parte B

annuncio pubblicitario
INFORMATICA III
Parte B - Progettazione e Algoritmi
Introduzione
Patrizia Scandurra [email protected]
Università degli Studi di Bergamo a.a. 2011-12
Contatti
• Docenti:
Angelo Gargantini (parte A - Linguaggi di
Programmazione)
Patrizia Scandurra (parte B – Progettazione ed
algoritmi)
• Email:{angelo.gargantini,patrizia.scandurra}@unibg.it
• Sito web (parte B):
http://cs.unibg.it/scandurra/INF3ProgAlg2012.html
• Ricevimento (parte B): :
– Edificio B, terzo piano, ufficio 2
– Su appuntamento o nel pomeriggio nei giorni di lezione
Obiettivi
Fornire agli studenti
conoscenze teoriche
metodi e
strumenti di sviluppo utili
per progettare e implementare “in grande” ed “in
piccolo”una applicazione software attraverso
– un processo di sviluppo “agile”
– uno sviluppo orientato alle componenti e
all’efficienza degli algoritmi e strutture dati
impiegate
– il linguaggio di programmazione ad oggetti Java e
l’ambiente Eclipse
Natura
Lezioni frontali e di esercitazione (parte B)
- si dovranno svolgere alcuni esercizi
- entreremo nei dettagli del codice
- si dovrà alla fine costruire una applicazione SW
complessa
Non informativo sulle tecnologie recenti
Le tecnologie cambiano rapidamente, ma i principi
rimangono evolvendo
Prerequisiti: fondamenti di informatica, ingegneria del
software e notazione UML, programmazione Java,
elementi di analisi matematica su serie e successioni.
Argomenti (parte B)
• Processi di sviluppo agili modellazione, sviluppo e testing con AMDD (Agile
Model-driven Development), progettare “in piccolo” ed “in grande”
• Sviluppo di codice algoritmo:
– complessità del calcolo e notazione asintotica
– metodologie di progettazione di algoritmi (incrementale,divide-etimpera,greedy,programmazione dinamica)
– realizzazione di algoritmi e tipi astratti di dati in Java
– strutture dati e algoritmi fondamentali (liste, pile, code), algoritmi di
ordinamento, alberi e loro gestione, alberi di ricerca (alberi binari di ricerca, Btree), applicazioni degli alberi per il processamento di documenti XML, tabelle
hash, grafi e loro rappresentazione e gestione, cammini minimi.
• Design e sviluppo per componenti: component-based software engineering,
service-oriented engineering, design pattern
• Metriche e refactoring di un'applicazione SW: definizione/calcolo di
metriche, refactoring di applicazioni, scenari di deployment
• Testing e copertura di una applicazione SW: Test Driven Development (TDD)
e Extreme Programming (XP), unit testing con Junit, il tool di copertura
EMMA e il plug-in Eclipse ECLEMMA
• Sviluppo di GUI e componenti grafiche in Java: JFC/Swing e Java2D, gestione
eventi, MVC e componenti Swing di base, Jigloo GUI builder, cenni SWT
Materiale didattico (parte B)
• Lucidi e dispense distribuite con password
attraverso il sito del docente
http://cs.unibg.it/scandurra/INF3ProgAlg2012.html
• C. Demetrescu, I. Finocchi, G. F. Italiano: Algoritmi e
strutture dati, McGraw-Hill, ISBN: 978-88-386-6468-7,
seconda edizione, Gennaio 2008
http://www.ateneonline.it/demetrescu2e/homeA.asp
• Tutorial su strumenti e tool
scaricabili on-line dalla piattaforma di e-learning ILIAS:
http://elearning2.unibg.it/ilias4/repository.php?cmd=frameset&ref_id=2094
Per approfondimenti:
• C.A.Shaffer: A practical Introduction to data structures and algorithm analysis.
http://people.cs.vt.edu/~shaffer/Book/Java3e20100119.pdf
• The Object Primer 3rd Edition: Agile Model Driven Development with UML 2,
Cambridge University Press, 2004 ISBN 0-521-54018-6
Modalità d’esame (parte B)
– L'esame consta di una parte scritta, e di una
discussione orale sull’applicazione software che
avete progettato e sviluppato
• Le funzionalità di tale applicazione sono libere, ma dovrà
esibire certe caratteristiche obbligatorie
– Il giorno dell'appello (prova scritta) consegnerete
anche il progetto (su CD) e la documentazione
stampata
• I progetti verranno discussi nello stesso giorno o nei
giorni successivi su appuntamento
Modalità di valutazione (1)
Da 0 a 10 per la parte scritta: 6 = sufficiente (BARRIERA per il progetto)
Progetto SW e voto finale: da 0 a 10 punti per ognuna delle seguenti
caratteristiche “pesate”:
• Risultati prova scritta (di cui si è raggiunta almeno la sufficienza) 15%
• Interesse del problema affrontato e dimensione del progetto 10%
– Premio l'originalità, difficoltà, l'interdisciplinarietà, fondamenti teorici,
l'interesse potenziale di altri, dimensione del progetto e delle librerie, ecc.
– L’idea va comunque comunicata al docente!
• Bontà delle soluzione proposta: 45%
– Architettura (15%): opportuna divisione in package (anche tramite analisi
automatica con jdepend, ad esempio presenza di cicli tra i packages), design
pattern, stile di programmazione, warning del javac, ecc..
– Algoritmi e strutture dati (15%) impiegate
– Validazione (15%): risultati ottenuti ad esempio dal testing e dal piano di
test, grado di automazione del testing (che sia ripetibile), dalla copertura
con Emma, ecc..
Modalità di valutazione (2)
• Progettazione, sviluppo e documentazione 20%
– Valutazione della modellazione agile: uso di UML per la
modellazione dei casi d’uso (requisiti funzionali), per il design
dell’architettura (diagramma delle componenti e di deployment),
diagramma delle classi, piani di test, uso di metodi formali (Reti
di Petri, Abstract State Machines) per le parti più “critiche”, ecc..
– Valutazione dello sviluppo agile: uso dei metodi (testing,
copertura, refactoring, ecc..), strumenti (tool e Plug-in Eclipse) e
tecnologie (librerie, APIs, ecc..) spiegati a lezione e nei tutorial
– Valutazione della documentazione a corredo
• Presenza attiva in aula e lab (svolgimento degli esercizi proposti)
10%
Caratteristiche obbligatorie (1)
• Progettazione e documentazione (file di testo, word, html, o
altro) prodotta con le tecniche/strumenti di design imparati nel
corso di Ingegneria del Software, relativamente a
– Requisiti del sistema (funzionalità ed eventualmente altri requisiti
non funzionali)
– Progettazione dell'architettura (“in grande”) con sviluppo agile e
UML (casi d’uso e diagramma delle componenti/deployment)
• Uso di UML (diagrammi delle classi e altri diagrammi) e ER, Reti di Petri,
Abstract State Machines eventualmente per le funzionalità più critiche
– Progettazione “in piccolo” di algoritmi e strutture dati
– Piano di test e spiegazione delle decisioni fatte durante
l'implementazione
– Manuale d’uso e di installazione
Caratteristiche obbligatorie (2)
• Implementazione
– Costrutti OO di Java: uso di interfacce e classi astratte, famiglie di
costruttori, ereditarietà, overloading e overriding di metodi, membri
static, final, applicazione dei design pattern, generics (tipi o metodi
generici), ecc.
– Algoritmi: algoritmi user-defined, uso di JFC (tra cui List e HashTable)
– Librerie esterne: ad es. log4j o altre (jcurses, jexcelapi, o di Jakarta)
– Unit testing: sviluppare e documentare casi di test con Junit
– Copertura: copertura del codice con Emma (o altri tool) e tale copertura
deve essere documentata
– Documentazione del codice: completamente documentato con JavaDoc
– I/O in formato XML: con SAX o DOM (o utilizzare un parser generator
come AntLR o Javacc)
– GUI: un’interfaccia grafica (differenziare la UI con le funzionalità
dell'applicazione); preferite l'uso del pattern Model View Controller
Caratteristiche obbligatorie (3)
• Distribuzione
– Al di fuori dell'IDE: installazione e funzionamento stand-alone con
un installer o con uno script o con Java web start. Usate fatjar se
volete mettere più jar in un unico Jar.
– In linea di principio, non deve richiedere al docente l’installazione di
SW ausiliario (DBMS o altro) per farlo funzionare. Se necessario,
preferite l'uso di Java DB (http://developers.sun.com/javadb/ , di
soli 2MB!) e notificatelo al docente.
– Il codice deve essere sviluppato (e consegnato al docente) in un
(unico) progetto di Eclipse e deve includere librerie e risorse
necessarie per compilare/eseguire i file e i casi di test.
• I link alle risorse devono essere relativi in modo che spostando il
progetto su vari PC esso continui a funzionare. Se utilizzate altri
progetti ausiliari, anche questi vanno inclusi.
Progettare in “piccolo” ed in
“grande” con una metodologia agile
Introduzione
Metodologia agile
Differenziazione di metodi e modelli di sviluppo:
• Metodologie pesanti per i vecchi metodi come il Modello a
cascata
• Metodologie iterative per i metodi come il Modello a spirale
• Metodologie agili (o leggere) che coinvolgono quanto più
possibile il committende, ottenendo in tal modo una elevata
reattività alle sue richieste
– Agile alliance, una organizzazione no-profit creata allo scopo di
diffonderle
– Esistono un certo numero di tali metodologie (XP, SCRUM,
AMDD,ecc..)
• Adotteremo AMDD = versione “agile” del Model Driven
Development
Ciclo di vita del software
Passi “comuni” a tutte le metodologie:
15
Ciclo di vita del software
Passi “comuni” a tutte le metodologie:
16
Ciclo di vita del software
Passi “comuni” a tutte le metodologie:
17
Ciclo di vita del software
Passi “comuni” a tutte le metodologie:
18
Ciclo di vita del software
Passi “comuni” a tutte le metodologie:
19
Ciclo di vita del software
Passi “comuni” a tutte le metodologie:
20
Ciclo di vita del software
Passi “comuni” a tutte le metodologie:
21
Ciclo di vita del software
Passi “comuni” a tutte le metodologie:
22
Component-based development:
principio di incapsulamento
• Una netta separazione tra:
– La vista esterna: l’interfaccia esposta dalla componente (come
parte della specifica) in termini di funzioni (operazioni)
fornite/richieste, struttura e comportamento
– La vista interna: dettagli implementativi su funzionalità,
struttura e comportamento interni da tenere nascosti
Vista esterna
Componente
Specifica
Vista interna
Implementazione
Ingegnerizzazione multi-view
Vista comportamentale
Vista Funzionale
(UML state machine diagram, Reti di Petri, ASM, ecc..)
Specifica delle operazioni
(algoritmi)
Vista strutturale
Specifica
(modello)
Implementazione
(codice)
SW
Component
Specifica dell’architettura
(UML component/class
diagrams)
24
Esempio: Mobile Tourist Guide
Progettare in “grande”
(vista strutturale)
25
Esempio: Mobile Tourist Guide
Progettare in “piccolo” (vista operazionale)
Pseudocodice algoritmo <DA DEFINIRE>
26
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard