CF1-135

annuncio pubblicitario
CF1-135
Scheda dati di sicurezza
ai sensi del Regolamento (CE) N. 1907/2006 (REACH) comprendente la modifica al Regolamento (UE)
830/2015
Data di revisione:
28/10/2015
Data di pubblicazione:
25/04/2014
Versione: 3.2
SEZIONE 1: Identificazione della sostanza/della miscela e
dell’azienda/dell’impresa
1.1. Identificatore del prodotto
Forma del prodotto
Nome del prodotto
Sinonimi
: Miscela
: CF1-135
: Primer siliconico
1.2. Principali usi identificati della sostanza o della miscela e usi controindicati
1.2.1. Principali usi identificati
Uso della sostanza/della miscela
: Per migliorare l’adesione dei sistemi polimerizzabili ai vari substrati. A
esclusivo uso professionale.
1.2.2. Usi controindicati
Nessuna informazione supplementare disponibile
1.3. Informazioni del fornitore della scheda dati di sicurezza
NuSil Technology LLC
1050 Cindy Lane
Carpinteria, California 93013
USA
+1 (805) 684-8780
[email protected]
www.nusil.com
1.4. Numero di telefono in caso di emergenza
Numero di
: 800-424-9300 CHEMTREC (negli Stati Uniti); +1 703-527-3887 CHEMTREC (internazionale
emergenza
e marittimo)
SEZIONE 2: Identificazione dei pericoli
2.1. Classificazione della sostanza o della miscela
Classificazione ai sensi del Regolamento (CE) n. 1272/2008 [CLP]
Liq. infiamm. 2
H225
Irrit. cutanea 2
H315
Les. oculari 1
H318
STOT SE 3
H336
Toss. asp. 1
H304
Acquatica cronica 2 H411
Testo completo delle classi di pericolo e delle dichiarazioni H: vedere sezione 16
Effetti chimico-fisici avversi per la salute umana e per l’ambiente
Nessuna informazione supplementare disponibile
2.2. Elementi dell’etichetta
Etichettatura ai sensi del Regolamento (CE) n. 1272/2008 [CLP]
Pittogrammi di pericolo (CLP)
:
GHS02
Parola di segnalazione (CLP)
Indicazioni di pericolo (CLP)
28/10/2015
GHS05
GHS07
GHS08
GHS09
: Pericolo
: H225 - Liquido e vapore facilmente infiammabili
H304 - Può essere letale in caso di ingestione e se penetra nelle vie
respiratorie
H315 - Provoca irritazione cutanea
IT (Italian)
1/10
CF1-135
Scheda dati di sicurezza
ai sensi del Regolamento (CE) N. 1907/2006 (REACH) comprendente la modifica al Regolamento (UE) 830/2015
Indicazioni precauzionali (CLP)
H318 - Provoca gravi lesioni oculari
H336 - Può provocare sonnolenza o capogiri
H411 - Tossico per gli organismi acquatici, con effetti di lunga durata
: P210 - Tenere lontano da calore, superfici riscaldate, scintille,
fiamme libere e altre fonti di accensione. Vietato fumare.
P233 - Tenere il contenitore ben chiuso.
P240 - Mettere a terra/a massa il contenitore e il dispositivo
ricevente.
P241 - Utilizzare impianti elettrici, di illuminazione e di ventilazione a
prova di esplosione.
P261 - Evitare di respirare i vapori, la nebbia, le particelle nebulizzate.
P264 - Lavare con cura le mani, gli avambracci e le altre aree
esposte dopo la manipolazione.
P271 - Utilizzare soltanto all’aperto o in luogo ben ventilato.
P273 - Non disperdere nell’ambiente.
P280 - Indossare guanti protettivi, indumenti protettivi, protezione per
gli occhi e protezione per il viso.
P301+P310 - IN CASO DI INGESTIONE: chiamare immediatamente un
CENTRO ANTIVELENI o un medico.
P302+P352 - IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: lavare
abbondantemente con acqua.
P303+P361+P353 - IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE (o con i
capelli): togliersi immediatamente gli indumenti contaminati.
Sciacquare la pelle/fare una doccia.
P304+P340 - IN CASO DI INALAZIONE: portare l’infortunato all’aria
aperta e metterlo in una posizione che favorisca la respirazione.
P305+P351+P338 - IN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI:
sciacquare accuratamente con acqua per alcuni minuti. Togliere le
eventuali lenti a contatto se è agevole farlo. Continuare a
sciacquare.
P310 - Chiamare immediatamente un CENTRO ANTIVELENI o un
medico.
P312 - In caso di malessere, contattare un CENTRO ANTIVELENI o un
medico.
P321 - Trattamento specifico (vedere la sezione 4 in questa SDS).
P331 - NON provocare il vomito.
P332+P313 - In caso di irritazione della pelle: consultare/chiamare un
medico.
P362+P364 - Togliere gli indumenti contaminati e lavarli prima del
riutilizzo.
P370+P378 - In caso di incendio: per estinguere usare schiuma
resistente all’alcol, polvere chimica secca, anidride carbonica.
P391 - Raccogliere eventuali fuoriuscite.
P403+P233+P235 - Tenere in luogo ben ventilato. Tenere il
contenitore ben chiuso. Tenere al fresco.
P405 - Conservare sotto chiave.
P501 - Smaltire il contenuto/il contenitore in conformità alle
normative locali/nazionali.
2.3. Altri pericoli
Altri pericoli che non
contribuiscono alla classificazione
28/10/2015
: Questo materiale o le sue emissioni possono sgrassare la pelle,
provocare dermatite da contatto o peggiorare malattie della pelle
già esistenti. I vapori infiammabili possono accumularsi nello spazio
di testa di sistemi chiusi.
IT (Italian)
2/10
CF1-135
Scheda dati di sicurezza
ai sensi del Regolamento (CE) N. 1907/2006 (REACH) comprendente la modifica al Regolamento (UE) 830/2015
SEZIONE 3: Composizione/Informazioni sugli ingredienti
3.1. Sostanza
Non applicabile
3.2. Miscela
Nome
Identificatore del prodotto
%
Nafta solvente, petrolio, alifatico
leggero
(N. CAS) 64742-89-8
(N. CE) 265-192-2
(N. indice CE) 649-267-00-0
75-85
Acido silicico (H4SiO4), estere
tetrakis(2-metossietilico)
1-butanolo, sale di titanio(4+)
(N. CAS) 2157-45-1
(N. CE) 218-470-2
(N. CAS) 5593-70-4
(N. CE) 227-006-8
< 10
< 10
Classificazione ai
sensi del
Regolamento (CE) n.
1272/2008 [CLP]
Liq. infiamm. 3, H226
Irrit. cutanea 2, H315
STOT SE 3, H336
Toss. asp. 1, H304
Acquatica cronica 2,
H411
Irrit. cutanea 2, H315
Irrit. oculare 2, H319
Liq. infiamm. 3, H226
Irrit. cutanea 2, H315
Les. oculari 1, H318
STOT SE 3, H336
STOT SE 3, H335
Testo completo delle dichiarazioni H: vedere sezione 16
SEZIONE 4: Misure di pronto soccorso
4.1. Descrizione delle misure di pronto soccorso
Misure generali di pronto
soccorso
Misure di pronto soccorso dopo
l’inalazione
Misure di pronto soccorso dopo il
contatto con la pelle
Misure di pronto soccorso dopo il
contatto con gli occhi
Misure di pronto soccorso dopo
l’ingestione
: Non somministrare mai nulla per via orale a una persona che ha
perso conoscenza. In caso di malessere, rivolgersi immediatamente
a un medico (se possibile mostrare l’etichetta). In caso di
esposizione o di possibile esposizione: consultare/chiamare un
medico.
: In caso di inalazione, portare l’infortunato all’aria aperta e
mantenerlo a riposo in posizione che favorisca la respirazione. In
caso di sintomi: andare all’aria aperta e ventilare l’area sospetta. Se
i problemi di respirazione persistono consultare un medico.
: Rimuovere gli indumenti contaminati. Bagnare l’area colpita con
acqua per almeno 15 minuti. In caso di irritazione cutanea:
consultare/chiamare un medico. Lavare gli indumenti contaminati
prima di riutilizzarli.
: Sciacquare accuratamente con acqua per alcuni minuti. Togliere le
eventuali lenti a contatto se è agevole farlo. Continuare a
risciacquare per almeno 60 minuti. Chiamare immediatamente un
CENTRO ANTIVELENI o un dottore/un medico.
: Sciacquare la bocca. NON provocare il vomito. IN CASO DI
INGESTIONE: chiamare immediatamente un CENTRO ANTIVELENI o
un dottore/un medico.
4.2. Effetti e sintomi più importanti, sia acuti sia differiti
Sintomi/Lesioni
Sintomi/Lesioni dopo l’inalazione
28/10/2015
: Provoca irritazione cutanea. Provoca gravi lesioni oculari. Può
provocare sonnolenza e vertigini. Può essere letale in caso di
ingestione e di penetrazione nelle vie respiratorie.
: Concentrazioni elevate possono provocare la depressione del
sistema nervoso centrale, come: vertigini, vomito, intorpidimento,
sonnolenza, mal di testa e simili sintomi di narcolessia.
IT (Italian)
3/10
CF1-135
Scheda dati di sicurezza
ai sensi del Regolamento (CE) N. 1907/2006 (REACH) comprendente la modifica al Regolamento (UE) 830/2015
Sintomi/Lesioni dopo il contatto
con la pelle
Sintomi/Lesioni dopo il contatto
con gli occhi
Sintomi/Lesioni dopo l’ingestione
Sintomi cronici
: Arrossamento, dolore, gonfiore, prurito, bruciore, secchezza e
dermatite.
: Causa danni permanenti a cornea, iride o congiuntiva.
: La minaccia maggiore per la salute a seguito di ingestione consiste
nel pericolo di aspirazione (respirazione) di gocce di liquido nei
polmoni, particolarmente in caso di vomito. L’aspirazione potrebbe
comportare la comparsa di polmonite chimica (liquido nei polmoni),
gravi lesioni polmonari, insufficienza respiratoria e perfino la morte.
: Gli effetti cronici di questa sostanza sono sconosciuti.
4.3. Indicazione di eventuali cure mediche immediate e trattamenti speciali necessari
In caso di esposizione o di possibile esposizione, rivolgersi a un medico.
SEZIONE 5: Misure antincendio
5.1. Mezzi di estinzione
Mezzi di estinzione adeguati
Mezzi di estinzione inadeguati
: Acqua in spruzzi, acqua nebulizzata, anidride carbonica, schiuma
resistente all’alcol, polvere chimica secca.
: Non usare getti d’acqua potenti. L’uso di un getto d’acqua potente
potrebbe diffondere l’incendio. L’applicazione di un getto d’acqua
sul prodotto caldo può causare la formazione di schiuma e
aumentare l’intensità delle fiamme.
5.2. Pericoli speciali derivanti dalla sostanza o dalla miscela
Pericolo di incendio
Pericolo di esplosione
Reattività
: Liquido e vapore altamente infiammabili. Galleggia e può
riaccendersi sulla superficie dell’acqua.
: Potrebbero formarsi miscele di vapore-aria infiammabili/esplosive.
: Liquido e vapore altamente infiammabili.
5.3. Consigli per i vigili del fuoco
Misure precauzionali per
l’incendio
Istruzioni antincendio
Protezione durante la lotta agli
incendi
Altre informazioni
: Prestare la massima attenzione quando si combattono incendi di
sostanze chimiche.
: Usare acqua in spruzzi o nebulizzata per raffreddare i contenitori
esposti. In caso di incendio grave e di grandi quantità: evacuare
l’area. Spegnere l’incendio tenendosi a debita distanza a causa del
rischio di esplosione.
: Non accedere all’area in cui è presente l’incendio senza dispositivi
di protezione adatti, compresa la protezione delle vie respiratorie.
: Non permettere che il prodotto venga rilasciato nell’ambiente.
SEZIONE 6: Misure in caso di rilascio accidentale
6.1. Precauzioni personali, dispositivi di protezione e procedure di emergenza
Disposizioni generali
: Prestare particolare attenzione a evitare scariche elettrostatiche.
Tenere lontano da fonti di calore, scintille, fiamme libere e superfici
riscaldate. - Vietato fumare. Evitare qualsiasi contatto con gli occhi
e la pelle e non respirare vapori e nebbia.
6.1.1. Per il personale non addetto alle emergenze
Dispositivi di protezione
Procedure di emergenza
: Utilizzare dispositivi di protezione individuale (DPI) appropriati.
: Evacuare il personale non necessario.
6.1.2. Per il personale addetto alle emergenze
Dispositivi di protezione
Procedure di emergenza
28/10/2015
: Dotare il team preposto alla pulizia di adeguata protezione.
: Dopo l’arrivo in loco, l’operatore di primo intervento deve
riconoscere la presenza di materiali pericolosi, proteggere se stesso
e il pubblico, chiudere l’accesso all’area e richiedere l’assistenza di
personale qualificato appena le condizioni lo permettano.
IT (Italian)
4/10
CF1-135
Scheda dati di sicurezza
ai sensi del Regolamento (CE) N. 1907/2006 (REACH) comprendente la modifica al Regolamento (UE) 830/2015
6.2. Precauzioni ambientali
Prevenire la dispersione nel sistema fognario e nelle acque pubbliche.
6.3. Metodi e materiale per il contenimento e la pulizia
Per il contenimento
Metodi per la pulizia
: Assorbire o contenere con degli argini eventuali fuoriuscite per
impedire che il deflusso possa raggiungere il sistema fognario o i
corsi d’acqua.
: Pulire immediatamente eventuali fuoriuscite ed eliminare i rifiuti in
modo sicuro. Assorbire e/o contenere eventuali fuoriuscite con
materiale inerte, quindi trasferire in un contenitore idoneo. Non
assorbire con materiale combustibile come: segatura o materiale a
base di cellulosa. Usare solo utensili antiscintillamento. Contattare le
autorità competenti in caso di fuoriuscite.
6.4. Fare riferimento ad altre sezioni
Vedere la sezione 8, Controlli dell’esposizione e Protezione individuale. Per ulteriori informazioni, fare
riferimento alla sezione 13.
SEZIONE 7: Manipolazione e conservazione
7.1. Precauzioni per una manipolazione sicura
Pericoli ulteriori durante la
lavorazione
Precauzioni per una
manipolazione sicura
Misure igieniche
: Maneggiare con cura i contenitori vuoti, poiché i vapori residui sono
infiammabili. I vapori o le nebbie bollenti di sostanze chimiche
organiche sono soggetti a combustione spontanea se miscelati con
aria; al di sotto della temperatura di auto-accensione, è possibile che
si verifichi una combustione. Le temperature di accensione si
ridurranno con l’aumento dei volumi di vapore, con il tempo di
permanenza del vapore-aria e con le variazioni di pressione. La
combustione potrebbe verificarsi in condizioni di processo ad alta
temperatura, soprattutto sotto vuoto. Valutare attentamente
l’eventuale proposta di utilizzo di questo prodotto in processi a
temperature elevate, onde garantire l’instaurazione e il
mantenimento di condizioni operative sicure. I vapori infiammabili
possono accumularsi nello spazio di testa di sistemi chiusi.
: Procurarsi speciali istruzioni prima dell’uso. Non manipolare prima di
aver letto e compreso tutte le avvertenze. Usare solo utensili
antiscintillamento. Tenere lontano da fonti di calore/scintille/fiamme
libere/superfici riscaldate. - Vietato fumare. Evitare qualsiasi contatto
con gli occhi e con la pelle e non respirare vapori e nebbia. Non
mangiare, né bere, né fumare durante l’uso di questo prodotto.
Lavare le mani e le altre aree esposte con acqua e sapone delicato
prima di mangiare, bere o fumare e al momento di lasciare il luogo di
lavoro.
: Manipolare secondo buone pratiche di igiene industriale e di
sicurezza. Lavare le mani e le altre aree esposte con acqua e sapone
delicato prima di mangiare, bere o fumare e nuovamente al
momento di lasciare il luogo di lavoro. Non mangiare, né bere, né
fumare durante l’uso di questo prodotto. Lavare con cura le mani, gli
avambracci e le altre aree esposte dopo l’uso.
7.2. Condizioni per la conservazione in sicurezza, comprese eventuali incompatibilità
Misure tecniche
28/10/2015
: Seguire le corrette procedure di messa a terra per evitare le scariche
di elettricità statica. Mettere a terra/massa il contenitore e il
dispositivo ricevente. Utilizzare impianti elettrici, di illuminazione e di
ventilazione a prova di esplosione.
IT (Italian)
5/10
CF1-135
Scheda dati di sicurezza
ai sensi del Regolamento (CE) N. 1907/2006 (REACH) comprendente la modifica al Regolamento (UE) 830/2015
Condizioni di conservazione
Prodotti incompatibili
Area di conservazione
: Conservare in luogo asciutto, fresco e ben ventilato. Tenere il
contenitore chiuso quando non in uso. Conservare in luogo a prova
di incendio. Tenere il contenitore ben chiuso. Conservare sotto
chiave. Conservare lontano da materiali incompatibili. Conservare al
riparo dalla luce solare diretta o da altre fonti di calore. Conservare
al riparo da ossidanti, materiali combustibili e qualsiasi fonte di
accensione.
: Acidi forti. Basi forti. Forti ossidanti. Fonti di calore. Fonti di accensione.
: Conservare sotto chiave. Conservare in un luogo ben ventilato.
Tenere al fresco.
7.3. Utilizzo(i) finale(i) specifico(i)
Per migliorare l’adesione dei sistemi polimerizzabili ai vari substrati. A esclusivo uso professionale.
SEZIONE 8: Controlli dell’esposizione/della protezione individuale
8.1. Parametri di controllo
Nessuna informazione supplementare disponibile
8.2. Controlli dell’esposizione
Controlli tecnici appropriati
Dispositivi di protezione
individuale
Materiali per indumenti protettivi
Protezione per le mani
Protezione per gli occhi
Protezione della pelle e del corpo
Protezione delle vie respiratorie
Controlli dell’esposizione dei
consumatori
Altre informazioni
: Nelle immediate vicinanze di qualsiasi luogo in cui sussista il rischio
potenziale di esposizione devono essere disponibili punti di
irrigazione oculare d’emergenza e docce di sicurezza. Assicurarsi
che tutte le normative nazionali/locali siano rispettate. Usare
rilevatori di gas nei casi in cui potrebbero essere rilasciati gas/vapori
infiammabili. Seguire le corrette procedure di messa a terra per
evitare le scariche di elettricità statica. Utilizzare impianti a prova di
esplosione. Assicurare una ventilazione adeguata, specialmente
negli spazi chiusi.
: Occhiali protettivi. Guanti. Indumenti protettivi. Ventilazione
insufficiente: indossare protezione respiratoria.
: Materiali e tessuti resistenti alle sostanze chimiche. Indossare
indumenti resistenti/ritardanti per l’incendio/il fuoco.
: Indossare guanti protettivi resistenti alle sostanze chimiche.
: Occhiali protettivi o maschera facciale.
: Indossare indumenti protettivi adeguati. Lavare gli indumenti
contaminati prima di riutilizzarli.
: In caso di ventilazione non adeguata, atmosfera povera di ossigeno
o se i livelli di esposizione non sono noti, indossare protezione per le
vie respiratorie approvata.
: Non mangiare, bere o fumare durante l’uso.
: Durante l’uso, non mangiare, bere o fumare.
SEZIONE 9: Proprietà fisiche e chimiche
9.1. Informazioni sulle proprietà chimiche e fisiche di base
Stato fisico
Aspetto
Odore
Soglia odore
pH
28/10/2015
:
:
:
:
:
Liquido
Incolore
Solvente
Nessun dato disponibile
Nessun dato disponibile
IT (Italian)
6/10
CF1-135
Scheda dati di sicurezza
ai sensi del Regolamento (CE) N. 1907/2006 (REACH) comprendente la modifica al Regolamento (UE) 830/2015
Velocità di evaporazione relativa
(butilacetato=1)
Punto di fusione
Punto di congelamento
Punto di ebollizione
Punto di infiammabilità
Temperatura di auto-combustione
Temperatura di decomposizione
Infiammabilità (solidi, gas)
Pressione di vapore
Densità di vapore relativa a 20°C
Densità relativa
Solubilità
Coefficiente di partizione: nottanolo/acqua
Viscosità, cinematica
Viscosità, dinamica
Proprietà esplosive
Proprietà ossidanti
Limiti di esplosione
: Nessun dato disponibile
:
:
:
:
:
:
:
:
:
:
:
:
Nessun dato disponibile
Nessun dato disponibile
99°C (210°F)
17°C (63°F)
Nessun dato disponibile
Nessun dato disponibile
Nessun dato disponibile
Nessun dato disponibile
Nessun dato disponibile
Nessun dato disponibile
Nessun dato disponibile
Nessun dato disponibile
:
:
:
:
:
Nessun dato disponibile
Nessun dato disponibile
Nessun dato disponibile
Nessun dato disponibile
Non applicabile
9.2. Altre informazioni
Contenuto COV
: 95%
SEZIONE 10: Stabilità e reattività
10.1. Reattività
Liquido e vapore altamente infiammabili.
10.2. Stabilità chimica
Potrebbero formarsi miscele di vapore-aria infiammabili/esplosive.
10.3. Possibilità di reazioni pericolose
Non si verifica polimerizzazione pericolosa.
10.4. Condizioni da evitare
Luce solare diretta. Temperature estremamente alte o basse. Fiamma libera. Fonti di accensione. Materiali
incompatibili.
10.5. Materiali incompatibili
Acidi forti. Basi forti. Forti ossidanti.
10.6. Prodotti di decomposizione pericolosi
Ossidi di carbonio (CO, CO2). Idrocarburi. Ossidi di silicio. Ossidi di metalli. Potrebbe rilasciare gas
infiammabili.
SEZIONE 11: Informazioni tossicologiche
11.1. Informazioni sugli effetti tossicologici
Tossicità acuta
: Non classificato
1-butanolo, sale di titanio(4+) (5593-70-4)
LD50 orale, ratto
> 2000 mg/kg
Nafta solvente, petrolio, alifatico leggero (64742-89-8)
LD50 orale, ratto
> 5000 mg/kg
LD50 cutanea, coniglio
3000 mg/kg
Corrosione/Irritazione cutanea
Lesioni/Irritazioni oculari gravi
Sensibilizzazione delle vie respiratorie o della pelle
28/10/2015
IT (Italian)
: Provoca irritazione cutanea.
: Provoca gravi lesioni oculari.
: Non classificato
7/10
CF1-135
Scheda dati di sicurezza
ai sensi del Regolamento (CE) N. 1907/2006 (REACH) comprendente la modifica al Regolamento (UE) 830/2015
Mutagenicità delle cellule germinali
Cancerogenicità
Tossicità per la riproduzione
Tossicità specifica per organi bersaglio (esposizione singola)
Tossicità specifica per organi bersaglio (esposizione ripetuta)
:
:
:
:
:
Non classificato
Non classificato
Non classificato.
Può provocare sonnolenza o vertigini.
Non classificato
Pericolo in caso di aspirazione
: Può essere letale in caso di ingestione
e di penetrazione nelle vie
respiratorie.
SEZIONE 12: Informazioni ecologiche
12.1. Tossicità
Ecologia - generale
: Nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata.
1-butanolo, sale di titanio(4+) (5593-70-4)
EC50 Daphnia 1
680 mg/l
12.2. Persistenza e degradabilità
CF1-135
Persistenza e degradabilità
Può provocare a lungo termine effetti negativi per l’ambiente.
12.3. Potenziale bioaccumulativo
CF1-135
Potenziale bioaccumulativo
Non determinato.
12.4. Mobilità nel suolo
Nessuna informazione supplementare disponibile
12.5. Risultato della valutazione PBT e vPvB
Nessuna informazione supplementare disponibile
12.6. Altri effetti avversi
Altre informazioni
: Non disperdere nell’ambiente.
SEZIONE 13: Considerazioni sullo smaltimento
13.1. Metodi di trattamento dei rifiuti
Raccomandazioni per lo
smaltimento dei residui
Raccomandazioni per lo
smaltimento dei rifiuti
Ulteriori informazioni
: Non smaltire i rifiuti nel sistema fognario.
: Smaltire il materiale di scarto in conformità alle normative locali,
regionali, nazionali e internazionali.
: Maneggiare con cura i contenitori vuoti, poiché i vapori residui sono
infiammabili.
SEZIONE 14: Informazioni sul trasporto
In conformità ad ADR/RID/IMDG/IATA/ADN
14.1. Numero ONU
N. ONU (ADR)
: 1268
14.2. Nome appropriato di spedizione ONU
Nome appropriato di spedizione
(ADR)
Descrizione del documento di
trasporto (ADR)
: DISTILLATI DEL PETROLIO, N.A.S.
: UN 1268 DISTILLATI DEL PETROLIO, N.A.S. (contiene nafta), 3, II, (D/E),
PERICOLOSI PER L’AMBIENTE
14.3. Classe(i) di rischio per il trasporto
Classe (ADR)
28/10/2015
: 3
IT (Italian)
8/10
CF1-135
Scheda dati di sicurezza
ai sensi del Regolamento (CE) N. 1907/2006 (REACH) comprendente la modifica al Regolamento (UE) 830/2015
Etichette di pericolo (ADR)
: 3
14.4. Gruppo d’imballaggio
Gruppo d’imballaggio (ADR)
: II
14.5. Pericoli ambientali
Pericoloso per l’ambiente
:
Altre informazioni
: Nessuna informazione supplementare disponibile.
14.6. Precauzioni speciali per l’utente
14.6.1.
Trasporto via terra
Numero di identificazione del
pericolo (n. Kemler)
Codice di classificazione (ADR)
Segnalazioni arancio
: 33
: F1
:
Disposizioni speciali (ADR)
640D, 363
Categoria di trasporto (ADR)
2
Codice di restrizione in galleria
: D/E
(ADR)
Quantità limitate (ADR)
1l
Quantità esenti (ADR)
: E2
Codice EAC
: 3YE
14.6.2.
Trasporto marittimo
N. EmS (1)
: F-E
N. MFAG
: 128
N. EmS (2)
: S-E
14.6.3.
Trasporto aereo
Nessuna informazione supplementare disponibile
14.7. Trasporto in lotti ai sensi dell’Allegato II di MARPOL e del Codice IBC
Non applicabile
SEZIONE 15: Informazioni normative
15.1. Regolamenti/Legislazione specifici relativi a sicurezza, salute e ambiente per la sostanza o
la miscela
15.1.1.
Regolamenti UE
Non contiene sostanze REACH che presentano restrizioni in base all’Allegato XVII
Non contiene sostanze presenti nell’elenco delle sostanze candidate REACH
Non contiene sostanze riportate nel regolamento REACH allegato XIV
Contenuto COV
: 95%
15.1.2.
Regolamenti nazionali
Nessuna informazione supplementare disponibile
15.2. Valutazione della sicurezza chimica
Non sono state condotte valutazioni della sicurezza chimica
28/10/2015
IT (Italian)
9/10
CF1-135
Scheda dati di sicurezza
ai sensi del Regolamento (CE) N. 1907/2006 (REACH) comprendente la modifica al Regolamento (UE) 830/2015
SEZIONE 16: Altre informazioni
Indicazione dei cambiamenti:
Sezione
Intestazione della sezione
2
Identificazione dei pericoli
3
Composizione/Informazioni
sugli ingredienti
4
15
Misure di pronto soccorso
Informazioni normative
Modifica
Rimosse le informazioni su
DSD/DPD.
Rimosse le informazioni su
DSD/DPD. Composizione
modificata. Rimossi i
componenti non pericolosi
e i componenti al di sotto
dei valori limite di soglia.
Modificata
Modificata
Data modificata
28/10/2015
28/10/2015
28/10/2015
28/10/2015
Data di revisione
Fonti dei dati
: 28/10/2015
: Ai sensi del Regolamento (CE) N. 1907/2006 (REACH) comprendente
la modifica al Regolamento (UE) 830/2015
Testo completo delle dichiarazioni H ed EUH:
Acquatica cronica 2
Pericoloso per l’ambiente acquatico - Pericolo cronico, Categoria
2
Toss. asp. 1
Pericolo in caso di aspirazione, Categoria 1
Les. oculari 1
Gravi lesioni oculari/irritazione oculare, Categoria 1
Irrit. oculare 2
Gravi lesioni oculari/irritazione oculare, Categoria 2
Liq. infiamm. 2
Liquidi infiammabili, Categoria 2
Liq. infiamm. 3
Liquidi infiammabili, Categoria 3
Irrit. cutanea 2
Corrosione/irritazione cutanea, Categoria 2
STOT SE 3
Tossicità specifica per organi bersaglio - Esposizione singola,
Categoria 3, Narcosi
STOT SE 3
Tossicità specifica per organi bersaglio - Esposizione singola,
Categoria 3, Irritazione delle vie respiratorie
H225
Liquido e vapore facilmente infiammabili
H226
Liquido e vapore infiammabili
H304
Può essere letale in caso di ingestione e di penetrazione nelle vie
respiratorie
H315
Provoca irritazione cutanea
H318
Provoca gravi lesioni oculari
H319
Provoca grave irritazione oculare
H335
Può irritare le vie respiratorie
H336
Può causare sonnolenza o vertigini
H411
Tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata
Nusil EU GHS SDS
Le informazioni qui contenute sono ritenute aggiornate alla data di questa Scheda dati di sicurezza e sono divulgate in buona fede. Poiché l’uso di
queste informazioni e di queste opinioni e le condizioni di utilizzo del prodotto non rientrano sotto il controllo di NuSil Technology, l’utente è tenuto a
determinare le condizioni di utilizzo sicuro per il prodotto.
28/10/2015
IT (Italian)
10/10
Scarica
Random flashcards
Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

123

2 Carte

creare flashcard