MESSICO COLONIALE E BARRANCA DEL COBRE (14 GIORNI)

annuncio pubblicitario
MESSICO COLONIALE E BARRANCA DEL COBRE
(14 GIORNI)
IL FASCINO COLONIALE
Lungo la “Strada dell’Indipendenza”, a nord di Città del Messico, si respirano atmosfere spagnole. Magnifiche
cattedrali e palazzi nobiliari scolpiti dagli indios seguendo i canoni e le mode dettate dalle lontana Spagna di
fine Ottocento, riconducono ai tempi dell’epoca coloniale. Un itinerario che si sviluppa negli altipiani centrali,
fra paesaggi suggestivi poco esplorati ed alcune delle più belle città coloniali del Paese: Morelia, bella capitale
dello stato del Michoacán; la graziosa cittadina coloniale di Pátzcuaro; Guanajuato, uno dei più importanti
centri di estrazione dell'argento delle Americhe, dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO; San Miguel
de Allende e Querétaro dal ricco patrimonio di architettura coloniale e grande importanza storica.
LA BARRANCA DEL COBRE : I CANYONS ED I TARAHUMARA
Nel cuore della Sierra Madre Occidentale, fra gli stati di Chihuahua e Sinaloa, si trova il Barranca del Cobre.
Barranca del Cobre o, in inglese, Copper Canyon, significa canyon del rame. In realtà, il Barranca del Cobre è
solo uno dei venti canyon che costituiscono la Selva Tarahumara.
Questo sistema di canyon è quattro volte più grande del Gran Canyon americano. I canyon sono stati scavati
da sei fiumi. Alcuni canyon sono profondi 1500 metri. L'area ha una superficie di quasi sessantacinquemila
chilometri quadrati. In alcuni punti le montagne toccano i 2500 metri di altitudine. Da qui si possono quindi
ammirare panorami molto vari, dalle montagne innevate, al deserto, alla foresta sub tropicale. Nel Barranca
del Cobre vivono più di 200 specie di uccelli, quasi 90 specie di rettili e numerosi mammiferi, come l'orso e il
cervo.
Il viaggio in treno fra Los Mochis e Chihuahua è uno dei più panoramici del Messico. La ferrovia passa in 88
gallerie e supera 38 ponti attraversando i piccoli canyon della Sierra Tarahumara e passando sotto una serie
di picchi torreggianti. Questa linea è una notevole opera d'ingegneria e non sorprenderà sapere che i lavori si
sono protratti per 90 anni. Il viaggio offre un'eccitante sequenza di suggestive immagini geologiche, fra cui
spicca senza dubbio il Canyon del Rame.
[email protected] - www.compovest.com
01 – MILANO /MADRID/MEXICO
Partenza dall’aeroporto di Milano Linate per Mexico City (voli di linea Iberia, via Madrid, vedi tabella dedicata).
All’arrivo, previsto nel tardo pomeriggio, trasferimento con automezzo riservato all’hotel Casa Blanca (4
stelle) con assistente e pulmino privato. Sistemazione nelle camere riservate, cena libera e pernottamento.
02 – MEXICO CITY: NOSTRA SIGNORA DI GUADALUPE/TEOTIHUACAN/LO ZOCALO
Prima colazione a buffet in hotel. Incontro con la guida locale e partenza per la Basilica di Nostra Signora di
Guadalupe, il Santuario religioso più famoso del Messico contemporaneo. Questa moderna basilica venne
edificata in sostituzione della costruzione spagnola del VII secolo. La devozione al culto della “Vergine Nera
della Guadalupe” è talmente forte che i messicani si definiscono “Guadalupanos” prima di definirsi cattolici.
Tutti i giorni questa devozione si esprime per delle lunghe processioni in ginocchio fino all’entrata della
basilica. L’atmosfera è unica, carica di fervore e di preghiere. Si prosegue per la visita al sito archeologico di
Teotihuacan. Pranzo in un ristorante locale vicino al sito. Visita del sito che nel 600dc era chiamato “la Città
degli Dei” ed era il centro più popolato e più dinamico della pianura centrale. Si visita il tempio di
Quetzalcoatl, così come le due imponenti piramidi del sole e della luna, testimoni immutabili di un glorioso
passato. Dall’alto di queste piramidi potrete godere di una vista superba di tutta la pianura. Inoltre visita di
una fabbrica di obsidiana e degustazione del pulque, bevanda tipica. Rientro a Mexico City e visita dello
Zocalo, il cuore di questa immensa città. Il quartiere ha una grande armonia architettonica ed è uno dei più
belli e antichi del Centroamerica, affacciata sulla pizza principale si trova la cattedrale, costruita sopra le
rovine di un antico tempio Azteca. Ammirerete anche il Palazzo del Governo, che vanta magnifici murales di
Diego Rivera, narranti la storia del paese. Cena e pernottamento in hotel.
Appena 50 km a nord-est del centro di Città del Messico si trovano le rovine di Teotihuacán, la più grande
città antica del Messico, che probabilmente giunse ad avere una popolazione di 200.000 abitanti nel VI
secolo, in corrispondenza del suo periodo di massimo splendore. Teotihuacán fu la capitale della prima
grande civiltà del Messico e le rovine giunte sino a noi testimoniano questa sua posizione di predominio. Chi
visita questo luogo può ammirare il Viale dei Morti, l'alta (70 m) Piramide del Sole, la Piramide della Luna e il
Palazzo del Quetzal.
Il centro di Città del Messico è contrassegnato da Plaza de la Constitución, nota più comunemente come lo
Zócalo. La piazza venne fatta lastricare per la prima volta attorno al 1520 da Cortés utilizzando le pietre
recuperate dalle rovine dei templi e dei palazzi della città azteca di Tenochtitlán, che sorgeva nel sito in cui
era stata fondata Città del Messico. Tenochtitlán era situata al centro di un lago e per questo motivo molti
degli edifici civili e religiosi più vecchi di Città del Messico stanno lentamente sprofondando nel terreno
cedevole su cui sono stati costruiti. L'intero lato orientale dello Zócalo è occupato dal Palacio Nacional
(Palazzo Nazionale), costruito sul sito di un palazzo azteco e un tempo residenza dei viceré della colonia della
Nuova Spagna. Attualmente il palazzo ospita gli uffici del presidente, un museo e i murales di Diego Rivera,
che narrano con stile drammatico e rivoluzionario la storia del Messico. La Catedral Metropolitana sul lato
settentrionale dello Zócalo venne costruita dagli Spagnoli attorno al 1520 sul sito di una struttura azteca nota
con il nome di Tzompantli ovvero Muro dei Teschi, una sorta di altare sul quale venivano poggiate le teste
delle vittime dei sacrifici. Subito a est della cattedrale si trovano i ruderi del Templo Mayor, il principale
tempio azteco della città, e un incredibile museo in cui sono esposti i manufatti portati alla luce in questo
sito.
03 – MEXICO CITY/TULA/QUERETARO/SAN MIGUEL ALLENDE
Prima colazione a buffet in hotel. Incontro con la guida escort messicana e partenza verso San Miguel de
Allende con prima sosta a Tula, il cui nome significa luogo dove crescono i giunchi. Seconda sosta a
Querétaro (Mexico/Querétaro: 64 km, circa 1 ora), bella città coloniale e culla dell’indipendenza del Messico. I
punti di maggior interesse sono l’acquedotto, una delle opere messicane di ingegneria più importanti del
[email protected] - www.compovest.com
XVIII secolo, il Convento de Las Cruces e il Cerro de Las Campanas, dove fu giustiziato nel 1867 l’imperatore
Massimiliano. Pranzo libero. Proseguimento verso San Miguel de Allende (Querétaro/San Miguel de Allende:
64 km, circa 1 ora). Su una ripida collina lambita dal Río Laja sorge San Miguel de Allende, 60 mila abitanti,
una pittoresca cittadina coloniale dominata da tetti rossi e cupole di chiese, case ad archi e cortili pieni di
fiori, stradine a gradini ed acciottolato. Ha un ottimo clima ed è la più celebrata comunità artistica del
Messico, abitata com'è da un folto gruppo di pittori e scrittori anche stranieri. Ma rimane una vera cittadina
messicana. E' particolarmente bella in marzo, quando gli alberi di jacaranda si coprono di fiori viola.
Dichiarata monumento nazionale nel 1926, venne fondata nel 1542 dal frate francescano San Juan de San
Miguel. Nel 1555 vi si stabilì una guarnigione spagnola e ben presto divenne una importante centro
commerciale. Durante la rivolta dell'Indipendenza fu uno dei centri dell'attività ribelle. Assolutamente da non
perdere per i suoi cimeli storici ben conservati, per l'attiva vita cittadina e la tendenza alle fiestas.
Incantevole la piazza principale, El Jardìn, dominata da La Parroquia, imponente chiesa rosa in stile gotico con
guglie simili ad un castello di sabbia: risale al Diciassettesimo secolo mentre le modifiche gotiche furono
apportate alle fine dell'Ottocento. La Iglesia de San Francisco è uno dei più eleganti esempi di architettura
churrigueresca messicana. Visita della cattedrale, con la sua bella facciata neoclassica e della dimora del
generale Ignacio Allende. Sistemazione nelle camere riservate presso l’hotel Best Western Express Monte
Verde (4 stelle). Cena e pernottamento in hotel.
Tula fu la potente capitale dei Toltechi e la patria del sovrano divinizzato Quetzalcóatl. Abitato da indios
Otomí e nomadi Chichimechi provenienti da nord, il sito viene raggiunto intorno all’VIII sec. d.C. dai
Nonoalchi, una popolazione che veniva dalla Costa del Golfo e che fondò il primo insediamento urbano,
conosciuto oggi come Tula Chico, la piccola Tula. Il nome Tolteca, che significa maestri costruttori, venne
dato loro dagli Aztechi, grandi ammiratori di quella civiltà, della quale essi stessi - così affermavano - erano i
discendenti.
S.M. Allende è la città più cosmopolita dello stato di Guanajuato, a circa 300 Km. a nord-ovest della capitale
messicana, è un centro di artisti, attratti dall'atmosfera d'altri tempi, dal clima mite tutto l'anno. E’ un
bellissimo centro coloniale dichiarato monumento nazionale, e nella parte storica non c'è posto per
architetture moderne o altri elementi che purtroppo deturpano molti piccoli villaggi del Messico.
La città deve il suo nome al generale Ignacio Allende, che vi nacque nel 1779 e che fu un personaggio di
spicco nella lotta per l’indipendenza. Centro della città è senza dubbio la piazza principale, nota come Jardin,
dove sorge la Parroquia di San Miguel Arcangel, simbolo della città,costruita in stile neogotico. Merita un
visita la chiesa di S.Francisco, opera di Tresguerras, e il Museo Allende, casa barocca dove nacque Ignazio
Allende e dove oggi sono esposti oggetti archeologici, storici e di artigianato.
04 – SAN MIGUEL ALLENDE/GUANAJUATO
Prima colazione americana in hotel. Partenza per Guanajuato (San Miguel de Allende/Guanajuato: 97 km,
circa 1:30 ore). Stretta in una gola dirupata della Sierra Madre sul Rio Guanajuato a 2017 metri di altitudine,
fu in passato città ricchissima grazie alle sue miniere d'oro e d'argento tra le migliori del mondo. I bellissimi
edifici coloniali sono oggi protetti come Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco e l'università assicura una vita
vivace e movimentata nelle stradine tortuose e nelle piazze. Visita dello zocalo di Guanajuato. Pranzo libero.
Visita del monumento a Pìpila, a sud della città, da cui si gode una splendida veduta. Pìpila fu uno degli eroi
della guerra d’indipendenza messicana, che combattè contro gli spagnoli. Visita anche della bellissima chiesa
barocca de Valenciana. Nel tardo pomeriggio sistemazione nelle camere riservate all’hotel Mision Guanajuato
(4 stelle). Cena e pernottamento in hotel.
Anche Guanajuato, protetta dall'Unesco, ha conservato intatto il suo aspetto coloniale sbarrando la strada alla
modernità. Le sue ripide stradine sono quasi sempre movimentate e la città ospita diversi eventi culturali. Di
sera si animano i tanti bar all'aperto, e nei fine settimana Guanajuato si riempie di transfughi di Città del
Messico. Anticamente chiamata Real de Minas, deve il suo splendore ai baroni che la abbellirono grazie ai
[email protected] - www.compovest.com
guadagni provenienti dalle miniere d’argento. Le case multicolori, le strade strette ed i vicoli, le piccole e
incantevoli piazze e gli edifici coloniali donano alla città un fascino particolare che la rende una delle mete
turistiche più interessanti del paese. Da non perdere la chiesa di San Diego, situata nella piazza principale
accanto al Teatro Juarez, la basilica barocca di Nuestra Senora de Guanajuato, i Musei d’Arte e di Storia
Naturale e le Plazuelas, piazzette pittoresche.
05 – GUANAJUATO/PATZCUARO
Prima colazione americana in hotel. Partenza verso Patzcuaro (Guanajuato / Patzcuaro: 230 km, circa 3 ore).
Visita di questa bellissima città coloniale. Nelle sue vie si possono ammirare chiese del XVI secolo accostate
ad edifici del XVII e XVIII, ma tutti composti in adobe e legno con tetti a tegola. In questa cittadina si possono
ammirare costruzioni barocche e neoclassiche. Le sue vie sono lastricate in pietra e percorrendole si aprono
scorci sul lago e l’isola di Janitzio oppure sulle montagne (tempo permettendo breve gita in battello sul lago).
Pranzo libero. Nel pomeriggio visita di Eronguaricaro, villaggio prehispanico, la cui fondazione è attribuita a
Curateme, intorno al 1440. Sistemazione nelle camere riservate presso l’hotel Best Western Don Vasco (4
stelle). Cena e pernottamento in hotel.
La cittadina ha conservato l’atmosfera di un tempo con le graziose case basse rosso e ocra, rosso e arancio e
le tipiche stradine in pietra. Meta di pellegrinaggio è la Basilica de Nuestra Senora de la Salud. Da non perdere
il Mercato de Artesanias, il Teatro Emperador Caltzontzin e la Biblioteca Gertrudis Bocanegra
06 – PATZCUARO/MORELIA
Prima colazione americana in hotel. Partenza per Morelia (Patzcuaro/Morelia: 230 km, circa 3 ore).
Nonostante buona parte della popolazione sia di origine india, Morelia é decisamente spagnola. Con le sue
ampie strade fiancheggiate da magioni del diciassettesimo secolo e caffé esterni riparati da plazas con arcate,
si potrebbe tranquillamente pensare di trovarsi a Salamanca o Valladolid. In effetti il nome col quale fu
fondata nel 1541 é Valladolid, poi cambiato nell'attuale in onore dell'eroe locale dell'indipendenza José Maria
Morelos. Oggi la città paga ancora il suo tributo a questo personaggio avendo trasformato quella che era la
sua casa in museo ed il luogo natio in biblioteca. A Morelia oggi c'é molto da visitare e l'interesse maggiore é
costituito dalla città stessa: é stata dichiarata monumento storico nazionale e non é permessa alcuna
costruzione che non sia perfettamente armonizzata a quelle vecchie, per cui mantiene una notevole unità di
stile. Quasi tutti gli edifici sono costruiti con la stessa pietra di un delicato colore rosa-grigio che, essendo
molto morbida, si incide e si deteriora facilmente conferendo a costruzioni anche relativamente recenti un
aspetto antico. Morelia infine ha la fama di essere la capitale messicana dei dolci. La tradizione é in effetti
abbastanza radicata e tutti gli anni la città ospita un mercato dei dolci. Pranzo libero.. Pomeriggio dedicato
alla visita della città. Nel tardo pomeriggio sistemazione presso l’hotel de la Soledad (3 stelle). Cena e
pernottamento in hotel.
Un altro monumento nazionale protetto da ferrei vincoli urbanistici: Morelia, capitale del Michoachàn, è una
città di netta impronta spagnola (a discapito della popolazione che è in maggioranza india), ricca di edifici
settecenteschi costruiti in pietra rosagrigia. L'architettura è la principale attrazione della città: si può visitare
comodamente a piedi partendo dalla centrale Plaza de Armas, dove si trova l'imponente cattedrale
seicentesca della città.
Fondata nel 1540 e chiamata così in onore di José Maria Morelos, eroe della rivoluzione messicana, conserva
tutt’ora il suo carattere di raffinata città coloniale spagnola. Particolare per i suoi edifici in pietra rosa, è
dominata dalla Cattedrale, costruzione barocca con la cupola coperta di azulejos, che sorge nella piazza
principale accanto al Palazzo del Governo e al Palazzo della Giustizia. Emblema della città è l’Acquedotto
costruito nel 1785. Per i golosi una tappa obbligata è il Mercato de dulces, con le sue numerose bancarelle
dove vengono venduti dolci tipici e oggetti di artigianato.
[email protected] - www.compovest.com
07 – MORELIA/MEXICO CITY/CHIHUAHUA
Prima colazione americana in hotel. Partenza con automezzo riservato per Mexico City (circa 4 ore di strada).
Trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea per Chihuahua (vedi tabella voli a fondo programma ).
All’arrivo trasferimento in hotel e sistemazione nelle camere riservate all’hotel Palacio del Sol (4 stelle). Cena
e pernottamento.
Lo stato di Chihuahua è il maggiore dei 31 stati messicani ed è situato nella parte nord-occidentale del
paese. Confina al nord con gli Stati Uniti e con gli stati messicani di Durango e Coahuila e ad ovest con gli
stati di Sinaloa e Sonora. L'origine del nome è incerta ma sicuramente precede l'arrivo degli spagnoli, si pensa
derivi dalla parola Nahuatl Xicuahua, che significava "luogo asciutto e sabbioso".
Gran parte del suo territorio si trova su un vasto altopiano desertico ma vi sono anche aree ricoperte da
foreste. La capitale è Chihuahua mentre la città più popolosa è Ciudad Juárez situata sulle rive del Río Grande
di fronte alla città texana di El Paso.
08 – CHIHUAHUA/CREEL
Trasferimento alla stazione ferroviaria alle 5.30. Partenza in treno alle 6.00 ore verso Creel (Chihuahua/Creel:
257 km). Un paese polveroso che ricorda il vecchio West con le sue case di tronchi di legno e lo spettacolo
che si osserva per le strade: indios che arrivano a piedi, agricoltori a cavallo, guardie forestali in scintillanti
fuoristrada. Si é sviluppata intorno alla stazione ferroviaria divenendo il più grande stanziamento della zona
ed il luogo in cui i tarahumara vengono a ricercare provviste e a partecipare ai mercati per piazzare i loro
prodotti artigianali. Arrivo a Creel alle 11.35 ore. Pranzo libero.
Sistemazione in hotel Sierra Bonita (4 stelle). Nel pomeriggio visita del lago Arareko, della valle dei funghi,
della cascata di Cusarare. Cena e pernottamento in albergo.
09 – CREEL/POSADA BARRANCAS
Prima colazione americana in hotel. Parte della mattinata libera per fare acquisti. Trasferimento alla stazione
ferroviaria. Partenza in treno alle 11.35 ore verso Posada Barranca. Arrivo a Posada Barranca. L’area,
complessivamente quattro volte più estesa del Grand Canyon dell’Arizona, è composta da più di 20 canyon
scavati da almeno sei fiumi diversi, ed è conosciuta anche come Barranca del Cobre. Pranzo libero.
Trasferimento in hotel e sistemazione nelle camere riservate Mansion Tarahumara (4 stelle).
Previste alcune
visite a piedi comodamente raggiungibili dall’hotel, guida in spagnolo o inglese.Cena e pernottamento in
hotel.
10 – POSADA BARRANCAS/LOS MOCHIS
Prima colazione americana in hotel. Tempo libero per fare acquisti coi tarahumaras. Pranzo libero.
Trasferimento alla stazione ferroviaria. Partenza in treno nel pomeriggio con arrivo in tarda serata a Los
Mochis. All’arrivo a Los Mochis trasferimento all’hotel Plaza Inn (4 stelle) e sistemazione nelle camere
riservate. Cena e pernottamento in hotel.
11 – LOS MOCHIS/MEXICO CITY/CUERNAVACA/TAXCO
Prima colazione americana in hotel. Trasferimento all’aeroporto de Los Mochis. Volo Los Mochis/Mexico
(08,20/ 11.40) All’arrivo trasferimento con pullmann riservato a Cuernavaca (Mexico/Cuernavaca: 89 km,
circa 1 ora e 20 minuti). Circa 80 km a sud di Città del Messico si trova Cuernavaca, che per il suo clima
primaverile tutto l'anno è diventata popolare rifugio degli abitanti ricchi e alla moda della capitale. Le belle
[email protected] - www.compovest.com
ville sono però nascoste da alte mura e il villaggio di un tempo oggi è una vera e propria città, con brutti
quartieri periferici, ma con un centro storico compatto. Visita del Palacio de Cortès, l'antica casa del
Conquistador, nella quale sono in mostra i famosi murales di Diego Rivera. Pranzo libero.. Proseguimento per
Taxco
(Cuernavaca/Taxco: 110 km, circa 2 ore). Sistemazione all’hotel Monte Taxco (4 stelle). Cena e
pernottamento in hotel.
12 – TAXCO/MEXICO CITY
Prima colazione americana in hotel. Intera mattinata dedicata alla visita di Taxco. Nota come la "città
dell'argento", è una gemma coloniale fra le più belle del Messico. La città sembra precipitare lungo il fianco di
una collina con ripide strade pavimentate con ciottoli di basalto, fra edifici dai tetti di tegole rosse e cortili e
balconi fioriti. La città fu fondata nel 1522 da Hernan Cortes, ma fu grazie ad una miniera d'argento che si
sviluppò nel Diciottesimo secolo. Visita della chiesa di Santa Prisca, una delle maggiori chiese messicane fu
costruita nel 1759 da un immigrato francese, Josè de la Borda, che letteralmente inciampò in una vena
d'argento. Le miniere si sono esaurite, ma la città continua a vivere del commercio dell'argento, e la gioielleria
è più adatta a gusti americani che italiani.Ritorno a Mexico city e visita del museo di Antropologia con guida
parlante italiano; al termine trasferimento e sistemazione all’hotel Metropol (cat 4 stelle). Cena e
pernottamento
13 – MEXICO CITY/MADRID
Prima colazione americana in hotel. Trasferimento in aeroporto. Imbarco sul volo per l’Europa IB 6400 in
partenza alle ore 12.05.
14 – ARRIVO IN ITALIA
Arrivo a Madrid alle ore 06.15 e proseguimento in coincidenza per Milano Malpensa IB 3640 delle 09.05 con
arrivo a Milano Malpensa Terminal 1 alle ore 11.15.
[email protected] - www.compovest.com
VOLI PREVISTI NEL PROGRAMMA
MILANO LINATE/MADRID
IB 3635
08.15/10.20
MADRID/MEXICO
IB 6403
12.20/17.45
MEXICO/CHIHUAHUA
AM 222
15.20/16.30
LOS MOCHIS/MEXICO
AM 237
08.40/11.40
MEXICO/MADRID
IB 6400
12.05/06.15*
MADRID/MILANO MALPENSA
IB 3640
09.05/11.15
HOTELS PREVISTI NEL PROGRAMMA
www.hotel-casablanca.com.mx
Mexico City
Casa Blanca
San Miguel de Allende
Best Western Monte Verde
Guanajuato
Mision Guanajuato
www.hotelesmision.com.mx
Patzcuaro
Posada Don Vasco
www.mexonline.com/posadadedonvasco.htm
Morelia
De La Soledad
www.hsoledad.com
Chihuahua
Palacio del Sol
www.palaciodelsol.com
Creel
Sierra Bonita
Posada Barrancas
Mansion Tarahumara
Los Mochis
Plaza Inn
www.plazainnhotel.net/es
Taxco
Monte Taxco
www.montetaxco.com.mx
Mexico city
Metropol
www.mexonline.com/sma/hotelmonteverde
www.sierrabonita.com.mx
www.mansiontarahumara.com.mx
[email protected] - www.compovest.com
www.metropol.com.mx
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard