PROVINCIA di BENEVEN`TO

annuncio pubblicitario
IMMEDiATA ESECUTiViTA
-----7l;.--t+-+-+--++-+-~l.V.Y_ a Il 'A l bo
La presen te dellbcnzzione viene nffissa
P re t o ri o per rùn cm erv i 15 gi o nlÌ
PROVINCIA di BENEVEN'TO
Deliberazione della Giunta Provinciale di Benevento n.'
/0 (del
Y __
,3_o._G_J Ut_2006
.
Il
_
Oggetto,: FILM COMMISSION REGIONE CAMPANIA 2006. PROVVEDIMENTI.
~
~ l U NrJ
L'anno duemilasei il giorno
del mese di
()2
Rocca dei Rettori si è riunita la Giunta Provinciale con l'intervento dei Signori:
1) On.le Carn1ine
NARDONE
- Presidente
5) Dott. Pasquale
GRIMALDI
- Vice Presidente
3) Rag. Alfonso
CIERVO
- Assessore
FORGIONE
- Assessore
5) Dott, Pietro
GIALLONARDO
- Assessore
6) Dott . Giorgio Carlo
NISTA
- Assessore
4) Ing.
Pompilio
7) Dr.
Carlo
PETRIELLA
- Assessore
8) Dr.
Rosario
SPATAFORA
- Assessore
,VALENTINO
- Assessore
9) Geom. Carmine
presso la
ASSENTE
ASSENTE
. ASSENTE
Con la partecipazione del Segret
L'ASSESSORE PROPONENTE
Preso visione della proposta del Settore Servizi al Cittadino istruita da Antonio De Lucia qui di seguito
trascritta:
Premesso che:
fu istituita, jnel settembre 2004 da Regione Campania, da Provincia e Comune di Napoli, la Film
Commission Regione Campania (FCRC) scart, calata Trinità Maggiore, 53, 80134 Napoli, presieduta da
Luciano Stella e diretta da Maurizio Gemma;
V la FCRC opera su più livelli: attrazione di produzioni italiane e straniere di fiction e documentari,
promozione delle realtà artistiche e imprenditoriali del mondo dell' audiovisivo già esistenti sul
territorio, formazione di nuove professionalità ed individuazione di sostegni finanziari per progetti
che mirino alla promozione della Campania in chiave turistico- culturale;
Y La missione della FCRC è promuovere nel mondo la Campania come set ideale per la produzione di
film, serie televisive, spot pubblicitari ed altri prodotti dell' audiovisivo J attraendo ~ agevolando in
ogni modo te società di produzione, fornendo un'informazione capillare su tutto ciò che concerne la
lavorazione e le riprese, dalle location al casting, etc.;
V negli ultimi dieci anni ii cinema ha riscoperto la Campania attraverso l'opera di autori napoletani e
italiani ma anche di produzioni internazionali come "Il Conte di Montecristo", "Il Talento di Mr.
Ripley", "Guerre Stellari Episodio l'', e "Mission Impossibile 3".
V la presenza della FCRC al Festival di Cannes 2006 è stata occasione per fare il punto su un anno di
lavoro nel corso del quale sono state fornite consulenze a più di cinquanta produzioni italiane e
straniere; reperiti fondi da destinare a società di produzione; individuate centinaia di tocation; rese
possibili oltre 50 settimane di riprese rete di sostegno di enti ed istituzioni locali;
V
V
V
Società leader nella produzione di fiction per la televisione, quali la Rizzol i Audiovisivi) la Lux Vide e
la Titanus) hanno trovato in Campania set incantevoli (con produzioni quali: "Capri") "Assunta
Spina", "Papa Giovanni Paolo II", "I Mille");
l'attività della FCRC punta anche alla promozione di giovani talenti e collabora con Doc / it, FERf Antenna Media e Sources 2 nonché con la Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Napoli
Federico Il, Rai Sat, Centro di Produzione Rai di Napoli, per lo sviluppo del Master Unlversitarlò ~
Scrittura Audiovisa M.U.S.A; e con il "Premio Vittorio Mezzogiorno", destinato a giovani attDri
emergenti, è iniziata ta collaborazione con l'attrice Giovanna Mezzogiorno, che si affiancherà alla
FCRC nel diffondere l'immagine del territorio di Napoli e della Campania nel mondo;
Rilevato che:
y la Provincia guarda con motto interesse alla cinematografia owiamente perché di prestigio sono te
Rassegne e i Premi cinematografici, divenuti ormai appuntamento fisso per operatori e spettatori
nelle bette cittadine sannite e nello stesso capoluogo che si svolgono neL Sannio; e perché il Sannio
stesso con i suoi paesaggi coLlinari ha una potenza evocativa formidabile;
y la candidatura deL Sannio quale location è ancora più significativa in quanto coglie l'essenza della
strategia programmatica dell'azione della Provincia finalizzata a promuovere ed esaltare) nella
competizione globale tra i territori, le qualità esclusive locali che oggettivamente costituiscono
motivo di attrazioge da salvàguardare ed incoraggiare;
Preso atto che
La Provincia di a~nevento ha partecipato alla cinquantanovesima edizione del Festival de Cannes
attraverso FCRC\ i'n' quanto il territorio delta Provincia è diventato sede per L'ambientazione di
"fiction", di cinema in costume o, comunque, di sceneggiature che richiedano sfondi rurali, borghi
medievali, castelli, monumenti o comunque vestigia di un passato glorioso.
y a cura di FCRC sono stati in mostra, ad esempio, all'Hotel Noga Hilton, presso lo spazio Italiacannes,
'Scenari: dieci anni. di cinema in Campania', edito da Dante e Descartes, un'opera raccoglie 135
fotografie di se'e'na di 43 film, tra quali il 'Quijote' dell'artista sannita Mimmo Paladino,
con introduzione di Valerio Caprara, è curato dal fotografo Gianni Fiorito.
y
Letta la lettera del 27 aprile 2006 del Direttore FCRC Maurizio Gemma al Presidente della Provinda con
la quale, in riferimento ad accordi precedenti, si comunica la partecipazione con il patrocinio e .la
partecipazione della Provincia ad eventi di prestigio internazionale quali il Festival di Cannesed il
Festival di Venezia anche per promozionale il territorio sannita e si richiede un contributo di 40.000,00
(quarantamila) per sostenere le attività descritte;
Rilevata l'opportunità di sostenere le attività di FCRC per gli evidenti ritorni in temi di immagini ch~jJUò
suscitare, com'è stato con la immaginaria Vigata-Montelusa in Sicilia per il Commissario Montalbano;
Si propone:
l) approvare il programma di attività promozionali della Film Commission Regione Campania per il
territorio sannita quale set di location per film e documentari con la partecipazione al Festival di
Cannes e al Festival di Venezia ed altre iniziative;
2) contribuire con € 40.000,00 (quarantamila) al programma della FCRC scarI;
3) impegnare la somma di € 40.000,00 (quarantamila) sul cap. 6213 Bilancio 2006
4) onerare il Dirigente di Settore a tutti gli adempimenti conseguenti;
Esprime parere favorevole circa la regolarità tecnica della proposta.
Lì ----------------
Il Dirigente del
(dott.ssa Pa tr:"
Esprime parere favorevole circa la regolarità contabile della proposta.
Lì - - - - - - - -
. Il Dirigente del Settore
FINANZE E CONT~~ ECONOMICO
~~
(Dr. Sergi ~ LLO)
ç;
Su parere favorevole dell'Assessore relatore
- -jA~>.L.l- >.\_O.L.J~ )____
J
DELIBERA
1) 'la premessa è parte integrante e sostanziale del presente dispositivo e ne forma criterio
prevalente di interpretazione;
2) approvare il programma di attività promozionali della Film Commission Regione Campania per
il territorio sannita quale set di location per film e documentari con la partecipazione al Festival
di Canrtes e al Festival di Venezia ed altre iniziative;
3) contribuire con € 40.000,00 (quarantamila) al programma della F.CRC scarl;
4) impegnare la somma di € 40.000,00 (quarantamila) sul cap. 6213 Bilancio 2006
5) onerareil Dirigente di Settore a tutti gli adempimenti conseguenti;
sottoscri tto
IL PRESIDENTE
----------
Registro Pubblicazione·
~", ....l-trH'<> che la
deliberazione è stata affissa all' Albo in data odierna, per rimanervi per 15 giorni
a norma dell'art. 124 del T.U. - D. Lgs.vo 18.8.2000, n.267.
BENEVENTO
_---+"_____~~-
<::>
l\e
r;
f~ ~
La suestesa deliberazione è stata affissa all' Albo Pretorio in data
.
contestualmente comunicata ai Capigruppo ai sensi dell'art. 125 del T.U. - D. Lgs.vo 18.8.2000, n. 267..
e
SI ATTESTA, che la presente deliberazione è divenuta esecutiva a norma dell'art. 124 del T.U. - D.Lgs.vo
18.8.2000, n. 267 e avverso la stessa non sono stati sollevati rilievi nei termini di legge.
lì --~2
-t"'-5-r-["'it"T'Ulr+-~i~LL~iU""""--u
IL SEGRETARIO GENERALE
IL RESPONSABILE DELL'UFFICIO
QAI ...
'WL
Si certifica che la presente deliberazione è divenuta esecutiva ai sensi del T.V. - D. Lgs.vo 18.8.2000,
n. 267 il gio rno - - - - " ' - i f - h - - ' : - H - . - - - - - -
~
Dichiarata immediatamente eseguibile (art. 134, comma 4, p Lgs.vo 18.8.2000, n. 267).
O Decorsi lO giorni dalla sua pubblicazione (art. 134, pomma 3, D Lgs.vo 18.8.2000, n. 267).
O E' stata revocata con atto n. - - - - - - del - - - - - - - - - Benevento lì,
Il
==================--============-=======================================================================================================
Copia per
~{l (Q,0(J ~
r
SETTORE \:'q Cl t1.làSL CL-. (.(i1
{
SETTORE
~
=
-~~=-------
Il
SETyoRE1n k
t
~
~Qj,l
ReVisori dei Conti
il
Nucleo di Valutazione
il
C\ Conferenza dei Capignlppo
prot. n. -----------prot. n. _ _ _ _ __
J p r o t . n ._ _ _ _ _
==_
--\----1i7t--"'-
prot. n. _________
il . _ + -_ _ _ _ _ _ _ prot. n.
BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 5 DEL 23 GENNAIO 2006
REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 16 dicembre 2005 - Deliberazione N.1945 - Area
Generale di Coordinamento N. 13 - Sviluppo Attività Settore Terziario - Film Commission Regione Campania
S.C.A.R.L.. Determinazioni.
PREMESSO
* che la Regione Campania ha individuato nelle produzioni cinematografiche, audiovisive e multimediali
gli strumenti in grado di favorire, in ragione del richiamo che esse esercitano su un vasto pubblico nazionale ed
internazionale e sui mezzi di comunicazione di massa, alla diffusione dell'immagine del paesaggio e del patrimonio storico artistico della Campania in Italia ed all'estero, oltre che al rafforzamento del sistema produttivo
dello spettacolo e della cultura in genere;
* che, con deliberazione di G .R. n. 3302 del 21/11/2003 la Regione Campania ha approvato la costituzione
della Società consortile a responsabilità limitata "Film Commission Regione Campania ONLUS" che ha lo scopo di promuovere e sviluppare l'utilizzo del territorio e dei beni naturali, culturali ed ambientali della regione
quali set per le produzioni cinematografiche, audiovisive e multimediali;
* che la Regione Campania, con la stessa delibera, ha adottato l'atto costitutivo e lo statuto della Società ed
ha stabilito, in qualità di socio fondatore unico, di sottoscriverne l'intero capitale sociale ammontante ad euro
10.000,00 imputati sul cap. di spesa n. 4402 dell'U.P.B. 2.9.26 del bilancio regionale E. F.,2003;
* che nella predetta delibera è altresì stabilito che, a intervenuta costituzione della società, la Regione
provveda ad individuare la dotazione finanziaria annuale necessaria per il suo funzionamento, mediante l'istituzione di un apposito capitolo di bilancio per l'esercizio finanziario 2004;
* che nella su richiamata delibera è prevista la possibilità di ingresso nella compagine sociale per la Provincia di Napoli ed il Comune di Napoli, a semplice richiesta, mediante la sottoscrizione di quote pari al 33% del
capitale per ciascuno dei due enti, ed il trasferimento, da parte della Regione, delle relative quote al valore nominale iniziale;
* che nella suddetta delibera è statuito che la Provincia ed il Comune di Napoli, una volta entrati a far parte
della compagine sociale, contribuiranno alla dotazione finanziaria annuale proporzionalmente alle rispettive
quote di partecipazione sociale;
CONSIDERATO
* che la Regione Campania, con atto n. 24628 registrato a Napoli dal Notaio Enrico Santangelo il
10.08.2004, ha costituito la Società consortile a responsabilità limitata "Film Commission Regione Campania
ONLUS" nominando contestualmente i rappresentanti della Regione in seno al suo Consiglio di Amministrazione;
* che la legge regionale n. 9 del 12.11.2004, nell'approvare il bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2004, ha disposto lo stanziamento della somma di euro 750.000,00 sulla U.P.B. 2.9.26 al Capitolo gestionale
di spesa 4408, istituito per la "partecipazione della regione a fondazioni, associazioni, programmi pluriennali,
film commission";
* che, pertanto, la Regione Campania con deliberazione di G.R. n. 2382 del 22.12.2004 ha destinato, per
l'anno 2004, la somma di euro 582.088,58 alla società consortile a r. 1. "Film Commission Regione CampaniaONLUS";
* che, con provvedimento dirigenziale n. 2004/37229, l'Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della
Campania ha negato alla Film Commission Regione Campania ONLUS l'iscrizione all'Anagrafe Unica delle
ONLUS;
II
* che, pertanto, essendo intervenuto il divieto all'utilizzo dell'acronimo ONLUS nella propria ragione sociale, l'assemblea straordinaria della SCARL "Film Commission Regione Campania- ONLUS" " tenutasi in
data 28/04/2005 presso il Notaio Enrico Santangelo in Napoli, ha deliberato di'cancellare dalla ragione sociale il
predetto acronimo e di adeguare le proprie norme statutarie alle nuove disposizioni in materia di società commerciali (D.Lgs. n. 6/03 e s.m.i.);
* che sempre in data 28/04/2005, nella parte ordinaria della detta assemblea, è stato deliberato di approvare
il bilancio consuntivo relativo all'anno 2004 e di autorizzare lo stanziamento dell'erogando contributo di euro
582.088,58 tra le riserve del patrimonio della società sotto la voce "socio cl aumento capitale";
BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 5 DEL 23 GENNAIO 2006
PRESO ATTO
* che ad oggi la Provincia ed il Comune di Napoli non hanno provveduto alla sottoscrizione delle rispettive
quote di partecipazione al capitale sociale;
* che, pertanto, allo stato la Regione Campania risulta essere socio unico della SCARL "Film Commission
Regione Campania";
RITENUTO
* che stante le finalità della società si rende necessario ampliare l'oggetto sociale anche "alle prestazioni di
servizi, forniture di beni o altre utilità destinate alla diffusione e promozione della cultura e dell'arte cinematografica in Campania ed allo sviluppo dell'immagine della Regione Campania in Italia ed all'estero";
* che si rende altresÌ necessario allineare le norme statutarie alle indicazioni della giurisprudenza comunitaria e nazionale in materia di affidamenti diretti, nonché introdurre modifiche statutarie in ordine alla individuazione degli organi di gestione della società ed alle rispettive competenze che agevolino il conseguimento
delle finalità indicate nell'oggetto sociale;
* che per il conseguimento delle predette finalità si r:ende necessario procedere all'aumento del capitale sociale fino all'importo di euro 590.000 (cinquecentonovantamila) utilizzando la riserva di patrimonio "socio cl
aumento capitale" già stanziata di euro 582.088,58 (cinquecentoottantadueottantotto/58);
* 'che in conseguenza di tale aumento si rende obbligatoria la designazione dei membri del collegio sindacale, di cui tre effettivi e due supplenti, e la determinazione dei relativi compensi;
* che si rende altresÌ opportuno estendere la partecipazione al capitale sociale nei limiti previsti dalle norme statutarie, oltre che alla Provincia di Napoli ed al Comune di Napoli, anche alle altre Province della Campania che ne facciano richiesta, previa sottoscrizione di protocollo d'intesa con la Regione Campania;
propone e la Giunta, in conformità, a voto unanime
DELIBERA
per le motivazioni di cui in premessa che qui si intendono integralmente riportate:
1) di approvare lo schema di statuto sociale della s.c.a.r.l. "Film Commission Regione Campania" allegato
alla presente deliberazione costituendone parte integrante (allegato A);
2) di autorizzare l'aumento del capitale sociale della s.c.a.r.!. "Film Commission Regione Campania" fino
all'importo di euro 590.000,00 (cinquecentonovantamila), utilizzando a tale scopo la riserva di patrimonio "socio cl aumento capitale" di euro 582.088,58 (cinquecentoottantadueottantotto/58) già stanziata con D. D. n. 165
del 04.05.05 dell" A.G.C. 13, con il quale si autorizzava a trarre la spesa, a valere sull'impegno n. 6336 del
29.12.2004, sulla U.P.B. 2.9.26 al Capitolo gestionale 4408;
3) di rinviare a succ'essivo atto monocratico del Presidente della Giunta Regionale la designazione dei membri del collegio sindacale;
4) di dare mandato all' Assessore Regionale al Turismo e Beni Culturali di individuare le opportune azioni
amministrative atte a favorire la partecipazione al capitale sociale della s.c.a.r.l. "Film Commission Regione
Campania", nei limiti previsti dalle norme statutarie di cui al precedente punto 1), del Comune di'Napoli e di
tutte le Province della Regione Campania;
5) di trasmettere il presente atto a:
- Settore Sviluppo e Promozione Turismo per i conseguenti adempimenti;
- Settore Stampa e Documentazione per la pubblicazione sul BURC;
- Assessore al Turismo e Beni Culturali, per conoscenza.
Il Segretario
Brancati
II Presidente
Basso lino
BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 5 DEL 23 GENNAIO 2006
ALLEGATO A
STATUTO DELLA
SOCIETA' CONSORTILE A RESPONSABILITA' LIMITATA
"Film Commission Regione Campania S.c. a r.i."
ARTICOLO UNO
E' costituita una Società consortile a responsabilità limitata ai sensi degli articoli 2615 ter e 2462 e
seguenti c.c., dell'art. 6 della L. 17.2.1987 n. 80 e sulla base delle deroghe apportate dall'art. 27 della
L. 317/91, denominata: "Film Commission Regione Campania S.c. a r.I.".
ARTICOLO DUE
La società ha sede legale in Napoli, all'indirizzo risultante dall'iscrizione presso il competente Ufficio
del Registro delle Imprese ai sensi dell'art. 111-ter delle disposizioni di attuazione del codice civile.
Il trasferimento di sede nell'ambito dello stesso Comune potrà essere deciso dall'organo
amministrativo e non comporterà modifica dello statuto.
La società ha facoltà di istituire e sopprimere sedi secondarie, succursali, agenzie e rappresentanze.
Il domicilio dei soci, per quanto attiene ai loro rapporti èon la Società, è quello risultante dal libro dei
soci.
ARTICOLO TRE
La società avrà durata fino al 31.12.2050.
L'Assemblea potrà prorogare il predetto termine.
ARTICOLO QUA TIRO
Possono essere soci della società consortile esclusivamente Enti Pubblici non economiCI
facenti parte della Regione Campania comprese le Province della Regione stessa, il Comune di
Napoli e la stessa Regione.
ARTICOLO CINQUE
La società non persegue finalità di lucro ed ha per oggetto lo svolgimento delle seguenti
attività:
a. prestazione di servizi, forniture di beni o altre utilità destinate alla diffusione e promozione
della cultura e dell'arte cinematografica in Campania e allo sviluppo dell'immagine della
Regione Campania;
b. favorire lo sviluppo e la diffusione della cultura cinematografica in Campania mediante la
promozione di premi, convegni, seminari, studi e ricerche, corsi e conferenze;
c. creare banche dati audio - video delle professionalità e servizi, al fine di fornire la completa
informazione su tutto ciò che riguarda l'effettuazione di riprese nel territorio della Regione Campania.
Per il conseguimento del proprio oggetto la società, esemplificativamente'è non esaustivamente,
potrà:
a) gestire i rapporti con i soggetti titolari di competenze pubbliche e private per i fini propri della
società;
b) trattare per conto proprio e/o per conto e nell'interesse dei soci gli affari aventi relazione con le
attività espletate, l'offerta, la condotta delle trattative e la stipulazione dei relativi contratti ed atti;
c) svolgere tutte quelle attività che risulta opportuno realizzare in tutto o in parte con mezzi comuni,
quali: l'acquisto di beni strumentali e l'acquisizione di tecnologie avanzate; la stipula di contratti di
noleggio di attrezzature, di trasporti e prestazioni di servizi in genere; lo svolgimento di azioni
pubblicitarie; l'espletamento di studi e ricerche di mercato; lo svolgimento in associazione anche con
enti pubblici e privati di ricerca, di programmi di ricerca scientifica, tecnologica, di sperimentazione
tecnica e di aggiornamento nel campo delle tecniche gestionali relative alla suddetta attività; la
89
"
"
90
BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 5 DEL 23 GENNAIO 2006
prestazione di assistenza e di consulenza tecnica; l'assistenza e la consulenza per la progettazione, la
realizzazione e la gestione di programmi cinematografici e televisivi; la gestione di centri di
elaborazione dati contabili o di altri servizi in comune; l'assistenza e la consulenza finanziaria.
La società per il perseguimento dello scopo sociale, potrà inoltre compiere qualsiasi operazione
mobiliare, immobiliare, commerciale, industriale, utile e/o necessaria per il perseguimento dello scopo
sociale.
Per il pieno conseguimento dello scopo sociale la società consortile provvede, sempre per conto e
nell'interesse dei soci, al compimento di tutto quanto occorra per la realizzazione dell'oggetto sociale
potendo compiere a tal fine gli atti e tutte le operazioni ritenute utili e/o opportune.
ARTICOLO SEI
La società svolgerà prevalentemente la propria attività a beneficio della Regione Campania (o
Ente Controllante).
Nel quadro delle suindicate attività la Regione Campania potrà conferire alla società incarichi
specifici, i cui obiettivi e finalità dovranno essére definiti in appositi atti emanati dalla stessa
amministrazione regionale.
In particolare, per lo svolgimento della propria attività, la società potrà assumere ed eseguire
appalti pubblici, nonchè ricevere la gestione di servizi in affidamento diretto (cosiddetto
domestico o "in house providing"). Tale assunzione sarà possibile se ed in quanto ne
ricorrano i presupposti e le condizioni, richieste dalla normativa nazionale ed in particolare se
ed in quanto l'attività sociale, anche mediante apposite convenzioni, sia sottoposta al
controllo, a tali fini prescritto, della Regione Campania. In tali ipotesi di affidamento diretto
l'organo amministrativo è tenuto ad uniformarsi all'attività di indirizzo, programmazione,
vigilanza e controllo dell'ente controllante, conformemente a quanto prescritto dalle
convenzioni stesse e dalla normativa tempo per tempo vigente in materia.
L'affidamento "in house providing" è giustificato dalla seguenti circostanze:
---la società è istituita per soddisfare specificatamente bisogni di interesse generale della
collettività territoriale di riferimento;
---l'attività sociale è finanziata in modo maggioritario dall'amministrazione pubblica che
aggiudica;
---l'organo amministrativo, in tali casi, è soggetto al controllo, analogo a quello esercitato sui
propri servizi, dalla Regione Campania;
---gli organi di amministrazione e di vigilanza sono costituiti da membri più della metà dei quali
sono designati dalla Regione stessa;
---la parte più importante dell'attività sociale è intrattenta con la Regione.
ARTICOLO SETTE
Il capitale sociale è di EURO 590.000,00 (cinquecentonovantamila virgola zero) diviso in quote di
partecipazione ai sensi dell'art. 2468 del c.c ..
Il capitale sociale potrà essere aumentato su deliberazione dell'Assemblea dei soci per la cui validità
costitutiva, sia in prima che in seconda convocazione, sarà necessaria la presenza di tanti soci che
rappresentino il 75% del capitale sociale e delibererà, sia in prima che in seconda convocazione, con
il voto favorevole pari al 900/0 dei presenti.
Gli aumenti di capitale sociale potranno effettuarsi anche mediante conferimento di beni o di crediti,
nei limiti e nel rispetto delle disposizioni di legge in materia.
In nessun caso la partecipazione complessiva della Regione Campania potrà scendere al di
sotto del 75% (settantacinque per cento) del capitale.
ARTICOLO OTTO
Sono organi della società consortile:
a. il Presidente;
b. il Consiglio di Amministrazione;
BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 5 DEL 23 GENNAIO 2006
c. l'Assemblea;
d. il Collegio Sindacale;
e. il Direttore Generale;
I membri componenti tutti gli organi, ad eccezione dell'assemblea, durano in carica tre anni e sono
rieleggibili.
ARTICOLO NOVE
L'assemblea può essere svolta in prima o in seconda convocazione anche fuori della sede sociale,
purchè in Italia.
L'Assemblea deve essere convocata almeno una volta l'anno ed entro 120 (centoventi) giorni dalla
chiusura dell'esercizio sociale. Qualora particolari esigenze relative alla struttura ed all'oggetto della
società lo richiedessero, questo termine può essere prorogato a 180 (centottanta) giorni.
ARTICOLE) DI ECI
Le assemblee sono convocate dall'organo amministrativo a mezzo avviso con lettera raccomandata
contenente l'ordine del giorno, da inviarsi almeno otto giorni prima da quello fissato per l'adunanza
assembleare al .domicilio del socio risultante dal libro soci, nonchè, negli stessi modi e termini, potrà
essere data comunicazione diretta ai soci a mezzo telegramma o fax confermato.
In mancanza delle formalità suddette l'assemblea si reputa regolarmente costituita se ricorrono le
condizioni prescritte dall'ultimo comma dell'art. 2479 bis del c.c ..
L'assemblea è convocata su iniziativa dell'Organo Amministrativo tutte le volte che esso lo riterrà
opportuno o necessario, oppure quando ne è fatta richiesta scritta da almeno un quinto del capitale
sociale o dai sindaci; in questi ultimi casi la convocazione dovrà essere effettuata non oltre trenta
giorni dalla richiesta stessa.
ARTICOLO UNDICI
Ogni socio ha diritto di partecipare all'assemblea ed il suo voto vale in misura proporzionale alla sua
partecipazione.
Ogni socio potrà farsi rappresentare in assemblea solamente da altro Socio.
Ogni Socio può rappresentare solo un altro socio.
Spetta al Presidente dell'Assemblea constatare il diritto d'intervento all'Assemblea, anche in ordine al
rispetto delle disposizioni relative alla rappresentanza per delega.
L'Assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio di Amministrazione o in sua assenza dalla
persona designata dall'Assemblea.
ARTICOLO DODICI
A norma dell'art. 2479 c.c. sono riservate alla competenza dei soci:
1) l'approvazione del bilancio;
2) la nomina degli amministratori;
3) la nomina dei sindaci ed il presidente del collegio sindacale;
4) le modificazioni dell'atto costitutivo;
5) la decisione di compiere operazioni che comportano una sostanziale modificazioni dell'oggetto
sociale determinato nell'atto costitutivo o una rilevante modificazione dei diritti dei soci;
6) gli argomenti riguardanti la gestione della società posti al loro esame dall'Organo Amministrativo;
7) l'alienazione di quote, l'esclusione di uno o più soci e le relative modalità, il recesso e l'ammissione
di uno o più soci;
8) la nomina e i poteri dei liquidatori;
9) le sanzioni per l'inadempimento degli obblighi dei soci.
'--Le Assemblee sia in prima che in seconda convocazione, sono validamente costituite con la presenza
del 75% dei soci rappresentanti l'intero capitale sociale e'deliberano con il voto favorevole della
maggioranza del capitale presente tranne che per i casi d'aumento di capitale sociale così come
91
92
BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 5 DEL 23 GENNAIO 2006
previsto dall'articolo cinque del presente statuto che prevede il voto favorevole di almeno il 75%
dell'intero capitale sociale, tanto in prima che in seconda convocazione.
Delle deliberazioni dell'Assemblea è redatto processo verbale firmato dal Presidente e dal Segretario.
Nei casi previsti dalla legge e quando il Consiglio di Amministrazione lo ritiene opportuno il verbale è
redatto dal notaio.
ARTICOLO TREDICI
La società è amministrata da un Consiglio d'Amministrazione composto da cinque a sette membri,
anche non soci scelti anche in base alla specifica professionalità posseduta in relazione agli scopi
perseguiti dalla società consortile secondo quanto determinato dall'Assemblea all'atto della loro
nomina e dura in carica tre anni.
A norma del terzo comma dell'art. 2468 c.c. e dell'art. 2449 c.c. la maggioranza del Consiglio di
Amministrazione è nominato dall'Assemblea su designazione del Presidente della Giunta
Regionale della Campania.
Il primo Consiglio di Amministrazione è nominato nell'atto costitutivo e dura in carica tre anni.
Qualora per dimissioni o per altre cause venisse a. mancare un amministratore, il Consiglio di
Amministrazione provvederà alla cooptazione di un nuovo componente. Il consigl,jere cooptato dovrà
essere designato dal medesimo soggetto che aveva indicato il consigliere sostituito; nel caso in cui
venissero a mancare la maggioranza degli amministratori il Consiglio di Amministrazione rimanente
dovrà convocare, senza indugio, l'assemblea per la nomina del nuovo consiglio di amministrazione.
L'organo amministrativo è inoltre soggetto al controllo, analogo a quello svolto sui propri
servizi, dalla Regione Campania.
ARTICOLO QUATTORDICI
Il Consiglio d'Amministrazione con delibera assunta all'unanimità, nomina, tra i suoi membri, il
Presidente, tra i componenti designati a norma dell'articolo che precede, dal Presidente della Giunta
Regionale della Campania.
Il primo Presidente è nominato nell'atto costitutivo della società, su indicazione del Presidente della
Giunta Regionale della Campania.
AI presidente del Consiglio di Amministrazione e in sua assenza ad un vicario, da nominarsi tra i
consiglieri designati dal Presidente della Giunta Regionale della Campania, è attribuita la
rappresentanza legale della società con firma libera per l'esecuzione di tutte le deliberazioni del
Consiglio, salvo che tale organo non disponga diversamente.
L'assenza o l'impedimento del Presidente si intendono provati, nei confronti dei terzi, dall'esercizio
della funzione vicaria.
ARTICOLO QUINDICI
Il Consiglio d'Amministrazione è convocato dal Presidente a mezzo lettera raccomandata da inoltrare
agli Amministratori almeno quattro giorni prima della data fissata per l'adunanza. Il Consiglio di
Amministrazione può essere convocato anche fuori dalla sede sociale purché in Italia.
Il Presidente è tenuto a convocare prontamente il Consiglio anche a seguito di richiesta scritta e
motivata di uno solo degli Amministratori. In caso di inadempimento del Presidente, la convocazione
può essere validamente curata da due membri del Consiglio di Amministrazione.
Nei casi di urgenza, la convocazione può essere effettuata tramite telegramma e fax confermato, da
spedire almeno due giorni prima della riunione.
Anche in carenza delle formalità di convocazione stabilite, il Consiglio di Amministrazione si considera
validamente costituito quando sono presenti tutti gli Amministratori.
ARTICOLO SEDICI
Il Consiglio d'Amministrazione è costituito e delibera validamente con il voto favorevole della
maggioranza dei componenti.
Sono fatte salve le diverse maggioranze richieste da norme inderogabili di legge.
BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 5 DEL 23 GENNAIO 2006
Delle deliberazioni del Consiglio è redatto verbale firmato dal Presidente e dal Segretario.
ARTICOLO DICIASSETTE
gestione ordinaria e straordinaria della
società e particolarmente sono ad esso riconosciute tutte le facoltà per il raggiungimento dello scopo
sociale, che non siano dalla legge o dal presente statuto tassativamente riservate all'assemblea dei
soci.
In particolare, a titolo esemplificativo e non esaustivo, l'organo di amministrazione:
a) dà esecuzione alle norme statutarie e regolamentari, nonchè alle deliberazioni dell'Assemblea;
b) elabora i programmi di intervento, definendo l'apporto di ciascuno dei consorziati;
c) predispone la relazione revisionale delle attività ed il relativo conto economico finanziario e le
coperture finanziarie relative;
d) può predisporre regolamenti interni per disciplinare il funzionamento della società;
e) approva eventuali convenzioni da stipulare con terzi in relazione alle finalità istituzionali;
f) decide la convocazione dell'Assemblea;
g) redige il bilancio da sottoporre all'approvazione dell'assemblea e lo pone a disposizione dei soci
almeno quindici giorni prima della data fissata per lo svolgimento dell'assemblea stessa;
h) promuove periodici incontri con le istituzioni e con le forze sociali agenti nel settore, al fine di avere
con essi momenti di confronto volti a realizzare azioni sinergiche per la promozione, la qualificazione
ed il consolidamento di nuova imprenditorialità;
i) presenta pubblicamente il programma di attività della società e valuta eventuali osservazioni e
proposte in merito.
Inoltre l'organo amministrativo deve predisporre e presentare ogni quadrimestre alla Giunta
Regionale, ad altri organi regionali eventualmente indicati dalla Regione stessa ed agli altri
soci, una relazione dello stato di attuazione delle attività programmate. Invia inoltre agli organi
regionali indicati ogni utile informazione che consenta l'esercizio dei poteri di direzione e
coordinamento.
" Consiglio di Amministrazione potrà deliberare, al suo interno, la costituzione di un Comitato
esecutivo cui delegare i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione relativi all'esecuzione delle
attività oggetto dello scopo sociale.
/I Consiglio di Amministrazione in sede di istituzione del Comitato ne fissa la composizione, ne
individua i componenti e ne stabilisce le ulteriori modalità di funzionamento ed organizzazione dal
presente statuto non regolate.
Il Consiglio inoltre può rimettere in ogni tempo alla decisione dell'assemblea qualsiasi argomento
riguardante la gestione della società consortile.
1/ Consiglio d'Amministrazione è investito del potere di
ARTICOLO DICIOTTO
Il Direttore Generale della società deve essere nominato dal Consiglio di Amministrazione, su
proposta del Presidente della Giunta della Regione Campania, ed è responsabile della
realizzazione dei programmi di attività deliberati dal Consiglio suddetto. La carica di direttore
generale è incompatibile con quella di consigliere di amministrazione.ll Direttore Generale
partecipa alle riunioni del Consiglio di Amministrazione senza diritto di voto.
ARTICOLO DICIANNOVE
L'assemblea nomina un Collegio Sindacale che dura in carica tre anni ed è composto da tre membri
effettivi, tutti Revisori Contabili.
Il Collegio Sindacale esercita il controllo contabile e vigila sull'osservanza della legge e dello
statuto, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione ed in particolare sull'adeguatezza
dell'assetto organizzativo, amministrativo e contabile adottato dalla società e sul suo completo
funzionamento.
La nomina dei Sindaci e del Presidente del Collegio Sindacale è effettuata su designazione del
Presidente della Giunta Regione della Campania in base agli artt. 2449 e 2450 c.c ..
93
94
BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 5 DEL 23 GENNAIO 2006
ARTICOLO VENTI
In considerazione degli scopi consortili che escludono ogni scopo di lucro, i partecipanti sono
tenuti a versare annualmente alla società contributi in denaro proporzionalmente alle rispettive
quote di partecipazione al capitale sociale in base all'art. 2615 ter c.c ..
L'esercizio sociale si chiude al 31 dicembre di ciascun anno.
Alla chiusura di ogni esercizio il Consiglio di Amministrazione prowede alla compilazione del Bilancio
di esercizio e della relativa nota integrativa che sarà sottoposto all'approvazione dell'assemblea da
convocarsi con le modalità ed i termini di cui agli articoli del presente statuto.
Gli eventuali utili ed avanzi di gestione saranno destinati per il 50/0 alla costituzione di un "Fondo di
Riserva" e, per il residuo, in apposito fondo ai sensi e per gli effetti dell'art. 7 della legge 21 maggio
1981 N. 240, salva diversa disposizione deliberata dall'assemblea dei soci.
Una copia del bilancio preventivo approvato dagli organi competenti dovrà pervenire agli enti
locali soci entro e non oltre il termine di trenta giorni dall'approvazione ai fini dell'esercizio del
controllo sull'attività gestionale. Detto bilancio dovrà essere corredato dalle relazioni degli
amministratori e del Collegio Sindacale e del verbale di approvazione dell'assemblea.
ARTICOLO VENTUNO
Alla determinazione del valore della partecipazione sociale, nei casi di cessione o d'esclusione di cui
ai precedenti articoli nove e dieci, si provvede in accordo tra i soci. In caso di disaccordo su tale
valutazione la risoluzione della controversia è deferita al giudizio arbitrale di cui al successivo articolo
ventitre.
ARTICOLO VENTIDUE
Addivenendosi allo scioglimento della società per sopravvenuto conseguimento dell'oggetto sociale o
per qualsiasi altro motivo, l'assemblea stabilisce le modalità della liquidazione e nomina uno o più
liquidatori i poteri e gli emolumenti.
I macchinari, le attrezzature ed i beni acquisiti direttamente dalla società saranno venduti al termine
della loro utilizzazione a vantaggio delle attività realizzative o, in ogni caso, a seguito dello
scioglimento della società.
Tali vendite, in assenza di offerte di terzi giudicate adeguate dal Consiglio di Amministrazione saranno
effettuate in favore di soci interessati al settore di attività per il quale i macchinari, le attrezzature ed i
beni sono stati acquistati e nell'ipotesi di concorso di soci, in misura proporzionale alla quota di
partecipazione al capitale di ciascuno di essi per il prezzo pari al valore del bene, al netto degli
ammortamenti complessivamente operato.
ARTICOLO VENTI TRE
Qualsiasi controversia dovesse insorgere tra i soci e/o tra i soci e la società circa l'interpretazione,
l'applicazione e la validità del presente statuto, che non sarà possibile risolvere amichevolmente o
attraverso l'intervento del Consiglio d'Amministrazione, sarà rimessa ad un collegio di tre arbitri, scelti
tra gli iscritti all'albo degli avvocati e nominati dal Presidente del Tribunale di Napoli.
Non possono essere oggetto di clausola compromissoria le controversie nelle quali la legge preveda
l'intervento del Pubblico Ministero.
Il Collegio giudicherà secondo equità e senza formalità ed il suo giudizio sarà inappellabile salvo
quanto disposto dal D.Lgs. 17.1.2003 N. 5.
ARTICOLO VENTIQUATTRO
Per quanto non espressamente contemplato al presente statuto si fa riferimento e rinvio alle
disposizioni di legge in materia.
06/2806
17:41
0817904221
FCRC
PAG
Pagina 1. di l
Maurizio
Gemma
!!ii!
..
Da:
A:
Data in'\fio:
Oggetto~
V:J?lk
<[email protected],it>
<[email protected] maggio 200610.42
progetti anno 2006
Egr. Di.rettore Generale
Film Commission
dott. Maurizio Gemma
oggetto: programmi di attività 2006.
Egregio direttore,
.
facendo seguito agli incontri e alla corrispondenza intercorsa
sulttargomento in oggetto, le ribadisco la volontà dell'Ono Camine
Nardone, Presidente della Provinda di Benevento, di proporre agli organi
competenti, i.n Rcde di applicazione dclravanzo di gestione 2005, i
contributi e i finanzia.menti finalizzati a sostenere la produzione
cinelnatogra'fica girata. nel Sannio, noncbè la partecipazione della
Provincia di Benevento aHe iniziative promozionali. da lei proposte.
In attesa invio cordiali saluti.
dottor Ludovico Barone
dirigente Ufficio Speciale Marsec
Provincia di Benevento
12/12
l:J:L:ti
:::-~;1 ~l0l:Jb
/
',1
tJeH I 'jt)4 i-LI
PAG
FCRC
~~_. ~tN.
N.
1.~ SO~
ha
1 Eili,t
4/CJ((06
~,
FHrn'l Commiss.Q~
e»p'k
Régione
C;Jmp::tni:\
AJ Presidente dell'Amministrazione
Provinciale di Benevento
Onorevole Cannine Nardone
Raccomandata a.r. anticipata via fax
0824319510
,;-Ep.e.
Ludovico Barone
Provincia di Benevento
Ufficio Speciale Marsec
Trasmissione via fax
MnOf'll_-
PROVfiNClA
~~{I
~t . ·
~
prtEViNTO
orrr~1
l..2~7arRvO
I
8 GlU, 20qa
\
YC<9T; NR: Z~~ \06
0824334055
1I1J.lstte Presidente,
in riferimento' alla nota Vs. protocollo nr: 298 del 6/12/2005 in cui, oltre a comunicare
l'intenzione, di conferire al1a scrivente un contributo da destinare a.l sostegno di audiovisivi
realizzati nel territorio del Sannio nel corso del 2006. ci rende noto altresl di voler aderire alle
strategie di comunicazione della scrivente previste per l'annualità 2006.
A tal proposito, La informo che a conclusione del primo anno di a.ttività la FCRe prevede la
pap;~cipazione ai Festival del Cinema. di Cannes e Ycnezia~t1-delleJ.niziatiye.-finatiz·zatein primo
luogo à rappresentare un resoconto di tipo tecniCQ:Qrofesslonale delle attività __~~..m<:t.,soprattutto,
ad indicare le potenzjalità e le strade percorribili di uIlUlleriore sVituppooclle attività, anche grazie
alle collaborazioni avviate, offrendo una panoramica delle opportunità e dei vantaggi che la regione
e i suoi territori, di. particolare interesse culturale ed ambientale, possono offrire per il settore della
produzione audiovisiva. Le suddette iniziative si articoleranno secondo le seguenti modalità:
1.. Allestimento di uno stand nelle aree "Mercato" dei suddetti festival internazionali.
dello stand nel corso dei festival si organizzerà uno spazio di accoglienza in cui svolgere
Al1~int.crno
attività di pubhliche relazioni, promozione deUe attività della FCRC e dei suoi partner istHuzionali.
L'allestimento prevede infatti uno spazio dedicato alla comunicazione dei partner e degli sponsor.
In tal sen~o auspichiamo che la Provincia di Benevento voglia valutare l'adesione a1l ~iniziativa.
All'interno dello stand sarà inoltre possibile offrire ai visitatori assaggi di prodotti tipici o
t.estimonianze di altre eccellenze dei territori. Nel corso dei precedenti colloqui intercorsi~ inoltre;
den~ Amministrazione Provinciale di Benevento che
risultano particolarmente coerenti con le attività della PeRe e in generale vantaggiose per l'attività
produttiva nel campo dell'a.udiovisivo. Consideriamo particolannente pertinent.e realizzare una
~tfi.nestra" 51Jl Sannio, ovvero una rassegna di immagini, informazioni, e dati e sugli apporti che
quest'atea può assicurare ai progetti di realizzazione audiovisiva" In particolare, le inform,azioni sul
fondo di vetture e macchine agricole d'epoca; sul1'itinerario di sitÌ e dimore di interesse storico
artistico.
recentemente
:
-,---
sono emerse numerose aree progettuaH
FiJm Càr'OlJSS:Cr!
RegioM Ò9~tlnirl ~,c.a.r:!.
CJlai.3 Trinità
Maggiore. 53
AQ f 31 Napoli " Itrtly
tel '''39 (0)8 i .47..06071
f.:lX '''39 (0)6 l ,7901~:21
p. iva 048596S 1210
'y))6
l
15:28
0817904221
FC'<C
PAG
11/15
J
Film
Cornmis~ion
C}:JPv4
Rogionc
C<tmpanl~
ri~trutturati
e restituiti alla collettività, nonché le competenze tecnologiche in materia d.i informatica
e comunicazione satcl1itare.
2. In occasione. dell'imminente Festival di Cannes, è allo studio l'ipotesi di promuovere una
vetrina di location campane dedicata a territori anCOra inediti. Nell'ambito dì questa vetrina, oltre
che i più consueti spunti paesaggistici e architettonici~ verranno evidenziate le potenzialità dei
territorio ad accogliere progetti di ampio respiro produttivo anche con strutture che possano ospitare
uffici di produzione~ reparti di scenografia e costumi con anneSS11aboratori) reparti trucco e spazi
per l'accomodamento ed il ristoro della troupe. Si evidenzieranno inoltre peculiarità di grande
interesse quali l'esistenza di strutture o centri urbani di particolare suggestione, aree, dimesse o
abbandonate. In tutti questi casi si metteranno in risalto le reti di collaborazione con entl) istituzioni
·e privati che fanno di un luogo una location ideale. Inoltre, in occasione della "presentazione
nell'ambito del ConcOrso del Festival dell'ultimo film del regista napoletano Paolo Sorrent1no)
"l/amico di famiglia", la FeRe, in collaborazione con ]a società di distribuzione Fandango.e la
Jndigo Film che ha prodotto il film, ospiterà un evento conviviale a sostegno della promozione del
film presso sulla spettacolare terrazza panoramica del prestigioso Hotel Noga Bilton. L'evento sarà
dì sicuro richiamomediatico per la stampa nazionale che segue molto attentamente e dedica ampio
spazio alPopcra del giovane autore napoletano giunto al suo terzo film che riscuote grande successo
di critica e di pubblico anche a livello internazionale. L'evento sarà un'ulteriore occasione per dare
risalto anche al1a partecipazione della Provincia di Benevento che potrà essere fra i soggetti
<
promotori dello stesso.
In occasione del Festival di Venezia prevediamo la presentazione di un caso studio sulla
produzione televisiva in Campania, e più specificamente, i casi Rizzoli e Cosmo Production, COme
argomento di un incontro tecnico-professionale mirato al settore della produzione televisiva. Il caso
studio dovrà essere articolato secondo due direttive parallele: i vantaggi ottenuti dalla società di
produzione su'! territorio campano e la ricaduta sul territorio delle lavorazioni sia in termini di
occupazione e di ricaduta economica immediata sul'settore dei servizi all'audio-visivo e dei servizi
di ricezione turistica, nonché in termini di promozione del territorio 1n ragione della visibHità
ottenuta. QueRFu1tima iniziativa sarà organizzata in collaborazione con il centro di produzione
regionale deIla Rai c comprenderà anche notizie e infonnazioni sulle principali produzioni di
serialità in corso di realiZ7...azione. L'incontro precede il coinvolgimento di operatori del settore
televisivo e cinem,at.ografico provenienti dai mercati internazionali e sarà gestito da tre relatori, un
esponente della peRe, un. esponente di RAI Fiction e Roberto Sessa, Amministratore Delegato
della Grundy Ttalia) che espongono il caso Campania: location, fonti di finanziamento, rete di
servizi, istituzioni e privati . .t contenuti saranno supportati da dati forniti anche dalle stesse società
di produzione che hanno lavorato in Campania. L'incontro prevede, inoltre, una discussione aperta
a tutti i partecipanti, moderata da un personaggio di spicco del settore e. sì concluderà con una
presentazione delle previsioni di attività per l'anno 2006/2007, con particolare riferimento alle
politiche di attiva.zione di incentivi economici che coinvo]ga esponenti della FCRC ed esponenti dei
principali Enti locali (Regione e Province che hanno già aderito ad iniziative promosse dalla peRe
nel corso deJFannual1tà. precedente).
FlIm Comrnbsion
R~ionc Campanlè\ !i,c.rl.I~I.
cala:t.l Trinftà Maggrol"C, S3
80 I 31 N~poli " (tilry
te!
f'. .....
I
l
39 (0)81.4206071
~n
h""\n
l
-,.,",~"'""""", r
J;1,6~-~.
t
0817904221
FCRC
,
PAG
.i
!
,:
Film Commisslon
(6gp/7
Reg~onE!
Campania
4. Realizzazione del portale. TI portale della FCRC è concepito oltre che come uno strumento
della comllnicazione nel quale veicolare l'immagine della società e del territorio che rappresenta,
come tu) vero e proprio strumento di lavero a disposizione degli operatori del settore, la cui forza
dovrà essere la qualità e l; aggiornamento costante del materiale informativo. Cuore del portale
saranno le 2 banche dati relative rispettivamente alle risorse umane e alle location della Campania.
La banca dati delle locatìon potrà ~prevedere il caricamento di filmati ove disponibili e di speciali su
aree meno conosciute. Uno risalto particolare poti;} essere dato al Sannio e alle risorse che questo
t.erritorio può dedicare alI)' audiovisivo. Tale finestra dedicata auspichiamo potrà diventare, con il
subentro di c(ldcsta Amministrazione nella compagine S9cietaria della FCRC, uno spazio dedicato
alle attività dell"antenna locale che certamente sarà organizzata. Oltre alle due banche dati il sito
conterrà informazioni esaustive su morfologia del territorio, condizio.ni ç]im ati che, viabilità e
trasporti c numerosi link ad i 5iH di enti, associazioni e imprese di interesse per il comparto audiovisivo.
6. La Guida alla Produzione rappresenta il supporto cartaceo, '!:"tascabile", delle infonnazioni
già contenute nel portale in un'edizione curata nei minimi particolari. RispeLto al portale la Guida
presenta tuttavia diverse opportunità per la diffusione, soprattutto in sede di eventi internazionali.
Ipotesi revisionale di. spesa.
Quanto descritto comporterà spese di stampa del materiale promozionale aggiornato (b.rochure ed
inviti), spese per l'ingaggio di un consulente per la preparazione e la gestione dell'agenda degli
invitati, nonché indli.fiduazioue dei siti ove allocare le iniziative, canoni di locazione di detti siti e
servizi di traduzione, canone di locazione degli stand, spese di accreditamento, viaggio e soggiorno
di: ufficio stampa, 2 unità dell'organico della peRe, esponenti delle istituzioni partner,
componenti CdA, eventuale partecipazìon.e di giornalisti e fotografo/a a seguito del1a missione. Si
prevedono ino1tre spese di trasporto materiali, spese di cancelleria, c spese di rappresentanza.
A tutt~oggi, possiamo stimare che la spesa prevista per sostenere le attività descritte ammonterà a
circa 100.000 Euro. A tale importo dovranno essete sommate spese re.1ative alla realizzazione del
portale e della gui.da che ammontano a Euro 30.000.
Tutte le attività descritte :necessitano l'utilizzo efficiente delle risorse umane ed economiche di cui
potremo disporre. Per la co~tinuità e lo svìluppò delle attività descritte e di quelle che ci accingiamo
a programmare è auspicabile poter contare su una dotazione finanziaria adeguata agU standard che
intendiamo raggiungere e mantenere alla pari delle organi7..zazioni presenti in altre regioni europee.
In tal senso, Illustre Pr.esidente, Le chiedo di aderire fOnnalmente al programma descritto, valutando
l'ipote..<;i di sostenere con un contributo finanziario a sostegno di tutte le attività descritte per un
importo pari a 40.000 Euro. A fronte di tale richiesta le garantisco fin d'ora Ja migliore visibilità
delle Sua Amministrazione su tutti i supporti previsti dal pia.no di comunicazione, nonché in
occasione degli eventi elencati garant~ndo la partecipazi.one agli stessi di uno o più rappresentanti
dell' Amministrazione. A tal proposito, inoltre, mi preme -speCifi,carLe che il piano di attività
descritte potrà giovarsi deHa partecipazione della Provincia di Benevento nel suo complesso o solo
in parte, c che l'apporto che auspichiamo vorrà riconoscere allo stes~o, andrà a sua volta
Film Commi:ssicn
Regione C~mp'anla S,çdiU:l.
calata Trinid Mar,giore • .53
80' 34 N i'l [lo li - It;:,ly
tAl 1·39 (0)81.4206071
12/1:6
·'!.~i ,::=~5: ; ; .
.
0817904221
FCRC
PAG
13/15
.'
J
./
'
Film
,)
Commjss~Qn
to?w
P,c:!gione Campania
commisurato alla modalità di adesione. Dette attività potranno essere $uscettibili di variazioni anche
per consentire la migliore visibilità dei partner e per meglio aderire ai piani programmati dalla
Amministrazione Provinciale di Benevento.
.
Nel ringraziarLa per l'attenzione che ha riservato a questa proposta. Le porgo i miei migliori
saluti.
Napoli 27 aprile 2006
TI Direttore Generale
;!W:;;:a
......
Film Commission
Regione Camp4\nin 0.c:.rl.d.
calata Trinit~ M~ggiorc. 53
8D!11 N4'lpolj - ttaly
181 +:39 (O)~~ .120(-071
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

123

2 Carte

creare flashcard