relazione finale

annuncio pubblicitario
RELAZIONE CONCLUSIVA
ANCARANI SILVIA
Con il linguaggio in java si inizia ad affrontare la programmazione ad oggetti e a
pensare che ogni classe contiene e crea oggetti.
L’oggetto è dotato di un’interfaccia visiva ed una parte nascosta che ne rappresenta il
funzionamento. Esso offre all’utente un insieme di operazioni a seconda del tipo di
oggetti che rappresenta.
Un sistema ad oggetti è costituito appunto da più oggetti che interagiscono tra loro
scambiandosi informazioni. Al contrario degli algoritmi gli oggetti dipendono dal
tempo e si comportano in modo diverso a seconda delle circostanze.
Possiamo inoltre avere oggetti composti che sono costituiti da più oggetti ATOMICI,
ossia che hanno un solo valore.
Le classi in java vengono usate sia nella loro parte statica come componenti SW che
nella parte dinamica, come costruttori di oggetti come tipo di dato astratto.
Le classi possono essere raggruppate in un package, ossia un’unità concettuale.
Nella creazione degli oggetti occorre prima definire il riferimento, ossia il tipo che dà
il nome alla classe che fa da modello, in seconda fase creo l’oggetto dinamicamente.
Ora che abbiamo appreso il concetto di programmazione ad oggetti, è facile capire i
seguenti concetti.
PROGETTAZIONE INCREMENTALE: una volta creato un programma che
funziona, non lo modifico più ma posso aggiungere nuovi metodi.
RIUSABILITA’: a partire dalle classi già definite si cerca di definire le sottoclassi
relative ad esse ma più precise. Si può qui introdurre il concetto di eredità, ossia si
parte da una classe base, per esempio “persone”, e si vuole creare una sottoclasse
studenti: quest’ultima eredita dalla prima tutte le proprietà ed i metodi, ma può anche
aggiungerne dei nuovi, senza però eliminare i metodi già esistenti.
Definiamo le interfacce come un insieme di classi che ne definiscono dei metodi: in
questo modo vengono riscritti i metodi più volte ed è uno svantaggio.
Ora che abbiamo gli strumenti necessari, possiamo utilizzare la grafica in java
creando finestre, disegnando figure e quindi utilizzando colori etc...
Ogni tipo di classe crea l’oggetto voluto e ad esso applica i metodi opportuni per
realizzare lo scopo del progetto.
In java si possono fare anche delle applicazioni grafiche, che sono eseguibili
ovunque, o degli APPLET che sono applicazioni che fanno parte di una pagine di
Internet e che quindi necessitano di un Browser abilitato per l’esecuzione.
Sorge però spontaneo chiedersi com’è gestita la concorrenza in java.
Vengono utilizzati degli THREAD che, a differenza dei processi, possono
condividere delle aree di memoria comuni. In tal modo non occorre attendere il
termine di un’esecuzione perché più processi possono essere lanciati
contemporaneamente.
Penso quindi che il linguaggio java sia molto utile, soprattutto per programmare i
sistemi di impresa dove esistono già dei programmi ben funzionanti ma occorre
apportare delle modifiche o aggiunte di nuovi metodi. Il modo più corretto di
affrontare questo tipo di problemi è proprio con l’utilizzo di java in quanto i
programmi già esistenti non vengono modificati e vengono però incapsulati con
nuovi metodi che quindi completano il SW.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard