Formulata da Isaac Newton nel XVII secolo. La

annuncio pubblicitario
Il termine luce (dal latino lux) si
riferisce alla porzione dello spettro
elettromagnetico visibile
dall'occhio umano,
approssimativamente compresa
tra 400 e 700 nanometri di
lunghezza d'onda, ovvero tra 790 e
435 THz di frequenza. Questo
intervallo coincide con il centro
della regione spettrale della luce
emessa dal Sole che riesce ad arrivare al suolo attraverso l'atmosfera. I
limiti dello spettro visibile all'occhio umano non sono uguali per tutte le
persone, ma variano soggettivamente e possono raggiungere i 720
nanometri, avvicinandosi agli infrarossi, e i 380 nanometri avvicinandosi
agli ultravioletti. La presenza contemporanea di tutte le lunghezze d'onda
visibili, in quantità proporzionali a quelle della luce solare, forma la luce
bianca.Sebbene nell'elettromagnetismo classico la luce sia descritta come
un'onda, l'avvento della meccanica quantistica agli inizi del XX secolo ha
permesso di capire che questa possiede anche proprietà tipiche delle
particelle e di spiegare fenomeni come l'effetto fotoelettrico. Nella fisica
moderna la luce (e tutta la radiazione elettromagnetica) viene composta
da unità fondamentali, o quanti, di campo elettromagnetico ciamati fotoni.
TEORIA CORPUSCOLARE
Formulata da Isaac Newton nel XVII secolo. La luce veniva vista come
composta da piccole particelle di materia (corpuscoli) emesse in tutte le
direzioni. Oltre che essere matematicamente molto più semplice della
teoria ondulatoria, questa teoria spiegava molto facilmente alcune
caratteristiche della propagazione della luce che erano ben note all'epoca
di Newton.
1
TEORIA ONDULATORIA
Formulata da Christiaan Huygens nel 1678 ma pubblicata solo nel 1690 nel
Traité de la Lumière, la luce veniva vista come un'onda che si propaga (in
maniera del tutto simile alle onde del mare o a quelle acustiche) in un
mezzo, chiamato etere, che si supponeva pervadere tutto l'universo ed
essere formato da microscopiche particelle elastiche. La teoria ondulatoria
della luce permetteva di spiegare (anche se in maniera matematicamente
complessa) un gran numero di fenomeni: oltre alla riflessione ed alla
rifrazione, Huygens riuscì infatti a spiegare anche il fenomeno della
birifrangenza nei cristalli di calcite.
TEORIA ELETTROMAGNETICA
Per la grandissima maggioranza delle applicazioni questa teoria è ancora
utilizzata al giorno d'oggi. Proposta da James Clerk Maxwell alla fine del
XIX secolo, sostiene che le onde luminose sono elettromagnetiche e non
necessitano di un mezzo per la trasmissione. La luce visibile è solo una
piccola parte dello spettro elettromagnetico. Con la formulazione delle
equazioni di Maxwell vennero completamente unificati i fenomeni
elettrici, magnetici ed ottici.
TEORIA QUANTISTICA
Per risolvere alcuni problemi sulla trattazione del corpo nero nel 1900
Max Planck ideò un artificio matematico: pensò che l'energia associata ad
un'onda elettromagnetica non fosse proporzionale al quadrato della sua
ampiezza (come nel caso delle onde elastiche in meccanica classica), bensì
inversamente proporzionale alla sua lunghezza d'onda, e che la sua
costante di proporzionalità fosse discreta e non continua.L'interpretazione
successiva che Einstein diede dell'effetto fotoelettrico, incanalò il pensiero
dei suoi contemporanei verso una nuova strada. Si cominciò a pensare che
quanto fatto da Planck non fosse un mero artificio matematico, ma
piuttosto l'interpretazione di una nuova struttura fisica; cioè che la natura
della luce potesse avere un qualche rapporto con una forma discreta di
alcune sue proprietà. Si cominciò a parlare di pacchetti discreti d'energia.
2
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

biologia

5 Carte patty28

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

creare flashcard