Sensori Chimici 2

annuncio pubblicitario
Modulo Biosensori
Sensori Chimici
Ing. Daniele Mazzei – [email protected]
Misure di gas disciolti
• Misura dell’ossigeno
• Elettrodo di ossigeno
• L’elettrodo Clark
• Misura di anidride carbonica
•Misurazione transcutanea dei gas nel sangue
• Monitoraggio transcutaneo di anidride carbonica
• Monitoraggio transcutaneo di ossigeno
• Cenni ai Sensori optoelettronici
Page  2
Misura dell’ossigeno
 Ruolo essenziale nella funzionalità cellulare.
 Necessità di strumenti semplici ed efficienti in grado di misurare
l’ossigeno presente nel sangue e nei tessuti.
 Il contenuto di ossigeno (o la concentrazione) è il volume di ossigeno (a
0°C e 760 mmHg) presente in un certo volume di soluzione e viene
espresso comunemente in ml per 100 ml oppure ml per litro.
 In una soluzione in equilibrio con una miscela di gas contenente O2, la
concentrazione di O2 in soluzione dipenderà, in generale, dalla
pressione parziale dell’ossigeno (PO2).
 La concentrazione di ossigeno espressa in termini della sua pressione
parziale PO2 (quindi in mmHg) e viene chiamata tensione di ossigeno.
Page  3
La pressione totale esercitata da una miscela ideale di gas ideali è
uguale alla somma delle pressioni parziali che sarebbero esercitate
dai gas se fossero presenti da soli in un eguale volume.
La pressione parziale di un componente di una miscela di gas è la
pressione che questo avrebbe qualora occupasse, da solo, il volume
a disposizione dell'intera miscela.
Misura dell’ossigeno
 Con ossigeno semplicemente in soluzione e senza legami chimici con i
costituenti della soluzione:
– la tensione di ossigeno è direttamente proporzionale alla concentrazione (legge
di Henry).
 Se l’ossigeno forma dei legami reversibili (come avviene nel sangue con
l’emoglobina), la relazione della concentrazione con la pressione parziale
non è lineare.
 La saturazione di ossigeno viene definita come:
– Ox. sat.=(O2 nel sangue legato all’emoglobina/ Max. O2 contenibile dal
sangue) x 100.
In particolare, quando la PO2 è elevata,
l’emoglobina presente nel sangue viene
saturata, quindi la concentrazione di O2
(legato) nel sangue è massima.
Page  4
Elettrodo di ossigeno
 Elettrodo di un metallo nobile (in genere platino)
negativamente rispetto ad un elettrodo di riferimento.
polarizzato
 Analisi delle caratteristiche corrente-tensione derivanti dall’analisi di
soluzioni con diverse concentrazioni di ossigeno disciolto.
Amperometro
Voltmetro
Generatore
tensione
Elettrodo di riferimento
Page  5
Si impone una tensione e si
misura la corrispondente
corrente al variare della
saturazione di O2
Elettrodo di ossigeno
 Le correnti tendono a crescere con la tensione, fino a raggiungere una
zona di plateau in cui il loro valore è indipendente dalla tensione.
 In questa regione del grafico, il valore della corrente è proporzionale al
contenuto di ossigeno.
Corrente (mA)
Page  6
Corrente (mA)
Tensione (V)
% ossigeno
La corrente nel catodo deriva, probabilmente, da un processo in due passi del
tipo:
O2 + 2H2O +2e- < - > H2O2 + 2OHH2O2 + 2e- < - > 2OHNonostante non ci sia ancora completo accordo su alcuni dettagli della reazione,
sembra certo che tutto il perossido di idrogeno (H2O2), in circostanze normali,
venga completamente ridotto.
Quindi per ogni molecola di ossigeno ridotta, vengono forniti quattro
elettroni
L’andamento della curva I-V può essere spiegato nel modo seguente:
• Per piccole tensioni applicate, la corrente è principalmente limitata dal
trasferimento elettronico dovuto alle reazioni redox.
• Per tensioni maggiori, il meccanismo è limitato dalla diffusione, l’attività
dell’ossigeno sulla superficie dell’elettrodo diventa nulla e la corrente misurata
dipende dalla concentrazione di ossigeno nel bulk (che è la quantità che
intendiamo misurare)
Page  7
L’elettrodo Clark
 Elettrodi di ossigeno dotati di stabilità e ampiamente utilizzati in ambito clinico (L. C.
Clark 1956).
 Soluzione elettrolitica contenuta all’interno dell’elettrodo per trasportare l’ossigeno
da una membrana O2-permeabile al catodo metallico.
 Evitano i problemi di avvelenamento dell’elettrodo dovuti alla deposizione di proteine
sul catodo.
 Nessun contatto elettrico con la soluzione in esame e l’elettrodo di riferimento è
contenuto all’interno del dispositivo stesso.
 Possibilità di misurare la tensione di ossigeno anche in mezzi non conduttivi (per
esempio, miscugli di gas).
La tensione misurata dall’elettrodo
è proporzionale alla tensione di
ossigeno
Page  8
Misura di anidride carbonica
Assieme alla PO2 e al pH, la misurazione dell’anidride carbonica presente nel sangue,
costituisce uno strumento indispensabile nella diagnosi dei disturbi degli equilibri
acido-base.
Un aumento della PCO2 nel sangue è un segno di una imminente crisi respiratoria.
Le tecniche più rilevanti per la misurazione dell’anidride carbonica nel sangue sono tre:
1. il metodo della concentrazione di CO2-pH;
2. il tonometro di Astrup;
3. l’elettrodo di CO2;
L’ elettrodo di CO2 ha fornito i risultati migliori in termini di distribuzione dell’errore, di
convenienza e di tempi di misura.
Principio di funzionamento:
l’anidride carbonica presente nella soluzione da testare si porta all’equilibrio con una
soluzione acquosa. Qui la CO2 reagisce con l’acqua formando acido carbonico, quindi
è sufficiente misurare il pH di questa soluzione per quantificare la PCO2.
La concentrazione di acido carbonico è proporzionale alla tensione di CO2:
(S è la solubilità della CO2 in acqua)
Page  9
Misure di anidride carbonica
S: solubilià CO2 in acqua
Per modificare il comportamento del sensore: membrane non
molto permeabili alla CO2, come il Teflon, forniscono maggiore
accuratezza e stabilità a lungo termine rispetto a membrane più
permeabili (Silastic) che, d’altro canto, hanno una risposta più
rapida.
Page  10
Misurazione transcutanea dei gas nel sangue
 I recenti progressi della strumentazione medica hanno fatto dell’analisi
transcutanea dei gas presenti nel sangue una tecnica universalmente
accettata nella diagnosi e nel trattamento di diverse patologie polmonari,
soprattutto in neonatologia.
– Le applicazioni cliniche più importanti comprendono:
1. la valutazione di squilibri acido-base e il rilevamento di iperossia (eccesso di
ossigeno),
2. ipossia (carenza di ossigeno)
3. ipercapnia (eccesso di anidride carbonica).
 Tecniche elettrochimiche o spettrofotometriche su campione di sangue
prelevato dal paziente (analisi in vitro). Disagio causato al paziente si
aggiungeva l’impraticabilità di un monitoraggio continuo, importante nel
caso di situazioni critiche in cui avvengono rapidi cambiamenti a livello
cardiopolmonare.
 Tecniche non invasive per l’analisi dell’ossigeno e dell’anidride
carbonica presenti nel sangue. I due gas diffondono attraverso la pelle;
Lo spettro di assorbimento ottico del sangue dipende dalla quantità di
ossigeno
in esso contenuta.
Page
 11
Questa ultima caratteristica è impiegata nei
dispositivi optoelettronici (ossimetria ottica),
L’ossigeno è presente nel sangue in due stati.
In condizioni fisiologiche normali, circa il 2%
dell’ossigeno presente nel sangue si trova
disciolto nel plasma.
Il restante 98% si trova legato reversibilmente
all’emoglobina.
La pressione parziale dipende linearmente
dall’ossigeno disciolto e non linearmente da
quello legato all’emoglobina.
Questa ultima relazione è di tipo sigmoide.
Saturazione dell’ossiemoglobina (%)
Pressione parziale di O2 (mmHg)
Curva di dissociazione
dell’ossiemoglobina.
Dalla curva si vede che la PO2 è un parametro indicato per la
misurazione dei valori più alti di ossigenazione, mentre la saturazione di
ossigeno (SO2) manifesta una maggiore sensibilità nei casi di ipossemia
(ossigeno sotto l’80%). Nel sangue arterioso la PO2 è normalmente
attorno ai 100 mmHg (SO2 = 98%), mentre nel sangue venoso si hanno
valori per PO2 intorno ai 40 mmHg (SO2 = 75%).
Page  12
L’anidride carbonica si può trovare disciolta oppure in combinazione con
l’emoglobina o altre proteine plasmatiche.
Quella disciolta, reagisce con l’acqua per formare acido carbonico che, a sua
volta, si può dissociare in idrogeno e ioni bicarbonato.
In condizioni normali di riposo,
il 70% dell’anidride carbonica nel sangue si trova nello stato appena descritto,
il 7% viene trasportato semplicemente disciolto
il 23% in combinazione con l’emoglobina (carbamminoemoglobina).
La quantità totale di anidride carbonica presente nel sangue dipende dalla
pressione parziale.
È importante notare che la relazione
è funzione anche della PO2, perché
l’ossigeno che si lega all’emoglobina
tende ad allontanare la CO2 dal
sangue. La PCO2 è di circa 40
mmHg nel sangue arterioso e 45
mmHg in quello venoso.
CO2 disciolta
Curva di dissociazione dell’anidride carbonica.
Page  13
Il meccanismo attraverso cui le pressioni parziali di ossigeno ed anidride
carbonica si rendono disponibili all’esterno della pelle risiede nella
permeabilità a questi gas dei due strati più superficiali della pelle stessa
(strato corneo ed epidermide).
Nello strato più profondo (derma) si trova una fitta rete di capillari
organizzati in strutture prevalentemente verticali di circa 0,2 - 0,4 mm.
Inoltre, il flusso di O2 e CO2 attraverso la pelle può aumentare anche di
30 volte in risposta ad un riscaldamento della superficie cutanea.
In condizioni normali, la PO2misurata in prossimità della pelle è meno di
2,5 mmHg, ma se la
zona interessata viene riscaldata fino a 43°C,
la pressione parziale si porta a valori vicini a quelli sanguigni, forse a
causa di cambi strutturali nello strato corneo.
Page  14
Monitoraggio transcutaneo di anidride carbonica
Tipico
sensore
di
PCO2
transcutaneo di tipo Clark.
Costituito da un sensore di pH in
vetro, con elettrodo di riferimento
esterno ad Ag/AgCl concentrico, che
fa anche da riscaldatore.
Un elettrolita tampone (per esempio,
HCO3-) è tenuto a contatto degli
elettrodi per mezzo di una
membrana CO2-permeabile.
Sezione di un sensore transcutaneo di PCO2
Il riscaldamento causa un aumento della PCO2 (diminuisce la solubilità
dell’anidride carbonica),
una crescita del metabolismo locale ed una maggiore diffusione della CO2
attraverso lo strato corneo della pelle. Quindi il valore della PCO2 transcutanea
risulta quasi sempre maggiore della corrispondente PCO2 arteriosa.
Nonostante questa differenza, la correlazione tra i due valori è soddisfacente e
un’opportuna calibrazione permette di aggirare il problema.
Page  15
Monitoraggio transcutaneo di ossigeno
Struttura simile a quella di un analogo sensore di CO2.
Tre catodi di platino sigillati in vetro sono collegati ad un anodo cilindrico
Ag/AgCl che li circonda.
L’elettrolita è un tampone a base di KCl con un piccolo contenuto d’acqua,
per evitare che il sensore si asciughi.
Gli elettrodi sono ricoperti da un sottile strato di soluzione elettrolitica
racchiusa da una membrana che consente una lenta diffusione
dell’ossigeno dalla pelle al sensore.
Un elemento riscaldante porta la temperatura della pelle tra i 43 °C e i
44°C. Il riscaldamento provoca una maggiore permeabilità dell’ossigeno
attraverso lo strato corneo della pelle ed una maggiore irrorazione del
tessuto, in modo tale che la PO2 dei capillari approssima con maggiore
precisione quella del sangue arterioso.
Di solito, questi sensori sono dotati di un anello autoadesivo in plastica
simile a quello degli elettrodi usa e getta per ECG, in modo da impedire la
fuoriuscita del gas.
È necessario attendere dai 10 ai 15 minuti prima di avere una
vasodilatazione ottimale, mentre dopo 5 - 6 ore di monitoraggio continuo, è
consigliabile cambiare la posizione del sensore.
Page  16
Sensori ottici
Sensori chimici che sfruttano principi ottici sono quasi esclusivamente a
fibra ottica.
Ruolo fondamentale nella realizzazione di dispositivi per la misura in situ
ed in continuo.
Le fibre ottiche, rispetto ad altri sistemi di misura, presentano i seguenti
vantaggi:
• No interferenze elettromagnetiche, Non c’è bisogno di contatti
elettrici; ciò le rende più sicure per applicazione nel settore
biomedico.
• Facilmente miniaturizzate con diverse geometrie. Flessibilità
meccanica essenziale per applicazioni biomediche invasive.
• Tramite la combinazione di diverse fibre è possibile formare una
rete di fibre ognuna interrogabile per parametri diversi.
Il sensore a fibra ottica consiste in tre parti principali:
1) un sistema optoelettronico che contiene l’hardware ed il software
necessari per acquisire ed elaborare i segnali di uscita.
2) un connettore ottico per portare il segnale ottico dalla sonda alla
strumentazione e viceversa.
3) la sonda, chiamata “optrodo”, dove avviene la modulazione del
Page  17
segnale ottico.
Il sistema optoelettronico
Il sistema optoelettronico costituisce una parte importante di un
sensore a fibra ottica, la progettazione e costruzione della sonda
stessa è il problema più cruciale.
Le sorgenti ottiche possono essere lampade, laser o LED.
Nel caso di lampade o laser a gas è richiesto l’uso di componenti
ingombranti ad es. lenti e microposizionatori per garantire un
accoppiamento ottimo tra fibra e sorgente.
Le sorgenti devono essere accoppiate a sistemi per la
modulazione della luce, solitamente tramite interruttori
meccanici.
Sono richiesti filtri ottici per selezionare una lunghezza d’onda
appropriata per l’analita.
Dati questi limiti, sono preferiti i LED o i diodi laser perché
l’accoppiamento fibra-sorgente è più diretto ed è possibile
modulare elettronicamente l’ampiezza e la frequenza del segnale
d’uscita.
Page  18
Il sistema di rivelazione consiste in un rivelatore ottico (ad es. fotomoltiplicatore,
fotodiodo, ecc.) accoppiato ad un sistema elettronico per l’elaborazione del segnale.
Inoltre l’eventuale uso di fluorofori (molecola con proprietà d ifluorescenza nei sensori
a fluorescenza) richiede l’impiego di filtri ottici prima della rivelazione per discriminare
tra radiazione d’eccitazione ed emissione.
I componenti ottici sono basati sulla tecnologia del silicio, ad es. i LED, circuiti
integrati e fotodiodi. Non sempre adatti perché i sistemi basati sull’uso di silicio sono
disponibili solo per lunghezze d’onda nel visibile o nell’infrarosso vicino.
Notevoli progressi sono in corso legati alle tecnologie OLED (Organic Hight Emitting
Diodes).
Sono riportati alcuni dati sul campo di lavoro ed attenuazione delle fibre più utilizzate.
Range di lavoro
ed attenuazione
di fibre
Tipo di fibre
Lunghezze d’onda di lavoro
(micron)
Fibre di silicio
Finestre ottiche
Page  19
0.2-0.4
0.4-2.1
0.70-0.90
1.05-1.35
1.45-1.75
Attenuazione
(dB/m)
Da 3 a 0.08
Sotto 0.080
0.003-0.005
0.0005-0.002
0.0002-0.003
Fibre plastiche
0.4-0.8
0.3-3
Fibre di fluoruro
1.5-4.5
0.002-0.02
Fibre di calcogenuro
3.0-11
0.5-5
Fibre policristalline di sali
d’argento - alogeni
4.0-20
0.05-5
La sonda: “l’optrodo”
Componente critico del sistema: deve avere una sensibilità e
precisione idonea per l’applicazione, di facile utilizzo, integrato
con il resto del sistema.
All’interno dell’optrodo le proprietà ottiche della luce trasmessa dalle
fibre vengono modulate in funzione del campione.
La modulazione può essere diretta od indiretta.
1. L’analita possiede proprietà ottiche intrinseche (fluorescenza,
assorbimento, ecc.) che possono essere rivelate. Sistemi diretti
sono più facilmente realizzabili perché richiedono solo
l’ottimizzazione di una celletta fotometrica collegata ad una fibra
ottica.
2. L’analita non possiede proprietà ottiche intrinseche è necessario
che avvenga una interazione tra l’analita ed un trasduttore
chimico o reagente contenuto all’interno dell’optrodo.
Page  20
Processo di trasduzione:
Reazione tra l’analita ed il reagente, in maniera tale che le proprietà
ottiche del sistema varino con la concentrazione di analita.
Un esempio di sistemi indiretti sono i sensori di ossigeno, in cui
l’ossigeno interagisce con un fluoroforo causando una diminuzione di
fluorescenza (“quenching”),
i sensori di pH in cui gli ioni H+ reagiscono con un indicatore acido-base
(ad es. rosso fenolo) od un fluoroforo, causando una variazione in
assorbimento o fluorescenza emessa.
In alcuni casi l’analita non modula direttamente le proprietà ottiche del
reagente, ma reagisce dando luogo ad un prodotto chimico.
Esempio: la rivelazione di CO2 è basata sulla misura di variazione di pH di
una soluzione contenente ioni CO32- , in quanto l’acidità della soluzione
dipende dalla quantità di CO2 sciolta in essa.
CO2 + H2O <--> H2CO3 <--> H+ + HCO3Page  21
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard