentazione della classe
La 5 G è composta da 24 studenti, su due opzioni: linguistica (22 allievi) e scientifica (2
allieve) della sperimentazione di liceo internazionale francese (Esabac)
La struttura della classe si è mantenuta abbastanza stabile dall’inizio del triennio (una
bocciatura e un inserimento in terza, la stessa cosa in quarta), con una certa continuità
nella composizione dei docenti del Consiglio di classe. Un’ allieva ha sperimentato un
intero anno di studio, al quarto anno, all’estero (Stati Uniti), un’altra solo per la prima
parte dell’anno.
Il gruppo classe dimostra risorse di intelligenza e vivacità, ma la quotidianità in aula è
spesso risultata "limitante" per le personalità dei ragazzi e negli anni si sono riscontrate
assenze, ritardi, divisioni interne, disattenzione che hanno abbassato i livelli di profitto
generale. In questo ultimo anno gli studenti si sono dimostrati partecipativi e
costruttivamente presenti, a fronte di assenze di alcuni professori per malattia e di un
gravissimo evento quale la morte del proprio professore di arte durante il viaggio di
istruzione. In questo frangente la classe si è compattata e ha dato prova di grande maturità
e umanità. Il profitto risulta mediamente discreto, si segnalano alcune punte di eccellenza
che hanno saputo investire nella scuola senza risparmiarsi (presenza, attenzione,
partecipazione) e meritano di concludere il percorso con soddisfazione. Nessuno studente
concorre alla lode. Ci sono comunque alcuni casi di rendimento non pienamente
sufficiente.
Presentazione della Sezione Internazionale Francese-ESABAC
Le sezioni internazionali sono nate con lo scopo esplicito di creare un nuovo cittadino
europeo, sfruttando l’atmosfera multiculturale promossa dall’inserimento nel curricolo
scolastico italiano di più lingue straniere, con tutto il peso che questo implica a livello di
orario, di impegno, di organizzazione, di carico di lavoro sia per i ragazzi che per gli
insegnanti. In particolare, gli studenti della Sezione Internazionale di Francese -Esabac
affrontano un percorso potenziato dal punto di vista linguistico e metodologico che
prevede, nel quinquennio, lo studio della lingua francese per 5 ore la settimana e di
histoire-géo in francese per 4 o 3 ore la settimana. I docenti coinvolti sono, tra l'altro,
docenti madrelingua che utilizzano metodologie integrate, libri di testo francesi con
un'attenzione particolare ai programmi interculturali, come, appunto, l'Esabac.
Alla base di questo progetto c’è un’idea di integrazione, e di creazione nello studente di
una seconda consapevolezza e quasi identità culturale, come formazione predisponente
a comportamenti di maggiore apertura e tolleranza. Per ottenere questo scopo si è
privilegiato la lingua del paese partner come connotato identificativo della classe
internazionale, subordinando a questa gli indirizzi specifici. In altri termini qui non si
tratta di studenti dello scientifico o classico o linguistico che studiano in modo
approfondito una lingua straniera, ma sono studenti “italo-francesi” che si dividono per
frequentare i loro corsi specifici.
Sull'articolazione di un liceo italiano, articolato negli indirizzi classico, scientifico e
linguistico
si è innestato lo studio di una lingua seconda che, oltre ad essere
approfondita in tutte le sue valenze linguistico-comunicative e nell’espressione
letteraria, viene anche usata per veicolare delle discipline: la storia e la geografia. Il
3
francese come lingua seconda è quindi elemento caratterizzante di un corso che non
abbandona tuttavia lo studio della lingua inglese.
Le conseguenze pratiche di questa impostazione sono:
che tutti gli insegnanti delle sezioni internazionali si trovano, indipendentemente dalla
propria disciplina, ad operare in un contesto particolare (internazionale, appunto) che
richiede un modo specifico di concepire l’insegnamento della propria disciplina
(lavorando, per esempio, più sulle competenze che non sui contenuti) e di rapportarsi ai
colleghi (confronto didattico su metodologie anche culturalmente diverse). In effetti queste
sezioni sono non solo bilingue, ma anche biculturali e bimetodologiche in quanto il
favorire il confronto tra le metodologie per sviluppare negli allievi competenze e abilità
tipiche è uno dei punti più significativi di questo modello insieme all’utilizzare la lingua
seconda per insegnare una disciplina e abituare i giovani all’interculturalità.
L’attività didattica prevede una serie di attività extracurriculari, come stages, scambi,
partecipazione a progetti (dettagliate nelle pagine seguenti), che implicano talora
modifiche al flusso di lavoro tradizionale in classe.
L’ESAME INTEGRATIVO ESABAC
Da settembre 2010 è entrato in vigore l'Esabac, un nuovo dispositivo educativo,
modificando in parte le modalità finali dell'Esame di Stato delle Sezioni Internazionali.
Questa è dunque la prima sessione di esami, a coronamento di un percorso integrato
quinquennale. L'Esabac consente agli studenti della Sezione Internazionale di Francese di
conseguire simultaneamente due diplomi: quello italiano e il Baccalauréat francese. I
candidati dovranno superare, da un lato, le prove dell'Esame di Stato e, dall'altro, due
prove scritte specifiche dell'Esabac (quarta prova) nonché le prove integrate al colloquio
orale in francese. In particolare:
-la prova scritta di lingua e letterature francese prevede una delle seguenti modalità di
svolgimento, a scelta del candidato, tra:
a) analisi di un testo, tratto dalla produzione letteraria in francese, dal 1850 ai giorni nostri
b) saggio breve, da redigere sulla base di un corpus di testi letterari e iconografici relativi
al tema proposto, avvalendosi delle proprio conoscenze.
-la prova scritta di storia in francese verte sul programma dell'ultimo anno di corso (dal
1945 ai giorni nostri) e prevede una delle seguenti modalità di svolgimento, a scelta del
candidato:
a) composizione sul tema proposto
b) studio e analisi di un insieme di documenti scritti e/o iconografici.
-la prova orale di lingua e letteratura francese si svolge nell'ambito del colloquio, dopo
l'esposizione del percorso individuale da parte del candidato.
Il doppio rilascio di diplomi è stato reso possibile dall'accordo intergovernativo firmato il
24 febbraio 2009 dal ministro italiano dell'istruzione, dell'Università e della Ricerca
(MIUR) e convalida un percorso di studi bi-culturale e bilingue. La normativa (DM 91 del
22 novembre 2010) è disponibile sul sito del MIUR.
4
COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE
Docenti
area comune
Disciplina
Magda Indiveri
Hélene David
# Tanja Vicario
Italiano
Francese
St.in
francese
St. dell’Arte 2
Per l’intero triennio
Per l’intero triennio
Per l’intero triennio
Scienze
Motorie
Religione
Filosofia
2
Dal quarto anno
1
3
Per l’intero triennio
Per l’intero triennio/ultimi due
mesi
Spagnolo
Inglese
Matematica
Scienze
5
4
3
3
Per l’intero triennio
Per l'intero triennio
Per l'intero triennio
Per l'intero triennio/ultimi tre mesi
Matematica
Fisica
Inglese
Scienze
5
3
3
3
Per l’intero triennio
Per l’intero triennio
Dal quarto anno
Dal quarto anno
Michele Tosi/
Supplente
Cinzia Baldisseri
Pina Ilaria Spagna
Musso
Riccardo Carli
#Stefano Massidda
Falqui/supplente
Valentina D’Andrea
Docenti
opz. linguistica
#Carmen Bloise
#Oria Zanzi
Margherita Saccozzi
AnnaMaria Felisa/
Supplente
Katia
Nisi
Docenti
opz. scientifica
#Paola Giacconi
Paola Giacconi
Claudia Rambelli
Andrea Poli
Ore
sett. di
lezione
4
4
3
Continuità
Per l’intero triennio/ultimi due
mesi
# componente della Commissione per l'Esame di Stato
5
Finalità e Obiettivi trasversali della Programmazione di Classe
Finalità dell'attività educativa
Finalità dell'attività didattica nel suo complesso è lo sviluppo armonico ed equilibrato
della personalità dell'alunno attraverso una consapevole presa di coscienza dei propri
mezzi, un costante impegno volto al graduale miglioramento di tutte le potenzialità fino
alla formazione di un ordinato sistema logico - espressivo, attraverso la motivazione agli
studi e all'elaborazione di un metodo di studio personale ed efficace.
La formazione culturale e personale dell’allievo mira a garantire :
a) preparazione per la prosecuzione degli studi a livello universitario in qualsiasi facoltà
b) preparazione alla partecipazione alla vita civile come cittadini responsabili.
Obiettivi trasversali comuni a tutte le discipline:
1) Obiettivi cognitivi (Sapere)
• Acquisizione della struttura delle varie discipline: concetti, regole, relazioni,
linguaggi.
• Possesso delle competenze linguistiche di base per:
a) comprensione dei testi
b) individuazione e contestualizzazione dei testi
c) capacità di utilizzare le informazioni
2) Obiettivi metodologici e della comunicazione: (Saper fare)
• Acquisizione di un metodo di studio ordinato e coerente. Tutti gli alunni dovranno
pertanto sapersi organizzare nel lavoro e imparare a:
- ascoltare e formulare opinioni
- reperire e usare strumenti didattici
- saper prendere appunti, riordinarli, studiarli e saperli inserire nel più ampio contesto
culturale offerto
- analizzare ed elaborare testi
- mettere in relazione le conoscenze
- discutere e argomentare in modo pertinente
Per quanto attiene alla comunicazione, gli alunni dovranno:
- avere coscienza della lingua come struttura complessa e differenziata e dei suoi
principali meccanismi.
- avere coscienza dei registri linguistici
- possedere codici
3) Obiettivi affettivo-relazionali : (Saper essere)
Acquisizione della percezione di sé, della capacità di autovalutazione e crescita nel
processo di autostima .
Acquisizione di autodisciplina che si manifesta in costanza nello studio, corretta
partecipazione, lealtà e assunzione di responsabilità nel lavoro individuale e di gruppo.
Acquisizione di autonomia che si esplicita nella programmazione del lavoro, nel giudizio,
nell’assunzione di responsabilità
Potenziamento della curiosità e della disponibilità ad un lavoro intellettuale approfondito,
consapevole e critico.
Tali obiettivi sono stati raggiunti dalla quasi totalità della classe.
6
Criteri per l’attribuzione dei voti e livelli di valutazione comuni a tutte le discipline
Dieci
Nove
Otto
Sette
Sei
Cinque
Quattro
Tre
Indica un livello di eccellenza nel raggiungimento di tutti gli obiettivi:
eccellente padronanza dei contenuti, uso sapiente e autonomo delle abilità e
competenze, atteggiamento maturo e responsabile.
Indica ottima padronanza dei contenuti e pieno raggiungimento delle
competenze, autonomia e sicurezza nel lavoro.
Indica un pieno raggiungimento degli obiettivi: sicura acquisizione dei
contenuti, uso corretto delle competenze, atteggiamento positivo in ogni fase
dell’attività didattica.
Indica una acquisizione corretta delle conoscenze, una discreta padronanza
delle competenze connesse col piano di studi, un impegno costante.
Indica il raggiungimento dei livelli minimi di conoscenze e competenze
previsti (conoscenza dei concetti fondamentali delle discipline e delle
relazioni che intercorrono fra i vari elementi; capacità di sapersi orientare
nelle verifiche orali e scritte riuscendo a cogliere i temi fondamentali del
quesito posto; impegno abbastanza regolare.)
Indica carenze lievi nel raggiungimento degli obiettivi minimi previsti a
livello cognitivo e metodologico. (conoscenza dei concetti fondamentali
delle discipline e delle relazioni che intercorrono fra i vari elementi; capacità
di sapersi orientare nelle verifiche orali e scritte riuscendo a cogliere i temi
fondamentali del quesito posto; impegno abbastanza regolare.)
Indica carenze gravi sia a livello cognitivo che metodologico (non
conoscenza dei concetti fondamentali delle discipline e delle relazioni che
intercorrono fra i vari elementi; incapacità di sapersi orientare nelle verifiche
orali e scritte riuscendo a cogliere i temi fondamentali del quesito posto;
impegno inadeguato.)
Indica carenze gravissime sia nell’acquisizione dei contenuti, sia nel metodo
di studio, sia nell’atteggiamento. (totale ignoranza dei concetti fondamentali
delle discipline e delle relazioni che intercorrono fra i vari elementi;
impossibilità di orientarsi nelle verifiche orali e scritte; disinteresse in classe
e mancanza di impegno nel lavoro individuale)
7
• Attività di potenziamento svolte nel triennio in orario curricolare
Attività di educazione alla salute: prevenzione HIV, educazione alimentare, educazione
ambientale.
Fascicolo sanitario elettronico.
Partecipazione alle Giornate per l’Orientamento organizzate dall’Università di Bologna e
dalla scuola.
Giornate presso il Life Learning Center (opzione linguistica)
Visita all'osservatorio radiotelescopico (opzione scientifica)
Spettacoli teatrali in lingua straniera.
Partecipazione a conferenze su vari ambiti.
Nel corso dell’anno 2014/2015, alcuni studenti della classe hanno partecipato al progetto di
traduzione dal francese del libro: Bernard Friot, Storie di quadri (a testa in giù), Il Castoro ed
2015.
La classe ha partecipato attivamente a due letture pubbliche, presso la Libreria Coop
Ambasciatori, di brani da loro scelti di Etty Hillesum nel 2013/2014 e di brani sulla
Resistenza nel 2014/2015.
Due studentesse hanno concorso al Certilingua.
• Attività di potenziamento svolte in orario extracurricolare
Orientamento all'università e alle professioni
Attività Integrative
Conferenze e seminari relativi ai vari ambiti disciplinari
Scambi e viaggi di istruzione
Viaggio di istruzione in 5ˆ a Berlino
Stage in 4ˆ a Lione
Scambio in 3ˆ a Parigi
Visite didattiche a Bologna (mostra su Pasolini) e fuori Bologna con il docente di storia
dell’arte: Ravenna, Firenze, Biennale Venezia.
*************************
8
Simulazioni delle prove d'esame
Il Consiglio di Classe ha deliberato di svolgere due simulazioni di terza prova scritta, che
si sono svolte rispettivamente in data:
20 febbraio 2016 (durata 4 ore), discipline coinvolte: Italiano, Spagnolo, Scienze, Inglese
per l’opzione linguistica e Matematica, Scienze, Fisica e Filosofia per l’opzione scientifica
(con Tipologia A);
20 aprile 2016 (durata 4 ore), discipline coinvolte: Italiano, Inglese, Spagnolo, Scienze per
l’opzione linguistica e Italiano, Scienze, Fisica, Filosofia per l’opzione scientifica (con
Tipologia B)
Entrambe le tipologie hanno rilevato risultati discreti; si ritiene però meglio calibrata sulle
competenze della classe, più idonea alle caratteristiche del corso, la tipologia A.
Una simulazione della prima prova scritta, per tutte le classi terminali del Liceo, si è
tenuta il 3 maggio 2016.
Una simulazione della seconda prova scritta (Matematica e Inglese) si è tenuta il 22
marzo 2016; un’altra di Matematica, con consegna proveniente dal Ministero, il 29 aprile
2016.
Infine si è svolta una simulazione di quarta prova (Letteratura Francese e Storia in
Francese) l’11 maggio 2016.
Gli esempi di terza prova somministrati alla classe vengono allegati di seguito, come pure
copia delle griglie adottate per la valutazione.
Presentazione percorsi di approfondimento individuali
Il Consiglio di classe concorda sul valore formativo della presentazione di un percorso
individuale di approfondimento da parte dello studente, in ambito pluridisciplinare, in
forma scritta.
Esso sarà consegnato al momento delle
prove scritte, secondo quanto indicherà la
Commissione d’esame.
Il percorso sarà esposto nei tempi decisi dalla Commissione
eventualmente con l'utilizzo di supporti multimediali, e
francese/inglese/spagnolo, a seconda delle discipline interessate.
*************************************
9
in forma sintetica,
nel caso in lingua
“Terze prove” assegnate
10
LICEO L. GALVANI
CLASSE 5^G SEZ. INTERNAZIONALE FRANCESE
Simulazione terza prova tipologia A 20/02/2016
Nome e Cognome allievo__________________________________________
Gruppo (linguistico o scientifico)____________________________________
Materia: ITALIANO
Le opere di ambito siciliano di Giovanni Verga si inseriscono in modo originale nella
corrente europea del naturalismo. Indicando le idee guida di questa corrente, argomenta
come o da chi Verga le recepisca e in che modo le trasformi. Porta esempi testuali che ne
diano prova.
11
LICEO CLASSICO L. GALVANI
SEZ. INTERNAZIONALE Esabac
Simulazione terza prova tipologia B 20/04/2016
Nome e Cognome allievo__________________________________________________________
Sezione G
gruppo ____________________________________________________________
Materia:
ITALIANO
1) Analizza i versi sotto riportati indicandone il contesto, la struttura formale e le
caratteristiche stilistiche:
Fresche le mie parole ne la sera
ti sien come il fruscìo che fan le foglie
del gelso ne la man di chi le coglie
silenzioso e ancor s’attarda a l’opra lenta
su l’alta scala che s’annera
contro il fusto che s’inargenta
con le sue rame spoglie
mentre la Luna è prossima a le soglie
cerule e par che innanzi a sé distenda un velo
ove il nostro sogno si giace
e par che la campagna già si senta
da lei sommersa nel notturno gelo
e da lei beva la sperata pace
senza vederla.
Laudata sii pel tuo viso di perla,
o Sera, e pe’ tuoi grandi umidi occhi ove si tace
l’acqua del cielo!
2) Come inserisci la poesia di cui hai appena analizzato un frammento nella poetica
dannunziana?
12
LICEO CLASSICO L. GALVANI
Indirizzo linguistico
Simulazione della terza prova del 20 febbraio 2016
Tipologia A:
Prova di SPAGNOLO
Nome e Cognome: _____________________________________________________________
Redacta un texto de mín. 25 /máx. 30 líneas en el que deberás comparar la figura de Don
Juan del drama “Don Juan Tenorio” y el Marqués de Bradomín de las “Sonatas” con
referencias a los textos leídos y a las tendencias literarias de las que estos personajes son
dos famosos ejemplos. Recuerda que solo puedes usar el diccionario monolingüe.
13
LICEO CLASSICO L. GALVANI
Indirizzo linguistico
Simulazione della terza prova del 20 aprile 2016
Tipologia B
Prova di SPAGNOLO
(3 quesiti di 8/10 righe) E’ consentito l’uso del dizionario monolingue.
Nome e Cognome:
___________________________________________________________________
1) Resume el contenido de “La saeta” de A.Machado.
2) ¿Qué es el “Esperpento”?
3) Escribe el argumento de “La casa de Bernarda Alba de F. G. Lorca
14
LICEO GALVANI
SIMULAZIONE 3° PROVA - tipologia A - 20/02/16
LINGUA INGLESE 5 G (opzione linguistica)
Answer in max. 30 lines for the question.
Explain in your own words the new views of the universe and of man which emerged
at the beginning of the 20th century.
15
LICEO LUIGI GALVANI
SIMULAZIONE 3° PROVA TIPOLOGIA B
CLASSE 5G LINGUISTICO -
20/04/16
LINGUA INGLESE
1. Write about how the symbols of the snow and the journey westwards in The Dead
can be interpreted. (max 15 lines)
2. The theme of the double in The Strange Case of Dr Jekyll and Mr Hyde by
R.L.Stevenson. (max. 15 lines)
16
LICEO GINNASIO L. GALVANI
a.s. 2015-2016
CLASSE 5^G SEZIONE INTERNAZIONALE FRANCESE
Opzione linguistica
Simulazione della terza prova del 20 febbraio 2016 – tipologia A
SCIENZE
Prova di
Nome e Cognome:
Il candidato descriva l’importanza della regolazione genica negli organismi eucarioti e i
meccanismi attraverso i quali essa si attua.
17
LICEO CLASSICO L. GALVANI
Esame di Stato a.s. 2015-2016
CLASSE 5^ I SEZIONE INTERNAZIONALE
Simulazione della terza prova del 20 aprile 2016
Tipologia B:
Indirizzo linguistico
Nome e Cognome allievo___________________________________________________________
Materia: SCIENZE (3 quesiti 10 righe l’uno)
1) Descrivi le caratteristiche principali del sistema nervoso autonomo
2) Descrivi la struttura di un anticorpo
3 Descrivi i parametri fondamentali del telescopio ottico
18
LICEO L. GALVANI
a.s. 2015-2016
CLASSE 5^G SEZIONE INTERNAZIONALE FRANCESE
Indirizzo Scientifico
Simulazione della terza prova del 20 febbraio 2016
Tipologia A: Trattazione sintetica
(max. 25 – 30 Righe)
Prova di FISICA
Nome e Cognome:
Il candidato analizzi le caratteristiche del magnetismo della materia: diamagnetismo,
paramagnetismo e ferromagnetismo, descrivendo i diversi tipi di comportamento e dandone
una sintetica giustificazione di carattere teorico.
19
LICEO CLASSICO L. GALVANI
Classe 5GHI INDIRIZZO SCIENTIFICO
Simulazione Terza Prova FISICA del 20 Aprile 2016
Tipologia B: Risposte Brevi
(max. 15 Righe)
Nome_Cognome___________________classe________________________________
1) Illustra con un esempio/esperimento il fenomeno dell’induzione elettromagnetica. Enuncia
quindi la legge di Faraday-Newmann e poi quella di Lenz. Illustra con un esempio come utilizzare
la legge di Lentz per determinare il verso della corrente indotta.
2) I muoni, μ, sono leptoni di massa
la cui vita media è pari a τ =2.2 μs.
Spiega come può un muone cosmico, generato nell’alta atmosfera raggiungere la superficie della
Terra.
Supponi che il μ viaggi con una velocità di modulo pari a v=0.99c, determina a quale quota è
generato il muone se raggiunge la superficie terrestre prima di decadere.
Determina inoltre l’energia cinetica e l’energia totale di tale muone espressa nelle opportune
potenze dell’ eV .
3) Spiega quali tra le equazioni di Maxwell sono alla base della generazione delle onde
elettromagnetiche, specificando quale è la velocità di propagazione di tali onde e quali sono le sue
principali caratteristiche.
20
LICEO CLASSICO L. GALVANI –A.S. 2015-2016 –
CLASSE 5^GHI indirizzo scientifico
Simulazione Terza Prova - MATEMATICA
20 febbraio 2016
Tipologia A: Trattazione sintetica
(max. 30 Righe)
Nome e Cognome:
classe_____________________
Il candidato esegua lo studio completo della funzione:
e determini inoltre la sua primitiva passante per il punto
21
.
LICEO CLASSICO L. GALVANI
CLASSE 5^G SEZIONE INTERNAZIONALE FRANCESE
Indirizzo Scientifico
Simulazione della terza prova del 20 marzo 2016
INDIRIZZO SCIENTIFICO
Tipologia A: Trattazione sintetica
(max. 25 – 30 Righe)
SCIENZE NATURALI
Descrivi il meccanismo di difesa acquisita con particolare riferimento alla
risposta immunitaria anticorpale. (300 parole, 25/30 righe)
22
LICEO L. GALVANI
CLASSE 5^G SEZIONE INTERNAZIONALE FRANCESE
Indirizzo Scientifico
Simulazione della terza prova del 20 aprile 2016
Tipologia B: Trattazione analitica
(3 domande, max. 10 righe ognuna)
SCIENZE NATURALI
TIPOLOGIA B
1) Enuncia e spiega la seconda legge di Keplero
2) Descrivi il sistema di coordinate altazimutali.
3) Descrivi la struttura generale dello scheletro umano.
23
LICEO CLASSICO L. GALVANI
CLASSE 5^G SEZ. INTERNAZIONALE FRANCESE
Simulazione terza prova tipologia A
Nome e Cognome _________________________________________________________
5 G scientifico
Data 20/02/2016
Materia: FILOSOFIA
Si esamini questo passo hegeliano tratto da “Introduzione alla storia della filosofia” in cui
si tratta dello spirito e della sua libertà: “Questa conciliazione con sé dello spirito, questo
suo tornare a se stesso può essere considerato come il suo scopo supremo ed assoluto: ciò
soltanto egli vuole e null’altro […]. Egli è sdoppiamento, alienazione, ma solo al fine di poter
trovar se stesso e di poter ritornare a sé. Solo questa è autentica libertà: giacché è libero solo ciò
che non si riferisce ad altro. E lo spirito, mentre torna a se stesso, ottiene appunto di essere
libero […]. In ogni altra cosa che non sia pensiero lo spirito non raggiunge tale libertà”.
Tale nozione di libertà come toglimento dell’altro da sé, cioè del limite al pensiero, è
centrale in tutta la filosofia hegeliana. Si tratti del tema della libertà nell’idealismo
hegeliano fornendo, dapprima, un chiarimento del passo citato, e poi illustrando
luoghi della filosofia hegeliana a vostra conoscenza che possano illustrare tale
concetto.
24
LICEO CLASSICO L. GALVANI
CLASSE 5^G SEZ. INTERNAZIONALE FRANCESE
Simulazione terza prova tipologia B
Nome e Cognome allievo___________________________________________________________
Gruppo scientifico
Materia: Filosofia
1) “Il lavoro disumanizza l’operaio” ( Marx )
2) Materialismo storico e materialismo dialettico nel pensiero di Marx
25
Griglie di valutazione
di prima, seconda e terza prova
26
PRIMA PROVA SCRITTA
Griglia per la valutazione degli elaborati scritti di Italiano (max punti 15)
Più che Discr./ Buono/Ot
INDICATORI
Scarso Insuff Medio- Suff.
.
cre
suff.
Buono timo
1 - Competenze ling.espressive
• correttezza ortografica e
morfosintattica
• lessico
• punteggiatura
• uso del registro
2 - Competenze relative alla
organizzazione del testo
• coerenza e coesione in
relazione alla complessità e
all’approfondimento del
discorso
3 - Competenze specifiche
alle diverse tipologie
A. Analisi del testo
• comprensione globale
• comprensione analitica
• interpretazione
• eventuale
contestualizzazione
B. Scrittura documentata
• rispetto delle consegne in
relaz
ai vincoli comunicativi
• capacità di utilizzare
l’apparato documentario
(comprensione, selezione,
interpretazione delle fonti)
• eventuale integrazione dei
dati con informazioni
congruenti
C. Tema
• pertinenza rispetto alla
traccia
• efficacia della
argomentazione intorno
all’idea centrale
<6
7-8
27
8-9
10
11-12
12-14
14-15
28
29
TERZA PROVA SCRITTA
(PUNTEGGIO MASSIMO: 15 PUNTI)
Liceo L. Galvani classe_________
Nome e Cognome: ____________________
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DI TERZA PROVA
Punt
Max.
Conoscenza e
competenza riferita agli
argomenti richiesti
(pertinenza e
completezza)
8
Competenza linguistica
e/o padronanza del
linguaggio disciplinare
4
Giudizio
Punteggio
Nullo o scarso
Molto carente
Lacunoso
Insufficiente
Sufficiente
Discreto
Buono
Ottimo
Nullo o scarso
Insufficiente
Sufficiente
Discreto
Buono
Ottimo
1
2
3
4,5
5,5
6,5
7,5
8
1
2
2.5
3
3,5
4
Grav. insufficiente
Insufficiente
Sufficiente
Discreto
Buono/Ottimo
1
1,5
2
2,5
3
Punteggio
assegnato
Capacità di sintesi,
collegamento,
integrazione di
conoscenze e
competenze
3
Totale
30
………../15
Liceo Galvani Bologna- Esami di stato
GRIGLIA DI VALUTAZIONE DI TERZA PROVA (LINGUA STRANIERA)
Punt.
Elementi valutabili
Giudizio
Punteggio
Max.
Conoscenza e competenza
riferita agli argomenti
richiesti (pertinenza e
completezza)
7
Competenza linguistica
e/o padronanza del
linguaggio disciplinare
5
Capacità di sintesi,
collegamento, integrazione
di conoscenze e
competenze
3
Nullo o scarso
Molto carente
Lacunoso
Insufficiente
Sufficiente
Discreto
Buono
Ottimo
Nullo o Scarso
Insufficiente
Sufficiente
Discreto
Buono
Ottimo
Nullo o scarso
Insufficiente
Sufficiente
Discreto
Buono/Ottimo
1
3
4
4,5
5
6
6.5
7
1
2
3
3.5
4.5
5
1
1,5
2
2.5
3
Totale
31
Punteggio
assegnato
………./15
Programmi svolti e relazioni finali
32
Disciplina: ITALIANO
Insegnante: Prof.ssa Magda INDIVERI
CLASSE E INDIRIZZO: 5^ G Internazionale Francese - opzione scientifica e linguistica
Relazione finale: presentazione della classe, metodo seguito
Gli studenti della 5 G hanno un carattere estroverso e capacità di appassionarsi, di
mettersi in gioco, anche se non sempre con disciplina, con rigore, con continuità. Nel
corso dei tre anni passati insieme si sono evidenziate forti differenze di personalità che in
certi periodi si sono scontrate. In quinta ci ha pensato l’esperienza più terribile, la morte
del proprio prof in gita con loro a Berlino, a far saltare rigidità o steccati, a rimettere in
discussione tutto. Così a fine scuola siamo tutti consapevoli che occorre ricostruirsi,
guardare al futuro, credere nella solidarietà e nella condivisione; con la speranza che
anche la letteratura possa servire a trovare nuovi valori.
L’insegnamento di Italiano è stato impostato secondo i seguenti principi:
attenzione ai grandi temi trasversali,
ricerca delle comuni radici delle letterature europee,
valore specifico della scrittura nei suoi aspetti formali, che non sono mai fini a se
stessi, ma insieme al significato concorrono alla costruzione del senso
importanza della lettura come incontro con l’altro e come modo di conoscere più
profondamente se stessi
concetto di identità mutuato, per l’Italia, proprio dalla letteratura (responsabilità
civile – capacità interpretativa)
Degli autori considerati (il taglio, la sintesi sono ahimè indispensabili nel sempre più
ridotto tempo scolastico), si è cercato di evidenziare come il loro scrivere sia un modo di
rispondere al mondo, di risolvere nodi problematici, di dare il proprio contributo di
umanità e come le scelte formali siano l’esito di una ricerca espressiva che non è mai
accessoria.
Per ogni autore del passato si è cercato il collegamento, perlomeno nella discussione, con
la contemporaneità: non nel senso di un’attualizzazione, ma nel senso della persistenza o
della trasformazione di quei nodi, di quei temi, nella cultura odierna. Secondo le
indicazioni dell'Esabac sono state costantemente confrontate le letterature italiana e
francese. Questi gli obiettivi formativi perseguiti.
Nelle modalità di approccio è stato sempre privilegiato il testo, la sua immancabile lettura
condivisa ad alta voce in classe, cui si è fatta seguire l’ analisi nei rimandi intra- e intertestuali e la contestualizzazione. Tutto il ventaglio delle possibili verifiche è stato
sperimentato (analisi del testo, saggi brevi, questionari a risposte aperte, relazioni,
scrittura creativa – interrogazioni, exposés), e le valutazioni hanno seguito i criteri del
consiglio di classe.
PROGRAMMA SVOLTO DI ITALIANO
Testo in adozione: Raimondi, Anselmi, Leggere come io l’intendo, n. 4,5,6, Bruno Mondadori
editore.
Forme del romanticismo italiano
Giacomo LEOPARDI
Temi: il “pensiero poetante” di Leopardi; il cosiddetto “pessimismo”; il dolore, l’infanzia, il ricordo,
la poesia. La rivoluzione stilistica operata dall’interno nelle poesie; il modello delle Operette opposto
a quello del romanzo storico manzoniano.
Biografia per punti essenziali e poetica.
33
Dai Canti, volutamente in quest’ordine: “Alla luna”, “La sera del dì di festa”, “Il sabato del
villaggio”, “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia”, “L’infinito”. Sinossi de “La
Ginestra”.
Dallo Zibaldone: incipit (“Palazzo bello. Cane di notte dal casolare, al passar del
viandante”); “Immaginazione degli antichi e sentimento dei moderni” (143-144), “La
teoria del piacere” (646-648), “Immaginazione, poesia e rimembranza” (4174-4177)
Dalle Operette Morali : Dialogo della Morte e della Moda”, “Dialogo tra la Natura e un
islandese”.
• Saggio di Antonio Prete sulla luna in Leopardi (relazione tenuta al Liceo Vallone di
Galatina, riportata sul blog)
Confronto con l’ultima parte del saggio di Camus, “Il mito di Sisifo”
• Visione in classe e discussione del film di Martone Il giovane favoloso
Dal realismo europeo al verismo italiano, fino al “realismo” novecentesco: Verga,
Serao, Ortese.
Temi: continuità e divergenze tra Naturalismo francese e Verismo italiano; il modello sperimentale
zoliano; la questione della lingua; la scoperta del Sud da parte del resto d’Italia; l’oggettività, la
narrazione corale, i principi del darwinismo sociale applicato alla letteratura, il ciclo dei vinti, il
resoconto Sonnino e lo sfruttamento del lavoro minorile; l’ideale dell’ostrica; fatalismo e
conservatorismo; l’uso dello strumento letterario (in Matilde Serao e in Anna Maria Ortese) per la
denuncia civile.
GIOVANNI VERGA
Biografia per punti essenziali e poetica.
Testi: da Vita dei campi "Rosso Malpelo", “Fantasticheria”; prefazione a “L’amante di
Gramigna”;
Prefazione a I Malavoglia.
MATILDE SERAO
Cenni sulla vita
Da Il ventre di Napoli: incipit (fotocopia)
Dalle Novelle: “Palco borghese”
ANNA MARIA ORTESE
Cenni sulla vita
Da La lente scura: “Bologna, forse una terra promessa” (fotocopia)
Da Il mare non bagna Napoli: “La città involontaria” (ritaglio in fotocopia)
Decadentismo e simbolismo: tra sublime basso e sublime alto.
GIOVANNI PASCOLI
Temi: simbolismo ed impressionismo; la costante “infanzia”, l’umile e il piccolo, i tecnicismi, la
rivoluzione stilistica nelle poesie; il pastiche sperimentale di Italy e il tema sociale dell’emigrazione;
la poesia “voce dei morti”.
Biografia per punti essenziali e poetica
Testi: da Il fanciullino, sezioni I, XIV (in fotocopia)
Da Myricae: “Lavandare”, “Il lampo”, “Il tuono”; “X Agosto”, “Temporale”
Dai Canti di Castelvecchio: “La mia sera”.
Da Italy I vv 1-25; IV 76-100; V 101-125; VII 64- 76; XIII 124-133; XX 219-225 (fotocopia)
• Gianfranco Contini “I diversi linguaggi pascoliani” da Varianti e altra linguistica.
(estratto in fotocopia)
34
GABRIELE D’ANNUNZIO
Temi: Propaganda e potere comunicativo; intercettare i “sogni” del grande pubblico; estetismo;
vivere pericolosamente; sinestesia e fusione panica; la scrittura automatica del Notturno; l’adesione
al fascismo e il ripiegamento degli ultimi anni. Convergenze con Wilde e Nietzsche.
Biografia per punti essenziali e poetica
Testi: brani da Il piacere: Incipit; libro 1, cap 1 (l’attesa di Elena)
Da Alcyone: “La sera fiesolana” - confronto con “L’invetriata” dai Canti Orfici di Dino
Campana
Dal Notturno brano “Cecità e rumore”
Il primo Novecento: correnti e riviste
Panoramica sul movimento Futurista a partire dalla lettura di alcuni punti del Manifesto
del Movimento Futurista e del Manifesto della letteratura futurista; veloce carrellata su alcune
poesie futuriste
Il romanzo italiano del primo novecento tra Trieste e Agrigento
ITALO SVEVO
Temi: Il primo modello zoliano; la lunga e accidentata strada del successo e l’ incontro con Joyce;
scrivere dalla nevrosi; il doppio incipit del romanzo; la donna salutifera; salute e malattia; vivere e
vedersi vivere; il ruolo della psicoanalisi; l’apocalisse finale; convergenze con Pirandello
Biografia per punti essenziali e poetica
Testi: da La Coscienza di Zeno,: “Prefazione”; “Preambolo”; brano dal capitolo 6 (“Ritratto
di Augusta”); brano capitolo 8 (“Psico-analisi”) e finale del romanzo.
Il perdente che vince: confronto con Pereira di Sostiene Pereira di Antonio Tabucchi.
Luigi PIRANDELLO
Temi: Vita e forma; L’altro in noi; i punti di vista diversificati; il valore del nome nell’identità;
“smemorarsi”; la follia come soluzione; convergenze con Svevo.
Biografia per punti essenziali e poetica (si è trattato il Pirandello narratore e NON l’autore
teatrale)
Testi da Il fu Mattia Pascal Prefazione 1
da Uno, nessuno, centomila: libro VIII, cap 4 (“Non conclude”)
Da Novelle per un anno: “Il treno ha fischiato”; “La carriola” (brani sul blog)
La poesia del novecento tra ermetismo e nuove frontiere
Giuseppe UNGARETTI
Temi: Il porto sepolto di Alessandria d’Egitto; il deserto; l’essere ovunque straniero; l’impatto
culturale di Parigi; la trincea; scrivere in guerra; la disintegrazione del verso tradizionale;
frammentismo ed ermetismo; il poeta palombaro.
Biografia per punti essenziali e poetica
Testi: dall’Allegria: nucleo di poesie di guerra: “Veglia”, “Sono una creatura” , “San Martino
del Carso”, “Fratelli”, “Soldati”.
Due poesie da Parigi: “Nostalgia”; “In memoria”.
● Commento critico a “Veglia” di Alberto Casadei (fotocopia)
Eugenio MONTALE
Temi: Il paesaggio ligure di Ossi di Seppia; la lezione leopardiana e pascoliana e la polemica
antidannunzio; il varco e l’epifania; il miracolo e il segreto; l’incomunicabilità; il non ruolo dei
poeti; la gratuità della poesia; la memoria; cambiare la forma poetica dall’interno; verso la prosa.
Biografia per punti essenziali e poetica
35
Testi - da Ossi di seppia: “In limine”, “Meriggiare pallido e assorto”, “I limoni”, “Forse un
mattino andando”; “Non chiederci la parola”; “Cigola la carrucola nel pozzo”.
Da Satura “Ho sceso dandoti il braccio”
Da Quaderno di quattro anni: “Dopopioggia”;
Stralci dal Discorso per il Nobel (fotocopia)
•Italo Calvino, Analisi di “Forse un mattino andando” di Eugenio Montale (da Una pietra
sopra)
Gli interpreti del contemporaneo: Calvino e Pasolini
Italo CALVINO
Temi: Le molte anime di Calvino, da quella realistica e resistenziale a quella fantastica de “I nostri
antenati”, a quella sperimentale delle ultime opere. Il lavoro critico. La parodia e la riflessione
sull’identità e sulla scrittura ne “Il cavaliere inesistente”- Convergenze con l’Oulipo. Letteratura e
scienza; la peste del linguaggio.
Lo scrittore ci ha accompagnato con i suoi saggi letterari per tutto il triennio. E’ stato letto
integralmente all’inizio della quarta Il cavaliere inesistente.
Da Le Cosmicomiche “Tutto in un punto”
Da Le città invisibili “Maurilia”,”Leonia”.
Da Lezioni americane: “Esattezza” – la peste del linguaggio (brano in fotocopia)
Pier Paolo PASOLINI
Temi: Pasolini “nostro compagno di scuola”: la prima giovinezza tra Bologna e Casarsa. La
scoperta di Roma. La sperimentazione linguistica nei romanzi in romanesco. La ripresa del modello
dantesco: le terzine nella poesia narrativa de “Le ceneri di Gramsci”. La prosa saggistica. Pasolini
profeta del degrado della nostra società. La critica al fascismo come categoria morale. L’assassinio
ancora irrisolto.
Biografia per punti essenziali e poetica
Testi: da Le ceneri di Gramsci “Le ceneri di Gramsci” I; IV
Da Ragazzi di vita brano cap. 6
Da Lettere luterane, “Bologna città comunista e consumista” (fotocopia)
Da Scritti corsari: “Io so”
Visione in classe e discussione di due film brevi: La ricotta e Che cosa sono le nuvole? e del
documentario La forma della città.
LETTURE INTEGRALI DEL NOVECENTO
Nell’arco del triennio è stata proposta una rosa di romanzi italiani del novecento che sono
stati letti su scelta personale
I testi non presenti nell’antologia saranno forniti al commissario d’esame in fotocopia in un dossier.
E’ consultabile per approfondimenti anche il blog dedicato quintalgia.blogspot.it
36
Disciplina: LETTERATURA FRANCESE
Docente: Prof. ssa Hélene DAVID
CLASSE E INDIRIZZO 5^ G Internazionale Francese: opzione scientifica e linguistica
LIGNES DIRECTRICES DE PROGRESSION DIDACTIQUE DANS LA PERSPECTIVE
ESABAC
• Elaborer des itinéraires littéraires : mise en relation des époques et courants
littéraires, en soulignant le rapports de continuité, ruptures et reprises, à travers la
pratique de l’intertextualité ;
• Chaque itinéraire littéraire se fait au croisement de deux approches : chronologique
et thématico-problématique ;
• L’itinéraire problématisé est constitué de 4 à 8 extraits littéraires ;
• Les connaissances et aptitudes ainsi développées visent à acquérir une compétence
équilibrée en langue française, à travers l'entraînement régulier et systématique aux
activités langagières de réception, de production, d'interaction et de médiation (cf.
CECR, 2001).
Voir aussi le « Guide pratique du professeur ESABAC » publié par l'Institut Français, septembre
2013.
4 heures de français hebdomadaires.
Manuel utilisé : Français, 2nde, Livre unique, Coll. Passeurs de textes, éd. Le
Robert/WebLettres
PROGRAMME
I. Le romantisme
« Le romantisme : une nouvelle sensibilité européenne » :
contextualisation et élaboration de documents de synthèse à
partir de documents étudiés en groupe
le héros romantique : de l'invention de la solitude au désir
d'engagement
•
A. Musset, La confession d'un enfant du siècle, « un monde
désenchanté » (mise en écho « La nuit de décembre »)
•
A. Lamartine, Méditations poétiques « L'isolement »
•
R. Chateaubriand, René, « Le désir d’être un autre »
•
V. Hugo
Le drame romantique : « la bataille
d'Hernani » (Acte I, scène 1 et Préface)
L'engagement :
Les
Contemplations,
« Melancholia »
Iconographie : Le voyageur contemplant une mer de nuage, Caspar
David Friedrich
− Perspectives : la solitude, le paradoxe du double (Musset
« La nuit de décembre » ; Barbara « La solitude » ; « Bref,
je suis vieille » extrait de la série « Bref »)
− Entrainement à l'Esabac- Réflexion personnelle : « le mal
du siècle hier et aujourd'hui »
37
II. Réalisme et
naturalisme en
France
III. La poésie de la
modernité :
Baudelaire et les
poètes maudits
A. Du romantisme au réalisme: itinéraires romanesques,
trois écrivains à la confluence du romantisme et du
réalisme
1. « Peinture de la société, peinture de l'homme: les chroniques de
Stendhal, Balzac le visionnaire, Flaubert et le style » :
contextualisation et élaboration de documents de synthèse à
partir de documents étudiés en groupe
La peinture du personnage romanesque entre vérité et fiction.
•
Stendhal, Le Rouge et le Noir, analyse du texte « Un rêve
d'ascension » introduit par le texte « Julien et Madame de
Rênal»
•
H. Balzac, Le père Goriot, analyse du texte « le portrait de
Vautrin » introduit par « une rude initiation »
•
G. Flaubert, Madame Bovary, parcours :
2. Entre romantisme et réalisme : le rêve d'Emma et la virtuosité
littéraire de Flaubert
« Paris miroitait »
« J'ai un amant ! »
« La lettre de Rodolphe »
« Pourquoi n'en pas finir ? »
Iconographie : Film Madame Bovary, C. Chabrol
− Perspectives : le personnage romanesque, du héros à
l'antihéros.
Entraînement à l'épreuve Esabac- Essai bref : « Le personnage
romanesque : réalité ou illusion ? »
B. Le naturalisme
Contextualisation et élaboration de documents de synthèse à
partir de documents étudiés en groupe
•
Zola, L'Assommoir
« Une rencontre à l'Assommoir »
« Le banquet »
•
Maupassant, « Une partie de campagne » (Texte
intégrale)
− Entraînement à l'épreuve Esabac- Commentaire dirigé
« Incipit de Bel-Ami »
« Symbolisme et modernité : expériences poétiques » :
contextualisation
Poésie et quête du sens - comment le poète est-il représenté : génie
visionnaire ou être maudit ?
A. Baudelaire, Les Fleurs du Mal
1. Voyage à travers la poétique baudelairienne : allégories,
synesthésies, élévation et spleen
« L'albatros »
« Correspondances »
« Spleen »
2. Les « Tableaux Parisiens » : vision urbaine et modernité (Lecture
38
IV. XXe siècle : La
recherche des
nouvelles formes
de l'expression
littéraire et les
rapports avec les
autres
manifestations
artistiques
intégrale)
La modernité : extrait de « Le peintre de la vie moderne »
« Le Cygne » ou la confrérie des exilés
« à une passante »
B. Verlaine et Rimbaud
− Verlaine
« Il pleure dans mon cœur », Romance sans paroles
La musicalité de Verlaine : parallèle entre « Je suis venu te dire
que je m'en vais » (S. Gainsbourg) et « Chanson d'automne »
− Rimbaud
« Ma bohème », Poésies
« Aube », Illuminations
Iconographie : Le poète voyageur, G. Moreau ; Impression soleil
levant, C. Monet
− Perspectives: poésie symboliste et musicalité- les formes
contemporaines de la poésie en chanson : Camelia
Jordana « Spleen » ; Serge Gainsbourg « Un serpent qui
danse » ; Paris en chansons (M.Lavoine et Souad Massi,
Oxmo Puccino) ; « Je suis venu te dire que je m'en vais »
− Entraînement à l'épreuve Esabac- Essai bref : « Un
écrivain, à quoi ça sert ? »
A. Expériences du temps et modernité : nouvelles
perceptions, nouvelles formes
Introduction : Bergson, L'évolution créatrice (lecture en classe)Temps et durée
1. Modernité poétique
− Apollinaire
« La cravate et la montre »
« Le Pont Mirabeau »
− Le surréalisme (contextualisation avec le dadaïsme)
Breton, « Le manifeste du surréalisme »
Eluard, « La femme unique et multiple »
2. Modernité narrative
− Proust, « La petite madeleine », À la recherche du temps
perdu
Iconographie : « La persistance de la mémoire », S. Dalì
− Perspectives: « Le Pont Mirabeau »- Interprétations à
travers les époques : Apollinaire (document sonore) ; Léo
Ferré ; Marc Lavoine.
B. De l'engagement à l'absurde : la quête de sens a-t-elle un
sens ?
Engagement: la poésie
L. Aragon, “Les mots qui ne sont pas d'amour”, Louis
Aragon p.413
Aux frontières de la communication et de l'incommunicabilité
Camus, L’Étranger (lecture intégrale) avec perspective
39
contemporaine : Daoud, Meursault, contre-enquête « Maman
est morte », « Alors j’ai tiré »
Sartre, La nausée
Ionesco, La Cantatrice Chauve (lecture estivale- œuvre
intégrale)
N.B. : Un dossier contenant l’ensemble des textes étudiés en classe sera remis au commissaire
externe chargé de l’évaluation de la littérature française, le premier jour de réunion de la
commission.
MÉTHODOLOGIE
A. Entraînement aux épreuves écrites de l’Esabac:
- le commentaire de texte: questions de compréhension, d’interprétation et
réflexion personnelle;
- essai bref (question sur un corpus).
Simulazione di 4a prova 11 maggio 2016 :
- Commentaire dirigé: « La femme noire », L. Sedar Senghor, Chants d’ombre, 1945
- Essai bref : « La ville: lieu rêvé, lieu désenchanté ? »
B. Parcours pluridisciplinaires:
Au second semestre, en vue de l’épreuve Esabac de l’essai bref, les élèves ont dû travailler
par groupe de deux et présenter, à l’oral, les travaux de réflexion suivants, en appliquant
la méthodologie propre à l’épreuve. Seule la thématique leur était indiquée ; chaque
groupe a dû constituer le corpus de documents. Les thématiques affrontées étaient les
suivantes :
- L’autobiographie : récit de soi, vérité
- La guerre : héroïsme, déshumanisation
- La nature en littérature : décor, personnage, source d'inspiration.
- Le voyage : aspiration, mise à l'épreuve, évasion.
- La famille : modèles, inspirations.
- La ville : décor, personnage, source d'inspiration.
- L'idéal amoureux : désir, réalité.
- L'engagement : refus, nécessité.
- Souffrance et création : relations réciproques ?
- Richesse et pauvreté : l'argent, la condition humaine.
- La folie : source d'inspiration ? Condition de l'artiste ? Maladie du XXe siècle ?
- La condition féminine : image de la femme, écritures féminines.
En Va, le travail sur la méthodologie consiste à entraîner les élèves aux deux types
d’épreuve qu’ils devront affronter à l’examen final : le commentaire dirigé (analisi del
testo) et l’essai bref (saggio breve). Les particularités de chacune sont exposées ci-dessous.
40
A. Commentaire dirigé (analisi del testo)
Il s’agit d’un texte de littérature française choisi parmi les auteurs du programme de 1850
à nos jours (prose, poésie, théâtre). Les consignes sont alignées sur le niveau de
compétence B2. Généralement, l’épreuve respectera la structure suivante :
Questions de compréhension
2 à 4 questions (registres, figures de style, champ lexical, énonciation…)
Questions d’interprétation
2 à 4 questions (expliquer un thème, idée directrice, dimension…)
Une production personnelle
Réflexion à partir du texte et du (ou des) thème(s) traité(s) par le texte. Cette réflexion doit
comporter environ 300 mots.
B. L’essai bref sur le corpus (saggio breve)
Il s’agit de rédiger une réflexion à partir d’un thème proposé, en lien avec les cinq
documents du corpus. Ces cinq documents :
• appartiennent à des périodes historiques différentes (du Moyen-âge à nos
jours…)
• appartiennent à des genres différents (théâtre, poésie, roman…)
• trois sont en langue française
• un est en italien, accompagné de sa traduction française)
• un document iconographique (photographie, tableau, dessin, image de film…)
Le candidat doit écrire une réflexion d’environ 600 mots et qui doit être organisée autour
de 3 parties :
introduction:
Elle comporte trois étapes obligatoires : entrée dans le sujet, problématique et annonce du
plan
développement:
Il doit être composé de deux ou trois grandes parties. Chaque partie est constituée de deux
paragraphes minimum. Tous les documents du corpus doivent apparaître au moins une
fois dans le développement.
conclusion:
La conclusion comporte deux étapes obligatoires : le bilan de la réflexion et une ouverture
élargissant la réflexion du devoir.
*****************************
41
42
43
44
Griglia di valutazione della prova di francese EsaBac
A= 9/10 ottimo-eccellente
B= 8 distinto
C= 7 buono
D= 6 sufficiente
Il compito attesta le seguenti capacità*:
A B C
I.
LE COMPETENZE LINGUISTICHE
1
Uso adeguato del lessico
2
Correttezza grammaticale
3
Coerenza e coesione (uso dei connettivi logici...)
4
Ortografia e punteggiatura
II. IL CONTENUTO
1
Addurre esempi pertinenti
2
Usare le proprie conoscenze acquisite
3
Usare spirito critico
III. IL METODO
1
Analizzare ed interpretare i documenti in funzione della problematica
2
Mettere in relazione i documenti
3
Organizzare le proprie idee
E= 5 mediocre
F= 4/3 insufficiente
Il giudizio:
..............................................................................................................................................
..............................................................................................................................................
..............................................................................................................................................
..............................................................................................................................................
..............................................................................................................................................
..............................................................................................................................................
NB: Il n’existe pas de grille officielle pour l’épreuve écrite de littérature française ESABAC.
45
D E
F
Disciplina: STORIA IN FRANCESE/HISTOIRE
Docente: Prof. ssa Tanja VICARIO
CLASSE E INDIRIZZO 5^ G Internazionale Francese: opzione scientifica e
linguistica
Relazione finale
La classe 5G Internazionale Francese è composta da un totale di 24 alunni, 22 dell’indirizzo
linguistico e 2 dell’indirizzo scientifico. Il livello linguistico è abbastanza omogeneo e
buono, tranne per qualche alunno al limite della sufficienza. La classe ha lavorato anche se
non sempre al massimo delle sue potenzialità per migliorare la propria preparazione. Il
profitto globale risulta soddisfacente. Da sottolineare che il programma di storia del
quinto anno ha suscitato grande interesse e le lezioni in classe hanno spesso permesso
scambi e riflessioni molto costruttivi.
La sezione internazionale si caratterizza sia perchè fin dal primo anno dà uguale spazio
all’insegnamento della lingua e cultura italiana e della lingua e cultura francese, sia perchè
propone obiettivi simili e complementari per la lingua e civiltà madre e per la lingua e
civiltà seconda. L’insegnamento della storia è il punto di raccordo fondamentale di questo
studio parallelo ed è caratteristica peculiare della sezione internazionale. La prova scritta
per l’ESABAC e quella orale di storia in francese integrata al colloquio generale di storia
sono il frutto di accordi bilaterali.
Finalità
Le principali finalità dell’insegnamento della storia nel dispositivo per il doppio
rilascio del diploma di Baccalauréat e d’Esame di Stato sono di tre ordini:
• culturali: l’insegnamento della storia assicura la trasmissione di riferimenti
culturali. Concorre in questo modo alla formazione di un’identità ricca,
diversificata e aperta al prossimo. Permette agli studenti di potersi meglio collocare
nel tempo, nello spazio e in un sistema di valori a fondamento della società
democratica, così come di prendere coscienza della diversità e della ricchezza delle
civiltà di ieri e di oggi;
• intellettuali: l’insegnamento della storia stimola la curiosità degli studenti e
fornisce loro i fondamentali strumenti intellettuali di analisi e comprensione delle
tracce e delle modalità dell’azione umana. Insegna loro a sviluppare logicamente il
pensiero, sia allo scritto che all’orale contribuendo pienamente al processo di
acquisizione della lingua francese (o italiana) e a quello di altre forme di linguaggio;
• civiche: l’insegnamento della storia fornisce agli studenti i mezzi per lo sviluppo
individuale e per l’integrazione nella società. Li prepara a esercitare lo spirito critico
e la capacità di giudizio. Permette di comprendere le modalità dell’agire umano
nella storia e nel tempo presente. Mostra che i progressi della civiltà sono spesso il
risultato di conquiste, di impegno e di dibattiti, suscettibili di essere rimessi in
causa e che richiedono una continua vigilanza nella società democratica.
L’insegnamento della storia si prefigge le seguenti finalità:
• comprendere i fenomeni storici evidenziandone le origini, il ruolo degli attori
principali e dei diversi fattori ricollocandoli nel loro contesto;
• comprendere l’approccio storiografico accertandosi dei fatti, ricercando,
selezionando e utilizzando le fonti;
46
cogliere i punti di vista e i riferimenti ideologici impliciti nel processo di
elaborazione della storia;
• porsi domande, individuare le problematiche fondamentali e stabilire le relazioni
tra fenomeni ed eventi storici ricollocati nel loro contesto;
• cogliere le relazioni tra i fatti, gli eventi, i movimenti ideologici nella loro
dimensione diacronica e sincronica;
• percepire e comprendere le radici storiche del presente;
• interpretare con spirito critico il patrimonio di conoscenze acquisite, anche
attraverso la lettura e l’analisi diretta dei documenti;
• praticare una cittadinanza attiva attraverso l’esercizio dei diritti e il rispetto dei
doveri in una prospettiva di responsabilità e solidarietà;
• esercitare la cittadinanza a livello locale, nazionale e mondiale basata sui valori
comuni compresi nella Costituzione dei due Paesi e nella Dichiarazione universale
dei diritti dell’uomo.
Obiettivi formativi
Al termine del triennio, lo studente dovrà essere in grado di:
1. utilizzare le conoscenze e le competenze acquisite nel corso degli studi per sapersi
orientare nella molteplicità delle informazioni;
2. utilizzare le nozioni e il vocabolario storico in lingua francese (per gli studenti
italiani);
3. ricollocare gli eventi nel loro contesto storico (politico, economico, sociale, culturale,
religioso ecc.);
4. padroneggiare gli strumenti concettuali della storiografia per identificare e
descrivere continuità e cambiamenti;
5. esporre in forma scritta e orale i fenomeni studiati. In particolare, per quanto
riguarda la forma scritta, lo studente dovrà dimostrare di saper sviluppare la
propria argomentazione coerentemente con la traccia iniziale; padroneggiare le
proprie conoscenze relative ai nuclei fondanti del programma utilizzando un
approccio sintetico; addurre esempi pertinenti;
6. leggere e interpretare documenti storici; mettere in relazione, gerarchizzare e
contestualizzare le informazioni contenute in documenti orali o scritti di diversa
natura (testi, carte, statistiche, caricature, opere d’arte, oggetti ecc.);
7. dar prova di spirito critico rispetto alle fonti e ai documenti;
8. padroneggiare l’espressione in lingua francese per gli studenti italiani.
Indicazioni didattiche
Allo scopo di formare gli studenti al metodo storico, si privilegia un insegnamento in cui
l’apporto delle conoscenze sia sostenuto da una solida formazione metodologica.
Nella misura in cui la sezione si vuole “internazionale” è necessario avere un approccio
comparativo dei fenomeni studiati. Il programma (di storia contemporanea : “900”) si
articola attorno a temi scelti in funzione di tre linee direttrici :
- storia comparata (si tratta in parallelo l’evoluzione francese e l’evoluzione italiana per
meglio comprendere le differenze e i punti comuni)
- storia europea (si mette in evidenza la civiltà comune, si insiste sui diversi momenti della
costruzione dell’Europa)
- influenze reciproche.
•
47
Nell’attività didattica si sono utilizzate varie tecniche e vari metodi (lezione frontale,
conversazione, lavori individuali, relazioni di gruppo...).
Per quanto riguarda i contenuti, l’accento è stato posto sulle relazioni internazionali e
sulle vicende storiche interne della Francia e dell’Italia ; la storia degli altri paesi è stata
vista, essenzialmente, nelle sue ricadute internazionali.
Per perseguire l’obiettivo di sviluppare il senso critico atto a favorire la comprensione del
mondo contemporaneo e non un nozionismo acritico, si è utilizzato l’analisi critica di
documenti. Si è utilizzato la metodologia francese, in particolare la tecnica del
“commentaire de documents” e della “composition” oggetti della prova scritta Esabac e
del colloquio orale integrato all’esame di stato e conseguentemente si è insistito sulla
necessaria chiarezza e rigore nell’espressione.
Programme vu en Histoire.
Trimestre:
• La Belle Epoque
• La Première Guerre mondiale
• Les bouleversements de l’Europe après la Grande Guerre
• Les totalitarismes : le fascisme, le nazisme et le stalinisme
• La Seconde Guerre mondiale
Pentamestre:
• De la société industrielle à la société de communication
• La France et l’Italie de 1945 à nos jours*
• Les modèles soviétique et américain dans la Guerre Froide
• De l’impérialisme colonial européen à la décolonisation
• Histoire de la construction européenne*
Gli argomenti segnati con * sono stati visti o completati dopo il 15 maggio.
Libri di testo:
- Histoire 1ère, sous la direction de Jean-Michel LAMBIN, Hachette Education.
- Histoire Terminale, sous la direction de Jean-Michel LAMBIN, Hachette Education.
Valutazione
Le verifiche sono state numerose e di vari tipi (verifiche scritte, presentazioni orali in
gruppo, commenti di documenti...) per valutare le capacità linguistiche e metodologiche
oltre all’assimilazione dei contenuti.
Criteri per la valutazione :
* Contenuti : I) conoscenza degli argomenti, II) capacità di rielaborarli.
* Metodologia : I) capacità di rispondere in maniera pertinente al compito assegnato, II)
capacità di collegare i documenti e rielaborare le informazioni in essi contenute, III)
capacità di rispondere con senso critico alla domanda proposta.
* Lingua : I) padroneggiare l’espressione scritta, II) capacità di poter comunicare ed
esprimersi oralmente in modo chiaro, III) conoscenza del lessico specifico, IV) capacità di
organizzare un discorso articolato attraverso le metodologie proposte (descrizione, analisi,
collegamento, argomentazione, sintesi...).
I requisiti minimi per l’ottenimento della sufficienza sono l’acquisizione dei contenuti
fondamentali del programma e la capacità ad organizzare il proprio discorso in lingua
48
francese di base secondo la metodologia adottata, cogliendo il nucleo fondamentale del
quesito posto.
LA PROVA DI STORIA - ESABAC (alunni italiani)
La prova scritta verte sul programma specifico al dispositivo ESABAC dell’ultimo anno ed
è redatta in francese. Fa parte della quarta prova da integrare alle consuete prove scritte
dell’esame di Stato.
Obiettivi della prova :
- Valutare le capacità dell’alunno di utilizzare in chiave critica i saperi e le conoscenze
fondamentali per la comprensione del mondo contemporaneo e la formazione civica e
culturale.
- Valutare le competenze acquisite dall’alunno, in particolare la sua capacità di trattare e
gerarchizzare le informazioni e sviluppare un ragionamento storico nelle forme di
espressione previste dalla prova.
- Valutare la qualità dell’espressione scritta dell’alunno, le capacità di lettura critica, di
analisi e interpretazione dei documenti tratti da varie fonti e di diversa natura.
Struttura della prova
La prova di storia è inserita nella quarta prova e segue quella di lingua e letteratura
francese; ha la durata di due ore.
Il candidato dovrà scegliere fra due tipologie di prova: una composizione o uno studio e
analisi di un insieme di documenti.
La composizione di storia
• La composizione permette al candidato di dar prova delle sue conoscenze in chiave
critica.
• Gli argomenti vertono su uno o più temi del programma, privilegiano un vasto
periodo, ma possono anche focalizzarsi su un particolare momento dell’evoluzione
storica. Possono essere forniti, eventualmente, elementi di supporto (tavole
cronologiche, dati statistici…)
• Sono di norma esclusi temi relativi agli ultimi dieci anni, ma è tuttavia possibile che
un argomento abbracci un lungo periodo fino ai nostri giorni.
• Saranno valorizzate le riproduzioni grafiche, o gli schemi, che il candidato
realizzerà a sostegno del suo ragionamento.
Lo Studio e l’analisi di un insieme di documenti:
Lo studio e l’analisi di un insieme di documenti deve permettere al candidato di
riflettere e rispondere coerentemente in relazione al tema posto, sulla base dei
documenti forniti e delle sue conoscenze.
Il tema focalizza una problematica specifica inerente al programma svolto. Si avvale di
un massimo di 5 documenti di diversa natura (testi, immagini, cartine, statistiche…)
riprodotti in bianco e nero. Se necessario, note informative e cronologie indicative sono
fornite di supporto al candidato.
L’esercizio si compone di due parti. La prima invita il candidato a rispondere a poche
domande, anche in chiave critica, sull’insieme dei documenti. Queste domande
vertono sulla ricerca, la messa in relazione, la contestualizzazione delle informazioni,
l’identificazione delle nozioni principali o dei temi essenziali dei documenti. La
seconda parte consiste nella redazione di una risposta organica da parte del candidato
in riferimento al tema posto, senza limitarsi alle informazioni contenute nei documenti.
49
I criteri di valutazione di storia per l’Esabac
I punteggi per la prova di storia scritta sono espressi, come per le altre prove ESABAC,
in quindicesimi. La sufficienza è rappresentata dal punteggio di dieci quindicesimi.
La composizione
Il professore valuta:
• la comprensione dell’argomento;
• la padronanza delle conoscenze relative ai nuclei fondanti del programma,
privilegiando un approccio sintetico;
• la capacità di organizzare una scaletta o una tesi coerente con la traccia;
• la pertinenza degli esempi e dei grafici (schemi ecc.). Questi ultimi valorizzeranno il
voto finale;
• la padronanza dell’espressione scritta.
Lo studio di un corpus/insieme di documenti*
Il professore valuta:
• la capacità di rispondere con esattezza e concisione ai quesiti posti dando prova di
spirito critico;
• la capacità di rispondere alla problematica dell’argomento con una riflessione
strutturata che associ le conoscenze personali e le informazioni colte nei documenti
del corpus; a tal riguardo sarà penalizzata la semplice trascrizione delle
informazioni dei documenti come pure l’uso esclusivo delle nozioni del programma
senza sfruttare i documenti forniti;
• l’attitudine a leggere e interpretare un insieme di documenti, a identificare, mettere
in relazione, gerarchizzare, contestualizzare le informazioni contenute nei vari
documenti;
• la padronanza dell’espressione scritta.
* Ricordiamo che questa tipologia di prova si compone di due parti (risposta a domande
sull’insieme di documenti; breve redazione di una risposta in riferimento al tema) Sebbene
il voto sia globale ed escluda l’elaborazione di uno schema di valutazione dettagliato, si
dovrà tener conto della natura estremamente diversa dei due esercizi. Si consiglia al
professore di considerare, per il voto finale, un’incidenza del 40% per quanto riguarda il
questionario e del 60% per la redazione di una risposta in riferimento al tema.
50
51
52
Disciplina: ST DELL’ARTE Docente: Prof. Michele TOSI/supplente Cinzia BALDISSERI
CLASSE E INDIRIZZO:
5^ G Internazionale Francese - opzione scientifica e linguistica
RELAZIONE FINALE
Ho conosciuto la classe nell’ultima parte dell’anno (da metà Marzo) subentrando alla perdita del
prof. Tosi. In una situazione così delicata e traumatica, la classe ha avuto un atteggiamento di
grande accoglienza nei miei confronti. Hanno dimostrato impegno, attenzione e una costante
applicazione. Il rendimento della classe è da ritenersi nel suo complesso molto buono.
PROGRAMMA CONSUNTIVO
Modulo 1 Titolo “Dal ‘500 al ‘700”
1) L’opera di Michelangelo, Leonardo e Raffaello
2) L’arte e la Controriforma: I Carracci.
3) Al di là delle Regole: Caravaggio
4) Il Barocco: Bernini
Modulo 2 Titolo “Il Settecento fra Rococò e Neoclassicismo”
1)Il Rococò (cenni)
2)Il Settecento e la realtà: La pittura di genere (la Veduta – Canaletto e Guardi)
3) La necessità delle regole: il Neoclassicismo: David e Canova
Modulo 3 Titolo “Il Romanticismo fra ‘700 e ‘800”
1)La notte, il sogno, la visione: Fussli, Blake e Goya.
2)La pittura di paesaggio: Turner e Friedrich
3)La pittura di storia: Gericault e Delacroix
Modulo 4 Titolo “Vicende della pittura nell’800”
1)Il realismo: G. Courbet
2)Un precursore dell’Impressionismo: Manet
3)L’Impressionismo: Monet
4)Il Postimpressionismo:Van Gogh e Gauguin
Modulo 5 Titolo: “Una poetica visionaria: il Simbolismo”
1) Moreau, Redon e Böcklin
2) Munch: un precursore dell’Espressionismo
3) La Secessione viennese: Klimt e Schiele
Modulo 6 Titolo: L’Espressionismo
1) I fauves: Matisse
2) Die Brücke: Kirchner
Modulo 7 Titolo: Uno sguardo alle altre Avanguardie Storiche
1) Il Cubismo: Picasso
2) Il Futurismo: Boccioni e Balla
3) Il Dadaismo: Duchamp
4) Il Surrealismo: Magritte e Dalì
Modalità di lavoro: Discussione in classe, studio individuale domestico, lavoro in classe a gruppi.
Metodologie didattiche: Lezione frontale, osservazione e analisi di immagini, discussione in
classe, viaggi d’istruzione (alla Biennale di Venezia). Uso di risorse: Spazi interni alla scuola ( aula)
- ttrezzature interne alla scuola (Biblioteca , libri riviste, proiettore). Verifiche: Le verifiche, nel
corso dell’anno, sono state 4: due orali e due scritte
N.B. Alla consegna del programma (15 maggio), il suo svolgimento comprendeva gli argomenti fino
all’Espressionismo. I successivi sono stati inseriti nel desiderio di svolgerli, ma senza la certezza di farlo.
53
Disciplina: SCIENZE MOTORIE Docente: Prof.ssa PINA ILARIA SPAGNAMUSSO
CLASSE E INDIRIZZO 5^ G Internazionale Francese opzione scientifica e linguistica
Test di entrata capacità motorie: Resistenza,velocità, forza, mobilità, coordinazione,
equilibrio.
OBIETTIVI SPECIFICI DELLA MATERIA
Potenziamento fisiologico. Rielaborazione e affinamento degli schemi motori
precedentemente appresi
Miglioramento delle capacità coordinative e percettivo-cinetiche
Scoperta e approfondimento delle proprie potenzialità espressive attraverso il movimento.
Conoscenza e pratica dei giochi tradizionali e presportivi e delle attività
sportive
codificate con particolare riferimento ai giochi di squadra. Conoscenza, comprensione,
analisi e applicazione dei gesti tecnici individuali e di squadra.
Socializzazione,rispetto delle regole della salute e senso civico.
CONTENUTI
Esercizi preatletici generali e specifici,esercizi di base con o senza attrezzi, stretching,
ginnastica aerobica. Atletica: tecnica di corsa, di salto IN ALTO di lancio, corsa agli
ostacoli. Pallavolo: schiacciata, muro, battuta tennis, semplici schemi di squadra.
Pallacanestro: terzo tempo, semplici schemi di gioco. Calcetto: controllo di palla,
passaggio, tiro e situazioni di gioco. Esercizi e tecniche di rilassamento.
PROGETTO ESPESRTI ESTERNI YOGA.
TEORIA: Storia dello sport
Regolamento tecnica Pallacanestro di gioco.
Il concetto di salute e attività sportiva.
Regole nell'attività sportiva e nella vita di relazione.
VERIFICHE E VALUTAZIONI
Al termine delle singole unità didattiche saranno eseguite delle verifiche per riscontrare il
raggiungimento degli obiettivi prefissati
Le verifiche potranno essere test motori, prove cronometrate, prove individuali, prove
orali e test a risposte multiple. in relazione al programma svolto.
La valutazione terrà conto oltre che delle verifiche, della frequenza, dell'interesse
dimostrato, della partecipazione attiva, del comportamento e dei miglioramenti conseguiti
nel corso dell'anno.
****************************
54
Disciplina: RELIGIONE CATTOLICA
Docente: Prof. Riccardo CARLI
CLASSE E INDIRIZZO 5^ G Internazionale Francese opzione scientifica e linguistica
Relazione sulla classe
Il gruppo - classe (10 studenti) ha seguito con interesse e impegno le lezioni, intervenendo
con domande e/o osservazioni. Gli obiettivi prefissati sono stati pertanto pienamente
raggiunti con risultati molto buoni e ottimi.
Modalità di lavoro
Il docente ha coordinato l’attività scolastica, talvolta anche scritta, e sistematicamente ha
sollecitato e moderato il dialogo, per un costruttivo confronto di posizioni e di idee
personali.
Il lavoro didattico si è svolto attraverso l’introduzione degli argomenti, la verifica delle
conoscenze pregresse, l’approfondimento critico, anche utilizzando schede specifiche.
Programma svolto
Modulo: ECUMENISMO E DIALOGO INTERRELIGIOSO
−
−
−
Le principali caratteristiche delle “confessioni” cristiane: elementi di convergenza e
di differenza. Il Concilio di Trento.
Il Concilio Vaticano II: novità e continuità. I principali documenti (es. le quattro
“costituzioni”).
Ecumenismo e dialogo interreligioso: prospettive e difficoltà.
Modulo: SCIENZA E TEOLOGIA
-
L’uomo fra progresso scientifico e domande di senso: metodo scientifico e metodo
teologico.
Evoluzionismo biologico e interpretazioni filosofico-teologiche.
La posizione cristiana relativa alla creazione/evoluzione.
La "discontinuità
ontologica" dell'essere umano.
APPROFONDIMENTI TEMATICI
−
−
−
−
L’etica sociale cristiana: i principi ispiratori.
L enciclica di Papa Francesco “Laudato si” sulla cura dell’ambiente:
essenziali.
Nietzsche e il Cristianesimo: approccio critico.
Attualità: dibattito relativo agli eventi terroristici avvenuti in Francia.
*************************
55
i nuclei
Disciplina: LINGUA E LETT SPAGNOLA
Docente: Prof.ssa Carmen BLOISE
Classe e indirizzo 5^ G Internazionale Francese: opzione
LINGUISTICA
Libro di testo : Colacicchi, Ravasini, Itinerarios, Hoepli.
La lingua spagnola è stata oggetto di studio per gli allievi della classe come terza lingua
durante il triennio finale con cinque ore settimanali di cui una in compresenza con
l’esperto di conversazione.
Il gruppo è partito da un livello di principianti assoluto. I primi due anni del triennio sono
stati dedicati soprattutto allo studio della lingua (strutture grammaticali, lessico, funzioni
linguistiche) e agli aspetti culturali dei paesi di lingua spagnola. Nella seconda parte del
secondo anno gli allievi hanno iniziato lo studio della letteratura dalle origini a “El Siglo
de Oro”. Il programma del terzo ed ultimo anno ha riguardato invece il consolidamento
delle abilità comunicative precedentemente acquisite ed il proseguimento dello studio
della storia della letteratura spagnola attraverso l’analisi dei testi e la loro
contestualizzazione.
La contestualizzazione dei brani letti è stata realizzata tramite l’analisi dei movimenti
culturali e letterari all’interno dei quali i testi sono stati prodotti e tramite brevissimi
accenni alla biografia degli autori .
All’inizio del quinto anno gli allievi hanno conseguito la certificazione DELE B2 per il cui
conseguimento sono stati preparati durante la seconda parte dell’anno scolastico
precedente durante le lezioni curricolari.
Per quanto concerne il profitto, il gruppo possiede in generale un buon livello di
conoscenza e, in alcuni casi, ottimo della disciplina. Solo pochissimi allievi presentano
qualche fragilitá nella loro preparazione. Sin dall’inizio del triennio, la classe ha mostrato
un crescente interesse per la disciplina.
OBIETTIVI DISCIPLINARI
Gli obiettivi principali del corso di questo anno scolastico sono stati i seguenti:
approfondire le conoscenze delle strutture morfosintattiche e lessicali acquisite negli anni
precedenti
migliorare l’integrazione delle quattro abilità linguistiche principali (comprensione e
produzione orale e scritta)
ampliare il vocabolario già acquisito
acquisire le nozioni fondamentali riguardanti la storia e la letteratura moderna e
contemporanea spagnola
saper svolgere analisi testuali dei vari generi letterari
saper contestualizzare le varie opere letterarie nella realtà storica e culturale in cui sono
state prodotte.
METODOLOGIA
L’analisi del testo è stata svolta secondo le seguenti fasi metodologiche:
Lettura e comprensione superficiale degli aspetti denotativi del testo
Comprensione profonda del testo e dei valori connotativi per mezzo di domande mirate,
esercizi individuali o di gruppo;
56
Individuazione degli elementi costitutivi del genere, temi, personaggi,figure del
linguaggio, stile dell’opera;
Elaborazione di giudizi critici e personali;
Contestualizzazione del testo tramite uno sguardo complessivo alla realtà storica e
culturale in cui il testo è stato prodotto.
Lo studio dei testi selezionati è stato corredato, quando è stato possibile, dalla lettura di
documenti e dalla visione di films correlati ai contenuti studiati.
Le attività svolte in classe sono state basate su tipologie di esercizi guidati ed autonomi, di
gruppo ed individuali con le caratteristiche fondamentali della metodologia comunicativa.
CONTENUTI
LETTERATURA
La Ilustración
La fábula de F. M. De Samaniego “La lechera”
La comedia neoclásica de L.F.Moratín : “El sí de las niñas”
El Romanticismo
G.A.Bécquer: “Leyendas” : “La voz del silencio”
“Rimas” “Besa el aura..”
“Tú eras el huracán..”
“Volverán las oscuras golondrinas..”
“¿De dónde vengo ….”
El drama romántico - Josè Zorrila : “Don Juan Tenorio”
El Costumbrismo - J. M. de Larra : “Vuelva usted mañana”
Mesonero Romanos : “El Romanticismo y los románticos”
El Realismo y la evolución de la novela
Leopoldo Alas Clarín : “La Regenta”
B.P.Galdós: “Tristana”,”
La Generación del 98
M. de Unamuno: “Niebla”
“La oración del ateo”
R. del Valle-Inclán : “Luces de Bohemia”
A. Machado : “Las ascuas de un crepúsculo morado”
“Proverbios y Cantares”
“Retrato”
“La Saeta”
Vanguardias e ismos
R. G. De la Serna : “Las Greguerías”
Gerardo Diego y el Creacionismo : “Frío”
57
El Modernismo
R. Del Valle Inclán : “Sonatas” (Sonata de otoño)
La Generación del ’27 y el Surrealismo
F.G.Lorca : “Romance de la pena negra”
“La Aurora”
“La casa de Bernarda Alba”
Rafael Alberti : Los ángeles muertos
La novela de la posguerra
C.J.Cela : “La familia de Pascual Duarte”
“La Colmena”
La narrativa hispanoamericana
J.L.Borges: “La Biblioteca de Babel”
“Las ruinas circulares”
G.Garcia Márquez :”Cien años de soledad”
“Blacamán, el bueno, vendedor de milagros”
M. Vargas Llosa : “La fiesta del chivo”
La prima parte dell’anno scolastico è stata dedicata principalmente alla preparazione
all’esame della certificazione DELE del Livello B2 e di conseguenza al ripasso e al
consolidamento delle strutture grammaticali e delle funzioni linguistiche studiate durante
l’anno scolastico precedente e previste dal Quadro di Riferimento Comune Europeo per
tale livello.
*************************
58
Disciplina: LINGUA E LETTERATURA INGLESE
CLASSE E INDIRIZZO
Docente: Prof.ssa Oria ZANZI
5 G Internazionale Francese: opzione linguistica
Presentazione della classe
Pur con le dovute eterogeneità dovute alle capacità individuali che lo hanno
diversificato, il grado di preparazione è nel complesso pienamente discreto, media tra la
preparazione letteraria e le capacità espressive che la esplicitano. La metà degli alunni è in
possesso di certificazioni Cambridge (FCE o CAE) o IELTS.
Finalità e obiettivi
L’Inglese è seconda lingua nell’ESABAC Francese, corso interessante per la sua
specificità; l’ opzione Linguistica è pertanto da intendere in senso meno tradizionale
rispetto ad un normale Liceo Linguistico, pur condividendone programmi e prove
d’esame.
Il programma è stato svolto regolarmente: scrittori e movimenti sono stati affrontati
nelle loro linee generali e particolari, secondo il profilo critico-letterario suggerito dal libro
di testo, cioè finalizzando sempre il lavoro didattico alla comprensione e interpretazione
degli autori nel loro contesto storico-culturale.
Metodologia e valutazione
Le prove orali sono state di tipo tradizionale e sommativo, accompagnate da altre
valutazioni formative ad opera del lettore di madrelingua. Le verifiche scritte si sono
basate sulla trattazione sintetica di argomenti, con le modalità della terza prova d’esame
( di cui sono state fatte simulazioni con tipologia A e B: la relativa griglia di valutazione è
leggermente diversa da quella delle altre discipline, in quanto materia caratterizzante). E’
stata svolta anche una simulazione di seconda prova d’esame. I criteri per l’attribuzione
dei voti e i livelli di valutazione (dal 3 al 10) sono quelli concordati con il consiglio di
classe, e il profilo in uscita corrisponde a quello concordato con il Dipartimento di Lingue.
PROGRAMMA DI LINGUA E LETTERATURA INGLESE
Testi: M. Spiazzi e M.Tavella , Only Connect……New Directions vol. 2 e 3, ed. Zanichelli.
1) THE VICTORIAN AGE (ore: 22)
The Victorian Age (photocopy); the Early Victorian Age; the later years of Queen Victoria’s
Reign; the American Civil War and the settlement in the West; the Victorian Compromise;
the Victorian frame of mind; Utilitarianism; the Victorian Novel; Types of Novel;
Aestheticism and Decadence; the Dandy.
Charles Dickens
Thomas Hardy
Hard Times : “Coketown”
Oliver Twist: “Oliver wants some more”
Tess of the D’Urbervilles: “Alec and Tess in the Chase”;
“Justice is done” (photocopy)
59
Oscar Wilde
The Picture of Dorian Gray: “Preface”; “Basil Hallward”;
“Dorian’s Hedonism”
2) TWO AMERICAN POETS (ore: 5)
Emily Dickinson
are
E.Lee Masters
“Dr.
“To make a prairie”; “The bustle in a house”; “The morns
meeker” (photocopy)
“Hope is the thing”
Spoon River Anthology: “The hill”; “Mabel Osborne”;
Siegrfried Iseman”; “Wendell P.Bloyd”; “Fiddler Jones”
(photocopy)
3) ) THE MODERN AGE (ore: 34 fino al 15 maggio)
The Edwardian Age; Britain and World War I; The Twenties and the Thirties; The age of
anxiety;
stream of consciousness; Modernism; The Modern Novel; the interior
monologue; The War Poets
Rupert Brooke
Wilfred Owen
Siegfried Sassoon
Isaac Rosenberg
T.S.Eliot *
“The Soldier”
“Dulce et decorum est”
“Suicide in the trenches”; “Glory of women” (photocopy)
“Break of day in the trenches”
The Waste Land: “The Burial of the Dead” *
James Joyce
Dubliners: “Eveline”; “The Dead”
A Portrait of the Artist as a Young Man: “Baby Tuckoo’s
Road”
Virginia Woolf
George Orwell
Samuel Beckett
Waiting”
Sylvia Plath
(photocopy)
Ulysses: “Molly’s monologue”
A Room of one’s own:”Shakespeare’s Sister” (photocopy);
Mrs Dalloway : “Clarissa’s party”
Animal Farm: “ The execution”
1984: “This was London” (+ photocopy)
Waiting for Godot: “We’ll come back tomorrow”;
“Daddy”; “Lady Lazarus”
*La lettura del brano verrà completata dopo il 15 Maggio, a cura di Mr. Lawrence Smith,
con cui la classe ha affrontato l’analisi della lettura monografica: The Strange Case of Dr.
Jekyll and Mr. Hyde (R.L.Stevenson (ore: 8)
60
61
Disciplina: SCIENZE NATURALI
Docente: Prof.ssa Annamaria FELISA (FINO AL 7
MARZO); supplente Katia NISI (DAL 31 MARZO 2016)
CLASSE E INDIRIZZO 5 G Internazionale Francese: OPZIONE LINGUISTICA
Situazione del Gruppo Linguistico e livello di raggiungimento degli obiettivi
Il gruppo linguistico della sezione G è composto da 22 alunni con competenze e livelli di
maturazione diversi: per alcuni alunni l’impegno, lo studio e l’approfondimento personale
sono stati più che soddisfacenti, per altri lo studio è prevalentemente confinato ai momenti
di verifica o è molto superficiale e sono mancati gli approfondimenti autonomi. Per alcuni
alunni molto probabilmente la sufficienza sarà raggiunta su voto consiliare.
Nell’ultimo triennio hanno avuto sempre la Prof.ssa Felisa Annamaria come docente di
scienze se si eccettua il pentamestre della III (grave patologia, supplente Pierfrancesco
Patrisso) e dal 7/3 della V (grave patologia, supplente Katia Nisi). In realtà dal 7 marzo
2016 a primi di aprile 2016 la classe è rimasta scoperta (prime lezioni della supplente ai
primi di aprile 2016).
Svolgimento del programma
Nella classe si sono svolte 3 ore settimanali. Le ore effettive sono state ridotte dallo
svolgimento concomitante di assemblee di Istituto, elezioni, scioperi, conferenze, stage
all’estero e simulazioni delle prove d’esame, oltre al mese di assenza di nomina della
supplente. Si sono svolte 80 ore frontali (pentamestre + trimestre) + 8 di stage al Life
Learning Center pari all’80% delle ore curricolari. Una unità di apprendimento (DNA
fingerprinting) è stata svolta in inglese e hanno svolto il relativo laboratorio presso Scienza
in Pratica (ex LLC).
Il programma è stato svolto interamente fino al 7 di marzo, poi l’assenza di nomina per
circa un mese ha creato un inevitabile rallentamento: la parte di astronomia è stata svolta
solo relativamente ai telescopi, al sole e alle stelle. Questo anche per permettere un po’ di
ripasso nelle ultime settimane e seguire l’elaborazione delle tesine. Lo svolgimento è
avvenuto seguendo quanto concordato dai docenti della materia e si sono seguite le
indicazioni di metodo e di contenuto condivise dal dipartimento di Scienze.
Obiettivi disciplinari
• Usare correttamente il linguaggio scientifico appropriato.
• Comprendere le tappe fondamentali dello sviluppo storico del pensiero scientifico
limitatamente agli argomenti trattati;
• Identificare i meccanismi della variabilità biologica.
• Descrivere le tappe della trasmissione dell’informazione genetica dal nucleo alla
proteina
• Comprendere il significato dell’universalità del codice genetico
• Comprendere le strategie di regolazione genica nei procarioti e negli eucarioti
• Comprendere le grandi potenzialità delle tecnologie del DNA ricombinante in
campo biomedico ed agroalimentare
• Conoscere la struttura anatomica umana e comprendere i processi fisiologici degli
apparati e sistemi biologici trattati
• Collegare tra loro i diversi livelli di organizzazione degli esseri viventi, in
particolare quello cellulare con quelli di apparato e di organismo.
62
•
•
•
•
Riconoscere il processo evolutivo alla base dell’architettura del corpo umano
Riconoscere lo stretto legame esistente fra salute e stili di vita
Localizzare il Sistema Terra nello spazio (sistema Solare, Galassia, Universo).
Rapportare il pensiero evolutivo alla vita delle Stelle ed alle Teorie Cosmologiche.
Metodologia
Le lezioni frontali sono state costantemente supportate dall’uso di materiale multimediale
interattivo, Power Point, Cdrom e filmati. Per alcune tematiche si è fatto riferimento a siti
web di approfondimento (genetica, biotecnologie, astronomia) e ad applicazioni Apple
(pUniverse, Starwalk). Si è fatto uso di riviste di approfondimento quali “Le Scienze” e
altre riviste divulgative. Si è favorito l’approccio sperimentale cercando di porre le
scoperte scientifiche in relazione con l’evoluzione tecnologica compiuta dall’uomo e al
contesto storico – sociale. Si è cercato il più possibile di stimolare gli alunni ad effettuare
collegamenti e a cogliere i rapporti fra i fenomeni. Per la parte di genetica si è svolto uno
stage di due giorni al Life Learning Center (ora Scienze in Pratica) di cui la parte relativa al
DNA fingerprinting è stata svolta in lingua inglese. Si sono più volte favorite le
connessioni con altre discipline (filosofia, storia e fisica soprattutto).
Verifiche
Alla fine di ogni U.A sono state svolte verifiche scritte, privilegiando le tipologie A e B ma
talvolta anche a risposta multipla, oppure interrogazioni orali. Si è cercato in ogni modo di
stimolare l’uso di un linguaggio scientifico il più corretto possibile. Per alcune attività
(stage al Life Learning Center) sono state richieste relazioni personali. Alcune attività
hanno richiesto l’analisi e il riconoscimento di campioni e/o modelli biologici in scala.
Criteri di valutazione
La valutazione delle singole prove è avvenuta utilizzando la scala docimologica
concordata in collegio docenti.
Gli elementi di valutazione tenuti in considerazione per la valutazione sommativa finale
sono stati:
• grado di apprendimento dei contenuti specifici,
• utilizzo di un linguaggio scientifico corretto
• capacità di inquadrare in uno schema logico le conoscenze acquisite,
• capacità di effettuare i collegamenti fra parti diverse del programma e con altre
discipline;
• impegno dimostrato,
• qualità della partecipazione al dialogo didattico
• progresso evidenziato in relazione ai livelli di partenza.
Libri adottati : per biologia Campbell, Reece, Taylor, Simon, Dickey, Il nuovo immagini
dalla Biologia vol A,B,C, D”Linx Ed.
Per astronomia: T. Cavattoni, Il cielo sopra di noi, Bovolenta Ed.
PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO
BIOLOGIA:
GENETICA MOLECOLARE
Gli esperimenti di Griffith e Chase. La struttura del DNA: il modello di Watson e Crick. La
duplicazione del Dna, la trascrizione e la traduzione: attori e tappe. Il codice genetico e la
63
sua universalità. Lo splicing dell’ mRNA. Le Mutazioni geniche, cromosomiche e
genomiche.
Struttura e biologia di virus e batteri. Tecniche di ricombinazione del DNA nei batteri.
Coniugazione, Trasformazione e Trasduzione. I plasmidi batterici.
La regolazione genica nei procarioti: il modello dell’operon Lac.
La regolazione genica negli eucarioti: le principali tappe. Il differenziamento cellulare. La
trasduzione del segnale.
La clonazione. Le cellule staminali. La cancerogenesi: oncogeni e oncosoppressori
(mutazioni del gene RAS e di p53).
La tecnologia del DNA ricombinante: la clonazione genica. La trascrittasi inversa. Gli
organismi geneticamente modificati: procarioti ed eucarioti e illoro utilizzo.(pregi e
difetti).La terapia genica
La PCR. Il DNA fingerprinting e le sue applicazioni. La genomica.
In lingua inglese DNA fingerprinting.
IL CORPO UMANO
APPARATO DIGERENTE: sua evoluzione. Le tappe della digestione chimica e
meccanica. Lo stomaco, le sue funzioni, la sua fisiologia e le sue patologie. Fegato e
pancreas: struttura e funzioni, fisiologia e patologie più comuni. Intestino tenue e crasso:
funzioni, struttura, fisiologia e principali patologie.
Principi alimentari e dieta equilibrata. Vitamine e sali minerali. Principali rischi legati alla
cattiva alimentazione nel mondo occidentale: malattie cardiovascolari, sovrappeso e
cancerogenesi. Il ruolo di alcune diete per la salute de corpo (dieta mediterranea, cibi
integrali, cibi a basso indice glicemico). Alimentazione e longevità.
APPARATO CIRCOLATORIO sua evoluzione, collegamenti ad apparato respiratorio.
Circolazione polmonare e circolazione sistemica. Il cuore struttura e ciclo cardiaco. La
gittata cardiaca, il nodo seno atriale e la conduzione dell’impulso. Patologie cardiache
principali. Struttura di arterie e vene. La pressione sanguigna e la pressione osmotica. La
fitta rete di capillari e il trasferimento delle sostanze nutritive e di rifiuto attraverso di essi.
Il sangue: funzioni e caratteristiche degli elementi figurati e del plasma .Il sistema
tampone del sangue. Struttura e funzione dell’emoglobina. Le principali patologie del
sangue. La coagulazione del sangue. L’emopoiesi.
SISTEMA IMMUNITARIO: Immunità innata, la risposta infiammatoria. Struttura del
sistema immunitario. Linfociti B e T. L’ immunità acquisita. Immunità attiva e passiva
(sieri e vaccini). Struttura anticorpi e legame con antigene. Distinzione fra self e non self.
L’immunità acquisita, la selezione clonale: prima e seconda risposta anticorpale.
Meccanismi di azione degli anticorpi. Immunità mediata da cellule, ruolo dei linfociti T
helper e citotossici. Patologie del sistema immunitario : immunodeficienze, malattie
autoimmuni e allergie.
SISTEMA NERVOSO: sua evoluzione. Gli archi riflessi. Struttura funzionamento del
neurone. Potenziale di riposo e potenziale d’azione. Sinapsi chimiche. I diversi tipi di
neurotrasmettitori. Il Sistema Nervoso Centrale e periferico. Sistema parasimpatico e
simpatico. L’encefalo e la sua struttura. Evoluzione delle tecniche di studio del cervello. La
corteccia cerebrale. Il sistema limbdico. Aree cerebrali primarie. Homunculus sensitivo e
homunculus motorio. Aree integrate e loro ruolo nei processi complessi: memoria,
64
coscienza, intelligenza, personalità, creatività. Il sistema dei neuroni specchio. La plasticità
neuronale. Il sonno e le sue funzioni.
ASTRONOMIA
L’Universo vicino
La luce, lo spettro elettromagnetico e le principali bande spettrali. Spettri di assorbimento
e di emissione. Legge di Stefan Boltzmann (corpo nero) e legge di Wien. L’intensità
luminosa. Il redshift.
I telescopi:caratteristiche principali dei telescopi riflettori e rifrattori . Ingrandimento,
luminosità e potere di risoluzione.
Le distanze in astronomia: Unità Astronomia, Anno Luce. Il metodo della parallasse
annua. Il Parsec. La parallasse spettroscopica . Metodi basati sulle supernovae Ia e sulle
Cefeidi .
Le Stelle: le classi spettrali, la magnitudine apparente e assoluta. I parametri fisici delle
stelle: massa, raggio e luminosità. Il diagramma HR: significato della sequenza principale
e altri tipi di stelle. Evoluzione della vita di una stella. Diversi tipi di “morte” stellare. I
buchi neri. Stelle variabili.
La Via Lattea: caratteristiche principali.
L’Universo lontano (svolto dopo il 15/5)
Ammassi globulari e aperti. Il gruppo locale e il Superammasso locale. Classificazione
delle Galassie. Struttura dell’ Universo. La teoria del Big Bang. La radiazione cosmica di
fondo. La legge di Hubble e l’effetto Doppler cosmologico. Teorie sull’evoluzione
dell’Universo.
CONFERENZE:
nell’ambito dell’educazione alla salute: intervento su HIV (tenuto da esperti del S. Orsola):
3/2/2016; Pozzo di Scienza (Hera): “Medicina su misura” collegamenti fra genetica e
medicina personalizzata (Prof.ssa Angelini): 11/3/2016
STAGE: Stage di due giorni al Life Learning Center – trasformazione batterica.
eDnafingerprinting - in inglese - (4 e 5 novembre 2015).
***************************
65
Disciplina: FILOSOFIA Docente: Prof. Stefano MASSIDDA FALQUI /supplente
Valentina D’ANDREA (da aprile 2016)
CLASSE E INDIRIZZO 5 G Internazionale Francese – opzione linguistica e scientifica
Libri di testo :
Abbagnano, Fornero, Fare Filosofia, Paravia, vol. 2 e 3 (autori e testi)
La Classe
La classe ha registrato una partecipazione ed un interesse costante da parte soprattutto di
un gruppo, mentre un’altra parte ha evidenziato un atteggiamento a volte passivo e
altalenante nella partecipazione e nell’interesse. Le capacità dei singoli sono mediamente
più che discrete. I risultati sono, nel complesso, accettabili, con alcuni casi anche di profitto
senz’altro ottimo.
Obiettivi conseguiti:
( conoscenze)
1. Il gruppo presenta, nel complesso, una più che sufficiente conoscenza degli autori, delle
scuole e dei sistemi filosofici fondamentali del pensiero da Kant a Nietzsche.
2. Un possesso accettabile del linguaggio specifico della disciplina e anche della capacità di
utilizzarlo in modo pertinente.
3. Altrettanto accettabile risulta, inoltre, la capacità di autonoma lettura, comprensione e
commento di brani filosofici.
(competenze):
Quasi discrete, nel complesso, risultano inoltre:
1. le capacità di esprimersi in forme corrette lessicalmente e coerenti logicamente.
2. le capacità di analisi e di sintesi.
3. la capacità di redigere schemi e scalette e di prendere appunti, dimostrando di saper
seguire il ragionamento altrui e di coglierne l’essenziale.
4. adeguata la capacità di organizzare coerentemente quanto appreso.
5. più che sufficiente la capacità di confrontare criticamente diverse prospettive
filosofiche.
6. analoga la capacità di avvalersi autonomamente di tutte le conoscenze acquisite
sull’argomento, facendo collegamenti interni ed esterni alla disciplina.
(capacità):
La classe ha dimostrato di:
1. essere capace di concentrazione, di ascolto attivo, affiancando a queste una accettabile
interazione e partecipazione.
2. mantenere un comportamento corretto e rispettoso delle regole della convivenza
scolastica.
3. essere disponibile al dialogo culturale e di essere partecipe al lavoro scolastico, con
adeguata sensibilità alle problematiche culturali emerse all’esterno del mondo scolastico.
4. sapersi applicare responsabilmente allo studio.
5. saper collaborare con compagni e insegnanti.
66
METODI E STRUMENTI
-Lezioni frontali ed interattive, discussioni a tema, partecipazioni ad eventi esterni (mostre
e conferenze ecc.).
-Libro di testo, appunti, letture ed analisi (in classe o a casa) di qualche frammento
testuale.
VERIFICHE
Tipologia di prova
Prove (semi)strutturate: questionari a Uno nel trimestre
risposta aperta (Tipologia B), con brevi
analisi testuali.
Prove orali (interrogazioni, colloqui)
Due: una nel trimestre, una nel pentamestre..
Analisi casalinghe e relazioni scritte su una: nel pentamestre
frammenti testuali.
VALUTAZIONI
-Per quanto riguarda i criteri di valutazione si rimanda sia a quelli stabiliti in
dipartimento, sia
a quelli fissati in sede di Consiglio di Classe e riportati nella
documentazione generale della classe.
Programma svolto
A) CRITICISMO ED IDEALISMO
1) Kant: l’inconoscibilità della cosa in sé; fenomeno e noumeno; la rivoluzione copernicana;
sensibilità, intelletto e ragione; intuizioni, concetti, idee; la Critica della Ragione pratica: legge
morale, massime ed imperativi, autonomia e formalità della legge morale, la libertà
noumenica, i postulati della ragione pratica; la Critica del giudizio e il problema estetico della
bellezza; l’influenza dell’estetica kantiana nella sensibilità romantica.
2) Dal Criticismo all’Idealismo: accenni a Romanticismo, all’estetica romantica e a quella
idealistica; la cocontraddittorietà della cosa in sé e la sua eliminazione; realismo ed idealismo
moderni;
3) Hegel: Il pensiero come Assoluto; la nozione di “idea” e di “ragione” e i rapporti con le
principali posizioni filosofiche precedenti; caratteristiche del sistema e la nozione di realtà
come Spirito; la dialettica; la Fenomenologia dello Spirito: piano dell’opera, la dialettica della
Coscienza e dell’Autocoscienza; la dialettica dello spirito oggettivo: diritto, moralità ed eticità;
la filosofia della storia; la nozione di spirito assoluto: arte, religione, filosofia.
67
B) MATERIALISMO E SCIENTISMO
4) Destra e Sinistra hegeliana: il problema del rapporto tra filosofia, religione ed antropologia;
la religione tra mito e leggenda; Feuerbach: la riduzione della metafisica alla teologia, e della
teologia all’antropologia; l’alienazione religiosa.
5) Marx: critica ad Hegel e rovesciamento materialistico; critica a Feuerbach; l’ideologia
tedesca e il materialismo storico-dialettico; accenni al Manifesto; il Capitale: la merce, il plusvalore, la rivoluzione e la futura società comunista.
7) il Positivismo: caratteri generali; scienza e filosofia; vis anti-metafisica e accenni agli
sviluppi neopositivistici; la nozione di progresso e la storia; positivismo sociale e positivismo
evoluzionistico; Comte: la legge dei tre stadi, l’epistemologia e il sistema delle scienze con la
sociologia.
C) LE PRINCIPALI POSIZIONI ANTI-HEGELIANE E LA CRISI DELLA METAFISICA
8) Schopenhauer: la ragione e l’ambito fenomenico; la Volontà come cosa in sé; l’intuizione
filosofica del corpo proprio; le oggettivazioni della volontà e l’esperienza del dolore; la
negazione della volontà di vita: arte, ascesi, la nullità del mondo.
9) Kierkegaard*: (per accenni) l’Esistenza, il Singolo e la Possibilità contro il Pensiero, il
Sistema e la Necessità; la Fede; la dialettica di Aut-Aut egli stadi dell’esistenza: estetica, etica,
religione; angoscia e disperazione.
10) Nietzsche:* lo spirito tragico: apollineo e dionisiaco; arte, storia e scienza; la genealogia
della morale e il Cristianesimo; la prospettiva ermeneutica; il nichilismo, la “morte di Dio” e il
Superuomo; l’eterno ritorno.
11) Freud* : accenni alla teoria dell’inconscio e delle pulsioni.
* da svolgere a maggio per linee essenziali.
68
Discipline: FISICA E MATEMATICA
Docente: Prof.ssa
CLASSE E INDIRIZZO: 5G Internazionale Francese -
Paola GIACCONI
opzione SCIENTIFICA
Materia: FISICA
Libro di testo: J Halliday, R. Resnick, J. Walker
Note dell'insegnante: Magnetismo nella Materia
Note dell'insegnante: Relatività Ristretta
Note dell’insegnante: Meccanica Quantistica
Le note possono essere scaricate dal sito della scuola sotto il nome del docente nella cartella della
classe 5
1. Introduzione : le interazioni fondamentali
2. Elettrostatica
− La carica elettrica e le sue proprietà
− La legge di Coulomb e le sue proprietà nel sistema di unità di misura MKQS e cgsGauss.
− Energia di un sistema di cariche.
− Il dipolo elettrico, momento di dipolo elettrico.
− Il campo elettrico E e le sue proprietà
− Conduttori ed isolanti.
− Il flusso del campo elettrico ed il Teorema di Gauss.
− Applicazioni del teorema di Gauss: campo elettrico di un filo rettilineo infinito
uniformemente carico; campo elettrico di un piano infinito uniformemente carico;
campo all'interno e all'esterno di una sfera isolante uniformemente carica; campo
all'interno e all'esterno di una sfera conduttrice uniformemente carica.
− Analogie e differenze tra campo il elettrostatico e il campo gravitazionale:il
teorema di Gauss per il campo gravitazionale.
− L'integrale di linea del campo elettrico, la circuitazione del campo elettrico, il
potenziale elettrostatico e la differenza di potenziale.
− Le equazioni di Maxwell per il campo elettrostatico:
− Teorema di Coulomb, campi elettrici nei conduttori e negli isolanti.
− Capacità di un conduttore. I condensatori: capacità di un condensatore a facce
piane parallele. Condensatori in serie ed in parallelo. Energia elettrostatica
immagazzinata in un condensatore: densità di energia del campo elettrico.
3. Le correnti continue stazionarie
− Moto di cariche in un conduttore: il vettore j densità di corrente; ; conducibilità
elettrica e legge di Ohm macroscopica e microscopica. Resistenza dei conduttori.
Resistenza interna nei generatori di tensione e forza elettromotrice (f.e.m.).
Resistenze in serie e resistenze in parallelo.
− Risoluzione dei circuiti elettrici e leggi di Kirchhoff ai nodi ed alle maglie.
69
−
−
−
Analisi del circuito RC in corrente continua.
Dissipazione di energia al fluire della corrente: effetto Joule.
Il voltmetro e l'amperometro nei circuiti elettrici.
4. Il campo magnetico
− La forza di Lorentz nel sistema di unità di misura MKSQ e cgs-Gauss come
equazione che definisce il campo di induzione magnetica B. Moto di una carica in
un campo magnetico costante. Lo spettrometro di massa. Moto di una carica in
campi elettrici e magnetici uniformi.
− Conduttore in campo elettrico e campo magnetico perpendicolari tra loro: effetto
Hall classico e segno dei portatori di carica nei conduttori.
− Esperienza di Thomson e determinazione del rapporto e/m.
− Seconda formula di Laplace: forza su di un elemento di circuito immerso in un
campo magnetico esterno
− Momento magnetico e momento torcente di una spira percorsa da una corrente ed
immersa in un campo magnetico esterno.
− Principio di equivalenza di Ampere.
− Magneti e circuiti elettrici: linee di campo magnetico.Campo magnetico di un filo
rettilineo percorso da corrente: legge di Biot-Savart.
− Forza tra due fili paralleli percorsi da corrente.
− Il campo B e le sue proprietà: equazioni di Maxwell per il campo magnetostatico
− Applicazioni della prima legge di Laplace: campo magnetico sull'asse di una spira
circolare percorsa da corrente, campo magnetico al centro di una spira circolare
percorsa di corrente.
− Applicazioni del teorema della circuitazione per la determinazione di campi
magnetici: campo magnetico all'interno e all'esterno di un solenoide infinito.
5. Le proprietà magnetiche della materia
− Forza su di una spira immersa in un campo magnetico non uniforme:
− Diamagnetismo secondo il modello di Bohr-van Leeuwen
− Paramagnetismo
− Ferromagnetismo
6. L'induzione elettromagnetica e le equazioni di Maxwell per il campo
elettromagnetico
•
Moto di una sbarra conduttrice in un campo magnetico uniforme.
•
Moto di un circuito in un campo magnetico non uniforme e la legge di induzione.
•
L'alternatore come generatore di tensione alternata.
•
Autoinduttanza L di un circuito: calcolo dell'autoinduttanza di un solenoide di
lunghezza l
•
Analisi del circuito RL in corrente continua: extra correnti di apertura e di
chiusura.
•
Analisi del circuito oscillante LC, analisi solo qualitativa del circuito RLC.
•
Energia immagazzinata nell'induttanza, densità di energia del campo magnetico.
•
"Manca qualcosa": la corrente di spostamento.
•
Le equazioni di Maxwell per campi rapidamente variabili.
70
•
•
Dalle equazioni di Maxwell alle onde elettromagnetiche; costanza della velocità
delle onde e.m.
Energia del campo elettromagnetico.
7. La Relatività Ristretta
L'esperimento di Michelson e Morley e l'abbandono dell'etere.
I postulati della Relatività Speciale
Dalle trasformazioni di Galileo alle trasformazione di Lorentz.
Cinematica relativistica: contrazione delle lunghezze, dilatazione degli intervalli
temporali, composizione delle velocità composizione delle accelerazioni
Effetto Doppler della luce.
Semplici questioni di dinamica relativistica: quantità di moto relativistica,
generalizzazione alla Relatività Ristretta del secondo principio della dinamica.
Energia relativistica.
Equivalenza massa energia
Effetto Doppler gravitazionale della luce, cenni di Relatività Generale.
8. Meccanica Quantistica
Le radici classiche della Meccanica Quantistica
Radiazione di Corpo nero
Effetto Fotoelettrico
Effetto Compton
Interferenza di singolo elettrone l’esperimento più bello
Diffrazione di elettroni e Principio di Indeterminazione di Heisemberg
71
Prof. P. Giacconi - Materia: MATEMATICA
Libro di testo: Sasso, Vol 4 e Vol 5
Analisi
1. Le funzioni: funzioni reali di variabile reale
Dominio, Codominio, Immagine
Funzione iniettiva, suriettiva
Funzione inversa
Funzioni razionali
Funzioni irrazionali
Funzioni trascendenti
Funzioni periodiche
Funzioni iperboliche (cenni)
Funzione composta
2. Limiti di una funzione
1. Concetto di limite
Limite finito di una funzione al finito
Limite infinito di una funzione all'infinito
Limite finito di una funzione all'infinito, asintoti orizzontali
Limite infinito di una funzione al finito, asintoti verticali
Teoremi sui limiti: unicità, confronto, permanenza del segno.
Operazioni sui limiti e calcolo di limiti
Limiti al finito e all'infinito di un polinomio
Limiti di funzioni razionali al finito e all'infinito
Limiti di funzioni irrazionali al finito e all'infinito
Limiti di funzioni trascendenti al finito e all'infinito
Limiti di funzioni periodiche al finito e all'infinito
Verifica del limite secondo la definizione
3. Funzioni continue
2. Limite destro e limite sinistro di una funzione
3. Definizione di continuità di una funzione in un punto
4. Continuità della funzione composta
5. Punti di discontinuità: discontinuità di I specie, II specie, III specie
6. Calcolo di limiti e forme indeterminate
( 1x )
x
limx → ∞ 1+
limx → 0
sin x
x
7. Limiti notevoli: ulteriori limiti notevoli derivati dai precedenti
8. Continuità della funzione inversa
9. Teoremi fondamentali sulle funzioni continue: Weierstrass, valor medio, esistenza degli
zeri
10. Asintoti di una funzione: asintoti verticali, orizzontali ed obliqui.
72
4. Successioni
3. Successioni numeriche
4. Limiti di successioni convergenti, divergenti, indeterminate
5. Teoremi e operazioni sui limiti (solo enunciati)
6. Successioni aritmetiche
7. Successioni geometriche
8. Somma dei primi N termini di una successione aritmetica. Dimostrazione per
induzione
9. Somma dei primi N termini di una successione geometrica. Dimostrazione per
induzione
5. Derivate
Definizione di derivata come limite del rapporto incrementale
Significato geometrico della derivata
Definizione di differenziale e suo significato geometrico
Derivata di un polinomio
Derivata delle funzioni razionali
Derivata delle funzioni irrazionali
Derivata delle funzioni trascendenti elementari a partire dalla definizione
Derivata delle funzioni periodiche elementari a partire dalla definizione
Derivata della somma, del prodotto e del quoziente di funzioni, con dimostrazione
Derivata della funzione composta, con dimostrazione
Derivata della funzione inversa e derivata delle funzioni trigonometriche inverse
Derivata delle funzioni iperboliche
Continuità e derivabilità
Derivate di ordine superiore
Applicazione delle derivate alla Fisica
Differenziale di una funzione e suo significato.
6. Teoremi fondamentali del calcolo differenziale
Teorema di Rolle
Teorema di Lagrange
Teorema di Cauchy
Teoremi di De L'Hopital: rapporto di due infinitesimi, rapporto di due infiniti. Solo
gli enunciati
7. Massimi e minimi relativi - Studio del grafico di una funzione
Definizione di massimi e minimi relativi e assoluti
Criterio per l'esistenza di massimi e minimi relativi e determinazione degli stessi
per mezzo delle derivate successive e/o per mezzo dello studio del segno della
derivata prima
Studio dei punti di non derivabilità di una funzione
Problemi di massimo e minimo
Concavità e convessità; punti di flesso obliqui, orizzontali e verticali
Studio del grafico di funzioni: razionali, algebriche intere e fratte, irrazionali,
trascendenti, periodiche, iperboliche
Determinazione approssimata delle radici reali di una equazione di grado superiore
al $II$ non riducibile al prodotto di equazioni elementari mediante il metodo di
73
bisezione
Discussione grafica di equazioni parametriche
Curve in forma parametrica
Problemi con studi di funzione
8. Integrale indefinito
Definizione di primitiva di una funzione e nozione di integrale indefinito di una
funzione reale
Primitive di funzioni elementari
Primitive di funzione di funzione
Metodi elementari di integrazione indefinita: integrazione per parti, e integrazione con
cambio di variabile
Studio del grafico della funzione integranda e della primitiva
Integrali di funzioni razionali fratte
Equazioni differenziali risolvibili per separazioni delle variabili, applicazioni alla
Fisica
9. Integrale definito
Introduzione: il problema del calcolo delle aree
L'integrale definito come limite di una somma
Relazione tra l' integrale indefinito e l' integrale definito di una funzione
Proprietà dell'integrale definito
Teorema del valore medio
Calcolo delle aree
Calcolo dell'area del segmento parabolico, della regione di piano delimitata
dall'ellisse e dalla circonferenza
Calcolo dei volumi dei solidi di rotazione
Lunghezza di un arco di curva piana
Gli integrali in Fisica
L'integrazione numerica di una funzione con il metodo dei rettangoli
Nozioni fondamentali degli integrali generalizzati
Geometria solida
Volumi e Superfici di: prisma, cilindro, piramide, cono, sfera, ellissoide.
Problemi di massimo e minimo applicati alla geometria solida.
I solidi Platonici
Cenni alle Geometrie non Euclidee nei suoi concetti fondamentali
10. Primi elementi di Geometria Analitica dello Spazio.
Equazione del Piano nello spazio
Equazione delle retta nello Spazio
Rette e Piani paralleli e perpendicolari
Distanza di un punto da un piano
Distanza di un punto da una retta nello spazio
Equazione della Sfera
74
Disciplina: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Docente: Prof.ssa Claudia RAMBELLI
CLASSE E INDIRIZZO: 5^ G Internazionale Francese - opzione SCIENTIFICA
RELAZIONE SULLA CLASSE
Gli obiettivi proposti, di carattere sia linguistico che culturale, sono stati raggiunti in modo
omogeneo dalle due studentesse del corso G: Alessia Speziale e Francesca Ferrara. Nel
complesso le alunne sono in grado di contestualizzare i testi analizzati, riuscendo a
relazionare sugli autori e sulle relative tematiche ed essendo fortemente motivate e dedite
ad uno studio costante e puntuale, hanno raggiunto una sicura e precisa capacità di
espressione con un uso appropriato del linguaggio letterario specifico, effettuando
valutazioni critiche e collegamenti anche a livello personale; i risultati finali risultano
pertanto decisamente molto buoni, sia nella lingua scritta che orale.
Note metodologiche-didattiche
Obiettivi disciplinari
• Competenza comunicativa
• Conoscere e usare in modo corretto le strutture morfosintattiche ed il lessico
• Produrre testi orali di tipo descrittivo, espositivo ed argomentativo
• Riflettere sulla comunicazione quotidiana a diversi livelli; riconoscere scopi espliciti
ed impliciti, attuare strategie comunicative
• Sostenere una conversazione funzionale al contesto e alla situazione, sviluppando
dialoghi sia guidati che liberi
• Riconoscere i generi testuali e le costanti che li caratterizzano, individuandone le
modalità di organizzazione
• Riassumere e produrre testi scritti diversificati per temi, finalità e ambiti culturali
• Competenza letteraria
• Comprendere in modo analitico testi scritti specifici dell’indirizzo
• Comprendere e interpretare testi letterari, in un’ottica comparativa
• Trasporre in italiano una varietà di testi di lingua inglese, con attenzione al contesto
comunicativo, linguistico e letterario
• Produrre commenti a testi/letture di carattere letterario
• Individuare le linee generali di evoluzione del sistema letterario
• Competenza interculturale
• Comprendere in maniera globale testi scritti relativi a tematiche culturali dei vari
ambiti di studio
• Confrontare sistemi linguistici e culturali diversi, cogliendone sia gli elementi
comuni sia le identità specifiche
Obiettivi formativi
1. Compiere operazioni di analisi, sintesi, rielaborazione di testi, astrazione e
concettualizzazione; mettere in relazione conoscenze e informazioni all’interno
della stessa disciplina o anche in ambiti diversi e tra discipline diverse, al fine di
spiegare fatti, eventi, tematiche e problematiche
75
1. Acquisire una disponibilità razionalmente fondata a comprendere il mondo
contemporaneo nei suoi molteplici aspetti in modo critico e attraverso il confronto
col passato: attualità del passato e storicità del presente.
Metodi
Si sono svolte lezioni di tipo frontale ed interattivo (dibattiti e discussioni), con le seguenti
finalità:
• lettura ed analisi dei testi selezionati (comprensione, analisi stilistica e tematica,
collegamenti con il contesto e con le opere dello stesso autore o di altri autori);
- studio del contesto e della poetica dei vari autori.
Le lezioni settimanali con il lettore madrelingua hanno consentito un approfondimento
sulla civiltà e sulla letteratura oggetto di studio, consentendo un rafforzamento ed
ampliamento lessicale nell’uso della lingua come strumento di comprensione e
comunicazione.
La classe si è recata al teatro Duse di Bologna, in data 18 novembre 2015, per assistere alla
rappresentazione dell'opera in lingua originale "Pride and Prejudice" messa in scena da
Palketto Stage.
Strumenti –
Testo in adozione: Thomson, Maglioni, New Literary links - From the Origins to the Romantic
Age; New Literary Links - From The Victorian Age to Contemporary Times, Black Cat. CD
audio, materiale in fotocopia, video.
Verifiche e valutazioni
Si sono svolte prove formative e sommative scritte ed orali in itinere. Nel corso dell’anno
scolastico si sono eseguite simulazioni di tutte le tipologie delle prove d’esame relative
alla terza prova scritta e vari colloqui orali. La valutazione finale, che fa riferimento al
POF del liceo, tiene conto, oltre che delle competenze linguistiche raggiunte e della
conoscenza degli argomenti del programma svolto, della regolarità nello svolgimento del
lavoro a casa, dell’interesse, della partecipazione, dei progressi compiuti rispetto al livello
iniziale.
Contenuti del programma svolto
THE ROMANTIC AGE
The Age of Revolutions, Literature in the Romantic Age, Precursors of Romanticism, the
first and the second generation of Romantic poets: pp. 315, 316, 317, 320, 324, 325, 327, 328,
329
- W. Blake: pp. 341/344; “London”, “Proverbs of Hell” from “The Marriage of Heaven and
Hell”, “The Garden of Love” (fotocopia)
- W. Wordsworth: pp. 358/360; “A Certain Colouring of Imagination” (fotocopia), “I
Wandered Lonely as a Cloud” p. 363, “Sonnet Composed upon Westminster Bridge” p.
361
- J. Keats: pp. 407, 408, 409, 413; “La Belle Dame sans Merci" pp. 410, 411
76
The novel in the Romantic Age: Jane Austen pp. 418, 419, 420, 422/424; lettura integrale ed
analisi del testo "Pride and Prejudice" .
THE VICTORIAN AGE
The Age of Empire, The Workhouses, The Victorian Compromise, the Victorian Novel: pp.
13/16, 18, 19, 23/26, 30/34
C. DICKENS: pp. 45/47; Hard Times: “A Man of Realities” pp. 48/50, “Coketown” p. 54
L. CARROLL: pp. 95/97, Alice's Adventures in Wonderland: “The Pool of Tears” p. 98/99
O. WILDE: pp. 158/162; The Picture of Dorian Gray: Preface (fotocopia), “I would give my
soul for that” p. 163/164
E.A. POE: pp. 37/39; The Oval Portrait pp. 40/42
R. L. STEVENSON: pp. 118/120, lettura integrale ed analisi del testo “The Strange Case of
Dr Jekyll and Mr Hyde”
THE MODERN AGE
A Time of War, Modernism and the Novel: pp. 183/187, 200/202, 204, 205
J. JOYCE: pp. 230/233; Dubliners: “Eveline”, A Portrait of the Artist as A Young Man:
(extract from chapter 1)
J. CONRAD: pp. 210/212; Heart of Darkness: “River of No Return” pp. 215/216
E. M. FORSTER: pp. 220/222; A Passage to India: “Chandrapore” p. 223
The dystopian novel:
G. ORWELL: pp. 295/298; Nineteen Eighty-Four: “Big Brother is watching you” pp.
298/300
I contenuti prevedibilmente trattati dopo il 15 maggio:
T. S. ELIOT: pp. 320/322; “The Waste Land”: selezione di estratti
THE PRESENT AGE: The Theatre of the Absurd: pp. 456/457
S. BECKETT: pp. 461/463; Waiting for Godot: “All the Dead Voices” pp. 464/466
***************************************************
77
Disciplina: SCIENZE NATURALI - Docente: Prof. Andrea POLI
CLASSE E INDIRIZZO: 5^ G Internazionale Francese - OPZIONE SCIENTIFICA
La quinta GHI scientifica è una classe articolata costituita da 24 studenti di cui due
provenienti dalla 5G, sette dalla 5H e 15 dalla 5I.
Tutti hanno seguito il percorso didattico con partecipazione e buon profitto sia nella parte
dedicata alla anatomia umana, durante il trimestre e nella prima parte del pentamestre,
che nella parte dedicata all’astronomia, svolta nell’ultima parte dell’anno in un periodo
spesso interrotto da attività di diversa natura come viaggi di istruzione, stages,
simulazioni di prove d’esame, orientamento universitario, e perciò necessariamente più
frammentato. Il profitto è risultato buono con qualche punta di eccellenza, il
comportamento sempre adeguato, vivace in modo costruttivo e partecipativo; il
programma svolto è stato ampio e discretamente approfondito anche se leggermente
inferiore rispetto alle previsioni iniziali.
ANATOMIA E FISIOLOGIA UMANA
L’alimentazione e la trasformazione del cibo:
Fasi della trasformazione del cibo - Compartimenti digestivi.
Il sistema digerente umano:
tubo digerente e ghiandole accessorie- Cavità orale- peristalsi, esofago - struttura e
funzione dello stomaco- intestino tenue, digestione chimica e assorbimento- pancreas e
fegato- intestino crasso, struttura e funzione.
Il sangue e il sistema circolatorio:
Sistema circolatorio chiuso, doppio e completo- struttura del cuore e dei vasi- sistole e
diastole- nodo seno atriale e regolazione del battito cardiaco- infarto del miocardiostruttura dei vasi, arterie vene, capillari- pressione e velocità del sangue- il controllo da
parte dei muscoli lisci- trasferimento di sostanze attraverso i capillari- composizione del
sangue.
Il sistema immunitario:
Immunità innata ed immunità acquisita- risposta infiammatoria- immunità acquisita,
antigeni e anticorpi, i vaccini- i linfociti B e l’immunità umorale- la selezione clonalerisposta primaria e secondaria- neutralizzazione,agglutinazione,precipitazione, attivazione
del complemento- i linfociti T e l’immunità cellulare- helper e citotossici- HIV modalità
d’azione- complesso maggiore di istocompatibilità MHC- le allergie.
Il sistema endocrino:
I messaggeri chimici coordinano le funzioni dell’organismo- meccanismo d’azione degli
ormoni- Il sistema Ipotalamo-Ipofisi e la regolazione del sistema endocrino- la Tiroide e le
Paratiroidi- Il Pancreas e la regolazione ematica del glucosio, il diabete- le ghiandole
surrenali, midollare e corticale- Le gonadi e gli ormoni sessuali.
L’apparato riproduttore:
L’anatomia dell’apparato riproduttore femminile e maschile- fattori ormonali che
determinano la maturazione dei gameti- ciclo ovarico e ciclo mestruale.
78
Il sistema nervoso:
Il sistema nervoso centrale, periferico ed autonomo- organi del SNC e SNP- sistema
simpatico e parasimpatico- l’encefalo e gli organi che lo costituiscono- la corteccia
cerebrale, la mappatura della corteccia, la lateralizzazione- il sistema limbico, emozioni,
memoria, apprendimento.
Gli organi di senso:
diversi rilevatori di stimoli sensoriali, nocicettori, termocettori, meccanocettori,
chemocettori, recettori elettromagnetici- L’orecchio, l’organo di Corti e la funzione uditiva,
i canali semicircolari e l’equilibrio- l’occhio, struttura della retina, meccanismo della
visione- gusto e olfatto, rilevazione di sostanze chimiche disciolte e volatili.
Il sistema scheletrico:
struttura generale dello scheletro umano, colonna vertebrale, cinto toracico cinto pelvico,
arti, il cranio.
Testo di riferimento Biologia: Campbell, Reece, Taylor, Simon, Dickey - Il nuovo Immagini
della Biologia vol CD Linx Pearson
ASTRONOMIA E COSMOLOGIA
La luce:
Caratteristiche delle radiazioni elettromagnetiche- lo spettro elettromagnetico, continuo, a
righe in emissione, a righe in assorbimento- il modello del corpo nero, leggi di Wien e di
Stefan-Boltzman- l’effetto Doppler- il telescopio, rifrattore, riflettore, i radiotelescopiingrandimento e potere risolutivo.
La sfera celeste:
Punti notevoli sulla sfera celeste- zenit, nadir, polo nord e polo sud- circoli di riferimentoorizzonte celeste, equatore celeste, meridiano locale - coordinate altazimutali- coordinate
equatoriali celesti- l’eclittica, il punto γ equinozi e solstizi- costellazioni e zodiaco.
Elementi di meccanica celeste:
Modello geocentrico ed eliocentrico- il modello tolemaico, il modello copernicano- le leggi
di Keplero- la legge di Newton- la velocità di fuga.
Il Sole:
Struttura del Sole- stratificazione solare- nucleo, zona radiativa, zona convettiva, fotosfera,
cromosfera, corona- il vento solare- la fusione nucleare, la catena protone-protonel’attività solare, macchie solari, facole, brillamenti, protuberanze- il ciclo solare.
Il Sistema Solare:
Pianeti terrestri e pianeti gioviani caratteristiche generali- nascita del sistema solare,
ipotesi di Kant e Laplace- i corpi minori del sistema solare, asteroidi, pianeti nani e fascia
di Kuiper, comete e nube di Oort, meteore, meteoroidi, meteoriti.
L’Universo vicino:
La Galassia- la classificazione delle stelle- la magnitudine assoluta ed apparente- il
diagramma H-R evoluzione stellare in base alla massa- fase stabile- ultime fasisupernovae- nane bianche- stelle di neutroni- buchi neri.
L’Universo lontano:
Le galassie, classificazione di Hubble- ammassi e superammassi- la legge di Hubblel’origine dell’Universo.
Testo di riferimento Astronomia: Cavattoni, Il cielo sopra di noi, Italo Bovolenta editore.
************************
79
Il Consiglio di classe della 5ˆ G
Magda Indiveri __________________________________________
Hélene David ___________________________________________
Tanja Vicario ____________________________________________
Cinzia Baldisseri _________________________________________
Pina Ilaria Spagna Musso __________________________________
Riccardo Carli
_______________________________________
Carmen Bloise
_______________________________________
Oria Zanzi
________________________________________
Margherita Saccozzi _______________________________________
Katia Nisi
_________________________________________
Valentina D’Andrea ________________________________________
Paola Giacconi
_________________________________________
Claudia Rambelli _________________________________________
Andrea Poli
__________________________________________
Bologna, 15 Maggio 2016
80
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard