Piccolo Dain delle Sarche, le strane voglie di Amelie - On-Ice

advertisement
Itinerari della Redazione di www.On-Ice.it
Piccolo Dain delle Sarche, le strane voglie di Amelie
Zona: Trentino Alto Adige - Valle del Sarca
Partenza: Le Sarche (200 m).
Quota attacco: 550 m.
Quota arrivo: 800 m.
Dislivello: 250 m.
Difficolta`: D+ / 5c ( 5a obbl. )
Esposizione: Sud-Ovest
Rifugio di appoggio: nessuno
Materiale consigliato: Bastano 12 rinvii e cordini e moschettoni. Casco!!
Orario indicativo: 3/4 ore
Periodo consigliato: tutto l'anno
Valutazione itinerario: Discreto
Note
Via dalla bella linea purtroppo con roccia ancora da ripulire che alterna tratti molto carini ad altri da prestare la
massima attenzione. Ottimo però l'ambiente del Dain che può essere così frequentato anche da arrampicatori di livello
basso. Chiodatura abbondante a fix da 10. S1. Un grazie a Diego Filippi per la gan opera di chiodatura di itinerari
"facili" in valle. La via risulta anche molto didattica per apprendere la delicata arte di arrampicare sul friabile in
sicurezza.
Descrizione
Dalle Sarche prendere il sentiero per la ferrata Pisetta. Lasciarlo dopo la prima salita e seguire il sentiero a sinistra non
segnato per una cinquantina di metri. Salire per una traccia (ometto) ripida e sconnessa fino contro le rocce dove ci sta
segnato il bivio Ranzo, ferrata, Sarche. Continuare per Ranzo passando sotto la parete sud del Dain fino ad arrivare
all'altezza quasi della parete strapiombante sopra lo zoccolo. Individuare una traccia a destra che con segni rossi e
corde fisse porta alla cangia alla base della parete sud. Si attacca sulla verticale della rampa obliqua in alto per cui
passa la via, presso un diedrino a pochi metri dalla cengia. Spit con cordino.
1 35 5b salire i 2 diedrini soprastanti uscendo a destra in cengia.
2 25 5a su diritti e poi sul pilastrino a sinistra uscendo alla fine a destra in sosta.
3 25 5b in obliquo a sinistra per poi tornare a destra per risalti verticali. da ultimo si traversa a sinistra 2 metri.
4 35 5c salire l'evidente fessura svasa che incide la placca.
5 30 5c salire il risaltino soprastante prima a destra poi a sinistra arrivando su una rampa che porta ad una fessura da
cui si esce a destra superando un tettino.
6 35 5b in obliquo a destra portarsi su una cengia che va seguita un paio di metri. Salire il bordo della placca fino alla
sosta con libro di via.
7 50 5a con un lungo obliquo a destra si raggiunge la fine delle difficoltà dove esce anche la via Scirocco. (sosta
possibile) continuando diritti su per l'erba si raggiunge un sentierino dove si sosta su albero.
Discesa: seguire verso sinistra il sentierino e poi le evidenti tracce di discesa che portano brevemente al sentiero
percorso all'andata poco sopra il bivio. Attenzione passi di arrampicata e corde fisse.
Pag. 1/1
Scarica