Visualizza l`ALLEGATO

advertisement
ASSESSORATO ALLA CULTURA
EXPO E TURISMO
TEATRO SOCIALE – LA CASA DELLE ARTI
Stagione 2014-2015
DANZA
in collaborazione con
Pavlova International Ballet Company
e Festival Danza Estate 2015
Il Teatro Sociale di Bergamo, sia per le dimensioni, sia per il suo ampio palcoscenico e la buona
acustica, permette la visione di uno spettacolo di danza in modo ottimale. Sulla base di tali
premesse la rassegna di DANZA intende indagare le varie tecniche e i vari filoni del balletto, dal
classico al moderno, al contemporaneo, per una programmazione coreutica sempre più vicina
all’arte teatrale.
A realizzare questa rassegna sono state chiamate compagnie che operano da anni a Bergamo con un
approccio culturale molto cosmopolita, come testimoniato dai titoli in cartellone, dagli ospiti e dalla
consapevole disinvoltura con cui il programma attraversa moduli e stili complementari, all’insegna
di una danza spettacolare e di qualità che non trascura nessun pubblico e nessuna generazione di
appassionati. È lo specifico di questa arte universale che non ha bisogno di parola per esprimersi e
che è capace di affascinare oltre le barriere dello spazio e del tempo. Bergamo ha, con questa
rassegna, una nuova vetrina di danza, nella quale l’attrazione dello spettacolo si unisce al fascino
della divulgazione e del coinvolgimento.
Sabato 28 marzo 2015, ore 21.00
Teatro Sociale
GISELLE
di Théophile Gautier
maître de ballet Svetlana Pavlova e Kasatkina Margarita
musiche Adolphe-Charles Adam
con i ballerini della Pavlova International Ballet Company
produzione Pavlova International Ballet Company
Giselle, considerato come il simbolo del balletto classico e romantico, venne ideato da Théophile Gautier, un importante
scrittore francese; egli era un grande appassionato di balletto e grande ammiratore di Carlotta Grisi, un’étoile di allora.
Gautier, leggendo il libro di Heinrich Heine De l’Allemagne, rimase affascinato dalla leggenda delle Villi, spiriti di
fanciulle simili agli elfi e decise di scrivere una storia per un balletto ad esse ispirato, che intitolò Les Wilis. Balletto.
All’Opéra di Parigi incontrò il drammaturgo Jules-Henry Vernoy de Saint-Georges ed insieme i due, in pochissimi
giorni, stilarono il libretto definitivo. Il balletto venne chiamato Giselle: la musica venne affidata ad un compositore già
www.teatrodonizetti.it/teatrosociale
Tel. 035.4160678
famoso per altri balletti, Adolphe-Charles Adam. Il 28 giugno 1841 all’Opéra (Académie Royal de la Musique), con
l’allestimento curato da Pierre Luc-Charles Cicéri e con i costumi di Paul Lormier, Carlotta Grisi, allora ventiduenne,
danzò, con Lucien Petipa nel ruolo di Albrecht, Giselle. Fino al 1868 Giselle rimase nel repertorio dell’Opéra nella
propria forma tradizionale, fino a che Marius Petipa, fratello di Lucien, decise di rinnovarne la coreografia, cercando di
avvicinarla a quelli che erano i grandi balletti russi di allora: operò diversi tagli sia nelle parti recitate sia nella
“variazione” di Giselle del I atto, che, pur risalendo al 1880, è quella che viene tutt’ora eseguita. Giselle resta
probabilmente il balletto più rappresentativo della tradizione classico-romantica: è la costante di ogni grande compagnia
e, forse, il traguardo più ambito di ogni ballerina.
Biglietti:
intero € 18,00
ridotto € 15,00
La rassegna di Danza della Casa delle Arti prosegue quindi con gli spettacoli del
Festival Danza Estate 2015
Un nuovo focus sulla danza di oggi, che Bergamo ha imparato a vedere e a sentire anche grazie a
Casa delle Arti.
Si torna a riflettere sulla danza di qualità, ma non per questo di nicchia. Pensata per un pubblico
vasto e trasversale, conquistato negli anni con una programmazione di ampio respiro, la danza di
questo programma abbraccia coreografie d’autore di grande impatto e stili diversi.
Si parte con un classico in versione tango, Romeo y Giulieta Tango, su coreografie di Luciano
Padovani e interpretato dalla compagnia Naturalis Labor e da tangueros argentini: una scommessa
di un’importante cordata di grandi teatri italiani della danza, nonostante le grandi difficoltà
produttive degli ultimi anni, rende possibile la realizzazione di questo nuovo spettacolo.
Si procede con la danza degli Evolution Dance Theatre: in Electricity il coreografo Anthony Heinl
(ex Momix e collaboratore di David Parsons e Daniel Ezralow) ci propone un divertente cocktail di
danza, acrobatica, teatro fisico, video art, effetti scenici e tecnici di forte impatto.
La nuova produzione di MMCompany porta invece in scena due grandi titoli del repertorio
musicale nell’interpretazione di due coreografi italiani, Emanuele Soavi, da anni attivo in Germania
presso importanti compagnie, e Michele Merola, direttore artistico della compagnia
(Carmen/Bolero).
Sakura Blues: una nuova produzione pensata e vissuta come un anime giapponese, dove i danzatori
dei DaCru si raccontano con un linguaggio innovativo e poetico, e in cui confluiscono
armonicamente la danza contemporanea e le danze urban come l’house, il jazzrock e il breacking
(coreografie di Marisa Ragazzo e Omid Ighanì).
Sabato 6 o domenica 7 giugno 2015, ore 21.00
Teatro Sociale
ROMEO Y GIULIETA TANGO
coreografie e regia Luciano Padovani
musiche originali Carlo Carcano
musiche di tango Piazzolla, Pugliese, Di Sarli, Bardi, Calo
costumi Lucia Lapolla
scene e oggetti Antonio Panzuto
luci Carlo Cerri
con Tobias Bert, Loredana De Brasi, Marcelo Ballonzo, Elena Garis, Matteo Antonietti, Ludovica
Antonietti, Jessica d’Angelo, Marco Pericoli, Selene Scarpolini, Silvio Grand, Elisa Mucchi e
Giannalberto de Filippis
www.teatrodonizetti.it/teatrosociale
Tel. 035.4160678
produzione Naturalis Labor - 2015
in collaborazione con Teatro Comunale di Ferrara, Teatro Verdi di Pisa, Teatro La Fenice di
Senigallia
con il sostegno di Ministero dei Beni e Attività Culturali e del Turismo, Regione Veneto, Arco
Danza, Provincia di Vicenza e Comune di Vicenza
IN COLLABORAZIONE CON FESTIVAL DANZA ESTATE - XXVII EDIZIONE
Danza contemporanea e tango si intrecciano per dar vita ad uno spettacolo sempre avvincente con un formidabile cast di
danzatori e tangueros argentini.
Giulietta e Romeo, III, 2
Vieni, o notte, vieni, o Romeo, tu che sarai il giorno nella notte, poiché riposerai sulle ali della notte, più bianco che
recente neve sul dorso di un corvo. Vieni, o gentile notte, vieni, o amabile notte dalla nera fronte, dammi il mio Romeo;
e quando egli morrà, prendilo e taglialo in piccole stelle, ed egli renderà così bella la faccia del cielo che tutto il
mondo s'innamorerà della notte, e non presterà più nessun culto all’abbagliante sole...
Creata nel 1988 da Luciano Padovani e Francesca Mosele, la Compagnia Naturalis Labor con lo spettacolo Taigà
(1989) vince il primo premio al Concorso Internazionale di Coreografia Città di Cagliari. Svolge un continuativo lavoro
di ricerca sulla danza contemporanea, sul tango e sui nuovi linguaggi dell’arte. Progetta e realizza spettacoli ed eventi
unici avvalendosi di collaborazioni con realtà nazionali quali Teatro Olimpico di Vicenza, Festival Oriente Occidente,
Operaestate Festival, AbanoDanza, Pergine Spettacolo Aperto, Festival d'Autunno, Segni Barocchi, Concerti in Villa.
Realizza tournées in Italia e in Europa. Nel 2014 è stata al Fringe di Edimburgo.
È riconosciuta e sostenuta da Ministero dei Beni e Attività Culturali, Regione Veneto, Provincia di Vicenza, Comune di
Vicenza, Comune di Comacchio e Arco Danza. Promuove rassegne e festival tra cui Forti in Scena, Danza a Comacchio
e Danzafest.
Biglietti:
intero € 20,00
ridotto € 17,00
speciale giovani e danza € 10,00
Venerdì 12 giugno 2015, ore 21.00
Teatro Sociale
ELECTRICITY
coreografie Anthony Heinl
light design Adriano Pisi
con Anthony Heinl, Nadessja Casavecchia, Chiara Morciano, Eleonora Saba, Chiara Verdecchia,
Roberto Tallarigo, Davide Colletti e Carim di Castro
produzione Evolution Dance Theatre - 2012
IN COLLABORAZIONE CON FESTIVAL DANZA ESTATE - XXVII EDIZIONE
Un cocktail di danza, acrobatica, teatro fisico, video art, effetti scenici e tecnici di forte impatto, raramente visti in
ambiente teatrale quanto piuttosto sul piccolo schermo. Il viaggio sensoriale dell’ultima produzione di Evolution Dance
Theatre si trasforma in una Città Elettrica, contenitrice ed evocatrice di forza ed energia in movimento. Le vibranti
coreografie, accese nei colori e nei toni immaginifici, rappresentano un grande quadro elettrico in cui le diverse
“energie” danno vita a stimoli e sensazioni sorprendenti e inaspettate. Un tuffo tra futuro e passato, tra vecchio e nuovo,
un presente che elabora ciò che è stato e ciò che si delinea come suo futuro ideale.
La Evolution Dance Theatre nasce nel 2008 e sin da subito si dedica con successo alla creazione di spettacoli basati
sulla fusione di fantasioso atletismo e affascinante visionarietà. La grande forza della compagnia sta nella conoscenza di
un vocabolario artistico ampio che non si limita solo alla danza, ma che si estende ad altre forme d’arte; come la video
art, l’illusionismo e l'utilizzo sorprendete di luci ed effetti dal vivo.
Anthony Heinl, il direttore artistico, partecipa negli Stati Uniti a numerosi spettacoli coreografati da Paul Taylor, Jose
Limon, Lar Lubovitch, Angelin Preljocaj, David Parsons, Lachine, Peter Anastos, Martha Graham. Nel 2001 entra a far
www.teatrodonizetti.it/teatrosociale
Tel. 035.4160678
parte dei Momix e assiste Moses Pendleton nella creazione di due produzioni. Nel 2006 si trasferisce in Italia dove
lavora come danzatore e collaboratore di Emiliano Pellisari e Daniel Ezralow.
Biglietti:
intero € 17,00
ridotto € 14,00
speciale giovani e danza € 10,00
Venerdì 19 giugno 2014, ore 21.00
Teatro Sociale
TIRAVOL
di e con Agnès Fustagueras I Puig e David Soubies
musiche David Soubies
produzione Cie Daraomaï - 2014
con il sostegno di Conseil Général de l’Aude, Conseil régional de Languedoc-Roussillon, Direction
Générale de la Création Artistique du Ministère de la Culture et de la Communication
PRIMA NAZIONALE
IN COLLABORAZIONE CON FESTIVAL DANZA ESTATE - XXVII EDIZIONE
Il duo TiraVoL trasporta in un universo sospeso dove si incrociano discipline trasversali come i pali cinesi, il filo e la
acro-dance. Tra atmosfere percussive e impronte di emozioni e giovialità, come in un carnevale contemporaneo, il
pubblico naviga tra le forze e le fragilità. Al centro della scena, un terzo personaggio: una struttura a prisma triangolare.
Gli artisti giocano continuamente nel suo labirinto di ferro ondeggiando, barcollando e volteggiando. Attraverso un
autentico percorso iniziatico, si trovano ad affrontare le forze sconosciute che sono in loro. In questa ricerca di identità,
ognuno racconta le proprie convinzioni e le proprie differenze: viene a galla la relazione con l’altro, un mistero
insondabile. TiraVoL è anche la storia di un viaggio, un re-incontro, un dialogo tra due culture, tra il lato nord e il lato
sud di una sola montagna. Una storia tra illusione e realtà, uno spettacolo in cui il corpo e l’essere hanno ruoli
principali.
Dopo l’incontro all’Académie Fratellini di Parigi, un luogo unico in Europa per il circo, Agnes Fustagueras IPuig e
David Soubies hanno deciso di fondare la loro compagnia, mossi dal comune desiderio di utilizzare le acrobazie come
mezzo di espressione teatrale, e di essere sempre al centro di un racconto dove si incontrano l'estetica e il circo, il tutto
per un pubblico ampio. Debuttano con 1, 2, 3 Apple su entrambi i lati dei Pirenei, e lo replicano moltissime volte tra la
Francia e la Spagna. TiraVoL è la quinta ed ultima produzione del duo franco catalano.
Biglietti:
intero € 17,00
ridotto € 14,00
speciale giovani e danza € 10,00
Domenica 21 giugno 2015, ore 21.00
Teatro Sociale
BOLERO/CARMEN
coreografie Michele Merola e Emanuele Soavi
con Paolo Lauri, Fabiana Lonardo, Enrico Morelli, Giovanni Napoli, Tommaso Quartani, Nicola
Stasi, Lorenza Vicidomini
produzione MM Michele Merola Contemporary Dance Company - 2015
IN COLLABORAZIONE CON FESTIVAL DANZA ESTATE - XXVII EDIZIONE
www.teatrodonizetti.it/teatrosociale
Tel. 035.4160678
La nuova produzione di MMCompany porta in scena due grandi titoli del repertorio musicale nell’interpretazione di due
coreografi italiani, Emanuele Soavi, da anni attivo in Germania presso importanti compagnie, e Michele Merola,
direttore artistico della compagnia.
La MMCOMPANY è una compagnia di danza contemporanea diretta dal coreografo Michele Merola. Formata da sette
danzatori solisti, è nata nel 1999 come centro di produzione di eventi e spettacoli con l’obiettivo di favorire scambi e
alleanze fra artisti. Il repertorio della compagnia, che ha sede a Reggio Emilia, è ricco e variegato grazie alle creazioni
di Michele Merola e di coreografi europei e italiani come Mats Ek, Karl Alfred Schreiner, Emanuele Soavi, Enrico
Morelli.
Nel 2010 MMCompany ha vinto il prestigioso Premio Danza&Danza come migliore compagnia emergente e oggi, è, a
tutti gli effetti, una realtà di eccellenza della danza italiana, con una consolidata attività di spettacoli su tutto il territorio
nazionale.
Prima parte: CARMEN Sweet
coreografia Emanuele Soavi
musiche Bizet, Los Panchos
Ricoperti di polvere, confusi nei loro vizi, un gruppo di istrioni inscena sulla piazza “metafisica” del palco la passione
di Carmen. Sarcastici nei loro gesti e movimenti, questi commedianti tentano di far evitare lo scontro perenne tra Don
José e il Toreador, mentre Michaela, sola nell´ombra, va nascondendosi fuori e dentro cercando di rubare invano i loro
cuori e le loro attenzioni. Il tutto accompagnato dalle celeberrime note di Bizet a volte interrotte dalle canzoni del
gruppo canoro Los Panchos, dove antagonismo, gelosia e desiderio sono soggetti onnipresenti.
Una Fiction in movimento che svela un racconto non solo immaginario. La Carmen, nella rivisitazione di Soavi, è un
racconto che può essere “vero” e non solo immaginario, fatto di bellezza fisica espressa dai corpi dei danzatori, dove la
narrazione delle scene è scandita dalle relazioni tra i sensi, che ripetutamente infiammano di passione i protagonisti in
scena.
Seconda parte: BOLERO
coreografia Michele Merola
musiche M. Ravel
Nella versione di Merola, Bolero è una sorta di fiaba astratta, che illustra il ventaglio inesauribile dei rapporti umani, in
particolare quelli di coppia, dentro ai quali spesso registriamo le reciproche e inconciliabili distanze tra uomini e donne.
Biglietti:
intero € 17,00
ridotto € 14,00
speciale giovani e danza € 10,00
Martedì 30 giugno 2015, ore 21.00
Teatro Sociale
SAKURA BLUES
coreografie Marisa Ragazzo e Omid Ighanì
luci Marisa Ragazzo e Gabriele Termine
scene Mattia De Zanna
costumi Marta Severini
con Samar Khorwash, Afshin Varjavandi, Serena Stefani, Claudia Taloni, Paolo Ricotta, Tiziano
Vecchi e Omid Ighanì
produzione DaCru Dance Company - 2015
IN COLLABORAZIONE CON FESTIVAL DANZA ESTATE - XXVII EDIZIONE
Pensata e vissuta come un anime giapponese, la nuova produzione dei DaCru è un viaggio innamorato, dolente, ironico
e liquido nell'anima segreta delle donne, creature profumate come petali di ciliegio (sakura) e lievi come fiocchi di
www.teatrodonizetti.it/teatrosociale
Tel. 035.4160678
neve. I danzatori si raccontano con un linguaggio innovativo e poetico, dove confluiscono armonicamente la danza
contemporanea e le danze urban come l’house, il jazzrock e il breacking.
È il primo giugno del 1976, piove. Sakura Blues scrive una lettera a se stessa, il diario di un giorno, l’anticipo predittivo
di una vita che diventerà un ricordo. È una donna che chiama se stessa con il nome della nostalgia e che chiude tutto in
una scatola faticosamente stipata in fondo al cuore. Su una scena candida, tinta del giallo di giugno, si alternano i suoi
ricordi e i suoi pensieri, i progetti e i desideri, e le nuvole accompagnano la dolenza delle cose perse e dimenticate. La
lettera scritta in quel pomeriggio piovoso fugge da un cassetto direttamente nelle mani di Sakura che, passati trent’anni,
scopre il motivo della nostalgia che l’accompagna da sempre: ricorda i colori e gli odori di quello che è stato e,
chiudendo gli occhi, si accorge che nulla è stato perso, né dimenticato.
Il progetto DaCru nasce nel 1996 dall’unione artistica di due danzatori e coreografi tra i più rappresentativi del
panorama della danza urbana italiana, Marisa Ragazzo e Omid Ighanì. È la prima formazione italiana a danzare negli
spazi performativi black delle capitali europee in tour dal 1998. Da qui inizia la spinta verso la sperimentazione della
danza urbana mescolata al concetto del teatro come spazio fisico, decisamente estraneo alla street culture. In questa
zona di confine, i coreografi danno vita ad un percorso innovativo di hip hop theater, spaziando ovunque possa
giungere la contaminazione dell’hip hop, fondendone il gesto tecnico con quello dell’house, della danza contemporanea,
del jazz rock e del breaking più innovativo. La compagnia debutta in Italia nel 1999 e prosegue negli anni successivi,
arrivando a danzare su palcoscenici tra i più prestigiosi.
Biglietti:
intero € 17,00
ridotto € 14,00
speciale giovani e danza € 10,00
www.teatrodonizetti.it/teatrosociale
Tel. 035.4160678
Scarica