Lezione 1 - Dipartimento di Ingegneria dell`Informazione

annuncio pubblicitario
Laboratorio di
Programmazione
Contatti
Maddalena Poneti
Tel. 055 4237454
[email protected]
Ricevimento: su appuntamento
Informazioni
• Orario di lezione:
tutti i mercoledì ore 14.00-17.00. (14:0016:15)
• Esame Finale: prova pratica al calcolatore
di programmazione in C
3
Testi consigliati
• A. Bellini, A. Guidi. Linguaggio C-guida
alla programmazione, McGraw-Hill
• R. Sedgewitck. Algoritmi C, AddisonWesley
• B.W. Kernighan, D.M.Ritchie. Linguaggio
C, Jackson
• B.W. Kernighan, R.Pike. Programmazione
nella pratica, Addison-Wesley
4
Introduzione
5
L’elaboratore elettronico è una macchina costituita
da un insieme di dispositivi di diversa natura in
grado di elaborare dati in modo automatico, veloce
e sicuro.
• è una macchina, cioè è un dispositivo privo di intelligenza
autonoma
• è elettronico, cioè il suo funzionamento si basa su
componenti elettroniche
• è un elaboratore di dati, cioè, opportunamente “istruito”, è
capace di ricevere dati dall’esterno, operare su di essi e
fornire i risultati dell’elaborazione
6
Algoritmi e Programmi
• Algoritmo (informalmente)
– Descrizione di un procedimento o di un metodo per
la soluzione di un problema
• Rappresentazione di un algoritmo:
– Diagramma a blocchi
– Pseudocodice
• Programma
– Espressione di un algoritmo in modo che possa
essere eseguito da un calcolatore (linguaggio di
programmazione)
7
Se vogliamo che l’elaboratore risolva un problema
dobbiamo fornirgli i dati su cui lavorare e una
sequenza ordinata di istruzioni (cioè il programma)
che elabori i dati ricevuti e fornisca i risultati
DATI
ELABORATORE
RISULTATI
PROGRAMMI
8
L’elaboratore elettronico è una macchina
programmabile, cioè una macchina che può essere
utilizzata per problemi diversi, in grado di
interpretare ed eseguire una serie di ordini impartiti
dall’esterno.
L’elaborazione è affidata non solo ai programmi ma
anche ai componenti fisici
sistema di elaborazione
Con il termine programma intendiamo una successione
di
istruzioni
che,
eseguite
sequenzialmente,
consentono all’elaboratore di svolgere determinati
compiti.
9
Strutture di controllo
• Le strutture di controllo sono istruzioni speciali
che consentono di modificare il normale flusso di
istruzioni
• Due tipi base di strutture di controllo
– selezione
• permette di decidere tra due o più diverse
alternative di proseguimento
– cicli
• permettono di ripetere una sequenza di
istruzioni
10
Moduli
• I programmi sono spesso abbastanza complessi da
dover essere scomposti in “pezzi” più maneggevoli
• Un modulo consiste di istruzioni per svolgere un certo
compito raggruppate insieme in un’unità a cui è dato un
nome
• il nome può essere usato come sostituto dell’intero
insieme di istruzioni
• Vantaggi:
• risparmio di scrittura, organizzazione, riutilizzo
11
Memoria
• Un calcolatore usa RAM per immagazzinare le
informazioni (dati) sulle quali opera
• La RAM è volatile
• La RAM è organizzata sequenzialmente
• Ogni byte ha un indirizzo
• Un dato deve essere codificato in sequenze di
bit per poter essere elaborato
• Dati di tipo diverso possono richiedere uno o più
byte per la codifica
12
I codici dell’elaboratore
Alfabeto: insieme di simboli utilizzati in un linguaggio
Alfabeto interno della macchina: due simboli, 0 e 1
Alfabeto esterno dell’utente:
26 lettere maiuscole
26 lettere minuscole
10 cifre decimali
caratteri vari (segni di punteggiatura, simboli matematici …)
13
… continua
Affinchè ci possa essere una “conversazione” con
l’elaboratore:
ogni simbolo dell’alfabeto esterno
CODICE
uno e uno solo di quello interno
14
… continua
I simboli dell’alfabeto esterno, prima
di poter essere memorizzati, devono
essere tradotti nei corrispondenti
simboli dell’alfabeto interno.
I risultati dell’elaborazione dovranno
essere
tradotti
in
caratteri
dell’alfabeto esterno, prima che
l’elaboratore possa comunicarli
codifica
decodifica
All’interno dell’elaboratore tutte le informazioni
sono rappresentate in codice
15
… continua
Per rappresentare un valore numerico viene
utilizzato il sistema di numerazione binario.
In tutti gli altri casi ogni simbolo è codificato
separatamente.
I codici più noti sono:
EBCDIC (Extended Binary Coded Decimal
Interchange Code)
8 bit
ASCII
(American Standard Code for
Information Interchange)
UNICODE 16 bit (216 = 65.536 caratteri)
16
Codifica binaria
• Alfabeto binario: due stati
• Quanti oggetti posso codificare con k bit?
– 1 bit ->2 stati (0,1) -> 2 oggetti
– 2 bit ->4 stati (00,01,10,11) -> 4 oggetti
–…
– k bit ->2k stati -> 2k oggetti
17
Esempio
A
01000001
4
00110100
B
01000010
5
00110101
C
01000011
6
00110110
7
00110111
…….
0
00110000
8
00111000
1
00110001
9
00111001
2
00110010
3
00110011
18
Tipologie di Software
• Software di base: Sistema Operativo
– Programma supervisore
• DOS, Windows, MacOS, UNIX, Linux
• Software Applicativo
– word-processor/editor
– web browser
– compilatori o assembler
• Applicazioni create dall’utente
19
Linguaggi di programmazione
Istruzioni primitive che il calcolatore è in
grado di eseguire direttamente e regole
per combinare tra di loro le istruzioni
primitive
• Sintassi: forma in cui l’istruzione primitiva
è espressa
• Semantica: significato dell’istruzione
stessa
20
...continua
• Linguaggio macchina:
– sequenze di 0 ed 1
– rigoroso
– essenziale
• Linguaggio assembler:
– simbolico
– semplice traduzione aggiuntiva
• Linguaggio di programmazione ad alto livello
– Indipendente dal processore utilizzato
21
…continua
Efficienza del programma
Programmazione
a basso livello
Programmazione
ad alto livello
Facilità e velocità di programmazione
22
Tipi di linguaggio di programmazione
• I linguaggi possono essere suddivisi
sulla base del modello astratto di
programmazione:
Linguaggi di programmazione
Imperativi
Procedurali Ad Oggetti Paralleli
(C,Pascal, (C++, Java) (Occam)
Fortran)
Dichiarativi
Funzionali Logici Relazionali
(Lisp)
(Prolog)
(SQL)
23
…continua
• Linguaggi imperativi: (iterazione)
– Il modello computazionale è basato sui cambiamenti di
stato della memoria della macchina: effettivo
cambiamento dei valori dei dati
– È centrale il concetto di assegnamento di un valore ad
una locazione di memoria
– Il compito del programmatore è costruire una sequenza di
assegnamento che produca lo stato finale (in modo tale
che questo rappresenti la soluzione del problema)
• Linguaggi dichiarativi: (ricorsione)
– Il modello computazionale è basato sui concetti di
funzione e relazione: come evolvono i dati
– Il programmatore non ragiona in termini di assegnazioni di
valori, ma di relazioni fra entità e di valori di funzione
24
…continua
Scelta del linguaggio di programmazione sulla
base dell’ambito del problema da risolvere:
•
•
•
•
•
Calcolo Scientifico: Fortran, C
Intelligenza Artificiale: Prolog, Lisp
Sistemi device driven: Assembler, C
Applicazioni gestionali: SQL, C
Applicazioni client visuali: C++, Java,
Visual Basic
• Applicazioni Web: Perl, ASP, Java
• Applicazioni distribuite: Java, C, C++
25
La storia del C
• C
– Sviluppato da Ritchie da due precedenti linguaggi di
programmazione, BCPL e B
– Usato come linguaggio di sviluppo del sistema operativo
UNIX
– Attualmente la maggior parte dei sistemi operativi sono
scritti in C o C++
– Indipendente dall’hardware (portabile)
• Standard
– Esistevano più versioni di C incompatibili fra loro
– Nel 1983 si creò un comitato per fornire una definizione del
linguaggio “non ambigua e indipendente dalle macchine”
– Lo standard fu approvato nel 1989, aggiornato nel 1999 26
Cos’ è il linguaggio C
• È considerato un linguaggio di alto livello ma
non troppo, nel senso che fornisce un
insieme ristretto di costrutti di controllo e di
parole chiave, ma un insieme ricco di
operatori e strutture dati avanzate
• Offre al programmatore potenza e flessibilità
• Può essere descritto in uno spazio limitato e
appreso velocemente
• I principali vantaggi sono efficienza, sinteticità
e portabilità
27
…continua
• l’assenza di alcune funzionalità di alto livello
consente di mantenere il linguaggio di
dimensioni ridotte
• Il linguaggio non prevede funzionalità
esplicite di I/O, non esistono funzioni READ e
WRITE (devono essere incluse tramite
specifiche chiamate a funzioni di libreria)
• Lo standard ANSI ha definito una libreria
standard associata al C la quale specifica le
funzioni per l’accesso al sistema operativo
(es: leggere e scrivere su file), l’allocazione di
memoria, il trattamento delle stringhe.
28
Il ciclo di sviluppo del programma
Uso
Uso
di
di un
un editor
editor
Codice
sorgente
Compilazione
Compilazione
del
del
file
file sorgente
sorgente
Codice
oggetto
File di libreria
Linking
Linking
file
file oggetto
oggetto
Programma eseguibile
29
…continua
Edit
Preprocess
Compilazione
Link
Disk
Program is created in
the editor and stored
on disk.
Preprocessor
Disk
Preprocessor program
processes the code.
Compile
Disk
Linker
Disk
Editor
Loader
Compiler creates
object code and stores
it on disk.
Linker links the object
code with the libraries,
creates a.out and
stores it on disk
Primary
Memory
Load
Loader puts program
in memory.
Disk
..
..
..
Primary
Memory
CPU
Esecuzione
..
..
..
CPU takes each
instruction and
executes it, possibly
storing new data
values as the program
executes.
30
Note sulla sintassi del linguaggio
• I commenti devono essere aperti e chiusi
attraverso l’uso dei simboli /* e */
• Ogni istruzione per essere valida deve essere
terminata
da
un
carattere
“
;
”
• Il C è un linguaggio strutturato e la caratteristica
che più contraddistingue un linguaggio di questo
tipo è rappresentato dai blocchi di codice. Un
blocco è un insieme di istruzioni logicamente
collegate delimitato da parentesi graffe { }
<istruzione>;
{<istruzione>; <istruzione>;}
31
…continua
• Nomi (o identificatori):
– Il C è un linguaggio case sensitive. Ad esempio il
carattere “A” è diverso dal carattere “a”, sono due
entità diverse e distinte.
– Per scrivere un codice portabile evitare di sfruttare
caratteristiche speciali del proprio ambiente
– Un nome può iniziare con una lettera alfabetica e
continuare con lettere, cifre numeriche, simbolo di
sottolineatura
– NON inziare un nome con il simbolo di
sottolineatura (nomi di sistema)
– La lunghezza può essere un elemento critico;
generalmente la dimensione max è di 32 caratteri
• Le direttive del processore permettono di includere
porzioni di codice sorgente esterne ad un dato file
– Tipicamente si includono librerie i cui nomi terminano
con l’estensione .h
32
Norme di una buona
programmazione
• scrivere istruzioni chiare, una per riga
• evidenziare blocchi di istruzioni con le parentesi
graffe anche se il blocco consiste di nu solo
comando
• utilizzare l’indentazione dei diversi blocchi del
programma per una più facile lettura del codice
stesso.
33
Parole chiave definite dallo standard ANSI
•
•
•
•
•
•
•
•
auto
break
case
char
const
continue
default
do
•
•
•
•
•
•
•
•
double
else
enum
extern
float
for
goto
if
•
•
•
•
•
•
•
•
int
long
register
return
short
signed
sizeof
static
•
•
•
•
•
•
•
•
struct
switch
typedef
union
unsigned
void
volatile
while
34
La libreria standard del C
• I programmi scritti in C consistono di ”pezzi” o moduli chiamati
funzioni
– Un programmatore può creare le proprie funzioni
• Vantaggio: il programmatore ne conosce a fondo il funzionamento
• Svantaggio: dispendio di tempo
– I programmatori usano spesso le funzioni della libreria C
• Usarle per l’approccio di costruzione a blocchi
– Evitare di inventare di nuovo la ruota
• Se esiste una funzione già fatta, generalmente è preferibile usare
questa piuttosto che scriverne una nuova
• Le funzioni di libreria sono scritte con molta cura, sono efficienti e
35
portabili
Fondamenti Principali
Un programma C è costituito da funzioni e
da variabili:
• funzioni: contengono le istruzioni che
specificano le operazioni che il
programma deve effettuare;
• variabili: memorizzano i valori usati
durante l’esecuzione del programma
36
Esempio: visualizzazione di
una linea di testo
/* A first program in C */
#include <stdio.h>
main()
{
printf( "Welcome to C!\n" );
return 0;
}
Esecuzione
Esecuzione
Questo programma stampa a video la
stringa seguita dall’avanzamento del
cursore all’inizio della riga successiva.
Welcome
Welcome to
to C!
C!
37
Note sulla sintassi del linguaggio
• Commenti
– Il testo compreso tra /* e */ è ignorato dal
compilatore
– Sono utili per documentare il programma
• #include <stdio.h>
– Direttiva per il preprocessore - indica al
compilatore di caricare il contenuto di un
file
– <stdio.h> consente di eseguire le
operazioni di input/output standard
38
…continua
• main()
• (non Main o MAIN) è una funzione speciale che
indica l’inizio dell’esecuzione del programma e
deve pertanto essere presente in ogni
programma.
• I programmi C contengono una o più funzioni, una
soltanto deve essere main
Le parentesi vuote dopo main significano che la
funzione non prende nessun parametro in input
39
…continua
• Le parentesi graffe racchiudono un blocco. Il corpo
di tutte le funzioni deve essere racchiuso fra
parentesi graffe
• La funzione printf della libreria standard, stampa a
video la stringa di caratteri fornita come parametro.
All’interno di questa la sequenza di escape \n
specifica il carettere speciale di “avanzamento
all’inizio della linea successiva”.
40
(Compilazione di programmi C)
• I programmi C si memorizzano in file con estensione .c
oppure .ccp
• Supponendo di avere salvato il programma precedente
in un file di nome salve_mondo.c per compilarlo si
utilizza il comando gcc nel seguente modo:
> gcc (–ansiansi-pendanticpendantic-errors)
errors) welcome.c
Il risultato del comando precedente è un file binario
eseguibile welcome che contiente il codice eseguibile
dalla CPU da caricare in memoria in fase di esecuzione.
Per eseguire il programma basta invocare il file risultato
dalla compilazione:
>welcome
Welcome to C!
41
Variante dell’ esempio
#include <stdio.h>
/* main() viene eseguita
automaticamente all’avvio */
main()
{
printf(“Welcome”);
printf(“ to C!\n”);
return 0;
}
42
Notare….
• return 0;
– Un modo per uscire da una funzione
– return 0, in questo caso, indica che il programma
è terminato normalmente
43
Introduzione al linguaggio C
Variabili e tipi
Programmazione
• Concetti base:
– dati
– istruzioni
• Dati:
– variabili
– tipi
– classi di memoria
• Istruzioni:
– istruzioni base
– strutture di controllo
– moduli
45
Variabili e tipi
• Variabile:
– locazione di memoria a cui è dato un nome con
cui chiamarla ed utilizzarla (contenitore di dati)
• programmatore usa il nome senza necessariamente
sapere che esso faccia riferimento ad una locazione di
memoria
• Tipo:
– ogni variabile ha un tipo che indica che genere di
dati la variabile può contenere
• una variabile può contenere dati di tipo intero (ad es., 15
o 2038), oppure dati di tipo carattere (ad es., ‘a’ o ‘£’)
– Le dimensioni delle variabili numeriche dipendono
dall’architettura dell’elaboratore sottostante
• Classe di memoria:
– determina la durata di vita della variabile.
46
Variabili
– I nomi di variabili corrispondono alle locazioni di
memoria
– Ogni variabile ha un nome, un tipo, una dimensione
e un valore
– Ogni qualvolta un nuovo valore è posto in una
variabile (per es. con \scanf), esso sostituisce (e
distrugge) il valore precedente
– Una operazione di lettura di una variabile dalla
memoria non ne modifica il valore
integer1
45
47
…continua
• Il campo di azione di una variable in C è
determinato dalla posizione in cui viene
dichiarata e dall’uso di particolari qualificatori
• Quanto dichiarato all’interno di una funzione o
di un blocco ha valore locale alla funzione o al
blocco stesso
• Quanto dichiarato all’esterno di una funzione ha
valore globale per tutto il file
48
Nomi di variabili
• I nomi possono contenere lettere, numeri e il trattino di
sottolineatura ( _ )
• Il primo carattere deve essere una lettera
• Le lettere maiuscole e minuscole sono trattate come
entità diverse
Pippo ≠ pippo ≠ PIPPO
• Le parole chiave (keywords) non possono essere
utilizzate come nomi di variabili
49
Nomi di variabili: esempi
Percento
y2x5_fg7h
profitto_annuale
_2000_tasse
risparmio#conto
double
99summer
ok
????
No!!
50
Tipi di variabili
Tipo
Parola chiave
Dimensione (byte)
Carattere
Intero
Intero corto
Intero lungo
char
Intero senza segno
Intero corto senza segno
Intero lungo senza segno
unsigned int
unsigned short
unsigned long
2
2
4
Virgola mobile
float
4
double
8
int
short
long
1
2
2
4
a precisione singola
Virgola mobile
a precisione doppia
51
Regole ANSI per la dimensione
delle variabili
• La dimensione di un
char
• La dimensione di uno
è sempre 1 byte
short
è minore o uguale a quella di un
int
• La dimensione di un
int
è minore o uguale a quella di un
long
• La dimensione di un
unsigned
è uguale a quella di un
int
• La dimensione di un
double
float
è minore o uguale a quella di un
52
Dichiarazione delle variabili
• La dichiarazione indica al compilatore il nome e il
tipo di una variabile
• Non è possibile usare una variabile che non sia
stata dichiarata
nometipo nomevariabile;
53
…continua
•Si possono dichiarare più variabili dello stesso tipo
su una stessa riga, separando i nomi con virgole
int conta,numero,inizio; /* 3 variabili intere
*/
float percento,totale; /* 2 variabili a virgola
mobile */
•E’ possibile inizializzare una variabile al momento
della dichiarazione
int conta = 0,numero = 2,inizio = 1;
float percento = 0.01;
54
Somma di due numeri interi
1
/*
2
3
Addition program */
#include <stdio.h>
4
5
main()
6
{
7
int integer1, integer2, sum;
/* declaration */
printf( "Enter first integer\n" );
/* prompt */
10
scanf( "%d", &integer1 );
/* read an integer */
11
printf( "Enter second integer\n" ); /* prompt */
12
scanf( "%d", &integer2 );
/* read an integer */
13
sum = integer1 + integer2;
/* assignment of sum */
14
printf( "Sum is %d\n", sum );
/* print sum */
Esecuzione
Esecuzione
8
9
Enter
Enter first
first integer
integer
45
45
Enter
Enter second
second integer
integer
72
72
Sum
Sum is
is 117
117
15
16
return 0;
/* indicate that program ended successfully */
17 }
55
Nota
Commenti, #include <stdio.h> e main
• int integer1, integer2, sum;
– Dichiarazione di variabili
• Variabili: locazioni di memoria dove memorizzare
un valore
– int significa che le variabili possono contenere valori
interi
(per es. -1, 3, 0, 47)
– integer1, integer2, sum - nomi di variabili
(identificatori)
– Le dichiarazioni devono essere poste prima delle frasi
eseguibili
56
…continua
• scanf( "%d", &integer1 );
– Ottiene valori dall’utente
• scanf usa lo standard input (di solito, la
tastiera)
– Questa scanf ha due argomenti
• %d - indica che il dato deve essere un
decimale intero
• &integer1 - locazione in memoria dove
memorizzare il dato
– L’utente risponde a scanf digitando un
numero, e premendo successivamente il
tasto enter (return)
57
…continua
.
• = operatore di assegnamento
– Assegna un valore ad una variabile
– La variabile che riceve il valore si trova a
sinistra dell’operatore
• printf( "Sum is %d\n", sum );
– Simile a scanf - %d significa che sarà
visualizzato un intero decimale
• sum indica quale intero sarà visualizzato
– All’interno dell’istruzione printf possono essere
eseguiti dei calcoli
printf( "Sum is %d\n", integer1 + integer2 ); 58
Costanti
• Letterali
• Simboliche
59
Costanti letterali
• Valore digitato direttamente all’interno del
codice
int conta = 20; /* il numero 20 è una costante
letterale */
• Una costante che inizia per una cifra diversa da
zero viene trattata come un numero in base 10
• Una costante che inizia per zero viene
considerata come un numero ottale (in base 8)
• Una costante che inizia con 0x oppure 0X viene
considerata come un numero esadecimale (in
60
base 16)
Costanti simboliche
• Costante rappresentata da un nome (o simbolo)
all’interno del programma
1)
#define NOMECOSTANTE valore
#define PI 3.14159
sostituisce tutte le occorrenze di PI (tranne nei
commenti, all’interno di virgolette o se compare
come sottostringa) con il valore 3.14159
2) Const: una variabile dichiarata const non può
essere modificata
const int conta = 100, float tasso = 0.21
61
Le differenze fra #define e const saranno analizzate in seguito
Istruzioni
• Istruzione: comando completo che indica al
computer di eseguire un particolare compito
• terminano con punto e virgola (tranne le direttive)
• possono occupare più righe
• Istruzione nulla: un solo punto e virgola sulla riga
• Istruzione composta o blocco: due o più istruzioni
racchiuse fra parentesi graffe
{
area= PI*raggio*raggio;
printf(“\n area= %d”,area);
}
62
Aritmetica
• Operatori aritmetici
operazione C
operatore
aritmetico
Espressione
Algebrica
espressione C
Addizione
+
f+7
f + 7
Sottrazione
-
p–c
p - c
Moltiplicazione
*
bm
b * m
Divisione
/
x/y
x / y
Modulo
%
r mod s
r%s
• Regole di precedenza degli operatori
Operatore/i
()
*, /, o %
+o-
Operazione/i
Parentesi
Ordine di valutazione
(precedenza)
1
moltiplicazione,
divisione, modulo
2
addizione, sottrazione
3
63
Gerarchia di promozione per i tipi
long double di dato
double
float
unsigned long int
long int
unsigned int
Se due operandi non
sono dello stesso tipo,
quello “inferiore” viene
convertito al tipo
“superiore” prima di
eseguire l’operazione
int
short
char
64
Modificatori di tipo
• I tipi di dato primitivi possono essere
estesi con l’uso di alcuni modificatori:
– Di dimensione: short, long
– Di “valutazione”: unsigned
65
Tipo
Abbreviazione
Descrizione
char
Tipo char usato
numericamente
unsigned char
Intero più breve
short int
short
unsigned short
int
unsigned short Tipo short senza
segno
Intero normale
int
unsigned int
unsigned
Intero senza segno
long int
long
Intero più lungo
unsigned long
int
unsigned long
Tipo long senza
segno
float
double
long double
66
Double più lungo
Esercizio
• Programma per calcolare nella propria
piattaforma la dimensione dei tipi primitivi
• Determinare la dimensione dei vari tipi con
modificatori
• char <= short <= int <= long <=
float <= double <= long double
67
Emissione dei dati attraverso printf()
• Questa funzione permette di formattare
l’output
printf(
printf(“Stringa di testo(, %d \n)”
(,espressione (valore)));
(valore)));
Emette la stringa indicata nel 1o parametro
Se il 1o parametro contiene metavariabili,
queste formattano ordinatamente i parametri
successivi
68
Principali caratteri di conversione
%c
Singolo carattere
%d
Intero decimale con segno
%f
Decimale in virgola mobile
%e
Notazione scientifica
%s
Costante stringa
%u
Decimale intero senza segno
%o
Ottale
%e
Esadecimale
%%
Segno di percento
69
Codice di escape
Descrizione
\ooo
Notazione ottale*
\xhh
Notazione esadecimale**
\\
Singola barra obliqua (\)
\’
Un apice destro
\”
Un apice doppio
\0
Il codice NUL
\a
Il codice bell (alert)
\b
Il codice backspace
\f
Il codice formfeed
\n
Il codice newline
\r
Il codice carriage return
\t
Tabulazione oriz.
\v
Tabulazione vert.
70
• (*)\ooo dove ooo è una sequenza di
cifre ottale
#define VTAB ‘\013’
013’ /* tab vert.
vert. ASCII*/
• (**)\
(**)\xhh dove hh è una sequenza di cifre
esadecimali
#define VTAB ‘\xb’
xb’ /* tab vert.
vert. ASCII*/
71
Esempio
/* stampa la dimensione dei tipi primitivi*/
#include <stdio.h
<stdio.h>
stdio.h>
main()
main()
{
printf(
printf(“Il tipo char occupa %d byte \n”,
(int)
int)sizeof(
sizeof(char));
char));
printf(
%d\
printf(“int
%d\n”, (int
(int)
int)sizeof(
sizeof(int));
int));
printf(
%d\
printf(“float
%d\n”, (int
(int)
int)sizeof(
sizeof(float));
float));
printf(
printf(“double %d\
%d\n”, (int
(int)
int)sizeof(
sizeof(double));
double));
}
72
Opzioni di visualizzazione di
caratteri
73
Esempio
#include <stdio.h
<stdio.h>
stdio.h>
const int a=2;
float h=h=-0.1;
main()
main()
{
printf(
printf(“\n Visualizza un valore
decimale,%d, e un valore float,%f
float,%f”
,%f”,a,h);
}
74
Esercizio
• Scrivere un programma che usa printf()
printf()
per visualizzare valori numerici:
– Definire tre variabili intere a=2,b=10,c=50 e
tre variabili in virgola mobile (precisione
singola) f=1.05, g=25.5,h=-0.1
– Visualizzare tre variabili sulla stessa linea,
senza tabs, con tabs, su tre linee diverse
75
#include <stdio.h
<stdio.h>
stdio.h>
int a=2, b=10, c=50;
float f=1.05, g=25.5, h=h=-0.1;
main()
main()
{
printf(
printf(“\n valori decimali senza tabs:%d
tabs:%d %d \
%d”
%d”,a,b,c);
printf(
printf(“\n valori floats con \
tabs:
tabs:\t%f\
t%f\t%f\
t%f\t%f”
t%f”,f,g,h);
printf(
printf(“\n valori floats con \
tabs:
tabs:\n\t%f\
t%f\n\t%f\
t%f\n\t%f”
t%f”,f,g,h);
}
76
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard